9,$5(**,2 ANNO SCOLASTICO 2011/2012 '2&80(172'(/&216,*/,2',&/$66(

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9,$5(**,2 ANNO SCOLASTICO 2011/2012 '2&80(172'(/&216,*/,2',&/$66("

Transcript

1 ISTITUTO /,&(2*,11$6,267$7$/(³*&$5'8&&, 9,$5(**,2 ANNO SCOLASTICO 2011/2012 INDIRIZZO : /,1*8,67,&263(5,0(17$/(³%52&&$ CLASSE : 9 SEZIONE : E '2&80(172'(/&216,*/,2',&/$66( Viareggio, 11 maggio 2012 IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1

2 0DWHULHGLQVHJQDPHQWR Religione/attività alternativa FODVV H 48$'5225$5,2,9 9,,,,,, Italiano Latino Lingua Inglese (1ª) Lingua Francese (2ª) Lingua Spagnolo (3ª) Filosofia Storia Diritto ed Economia 2 2 Geografia 2 2 Scienze della terra 3 Biologia 3 2 Matematica - Informatica Fisica 4 2 Chimica 4 Arte e/o Musica 2 2 Storia dell'arte Ed. Fisica Totale Ore

3 '2&(17,'(//$&/$66( ((; ( 1RPH 0DWHULD &RQWLQXLWjGLVHUYL]LR QHOODFODVVH M. Angeles Luque Spagnolo Triennio Barrenechea Benelli Antonella Religione Quinquennio Pera Isabella Italiano Triennio Pera Isabella Latino 1 e 3 liceo Giacomelli Alberto Arte Triennio Marcucci Edvige Biologia Quinquennio Mazzoni Rossella Tedesco Quinquennio Cordelli Alessandro Fisica 2 e 3 liceo Cordelli Alessandro Matematica 3 liceo Vettori Sergio Educazione Fisica Triennio Cioffi A. Cioffi Inglese Quinquennio Tavaroni Giovanna Storia e Filosofia Triennio Lavorini Enza Francese In questo ultimo anno scolastico 3

4 (/(1&2$/811,&+(+$112)5(48(17$72/$&/$66(7(5=$( 1) Biancalana Giacomo 2) Bonuccelli Gabriele 3) Bonuccelli Sara 4) Bosi Maria Diletta 5) Bresciani Livia 6) Caggese Erika 7) Califano Andrea Francesca 8) Downes Alice 9) Fusco Federica 10) Giannecchini Anna 11) Leonardi Carolina 12) Madrigali Elena 13) Maldonado Maria Cristina 14) Petteni Cecilia 15) Rigatti Gemma 16) Rossi Alessio 17) Rugai Alice 18) Scacciati Nicole 19) Viola Saracino Benedetta 20) Viviani Bianca 4

5 (OHQFR$OXQQL 7LWROR7HVLQD 0DWHULH&RLQYROWH Biancalana Giacomo Pace e Guerra Storia, Italiano, Inglese Bonuccelli Gabriele L Omosessualità Italiano, Francese, Spagnolo Bonuccelli Sara Modern Times: il Inglese,Filosofia, Italiano progresso che fa regredire Bosi Maria Diletta Occidente e Oriente Filosofia, Inglese, Tedesco Bresciani Livia Nascita dell identità Storia, Biologia, Spagnolo nazionale: imposizione totalitaria e legami di cuori Caggese Erika Sottomissione ed Storia, Tedesco, Spagnolo emancipazione della donna nel XX secolo Califano Andrea Francesca Parola e Silenzio Filosofia, Spagnolo, Italiano Downes Alice Spirito creativo e spirito Inglese, Italiano, Tedesco statico Fusco Federica Infanzia: condizione Italiano, Filosofia, Inglese esistenziale o fase transitoria? Giannecchini Anna Psicologia individuale e Filosofia, Storia, Inglese psicologia delle masse Leonardi Carolina Natura benigna e natura matrigna Italiano, Filosofia, Spagnolo Madrigali Elena Voglio vederti danzare Inglese, Italiano, Filosofia Maldonado Maria Inquietudine e/o serenità Latino, Filosofia, Francese Cristina Petteni Cecilia Coscienza e inconscio Filosofia, Italiano, Inglese Rigatti Gemma Natura e società Italiano, Inglese, Filosofia Rossi Alessio L antinomia Filosofia, Francese, Storia Rugai Alice Le avventure di Alice nel Paese delle Antinomie: Inglese, Filosofia, Matematica contrasti in epoca vittoriana Scacciati Nicole Essere ed Apparire Inglese, Italiano, Filosofia Viola Saracino Benedetta Attimo ed Eterno Fisica, Filosofia, Spagnolo Viviani Bianca Follia geniale e follia perversa Inglese, Italiano, Filosofia 5

6 35(6(17$=,21(6,17(7,&$'(//$&/$66( D 6WRULDGHOODFODVVHQHOWULHQQLR La classe è formata da venti alunni, 17 femmine e 3 maschi, di cui 3 ripetenti provenienti da un altra sezione. L inserimento di questi 3 alunni è risultato positivo sia perché ha favorito l interazione tra gli alunni stessi, sia perché ha sviluppato un dialogo educativo proficuo tra alunni ed educatori. In prima liceo la classe era composta da diciotto alunni, mentre in seconda liceo da diciassette, poichè un alunno si è trasferito all estero. 6LWXD]LRQHGLSDUWHQ]DGHOODFODVVHQHOO DQQRVFRODVWLFRLQFRUVR La classe nel corso del triennio ha lavorato con impegno, interesse e vivacità e, se pur a livelli diversi, ha ottenuto complessivamente risultati apprezzabili. Alcuni alunni hanno maturato anche un possesso sicuro e approfondito degli argomenti e una buona capacità rielaborativa e critica. Tuttavia, nelle lingue straniere, una parte della classe ha mostrato difficoltà nella produzione scritta. In questo ultimo anno di corso gli alunni in generale hanno rafforzato il livello di conoscenze, competenze e capacità. E stato riscontrato inoltre complessivamente un sensibile miglioramento della classe nel porsi problemi e dare soluzioni. 6

7 2%,(77,9,*(1(5$/, (educativi e formativi definiti con il Piano dell offerta formativa) In accordo con quanto stabilito nel Piano dell offerta formativa e in relazione al progetto sperimentale Brocca, nel corso del triennio liceale sono state perseguite le seguenti finalità e obiettivi generali: Formare soggetti capaci di riflettere in modo autonomo ed esercitare un personale senso critico Rendere ogni momento dell esperienza scolastica funzionale alle capacità di esercitare i propri diritti e doveri di cittadino, di operare responsabilmente, di autopromuovere la propria crescita umana, culturale, professionale. Formare capacità progettuali di scelta tramite la conoscenza di sé, delle proprie capacità e attitudini. Più in particolare, nella programmazione didattica iniziale sono stati individuati i seguenti obiettivi: Favorire l acquisizione della consapevolezza del percorso effettuato durante questo ed i precedenti anni scolastici in termini di sviluppo del sé intellettuale e corporeo Contribuire alla formazione culturale e umana dell alunno, promuovendo il pieno sviluppo della sua personalità Favorire la comprensione della realtà sociale e la consapevolezza della sua complessità Consolidare l acquisizione degli schemi interpretativi e dei vari codici linguistici relativi alle diverse discipline Favorire il consolidamento di una capacità critica e autonoma di pensare Favorire la formazione della capacità di leggere il corso delle vicende umane in termini di sviluppo, traendone inferenze relative alle leggi che lo governano Sviluppare l attitudine a riesaminare criticamente e a sistemare le conoscenze acquisite a livelli via via più alti di astrazione e formalizzazione. 7

8 2%,(77,9,&2*1,7,9, (in relazione a conoscenze, competenze, capacità) Durante tutto il triennio superiore ed in particolare in quest ultimo anno sono stati perseguiti i seguenti obiettivi: Conoscere i contenuti significativi di ogni disciplina oggetto di studio Comprendere la varietà dei messaggi trasmessi attraverso vari canali e coglierne le eventuali relazioni Comprendere testi diversificati per temi, finalità e settori culturali Analizzare i fenomeni e saperli collocare nel relativo ambiente storico. Produrre testi riguardanti tematiche culturali appartenenti alle varie aree disciplinari Potenziare le capacità di riflessione, di rielaborazione e di giudizio Esporre in modo corretto, coerente e sintetico le teorie acquisite $77,9,7$ 3/85,',6&,3/,1$5,(',$3352)21',0(172692/7( 1(// $112,1&2562 In generale, in tutto il triennio liceale, gli alunni sono sempre stati stimolati a ricercare ed evidenziare collegamenti esistenti tra i programmi delle varie discipline, in modo da favorire la dimensione attiva e personale dell apprendimento. In particolare, in questo ultimo anno, le attività pluridisciplinari e di approfondimento si sono dirette alla realizzazione dell area di progetto Da segnalare inoltre un attività pluridisciplinare tra Scienze e Fisica sulla misurazione della carica dell elettrone, nell ambito del progetto Laboratori del Sapere Scientifico. 8

9 $5($',352*(772 7LWRORGHOSURJHWWR ³$17,120,( )LQDOLWj Impegnare i ragazzi in un lavoro di ricerca per approfondire la loro capacità di autonomia ed acquisire la consapevolezza delle opposizioni, delle tensioni e dei contrasti che si manifestano nella realtà. 'HVFUL]LRQH I programmi delle varie discipline di studio sono stati elaborati in modo da riservare uno spazio per poter sviluppare i temi collegati all area di progetto, cercando di stimolare gli interessi personali degli alunni da sviluppare poi nella ricerca individuale. 3URGRWWRUHDOL]]DWR Gli alunni hanno realizzato lavori scritti, grazie ad un accurata ricerca individuale relativa ad aspetti particolari della tematica dell Area di Progetto. 'RFHQWLLPSHJQDWL Tutto il Consiglio di Classe sia pure con modalità differenti. 9

10 0(72',$'23(5$7,3(5)$925,5(/ $335(1',0(172'(*/, $/811, 63(662 48$/&+( 92/7$ OH]LRQHIURQWDOH ; OH]LRQHGLDORJDWD ; GLEDWWLWRLQFODVVH ; HVHUFLWD]LRQLLQGLYLGXDOLLQFODVVH ; HVHUFLWD]LRQLLQSLFFROLJUXSSL ; HVHUFLWD]LRQLVXULFHUFKHLQGLYLGXDOL RFROOHWWLYH ; 862'(,/$%25$725,3(5/(0$7(5,(&+(/235(9('212 I laboratori sono stati utilizzati per le seguenti attività: - dimostrazioni ex cathedra - esercitazioni individuali - esercitazioni in gruppi - attività di ricerca guidata 10

11 9$/87$=,21('(*/,$335(1',0(17, &ULWHULDGRWWDWL Durante il ciclo triennale, la valutazione degli apprendimenti ha privilegiato la comprensione, lo studio critico e selettivo, la rielaborazione personale rispetto alla quantità delle nozioni, senza trascurare ovviamente i contenuti fondamentali. Essa ha avuto come oggetto specifico nell ambito delle singole discipline: il livello di conoscenza essenziale, fondamentale per lo sviluppo dei vari programmi, il grado di comprensione di un argomento, le capacità di analisi e di sintesi, la capacità di applicazione delle abilità operative acquisite nei vari ambiti disciplinari, la capacità di stabilire relazioni interdisciplinari, la capacità di esprimere giudizi personali pertinenti e motivati. Inoltre si è tenuto conto, come previsto nel progetto sperimentale, del progressivo sviluppo della personalità degli allievi e della maturazione sul piano decisionale, operativo, relazionale. Le griglie proposte come base per la valutazione delle prove scritte e orali sono state stabilite nelle riunioni per materia e si allegano al presente documento. 11

12 6&+('$,1)250$7,9$5(/$7,9$$//(3529(,17(*5$7( 692/7('85$17(/ $112 Coerentemente con quanto sopra indicato, sono state svolte all interno della classe due prove con quesiti a risposta singola (tipologia B) che il consiglio di classe valuta più idonei ad evidenziare le capacità e competenze degli alunni. 'DWDGL VYROJLPHQWR 7HPSRDVVHJQDWR 0DWHULHFRLQYROWH 7LSRORJLDGL YHULILFD 06/02/ ore Inglese, Spagnolo, Tipologia B Storia, Fisica 18/04/ ore Biologia, Tedesco/Francese, Matematica, Filosofia Tipologia B 3HUODYDOXWD]LRQHGLTXHVWHSURYHVRQRVWDWLDGRWWDWLLVHJXHQWLFULWHUL (per i dettagli dei vari livelli di valutazione vedi griglie 3ª prova accluse) 7LSRORJLD% Quesiti a risposta singola 12 quesiti (3 quesiti per materia) &ULWHULGLDVVHJQD]LRQHGHO3XQWHJJLR Punteggio base = 3 Punteggio massimo (1 punto x 12 risposte) = 12 7RWDOH È prevista per il giorno 26 Maggio una simulazione di I Prova della durata di cinque ore per tutte le classe Quinte. 12

13 180(52&203/(66,92'(//(3529(6&5,77(())(778$7( 6(&21'2/(7,32/2*,(35(9,67(3(5/$7(5=$3529$6&5,77$ 0DWHULD $ 7UDWWD]LRQH VLQWHWLFDGL DUJRPHQWL % 4XHVLWLD ULVSRVWD VLQJROD & 4XHVLWLD ULVSRVWD PXOWLSOD ARTE 2 BIOLOGIA 1 FILOSOFIA 3 FISICA 1 STORIA 2 INGLESE 2 LATINO 6 MATEMATICA 1 SPAGNOLO 1 TEDESCO 2 FRANCESE 2 %& 7LSRORJLD PLVWD 13

14 ,1,=,$7,9(&203/(0(17$5,,17(*5$7,9( La quasi totalità degli alunni ha partecipato alla visita guidata alla mostra 9DQ*RJK H LOYLDJJLRGL*DXJXLQ, a Palazzo Ducale di Genova. La classe ha assistito alla rappresentazione teatrale,oehuuhwwrdvrqdjol di Luigi Pirandello. Tutti gli alunni hanno partecipato, nell ambito del progetto di Educazione alla salute, all incontro dal titolo IL DONO NELLO ZAINO sulla donazione di sangue, in collaborazione con la A.S.L n 12 Versilia e l associazione di volontariato AVIS Comunale di Viareggio. A questo primo momento hanno fatto seguito alcune giornate dedicate alla spontanea e volontaria donazione, a cui hanno aderito liberamente diversi studenti e studentesse. Gli alunni che si avvalgono dell insegnamento della religione hanno partecipato agli incontri del C.E.S.V.O.T. (Volontariato Toscano). Alcuni alunni hanno partecipato inoltre alle seguenti iniziative del P.O.F.: Progetto cineforum; Attività dedicate all orientamento universitario. Tre studentesse, nell ambito del progetto di alternanza scuola lavoro, hanno partecipato, all inizio dell anno, scolastico a uno VWDJH di tre settimane presso l Ufficio di informazioni turistiche della città spagnola di Logroño. Alcuni studenti hanno inoltre sostenuto nel corso del triennio, con successo, gli esami dei moduli necessari al conseguimento della patente europea di informatica (ECDL); gli esami per il conseguimento della certificazione europea del Trinity e del F.C.E per quanto riguarda la lingua inglese ; della certificazione D.E.L.E. per lo spagnolo.alcuni hanno sostenuto con successo l esame Zertifikat Deutsch (livello B1). Alcuni studenti hanno partecipato all incontro con il pianista Giovanni Allevi tenutosi nell Aula magna del liceo nel mese di aprile Un alunna ha partecipato al corso Noi e gli antichi. Alcuni alunni hanno preso parte alle attività del Centro Sportivo Studentesco. L intera classe ha partecipato ad una conferenza tenuta da una storica della Shoa, Maria Pia Bernicchia e una alunna ha partecipato al progetto Scienza, stermini e Shoah. 14

15 9$/87$=,21(&203/(66,9$'(,5,68/7$7,5$**,817,'$//$ &/$66(,QRUGLQHGLFRQRVFHQ]HFRPSHWHQ]HFDSDFLWj Al termine del ciclo triennale gli alunni, nelle diverse discipline, e a gradi diversificati di approfondimento, hanno conseguito i seguenti obiettivi, suddivisi per aree disciplinari ed articolati in termini di conoscenze, competenze e capacità: &2126&(1=( AREA UMANISTICA E LINGUISTICA Le conoscenze fondamentali relative allo sviluppo dei vari programmi, in termini di concetti, eventi, movimenti, idee e personaggi (vedi relazioni finali dei singoli docenti) I percorsi storici di sviluppo delle varie discipline Le strutture morfosintattiche, le linee fondamentali di sviluppo della letteratura, le caratteristiche dei singoli generi letterari, gli aspetti fondamentali della produzione dei singoli autori, in relazione alle diverse lingue studiate AREA SCIENTIFICA Gli aspetti di base dei vari programmi, in termini di concetti, leggi, metodi, strumenti e modelli Le strutture caratterizzanti i linguaggi specifici delle varie discipline &$3$&,7$ Esporre i contenuti in forma chiara e coerente, producendo testi orali e scritti di tipo descrittivo, espositivo e argomentativo, con chiarezza logica e precisione lessicale Comprendere messaggi orali e scritti in contesti diversificati Comprendere l informazione dei mezzi di comunicazione di massa Collocare le società umane nel tempo e nello spazio, a livello economico, sociale e politico Stabilire collegamenti fra tematiche diverse all interno della stessa materia e fra materie affini Analizzare, sintetizzare, astrarre e, sia pure in misura molto diversificata, criticare e rielaborare personalmente 15

16 Utilizzare in modo consapevole gli strumenti, i metodi ed i modelli introdotti nell ambito delle diverse discipline &203(7(1=( AREA UMANISTICA E LINGUISTICA Comprendere la realtà e la sua complessità, cogliendo la dimensione storica dei fenomeni e dei sistemi analizzati Leggere, tradurre e comprendere globalmente un testo, compiendo un analisi delle strutture linguistiche e della funzione dello stesso, in relazione alle diverse discipline Interpretare situazioni ed eventi attraverso confronti, collegamenti ed operazioni di contestualizzazione, classificazione e definizione AREA SCIENTIFICA Riesaminare criticamente e sistemare logicamente nuove conoscenze acquisite, attraverso procedimenti di astrazione e formalizzazione Affrontare situazioni problematiche di varia natura avvalendosi di modelli atti alla loro rappresentazione Costruire piani di risoluzione di un problema Il giudizio complessivo sulla classe, come si evince dalle relazioni finali dei docenti e dai verbali dei diversi consigli di classe svolti nell anno in corso, è sempre rimasto su livelli generalmente discreti e in alcuni casi decisamente buoni,. Per quanto riguarda le lingue, i risultati sono apparsi mediamente un po più bassi,in particolare in Inglese,ma nonostante ciò nella sua globalità la classe si presenta con una fisionomia positiva che è il frutto di un progressivo sviluppo delle singole personalità.quasi tutti gli alunni alla fine del percorso formativo appaiono consapevoli delle proprie scelte culturali e nel complesso autonomi nell organizzazione delle varie attività scolastiche. In alcuni alunni il livello di preparazione finale risulta più modesto, ma, anche per essi, gli obiettivi essenziali sono stati complessivamente raggiunti. Viareggio, 11 maggio 2012 Il coordinatore 16

17 Griglia di valutazione della 1 prova scritta di Italiano 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE GRIGLIE DEGLI INDICATORI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI ITALIANO Punteggi in quindicesimi Corrispondenza a punteggi in decimi fino a 8: gravemente insufficiente 3-4 9: insufficiente 5 10: sufficiente : discreto 7 13: buono 8 14: ottimo 9 15: eccellente 10 $1$/,6,'(/7(672$ INDICATORI PUNTEGGIO LIVELLI VALUTAZIONE PUNTEGGIO MASSIMO Competenze grammaticali (grafia, morfosintassi, lessico) Conoscenze specifiche e aderenza alla traccia (comprensione testo; conoscenza contenuti storico-letterari e applicaione nozioni e tecniche relative ad analisi del testo; conformita linguistica alla traccia) Capacita logico/argumentative; creativita (capacita elaborazione critica; approfondimento tramite conoscenze personali; originalita contenuti e argomentazioni) 2 3 3,5 4 4, ,5 4 4, ,5 2 2,5 3 3,5 4 gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo 5 punti 6 punti 4 punti 17

18 $57,&2/2',*,251$/(% INDICATORI PUNTEGGIO LIVELLI VALUTAZIONE PUNTEGGIO MASSIMO Competenze grammaticali (grafia, morfosintassi, lessico) Conoscenze specifiche e aderenza alla traccia (conformita linguistica e strutturale alla traccia; trattamento e rielaborazione pertinenti della documentazione e suo inserimento nel testo da costruire) Capacita logico/argumentative; creativita (chiarezza strutturale e argomentativa; approfondimento tramite conoscenze personali; originalita e creativita nella costruzione del testo) 2 3 3,5 4 4, ,5 4 4, ,5 2 2,5 3 3,5 4 gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo 5 punti 6 punti 4 punti 18

19 6$**,2%5(9(% INDICATORI Competenze grammaticali (grafia, morfosintassi, lessico) Conoscenze specifiche e aderenza alla traccia (conformita linguistica e strutturale alla traccia; comprensione e uso ampio e corretto della documentazione) Capacita logico/argumentative; creativita (chiarezza strutturale e argomentativa; trattamento e rielaborazione documenti ai fini della struttura argomentativa e delle tesi sostenute; approfondimento tramite conoscenze personali; originalita nella costruzione argomentativa e nella riflessione sui contenuti) PUNTEG GIO 2 3 3,5 4 4, ,5 4 4, ,5 2 2,5 3 3,5 4 LIVELLI VALUTAZIONE gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo PUNTEGGIO MASSIMO 5 punti 6 punti 4 punti 19

20 7(0$6725,&2& INDICATORI PUNTEGGIO LIVELLI VALUTAZIONE PUNTEGGIO MASSIMO Competenze grammaticali (grafia, morfosintassi, lessico) Conoscenze specifiche e aderenza alla traccia (conoscenza argomenti oggetto della traccia; proprieta e correttezza linguaggio tecnico; conformita linguistica e strutturale alla traccia) Capacita logico/argumentative; creativita (capacita elaborazione critica di conoscenza e documentazione fornita; originalita in tesi ed argomentazione) 2 3 3,5 4 4, ,5 4 4, ,5 2 2,5 3 3,5 4 gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo 5 punti 6 punti 4 punti 7(0$$5*20(172*(1(5$/(' INDICATORI PUNTEGGIO LIVELLI VALUTAZIONE PUNTEGGIO MASSIMO Competenze grammaticali (grafia, morfosintassi, lessico) Conoscenze specifiche e aderenza alla traccia Capacita logico/argumentative; creativita (capacita elaborazione critica conoscenze; originalita in tesi ed argomentazione) 2 3 3,5 4 4, ,5 4 4, ,5 2 2,5 3 3,5 4 gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo gravemente insufficiente insufficiente sufficiente discreto buono ottimo 20 5 punti 6 punti 4 punti

21 *ULJOLDGLYDOXWD]LRQHGHOODƒSURYDVFULWWDGL/LQJXD6WUDQLHUD 4XHVWLRQDULR5LDVVXQWR3URGX]LRQH 6(=,21, '(//$ 3529$ Questionario Riassunto Produzione,1',&$725, 3817(**,2 0$66,02 Aderenza alla domanda Rielaborazione personale Correttezza formale Sintesi media Rielaborazione personale Correttezza formale Aderenza alla traccia Originalità e/o creatività Correttezza formale 8 punti 3 punti 4 punti /,9(//,', 35(67$=,21( *UDYHPHQWH LQVXIILFLHQWH,QVXIILFLHQWH 6XIILFLHQWH 'LVFUHWR %XRQR 2WWLPR *UDYHPHQWH LQVXIILFLHQWH,QVXIILFLHQWH 6XIILFLHQWH 'LVFUHWR %XRQR 2WWLPR *UDYHPHQWH LQVXIILFLHQWH,QVXIILFLHQWH 6XIILFLHQWH 'LVFUHWR %XRQR 2WWLPR 3817, '(, 9$5, /,9(//, , ,5 1 1,5 2 2,5 3 1,5 2 2,5 3 3,5 4 21

22 *ULJOLDGLYDOXWD]LRQHGHOODƒSURYDVFULWWDGL/LQJXD6WUDQLHUD 4XHVWLRQDULR3URGX]LRQH 6(=,21, '(//$ 3529$ Questionario Produzione,1',&$725, 3817(**, 2 0$66,02 Aderenza alla domanda Rielaborazione personale Correttezza formale Aderenza alla traccia Originalità e/o creatività Correttezza formale 9 punti 6 punti /,9(//,', 35(67$=,21( *UDYHPHQWH LQVXIILFLHQWH,QVXIILFLHQWH 6XIILFLHQWH 'LVFUHWR %XRQR 2WWLPR *UDYHPHQWH LQVXIILFLHQWH,QVXIILFLHQWH 6XIILFLHQWH 'LVFUHWR %XRQR 2WWLPR 3817, '(, 9$5, /,9(//, ,

23 *ULJOLDGLYDOXWD]LRQHGHOODƒSURYDVFULWWDGL/LQJXD6WUDQLHUD 7HPDGL/LQJXD6WUDQLHUD,1',&$725, 3817(**,2 0$66,02 Aderenza alla traccia e conoscenza degli argomenti Strutturazione del testo Elaborazione critica Correttezza formale Padronanza delle strutture sintattiche e del lessico 3 punti 4 punti 8 punti /,9(//,', 35(67$=,21( *UDYHPHQWHLQVXIILFLHQWH,QVXIILFLHQWH 6XIILFLHQWH 'LVFUHWR %XRQR 2WWLPR *UDYHPHQWHLQVXIILFLHQWH,QVXIILFLHQWH 6XIILFLHQWH 'LVFUHWR %XRQR 2WWLPR *UDYHPHQWHLQVXIILFLHQWH,QVXIILFLHQWH 6XIILFLHQWH 'LVFUHWR %XRQR 2WWLPR 3817,'(, 9$5, /,9(//, 0,5 1 1,5 2 2,5 3 1,5 2 2,5 3 3, ,

24 3 PROVA SCRITTA Tipologia B 3817, '(, 9$5, /,9(/ /, 0 0,20 /,9(//,', 35(67$=,21( &RPSOHWDPHQWH QHJDWLYR *UDYHPHQWH,QVXIILFLHQWH,1',&$725, Risposta del tutto errata o assente. Conoscenze superficiali ed imprecise. Linguaggio non appropriato. Scarse connessioni logiche. 0,40,QVXIILFLHQWH Conoscenze parziali. Aderenza all argomento incompleta. Linguaggio non sempre appropriato. 0,60 0, XIILFLHQWH %XRQR 2WWLPR Conoscenze adeguate agli obiettivi minimi. Linguaggio generalmente corretto. Conoscenze puntuali, valide competenze nell' espressione e nella concettualizzazione. Conoscenze complete e puntuali. Sicura padronanza delle competenze sul piano dell'espressione, della concettualizzazione e della sintesi. Per la valutazione delle prove sono stati utilizzati i suddetti criteri + 3 punti di base. 24

25 9DOXWD]LRQHGHJOLDSSUHQGLPHQWL &ULWHULGHOODPLVXUD]LRQHHGHOODYDOXWD]LRQHGHOOHSURYHRUDOL Livelli di prestazione Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Sufficiente Buono Punti attribuiti Indicatori Conoscenze generali specifiche Competenze Competenze Capacità elaborative, logiche e critiche Descrittori Padronanza degli argomenti richiesti e collegamenti indotti e/o autonomi (massimo 10 punti) (Competenze linguistiche) Chiarezza e scioltezza espositiva e proprietà di linguaggio disciplinare (massimo 6 punti) (Competenza applicativa) Applicazione di regole tecniche, procedure e metodi (massimo 6 punti) Capacità argomentativa, di rielaborazione e di sintesi. Capacità di discussione e approfondimento dei diversi argomenti (massimo 6 punti) Discussione delle prove scritte (massimo 2 punti) 25

26 TESTI DELLE TERZE PROVE LINGUA FRANCESE Nome: Classe: Punti: Quesiti a risposta singola ( Tipologia B ) (massimo 6 righe) 1.Correspondances : En quoi consiste la différence entre les correspondances horizontales et les correspondances verticales? 2.En quoi Chateaubriand annonce-t-il le romantisme? 3.Quels sont les thèmes principaux du lyrisme de Lamartine? 26

27 /,&(2&/$66,&2±/,&(2/,1*8,67,&2³*&$5'8&&, ±9,$5(**,2 &/$66((/±6,08/$=,21(7(5=$3529$±),6,&$±)(%%5$,2 Il candidato enunci e spieghi brevemente il primo principio della termodinamica. Il candidato illustri il principio dell aumento dell entropia. Il candidato spieghi che cos è il rendimento di una macchina termica. 27

28 /,&(2&/$66,&2±/,&(2/,1*8,67,&2³*&$5'8&&, ±9,$5(**,2 &/$66((/±6,08/$=,21(7(5=$3529$±0$7(0$7,&$±$35,/( Dopo avere enunciato il teorema di Bolzano sull esistenza degli zeri, il candidato stabilisca se l equazione [ 4 + 3[ 3 2 = 0 ha almeno una soluzione nell intervallo [ 0 ;1]. Il candidato illustri i tre tipi di discontinuità mediante tre esempi. Il candidato illustri la definizione di derivata applicandola come esempio alla funzione I ([) = [ in [ = 1. 28

29 SPAGNOLO (06/02/2012) 1RPHBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB&ODVVHBBBBBBBBBBBBB 4XHVLWLDULVSRVWDVLQJROD (Tipologia B) 3XQWHJJLRBBBBBBBBBBB PDVVLPRULJKH El Realismo mágico: señala sus orígenes y características. Indica por qué y con qué finalidad el rey Fernando VII promulga la Pragmática Sanción Describe los ambientes que aparecen en El avión de la Bella Durmiente de G. GarcíaMárquez y sus posibles conexiones con el Realismo Mágico. 29

30 SIMULAZIONE TERZA PROVA - INGLESE (06/02/2012) PUNTEGGIO NOME CLASSE DATA TIPOLOGIA B QUESITI A RISPOSTA SINGOLA What is the function of the wind in Ode to the West Wind by Shelley? What is the role of the poet? What kind of narrative voice did J. Austen employ in her novels? How were her characters represented? Explain J. Austen s relationship to her age. What kind of language did Wordsworth wish to use? Who and what was his subject matter? Speak of the literary revolution carried on by Wordsworth. 30

31 Classe 5 E Simulazione della terza prova: scienze (18/04/12) 1. Il sistema nervoso è formato dai neuroni che trasportano gli impulsi e dalle cellule gliali. Qual è la struttura del neurone, da che cosa dipende la trasmissione degli impulsi, qual è la funzione delle cellule gliali? 2. La corteccia celebrale è un mosaico di regioni specializzate che interagiscono: descrivi la struttura encefalica e le relative funzioni: 3. Descrivi la linea evolutiva di Homo sapiens: 31

32 Classe 5ª E Simulazione della terza prova: filosofia (18/04/12) 1. Perché Übermensch viene tradotto, oltre che con Superuomo, anche con Oltreuomo? Quali aspetti vogliono sottolineare le due traduzioni? 2. Quali sono le caratteristiche fondamentali della Volontà per Schopenhauer? 3. Qual è il ruolo della fede in Kierkegaard? 32

33 Nome del candidato: Materia: TEDESCO (18/04/12) Welche sozialen und existentiellen Probleme beeinflussen die deutsche Literatur der Jahrhundertwende? Wie war das kulturelle Leben (Kunst und Literatur) in der Nazizeit? In der 1 Hymne an die Nacht besingt Novalis Nacht und Licht: Berichte über die Gegenüberstellung zwischen Licht und Nacht! 33

34 Punteggio totalizzato: Simulazione terza prova 06/02/2012 Storia 3E 3ULPRTXHVLWR Perchè lo storico Tranfaglia critica le tesi di De Felice sul fascismo? 6HFRQGRTXHVLWR Individua le fasi fondamentali della politica economica del fascismo 7HU]RTXHVLWR Cosa intende Hannah Arendt per universo concentrazionario? 34

35 Nome e cognome: 352*5$00$ 0DWHULD &ODVVH 6H]LRQH $QQRVFRODVWLFR 'RFHQWH (GILVLFD (/ 6HUJLR9HWWRUL &217(187,',6&,3/,1$5,(7(03,',5($/,==$=,21( Modulo o U.D. Percorso Formativo Periodo Sviluppo della Presa di coscienza del lavoro aerobico attraverso la corsa Primo resistenza generale lenta come presupposto per il miglioramento della quadrimestre resistenza. Modificazioni positive sull apparato cardio circolatorio e sul tono dell umore. Giochi sportivi Esercitazioni mirate al miglioramento della tecnica della Tutto l anno Giochi di movimento con la palla Sviluppo coordinazione della Sviluppo della velocità e di salto pallavolo e del basket. Attraverso la pratica di giochi non codificati, con semplici regole gli alunni eseguono gesti riconducibili a vari giochi sportivi come pallavolo, basket, calcio, pallamano, rugby. Sia nelle esercitazioni con la palla, sia attraverso test specifici gli alunni mettono in relazione il proprio corpo con gestualità sempre più complesse Presa di coscienza del lavoro anaerobico alattacido attraverso test specifici scolastico Tutto scolastico Tutto scolastico Secondo quadrimestre l anno l'anno Sviluppo della forza Esercitazioni in palestra con vari attrezzi Tutto l'anno scolastico Mobilità attiva e Esercizi di mobilità articolare inseriti sempre nel Tutto l'anno passiva riscaldamento scolastico Backschool Tecniche di nuoto Esercizi antalgici che danno sollievo alla colonna Tutto l'anno vertebrale. Tecniche di rilassamento. scolastico Attraverso esercizi specifici gli alunni migliorano la Maggio Giugno tecnica dello stile libero, del dorso, della rana e alcune gestualità del delfino. 35

36 5(/$=,21(),1$/('(/'2&(17( 0DWHULD Storia dell arte &ODVVH,,, 6H]LRQH ( $QQRVFRODVWLFR ± 'RFHQWH *LDFRPHOOL$OEHUWR &217(187,',6&,3/,1$5,(7(03,',5($/,==$=,21( 0RGXOR 3HUFRUVR)RUPDWLYR 7HQGHQ]HSRVW LPSUHVVLRQLVWHULSDVVR GHOSURJUDPPDGHOO $V SUHFHGHQWH 6LPEROLVPR$UW1RXYHDX H QXRYHWHQGHQ]H GHOO DUFKLWHWWXUDLQ (XURSDHLQ$PHULFD,O1RYHFHQWROH $YDQJXDUGLH6WRULFKH *6HUDXW (la scomposizione scientifica della luce): /D EDJQDGH / $VQLHUV; 8QGLPDQFKHDSUqVPLGLjO,OHGH/D *UDQGH-DWWH. &H]DQQH (dall impressione alla ricostruzione strutturale dell immagine): La serie della 0RQWDJQD 6DLQWH9LFWRLUH; 'XHJLRFDWRULGLFDUWH. *DXJXLQ (la fuga dalla civiltà occidentale): 9LVLRQHGRSRLO VHUPRQH; &ULVWRJLDOOR; 'DGRYHYHQLDPR"&KLVLDPR"'RYH DQGLDPR". *LDSSRQLVPR: una mania collettiva. V. Van Gogh (l esplosione del gesto individuale):, PDQJLDWRUL GL SDWDWH; 1RWWH VWHOODWD;, *LUDVROL; 7UH DXWRULWUDWWL. + GH 7RXORXVH/DXWUHF (la nobiltà nei bassifondi): $X 0RXOLQ5RXJH. h.4 6LPEROLVPR LQ )UDQFLD H *UDQ %UDWDJQD: G. Moreau; O. Redon; Nabis; Morris e i Preraffaelliti. :LOOLDP0RUULVHOHDUWLDSSOLFDWH /HVHFHVVLRQLGL0RQDFR9LHQQDH%HUOLQR. G. Klimt: *LXGLWWD,; *LXGLWWD,,;,O%DFLR. $UW1RYHDX: varie declinazioni europee. / RUQDPHQWRqXQGHOLWWR": Adolf Loos (scheda). A.Gaudì (un percorso individuale). La Scuola di Chicago e la nascita del grattacielo (scheda). /DOLQHDHVSUHVVLRQLVWD una generazione in marcia verso l espressione., SUHFXUVRUL E. Munch (tra ossessione e paura): /D EDPELQD PDODWD; 3XEHUWj;,OJULGR. J Ensor (una voce contro l ipocrisia): / LQJUHVVRGL&ULVWRD %UX[HOOHV., )DXYHV: la gabbia centrale del Salon del H. Matisse (la ricerca ansiosa della serenità): /D GDQ]D; /D WDYRODLPEDQGLWD., JUXSSL WHGHVFKL L inquietudine della Germania: il contesto storico. Die Brücke a Dresda; Il gruppo del Blaue Reiter a Monaco. 36 h.6

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Curriculum vitae et studiorum

Curriculum vitae et studiorum Curriculum vitae et studiorum INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data e luogo di nascita TRONCARELLI MARCELLINA VIA SALARIA, 1396-00138 ROMA 338 3693605 m.troncarelli@virgilio.it

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli