Minieolico: sosteniamo lo sviluppo. Le best practice per la finanziabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Minieolico: sosteniamo lo sviluppo. Le best practice per la finanziabilità"

Transcript

1 Minieolico: sosteniamo lo sviluppo Le best practice per la finanziabilità

2 Minieolico: sosteniamo lo sviluppo Le best practice per la finanziabilità

3

4 INDICE Introduzione 5 1 Il mercato 9 2 Gli aspetti tecnici Gli aerogeneratori 2.2 I componenti 3 La producibilità I fondamenti teorici La curva di potenza La distribuzione del vento 3.2 La determinazione della risorsa eolica 3.3 La campagna di misure 3.4 Le prestazioni energetiche medie 3.5 Le peculiarità del minieolico 4 Le certificazioni Le certificazioni di processo 4.2 Le certificazioni di prodotto 4.3 La certificazione della curva di potenza 5 Gli aspetti autorizzativi e amministrativi La normativa nazionale 5.2 La normativa regionale Calabria Puglia Basilicata Campania Sardegna Sicilia 5.3 La connessione alla rete elettrica 6 Gli aspetti contrattuali I contratti di fornitura delle turbine 6.2 I contratti di operation & maintenance delle turbine 6.3 Le polizze assicurative 7 Gli aspetti economici e finanziari La simulazione Conclusioni 59 Bibliografia

5

6 INTRODUZIONE

7 INTRODUZIONE Gli impianti di produzione di energia eolica possono essere costituiti da aerogeneratori di media-grande o di piccola taglia di potenza, ai quali si riferisce la definizione di minieolico. In realtà, non esiste una classificazione univoca, in quanto è connessa ad una logica normativo-regolatoria e varia da Paese a Paese. Nell analisi sono stati considerati come minieolici quegli impianti che rientrano in un range di potenza compreso tra 20 e 200 kw, ove il limite inferiore coincide con la soglia di investimento minima di potenziale interesse per operazioni di finanza strutturata, mentre il limite superiore corrisponde all attuale valore massimo per l applicazione della Tariffa Omnicomprensiva di 300 /MWh per 15 anni, previsto dal D.M. 18/12/2008 e dal recente D.M. 6 luglio 2012 che ha fissato la Tariffa Omnicomprensiva a 268 /MWh per tale range di potenza. Le turbine di piccole dimensioni rappresentano ancora una quota minore del mercato dell energia eolica, ma hanno un grande potenziale di sviluppo. A differenza di Paesi come Stati Uniti, Cina, UK e Germania, dove è stato dimostrato da subito un grande interesse verso il settore, in Italia la partenza del minieolico è stata molto più lenta, a causa del ritardo nell introduzione di un adeguato sistema di incentivazione. Negli ultimi anni, anche nel nostro Paese è stato riscontrato un interesse crescente da parte degli investitori e degli istituti di credito verso l eolico di piccola taglia e, considerando i tassi di crescita a livello globale, esistono concrete potenzialità per il settore di aumentare le quote di mercato nel prossimo futuro e consolidarsi. Range di potenza compreso tra 20 e 200 kw Considerando la fluidità dello scenario economico e normativo, è utile approfondire le peculiarità del settore e, in particolare, gli aspetti relativi alla producibilità degli impianti, i contratti di costruzione, gestione e manutenzione, gli aspetti autorizzativi, i costi e i ricavi attesi, al fine di sostenere lo sviluppo in atto in un ottica di bancabilità. Il settore è stato fotografato anche in base all esperienza maturata da Protos in materia, grazie alla collaborazione con numerosi investitori nella filiera del minieolico, alle attività di Due Diligence effettuate per alcuni dei principali istituti di Leasing sulle prime operazioni di finanziamento del settore e grazie all esperienza consolidata in oltre dieci anni nell eolico di grande potenza per i più grandi istituti bancari e di Leasing. Per definire potenzialità e caratteristiche del settore e, quindi, sostenere le valutazioni sulla finanziabilità degli impianti di piccola potenza, è opportuno considerare che, al di là dell evidente fattore di scala e della differente tecnologia, il minieolico e l eolico di grande potenza hanno dinamiche ed esigenze simili. Le potenzialità di sviluppo del minieolico, tuttavia, trovano terreno fertile in alcuni aspetti che costituiscono un vantaggio rispetto agli impianti di grande potenza. 6

8 INTRODUZIONE Settore facilmente accessibile per gli investitori Semplicità di realizzazione e tempi ridotti di fornitura e installazione: nonostante non ci siano differenze strutturali sostanziali rispetto alle macchine di taglia superiore ai 200 kw, il fattore di scala rende più agevole il trasporto e l accesso ai siti, nonché l installazione stessa delle macchine, con minori tempi e costi per la messa in opera. Analoghe considerazioni possono essere fatte anche per le opere civili, specificatamente per le fondazioni e per le opere elettriche. Ridotti valori di investimento rendono il settore facilmente accessibile a un range più ampio di investitori, che non avrebbero la capacità di investimento per impianti di maggiore potenza. Tempi ridotti per il procedimento autorizzativo, soprattutto per gli impianti di potenza inferiore ai 60 kw che possono avvalersi di una procedura semplificata, a condizione che l installazione avvenga in zone prive di vincoli, in quanto diversamente richiederebbero istruttorie complesse. Tempi accettabili per le connessioni, con particolare riferimento a quelle in bassa tensione (potenze fino a 100 kw). Ridotti problemi di saturazione della capacità elettrica delle rete, per la possibilità di allacciare l impianto direttamente alla rete di bassa o media tensione in un ottica smart grid. La fornitura di energia può, quindi, essere destinata a utenze limitrofe, a volte senza la necessità di una trasformazione BT/MT e/o MT/AT con conseguenti minori perdite di efficienza a vantaggio di una migliore economia di sistema. Maggiore disponibilità di siti idonei all installazione, derivante da una capillarità diffusa della rete a media e bassa tensione rispetto a quella ad alta, dal minor impatto ambientale, dal trasporto più agevole e dalle caratteristiche specifiche di alcune macchine. Percezione di maggior stabilità del regime incentivante (Tariffa Omnicomprensiva per anni), in quanto, rispetto ai Certificati Verdi è considerato più stabile e meno soggetto alle fluttuazioni del mercato e ad eventuali interventi normativi limitativi. Migliore impatto sull opinione pubblica e sulle amministrazioni pubbliche, grazie a una maggiore sostenibilità ambientale. Buona integrazione economica e ambientale con i mercati agricoli e della piccola e media impresa, come fattore di supporto e stabilizzazione. Tuttavia, sono ancora riscontrabili alcune barriere che hanno rallentato lo sviluppo del minieolico e la loro finanziabilità, ma che possono sicuramente essere affrontate e superate. 7

9 Problemi tecnici maggiori rispetto alle macchine di grandi taglie (velocità di rotazione più elevate, maggiori sollecitazioni a fatica, maggior esigenza di efficienza e rapidità nei controlli). Regimi di vento meno intensi e più turbolenti a causa di un inferiore altezza delle turbine (mediamente 30 metri rispetto agli metri dell eolico di grande taglia). Filiera relativamente giovane e, quindi, di minor esperienza industriale e finanziaria. Mancanza di track record significativi delle macchine e assenza di certificazioni di prodotto/performance. Maggiore incidenza dei costi e dei tempi per le verifiche preventive della producibilità. Incompleta definizione dei processi autorizzativi-amministrativi, ancora limitati al range di potenza kw. Analizzare le best practice di mercato Scarsa adeguatezza dei contratti di costruzione, gestione e manutenzione di solito proposti. Nuovo scenario normativo per gli impianti che entreranno in esercizio successivamente al 2012, per i quali il DM 6 luglio, in attuazione dell articolo 24 del decreto legislativo 3 marzo 2011 n. 28, prevede obblighi aggiuntivi quali registri, certificazioni, scaglioni massimi di potenza incentivabile. A fronte di queste considerazioni, esiste un oggettiva esigenza di analizzare le potenzialità e di prospettare possibili soluzioni per le criticità esistenti, di individuare le attuali best practice di mercato, i necessari trend di miglioramento e di introdurre i possibili approcci ottimali, in un ottica di finanziabilità responsabile per il settore. 8

10 IL MERCATO

11 1IL MERCATO A livello globale l energia eolica rappresenta un business ormai maturo e diffuso, con una potenza globale installata di circa 238 GW nel 2011, dei quali circa 0,4 GW di minieolico, ripartiti principalmente tra Stati Uniti, Cina, Canada, Germania e Gran Bretagna (figura 1). La World Wind Energy Association (WWEA) nel suo studio sul minieolico, Small Wind World Report 2012, ha calcolato che i mini-aerogeneratori installati nel mondo, cioè le turbine con capacità compresa tra i 6 watt e i 300 kw, hanno raggiunto le 656 mila unità alla fine del 2010, per una potenza complessiva di circa 0,4 GW. A detenere il dominio delle installazioni è la Cina, con 450 mila unità e 166 MW installati, seguita da Stati Uniti con 144 mila unità 179 MW installati, pari al 40% della potenza globale installata di minieolico (figura 1). Potenza globale installata 238 GW nel 2011 Total Cumulative Installed Capacity As of the End of Cumulative Installed Capacity (KW) USA China UK Germany Canada Countries Spain Poland Japan Italy Sweden South Korea Figura 1 WWEA Small Wind World Report 2012, potenza minieolico installata nel mondo, al 2010 Il minieolico è nato e si è sviluppato per rispondere al fabbisogno elettrico di utenze isolate (off-grid), ma ormai la quasi totalità delle installazioni è destinata alla generazione e cessione in rete dell energia prodotta e si sostiene grazie alle specifiche politiche incentivanti (rimandiamo alla figura 2 per i dettagli sui singoli Paesi). Le previsioni di sviluppo del minieolico installabile a livello mondiale fino al 2020 sono ottime, sia su base annuale sia cumulata, così come illustrato nella figura 3. 10

12 IL MERCATO Country/ Region Chinese Taipei Canada Ontario Denmark Nova Scotia Hawaii Small Wind Feed-in Tariff Pricing Worldwide Size Limit Other Limits # of EUR/ kwh 1-10 kw N/A 0,182 < 10 kw < 10 kw < 25 kw No Domestic content UK < 1,5 kw MCS Certified 20 0,421 0,574 0,565 0,362 Vermont < 15 kw 0,015 EUR/kWh PTC 20 0,157 0,215 0,209 0,134 expire ,098 0,250 0,243 0,155 0,135 0,131 0,085 0,081 0,111 0,108 0,070 Greece < 50 kw 20 0,250 0,343 0,333 0,215 Italy < 200 kw 15 0,220 0,302 0,293 0,189 Israel < 15 kw 20 0,250 0,343 0,333 0,215 < 50 kw 20 0,320 0,439 0,427 0,275 Portugal < 3,68 kw 15 0,432 0,593 0,576 0,371 Slovenia < 50 kw 15 0,095 0,130 0,127 0,082 Switzerland < 10 kw 20 0,244 0,335 0,325 0,210 USA CAD/ kwh USD/ kwh / kwh 1,5-15 kw MCS Certified 20 0,326 0,444 0,437 0, kw MCS Certified 20 0,295 0,401 0,395 0,253 < 100 kw 20 0,103 0,142 0,138 0,088 Figura 2 VWEA Small Wind World Report 2012, tariffe incentivanti nei Paesi a maggior sviluppo SWF Installed Capacity World Market Forecast ,400 5,000 Annual Installed SWT Capacity (MW) 1,200 1, ,500 4,000 3,500 3,000 2,500 2,000 1,500 1, Cumulative Installed SWT Capacity (MW) Annual Installed SWT Capacity (MW) Annual Forecast Installed SWT Capacity (MW) Cumulative Installed SWT Capacity (MW) Figura 3 VWEA Small Wind World Report 2012, previsione mondiale di crescita per il minieolico al

13 EOLICO: la crescita delle installazioni in Italia 7,000 6,000 5,000 4,000 3,000 2,000 1, MW Figura 4 Rapporto Comuni Rinnovabili 2012 di Legambiente, trend di crescita del settore eolico in Italia L Italia segue il trend mondiale, contribuendo alla crescita globale dell energia prodotta dal vento: la capacità complessiva ad oggi installata, in circa 400 degli Comuni italiani è di circa 7 GW (figura 4), secondo il dossier Comuni Rinnovabili di Legambiente, considerando sia gli impianti di piccola sia quelli di grande taglia. In particolare, la potenza di minieolico installata in Italia, alla fine del 2011, è di circa 14 MW. Anche le previsioni future sull eolico seguono il trend attuale, considerando anche il contributo percentuale che può derivare dagli impianti di piccola taglia: secondo l Associazione Nazionale Energia del Vento (ANEV), infatti, il potenziale eolico totale installabile, fino al 2020 in Italia, è di circa 16 GW, dei quali 1 GW può derivare dal minieolico. Dall analisi delle rilevazioni contenute nel rapporto Comuni Rinnovabili (figure 5-6-7) è possibile notare che la gran parte delle installazioni di piccola taglia al momento sono ubicate nelle stesse aree geografiche del macroeolico. Potenza minieolico installata in Italia 14 MW nel 2011 Al di là del fatto che entrambi i settori tendono naturalmente a svilupparsi nelle regioni più ventose (come Puglia, Sardegna, Campania, Sicilia, Basilicata, Calabria), la potenziale disponibilità di dati anemologici nelle località dove sono stati realizzati impianti di grande dimensione e potenza rappresenta un vantaggio in termini di costi e tempi per la determinazione della risorsa eolica disponibile. Investimenti in aree non oggetto di precedente sviluppo eolico, infatti, prevedono maggiori costi e tempi più lunghi, proprio a causa dell assenza di dati anemometrici storici. 12

14 IL MERCATO Figura 5 Rapporto Comuni Rinnovabili, ripartizione geografica installazioni di macro eolico in Italia Figura 6 Rapporto Comuni Rinnovabili, Ripartizione geografica installazioni di minieolico in Italia 13

15 Figura 7 Rapporto Comuni Rinnovabili 2012 di Legambiente, Comuni italiani con maggiori installazioni di grande e minieolico Dai dati rappresentati nella figura 7, relativa agli impianti di mini eolico installati in Italia, è possibile ricavare la distribuzione media per tipologia (potenza di picco) di turbine (figura 8). I tagli a maggior potenza ( kw) sono riferiti a investimenti avvenuti nel 2010 e nel % % % % 0.00 % Numero aerogeneratori P< 50 50<=p< <=p<200 p>=200 Potenza Installata Figura 8 Distribuzione statistica della taglia di potenza delle turbine minieoliche installate in Italia 14

16 GLI ASPETTI TECNICI

17 2GLI ASPETTI TECNICI Per turbina eolica s intende una macchina fluidodinamica capace di convertire l energia cinetica del vento in lavoro meccanico che può essere impiegato tal quale, come nel caso delle pompe eoliane (dove il lavoro meccanico è utilizzato per l estrazione di acqua da pozzi profondi), oppure può essere convertito in lavoro elettrico, grazie all accoppiamento con un generatore elettrico. Quest ultima soluzione rappresenta oggi la quasi totalità delle applicazioni per le macchine di minieolico, così come avviene già per quelle di grande taglia. 2.1 GLI AEROGENERATORI Nella classe delle turbine eoliche di piccola taglia rientrano molte tipologie costruttive, tuttavia poche hanno avuto un risultato commerciale significativo. Per semplificazione, possiamo distinguere due tipologie di turbine eoliche: ad asse orizzontale e ad asse verticale. Con questo criterio le macchine non sono classificate in base alla potenza nominale di generazione elettrica, ma in base all orientamento dell asse principale intorno al quale avviene il moto degli organi rotanti. I generatori ad asse verticale (Vertical Axis Wind Turbine - VAWT), pur presentando caratteristiche peculiari che destano interesse (figura 9-10), soprattutto in casi particolari come le installazioni urbane, anche integrate con l edilizia, hanno un ruolo di secondo piano rispetto a quelli ad asse orizzontale (Horizontal Axis Wind Turbine - HAWT). Prima di intro- 16

18 GLI ASPETTI TECNICI durre queste ultime, è opportuno comunque accennare alle tre tipologie principali di macchine ad asse verticale, differenti sostanzialmente per il tipo di funzionamento-comportamento aerodinamico, che può basarsi sul principio della portanza (come per le tradizionali macchine HAWT), su quello della resistenza, oppure su entrambi contemporaneamente. Portanza e resistenza sono le due forze aerodinamiche principali Portanza e resistenza sono le due forze aerodinamiche principali, che agiscono sulle pale di un aerogeneratore, per lo sfruttamento delle quali sono necessarie soluzioni progettuali radicalmente diverse. Per lo sfruttamento della resistenza si ricorre all utilizzo di pale semplici e con superficie molto grandi, che possono anche superare l area complessiva spazzata dal rotore, ottenendo di conseguenza velocità di traslazione minori di quella del vento (rotazione complanare con la direzione del vento). Per lo sfruttamento della portanza, invece, si ricorre a pale con particolari profili aerodinamici, di ridotta dimensione trasversale, che permettono di raggiungere velocità di traslazione superiori a quella del vento (rotazione ortogonale alla direzione del vento). Nelle cosiddette macchine veloci (funzionamento a portanza) si riescono a generare coefficienti di potenza molto superiori a quelli realizzati in una turbina progettata sul principio della resistenza, con conseguente aumento della resa energetica. Grazie alla semplicità progettuale e realizzativa, che ben si presta anche all autocostruzione, e per la loro economicità, le macchine eoliche a resistenza continuano a occupare una loro specifica nicchia. La presenza nel mercato delle turbine ad asse verticale (figura 9) è comunque ancora molto limitata, anche se non è possibile escludere uno sviluppo futuro, connesso all evoluzione tecnologica. Figura 9 Le quattro principali tipologie di turbine ad asse verticale 17

19 Figura 10 Generatori ad asse verticale Figura 11 Generatori ad asse orizzontale Ci soffermeremo, quindi, a illustrare brevemente le caratteristiche tecniche degli aerogeneratori ad asse orizzontale (figura 11), tralasciando quelli ad asse verticale. La trattazione non è esaustiva e serve principalmente a fornire un quadro tecnologico e ad introdurre tematiche richiamate nei capitoli successivi. Si rimanda alla letteratura di settore, tra cui quella citata in bibliografia, per una trattazione più analitica e completa. 18

20 GLI ASPETTI TECNICI 2.2 I COMPONENTI I componenti principali degli aerogeneratori sono il sostegno, il rotore, la turbina eolica, il generatore, il sistema di controllo e l inverter. Si andrà ad analizzare peculiarità e possibili alternative progettuali. Il sostegno è una torre tubolare in acciaio ancorata al terreno, solitamente mediante fondazioni in cemento armato; la torre è suddivisa in diverse sezioni (o conci ) che vengono sovrapposte fino a raggiungere l altezza desiderata. Il primo concio, immerso nella colata di cemento della fondazione, viene connesso ai successivi agli altri attraverso un collegamento flangiato o a innesto. La torre può essere dotata o meno di scala interna o esterna che semplifica le modalità di manutenzione e il positivo impatto sui relativi costi. La tipologia di turbina più diffusa è la tripala L altezza della torre è legata, principalmente, alla potenza nominale della macchina, anche se dovrebbe essere la massima possibile (compatibilmente con i costi di realizzazione e i limiti ambientali) per posizionare il rotore a quote dove il vento è meno disturbato. Per impianti minieolici (20 kw- 200kW) l altezza del palo di sostegno varia da un minimo di circa 18 metri a un massimo di 60 metri. La turbina eolica è disposta verticalmente e orientata lungo la direzione del vento; le pale ruotano attorno a un asse parallelo al moto del flusso. L orientamento del rotore può essere semplice con timone a vento o motorizzata con controllo d imbardata¹. Il rotore, organo centrale di un aerogeneratore, è responsabile della conversione dell energia cinetica, propria del flusso d aria, in energia meccanica utile (al generatore), direttamente o tramite un moltiplicatore di giri, qualora presente. La tipologia di turbina eolica più diffusa è quella tripala, ma non mancano esempi di macchine con un diverso numero di elementi rotanti (figura 12). Figura 12 Le più diffuse tipologie di rotori per "HAWT" ¹ L imbardata è la rotazione della turbina (VAWT) intorno al proprio asse verticale. 19

21 Il numero di questi elementi incide molto sul comportamento e sulle caratteristiche delle macchine stesse. Infatti, definiti alcuni parametri, come λ (coefficiente di velocità periferica, pari al rapporto tra la velocità periferica delle pale e la velocità del vento), Cp (coefficiente di potenza, pari al rapporto tra potenza erogata e potenza disponibile), σ (solidità della turbina, pari al rapporto tra la superficie totale delle pale e l area del disco battuto dal vento), le macchine con maggior numero di pale raggiungono prestazioni ottimali a velocità inferiori (figura 13-14), ovvero il loro massimo coefficiente di potenza, fino ad arrivare al rotore ideale² che, con un numero infinito di pale, permette di raggiungere asintoticamente il valore massimo teorico di energia estraibile da una vena fluida, ovvero il limite di Betz (Cp=0,6). Figura 13 Rappresentazione grafica del Cp dei vari tipi di turbina al variare della velocità di rotazione Figura 14 Curva di funzionamento ottimale delle turbine in base al loro numero di pale (solidità) ² Un rotore ideale non possiede mozzo, ha un infinito numero di pale e attrito pari a 0. 20

22 I generatori più diffusi sono quelli sincroni e asincroni GLI ASPETTI TECNICI Quelle bipala, anche se sono in grado di fornire la stessa resa energetica delle turbine tripala (risparmiando sulle quantità di materiali utilizzati e quindi a un costi più bassi), producono maggiori emissioni acustiche a causa delle più elevate velocità di rotazione. Le turbine monopala, invece, trovano ormai impiego solamente per aerogeneratori molto piccoli (<10 KW). Entrambe queste ultime tipologie soffrono di una rotazione meno simmetrica, anche se più rapida, rispetto alle macchine tripala, che mette a dura prova le componenti meccaniche rotoriche e può ridurre l affidabilità nel lungo periodo. Il generatore è il componente nel quale avviene propriamente la trasformazione dell energia meccanica in energia elettrica, e rappresenta il cuore dell aerogeneratore. Trascurando i classici generatori in corrente continua, ormai quasi del tutto abbandonati per le macchine eoliche, si possono individuare due tipi di generatore elettrico: sincroni e asincroni (detti anche a induzione). I generatori sincroni sono macchine a velocità variabile, cosa che può risultare vantaggiosa per l efficienza e la semplicità di regolazione della turbina. La frequenza della corrente immessa in rete risulta, però, altrettanto instabile, perciò è necessario l accoppiamento con un inverter. I generatori asincroni sono invece caratterizzati da una velocità di rotazione pressoché costante e forniscono una corrente alternata alla frequenza costante imposta dalla rete esterna. Possono, quindi, fare a meno dell inverter. A differenza dei sistemi capaci di operare a velocità variabile, questi sono in grado di funzionare nelle condizioni di massima efficienza per una sola condizione di velocità del vento. Il sistema di controllo, che comprende anche dell inverter, è il componente al quale spetta la gestione elettrica a garanzia del corretto funzionamento dell aerogeneratore. Il principio di funzionamento segue la teoria aerodinamica della distribuzione della pressione intorno al profilo delle pale. Il flusso che investe il rotore genera una distribuzione favorevole di forze lungo la superficie della pala (portanza, resistenza e momento); tale distribuzione assicura una coppia motrice, la cui intensità dipende sia dalla distribuzione delle forze sia dalla lunghezza delle pale. Si produce, mediante rotazione dell asse del rotore, lavoro meccanico utile al generatore per la produzione della potenza elettrica. Nella classe di aerogeneratori presi in considerazione per il minieolico, i sistemi di controllo della sovravelocità (ovvero della velocità eccessiva alla quale può arrivare il rotore) possono essere sia di tipo passivo sia attivo; questi ultimi sono presenti nelle macchine di qualità superiore. Il controllo di tipo passivo è formato da un sistema che entra in azione spontaneamente, senza variazione dell assetto geometrico della pala, attivando forze meccaniche che sono in grado di ridurre la velocità della pala. Le due principali modalità sono: controllo per stallo passivo e con- 21

23 trollo per imbardata. I sistemi con controllo di tipo attivo si suddividono in: controllo per stallo attivo e controllo di pitch 3. Il controllo per stallo attivo consiste nel mandare in stallo il profilo alare diminuendone la portanza. Il controllo per pitch è analogo allo stallo attivo, ma la riduzione delle portanza avviene riducendo gradualmente, anziché totalmente, l angolo di incidenza. Infine, il controllo per imbardata viene effettuato ruotando la navicella, fino a porla ortogonalmente al vento. L inverter è l apparecchiatura elettrica che trasforma la corrente continua in corrente alternata con caratteristiche adatte per l accoppiamento alla rete. Esistono inverter progettati ad hoc per l applicazione in ambito eolico, dotati di protezioni che intervengono sia nel caso di guasti o sovratensioni sulla rete esterna, sia nel caso di guasti provenienti dal lato del generatore. In conclusione, relativamente agli aspetti tecnici, si constata che le aziende che operano in questo settore, essendo generalmente di piccole dimensioni e in fase di start up, non dedicano molto tempo alla ricerca e all innovazione dei loro prodotti. Di conseguenza il livello tecnologico è da considerare ancora medio e spesso vengono replicati, in scala ridotta, i design progettuali dei grandi aerogeneratori, mentre quelli di piccola taglia hanno peculiarità ed esigenze specifiche che non possono essere sottovalutate e che devono essere considerate nella progettazione. Ricerca e innovazione tecnologica, quindi, se applicate al minieolico in tempi brevi, potranno sostenere e accelerare ulteriormente la crescita e la redditività del settore. Ricerca e innovazione per accelerare la crescita e la redditività del settore 3 Il pitch è la rotazione della pala stessa intorno al proprio asse. 22

24 LA PRODUCIBILITÀ

25 3LA PRODUCIBILITÀ Al fine di sintetizzare le prestazioni energetiche fornite da questo ristretto segmento di macchine eoliche, è descritto in breve il fondamento teorico del calcolo della producibilità di un impianto eolico e si offre una panoramica generale, di valenza statistica, sulle caratteristiche di vento e sulle producibilità normalmente plausibili nel nostro Paese. 3.1 I FONDAMENTI TEORICI LA CURVA DI POTENZA Il parametro utile alla valutazione delle prestazioni di una turbina eolica in un determinato sito è il coefficiente di potenza Cp, definito dal rapporto tra la potenza effettivamente ricavata dall aerogeneratore e la potenza contenuta nella vena fluida: Cp= 1 2 P ρυ³ S Dove: p è la potenza aerodinamica estratta dal flusso ventoso; ρ è la densità dell aria [Kg/m3]; S è la superficie equivalente spazzata dal rotore della turbina [m2]; υ è la velocità del vento [m/s]. La legge di Betz determina il limite massimo teorico per il Cp, fissandolo a un valore pari a 0,6. Indipendentemente dalla geometria della turbina, dal numero di pale e dal sistema di regolazione della velocità, un aerogeneratore sarà in grado di trasformare non più del 60% dell energia cinetica, racchiusa nel vento, in potenza meccanica utilizzabile per la produzione di energia elettrica. In pratica si osserva una diminuzione di tale valore teorico che non supera mai di fatto il 50%, al netto delle perdite. Il coefficiente di potenza Cp serve a valutare le prestazioni di una turbina A partire dal coefficiente di potenza è possibile quindi ricavare l effettiva potenza massima erogabile: 1 πd² 1 P = C p ρν³ = 0,5ρν³ πd² 4 avendo indicato con D il diametro del rotore della macchina considerata. La conoscenza del valore della potenza elettrica erogabile istantaneamente dalla turbina e della velocità del vento rende possibile tracciare la cosiddetta curva di potenza (nella figura 15 un andamento tipico). Nella figura 15 si individuano: la velocità minima per la quale il miniaerogeneratore è in grado di erogare potenza utile (cut-in); la velocità 24

26 LA PRODUCIBILITÀ P [kw] P rated V cut-in V rated V cut-out V Figura 15 Curva di potenza di un aerogeneratore oltre la quale la macchina si dispone in una configurazione di sicurezza (ovvero di non produzione) per evitare sollecitazioni eccessive causate dall elevata ventosità (cut-out); il valore di vento in cui l aerogeneratore raggiunge la potenza massima (rated); l inclinazione della curva tra il punto di cut-in ed il punto in cui l aerogeneratore raggiunge la potenza massima (è il punto più importante ed è quello che incide maggiormente sulla produttività di un modello rispetto a un altro, soprattutto in Italia dove i venti medi per le altezze di riferimento sono nel range di 4-6 m/s). Caratteristiche molto apprezzate negli aerogeneratori sono la bassa velocità di cut-in e la forte inclinazione della prima parte della curva, in quanto possono assicurare una più vasta area di applicabilità in zone a minor ventosità, tipiche del territorio italiano Distribuzione della velocità del vento frequenza (ore/anno) velocità del vento (m/s) Figura 16 Tipica distribuzione delle velocità di vento in un anno 25

27 LA DISTRIBUZIONE DEL VENTO Per una corretta valutazione delle potenzialità energetiche di un sito eolico, è importante effettuare precise misurazioni della velocità del vento: le misure così ottenute, ovvero i valori mediati su un intervallo di tempo di 10 minuti (standard comunemente utilizzato anche nelle curve di prestazione delle turbine eoliche fornite dai costruttori), vengono organizzati, ai fini dell analisi, in classi di velocità (bins) di ampiezza fissa. Ogni classe è definita da un valore medio delle velocità del vento, al quale è associato il corrispondente numero di ore/anno di persistenza della velocità del vento all interno del relativo intervallo. La distribuzione di velocità del vento, che diviene tanto più rappresentativa quanto maggiore è il periodo di rilevazione anemologica, presenta il tipico andamento mostrato nella figura 16, con un valore massimo localizzato in prossimità della velocità media. Al fine di una sintetica rappresentazione della distribuzione di frequenza delle occorrenze ventose, è interessante poter disporre di una funzione matematica che esprima con buona approssimazione il suo andamento. Si tratta della distribuzione di Weibull, la cui funzione di ripartizione è definita attraverso la relazione: ( v) k F= 1 e A essendo A un parametro di scala, legato alla velocità media del vento, e k un parametro di forma. Il parametro A è, dunque, legato alla velocità media del vento, la quale risulta mediamente pari al 90% del parametro A e molto prossima al valore mediano della velocità del vento (ovvero il valore di velocità in corrispondenza del quale F=0,5). Il parametro di forma k è, di solito, compreso fra 1,5 e 2,5, con un valore tipico di riferimento pari a 2 (in questo caso la distribuzione Weibull MWS =7.5, k = 1.5 MWS =7.5, k = 2 MWS =7.5, k = Hours per year Wind speed (m/s) Figura 17 Esempio di variazione della distribuzione di Weibull al variare del parametro k per la stessa media di vento (MWS=7,5 m/s) 26

IMPIANTI MINIEOLICI 2013

IMPIANTI MINIEOLICI 2013 Sede Amministrativa e Commerciale: Viale Vittorio Veneto, 115-94018 Troina (EN) Cell: 329/4857300 Ufficio di Rappresentanza: Via Alcide De Gasperi, 18 24123 Bergamo (BG) - Cell: 328/3515308 Via Cavour,

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Impianti minieolici: energia elettrica gratuita dal vento

Impianti minieolici: energia elettrica gratuita dal vento Impianti minieolici: energia elettrica gratuita dal vento Cosa si intende per minieolico Un impianto eolico è un impianto di produzione di energia elettrica che utilizza come fonte primaria l energia cinetica

Dettagli

Energia eolica. Filippo Spertino. Politecnico di Torino

Energia eolica. Filippo Spertino. Politecnico di Torino Energia eolica Filippo Spertino Politecnico di Torino (F. Spertino - Politecnico di Torino) I generatori eolici sono oggi la fonte non termica che è cresciuta di più al mondo come potenza installata Potenza

Dettagli

L ENERGIA EOLICA energia eolica

L ENERGIA EOLICA energia eolica L ENERGIA EOLICA L'energia eolica è l'energia ottenuta dal vento ovvero il prodotto della conversione dell'energia cinetica, ottenuta dalle correnti d'aria, in altre forme di energia (meccanica o elettrica).

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

IL PRIMO GENERATORE BREVETTATO A MAGNETI PERMANENTI MULTISTADIO. Catalogo in Italiano

IL PRIMO GENERATORE BREVETTATO A MAGNETI PERMANENTI MULTISTADIO. Catalogo in Italiano IL PRIMO GENERATORE BREVETTATO A MAGNETI PERMANENTI MULTISTADIO Catalogo in Italiano IL PRIMO GENERATORE BREVETTATO A MAGNETI PERMANENTI MULTISTADIO Indice Corporate Tecnologia Italiana al servizio del

Dettagli

EOLICO E MINI EOLICO OPPORTUNITÀ E TENDENZE

EOLICO E MINI EOLICO OPPORTUNITÀ E TENDENZE EOLICO E MINI EOLICO OPPORTUNITÀ E TENDENZE Energie Rinnovabili Green Open Day Torricella Peligna, sabato 26/11/2011 Ing. Luigi Imperato Studio Rinnovabili INDICE GENERALE Premessa Aspetti generali di

Dettagli

Betawind l energia inesauribile

Betawind l energia inesauribile Betawind l energia inesauribile Catalogo turbine mini-eoliche Impianti mini-eolici L offerta L energia eolica, oltre che nei grandi impianti, è utilizzata anche su impianti in scala ridotta. Esistono infatti

Dettagli

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI

Analisi della risorsa eolica. Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Analisi della risorsa eolica Corso di Aerodinamica e Gasdinamica A.A. 2009/2010 Docente: Prof. Renato RICCI Spettro di frequenza del vento Zona di lavoro di una torre anemometrica (tempi di campionamento

Dettagli

Allegato B. Specifiche e requisiti tecnici minimi degli interventi

Allegato B. Specifiche e requisiti tecnici minimi degli interventi AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESONE DI FINANZIAMENTI DI INTERVENTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI ALTERNATIVE DESTINATA ALL AUTOCONSUMO A SERVIZIO DEL SETTORE COMMERCIALE - ARTIGIANALE - INDUSTRIALE -

Dettagli

Generatore eolico EW 60

Generatore eolico EW 60 Generatore eolico EW Ergo Wind srl Ergo Wind è un azienda leader nella produzione di sistemi energetici a basso impatto ambientale che investe da sempre nella ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie.

Dettagli

ITWIND (Divisione di itautomation S.r.l.)

ITWIND (Divisione di itautomation S.r.l.) ITWIND (Divisione di itautomation S.r.l.) Energy, Life, You Soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia ITWIND si focalizza sull'efficienza nella generazione di energia puntando sull'eccellenza nelle

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici

Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici La teoria ingegneristica legata all eolico, oltre a fornire strumenti per la progettazione del generatore eolico, individua alcuni criteri per scegliere

Dettagli

Vola sulle ali della nuova energia

Vola sulle ali della nuova energia Vola sulle ali della nuova energia MINI EOLICO È impianto eolico di piccola taglia per la produzione di energia elettrica dal vento. Facendo tesoro dell'esperienza accumulata dall'uomo nel corso dei millenni,

Dettagli

JONICA IMPIANTI. tecnologia italiana per il minieolico

JONICA IMPIANTI. tecnologia italiana per il minieolico JONICA IMPIANTI tecnologia italiana per il minieolico CHI SIAMO Jonica Impianti ha sede in Lizzano (TA) ed opera nel settore delle energie rinnovabili da fonte eolica dal 992. svolge attività rivolte a:

Dettagli

Rivista Ligure di Meteorologia n 32 anno IX - giugno 2009

Rivista Ligure di Meteorologia n 32 anno IX - giugno 2009 Rivista Ligure di Meteorologia n 32 anno IX - giugno 2009 DIDATTICA di: Diego Rosa Breve introduzione alle energie rinnovabili (sole, vento, acqua) Parte terza L'energia eolica II Macchine antiche, macchine

Dettagli

IL VENTO. ropatec - vertical energy 1

IL VENTO. ropatec - vertical energy 1 IL VENTO ropatec - vertical energy 1 L energia del Vento Da dove arriva il Vento? È noto che tutta l energia rinnovabile deriva dal sole (meno che l energia geotermica e del movimento marittimo), Circa

Dettagli

Energia eolica Fonti rinnovabili G.V. Fracastoro

Energia eolica Fonti rinnovabili G.V. Fracastoro Energia eolica Energia dal vento (eolica) Generalità Disponibilità di vento in Europa e in Italia Il vento e il suo contenuto energetico Aerogeneratori Impatto ambientale delle turbine eoliche In sintesi:

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

SERVIZI DI CONSULENZA PER IL MINI EOLICO

SERVIZI DI CONSULENZA PER IL MINI EOLICO Presentazione offerta commerciale SERVIZI DI CONSULENZA PER IL MINI EOLICO Tel.: 06 8079555 Fotovoltaico Eolico Vendita di stazioni meteorologiche Studi acustici e di impatto ambientale Software per progettare

Dettagli

Studio del potenziale eolico e stima di producibilità degli impianti

Studio del potenziale eolico e stima di producibilità degli impianti Legislazione ambientale e tecnica delle fonti energetiche rinnovabili Torraca (SA), 5 novembre 2004 Studio del potenziale eolico e stima di producibilità degli impianti Studio Rinnovabili Srl Contenuto

Dettagli

ENERGIA EOLICA, STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE

ENERGIA EOLICA, STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE Green City Energy - Forum Internazionale Nuove energie per lo sviluppo della smart city Pisa, 27 maggio 2011 ENERGIA EOLICA, STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE Dr. Simone Togni Segretario Generale Associazione

Dettagli

v. p. green Energy G3 30KW

v. p. green Energy G3 30KW v. p. green Energy G3 30KW costruzione molto robusta che si adatta a tutti venti manutenzione ridotta triplo freno a disco non necessita di inverter il migliore compromesso qualità/prezzo diametro del

Dettagli

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA turbine eoliche ad asse verticale VAWT A.A. 2008/09 Energie Alternative Prof.B.Fortunato

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

ALLEGATO B SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI EOLICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 20 E 100 kw p

ALLEGATO B SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI EOLICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 20 E 100 kw p ALLEGATO B SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI EOLICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 20 E 100 kw p SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire

Dettagli

Calcolo della producibilità di un impianto fotovoltaico

Calcolo della producibilità di un impianto fotovoltaico Calcolo della producibilità di un impianto fotovoltaico UNI/TS 11300-4, Guida CEI 82-25 EDIFICIO INDIRIZZO Edificio di civile abitazione Via G. Puccini 10 - BORGOMANERO (NO) COMMITTENTE INDIRIZZO Sig.

Dettagli

ESSEZETA eolico - pag. 1

ESSEZETA eolico - pag. 1 ENERGIA EOLICA L'energia eolica è l'energia ottenuta dal vento ovvero il prodotto della conversione dell'energia cinetica in energia meccanica. Da miliardi di anni il sole riscalda la terra e questa rilascia

Dettagli

PRESENTAZIONE VADEMECUM SULLE FONTI RINNOVABILI

PRESENTAZIONE VADEMECUM SULLE FONTI RINNOVABILI PRESENTAZIONE VADEMECUM SULLE FONTI RINNOVABILI Roma, 10 Dicembre 2010 Prof. Luca Rubini, Ing. Roberto Meloni Fotovoltaico: Tecnologie nuove ed innovative Sistemi ad inseguimento mono-assiali Sistemi biassiali

Dettagli

INDICE. Premesse. La REANALISI. I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici. Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter

INDICE. Premesse. La REANALISI. I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici. Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter powered by INDICE Premesse La REANALISI I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter 2 PREMESSE MERCATO EOLICO Ricerca tramite modellistica

Dettagli

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI 151 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore Ambiente e Attività Produttive Servizio Ambiente Unità Organizzativa Energia PROGETTO ENERGIE RINNOVABILI : FOTOVOLTAICO SU IMMOBILI COMUNALI

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

ALCUNI SEGNALI. diego.bonora@motoribonora.com

ALCUNI SEGNALI. diego.bonora@motoribonora.com news letter 09 2009 ALCUNI SEGNALI. Ormai da più parti si parla apertamente di ripresa. Per quanto possa apparire prematuro, alcuni indicatori generali sembrano muoversi in quella direzione. Spesso si

Dettagli

Ecolibrì. e l Energia Eolica. Powered by

Ecolibrì. e l Energia Eolica. Powered by Pag.1 Ecolibrì e l Energia Eolica Pag.2 Sommario L energia eolica ed i generatori eolici... 3 L energia eolica... 3 Il generatore eolico... 3 I componenti di Ecolibrì... 5 Il funzionamento di Ecolibrì...

Dettagli

Impianto eolico. - Sintesi delle caratteristiche anemologiche del sito:

Impianto eolico. - Sintesi delle caratteristiche anemologiche del sito: Università degli Studi di Cagliari Corso di Studio in Ingegneria Meccanica CORSO DI TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI A.A. 27/28 - Esercitazione N. 1 - Giorgio Demurtas Impianto eolico - Sintesi delle

Dettagli

Il presente documento ha lo scopo di fornire una panoramica di queste due applicazioni. Pagina 1 di 7

Il presente documento ha lo scopo di fornire una panoramica di queste due applicazioni. Pagina 1 di 7 IMPIANTI FOTOVOLTAICI Un impianto fotovoltaico è un impianto per la produzione di energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie

Dettagli

Premessa. L esame di queste diverse fonti ha portato a conclusioni analoghe e sovrapponibili

Premessa. L esame di queste diverse fonti ha portato a conclusioni analoghe e sovrapponibili Premessa In Sardegna vastissime esposizioni di fetch (superfici di mare aperto su cui spira il vento con direzione e intensità costante) di centinaia di km espongono l'isola a forti venti tutto l anno.

Dettagli

Minieolico 1/2 VALUTAZIONE DEL POTENZIALE ENERGETICO DI UN SITO

Minieolico 1/2 VALUTAZIONE DEL POTENZIALE ENERGETICO DI UN SITO Piano Energetico regionale 2011-13 Seminario Tematico su Energia & Ricerca Bologna 29 novembre 2010 Minieolico 1/2 VALUTAZIONE DEL POTENZIALE ENERGETICO DI UN SITO Ing. Claudio Rossi Dip. Ingegneria Elettrica-

Dettagli

Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Gruppo di Lavoro Finanza

Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Gruppo di Lavoro Finanza Il solare fotovoltaico: la nascita di una nuova industria per il Mediterraneo Installare il sole: strumenti finanziari e assicurativi Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Zeroemission

Dettagli

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Matteo Giannì Unità Studi e Statistiche - 1 - GSE: monitoraggio e informazione Attività di monitoraggio previste dalla normativa assegnate al GSE

Dettagli

Victory 60. numeri da numeri uno. più energia dal vento. www.tozzinord.com

Victory 60. numeri da numeri uno. più energia dal vento. www.tozzinord.com Victory 60 numeri da numeri uno più energia dal vento www.tozzinord.com Vincono in produzione Vincono in redditività Le migliori performance della categoria 365 giorni all anno. Victory, turbine minieoliche

Dettagli

Minieolico verticale

Minieolico verticale Micro-Eolico GENIUS Minieolico verticale Piccola generazione di energia eolica per utilizzi domestici e produttivi La tecnologia che permette l indipendenza energetica alla piccola utenza domestica e produttiva

Dettagli

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti

Fotovoltaico. Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Fotovoltaico Quadro sintetico della tecnologia e degli impianti Sviluppata alla fine degli anni 50 nell ambito dei programmi spaziali, per i quali occorreva disporre di una fonte di energia affidabile

Dettagli

EOLICO E MICROEOLICO. Dott. Ing. Marco GINANNI

EOLICO E MICROEOLICO. Dott. Ing. Marco GINANNI EOLICO E MICROEOLICO TURBINE EOLICHE TECNOLOGIE VAWT (Turbine ad asse Verticale) HAWT (Turbine ad asse Orizzontale) Darrieus Giromill (H Darrieus) Savonius Bipala Tripala Multipala IN SPERIMENTAZIONE TURBINE

Dettagli

IL CAMPO EOLICO SPERIMENTALE DI TRENTO. Le diverse fasi del progetto e la sua realizzazione

IL CAMPO EOLICO SPERIMENTALE DI TRENTO. Le diverse fasi del progetto e la sua realizzazione IL CAMPO EOLICO SPERIMENTALE DI TRENTO Le diverse fasi del progetto e la sua realizzazione Presentazione del progetto Campagna anemometrica Realizzazione opere civili Allacciamento alla rete Logistica

Dettagli

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche Il geotermico Dati Statistici al 31 dicembre 2008 a cura dell Ufficio Statistiche INDICE Introduzione... 2 Glossario... 3 Impianti geotermoelettrici... 4 Gli impianti geotermoelettrici in Italia dal 1997

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO... Regione Basilicata Provincia di Potenza Comune di Melfi PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARCO EOLICO NEL COMUNE DI MELFI PROGETTO DEFINITIVO 4 3 2 1 0 Settembre 2011 Em./Rev. Data Red./Dis. Verificato

Dettagli

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Francesco Fioretto, Responsabile Succursale Emilia Romagna Parma, 25 marzo 2010 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

IL PROGETTO WINDBOOSTER

IL PROGETTO WINDBOOSTER IL PROGETTO WINDBOOSTER La turbina eolica La funzione di una turbina eolica è quella di «sottrarre» energia al flusso d aria intercettato e convertirla in energia elettrica. La tecnologia Windbooster (1/2)

Dettagli

Turbine eoliche ad alto rendimento

Turbine eoliche ad alto rendimento Turbine eoliche ad alto rendimento Gaia-Wind: produttore di turbine eoliche, ideali per Aziende agricole, zone rurali e aziende. www.gaia-wind.com/it Le turbine Gaia-Wind vantano grandi performance. Oltre

Dettagli

ESSEZETA fotovoltaico - pag. 1

ESSEZETA fotovoltaico - pag. 1 IMPIANTO FOTOVOLTAICO Un impianto fotovoltaico è un impianto di produzione di energia elettrica che utilizza come fonte primaria l energia solare. Il cuore dell impianto è costituito essenzialmente dai

Dettagli

ENERGY HUNTERS. dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico

ENERGY HUNTERS. dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico ENERGY HUNTERS dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico ENERGY HUNTERS E IL VENTO Il core business di Energy Hunters, nonchè la risorsa e l idea che ci ha motivato è il vento, e in particolare

Dettagli

Qualificazione dell installatore, gestore e manutentore di impianti eolici: Livello 4

Qualificazione dell installatore, gestore e manutentore di impianti eolici: Livello 4 Qualificazione dell installatore, gestore e manutentore di impianti eolici: Livello 4 REQUISITI MINIMI DI ACCESSO E CORSI E LEARNING/VIDEO LEZIONI DISPONIBILI CONOSCENZE CONTENUTI FORMATIVI SUGGERITI PER

Dettagli

Trasforma l energia del sole in energia produttiva

Trasforma l energia del sole in energia produttiva Trasforma l energia del sole in energia produttiva Un servizio Upgrading Services Upgrading Services progetta, installa e gestisce impianti fotovoltaici per aziende su tutto il territorio nazionale. Fornisce

Dettagli

Analisi dei risultati

Analisi dei risultati Analisi dei risultati 1. Analisi anemologica Prendendo in esame la velocità media del vento (Fig. 1), si può osservare la stretta dipendenza di questo parametro con la conformazione orografica del territorio:

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE ELABORATO

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

LA MITIGAZIONE DEGLI EFFETTI DERIVANTI DALLE VARIAZIONI NORMATIVE NEL FOTOVOLTAICO (DECRETO «SPALMA INCENTIVI») OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE

LA MITIGAZIONE DEGLI EFFETTI DERIVANTI DALLE VARIAZIONI NORMATIVE NEL FOTOVOLTAICO (DECRETO «SPALMA INCENTIVI») OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE LA MITIGAZIONE DEGLI EFFETTI DERIVANTI DALLE VARIAZIONI NORMATIVE NEL FOTOVOLTAICO (DECRETO «SPALMA INCENTIVI») OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE TECNICO ECONOMICHE Introduzione Il mercato del fotovoltaico

Dettagli

Prospettive per i progettisti e per gli operatori professionali

Prospettive per i progettisti e per gli operatori professionali SISTEMI FOTOVOLTAICI Novità e prospettive Prospettive per i progettisti e per gli operatori professionali Francesco Groppi Responsabile GDL2 del CT82 CEI Convenor WG2 del TC82 CENELEC 1 Principali prospettive:

Dettagli

Mini-eolico: opportunità per il finanziamento

Mini-eolico: opportunità per il finanziamento Mini-eolico: opportunità per il finanziamento 16 luglio 2013 Giovanni Giusiano Gliistitutifinanziatori e le fontirinnovabili Gli aspetti tecnici, amministrativi e normativida valutare per realizzazione

Dettagli

ARIA S.R.L. nasce nel settembre 2008 consolidando anni di collaborazione tra i soci fondatori:

ARIA S.R.L. nasce nel settembre 2008 consolidando anni di collaborazione tra i soci fondatori: ARIA S.R.L. nasce nel settembre 2008 consolidando anni di collaborazione tra i soci fondatori: Solaris s.r.l., rl che dal 1995 ha sviluppato la maggior partedei grandi impianti eolici realizzati nell Italia

Dettagli

Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012

Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012 5 Conto Energia: opportunità e criticità introdotte dal nuovo Decreto Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012 Obbiettivi raggiunti Il contributo del fotovoltaico in Italia influisce

Dettagli

Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico. Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012

Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico. Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012 Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012 Contenuti Il 5 Conto Energia I punti principali Genesi Opportunità

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

More than TWO GIGAWATTS

More than TWO GIGAWATTS More than TWO GIGAWATTS of experience progettazione, servizi, consulenza energetica integrata www.moroniepartners.it DIVISIONE ENGINEERING Molta energia, poche chiacchiere PRODUZIONE E GESTIONE DELL ENERGIA

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Impianti a energie rinnovabili: fotovoltaico, microeolico

Impianti a energie rinnovabili: fotovoltaico, microeolico Impianti a energie rinnovabili: fotovoltaico, microeolico Ing. Emilio Ghiani Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari Bilancio elettrico nazionale anno 2007 http://www.gsel.it/

Dettagli

A. Isolati B. In Cluster (in genere collegati alla rete di potenza o ad una rete locale con sistemi diesel); C. Combinati o Integrati

A. Isolati B. In Cluster (in genere collegati alla rete di potenza o ad una rete locale con sistemi diesel); C. Combinati o Integrati Eolico 1. Quadro sintetico della tecnologia, degli impianti e delle macchine eoliche La bassa densità energetica, dell'energia eolica per unità di area della superficie di territorio, comporta la necessità

Dettagli

E dai liquami elettricità e ca

E dai liquami elettricità e ca DOSSIER E dai liquami elettricità e ca Aumentare il numero delle bovine non è più la sola opzione possibile quando si voglia investire. Lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili fa intravedere nuove

Dettagli

Chilowattora (kwh) Unità di misura dell energia elettrica. Un chilowattora è l energia consumata in un ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kw.

Chilowattora (kwh) Unità di misura dell energia elettrica. Un chilowattora è l energia consumata in un ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kw. Acquirente unico (AU) Acquirente Unico è la società per azioni del gruppo Gestore dei Servizi Energetici GSE Spa, alla quale è affidato per legge il ruolo di garante della fornitura di energia elettrica

Dettagli

Generatore eolico Darrieus

Generatore eolico Darrieus DTI / ICIMSI / PRODURRE ENERGIA CON IL VENTO 36 Generatore eolico Darrieus Il funzionamento è basato sulla portanza esercitata dal profilo alare della sezione delle pale. VAWT 37 Giromill ( H-Bar) Darrieus

Dettagli

IMPIANTO DI PIEVE TORINA

IMPIANTO DI PIEVE TORINA IMPIANTI IDROELETTRICI SUL CORSO DEL FIUME CHIENTI DI PIEVE TORINA IMPIANTO DI PIEVE TORINA PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 1 1. PREMESSA Per la migliore valutazione della proposta

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Contesto Politiche per il Cambiamento Climatico Riduzione delle emissioni di gas serra anche

Dettagli

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016

Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Link GSE per approfondimenti : QUINTO CONTO ENERGIA PER IL FOTOVOLTAICO 2012-2016 Il DM 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, ridefinisce le modalità di incentivazione per la produzione di energia

Dettagli

Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria

Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria Enea (Roma), 13 settembre 2006 Paolo Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. 1 L Energia Solare Fotovoltaica: la fonte energetica sostenibile

Dettagli

SISTEMI MINI EOLICI. CORSO 1-2 -3 Livello. 04 / 05 luglio 2013. Sede ITAUTOMATION S.r.l. Via Marconi, 2 36050 Zermeghedo (VI) presso

SISTEMI MINI EOLICI. CORSO 1-2 -3 Livello. 04 / 05 luglio 2013. Sede ITAUTOMATION S.r.l. Via Marconi, 2 36050 Zermeghedo (VI) presso SISTEMI MINI EOLICI Gli obbiettivi dei Corsi "Sistemi Mini Eolici" sono quelli di acquisire le giuste competenze teoriche, pratiche e legislative per quanto riguarda il settore MiniEolico. CORSO 1-2 -3

Dettagli

Solar Energy Italia. Building a solar future. Aprile 2009

Solar Energy Italia. Building a solar future. Aprile 2009 Solar Energy Italia Building a solar future Aprile 2009 1 La società Investire in un impianto fotovoltaico significa avere la garanzia di un ritorno certo per 20 anni se ci si affida ad un partner di provata

Dettagli

Fattori determinantidiventano:

Fattori determinantidiventano: TE WIND, attraverso le sue controllate, produce energia elettrica da impianti MINI-EOLICI ( attualmente concentrati sui 60 kw) beneficiando degli incentivi previsti dalle normative vigenti nei paesi in

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol

E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol E. Marsiglia Vicedirettore generale Gruppo Unipol Il pricing dei prodotti assicurativi Convegno ADEIMF, Ancona 18 gennaio 2008 assicurazioni danni: il premio L origine della parola premio è legata al trasporto

Dettagli

L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in

L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in ENERGIA EOLICA: L energia eolica è il prodotto della conversione dell energia cinetica del vento in altre forme di energia. Per lo più adesso viene convertita in energia elettrica tramite una centrale

Dettagli

Calcolatore Energetico

Calcolatore Energetico Calcolatore Energetico Istruzioni Il calcolatore energetico è uno strumento semplice che può darvi un'idea approssimativa della energia prodotta dal vostro impianto, nonché informazioni interessanti come

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA

DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA DECRETO MINISTERIALE V CONTO ENERGIA NOTA SINTETICA Entrata in vigore: Il nuovo regime di incentivazione previsto dal V conto energia entrerà in vigore 45 giorni dopo il raggiungimento di un costo indicativo

Dettagli

Isola «Smart Grid» Efficienza energetica e fonti rinnovabili.

Isola «Smart Grid» Efficienza energetica e fonti rinnovabili. Isola «Smart Grid» Efficienza energetica e fonti rinnovabili. 1 Traffico passeggeri e consumi aeroportuali Sistema energia di ADR As is CENTRALE DI COGENERAZIONE (TRIGENERAZIONE) 25,5 MW elettrici 3 motori

Dettagli

Proposta tecnico commerciale per scouting di progetti di investimento nelle fonti rinnovabili. Un nuovo strumento a supporto degli investitori

Proposta tecnico commerciale per scouting di progetti di investimento nelle fonti rinnovabili. Un nuovo strumento a supporto degli investitori Project Finder Un nuovo strumento a supporto degli investitori Proposta tecnico commerciale per scouting di progetti di investimento nelle fonti rinnovabili Montana e le energie rinnovabili Partendo da

Dettagli

Il fotovoltaico: falsi miti, ricerca e impresa, Conto Energia Ecomondo, Rimini 10 novembre 2006

Il fotovoltaico: falsi miti, ricerca e impresa, Conto Energia Ecomondo, Rimini 10 novembre 2006 Il fotovoltaico: falsi miti, ricerca e impresa, Conto Energia Ecomondo, Rimini 10 novembre 2006 Paolo Rocco Viscontini 1 Cosa è il GIFI? Fondata nel 1999, fa parte di ANIE (Associazione Nazionale Industrie

Dettagli

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Motori elettrici più efficienti: un opportunità di risparmio

AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO. Motori elettrici più efficienti: un opportunità di risparmio Questa guida è stata realizzata in collaborazione con AIMB - Associazione Industriali Monza e Brianza e ABB Sace. Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da

Dettagli

La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico

La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico La vita inizia dal sole: l energia del Fotovoltaico 2015 L energia da fonti rinnovabili 01 IMPIANTO FOTOVOLTAICO 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI Il fotovoltaico è un sistema elettrico che trasforma

Dettagli