Simulatori contro i rischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simulatori contro i rischi"

Transcript

1 1 Porto di Venezia N e w s l e t t e r # SOMMARIO pag. 3 - Italia bocciata in formazione continua pag. 5 - La formazione è strategica per il Porto di Venezia pag. 6 - Il rizzatore, professione tutta da scoprire Simulatori contro i rischi Unire la tecnologia alla formazione per migliorare il livello di safety e security Nel campo della formazione sui trasporti si riconosce l importanza del fattore umano nell abilità di saper manovrare mezzi e navi. La scelta di investire sui simulatori è giustificata dai risultati che si ottengono con l uso del training. L apprendimento attraverso la simulazione e l addestramento consente di migliorare il livello di safety e security e di conseguenza: Eliminare il rischio di danni a persone e cose. Evitare la mancata produttività dei mezzi operativi. Creare difficoltà gestendo opportunamente gli scenari di addestramento Verificare oggettivamente con il monitoraggio degli esercizi il livello raggiunto pag. 7 - Nuovi corsi, istruzioni per l uso pag. 8 NOTIZIE IN PILLOLE Il porto raddoppia La nuova banchina di Transped Container e project cargo da Venezia per l India a partire dal 2010 Marghera work in progress Porti e interporti Il simulatore di gru in uso al CFLI Newsletter mensile On Line dell Autorità Portuale di Venezia e di Apv Investimenti spa Autorità Portuale di Venezia Fabbricato 13 Santa Marta Venezia Tel Fax Direttore editoriale PAOLO COSTA Direttore responsabile FABIO TAMBURINI Redazione Gruppo Il Sole 24 Ore Via Monte Rosa Milano Tel Fax In redazione: Manuela Brambati (Caposervizio) Progetto Grafico Davide Mazzucchi (Studio Mudita ) Raccolta pubblicitaria: Direzione Pubblicità Apv Investimenti spa Fabbricato 16 Santa Marta Venezia

2 2 innovazione Presso il Porto di Venezia ci sono due società, Cfli (Centro Formazione Logistica Intermodale) e VeMarS (Venice Maritime School), che si occupano rispettivamente di formazione dei lavoratori portuali e del personale marittimo navigante. Grazie alle più moderne tecnologie sono attivi corsi teorico-pratici per gruisti ed ufficiali della marina mercantile che impiegano per la parte pratica simulatori dell ultima generazione. VEMARS VeMarS, acronimo che indica Venice Maritime School, è un consorzio fondato il 6 ottobre 2004 dall unione fra quattro soggetti: l Autorità Portuale di Venezia, Actv S.p.a., Pianura Armatori srl. e SSMC (Società di gestione e consulenze sulla sicurezza navale). Il consorzio, accreditato presso la Regione Veneto, opera nella Formazione Continua e Superiore con il compito di addestrare, riqualificare e formare il personale marittimo, è autorizzato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per il rilascio di certificati internazionali richiesti da STCW Vemars si trova nella zona portuale di S.Marta/ Venezia, nel modernissimo Magazzino 16 all interno del quale trovano spazio aule attrezzate per lo svolgimento dei corsi di formazione per il settore marittimo e portuale. In particolare, per l addestramento degli ufficiali della Marina Mercantile, il Centro dispone di uno dei più avanzati simulatori navali a livello europeo. La struttura è inserita in un area di circa 180 mq ed è composta di sei navi interattive controllate indifferentemente da una delle due stazioni esterne dalle quali l istruttore può verificare la regolarità di svolgimento degli esercizi. Per il debriefing degli esercizi il centro dispone di una sala dedicata direttamente collegata alla rete del sistema. L impianto è equipaggiato di quattro stazioni radio GMDSS, due ubicate a bordo delle navi principali e due annesse alle stazioni esterne, dedicato a chi si prepara per sostenere l esame specifico di abilitazione. Le due navi principali dispongono per la visione degli scenari: di schermi di un settore di 310 per l unità maggiore, e di uno schermo da 3 mq per l unità minore. Il software dell impianto è stato creato dalla Transas (Portsmouth UK), leader mondiale nel campo dei simulatori navali ed aeronautici mentre il simulacro è un progetto realizzato da Vemars. L intero sistema ha ottenuto l approvazione sia dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sia dal DOT/MCA inglese. Il Centro di eccellenza, attraverso certificazioni che seguono la normativa IMO (International Maritime Organization), garantisce la formazione di personale altamente qualificato per la corretta amministrazione e gestione della nave, in linea con le esigenze delle compagnie armatoriali. I corsi di addestramento che richiedono l uso del simulatore coprono le principali aree di interesse marittimo e comprendono: Radar Basic; Radar ARPA; Bridge Teamwork Ricerca e Soccorso (SAR); Bridge Team Management; Ship Handling; Tugs & Mooring Operations; GMDSS; VTS Control; Modulo di allineamento per Ufficiali di navigazione di coperta e macchina. Cfli Cfli è il centro di formazione voluto e promosso dall Autorità portuale di Venezia come struttura a sostegno della formazione in materia di sicurezza in Porto e centro di formazione per i giovani veneziani e della terraferma. Mezzi quali le gru di banchina, di piazzale, etc. La nave principale dispone di una plancia simile sia nel lay-out sia negli equipaggiamenti a quella di una nave dell ultima generazione. costituiscono, quindi, riferimenti importanti per la produttività delle piattaforme intermodali (porti, interporti etc.); è per questo che sin dalla fine del 1993 con un investimento di circa 1 milione di Euro Cfli. si è dotata di un Sistema di simulazione per GRU allo scopo di accompagnare gli operatori nel loro primo approccio e, in seguito, anche nella loro crescita professionale, in condizioni di sicurezza ed efficacia formativa, a saper affrontare con la miglior preparazione possibile compiti sempre più impegnativi; agli skills didattici si affiancano l innovazione tecnologica anche nella didattica. Il simulatore di gru in uso al Cfli è un sistema complesso racchiuso in un container, dunque trasportabile, attraverso il quale è possibile far vivere le sensazioni e l esperienza invasività formativa di un gruista all interno della cabina dalla quale si comandano e si gestiscono realmente il caricamento e scaricamento di container e materiali/rinfuse in aree logistico-portuali. Per ogni sessione training si ottiene: lista dei movimenti effettuati e media della movimentazione con dettaglio dei tempi e delle collisioni eventuali Valutazione relativa delle prestazioni dei diversi allievi Possibilità di evidenziare la traiettoria seguita Analisi del movimento (Percorsi e traiettorie) ed individuazione degli errori

3 3 rapporto Secondo i dati del Ministero del lavoro le aziende italiane forniscono la metà dei corsi ai dipendenti rispetto alla media europea, scarsa anche la partecipazione ai processi formativi Italia maglia nera in Europa per la formazione continua. Emerge dal Rapporto annuale presentato dal Ministero del lavoro della salute e delle politiche sociali e realizzato in collaborazione con l Isfol (Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori). I dati parlano chiaro: la media europea delle imprese che hanno offerto formazione ai propri dipendenti è pari al 60%, mentre nel nostro Paese raggiunge appena il 32%. Una performance decisamente negativa che colloca l Italia al terzultimo posto in Europa. Con un livello di partecipazione della popolazione adulta al lifelong learning pari al 6,1%, l Italia è dunque ancora lontana dai valori europei (12,5%), ma nonostante ciò è in crescita la domanda potenziale di formazione continua delle imprese rispetto agli anni precedenti. Le motivazioni. Dipende principalmente dall assetto che il nostro sistema produttivo assume in alcuni settori tradizionali (come il tessile, il turismo e il commercio al dettaglio), ovvero una ridotta struttura dimensionale e una bassa intensità di innovazione tecnologica. Entrando nel dettaglio, nel ITALIA bocciata in formazione continua I numeri del fenomeno italiano 32% le imprese italiane che offrono formazione ai dipendenti contro il 60% della media europea. 1,3% l investimento in formazione continua delle aziende italiane in rapporto al costo del lavoro 30% il tetto massimo di partecipanti over 50 a processi formativi aziendali e individuali 14,2% le imprese italiane con più di nove dipendenti che favoriscono la formazione continua con un accordo integrativo 6,1% la partecipazione della popolazione adulta italiana all apprendimento permanente contro il 12,5% della media europea

4 4 rapporto 2008 le imprese italiane hanno speso per le attività di formazione continua l 1,3% del costo del lavoro. E il 29% dei dipendenti (2,5 milioni) è stato coinvolto in corsi di formazione rispetto al 33% della media europea. Nel nostro Paese, la durata media dei corsi è leggermente inferiore rispetto a quella comunitaria: 26 ore contro 27, mentre sono più alti i costi sostenuti per partecipante. Si evidenzia, comunque, rispetto al passato, una riduzione del gap con l Europa grazie a una serie di fattori, primo fra tutti la diminuzione della spesa per l acquisto di servizi formativi dai fornitori esterni. Gli strumenti per la formazione. A sostegno delle iniziative formative delle imprese si registra un consolidamento dei fondi paritetici interprofessionali (attualmente 15), che raccolgono ormai il 42% delle imprese private italiane e circa 6,2 milioni di addetti. Dalla loro partenza al giugno 2008 hanno finanziato circa piani formativi coinvolgendo più di 40mila imprese e 850mila lavoratori e impegnando a tale scopo più di 850 milioni di euro. La contrattazione. La tornata di rinnovi dei Il miglior strumento per battere la crisi? La formazione continua. E questa la filosofia del Fondo nazionale per la formazione continua dei lavoratori del Terziario recentemente promosso da Confcommercio, Confetra e Cgil, Cisl e Uil. Per far fronte alle esigenze di aziende e lavoratori, offrendo loro ulteriori servizi e opportunità, queste istituzioni hanno destinato infatti quasi 90 milioni di euro a interventi formativi, prevedendo ulteriori iniziative a favore delle imprese in crisi oppure alle prese con difficoltà occupazionali. L attuale scenario economico, del resto, impone strategie mirate per superare le difficoltà presenti sul mercato. Vero, la fase più acuta della recessione sembra alle spalle. Tuttavia, soprattutto per le aziende del terziario, è indispensabile puntare sulla qualificazione professionale per migliorare la qualità dei servizi offerti. Del resto, muoversi in questa direzione è come giocare d anticipo: nel momento in cui l economia ripartirà con decisione (stando alle previsioni ciò Il ministro Sacconi: Il 2010 sarà l anno della formazione Un fondo nazionale per investire sui lavoratori avverrà nel secondo semestre dell anno prossimo) poter contare su una maggiore preparazione consentirà di essere più competitivi ed efficienti. La formazione continua agisce su due fronti, entrambi fondamentali. Su quello delle imprese, che hanno la necessità di dare una risposta concreta alla crisi in termini di strategie di sviluppo e di innovazione. Ma anche su quello dei lavoratori, che proprio attraverso la rigenerazione continua delle competenze si garantiscono l occupabilità. Dopo un anno all insegna della recessione e della cassa integrazione, il 2010 ruoterà attorno alla formazione. Parola del ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. Non solo, le politiche per il ricollocamento dei disoccupati dovranno essere riconsiderate alla luce delle esigenze reali delle imprese. Sacconi ha annunciato la svolta a metà dicembre, in occasione di un vertice con Regioni e parti sociali, durante il quale ha definito in 2,5 miliardi di euro le risorse per la formazione disponibili nel 2010 (oltre a 150 milioni già destinati alle regioni). Una dote che andrà utilizzata seguendo le rinnovate linee guida che saranno condivise entro gennaio. Tra queste spicca ed è un concetto condiviso anche da Confindustria l attivazione di una cabina di regia nazionale di valutazione dei fabbisogni di competenze a livello territoriale. In particolare, ha precisato Sacconi, sarà incentivato l accesso degli inoccupati a tirocini di inserimento e ai contratti di apprendistato, privilegiando l apprendimento nell impresa. Contratti collettivi nazionali del 2008 ha visto l intervento delle parti sociali volto a favorire la diffusione della formazione in azienda e, in particolare, la previsione di un monte ore per la partecipazione dei lavoratori alle attività formative e l utilizzo della formazione per aumentare le competenze necessarie alla progressione di carriera. L attuazione di queste novità trova, tuttavia, un notevole ostacolo nella scarsa diffusione della contrattazione decentrata dove, peraltro, è ancora limitata la presenza di disposizioni riguardanti la promozione della formazione continua. A conferma di quanto detto il dato secondo il quale solo il 14,2% delle imprese italiane con più di 9 dipendenti applica un accordo integrativo aziendale che favorisce la formazione continua. Il coinvolgimento degli over 50. La ricerca affronta e descrive le politiche di active aging, ossia le azioni tese a stimolare la partecipazione dei lavoratori over 50. Il quadro che emerge riferisce ancora di numerosi ostacoli che ritardano il raggiungimento dell obiettivo, a partire dalla difficoltà di individuare percorsi di formazione ad hoc, integrati da servizi e metodi di apprendimento adatti alle capacità cognitive dei soggetti. Il risultato è che la quota di over 50 che partecipa a processi formativi sia aziendali, che individuali supera raramente il 30% dei partecipanti totali, nonostante vengano spesso indicati tra i destinatari prioritari sia dalle Regioni che dai fondi paritetici interprofessionali.

5 5 intervista Tiziano Barone presidente di Cfli, spiega che questa tematica è strettamente legata alla sicurezza nei luoghi di lavoro La formazione del personale, soprattutto di quello che lavora nei porti, è diventata di fondamentale importanza perchè strettamente connessa al problema della sicurezza. E il porto di Venezia è l unico in Italia ad aver investito in maniera continuativa in questo settore nel corso del tempo ottenendo i migliori risultati. Ne è convinto Tiziano Barone, presidente di Cfli, il Consorzio di formazione logistica intermodale controllato dall autorità portuale veneziana, al quale abbiamo rivolto alcune domande. s Quanto è importante la formazione dei lavoratori per il porto di Venezia? La formazione è di fondamentale importanza per il porto di Venezia perchè legata alla questione della sicurezza. In particolare nell ultimo anno si sono fatti passi in avanti, riunendo La formazione è strategica per il Porto di Venezia una commissione bilaterale che comprendeva oltre all autorità portuale anche i lavoratori e le imprese che lavorano nei terminal per definire con chiarezza le categorie maggiormente a rischio: per queste ultime è stata prevista l obbligatorietà della formazione. Questo principio vale per i lavoratori assunti da tempo, ma è tanto più valido per i nuovi. s Venezia in questo è differente dagli altri porti? Lo è nella misura in cui negli altri porti è prevista una sola giornata dedicata alla formazione, mentre Venezia ha reso obbligatoria la formazione continua dei lavoratori. s Esistono delle problematiche speficiche legate alla formazione nei porti? Le difficoltà maggiori sono legate all utilizzo di sistemi in qualche modo pericolosi e pesanti, come quelli delle gru e dei containers. Per questo nelle fasi di formazione è imprescindibile utilizzare i simulatori, perchè lavorare su macchinari che operano effettivamente sul campo non è pensabile. s La formazione può essere considerata un investimento importante per uscire dalla crisi? La considerazione preliminare è che i porti stanno sempre più diventando espressione delle realtà locali e come tali funzionali alla movimentazione delle merci e alle connessione tra i sistemi economici dei diversi territori. Nell ambito di un cambiamento nelle priorità commerciali (tanto per fare un esempio prima nel veneziano si investiva molto nel settore della chimica, ora in quello dei servizi e della logistica) c è una domanda di lavoro significativa, non solo per quanto riguarda le funzioni manuali ma anche per quanto concerne tutte le tecnologie di automazione e quindi l uso di strumenti informatici. s Che progetti avete in cantiere? Un progetto importante che riguarda la formazione di conduttori di imbarcazioni fluviali visto che al momento non esistono. Il progetto è legato alla partenza - il primo gennaio prossimo - di container su chiatta lungo il percorso fluviale di collegamento tra il porto di Venezia e quelli di Mantova e Cremona. Si tratta di un modo efficace di togliere le merci pericolose dal traffico su gomma. s E in futuro quali saranno le priorità del Cfli? Lavoriamo su tre versanti: il primo è relativo alla necessità di servire i sistemi logistici territoriali con personale sempre più qualificato, il secondo riguarda invece la costituzione di un Accademia della sicurezza per tutti i porti dell Adriatico (da Bari a Igoumenitsa) un soggetto capace di qualificazione nell ambito di safety e security la cui creazione rientra nell ambito del Napa, l associazione dei porti del Nord Adriatico, e infine il terzo ha come scopo il miglioramento dell innovazione per quanto riguarda i simulatori di navigazione e movimentazione. Elida Sergi

6 6 PROFESSIONI Dietro alla facciata di uno scalo portuale, riconoscibile per la propria imponenza e la presenza costante di traghetti, navi e gru, esiste una realtà interna piuttosto complessa, normalmente sconosciuta ai non addetti ai lavori. Le persone coinvolte nella vita di un porto sono moltissime e ogni professione, anche la meno nota, risulta essere di fondamentale importanza, dal momento che ogni giorno tutti i tecnici contribuiscono operativamente al funzionamento dello scalo, sia per quanto riguarda le merci che i passeggeri. Il rizzatore, ad esempio, è una figura fondamentale che si occupa del fissaggio del carico su un container o su una nave, sia in stiva che in coperta (il rizzaggio appunto); allo stesso modo si occupa anche della fase di derizzaggio ovvero di togliere, con utilizzo di avvitatori pneumatici, gli ancoraggi (catene, tornichetti) sistemati all imbarco e fissati sulle margherite per garantire la stabilità del carico in navigazione. Intesa quale attività da espletarsi a bordo, al fine di garantire la sicurezza della navigazione, l attività di rizzaggio e derizzaggio consiste pertanto nelle operazioni volte a stabilizzare il carico sistemato in colli sovrapposti mediante l impiego di rizze, impedendo in questo modo agli oggetti mobili del carico di spostarsi all interno della stiva o sopra coperta per effetto del rollio e del beccheggio durante la navigazione. L operazione di derizzaggio rappresenta invece l attività preparatoria allo sbarco della merce, consistendo nel togliere le rizze precedentemente poste per garantire la stabilità del carico. L attività di rizzaggio e derizzaggio viene rivolta anche ai contenitori, attraverso l impiego di dispositivi di bloccaggio di vario tipo (stacking cones, bridgefittings, twistlocks, ad azionamento manuale, semiautomatico o automatico), nonché ai trailers, fissati con catene e tenditori al paiolato della nave ro/ro. Per l espletamento di tali attività vengono impiegati tenditori pneumatici, pin- Il rizzatore, professione tutta da scoprire È una figura fondamentale che si occupa del fissaggio del carico sulla nave ze, cesoie, regge e sigilli in acciaio, tasselli in legno, teloni impermeabili al fine di coprire adeguatamente la merce garantendone l integrità anche sotto attacco di agenti atmosferici. Questa figura professionale ricopre un ruolo di assoluto rilievo ed è tenuta in alta considerazione dallo stesso capitano dal momento che chi opera il rizzaggio si assume anche la responsabilità di eventuali danni alla merce. Proprio per la sua peculiarità, sulla base di quanto disposto dalla Commissione Formazione per il porto di Venezia per poter ottenere l abilitazione alla mansione di rizzatore è attualmente previsto un modulo formativo di 96 ore complessive, comprendenti una prima parte teorica di formazione/ informazione in materia di organizzazione e sicurezza nell ambito del territorio portuale di Venezia ed una seconda parte di formazione specifica (tra cui spiccano le nozioni circa le caratteristiche generali di una nave, gli elementi di base delle forze, i cenni sulle attrezzature per il rizzaggio, componenti, loro dimensionamento, angoli di lavoro, nozioni di imbracatura delle merci, la prevenzione infortuni nonché cenni di lingua inglese). I rizzatori operano in squadre formate da due addetti che, durante un turno di circa 6 ore, effettuano in media 112 operazioni di rizzaggio, provvedendo a preparare ed agganciare le catene agli appositi supporti che vengono poi tensionati con gli avvitatori pneumatici. Per assicurare le merci è possibile utilizzare, ad esempio, il sistema aeroquip che prevede l utilizzo di rotaie in metallo provviste di incastri ai quali ancorare bretelle e reggette metalliche o, in alternativa, per merci delicate delle sacche di plastica gonfiabili per occupare gli interspazi fra merci o fra gli imballaggi. Ai sensi della vigente normativa, ed in particolare secondo quanto disposto dalla Circolare del Ministero dei Trasporti e della Navigazione Serie VI n 33 del 15 febbraio 1996, le attività di rizzaggio e derizzaggio possono essere eseguite dall armatore facendo ricorso al proprio personale (in ossequio al cosiddetto diritto al self-handing o Continua a pagina 7

7 7 PROFESSIONI Nuovi corsi, istruzioni per l uso Segue da pagina 6 autoproduzione) o appoggiandosi a società iscritte al registro come previsto dal Codice della Navigazione. In questo caso l equipaggio della nave deve risultare composto da un numero di elementi superiore a quello fissato per la tabella di armamento necessaria per la condotta nautica della nave; conseguentemente, i marittimi destinati ad assicurare il carico debbono obbligatoriamente risultare in possesso delle qualifiche idonee ed adeguate, anche per numero, alle attività da svolgere ed i loro nominativi devono essere previamente comunicati all Autorità Portuale o, per gli scali nei quali non è prevista, all Autorità Marittima. I rizzatori sono tenuti ad eseguire il proprio lavoro indossando sempre i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), e devono tenersi costantemente in contatto con l operatore della gru, in modo da poter segnalare ogni situazione di pericolo presente e garantire lo svolgimento delle operazioni in sicurezza. Attualmente sono 8 le società iscritte nel Registro di cui all art. 68 del Codice della Navigazione, ai sensi dell Ordinanza n 210/2005, e conseguentemente risultano autorizzate allo svolgimento dell attività di rizzaggio, derizzaggio, fardaggio e copertura merci a bordo delle navi nel porto di Venezia: quasi tutte operano con esperienza pluridecennale nello specifico settore, a garanzia della qualità e professionalità del servizio erogato all utenza portuale. Il Consorzio Cfli, nato nel 1993, è stato istituito prevalentemente allo scopo di assolvere alle esigenze di formazione professionale delle società consorziate. Nel 1996 sono state avviate le prime proposte formative indirizzate all esterno con l offerta di progetti a catalogo e/o a finanziamento per le aziende del comparto trasporti logistico su Venezia, Genova, Milano, Novara, Livorno e Cremona. Attualmente il Consorzio è di partecipazione esclusiva dall Autorità Portuale di Venezia (100%) diventando il braccio operativo del porto di Venezia dedicato allo sviluppo delle attività formative negli ambiti: Portuale, Marittimo, Aeroportuale, Logistico, Trasportistico, Safety e Security. La formazione è destinata sia a persone occupate in aziende di settore, sia a giovani in cerca di occupazione che intendono avvicinare il mondo della portualità, dei trasporti marittimi (compreso il crocieristico e la nautica da diporto), dell aeroportualità e della logistica e dei trasporti in genere. Cfli si è specializzato sulla formazione nelle principali aree della catena di movimentazione delle merci e del servizio logistico in aree dedicate e complesse. I corsi, strutturati in maniera flessibile, secondo la Learning Objects Methodology hanno permesso al Cfli di ottenere STANNO PER ESSERE ATTIVATI I CORSI PER P.F.S.O. PORT FACILITY SECURITY OFFICER - Durata: 24 ore (nel 2003) la certificazione del suo Sistema di Qualità ISO 9001 per la: Progettazione ed erogazione di servizi di formazione. Oltre a svolgere corsi on-site su specifiche esigenze aziendali Cfli attualmente opera in dedicato sulle unità locali di: Venezia: Magazzino 16 zona portuale di S. Marta Ambiti formativi: portuale-marittimo, interportuale, aeroportuale ed autotrasporto Genova: Porto di Voltri - Torre del Distripark Ambiti formativi: portuale-marittimo ed autotrasporto Ancona: c/o Autorità Portuale di Ancona Molo Santa Maria Ancona CORSO DI MERCEOLOGIA PER OPERATORI DELLA LOGISTICA - Durata: 8 ore MODULO BASE in MATERIA DI SICUREZZA NELLE AREE PORTUALI (ai sensi dell ordinanza dell Autorità Portuale n. 282 del 1. Ottobre 2008) - Durata: 8 ore CORSO DI FORMAZIONE PER PREPOSTI DI IMPRESE PORTUALI (ai sensi del D.lgs 81/2008 art.19 e 37) - Durata: 8 ore ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO Cat. B e C (ai sensi del D.M. 388 del 15/07/2003)- Durata: 12 ore ANTINCENDIO RISCHIO MEDIO - Durata: 8 ore CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA (ai sensi del D.lgs 106/09)- Durata: 4 ore

8 8 notizie in pillole Il Comitato portuale ha approvato la delibera per l avvio della procedura di acquisizione dell Area Montefibre e della contigua area ex-syndial a Marghera nei pressi del canale industriale Ovest. L operazione rientra nella strategia in atto di recupero e sviluppo delle potenzialità occupazionali e di reddito del settore portuale e logistico nell area di Porto Marghera per aumentare la risposta alla domanda di servizi portuali e logistici del Nord Est. L acquisizione delle due aree 67 ettari l Area Montefibre e 22 ettari l Area Syndial consolida la basea portuale e logistica grazie alla realizzazione di un Terminal container e/o di un District Park, che Venezia è disposta a condividere con i maggiori interporti del Nord Est. Il porto raddoppia La nuova banchina di Transped Inaugurata la nuova banchina della Transped che dà sul canale industriale ovest sulla quale transiteranno artefatti d acciaio, del peso di oltre 8oo tonnellate, lastre di vetro, bricole ed altre merci sfuse destinate soprattutto all industria. La spesa per la realizzazione della banchina e il restauro delle aree limitrofe ammonta a 5o milioni/. Un pezzo di porto Marghera che ritorna quindi ad usare i canali di grande navigazione oltre che a svolgere logistica integrata e lavorazioni ad alto valore aggiunto. Container e project cargo da Venezia per l India a partire dal 2010 Anche il Porto di Venezia ha partecipato al vertice India-Italia, alla presenza del Ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola, con una delegazione guidata dal Presidente dell Autorità Portuale di Venezia Paolo Costa. Due gli obiettivi attesi dall appuntamento: fare del Porto di Venezia uno snodo cruciale per lo sviluppo di traffici di General Cargo, project cargo e container con i porti di Mumbai e Chennai (ex Madras) entro il 2010, e collaborare a creare entro il 2012 una zona zona franca nel retroporto di JNPT (Nhava Sheva), per permettere agli industriali veneti che producono o esportano in India di effettuare lavorazioni industriali di trasformazioni dei prodotti senza il pagamento di IVA o dogana. Marghera work in progress Invitato a partecipare al convegno su La riconversione di Porto Marghera, il Presidente Paolo Costa è intervenuto sottolineando quali siano le prospettive di sviluppo e di riconversione del porto e della logistica, in considerazione delle previste riduzioni del traffico collegato all attività industriale. Porti e interporti Il Segretario Generale del Porto di Venezia Franco Sensini ha fatto da padrone di casa al Convegno Il disegno dell Interportualità italiana - il Sistema Nord Est. Fattori di crescita, sviluppo della logistica e dinamiche terrioriali organizzato dal Consorzio ZAI. L iniziativa rientra nel roadshow promosso da UIR (Unione Interporti Riuniti) in collaborazione con il CENSIS sulla centralità degli interporti rispetto al sistema logistico nazionale. Lo studio del Censis, si è posto l obiettivo di analizzare le potenzialità di crescita, le criticità e il contesto in cui operano gli interporti italiani. Il SG Sensini ha sottolineato quanto la relazione tra porto e interporto sia fondamentale per il potenziamento delle infrastrutture di una regione, quale il Nordest, che per la sua centralità geografica diventerà l anello di congiunzione dei commerci tra l Europa e l Oriente.

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01-00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Ing. Gaetano Trotta Responsabile Unico di Progetto Nata nel 1978, è una Società di Ingegneria

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

POLO UNIVERSITARIO SISTEMI LOGISTICI DI LIVORNO. Master universitario in GESTIONE DEI SISTEMI LOGISTICI

POLO UNIVERSITARIO SISTEMI LOGISTICI DI LIVORNO. Master universitario in GESTIONE DEI SISTEMI LOGISTICI Master universitario in GESTIONE DEI SISTEMI LOGISTICI POLO UNIVERSITARIO SISTEMI LOGISTICI DI LIVORNO Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale OBIETTIVI E CARATTERISTICHE GENERALI Il Master è rivolto

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

I porti marittimi e la logistica in Italia

I porti marittimi e la logistica in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. I porti marittimi e la logistica in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 - I PORTI MARITTIMI E LA LOGISTICA: IL CONTESTO NAZIONALE 2009-2010...

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli