Numéro : 071. Langue : IT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Numéro : 071. Langue : IT"

Transcript

1 BE I_IN F0_01_ _ _ I T / BEI Information Année : 1992 Numéro : 071 Langue : IT

2 BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI BEI INFORMAZIONI Febbraio 1992 N 71 ISSN Nel 1991 finanziamenti per 15,3 miliardi di ecu : Nel 1991 la BEI, con una raccolta sui mercati dei capitali di 13,7 miliardi di ecu e la concessione di finanziamenti per 15,3 miliardi, ha confermato la sua posizione di primo piano tra le grandi istituzioni finanziarie internazionali. Dei 15,3 miliardi di ecu accordati (-(-14,5 rispetto all'anno precedente), 14,4 miliardi (') sono stati concessi nello Comunità per finanziare investimenti volti α favorire l'integrazione europea e 916 milioni in Paesi terzi nel quadro dello politica comunitano di cooperazione allo sviluppo. Raccolti sui mercati dei capitali 13,7 miliardi di ecu... Raccogliendo sui mercati dei capitali 13,7 miliardi di ecu per destinarli essenzialmente od investimenti diretti ο contnbuire all'integrazione economica e sociale della Comunità, la BEI ha svolto efficacemente il suo ruolo di intermediario finanziano al servizio dello costruzione europea. Lo suo posizione di primo piano sui mercati dei capitali è stata nuovamente confermato dal rating «AAA» assegnato ai suoi titoli, che offrono pertanto ai sottoscrittori la massima sicurezza. Quest'eccellente credito si basa soprattutto sulla qualità dei progetti finanziati, allo quale la BEI annette, più che al volume dei finanziamenti, una grande importanza. Pnma di accordare un finanziamento, viene effettuata l'istruttoria dei progetti in cooperazione con i promoton: l'istruttoria miro soprattutto od accertare che l'investimento previsto è economicamente giustificato, (') Di cui 39,2 milioni sull'importo residuo del Nuovo strumento comunitario. DEN EUROPEISKE INVKTERINGSBANK EUHOPfeCHE INVESTITIONSBANK EYPOmiKH ΤΡΑΠΕΖΑ ΕΠΕΝΑΥΣΕΠΝ EUROPEAN INVESTMENT BANK BANCO EUROPEO DEÌNVERSIONES BANQUE EUROPÉENNE D'INVESTISSEMENT ΒΑΝα EUROPEA PER GII INVESTIMENTI EUROPESE INVESTERINGSBANK BANCO EUROPEU DE INVESTIMENTO 'b^uf/ô che è tecnicamente e finanziariamente ben concepito e che non ho un impatto negativo sull'ambiente. Con la suo continua presenza sui mercati, lo BEI svolge un ruolo importante nello sviluppo di uno spazio finanziario europeo, contribuendo anche od un suo maggiore dinamismo. I 13,7 miliardi di ecu sono stati raccolti in tredici monete; le monete comunità ne, ivi compreso l'ecu, rappresentano il 73 del totale. Con il 18 l'ecu è, per il terzo anno consecutivo, al primo posto tra le monete raccolte. Primo emittente e primo mutuante in ecu del mondo, la BEI promuove attivamente l'utilizzazione della moneta europea ed è tra i principali operotori in tutti i comparti del mercato dell'ecu. Al il totale del bilancio ammontava α 74,3 miliardi di ecu, contro 63,5 miliardi nel cm milfenfe dell'anno Per volume di prestiti e finanziamenti nel 1991 lo BEI ho occupato un posto di primo piano tra le istituzioni finanziarie internazionali; per lo Banco, tuttavia, più che lo quantità contano lo naturo e lo qualità degli investimenti finanziati. Per lo suo solidità finanziario e per lo suo oculatezza sui mercati dei capitali lo Banco, olle cui emissioni obbligazionarie è stato sempre assegnato il rating «AAA», si è visto recentemente attribuire, dall' «International Financing Review», il titolo di Borrower of the year Lo BEI ho ottenuto questo riconoscimento per over doto provo di «uno profonda conoscenza del mercato e di tecniche degne di un emittente di prim'ordine» e per i suoi «sforzi tesi od uno vero mondializzazione dei mercati internazionali dei capitoli». È stato anche rilevato che lo BEI, «rispettosa delle abitudini, delle usanze e delle tradizioni locali, sto perseguendo uno politica che miro α promuovere l'internazionalizzazione dei comparti nazionali. Ciò è conforme allo suo duplice naturo di banca e di organismo di sviluppo che opero per l'integrazione europea». Come operatore sui mercati dei capitoli e come principale emittente e mutuante in ecu. Ια BEI contribuisce alla creazione di un mercato finanziario europeo integrato. Lo missione della Banco è di favorire la realizzazione di progetti che siano conformi agli obiettivi di politica economica dello CE e che promuovano pertanto l'integrazione europea. Lo qualità del suo portafoglio mutui è assicurata dal fatto che le sue decisioni di finanziamento sono prese sullo base di un'istruttorio approfondita dei progetti da finanziare, svolta da economisti, consiglieri tecnici e analisti finanziari facenti parte del suo personale.

3 ... α favore dell'integrazione europea... L'azione della BEI viene concentrato nel sostegno olle politiche economiche comunitarie, in particolare per quanto riguarda la realizzazione degli obiettivi di coesione economica e sociale; questo ruolo è stato confermato e rafforzato nei testi approvati in occasione del Consiglio europeo di Maastricht. Beninteso, la BEI coordina.lo sua azione con i Fondi strutturali comunitari: lo modulazione dei finanziamenti e delle sovvenzioni permette cosi di ottimizzare gli interventi comunitari per realizzare il maggior numero possibile di investimenti validi. I finanziamenti della BEI contribuiscono innanzitutto olio sviluppo delle regioni meno favorite; nel 1991 per tale obiettivo sono stati accordati i due terzi del totale, ossia 8,5 miliardi di ecu. Uno rete efficiente di trasporti e telecomunicazioni è essenziale per il completamento del Mercato unico, e olio suo realizzazione lo BEI ho destinato 3,8 miliardi di ecu. Inoltre, un miliardo di ecu è stato concesso per il potenziamento della competitività dell'industrio e lo suo integrazione sul piano comunitario, che costituiscono un obiettivo vitale per la Comunità; 1,9 miliardi di ecu per la protezione dell'ambiente, il miglioramento della qualità dello vita e l'utilizzazione razionale delle risorse naturali, che RIPARTIZIONE GEOGRAFICA DEI FINANZIAMENTI ACCORDATI Nella Comunità (') Belgio Danimarca Germania Grecia Spagna Francia Irlanda Italia Lussemburgo Paesi Bassi Portogallo Regno Unito Altri R Fuori della Comunità Stati ACP di cui capitali di rischio Bacino mediterraneo di cui capitali di rischio Europa centro-orientale Totale generale milioni di ecu ,8 115,6 538, ,1 366, , ,4 236, ,7 28,6 175, , ,5 300,4 916,0 389,5 120,0 241,5 14,5 285, ,8 0,8 3,7 9,0 2,5 16,2 13,3 1,6 27,7 0,2 1,2 6,9 14,5 2,1 42,5 - Ib.A - 31,1 rappresentano un'imperiosa necessità per l'avvenire; 2,7 miliardi per un più sicuro approvvigionamento energetico dello Comunità; tramite i prestiti globali (') la BEI ho contribuito d'altro porte al finanziamento di investimenti di PMI (2,4 miliardi di ecu per PMI) {\ Recentemente il Presidente dello BEI, Ernst- Günther Broder, cosi riassumevo l'azione dello BEI al servizio dell'integrazione europea: «La BEI non sl accontenta di accordare dei finanziamenti; essa apporta anche le sue conoscenze in materia comunitaria, il suo know how e la sua esperienza acquisita in oltre 30 anni di attività, le sue competenze tecniche. Essa può cosi servire da catalizzatore, contribuendo a ravvicinare promotori e finanzieri e a mobilitare altre fonti di finanziamento. Negli anni '90 la BEI cercherà di apportare un contributo ancora maggiore per facilitare, senza perseguire scopo di lucro, la realizzazione di quei progetti d'investimento che favoriscono l'integrazione europea». Questo ruolo di «catalizzatore» di cui parla il Presidente Broder appare evidente quando si prende in esame l'attività dello Banca: nel 1991 i suoi finanziamenti hanno contribuito, per un quarto in medio del costo totale (dal 20 al 50 α seconda delle circostanze), alla realizzazione di inve del totale generale 94,0 6,0 milioni di ecu ,5 206,3 564,7 863,5 176, , ,6 217, ,7 11,8 245,3 794, ,8 225,1 712,9 153,4 35,9 344,5 8,0 215, ,4 1,6 4,5 6,8 1,4 15,3 13,3 1,7 30,4 0,1 1,9 6,3 14,9 1,8 21,5-48,3-30, del totale generale CI 39,2 milioni di ecu sono stati accordati sull'importo residuo del Nuovo strumento comunitario (23,6 milioni nel 1990). 0 Progetti che pur essendo localizzati fuori degli Stati membri presentano un interesse comunitario e sono perciò assimilati α investimenti nella Comunità (v. p. 7). 94,7 5,3 stimenti per un importo complessivo di circo 60 miliardi di ecu; questa cifro rappresenta il 5,9 degli investimenti fissi lordi nello Comunità, volutati per il 1991 in circo miliardi di ecu.... e α sostegno delle politiche di cooperazione con Paesi terzi Fuori dello Comunità la BEI partecipo all'attuazione, relativamente all'aspetto finanziario, delle politiche di cooperazione tra la stessa Comunità e Paesi terzi. Essa interviene in tre aree geografiche: nei 69 Paesi d'africo, dei Coroibi e del Pacifico firmatari dello Convenzione di Lomé (Paesi ACP), in 12 Paesi del Bacino mediterraneo e in 5 Paesi dell'europa centro-onentole. Dei 916 milioni di ecu accordati nel 1991 fuori dello Comunità, 389,5 milioni sono stati concessi nei Paesi ACP, 241,5 milioni nei Paesi del Bacino mediterraneo e 285 milioni nei Paesi dell'europa centro-orientale. Nei Paesi ACP e nei Paesi del Bacino mediterraneo lo BEI accorda finanziamenti su nsorse propne ψ\, che beneficiano in generale di un abbuono d'interesse (su risorse del Fondo europeo di sviluppo ο del bilancio della Comunità). Essa gestisce inoltre, su mondato, uno forma particolare di finanziamento agevolato, le cosiddette operazioni su capitali di rischio, che comporta procedure alquanto flessibili. Nel quadro della quarta Convenzione di Lome sono previsti, per il periodo 199Ι Ι 996, 1,2 miliardi di ecu per finanziamenti su risorse proprie della BEI e 825 milioni per operazioni su capitoli di rischio. II ruolo dello BEI nella politica mediterranea rinnovata è stato considerevolmente rafforzato; nel periodo essa potrà infatti accordare più di 4 miliardi di (') Lo BEI contribuisce al finanziamento di investimenti di piccola e media dimensione, realizzati principalmente da PMI, tramite i prestiti globali; questi possono essere assimilati α linee di credito aperte α banche ο intermediari finanziari che le utilizzano per il finanziamento di progetti scelti secondo i criteri economici, tecnici e finanziari della BEI. Poiché l'assegnazione dei crediti avviene in periodi relativamente lunghi, l'importo di un prestito globale non viene necessariamente erogato nella sua totalità nel corso dell'esercizio in cui è stato firmato il relativo contratto. P] Tutti questi importi comprendono i mutui individuali e i crediti su prestiti globali in corso (V. sopra). D'altra parte, poiché alcuni finanziamenti sono conformi nello stesso tempo α più obiettivi perseguiti dalla BEI, gli importi relativi ai diversi settori non sono cumulabili. ( Ί Le risorse proprie della BEI sono costituite essenzialmente dai proventi dei prestiti che essa emette sui mercati dei capitoli.

4 ecu. Oltre oi nuovi protocolli finanziori α favore dei Paesi del Maghreb, del Mashrak e di Israele che prevedono interventi dello Banca per un importo complessivo di 1,38 miliardi di ecu, questa politica comporta anche uno cooperazione finanziaria, detta orizzontale, che prevede il finanziamento di investimenti di interesse comune ai Paesi rivieraschi del Mediterraneo, principalmente nel settore dello protezione dell'ambiente. Esso comporta finanziamenti dello BEI sino α concorrenza di 1,8 miliardi di ecu e aiuti non rimborsabili di origine budgetaria. Inoltre lo BEI accorda, in coordinamento con il programma «PffARE» gestito dallo Commissione, finanziamenti sino α concorrenza di un miliardo di ecu in Polonia ed in Ungheria e di 700 milioni nello Repubblica federale ceco e slovacco, in Bulgorio e in Romania. II 16 dicembre scorso sono stati d'altro porte firmati accordi di associazione detti «europei» tra lo Comunità e l'ungheria, la Polonia e lo Repubblica federale ceco e slovacco in base ai quali questi Paesi potranno fruire di un accesso continuo ai finanziamenti dello BEI. Le condizioni della raccolta determinano quelle dei finanziamenti La BEI fa profittare i promotori di progetti dei vantaggi che le derivano dal rating assegnato ai suoi titoli (tripla A); non perseguendo scopo di lucro, essa fisso i tassi d'interesse per ciascuna moneta in funzione del costo dello raccolta, maggiorato dì un margine, mantenuto do diversi anni allo 0,15, destinato α coprire le spese di funzionamento. RIPARTIZIONE PER MONETA DELL'ATTIVITÀ Dl RACCOLTA (dopo swaps] l.ecu 2. USD 3. GBP 4. ITL 5. FRF 6. DEM 7. ESP 8. CHF 9. JPY 10. NGL 11. PTE 12. BEf 13. LUF milioni di ecu 2 500, , , , , ,7 813,2 782,2 626,5 369,4 250,4 165,9 23, ,3 16,5 13,4 10,7 10,1 8,8 5,9 5,7 4,6 2,7 1,8 1,2 0,2 milioni di ecu Ò 16,0 14,3 12,1 7,7 10,1 10,2 5,6 7,4 7,0 4,8 1,1 3,0 0,5 Totale , Dei 13,67 miliardi di ecu raccolti nel 1991 in tredici monete (+24 rispetto agli 11 miliardi del 1990), 12,54 miliardi (9,8 miliardi nel 1990) sono costituiti da prestiti 0 lungo e medio termine e 1,13 miliardi (importo comparabile α quello dell'anno precedente) da prestiti α breve termine. Per offrire ai suoi mutuatari finanziamenti corrispondenti oi loro fabbisogni ('), lo Banco ha raccolto 10,2 miliardi di ecu α tosso fisso (9,1 miliardi nel 1990) e 3,45 miliardi α tosso variabile (1,8 miliardi nel 1990); questi ultimi sono stati ottenuti emettendo prestiti α tasso variabile α lungo termine (1,58 miliardi), sviluppando considerevolmente i diversi programmi di nzì Conferenze stampa annuali della BEI commercial paper in ECU, GBP, ITL e NLG (1,13 miliardi) oppure tramite accordi di swap su tassi d'interesse (0,73 miliardi). Nell'ambito di questo programmo di emissioni, lo BEI ho lanciato ο costituito - grazie olio tecnica dello riapertura di vecchie emissioni con nuove tranches- emissioni Jumbo 0, in taluni casi, emissioni di riferimento (benchmarks), principalmente in ECU (1,15 miliardi), in ITL (1 000 miliordi), in ESP (50 miliardi) e in CHF (600 milioni). In quanto emittente estero, lo Banco ho aperto il mercato interno australiano dei (') I versamenti effettuati sono ammontoti α 15,3 miliardi di ecu, contro 11,8 miliardi nel L'attività dello BEI, il cui esercizio finanziario coincide con l'anno civile, viene presentata dettagliatamente nello Relazione annuale che viene sottoposta ol Consiglio dei governatori nella Seduta annuale, tenuta abitualmente in giugno. Nelle grandi linee l'attività annuale dell'istituto viene però già presentato all'inizio dell'anno, nel corso di conferenze stampo α Lussemburgo e 0 Bruxelles. Quest'anno erano presenti circo 100 giornalisti. Nella suo dichiarazione introduttiva, il Presidente Ernst-Günther Broder ho detto: «... È essenziale per la Bonco mantenere il suo rating di prim'ordine; si trotto, in effetti, di un requisito indispensabile per poter continuare α mobilitare un cosi elevato volume di fondi olle migliori condizioni possibili. A far si che olio Banca vengo ossegnoto lo tnpla A contribuisce in buona porte il fatto che esso sceglie i progetti da finanziore basandosi su un'istruttoria rigorosa svolta dal suo personale. Nella Comunità, per poter beneficiare di un finanziamento BEI i progetti devono contribuire direttamente ο indirettamente all'integrazione europea. Non è questo però il solo requisito necessario; ciascun progetto deve anche essere economicamente e tecnicamente valido, soddisfare le esigenze ambientali e - se si trotta di progetti del settore produttivo - presentare un livello adeguato di redditività. Questi aspetti vengono esaminati durante le istruttorie dei progetti, che vengono svolte, in cooperazione con i promotori, do gruppi interdisciplinari composti di nostri economisti, consiglieri tecnici e analisti finonzion. Lo qualità dei progetti finanziati determina la qualità del nostro portafoglio mutui, che è essenziale per il nostro credit standing. Qualora non tenesse conto di questo circolo «virtuoso» di interdipendenza, lo BEI non potrebbe più adempiere il suo ruolo di istituzione finonziorio o, come diciamo in tedesco, di IHausbank dello Comunità europea Perché l'attività dello BEI abbia il maggior impatto possibile, abbiamo ultenormente intensificato lo nostra cooperazione con lo Commissione e le sue Direzioni generali. II nostro Consiglio di amministrazione ho discusso più volte sulle possibilità di integrore il più efficacemente possibile nella politica comunitaria lo solida posizione della BEI quale emittente sui mercati dei capitali e le sue competenze nella valutazione della validità di un progetto d'investimento e dei benefici previsti. Di particolare importanza, in questo contesto, è lo necessità di ottimizzare l'abbinamento di finanziamenti della BEI (rimborsabili) e di sovvenzioni dei Fondi strutturali per contribuire allo realizzazione del maggior numero possibile di investimenti volidi α sostegno dello sviluppo regionale Le decisioni adottate al Consiglio europeo di Moastncht comportano un chiaro impegno per «un'economia di mercato aperta e in libera concorrenza che favorisca un'efficace allocazione delle nsorse», principio che ho sempre costituito la lineo direttrice dell'attività dello BEI. Istituzionalmente, lo posizione dello BEI quale fiausbank della Comunità è stato confermata e rafforzato. Inoltre il ruolo della Banco nel contribuire all'integrazione europea, principalmente per quanto riguardo la coesione economica e sociale, è diventato oro più evidente. I testi adottati α Maastricht contengono diversi altri riferimenti olla BEI e al ruolo che esso svolge nel promuovere gli obiettivi di politica comunitona, in particolare: lo creazione di reti di trasporti, di telecomunicazioni e energetiche transeuropee; investimenti per stimolare lo competitività industriale e per proteggere e migliorare l'ambiente; infine, il ruolo dello BEI nello messo in atto dello politica comunitaria di cooperazione con Paesi terzi...»>

5 capitali con un programmo di AUD 750 milioni, dei quali 400 milioni emessi simultaneamente α Sydney e α Londra. A seconda delle circostanze lo BEI ho anche utilizzato, estendendola α nuovi mercati quali quelli dell'ecu e della peseta spagnolo, la tecnica dello fissazione differita del tosso di interesse (deferred rate setting). Finonziamento di investimenti per l'integrazione europea In base oh'orticololso del Trattato di Roma, lo BEI ha lo missione di favorire lo sviluppo equilibrato dello Comunità. Lungi doh'ingabbiorla in un ruolo statico, questo quadro di attività, definito in termini alquanto generali, permette anzi olla Banco di prendere in considerazione le nuove priorità poste dal perseguimento dell'integrazione europea in un contesto politico-economico in pieno mutazione. In pratica possono beneficiare di finanziamenti BEI uno vasto gommo di progetti in quasi tutti i setton economici, purché contribuiscano direttamente ο indirettamente olio realizzazione degli obiettivi perseguiti. Lo sviluppo regionale equilibrato è da sempre l'obiettivo priontorio della BEI. Esso concentra pertanto la sua azione, in cooperazione con i Fondi strutturali comunitari, nelle zone prioritarie dello Comunità, mirando α che l'aiuto finanziario complessivo permetta, tramite una modulazione di finanziamenti e sovvenzioni che tenga conto della naturo dei progetti do finanziare, lo realizzazione del maggior, numero possibile di investimenti necessari e validi e α che lo quoto di sovvenzioni sia inversamente proporzionale allo prevista redditività del progetto da finanziare. Nel 1991 sono stati destinati α progetti di sviluppo regionale 8,5 miliardi di ecu (^), pori α circo i due terzi dei finanziamenti nello Comunità (7,4 miliardi nel 1990). Circo il 92 degli investimenti finanziati sono localizzati nelle regioni che possono beneficiare degli interventi dei Fondi strutturali, più dello metà nelle regioni dove i problemi strutturali sono più gravi (obiettivo 1) e il 49 nelle regioni con problemi di declino industriale ο di riconversione (obiettivo 2) oppure in zone rurali (obiettivo 5b). II completamento del mercato interno presuppone il pieno esercizio dello libertà di circolazione delle merci, dei servizi, delle persone e delle informazioni; finanziando infrastrutture di trasporto e di telecomunicazione d'interesse comunitario, lo BEI favorisce lo creazione in Europa di una rete di comunicazioni efficiente e, quindi, lo realizzazione di quest'obiettivo. I finanziamenti dello BEI in questo settore sono ondati continuamente crescendo, ammontando nel 1991 α 3,8 nniliordi di ecu (3,1 miliardi nel 1990): 1,9 miliardi hanno interessato il potenziamento delle telecomunicazioni, 355 milioni i trasporti aerei, 1,3 miliardi i collegamenti stradali e ferroviari, ivi compreso il tunnel sotto la Monica, e 79 milioni i trasporti marittimi e altri. I finanziamenti dello BEI per progetti che contribuiscono al potenziamento della competitività internazionale dell'industria ed alla suo integrazione sul piano comunitario (con l'impiego, nella maggior parte dei casi, di tecnologie avanzate) ο per le PMI, ammontati α un miliardo di ecu, rispondono ad un obiettivo vitale per l'avvenire delle imprese nello Comunità; l'orizzonte 1993 e la mondializzazione dell'economia spingono l'industria α sviluppare nuove attività ed 0 ristrutturarsi. I finanziamenti oh'industno hanno raggiunto complessivamente i 3,3 miliardi di ecu (3,7 miliardi nel 1990), di cui 2,4 miliardi per crediti su prestiti globali α PMI (2). Circa il 60 dei crediti olle PMI è stato erogato α imprese localizzate nelle zone meno favorite e circo Γ80 α imprese con meno di 50 addetti. In uno spazio industrialmente sviluppato come lo Comunità europea, nello stesso tempo fonte e vittima di inquinamenti che ignorano le frontiere, la protezione dell'ambiente, il miglioramento della qualità dello vita e l'utilizzazione razionale delle risorse naturali presentano un'importanza particolare e figurano cosi tra le priorità della BEI. Lo Banco contribuisce alla realizzazione di quest'obiettivo in diversi modi : oltre ad accordare finanziamenti per progetti specifici riguordanti lo protezione dell'ambiente (oi quali è ondato negli ultimi tre anni il 15 del totale), esso vincola lo concessione dei fondi al rispetto delle legislazioni in vigore in materia ambientale e va anche oltre, incitando i promotori dei progetti ad attenersi α norme ancoro più severe di quelle previste dallo legge. Nel quadro del «Programmo per l'ambiente nel Mediterraneo», messo α punto nel 1988 dallo BEI e dalla Banco mondiale, le due banche contribuiscono all'attuazione del «Programmo pluriennale di ossistenzo tecnica α favore dell'ambiente nel Mediterraneo» (METAP) come istituti di finanziamento e come fornitori di assistenza tecnica per lo preparazione di studi e di progetti nel settore dello protezione dell'ambiente. Un programma di azione similare è in corso di elaborazione per il Mar Baltico, nell'ambito del quale la BEI si occupa in particolare del coordinamento degli studi di prefattibilità concernenti il Bacino dell'oder Nel 1991 sono stati accordati 1,1 miliardi di ecu per la protezione e lo gestione delle acque, 54 milioni per il trattamento dei rifiuti solidi, 385 milioni per il disinquinamento atmosferico, 177 milioni per lo protezione del patrimonio naturale e culturale e 202 milioni per il miglioramento dell'ambiente urbano (2,2 miliardi, complessivamente, nel 1990). Queste cifre concernono investimenti il cui criterio di ammissibilità determinante è lo protezione dell'ambiente, ma in pratica anche numerosi progetti finanziati per oltre finalità (in particolare sviluppo regionale, risparmio energetico e trasporti) hanno un impatto molto positivo sull'ambiente. Per contribuire allo realizzazione degli obiettivi della politica comunitaria nel settore energetico la BEI finanzio progetti di valorizzazione delle risorse interne della Comunità, di utilizzazione più razionale dell'energia e di diversificazione delle importazioni. Se la Comunità è riuscita α dissociare i ritmi di aumento del consumo energetico e dello crescita economica ('^) il merito è in parte anche dello BEI, che solo nel corso degli ultimi cinque anni ho accordato in questo settore finanziamenti per circo 10 miliardi di ecu. Nel 1991 è stato registrato un sensibile aumento dei finanziamenti al settore energetico: 2,7 miliardi di ecu (1,5 miliardi nel 1990), di cui 1,4 miliardi per lo valorizzazione delle risorse interne, 833 milioni per un'utilizzazione più razionale dell'energia e 503 milioni per lo diversificazione delle importazioni. CI V. nota 2 α p. 2. '^) V. noto 1 α p. 2. (^) Per produrre lo stessa quantità di beni e servizi si consuma attualmente, rispetto al 1973, il 25 in meno di energia.

6 I finanziamenti nella Comunità ; ripartizione per Paese In Belgio lo BEI ha accordato finanziamenti per 115,6 milioni di ecu (BEF 4,9 miliardi). 21 milioni di ecu sono stati destinati alla costruzione di un nuovo centro nazionale di controllo del traffico aereo all'aeroporto di Bruxelles e all'ammodernamento delle installazioni dell'eurocontrol (Organizzazione europea per lo sicurezza della navigazione aereo); questi investimenti dovrebbero permettere di ridurre sensibilmente gli ingorghi nello spazio aereo ed evitare cosi che lo situazione si aggravi. 94,6 milioni di ecu sono stati concessi sotto forma di prestiti globali per investimenti di piccole e medie dimensioni. Sui prestiti globali in corso, crediti per 216,3 milioni sono sfati erogati per 280 progetti realizzati da PMI. I finanziamenti in Danimarca sono ammontati α 538,6 milioni di ecu (DKK 4,3 miliardi). Al settore energetico sono andati 295 milioni di ecu per la costruzione di impianti per la trivellazione di pozzi petroliferi sottomarini, per la valorizzazione del giacimento Dan Oil, per lo costruzione di installazioni per lo stoccaggio di gas naturale, di uno stazione di pompaggio per il petrolio greggio e di centrali di cogenerazione (produzione di calore e elettricità) vicino α Copenaghen e Odenso e per la riconversione dello rete di teleriscaldamento di Fredericia. 166,4 milioni di ecu sono stati destinati al potenziamento delle infrostrutture di trosporto e telecomunicazione d'interesse comunitario: realizzazione di un collegamento fisso stradale e ferroviario per l'attraversamento del Grande Belt, estensione e ammodernamento della rete di telecomunicozioni, costruzione di diversi tratti autostradali e installazione di un simulatore di volo all'aeroporto di Copenaghen. 20,3 milioni di ecu sono stati concessi per lo costruzione di un centro di ricerca e sviluppo in campo farmaceutico vicino a Copenaghen. 6,3 milioni di ecu contribuiscono all'estensione della refe di collettori e al potenziamento degli impianti di trattamento delle acque di scarico α Arhus. 50,9 milioni di ecu sono stati accordati sotto forma di prestiti globali per investimenti di piccola e medio dimensione. Sui prestiti globali in corso, crediti per 70,8 milioni di ecu hanno interessato 298 investimenti di PMI. In Germanio sono stoti concessi finanziamenti per 1,3 miliardi di ecu (DEM 2,7 miliardi); di questi, 521 milioni di ecu (DEM 1,07 miliardi) sono stati destinati od investimenti nei nuovi Lander per favorire il loro sviluppo e la loro integrazione nella Comunità. Lo BEI annette un'attenzione particolare α questi Länder che, nel quadro della politica regionale comunitaria, possono beneficiare degli interventi dei Fondi strutturali. I mutui individuali all'industria sono ammontati α 188,6 milioni di ecu, di cui 166,6 milioni concernono, nei nuovi Länder, investimenti nel settore automobilistico e 22 milioni impianti per la produzione di carta con materie prime diverse dol legno in Bassa Sassonia e l'ammodernamento di una raffineria vicino α Düsseldorf Nel settore dell'energia 146,1 milioni sono stati destinati, nei nuovi Länder, alla posa di condotte di gas naturale che permetteranno il raccordo con lo rete europea nonché all'ammodernamento dello rete di distnbuzione, mentre 26,8 milioni sono stati concessi per una nuova caldoio α vapore in uno centrale di cogenerazione α Mannheim e per l'estensione di una rete di teleriscaldamento nello Saar 134,3 milioni di ecu hanno interessato l'ammodernamento e l'estensione dell'aeroporto di Amburgo e la costruzione di un nuovo aeroporto internazionale vicino α Monaco di Baviera e 48,9 milioni lo sviluppo di un nuovo sistema di telecomunicazioni via satellite. 41,3 milioni di ecu sono stati accordati per l'ammodernamento delle installazioni della Fiero commerciale di Berlino e 2,4 milioni per il potenziamento di un impianto di depurazione e di uno rete di colletton per lo smaltimento delle acque di scarico vicino α Friburgo. 711,6 milioni di ecu sono stati concessi sotto forma di prestiti globali per investimenti di piccola e media dimensione. Sui prestiti globali in corso, crediti per 134 milioni hanno interessato 378 investimenti di PMI, 36,1 milioni 19 progetti per lo protezione ambientale e il rispormio energetico e 73 milioni quattro infrastrutture di sviluppo regionale; nei nuovi Länder, 26,4 milioni di ecu sono stati erogati per 163 investimenti volti α favorire il turismo e 7 milioni per progetti realizzati do PMI industnali. In Grecia la BEI ho accordato finanziamenti per 366,9 milioni di ecu (GRD 82,8 miliardi). 150 milioni di ecu sono stati destinati, nel contesto del «Quadro comunitario di sostegno» per lo Grecia, od investimenti di piccolo e media dimensione del settore pubblico: strade, ponti, porti e aeroporti, approvvigionamento idrico e trottomento delle acque di scarico, infrastrutture turistiche. D'altro loto, α titolo dei «Programmi integrati mediterranei», 14,6 milioni di ecu concernono progetti di piccola e medio dimensione nel settore energetico e 9,7 milioni investimenti nel settore informatico. 50 milioni di ecu contribuiscono all'ammodernamento delle ferrovie e olla costruzione di un'autostrada fra Corinto e Tripolis e di un tratto dell'autostrada Atene-Katerini. 21,9 milioni di ecu honno interessato i lavori di ricostruzione nella regione di Kalamata (colpita da un terremoto nel 1986), 10,5 milioni lo costruzione di centri di insegnamento tecnico e 1,5 milioni l'estensione di uno rete irrigua α Creta. 16,1 milioni di ecu sono stati concessi per un progetto concernente il trasporto e la distribuzione di gas naturale e per la costruzione di uno piccola centrale idroelettrica in Macedonia. 92,5 milioni di ecu sono stati accordati sotto formo di prestiti globali per investimenti di piccola e media dimensione. Sui prestiti globali in corso, crediti per 473 milioni di ecu hanno interessato 40 investimenti di PMI e 19,1 milioni 44 piccole infrastrutture di sviluppo regionale. In Spagna i finanziamenti hanno superato i 2,3 miliardi di ecu (ESP 301 miliardi). Più della metà dell'importo concerne le comunicazioni: 1,2 miliardi per l'ammodernamento e l'estensione della rete di telecomunicazioni e per l'acquisto e il lancio di due satelliti, per il rinnovo di flotte aeree (nazionale e regionale), per investimenti nel settore ferroviario (in particolare la linea per treni ad alto velocità tra Madrid e Siviglia), per l'ammodernamento dei trasporti pubblici madrileni e per la costruzione di un tratto autostradale nei pressi di Barcellona. Nel settore dello produzione, 405,5 milioni di ecu sono stati accordati per l'ammodernamento e il potenziamento di uno raffineria di petrolio in Andalusia e di fabbriche di automobili, per lo costruzione di fabbriche di apparecchiature per le telecomunicazioni e di prodotti farmaceutici α Madrid e per lo produzione di elettrodomestici α Madrid, α Barcellona e nello Rioja milioni di ecu sono stati destinati all'ammodernamento e all'estensione delle reti elettriche di trasmissione e distribuzione. 100,2 milioni di ecu contribuiscono allo costruzione di un nuovo centro per le fiere commerciali internazionali α Madrid e 23,3 milioni allo realizzazione di diversi progetti di approvvigionamento idrico e di trattamento delle acque di scarico α Malaga milioni di ecu, di cui 39,2 su risorse dell'nsc, sono stati concessi sotto forma di prestiti globali per investimenti di piccola e media dimensione. Sui prestiti globali in corso, sono stati erogati 244,7 milioni di ecu per 526 investimenti di PMI e 62,9 milioni per 27 infrastrutture di sviluppo regionale. In Francia sono stati accordati finanziamenti per oltre 1,9 miliardi di ecu (FRF 13,42 miliardi). Uno buono parte di quest'importo (751,5 milioni di ecu, pori al 40) è stata destinato allo sviluppo delle reti di trasporto: treni ad alto velocità (TGV-Nord), Tunnel sotto lo Manico, autostrade A43 (Savoia), A49 (Rodano-Alpi), A57 (Costa Azzurra) e A26

7 (Champagne), rinnovo di flotte aeree transregionali e raddoppio dell'aeroporto di Fort-de-France (Martinica). 287 milioni di ecu sono stati concessi per il finanziamento di infrastrutture di trasporto urbano ο regionale sotto forma di mutui diretti (tunnel stradale α pedaggio α Marsiglia, parcheggi sotterranei α Lione) ο di prestifi globali (quattro, per un totale di 229,6 milioni destinati α progetti di piccola e medio dimensione). Nel 1991 hanno potuto essere cosi finanziati, sui prestiti globali in corso, 243 investimenti di enti pubblici in 18 regioni. I finanziamenti α favore dell'industrio ammontano α 7378 milioni dì ecu: 35,8 milioni per l'ammodernamento di un'importante fabbrico di prodotti chimici nell'lsère, 15 milioni per il potenziamento di un'unità di produzione di fibre di carbonio ad alto tecnologia nella regione Pyrénées-Atlantiques, 72 milioni per lo sviluppo di un inversore di spinta tecnologicamente avanzato per moton di aerei e 72 milioni per lo costruzione di uno fabbrica di corto per giornali nei Vosgi. Inoltre 672,7 milioni sono stati concessi sotto formo di ùndici prestiti globali per il finanziamento di piccoli e medi investimenti 0 di PMI. Nel 1991, sui prestiti globali in corso sono stati finanziati, principalmente tramite leasing, progetti di piccola e medio dimensione. Tre finanziamenti hanno interessato la produzione di energia e lo protezione dell'ambiente: 35,8 milioni di ecu per il proseguimento dei lavori di ammodernamento - dell'impianto di orncchimento dell'uranio di Eurodif, 10,8 milioni per lo sviluppo dei trasporti intermodali e 4,3 milioni per lo seconda fase dello costruzione di un inceneritore di rifiuti domestici α Lione-Gerland; 97 milioni sono stati concessi per l'ulteriore finanziamento del porco di divertimenti Euro Disneyland a est di Parigi. I finanziamenti in Irlanda sono ammontati α 237 milioni di ecu (IEP 182 milioni). 122,7 milioni contribuiscono al miglioramento delle infrastrutture di trasporto e telecomunicazione, principalmente di quelle d'interesse comunitario: 90,5 milioni per l'acquisto di aerei e di impianti per lo revisione di aerei all'aeroporto di Dublino nonché per lo costruzione di uno nuova strada perifenco od ovest di Dublino, di una circonvallazione α Athlone e di un ponte sul fiume Shanon, e 32,6 milioni per lo sviluppo e l'ammodernamento delle telecomunicazioni. 42,5 milioni di ecu sono stati concessi per oltre 50 investimenti concernenti l'approvvigionamento idnco e lo protezione dell'ambiente e, α Dublino, 9,7 milioni per il miglioramento dello rete idrica e 6,5 milioni per il restauro del centro storico. 55,5 milioni di ecu sono stati destinati al miglioramento delle reti di trasporto e distribuzione di elettricità e di gas nel Paese. In Italia lo BEI ho accordato finanziamenti per 4 miliardi di ecu (6 134 miliardi di lire). Oltre lo metà dell'importo è stata destinato α investimenti localizzati nel Mezzogiorno continentale e nelle isole. Al settore energetico sono ondati 1,1 miliardi di ecu per diversi progetti: valorizzazione di giacimenti di petrolio in Abruzzo, in Piemonte e nel Mare Adriatico e di giacimenti di gas nel Centro-Sud, estensione dello rete di distribuzione di gas naturale, reti elettriche di trasmissione e distnbuzione, aumento dello produzione di elettricitò (potenziamento di centrali termiche, idroelettriche e di cogenerazione), estensione di reti di teleriscoldomento nel Nord, investimenti per il risparmio energetico nell'industria. Per il miglioramento delle telecomunicazioni sono stoti concessi 576,9 milioni di ecu : i progetti finanziati riguardano l'ammodernamento e il potenziamento dello rete nel Mezzogiorno, la produzione di apparecchiature e il potenziamento di una rete di telecomunicazioni via satellite. I mutui individuali all'industrio e ai servizi sono ammontati α 550,8 milioni di ecu. Essi concernono l'industria chimica e farmaceutico in Piemonte, in Lombardia, in Toscano, nelle Marche, nel Lazio, in Camponio e in Puglio, l'industna dello corto nel Lazio e nel Friuli- Venezia Giulia, fabbriche di ciclomotori e motorette in Toscano, di vetro float in Abruzzo, di componenti per aerei in Camponio, di elettrodomestici nel Friuli-Venezia Giulia, di detersivi nel Lazio, di pannelli truciolari in Piemonte e di gelati in Campania. Altri finanziamenti contribuiscono all'ammodernamento di uno raffineria in Sicilia, di cementifici in Emilia-Romagna e in Lombardia, di un centro di ricerca e sviluppo per telecomunicazioni in Piemonte, di fobbriche di opporecchiature per le telecomunicazioni e la telematica nel Mezzogiorno e di impianti di liquefazione dell'aria in Toscana nonché olla costruzione di centri di ricerca sull'ambiente e su nuovi materiali α Bologna e sulle biotecnologie α Genova e Milano milioni sono stati destinati α investimenti nei settori delle infrastrutture idriche e dello protezione dell'ambiente: collettori e impianti per il trattamento delle acque di scarico e dei rifiuti solidi, lotta contro le erosioni, gli smottamenti di terreno e le inondazioni, protezione delle coste. Ai trasporti sono ondati 113,9 milioni: rinnovo dello flotta aereo (soprattutto per i collegamenti tra il Mezzogiorno e le altre regioni), acquisizione e ristrutturazione di traghetti per i collegamenti con le isole, ampliamento del porto di Vosto (Abruzzo), costruzione di centri intermodali nei pressi di Torino e Bologna, ammodernamento di uno funicolare α Napoli. 42,9 milioni di ecu sono stati concessi per il restauro di edifici destinati od ottivifà culturali e turistiche in Umbrio e in Liguria e per lavori di risanamento urbano nei centri storici di Ferrara e Trento. 1,2 miliardi di ecu sono stati accordati sotto forma di prestiti globali per investimenti di piccola e medio dimensione. Sui prestiti globali in corso, crediti per 980,7 milioni hanno interessato investimenti di PMI, 30,6 milioni ventisei piccole reti di distribuzione del gas naturale, 5,2 milioni tre infrastrutture per la protezione dell'ambiente e 1,3,4 milioni nove infrastrutture di sviluppo regionale. Nel Lussemburgo 28,6 milioni di ecu (LUF 1,2 miliardi) sono stati destinati al miglioramento delle comunicazioni d'interesse comunitario (acquisto e lancio di un satellite per lo teledistribuzione). Nei Paesi Bossi sono stati concessi finonziomenti per 175,4 milioni di ecu (NLG 404,8 milioni). 65 milioni di ecu concernono la costruzione di un nuovo terminale automatizzato per container nel porto di Rotterdam. 43,3 milioni di ecu contribuiscono all'ammodernamento di due cartiere α Nimego e Maastricht. 17 milioni sono stati destinoti olio costruzione, nel sud-est del Paese, di una centrale elettrica dove sarà sperimentata la nuova tecnologia di gassificazione del carbone che potrebbe in futuro rendere questo combustibile più accettabile dal punto di vista ambientale. 50 milioni di ecu sono stati concessi sotto forma di prestito globale per il finanziamento di investimenti di piccola e media dimensione. Sui prestiti globali in corso, sono stati erogati 68,9 milioni per 51 investimenti di PMI. I finanziamenti in Portogallo hanno raggiunto 1 miliardo di ecu (PTE 179,2 miliardi). Al settore delle comunicazioni sono andati 4371 milioni di ecu: i progetti finanziati concernono l'estensione e l'ammodernamento (tecnologia digitale) delle reti di telecomunicazione di Lisbona e Oporto, l'ammodernamento delle quattro principali linee ferroviarie del Paese, l'autostrada A4 Oporto-Amoronte, il miglioramento della rete autostradale (principalmente nei pressi di Lisbona) e stradale, lo ricostruzione di un frangiflutti nel porto di Sines, lo poso di un covo sottomarino α fibre ottiche per telecomunicazioni tra il Portogallo, lo Fronda e il Marocco nonché lo rete stradale olle Azzorre. I mutui individuali all'industria e ai servizi sono ammontati α 270,7 milioni di ecu. Essi hanno interessato: lo costruzione di un complesso per lo produzione di corta nel Centro, l'ammodernamento di tre fabbriche di prodotti alimentari vicino α Lisbona, lo produzione di automobili e di impionti elettnci ed elettronici per autoveicoli α Lisbona nonché di sistemi di accensione per motori diesel α Setubol, l'ammodernamento di fabbriche di pneumatici e di cuoio ortificiole, di un'impresa di tinturo e finissaggio di prodotti tessili e di

8 uno fabbrica di metalli speciali per l'industria nel Nord. Nel settore dell'energio, 116,7 milioni di ecu sono stati destinati al miglioramento e all'estensione di reti elettriche di trasmissione e distribuzione ed olla costruzione di piccole centrali idroelettriche nel Nord e nel Centro milioni di ecu sono stati concessi sotto forma dì prestiti globali per investimenti di piccola e medio dimensione. Sui prestiti globali in corso sono stati erogati 126,2 milioni per 300 investimenti di PMI e 26,9 milioni per 99 infrastrutture di sviluppo regionole. Nel Regno Unito i finanziamenti sono ammontati α 2,1 miliardi di ecu (GBP 1,5 miliardi). Nel settore dell'energio, 765,4 milioni di ecu contribuiscono essenzialmente allo valorizzazione di giacimenti di petrolio e dì gas nell'area britannica del More del Nord. 578,9 milioni sono stati destinati od infrostrutture idriche e allo protezione dell'ambiente: poso di collettori e impianti per il trattamento delle acque di scarico e dei rifiuti solidi in diverse regioni nonché lungo le coste. I mutui individuali all'industria e ai servizi hanno raggiunto i 415,6 milioni di ecu. Essi riguardano fabbriche dì prodotti chimici e formoceutici nel Galles, nel nord dell'inghilterra, nello regione di Teeside, nel Merseyside, nel Lancashire e nelle Midlonds, la produzione di piastrine di silicio per semiconduttori in Scozia, di alimenti congelati e di prodotti per lo ristorazione α Monchester e α Grimsby, di pannelli per carrozzerie di outomobili nello Shropshire e di fibre ottiche nel Galles, uno tipografia nelle Midlands occidentali, una fabbrica di prodotti lottiero-coseori in Scozia, fabbriche di componenti dell'airbus A330/ Bristol, Chester e Monchester, impianti per il riciclaggio di olluminio α Warrington, impianti chimici α Manchester, impianti tessili nello Yorkshire e il trattamento degli effluenti in uno fabbrico di prodotti chimici 0 Grimsby 330,6 milioni di ecu sono stati concessi per il miglioramento delle comunicazioni d'interesse europeo: estensione del sistema di telecomunicazioni nell'irlanda del Nord, costruzione del Tunnel sotto lo Monica e di un terminale per passeggeri oll'oeroporto di Birmingham. La BEI ha inoltre occordoto 300,4 milioni di ecu per tre progetti assimilati α investimenti nello Comunità in quanto, pur essendo localizzati essenziolmente fuori di esso, la interessano direttamente: milioni per lo messa in orbita di sotelliti per telecomunicazioni della seconda generazione (EUTELSAT); milioni per lo valorizzazione di un giacimento di petrolio nel settore norvegese del More del Nord; il progetto contribuirà od accrescere la sicurezza dell'approvvigionamento petrolifero della Comunità; - 2,5 milioni per lo poso di un cavo sottomarino α fibre ottiche per le telecomunicozioni tra la Francia, il Portogallo e il Marocco (con i mutui accordati al Portogallo, il totale dei finanziamenti dello BEI per questo progetto ammonta α 16,8 milioni di ecu). Finanziamenti fuori della Comunità I finanziamenti fuori dello Comunità nel quadro delle politiche di cooperazione con Paesi terzi sono ammontati α 916 milioni di ecu, contro 712,9 milioni nel 1990 (+28,5): 781,5 milioni su risorse proprie della BEI e 134,5 milioni su risorse di bilancio dei Paesi membri ο dello Comunità. 389,5 milioni sono stati concessi nei Paesi ACP e nei Paesi e Territori d'oltremore (PTOM), 241,5 milioni in Paesi del Bacino mediterraneo e 285 milioni nei Paesi dell'europa centro-orientale. LA POLITICA COMUNITARIA Dl COOPE RAZIONE ALLO SVILUPPO ACP E PTOM Lo BEI ho finonzioto investimenti in 28 Paesi ACP e PTOM. In Africa sono stati occordoti finanziamenti per 314,4 milioni di ecu (203,5 milioni su risorse proprie e 110,9 milioni su risorse di bilancio) in 17 Poesi ('). Nell'Afr/co occidentale sono stati concessi 190,3 milioni di ecu per diversi investimenti: posa di uno lineo elettrica nell'ovest del Burkina Faso, studio di fattibilità sull'eventuale costruzione di uno fobbrica di caffè solubile nella Costo d'avorio, approvvigionamento idrico di Banjul in Gambia, ripristino della centrale idroelettrica di Akosombo e ammodernamento di uno fondena per il recupero di alluminio nel Ghana, miglioromento delle condizioni di produzione di uno fabbrico di allumina e reti idriche α Conakry in Guinea, messo in coltivazione di uno miniera di ferro ο cielo aperto in Mauritania, valorizzazione del giacimento di condensoti di Oso e impianti per l'estrazione e lo roffinozione di olio di palmo in Nigeria, impionti perla movimentazione delle merci nel porto di Dakar in Senegal. HeW'Africa centrale e equatoriale i finanziamenti sono ommontati α 21,5 milioni di ecu; essi contribuiscono oh'ammodernomento di uno piontogione di banane e degli impionti per il loro condizionamento in Camerun ed all'estensione dello rete elettrica di trasmissione e distribuzione nella regione del Kivu nello Zaire. Nell'Afr/ca australe lo Banco ha accordato 38,1 milioni di ecu: un prestito globale per investimenti di piccole e medie imprese nelle Comore, un'ossunzione di portecipozione in una società specializzato in venture capital per intervenire α favore di imprese private e un finonziomento per lo sviluppo dello pesco industriale nel Madagascar, un prestito globale per investimenti di piccole e medie imprese, un'ossunzione di partecipazione nel capitale di una banca di sviluppo nonché un finanziamento per l'estrazione e lo distribuzione di acqua α Blantyre nel Malawi, sviluppo di uno stabilimento tessile α Mauritius, estensione della rete elettrica di trasmissione e distribuzione nel centro-nord dello Zimbabwe. Nell'Africa orientale sono stati concessi 28,5 milioni di ecu per investimenti di piccola e medio dimensione (prestito globale), per un intervento α favore di una società specializzato in venture capitale per uno studio di fattibilità concernente un oleodotto tra Mombasa e Nairobi in Kenia nonché per investimenti di piccole e medie imprese (prestito globale) in Tanzania. Finanziamento che interessa più Paesi africani: 36 milioni di ecu contribuiscono al rinnovo e oll'ommodernamento degli impianti per lo sicurezza dello navigozione aereo in 11 Paesi membri deir«agenzia per la sicurezza dello navigazione aerea in Africa e nel Madagascar» (ASECNA). Nei Caraibi, con 56,1 milioni di ecu lo BEI ho contribuito α finanziare: la costruzione di un albergo di classe internazionale α Grenada; investimenti di piccole e medie imprese in Giamaica (tramite prestiti globali); uno studio di fattibilità sullo struttomento delle risorse geotermiche α St. Lucio; uno studio di fattibilità sull'utilizzazione di materiali do costruzione in provenienza dalla Guyana α St. Vincent; ammodernamento di una raffineria di prodotti petroliferi α Trinidad e Tobago. Nel Pacifico sono stati concessi 11,4 milioni di ecu per lo costruzione di uno segheria e di un centro di manutenzione oh'oeroporto internozionole di Nodi nelle Isole Figi e per il finanziamento dei fondi propri e degli investimenti di piccole e medie imprese (prestito globale) nello Papua-Nuovo Guinea. Nei PTOM, con 76 milioni di ecu sono stati finanziati: investimenti di piccola e medio dimensione ο Aruba, estensione dello rete idrico (acquo potabile) olle isole Cayman, un traghetto per i collegamenti tra le due principali isole dell'arcipelago (Comore) α Mayotte, ricostruzione delle installazioni portuali distrutte do un ciclone α Montserrat. BACINO MEDITERRANEO Nel Bacino mediterraneo sono stati concessi finonziomenti per 241,5 milioni dì ecu (227 milioni su risorse proprie e 14,5 milioni su risorse di bilancio) in 7 Poesi. Maghreb In Algeria lo BEI ho accordato 71 milioni di ecu per il ripristino delle reti di drenoggio e d'irrigazione di diverse oasi, per collettori e impianti per il trattamento delle acque di scarico in un quartiere della conurbazione di Algeri, per lo circonvallazione autostradale di Bouira, ο 120 km α sud-est dello capitole, e per la creozione di una società specializzata in venture capital per lo promozione del set- I') Non si è tenuto conto di un progetto che interessa più Paesi (V. in appresso).

9 José de Oliveira Costa nominato Vicepresidente della BEI Con effetto dal 1 gennaio 1992, il Consiglio dei governatori, deliberando su proposta del Consiglio di amministrazione, ha nominato José de Oliveira Costo Vicepresidente della BEI. Di nazionalità portoghese, José de Oliveira Costo subentra α Miguel A. Arnedo Orbafianos nel Comitato direttivo, l'organo esecutivo dell'istituzione che risulta ora cosi composto: Ernst- Günther Broder, Presidente; Lucio Izzo, Alain Prate, Ludovicus Meulemons, Roger tore industriale e dello partnership con imprese europee private. In Marocco, 60 milioni di ecu contribuiscono alla realizzazione di un progetto di irrigazione e valorizzazione di comprensori agricoli α sud-ovest di Casablanca. In Tunisia, 35 milioni di ecu soronno utilizzati per lo valorizzazione di comprensori agricoli nello penisola del Cap Bon e α ovest di Tunisi nonché per collettori e impianti di depurazione delle acque di scarico α Gabès e nella zona circostante. Mashrok In Egitto sono stoti occordoti 43 milioni di ecu per l'estensione dello rete di distribuzione di gas nella conurbazione del Cairo e per lo costruzione di uno fabbrica di compressori per frigoriferi α nord-ovest della capitole. In Giordania, 10 milioni di ecu sono stati destinati all'estensione dello rete di collettori Lavelle, Hans Duborg e José de Oliveira Costo, Vicepresidenti. José de Oliveira Costa, economista, è noto nel 1935; dopo over ricoperto vari incarichi alla Banco del Portogallo, tro cui quello di Direttore dell'ispettorato del Credito, è stato Presidente dello «Sociedade Financeira Portuguesa» e Vicepresidente dei Consigli di amministrazione del «Banco Nacional Ultramarino» e del «Banco Pinto & Sotto Mayor»; α tale titolo è stato anche amministratore di diverse istituzioni finanziarie portoghesi. Nelle ultime elezioni legislative è stato eletto deputato nella circoscrizione di Aveiro (a sud di Oporto); precedentemente ero stato Sottosegretario agli Affari Fiscali in due governi, realizzando lo riforma del sistema tributario. Miguel A. Arnedo Orbananos, di nazionalità spagnola, ero stato nominato Vicepresidente dello BEI nel 1986, α seguito dell'ampliamento dello Comunità olla Spagna e al Portogallo. In riconoscimento dei servigi resi, il Consiglio dei governatori gli ha conferito il titolo di Vicepresidente onorario. e al potenziamento degli impianti di trattamento delle acque di scarico in sei quartieri della città di Zorqo nonché α investimenti di piccole e medie imprese e olla reinstallazione di profughi (prestiti globali). Cipro A Cipro sono stati accordati 20 milioni di ecu : un prestito globale olla Cyprus Development Bank per investimenti di piccola e medio dimensione e per un'assunzione di partecipazione nel capitole dello stesso bonca e un prestito globole APEX ('] per il finonziamento di assunzioni di partecipazione. Malto A Malto è stato accordato un prestito globale APEX (') di 2,5 milioni di ecu per il finanziamento, sotto formo di assunzioni di partecipazione, di progetti industriali. LA POLITICA COMUNITARIA Dl COOPE RAZIONE CON PAESI DELL'EUROPA CENTRO-ORIENTALE Nei Paesi dell'europa centro-orientole lo BEI ha accordato finanziamenti per 285 milioni di ecu. In Polonia sono stati concessi 145 milioni per l'ammodernamento e l'estensione delle telecomunicazioni interurbane e internazionali e, tramite un prestito globale ad uno bonco nazionale creata recentemente, per il finanziamento di progetti in vari settori. In Ungheria sono stati accordati 115 milioni di ecu per il finanziamento, tramite un prestito globale APEX ('), di investimenti da realizzare preferibilmente do porte di imprese private e per l'oumento della produzione di energia elettrica della centrale di Kelenföd, che permette di coprire una buono porte dei fobbisogni di elettricità e calore (per il riscaldamento) di Budapest. In Romania 25 milioni di ecu contribuiscono od aumentare la produzione di elettricità grozie ol ripristino di quattro generatori. l'i Prestito globole accordato allo Stato ο allo Banco centrale, che lo mette α disposizione di intermediari finanziari, sui quali la Banco ha dato il suo beneplacito, per il finanziamento di piccoli ο medi investimenti. ECU Si riportono qui di seguito i controvalori in moneta nazionale, al 31 dicembre 1991, dell' ecu; lo Bonco opplico questi tossi di conversione nel primo trimestre 1992 per l'eloborazione dei prospetti finanziari e dei doti statistici: DEM GBP FRF ITL NLG ESP 2, , , ,40 2, ,668 BEF LUF DKK GRD IEP PTE USD 41, ,9308 7, ,065 0, ,886 1,34093 N.B. Le conversioni ecu/moneto nozionole per l'orticolo sull'attività della BEI nel 1991 sono state effettuate sullo base dei tossi di cambio vigenti al momento dello firmo di ciascun contratto. BEI-lnformazioni è uno pubblicazione periodico dello Banco europea per gli investimenti che esce contemporoneomente in 9 lingue (donese, froncese, greco, inglese, itoliono, olondese, portoghese, spagnolo e tedesco]. Lo riproduzione degli scritti opporsi su BEI-lnformazioni è consentita; si gradirebbero però la citazione dello fonte e l'invio del ritaglio dell'articolo pubblicato. 100, Bd. Konrad Adenauer - L-2950 Luxembourg - Tel Telex 3530 bnkeu lu - Telefax Dipartimento Italia : Via Sardegna, Roma - Tel Telex bankeu i - Telefax Ufficio di Atene: Leoforos Amalias 12 - GR Athina - TeL /774/775 - Telex bkeu gr - Telefax Ufficio di Lisbona : Avenida da Liberdade, , 8 - P-1200 Lisboa - TeL ο Telex bnkeu ρ - Telefax Ufficio di Londra : 68, Pali Mail - London SW1Y5ES- Tel Telex bankeu g - Telefax Ufficio di Madrid: Calle José Ortega γ Gasset, 29 - E Madrid - Tel Telex bnkeu e - Telefax Ufficio di Rappresentanza a Bruxelles : - Rue de la Loi Β-1040 Bruxelles - TeL Telex bankeu b - Telefax Printed in Luxembourg by Imprimerle Centrale, 15, rue du Commerce, Luxembourg 8 IX-AA IT-C

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001. Dir. 27-9-2001 n. 2001/77/CE Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità. Pubblicata

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

(Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale rivestono carattere

(Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale rivestono carattere Decreto Sblocca Italia Art. 38 (Misure per la valorizzazione delle risorse energetiche nazionali) 1. Al fine di valorizzare le risorse energetiche nazionali e garantire la sicurezza degli approvvigionamenti

Dettagli

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers

molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers Servizi che vi portano molto più lontano Intelligent solutions for HGV drivers L innovazione al servizio dell autotrasporto: AS 24 apre la strada 1 a rete europea di stazioni dedicate ai mezzi pesanti,

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n.

Visti gli articoli 1, 4, comma 4, e 6 della legge 15 marzo 1997, n. 59, come modificati dall'articolo 7 della legge 15 maggio 1997, n. Decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422 Conferimento alle regioni ed agli enti locali di funzioni e compiti in materia di trasporto pubblico locale, a norma dell'articolo 4, comma 4, della legge 15

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese

Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Il Piano di sviluppo del teleriscaldamento nell area metropolitana torinese Alberto Cucatto Provincia di Torino Servizio Qualità dell aria e Risorse Energetiche Giugno 2006 Analisi delle possibilità di

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli