Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, ottobre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011"

Transcript

1 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, ottobre 2011 Marc Delepouve SNESUP-FSU (Syndicat National de l enseignement supérieur Fédération Syndicale Unitaire / Sindacato Nazionale dell Insegnamento Universitario Federazione sindalce Unitaria) (Francia) Insegnamento universitario ricerca Le politiche governative in corso in Francia Stato dei lavori, analisi e proposte A nome dello SNESUP ringrazio la FLC CGIL per l organizzazione di questo seminario che ci riunisce qui a Roma, e ciò nel momento in cui l Europa sprofonda in una gravissima crisi. Una crisi che non cade dal cielo ma che è il risultato di una prospettiva politica. Infatti, da vari decenni, ogni anno, l Europa è sempre più preda di una ideologia neoliberale e sempre più controllata dalle classi più ricche, dalle loro multinazionali, dai mercati e dalla finanza. Questo predominio è stato esercitato sui partiti politici al potere ed ha soffocato la democrazia, creando le condizioni di una grave crisi che si acuisce sempre più. E venuto quindi il momento, ed è ormai urgente, di liberare l Unione europea dall ideologia e dall egemonia neoliberale. L insegnamento universitario e la ricerca sono le fondamenta di qualsiasi tipo di società, sia essa neoliberale o, al contrario, democratica. Tutto ciò è stato perfettamente compreso dai neoliberali. Ed è la ragione per la quale, da vari decenni, si sforzano di trasformare l università per farla diventare un pezzo, una componente della società neoliberale. Lo si può constatare in ognuno dei nostri paesi. Ovviamente, la Francia non vi sfugge. Cronologia francese Già nell autunno di 25 anni fa, nel 1986, poco dopo il ritorno della destra al potere, il governo Chirac aveva tentato una prima offensiva. Un disegno di legge era stato depositato all Assemblea Nazionale (Camera dei deputati in Francia). Ma gli studenti e i liceali vi hanno letto una quadrupla minaccia : la minaccia della selezione nel momento dell iscrizione all università, quella dell aumento delle tasse di iscrizione, quella della fine dei diplomi nazionali e quella relativa alla competitività delle università tra loro per una università a due velocità, e cioè quelle d eccellenza ed altre di scarso livello. Allora gli studenti si sono mobilitati in massa. Alcune manifestazioni hanno radunato centinaia di migliaia di giovani. Il 5 dicembre 1986, durante una di queste gigantesche manifestazioni, un giovane è morto dopo essere stato violentemente picchiato dalla polizia. L indomani, il 6 dicembre, Jacques Chirac annunciava il ritiro del disegno di legge. Diciotto mesi dopo la destra perdeva le elezioni a favore del partito socialista. Bisognerà poi aspettare una ventina d anni per un nuovo attacco neoliberale da parte del governo contro l insegnamento universitario. Ma prima di questo, c erano stati due primi passi verso il neoliberismo, passi compiuti da un governo socialista. Nel 1999, la cosiddetta legge d innovazione incoraggia i legami tra 1

2 la ricerca pubblica e le imprese aprendo la strada, nel servizio pubblico della ricerca, alla legge del profitto e dell avidità. In seguito, nel 2002, prima di lasciare il potere, questi stessi socialisti mettono a punto il quadro giuridico del sistema Laurea Triennale Laurea Magistrale Dottorato (in francese : LMD Licence Master - Doctorat). Questo sistema non è neoliberale di per sé. Ma con la sua attuazione il governo socialista ha liquidato il quadro nazionale dei titoli di studio e ha aperto un primo stadio di concorrenza tra università. Tuttavia restava ancora da ultimare la grande svolta neoliberale. Questa è stata avviata nel Da allora si susseguono, ad un ritmo serrato, l adozione di leggi e misure, e si assiste ad un profondo mutamento dell insegnamento universitario e della ricerca scientifica. Qui di seguito tracciamo alcune delle principali caratteristiche. Primo asse della ristrutturazione : Finanziamenti/Valutazioni Due agenzie Prima di tutto è stata creata, nel 2005, l Agenzia di valutazione della ricerca scientifica e dell università (in francese : AERES Agence d évaluation de la recherche et de l enseignement supérieur). Questa Agenzia ha il compito di valutare gli Atenei, le unità di ricerca (dipartimenti), la formazione e i titoli di studio. Il consiglio di questa Agenzia è composto da membri nominati 1 dal governo. Questi, a loro volta, nominano gli esperti incaricati delle valutazioni. Per quanto riguarda le unità di ricerca, oltre alla redazione di relazioni valutative sulla qualità, L AÉRES stila una graduatoria di ogni unità di ricerca ossia A+, A, B o C. - Sempre nel 2005, c è stata anche la creazione del CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche (in francese ANR Agence nationale de la recherche) che ha per missione di finanziare progetti di ricerca, dopo confronto, valutazione e selezione. Si rivolge sia alle istituzioni pubbliche che alle imprese. La sua missione è favorire le interazioni tra laboratori pubblici e laboratori d impresa e sviluppare sia partenariati pubblico privati che internazionali. La selezione dei progetti ammessi nel quadro dei bandi (in francese AAP Appel à Projet) è effettuata sulla base di criteri di qualità scientifica ai quali viene tuttavia aggiunto l interesse economico per le imprese. Così come avviene per l Agenzia (AERES) deputata a valutare, i membri del CNR a cui compete il finanziamento, vengono nominati dal governo 2. 1 I membri del consiglio dell Agenzia nonché il suo presidente sono persone che devono essere riconosciute per la qualità dei loro lavori scientifici, ad eccezione dei due parlamentari. Tuttavia vengono nominati dal governo ed alcuni devono obbligatoriamente provenire dalla ricerca nel privato. Tant è che l Agenzia è fortemente influenzata dagli orientamenti e dalle scelte del governo. Più precisamente, sui 25 membri del consiglio dell Agenzia, 9 sono nominati direttamente dal governo, due sono parlamentari, 7 vengono scelti sempre dal governo ma da un elenco che può essere integrata da ogni rettore di università e da ogni direttore di scuola nel sistema universitario o da un organismo di ricerca, altri 7 sono anch essi nominati dal governo ma tratti da un elenco compilato dalle istanze di valutazione degli organismi, delle scuole e dal CUN (Consiglio Universitario Nazionale composto da circa due terzi di eletti dal personale ed è incaricato della gestione delle carriere e della valutazione dei docenti-ricercatori.) 2 Il consiglio d amministrazione dell ANR (Agenzia) è composto da membri nominati con decreto dal ministro della Ricerca : sei membri provenienti da diversi ministeri, 5 personalità di comprovata qualificazione professionale e scientifica nel campo della ricerca e dello sviluppo tecnologico. A questi si aggiunge un 2

3 - Queste agenzie sostituiscono praticamente i grandi enti di ricerca francesi come il CNRS (Centre National de Recherche Scientifique Centro Nazionale della Ricerca Scientifica) in cui, invece, le rappresentanze sono composte in maggioranza da persone elette. Questi enti organismi non sono stato sciolti ma hanno perso la maggior parte delle loro competenze e si ritrovano emarginati. Queste due agenzie : la prima di valutazione e l altra di finanziamento, palesano sia la fine della democrazia universitaria in Francia a vantaggio del potere del governo che una irruzione dell impresa nella direzione dell università e della ricerca; infatti, tra le persone nominate dal governo si ritrovano numerosi rappresentanti delle grandi imprese. D altro canto, il finanziamento non proviene solo dall Agenzia creata nel Anche se questa si occupa soltanto di finanziare progetti con impegni stanziati per alcuni anni, più generalmente il finanziamento a progetto tende a diventare la norma. La stessa cosa avviene con i finanziamenti da parte delle regioni, e addirittura per quelli delle unità di ricerca da parte delle università. E questi finanziamenti, il più delle volte, dipendono dalla valutazione da parte dell Agenzia; così ci saranno università che stanzieranno cospicui fondi per le unità di ricerca con il marchio A+ rilasciato dall Agenzia, a discapito di unità la cui valutazione è più bassa. La valutazione del personale La volontà del governo è quella di predisporre una valutazione per ogni ricercatore (che svolga anche attività didattica) che comporti anche delle sanzioni o delle ricompense sotto forma di aumento o di riduzione del numero di ore d insegnamento, oppure sotto forma di incentivo economico, definito premio di eccellenza. Questo punto viene menzionato nel testo di legge dell agosto 2007, la cosiddetta legge relativa alla Libertà e Responsabilità delle Università (in francese : LRU Liberté et Responsabilité des Universités). Tuttavia, la mobilitazione nelle università durante il primo semestre del 2009, ha spinto il governo a fare marcia indietro, almeno temporaneamente, bloccando l aumento delle ore di insegnamento di un ricercatore. Tende invece ad essere potenziata la politica degli incentivi. Tasse di iscrizione In Francia, gli studenti sono particolarmente sensibili sulla questione delle tasse d iscrizione. Tant è che nessun governo osa aumentare queste spese in modo consistente. Tuttavia, in alcuni atenei, vengono previste delle spese aggiuntive, ma questa situazione non può essere paragonata a quella britannica. Inoltre, ci sono atenei, con deroga in statuto, che prevedono tasse di iscrizione considerevoli. Queste deroghe in statuto potrebbero diventare la norma. Torneremo su quest argomento. Altri finanziamenti Si sviluppano infine le fondazioni, create giuridicamente nel 2006, che possono raccogliere fondi privati per finanziare le università, con la libertà però di finanziare a discrezione l uno o l altro degli strumenti, della formazione, della ricerca. Perciò ci si dirige sempre più a dei partnership pubblico-privato (PPP). dodicesimo membro : il presidente dell alto Consiglio delle scienze e della tecnologia (a sua volta nominato per decreto su proposta del ministro della ricerca). 3

4 Rivolgendosi recentemente agli imprenditori, il ministro dell università e della ricerca scientifica ha riassunto così la situazione : Abbiamo cambiato l università, ora investite. Secondo asse : modo di dirigere, modo di gestire, sconvolgimento dello scenario universitario Il nuovo modo di finanziare la ricerca scientifica e l università così come le nuove modalità di valutazione sono solo due dei pezzi del puzzle dell università neoliberale. Altri due pezzi sono costituiti dalla trasformazione delle strutture o scenario universitario e da un nuovo modo di dirigere, gestire gli atenei. Atto 1. La Legge sulle libertà e responsabilità delle università (in francese : LRU - Loi relative aux libertés et responsabilités des universités (chiamata Loi Pécresse) - la legge «LRU», votata nell agosto 2007 dal Parlamento francese, trasforma le università. I rettori acquisiscono nuovi poteri, a discapito dei consigli e delle commissioni eletti. Il rettore gode oramai di un diritto di veto sull assunzione di funzionari e può d ora in poi assumere ricercatori e docenti che non siano funzionari. Si tratta in questo caso di contratti di lavoro di diritto privato, di contratti a tempo determinato (in francese : CDD Contrat à Durée Déterminée) (3 mesi, 6 mesi 2 anni) o di contratti a tempo indeterminato (in francese : CDI Contrat à Durée Indéterminée), vale à dire con una relativa sicurezza dell impiego 3. Si noti anche l accrescimento del potere dei rappresentanti del mondo dell imprenditoria nei consigli delle università e la creazione delle fondazioni. - Il governo utilizza, infine, al massimo il potere dei soldi per sottomettere le università. Innanzitutto, ci sono i finanziamenti concessi dall Agenzia (in francese : ANR Agence Nationale de la Recherche) che abbiamo già citato, i cui dirigenti sono tutti nominati dal governo. Inoltre, le assegnazioni dello Stato ai bilanci delle università sono sempre meno distribuite tra le università secondo regole trasparenti ed identiche per tutti. Al contrario, queste assegnazioni statali sono sempre più il risultato di trattative tra il ministero dell università e della ricerca scientifica e i rettori. D altro canto, lo Stato ha ottenuto un consistente prestito di cui 19 miliardi di euro saranno riservati all università e alla ricerca. Questi 19 miliardi riguardano i servizi pubblici e privati, senza distinzione. Una grossa fetta di questi 19 miliardi dovrà essere utilizzata sotto forma di stanziamento, di capitalizzazione la cui rendita soltanto potrà essere utilizzata. Solo alcune unità di ricerca e qualche formazione, scelte dai gruppi di esperti nominati dal governo, potranno quindi trarne vantaggio. Una delle condizioni è quella di sottomettersi all orientamento neoliberale voluta da questo governo. In conclusione, assistiamo oggi in Francia, ad un doppio colpo di mano sulla ricerca scientifica e l università : uno da parte delle imprese (ci sono rappresentanti delle imprese nei Consigli, nelle fondazioni, nell ANR, nell AERES, nel partnership pubblico-privato) e l altro da parte del governo. E, per salvaguardare la diffusione della volontà del governo e delle imprese in tutte le università, il rettore gode di poteri più forti che sono simili a quelli di un vero e proprio imprenditore mentre i dipendenti vedono se stessi sempre più deboli, sempre più precarizzati, se non addirittura minacciati da un cambiamento forzato, o persino dalla 3 La Legge LRU dell agosto 2007 permette ai rettori di assumere personale con Contratto a Tempo Indeterminato. Ma il regolamento non ha trascritto integralmente questo diritto. In realtà, è obbligatorio aver avuto in precedenza un contratto a tempo determinato, tranne per quei posti che non possono essere coperti da funzionari per mancanza di funzionari corrispondenti nell organico. Questo passaggio obbligato attraverso contratti a tempo determinati non garantisce minimamente la stabilità dei posti da funzionario. 4

5 disoccupazione. Infatti, la cosiddetta legge di mobilità votata dal parlamento nel 2009 permette dei trasferimenti forzati per i funzionari e, persino, in alcune circostanze, il licenziamento. Lo status di funzionario degli impiegati dello Stato, che costituisce una garanzia di indipendenza e di diversità ideologica, sta così scomparendo. Atto 2. Fusione di atenei e sistema universitario / ricerca a due velocità, eccellenza. La LRU concede anche alle università l autonomia di gestione del personale e del patrimonio. Per il personale, ciò significa che non sono più direttamente pagati dallo Stato che assegna un fondo globale ad ogni ateneo al quale compete creare nuovi posti, gestire il turn over e procedere ad assunzioni con status di funzionari, con contratto a tempo determinato, o anche con contratto a tempo indeterminato. Relativamente al patrimonio, ogni università può scegliere di diventare proprietaria dei locali, per poi venderli o affittarli. In fin dei conti, ogni direzione di università si trova nella posizione di un impresa che deve essere gestita al meglio per tentare di sottrarre quote di mercato agli altri atenei. Perciò, sono create delle società di diritto privato alfine di migliorare i redditi derivanti dalle attività di ricerca. Ormai, la legge della concorrenza economica sostituisce quella dell emulazione. Tuttavia l università non è un impresa come le altre. Per evitare lo scontro tra università situate nello stesso territorio geografico, per raggiungere una dimensione critica che permetta di essere riconosciuta sul mercato europeo e mondiale dell insegnamento universitario, ma anche per trarre vantaggio sia dall appoggio dei mass media, indispensabile per attirare studenti, che dal sostegno finanziario dello Stato, le università operano delle fusioni. Ad esempio, le varie università di Strasburgo costituiscono ora un solo ateneo, e la stessa cosa è successa per le università di Aix e di Marsiglia. Bisogna però qui precisare che queste fusioni non sono neutre, anzi. I nuovi atenei creati in questo modo, lo sono nel quadro di un condizione voluta dal governo. Si tratta di un quadro in deroga alla legge generale, nel quale le imprese private sono ampiamente presenti nei Consigli a discapito degli eletti, un quadro nel quale è riconosciuta la libertà di selezione all accesso e dove i diritti di iscrizione possono essere liberalizzati, ecc Questo processo di fusione va di pari passo con una spaccatura dello scenario universitario in due parti. Da un lato, le unità di formazione e di ricerca dette di eccellenza, dall altro le unità che non beneficiano di questo marchio. La parola eccellenza presenta un aspetto mitico di cui si serve il governo per convincere la popolazione della validità della sua politica in materia di insegnamento universitario e di ricerca scientifica. Ma dietro il mito si nasconde una idea di eccellenza che è molto discutibile, poiché per il governo francese, eccellente è quella ricerca che contribuisce a soddisfare le richieste delle imprese e i bisogni a breve termine di innovazione al servizio della competitività dell economia nazionale. La materie inutili per la soddisfazione dei bisogni dell economia neoliberale sono pertanto ampiamente escluse dalle nuove eccellenze francesi. Con Nicolas Sarkozy e i suoi amici, il secolo dei lumi viene sepolto, sprofondato in un passato che bisognerebbe dimenticare. Così gli studi umanistici e le scienze sociali diventano i parenti poveri della nuova politica universitaria. Tuttavia gli studi umanistici e le scienze sociali mantengono la loro utilità e vengono sollecitati per elaborare prodotti innovativi, per il marketing e per lo studio di accettabilità dei nuovi prodotti, ma anche per la comunicazione politica oppure per la gestione delle crisi. L eccellenza neoliberale non convoca però queste discipline né nei lavori per la revisione di un modello neoliberale il cui fallimento e ed effetto nocivo non sono più, oggi, da dimostrare; e neanche in quelli per la 5

6 ricerca di un modello alternativo o in quelli per la ricerca di un modo di uscita dall impasse neoliberale e di soluzione della crisi mondiale. Eppure qui esiste una necessità imperiosa e urgente. Ma la ricerca scientifica e l università ne vengono allontanate perché sottoposte alla cieca concorrenza tra economie nazionali o regionali inabissate nel mercato mondiale. Anche la ricerca fondamentale risulta indebolita da questa politica di eccellenza neoliberale, tranne se rivela indispensabile per l innovazione ma sempre non lontano dai termini e al servizio dell economia neoliberale. In questo modo, in futuro, tutto l insieme della ricerca sarà impoverito. Per esempio, in alcune università le scienze della natura e quelle della materia sono escluse dall eccellenza neoliberale e quindi sono colpite dalla riduzione di risorse finanziarie ed umane. Terzo asse : rimunerazioni / precarietà Avendo, da un lato, l incremento dei premi cosiddetti di eccellenza e delle cosiddette cattedre di eccellenza, e, dall altro lato, il moltiplicarsi di impieghi precari, si assiste ad una separazione, ad una spaccatura all interno del personale dell università e della ricerca scientifica tra gli eletti dell eccellenza da una parte e i declassati dall altra; si assiste anche ad una perdita di stabilità dei posti di lavoro, quindi ad una perdita di conoscenze e di competenze scientifiche all interno delle università. L eredità scientifica viene così indebolita. Si assiste anche ad una perdita della libertà scientifica e pedagogica : gli eletti dell eccellenza neoliberale sono troppo spesso spinti a sottomettersi per mantenere il loro status di eccellenza mentre i precari sono spinti a sottomettersi per non perdere il proprio impiego. Conseguenze della ristrutturazione dell insegnamento universitario e della ricerca scientifica Sul personale In questi ultimi anni ed in particolare di recente, si assiste ad un aumento considerevole del carico di lavoro amministrativo (compilare pratiche di valutazione o domande di finanziamento, eseguire riforme di corsi di laurea e ristrutturazioni della ricerca scientifica, ovviare alla mancanza di personale tecnico amministrativo ). A tutto ciò si aggiunge la pressione per le valutazioni, l incertezza dei finanziamenti, il rafforzamento dei poteri gerarchici, un profondo senso di precarietà, le riconversioni tematiche forzate, o addirittura una perdita di significato dei lavori di ricerca. Le condizioni di lavoro si degradano e le situazioni di sofferenza si moltiplicano. Sui sindacati Il sindacato è sempre più sollecitato da colleghi che si devono confrontare con situazioni difficili e i casi giudiziari sono sempre più numerosi. D altro canto, con i poteri più forti dei rettori, la gestione locale del personale e la molteplicità delle decisioni prese a livello di singoli atenei, le sezioni del SNESUP (Sindacato nazionale dell Insegnamento Universitario) vedono la loro attività locale crescere in modo esponenziale, a volte a discapito della partecipazione sindacale nelle questioni a livello nazionale. 6

7 Strategie del governo dagli effetti preoccupanti Il governo ha capito che è finito il tempo delle grandi riforme realizzate in una sola volta, nello stesso momento, su tutto il territorio e su decisione della sola autorità centrale. Il metodo è stato adattato ai tempi. Innanzitutto ci sono misure che vengono ripartite nel tempo. Poi, per quanto riguarda gli aspetti più consistenti, il ministero bandisce concorsi a progetto, e solo i migliori, cioè quelli che meglio corrispondono ai criteri neoliberali, verranno scelti. I vincitori beneficeranno quindi di finanziamenti riservati e di una ampia pubblicità mediatica gratuita, aspetto che conta molto in un sistema universitario competitivo. In quanto agli altri, coloro il cui progetto non è stato selezionato, dovranno accontentarsi delle briciole del budget e della punizione mediatica. Per misurare la pressione esercitata dal governo sulla direzione delle università, bisogna sapere che, a seguito delle insufficienti assegnazioni di risorse da parte dello Stato, che non rispettano più le regole nazionali, numerose università hanno bilanci fortemente deficitarii e attingono dalle loro riserve finanziarie che si sono spesso dimezzati nel giro di due o tre anni. Così, i rettori e il consiglio d amministrazione sono costretti a diventare attori della trasformazione neoliberale. Una conseguenza di cui non possiamo ancora misurare la portata, sembra essere quella della rottura tra chi dirige l università, benché eletto, e la comunità universitaria. Conclusione : Alcuni principi per un altra ricerca e un altra università. Estratto dalle dichiarazioni dello SNESUP Deve essere riaffermata l esigenza di una ricerca che contribuisca all interesse generale di oggi e di domani, che goda delle libertà accademiche nei limiti dei dettami etici, e quindi di una ricerca sottratta ai poteri del mercato e dell impresa in cerca di profitti a breve termine. Questi limiti etici così come i grandi orientamenti della ricerca devono essere definiti in modo trasparente, con la partecipazione della comunità dei ricercatori e dei docenti. Tale ricerca deve essere decisa a seguito di pubblici e democratici dibattiti, al contrario di ciò che succede nel campo del nucleare. Essa deve infine avere come principio ispiratore, sia l obiettivo di sviluppare la ricerca di base, indispensabile per preparare il futuro e allargare il campo delle conoscenze, che quello di contribuire ai bisogni sociali, ambientali (con l inclusione della prevenzione dei rischi naturali e tecnologici), democratici e culturali. E, tanto più, nel rispetto delle norme sociali e ambientali. Questa concezione della politica della ricerca potrà essere pienamente realizzata soltanto nel contesto di un rilancio della vita democratica, la quale si fonda in particolare e in modo ineludibile, su una nuova politica della formazione e dell informazione dei cittadini. La formazione dei cittadini, dunque, che, in una democrazia deve essere una delle maggiori finalità del sistema educativo, deve tendere allo sviluppo delle capacità di analisi critica, della cultura del dibattito (ascoltare, argomentare, sintetizzare ), della decisione collettiva, e deve anche tendere ad un insegnamento potenziato relativo alla conoscenza del mondo di oggi, della sua storia, dei suoi modelli politici, delle diverse culture, del funzionamento delle istituzioni e organizzazioni politiche e democratiche, delle scienze, delle tecniche, dell epistemologia 4 4 Fukushima. Dichiarazione al congresso SNESUP. Nanterre. Aprile

8 Ma l UE ridotta oggi ad una Unione-impresa assoggetta sempre più le società europee, gli uomini e le donne ai mercati e alla finanza. Essa deve liberarsi da questa tendenza devastatrice e lanciare la costruzione di un progetto di società completamente diversa. Nel momento di una crisi mondiale esponenziale il ruolo della ricerca deve essere ridefinito. Questa non può più essere incanalata, distratta e infine disseccata al solo scopo di rispondere ai bisogni del mercato, ma deve invece rispettare tutta la sua missione e contribuire al ripensare e elaborare nuove alternative al nostro modo di sviluppo, alle nostre idee sull economia, sulla produzione e sui consumi. L Unione Europea e i suoi stati membri hanno l obbligo e hanno i mezzi finanziari e le risorse umane per realizzare un piano pubblico di ricerca di un valore incommensurabile rispetto a quello di oggi, fondandosi sulle cooperazioni europee e internazionali. Questo piano dovrà mirare allo sviluppo di una ricerca non finalizzata, indispensabile per preparare l avvenire e allargare il campo delle conoscenze; ad una ricerca che risponda ai bisogni sociali ed ambientali, e che contribuisca alle soluzioni da apportare alla crisi, facendo interagire i progressi tecnologici e tecnici con le indispensabili trasformazioni del sistema economico e sociale; e ad una ricerca come strumento della democrazia e del pensiero critico ed emancipatore. La ricerca nelle scienze umane e sociali, ivi compresa l economia, gioca un ruolo indispensabile per uscire dalla crisi, per esempio analizzando i processi che mettono oggi in pericolo la democrazia e ideando e diffondendo i mezzi per un rafforzamento democratico ème PCRD. Pour une autre recherche en Europe. Dichiarazione dell Ufficio nazionale del SNESUP. Settembre

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

DL 112 (legge 133) Una cronistoria

DL 112 (legge 133) Una cronistoria DL 112 (legge 133) Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni per la valorizzazione della ricerca indipendente N. 1962. d iniziativa del deputato CAPUA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni per la valorizzazione della ricerca indipendente N. 1962. d iniziativa del deputato CAPUA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1962 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPUA Disposizioni per la valorizzazione della ricerca indipendente Presentata il 16 gennaio

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Decreto sviluppo, un provvedimento da emendare

Decreto sviluppo, un provvedimento da emendare Decreto sviluppo, un provvedimento da emendare Inizia la discussione parlamentare sulla conversione in legge del decreto 70/2011. La FLC CGIL, dopo avere illustrato le sue proposte alla Commissione Cultura

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XII edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

SCUOLA LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

SCUOLA LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Investire nel capitale umano per essere una superpotenza culturale Il Ddl di riforma della scuola è stato approvato alla Camera. A giugno sarà votato al Senato.

Dettagli

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica

Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica Legge sull aiuto alle scuole universitarie: obiettivi non raggiunti dossierpolitica 24 agosto 2009 Numero 20 Legge sull aiuto alle scuole universitarie La legge federale sull aiuto alle scuole universitarie

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Cerro Alessandra, componente commissione per l Accreditamento e consigliere dell ordine degli assistenti sociali del Lazio

Cerro Alessandra, componente commissione per l Accreditamento e consigliere dell ordine degli assistenti sociali del Lazio ORDINE ASSISTENTI Legge 23 marzo 1993, n. 84 SOCIALI Ente Pubblico non Economico Consiglio Regionale del Lazio (D.P.R. 5 marzo 1986, n. 68, art. 3) Cerro Alessandra, componente commissione per l Accreditamento

Dettagli

#IOVOGLIOINSEGNARE. Controguida all accesso all insegnamento

#IOVOGLIOINSEGNARE. Controguida all accesso all insegnamento #IOVOGLIOINSEGNARE Controguida all accesso all insegnamento Questa non è la Buona Scuola. La Buona Scuola del Governo Renzi presenta profonde criticità in tutto il suo complesso: va a scardinare tutti

Dettagli

LAVORARE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LAVORARE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PUBBLICO IMPIEGO si intende il rapporto di lavoro che lega un soggetto a una pubblica amministrazione, di cui fanno parte tutti gli enti pubblici: statali: Ministeri, Scuole, Forze Armate e Prefetture

Dettagli

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Al nostro Paese serve una BUONA SCUOLA Perché è l unica risposta alla nuova

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1

Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1 Al nostro Paese e a Roma serve una Buona Scuola 1 Dal 15 settembre al 15 novembre si è svolta una grande consultazione pubblica sul documento del Governo la buona scuola in cui si delineano le linee programmatiche

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio Per la valorizzazione della responsabilità educativa e sociale, della capacità e del merito nell università e nella ricerca Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. 1. La missione

Dettagli

STATI GENERALI. Assemblea di tutte le componenti di ateneo. 21 ottobre 2008

STATI GENERALI. Assemblea di tutte le componenti di ateneo. 21 ottobre 2008 STATI GENERALI Assemblea di tutte le componenti di ateneo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO 21 ottobre 2008 Università Pubblica: non solo tagli Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSTANTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato COSTANTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1134 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato COSTANTINI Disposizioni in materia di insegnamento di sostegno, per garantire l esercizio

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XI edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente di

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4340 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU

Dettagli

XXV Congresso nazionale Fiom-Cgil Montesilvano 14-16 aprile 2010

XXV Congresso nazionale Fiom-Cgil Montesilvano 14-16 aprile 2010 Federazione Impiegati Operai Metallurgici nazionale Corso Trieste, 36-00198 Roma - tel. +39 06 85262341-2 fax +39 06 85303079 www.fiom.cgil.it - e-mail: protocollo@fiom.cgil.it XXV Congresso nazionale

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro di Giulia Tolve Il potenziamento della gestione contrattata dei mutamenti tecnologici ed economici Il terzo

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau

Università degli Studi di Cagliari FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau FACOLTA DI SCIENZE Presidente :Anna Maria Giovanna Musinu Responsabile Segreteria di Presidenza: Donatella Cau Monserrato, 03 febbraio 2016 Prot. n 3767 del 03/02/2016 OGGETTO: Bando di selezione pubblica,

Dettagli

IL FUTURO DELL UNIVERSITA ITALIANA

IL FUTURO DELL UNIVERSITA ITALIANA IL FUTURO DELL UNIVERSITA ITALIANA Dieci proposte del Governo Ombra del Partito Democratico 28 0ttobre 2008 Premessa La situazione universitaria italiana si è fatta incandescente. I pesantissimi tagli

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

CORSI DI PREPARAZIONE AL

CORSI DI PREPARAZIONE AL Centro di Formazione Professionale dal 1909 Leader nazionale nella preparazione ai concorsi pubblici Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia Emilia Romagna CORSI DI PREPARAZIONE AL Concorso 80 posti

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

D.D. 11126 PREMESSO CHE

D.D. 11126 PREMESSO CHE D.D. 11126 BANDO DI SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO AI FINI DELL AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE PER MANAGER DIDATTICO DI ATENEO E MANAGER DIDATTICI DI FACOLTA PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA:

Dettagli

Sintesi dell intervento di Sarah Amrani, lettrice d ambasciata all Università di Catania

Sintesi dell intervento di Sarah Amrani, lettrice d ambasciata all Università di Catania Sintesi dell intervento di Sarah Amrani, lettrice d ambasciata all Università di Catania Discorso articolato in quattro punti: Offerte formative: istruzioni per l uso. Differenze pedagofiche: insegnamento/apprendimento

Dettagli

Riforma degli ordinamenti didattici universitari

Riforma degli ordinamenti didattici universitari Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Legge 19 novembre 1990, n. 341 Gazzetta Ufficiale 23 novembre 1990, n. 274 Riforma degli ordinamenti didattici universitari 1. Titoli universitari 1. Le università

Dettagli

PRESA DI POSIZIONE. di EurelPro. sul. Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa

PRESA DI POSIZIONE. di EurelPro. sul. Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa PRESA DI POSIZIONE di EurelPro sul Libro Verde della Commissione Europea Verso sistemi pensionistici adeguati, sostenibili e sicuri in Europa 09.11.2010 1 Descrizione di EurelPro EurelPro, l associazione

Dettagli

Audizione informale sul DDL del Governo su La Buona Scuola 7ª Commissione Senato Roma, 28 maggio 2015

Audizione informale sul DDL del Governo su La Buona Scuola 7ª Commissione Senato Roma, 28 maggio 2015 Audizione informale sul DDL del Governo su La Buona Scuola 7ª Commissione Senato Roma, 28 maggio 2015 Onorevole Presidente, on.li Commissari, oggi siamo qui per essere ascoltati sul testo del DDL scuola

Dettagli

Campagna Energia per la vita

Campagna Energia per la vita Campagna Energia per la vita CreaFuturo c/o Acli cremona@acli.it c/o AmbienteScienze info@worldwewant.org VISITA UNO DI QUESTI SITI E FIRMA E FAI FIRMARE www.worldwewant.org (pulsante su homepage a sinistra

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA

REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA REGOLAMENTO DELLA COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI AI SERVIZI DELL UNIVERSITA INDICE I - INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI E RELATIVI BANDI... 2 1) Tipologia dei servizi ai quali gli studenti possono collaborare...

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Report della Consultazione

Report della Consultazione AFAM Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica Graduatorie nazionali per il conferimento degli incarichi a tempo determinato Report della Consultazione Ecco la bozza del bando, aiutaci a migliorarla

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli

Programma elettorale di Paola Inverardi

Programma elettorale di Paola Inverardi Programma elettorale di Paola Inverardi Linee programmatiche per l Università dell Aquila 2013-2019 Preliminarmente a questa breve nota devo ringraziare i tanti colleghi che hanno partecipato alle 4 riunioni

Dettagli

La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri»

La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri» La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri» La politica sociale per la casa: il livello locale di Veronica Nicotra Lo spazio dedicato nell ambito delle politiche di welfare alla problematica

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA CARATTERISTICHE DELLA PROVA FINALE La prova finale dei corsi di laurea triennali è in forma

Dettagli

Documento del Collegio dei Docenti dell'ipsia "A. MEUCCI" di Cagliari.

Documento del Collegio dei Docenti dell'ipsia A. MEUCCI di Cagliari. Riforma Moratti. Documento del Collegio dei Docenti dell'ipsia "A. MEUCCI" di Cagliari. marzo 2005 AL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE LETIZIA MORATTI Alla Presidenza della Repubblica Ai genitori degli studenti

Dettagli

Modera Antonio POLITO Direttore del Quotidiano Il Riformista" Intervento del Segretario generale Cisl Raffaele Bonanni

Modera Antonio POLITO Direttore del Quotidiano Il Riformista Intervento del Segretario generale Cisl Raffaele Bonanni Forum La partecipazione dei lavoratori nelle imprese, promosso dal Quotidiano Il Riformista e Cisl, Roma 13 giugno 2008 c/osenato della Repubblica - Sala Capitolare Chiostro del Convento di S. Maria sopra

Dettagli

VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA

VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA VADEMECUM PER L ACCESSO AL TFA da Orizzonte scuola, 30.4.2012 Aggiornato al 30 aprile 2012. Finalità, durata, requisiti, Università che attivano il TFA, classi di concorso attivate e non attivate, l esame

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2007/2008 IL RETTORE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2007/2008 IL RETTORE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI PRESTITI FIDUCIARI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2007/2008 IL RETTORE VISTA la delibera della Giunta Regionale della Lombardia n. 3004 del 27.7.2006

Dettagli

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI 1- Che cosa sono le Borse di Studio Turchia? - Le Borse di Studio Turchia sono le borse di studio pubbliche

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Esperto in Non Profit per lo sviluppo del territorio

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Esperto in Non Profit per lo sviluppo del territorio REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Esperto in Non Profit per lo sviluppo del territorio Direttori del corso: Silvana Signori e Stefano Tomelleri Commissione del Corso

Dettagli

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti

Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Lettera del Magnifico Rettore agli studenti Cari Allieve e Allievi del Politecnico di Milano, In questi giorni ho ricevuto molti messaggi da parte Vostra. In essi vi sono domande volte a cercare di comprendere

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Piero Calamandrei, 1950

Piero Calamandrei, 1950 www.flcgil.it 1 Diritto all'istruzione e finanziamento pubblico un investimento e non un costo A dieci anni dall autonomia scolastica, la situazione del sistema di istruzione è resa drammatica dalla riduzione

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI ALTA MATEMATICA FRANCESCO SEVERI

ISTITUTO NAZIONALE DI ALTA MATEMATICA FRANCESCO SEVERI Senato della Repubblica VII Commissione Audizione Prof. Vincenzo Ancona 27 febbraio 2014 L Istituto Nazionale di Alta Matematica-INdAM L INdAM è l Istituto nazionale della matematica italiana. La specificità

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GELMINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GELMINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3423 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GELMINI Delega al Governo per la promozione e l attuazione del merito nella società, nell

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. Quali sono le modalità per partecipare al concorso della Scuola Superiore di Catania?

DOMANDE FREQUENTI. Quali sono le modalità per partecipare al concorso della Scuola Superiore di Catania? DOMANDE FREQUENTI Si riportano di seguito alcune domande frequenti sul bando di ammissione alla Scuola Superiore di Catania. Si raccomanda, comunque, di leggere attentamente il bando di ammissione prima

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE

SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE SCHEDA TECNICA PAS, TFA E EXCURSUS STORICO SU COSA C'ERA PRIMA DEGLI ATTUALI SISTEMI DI IMMISSIONE NELL'INSEGNAMENTO Il reclutamento degli insegnanti nelle scuole statali avviene mediante contratto che

Dettagli

7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO. Situazione Generale

7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO. Situazione Generale 7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO Ospiti: Federica Laudisa (Osservatorio per il Diritto allo Studio del Piemonte), Maurizio Natali (presidente Fondazione Andisu) Coordinatori tavolo:

Dettagli

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 - DOCUMENTO PROGRAMMATICO - PREMESSA 1999 2011: DAL RIORDINO AL RISANAMENTO Sono trascorsi 12 anni dal riordino del CONI operato dal decreto-melandri (d.lgs. 242/99) e 9

Dettagli

Statuto Art. 1 Art. 2. Art. 3.

Statuto Art. 1 Art. 2. Art. 3. Statuto Art. 1. - È costituita in Napoli l associazione politico-culturale denominata CAMPO LIBERO PER I DIRITTI E LE LIBERTA, con sede in Napoli. Trattasi di libera associazione senza scopo di lucro,

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE AI CONCORSI PER LA CARRIERA DIPLOMATICA E PER LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

CORSO DI PREPARAZIONE AI CONCORSI PER LA CARRIERA DIPLOMATICA E PER LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE BANDO DI AMMISSIONE AL CORSO DI PREPARAZIONE AI CONCORSI PER LA CARRIERA DIPLOMATICA E PER LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle graduatorie ad esaurimento dei docenti

Tutto quello che c è da sapere sulle graduatorie ad esaurimento dei docenti Tutto quello che c è da sapere sulle graduatorie ad esaurimento dei docenti scuole statali MAI PIÙ PRECARI!: è l impegno della FLC Cgil Cosa sono le graduatorie ad esaurimento dei docenti e a cosa servono

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola SOMMARIO Art. 1 Beneficiari del diritto Art. 2 Finalità

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Senato Accademico 17 dicembre 2012 Consiglio di Amministrazione 31 gennaio 2013 Decreto Rettorale Rep. n. 200/2013 Prot. n 3759 del 13 febbraio 2013 Albo di Ateneo Pubblicato all Albo di Ateneo con n.

Dettagli

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi:

Nell art. 3 del Regolamento troviamo la seguente articolazione dei nuovi percorsi formativi: I NUOVI PERCORSI FORMATIVI PER I DOCENTI NORME A REGIME Al termine di un lungo e complesso iter, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31.1.2011, Suppl. Ordinario n. 23, il Regolamento

Dettagli

Lettera aperta alla Presidente dell Associazione Consulenti Grafologi

Lettera aperta alla Presidente dell Associazione Consulenti Grafologi Lettera aperta alla Presidente dell Associazione Consulenti Grafologi Cara Presidente, credo sia ormai irrinunciabile e improcrastinabile una presa di posizione netta e forte presso l AUTORITA GARANTE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni a favore dei professori incaricati stabilizzati N. 7429 SCALIA, ALBERTINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni a favore dei professori incaricati stabilizzati N. 7429 SCALIA, ALBERTINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7429 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SCALIA, ALBERTINI Disposizioni a favore dei professori incaricati stabilizzati Presentata

Dettagli

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Il workfare (o welfare to work), termine derivante dalla fusione di work e welfare, é un modello alternativo al classico

Dettagli

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano Nel suo intervento, il Rettore del Politecnico di Milano ha presentato la decisione del Senato accademico di obbligare

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

La Sapienza Università di Roma 1 è la più grande università d'italia e una delle più grandi in Europa con 129.500 iscritti nel 2010 di cui il 40 %

La Sapienza Università di Roma 1 è la più grande università d'italia e una delle più grandi in Europa con 129.500 iscritti nel 2010 di cui il 40 % 1 2 La Sapienza Università di Roma 1 è la più grande università d'italia e una delle più grandi in Europa con 129.500 iscritti nel 2010 di cui il 40 % Fuori Sede. I problemi che affliggono la nostra università

Dettagli

Catania, 12 febbraio 2002. Magnifico Rettore, Autorità tutte, cari studenti, cari professori, signore e signori,

Catania, 12 febbraio 2002. Magnifico Rettore, Autorità tutte, cari studenti, cari professori, signore e signori, 1 Intervento del Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Letizia Moratti all inaugurazione dell anno accademico all Università degli studi di Catania Catania, 12 febbraio 2002 Magnifico

Dettagli

La questione delle lingue nel sistema Italia

La questione delle lingue nel sistema Italia 1 «E solo la lingua che fa eguali. Eguale è chi sa esprimersi e intende l espressione altrui. Che sia ricco o povero importa meno. Basta che parli» [...]«E non basta certo l italiano, che nel mondo non

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Si è riunita oggi la Cabina di Regia per l attuazione del Piano di azione per l occupabilità dei

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI UNIVERSITA DEGLI STUDI e-campus FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Corso di laurea GIURISPRUDENZA MAGISTRALE PROF. AVV. Fiorella D Angeli CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM PROF. AVV. FIORELLA D ANGELI La Prof.ssa Fiorella

Dettagli