Simulatori contro i rischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simulatori contro i rischi"

Transcript

1 1 Porto di Venezia N e w s l e t t e r # SOMMARIO pag. 3 - Italia bocciata in formazione continua pag. 5 - La formazione è strategica per il Porto di Venezia pag. 6 - Il rizzatore, professione tutta da scoprire Simulatori contro i rischi Unire la tecnologia alla formazione per migliorare il livello di safety e security Nel campo della formazione sui trasporti si riconosce l importanza del fattore umano nell abilità di saper manovrare mezzi e navi. La scelta di investire sui simulatori è giustificata dai risultati che si ottengono con l uso del training. L apprendimento attraverso la simulazione e l addestramento consente di migliorare il livello di safety e security e di conseguenza: Eliminare il rischio di danni a persone e cose. Evitare la mancata produttività dei mezzi operativi. Creare difficoltà gestendo opportunamente gli scenari di addestramento Verificare oggettivamente con il monitoraggio degli esercizi il livello raggiunto pag. 7 - Nuovi corsi, istruzioni per l uso pag. 8 NOTIZIE IN PILLOLE Il porto raddoppia La nuova banchina di Transped Container e project cargo da Venezia per l India a partire dal 2010 Marghera work in progress Porti e interporti Il simulatore di gru in uso al CFLI Newsletter mensile On Line dell Autorità Portuale di Venezia e di Apv Investimenti spa Autorità Portuale di Venezia Fabbricato 13 Santa Marta Venezia Tel Fax Direttore editoriale PAOLO COSTA Direttore responsabile FABIO TAMBURINI Redazione Gruppo Il Sole 24 Ore Via Monte Rosa Milano Tel Fax In redazione: Manuela Brambati (Caposervizio) Progetto Grafico Davide Mazzucchi (Studio Mudita ) Raccolta pubblicitaria: Direzione Pubblicità Apv Investimenti spa Fabbricato 16 Santa Marta Venezia

2 2 innovazione Presso il Porto di Venezia ci sono due società, Cfli (Centro Formazione Logistica Intermodale) e VeMarS (Venice Maritime School), che si occupano rispettivamente di formazione dei lavoratori portuali e del personale marittimo navigante. Grazie alle più moderne tecnologie sono attivi corsi teorico-pratici per gruisti ed ufficiali della marina mercantile che impiegano per la parte pratica simulatori dell ultima generazione. VEMARS VeMarS, acronimo che indica Venice Maritime School, è un consorzio fondato il 6 ottobre 2004 dall unione fra quattro soggetti: l Autorità Portuale di Venezia, Actv S.p.a., Pianura Armatori srl. e SSMC (Società di gestione e consulenze sulla sicurezza navale). Il consorzio, accreditato presso la Regione Veneto, opera nella Formazione Continua e Superiore con il compito di addestrare, riqualificare e formare il personale marittimo, è autorizzato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per il rilascio di certificati internazionali richiesti da STCW Vemars si trova nella zona portuale di S.Marta/ Venezia, nel modernissimo Magazzino 16 all interno del quale trovano spazio aule attrezzate per lo svolgimento dei corsi di formazione per il settore marittimo e portuale. In particolare, per l addestramento degli ufficiali della Marina Mercantile, il Centro dispone di uno dei più avanzati simulatori navali a livello europeo. La struttura è inserita in un area di circa 180 mq ed è composta di sei navi interattive controllate indifferentemente da una delle due stazioni esterne dalle quali l istruttore può verificare la regolarità di svolgimento degli esercizi. Per il debriefing degli esercizi il centro dispone di una sala dedicata direttamente collegata alla rete del sistema. L impianto è equipaggiato di quattro stazioni radio GMDSS, due ubicate a bordo delle navi principali e due annesse alle stazioni esterne, dedicato a chi si prepara per sostenere l esame specifico di abilitazione. Le due navi principali dispongono per la visione degli scenari: di schermi di un settore di 310 per l unità maggiore, e di uno schermo da 3 mq per l unità minore. Il software dell impianto è stato creato dalla Transas (Portsmouth UK), leader mondiale nel campo dei simulatori navali ed aeronautici mentre il simulacro è un progetto realizzato da Vemars. L intero sistema ha ottenuto l approvazione sia dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sia dal DOT/MCA inglese. Il Centro di eccellenza, attraverso certificazioni che seguono la normativa IMO (International Maritime Organization), garantisce la formazione di personale altamente qualificato per la corretta amministrazione e gestione della nave, in linea con le esigenze delle compagnie armatoriali. I corsi di addestramento che richiedono l uso del simulatore coprono le principali aree di interesse marittimo e comprendono: Radar Basic; Radar ARPA; Bridge Teamwork Ricerca e Soccorso (SAR); Bridge Team Management; Ship Handling; Tugs & Mooring Operations; GMDSS; VTS Control; Modulo di allineamento per Ufficiali di navigazione di coperta e macchina. Cfli Cfli è il centro di formazione voluto e promosso dall Autorità portuale di Venezia come struttura a sostegno della formazione in materia di sicurezza in Porto e centro di formazione per i giovani veneziani e della terraferma. Mezzi quali le gru di banchina, di piazzale, etc. La nave principale dispone di una plancia simile sia nel lay-out sia negli equipaggiamenti a quella di una nave dell ultima generazione. costituiscono, quindi, riferimenti importanti per la produttività delle piattaforme intermodali (porti, interporti etc.); è per questo che sin dalla fine del 1993 con un investimento di circa 1 milione di Euro Cfli. si è dotata di un Sistema di simulazione per GRU allo scopo di accompagnare gli operatori nel loro primo approccio e, in seguito, anche nella loro crescita professionale, in condizioni di sicurezza ed efficacia formativa, a saper affrontare con la miglior preparazione possibile compiti sempre più impegnativi; agli skills didattici si affiancano l innovazione tecnologica anche nella didattica. Il simulatore di gru in uso al Cfli è un sistema complesso racchiuso in un container, dunque trasportabile, attraverso il quale è possibile far vivere le sensazioni e l esperienza invasività formativa di un gruista all interno della cabina dalla quale si comandano e si gestiscono realmente il caricamento e scaricamento di container e materiali/rinfuse in aree logistico-portuali. Per ogni sessione training si ottiene: lista dei movimenti effettuati e media della movimentazione con dettaglio dei tempi e delle collisioni eventuali Valutazione relativa delle prestazioni dei diversi allievi Possibilità di evidenziare la traiettoria seguita Analisi del movimento (Percorsi e traiettorie) ed individuazione degli errori

3 3 rapporto Secondo i dati del Ministero del lavoro le aziende italiane forniscono la metà dei corsi ai dipendenti rispetto alla media europea, scarsa anche la partecipazione ai processi formativi Italia maglia nera in Europa per la formazione continua. Emerge dal Rapporto annuale presentato dal Ministero del lavoro della salute e delle politiche sociali e realizzato in collaborazione con l Isfol (Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori). I dati parlano chiaro: la media europea delle imprese che hanno offerto formazione ai propri dipendenti è pari al 60%, mentre nel nostro Paese raggiunge appena il 32%. Una performance decisamente negativa che colloca l Italia al terzultimo posto in Europa. Con un livello di partecipazione della popolazione adulta al lifelong learning pari al 6,1%, l Italia è dunque ancora lontana dai valori europei (12,5%), ma nonostante ciò è in crescita la domanda potenziale di formazione continua delle imprese rispetto agli anni precedenti. Le motivazioni. Dipende principalmente dall assetto che il nostro sistema produttivo assume in alcuni settori tradizionali (come il tessile, il turismo e il commercio al dettaglio), ovvero una ridotta struttura dimensionale e una bassa intensità di innovazione tecnologica. Entrando nel dettaglio, nel ITALIA bocciata in formazione continua I numeri del fenomeno italiano 32% le imprese italiane che offrono formazione ai dipendenti contro il 60% della media europea. 1,3% l investimento in formazione continua delle aziende italiane in rapporto al costo del lavoro 30% il tetto massimo di partecipanti over 50 a processi formativi aziendali e individuali 14,2% le imprese italiane con più di nove dipendenti che favoriscono la formazione continua con un accordo integrativo 6,1% la partecipazione della popolazione adulta italiana all apprendimento permanente contro il 12,5% della media europea

4 4 rapporto 2008 le imprese italiane hanno speso per le attività di formazione continua l 1,3% del costo del lavoro. E il 29% dei dipendenti (2,5 milioni) è stato coinvolto in corsi di formazione rispetto al 33% della media europea. Nel nostro Paese, la durata media dei corsi è leggermente inferiore rispetto a quella comunitaria: 26 ore contro 27, mentre sono più alti i costi sostenuti per partecipante. Si evidenzia, comunque, rispetto al passato, una riduzione del gap con l Europa grazie a una serie di fattori, primo fra tutti la diminuzione della spesa per l acquisto di servizi formativi dai fornitori esterni. Gli strumenti per la formazione. A sostegno delle iniziative formative delle imprese si registra un consolidamento dei fondi paritetici interprofessionali (attualmente 15), che raccolgono ormai il 42% delle imprese private italiane e circa 6,2 milioni di addetti. Dalla loro partenza al giugno 2008 hanno finanziato circa piani formativi coinvolgendo più di 40mila imprese e 850mila lavoratori e impegnando a tale scopo più di 850 milioni di euro. La contrattazione. La tornata di rinnovi dei Il miglior strumento per battere la crisi? La formazione continua. E questa la filosofia del Fondo nazionale per la formazione continua dei lavoratori del Terziario recentemente promosso da Confcommercio, Confetra e Cgil, Cisl e Uil. Per far fronte alle esigenze di aziende e lavoratori, offrendo loro ulteriori servizi e opportunità, queste istituzioni hanno destinato infatti quasi 90 milioni di euro a interventi formativi, prevedendo ulteriori iniziative a favore delle imprese in crisi oppure alle prese con difficoltà occupazionali. L attuale scenario economico, del resto, impone strategie mirate per superare le difficoltà presenti sul mercato. Vero, la fase più acuta della recessione sembra alle spalle. Tuttavia, soprattutto per le aziende del terziario, è indispensabile puntare sulla qualificazione professionale per migliorare la qualità dei servizi offerti. Del resto, muoversi in questa direzione è come giocare d anticipo: nel momento in cui l economia ripartirà con decisione (stando alle previsioni ciò Il ministro Sacconi: Il 2010 sarà l anno della formazione Un fondo nazionale per investire sui lavoratori avverrà nel secondo semestre dell anno prossimo) poter contare su una maggiore preparazione consentirà di essere più competitivi ed efficienti. La formazione continua agisce su due fronti, entrambi fondamentali. Su quello delle imprese, che hanno la necessità di dare una risposta concreta alla crisi in termini di strategie di sviluppo e di innovazione. Ma anche su quello dei lavoratori, che proprio attraverso la rigenerazione continua delle competenze si garantiscono l occupabilità. Dopo un anno all insegna della recessione e della cassa integrazione, il 2010 ruoterà attorno alla formazione. Parola del ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. Non solo, le politiche per il ricollocamento dei disoccupati dovranno essere riconsiderate alla luce delle esigenze reali delle imprese. Sacconi ha annunciato la svolta a metà dicembre, in occasione di un vertice con Regioni e parti sociali, durante il quale ha definito in 2,5 miliardi di euro le risorse per la formazione disponibili nel 2010 (oltre a 150 milioni già destinati alle regioni). Una dote che andrà utilizzata seguendo le rinnovate linee guida che saranno condivise entro gennaio. Tra queste spicca ed è un concetto condiviso anche da Confindustria l attivazione di una cabina di regia nazionale di valutazione dei fabbisogni di competenze a livello territoriale. In particolare, ha precisato Sacconi, sarà incentivato l accesso degli inoccupati a tirocini di inserimento e ai contratti di apprendistato, privilegiando l apprendimento nell impresa. Contratti collettivi nazionali del 2008 ha visto l intervento delle parti sociali volto a favorire la diffusione della formazione in azienda e, in particolare, la previsione di un monte ore per la partecipazione dei lavoratori alle attività formative e l utilizzo della formazione per aumentare le competenze necessarie alla progressione di carriera. L attuazione di queste novità trova, tuttavia, un notevole ostacolo nella scarsa diffusione della contrattazione decentrata dove, peraltro, è ancora limitata la presenza di disposizioni riguardanti la promozione della formazione continua. A conferma di quanto detto il dato secondo il quale solo il 14,2% delle imprese italiane con più di 9 dipendenti applica un accordo integrativo aziendale che favorisce la formazione continua. Il coinvolgimento degli over 50. La ricerca affronta e descrive le politiche di active aging, ossia le azioni tese a stimolare la partecipazione dei lavoratori over 50. Il quadro che emerge riferisce ancora di numerosi ostacoli che ritardano il raggiungimento dell obiettivo, a partire dalla difficoltà di individuare percorsi di formazione ad hoc, integrati da servizi e metodi di apprendimento adatti alle capacità cognitive dei soggetti. Il risultato è che la quota di over 50 che partecipa a processi formativi sia aziendali, che individuali supera raramente il 30% dei partecipanti totali, nonostante vengano spesso indicati tra i destinatari prioritari sia dalle Regioni che dai fondi paritetici interprofessionali.

5 5 intervista Tiziano Barone presidente di Cfli, spiega che questa tematica è strettamente legata alla sicurezza nei luoghi di lavoro La formazione del personale, soprattutto di quello che lavora nei porti, è diventata di fondamentale importanza perchè strettamente connessa al problema della sicurezza. E il porto di Venezia è l unico in Italia ad aver investito in maniera continuativa in questo settore nel corso del tempo ottenendo i migliori risultati. Ne è convinto Tiziano Barone, presidente di Cfli, il Consorzio di formazione logistica intermodale controllato dall autorità portuale veneziana, al quale abbiamo rivolto alcune domande. s Quanto è importante la formazione dei lavoratori per il porto di Venezia? La formazione è di fondamentale importanza per il porto di Venezia perchè legata alla questione della sicurezza. In particolare nell ultimo anno si sono fatti passi in avanti, riunendo La formazione è strategica per il Porto di Venezia una commissione bilaterale che comprendeva oltre all autorità portuale anche i lavoratori e le imprese che lavorano nei terminal per definire con chiarezza le categorie maggiormente a rischio: per queste ultime è stata prevista l obbligatorietà della formazione. Questo principio vale per i lavoratori assunti da tempo, ma è tanto più valido per i nuovi. s Venezia in questo è differente dagli altri porti? Lo è nella misura in cui negli altri porti è prevista una sola giornata dedicata alla formazione, mentre Venezia ha reso obbligatoria la formazione continua dei lavoratori. s Esistono delle problematiche speficiche legate alla formazione nei porti? Le difficoltà maggiori sono legate all utilizzo di sistemi in qualche modo pericolosi e pesanti, come quelli delle gru e dei containers. Per questo nelle fasi di formazione è imprescindibile utilizzare i simulatori, perchè lavorare su macchinari che operano effettivamente sul campo non è pensabile. s La formazione può essere considerata un investimento importante per uscire dalla crisi? La considerazione preliminare è che i porti stanno sempre più diventando espressione delle realtà locali e come tali funzionali alla movimentazione delle merci e alle connessione tra i sistemi economici dei diversi territori. Nell ambito di un cambiamento nelle priorità commerciali (tanto per fare un esempio prima nel veneziano si investiva molto nel settore della chimica, ora in quello dei servizi e della logistica) c è una domanda di lavoro significativa, non solo per quanto riguarda le funzioni manuali ma anche per quanto concerne tutte le tecnologie di automazione e quindi l uso di strumenti informatici. s Che progetti avete in cantiere? Un progetto importante che riguarda la formazione di conduttori di imbarcazioni fluviali visto che al momento non esistono. Il progetto è legato alla partenza - il primo gennaio prossimo - di container su chiatta lungo il percorso fluviale di collegamento tra il porto di Venezia e quelli di Mantova e Cremona. Si tratta di un modo efficace di togliere le merci pericolose dal traffico su gomma. s E in futuro quali saranno le priorità del Cfli? Lavoriamo su tre versanti: il primo è relativo alla necessità di servire i sistemi logistici territoriali con personale sempre più qualificato, il secondo riguarda invece la costituzione di un Accademia della sicurezza per tutti i porti dell Adriatico (da Bari a Igoumenitsa) un soggetto capace di qualificazione nell ambito di safety e security la cui creazione rientra nell ambito del Napa, l associazione dei porti del Nord Adriatico, e infine il terzo ha come scopo il miglioramento dell innovazione per quanto riguarda i simulatori di navigazione e movimentazione. Elida Sergi

6 6 PROFESSIONI Dietro alla facciata di uno scalo portuale, riconoscibile per la propria imponenza e la presenza costante di traghetti, navi e gru, esiste una realtà interna piuttosto complessa, normalmente sconosciuta ai non addetti ai lavori. Le persone coinvolte nella vita di un porto sono moltissime e ogni professione, anche la meno nota, risulta essere di fondamentale importanza, dal momento che ogni giorno tutti i tecnici contribuiscono operativamente al funzionamento dello scalo, sia per quanto riguarda le merci che i passeggeri. Il rizzatore, ad esempio, è una figura fondamentale che si occupa del fissaggio del carico su un container o su una nave, sia in stiva che in coperta (il rizzaggio appunto); allo stesso modo si occupa anche della fase di derizzaggio ovvero di togliere, con utilizzo di avvitatori pneumatici, gli ancoraggi (catene, tornichetti) sistemati all imbarco e fissati sulle margherite per garantire la stabilità del carico in navigazione. Intesa quale attività da espletarsi a bordo, al fine di garantire la sicurezza della navigazione, l attività di rizzaggio e derizzaggio consiste pertanto nelle operazioni volte a stabilizzare il carico sistemato in colli sovrapposti mediante l impiego di rizze, impedendo in questo modo agli oggetti mobili del carico di spostarsi all interno della stiva o sopra coperta per effetto del rollio e del beccheggio durante la navigazione. L operazione di derizzaggio rappresenta invece l attività preparatoria allo sbarco della merce, consistendo nel togliere le rizze precedentemente poste per garantire la stabilità del carico. L attività di rizzaggio e derizzaggio viene rivolta anche ai contenitori, attraverso l impiego di dispositivi di bloccaggio di vario tipo (stacking cones, bridgefittings, twistlocks, ad azionamento manuale, semiautomatico o automatico), nonché ai trailers, fissati con catene e tenditori al paiolato della nave ro/ro. Per l espletamento di tali attività vengono impiegati tenditori pneumatici, pin- Il rizzatore, professione tutta da scoprire È una figura fondamentale che si occupa del fissaggio del carico sulla nave ze, cesoie, regge e sigilli in acciaio, tasselli in legno, teloni impermeabili al fine di coprire adeguatamente la merce garantendone l integrità anche sotto attacco di agenti atmosferici. Questa figura professionale ricopre un ruolo di assoluto rilievo ed è tenuta in alta considerazione dallo stesso capitano dal momento che chi opera il rizzaggio si assume anche la responsabilità di eventuali danni alla merce. Proprio per la sua peculiarità, sulla base di quanto disposto dalla Commissione Formazione per il porto di Venezia per poter ottenere l abilitazione alla mansione di rizzatore è attualmente previsto un modulo formativo di 96 ore complessive, comprendenti una prima parte teorica di formazione/ informazione in materia di organizzazione e sicurezza nell ambito del territorio portuale di Venezia ed una seconda parte di formazione specifica (tra cui spiccano le nozioni circa le caratteristiche generali di una nave, gli elementi di base delle forze, i cenni sulle attrezzature per il rizzaggio, componenti, loro dimensionamento, angoli di lavoro, nozioni di imbracatura delle merci, la prevenzione infortuni nonché cenni di lingua inglese). I rizzatori operano in squadre formate da due addetti che, durante un turno di circa 6 ore, effettuano in media 112 operazioni di rizzaggio, provvedendo a preparare ed agganciare le catene agli appositi supporti che vengono poi tensionati con gli avvitatori pneumatici. Per assicurare le merci è possibile utilizzare, ad esempio, il sistema aeroquip che prevede l utilizzo di rotaie in metallo provviste di incastri ai quali ancorare bretelle e reggette metalliche o, in alternativa, per merci delicate delle sacche di plastica gonfiabili per occupare gli interspazi fra merci o fra gli imballaggi. Ai sensi della vigente normativa, ed in particolare secondo quanto disposto dalla Circolare del Ministero dei Trasporti e della Navigazione Serie VI n 33 del 15 febbraio 1996, le attività di rizzaggio e derizzaggio possono essere eseguite dall armatore facendo ricorso al proprio personale (in ossequio al cosiddetto diritto al self-handing o Continua a pagina 7

7 7 PROFESSIONI Nuovi corsi, istruzioni per l uso Segue da pagina 6 autoproduzione) o appoggiandosi a società iscritte al registro come previsto dal Codice della Navigazione. In questo caso l equipaggio della nave deve risultare composto da un numero di elementi superiore a quello fissato per la tabella di armamento necessaria per la condotta nautica della nave; conseguentemente, i marittimi destinati ad assicurare il carico debbono obbligatoriamente risultare in possesso delle qualifiche idonee ed adeguate, anche per numero, alle attività da svolgere ed i loro nominativi devono essere previamente comunicati all Autorità Portuale o, per gli scali nei quali non è prevista, all Autorità Marittima. I rizzatori sono tenuti ad eseguire il proprio lavoro indossando sempre i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), e devono tenersi costantemente in contatto con l operatore della gru, in modo da poter segnalare ogni situazione di pericolo presente e garantire lo svolgimento delle operazioni in sicurezza. Attualmente sono 8 le società iscritte nel Registro di cui all art. 68 del Codice della Navigazione, ai sensi dell Ordinanza n 210/2005, e conseguentemente risultano autorizzate allo svolgimento dell attività di rizzaggio, derizzaggio, fardaggio e copertura merci a bordo delle navi nel porto di Venezia: quasi tutte operano con esperienza pluridecennale nello specifico settore, a garanzia della qualità e professionalità del servizio erogato all utenza portuale. Il Consorzio Cfli, nato nel 1993, è stato istituito prevalentemente allo scopo di assolvere alle esigenze di formazione professionale delle società consorziate. Nel 1996 sono state avviate le prime proposte formative indirizzate all esterno con l offerta di progetti a catalogo e/o a finanziamento per le aziende del comparto trasporti logistico su Venezia, Genova, Milano, Novara, Livorno e Cremona. Attualmente il Consorzio è di partecipazione esclusiva dall Autorità Portuale di Venezia (100%) diventando il braccio operativo del porto di Venezia dedicato allo sviluppo delle attività formative negli ambiti: Portuale, Marittimo, Aeroportuale, Logistico, Trasportistico, Safety e Security. La formazione è destinata sia a persone occupate in aziende di settore, sia a giovani in cerca di occupazione che intendono avvicinare il mondo della portualità, dei trasporti marittimi (compreso il crocieristico e la nautica da diporto), dell aeroportualità e della logistica e dei trasporti in genere. Cfli si è specializzato sulla formazione nelle principali aree della catena di movimentazione delle merci e del servizio logistico in aree dedicate e complesse. I corsi, strutturati in maniera flessibile, secondo la Learning Objects Methodology hanno permesso al Cfli di ottenere STANNO PER ESSERE ATTIVATI I CORSI PER P.F.S.O. PORT FACILITY SECURITY OFFICER - Durata: 24 ore (nel 2003) la certificazione del suo Sistema di Qualità ISO 9001 per la: Progettazione ed erogazione di servizi di formazione. Oltre a svolgere corsi on-site su specifiche esigenze aziendali Cfli attualmente opera in dedicato sulle unità locali di: Venezia: Magazzino 16 zona portuale di S. Marta Ambiti formativi: portuale-marittimo, interportuale, aeroportuale ed autotrasporto Genova: Porto di Voltri - Torre del Distripark Ambiti formativi: portuale-marittimo ed autotrasporto Ancona: c/o Autorità Portuale di Ancona Molo Santa Maria Ancona CORSO DI MERCEOLOGIA PER OPERATORI DELLA LOGISTICA - Durata: 8 ore MODULO BASE in MATERIA DI SICUREZZA NELLE AREE PORTUALI (ai sensi dell ordinanza dell Autorità Portuale n. 282 del 1. Ottobre 2008) - Durata: 8 ore CORSO DI FORMAZIONE PER PREPOSTI DI IMPRESE PORTUALI (ai sensi del D.lgs 81/2008 art.19 e 37) - Durata: 8 ore ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO Cat. B e C (ai sensi del D.M. 388 del 15/07/2003)- Durata: 12 ore ANTINCENDIO RISCHIO MEDIO - Durata: 8 ore CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA (ai sensi del D.lgs 106/09)- Durata: 4 ore

8 8 notizie in pillole Il Comitato portuale ha approvato la delibera per l avvio della procedura di acquisizione dell Area Montefibre e della contigua area ex-syndial a Marghera nei pressi del canale industriale Ovest. L operazione rientra nella strategia in atto di recupero e sviluppo delle potenzialità occupazionali e di reddito del settore portuale e logistico nell area di Porto Marghera per aumentare la risposta alla domanda di servizi portuali e logistici del Nord Est. L acquisizione delle due aree 67 ettari l Area Montefibre e 22 ettari l Area Syndial consolida la basea portuale e logistica grazie alla realizzazione di un Terminal container e/o di un District Park, che Venezia è disposta a condividere con i maggiori interporti del Nord Est. Il porto raddoppia La nuova banchina di Transped Inaugurata la nuova banchina della Transped che dà sul canale industriale ovest sulla quale transiteranno artefatti d acciaio, del peso di oltre 8oo tonnellate, lastre di vetro, bricole ed altre merci sfuse destinate soprattutto all industria. La spesa per la realizzazione della banchina e il restauro delle aree limitrofe ammonta a 5o milioni/. Un pezzo di porto Marghera che ritorna quindi ad usare i canali di grande navigazione oltre che a svolgere logistica integrata e lavorazioni ad alto valore aggiunto. Container e project cargo da Venezia per l India a partire dal 2010 Anche il Porto di Venezia ha partecipato al vertice India-Italia, alla presenza del Ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola, con una delegazione guidata dal Presidente dell Autorità Portuale di Venezia Paolo Costa. Due gli obiettivi attesi dall appuntamento: fare del Porto di Venezia uno snodo cruciale per lo sviluppo di traffici di General Cargo, project cargo e container con i porti di Mumbai e Chennai (ex Madras) entro il 2010, e collaborare a creare entro il 2012 una zona zona franca nel retroporto di JNPT (Nhava Sheva), per permettere agli industriali veneti che producono o esportano in India di effettuare lavorazioni industriali di trasformazioni dei prodotti senza il pagamento di IVA o dogana. Marghera work in progress Invitato a partecipare al convegno su La riconversione di Porto Marghera, il Presidente Paolo Costa è intervenuto sottolineando quali siano le prospettive di sviluppo e di riconversione del porto e della logistica, in considerazione delle previste riduzioni del traffico collegato all attività industriale. Porti e interporti Il Segretario Generale del Porto di Venezia Franco Sensini ha fatto da padrone di casa al Convegno Il disegno dell Interportualità italiana - il Sistema Nord Est. Fattori di crescita, sviluppo della logistica e dinamiche terrioriali organizzato dal Consorzio ZAI. L iniziativa rientra nel roadshow promosso da UIR (Unione Interporti Riuniti) in collaborazione con il CENSIS sulla centralità degli interporti rispetto al sistema logistico nazionale. Lo studio del Censis, si è posto l obiettivo di analizzare le potenzialità di crescita, le criticità e il contesto in cui operano gli interporti italiani. Il SG Sensini ha sottolineato quanto la relazione tra porto e interporto sia fondamentale per il potenziamento delle infrastrutture di una regione, quale il Nordest, che per la sua centralità geografica diventerà l anello di congiunzione dei commerci tra l Europa e l Oriente.

LA CARTA DEI SERVIZI. CFLI Consorzio Formazione Logistica Intermodale. Zona portuale S. Marta Fabb. 16. Tel 041 5334155-56 Fax 041 5334157

LA CARTA DEI SERVIZI. CFLI Consorzio Formazione Logistica Intermodale. Zona portuale S. Marta Fabb. 16. Tel 041 5334155-56 Fax 041 5334157 LA CARTA DEI SERVIZI CFLI Consorzio Formazione Logistica Intermodale Zona portuale S. Marta Fabb. 16 venezia@cfli.it www.cfli.it Sommario CFLI presentazione dell Ente 3 Finalità e campo di applicazione

Dettagli

NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE

NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE NUOVE ABILITAZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA GENTE DI MARE Abilitazioni di coperta Ø Allievo Ufficiale di coperta Ø Ufficiale di navigazione Ø Ufficiale di navigazione su navi che compiono viaggi costieri

Dettagli

LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE

LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE LE ABILITAZIONI PROFESSIONALI DELLA GENTE DI MARE Il primo riferimento è l attuale CODICE DELLA NAVIGAZIONE, la cui entrata in vigore risale al lontano 1942, completato dal relativo Regolamento di Esecuzione

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI. Gestione sicurezza di una nave (Ship Security Management)

I NOSTRI SERVIZI. Gestione sicurezza di una nave (Ship Security Management) L AGENZIA SEAWAYS RISK SOLUTIONS è una agenzia operante nel campo della security in grado di fornire consulenze e servizi altamente professionali rivolti allo sviluppo e mantenimento dei più alti standard

Dettagli

RIEPILOGO DEI CORSI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO PER PERSONALE MARITTIMO E DIPLOMATI GENERCI CON INDIRIZZO UFFICIALI DI NAVIGAZIONE

RIEPILOGO DEI CORSI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO PER PERSONALE MARITTIMO E DIPLOMATI GENERCI CON INDIRIZZO UFFICIALI DI NAVIGAZIONE VeMarS RIEPILOGO DEI CORSI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO PER PERSONALE MARITTIMO E DIPLOMATI GENERCI CON INDIRIZZO UFFICIALI DI NAVIGAZIONE Sede legale: Dorsoduro n. 1401 30123 Venezia Sede operativa: Fabbricato

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

L Istruzione e la Formazione professionale

L Istruzione e la Formazione professionale L Istruzione e la Formazione professionale INSERTO SPECIALE L istruzione professionale e la formazione professionale sono materie di esclusiva competenza regionale. La legge 18, tra le sue principali finalità,

Dettagli

La governance e la pratica del sistema duale di formazione

La governance e la pratica del sistema duale di formazione La governance e la pratica del sistema duale di formazione Eugenio Massolo Fondazione ITS per la Mobilità Sostenibile Settore Trasporti Marittimi Accademia Italiana della Marina Mercantile Nel sistema

Dettagli

Management delle spedizioni internazionali

Management delle spedizioni internazionali Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo Management delle spedizioni internazionali Corsi

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI

BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI ITS - FONDAZIONE G. CABOTO BANDO DI SELEZIONE PER L AMMISSIONE AI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA DI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ DELLE PERSONE E DELLE MERCI (5 Liv. EQF) EDIZIONE 3/2012 DI

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo

Manuale dell insegnante : La messa in sicurezza del carico nel trasporto aereo Slide Air 1] [Slide Air 2 & 3] Introduzione Il sistema dei trasporti ha bisogno dei servizi del trasporto aereo quando la merce deve essere trasportata per lunghe distanze e velocemente. La merce è di

Dettagli

Il Codice della Navigazione R.D 30 marzo 1942 n 327n Articolo 123

Il Codice della Navigazione R.D 30 marzo 1942 n 327n Articolo 123 Il Codice della Navigazione R.D 30 marzo 1942 n 327n Articolo 123 Regolamento per l esecuzione l del Codice della Navigazione D.P.R 15 febbraio 1952 n 328 Articoli dal 248 al 274 Art.123 (Titoli Professionali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW ISTITUTO : ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO LUIGI RIZZO - RIPOSTO ARTICOLAZIONE: OPZIONE: CONDUZIONE DEL MEZZO CONDUZIONE DEL

Dettagli

SERENISSIMA SERVIZI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. Catalogo Offerta Formativa

SERENISSIMA SERVIZI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. Catalogo Offerta Formativa SERENISSIMA SERVIZI Catalogo Offerta Formativa INDICE CORSI ANTINCENDIO FORMAZIONE PER ADDETTI ALLE EMERGENZE DI ATTIVITÀ A RISCHIO INCENDIO BASSO AGGIORNAMENTO FORMAZIONE PER ADDETTI ALLE EMERGENZE DI

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012)

PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) ATTUAZIONE DELLE MISURE DI SECURITY NEL PORTO DI ANCONA La misure di security intese come le attività preventive

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

Catalogo Corsi di Formazione in materia di Sicurezza sul Lavoro

Catalogo Corsi di Formazione in materia di Sicurezza sul Lavoro Catalogo Corsi di Formazione in materia di Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni) :: WorkIngSafe :: :: sede operativa: Via Aurelio Saffi n. 18 C - 40131 Bologna M.

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

I PERCORSI FORMATIVI DEL CLUSTER MARITTIMO ITALIANO: IL CORSO DI SHIP/COMPANY SECURITY OFFICER

I PERCORSI FORMATIVI DEL CLUSTER MARITTIMO ITALIANO: IL CORSO DI SHIP/COMPANY SECURITY OFFICER Abstract Paola Montagna I PERCORSI FORMATIVI DEL CLUSTER MARITTIMO ITALIANO: IL CORSO DI SHIP/COMPANY SECURITY OFFICER Nel panorama economico italiano il cluster marittimo è un settore ad alto valore aggiunto,

Dettagli

Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni

Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni Più investimenti infra/info strutturali: la strategia - Venezia Più accessibilità, organizzazione ed efficienza nell agenda del Porto dei prossimi anni Sommario pag. 3 Tutti i lavori del Porto: un nuovo

Dettagli

Istituto TEcnico Economico. Conduzione del Mezzo. Istituto Professionale. Manutenzione e Assistenza Tecnica. www.ismennellaischia.gov.

Istituto TEcnico Economico. Conduzione del Mezzo. Istituto Professionale. Manutenzione e Assistenza Tecnica. www.ismennellaischia.gov. Istituto Tecnico Tecnologico Trasporti e Logistica Conduzione del Mezzo Istituto TEcnico Economico Indirizzo Turismo Istituto Professionale Industria e Artigianato Manutenzione e Assistenza Tecnica www.ismennellaischia.gov.it

Dettagli

Venice Port Authority. Porto di Venezia

Venice Port Authority. Porto di Venezia Porto di Venezia Localizzazione e aree di riferimento: Il valore socio economico: 1. Addetti Impiegati presso l Autorità Portuale 96 Addetti diretti presso aziende portuali e terminals 5.247 Addetti indotto

Dettagli

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive CONTENUTI a) La filiera Automotive in Italia e in Abruzzo b) La sfida,

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO.

LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO. LE LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE NEL 2010 E IL RILANCIO DEI CONTRATTI A CONTENUTO FORMATIVO. CONVEGNO UIL ADAPT Roma, 6 maggio 2010 L apprendistato di alta formazione: L esperienza FIXO di Italia Lavoro

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Marittima di Palermo

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Marittima di Palermo IL DIRETTORE MARITTIMO DELLA SICILIA OCCIDENTALE VISTO : l art. 123 del Codice della navigazione, modificato dall art. 7 della L. 27.02.1998, n. 30; nonché gli artt. 282 e 285 del Regolamento di esecuzione

Dettagli

CATALOGO CORSI. Settembre 2014 Luglio 2015 & Settembre 2015 Luglio 2016. Catalogo corsi 2014-2015 & 2015-2016 Valrisk S.r.l.

CATALOGO CORSI. Settembre 2014 Luglio 2015 & Settembre 2015 Luglio 2016. Catalogo corsi 2014-2015 & 2015-2016 Valrisk S.r.l. CATALOGO CORSI Sede Operativa: Via Stelvio, 19-23014 Delebio (Sondrio) Sede legale: Via Giulio Uberti, 12-20129 MILANO Telefono:0342-684377 - FAX:0342-685899 e-mail: info@valrisk.it P.Iva 07246240969 Settembre

Dettagli

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est 1 Contenuti Cos è HUB-LOG A. Hub logistico multimodale del sistema portuale

Dettagli

Una forza innovativa per lo sviluppo delle imprese SVILUPPA LA TUA IMPRESA

Una forza innovativa per lo sviluppo delle imprese SVILUPPA LA TUA IMPRESA Una forza innovativa per lo sviluppo delle imprese SVILUPPA LA TUA IMPRESA w w w. f o r e m a. i t Una forza innovativa per lo sviluppo delle imprese Fòrema è la società di Confindustria Padova per la

Dettagli

Analisi dell impatto socio-economico delle attività crocieristiche del porto di Civitavecchia. 15 maggio 2015. CERTeT

Analisi dell impatto socio-economico delle attività crocieristiche del porto di Civitavecchia. 15 maggio 2015. CERTeT Analisi dell impatto socio-economico delle attività crocieristiche del porto di Civitavecchia 15 maggio 2015 Gli autori della ricerca Il Centro di ricerca in Economia Regionale, Trasporti e Turismo dell

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

Alle Direzioni Regionali dei VVF Loro Sedi Alle Direzioni Centrali del Dipartimento Loro Sedi Agli Uffici Centrali del Dipartimento Loro Sedi

Alle Direzioni Regionali dei VVF Loro Sedi Alle Direzioni Centrali del Dipartimento Loro Sedi Agli Uffici Centrali del Dipartimento Loro Sedi MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA FORMAZIONE Alle Direzioni Regionali dei VVF Alle Direzioni Centrali del Dipartimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ROSATO, VELO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ROSATO, VELO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ROSATO, VELO Agevolazioni in materia di tariffe doganali in favore delle esportazioni operate

Dettagli

Benvenuti in Port of Venice Digital Edition.

Benvenuti in Port of Venice Digital Edition. steel products Porto di Venezia / break bulk Benvenuti in Port of Venice Digital Edition. In questo spazio, unico nel suo genere, sarà possibile scaricare periodicamente le pubblicazioni che l Autorità

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA

Dettagli

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Convegno LA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Intervento Francesco Carpinteri Capo Ufficio Sicurezza della Navigazione Comando Generale del Corpo della

Dettagli

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile

Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Innovare l intermodalità per una logistica competitiva e sostenibile Guido Porta LOGISTICA SOSTENIBILE: Pubblico e Privato possono vincere insieme Genova, 30 novembre 2007 I.Log è una società nata per

Dettagli

Ente Formazione e Addestramento Professionale

Ente Formazione e Addestramento Professionale Ente Formazione e Addestramento Professionale SEDE CENTRALE C.so Allamano, 126/A 10095 Grugliasco (TO) Tel. 011 31.39.779 enfap.to@enfap.piemonte.it www.enfap.piemonte.it Chi siamo EnFAP Piemonte è un

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Programmazione Disciplinare 4-B Pag. 0 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Logistica a.s. 2013/2014 Classe: 4 Sez. B INDIRIZZO: MACCHINISTI Docente : FABIO MACCIONI *******************************

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

Ugo VESTRI ESPERIENZE PROFESSIONALI

Ugo VESTRI ESPERIENZE PROFESSIONALI Ugo VESTRI Telefono 3293178570 ~ e-mail: u.vestri@porto.napoli.it DATI ANAGRAFICI Luogo di nascita: Napoli. Data di nascita: 13 agosto 1967 Residenza: Napoli ESPERIENZE PROFESSIONALI aprile/luglio 93 Vincitore

Dettagli

IL GENOA PORT CENTER

IL GENOA PORT CENTER IL PORTO DI GENOVA Il porto di Genova è uno fra i più attivi di tutta Europa, in concorrenza con Marsiglia e Barcellona nel Mediterraneo e il maggiore porto industriale e commerciale italiano. Si sviluppa,

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

Istituto Tecnico Trasporti e Logistica Mario Ciliberto

Istituto Tecnico Trasporti e Logistica Mario Ciliberto Istituto Tecnico Trasporti e Logistica Mario Ciliberto CROTONE Cod.Meccan. KRTH020009 Per un futuro Grande come il mondo LE FINALITA' Scopo di tutti gli Istituti Tecnici per i Trasporti e la Logistica

Dettagli

Un cluster marittimo sempre più professionale

Un cluster marittimo sempre più professionale Pubbl. bimestrale dell Autorità Portuale di Venezia Primo Piano sul Porto di Venezia n. 12, gennaio-febbraio 2009 Aut. Tribunale di Venezia n. 1214 del 25.01.1996 Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento

Dettagli

WP7.2 Verifica dello stato di attuazione e armonizzazione dei piani di safety per le modalità di trasporto di sostanze pericolose

WP7.2 Verifica dello stato di attuazione e armonizzazione dei piani di safety per le modalità di trasporto di sostanze pericolose WP7.2 Verifica dello stato di attuazione e armonizzazione dei piani di safety per le modalità di trasporto di Partner responsabile del deliverable: Documento di sintesi Versione: documento_sintesi_wp7.2_14112013

Dettagli

LA PREPARAZIONE PER L ESAME DI MEDIATORE MARITTIMO

LA PREPARAZIONE PER L ESAME DI MEDIATORE MARITTIMO LA PREPARAZIONE PER L ESAME DI MEDIATORE MARITTIMO LA MEDIAZIONE MARITTIMA COSTRUZIONE NAVI COMPRAVENDITA NAVI LOCAZIONE E NOLEGGIO DI COSE DIPORTO IL M ARE LA NAVE I PORTI CONTRATTI DI TRASPORTO DI COSE

Dettagli

LA SICUREZZA NEL SETTORE MARITIMO - PORTUALE Analisi del bisogno formativo nell area portuale di Livorno

LA SICUREZZA NEL SETTORE MARITIMO - PORTUALE Analisi del bisogno formativo nell area portuale di Livorno LA SICUREZZA NEL SETTORE MARITIMO - PORTUALE Analisi del bisogno formativo nell area portuale di Livorno Codice/data FN Rev Redazione LEM SLV 013 3 agosto 2013 studio 0 SLV Giovanni Vaglio SLV Eleonora

Dettagli

L uomo e il mare. Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia. Roma, 21 Maggio 2014

L uomo e il mare. Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia. Roma, 21 Maggio 2014 L uomo e il mare Le dinamiche di sviluppo del trasporto marittimo e l evoluzione del lavoro nel comparto Andrea Appetecchia Roma, 21 Maggio 2014 I N D I C E Trasporto marittimo Evoluzione del trasporto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Guido Andriani Indirizzo Via Veneto, 36 00053 Civitavecchia (Roma) Italia Telefono +39076624570 Cellulare

Dettagli

CATALOGO PROVINCIALE DI MODULI FORMATIVI PROFESSIONALIZZANTI E SERVIZI ACCESSIBILI TRAMITE VOUCHER

CATALOGO PROVINCIALE DI MODULI FORMATIVI PROFESSIONALIZZANTI E SERVIZI ACCESSIBILI TRAMITE VOUCHER CATALOGO PROVINCIALE DI MODULI FORMATIVI PROFESSIONALIZZANTI E SERVIZI ACCESSIBILI TRAMITE VOUCHER Area SICUREZZA A Corso di base per lo svolgimento della funzione di RSPP ASPP B ATECO 6 - Settore Marittimo

Dettagli

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Advisory Council for Aviation Research and Innovation in Europe - Italia Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Executive Summary Marzo 2014 Realising Europe s vision for aviation Strategic Research

Dettagli

Unione Europea Ministero del Lavoro e Previdenza Sociale Regione Liguria. Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Regionale per la Liguria

Unione Europea Ministero del Lavoro e Previdenza Sociale Regione Liguria. Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Regionale per la Liguria Unione Europea Ministero del Lavoro e Previdenza Sociale Regione Liguria SCHEDA INFORMATIVA PROGETTO MULTIREGIONALE COLLEGE MARITTIMO LIGURE TOSCANO CORSO PER ALLIEVI UFFICIALI DI COPERTA E ALLIEVI UFFICIALI

Dettagli

CONSULENZA, SICUREZZA E FORMAZIONE AL SERVIZIO DEL CLIENTE

CONSULENZA, SICUREZZA E FORMAZIONE AL SERVIZIO DEL CLIENTE CONSULENZA, SICUREZZA E FORMAZIONE AL SERVIZIO DEL CLIENTE Il contesto socio-economico richiede alle aziende di ridurre ogni voce di spesa e, di conseguenza, anche i budget per consulenza, sicurezza e

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO ORDINANZA N. 42/2009 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Gioia Tauro: VISTO: il D.P.R. 06 giugno

Dettagli

Catalogo Corsi Formativi

Catalogo Corsi Formativi Catalogo Corsi Formativi Salute e sicurezza sul lavoro Tutti i corsi erogati dalla nostra scuola sono realizzati conformemente ai requisiti richiesti dalla normativa vigente in materia di formazione per

Dettagli

Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile

Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile ECOMONDO Rimini, 10 Novembre 2011 Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile Ing. Marco Frigerio Demolizione di una sovrastruttura in acciaio su pontile La sicurezza degli operatori e dell

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIO CAPUANO Indirizzo Telefono 0565 229201 Fax 0565 229241 E-mail c.capuano@appiombinoelba.it Nazionalità

Dettagli

PMIS Port Management Information System

PMIS Port Management Information System PMIS Port Management Information System Architettura VTSL 2 Il sistema VTS Nella maggior parte delle installazioni il VTS è limitato ad un area portuale o ad una ben definita area di transito Il VTS italiano

Dettagli

Giampietro Mayerle, Maria Teresa Brotto, Sabina Pastore * Venezia. Il nuovo Centro per la simulazione della navigazione. Premessa

Giampietro Mayerle, Maria Teresa Brotto, Sabina Pastore * Venezia. Il nuovo Centro per la simulazione della navigazione. Premessa 23 Giampietro Mayerle, Maria Teresa Brotto, Sabina Pastore * Premessa * Giampietro Mayerle del Magistrato alle Acque di Venezia è Responsabile dell Ispettorato Generale per la laguna di Venezia, Marano

Dettagli

EDITORIALE IL MAGAZINE PER LE IMPRESE FOCUS 7 TESTIMONIANZE N. 2 GIUGNO 2011

EDITORIALE IL MAGAZINE PER LE IMPRESE FOCUS 7 TESTIMONIANZE N. 2 GIUGNO 2011 1 2 EDITORIALE FOCUS IL MAGAZINE PER LE IMPRESE 7 TESTIMONIANZE N. 2 GIUGNO 2011 EDITORIALE di Francesca Marcucci Amministratore unico di Centro Studi Aziendali Srl Questa seconda edizione del magazine

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Decreto Dirigenziale n 392/2010 Requisiti per la manutenzione e la revisione dei dispositivi di salvataggio

Dettagli

Management della Logistica Distributiva

Management della Logistica Distributiva Bologna - da Ottobre 2006 Il Master Gli Obiettivi I Destinatari Obiettivi: Formare figure professionali capaci di gestire la distribuzione ed il trasporto delle merci secondo criteri di integrazione, con

Dettagli

Valido anche come aggiornamento per RSPP/RLS 8ore. 06 novembre 2014 SAFETY CONTACT SRL Gallarate. Mauro Pepe Elisabetta Maier

Valido anche come aggiornamento per RSPP/RLS 8ore. 06 novembre 2014 SAFETY CONTACT SRL Gallarate. Mauro Pepe Elisabetta Maier Valido anche come aggiornamento per RSPP/RLS 8ore 06 novembre 2014 SAFETY CONTACT SRL Gallarate Mauro Pepe Elisabetta Maier SAFETY CONTACT SRL è CFA - AiFOS Agenzia Europea per la salute e la sicurezza

Dettagli

CHIATTE NEL PORTO CLODIENSE MANOVRATE DAGLI ORMEGGIATORI

CHIATTE NEL PORTO CLODIENSE MANOVRATE DAGLI ORMEGGIATORI CHIATTE NEL PORTO CLODIENSE MANOVRATE DAGLI ORMEGGIATORI Chioggia regina dei trasbordi eccezionali I ncastro posizionato al millimetro: quasi un intervento chirurgico di grande precisione, eseguito da

Dettagli

Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza

Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Roma, 16 aprile 2013 Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID 83584 a valere sul conto formazione Fondimpresa Fondo interprofessionale

Dettagli

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012)

Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Codice Fiscale - 80000030181 Settore Affari Generali Gestione e Organizzazione Risorse Umane Linee guida alla Programmazione Formativa del personale (Delibera G.P. n. 358/66667 del 5.11.2012) Pagina 1

Dettagli

provincia di mantova ROVIGO

provincia di mantova ROVIGO provincia di mantova ROVIGO provincia di mantova CONESSIONE VENEZIA MILANIO NAVIGAZIONE INTERNA PROPOSTA ED INSERITA NELLE CORE provincia di mantova Fiera di Rimini ECOMONDO Giovedì 4 novembre 2010 CLAUDIO

Dettagli

REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARIO INTERATENEO di I LIVELLO. Management strategico delle moderne navi passeggeri anno accademico 2011/2012

REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARIO INTERATENEO di I LIVELLO. Management strategico delle moderne navi passeggeri anno accademico 2011/2012 REGOLAMENTO MASTER UNIVERSITARIO INTERATENEO di I LIVELLO in Management strategico delle moderne navi passeggeri anno accademico 2011/2012 1. Denominazione del corso Master Universitario Interateneo di

Dettagli

AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013

AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 2013 AREA SICUREZZA CATALOGO CORSI 203 sviluppare sensibilità e competenze per accrescere la sicurezza in azienda Cerform è ente accreditato dalla Regione Emilia Romagna ed è certificato CORSI PER ASPP RSPP

Dettagli

Novità 2012. Nuovi Assunti

Novità 2012. Nuovi Assunti Novità 2012 A far data dal 26 Gennaio 2012, con l entrata in vigore del Nuovo Accordo Formazione Stato-Regioni, in riferimento al testo unico in materia di sicurezza sul lavoro (D.Lgs 81/08) sono radicalmente

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

FESTIVAL DELLASICUREZZA

FESTIVAL DELLASICUREZZA FESTIVAL DELLASICUREZZA 5-20 Novembre 2014 La sicurezza nei luoghi di lavoro continua ad essere un tema di interesse e di attenzione per le aziende e la comunità. Confindustria Venezia in collaborazione

Dettagli

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015 Prospettiva europea L attenzione europea - anche grazie ad iniziative che ConferenzaGNL stessa potrà promuovere nel Semestre di Presidenza italiana dell UE - si sposterà da Nord a Sud per le nuove opportunità

Dettagli

AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO

AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO ESTERO AMBURGO IL PORTO DI AMBURGO Uno dei più importanti scali del nord Europa vede la progressiva crescita del traffico contenitori, che con 2 milioni di teu per anno e la previsione di un sostanziale

Dettagli

build your future ACCENDI IL TUO FUTURO! www.juliaservice.com CATALOGO CORSI

build your future ACCENDI IL TUO FUTURO! www.juliaservice.com CATALOGO CORSI { ACCENDI IL TUO FUTURO! build your future { www.juliaservice.com CATALOGO CORSI 201 JULIA SERVICE s.r.l. è incentrata ad offrire servizi di orientamento al lavoro, la nostra società progetta, organizza,

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICA

ATTESTATO DI QUALIFICA PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA PSS LINEA ECONOMIA DEL MARE PROGETTO IL GOLFO FA RETE NEL BLU AZIONE FORMATIVA: ADDETTO AI SISTEMI DI GESTIONE INTEGRATA CODICE ISTAT: 2.5.1.2.0 Ente realizzatore:

Dettagli

AREA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

AREA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CATALOGO CORSI 0 AREA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO TITOLO CORSO: Corso di formazione per addetti antincendio "Rischio Basso" (Decreto Legislativo coordinato 81/2008 e 106/2009, art. 37, c. 9, art. 46

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 1 SICUREZZA 2 SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Corso di Formazione dei lavoratori ex art. 37 D. Lgs. 81/2008 e Accordi Stato Regioni Corso di Formazione dei lavoratori ex art. 37 D. Lgs. 81/2008 e Accordi

Dettagli

GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI SICUREZZA SUL LAVORO

GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI SICUREZZA SUL LAVORO GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI 2014 SICUREZZA SUL LAVORO AULE CORSI Via Provinciale 61 Alzano Lombardo (BG) 346.2891923 info@gestedil.eu gestedil.infad.net WWW.GESTEDIL.EU WWW.CORSISICUREZZA.BG.IT

Dettagli

PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI

PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI QUADRO NORMATIVO L art. 117 della Costituzione prevede che gli aeroporti rientrino tra le materie oggetto di legislazione concorrente Stato-Regioni L art. 698 del Codice

Dettagli

Analisi dei Requisiti, Progettazione Preliminare ed Esecutiva di Grandi Sistemi Ingegneristici: Casi di Studio

Analisi dei Requisiti, Progettazione Preliminare ed Esecutiva di Grandi Sistemi Ingegneristici: Casi di Studio Seminario di Analisi dei Requisiti, Progettazione Preliminare ed Esecutiva di Grandi Sistemi Ingegneristici: Casi di Studio Corso di Ingegneria dei Sistemi Software e dei Servizi in Rete Parte 2. Caso

Dettagli

> finanziamenti servizi consulman: finanziamenti per la formazione

> finanziamenti servizi consulman: finanziamenti per la formazione > finanziamenti servizi consulman: finanziamenti per la formazione Il Gruppo Consulman progetta piani formativi e interventi di assistenza tecnica volti alla richiesta di finanziamento per Aziende, Enti

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG77U ATTIVITÀ 61.10.0 TRASPORTI MARITTIMI E COSTIERI TRASPORTI PER VIE D ACQUA INTERNE (COMPRESI ATTIVITÀ 61.20.0 ATTIVITÀ 63.22.

STUDIO DI SETTORE TG77U ATTIVITÀ 61.10.0 TRASPORTI MARITTIMI E COSTIERI TRASPORTI PER VIE D ACQUA INTERNE (COMPRESI ATTIVITÀ 61.20.0 ATTIVITÀ 63.22. STUDIO DI SETTORE TG77U ATTIVITÀ 61.10.0 TRASPORTI MARITTIMI E COSTIERI ATTIVITÀ 61.20.0 TRASPORTI PER VIE D ACQUA INTERNE (COMPRESI I TRASPORTI LAGUNARI) ATTIVITÀ 63.22.0 ALTRE ATTIVITÀ CONNESSE AI TRASPORTI

Dettagli

ISPS CODE. International ship and Port Facility Security Code. 04 maggio 2006 TV (CP) E. PIERAMI TV (CP) E. PIERAMI 1

ISPS CODE. International ship and Port Facility Security Code. 04 maggio 2006 TV (CP) E. PIERAMI TV (CP) E. PIERAMI 1 ISPS CODE International ship and Port Facility Security Code 04 maggio 2006 TV (CP) E. PIERAMI TV (CP) E. PIERAMI 1 SICUREZZA: SAFETY SECURITY Maritime security: combinazione di misure e risorse umane

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

ISPS. Premessa. Premessa. dott. Massimo Vascotto massimo.vascotto@istruzione.it

ISPS. Premessa. Premessa. dott. Massimo Vascotto massimo.vascotto@istruzione.it ISPS dott. Massimo Vascotto massimo.vascotto@istruzione.it Premessa Fonte: http://www.newapocalypse.altervista.org/foto11settembre/twin_towers_explode.jpg Premessa Fonte: http://polluxe.free.fr/images/11septb.jpg

Dettagli

I percorsi triennali

I percorsi triennali Dopo la terza media: I percorsi triennali di Istruzione e Formazione Professionale realizzati da ASIF alla Spezia Ciò che dobbiamo imparare a fare, lo impariamo facendo L. Durand de La Penne Perchè iscriversi

Dettagli

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA CORSO GRATUITO SEDI E CONTATTI CONTABILITA ORDINARIA ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato da professionisti provenienti

Dettagli

COD. 01 - Sommario CORSI SICUREZZA. COD. 02 - Sommario corsi MACCHINE OPERATRICI. COD. 03- Corso di TEAMBUILDING INDOOR

COD. 01 - Sommario CORSI SICUREZZA. COD. 02 - Sommario corsi MACCHINE OPERATRICI. COD. 03- Corso di TEAMBUILDING INDOOR COD. 01 - Sommario CORSI SICUREZZA COD.01.01 - ADDETTO ANTINCENDIO RISCHIO MEDIO COD.01.02 - ADDETTO PRIMO SOCCORSO COD.01.03 - FORMAZIONE LAVORATORI RISCHIO BASSO COD.01.04 - FORMAZIONE LAVORATORI RISCHIO

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Catalogo Corsi ADIFER PUGLIA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

Catalogo Corsi ADIFER PUGLIA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 1 INDICE Formazione del datore di lavoro RSPP Pagina Durata in ore Costo Datore di lavoro RSPP (rischio B-M-A) 4 16-32-48 180-350-450

Dettagli

Formazione Obbligatoria SICUREZZA: LA GUIDA SICURA COME EFFICACE STRUMENTO PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

Formazione Obbligatoria SICUREZZA: LA GUIDA SICURA COME EFFICACE STRUMENTO PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI Formazione Obbligatoria SICUREZZA: LA GUIDA SICURA COME EFFICACE STRUMENTO PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PERCHÈ UN CORSO GUIDA SICURA BENEFICI E VALORE AGGIUNTO OBBLIGO SICUREZZA & RESPONSABILITÀ SOCIALE

Dettagli

COORDINATE PER CRESCERE

COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE CER E COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE CHI SIAMO Consilia una societá di consulenza e formazione nata su iniziativa di Angelo Camilli. Attraverso un approccio integrato

Dettagli