La psichiatria fen e om n e om n e ol n og o ica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La psichiatria fen e om n e om n e ol n og o ica"

Transcript

1 La psichiatria fenomenologica

2 Karl Jaspers Germania Filosofo e psichiatra Esponente di I piano dell esistenzialismo Nasce ufficialmente la psicopatologia fenomenologica

3 Psicopatologia generale (1) Quest opera di Jaspers, datata 1913, è ritenuta l atto di nascita ufficiale della psicopatologia quale scienza. Con questo scritto, J. inaugura un vero e proprio metodo per lo studio dei disturbi psichici, che si fonda sui principi della fenomenologia di Husserl.

4 Psicopatologia generale (2) Due sono in particolare i principi che J. riprende da Husserl: 1) l opposizione al riduzionismo del modello biologico della scienza positivistica che considera la psiche come un oggetto inanimato da scomporre e ridurre entro una griglia quantitativa. 2) il tentativo di riproporre la dimensione soggettiva dell individuo, che può essere indagato e conosciuto solo attraverso un metodo che permetta di coglierne la peculiarità.

5 Psicopatologia generale (3) Il disturbo psichico può essere indagato solo con la comprensione, non con la spiegazione. Questa comprensione può avvenire attraverso: - l empatia (l immedesimazione nel vissuto dell altro, il sentire l altro) - l epochè (la sospensione del giudizio sul mondo, la sua messa fra parentesi)

6 Psicopatologia generale (4) Noi vogliamo sapere cosa provano gli esseri umani nelle loro esperienze e come le vivono, vogliamo conoscere le dimensioni delle realtà psichiche. Vogliamo esaminare non solo l esperienza vissuta dell uomo ma anche quali relazioni ha e i modi con cui si manifesta obiettivamente. (K. Jaspers, 1913)

7 Psicopatologia generale (5) J. ammette, però, che non tutti i disturbi psichici possono essere compresi; esistono delle esperienze psichiche e degli stati d animo, alle quali non è possibile accedere attraverso l empatia e la comprensione, poiché non hanno nulla in comune con l esperienza psichica normale, e restano così per noi inafferrabili ( vissuti incomprensibili ). L esempio più evidente di questi vissuti incomprensibili è dato dalle esperienze psicotiche, in particolare dalla schizofrenia.

8 Psicopatologia generale (6) La vita psichica patologica alla quale possiamo partecipare affettivamente è comprensibile in quanto possiamo coglierla in modo evidente come intensificazione o come diminuzione di fenomeni a noi noti o come insorgenza di tali fenomeni senza motivi o ragioni normali. Afferriamo invece la vita psichica schizofrenica in modo insufficiente. In essa insorgono modificazioni più generali, che non possiamo vivere interiormente in modo intuitivo, ma che cerchiamo di afferrare dall esterno. (K. Jaspers, 1913)

9 Psicologia delle visioni del mondo (1) Con quest opera del 1919 J. fa un passo avanti: crolla ogni distinzione tra malattia e salute perché primario diventa il rapporto tra l individuo e il suo mondo. L intento ora non è più indagare il punto di vista del soggetto, né tanto meno quello dell oggetto, ma cercare di andare oltre e scoprire quell a priori esistenziale che si cela dietro questa scissione e dalle cui variazioni dipende sia la salute che l alienazione.

10 Psicologia delle visioni del mondo (2) Le manifestazioni psichiche non sono più comprese per empatia (come teorizza Jaspers nel 1913), ma neanche ricondotte alle loro cause (come teorizza la scienza positivistica). Esse vengono ora esaminate come rivelatrici dei modi essenziali in cui un esistenza riceve, trasforma, si progetta nel mondo.

11 Psicologia delle visioni del mondo (3) L alienazione non è più contenuto del passato che disturba l esistenza e causa la sua malattia, e neanche è vissuto incomprensibile, ma solo una delle tante modalità con cui l esistenza si declina nel mondo, una modalità magari ristretta, limitata, contratta o appiattita, ma pur sempre sullo stesso piano delle modalità con cui si declina la salute.

12 Psicologia delle visioni del mondo (4) Parlando delle visioni del mondo noi non abbiamo altro intento che quello di caratterizzare e dare rilievo a ciò che per noi ha i distintivi dell essenzialità. (K. Jaspers, 1919)

13 Leonardo come filosofo (1) La ricorrenza nel 1953 del V centenario della nascita di Leonardo da Vinci offre l occasione a J. di tenere una conferenza all Università di Basilea dal titolo Leonardo come filosofo, in cui egli esprime in maniera sistematica le sue concezioni estetiche.

14 Leonardo come filosofo (2) Attraverso l analisi del pensiero e della pittura di Leonardo, J. si propone di indicare l arte come organo della filosofia, come sigla metafisica che riveli l essenza che si cela dietro le possibilità di essere dell uomo.

15 Leonardo come filosofo (3) Secondo J., le coordinate principali della metodologia leonardesca sono: - la priorità dell occhio, come strumento privilegiato di conoscenza; - l inscindibilità del vedere con il fare, secondo cui si comprende la realtà solo quando la mano creatrice dell artista produce quello che l occhio vede.

16 Leonardo come filosofo (4) Il pensiero e la pittura di Leonardo si uniscono in un agire pensante, mediante cui la contemplazione, quale processo naturale del vedere, diventa produzione attiva dell intima ragione delle cose stesse. Scrive infatti Leonardo : Il disegno è di tanta eccellenzia che non solo ricerca le opere della natura, ma infinite più di quelle che fa natura.

17 Leonardo come filosofo (5) Conoscere per Leonardo non è un qualsivoglia ritrarre, ma l oggettivarsi di ciò che è veduto dallo spirito. Così la progressione va dal disegno delle possibili macchine, scorte nella fantasia tecnica, al dipingere che lascia rivelarsi l invisibile nel visibile, fino alla consapevolezza del carattere simbolico di tutto il visibile. (K. Jaspers, 1953)

18 Leonardo come filosofo (6) J. sostiene che soprattutto attraverso particolari tecniche di chiaroscuro, l artista è riuscito ad imprimere uno speciale carattere di spiritualità a ciò che ha veduto, e poi pensato e fatto. Come esempio di ciò, J. cita il capolavoro Ultima cena, dipinta da Leonardo tra il 1495 e il 1498.

19 Leonardo come filosofo (7) In quest opera si può notare come la figura di Giuda e quella di Cristo non siano finiti, segno quindi dell invisibile che si fa realtà, della trascendenza che accenna la sua presenza, pur restando nascosta. Il quadro diventa cifra in grado di rilevare ciò che sta oltre. E questo avviene grazie a quella fusione di occhio e spirito che è propria dell artista. In questo senso l artista diventa filosofo alla ricerca delle essenze.

20 Leonardo come filosofo (8)

21 Van Gogh: genio e follia Uno dei testi più noti di J. sul rapporto tra follia e creatività artistica è Genio e follia. Strindberg e Van Gogh del In esso lo psichiatra indaga i complessi rapporti esistenti tra psicopatologia e creazione artistica, attraverso l analisi fenomenologica della vita e dell opera di diversi artisti, noti anche per la loro follia. Tra di essi, il più emblematico e anche il più enigmatico resta Vincent van Gogh.

22 Il decorso della psicopatologia (1) La personalità del pittore si delinea da subito come un carattere non comune: da un lato, desiderio di isolamento, dovuto alla sua instabilità emotiva, all incapacità quasi fisica di vivere assieme agli altri e, dall altra, tensione quasi religiosa verso l umanità derelitta, scaturita dal suo intenso desiderio di amore e amicizia.

23 Il decorso della psicopatologia (2) Questa continua oscillazione caratteriale e questa costante instabilità è rintracciabile già nell incostanza e nell incertezza ad assumere un lavoro definitivo (prima commerciante antiquario, poi predicatore, infine pittore) e nel continuo cambiamento di domicilio (abita a Parigi, poi a Londra, Amsterdam, Bruxelles, Arles e Auvers-sur-Oise).

24 Il decorso della psicopatologia (3) Molti trovano difficile vivere con lui. Il suo comportamento sembra quasi ridicolo, perché agisce, pensa, sente, vive in modo diverso dai suoi coetanei: ha sempre un aria assorta, grave, malinconica; si lascia andare solo a veloci e superficiali rapporti con le donne; non sembra avere una meta ma, nonostante ciò, è profondamente animato da qualcosa che sembra giusto chiamare fede o passione.

25 Il decorso della psicopatologia (4) Leggendo le lettere di Vincent al fratello Theo, si trovano i primi segni della sua malattia dagli scritti del dicembre 1885 in poi, dove parla incessantemente di disturbi fisici. Essi sembrano dovuti al fatto che per lunghi periodi spende i suoi pochi soldi per comprare tele e colori, mangia raramente cibi caldi, si nutre di solo pane e fuma molto per ingannare la fame.

26 Il decorso della psicopatologia (5) Il processo psicotico vero e proprio sembra iniziare tra la fine del 1887 e l inizio del Dal febbraio 1888 Van Gogh parla Dal febbraio 1888 Van Gogh parla sempre più spesso di disturbi ora psichici, aggravati anche dal frequente uso di alcol che il pittore fa nel periodo parigino.

27 Il decorso della psicopatologia (6) Van Gogh dice di aver passato un periodo in cui il suo cervello s è quasi rovinato, sente di soffrire di emozioni non giustificate e involontarie e aggiunge che i suoi pensieri, quando è in stato di esaltazione, si volgono verso preoccupazioni di spiritualità e di vita eterna.

28 Il decorso della psicopatologia (7) La compagnia di Gauguin, che va a trovarlo alla fine dell ottobre 1888, inizialmente fa molto bene alla salute del pittore, ma, dopo i profondi contrasti tra i due, essa diventa motivo ulteriore di agitazione per il carattere già debole di Vincent. Il pittore comincia ad essere rude e sguaiato, poi taciturno e incline a scoppi d ira immotivati.

29 Il decorso della psicopatologia (8) La prima vera e propria crisi psicotica acuta Van Gogh l ha la vigilia di Natale del 1888, quando, dopo un ennesima lite con Gauguin, si taglia un pezzo di orecchio e viene portato in ospedale, dove per alcuni giorni continua ad avere vaneggiamenti filosofici e teologici.

30 Il decorso della psicopatologia (9) Il pittore descrive quei difficili momenti con queste parole: Di volontà non ne ho ancora alcuna, neppure desiderio, e tutto ciò fa parte della vita ordinaria, il desiderio di rivedere gli amici è quasi nullo Mi porterei ovunque ancora la malinconia.

31 Il decorso della psicopatologia (10) Da questo momento Vincent non è più lo stesso: attacchi simili si ripetono con regolarità ed egli vive l ultimo anno e mezzo di vita tra improvvise allucinazioni, che non gli permettono di distinguere tra immaginazione e realtà, e una profonda tristezza e solitudine che gli indica, come unica via d uscita, il suicidio: si spara il 27 luglio 1890.

32 Il decorso della psicopatologia (11) Per quanto riguarda la diagnosi del disturbo psichico di Van Gogh, i più, compresi i medici del pittore stesso, parlano di epilessia e paralisi generale. Jaspers, invece, contesta tali ipotesi e propone una Jaspers, invece, contesta tali ipotesi e propone una diagnosi di schizofrenia. Ma precisa che quest ultima, più che rispondere ad una precisa entità psichiatrica, indica quella specifica condizione esistenziale del malato, che lo fa vivere lacerato tra tensioni mai risolte e frustrato nella sua perenne aspirazione ad un equilibrio armonico.

33 Il decorso della psicopatologia (12) Che Van Gogh soffrisse di un processo psicotico è fuori dubbio. Ci si chiederà soltanto di che tipo fosse questo processo. Trovo infondata la diagnosi di epilessia formulata dai medici di Van Gogh, perché mancano gli attacchi epilettici e la demenza caratteristica di questa malattia. Può trattarsi unicamente di schizofrenia o di paralisi generale: quest ultima non si può escludere con certezza, perché l occasione di un infezione sifilitica si deve essere presentata spesso nella vita di Van Gogh. La paralisi è dimostrabile solo a partire da sintomi fisiologici e noi non ne abbiamo notizia. [ ] Il mantenimento del senso critico e della disciplina attraverso due anni di violente crisi psicotiche è estremamente improbabile nel caso di una paralisi. Mi sembra dunque più verosimile che si tratti di schizofrenia. (K. Jaspers, 1922)

34 Schizofrenia Sintomi caratteristici: due (o più) dei sintomi seguenti, ciascuno presente per un periodo di tempo significativo durante un periodo di un mese (o meno se trattati con successo): 1) deliri 2) allucinazioni 3) eloquio disorganizzato 4) Comportamento disorganizzato o catatonico 5) sintomi negativi (ad esempio, appiattimento dell affettività o abulia) (DSM-IV-TR )

35 L evoluzione artistica (1) Come il processo morboso di Van Gogh, così anche il suo desiderio di dipingere e la qualità della sua produzione artistica evolvono col trascorrere del tempo. Dal 1880, anno in cui Vincent comincia a Dal 1880, anno in cui Vincent comincia a dedicarsi seriamente all arte, fino all inizio del 1887, i suoi studi, prevalentemente nature morte, fiori e scene tratte dal mondo contadino, si ricollegano all influsso del naturalismo e poi dell impressionismo.

36 L evoluzione artistica (2) Van Gogh, L Angelus, 1880 Van Gogh, Mangiatori di patate, 1885

37 L evoluzione artistica (3) Intorno alla metà del 1887 lo stile pittorico comincia a cambiare: l originalità del tratto si esprime con il procedimento della pennellata che scompone l unità del quadro, creando l impressione di un incontro tra l immagine e l essenza stessa degli oggetti rappresentati, anche se la composizione nel complesso resta equilibrata.

38 L evoluzione artistica (4) Van Gogh, Ristorante La Siréne a Asnières, 1887 Van Gogh, Autoritratto, 1887

39 L evoluzione artistica (5) Nell estate 1888, anno che segna anche l inizio della malattia, Van Gogh comincia a sentire in sé un vero e proprio furore creativo. Il pittore scrive: Ho un sacco di idee per nuovi quadri Vorrei dipingere uomini e donne con un non so che di eterno, di cui una volta era simbolo l aureola, e che noi cerchiamo di rendere con lo stesso raggiare, con la vibrazione dei colori In questo momento ho per il lavoro una lucidità o un accecamento da innamorato.

40 L evoluzione artistica (6) Le pennellate vengono giù una dopo l altra. Le idee si affollano nella mente. Il colore viene usato in modo più arbitrario, si fa più violento, più passionale, più intenso. Vincent scrive: Esprimere l amore di due innamorati Vincent scrive: Esprimere l amore di due innamorati con l unione di due colori complementari. Esprimere il pensiero di una mente con il raggiare di un tono chiaro sul fondo più scuro. Esprimere la speranza con le stelle. L ardore di un essere con la luce di tramonto. Le terribili passioni umane con il verde e il rosso.

41 L evoluzione artistica (7) Van Gogh, La camera da letto di Vincent ad Arles (1888) Van Gogh, Caffè di notte, Place Lamartine, Arles (1888)

42 L evoluzione artistica (8) Van Gogh, Terrazza del caffè, la sera, 1888 Van Gogh, Dodici girasoli, 1888

43 L evoluzione artistica (9) Van Gogh, Notte stellata sul Reno, 1888 Van Gogh, Il seminatore, 1888

44 L evoluzione artistica (10) Tra il 1889 e il 1890, dopo la prima grande crisi psicotica del dicembre 1888, l attività pittorica di Van Gogh è molto produttiva, ma anche significativa del cambiamento psichico che l artista sta attraversando. Aumenta il dinamismo del tratto. La superficie pittorica si dissolve in pennellate di linee, semicerchi, figure tortuose, spirali, angoli.

45 L evoluzione artistica (11) Le tele si riempiono di movimento inquietante. La terra dei paesaggi pare vivere, si solleva e si abbassa in onde, gli alberi sono come fiamme, tutto si torce e si tormenta, il cielo palpita. I colori ardono, si fanno sempre più crudi e stridenti. Aumentano le deformazioni: camini sbilenchi, pareti inclinate, teste distorte.

46 L evoluzione artistica (12) Van Gogh, Autoritratto, 1889 Van Gogh, Autoritratto, 1889

47 L evoluzione artistica (13) Van Gogh, Notte stellata, 1889 Van Gogh, Campo di grano dietro l ospedale S. Paul con mietitore, 1889

48 L evoluzione artistica (14) Van Gogh, Campo di grano con cipressi, 1889 Van Gogh, Cascinali a Cordeville,1890

49 L evoluzione artistica (15) Nella primavera 1890, con lo stabilirsi della regolarità della malattia che porta frequenti e ripetute crisi, anche la pennellata comincia a impoverirsi e a riempirsi d incertezza e agitazione. I tratti si fanno indifferenziati, le linee caos, la tecnica più grossolana. I colori diventano più brutali e sfociano nella devastazione, nel terrore e nella disperazione. L ultimo quadro che dipinge nel 1890, poco prima di morire, Campo di grano con corvi, sembra un grido di dolore e solitudine.

50 L evoluzione artistica (16) Ciò che si incarna non è la tecnica acquisita, ma l esperienza vissuta di una personalità in sfacelo. (K. Jaspers, 1922)

51 L evoluzione artistica (17) Van Gogh, Campo di grano con corvi, 1890

52 Artista o folle? (1) Se confrontiamo l evolversi della produzione artistica di Van Gogh con il decorso della sua psicosi, notiamo che esse coincidono: - nello stadio preliminare del processo morboso il desiderio di dipingere e la qualità delle opere aumentano; - dopo l accesso acuto della malattia essi diminuiscono; - all instaurarsi della stabilità della psicosi, essi tornano con una passione, sì diversa, ma anche più intensa.

53 Artista o folle? (2) Ciò rende verosimile l ipotesi secondo cui la psicosi rappresenta per il genio una condizione per la produzione delle sue opere. Ma si può obiettare che non tutti i grandi geni presentano questi tratti e che con ciò non abbiamo affermato niente di nuovo: fin dai tempi di Lombroso si sapeva che ogni eccitazione del sistema nervoso contribuisce, nei soggetti dotati, alla creazione artistica. Jaspers allora spiega meglio il concetto.

54 Artista o folle? (3) La schizofrenia non è creativa di per sé: infatti ci sono pochi schizofrenici come Van Gogh. La personalità, il talento preesistono alla malattia, ma non hanno la stessa potenza. In queste personalità la schizofrenia è la condizione possibile perché si aprano queste profondità [ ] La schizofrenia non può essere creativa senza la conquista di una tecnica pittorica, senza una completa padronanza artistica come quella che Van Gogh acquisì in quasi dieci anni di lavoro [ ] La follia non gli porterà nemmeno niente di assolutamente nuovo, ma sosterrà forze già esistenti. Essa fa nascere dal telos originario qualcosa che altrimenti non avrebbe visto la luce. (K. Jaspers, 1922)

55 Artista o folle? (4) I quadri di Van Gogh non risultano più comprensibili se gli si appiccica l etichetta di schizofrenico. (K. Jaspers, 1922)

56 Artista o folle? (5) Bisogna considerare la follia al di là delle classificazioni nosografiche, ossia nella sua essenza. L arte svela l essenza della follia. Disasconde la verità delle cose. Mostra l invisibile nel visibile. Dalle opere di Van Gogh apprendiamo che i contrari spesso si congiungono, che un valore positivo lo si acquista a prezzo di uno negativo e che forse l esperienza spirituale più profonda non è possibile che nell istante in cui l anima, troppo dischiusa, cade in rovina.

57 Artista o folle? (6) Così come la perla nasce dal difetto della conchiglia, la schizofrenia può far nascere opere incomparabili. E come non si pensa alla malattia della conchiglia ammirandone la perla, così di fronte alla forza vitale di un opera non pensiamo alla schizofrenia che forse era condizione della sua nascita. (K. Jaspers, 1922)

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

April 21, 2010. vincent.notebook. Vincent van Gogh

April 21, 2010. vincent.notebook. Vincent van Gogh Vincent van Gogh "Non arrivo a inventare completamente il mio quadro, al contrario lo trovo già nella natura, si tratta solo di riuscire a coglierlo in essa" Vincent mar 24 9.55 1 Vincent van Gogh un breve

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

Didart2012 Esperienza condotta dalle classi 1 A 1 B

Didart2012 Esperienza condotta dalle classi 1 A 1 B Didart2012 Esperienza condotta dalle classi 1 A 1 B Un po di storia Vincent Willem Van Gogh nasce il 30 marzo 1853 a GrootZundert(Olanda) ed ebbe, a causa della sua estrema sensibilità di artista, una

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLA PSICOTERAPIA

DOMANDE FREQUENTI SULLA PSICOTERAPIA Pagina 1 di 5 DOMANDE FREQUENTI SULLA PSICOTERAPIA 1 Domanda - Cos e la psicoterapia e cosa la differenzia dalla psichiatria? Seppur semplificando, si può dire che la psicoterapia e un sorta di terapia

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Autroritratto del gennaio 1889. (Propr. Block, Chicago) Vincent van Gogh (1853-1890)

Autroritratto del gennaio 1889. (Propr. Block, Chicago) Vincent van Gogh (1853-1890) Autroritratto del gennaio 1889. (Propr. Block, Chicago) Vincent van Gogh (1853-1890) 210 Dino Felisati Una breve vita dannata Van Gogh è uno degli artisti più conosciuti al mondo; la sua pittura è unica,

Dettagli

130125_Romani, VINCENT VAN GOGH, Pagina 1 di 5

130125_Romani, VINCENT VAN GOGH, Pagina 1 di 5 130125_Romani, VINCENT VAN GOGH, Pagina 1 di 5 Girasoli, 1889 Vincent van Gogh Introduzione al personaggio Nessun pittore come Vincent van Gogh (1853-1890) esercitò sugli artisti e sul pubblico del Novecento

Dettagli

Progetto di esperienze

Progetto di esperienze Scuola dell infanzia LE MARGHERITE Progetto di esperienze Titolo Tra arte e narrazione.. con gli occhi di Mirò Data compilazione Ottobre 2011 Data inizio 8 gennaio 2012 data termine 31 Maggio 2012 1 Progetto

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PSICOLOGIA DEL FUOCO E DEL PIROMANE. Dr. Marco Cannavicci psichiatra criminologo

PSICOLOGIA DEL FUOCO E DEL PIROMANE. Dr. Marco Cannavicci psichiatra criminologo PSICOLOGIA DEL FUOCO E DEL PIROMANE Dr. Marco Cannavicci psichiatra criminologo Argomenti 1. Il fuoco e la psiche 2. Il piromane e la piromania 3. Gli studi dell FBI 4. Le tipologie degli incendiari 5.

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza

In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza La forza dei simboli Elisabeth Löh Manna In questo articolo l autrice, partendo da una considerazione sull importanza che i simboli ricoprono nella nostra vita, ci aiuta a discernere quando se ne abusa

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine.

Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine. Con la presente la Compagnia Teatro dell Applauso intende sottoporre all attenzione del Direttore Artistico lo psicodramma tragicomico fino alla fine. Fino alla fine, atto unico di 70 minuti scritto e

Dettagli

CASO CLINICO. a cura di Dott.sse E. Agostino

CASO CLINICO. a cura di Dott.sse E. Agostino Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi Gonzaga Corso di Psichiatria - Psicoterapia Prof. Rocco Luigi PICCI CASO CLINICO a cura di

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso,

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, condannato ad una schiavitù involontaria, essendo obbligato

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Un Naso Rosso per Sognare Vip Verbano Onlus

Un Naso Rosso per Sognare Vip Verbano Onlus Spett.le RSD Fondazione Piatti Onlus San Fermo - Varese Oggetto: Richiesta di collaborazione per Servizio di Volontariato (Clownterapia) L Associazione di Volontariato Un Naso Rosso per Sognare - Vip Verbano

Dettagli

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 11 Indice. Piano strategico. Pag. 13 Farsi la diagnosi con gli Alberi Decisionali (Algoritmi). Pag. 15 12 Piano strategico. Alla luce di quanto esposto fino ad ora,

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

Conferenza su Antonio Pansa, giovane pittore caprese.

Conferenza su Antonio Pansa, giovane pittore caprese. Conferenza su Antonio Pansa, giovane pittore caprese. Presentazione delle opere pittoriche raffigurate nell opuscolo In memoriam Pansa Antonio, Pittore Caprese (1958-1984). A cura di Silvana Isidoro Capri

Dettagli

L UOMO DI FRONTIERA. LA MORTE SECONDO VAN GOGH TIBERIO CRIVELLARO

L UOMO DI FRONTIERA. LA MORTE SECONDO VAN GOGH TIBERIO CRIVELLARO Artículos y Ensayos L UOMO DI FRONTIERA. LA MORTE SECONDO VAN GOGH TIBERIO CRIVELLARO...Mi sono rimesso al lavoro, anche se il pennello quasi mi casca dalla mano; e, sapendo perfettamente ciò che volevo,

Dettagli

Valutazione psicodiagnostica

Valutazione psicodiagnostica Valutazione psicodiagnostica L importanza della diagnosi Per favorire la condivisione e la comunicazione tra professionisti (in ambito clinico e forense) Per dirigere e orientare il progetto di terapia

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Appunti sulla teoria del pensiero in Bion.

Appunti sulla teoria del pensiero in Bion. Appunti sulla teoria del pensiero in Bion. Mauro Rossetti. Novembre-Dicembre 2003- Per Bion la capacità umana di pensare parte dalla capacità di tollerare il seno assente, il non seno meglio -assente fa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Crampi. Denti e gengive

Crampi. Denti e gengive Crampi Il collegamento tra il sintomo e l emozione in questo caso è molto intuitivo. I crampi indicano infatti tensioni profonde, paure, mancanza di rilassamento, incapacità di lasciarsi andare. Oltre

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica

1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1. Fondamenti teorici della psicologia clinica 1.1. Verso una definizione della psicologia clinica Definire che cosa si intenda per psicologia clinica non è compito facile in quanto essa è una materia

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

GINO TAROZZI. Tra sogno e realtà

GINO TAROZZI. Tra sogno e realtà GINO TAROZZI Tra sogno e realtà Copertina: particolare dell opera Verso il tramonto sul Po Realizzazione grafica: Basile Vito for Virtualstudios Coordinamento editoriale: Deborah Petroni Rubens Fogacci

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

Facoltà di medicina verso un nuovo umanesimo

Facoltà di medicina verso un nuovo umanesimo Facoltà di medicina verso un nuovo umanesimo le scuole e le università che nascono dall esperienza cristiana offrono a tutti, credenti e non, una proposta educativa mirata allo sviluppo integrale della

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Disturbo Bipolare Che cos è il disturbo bipolare Il disturbo bipolare, anche conosciuto come malattia maniaco depressiva

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni PROGETTAZIONE 2014/2015 3-4-5 anni Settembre - metà ottobre Accogliere un bambino nella scuola dell infanzia significa riconoscere

Dettagli

Dimenticare Tahiti György Lukács 1

Dimenticare Tahiti György Lukács 1 Dimenticare Tahiti György Lukács 1 Ogni artista è alla ricerca della propria Tahiti, ma oltre a Gauguin nessuno è riuscito a trovarla. Credo che da noi molti sopravvalutino Gauguin, considerandolo il punto

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

A Carmelo, l amico di sempre

A Carmelo, l amico di sempre Cehic Aldo PHILODONZIA SALUTE HORO-DENTALE Analizzando e valutando ogni giorno tutte le nuove idee ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finché arriva uno sprovveduto che

Dettagli

Psicogiuridico. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto. Quaderni di Grafologia. Storia della Grafologia Ludwig Klages

Psicogiuridico. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto. Quaderni di Grafologia. Storia della Grafologia Ludwig Klages Psicogiuridico Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto Storia della Grafologia Ludwig Klages Autore: Filomena Ventre LEZIONE DI STORIA 3 LUDWIG KLAGES ( 1872 1956 ) Ludwig Klages, oltre

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI

Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI Do1.ssa Mabel Giraldo CHE COS È L INTENZIONALITÀ? Storia e:mologica

Dettagli

IL SIMBOLISMO (Poetica dello smarrimento e dell incertezza) di Sara Marziali

IL SIMBOLISMO (Poetica dello smarrimento e dell incertezza) di Sara Marziali IL SIMBOLISMO (Poetica dello smarrimento e dell incertezza) di Sara Marziali La poesia dell inesauribile nulla Il simbolismo è la poetica del movimento decadente, il DECADENTISMO, e si sviluppa a partire

Dettagli

Metti in gioco le tue emozioni e libera il tuo pensiero creativo

Metti in gioco le tue emozioni e libera il tuo pensiero creativo Scuola Primaria Caterina Cittadini - Suore Orsoline di Somasca - Roma a.s. 2013-2014 Nucleo tematico annuale: Emozioni in corso: viaggio nel mondo delle emozioni. NUCLEO TEMATICO ANNUALE a.s. 2013-2014

Dettagli

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità S Novarese Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità Gli attacchi di panico sono in aumento, lo dicono le statistiche e ne riceviamo echi nei nostri studi. Anche altri fenomeni patologici

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Seconda Università di Napoli Università di Salerno LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Dott.ssa Monica Siniscalchi Psicologa Psicoterapeuta IL CIBO SIMBOLO DELLA VITA L idea del cibo deriva da eventi che

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

Teorie Etiche - Kant

Teorie Etiche - Kant Teorie Etiche - Kant Gianluigi Bellin January 27, 2014 Tratto dalla Stanford Encyclopedia of Philosophy online alle voce Kant s Moral Philosophy. La filosofia morale di Immanuel Kant Immanuel Kant, visse

Dettagli

Tecniche artistiche del XIX e XX secolo

Tecniche artistiche del XIX e XX secolo Tecniche artistiche del XIX e XX secolo IL PROGETTO Rivolto alle classi del quinto anno (scuola primaria). Il progetto è finalizzato ad avvicinare gli studenti a diverse tecniche utilizzate da alcuni tra

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

4.3 Ultima fase: lo scioglimento

4.3 Ultima fase: lo scioglimento 4.3 Ultima fase: lo scioglimento È poco usuale pensare la fine delle relazioni. Ma, se la relazione educativa è un processo, e un processo affettivo, ha una fine che sancisce delle acquisizioni, degli

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario.

L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario. L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario. Il Centro nasce come naturale approdo de l Arte della Felicità-incontri e conversazioni, manifestazione

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

FOR MOTHER EARTH CENTER

FOR MOTHER EARTH CENTER dott.sa Carmela Lo Presti Esperienze professionali nell attività di Crescita Personale 1989/2014 aggiornato a Gennaio Le attività in questione sono state dirette a privati singoli e in gruppo prevalentemente

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin)

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Lunedì 12 settembre venerdì 16 settembre 2011 GLI ITALIANI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Come persone. Come professionisti

Come persone. Come professionisti Come persone Come professionisti PER PROMUOVERE LA QUALITA DELLA VITA PER FRONTEGGIARE SITUAZIONI DI DIFFICOLTA E DISAGIO -AUTODETERMINAZIONE DELLA PERSONA IL SERVIZIO SOCIALE, LA BIOETICA E LA RELAZIONE

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

Scuola Primaria Catena Classe 1 a

Scuola Primaria Catena Classe 1 a Istituto Comprensivo Statale B. Sestini Scuola Primaria Catena Classe 1 a Segni e Sogni: Dall immagine all immaginato per vivere il nostro territorio Anno scolastico 2009/2010 Referente: Luciana Falegnami

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA CHE ARTISTA MATISSE! Programma 26 settembre 2015 24 gennaio 2016 Piazza Giuseppe Buffi 8 6500 Bellinzona (Svizzera) Prenotazioni (consigliate!): tel. + 41 91 835 52 54 ATTIVITÀ

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Immagini per raccontare... La storia del bambino ieri e oggi

Immagini per raccontare... La storia del bambino ieri e oggi Immagini per raccontare... La storia del bambino ieri e oggi Lo scolaro, Albert Anker, 1855 Cosa ci mostra questo quadro? Certamente, uno scolaro. Ma uno scolaro molto diverso da come li conosciamo oggi.

Dettagli

La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente

La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente La strategia del silenzio per una comunicazione felice tra medico e paziente laboratorio teatrale con serata finale per gli studenti di Medicina della Seconda Università di Napoli Premessa La medicina

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

Presentazione CAPITOLO 19

Presentazione CAPITOLO 19 PRESENTAZIONE 7 CAPITOLO 19 Presentazione Il taglio grafico del presente volume propone la divisione dei capitoli in due parti: nelle pagine a sinistra (rinvio «metaforico» alle operazioni logiche dell

Dettagli