o Norma CEI EN (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ;

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "o Norma CEI EN 60903 (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ;"

Transcript

1 LAVORI ELETTRICI Norme di riferimento: o Norma CEI EN (CEI 11-48) e variante V1 Esercizio degli impianti elettrici ; o Norma CEI EN (CEI 11-49) Esercizio degli impianti elettrici (allegati nazionali) o Norma CEI "Esecuzione dei lavori su impianti elettrici a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua"; o Norma CEI 11-27/1 "Esecuzione dei lavori elettrici - Parte 1: Requisiti minimi di formazione per lavori non sotto tensione su sistemi di Categoria 0, I, II e III e lavori sotto tensione su sistemi di Categoria 0 e I ; o Norma CEI Esecuzione di lavori sotto tensione su impianti elettrici di Categoria II e III in corrente alternata ; o Norma CEI 11-1 Impianti elettrici con tensione superiore a 1 kv in corrente alternata ; o Norma CEI EN (CEI 11-16) Attrezzi di lavoro a mano per lavori sotto tensione fino a 1000 V in corrente alternata o 1500 V in corrente continua ; o Norma CEI EN (CEI 11-24) Lavori sotto tensione - Terminologia per attrezzi, equipaggiamenti e dispositivi ; o Norma CEI EN (CEI 11-31) Specifica per guanti e muffole di materiale isolante per lavori sotto tensione ; o Norma CEI ENV (CEI 11-39) Lavori sotto tensione. Livello di isolamento richiesto e relative distanze in aria. Metodo di calcolo o Norma CEI EN (CEI 11-40) Lavori sotto tensione. Dispositivi portatili di messa a terra o di messa a terra e in cortocircuito ; o Norma CEI EN (CEI 11-44) Guanti e muffole con protezione meccanica per scopi elettrici ; o Norma CEI EN (CEI 11-56) Lavori sotto tensione - Rivelatori di tensione. Parte 3: Rivelatori bipolari a bassa tensione o Norma CEI EN (CEI 11-57) Abiti di protezione a isolamento elettrico per impianti a bassa tensione ; o Norma CEI EN (CEI 11-59) Calzature elettricamente isolanti per lavori su impianti di bassa tensione ; o Norma CEI ENV (CEI 11-67) Tappeti di materiale isolante per scopi elettrici ; o Norma CEI EN (CEI 11-74) Lavori sotto tensione. Prescrizioni minime per l'uso di attrezzi, di dispositivi e di equipaggiamenti ; o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

2 Principali disposizioni legislative: o DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro ; o DPR 164/56 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni ; o DM 9 giugno 1980 Riconoscimento di efficacia di un sistema di sicurezza per i lavori elettrici eseguiti sotto tensione dall Ente nazionale per l energia elettrica ; o DM 13 luglio 1990 n. 442 Regolamento recante riconoscimento di efficacia di un sistema di sicurezza per lavori sotto tensione eseguiti su impianti elettrici alimentati a frequenza industriale con tensione nominale di esercizio compresa tra e Volt ; o Dlgs 626/94 Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE, 93/88/CEE, 95/63/CE, 97/42/CE, 98/24/CE, 99/38/CE, 2001/45/CE e 99/92/CE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro ; o Dlgs 493/96 Attuazione della direttiva 92/58/CEE concernente le prescrizioni minime per la segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luogo di lavoro. o Dlgs 10/97 Attuazione delle direttive 93/68/CE, 93/95/CE e 96/58/CE, relative ai dispositivi di protezione individuale ; Direttive applicabili: o Direttiva 89/655/CE sulle attrezzature di lavoro (Dlgs 626/94); o Direttive 93/68/CE, 93/95/CE e 95/58 sui dispositivi di protezione individuali (Dlgs 10/97); o Direttiva 92/58/CE relativa alla segnaletica di sicurezza (Dlgs 493/96);

3 Definizioni o Persona idonea (PEI): Persona esperta e idonea per i lavori sottotensione; o Persona esperta (PES): Persona formata in possesso di specifica istruzione ed esperienza tali da consentirle di evitare i pericoli che l elettricità può creare; o Persona avvertita (PAV): Persona formata, adeguatamente istruita in relazione alle circostanze contingenti, da Persone esperte per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettricità può creare; o Persona comune (PEC): Persona non esperta e non avvertita nel campo delle attività elettriche; o Responsabile dell impianto: Persona designata alla diretta responsabilità della conduzione dell impianto elettrico. Ove necessario, parti di tale responsabilità possono essere assegnate ad altri; o Preposto ai lavori: Persona designata alla diretta responsabilità della conduzione del lavoro. Ove necessario, parti di tale responsabilità possono essere assegnate ad altri; o Esercizio elettrico: Tutte le attività lavorative necessarie al funzionamento di impianti elettrici. Tali attività comprendono sia le operazioni di manovra, di controllo, di verifica e di manutenzione sia i lavori elettrici che quelli non elettrici; o Pericolo elettrico: Fonte di possibile infortunio o danno alla salute in presenza di energia elettrica di un impianto elettrico; o Rischio elettrico: Rischio di infortunio causato da un impianto elettrico; o Infortunio elettrico: Morte o lesione personale causati da shock elettrico, da ustione elettrica, da arco elettrico, o da incendio od esplosione originati da energia elettrica a seguito di qualsiasi operazione di esercizio su un impianto elettrico; o Zona di lavoro sotto tensione: Spazio intorno alle parti attive nel quale non è assicurato il livello di isolamento atto a prevenire il pericolo elettrico nel caso che detto spazio venga invaso senza misure di protezione; o Zona prossima: Spazio limitato circostante la zona di lavoro sotto tensione; o Lavoro non elettrico: Lavori in prossimità di un impianto elettrico quali costruzioni, scavi, pulizie, verniciature, etc; o Lavoro elettrico: Lavori su, con od in prossimità di un impianto elettrico quali prove e misure, riparazioni, sostituzioni, modifiche, ampliamenti, montaggi ed ispezioni. Il lavoro elettrico si suddivide in: Lavoro fuori tensione: Attività lavorativa su impianti elettrici, che non sono attivi e non hanno carica elettrica, eseguita dopo aver messo in atto tutte le misure per prevenire il pericolo elettrico; Lavoro sotto tensione: Ogni lavoro in cui un lavoratore viene a contatto con le parti attive o entra nella zona di lavoro sotto tensione

4 con parti del suo corpo o con attrezzi, con equipaggiamenti o con dispositivi che devono essere maneggiati; Lavoro in prossimità di parti attive: Qualsiasi attività lavorativa in cui un lavoratore entra nella zona prossima con parti del proprio corpo, con un attrezzo o con qualsiasi altro oggetto senza invadere la zona di lavoro sotto tensione; o Distanza di guardia: Distanza in aria dalle parti attive nude in tensione oltre la quale si assume non esservi pericolo di folgorazione e/o arco elettrico per l operatore. Per i sistemi di categoria 0 e di categoria I la distanza di guardia è di 15 cm; o Zona di guardia: Spazio costituito dall insieme dei punti aventi una distanza dalle parti attive nude in tensione minore o uguale alla distanza di guardia; o Lavoro a distanza: Lavoro in tensione nel corso del quale l operatore non entra con parti del proprio corpo nella zona di guardia; o Zona di intervento: Spazio entro il quale sono contenute le parti attive in tensione (nonché le relative zone di guardia) sulle quali l operatore interviene per eseguire un lavoro a contatto; o Zona di lavoro: Spazio entro il quale possono muoversi le persone e gli oggetti mobili non isolati collegati ad esse (per es. attrezzi, mezzi, materiali vari) durante l esecuzione di un lavoro senza che essi possano penetrare, anche accidentalmente, in zona di guardia. Nella zona di lavoro sono ammessi unicamente il preposto ai lavori e persone da lui autorizzate; o Semplice protezione isolante: Adozione di un mezzo che assicura un appropriata protezione dielettrica (per es. guanti isolanti); o Doppia protezione isolante: Adozione di due mezzi in serie, ciascuno dei quali in grado di assicurare un appropriata protezione dielettrica (per es. guanti isolanti e attrezzo isolato);

5 Identificazione delle competenze per lo svolgimento dei lavori elettrici Le caratteristiche delle persone che possono svolgere lavori elettrici sono definite nella norma CEI 11-27/1: Il tipo di formazione, preparazione ed esperienza che debbono possedere le persone idonee, esperte ed avvertite per poter eseguire lavori elettrici sono riassunte nelle seguenti tabelle, tenendo presente che l attribuzione della condizione di PES, PAV e PEI per i lavoratori dipendenti è di esclusiva pertinenza del datore di lavoro, mentre per i lavoratori autonomi la condizione di PES, PAV o PEI può essere autocertificata con idonea documentazione, contenente informazioni quali le conoscenze teorico pratiche e di impiantistica elettrica in materia di sicurezza, le conoscenze legislative in materia di sicurezza, i percorsi formativi effettuati, la conoscenza di norme relative agli impianti elettrici, le esperienze lavorative, i ruoli ricoperti e la tipologia di impianti elettrici trattati.

6

7 Metodi di lavoro su parti attive a bassa tensione

8 Procedure per i lavori elettrici fuori tensione Individuare la zona di lavoro La zona di lavoro va delimitata con apposizione di ostacoli, barriere, difese, setti isolanti atti ad impedire la penetrazione accidentale nella zona di lavoro; si può procedere con nastri e catenelle, integrate da un cartello di divieto di accesso alle persone non autorizzate quando non si può accedere alle parti attive senza deliberato proposito. Nella zona di lavoro sono ammessi unicamente la persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa e le persone da lui autorizzate; Sezionare le parti attive Sezionare completamente mettendo fuori tensione della parte dell impianto interessata dai lavori (deve essere separata da tutte le sorgenti di alimentazione). Il sezionamento deve essere effettuato su tutti i conduttori attivi; Assicurarsi contro la richiusura Bloccaggio, se possibile, di tutti i meccanismi di azionamento degli apparecchi di manovra utilizzati per il sezionamento che non sono sotto il diretto controllo di chi esegue il lavoro. In assenza del blocco attuare azioni inibitrici per i dispositivi di sezionamento (rendere inaccessibili organi di manovra es. chiudendo chiave la porta di accesso del locale). Apposizione cartelli per vietare interventi indebiti. Disattivazione delle eventuali sorgenti di alimentazione ausiliaria delle bobine di comando; Verificare che l impianto sia fuori tensione La verifica va eseguita su tutti i poli, sul posto di lavoro o quanto possibile più vicino ad esso, utilizzando il rilevatore di tensione (tipo mobile); Eseguire la messa a terra ed in cortocircuito (in alcuni casi) La messa a terra ed in corto circuito va effettuata su tutte le parti in cui si lavora. Tali operazioni vanno eseguite esclusivamente però se si presenta uno dei seguenti casi: o presenza di un generatore di riserva (UPS, gruppo elettrogeno); o se vi sono incertezze nella corretta individuazione di tutti i punti di possibile alimentazione; o se non è garantita l inaccessibilità dei dispositivi di sezionamento; o linee aeree intersecate da altre linee o sottoposte ad induzione elettrica (pericolo tensioni indotte); E accettabile una sola messa a terra ed in corto circuito quando non vi sono interruzioni della continuità dei conduttori durante il lavoro. Nel caso di interruzione o unione dei conduttori, se sussistono pericoli di differenza di potenziale, effettuare un collegamento equipotenziale e/o messa a terra prima di interrompere o unire i conduttori;

9 Esecuzione dei lavori La persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa deve comunicare agli addetti al lavoro le informazioni e istruzioni sul lavoro da svolgere e verificare che gli addetti al lavoro siano dotati dei dispositivi di protezione; Rimessa in tensione a lavori ultimati A lavori ultimati, prima di rimuovere i cartelli monitori e di rimettere in tensione le parti attive interessate dai lavori, il preposto ai lavori deve: o rimuovere gli eventuali collegamenti di cortocircuito e di messa a terra effettuati; o ripristinare le protezioni eventualmente rimosse; o informare gli addetti ai lavori che le parti attive su cui si è operato devono essere considerate in tensione.

10 Procedure per i lavori elettrici in tensione Quando non è possibile sezionare le parti attive ed eseguire così i lavori elettrici fuori tensione, si deve lavorare in tensione. Sugli impianti in alta tensione (superiori ai 1000 V) solo l ENEL ed altri organismi abilitati possono eseguire lavori in tensione. I lavori in tensione possono essere di due tipi, sotto tensione o in prossimità. A sua volta i lavori sotto tensione si suddividono in lavori a contatto e in lavori a distanza. Lavori elettrici sotto tensione a contatto Condizioni preliminari o Assicurare gli adempimenti dei principi fondamentali e degli aspetti generali delle procedure di lavoro; o E vietato l accesso all impianto senza l ordine della persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa; o La zona di lavoro deve essere chiaramente individuata, identificata ed eventualmente delimitata; o Verifica dello stato della zona di lavoro da parte della persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa; o Verificare lo stato del posto di lavoro e l eseguibilità del metodo di lavoro sotto tensione a contatto; o Assicurare la presenza di almeno due operatori sul posto di lavoro, nel caso di lavori in prossimità con le parti in tensione dietro e lateralmente all operatore; o Fornire chiarimenti agli operatori sulla natura del lavoro, sugli aspetti di sicurezza, sul ruolo individuale, sugli attrezzi ed equipaggiamenti che devono essere usati; Misure preventive o Verificare le condizioni ambientali in modo che siano compatibili con i lavori sotto tensione; o Controllare gli attrezzi, equipaggiamenti e dispositivi per valutarne l integrità e l idoneità all uso; o Eliminare i rischi di incendio ed esplosione prima di procedere per i lavori; o Considerare tutti i diversi potenziali circostanti il posto di lavoro e verificare l assenza di tensione delle masse non protette; o Adottare le misure di sicurezza per limitare le sovratensioni di manovra; o Assicurare la posizione stabile dell operatore in modo che lasci entrambe le mani libere e possa operare in modo agevole;

11 o Verificare l estensione della zona di intervento ( in larghezza, in altezza e in profondità sia ragionevolmente contenuta) e che le parti in tensione siano poste di fronte all operatore; o Assicurare la presenza di schermi isolanti tra le parti a potenziale diverso (fasi, neutro, massa), oppure interporre mastice isolante sulle parti attive, oppure che le dimensioni delle parti nude degli attrezzi maneggiati siano inferiori alla distanza fra le par ti a potenziale diverso; o Controllare le condizioni dei componenti: solidità supporti parti metalliche in modo da escludere possibilità di rotture e spostamenti accidentali; integrità delle parti attive su cui si interviene; stato ed integrità dell isolamento; assenza di temperatura anormale; assenza di rumore sospetto all interno degli involucri; assenza di oggetti sulla parte superiore degli involucri o Assicurare che le parti attive mobili, da isolare con cappucci, siano mantenute costantemente sotto il controllo dell operatore, fino al momento del loro fissaggio; Misure protettive o Provvedere alla protezione contro le parti attive adiacenti; o Interporre un isolamento solido o adeguato distanziamento in aria verso le parti attive sul posto di lavoro; o Prescrizioni per gli impianti a bassa tensione: Misure di protezione contro i contatti diretti (shock elettrico) Indossare guanti isolanti, visiera, elmetto dielettrico e vestiario che non lasci scoperte parti del tronco e degli arti; Non devono essere indossati oggetti metallici; Rispettare assolutamente le distanze di lavoro in aria (150 mm tra le parti in tensione e le parti del corpo non coperte da isolante); Assicurare il doppio isolamento verso le parti in cui si lavora; Rispettare i vincoli della zona di intervento; Misure di protezione contro i corto circuiti ( arco elettrico) Rispettare i vincoli della distanza tra le parti a potenziale diverso o Prescrizioni per gli impianti a bassissima tensione: Per gli impianti di sicurezza fino a 25 V c.a.(selv) nessuna precauzione contro i contatti diretti (semplice isolamento CEI 11-27) e misure di protezione contro i corto circuiti; Per gli impianti di protezione (PELV) e funzionale (FELV) secondo le prescrizioni aziendali ( in assenza di prescrizioni come per gli impianti BT);

12 Esecuzione dei lavori o La persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa deve : comunicare agli addetti al lavoro le informazioni e istruzioni sul lavoro da svolgere; verificare che gli addetti al lavoro siano dotati dei dispositivi di protezione; Se durante l esecuzione dei lavori si manifestano variazioni delle condizioni ambientali, la persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa deve valutare se il lavoro è da sospendere. I lavori devono essere sospesi nel caso di scarsa visibilità, forte pioggia, temporali e difficoltà degli operatori a muovere con facilità gli attrezzi; Operazioni conclusive o La persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa deve : verificare che il lavoro sia ultimato; accertarsi che le persone siano allontanate; verificare che le apparecchiature ed i dispositivi, attrezzature siano state rimosse; notificare alla persona preposta alla conduzione dell impianto elettrico che il lavoro è finito; Lavori elettrici sotto tensione a distanza In questo tipo di lavoro, l operatore si serve, per intervenire sulle parti attive in tensione, di aste isolanti. Chi opera deve mantenere dalle parti attive in tensione una distanza tale che non possa entrare, anche accidentalmente, nella zona di guardia con il proprio corpo o con oggetti mobili conduttori ad esso collegati. L operatore, per effettuare lavori in tensione a distanza, deve indossare guanti isolanti, elmetto dielettrico ed una protezione per gli occhi; il vestiario non deve lasciare scoperte parti del tronco o degli arti.

13 Lavori elettrici in prossimità di parti attive Nel lavoro in prossimità, l operatore entra nella zona prossima con parti del proprio corpo, con un attrezzo o con qualsiasi altro oggetto senza invadere la zona di lavoro sotto tensione (zona di guardia). Le misure da adottare per garantire il non ingresso nella zona di guardia sono le due seguenti (o una sovrapposizione delle due): Impedimento tramite l interposizione tra l operatore e la zona di guardia, di barriere o reti (se metalliche collegate a terra); Mantenimento a distanza prevedendo una adeguata sorveglianza sull operatore per evitare imprudenze o distrazioni;

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche

I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Sezione Toscana e Umbria I lavori elettrici dal D.Lgs 81/2008 alle Norme Tecniche Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara Consigliere AEIT sezione

Dettagli

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI E DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Scopo della tesi Questa tesi si propone di fornire una serie di procedure per l esecuzione IN SICUREZZA dei lavori elettrici,

Dettagli

Lavori elettrici. Lavori elettrici - Definizioni

Lavori elettrici. Lavori elettrici - Definizioni Lavori elettrici Dott. Ing. Daniele Novelli 1 Lavori elettrici - Definizioni Definizioni di lavori elettrici Lavori su, con od in prossimità di un impianto elettrico, quali prove e misure, sostituzioni,

Dettagli

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08)

LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI. relazione al DLgs 81/08) LA NUOVA EDIZIONE (IV) Della Norma CEI 11-27 LAVORI sugli IMPIANTI ELETTRICI (principali novità anche in relazione al DLgs 81/08) Bologna 15 aprile 2014 La sicurezza degli impianti elettrici nel loro utilizzo

Dettagli

La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici

La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici La formazione nell ambito della norma CEI 11-27 e la valutazione del rischio campi elettromagnetici Ing. Ciro Ruocco Responsabile ANCORS Angri CR Elettroambiente relation1@tin.it Battipaglia, 21 Maggio

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione

Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione Rischio ELETTRICO Prima Parte: Pericoli e conseguenze Seconda Parte: Aspetti Legislativi / Normativi Terza Parte: Misure di protezione Rischio Elettrico TERZA PARTE Misure di protezione D.lgs. 9 aprile

Dettagli

Il Personale e l'organizzazione

Il Personale e l'organizzazione Il Personale e l'organizzazione Persona designata alla conduzione dell impianto elettrico (Responsabile dell impianto) Persona designata alla più alta responsabilità dell esercizio dell impianto elettrico.

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI SECONDO NORMA CEI 11-27

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI SECONDO NORMA CEI 11-27 CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI SECONDO NORMA CEI 11-27 Il corso sarà strutturato su due livelli di cui il primo propedeutico al secondo: 1 livello: Corso finalizzato all individuazione

Dettagli

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici

Sicurezza nei lavori in presenza di rischi elettrici Con la pubblicazione della IV edizione della Norma CEI 11-27: Lavori su impianti elettrici sono state introdotte alcune sostanziali modifiche rispetto alla precedente edizione che non è più applicabile

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Sicurezza elettrica: Effetti fisiopatologici della corrente elettrica Effetti della corrente sul corpo umano folgorazione ed arco elettrico - Protezione dai contatti elettrici - Aspetti costruttivi degli

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI E INSTALLAZIONI ELETTRICHE LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI PARTE SECONDA LAVORI ELETTRCI

RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI E INSTALLAZIONI ELETTRICHE LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI PARTE SECONDA LAVORI ELETTRCI ALLEGATO TECNICO LAVORI ELETTRICI - PARTE SECONDA LAVORI ELETTRICI Pag. 1/65 RISCHIO ELETTRICO SICUREZZA DEGLI IMPIANTI E INSTALLAZIONI ELETTRICHE LAVORI SU IMPIANTI ELETTRICI PARTE SECONDA LAVORI ELETTRCI

Dettagli

LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014

LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014 LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA CEI 11-27 2014 COSA CAMBIA PER LA SICUREZZA NEI LAVORI ELETTRICI OBBLIGATORIA DAL 1 FEBBRAIO 2015 27 gennaio 2015 Autore: www.portaleconsulenti.it LA NUOVA EDIZIONE DELLA

Dettagli

Sezionamento e comando

Sezionamento e comando Sezionamento e comando Da CEI 64-8/2 28.1 Sezionamento Funzione che contribuisce a garantire la sicurezza del personale incaricato di eseguire lavori, riparazioni, localizzazione di guasti o sostituzione

Dettagli

Volume IMPIANTI IN SICUREZZA. Seconda parte

Volume IMPIANTI IN SICUREZZA. Seconda parte Volume 5 IMPIANTI IN SICUREZZA Seconda parte Indice CAPITOLO VII LAVORI IN SICUREZZA SUGLI IMPIANTI ELETTRICI.... 4 NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO.... 5 LA REGOLA DELL ARTE (L.186/68)...

Dettagli

L esercizio degli impianti elettrici

L esercizio degli impianti elettrici L esercizio degli impianti elettrici Dispositivi di protezione individuale (DPI) contro il rischio elettrico I dispositivi di protezione individuale stabiliscono una barriera di sicurezza fra gli operatori

Dettagli

CORSO SICUREZZA ELETTRICA

CORSO SICUREZZA ELETTRICA CORSO SICUREZZA ELETTRICA BREVE PRESENTAZIONE La sicurezza sul lavoro è un valore aggiunto, ma anche una fonte di risparmio. In campo elettrico, la sicurezza è di fondamentale importanza per chi produce

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole. Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27. Dr. Giuseppe Floriello

SEMINARIO. Le nuove regole. Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27. Dr. Giuseppe Floriello SEMINARIO Le nuove regole Lavori su impianti elettrici: le novità introdotte dalla IV edizione della norma CEI 11-27 Dr. Giuseppe Floriello Segretario tecnico CEI ROMA, 11 MARZO 2014 1 Le novità della

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1

IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO. Il RISCHIO ELETTRICO. Dal punto di consegna... D.Lgs 81 R.el. - Pagani 1 IMPIANTI ELETTRICI & Valutazione del RISCHIO ELETTRICO Dal punto di consegna... 2 Il RISCHIO ELETTRICO è da intendersi come il rischio di infortunio CAUSATO da un impianto elettrico Il danno conseguente

Dettagli

ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO

ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO ELETTRICO ESEMPI DI SCHEDE DI VALUTAZIONE DEL ELETTRICO Schede di valutazione del rischio per: - contatti diretti per utente generico - contatti indiretti per utente generico - lavori fuori tensione per addetti

Dettagli

Seconda Parte: I LAVORI ELETTRICI

Seconda Parte: I LAVORI ELETTRICI MASTER SICUREZZA RISCHIO ELETTRICO Ing. Diego Dainese Giugno 2010 Prima Parte: IL RISCHIO ELETTRICO Seconda Parte: I LAVORI ELETTRICI 1 RISCHIO ELETTRICO Prima Parte: IL RISCHIO ELETTRICO Master Sicurezza

Dettagli

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A.

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A. UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4 40131 Bologna Tel. 051 6347139 - Fax 051 4233061 C.F. 92027230371

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

Apparecchiature elettriche

Apparecchiature elettriche PROCESSI E SISTEMI MANUTENZIONE IMPIANTI Apparecchiature elettriche I ruoli e le procedure operative per la manutenzione delle attrezzature n di Cesare Campello, Federico Maritan e Mauro Rossato, ingegneri

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A

Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A Norma CEI EN 50110 Norma CEI 11-27 Corsi di formazione 1A + 2A COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO LAVORI IN PROSSIMITÁ DI IMPIANTI ELETTRICI E LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE IN BT E FUORI TENSIONE IN AT

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE Decreto del Ministero dell interno 4 febbraio 2011 Definizione dei criteri per il rilascio delle autorizzazioni di cui all art. 82, comma 2, del D.Lgs. 09/04/2008, n. 81, e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LAVORI ELETTRICI

CORSO DI FORMAZIONE LAVORI ELETTRICI Spettabile cliente Ripristinando una consuetudine, che ci ha caratterizzato per anni, il Ceire organizza presso la sede Finpolo di Cella, un : CORSO DI FORMAZIONE LAVORI ELETTRICI per ottenere la qualifica

Dettagli

Interpretazione Normativa. Lavori elettrici sotto tensione - requisiti imprese autorizzate

Interpretazione Normativa. Lavori elettrici sotto tensione - requisiti imprese autorizzate Ti trovi in: CNA Interpreta / Ambiente e sicurezza / Sicurezza / Impianti elettro-termo-idraulici / Aspetti generali per Impianti elettro-termo-idraulici Torna all'elenco 15/7/2011 Lavori elettrici sotto

Dettagli

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane www.impiantitalia.it R-08 23 23 La Norma 64-8, sezione 7, trattando degli impianti elettrici particolari definisce anche i requisiti degli impianti elettrici delle piscine e delle fontane. Il campo di

Dettagli

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006

2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 2.4.16 Isola robotizzata D.Lgs. 81/08 All. V e VI, DPR 459/96 All. I, UNI EN ISO 10218:2006 Macchina o insieme di macchine asservite nella manipolazione del materiale o nell esecuzione delle lavorazioni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

Il rischio fulminazione nel cantiere

Il rischio fulminazione nel cantiere Il rischio fulminazione nel cantiere 38 La valutazione del rischio fulminazione Secondo quanto previsto al capo III Titolo III del D.lgs 81/08, il datore di lavoro deve valutare anche il rischio fulminazione

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione:

0.0.2 Normalmente si considerano le seguenti tipologie di attività di manutenzione: 0.0.0 PREMESSA 0.0.1 Come manutenzione si identifica un tipo di attività il cui scopo è quello di mantenere funzionanti ed in sicurezza, con le prescrizioni qualitative e quantitative gli impianti elettrici.

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

VERSIONE DIMOSTRATIVA

VERSIONE DIMOSTRATIVA per l esercizio normale di lavoro di manutenzione Manovre di esercizio Controlli funzionali Fuori tensione Sotto tensione In prossimità Riparazione Sostituzione Misure Prove Ispezione Figure introdotte

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI E LA NORMA CEI 11-27 (III EDIZIONE): APPROFONDIMENTI

LA FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI E LA NORMA CEI 11-27 (III EDIZIONE): APPROFONDIMENTI LA FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AI LAVORI ELETTRICI E LA NORMA CEI 11-27 (III EDIZIONE): APPROFONDIMENTI A cura di Ing. Mauro Rossato, Ing. Cesare Campello Vega Engineering OGGETTO E SCOPO DELLA NORMA CEI

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 323 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro negli impianti telefonici

Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 323 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro negli impianti telefonici Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 323 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro negli impianti telefonici CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - Art. 1 - Campo di applicazione

Dettagli

PER L'USO E LA MANUTENZIONE

PER L'USO E LA MANUTENZIONE MANUALE PER L'USO E LA MANUTENZIONE DI QUADRI ELETTRICI SECONDARI DI DISTRIBUZIONE INDICE: 1) AVVERTENZE 2) CARATTERISTICHE TECNICHE 3) INSTALLAZIONE 4) ACCESSO AL QUADRO 5) MESSA IN SERVIZIO 6) OPERAZIONI

Dettagli

164, contenente norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni;

164, contenente norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni; Decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 323. Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro negli impianti telefonici. (in Suppl. ordinario alla Gazz. Uff., 5 maggio, n. 109) Il

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA

IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA IMPIANTI ELETTRICI ENERGIA ELETTRICA forma di energia più conosciuta ed utilizzata facilmente trasportabile facilmente trasformabile in energia meccanica, termica, chimica, luce pericolosa in caso di guasti,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL /HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL DPR n 547/55 1RUPHSHUODSUHYHQ]LRQHGHJOLLQIRUWXQLVXO ODYRUR Legge n 186/68 'LVSRVL]LRQLFRQFHUQHQWLODSURGX]LRQHGL PDWHULDOLDSSDUHFFKLDWXUHPDFFKLQDULLQVWDOOD]LRQLHLPSLDQWL

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91)

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) Comune di Atrani Provincia di SA FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) OGGETTO: SEDE E NUCLEO DI PROTEZIONE CIVILE COMMITTENTE: A.R.C.A.D.I.S.

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO ELETTRICO

GUIDA ALLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO ELETTRICO GUIDA ALLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO ELETTRICO Premessa Il processo di valutazione e gestione del rischio elettrico derivante dall applicazione congiunta del D.Lgs. 81/08 e degli altri testi di

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici Impianti elettrici 1. Legislazione Applicabile 2. Valutazione del rischio elettrico 3. Contatti diretti e indiretti 4. Misure di protezione 5. Verifiche periodiche 6. Scariche atmosferiche 7. Centrali

Dettagli

Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno previsto l obbligo di effettuare una regolare

Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno previsto l obbligo di effettuare una regolare l Sicurezza degli impianti. Il datore di lavoro può appaltare l attività Manutenzione cabine MT/BT: il profilo professionale degli addetti alle attività Il D.Lgs. n. 81/2008 e il D.M. n. 37/2008 hanno

Dettagli

Il rischio elettrico nei cantieri

Il rischio elettrico nei cantieri Il rischio elettrico nei cantieri Per i datori di lavoro e i lavoratori alla luce del D.Lgs. 81/08 e s.m. Dante Melito Libero professionista, progettista di impianti elettrici, CTU del tribunale di Varese,

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Il rischio elettrico dal punto di vista di Enel Distribuzione

Il rischio elettrico dal punto di vista di Enel Distribuzione Dott. Ing. Marco De Sanctis Responsabile Unità Sicurezza e Ambiente Distribuzione Territoriale Rete Toscana e Umbria - Enel Distribuzione SpA I lavori su impianti elettrici sono regolati da leggi e norme

Dettagli

Tutto il capitolo 5, così come la parte trattata

Tutto il capitolo 5, così come la parte trattata Cosa cambia nella sicurezza dei lavori sugli impianti elettrici NORMA CEI 11-27, TERZA EDIZIONE Seconda parte 36 di Andrea Gulinelli Tutto il capitolo 5, così come la parte trattata nel capitolo 12 relativamente

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Impianti elettrici negli ambienti medici

Impianti elettrici negli ambienti medici Impianti elettrici negli ambienti medici Un po di storia Panorama Legislativo per la realizzazione degli impianti Decreto del Duce e del Fascismo 29/07/1939 Approvazione per le costruzioni ospedaliere

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO M. LEPORE della SICUREZZA e della SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO Manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. della SICUREZZA DEFINIZIONI...5

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE

IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE IMPIANTI ELETTRICI - LOCALI BAGNI E DOCCE Sommario 1. Definizione 2. Fonti normative 3. Questioni interpretative 4. Caratteristiche e modalità di installazione 5. Adempimenti amministrativi 6. Voci di

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI

IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI IMPIANTI DI PROTEZIONE DA SCARICHE ATMOSFERICHE E SOVRATENSIONI Sistema di alimentazione: ---------- Norme di riferimento: o Norma CEI 81-1 Protezione delle strutture contro i fulmini ; o Norma CEI 81-4

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Servizio Impiantistica Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA

Dettagli

NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3)

NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3) NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3) Le nuove norme CEI 99-2 e CEI 99-3 Dal 1 aprile 2011 sono in vigore in parallelo alla norma CEI 11-1: EN 61936-1 (CEI 99-2): Impianti elettrici a tensione

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO. Attività di gestione dei CRM/CRZ DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (D.U.V.R.I.) COMUNITA ALTO GARDA e LEDRO Attività di gestione dei CRM/CRZ Via A. Rosmini, 5/b -38066 Riva del Garda Redazione: febbraio 2012 DECRETO

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci.

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci. Direttiva per la sicurezza del delle merci. La vostra sicurezza è il nostro obiettivo. Note preliminari. 2 Prima di effettuare il delle merci è necessario leggere e applicare la presente direttiva contenente

Dettagli

Procedura decisionale nell'ambito della preparazione del lavoro

Procedura decisionale nell'ambito della preparazione del lavoro 09/2011 Si verificano spesso incidenti, poiché gli elettricisti lavorano su impianti sotto tensione "in modo non conforme alle norme". Nella statistica 2010 degli incidenti vanno rilevate le cifre seguenti.

Dettagli

Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza - seconda parte -

Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza - seconda parte - Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 16/03/2005 Il codice dei colori per i componenti elettrici e la sicurezza seconda parte di Gianluigi Saveri La tabella CEI UNEL 00721 Colori delle guaine dei cavi

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: PREVENZIONE DAL RISCHIO ELETTRICO

GESTIONE IN SICUREZZA: PREVENZIONE DAL RISCHIO ELETTRICO SIC13 Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Quadri elettrici e norme di riferimento

Quadri elettrici e norme di riferimento Quadri elettrici e norme di riferimento Nella realizzazione di un impianto di sicurezza, un attenzione particolare va posta al quadro elettrico, al quale fa capo l alimentazione dell impianto stesso. Innanzitutto,

Dettagli