REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PARTE I - ORGANIZZAZIONE ALLEGATO N.1 ORGANIGRAMMI E RELATIVE COMPETENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PARTE I - ORGANIZZAZIONE ALLEGATO N.1 ORGANIGRAMMI E RELATIVE COMPETENZE"

Transcript

1 All. A - Deliberazione di G.C. n. 150 del 05/09/2014 COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PARTE I - ORGANIZZAZIONE ALLEGATO N.1 ORGANIGRAMMI E RELATIVE COMPETENZE 1^ LIVELLO ORGANIGRAMMA GENERALE DEL COMUNE 2^ LIVELLO ORGANIGRAMMI PER SETTORI/UFFICI E RELATIVE COMPETENZE TESTO INTEGRATO CON DELIBERAZIONE DI G.C. n. 150 del 05/09/2014 Settembre 2014 Sviluppo Organizzativo

2 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI PARTE I ORGANIZZAZIONE ALLEGATO 1 ORGANIGRAMMI E RELATIVE COMPETENZE INDICE SCHEDE 2^ LIVELLO 1 Ufficio Fondi Extracomunali I AREA DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI, SVILUPPO E INNOVAZIONE 2 Staff Capo Area/Capo di Gabinetto 3 Settore Sviluppo Strategico II AREA DELLE RISORSE UMANE 4 Staff Capo Area 5 Ufficio Gestione Risorse Umane 6 Ufficio Acquisizione Risorse Umane III AREA DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI 7 Ufficio di Staff del Segretario Generale 8 Ufficio Segreteria Generale 9 Ufficio di Staff al Consiglio Comunale 2

3 IV AREA DELL AVVOCATURA COMUNALE 10 Avvocatura Comunale V AREA DEL BILANCIO, PATRIMONIO E RISORSE FINANZIARIE 11 Staff Ragioniere Generale/Capo Area 12 Settore Bilancio e Tributi 13 Ufficio Contenzioso, Riscossione e Sviluppo Tecnologico 14 Ufficio Valorizzazione Risorse Patrimoniali 15 Ufficio Inventario VI AREA DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA, COMUNICAZIONE, SPORT E AMBIENTE 16 Staff Capo Area 17 Ufficio Innovazione 18 Ufficio Sport e Impianti Sportivi 19 Ufficio Ambiente VII AREA DELLA CULTURA 20 Settore Cultura VIII AREA DELLA PARTECIPAZIONE, DECENTRAMENTO, SERVIZI AL CITTADINO E MOBILITA 21 Settore Servizi alla Collettività 22 Ufficio Mobilità Urbana 23 Ufficio del Piano Tecnico del Traffico IX AREA DELLA SCUOLA E REALTA DELL INFANZIA 24 Staff Capo Area 25 Ufficio Assistenza Scolastica 26 Ufficio Servizi per l Infanzia 27 Ufficio Servizi per le Scuole 3

4 X AREA DELLA CITTADINANZA SOCIALE 28 Settore Servizi Socio-Assistenziali XI AREA TECNICA DELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E DELLE INFRASTRUTTURE 29 Staff Capo Area 30 Ufficio Protezione Civile e Sicurezza 31 Ufficio Edilizia Pubblica, Cantiere Comunale e Autoparco 32 Ufficio Città Storica 33 Ufficio Servizi Pubblici a Rete e di Pubblica Utilità 34 Ufficio Sportello Unico Edilizia 35 Ufficio Condono e Controllo del Territorio 36 Ufficio Edilizia Scolastica 37 Ufficio Infrastrutture XII AREA AMMINISTRATIVA DELLA RIQUALIFICAZIONE URBANA E DELLE INFRASTRUTTURE 38 Staff Capo Area 39 Ufficio Espropriazioni e Contenzioso 40 Ufficio Amministrativo 41 Ufficio Contratti e Approvvigionamenti UNITA DI PROGETTO 42 Unità di Progetto COIME XIII AREA DELLA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO 43 Staff Capo Area 44 Ufficio Pianificazione Urbana e Territoriale 4

5 XIV AREA DEL VERDE E DELLA VIVIBILITA URBANA 45 Staff Capo Area 46 Ufficio del Verde e della Vivibilità Urbana 47 Ufficio Igiene Pubblica, Sanità e Diritti degli Animali XV AREA DEL LAVORO, IMPRESA E SVILUPPO ECONOMICO 48 Settore Lavoro, Impresa e Sviluppo AA. PP. XVI AREA DELLA POLIZIA MUNICIPALE 49 Corpo di Polizia Municipale 5

6 GIUNTA COMUNALE ORGANIGRAMMA GENERALE DEL COMUNE DI PALERMO DELIBERAZIONE G. C. N. 150 DEL 05/09/2014 SINDACO CONSIGLIO COMUNALE Area dell Avvocatura Comunale Area del del Bilancio, Patrimonio e Risorse finanziarie Area dell Innovazione Tecnologica, Comunicazione, Sport e Ambiente Area delle Relaz. Istituz.li, Sviluppo e Innovazione Area delle Risorse Umane Area degli Organi Istituzionali Ufficio Fondi Extracomunali Avvocatura Comunale Settore Bilancio e Tributi Uff. Contenzioso, Riscossione, Svil. Tecnologico Ufficio Valorizzazione Risorse Patrimoniali Ufficio Innovazione Ufficio Sport e Impianti Sportivi Ufficio Ambiente Ufficio di Gabinetto Settore Sviluppo Strategico Ufficio Gestione Risorse Umane Ufficio Acquisizione Risorse Umane SEGRETARIO GENERALE Vice Segretario Generale Ufficio Inventario Ufficio Segreteria Generale Ufficio di Staff al C.C. Area della Cultura Area della Partecipaz. Decentramento, Serv. al al Cittadino e Mobilità Area della Cittadinanza Sociale Area della Scuola e Realtà dell Infanzia Area Tecnica della Riqualif. Urbana e delle Infrastrutture Area Amm.va della Riqualif. Urbana e delle Infrastrutture Area della Pianificazione del del Territorio Settore Cultura Settore Servizi alla Collettività Ufficio Mobilità Urbana Ufficio del Piano Tecnico del Traffico Settore Servizi Socio-Assistenziali Ufficio Servizi per l Infanzia Ufficio Assistenza Scolastica Ufficio Servizi per le Scuole Ufficio Protezione Civile e Sicurezza Uff. Edil. Pubblica, Cantiere Com.le e Autoparco Ufficio Città Storica Ufficio Espropriazioni e Contenzioso Ufficio Amministrativo Uff. Contratti e Approvvigionamenti Ufficio Pianificazione Urbana e Territoriale Uff. Serv.Pubbl.. a rete e pubbl. Utilità Area del del Verde e della Vivibilità Urbana Ufficio del verde e della Vivibilità Urbana Ufficio Igiene Pubblica, Sanità e Diritti degli animali Area del del Lavoro, Impresa e Sviluppo Economico Sett. Lavoro, Impresa e Sviluppo AA.PP. Ufficio Sportello Unico Edilizia Uff. Condono e Controllo del Territorio Ufficio Edilizia Scolastica Ufficio Infrastrutture Unità di Progetto COIME Area della Polizia Municipale Corpo Polizia Municipale.

7 1 UFFICIO FONDI EXTRACOMUNALI UFFICIO FONDI EXTRACOMUNALI Dirigente Responsabile

8 1 UFFICIO FONDI EXTRACOMUNALI 1 ASSETTO ORGANIZZATIVO STRUTTURA IN STAFF AL SINDACO Servizi dirigenziali: Dirigente Responsabile 2 COMPETENZE AREA DI ATTIVITÀ MACRO ATTIVITA Amministrativa/Economica Attività di ricerca programmazione e sviluppo, nell ambito delle politiche territoriali integrate, finalizzata all elaborazione di programmi complessi. Analisi, controllo e monitoraggio delle specificità territoriali ai fini della programmazione pluriennale e dello studio sull impatto delle politiche sul territorio, circa gli esiti degli strumenti di monitoraggio. Analisi, pianificazione, elaborazione di programmi cofinanziati finalizzati allo sviluppo socio-economico del territorio. Gestione integrata e intersettoriale di sistemi di monitoraggio di piani e programmi cofinanziati nonché dei relativi indicatori statistici tecnici e finanziari. Coordinamento tecnico amministrativo intersettoriale connesso alla redazione di piani e programmi cofinanziati Partecipazione a networking nazionali, europei e internazionali; Attività di promozione delle relazioni finalizzate allo svolgimento di programmi di ricerca, anche mediante la predisposizione di accordi di cooperazione economica, sociale, scientifica e tecnologica stipulati con enti ed istituzioni. Servizio informativo afferente il reperimento di risorse extracomunali finalizzato allo sviluppo socio economico del territorio. 6

9 I AREA DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI, SVILUPPO E INNOVAZIONE AREA DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI, SVILUPPO E INNOVAZIONE Capo Area/Capo di Gabinetto STAFF CAPO AREA/CAPO DI GABINETTO SETTORE SVILUPPO STRATEGICO

10 I AREA DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI, SVILUPPO E INNOVAZIONE 1 ASSETTO ORGANIZZATIVO STRUTTURA IN STAFF AL SINDACO AREA DI RIFERIMENTO: AREA DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI, SVILUPPO E INNOVAZIONE Strutture di riferimento: Staff Capo Area/Capo di Gabinetto Settore Sviluppo Strategico 7

11 1 ASSETTO ORGANIZZATIVO STRUTTURA IN STAFF AL SINDACO 2 STAFF CAPO AREA/CAPO DI GABINETTO AREA DI RIFERIMENTO: AREA DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI, SVILUPPO E INNOVAZIONE Servizi dirigenziali: Capo di Gabinetto / Capo Area 2 COMPETENZE AREA DI ATTIVITÀ Amministrativa MACRO ATTIVITA GABINETTO - Funzione di raccordo fra il Sindaco, gli Assessori, il Segretario Generale, Direttore Generale, Dirigenti e le strutture comunali attraverso un monitoraggio costante e puntuale della corrispondenza tra gli input politici e la struttura comunale, a partire dalla direzione dell Ente e su tutte le risposte che la struttura dovrà dare all esterno e che abbiano rilevanza rispetto all indirizzo politico dell amministrazione. Monitoraggio e sollecitazioni sulle nomine degli amministratori in Enti ed Aziende partecipate dal Comune. Cura dei rapporti contrattuali ed atti relativi alla nomina di Esperti. Cura delle relazioni esterne. Supporto giuridico amministrativo al Sindaco e alla Giunta Comunale ad eccezione di quanto specificatamente attribuito dalla legge ai compiti del Sig. Segretario Generale. Affari Generali attinenti la sfera di competenza del Sindaco ed assistenza nelle materie non oggetto di delega Assessoriale. Coordinamento Controllo Strategico e di gestione. Applicazione delle norme in materia di Città Metropolitana. Atti di nomina del Direttore Generale e del Segretario Generale. INNOVAZIONE, ORGANIZZAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO - Gestione ed aggiornamento del Regolamento sull Ordinamento degli Uffici e Servizi e dei relativi allegati (Organigrammi, competenze, mansioni, modalità di acquisizione delle risorse umane, ecc.). Ridefinizione della Dotazione Organica. Programmazione del fabbisogno delle Risorse Umane. Supporto all Amministrazione per l attuazione e governance del Ciclo della Performance e per la definizione del Piano della Performance. Progettazione e sviluppo dei sistemi di misurazione e valutazione del personale, percorsi di carriera e sistemi premianti. Analisi e riprogettazione delle strutture organizzative e delle funzioni dirigenziali e definizione dei relativi sistemi di graduazione. Gestione assetto organizzativo delle Posizioni Organizzative/Alte Professionalità (Regolamentazione metodologia interna, istituzione/modifica, graduazione, gestione delle procedure selettive interne e dell erogazione della retribuzione di risultato). Istruttoria conferimento incarichi dirigenziali. Supporto al Nucleo di Controllo interno per l analisi ed il monitoraggio degli obiettivi assegnati alle U.O. nell ambito del Sistema di Produttività del Comparto e per tutte le attività connesse alla relativa certificazione. Gestione, monitoraggio ed evoluzioni della procedura informatizzata GESEPA. Struttura tecnica di supporto all attività del Nucleo di Valutazione/O.I.V. Cura delle relazioni con le OO.SS. del personale degli EE. LL. rappresentative a livello nazionale e con le RSU ed assistenza incontri. in raccordo con i Settori/Uffici interessati. Definizione delle proposte relative alla parte pubblica, d intesa con i Settori/Uffici interessati. Definizione degli accordi decentrati del Comparto e della Dirigenza.Supporto all Amministrazione per: 1) la definizione del piano annuale di suddivisione del salario accessorio in favore del personale; 2) il monitoraggio dell andamento dei vari istituti propedeutico ad eventuali proposte di modifica. Costituzione annuale del Fondo del salario accessorio del Comparto e della Dirigenza e suddivisione delle risorse nell ambito dei vari istituti contrattuali. Osservatorio sull evoluzione della normativa contrattuale e delle modalità applicative dei più significativi istituti nell ambito degli Enti locali. Supporto all Amministrazione per la definizione del Piano di sviluppo e formazione del personale comunale (pianificazione e programmazione, analisi dei bisogni formativi, progettazione, attuazione e valutazione dei risultati). Cura degli aspetti connessi ai rapporti con gli Enti esterni specializzati per la formazione e valutazione delle relative proposte formative. Attività di gestione della formazione fatta eccezione per i corsi di formazione di cui agli artt. 36 e 37 del D.Lgs. n. 81/2008. Gestione attività di formazione interna. Cura ed aggiornamento della banca dati degli interventi formativi del personale comunale. 8

12 BENESSERE ORGANIZZATIVO E WELFAR AZIENDALE Promozione, in modo strategico ed innovativo, di politiche di conciliazione vita-lavoro dei dipendenti. Adozione good-practices di benessere organizzativo declinato in una prospettiva di genere e nel rispetto delle pari opportunità. Realizzazione di welfare aziendale all interno del Comune di Palermo con l attivazione di una rete di servizi people care a supporto dei dipendenti. Promozione del Piano dei Tempi e degli orari della città. Promozione, nell ambito della rete delle PP.AA., delle politiche di contrasto alla discriminazione di genere e per orientamento sessuale. GESIP Gestione in raccordo con l Area delle Risorse Umane delle relazioni, richieste di rapporti ed informazioni, predisposizione di modifiche nei rapporti pattizi e/o istituzionali DIREZIONE - Gestione del personale in carico all Area. Gestione spese di funzionamento dell Ufficio. Previsioni di bilancio e gestione PEG. Attività di segreteria del Capo di Gabinetto. 9

13 3 SETTORE SVILUPPO STRATEGICO SETTORE SVILUPPO STRATEGICO Dirigente di Settore/ Vice Capo di Gabinetto Staff Dirigente di Settore/Vice Capo di Gabinetto Servizio Statistica Servizio Turismo

14 3 SETTORE SVILUPPO STRATEGICO 1 ASSETTO ORGANIZZATIVO STRUTTURA IN STAFF AL SINDACO AREA DI RIFERIMENTO: AREA DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI, SVILUPPO E INNOVAZIONE Servizi dirigenziali: Dirigente di Settore/Vice Capo di Gabinetto Servizio Statistica Servizio Turismo 2 COMPETENZE SERVIZIO STAFF DIRIGENTE DI SETTORE/VICE CAPO DI GABINETTOE AREA DI ATTIVITA Amministrativa MACRO ATTIVITA CERMONIALE - Cura delle relazioni esterne e contatti con soggetti pubblici e privati, locali, nazionali ed internazionali in funzione delle azioni di rappresentanza e protocollari del Sig. Sindaco. Istruttoria delle istanze relative a manifestazioni, convegni, congressi, per i quali è richiesto il patrocinio dell Amministrazione Comunale. Gestione procedimentale dei gemellaggi a carattere nazionale e internazionale. Attività di promozione delle relazioni finalizzate allo svolgimento di programmi di ricerca internazionale, anche mediante la predisposizione di accordi bilaterali di cooperazione economica, sociale, scientifica e tecnologica stipulati con enti omologhi stranieri presenti in tutti i continenti. Adempimenti relativi alle attività del Cerimoniale del Sindaco e specificatamente all organizzazione di visite ufficiali, ricevimenti (pranzi e cene di rappresentanza), incontri istituzionali. Competenze in materia di Cooperazione Internazionale allo sviluppo e gestione diretta delle relative iniziative. Film Commission. SVILUPPO STRATEGICO - Coordinamento, in coerenza con gli indirizzi dell Amministrazione attiva, dello sviluppo strategico del territorio metropolitano della città di Palermo e di Area Vasta, avvalendosi anche di assistenze tecniche e qualificate e di contributi scientifici esterni.definizione della vision di sviluppo della città del medio-lungo periodo e della relativa mission anche in relazione alle strategie di rango metropolitano e di Area Vasta.Individuazione degli obiettivi strategici di sviluppo e di competitività, anche con il contributo di soggetti istituzionali esterni.costruzione di partnership istituzionale e di partenariato pubblico-privato, anche in termini di attivazione di tavoli tecnici partenariali.definizione di Protocolli d intesa con soggetti istituzionali e rappresentanti del partenariato economico e sociale. CONTROLLO DI GESTIONE. Raccolta ed elaborazione di dati contabili, ed extracontabili, ed all elaborazione di specifici indicatori di efficacia, efficienza ed economicità, tabelle, grafici e report ed elaborazione e pubblicazione, sulla delle schede di rilevazione attività ai fini del controllo di gestione dell Ente.Predisposizione del Rapporto di gestione dell Ente, e cura degli adempimenti amministrativi per la trasmissione del documento ai destinatari indicati nel D. Lgs. 267/00 dopo la sua approvazione da parte della Giunta Comunale. Raccolta e rielaborazione dei dati e informazioni ai fini della redazione del documento di Bilancio Sociale e cura degli adempimenti amministrativi per la pubblicazione del documento sul sito istituzionale dell A. C. Raccolta e rielaborazione dei dati e informazioni ai fini della redazione ed aggiornamento della Carta dei Servizi e cura degli adempimenti amministrativi per la pubblicazione della carta dei Servizi sul sito istituzionale dell A. C. 10

15 SERVIZIO STATISTICA Amministrativa/ Economica CONTROLLO STRATEGICO - Verifica dello stato di attuazione dei programmi, secondo le linee approvate dal Consiglio Comunale. Verifica dell adeguatezza e la conformità dei risultati conseguiti rispetto agli obiettivi predefiniti. Verifica degli aspetti economico finanziari rispetto ai risultati ottenuti. Verifica dei tempi di realizzazione degli obiettivi rispetto alle previsioni. Verifica delle procedure operative poste in essere rispetto ai progetti elaborati. Verifica della qualità dei servizi erogati ed il grado di soddisfazione della domanda espressa. Redazione del report ed analisi delle cause di eventuali scostamenti sullo stato di attuazione dei programmi. Individuazione eventuali fattori correttivi sulla base delle analisi effettuate. Verifica degli aspetti socio economici connessi ai risultati ottenuti. Rapporti con l Istat, i Comuni e l Università. Coordinamento dell attività editoriale. Promozione e realizzazione di studi, ricerche e progetti di indagine. Convegni, seminari, riunioni scientifiche. Ufficio di collegamento del Sistema Statistico Nazionale con il pubblico, ai sensi dell art. 10 del D.Lgs. n. 322/1989. Attività di consulenza statistica a favore degli uffici dell Amministrazione Comunale e di privati. Redazione dell Annuario di Statistica Panormus. Distribuzione dei prodotti editoriali dell Ufficio. Gestione della biblioteca statistica. Coordinamento delle indagini statistiche Istat inserite nel Programma Statistico Nazionale. Rilevazione dei prezzi a consumo presso le unità di rilevazione del piano di campionamento. Analisi e registrazione dei prezzi a consumo. Elaborazione degli indici dei prezzi a consumo. Elaborazione dell anticipazione provvisoria degli indici dei prezzi a consumo. Definizione ed aggiornamento del piano di campionamento. Supporto all attività della Commissione Comunale Prezzi al Consumo. Rilevazione ed elaborazione delle statistiche demografiche e sociali previste dal Programma Statistico Nazionale (movimento della popolazione, attività edilizia, incidenti stradali, ecc.). Rilevazione ed elaborazione delle informazioni statistiche sulle istituzioni scolastiche cittadine, sulle biblioteche, sui musei, sulla sanità, ecc.. SERVIZIO TURISMO Amministrativa Azioni di promozione e sviluppo del turismo cittadino ed interventi territoriali integrati. Studio ed analisi di iniziative turistiche. Organizzazione e pubblicizzazione manifestazioni turistiche. Segnaletica ed itinerari turistici. Promozione delle iniziative e delle manifestazioni sul territorio cittadino e all estero, anche attraverso la partecipazione a Fiere ed iniziativa nazionali ed internazionali. Carta servizi turistici. Marketing territoriale. Attività inerenti alla gestione del distretto turistico Palermo Costa Normanna. Iniziative legate al turismo religioso. Attività inerenti alla gestione dell authority del turismo cittadino.gestione dei Centri di informazione turistica della città. 11

16 II AREA DELLE RISORSE UMANE AREA DELLE RISORSE UMANE CAPO AREA Staff Capo Area Risorse Umane Ufficio Gestione Risorse Umane Ufficio Acquisizione Risorse Umane

17 II AREA DELLE RISORSE UMANE 1 ASSETTO ORGANIZZATIVO STRUTTURA IN STAFF AL SINDACO AREA DI RIFERIMENTO: AREA DELLE RISORSE UMANE Strutture di riferimento: Staff Capo Area Ufficio Gestione Risorse Umane Ufficio Acquisizione Risorse Umane 12

18 4 STAFF CAPO AREA RISORSE UMANE 1 ASSETTO ORGANIZZATIVO STRUTTURA IN STAFF AL SINDACO AREA DI RIFERIMENTO: AREA DELLE RISORSE UMANE Servizi dirigenziali: Capo Area 2 COMPETENZE AREA DI ATTIVITÀ Amministrativa MACRO ATTIVITA DIREZIONE- Gestione del personale e dei servizi comuni dell Area. Gestione spese di funzionamento dell Area. Attività di segreteria dell Area. Gestione e coordinamento del servizio protocollo, uscierato, smistamento posta dell Area. Gestione degli archivi dell Area, ad eccezione dell archivio dei fascicoli personali dei dipendenti. Previsioni di bilancio e gestione del PEG del Capo Area. Assegnazione agli uffici del budget per visite fiscali nei confronti di dipendenti. Monitoraggio degli adempimenti in materia di pubblicità e trasparenza previsti dal D.Lgs. n. 33/2013 di competenza ed in materia di anticorruzione. Adempimenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e di privacy. Adempimenti relativi al controllo di gestione e al bilancio urbano. GESIP E L.S.U. - MISURE DI FUORIUSCITA E STABILIZZAZIONE - FRONT-OFFICE Rapporti con OO.SS., istituzioni regionali e statali di riferimento per LL.SS.UU. ed ex GESIP. Gestione amministrativa e contabile (erogazione CIGD, applicazione della disciplina di utilizzo), nonchè eventuale contenzioso personale ex GESIP. Cura degli aspetti tecno-giuridici connessi alla realizzazione dell intesa istituzionale del 27/12/2013. Misure di fuoriuscita dal bacino del personale ex GESIP. Gestione amministrativa, contabile e fiscale bacino residuo LL.SS.UU.. Cura dei rapporti istituzionali con il Ministero del Lavoro per lo stanziamento annuo delle risorse a carico dello Stato per la prosecuzione delle attività dei LL.SS.UU. e degli stabilizzati. Predisposizione delle proposte di deliberazione di Giunta Comunale per la prosecuzione delle attività di ciascuna tipologia di LL.SS.UU.. Pagamento emolumenti LL.SS.UU.(assegno ASU ed integrazione salariale per ex progetto Palermo Lavoro, integrazione salariale per LL.SS.UU. ex Circolare Regionale 331/99, D.Lgs. n. 280/97 e F.N.O.) e procedure di pignoramento. Rendicontazione delle risorse finanziarie di derivazione ministeriale con vincolo di destinazione per il bacino ASU residuale. Mobilità fra Enti di LL.SS.UU. e procedure paraconcorsuali. Misure di stabilizzazione e/o fuoriuscita dal bacino di LL.SS.UU. Disciplina di utilizzo LL.SS.UU.Eventuali adempimenti (es. rilascio certificati di servizio) relativi ad ex Piano per l Occupabilità. Contenzioso ex Consorzio Palermo Lavora, ex Piano per l Occupabilità ed ex SPO.Gestione Front-Office. GESTIONE MOBILITA INTERNA- Assegnazione del personale comunale, ex D.L. 24/86, LL.SS.UU. ed ex GESIP. Gestione della mobilità interna, in linea con il Piano d utilizzo del personale di competenza dell Area delle Relazioni Istituzionali, Sviluppo e Innovazione. Piano di rotazione del personale in ottemperanza alla normativa in materia di anticorruzione e adozione provvedimenti consequenziali, sempre nel rispetto del Piano di utilizzo. 13

19 5 UFFICIO GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO GESTIONE RISORSE UMANE Dirigente Responsabile

20 5 UFFICIO GESTIONE RISORSE UMANE 1 ASSETTO ORGANIZZATIVO STRUTTURA IN STAFF AL SINDACO AREA DI RIFERIMENTO: AREA DELLE RISORSE UMANE Servizi dirigenziali: Dirigente Responsabile 2 COMPETENZE AREA DI ATTIVITÀ Amministrativa MACRO ATTIVITA Applicazione ed attuazione degli accordi contrattuali ed economici; ricostruzioni di carriera conseguenti a intervenute modifiche di natura giuridico/economica (PEO, sentenza TARS, etc.) e predisposizione provvedimenti dirigenziali. Stipula contratti di lavoro dei dirigenti. Gestione trattamento economico del Segretario Generale. Comitato Unico dei Garanti. Cause di servizio. Equo indennizzo. Adempimenti connessi: flussi trimestrali, conto annuale e relazione al conto annuale. Provvedimenti per indennità di preavviso e per ferie non godute ai deceduti e ai dispensati. Gestione problematiche afferenti al rapporto di lavoro e alle relazioni sindacali del personale Coime. Gestione contratto dipendenti COIME. Competenze in materia di Trasparenza Valutazione e Merito riguardanti i C.V., i Tassi di assenza aggregati per Ufficio Dirigenziale, i recapiti istituzionali del Dirigenti ecc.(ai sensi dell art. 21 L.n.69/2009. art.11 comma 8 lettere f) e g ) del D. lgs. n. 150/2009). Comunicazioni obbligatorie al Ministero Funzione Pubblica (art. 21 bis l. 69/2009, L. n. 183/2010) in qualità di referente Perla Pa relativamente alle procedure: Rilevazione Assenze del personale PP.AA; Gestione CV e tassi di assenza dei Dirigenti; Rilevazione permessi legge 104/92 misurazione e monitoraggio delle agevolazioni fruite dal personale delle PP. AA.. Inserimento dati di partecipazione del personale a scioperi a carattere nazionale in qualità di referente PERLAPA per l adempimento GEPAS. Gestione informatizzata del personale: controllo di atti e provvedimenti provenienti da Uffici interni o esterni all Amministrazione e annotazione informatica dei medesimi nel Foglio Matricolare individuale (D.P.R. 3/5/1957 n 686 Capo III artt. 24, 25 e segg.) afferenti alla carriera giuridico/economica dei dipendenti comunali, Coime e della dirigenza; movimentazione del personale nelle strutture comunali individuate dal R.U.O.S propedeutica alla formazione delle UU.OO nella piattaforma GESEPA. Gestione archivio cartaceo fascicoli personali dipendenti comunali ed ex D.L. 24/86. Attività connesse alla gestione informatizzata del sistema di rilevazione delle presenze: rilascio badge, immissioni in servizio, aggiornamento sistema in seguito a cessazioni di attività (quiescenza, dimissioni,..), creazione turni di lavoro, attività di consulenza. Rilascio certificazioni di servizio e storici ai dipendenti comunali e COIME in servizio o cessati. Adempimenti connessi all elaborazione e rilascio cartellini ai sensi dell art.55 Novies del D.Lgs n. 165/2001 e art.73 comma 2 del D. Lgs 27 Ottobre 2009 n.150. Autorizzazioni incarichi extraistituzionali ed esame eventuali incompatibilità. Comunicazioni delle autorizzazioni all'anagrafe delle prestazioni. Adempimenti relativi alla comunicazione al Dipartimento Funzione Pubblica degli incarichi retribuiti conferiti dall A. C. ai propri dipendenti. Attività ispettiva: verifica a campione del rispetto delle disposizioni in materia di incompatibilità. Gestione permessi e distacchi sindacali. Elezioni RSU. Procedure per la nomina dei componenti del CUG (Comitato unico di garanzia), del Gruppo di Esperti e dei componenti degli Sportelli di ascolto; attività di supporto ai suddetti organismi per la tutela e la prevenzione delle molestie a sfondo sessuale e/o mobbing. GESTIONE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO- Gestione del contenzioso del lavoro, secondo quanto disciplinato all art.17 del R.U.. Gestione contenzioso del lavoro dipendenti comunali,ex D.L. 24/86, L.S. 14

21 6 UFFICIO ACQUISIZIONE RISORSE UMANE UFFICIO ACQUISIZIONE RISORSE UMANE Dirigente Responsabile

22 1 ASSETTO ORGANIZZATIVO STRUTTURA IN STAFF AL SINDACO AREA DI RIFERIMENTO: AREA DELLE RISORSE UMANE Servizi dirigenziali: Dirigente Responsabile 2 COMPETENZE 6 UFFICIO ACQUISIZIONE RISORSE UMANE AREA DI ATTIVITÀ Amministrativa MACRO ATTIVITA Gestione dei processi di reclutamento in attuazione della Programmazione triennale delle acquisizioni delle risorse umane, attraverso concorsi pubblici, con o senza riserva al personale interno, selezioni di stabilizzazione, collocamento obbligatorio di categorie protette, anche di congiunti di vittime della mafia ed equiparati. Mobilità tra enti, sia mediante singoli procedimenti sia attraverso la realizzazione di piani di mobilità. Ricostituzione del rapporto di lavoro entro 5 anni dalle dimissioni ( art. 26 C.C.N.L. 14/09/2000). Riammissioni in servizio entro il periodo di prova nei casi di diritto alla conservazione del posto (art. 14 bis C.C.N.L. del 16/07/95). Attuazione dei piani di mobilità professionale (cambio profilo). Gestione dei comandi da e per l'esterno. Gestione del contenzioso relativo a tutti i processi di reclutamento. Cura dei rapporti contrattuali a qualunque titolo gestiti e/o gestibili, inclusi Dirigenti a contratto. Progressioni economiche orizzontali in esecuzione di accordi sindacali in sede decentrata. Determinazione dei contingenti di personale part-time e procedimenti di trasformazione del rapporto di lavoro. Rientri a tempo pieno. Applicazione della disciplina di autoregolamentazione antimafia, all. 9 RUS, con riferimento alla somministrazione del questionario antimafia (art. 17) e comunicazione alla Prefettura dei nominativi assunti a qualsiasi titolo compreso gli incarichi, le collaborazioni esterne e gli esperti (art. 18). Con riferimento ai dipendenti e ai dirigenti comunali e COIME: istruttoria procedimenti disciplinari ed irrogazione relative sanzioni per le infrazioni punibili con sanzioni superiori alla sospensione dal servizio con privazione dalla retribuzione per giorni 10 e per tutte le infrazioni rilevate nell'ambito dell'attività ispettiva.. Sospensioni cautelari dal servizio con privazione della retribuzione dei dirigenti e dei dipendenti comunali e COIME a seguito di provvedimenti restrittivi della libertà personale. Procedimenti disciplinari relativi a LL.SS.UU.. Visite mediche collegiali per inidoneità alle mansioni del proprio profilo professionale o allo svolgimento di qualsiasi proficuo lavoro ed eventuale provvedimento di modifica di profilo professionale o di dispensa dal servizio per inidoneità. Visite mediche collegiali per l'accertamento dell'inidoneità a qualsiasi attività lavorativa ai sensi della legge n. 335/95 ed eventuale provvedimento di dispensa dal servizio per inabilità assoluta a qualsiasi attività lavorativa. Rimborso spese legali a favore di dipendenti coinvolti in procedimenti di responsabilità amministrativa, civile e penale, dichiarati esenti da responsabilità. Rilascio di nulla-osta alla cessione o al rinnovo della cessione del quinto dello stipendio a seguito della ricezione della relativa istanza. Permessi studio. Monitoraggio di tutto il personale comunale e COIME da collocare a riposo d ufficio. Provvedimenti di collocamento a riposo per raggiunti limiti di età, dimissioni volontarie con diritto a pensione (vecchiaia o anticipata) e senza diritto a pensione, presa atto decesso, risoluzione consensuale rapporto di lavoro. Accertamento anzianità di servizio utile sia ai fini pensionistici che alla liquidazione del trattamento di fine servizio o del trattamento di fine rapporto (compresi dipendenti COIME). Procedure inerenti ricongiunzioni, riscatti, riconoscimento servizio militare, maternità. Comunicazioni obbligatorie on-line per le cessazioni relative ai collocamenti a riposo e deceduti. 15

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015

SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI. Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 COMUNE DI VICENZA REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Ultimo aggiornamento 13 gennaio 2015 Comune di Vicenza - a cura del Settore Risorse Umane, Segreteria 1 Generale e Organizzazione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Parte I Regolamento di organizzazione L assetto organizzativo della Provincia di Imperia - L attribuzione di responsabilità gestionali per l attuazione

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Regolamento di Organizzazione e Contabilità (ai sensi della L.R. n. 1/2003 e del regolamento regionale n. 11/2003) I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

PIANI PROGRAMMA 2008

PIANI PROGRAMMA 2008 PIANI PROGRAMMA 2008 ASSEMBLEA LEGISLATIVA E.R. 2 DIREZIONE GENERALE... 9 PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DEI RISULTATI...11 Scheda S698 Bilancio annuale di previsione, variazioni di bilancio

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

n. 77 del 16 Dicembre 2011 REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania

n. 77 del 16 Dicembre 2011 REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania REGOLAMENTO del 15 dicembre 2011 n. 12 Regolamento Ordinamento Amministrativo della Giunta Regionale della Campania LA GIUNTA REGIONALE ha deliberato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Visto l'articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE DELLA REGIONE SICILIANA E DEGLI ENTI DI CUI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi

ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi Comune di ARIENZO Regolamento per l'ordinamento degli Uffici e dei servizi Comune di Arienzo - Regolamento per l'ordinamento degli uffici e dei servizi Pagina 1 INDICE Art. 1-Oggetto del regolamento Art.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1

PARTE SPESA. Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 Comune di Fano Esercizio: 2011 PEG PER VOCE E SERVIZIO ASSEGNATARIO Data: 13-04-2011 Pag. 1 ASSEGNATARIO 15 50 10 00 U.O. GABINETTO DEL SINDACO Dott. Giuseppe De Leo 1010102 1011.203.01 SPESE PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli