Il simulatore di guida per le due ruote

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il simulatore di guida per le due ruote"

Transcript

1 Educazione alla Salute Progetto Incidenti Stradali Il simulatore di guida per le due ruote Manuale per l utilizzo del simulatore di guida per veicoli a due ruote per le attività didattiche e qualche dato sugli incidenti stradali. Gennaio

2 Introduzione Gli incidenti stradali costituiscono la prima causa di morte tra i giovani, soprattutto tra i maschi. L incremento dei veicoli in circolazione, l utilizzo di nuove tecnologie di comunicazione (telefono cellulare, navigatore satellitare), l uso di sostanze (alcool, droghe) possono contribuire notevolmente a rendere sempre più insicuro il rapporto con la strada. Sebbene il fenomeno dell uso del cellulare sia recente ed ancora in crescita, una recente ricerca australiana condotta su ricoverati per incidente stradale nel periodo ha evidenziato un rischio di incidente quattro volte superiore tra chi usa il telefonino durante la guida. Altre indagini condotte in Inghilterra mostrano che i guidatori di SUV (le auto grandi e robuste) rispettano ancor meno le condizioni di sicurezza alla guida sentendosi al sicuro nelle loro auto: usano meno le cinture, utilizzano il telefono cellulare alla guida (telefonate fuorilegge) senza auricolare quattro volte in più dei guidatori delle auto normali ed eccedono più facilmente nella velocità. La disattenzione alla guida costituisce la causa principale degli incidenti stradali ma non sono da trascurare altri elementi quali il mancato rispetto delle regole, dei segnali stradali, l attitudine a considerare la guida reale alla stregua di un videogioco. Assieme alle altre iniziative che l Educazione alla Salute della Azienda Sanitaria Locale 11 porta avanti da tempo, viene proposto l uso del simulatore di guida per veicoli a due ruote, iniziativa che verrà sperimentata nel 2007 all interno dei percorsi didattici delle scuole medie inferiori e superiori. Questo strumento, già utilizzato in alcune iniziative del 2006, ha mostrato un impatto discreto sui ragazzi se non altro per l interesse suscitato. Il simulatore, che non ha le prerogative di un videogioco, ripropone alcune condizioni di traffico reali dove è necessaria l attenzione non solo per se stesso ma anche verso le distrazioni o scorrettezze degli altri mezzi, inclusi pedoni e ciclisti. Dopo una serie di sondaggi di mercato altre iniziative che si sono poi rivelate troppo costose, abbiamo trovato e scelto il simulatore Riding Trainer della Honda che poteva costituire lo strumento con i requisiti più adatti specialmente nella relazione tra prezzo, ingombro e prestazioni. Con il simulatore inserito in un percorso didattico pensiamo sia possibile evocare nei giovani quell atteggiamento che va sotto il nome di guida difensiva, ovvero una serie di accortezze che portano ad una consapevolezza maggiore di guida sviluppando le capacità di immaginare gli scenari possibili che potrebbero verificarsi da lì a poco. La crescita della capacità di osservazione e immaginazione può condurre a una maggior cautela nella guida, ad una concentrazione maggiore nella conduzione del mezzo, una attitudine a non rischiare inutilmente e ad essere sempre pronti ad interagire con le situazioni inaspettate (auto che girano all improvviso senza segnalare, che frenano inaspettatamente ed altro, un pedone che attraversa la strada distratto da una telefonata sul cellulare). Per favorire l ingresso del simulatore nei programmi didattici delle scuole è stato prodotto anche un calendario per l anno 2007 Non perdiamoci la vita per strada che vuol costituire un elemento di ulteriore sensibilizzazione sul problema degli incidenti stradali proponendo l attenzione, l osservazione e la guida difensiva come elementi base per limitare il numero di incidenti. Di seguito troverete alcune sezioni utili all impiego del simulatore a partire da come si installa, come si accende, come funziona; parleremo anche di incidenti e atteggiamenti di guida, dati e informazioni utili per fare due chiacchiere con gli studenti sul tema della sicurezza stradale e dell importanza di non perdere la vita nel traffico. Indice degli argomenti Il simulatore gli elementi il montaggio funzionamento generale L accesso al programma di simulazione la scelta delle condizioni la simulazione schema del manubrio e manopole esempi di percorsi di simulazione la vista laterale fine della simulazione il Replay la scheda di riepilogo generale. Come si esce dal programma e come si spegne il computer. Problemi e chiarimenti il computer entra in attesa nel replay blocco del programma Dati sugli incidenti stradali Educazione alla Salute - Azienda Asl 11 Empoli A cura del dott.alberto Silva Gennaio

3 Il simulatore Questo strumento, costituito da un telaio di ciclomotore e da un programma di simulazione di guida in strada, rappresenta un vero simulatore di guida in grado di riproporre le condizioni tipiche della guida su strada. E possibile scegliere diverse opzioni che riguardano le caratteristiche del veicolo ed i percorsi, nonché le condizioni di visibilità ma vedremo di che si tratta man mano che entreremo nella trattazione. Lo strumento non è un videogioco e non vince chi fa più morti ma chi riesce a riportare a casa sano e salvo il proprio corpo simulato (o quello reale), ovvero chi riesce ad evitare incidenti. Vediamo da cosa è costituito il simulatore e come si procede al suo montaggio ed utilizzo. Gli elementi Il simulatore è costituito principalmente da: a) Computer e Video b) Struttura fisica del ciclomotore: b.1 manubrio con comandi b.2 sella b.3 comandi a pedale c) Tastiera (non visibile) e) Cavi di collegamento (non visibili) Il Montaggio Il ciclomotore ha un cavo di collegamento USB per il computer Il video ha 4 cavi: tre per il collegamento con il computer e uno per l alimentazione elettrica La tastiera ha un solo cavo (ma con due spinotti) Il computer ha invece tutti i collegamenti necessari, che sono 5 (escludendo le prese di alimentazione elettrica) ed un cavo di alimentazione elettrica. a) 1 collegamento con la tastiera (cavo unico con 2 spinotti verde e viola) b) 3 collegamenti: con il video e con l altoparlante (USB, spinotto verde e Cavo blu) c) 1 collegamento con i comandi del ciclomotore (USB) Nel caso si intenda collegare l uscita video anche ad un proiettore, per far partecipare anche gli altri ragazzi alla visione della simulazione, è necessario collegare l uscita del computer con l ingresso del videoproiettore e l uscita del videoproiettore con il video. Funzionamento generale Uno volta collegati i componenti e posizionati correttamente i cavi si può accendere il computer e passare alla prima fase, la selezione delle variabili (tipologia del mezzo e tipo di percorso). Dopo questa fase entriamo nelle vera e propria simulazione, guidati da una voce; alla fine del percorso sarà possibile rivedere tutte le fasi della simulazione effettuata con la possibilità di avere una osservazione esterna (viste laterali e dall alto del ciclomotore) e ritornare indietro nel percorso per soffermarci su alcuni punti critici del percorso per favorire gli aspetti didattica. Alla fine il programma propone una tabella che riassume i punti salienti della performance di guida che può anche essere stampata e consegnata allo studente o soggetto che ha eseguito la simulazione. Iniziamo adesso con i collegamenti tra gli elementi. 3

4 Il VIDEO, la TASTIERA e il CICLOMOTORE Dal Video si dipartono 4 cavi: 1) alimentazione elettrica 2) spinotto verde audio 3) cavo blu video 4) spinotto USB Dalla Tastiera invece soltanto un cavo con doppio spinotto (viola e verde). Anche dal Ciclomotore esce un unico cavo USB Nel disegno seguente si vedono chiaramente i collegamenti dei cavi con il computer. Il Computer visto dal retro In questo schema del retro del computer si possono identificare i collegamenti con video, tastiera e ciclomotore. Collegamenti nel caso di utilizzo di un Videoproiettore E possibile collegare le immagini del video anche ad un videoproiettore in modo tale da garantire una partecipazione più attiva dei ragazzi. E necessario collegare l uscita del computer alla presa computer in del Videoproiettore e collegare la presa computer out al video del ciclomotore. In questo modo il pilota può guardare la simulazione direttamente sul suo schermo video e gli altri sulla parete attraverso il videoproiettore. Precauzioni Prima di accendere il computer assicurarsi che tutti i cavi siano ben collegati e le prese di rete elettrica inserite correttamente: fare in modo che il ciclomotore non oscilli ma che sia bene in piano anche per evitare cadute accidentali del video o degli altri componenti. 4

5 Accendiamo il computer. L accesso al programma di simulazione - prima videata La scelta delle condizioni - a) Le caratteristiche del veicolo Dopo qualche decina di secondi (il tempo che occorre per la messa in opera del computer ed il caricamento del software di simulazione ) si giunge alla prima videata dove si trova una mascherina in alto a sinistra dove ci sono alcuni comandi, tra i quali RUN. RUN serve a far iniziare il programma di simulazione e si attiva con il piccolo mouse a pallina che si trova sulla tastiera. Ci si porta quindi su RUN e si preme invio (o il tasto sinistro del mouse a pallina). Dopo aver premuto il comando RUN avremo una successione di videate che hanno lo scopo di selezionare le condizioni di simulazione, ovvero quelle legate al tipo di mezzo e al tipo di percorso. La prima videata è per la scelta del tipo di cambio del mezzo, se automatico o manuale. Il susseguirsi delle videate di scelta delle condizioni è indicato sulla prima riga in alto dove si individuano le selezioni possibili e necessarie: Cambio, Dimensione veicolo, Tipo di percorso e Sfondo. In questo sede si sceglie quindi il Cambio. Se il cambio è automatico i comandi sono tutti sul manubrio, se invece si sceglie il cambio manuale alcuni comandi sono spostati sui pedali, come nelle moto (il pedale a destra è il freno posteriore, quello a sinistra è invece il cambio, che in questo caso è a 6 marce) La selezione si fa ruotando a destra e sinistra il manubrio e confermando la scelta con il pulsante di avvio posizionato sul manubrio. Secondo il tipo di cambio scelto c è la necessità di posizionare l interruttore posizionato dietro al blocco del manubrio: se il cambio è manuale l interruttore va posizionato come nella figura, altrimenti si posiziona in verticale. L interruttore commutatore attribuisce le funzioni di freno e cambio al manubrio ed ai pedali. Confermata la scelta con il pulsante di avvio si passa alla videata seguente, quella per la scelta della Dimensione del veicolo. Allo stesso modo, utilizzando il manubrio, si sceglie la dimensione del veicolo (per i ragazzi neopatentati è meglio selezionare ciclomotore ). Se volessimo tornare indietro nelle videata precedenti si può premere sul pulsante del clacson posizionato (come in tutti i mezzi a due ruote) accanto alla manopola sinistra. Con il pulsante di avvio si seleziona la scelta e si passa alla videata successiva, ovvero tipo di percorso. 5

6 La scelta delle condizioni - b) Il tipo di percorso e le condizioni di visibilità Nel Tipo di percorso le opzioni più interessanti dal punto di vista didattico sono Via Principale e Via secondaria. Una volta selezionato ad esempio Via Principale, con il tasto avvio (o avanti) si passa alla scelta del percorso secondo una mappa generale con 6 opzioni L ultima selezione da effettuare è quella dello Sfondo, o delle condizioni di visibilità: Giorno, Sera o Nebbia. Meglio selezionare Giorno. Ultima videata di istruzione L ultima videata, prima di iniziare con la simulazione, fornisce alcune informazioni di ripasso sulle funzioni, indicando anche il pulsante di fine, per interrompere la simulazione e ricominciare da capo. Ovviamente è meglio arrivare alla fine della simulazione, come vedremo tra poco. 6

7 La Simulazione - uno degli scenari possibili Il soggetto si trova sul ciclomotore spento a lato di una strada: una voce ci dice di accendere il veicolo e ci indicherà successivamente il percorso che si deve seguire. In generale i comandi saranno del tipo gira a destra al prossimo segnale (che significa gira a destra al prossimo semaforo") oppure es. gira a sinistra alla prossima curva (ovvero, "gira a sinistra alla prossima curva"). Sul video è visibile al centro il cruscotto essenziale del mezzo con il contachilometri, la spia dell olio, dei fari, delle frecce). A destra e sinistra si trovano gli specchietti retrovisori. I comandi al manubrio fisico (e non virtuale) sono gli stessi di un mezzo reale. A destra c è la manopola del gas e il comando di accensione: la leva a destra aziona il freno anteriore Sulla sinistra invece si trovano una serie di comandi tipici, accanto alla manopola: le frecce, il comando dei fari, il clacson e un tasto speciale (che sulle moto ha la funzione di attivare gli abbaglianti per sfareggiare ) che serve a attivare la visione laterale (di cui parleremo tra poco). Schema del manubrio Tasto speciale per sfareggiare Leva freno posteriore o frizione (in caso di cambio manuale) Pulsante di FINE Dispositivo di sicurezza Leva freno anteriore Controllo abbaglianti anabbaglianti Comando frecce Clacson Pulsante di avvio Il manubrio è lo stesso dei motocicli o dei ciclomotori reali : con la manopola destra si da gas, con la leva destra si attiva il freno anteriore, con quella sinistra il freno posteriore: se si è selezionato il cambio manuale la leva sinistra assume la funzione di frizione. Sui comandi di sinistra si trova il Clacson, il comando per le frecce, il controllo delle luci (abbaglianti e anabbaglianti) e il tasto (denominato speciale ) per sfareggiare. Accanto alla manopola destra c è il pulsante FINE che può interrompere la simulazione e che serve per ritornare al menu principale. Il Dispositivo di sicurezza sulla manopola destra è tipico dei ciclomotori; in caso di caduta interrompe il flusso di corrente alle candele e blocca il motore; questo interruttore deve sempre essere posizionato nella posizione di moto, altrimenti il ciclomotore virtuale non parte. 7

8 Particolare della manopola sinistra Particolare della manopola destra Interruttore del dispositivo di sicurezza Tasto SPECIALE Comando per le FRECCE destra e sinistra Pulsante di FINE o di interruzione della simulazione Posizione di blocco del motore Posizione di marcia Leva del freno posteriore o frizione Comando luci Abbaglianti e Anabbaglianti Pulsante del CLACSON Leva del freno anteriore Pulsante di avvio del motore Per le condizioni di normale marcia del motociclo l interruttore di sicurezza deve essere posizionato sulla posizione di marcia Esempi di percorso di simulazione In questo caso stiamo percorrendo una strada principale alla velocità di 26 km l ora: si nota un cartello con il limite di velocità, una macchina avanti e un camion che viene in direzione contraria. Nel successivo ci troviamo a 22 km/ora vicino ad un passaggio pedonale con un bambino che attraversa. Negli specchietti retrovisori si vede quel che accade dietro di noi. Utilizzando il tasto speciale invece possiamo attivare la visione laterale. 8

9 La visione laterale Con questo tipo di simulatore non è ovviamente possibile la vista laterale. Quando ci si trova ad esempio ad un incrocio non siamo in grado di vedere se sopraggiungono veicolo da destra o da sinistra. Per ovviare a questo limite si può azionare il comando abbaglianti per sfareggiare (o Tasto SPECIALE) posizionato nel blocco comandi della manopola sinistra. Tenendo premuto il tasto si attivano due finestrelle (a destra e sinistra) che danno la visiona laterale: in queste condizioni non si vedono più gli specchietti retrovisori. L utilizzo del tasto speciale vista laterale Ad un certo punto del percorso ci troviamo ad un quadrivio con o senza indicazioni di precedenza: ci fermiamo (vedi velocità 0) e premiamo il tasto speciale. Tenendo premuto tale comando, sul video si formano due piccole finestre che rappresentano la visione laterale. Alla finestrella di sinistra si vede la strada laterale a sinistra e su quella di destra la strada laterale a destra. In questo casi possiamo accertarci se le strade sono libere da traffico e passare senza incorrere in incidenti. Nel caso che accada un incidente il programma si interrompe e ripropone l evento. In questo caso un auto uscita da un distributore è entrata in mezzo alla strada senza accertarsi delle condizioni sella strada: il motociclo infatti ha urtato l auto ed è stato coinvolto in un incidente. Variando l angolazione del manubrio e ruotando la manopola del gas è possibile rivedere l incidente da varie angolazioni. In questo replay della scena dell incidente il passeggero della moto si vede in terza persona. 9

10 Fine della simulazione il REPLAY Alla fine del percorso di simulazione, annunciato dalla voce, arriviamo alla videata seguente che offre due possibilità di scelta: la fine della sessione (premendo il tasto FINE) o il replay del percorso appena affrontato (premendo Start o pulsante di avvio ) Se vogliamo vedere il replay si preme quindi start e si può rivedere tutto il percorso ma non più in soggettiva : si segue il percorso da un occhio esterno e ci vediamo dall alto o in diverse angolazioni. Muovendo il manubrio a destra e sinistra si cambia l angolazione delle visuale e girando la manopola del gas ci si sposta in alto. Da questo momento in poi anche il Clacson assume una funzione diversa andando a funzionare come un comando di rewind o di riavvolgimento, ovvero tornare indietro. Esempi di visioni di replay Durante questa fase il programma offre alcuni messaggi riferiti a quel che è successo nella simulazione: in questo schema infatti il messaggio richiama all attenzione del rispetto dei limiti di velocità. In questo ambiente è possibile, come si vede dalle indicazioni, riavvolgere (con il tasto clacson ) e rivedere l evento: per far ripartire il replay della simulazione è necessario premere avvio (o start ). Per interrompere questa fase di replay della simulazione basta premere il pulsante FINE. 10

11 In quest altra immagine di replay si vede il soggetto dall alto e da una angolazione sinistra. In replay è possibile, come abbiano già detto, avere una visione esterna. In questa immagine si vede il camion che sorpassa un veicolo fermo e un auto in procinto di sorpassarne un altra. In questo caso il motociclista (ovvero il soggetto alla guida di simulazione) aveva deciso di fermarsi per capire che cosa stesse succedendo (vedi velocità 0 km/ora). In questa il motociclista a 33 km/ora ha affrontato una curva a sinistra. In questo caso appare il messaggio ci si era accorti di uno scooter apparso da dietro un camion? e poi alcune raccomandazioni quali controllare sempre le condizioni del traffico anche dopo il sorpasso di uno scooter. In effetti era appena passato uno scooter e una moto sta sorpassando da destra il camion. Fine della simulazione Alla fine del Replay della simulazione appare un messaggio di suggerimento che da una valutazione generale della prova di guida sostenuta richiamando concetti di prudenza generali e particolari. 11

12 Scheda di riepilogo generale L ultima videata della simulazione è costituita da una scheda di valutazione della performance che riassume i punti salienti del percorso appena effettuato: collegando il computer ad una stampante è possibile ottenere la scheda cartacea da consegnare allo studente. Come si esce dal programma e si spegne il computer Premendo il contemporanea 3 comandi, cioè il tasto FINE e i pulsanti della manopola destra Tasto speciale e Clacson il programma presenta la videata iniziale dove è possibile cliccare su Arresta il sistema utilizzando il mouse a pallina della tastiera. In questo modo il programma di interrompe ed il computer si spegne. 12

13 Problemi e chiarimenti Problemi il computer entra in attesa (o stand by) Se il computer rimane inattivo per un certo periodo si disconnette ed entra in attesa, a basso consumo. In genere si spenge anche il video (per risparmiare energia). Per riattivare il programma basta premere un tasto (esempio ESC) e il video si riaccende dopo pochi secondi con questa videata. Per tornare alla simulazione è necessario cliccare su Administrator, utilizzando il mouse a pallina della tastiera. Se invece volessimo interrompere la simulazione e spegnere il computer basta cliccare su spegni computer. Nel REPLAY Tempi di attesa lunghi? Blocco del programma? Durante il replay della simulazione il programma propone tutto quello che è successo inclusi i tempi; se ad esempio prima di partire si attende qualche minuto per provare le frecce, mettere in moto, sperimentare la visione laterale, nel replay i tempi di attesa sono gli stessi anche nel replay e si potrebbe pensare che il computer si possa essere bloccato. Aspettare e provare a ricordarsi della prova appena sostenuta. Blocco del programma Nel caso che il programma non vada avanti, che lo schermo non fornisca nessuna immagine, che anche premendo il tasto FINE non succeda niente, si può pensare ad un blocco del programma. In questi casi, se non si vedono vie di uscita, bisogna spegnere il computer premendo per alcuni secondi il tasto di avvio fino a che il computer non si spegne. Riaccendendolo di nuovo si ripristinano tutte le funzioni. 13

14 Qualche dato Incidenti Stradali: la situazioni nazionale Fonte: ACI-Istat Incidenti e Feriti Andamento nel tempo del numero di incidenti, feriti e morti - fonte Aci-Istat incid feriti morti Morti Dal 1990 al 2005 si assiste ad un incremento rilevante del numero dei feriti che da sono passati a circa nel Anche il numero di incidenti è sensibilmente aumentato nel tempo raggiungendo il valore di nel 2005 Il numero dei morti, pur sempre elevato, mostra una tendenza alla diminuzione (dagli decessi del 1980 ai del 2004). Valore indice 5,5 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 Indici di Mortalità e Gravità nel tempo - fonte Aci-Istat 5,2 3,7 Ind.Mortalità Ind.Gravità 2,4 1, Facendo il rapporto tra numero di morti e numero incidenti e moltiplicando per 100 si ottiene il valore dell Indice di Mortalità che indica quanti decessi si hanno ogni 100 incidenti stradali. Dividendo invece il numero dei morti per la somma dei morti più feriti e moltiplicando ancora per 100 si ottiene l Indice di Gravità, ovvero il numero di morti ogni 100 soggetti coinvolti in incidenti stradali. I valori di questi indici sono in diminuzione nel tempo, ovvero diminuisce la mortalità e la gravità Dati Aci - Istat In generale le morti ed i feriti riguardano soprattutto i maschi generalmente in giovane età. Num Conducenti MORTI per classe di età e sesso - Italia anno Classi Maschi Femmine nr Num Conducenti FERITI per classe di età e sesso - Italia anno Classi Maschi Femmine E evidente come la mortalità per incidente stradale dei conducenti riguardi soprattutto i maschi: nella classe di età anni il numero indica 450 maschi contro 50 femmine decedute alla guida di un mezzo. Per i feriti invece i maschi fanno rilevare oltre il doppio dei casi nr 14

15 Una indagine sul territorio sugli stili di guida Alla fine del 2004 è stata effettuata dall Educazione alla Salute una indagine tramite questionario sul comportamento di guida dichiarato dagli studenti delle medie inferiori e superiori del territorio. Gli studenti hanno fatto compilare il questionario anche tra familiari, amici e conoscenti in modo tale da avere informazioni anche sullo stile di guida degli adulti. L analisi dei dati ha permesso di avere informazioni sulle abitudini dei piloti di auto, moto e ciclomotore, bicicletta differenziate anche per età e sesso. Riportiamo soltanto alcune informazioni utili ad inquadrare il problema dei giovani motociclisti o ciclomotoristi. In generale la disattenzione e la leggerezza nella guida costituiscono gli elementi principali del verificarsi di un incidente; tra i giovani si rilevano diversi comportamenti poco responsabili (specialmente tra i maschi) e che possono contribuire a rendere insicuro lo stile di guida. Vediamo qualche dato riferito ai circa questionari utilizzati nell indagine Comportamenti Comportamento su strada anni stanco stupefac alcolici telefon n.r. pedoni andar in 2 n.uso frecce n.r. precedenze n.r semafori n.r. sensi unici sorp.a dx 2,2 4,9 4,5 2,7 11,0 10,4 9,9 9,9 14,6 16,2 17,9 17,5 20,8 24,8 21,7 25,7 29,2 26,2 Femmine Maschi 33,4 35, percent Giovani anni per sesso: uso ciclomotore o moto % incidenti (negli ultimi 3 anni) sesso num Con ciclom % con ciclom N inc. %Inc Femmine , ,8 Maschi , ,4 Totale , ,6 39,4 39,4 Violazioni e incidenti dichiarati giovani ciclomotoristi anni (valore medio per sesso) sesso violazioni incidenti Femmine 1,00 0,18 Maschi 1,83 0,48 Comportamenti dichiarati per strada dai giovani anni ciclomotoristi e motociclisti Il 35% dei maschi dichiara di non usare la freccia di segnalazione, il 40% usa sorpassare a destra, il 30% guida stanco, il 51.6% (16, ) ammette di non rispettare semafori, precedenze, sensi unici. Abbastanza rilevante un 14% di giovani maschi che dichiarano di guidare dopo aver bevuto alcolici. La trasgressione agli stili di vita corretti è prerogativa dei maschi e si traduce poi in numero di incidenti, traumatismi e morti molto superiore a quella della femmine (vedi dati nazionali). Sempre dalle dichiarazioni raccolte nell indagine risulta che il 70% dei giovani maschi possiede un ciclomotore contro il 51% delle femmine: che il 65% dei maschi ha avuto almeno un incidente negli ultimi 2-3 anni (contro il 33.8% delle femmine). Considerando tutti i soggetti intervistati (giovani ciclomotoristi anni) risulta che ogni maschio ha avuto 0.48 incidenti contro gli 0.18 delle femmine ed ha effettuato quasi il doppio delle violazioni (1.83 contro 1,0). 15

16 Altri spunti sparsi sull argomento Indagine CENSIS novembre 2006 I giovani e gli adolescenti sono più esposti al rischio di incidente stradale con ciclomotore. Circa il 45% dei giovani usa il motorino. Alto livello di incidentalità tra i giovani ciclomotoristi. Il 40% dei giovani passa con il semaforo rosso per consuetudine. Solo il 35% dei giovani conosce il significato di tutti i segnali stradali In breve sul telefonino sul telefonino Il focus del dibattito riguarda la perdita di concentrazione e di reattività nel corso di una telefonata, poiché le risorse sono già impegnate in un'altra attività e la capacità cognitiva e percettiva della mente è limitata. Cellulare alla guida - lo studio australiano Pochi, dicono i ricercatori, sono stati fino a oggi gli studi epidemiologici mirati a definire il ruolo dell'uso dei telefoni cellulari sugli incidenti stradali. E di non grande aiuto sono i report della polizia, che difficilmente si soffermano su dettagli di questo genere. Il risultato è che ad oggi mancano informazioni sull'effettivo rischio e sulla differenza esistente tra l'usare o meno l'auricolare. Lo studio ha così preso in considerazione 456 "autisti" di età superiore a 17 anni che possedessero un telefono cellulare e coinvolti in incidenti stradali che richiedessero cure ospedaliere tra l'aprile del 2002 e il luglio del La ricerca ha cercato di definire, attraverso le interviste effettuate agli incidentati e i tabulati forniti dalle compagnie telefoniche, l'eventuale uso del cellulare al tempo stimato dell'impatto e l'uso nello stesso momento della giornata la settimana precedente l'incidente. I risultati? Chi utilizza il cellulare mentre guida, con o senza auricolari, dice la responsabile della ricerca, è soggetto a incidenti quattro volte di più rispetto a chi non ne fa uso. Lo studio afferma così esplicitamente che l'utilizzo del cellulare "a mani libere" non aiuta. Anzi. I guidatori si sentono autorizzati a effettuare più chiamate, distraendosi inevitabilmente, visto che il cervello non può rispondere in maniera efficace agli input visivi e uditivi attivati nello stesso momento. In Australia, peraltro, l'utilizzo del cellulare in macchina è vietato anche con gli auricolari. E se proprio si evitasse di parlare al telefono? Guidare è pericoloso, non c è dubbio; e ci sono elementi che, pensati per ridurre la pericolosità, in realtà potrebbero aumentarla. Uno di questi è riassunto da una teoria, che si deve a Peltzman, secondo la quale il guidatore attua una compensazione del rischio vale a dire che ogni volta che ci si mette al volante, si fa un bilancio tra le possibilità di un incidente e i vantaggi di una guida rischiosa: viaggio più rapido, più divertimento (eccetera). E evidente, a questo punto, che qualsiasi elemento che renda mano probabile farsi male, per esempio l arrivo delle cinture di sicurezza o dell air bag, l avere installato l ABS o il guidare una specie di carro armato allontana (a torto o a ragione) la prospettiva di farsi male e, quindi, si preme sull acceleratore. La teoria di Peltzman è stata contestata ma, come si riporta nell introduzione di uno studio del British Medical Journal, ci sono elementi a supporto. Per esempio, Oltremanica l arrivo dell obbligo delle cinture per guidatore e passeggero a fianco ha coinciso con l aumento delle morti da traffico tra pedoni, 8% in più, ciclisti, 13%, e occupanti dei sedili posteriori (senza cinture, evidentemente) tra i quali la mortalità è salita del 28%. I ricercatori hanno cercato di capire se l uso delle SUV, o comunque di grossi fuoristrada a quattro ruote motrici, ha un effetto analogo. Anche perché c è un precedente: nel 1993, il Ministero dei Trasporti britannico aveva distribuito mezzo milione di opuscoli in cui si sosteneva la maggiore sicurezza delle vetture grandi rispetto alle piccole, riportando anche dati statunitensi che mostravano che i guidatori delle Suv, in caso di incidente, avevano minori probabilità di riportare danni, il che, nel paese che ha dato i natali alla Mini (quella originale) suona un po come un tradimento. Lo studio ha pertanto cercato di stabilire se l uso di uno di questi veicoli si associa a comportamenti pericolosi, come non indossare le cinture o parlare al telefono senza auricolare. Per farlo, sono stati piazzati strategicamente degli osservatori in tre punti della zona occidentale di Londra con caratteristiche di viabilità differenti. Inoltre, i rilievi sono stati fatti sia nella fase di introduzione della legge che proibiva l uso del telefonino a mano durante la guida, in base alla quale i tutori dell ordine si limitavano a un richiamo, sia nella fase successiva in cui fioccavano le multe. Che cosa si è visto, dunque? Intanto che un guidatore su sei non usa le cinture, e uno su 40 telefona tranquillamente. Distinguendo per tipo di vettura, i guidatori di SUV e simili hanno una frequenza di telefonate fuori legge quattro volte superiore agli altri, mentre in fatto di cinture dimenticate, la frequenza è superiore soltanto (si fa per dire) del 26%. Altro dato generale, chi infrange una delle due leggi più facilmente infrange anche l altra, infatti tra coloro che usavano il telefono quelli senza cinture erano il 22%, mentre tra coloro che non usavano il telefono la percentuale era pari al 15%. In pratica, anche questo studio confermerebbe l ipotesi di Peltzman: se ci si sente più protetti, si ignorano alcune misure prudenziali, tanto la peggio ce l ha il ciclista. Nella stessa occasione, il BMJ ha pubblicato anche un altro studio, dedicato a un fattore di rischio per gli incidenti: guidare quando ci si sente insonnoliti. Si tratta di un indagine francese che ha coinvolto poco meno di persone, tutte dipendenti o ex dipendenti di un grande ente energetico francese. Si è visto che il rischio di incidenti gravi aumentava con il numero di episodi in cui la persona aveva guidato pur capendo di essere sull orlo del sonno. Chi aveva dichiarato che negli ultimi 12 mesi lo aveva fatto poche volte aveva un rischio pari al 50% in più, ma per chi diceva di aver guidato malgrado la sonnolenza almeno una volta al mese, il rischio praticamente triplicava. A qualcuno potrà sembrare una scoperta dell acqua calda, ma il dato veramente importante, non è l aumento del rischio, scontato, ma il fatto che capire di non essere sufficientemente svegli non impedisca a molti di continuare a guidare. Se si ha sonno, ci si ferma, semplicemente. 16

17 Qualche consiglio di guida difensiva vedi il calendario 2007 non perdiamoci la vita per strada della Educazione alla Salute Asl 11 Trovandosi alla guida di un ciclomotore è necessario prestare molta attenzione non solo ai segnali o indicazioni stradali ma anche agli altri mezzi che circolano. L analisi a vista del guidatore e dell andamento del mezzo può fornire molte informazioni utili alla prevenzione degli incidenti. Le scorrettezze alla guida degli altri mezzi costituiscono un pericolo elevato: la distrazione è la principale causa. Possiamo incontrare mezzi che non mettono la freccia, che compiono manovre inaspettate, che vanno troppo forte, che non sentono se suoni il clacson o che non ti vedono passare anche se hai il diritto di precedenza. Diffidate di alcune tipologie di piloti o di situazioni e potrete Le frecce di segnalazione Conoscere i cambiamenti di direzione dei mezzi che ti precedono è importante per evitare tamponamenti o comunque incidenti: anche un mezzo fermo può partire ed entrare in strada senza nessuna segnalazione mettendo a rischio la circolazione e favorendo gli incidenti. E necessaria molta prudenza e molta attenzione per potersi difendere da chi non mette la freccia di segnalazione: questo può succedere a chi è distratto (dal telefonino, da una mappa stradale, da una conversazione, da una alterazione dell umore) e osservare il comportamento degli altri guidatori può metterci in allarme e salvarci la vita. Anche chi è alla guida di un ciclomotore deve utilizzare correttamente la freccia di segnalazione per indicare agli altri i cambi di direzione, le partenze, gli arrivi. Anche chi abita da anni in una certa zona e si sposta poco può essere pericoloso perché può pensare che tutti quanti conoscano le sue abitudini, dove abita, dove accosta, dove curva, quando parte, quando fa inversione: per queste sue convinzioni può non porre nessuna attenzione alla guida, non mettere le frecce e compiere una infinità di manovre errate e rischiose per se e per gli altri. La distrazione da aggressività e altro Osservare che sta alla guida può farci capire anche il livello di disattenzione, di aggressività o comunque di pericolosità del guidatore o pilota. Se trovate sulla vostra strada un pilota di formula uno lasciatelo correre via, non sorpassatelo e non state vicino alla sua auto (o moto). Il pilota di formula uno si può riconoscere anche dallo stile di guida e non solo da cappello e dall assetto dell auto. In generale chi ha il cappello in testa alla guida può essere più distratto, più fanatico e comunque pericoloso. Anche chi va troppo piano perché cerca un indirizzo o un parcheggio può essere distratto e compiere manovre improvvise senza segnalare. 17

18 Il rischio della troppa sicurezza State attenti a chi ha fuoristrada o comunque auto grandi: in genere i piloti sono meno rispettosi delle regole di circolazione sentendosi più al sicuro nel loro carroarmato (vedi teoria di Peltzman), possono essere più distratti e più deresponsabilizzati degli altri anche non essendo dei fanatici. I telefonini cellulari e la distrazione I danni possibili provocati dall uso del telefonino alla guida sono ancora in studio ma con certezza telefonare al volante predispone a un rischio di incidente quattro volte superiore. Telefonare in situazioni di stress ed essere alla guida con la paura di far tardi, magari trasportando bambini non allacciati alle cinture non giova alla sicurezza di nessuno degli occupanti del mezzo; trovandosi alla guida di un ciclomotore non possiamo far niente per salvare i distratti ma possiamo comunque evitare noi il rischio di incidente tentando di identificare a vista le situazioni. Poniamo maggior attenzione ai mezzi con piloti che telefonano o distratti da bambini o animali da compagnia liberi nell abitacolo. 18

19 Trovarsi durante una conversazione al telefonino cellulare durante la guida di auto, ciclomotori e a piedi predispone comunque ad un rischio maggiore: la comunicazione telefonica compromette l udito, l attenzione e limita l uso delle mani. L incontro tra distratti su vari mezzi di locomozione ovviamente può favorire maggiormente gli incidenti ed i danni. Nella grande rete si possono trovare infinite informazioni sul problema degli incidenti stradali (o comunque sull argomento della sicurezza ), del rischio per i ciclomotori, delle attitudini alle guida, l uso del casco, sulle buone pratiche di guida, studi sul rischio dell uso del cellulare, gli effetti sull attenzione a seguito di abuso di alcolici e sostanze e una serie di informazioni interessanti ed aggiornate con infiniti link con altri siti tematici Alcuni Siti Web utili Ministero della Salute - Istituto Superiore di Sanità - ISTAT - Istituto Nazionale di Statistica - ACI Automobile Clud d Italia - CENSIS - Centro Studi Investimenti Sociali Con il motore di ricerca del sito è possibile entrare nelle loro pubblicazioni e articoli sull argomento degli incidenti stradali. Buon lavoro e buona guida. Educazione alla Salute Gennaio

Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future.

Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future. Il progetto Incidenti Stradali: un po di storia, qualche dato e le prospettive future. A cura di: Alberto Silva e Sandra Bonistalli Educazione alla Salute Azienda Usl 11 Comunicazione presentata alla Conferenza

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013.

METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 2012 2013. METTI IN MOTO LA PRUDENZA Anno scolastico 202 203. Gruppo di lavoro: Mauro Brusa: Coordinatore PEAS Massimo Coppola: S.O.C. SISP Acqui Terme, Carlo Di Pietrantonj: Servizio Sovrazonale Epidemiologia ASL

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano Il perché di un corso sull uso della bicicletta Il motore della bicicletta e la

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione

Anno. Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno Gli incidenti stradali nella regione Lazio e nella A.S.L.-Rieti: 2013 i fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Pubblicazione realizzata da: A.S.L Rieti Medicina Legale - Dip. Prevenzione

Dettagli

Videocorso Guida Sicura

Videocorso Guida Sicura GUIDA SICURA Le tecniche di guida per limitare i rischi di chi lavora al volante Slide n. 1 Indice del corso La sicurezza comincia da noi Il guidatore Il veicolo Tecniche di guida Come si affronta una

Dettagli

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA Siegfried Stohr Christian Sbocchi della GUIDA SICURA Informazione ai lavoratori per la sicurezza nella guida dei veicoli aziendali ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del Nuovo Codice della Strada della GUIDA

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte

Dettagli

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW 1 novembre 2012 Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW Dal 1 novembre 2012, saranno introdotti alcuni cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW. Molti di questi cambiamenti sono semplicemente un

Dettagli

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C

Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C ROMA AZIENDA USL Incidenti stradali nella Regione Lazio e nella ASL Roma C I fattori di rischio e gli interventi di prevenzione Anno 2013 PUBBLICAZIONE REALIZZATA DA ASL Roma C - Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

BICI SICURA. www.liberalabici.it per non farsi investire usando la bicicletta. ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta

BICI SICURA. www.liberalabici.it per non farsi investire usando la bicicletta. ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta BICI SICURA ovvero manuale di sopravvivenza per chi usa la bicicletta 11modi per non farsi investire usando la bicicletta Liberalabici Associazione Cicloecologista Conegliano INTRODUZIONE Questa piccola

Dettagli

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Fiab AdB Gruppo Cicloescursionistico Massa Lombarda Lugo - Ravenna INTRODUZIONE Questa piccola guida

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI BOLOGNA GRUPPO EDUCAZIONE STRADALE

CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI BOLOGNA GRUPPO EDUCAZIONE STRADALE 4 Giorno: MODULO A - ELEMENTI DEL CICLOMOTORE E LORO USO - CASCO Scheda n. 1 Durante la marcia dei ciclomotori è sempre obbligatorio l'uso dei proiettori a luce anabbagliante 1) in ogni condizione di tempo

Dettagli

consigli per la sicurezza di chi va in bicicletta

consigli per la sicurezza di chi va in bicicletta BiciSicura Volume I consigli per la sicurezza di chi va in bicicletta Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente Settore Informazione e Qualità dell Ambiente Servizio

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice.- Con l avvento della primavera, si incrementa l

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

Città di Portogruaro MEGLIO IN RITARDO OGGI CHE IN OSPEDALE DOMANI. La sicurezza stradale è un dovere morale

Città di Portogruaro MEGLIO IN RITARDO OGGI CHE IN OSPEDALE DOMANI. La sicurezza stradale è un dovere morale Città di Portogruaro POLIZIA LOCALE MEGLIO IN RITARDO OGGI CHE IN OSPEDALE DOMANI La sicurezza stradale è un dovere morale PROGETTO GUIDA SICURA LO SAI CHI VUOI ESSERE? LO SAI COME VUOI GUIDARE? Quando

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Guida RANGE ROVER EVOQUE RANGE ROVER EVOQUE. Inserimento dell accensione e avviamento del motore Vedere pagina 2, voce 6. Spie della strumentazione

Guida RANGE ROVER EVOQUE RANGE ROVER EVOQUE. Inserimento dell accensione e avviamento del motore Vedere pagina 2, voce 6. Spie della strumentazione Inserimento dell accensione e avviamento del motore Vedere pagina 2, voce 6. 6 Il tasto START/STOP (avviamento/arresto) funziona solo se la chiave Smart si trova all interno del veicolo. Solo accensione

Dettagli

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Comune di Reggio Emilia Assessorato Mobilità-Traffico-Infrastruttur e Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Ufficio Mobilità Ciclabile

Dettagli

INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI

INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI Comune di Reggio Emilia Assessorato Mobilità-Traffico-Infrastrutture Politiche per la Mobilità Ufficio Mobilità Ciclabile Via Emilia San Pietro, 12 - RE Orario: su appuntamento

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO

CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO CONTROLLI INIZIALI MANOVRE E PARCHEGGI POSIZIONAMENTO DEL MEZZO I CONTROLLI INIZIALI PRIMA DI METTERSI AL VOLANTE E OPPORTUNO CONTROLLARE: REGOLAZIONE DELLA POSIZIONE DI GUIDA QUANTITA DI CARBURANTE DISPONIBILE

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi, Marco Giustini,

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI

COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI COMUNE DI RAVENNA Area Infrastrutture Civili Servizio Pianifi cazione Mobilità NORME E CONSIGLI PER I CICLISTI MARZO 2012 La situazione attuale del traffico cittadino, risultato del predominio dei mezzi

Dettagli

ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI DI VALUTAZIONE

ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI DI VALUTAZIONE Provincia di Padova Capofila Comune di Cittadella Comune di Piove di Sacco Comune di Limena ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI DI VALUTAZIONE IL CONTESTO Nel 2012 si sono registrati in Italia 186.726 incidenti

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste ASL CITTA DI MILA ASL CITTA DI MILA Dipartimento di Prevenzione STRADAIMPARANDO la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste Progetto di educazione alla sicurezza stradale rivolto

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Sicuri e indipendenti upi Ufficio prevenzione infortuni Percorsi a misura di bambino, educazione stradale, pattugliatori scolastici, conducenti attenti e responsabili e

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE

PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE Siamo alunni della classe III C della Scuola Secondaria Di Primo Grado. Questo progetto è stato realizzato al fine di arricchire le nostre competenze su alcuni ambiti riguardanti

Dettagli

SIMULATORE DI GUIDA. La sicurezza nasce dall educazione stradale

SIMULATORE DI GUIDA. La sicurezza nasce dall educazione stradale SIMULATORE DI GUIDA La sicurezza nasce dall educazione stradale > Simulatore Top 3 LA SICUREZZA NASCE DALL EDUCAZIONE STRADALE GuidaTuPro è un rivoluzionario simulatore di guida dedicato a chi sta imparando

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI!

QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! QUANTI MOTIVI PER USARE LA BICI! LA BICICLETTA non consuma non inquina non fa rumore non ingombra riduce il traffico rispetta l'ambiente è economica è veloce migliora la

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

Città di Imola. Polizia Municipale di Imola

Città di Imola. Polizia Municipale di Imola Città di Imola Polizia Municipale di Imola Introduzione Indice: Introduzione La bici ieri e oggi Evoluzione della bicicletta Come scegliere la bicicletta? Il ciclista le sue regole E vietato Cosa dice

Dettagli

CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA

CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA CAMPAGNA DI SICUREZZA STRADALE PER LA PREVENZIONE DAGLI INCIDENTI CAUSATI DA FAUNA SELVATICA Questa brochure nasce con un obiettivo importante: fornire agli automobilisti e ai cittadini consigli utili

Dettagli

Verifica finale corso di Guida sicura

Verifica finale corso di Guida sicura Verifica finale corso di Guida sicura NOTA BENE: le soluzioni si trovano in fondo al documento 1. Quali sono gli scopi di una buona posizione di guida? (barrare tutte le risposte corrette) A) evitare che

Dettagli

Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto

Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto Anno 2010 Azienda

Dettagli

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi

I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA. Franco Taggi I COMPORTAMENTI PREVENTIVI GENERALI PER LA SICUREZZA SULLA STRADA Franco Taggi NORME DI COMPORTAMENTO GENERALE SULLA STRADA - I Tenete sempre in ordine il vostro mezzo (pneumatici, freni, luci, ecc.) Adeguate

Dettagli

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA

EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA EFFETTO GIROSCOPICO DELLA MOTOCICLETTA Agenda Direttiva 6/2006 Effetto giroscopico La Matrice Scheda di guida Contributi Video dalla Spagna DIRETTIVA 2006/126/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2. PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Sensori di parcheggio Kit Retromarcia Con Telecamera Manuale uso e manutenzione

Sensori di parcheggio Kit Retromarcia Con Telecamera Manuale uso e manutenzione Sensori di parcheggio Kit Retromarcia Con Telecamera Manuale uso e manutenzione Indice INFORMAZIONI PER L UTENTE COMPONENTI E DATI ALLARME SONORO E DISPLAY INSTALLAZIONE SENSORI 2&4 INSTALLAZIONE SENSORI

Dettagli

Indice. 1. Manuale per essere aggiornato prima di usare 1.1. Installazione della SIM 1.2. Ricarica

Indice. 1. Manuale per essere aggiornato prima di usare 1.1. Installazione della SIM 1.2. Ricarica 17 Indice 1. Manuale per essere aggiornato prima di usare 1.1. Installazione della SIM 1.2. Ricarica 2. Come usare dei vari tasti del dispositivo 3. Introduzione 3.1. Interfaccia di riserva 3.2. Digitazione

Dettagli

I giovani e l ambiente stradale: soggettività interpretativa e sottovalutazione del rischio

I giovani e l ambiente stradale: soggettività interpretativa e sottovalutazione del rischio MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA LE MONNIER CENSIS I giovani e l ambiente stradale: soggettività interpretativa e sottovalutazione del rischio SINTESI Roma, novembre 2003 1. L

Dettagli

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE La circolazione dei velocipedi è regolata dall art. 182 del D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni ed integrazioni (Codice della

Dettagli

Manuale d istruzioni

Manuale d istruzioni Kummert CompactPlus Manuale d istruzioni vers. 04/04/203 . Operazioni iniziali Equipaggiamento protettivo: guanti di protezione NOTA BENE Danni materiali a causa di procedure o utilizzo errati! Una messa

Dettagli

Procedura di test Software IW7 Eurosystem

Procedura di test Software IW7 Eurosystem Procedura di test Software IW7 Eurosystem Nel seguente documento viene descritto come utilizzare il software IW7 Eurosystem, per effettuare il test dei freni. In particolare verranno descritte due tipi

Dettagli

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Comune di Reggio Emilia Assessorato Ambiente Questa piccola guida vuole tentare una classificazione delle più frequenti situazioni di rischio

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA Non fa rumore Non inquina Occupa poco spazio La bicicletta ( velocipede per il codice della strada ) e le regole per circolare sulla strada La bicicletta e i dispositivi

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

PREFAZIONE pag. 1. PUOI METTERTI IN MOVIMENTO pag. 31. DETTAMI NORMATIVI pag. 4 I Controlli sanitari pag. 6. SEI IN MOVIMENTO pag.

PREFAZIONE pag. 1. PUOI METTERTI IN MOVIMENTO pag. 31. DETTAMI NORMATIVI pag. 4 I Controlli sanitari pag. 6. SEI IN MOVIMENTO pag. INDICE PREFAZIONE pag. 1 DETTAMI NORMATIVI pag. 4 I Controlli sanitari pag. 6 CONOSCERE PER PREVENIRE pag. 7 Le cifre ISTAT sugli incidenti stradali pag. 7 Cause presunte degli incidenti pag. 8 La piramide

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Esperienze di sicurezza stradale

Esperienze di sicurezza stradale Esperienze di sicurezza stradale Progetto Incidenti stradali Liceo Classico Umberto I di Napoli Classe 5 L Tutor: Maria Marino, Istat Napoli, 22 ottobre 2014 Tema Osservazione dei fenomeni dell incidentalità

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Incidenti stradali e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Incidenti stradali, morti e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Fonte: ISTAT L'indice di mortalità:

Dettagli

SIDA QUIZ CASA Manuale d uso per il candidato

SIDA QUIZ CASA Manuale d uso per il candidato SIDA QUIZ CASA Manuale d uso per il candidato Tutti i diritti riservati Riservato ogni diritto di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo senza

Dettagli

Bambini sul percorso casa-scuola

Bambini sul percorso casa-scuola Bambini sul percorso casa-scuola Sicuri e indipendenti upi Ufficio prevenzione infortuni Percorsi a misura di bambino, educazione stradale, pattugliatori scolastici, conducenti attenti e responsabili e

Dettagli

E-bike la bicicletta elettrica. Un nuovo modo di pedalare

E-bike la bicicletta elettrica. Un nuovo modo di pedalare E-bike la bicicletta elettrica Un nuovo modo di pedalare 1 Indice Introduzione pag. 3 Tecnica e dotazione pag. 4 Norme di circolazione stradale pag. 7 La e-bike più adatta ad ogni esigenza pag. 7 Prima

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

A seguire, l intero documento delle regole stabilite da LFSIC sul comportamento da tenere in pista.

A seguire, l intero documento delle regole stabilite da LFSIC sul comportamento da tenere in pista. A seguire, l intero documento delle regole stabilite da LFSIC sul comportamento da tenere in pista. É caldamente raccomandato che tutti I piloti di LFS aderiscano a queste regole, dato che hanno effetto,

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista

www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista www.pro-velo.ch Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista Le nostre regole d oro Si parte! Fatevi valere come ciclista. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Mantenere una distanza di sicurezza dal margine

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice della Strada.- Art.152.- Segnalazione visiva e illuminazione

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Guida didattica. Progetto di comunicazione multimediale per l educazione alla mobilità sostenibile rivolto ai ragazzi dagli 8 ai 10 anni

Guida didattica. Progetto di comunicazione multimediale per l educazione alla mobilità sostenibile rivolto ai ragazzi dagli 8 ai 10 anni Progetto di comunicazione multimediale per l educazione alla mobilità sostenibile rivolto ai ragazzi dagli 8 ai 10 anni Guida didattica In questo numero si parla di: sicurezza La guida vuole essere uno

Dettagli

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER

USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 1. AMBIENTE DEL COMPUTER 1.1 AVVIARE IL COMPUTER Avviare il computer è un operazione estremamente semplice, nonostante ciò coloro che scelgono di frequentare un corso

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Caratteristiche principali Telefono piccolo e leggero con interfaccia USB per la telefonia VoIP via internet. Compatibile con il programma Skype. Alta qualità audio a 16-bit. Design compatto con tastiera

Dettagli

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie.

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie. ATTIVITÁ E CONTENUTI GENITORI INCONTRO UNICO Incontro - dibattito tra le Istituzioni e i genitori finalizzato a sensibilizzare questi ultimi a comportamenti corretti e al rispetto delle norme del C.d.S..

Dettagli

INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA

INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA 28 novembre 2014 2 0 1 1 Anno 2013 INCIDENTI STRADALI IN UMBRIA Nel 2013 si sono verificati 2.402 incidenti che hanno causato la morte di 61 persone e il ferimento di altre 3.447. Rispetto al 2012 si registra

Dettagli

Il poggiatesta ti protegge.

Il poggiatesta ti protegge. Il poggiatesta ti protegge. Anche il conducente più attento e prudente può rimanere coinvolto in un incidente. Ma qualche semplice misura preventiva contribuisce ad attenuare le conseguenze di un incidente.

Dettagli

I primi passi nella circolazione stradale

I primi passi nella circolazione stradale I primi passi nella circolazione stradale Sulla strada verso l indipendenza upi Ufficio prevenzione infortuni L esercizio è un buon maestro I bambini sono curiosi e vogliono scoprire il loro mondo, estendendo

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Incidenti stradali in Italia nel 2014

Incidenti stradali in Italia nel 2014 Incidenti stradali in Italia nel 2014 Roberta Crialesi, Silvia Bruzzone Istat 4 Roma, 3 novembre 2015 ACI - Automobile Club d Italia Sala Assemblea Gli incidenti stradali I principali risultati per l anno

Dettagli

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, 23-29 aprile 2007. L a Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale delle

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

VIAGGIARE SICURI PER STRADA

VIAGGIARE SICURI PER STRADA VIAGGIARE SICURI PER STRADA Il 21 marzo 2013 la classe I L del plesso di via Brizio, ha accolto, nell aula LIM dell Istituto, la vigilessa Fabiola Bevilacqua, che ha condotto una lezione sulla segnaletica

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale

Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale Strumenti avanzati per lo studio della sicurezza stradale Francesco Frendo, Riccardo Bartolozzi, Francesco Bucchi Dipartimento di ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione (DIMNP) - Università

Dettagli

Consigli utili per la guida negli USA

Consigli utili per la guida negli USA Consigli utili per la guida negli USA Il noleggio auto negli Stati Uniti: uno stile di vita Per noleggiare un'auto negli USA bisogna avere solitamente 25 anni compiuti. E' possibile guidare anche con 21

Dettagli

Un Centro. della Sicurezza Stradale

Un Centro. della Sicurezza Stradale Un Centro di Ricerca e Progettazione della Sicurezza Stradale Strategie per prevenire incidenti sulle strade d Europa I Rapporti annuali DEKRA sulla Sicurezza Stradale si avvalgono di statistiche, analisi

Dettagli

sedia a rotelle elettrica

sedia a rotelle elettrica sedia a rotelle elettrica Manuale d uso attenzione: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare il prodotto. M27729-I-Rev.0-07.11 1 I. PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista.

Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista. Sicurezza in sella Le dieci regole d oro del ciclista. Le nostre regole d'oro 1 Mantenere una distanza di sicurezza dal margine della carreggiata. 2 3 4 5 6 7 8 9 Mai circolare sulle linee bianche. Tenersi

Dettagli

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati

Alcuni indici statistici derivabili dai dati della Patente a Punti e dalle statistiche degli incidenti stradali verbalizzati www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcuni indici statistici

Dettagli

Vivax Compact System WiFi

Vivax Compact System WiFi Vivax Compact System WiFi MANUALE D USO Comfort System Compact System 30 Compact System 60 60 vers. 28/07/2015 La dotazione standard comprende: - Scheda SD - Chiavetta USB - Cavo Ethernet - Cavo di alimentazione

Dettagli