IN QUESTO NUMERO: IL SALUTO DEL SINDACO POESIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN QUESTO NUMERO: IL SALUTO DEL SINDACO POESIE"

Transcript

1 IN QUESTO NUMERO: IL SALUTO DEL SINDACO POESIE... FESTA DELLA FAMIGLIA E DELL ACCOGLIENZA ALL ISTITUTO SACRO CUORE ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SOCIO SANITARIA PETER PAN ONLUS INAUGURATO L ORTO URBANO DIDATTICO SOLIDALE VENERDI 15 NOVEMBRE 2013 SI VOTA PER ELEGGERE IL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

2 IL SALUTO DEL SINDACO A. PELUSO Un nuovo anno scolastico è iniziato. Per molti bambini e ragazzi l emozione del rientro in classe, l abbraccio con i compagni lasciati a giugno, per altri, invece, comincia una nuova fase di studi, si cambia scuola, si intraprendono nuove amicizie. A tutti giunga l augurio ed il saluto cordiale da parte del Sindaco, dell Assessore alle Politiche Scolastiche e dell Istituzione comunale tutta. Buona scuola. Buon anno a tutta la comunità scolastica cittadina, agli studenti, alle loro famiglie, agl insegnanti, a tutto il personale della scuola. Buon anno ai dirigenti, che salutiamo con particolare cordialità, per l impegno e le energie spese a vantaggio della scuola e per la loro sperimentata ed apprezzata collaborazione con l Amministrazione comunale. L avvio del nuovo anno scolastico, rappresenta un occasione importante e, in un periodo diffi cile come quello che stiamo attraversando, merita una breve considerazione. Iniziare l anno scolastico senza avere tetti che colano acqua, banchi rotti o lavori che ritardano l apertura di un edifi cio non è dovuto al caso, ma ad un lavoro assiduo e costante da parte di tutti gli operatori del settore. I Comuni sono oggi chiamati, unico interlocutore istituzionale davvero vicino ai cittadini, a rimpiazzare le assenze di altri soggetti. I tagli del Governo che hanno così duramente colpito il sistema scuola producono effetti che ricadono sul territorio. E i genitori si rivolgono ai Comuni. Noi ci siamo e ci saremo. Pur se oberati dal peso principale dei tagli abbiamo dimostrato quanto sia importante e strategica la scuola per noi. Questa Amministrazione, ha mantenuto servizi essenziali quali il trasporto scolastico, il servizio mensa, i buono libro; ha aperto una scuola nuova, in via F. Mennella ed eliminato fi tti di appartamenti per collocare, fi nalmente, i bambini in scuole vere, dignitose e sicure. Sono stati realizzati lavori di messa in sicurezza degli impianti e di ristrutturazione in numerosi plessi; sono in corso lavori di manutenzione straordinaria all istituto A. Moro che renderà la scuola fra le più sicure ed effi cienti d Italia; sono IL SALUTO DEL DIRIGENTE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO R. VIVIANI Inizia un nuovo e impegnativo anno scolastico per l Istituto comprensivo Raffaele Viviani ma le forze messe in campo, tra professori e personale ATA, non si lasciano intimorire e continuano nell impegno assunto con la comunità di Casalnuovo di offrire ai loro figli la migliore formazione possibile. La scuola ha già operato negli anni scorsi nella direzione di un costante impegno volto a potenziare le competenze degli alunni attraverso progetti curriculari ed extracurriculari che hanno sortito effetti notevoli. Anche quest anno la Raffaele Viviani si è impegnata a proporre, sia da sola che in collaborazione con altre scuole del territorio, strumenti di lavoro che potenzino discipline fondamentali quali matematica, italiano, inglese e informatica quest ultima materia sempre più indispensabile al conseguimento di una formazione scolastica al passo con le direttive europee. La scuola, inoltre, pur prestando grande attenzione all accrescimento culturale dei discenti, non ignora la complessa sensibilità dei ragazzi: continua la proposta di esperienze didattiche, per la scuola dell infanzia e per la scuola media, che insegnino ai giovani il corretto rapporto con il cibo al fi ne di prevenire disturbi alimentari quali anoressia e bulimia. prossimi lavori per ,00 in altre 4 scuole di Casalnuovo (3 Circolo, Viviani, De Nicola, Ragazzi d Europa). Quasi tutti gli edifi ci scolastici sono provvisti d impianti fotovoltaici. Il 16 settembre è stato presentato una richiesta di fi nanziamento per la ristrutturazione dei servizi igienici e sostituzione porte interne presso l Istituto comprensivo A. Moro e II Circolo di via Pigna. Nella stessa data è stato chiesto un fi nanziamento per la ristrutturazione e l ammodernamento di tutto l edifi cio scolastico R. Viviani di Tavernanova per un importo complessivo di ,04. Sempre per l anno scolastico 2013/14 saranno avviati ulteriori lavori di messa in sicurezza e ristrutturazione presso l edifi cio scolastico De Curtis C.so Umberto per ,00, più lavori che riguarderanno il refettorio e la palestra del plesso De Curtis per altri ,00; ancora lavori di messa in sicurezza interesseranno l edifi cio scolastico R. D Europa per ,00 e la succursale per ,00. Stiamo intervenendo, attivando tutte le procedure a noi consentite, per assegnare l appalto mensa ad un nuovo soggetto, dopo le vicende contestate alla ditta in altre città dove operava e per tanto sarà bandita una nuova gara. Diverse iniziative sono state realizzate a supporto delle attività didattiche e con l obiettivo di aprire la scuola quanto più possibile al territorio. Non possiamo far fi nta che non esistono delle diffi coltà che rendono problematico anche l impegno educativo e di coloro che sono chiamati a creare le condizioni più favorevoli per una incisiva e positiva azione della scuola. Questa Amministrazione crede che il futuro possa essere intravisto solo investendo nella scuola e nella formazione. Per questo lavoreremo tenacemente, per tutto il tempo del nostro mandato, affi nché non si disperda il livello di qualità raggiunto dal nostro sistema scolastico, ma possa solo migliorare. Il Sindaco Dott. Antonio Peluso Quest anno più che mai, inoltre, la scuola offre l opportunità di partecipare a progetti extracurriculari che riguardano discipline quali musica, danza e teatro per far si che i ragazzi abbiano a disposizione strumenti per comunicare il loro mondo che non siano quelli canonici della scrittura e dell oralità. A tale riguardo non è stato trascurata neanche la competente offerta sportiva, fondamentale momento aggregativo utilissimo alla completa maturità degli alunni. In qualità di Dirigente ringrazio i professori per l impegno costante che dimostrano nell assolvere al loro importantissimo ruolo sociale e anche per la qualità che hanno espresso nel realizzare il progetto curriculare dell accoglienza inerente l inizio dell anno scolastico Rivolgo infi ne un caloroso saluto e un doveroso ringraziamento a tutti i genitori per aver scelto il nostro Istituto impegnandomi a mantenere alta la qualità dell insegnamento e a potenziarla di anno in anno. Il Dirigente scolastico Prof. Domenico Morani

3 PER ME LA SCUOLA E. Che emozione il primo giorno di scuola! Per noi alunni di prima tutto era nuovo, non conoscevamo né i compagni di classe né i professori. Ci siamo ritrovati in aula timorosi ma nello stesso tempo desiderosi di vivere la nuova avventura. Le nostre paure sono poi lentamente svanite a mano a mano che conoscevamo i nostri professori che amorevolmente ci hanno accolto e ci hanno proposto tante attività di accoglienza: Ti parlo di me, Giochi ed esperienze su percezioni e sensazioni, l acrostico del mio nome e tante altre. L attività di accoglienza che a noi alunni di 1I è piaciuta di più è stata quella intitolata Per me la scuola è. La nostra professoressa di italiano ci ha proposto ben nove frasi sull idea di scuola e ci ha chiesto di scegliere quella che più corrisponde all idea che ognuno di noi ha della scuola. Dopo averla scelta, la prof. ci ha chiesto di trascriverla, in forma anonima, su un bigliettino che poi abbiamo piegato e consegnato. Raccolti tutti i bigliettini, sono stati riportati alla lavagna i risultati, in una tabella riassuntiva. I risultati ci hanno sorpreso. Due sono state le frasi più gettonate: Per me la scuola è un luogo dove posso avere l occasione di farmi nuovi amici e compagni e Per me la scuola è un luogo dove posso imparare cose nuove e formarmi una cultura. Ci Quest anno la nostra scuola non poteva mancare al consueto appuntamento con il Progetto Giornalino scolastico, giunto ormai alla terza edizione. Il Progetto costituisce uno dei momenti dell offerta formativa della nostra scuola non solo per la sua valenza didattica, in quanto è un valido supporto al consolidamento delle competenze linguistiche, ma anche perché è una incomparabile occasione per la valorizzazione di tutti gli allievi. Il progetto rappresenta un file rouge che unisce l operato di tutti i docenti della scuola e delle rispettive scolaresche che si ritrovano a condividere uno spazio comune che diventa spazio di dialogo, di confronto, di socializzazione, di crescita. Il Giornalino sarà redatto, come al solito,anche in formato digitale e pubblicato sul sito della scuola, dove l utenza può reperire tutte le notizie relative alla nostra istituzione scolastica e può visionare tutta la produzione di articoli e la vasta documentazione fotografica dei propri figli. L occasione ci è gradita per dire che, nonostante la grave crisi economica che sta attanagliando il nostro Paese, dalla quale la scuola non è esente, il nostro Istituto continua,pur tra mille sforzi, a proporre un offerta formativa di alto e qualificato livello. Per andare incontro alle istanze educative di tutta la platea scolastica, sono stati attivati svariati progetti per integrare e arricchire i currisiamo divertiti tanto. L attività ci ha permesso di cominciare a conoscerci un po. Volete provare anche voi? Ecco le frasi, sceglietene una e non dite a nessuno quale avete scelto! 1) Un luogo che frequento e che rientra naturalmente nel ritmo della mia vita quotidiana. 2) Un luogo dove posso conoscere me stesso e sviluppare le mie capacità. 3) Un luogo dove posso avere l occasione di farmi dei nuovi amici e compagni. 4) Un luogo che, al solo pensarlo, mi provoca fastidio. 5) Un luogo che mi provoca ansia e preoccupazione. 6) Un luogo dove posso imparare cose nuove e formarmi una cultura. 7) Un luogo che mi permette di stare fuori casa. 8) Un luogo in cui vado quasi sempre volentieri, anche se so che lo studio è faticoso come, del resto, lo sono altre attività. 9) Un luogo in cui vado solo perché è obbligatorio per legge. BUON DIVERTIMENTO! Gli alunni della 1^ I - E. De Nicola SI RIPARTE... SPERIAMO CHE ME LA CAVO E iniziato un nuovo anno scolastico. Tutti noi bambini siamo entusiasti di aver superato le tappe della scuola primaria. A fine anno ci troveremo alle porte della scuola secondaria di 1 grado, dove dovremo affrontare ostacoli più difficili ed abituarci ai modi diversi di pensare e di ragionare, perché non siamo più bambini ma ragazzi e ragazze più maturi per affrontare cose nuove. La nostra classe accoglie una nuova alunna che si chiama Francesca, proveniente da una scuola in provincia di Parma. Lei è un amica molto simpatica, molto carina, dolce e intelligente, noi speriamo di non farle sentire la nostalgia dei suoi vecchi compagni. Noi bambini ci aspettiamo un anno difficile pieno di iniziative, progetti, tante prove, tra cui le INVALSI. Noi speriamo di essere in grado di affrontare serenamente e costantemente il percorso didattico che ci viene proposto dalle nostre insegnanti e di non deludere le loro aspettative, speriamo di essere pronti ad affrontare la scuola media, speriamo poi, superando questa parte della nostra vita, di saper affrontare le cose che verranno dopo e diventare uomini e donne in gamba, insomma, come si dice dalle nostre parti speriamo che me la cavo. V B - F. Forgione coli delle discipline, sono stati allestiti laboratori in tutti i plessi affinché gli alunni abbiano una formazione adeguata, per essere sempre più consapevolmente cittadini italiani, cittadini europei, cittadini del mondo. LO STAFF dell I.C. A. MORO

4 IL RITORNO A SCUOLA I giorni sognati e a lungo sperati, fugaci come la notte sembrano esser passati. Giorni di riso, divertimento e di riposo, lascian ora il posto a un nuovo periodo laborioso. Giorni duri e faticosi posson sembrare, ma importanti mattoni per il nostro futuro vanno a posare. Lunga è la vita che riprende a marciare, fi era di un destino che durevole dovrà continuare e dopo una meritata vacanza si fa forte di rinnovata speranza. Alessia Assediato e Federica Schiavottiello 3^ B - I. C. R. Viviani RITORNO A SCUOLA Svelto il sole tramonta La notte adesso vola La cartella ormai pronta Si ritorna belli a scuola L estate è ormai passata E la scuola è già iniziata. Tornare a scuola è bello Per ritrovare gli amici, anche quello pazzerello. Siamo molto emozionati Nuove lezioni da ascoltare e tanti amici da abbracciare. Ciccarelli Olga e De Vita Roberta 3^ B - I. C R. Viviani SI RIPARTE Ecco un nuovo anno, ecco l ennesima sfida, ecco le mie intenzioni: rispetto,maturità e responsabilità pronti via!!!!! INIZIA LA SCUOLA L inizio della scuola è sempre emozionante! In questo nuovo viaggio ci divertiremo tanto, Impareremo nuove cose, solcheremo i mari del sapere sfi dando rotte sconosciute, superando l ignoranza Noi alunni della scuola San Giuseppe abbiamo dato inizio al nuovo anno scolastico con la FESTA dell ACCOGLIENZA durante la quale ci siamo divertiti molto e abbiamo dato il benvenuto ai nuovi bambini che sono giunti alla nostra scuola. Buon anno scolastico a tutti! Teresa Bianco V A Istituto San Giuseppe POESIE Martina Cimminella 2^ H - I.C.S. De Nicola LA SCUOLA È RICOMINCIATA La scuola è ricominciata E la vita quotidiana è tornata. Quest anno sarà più dura Ma non dobbiamo aver paura Speriamo che sarà divertente Come l anno precedente ; noi siamo molto felici di aver rincontrato i nostri amici anche se all esame di fine anno arriveremo con tanto affanno perché l impegno dovrà aumentare per poterlo superare. Raffaello Zanfardino ed Emanuele Catalano 3^ A - I.C.S. De Nicola L INIZIO DELLA SCUOLA Già l autunno si avvicina, Già l autunno per l aria vola. In portineria c è la bidella, sta per suonare la campanella. Si avvicina alla porta scura, sta per aprire la serratura. Quel che mi serve per questa avventura, sarà per me una novità sicura. Tanta amicizia da regalare, tanta voglia di imparare. Federico Marino, Antonio Giuseppe Esposito I.C.S. E. De Nicola Classe III A UN NUOVO ANNO SCOLASTICO Le vacanze sono finite e si ritorna a scuola. Le nuotate, i tuffi sono ormai ricordi. Siamo felici però, perché incontriamo i nostri amici e anche le maestre incontrerem. Ogni giorno tutti insieme, cresceremo come un seme. Sara Rondinella IV B Scuola San Giuseppe

5 RICOMINCIA LA SCUOLA POESIE La mattina di buon ora ci alziamo presto per andare a scuola, arriviamo stanchi e freddi, ma entriam tutti contenti e se facciamo un po di rumore si arrabbia il professore. Il bidello stanco ma contento, suona presto il campanello, così fi nisce la lezione e facciamo ricreazione. Tutto qui dentro è bello e sa di buono la campanella manda un dolce suono s entra senza cappello, si parla a bassa voce si risponde all appello. oh! nella scuola il tempo come passa! Scuola e cartelle, tutta l estate, \ Sotto il gran caldo, chiuse san state: Noi ragazzi, ai monti, al mare, Avevamo diritto di riposare. Ma la vacanza ora è finita, la scuola è aperta si riprende vita. Giulia Lepre, Alessia Capasso, Cerullo Teresa Emanuela 3^A Enrico De Nicola PRONTI? PARTENZA VIA!!!! Il clima sta cambiando l autunno sta arrivando l estate è ormai un ricordo. Ci accompagna il tempo umido il primo giorno di scuola in un mondo dimenticato ora ritrovato. Matematica, italiano, francese, scienze, arte e inglese, le materie sono tante!!! A guidarci sarà Acheronte verso il mare del sapere, visiteremo rotte sconosciute: ardue sfide saranno Pronti a salpar siamo e raggiungere alti obiettivi, noi possiamo. La campanella sta suonando ci rivedremo presto questa è una promessa!! Parola di studenti XD I.C.S. Enrico De Nicola Classe III A Caterina Cice, Mattia Mattiucci, Mariapia Mattiucci L AUTUNNO L estate è volata via, portando con se un po di nostalgia, dei bagni,dei giochi, del divertimento, ora c è solo un po di abbattimento L autunno pian piano si avvicina, e vedo scorrere una gocciolina sulla fi nestra, dove prima in estate a casa si faceva festa Le foglie sono secche, i fi ori appassiti, non ci saranno per un po gli alberi fioriti! Siamo ritornati a scuola, e con l inizio dell autunno il naso un po cola. Le maestre un po mancano, e i tanti compiti delle professoresse stancano Ma per fortuna ci sono nuovi amici, e non nemici! L estate è stata divertente, per tutta la gente, ma ora prepariamoci ad affrontare, quest autunno che sta per arrivare Dalila Esposito Classe V - I Circolo PRONTI? PARTENZA VIA!!!! Quando arriva l autunno, tutti gli alberi iniziano a perdere le foglie. Infatti gli alberi si spogliano, mentre gli uomini si coprano di più. Con l arrivo dell autunno, la scuola riapre e i lidi chiudono i lettini ed aspettano un altra estate per riaprirli.in autunno ci sono tantissime sagre, specialmente quelle delle castagne. La più importante è quella che si svolge dal 18 al 20 ottobre a Vitulano in provincia di Benevento. L autunno è anche la stagione della vendemmia. II C.D. F.Forgione Giusy Sansò - V^ C ARRIVEDERCI ESTATE Arrivederci Estate, ci mancheranno le nottate di quelle serate sfrenate. Arrivederci Estate, ci mancheranno quelle giornate di mare distesi sul lettino a cantare. Arrivederci Estate, ci mancheranno le amicizie con cui abbiamo condiviso tante liquirizie. L Estate è passata ma noi non l abbiamo dimenticata. ARRIVEDERCI, ESTATE SEI UN AMICA DA RICORDARE. Asia Guida, Antonia Ferrara, Adele Di Rocco, Nunzia Procentese e Alessandro Cannavacciuolo Istituto Sacro Cuore

6 MIGLIORE AMICO Migliore amico è Il Grande dono che dà Luce nei momenti bui Il dono che ti aiuta a superare gli Ostacoli, Riuscendo a farti tornare il sorriso E l A llegria, che ti dona Momenti Indimenticabili, dandoti la Consapevolezza di poter Oltrepassare qualunque diffi coltà. Martina Giuliano e Michela Riccio Istituto Sacro Cuore L AMORE È NEL TUO CUORE L amore è nel tuo cuore. profumato come un fiore, che canta ogni mattino. L amore è il motore che ti dona sempre calore, sorride a volte piange come le nuvole nel cielo ventoso quando piove Ma poi risorge il sole e disegna una nuova scia colorata che ti apre il cuore, ti attraversa come una canzone. È una tenerezza piena di emozione, è un campanello che ti fa svegliare di buonumore. E poi sei ancora pieno d amore! A CLELIA Ricordando la quarta In occasione della premiazione della compagna di classe per aver vinto l edizione di musica e poesie anno scolastico 2012/2013, il compagno le ha dedicato questa poesia: Ormai per te il premio è arrivato e come si dice l allievo il maestro ha superato. Visto che il tempo si è commosso Ora complimentarmi posso. Ridi con questa poesia Che una bella tua vita sia. GLI ALUNNI DELLA V A 2 C. D. FRANCESCO FORGIONE POESIE Esposito Francesco Junior Classe V/B - F. Forgione L AMICIZIA È COME UN FIORE L amicizia è come un fiore che spunta nel tuo cuore. È di tutti i colori: Rossa come il cuore Azzurra come il mare Verde come il prato Rosa come un fiore. L amicizia è una gioia infinita, con gentilezza ti dona una carezza. Per ore ed ore la dipingerei con colori che fanno sciogliere tutti i cuori, colorati come i petali di un fiore. Con amore passano le ore, quando l amicizia bussa al tuo cuore con la freschezza e la delicatezza delle farfalle che si posano sulle viole o sui fiori colorati di cui sono pieni i prati. L amicizia, che è forte come una catena, che stringe con tenerezza e con amarezza il tuo cuore, che non si arrende mai, splende come un gioiello che brilla al sole nel cielo sereno come quando c è l arcobaleno. E illumina il cuore come il sorriso di un bambino dagli occhi azzurri come il mare. GLI ALUNNI DELLA V A 2 C. D. FRANCESCO FORGIONE

7 I NONNI POESIE I nonni sono come l arcobaleno Sono come una giornata con il cielo sereno. I nonni sono come le caramelle, sono allegri e ci raccontan tante storie belle. I nonni sono molto preziosi e splendono come il sole e i suoi raggi luminosi, ci sanno consolare quando siamo tristi e per questo diciamo: Grazie di esistere! Federica IV A Scuola San Giuseppe IL MIO TESORO I miei nonni sono un tesoro prezioso Sono la mia ricchezza più grande Se mancassero loro, con il grande affetto che mi danno nulla sarebbe più lo stesso nella mia vita Mi sentirei perso. Emiliano Serafi no IV A Scuola San Giuseppe A MIA NONNA Dedico questa piccola filastrocca a chi per me farebbe ogni cosa e rende la mia giornata più gioiosa. Con lei scherzo, parlo e rido e se la mamma non c è a lei mi affido. Quando faccio i capricci, con pazienza mi toglie dagli impicci. La domenica mi prepara un pranzetto delizioso, la nonna: che bene prezioso!!!!!!!! Esposito Flavia II media Istituto San Giuseppe DEDICATO A TUTTI I NONNI Quando non c è scuola e la mamma va a lavoro, i nonni mi accolgono in casa con un bel Buongiorno tesoro! La nonna con me è assai premurosa e quando l abbraccio diventa radiosa. Il nonno, invece, è un po comandone ma quando lo bacio diventa un gran coccolone. Favole, giochi e tanta allegria Stare con loro è una vera magia. I miei nonni son proprio speciali Che a volte mi pare abbian le ali. Ho due angeli tutti per me. Al mondo chi è più fortunato di me? Grazie di esistere nonni! Leonardo Caccavale V B Scuola San Giuseppe LA MIA ISPIRAZIONE LA MIA MUSA CHI È? LA NONNA, CHE DOMANDE!!!! La nonna è un angioletto e se problemi hai, con lei li affronterai. Se la mamma è arrabbiata, la nonna è lì già preparata per darti il suo sostegno e ci mette tanto impegno. Le sue coccole ti donerà e con un bacetto tutto sparirà! Se un compito difficile avrai la nonna accanto ti ritroverai!! Gnam gnam che buon profumino sarà la nonna pronta a deliziare il mio pancino. Se di angeli vuoi parlare la nonna devi nominare e se bene vuoi stare la sua attenzione devi attirare LA NONNA...CHE ANGELO SPECIALE! Sabrina Ruotolo, Gaia Procentese Carmen Castaldo, Sabrina Cocco Scuola San Giuseppe - II Media AI NONNI I nonni sono persone importanti Ti sostengono e ti coccolano nei momenti in cui sei triste, ti aiutano a superare ogni paura, noi siamo la gioia dei nonni. Noi bambini non potremo mai essere tristi, perché ogni giorno ci sono loro che ci fanno un dolce sorriso I nostri nonnini pensano sempre a noi. Ci accontentano sempre, ci fanno dei bei regali e tutto quello che hanno ce lo offrono per il nostro bene. I nostri nonni non ci deludono mai, e fanno di tutto per renderci felici. Che mondo sarebbe Se non ci fossero i nonni? Dalila Esposito V A Scuola San Giuseppe

8 UNA BATTAGLIA DA VINCERE Noi adolescenti siamo come dei guerrieri, e la nostra battaglia più grande da vincere è la Scuola. Ogni giorno siamo sottoposti a critiche di tipo diverse; abbiamo una grandissima forza interiore, infatti teniamo aperto l oblò della speranza, anche quando il mare è agitato e il cielo si è stancato di essere azzurro. La scuola, però, non è tanto male, perché è qui che si conoscono persone meravigliose; si fanno le prime esperienze, si affrontano le prime paure, i primi amori, i primi problemi che ti riempiono la testa e ti spezzano il cuore. Mentre abbiamo tutte queste cose che ci frullano nella mente, dobbiamo anche pensare a studiare, e come avrete capito è molto difficile farlo. Gli adulti e i professori, molte volte non ci capiscono, perché pensano che questa sia l età della spensieratezza, e che noi siamo sereni, ma non è proprio così, anzi, con un sorriso a volte nascondiamo tutti i problemi che ci perseguitano e andiamo avanti. L unica cosa che vorremmo da quest anno è godercelo in ogni sua piccolezza, perché è la fine di un viaggio e come tutte le cose che finiscono c è sempre quella malinconia che accompagna ogni pensiero I.C.S. R. Viviani Quagliariello Imma e Rimetti Ludovica 3^ A ISTITUTO PARITARIO SAN GIUSEPPE Il nostro istituto costituito dai tre ordini di scuola (infanzia, primaria e secondaria di I grado), come istituzione educativa cattolica è impegnato nello sviluppo armonico delle strutture della personalità degli allievi a livello intellettivo, affettivo e decisionale, assicurando, quindi, sia la formazione culturale che la formazione per la vita a livello umano e cristiano. Esso è stato fondato sul carisma della compassione, sulla capacità, cioè, di compatire, sentire proprie le difficoltà degli altri e darsi da fare senza risparmiarsi. La scuola si adegua alle esigenze socio-familiari degli alunni mettendo in atto itinerari formativi che possano consentire la scoperta delle proprie potenzialità e rendere possibile anche un reale orientamento e una progettazione della loro vita futura di cittadini del mondo. E una scuola per tutti e per ciascuno che garantisce la piena inclusione di tutti gli alunni, anche quelli con bisogni educativi speciali. La scuola offre una serie di servizi ed opportunità alle famiglie impegnate in attività lavorative per l intera giornata, al fine di garantire loro la tranquillità e la sicurezza di un luogo dove i bambini trascorrono gran parte della giornata; il Progetto FA- MIGLIA SERENA è costituito da vari servizi: ACCOGLIENZA, MENSA, TRASPORTO, E..STATE CON NOI, POSTSCUOLA e BABY HOUR che prevede l accoglienza degli alunni nei periodi non festivi di interruzione delle attività didattiche. L istituto of- FESTA DEI NONNI NELLA SCUOLA SAN GIUSEPPE Quest anno in occasione della festa dei nonni, la nostra scuola ha preparato per loro una festa speciale. I nonni insieme agli alunni hanno partecipato ad una messa celebrata da Don Ciro nella chiesa della scuola. I bambini hanno animato la messa con i canti. Sono state rivolte a Gesù tante preghiere per loro affinchè li custodisca sempre e li benedica per tutto quello che fanno per i loro nipotini ed i loro figli. Alla fine della celebrazione uno dei nonni ha cantato, accompagnato da una chitarra, una dolcissima lode a Maria, che come mamma, protegga sempre tutti i suoi figli. Il due ottobre è la festa degli angeli custodi e i nonni sono come degli angeli senza ali che ci proteggono e sono sempre presenti anche se sono lontani. La festa è proseguita dedicando loro filastrocche e canti tra lacrime di commozione e sorrisi. Ma tra un canto ed un altro i nonni si sono messi in gioco anche loro: chi si è esibito in un canto, chi in un ballo, chi nella recitazione di una poesia, così sono stati loro a strappare a noi tanti sorrisi e commozione! Grazie nonni, grazie di esserci sempre e comunque! AUGURI A TUTTI INONNI DEL MONDO SCUOLA SAN GIUSEPPE fre anche la possibilità di partecipare ad attività extrascolastiche collegate all ampliamento dell offerta formativa:danza, MINI BASKET, GINN. ARTISTICA, CORSI DI INGLESE E FRANCESE E SCUOLA DI MUSICA ( canto, violino, chitarra, pianoforte). Tali attività sono aperte anche ad un utenza esterna alla scuola. Inoltre all interno dell istituto è possibile partecipare a lezioni per la preparazione a DELF, TRINITY, EIPASS. Il progetto interdisciplinare previsto per quest anno, che coinvolgerà tutti gli ordini della scuola,è un progetto sul territorio che avrà lo scopo di guidare gli alunni a conoscere in modo diretto il loro territorio, attraverso la ricerca, l indagine, l esplorazione, a sviluppare il senso di appartenenza al proprio paese, la conoscenza delle tradizioni e la capacità di relazionarsi con gli altri. Alunni e famiglie, docenti, suore e collaboratori scolastici, personale amministrativo, tutti sono chiamati ad un progetto comune per un impresa umana e culturale, in cui ciascuno viva la quotidianità come avventura unica ed irripetibile. Il reciproco amore fra chi apprende e chi insegna è il primo e più importante gradino verso la conoscenza Erasmo da Rotterdam BUON ANNO SCOLASTICO A TUTTI I LETTORI

9 I CIRCOLO DIDATTICO DI CASALNUOVO: Notevole successo riscontrato per il progetto extrascolastico e la mostra DI SEGNO IN SEGNO Il setting del progetto Di segno in segno si e articolato in 11 incontri dalla durata di 3 o 4 ore per complessive 38 ed ha coinvolto gli alunni delle classi seconde e terze della scuola primaria del 1 circolo di Casalnuovo. L attività di laboratorio si e incentrata sul disegno attraverso la conoscenza delle opere d arte di alcuni artisti per comprenderne lo stile ma anche il segno.cosi,per fare un esempio, il libro Disegnare con Pablo Picasso edito dalla casa editrice il Castoro è stato il pre-testo per familiarizzare e utilizzare il segno alla maniera dell artista per disegnare volti fino a quando si arriva a un punto in cui ci si deve fermare a una sorta di caricatura.ma operativamente quale e stata la metodologia e quali gli strumenti di conoscenza utilizzati?l osservazione e l analisi delle opere d arte attraverso l attività di ricalco con l utilizzo della carta da ingegnere; l uso della griglia quadrettata per copiare o completare un disegno. E non solo.attraverso la lettura del libro La cameretta di Van Gogh della Gallucci editore e l osservazione delle diverse opere d arte e stato possibile ricavare i colori della tavolozza del pittore per sperimentare l uso della tempera al fine di completare le rielaborazioni realizzate.il percorso sulla luce è stato effettuato attraverso lo studio di alcune opere d arte di Monet che, come sappiamo,amava rappresentare lo stesso ambiente o soggetto in diversi momenti della giornata per coglierne i riflessi di luce. I bambini hanno cosi potuto ampliare particolari desunti da alcune opere continuando il tratto e il colore. Un percorso particolarmente stimolante per i ragazzi è stato il laboratorio dell acquerello per utilizzare il colore e sperimentare le sfumature che si possono dare ai diversi soggetti rappresentati. A conclusione del progetto e stata organizzata la mostra che ha riscosso notevole successo tra i genitori e familiari degli alunni. Ma quali sono stati i benefici? I bambini hanno operato,in modo autonomo, personali ricerche sulla vita degli artisti e sulle opere d arte conosciute in laboratorio coinvolgendo anche le famiglie. E poi è stato bello vedere che i ragazzi si siano divertiti imparando! Insegnante Dott. Luigi Monda IL PRINCIPE FELICE protagonista alla festa dell accoglienza del III Circolo Didattico madre teresa di calcutta La festa dell Accoglienza del III Circolo didattico Madre Teresa di Calcutta nata come manifestazione finale di un progetto educativo che mira ad accogliere per inserire gradualmente i nuovi iscritti nell ambiente scolastico e per permettere il reinserimento sereno di tutti gli altri alunni dopo la pausa estiva, creando un contesto ambientale, emotivo e sociale coinvolgente quest anno ha avuto come tema centrale la gentilezza incarnata dalla figura del Principe F elice e della rondinella che lo aiutò a realizzare i suoi desideri La fiaba narra infatti che Principe Felice è una maestosa statua posta su una collina, ricoperta di foglie d oro e pietre preziose, diventata simbolo della città e oggetto di ammirazione e vanto da parte di tutti. Una rondinella, una notte, decide di prendere dimora ai piedi del Principe; questi le racconta la sua storia e le chiede di aiutarlo a cancellare le brutture e le miserie della città che in vita aveva sempre ignorato (poiché aveva vissuto nel Palazzo di Sans-Souci, dal francese: senza preoccupazioni, dove al dolore non è permesso entrare ). La rondinella, impietosita dalla tristezza del Principe, decide di aiutarlo e inizia a spogliarlo delle gioie che lo adornano per donarle ai poveri e ai bisognosi. Il Principe ormai rimasto privo di tutti i suoi ornamenti incitò la rondine a migrare verso i Paesi caldi ma questa, affezionata alla statua dal nobile cuore, resta a fargli compagnia fino a lasciarsi morire ai suoi piedi. Il Sindaco, notando la statua tutta spoglia, grigia e l uccello morto, decide di abbatterla e gettare i resti nella discarica. Un giorno Dio commissionò a un angelo di portargli le due cose più preziose della città e da questi ricevette il cuore di piombo del Principe e il corpicino della rondinella che guadagnarono l eternità nel giardino del Paradiso. Grazie all esempio del Principe Felice e della rondinella abbiamo capito che bisogna cercare di dare agli altri tutto ciò che si ha solo per renderli felici, anche sacrificando la propria vita (come la rondine) o in generale se stessi (come il principe) perché questo comportamento sarà certamente premiato Gli alunni delle V III C.D. Madre Teresa di Calcutta

10 FESTA DELLA FAMIGLIA E DELL ACCOGLIENZA ALL ISTITUTO SACRO CUORE Vedi nell altro un tuo fratello che ti porge la mano e a cui tu darai il tuo cuore grande, generoso e ardente. Queste parole, pronunciate da Madre Clelia Merloni, racchiudono il senso pieno del carisma delle Apostole del Sacro Cuore di Gesù, sue ancelle, che offrono il loro servizio di apostolato in una dimensione di grande accoglienza. Anche tutti i docenti laici della scuola Sacro Cuore condividono lo stesso progetto all insegna del quale è stata organizzata per sabato 5 ottobre 2013 La festa dell accoglienza per tutte le famiglie del Sacro Cuore al cui interno si enucleano molte altre realtà operative quali le famiglie consacrate al Cuore di Gesù, il coro polifonico Madre Clelia, le casalinghe missionarie e, ultima nata, l associazione Cento Cuori. Essa ha già organizzato nel corso dell anno scolastico 2012/2013 molteplici tornei interni di pallavolo, pallacanestro, calcetto e convegni sulla donazione degli organi e varie manifestazioni quali quella canora del 5 maggio Piccole stelle cantano in cui gli alunni si sono espressi in chiave solistica, al di là dei saggi scolastici di ogni ordine e grado presentati tra aprile e maggio, al Magic Vision. I vari vincitori dei ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SOCIO SANITARIA PETER PAN ONLUS SEDE LEGALE : CASALNUOVO DI NAPOLI (NA) VIA M.TERESA DI CALCUTTA N 32 Le origini dell associazione risalgono al Essa è impegnata sul territorio, con l aiuto di volontari, da oltre venti anni per la promozione di una migliore qualità di vita, propone interventi di rete rivolti all accoglienza, al sostegno ed alla valorizzazione delle fasce sociali più deboli presenti sul territorio: disabili, anziani e minori. Gestisce, con la collaborazione dei soci volontari lo SPORTELLO INFORMAHANDICAP, attivita socio- sanitaria di fornitura gratuita di presidi sanitari, aiuto nel disbrigo di pratiche amministrative, consulenza legale e legislativa, punto di ascolto telefonico e domiciliare in favore della cittadinanza ecc.. Organizza uscite CULTURALI e RICREATIVE e tantissime altre attività che vedono coinvolti i disabili, sia minori che adulti, i loro famitornei e delle manifestazioni hanno conseguito la premiazione con coppe e targhe nell ambito della meravigliosa giornata dell 1 giugno 2013 interamente dedicata alle famiglie e molto ben articolata. Una solenne Messa celebrata dal Monsignor Lemmo e animata dal coro Madre Clelia ha raccolto tutti in un abbraccio fraterno che li ha fatti sentire ancor più parte integrante di una stessa grande famiglia dove il momento di maggiore condivisione è appunto il pranzo che è stato preparato in una dimensione di reciproca offerta gratuita. Primi, secondi, contorni, pizze imbandivano lucullianamente le tavole dei grandi refettori della scuola che vedono quotidianamente commensali i bambini; quel giorno sabato primo giugno 2013 invece c erano anche le mamme e il papà, la loro famiglia. Una gara alla torta più colorata, originale ed elegante ha reso tutti, oltre la giuria, giudici di vere e proprie opere d arte, buonissime oltre che bellissime. Dopo vari giochi quali tiro alla fune, staffetta, pallavolo (vedi foto), esibizione di balli classici ad opera di genitori ballerini professionisti, dalla grande palestra della scuola ci si è trasferiti, in toto, nel salone del vecchio istituto dove il Karaoke, tassativamente tra coniugi saliti sul palco con i propri fi gli, ha esaltato le doti canore di tanti, ma ha regalato a tutti i nostalgici ricordi di canti che hanno costituito la colonna sonora della giovinezza di ormai quarantenni che all improvviso sono tornati adolescenti cantando le sigle dei loro cartoni animati preferiti. Si sono così invertite le generazioni in un clima di altissimo divertimento e coinvolgimento emotivo. Peccato che alle 21:30 si sia dovuto lasciare quel magico salo- ne dove tanti genitori erano stati spensierati bambini. Ma il 5 ottobre quel salone è stato riaperto e da quel palco altre melodie, altre rappresentazioni hanno regalato mille emozioni, mille sorrisi. Poliedriche iniziative sono state presentate perché la scuola fa accoglienza quando va oltre a se stessa, oltre il suo aspetto didattico, quando la scuola è la vita stessa. Buon anno scolastico a tutti. Maestra Assunta Esposito liari e i volontari dell Associazione. Promuove attività laboratoriali per l integrazione sociale dei disabili (in particolare dalla seconda metà del mese di ottobre 2013 si attiveranno laboratori ricreativi e di socializzazione per disabili mediolievi). Infi ne, l associazione simpegna affi nché vengano abbattute sul territorio le barriere architettoniche che impediscono ai diversamente abili, agli anziani e ai cittadini in genere l accessibilità e la visitabilità dei luoghi aperti al pubblico. Il Presidente Giuseppa Manna

11 SII GENTILE E IL MONDO SARÀ MIGLIORE! Anno scolastico 2013/2014: il III Circolo Didattico Madre Teresa di Calcutta proclama l anno della gentilezza CASALNUOVO IN MUSICA 1 Rassegna Di Risorse Artistiche Casalnuovesi Si è svolta sabato 28 Settembre la 1 rassegna di risorse artistiche casalnuovesi, dove a trionfare sono state la Musica, l Arte e l entusiasmo di tanti concittadini che hanno partecipato con sincero consenso a questa manifestazione, sia in qualità di artisti che spettatori. La rassegna, organizzata dall Associazione musicale F. Marchesiello e voluta fortemente dal prof. Sergio Notariale, ha riscosso, contro ogni aspettativa, un notevole successo in Piazza Siani a Tavernanova, dove ad esibirsi sono stati casalnuovesi giovani e meno giovani, mossi da autentica passione comune, presentando brani sia classici che moderni. Non sono mancati i ragazzi della scuola Raffaele Viviani di Casalnuovo, i quali hanno allietato la serata con un ballo sulle note del celebre brano Aggiungi un posto a tavola, preparati dalla loro insegnante Rossella Barbato. I passaggi delle coreografie di danza e teatrali sono state il corollario fi nale di una meravigliosa serata artistica. Infi ne non si può che dire grazie di cuore a tutti gli artisti che hanno saputo regalare una notte d arte a tutta la cittadinanza e a tutti coloro che hanno sostenuto questa iniziativa. Esposito Antonio 3E - I.C.S. Viviani Come è ormai consuetudine da diversi anni i docenti del III Circolo Didattico Madre Teresa di Calcutta, guidati dal Dirigente Scolastico Dott.ssa Silvia Tedesco, attenti ai mutamenti che investono il territorio ed ai bisogni impliciti ed espliciti degli utenti, orientano la loro attività educativodidattica a dare risposte a tali bisogni ciò progettando un offerta formativa varia, coinvolgente che mira alla reale e completa formazione dell uomo e del cittadino attraverso una serie di attività curricolari ed extracurricolari rivolte agli alunni e ai genitori. Quest anno,in particolare, i Collegi dei docenti hanno deciso di improntare la loro attività didattica alla pratica della Genti- lezza Tale scelta origina dalla consapevolezza che la gentilezza è un primo passo nella relazione con gli altri. Grazie alla gentilezza si guadagnano simpatie, si crea intorno un clima positivo e sereno. La gentilezza dà un senso e un valore alla nostra esistenza; ci fa dimenticare i problemi della quotidianità e sentire bene con noi stessi. Lo sforzo dovrebbe (si usa il condizionale) essere quello di trovare un modo non aggressivo di dire le cose, anche quando la rabbia sta per avere il sopravvento. La gentilezza calma l aggressività, e in caso di diverbi accesi, placa la rabbia. È proprio nel rapporto con l altro che noi possiamo scoprire alcuni ele- menti importanti della gentilezza di noi stessi e degli altri. La gentilezza ha una dimensione relazionale, basata sul rispetto e sulla dignità dell altro e diventa tanto più vera quando entra in gioco in una relazione, costituendone un valore aggiunto. Nell epoca odierna, in cui i rapporti fra esseri umani sono sempre meno autentici, poco sereni e sempre più formali, la gentilezza può rivelare un potere positivo dirompente. Non aspettiamoci che il mondo possa essere sempre improntato alla gentilezza,ma quanto meno proviamo ad essere gentili per stare meglio noi e con altri insieme a noi. Per essere gentile non serve fare salti mortali. Servono azioni concrete, anche semplici ma esplicite; la gentilezza richiede di essere dichiarata- Per aiutarvi nella pratica della gentilezza vi proponiamo un decalogo di semplici regole da seguire : 1) Alzati ogni mattina col sorriso sulle labbra, ritenendoti nato per il fatto che vivi e puoi dare il tuo contributo alla vita fortu- nel mondo. 2) Impara ad ammirare le bellezze della natura in tutte le sue forme, apprezzando l importanza di un ambiente pulito e favorevole all uomo. 3) Impara ad apprezzare anche la cultura e l arte che sono aspetti evoluti dell umanità e la possono aiutare a crescere. 4) Rispetta con convinzione profonda le regole che la società si è data, perché rappresentano la guida indispensabile per una serena convivenza. 5) Se noti incongruenze o dei difetti nella società, evita atteggiamenti disfattisti, ma impegnati per dare il tuo apporto al suo miglioramento. 6) Guardati intorno: anche nel piccolo orizzonte della tua quotidianità, c è sempre qualcuno che tu puoi aiutare. 7) Opera soprattutto a favore di coloro che non lo chiedono, perché spesso hanno più bisogno di altri. 8) Non pretendere ricompense per quello che offri agli altri e trova in te stesso la gioia di aver ben agito. 9) Cerca di trasmettere lo spirito della gentilezza intorno a te, così da coinvolgere sempre più persone in un progetto comune di perfezionamento della nostra natura di uomini. 10) Trova la forza e l entusiasmo per proseguire sul cammino della gentilezza, anche considerando che essa può produrre in te un importante benessere psicofisico. (da Gentletude ) L esortazione, quindi, di tutto il personale docente,non docente e del Dirigente scolastico della nostra scuola è: Fatti contagiare dalla gentilezza! Perché la gentilezza è il linguaggio che il sordo può sentire ed il cieco può vedere! Sii gentile e il mondo sarà migliore! I docenti del III C.D. Madre Teresa di Calcutta

12 INAUGURATO L ORTO URBANO DIDATTICO SOLIDALE Un albero della pace su un terreno sottratto al degrado ed allo spaccio per costruire la speranza di un futuro lontano dal crimine e dal malaffare. Il comune di Casalnuovo di Napoli dice no alle mafi e e affi da ai bambini delle scuole la coltivazione di un orto sottratto all imbarbarimento per una destinazione sociale. A coltivarlo saranno gli alunni delle scuole che hanno ripetutamente avanzato richiesta di spazi verdi in una cittadina soffocata dal cemento. Quasi tutti gl istituti, coadiuvati dai docenti, coltivano delle piantine a scuola, ma l aula è troppo piccola per svolgere un progetto di botanica. Dunque questa progettualità all avanguardia, che punta sulla sperimentazione delle nozioni teoriche. Lo spazio c è ed è a disposizione di tutti gli alunni delle scuole del territorio, che sono accorsi in massa alla cerimonia di inaugurazione dell orto della solidarietà dove è stato piantato anche l ulivo della pace contro i confl itti in veramente emozionato - dice Coppola- ci sono diversi tentativi di usurpare la maschera di Pulcinella,troppe pulcinellate in giro da parte dei furbi. Il mio erede lo cerco tra i bambini perché sono puri e amano l arte incondizionatamente. L orto della legalità si trova in viale dei Tigli, in un area adiacente Il secondo circolo didattico Forgione. Ora a seminare, appunto, i germogli di speranza saranno i bambini delle scuole. Legalità prima di tutto, dicono i bambini del primo circolo avanzando con uno striscione e L ulivo -spiega l assessore Angela Tuccillo - sarà il simbolo dell impegno sul fronte antiviolenza dei piccoli delle scuole del territorio che hanno piantato questo albero rivolgendo un pensiero nei confronti di tutti i popoli del mondo ed in particolare a quello Siriano. Entusiasmo viene espresso anche dal sindaco Antonio Peluso: Non si poteva non accogliere l invito dei ragazzi. A loro va tutta la nostra attenzione. L amministrazione sarà sempre dalla parte della scuola. Soltanto la cultura può sconfiggere la violenza e isolare il male. Partnership dell iniziativa sono l associazione Ethos, i rappresentanti di Confagricoltura e i Dirigenti scolastici del territorio. In serata si è svolta la prima rassegna di musica popolare con la partecipazione di Marcello Colasurdo, i Rarecanova ed il gruppo E Pertiche. Le musiche sono state intervallate dall esibizioni della scuola di ballo Dancing Room e della scuola di danza Notedarte. I bambini hanno sperimentato dal vivo anche come si impasta il pane, la lavorazione di formaggio e mozzarella. Il tutto accompagnato dalla degustazione agli stand gastronomici di pizza margherita, salsiccia, e succulenti dolci, nell ottica di valorizzare i prodotti nostrani contro la contraffazione e la commercializzazione selvaggia. Siria. A sostenere l iniziativa l assessore, alle politiche scolastiche Angela Tuccillo e il sindaco Antonio Peluso, che hanno organizzato persino un convegno per inaugurare alla grande quello che è stato già battezzato come orto antimafi a. Sono intervenuti Lucio Iavarone, portavoce del coordinamento comitato fuochi e l ultimo Pulcinella, il 75enne, Carmine Coppola, che ha ereditato la maschera da Eduardo De Filippo. A Coppola che ha recitato diversi monologhi denunciando lo scempio del territorio è stato conferito il premio alla carriera quale autentico, unico ed originale interprete della maschera di Pulcinella per la salvaguardia delle radici popolari e demoetnoantropologiche della Campania e del suo patrimonio di cultura. A festeggiarlo, le urla festanti dei bambini che invocavano il suo nome. Sono Buon orto a tutti con i prossimi appuntamenti. Dott. Francesco Mennella

13

14 Non è grossa, non è pesante la valigia dell emigrante... C è un po di terra del mio villaggio, per non restar solo in viaggio... un vestito, un pane, un frutto e questo è tutto. Ma il cuore no, non l ho portato: nella valigia non c è entrato. Troppa pena aveva a partire, oltre il mare non vuole venire. Lui resta, fedele come un cane. nella terra che non mi dà pane: un piccolo campo, proprio lassù Ed io non so se tornerò più.( G.RODARI) Negli ultimi anni si è assistito ad un forte aumento del fenomeno dell immigrazione clandestina, riconducibile per lo più al differente grado di benessere tra stati in via di sviluppo e stati sviluppati. Come sottolineano le vicende di cronaca, non c è giorno che clandestini, poveri derelitti, disperati senza nessuna illusione e senza niente da perdere provenienti dal Marocco, dall Algeria, dall Iraq, dalla Somalia, o da altri paesi corrano ad imbarcarsi sopra le decrepiti imbarcazioni che li porteranno non si sa dove, verso quella che credono la salvezza.molti di questi immigrati giungono sulle nostre coste con ogni mezzo disponibile, nascosti ovunque possibile, sopportando fatiche bestiali e molto spesso rischiando anche di morire durante il viaggio della speranza e tutto per trovare l Eldorado. Molto spesso è proprio la cri- Ogni mattina ci alziamo dal letto col pensiero fisso di dover andare a scuola e con l insoddisfazione per ciò che possediamo, ma Malala Yousafzai non si pone questo problema. Grazie a lei abbiamo capito l importanza dell istruzione dopo che le nostre professoresse Sofia Salvati e Annunziata Tancovi ci hanno mostrato il video in cui ella parla all ONU. Non mi importa di dovermi sedere sul pavimento a scuola. Voglio solo istruzione. E non ho paura di nessuno. Questo dice Malala, la quale pensa che i problemi principali che la società dovrebbe porsi siano: la mancanza di istruzione nei paesi come il Pakistan, la Nigeria, l India e l Afghanistan; le disuguaglianze tra la donna e l uomo; le continue guerre che colpiscono i paesi più poveri; la privazione dei diritti fondamentali. Ci sono milioni di bambini che vorrebbero andare a scuola ma le continue guerre nei loro paesi glielo impediscono e molti di loro sono costretti a lavorare in età precoce. In tutto il mondo milioni di donne vengono maltrattate o uccise; ed è per questo che Malala invita le donne a difendersi e a combattere per i propri diritti e per la propria indipendenza. Molti credono di essere superiori rispetto agli altri, ma tutti hanno il diritto di essere trattati con dignità; abbiamo, dunque, il diritto a vivere in pace, il diritto alle LA VALIGIA DELL EMIGRANTE minalità organizzata internazionale a gestire l ingresso clandestino, e questo rende il problema ancora più drammatico, basti pensare a quei trafficati che, dopo essere stati introdotti nei paesi di destinazione, vengono spesso inseriti nel modo criminale e sfruttati come fonti di nuovi profitti illeciti..sinceramente non so quale posizione prendere, ma sono sicuro che se non si giunge al più presto ad una soluzione del problema, questo si moltiplicherà all ennesima potenza. Mi sembrerebbe opportuno promuovere un accoglienza dignitosa per uomini e donne in fuga dalla povertà e dalla miseria, a volte dalle guerre e dalle persecuzioni, alla ricerca di un futuro migliore per sé e per i propri figli, che vogliono venire in Italia per lavorare legalmente ed inserirsi a pieno titolo nella nostra società, rispettandone le leggi e la cultura ma questo non vuol dire spalancare le porte all immigrazione, ma governare il fenomeno conciliando le ragioni della legalità con quelle dell ospitalità, le ragioni della sicurezza con quelle della solidarietà. Resta il fatto che siamo ancora molto diffidenti rispetto ai diversi e non ci ricordiamo che anche nella nostra storia è stato scritto un triste capitolo di immigrazione, come dimenticare le grandi navi o gli straripanti treni che partivano dal mezzogiorno per andare in America o in Europa, migliaia di sventurati con le valigie di cartone pronti all avventura, gente che accettava umili lavori pur di sopravvivere: ora la storia si ripete con l unica variante che i poveri del mondo, almeno in larga parte, non siamo noi.. ma aumentano sempre più. Classe 3^ F I.C.S. A. MORO MALALA: PRIMA L ISTRUZIONE pari opportunità e il diritto a essere educati. Malala conclude il suo discorso con una frase che ci ha colpito molto: Un bambino, un insegnante, una penna e un libro possono cambiare il mondo ; anche noi nel nostro piccolo possiamo fare la differenza rispettandoci gli uni con gli altri e aiutando chi ha bisogno. Sara Meglio, Federica d Errico 3 G Enrico De Nicola Malala durante il discorso all ONU con indosso uno scialle della defunta Benazir Bhutto. leader dell opposizione in Pakistan, morta in un attentato terroristico islamico il 27 Dicembre 2007.

15 UNA LETTERA E UN APPELLO DI UNA GIOVANE MAMMA...La Campania non deve morire. Una donna qualsiasi, non una vip, ma una napoletana che ha visto morire tanti bambini. L ultimo proprio nella scuola frequentata dalla figlia. Un piccolo di nove anni: nato in questa terra maledetta che ipoteca la vita dei nascituri inchiodandoli di fronte ad una triste realtà fatta di rifiuti e veleni. Appello: mamme non stiamo a guardare. Appendiamo un drappo di colore verde vicino le scuole delle zone a rischio. Un drappo verde simbolo della speranza per i tanti giovani che nascono nelle terre delle ecomafie. Verde, come il colore della natura violentata da uomini senza scrupoli. Basta con i complici silenzi. Via alle bonifiche, piantiamo girasoli. I girasoli bonificano a lungo andare la terra garantendo una sorta di bonifica naturale. Niente più croci bianchi e piccoli destinati ad un crudele destino. Si facciano studi seri ed approfonditi per stabilire il nesso di causa tra inquinamento ambientale e malattie tumorali. Titti Pellino Genitore I Circolo Didattico LA TERRA CI AMA. E NOI? L iniziativa a Casalnuovo dell Orto didattico L uomo è sempre stato incline allo sfruttare la natura senza preoccuparsi molto delle ripercussioni sulle generazioni successive. Per vedere gli effetti di questa condotta scellerata ci basta volgere lo sguardo sulla Terra dei Fuochi, il territorio avvelenato dai rifiuti, che ci ricorda quanto sia necessario non sottovalutare l importanza di una giusta prevenzione e cura dell ambiente. Casalnuovo è sempre stato un paese-dormitorio, dove il senso di appartenenza dei cittadini è limitato al domicilio. Le generazioni che crescono in questa terra non la vivono, né sentono un reale bisogno di amarla; il contatto con la natura è quasi assente, generando futuri adulti freddi e incapaci di apprezzare l ambiente in cui viviamo. Risulta quindi molto interessante l iniziativa promossa dall associazione di volontariato Ethos, che ha inaugurato il 28 settembre, con la supervisione della presidente Tonia Lezza e la vicepresidente Iolanda Meglio, un Orto didattico sul territorio di Casalnuovo, per favorire la sensibilizzazione. Lo scopo è quello di rendere bambini e ragazzi più attenti alla natura e di insegnar loro ad apprezzarla, prendendosi cura di essa. Il terreno, situato in viale dei Tigli, è aperto anche agli adulti volontari che desiderano riavvicinarsi alla natura, aiutando nella manutenzione del luogo in cui gli studenti delle scuole di Casalnuovo, ognuno nella propria area designata all interno dell orto, potranno riscoprire l unione con la natura. Se insegniamo alle nuove generazioni ad amare la Terra come un proprio genitore, potremo evitare molte Terre dei Fuochi future, con tutti i relativi problemi derivanti da un cattivo rapporto con il nostro ecosistema. Noemi Nappo III C liceo - ISIS Siani CI SONO PERSONE CHE NON SI DIMENTICANO Io penso che le persone non si dimenticano.canta LIGA- BUE. Non puoi dimenticare chi un giorno ti faceva sorridere, chi ti faceva battere il cuore, chi ti faceva piangere per ore intere. Le persone non si dimenticano. Cambia il modo in cui noi le vediamo, cambia il posto che occupano nel cuore, il posto che occupano nella nostra vita. Ci sono persone che hanno tirato fuori il meglio di me, eppure adesso tra noi, c è solamente un semplice ciao. Ci sono persone che hanno preso il mio cuore e lo hanno ridotto in mille pezzi, senza nemmeno pensarci due volte. Ci sono persone che sono entrate nella mia vita in punta di piedi e ne sono uscite esattamente nello stesso modo. Ci sono persone che hanno creato un gran casino, che hanno sconvolto i miei piani, che hanno confuso le mie idee. Ci sono persone che nonostante tutto, sono ancora parte della mia vita. Ci sono persone che sono arrivate e non sono più andate via. Ci sono persone che, anche se io non le ho mai sentite, ci sono sempre state. E poi ci sono persone che non fanno ancora parte della mia vita, ma che tra qualche anno forse, saranno le persone più importanti per me. Ci sono persone che: nonostante mi abbiano fatto versare lacrime, mi abbiano stravolto la vita mi hanno insegnato a vivere. Mi hanno insegnato a diventare quello che sono. E, anche se oggi tra noi resta solamente un sorriso o un semplice ciao, faranno per sempre parte della mia vita. Io non dimentico NESSUNO. Non dimentico chi ha toccato con mano, almeno per una volta la mia vita. Perchè se lo hanno fatto, significa che il destino ha voluto che mi scontrassi anche con loro prima di andare avanti. SCOGNAMIGLIO CIRO 3 F I.C.S. A. MORO IL SIANI AL MATTINO L emozione per la Mehari di Giancarlo Il 23 settembre è stato il 28 anniversario della morte di Giancarlo Siani, un giornalista precario de il Mattino, ucciso per aver denunciato la dura verità del suo paese. Noi alunni dell IISS G.Siani di Casalnuovo, una delegazione accompagnata dalle docenti Cammisa e Bifulco e da Angelica Romano, referente di Libera a Casalnuovo, ci siamo recati alla redazione de Il Mattino di Napoli, per partecipare ad un convegno sulla tematica della legalità con molti esponenti della Regione Campania, in attesa dell arrivo della Mehari, la famosa auto appartenuta a Giancarlo Siani, che ora finalmente è stata recuperata e rimessa in circolazione, a testimonianza del lavoro del giornalista. All arrivo dell auto c è stato un attimo di silenzio che esprimeva emozioni indescrivibili da parte di tutti i presenti. Subito dopo si è svolta la premiazione degli autori dei libri che hanno saputo raccontare al meglio la verità del nostro territorio, come aveva fatto appunto Giancarlo. Vari gli ospiti alla cerimonia, tra i quali Roberto Saviano, che ha dedicato parole molto toccanti a Siani; erano presenti anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris e il Presidente di Libera, don Luigi Ciotti, i quali hanno voluto ricordare la morte del giornalista, che ha lottato per pubblicare e rendere nota la triste realtà della malavita organizzata che operava sotto i suoi occhi. È stata un esperienza a dir poco emozionante, che ha suscitato in me la voglia di sapere e di far conoscere a tutti quello che accade nel nostro territorio. Antonio Di Sauro - V D ITE - ISIS Siani

16 In attuazione del Regolamento per l istituzione del Consiglio Comunale dei ragazzi di Casalnuovo di Napoli, l Assessorato alla Cultura ed alle Politiche scolastiche, unitamente alle Istituzioni scolastiche del territorio, indicono l elezione del consiglio comunale dei ragazzi per il giorno 15 novembre Si evidenzia che l elettorato attivo e passivo è costituito dagli alunni di IV e V elementare e I, II e III classe media. Le richieste di partecipazione vanno presentate presso la segreteria della propria scuola entro il 28 ottobre Il CCR è costituito da un numero di Consiglieri, così eletti: n 4 consiglieri eletti per ogni Istituto Comprensivo; n 2 consiglieri eletti per ogni Circolo Didattico; n 2 consiglieri eletti per ogni Istituto Paritario con classi primarie. Il bando completo è scaricabile dal sito del comune di Casalnuovo di Napoli: oppure consultabile presso l uffi cio comunale - politiche scolastiche e formative - in viale dei cedri. Il programma mira a creare una speciale collaborazione tra la scuola ed il Comune, offrendo opportunità di apprendimento e supporto alla realizzazione di idee, che diventano presupposto per una cittadinanza democratica e partecipativa. Il progetto del Consiglio Comunale dei Ragazzi CCR nasce dalla convinzione che questa iniziativa costituisce una concreta opportunità di crescita civile e democratica. Il CCR, rappresentato dal baby sindaco e dai baby consiglieri, vuole essere un organo attraverso cui i giovani possano comunicare e dar voce alle proprie idee, di educazione alla cittadinanza, di avvicinamento alla vita pubblica e un momento di incontro con le autorità pubbliche, che hanno così l occasione di consultarli. Chiocciolapuntoit Casalnuovo Obiettivi dell iniziativa sono: Offrire occasioni nelle quali i bambini e i ragazzi si sentano liberi di esprimersi, favorendo il dialogo, l ascolto, la comprensione e il rispetto. Promuovere la partecipazione alla vita cittadina. Favorire lo spirito critico e la creatività. Imparare ad osservare la realtà, individuare le problematicità e proporre soluzioni. Sviluppare le potenzialità di ciascuno all interno di un gruppo di lavoro. Conoscere i fondamentali diritti e doveri e l importanza delle regole all interno di un gruppo. Favorire l incontro generazionale. L ASSESSORE Dott.ssa Angela Tuccillo CHIOCCIOLAPUNTOIT Anno 3 n.1 Ottobre 2013 Reg. Tribunale di Nola n. 1/2012 Direttore Responsabile Dott. Michelangelo Riemma Sede: Via Pigna Casalnuovo di Napoli Stampa D&A GRAPHIC La redazione: Allocca Maria Barbati Rossella Bartoli Daniela Cestaro Anna Maria Dell Aquila Patrizia De Martino Giovanna Esposito Assunta Ferrara Maria Frattiello Anna Maria Grasso Anna Leone Maria Marmo Marina Mennella Francesco Monda Luigi Montanino Anastasia Napolitano Maria Notariale Sergio Ozzauto Flora Assunta Passaro Giovanna Ponticelli Pietro Terracciano Assunta Terracciano Giuseppina Valentino Rosanna Verde Gennaro Visone Serena

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO G.B. PUERARI Via IV Novembre,34-26048 SOSPIRO (CR) - c.f. 93037640195 Tel. 0372 623476 telefax 0372 623372 E-mail: cree025005@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA Anno scolastico 2012-2013 Presentazione Si riparte! L inizio di un nuovo anno scolastico è un momento impegnativo per i bambini e per i genitori che iniziano

Dettagli

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME NELLA GIOIA. Per l anno educativo 2014/15 proponiamo ai bambini un viaggio nel mondo dell alimentazione: partendo dalla

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31 44121

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza Scuola dell Infanzia Paritaria Beato G. Nascimbeni Via Fossà 1, 37010 Castelletto di Brenzone (VR) Tel. 045.6598480 Fax 045.6598481 e-mail: infanziacastelletto@pssf.it Progetto accoglienza Premessa I primi

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Il mondo intorno a noi

Il mondo intorno a noi Il mondo intorno a noi SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Le insegnanti, Germana Liani Giovanna d Isanti 1 Loredana Camiscia Angela Tomasi SCUOLA DELL INFANZIA DI CASOLABERZANTINA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA Questa è una programmazione di una scuola d infanzia statale. Un ora e mezza alla settimana i bambini hanno un insegnante specifica

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40

QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40 QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40 Vieni volentieri a Scuola? Sì 76 In parte 8 No 5 Sì, perché? Imparo cose Faccio nuove Soddisfo la nuove

Dettagli

Programmazione didattica annuale

Programmazione didattica annuale A.S. 2014-2015 Programmazione didattica annuale *Scuola dell Infanzia Carlo Pizzala 22030 ORSENIGO Via Baragiola, 1 C.F./P.I. 00648820132 Revisione 06.10.2014 EXPLORANDO L il PIANETA a.s. 2014/2015 Progetto

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 Anche quest anno ormai sta volgendo al termine. Con tanta gioia nel cuore posso

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI Dove ci troviamo La scuola G. Mazzini si trova a Legnano in piazza Trento e Trieste. Si colloca in una zona strategica poiché comodamente raggiungibile dal centro di Legnano,

Dettagli

Emozioni e creatività

Emozioni e creatività Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Voglio che voi vi raffiguriate la tanto usata immagine del Pensatore di Rodin. Voglio che vi immaginiate

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni GIROTONDO DI PAROLE Edizioni Associazione Culturale Lecce,. Preg.ma/o Dirigente dell Istituto Scolastico e p.c. alla/al Responsabile dei Progetti Buongiorno, mi chiamo Alessandra Toma e con la mia Associazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono

Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono A BRACCIA APERTE Unità di apprendimento IRC sul Natale Anno scolastico 2013-2014 MOTIVAZIONI L esperienza personale intorno alla quale ruota tutto il percorso

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Che cos è il Piano dell Offerta Formativa (POF)

Che cos è il Piano dell Offerta Formativa (POF) Che cos è il Piano dell Offerta Formativa (POF) DEFINIZIONE COME NASCE Documento fondamentale dell Istituto Comprensivo: lo identifica dal punto di vista culturale e progettuale, ne esplicita la progettazione

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La scatola dei pensieri sparsi

La scatola dei pensieri sparsi La scatola dei pensieri sparsi In tutte le classi prime di scuola secondaria e, dunque, non solo in quella sperimentale, e stata proposta la creazione de La scatola dei pensieri sparsi(strumento anonimo).

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

FESTA DI NATALE: CACCIA AL DONO DI NATALE! Scuola di Valla di Riese

FESTA DI NATALE: CACCIA AL DONO DI NATALE! Scuola di Valla di Riese FESTA DI NATALE: CACCIA AL DONO DI NATALE! Scuola di Valla di Riese Premessa: La programmazione annuale della scuola di Vallà di Riese ha come tematica: IO SONO, TU SEI, NOI SIAMO.UN DONO SPECIALE! L obiettivo

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli