Lezioni adattate. Lezioni adattate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1-2-3. Lezioni adattate. Lezioni adattate"

Transcript

1 1-2-3 Lezioni adattate Lezioni adattate n Tutti i temi e gli argomenti dei tre anni di corso di Orsa Maggiore sono qui riproposti adattati, con carattere ad alta leggibilità, per venire incontro alle diverse esigenze che pone una classe variegata, in cui siano ad esempio presenti ragazzi con BES, aventi bisogni educativi speciali generati da condizioni fisiche o da fatti personali o ambientali sfavorevoli, o ragazzi con DSA, ossia con disturbi specifici dell apprendimento come la dislessia, la discalculia, la disortografia e la disgrafia. Le lezioni sono accompagnate da schemi e mappe per una rapida visualizzazione dei contenuti e da semplici esercizi di recupero impostati per conoscenze, competenze e abilità _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

2 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

3 Concetti di base della geografia 1 CHE COS È LA GEOGRAFIA? DEFINIZIONE DI GEOGRAFIA: È LA SCIENZA CHE STUDIA IL MONDO LA GEOGRAFIA PUÒ ESSERE: FISICA (RIGUARDA LA NATURA DESCRIVE LE MONTAGNE, I FIUMI, I LAGHI...) UMANA (RIGUARDA L UOMO E DESCRIVE GLI STATI, LE CITTÀ, LA POPOLAZIONE ) LEZIONI ADATTATE Classe 1 2 COME ORIENTARSI? DEFINIZIONE DI ORIENTAMENTO: SAPERE DOVE CI SI TROVA PER ORIENTARCI IN OGNI LUOGO DELLA TERRA DOBBIAMO USARE DEI PUNTI DI RIFERIMENTO FISSI, DETTI PUNTI CARDINALI. I PUNTI CARDINALI SONO: NORD: INDICATO DI NOTTE DALLA STELLA POLARE SUD: DOVE SI TROVA IL SOLE A MEZZOGIORNO OVEST: DETTO OCCIDENTE, DOVE IL SOLE TRAMONTA EST: DETTO ORIENTE, DOVE IL SOLE SORGE 3 COS È IL PIANETA TERRA? DEFINIZIONE DI PIANETA TERRA: È UNO DEI PIANETI DEL SISTEMA SOLARE Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

4 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Concetti di base della geografia 4 COM È FATTO IL PIANETA TERRA? IL PIANETA TERRA HA LA FORMA DI UNA SFERA LEGGERMENTE SCHIACCIATA. LA TERRA È DIVISA IN DUE PARTI: L EMISFERO BOREALE A NORD L EMISFERO AUSTRALE A SUD L EQUATORE È LA CIRCONFERENZA PIÙ GRANDE CHE DIVIDE I DUE EMISFERI 5 COM È SUDDIVISO IL PIANETA TERRA? I GEOGRAFI HANNO SUDDIVISO IL PIANETA TERRA IN UNA RETE DI LINEE IMMAGINARIE, DETTE PARALLELI E MERIDIANI, CHE SERVONO PER LOCALIZZARE OGNI PUNTO SULLA SUPERFICIE TERRESTRE. I PARALLELI: SONO CIRCONFERENZE, TAGLIANO LA TERRA A FETTE ORIZZONTALI CIOÈ IN TANTI CERCHI IL PARALLELO PIÙ LUNGO È L EQUATORE ALTRI PARALLELI IMPORTANTI SONO I DUE TROPICI E I DUE CIRCOLI POLARI I MERIDIANI: HANNO TUTTI LA STESSA LUNGHEZZA, TAGLIANO LA TERRA IN SPICCHI VERTICALI, DAL POLO NORD AL POLO SUD IL MERIDIANO PIÙ IMPORTANTE È QUELLO DI GREENWICH, IN INGHILTERRA, DETTO MERIDIANO ZERO PER SAPERE ESATTAMENTE DOVE SI TROVA UN LUOGO BISOGNA CONOSCERE LE SUE COORDINATE GEOGRAFICHE, CIOÈ LA LATITUDINE E LA LONGITUDINE. ESSE SI MISURANO IN GRADI. LA LATITUDINE È LA DISTANZA DEL PUNTO DALL EQUATORE, CHE PUÒ ESSERE NORD O SUD. LA LONGITUDINE È LA DISTANZA DEL PUNTO DAL MERIDIANO DI GREENWICH, CHE PUÒ ESSERE EST O OVEST. 372 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

5 6 COS È UNA CARTA GEOGRAFICA? DEFINIZIONE DI CARTA GEOGRAFICA: È UN DISEGNO CHE RAPPRESENTA UN TERRITORIO TUTTE LE CARTE GEOGRAFICHE SONO RIDOTTE, DEFORMATE E APPROSSIMATE. CI SONO DIVERSI TIPI DI CARTE GEOGRAFICHE: CARTA TOPOGRAFICA: RAPPRESENTA UNA PARTE DI TERRITORIO PIÙ GRANDE Concetti di base della geografia LEZIONI ADATTATE Classe 1 MAPPA O PIANTA: RAPPRESENTA UN TERRITORIO PIÙ PICCOLO CARTA FISICA: RAPPRESENTA GLI ASPETTI NATURALI (MONTAGNE, FIUMI...) Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

6 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Concetti di base della geografia CARTA POLITICA: RAPPRESENTA I CONFINI DEGLI STATI E LE CITTÀ CARTA TEMATICA: RAPPRESENTA CON COLORI DIVERSI ASPETTI SPECIFICI DEL TERRITORIO (CARTA STRADALE, CARTA ECONOMICA) OGNI CARTA GEOGRAFICA HA DEI SIMBOLI CHE VENGONO SPIEGATI NELLA LEGENDA (UN RIQUADRO SULLA CARTA). 7 COSA SI PUÒ USARE AL POSTO DELLE CARTE GEOGRAFICHE? IN ALTERNATIVA ALLE CARTE GEOGRAFICHE PER RAPPRESENTARE I DATI SI USANO LE TABELLE E I GRAFICI. 374 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

7 NELLE TABELLE SI SCRIVONO I DATI IN ORDINE IN RIGHE E IN COLONNE PER FARE DEI CONFRONTI. Concetti di base della geografia LEZIONI ADATTATE Classe 1 NEI GRAFICI I DATI VENGONO RAPPRESENTATI E CONFRONTATI SOTTO FORMA DI UN DISEGNO MOLTO SEMPLICE COMPRENSIBILE CON UN SOLO SGUARDO. I GRAFICI PIÙ USATI SONO A TORTA E A COLONNE Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

8 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Concetti di base della geografia GEOGRAFIA COME SCIENZA FISICA UMANA ORIENTAMENTO suddivisione PUNTI CARDINALI reale immaginaria pianeta terra distanza concetti di base della geografia rappresentazione carte geografiche tabelle grafici TOPOGRAFICA A TORTA MAPPA A COLONNE FISICA POLITICA TEMATICA 376 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

9 suddivisione reale emisfero emisfero boreale australe equatore Concetti di base della geografia suddivisione immaginaria paralleli meridiani equatore greenwich LEZIONI ADATTATE Classe 1 pianeta terra distanza coordinate geografiche latitudine longitudine dall equatore da greenwich Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

10 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Concetti di base della geografia Nome... Classe... Data... ESERCIZI DI RECUPERO CONOSCENZE 1 COSA STUDIA LA GEOGRAFIA FISICA? A. LA LARGHEZZA B. LA NATURA C. LA POPOLAZIONE D. LA DISTANZA 2 IN CHE DIREZIONE TRAMONTA IL SOLE? A. NORD B. SUD C. OVEST D. EST 3 LA TERRA È DIVISA IN 2 PARTI. QUALI? A. EMISFERO BOREALE E AUSTRALE B. CIRCOLO POLARE ARTICO E ANTARTICO C. TROPICO DEL CANCRO E DEL CAPRICORNO 4 COME PUÒ ESSERE LA LONGITUDINE? A. NORD O SUD B. EST O OVEST C. NORD O EST D. SUD 378 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

11 ESERCIZI DI RECUPERO COMPETENZE DOMANDE DEL SE Concetti di base della geografia Nome... Classe... Data... 1 SE TI TROVASSI IN UNA CITTÀ NUOVA DI NOTTE, SENZA ALCUNO STRUMENTO, COSA FARESTI PER ORIENTARTI? A. INDIVIDUO LA STELLA POLARE, CHE MI INDICA IL SUD B. INDIVIDUO LA STELLA POLARE, CHE MI INDICA IL NORD C. CERCO LA POSIZIONE DELLA LUNA, CHE MI INDICA IL NORD LEZIONI ADATTATE Classe 1 2 SE DOVESSI FAR VEDERE AD UN TUO COMPAGNO LA STRADA PER ANDARE NEL CENTRO DELLA CITTÀ, COSA USERESTI? A. UNA CARTA TEMATICA B. UNA CARTA TOPOGRAFICA C. UNA MAPPA D. UNA CARTA FISICA ESERCIZI DI RECUPERO ABILITà PROVA A 1 OSSERVA LA SEGUENTE FIGURA DEL PIANETA TERRA. PROVA AD INSERIRE NEL GIUSTO POSTO I SEGUENTI TERMINI: A. POLO NORD B. MERIDIANO C. EQUATORE Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

12 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Concetti di base della geografia Nome... Classe... Data... 2 OSSERVA LA SEGUENTE CARTINA DELL ITALIA. PROVA A INDIVIDUARE LA POSIZIONE DI MILANO RISPETTO ALLE ALTRE CITTÀ: A. SUD DI TORINO B. OVEST DI VENEZIA C. EST DI VENEZIA 380 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

13 Clima e ambienti naturali 1 CHE COS È IL CLIMA? DEFINIZIONE DI CLIMA: INDICA DIVERSI ASPETTI DELL ATMOSFERA, COME LA TEMPERATURA, TEMPERATURA: LE PRECIPITAZIONI, LA PRESSIONE, PRESENTI IN UN PAESE INDICA PER SE TANTO L ARIA TEMPO INTORNO A NOI È CALDA O FREDDA LA TEMPERATURA: INDICA SE L ARIA INTORNO A NOI è CALDA O FREDDA SI MISURA IN GRADI CELSIUS ( C) NEI PAESI VICINI ALL EQUATORE È PIÙ ALTA NEI PAESI PIÙ LONTANI DALL EQUATORE È PIÙ BASSA LEZIONI ADATTATE Classe 1 LE PRECIPITAZIONI SONO LA PIOGGIA E LA NEVE. COME SI FORMANO? L ACQUA DEL MARE EVAPORA (PASSA DALLO STATO LIQUIDO A QUELLO GASSOSO) GRAZIE AL CALORE DEL SOLE IL VAPORE ACQUEO (LA PARTE GASSOSA) FORMA LE NUVOLE LE NUVOLE QUANDO INCONTRANO L ARIA FREDDA SI TRASFORMANO IN PIOGGIA (CIOÈ TORNANO ALLO STATO LIQUIDO) QUANDO PIOVE C È MOLTA UMIDITÀ (CIOÈ NELL ARIA C È MOLTA ACQUA) LE NUVOLE QUANDO INCONTRANO L ARIA MOLTO FREDDA SI TRASFORMANO IN NEVE (CIOÈ PASSANO AD UNO STATO SOLIDO) LA PRESSIONE: INDICA IL PESO DELL ARIA L ARIA FREDDA È PIÙ PESANTE E SCENDE VERSO IL BASSO (SI DICE BASSA PRESSIONE) L ARIA CALDA È PIÙ LEGGERA E SALE VERSO L ALTO (SI DICE ALTA PRESSIONE) PRECIPITAZIONI NUBI EVAPORAZIONE Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

14 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Clima e ambienti naturali IL VENTO È ARIA CHE SI SPOSTA SEMPRE DALLA ZONA PIÙ FREDDA A QUELLA PIÙ CALDA 2 COSA SONO GLI AMBIENTI NATURALI? DEFINIZIONE DI AMBIENTI NATURALI: SONO L INSIEME DELLA FLORA (PIANTE), FAUNA (ANIMALI) E DEL PAESAGGIO (CLIMA, ASPETTO DELLA TERRA), CHE CIRCONDANO GLI ESSERI UMANI 3 QUALI SONO I PRINCIPALI AMBIENTI NATURALI IN EUROPA? I PRINCIPALI AMBIENTI NATURALI IN EUROPA SONO: LA REGIONE MEDITERRANEA CHE COMPRENDE: FLORA: PINI E GINEPRI FAUNA: LEPRI, DELFINI, UCCELLI MIGRATORI PAESAGGIO: ULIVI, VITI E GRANO alberi di ulivo 382 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

15 LA REGIONE ATLANTICA CHE COMPRENDE: FLORA: LATIFOGLIE, CONIFERE E BRUGHIERE FAUNA: GABBIANI, LEPRI E CERVI PAESAGGIO: AGRICOLO LA REGIONE CONTINENTALE CHE COMPRENDE: FLORA: PRATERIE E QUERCE FAUNA: GUFI, CINGHIALI, ORSI BRUNI E TALPE PAESAGGIO: AGRICOLO Clima e ambienti naturali BRUGHierA LEZIONI ADATTATE Classe 1 PRATERIA LA REGIONE SUBARTICA CHE COMPRENDE: FLORA: CONIFERE FAUNA: LUPI, ORSI, LINCI E RENNE PAESAGGIO: TAIGA (FORESTA DI CONIFERE) TAIGA VISTA DALL ALTO LA REGIONE ARTICA CHE COMPRENDE: FLORA: MUSCHI E LICHENI FAUNA: ORSI BIANCHI E FOCHE PAESAGGIO: TUNDRA (PIANURA SENZA ALBERI) TUNDRA Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

16 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Clima e ambienti naturali TABELLA RIASSUNTIVA DEL CLIMA E DEGLI AMBIENTI IN EUROPA AMBIENTE CLIMA INVERNO: MITE (NON TROPPO FREDDO) REGIONE MEDITERRANEA ESTATE: CALDA E SECCA (POCHE PIOGGE) INVERNO: FREDDO REGIONE ATLANTICA ESTATE: VENTILATA E PIOVOSA REGIONE CONTINENTALE REGIONE SUBARTICA REGIONE ARTICA INVERNO: FREDDO ESTATE: CALDA INVERNO: RIGIDO ESTATE: FRESCA INVERNO: MOLTO RIGIDO ESTATE: BREVE E FRESCA 4 QUALI SONO I PRINCIPALI AMBIENTI NATURALI IN ITALIA? I PRINCIPALI AMBIENTI NATURALI IN ITALIA SONO: LA REGIONE ALPINA CHE COMPRENDE: FLORA: BOSCHI, PRATI, MUSCHI E LICHENI FAUNA: STAMBECCHI, CAMOSCI, MARMOTTE E AQUILE REALI PAESAGGIO: MONTANO 384 Classe 1. Lezioni adattate PAESAGGIO ALPINO PAESAGGIO ALPINO 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

17 LA REGIONE LIGURE-TIRRENICA CHE COMPRENDE: FLORA: MACCHIA MEDITERANNEA FAUNA: LEPRI, DELFINI E UCCELLI MIGRATORI PAESAGGIO: AGRICOLO E COSTIERO LA REGIONE PADANA CHE COMPRENDE: FLORA: BOSCHI DI LATIFOGLIE FAUNA: POCHI ANIMALI PAESAGGIO: PIANEGGIANTE, AGRICOLO E INDUSTRIALE Clima e ambienti naturali COSTA LIGURE LEZIONI ADATTATE Classe 1 LA REGIONE ADRIATICA CHE COMPRENDE: FLORA: BASSI ARBUSTI FAUNA: DELFINI E GABBIANI PAESAGGIO: COSTIERO E SABBIOSO PIANURA PADANA COSTA ADRIATICA LA REGIONE APPENNINICA CHE COMPRENDE: FLORA: BOSCHI DI CASTAGNI, FAGGI E QUERCE FAUNA: SCOIATTOLI, VOLPI E LUPI PAESAGGIO: MONTANO E COLLINARE LA REGIONE CALABRO-INSULARE CHE COMPRENDE: FLORA: PALME E FICHI D INDIA FAUNA: PESCI E UCCELLI PAESAGGIO: COSTIERO, INSULARE E AGRICOLO PAESAGGIO APPENNINICO COSTA CALABRESE Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

18 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Clima e ambienti naturali TABELLA RIASSUNTIVA DEL CLIMA E DEGLI AMBIENTI IN ITALIA AMBIENTE CLIMA INVERNO: FREDDO E LUNGO REGIONE ALPINA ESTATE: BREVE E FRESCA INVERNO: MOLTO TIEPIDO REGIONE LIGURE-TIRRENICA ESTATE: CALDA INVERNO: FREDDO REGIONE PADANA ESTATE: CALDA REGIONE ADRIATICA REGIONE APPENNINICA REGIONE CALABRO-INSULARE INVERNO: MITE ESTATE: CALDA E SECCA INVERNO: FREDDO ESTATE: FRESCA INVERNO: MOLTO MITE ESTATE: MOLTO CALDA E SECCA 386 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

19 TEMPERATURA (IN GRADI) CALDA FREDDA ELEMENTI Clima e ambienti naturali PRECIPITAZIONI UMIDITà LEZIONI ADATTATE Classe 1 DEL CLIMA PRESSIONE BASSA/FREDDA VENTO ALTA/CALDA Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

20 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Clima e ambienti naturali FLORA in italia FAUNA AMBIENTI NATURALI PAESAGGIO in europa alpino mediterraneo ligure-tirrenico atlantico padano continentale adriatico subartico e artico appenninico calabro-insulare 388 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

21 ESERCIZI DI RECUPERO CONOSCENZE 1 QUALI SONO GLI ELEMENTI DEL CLIMA? A. TEMPERATURA, AMBIENTE E PRECIPITAZIONI B. FLORA, FAUNA E PAESAGGIO C. TEMPERATURA, PRECIPITAZIONI E PRESSIONE D. FLORA, FAUNA E TEMPERATURA Clima e ambienti naturali Nome... Classe... Data... LEZIONI ADATTATE Classe 1 2 VICINO ALL EQUATORE COM È LA TEMPERATURA? A. TIEPIDA B. FRESCA C. MOLTO FREDDA D. MOLTO CALDA 3 QUANTE SONO LE ZONE CLIMATICHE IN ITALIA? A. SEI B. OTTO C. CINQUE D. TRE 4 QUALI CARATTERISTICHE HA LA MACCHIA MEDITERRANEA? A. MUSCHI, CONIFERE, ORSI B. ALBERI, ULIVI, DELFINI C. LATIFOGLIE, PINI, GABBIANI D. MUSCHI, ULIVI, DELFINI Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

22 LEZIONI ADATTATE Classe 1 Clime e ambienti naturali Nome... Classe... Data... 5 COM È IL CLIMA NELLA REGIONE PADANA? A. INVERNO FREDDO ED ESTATE CALDA B. INVERNO RIGIDO ED ESTATE CALDA C. INVERNO MITE ED ESTATE FRESCA D. INVERNO TIEPIDO ED ESTATE SECCA 6 COME SI FORMA LA PIOGGIA? A. DALL INCONTRO TRA NUVOLE E ARIA MOLTO FREDDA B. DALL INCONTRO TRA NUVOLE E SOLE C. DALL INCONTRO TRA NUVOLE E ARIA FREDDA D. DALL INCONTRO TRA SOLE E ARIA FREDDA ESERCIZI DI RECUPERO DOMANDE DEL SE COMPETENZE 1 SE TI TROVASSI IN UN PAESINO DEGLI APPENNINI QUALE ANIMALE POTRESTI INCONTRARE? A. LO SCOIATTOLO B. IL DELFINO C. IL LEONE 2 SE DECIDESSI DI TRASCORRERE LE VACANZE ESTIVE IN UNA ZONA EUROPEA MOLTO CALDA DOVE ANDRESTI? A. IN GERMANIA B. IN INGHILTERRA C. IN NORVEGIA D. IN SPAGNA 390 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

23 ESERCIZI DI RECUPERO ABILITà PROVA A Clime e ambienti naturali Nome... Classe... Data... 1 OSSERVA LA SEGUENTE FIGURA DELL ITALIA. PROVA AD INSERIRE NEL POSTO GIUSTO I SEGUENTI TERMINI: A. REGIONE ALPINA B. REGIONE APPENNINICA C. REGIONE CALABRO-INSULARE LEZIONI ADATTATE Classe 1 2 OSSERVA LA SEGUENTE IMMAGINE DI UN AMBIENTE TIPICO DELL EUROPA. PROVA AD INDIVIDUARE A QUALE REGIONE APPARTIENE: A. REGIONE ARTICA B. REGIONE CONTINENTALE C. REGIONE SUBARTICA Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

24 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia fisica: le acque e le terre emerse 1 CHE COS È LA GEOGRAFIA FISICA? DEFINIZIONE DI GEOGRAFIA FISICA: STUDIA TUTTI GLI ELEMENTI DELLA NATURA (FIUMI, LAGHI, MONTAGNE, PIANURE, COLLINE ECC.) 2 L ACQUA L ACQUA OCCUPA LA MAGGIOR PARTE DELLO SPAZIO SUL PIANETA TERRA: È SALATA NEI MARI E NEGLI OCEANI (97,5%) NON È SALATA IN ALCUNI LAGHI O FIUMI (2,5%) NON SI ESAURISCE MAI GRAZIE AL CICLO DELL ACQUA EVAPORAZIONE SOLE FORMAZIONE DELLE NUVOLE PRECIPITAZIONI I GHIACCIAI: SONO DISTESE DI GHIACCIO SI TROVANO AL POLO NORD E AL POLO SUD RICOPRONO VASTE SUPERFICI SI FORMANO GRAZIE ALL ACCUMULO DI GRANDI QUANTITÀ DI NEVE CHE SI TRASFORMANO IN GHIACCIO QUANDO LE TEMPERATURE SCENDONO SOTTO LO ZERO SI SCIOLGONO IN PARTE GRAZIE AL CALORE DEL SOLE E CREANO DEI CORSI D ACQUA 392 Classe 1. Lezioni adattate GHIACCIAIO 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

25 LE ACQUE DOLCI SONO: 1 LA SORGENTE (È L ORIGINE DELLE ACQUE, CHE DERIVANO DALLO SCIOGLIMENTO DEI GHIACCIAI E QUINDI SPESSO SI TROVA IN MONTAGNA) 2 IL RUSCELLO (È UN PICCOLO CORSO IN CUI SCORRE L ACQUA DELLA SORGENTE) 3 IL TORRENTE (È UN INSIEME DI PIÙ RUSCELLI) 4 IL FIUME (È UN CORSO D ACQUA PIÙ GRANDE CHE SI FORMA IN PIANURA DALL UNIONE DI PIÙ TORRENTI) 5 IL LAGO (È UNA DISTESA DI ACQUA CHE SPESSO È FORMATA DA UN FIUME CHE SCORRE SU UN GRANDE SCAVO NATURALE) 6 L AFFLUENTE (È UN FIUME PIÙ PICCOLO CHE SI INSERISCE IN UN FIUME PIÙ GRANDE) 7 LA FOCE (È LA PARTE FINALE DEL FIUME CHE SI GETTA NEL MARE) LA FOCE PUÒ ESSERE: AD ESTUARIO QUANDO IL FIUME NON FORMA ISOLE A DELTA QUANDO IL FIUME FORMA DELLE ISOLE La geografia fisica: le acque e le terre emerse LEZIONI ADATTATE Classe Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

26 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia fisica: le acque e le terre emerse NELLA SEGUENTE TABELLA TROVERAI I PRINCIPALI FIUMI D EUROPA DA OVEST A EST NELLA CARTINA (I FIUMI PIÙ LUNGHI D EUROPA SONO IN GRASSETTO) STATO D EUROPA FIUME FRANCIA RODANO LOIRA SENNA INGHILTERRA TAMIGI ITALIA PO GERMANIA RUSSIA POLONIA DANUBIO RENO ELBA VOLGA DNEPR DON URAL VISTOLA NELLA SEGUENTE TABELLA TROVERAI I PRINCIPALI LAGHI D EUROPA DA OVEST A EST NELLA CARTINA (I LAGHI PIU GRANDI D EUROPA SONO IN GRASSETTO) STATO D EUROPA SVEZIA RUSSIA LAGO VÄNERN LADOGA ONEGA 394 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

27 DANUBIO DNEPR VISTOLA 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd 395 RODANO LOIRA SENNA TAMIGI PO ELBA LAGO VANERN LEZIONI ADATTATE Classe 1 DON LAGO LADOGA LAGO ONEGA VOLGA URAL La geografia fisica: le acque e le terre emerse Classe 1. Lezioni adattate /02/14 18:14

28 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia fisica: le acque e le terre emerse NELLA SEGUENTE TABELLA TROVERAI I PRINCIPALI FIUMI D ITALIA DA NORD A SUD NELLA CARTINA (I FIUMI PIU LUNGHI D ITALIA SONO IN GRASSETTO) REGIONE FIUME PIEMONTE PO TANARO LIGURIA TANARO LOMBARDIA PO ADDA OGLIO MINCIO TRENTINO ALTO-ADIGE VENETO FRIULI VENEZIA-GIULIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA LAZIO ABRUZZO BASILICATA SARDEGNA ADIGE BRENTA PO BRENTA PIAVE TAGLIAMENTO ISONZO PO ARNO TEVERE SANGRO BASENTO TIRSO 396 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

29 La geografia fisica: le acque e le terre emerse NELLA SEGUENTE TABELLA TROVERAI I PRINCIPALI LAGHI D ITALIA DA NORD A SUD NELLA CARTINA (I LAGHI PIU GRANDI D ITALIA SONO IN GRASSETTO) REGIONE LAGO PIEMONTE LAGO MAGGIORE LAGO D ORTA LOMBARDIA LAGO DI COMO LAGO D ISEO LAGO DI GARDA TRENTINO ALTO -ADIGE LAGO DI GARDA LEZIONI ADATTATE Classe 1 VENETO UMBRIA LAZIO LAGO DI GARDA LAGO TRASIMENO BOLSENA LAGO DI COMO LAGO MAGGIORE LAGO D ORTA LAGO D ISEO ADIGE TAGLIAMENTO PO ADDA OGLIO MINCIO LAGO DI GARDA PIAVE BRENTA PO ISONZO ARNO LAGO TRASIMENO LAGO DI BOLSENA TEVERE SANGRO BASENTO Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

30 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia fisica: le acque e le terre emerse LE GRANDI DISTESE D ACQUA SONO: I MARI (CHE CIRCONDANO LE TERRE EMERSE) GLI OCEANI (MARI MOLTO GRANDI) GRAZIE AL MOVIMENTO CONTINUO DELLE ACQUE DEI MARI E DEGLI ONDE OCEANICHE OCEANI SI POSSONO CREARE: LE CORRENTI MARINE (CHE SI SPOSTANO PER MIGLIAIA DI CHILOMETRI) LE ONDE (CHE SI SPOSTANO PER DISTANZE MINORI) LE COSTE: SONO LA PARTE DI TERRA A CONTATTO CON IL MARE POSSONO ESSERE ALTE E ROCCIOSE OPPURE BASSE SPIAGGE DI SABBIA 3 LE TERRE EMERSE COSTA INGLESE, ALTA E ROCCIOSA LE TERRE EMERSE COMPRENDONO LE MONTAGNE, LE COLLINE, LE PIANURE E LE VALLI. LE MONTAGNE: SONO DEI RILIEVI DELLA SUPERFICIE TERRESTRE HANNO UN ALTEZZA MINIMA DI 600 METRI HANNO UNA PARTE PIÙ ALTA CHIAMATA CIMA O VETTA, CHE SPESSO È A PUNTA SI SONO FORMATE DAL MOVIMENTO TRA DUE ZOLLE DELLA TERRA CHE, IN SEGUITO ALLO SCONTRO RECIPROCO, SI SONO POI SOLLEVATE MONTAGNE 398 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

31 IL VULCANO: È UNA MONTAGNA CON UNA FORMA PARTICOLARE CHE HA UNA APERTURA IN CIMA CHIAMATA CRATERE SI È FORMATO A CAUSA DI UNA FRATTURA ALL INTERNO DELLA MONTAGNA, CHE HA PERMESSO L ACCUMULO DELLA LAVA (INSIEME DI ROCCE FUSE E GAS ALLO STATO LIQUIDO) ALLA BASE QUANDO IL VULCANO HA AL SUO INTERNO TROPPO MAGMA (LA LAVA SENZA I GAS) QUESTO ESCE DAL CRATERE E SI HA L ERUZIONE L ETNA (SICILIA) ED IL VESUVIO (CAMPANIA) SONO I 2 PRINCIPALI VULCANI D ITALIA La geografia fisica: le acque e le terre emerse LEZIONI ADATTATE Classe 1 colata lavica ceneri cratere fumarola camino vulcanico cratere secondario serbatoio magmatico IL TERREMOTO: È DOVUTO ALLO SCONTRO DI PLACCHE (DIVISIONI DELLA CROSTA TERRESTRE), COME AVVIENE PER LA FORMAZIONE DEI VULCANI FA TREMARE LA TERRA E PUÒ COLPIRE QUINDI CITTÀ E PERSONE È MISURATO CON DIVERSE SCALE, COME LA SCALA MERCALLI E LA SCALA RICHTER Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

32 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia fisica: le acque e le terre emerse NELLA SEGUENTE TABELLA TROVERAI LE PRINCIPALI CATENE MONTUOSE D EUROPA DA OVEST A EST NELLA CARTINA (LE PRINCIPALI CATENE MONTUOSE DELL ITALIA SONO IN GRASSETTO) STATO D EUROPA CATENE MONTUOSE FRANCIA PIRENEI SPAGNA PIRENEI INGHILTERRA PENNINI ALPI (M. BIANCO M. ROSA CERVINO) ITALIA APPENNINI (VETTA DEL GRAN SASSO) NORVEGIA SVEZIA FINLANDIA ALPI SCANDINAVE RUSSIA MONTI URALI POLONIA UNGHERIA SLOVENIA CARPAZI IN R AV E U A N D A PE N N I N I A L I P I S C L CA A EI A P P E N N ZI EN P A L PI R I P R I N I 400 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

33 LE COLLINE: SONO DEI RILIEVI DELLA SUPERFICIE TERRESTRE HANNO UN ALTEZZA MINORE DI 600 METRI HANNO LA PARTE PIÙ ALTA ARROTONDATA LE PIANURE: SONO DELLE ZONE MOLTO ESTESE E PIATTE GENERALMENTE SI SONO FORMATE GRAZIE ALL UNIONE DI SABBIA E TERRA TRASPORTATE DAI FIUMI MOLTO TEMPO FA La geografia fisica: le acque e le terre emerse LEZIONI ADATTATE Classe 1 LE VALLI: SONO DELLE ZONE CHIUSE TRA LE MONTAGNE LE VALLI POSSONO ESSERE: A FORMA DI U SE SONO STATE SCAVATE DA ANTICHI GHIACCIAI A FORMA DI V SE SONO STATE SCAVATE DA UN FIUME Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

34 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia fisica: le acque e le terre emerse NELLA SEGUENTE TABELLA TROVERAI LE PRINCIPALI PIANURE D EUROPA DA OVEST A EST NELLA CARTINA (LE PRINCIPALI PIANURE D ITALIA SONO IN GRASSETTO) STATO D EUROPA pianure FRANCIA BASSOPIANO FRANCESE INGHILTERRA BACINO LONDINESE PIANURA PADANA (PIEMONTE LOMBARDIA EMILIA ROMAGNA VENETO FRIULI) ITALIA MAREMMA (TOSCANA) TAVOLIERE DELLE PUGLIE (PUGLIA) AGRO PONTINO (LAZIO) GERMANIA OLANDA POLONIA RUSSIA UNGHERIA PIANURA GERMANO-POLACCA BASSOPIANO SARMATICO PIANURA UNGHERESE 402 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

35 La geografia fisica: le acque e le terre emerse la geografia fisica le acque le terre emerse mari e oceani coste montagne ghiacciai corsi terremoti d acqua LEZIONI ADATTATE Classe 1 sorgente vulcani colline ruscello pianure torrente valli foce fiume lago affluente Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

36 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia fisica: le acque e le terre emerse Nome... Classe... Data... ESERCIZI DI RECUPERO CONOSCENZE 1 DA DOVE NASCE UN FIUME? A. DA UN RUSCELLO B. DALLA FOCE C. DA UN TORRENTE D. DA UNA SORGENTE 2 COS È UN AFFLUENTE? A. È LA PARTE INIZIALE DEL FIUME B. È LA PARTE FINALE DEL FIUME C. È UN FIUME PIÙ PICCOLO CHE SI INSERISCE IN UN FIUME PIÙ GRANDE D. È UN CORSO D ACQUA RICCO DI CORRENTI MARINE 3 DOVE SCORRE IL TAMIGI? A. IN FRANCIA B. IN ITALIA C. IN RUSSIA D. IN INGHILTERRA 4 COME SI CHIAMA LA PARTE PIÙ ALTA DELLA MONTAGNA? A. PLACCA B. VETTA C. MAGMA D. CAPO 404 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

37 La geografia fisica: le acque e le terre emerse Nome... Classe... Data... 5 COME SI SONO FORMATE GENERALMENTE LE PIANURE? A. DALL UNIONE TRA SABBIA E ROCCE FUSE B. DALL UNIONE TRA TERRA E ACQUA C. DALLA FUORIUSCITA DI MAGMA D. DALL UNIONE TRA SABBIA E TERRA LEZIONI ADATTATE Classe 1 6 COME SI CHIAMA LA CATENA MONTUOSA PRINCIPALE DELLA RUSSIA? A. CARPAZI B. PIRENEI C. URALI D. ALPI ESERCIZI DI RECUPERO DOMANDE DEL SE COMPETENZE 1 SE DOVESSI STABILIRE QUALE TRA LE SEGUENTI ALTEZZE INDICA UNA MONTAGNA, QUALE SCEGLIERESTI? A. 485 METRI B. 550 METRI C. 706 METRI 2 SE VINCESSI UN GIRO SU UN BATTELLO CHE ATTRAVERSA IL FIUME DON, DOVE DOVRESTI ANDARE? A. IN GERMANIA B. IN RUSSIA C. IN ITALIA D. IN SPAGNA Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

38 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia fisica: le acque e le terre emerse Nome... Classe... Data... ESERCIZI DI RECUPERO abilità PROVA A 1 OSSERVA LA SEGUENTE CARTINA DELL ITALIA. PROVA AD INSERIRE NEL POSTO GIUSTO I SEGUENTI TERMINI: A. PIANURA PADANA B. MAREMMA C. AGRO PONTINO 2 OSSERVA LA SEGUENTE IMMAGINE ED INSERISCI DOVE INDICATO I NOMI CORRETTI. A. LAGO B. FIUME C. AFFLUENTE 406 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

39 La geografia umana: i 3 settori economici 1 CHE COS È LA GEOGRAFIA UMANA? DEFINIZIONE DI GEOGRAFIA UMANA: STUDIA TUTTI GLI ELEMENTI CREATI DALL UOMO (COLTIVAZIONI, INDUSTRIE, TRASPORTI ECC.) 2 IL SETTORE PRIMARIO LEZIONI ADATTATE Classe 1 È L INSIEME DI TUTTE LE ATTIVITÀ CHE RIGUARDANO I PRODOTTI CHE DERIVANO DIRETTAMENTE DALLA NATURA, INDISPENSABILI PER VIVERE COMPRENDE L AGRICOLTURA, L ALLEVAMENTO, LA PESCA E L ESTRAZIONE MINERARIA L AGRICOLTURA: RIGUARDA LA COLTIVAZIONE DEI CAMPI FORNISCE I PRODOTTI INDISPENSABILI PER VIVERE, COME AD ESEMPIO IL RISO, IL GRANO, GLI ORTAGGI (POMODORI, INSALATA ECC.), LA FRUTTA L ALLEVAMENTO: RIGUARDA GLI ANIMALI CHE FORNISCONO I PRODOTTI INDISPENSABILI PER VIVERE GRANO COMPRENDE PRINCIPALMENTE QUESTE CATEGORIE DI ANIMALI: BOVINI (VACCHE, BUOI) PER LA CARNE E IL LATTE OVINI (PECORE) PER LA CARNE E IL LATTE SUINI (MAIALI) PER LA CARNE POLLI PER LE UOVA E LA CARNE OVINI AL PASCOLO Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

40 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia umana: i 3 settori economici LA PESCA: È UN ATTIVITÀ PRATICATA NEI CORSI D ACQUA (MARI, FIUMI, LAGHI ECC.) INDISPENSABILE PER VIVERE L ESTRAZIONE MINERARIA: È UN ATTIVITÀ CHE SERVE PER PROCURARSI LE MATERIE PRIME NECESSARIE POI AL LAVORO NELLE INDUSTRIE E INDISPENSABILI PER VIVERE RIGUARDA PRINCIPALMENTE I SEGUENTI MATERIALI: FERRO E RAME PER LE LAVORAZIONI ARTIGIANALI ED INDUSTRIALI CARBONE E PETROLIO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA estrazione mineraria 3 IL SETTORE SECONDARIO È L INSIEME DI TUTTE LE ATTIVITÀ CHE SI OCCUPANO DELLA TRASFORMAZIONE DELLE MATERIE PRIME DELLA NATURA IN PRODOTTI PRONTI PER L USO COMPRENDE L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO L INDUSTRIA: È L ATTIVITÀ PRINCIPALE DEL SETTORE SECONDARIO SI SVOLGE NELLE FABBRICHE, DOVE GLI OPERAI LAVORANO ASSIEME PER REALIZZARE UN PRODOTTO INTERO IN GRANDI QUANTITÀ UTILIZZA MACCHINARI MODERNI città industrializzata 408 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

41 L ARTIGIANATO: È UN ATTIVITÀ MOLTO IMPORTANTE DEL SETTORE SECONDARIO NON SI SVOLGE NELLE FABBRICHE MA IN PICCOLE BOTTEGHE DOVE GLI ARTIGIANI LAVORANO O DA SOLI O IN PICCOLI GRUPPI LAVORA UN SOLO PRODOTTO PER VOLTA E PERCIÒ SPESSO RISULTA DI QUALITÀ SUPERIORE RISPETTO A QUELLO DELLE INDUSTRIE La geografia umana: i 3 settori economici ARTIGIANO DEL LEGNO AL LAVORO LEZIONI ADATTATE Classe 1 4 IL SETTORE TERZIARIO È L INSIEME DI TUTTE LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE CHE NON PRODUCONO BENI MATERIALI, MA SERVIZI (AD ESEMPIO L INSEGNAMENTO, LA CONSULENZA MEDICA, IL TRASPORTO AEREO ECC.) COMPRENDE I TRASPORTI, IL COMMERCIO, IL TURISMO E LE TELECOMUNICAZIONI LA RACCOLTA DEL SANGUE I TRASPORTI: PERMETTONO LO SPOSTAMENTO DI ENORMI QUANTITÀ DI PERSONE E DI MERCI DA UN POSTO ALL ALTRO IN POCO TEMPO PERCORRONO DIVERSE VIE DI COMUNICAZIONE (STRADE, FERROVIE, MARI, CIELI), IN BASE AL MEZZO UTILIZZATO (PULLMAN, TRENO, NAVE, AEREO) TRENO AD ALTA VELOCITà Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

42 LEZIONI ADATTATE Classe 1 La geografia umana: i 3 settori economici IL COMMERCIO: È UN ATTIVITÀ CHE RIGUARDA L ACQUISTO E LA VENDITA DI BENI VIENE SVOLTO DA UN VENDITORE E DA UN ACQUIRENTE CHE COMPRA UN BENE ATTRAVERSO DEI SOLDI (COME AVVIENE AD ESEMPIO AL SUPERMERCATO) MERCATO ORTOFRUTTICOLO IL TURISMO: È UN ATTIVITÀ CHE RIGUARDA I VIAGGI È DI GRANDE IMPORTANZA ECONOMICA PERCHÉ SONO TANTE LE PERSONE CHE VIAGGIANO OGNI ANNO LE TELECOMUNICAZIONI: SONO ATTIVITÀ CHE PERMETTONO TURISTI IN UNA FORESTA TROPICALE ALLE PERSONE DI COMUNICARE IN TEMPI VELOCI E A GRANDI DISTANZE AVVENGONO TRAMITE L USO DI MEZZI COME POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVISIONE IL CONTRIBUTO DEI 3 SETTORI PER LA CREMA SPALMABILE AL CIOCCOLATO 1. SETTORE PRIMARIO: COLTIVAZIONE DEL CACAO DALLE PIANTAGIONI E DELLE NOCCIOLE DAGLI ALBERI 2. SETTORE SECONDARIO: LAVORAZIONE DEL MATERIALE PRIMARIO IN FABBRICA PER TRASFORMARLO IN CREMA DI CIOCCOLATO 3. SETTORE TERZIARIO: DIFFUSIONE E VENDITA NEL MONDO I 3 SETTORI SONO SEMPRE LEGATI TRA LORO 410 Classe 1. Lezioni adattate 30663_PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

43 La geografia umana: i 3 settori economici NELLA SEGUENTE TABELLA TROVERAI I PRINCIPALI PRODOTTI IN EUROPA (I PRODOTTI PRINCIPALI DELL ITALIA SONO IN GRASSETTO) SETTORE PRIMARIO SETTORE SECONDARIO SETTORE TERZIARIO Agricoltura GRANO ULIVI VITI ALBERI DA FRUTTA ORTAGGI PATATE BARBABIETOLE DA ZUCCHERO industria AUTOMOBILISTICA SIDERURGICA METALLURGICA ALIMENTARE CHIMICA MECCANICA TESSILE AEROSPAZIALE ELETTRONICA SERVIZI UFFICI PUBBLICI SCUOLE OSPEDALI BANCHE TRASPORTI CAMION TRENI AEREI ALLEVAMENTO BOVINI OVINI SUINI POLLI NAVALE ARTIGIANATO ABBIGLIAMENTO ARREDAMENTO NAVI COMMERCIO CENTRI COMMERCIALI NEGOZI LEZIONI ADATTATE Classe 1 PESCA TONNO, SALMONE ESTRAZIONE MINERARIA FERRO CARBONE TURISMO (METE PRINCIPALI) ITALIA FRANCIA INGHILTERRA SPAGNA TELECOMUNICAZIONI INTERNET, TV, TELEFONIA Classe 1. Lezioni adattate _PH1_Risorse_per_l'insegnante_369_421.indd /02/14 18:14

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 1. La Commedia è un testo poligenere perché: 1) utilizza termini provenienti da lingue diverse 2) ha aspetti del poema,

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo 2014 Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Ho voluto scrivere su questo argomento poiché in base ai dati in nostro possesso si può ben vedere come il clima sia cambiato negli ultimi 50 anni ma resta

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli