Protocollo Operativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocollo Operativo"

Transcript

1 Protocollo Operativo Rete Regionale Interaziendale per la raccolta di Cellule Staminali Cordonali SCO Rev. 1.0

2 Premessa... 2 Promozione e informazione su donazione SCO... 2 Unità operative coinvolte... 3 Procedura di attivazione dei Centri Raccolta... 3 Formazione e qualifica del Personale... 3 Accettazione della donatrice... 4 Presso U.O. Ostetricia... 4 Presso Struttura Trasfusionale... 5 Prelievo SCO... 5 Presa in carico SCO da parte del Servizio Trasfusionale... 6 Trasporto... 6 Follow up... 7 Modulistica... 8 Compiti delle U.O. partecipanti: indice riassuntivo... 8 Tabella dei responsabili... 9 Centri Raccolta... 9 Riferimenti legislativi Flow chart riassuntive Modelli Documenti

3 Percorso alla donazione di sangue da cordone ombelicale: protocollo operativo Premessa La donazione di sangue da cordone ombelicale è una procedura che abbraccia diversi ambiti sanitari: l ostetricia, la neonatologia, le attività trasfusionali. Pertanto è necessario che le attività di ciascun ambito disciplinare vengano coordinate con precisione. Il percorso alla donazione di sangue va dall individuazione e attivazione dei Centri Raccolta alla comunicazione di idoneità dell unità donata. Di seguito viene diviso il percorso in 6 macro-procedure operative: promozione e informazione sulla donazione; attivazione Centri di Raccolta SCO; accettazione della donatrice; raccolta SCO e presa in carico unità SCO ; trasporto SCO alla Banca per il banking; follow up del neonato e della madre. PROMOZIONE / INFORMAZIONE Richiesta di attivazione Addestramento personale Centri Raccolta Gestante Accettazione della donatrice Prelievo SCO Presa in carico unità SCO al Trasfusionale Follow up neonato e donatrice Trasporto e banking Promozione e informazione su donazione SCO 2

4 Le Associazioni di volontariato concorrono e partecipano alla promozione di campagne di informazione e sensibilizzazione alla donazione di sangue da cordone ombelicale. L informazione alle donatrici è garantita da personale sanitario adeguatamente addestrato e qualificato secondo le proprie competenze e ha luogo: nelle strutture territoriali dai ginecologi e dalle ostetriche presenti nei consultori (corsi di educazione alla nascita, attività di colloquio, etc.); nelle strutture ospedaliere dal personale sanitario delle U.O. di Ostetricia e Ginecologia; negli ambulatori di Ostetricia e Ginecologia dal personale sanitario. Il materiale informativo cartaceo e multimediale sono forniti dalla Banca SCO e/o dalle Associazioni e Federazioni di Volontariato ADISCO, ADMO, AVIS, CRI, DOMOS, FIDAS iscritte nei registri regionali o riconosciute dalla Banca SCO. Unità operative coinvolte Le U.O. coinvolte nella raccolta SCO sono: la U.O. di Ostetricia; il Servizio Trasfusionale di riferimento; la U.O. di Neonatologia e Pediatria. Procedura di attivazione dei Centri Raccolta Così come disposto dalla Legge regionale 23/2007 art. 9, sono stati individuati come Centri di Raccolta SCO, le U.O. Ginecologia e Ostetricia delle Strutture Ospedaliere e le Aziende Ospedaliere sedi di DEA e PSA attivi. I Centri Raccolta sono: ASP: Melfi, Lagonegro, Villa D Agri; ASM: Matera, Policoro; Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Potenza. L attivazione dei Centri Raccolta è condizionata da una serie di adempimenti e requisiti individuati nel protocollo operativo della Banca SCO tesi a garantire l uniformità delle procedure su tutto il territorio regionale e prevede inizialmente corsi di formazione per tutto il Personale interessato. Il Direttore della U.O. di Ostetricia deve formulare la sua adesione tramite una dichiarazione, sottoscritta dai rispettivi Direttori dei SIT o dei Centri Trasfusionali, al Direttore del C.R.C.C. della Regione Basilicata, sito c/o la U.O.C. Servizio Immunotrasfusionale dell Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Potenza. Alla dichiarazione di adesione deve essere allegato: parere favorevole: Direzione Generale Ospedaliera/Aziendale; Direzione Sanitaria Ospedaliera/Aziendale; Direttore U.O. Neonatologia/Pediatria; Direttore del Servizio di Medicina Trasfusionale competente; la dichiarazione di disponibilità all aggiornamento del personale addetto alla raccolta. Formazione e qualifica del Personale La formazione del personale addetto alla raccolta, così come previsto nel Protocollo Operativo per l attivazione di un Centro di Raccolta del sangue di cordone ombelicale afferente alla Banca Regionale SCO Azienda Policlinico Umberto I Roma, Università degli Studi di Roma La Sapienza, di seguito denominata Banca SCO, avverrà secondo il seguente flusso: 3

5 l Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza e l Ospedale Madonna delle Grazie di Matera, provvederanno a formare il proprio personale sanitario coinvolto nella raccolta di SCO presso la Banca SCO secondo calendario stabilito da quest ultima. Il personale sanitario che parteciperà al programma dovrà essere addestrato alle specifiche attività di competenza, qualificato, aggiornato e monitorato e dovrà rispettare quanto descritto nelle procedure operative fornite dalla Banca SCO. Le Strutture Sanitarie di cui sopra, a loro volta, formeranno a cascata il personale dei Centri di Raccolta da attivare. AOR San Carlo - Potenza M. Delle Grazie - Matera Formazione c/o Banca SCO Attivazione Centri Raccolta Potenza e Matera Melfi Lagonegro Villa D Agri Policoro 1. Pareri favorevoli Direttore Generale, Sanitario, Neonatologia, Pediatria, SIT; 2. Dichiarazione di disponibilità alla formazione; Richiesta Attivazione con dichiarazione al C.R.C.C. Formazione c/o Potenza o Matera dei centri che richiedono l attivazione Comunicazione nuovo Centro Raccolta alla Banca SCO Attivazione dei Centri Raccolta Accettazione della donatrice Le donatrici di Cellule Staminali a Cordone Ombelicale possono essere arruolate a partire dalla 35 settimana. Il percorso di accettazione della donatrice prevede diverse fasi di seguito riportate. Presso U.O. Ostetricia Il Ginecologo o l Ostetrica della U.O. di Ostetricia e Ginecologia avranno il compito di aprire la cartella SCO della donatrice (vedi paragrafo Cartella SCO). Si occuperanno della selezione, dando informazioni corrette e compilando il questionario anamnestico ostetrico. Dovranno chiedere la disponibilità della donna/coppia alla donazione, informandola correttamente sull assenza totale di rischi sia su di lei, sia sul bambino e sulle modalità della donazione e della raccolta del sangue placentare. Se la donna/coppia non 4

6 acconsentirà alla donazione, il processo sarà interrotto. Altrimenti, tramite il questionario anamnestico, si valuterà l idoneità alla donazione in accordo ai criteri dettati dalle normative vigenti. Il questionario anamnestico andrà allegato alla cartella SCO. Il Ginecologo o l Ostetrica fisseranno alla coppia un appuntamento per il colloquio anamnestico presso la Struttura Trasfusionale competente e provvederanno ad inviare a quest ultima la cartella SCO. Presso Struttura Trasfusionale La coppia si presenta presso la Struttura Trasfusionale per effettuare la visita e il colloquio anamnestico di idoneità alla donazione con il Medico Trasfusionista, ai sensi della Legge n. 219 del 21 ott (G.U. n. 251 del 27 ott. 2005). Il Modulo anamnestico prodotto con eventuali ulteriori informazioni verranno riposti nella cartella SCO. Se la coppia non risulta idonea alla donazione SCO, il Medico Trasfusionista archivia il modulo anamnestico in apposito spazio all interno della cartella SCO, denominato Coppie non idonee donazione SCO. Se risulta idonea, la coppia firma il consenso informato alla donazione su apposito modello fornito dalla Banca SCO. Alla donna verrà consegnato un Attestato di idoneità donazione SCO, che dovrà esibire all Ostetrica al momento del ricovero per il parto. L attestazione dovrà essere predisposta su doppia copia: la seconda copia dovrà essere allegata alla cartella SCO. La cartella SCO verrà consegnata, dal personale del Servizio Trasfusionale, all Ostetrica della U.O. di Ostetricia e Ginecologia per essere conservata in apposito raccoglitore, in un luogo che garantisca la privacy della donna/coppia, ma di facile accesso per gli operatori. Prelievo SCO La donna si presenta alla U.O. di Ostetricia e Ginecologia per il parto e consegna l attestato di idoneità alla donazione SCO al Ginecologo o all Ostetrica di turno. Questi ricercano la cartella SCO della donna e verificano che il contenuto sia conforme alla donazione. Effettuano il prelievo delle SCO e dei campioni biologici secondo le Istruzioni Operative fornite dalla Banca SCO. L identificazione della sacca di raccolta deve essere particolarmente accurata nella stesura, nel controllo, nella comprensione dei dati riportati e dei moduli allegati (Scheda Raccolta Dati SCO). E necessario ricontrollare la congruità dell identificazione sacca-donatrice. Contestualmente al prelievo di SCO devono eseguire i prelievi dei campioni biologici alla Donatrice secondo le istruzioni operative fornite dalla Banca SCO. Gli orari per le attività di raccolta sono legati agli orari di accettazione delle SCO da parte della Banca (come riportato dal protocollo operativo fornito dalla Banca) e di trasporto degli stessi alla Banca come di seguito riportato: LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA FERIALE (*) PREFESTIVO 1 G. FESTIVO 2 G. FESTIVO ULTIMO G. FESTIVO (*)Giorno precedente al prefestivo 5

7 Immediatamente dopo il prelievo, l unità SCO raccolta avvolta da un apposito contenitore plastico protettivo sigillato, la cartella SCO e i campioni biologici vengono inviati al Servizio Trasfusionale dall Ostetrica o dal Ginecologo di turno. Presa in carico SCO da parte del Servizio Trasfusionale Il Medico Trasfusionista, ricevuta l unità SCO, i campioni biologici e la cartella SCO, ne verifica la conformità: verifica dell integrità della sacca e presenza di eventuali coaguli, verifica del peso utilizzando apposita bilancia. Se non conformi, e le non conformità non sono sanabili, viene compilata la dichiarazione e notifica di non conformità non sanabile/i a prelevatori e non viene inviata l unità alla Banca SCO. Se la non conformità è sanabile il Medico Trasfusionista provvede alla immediata risoluzione, in questo istante appone il barcode fornito dalla Banca SCO sull unità SCO raccolta. Le unità SCO conformi e i campioni biologici vengono prima accettati nel sistema informativo di ciascun Servizio Trasfusionale senza applicare nessuna altra etichetta locale, e poi stoccati in frigoemoteca a 4C fino al momento del trasporto. Vengono prodotte le relative bleeding list. Trasporto L attività di trasporto avverrà mediante organizzazioni di volontariato regionali autorizzate con apposite convenzioni (ex lege regionale n.23 art. 9 del ). Il Personale in servizio del Servizio Trasfusionale, entro le dei giorni previsti dal seguente calendario provvede a confezionare le unità SCO, i campioni biologici e ogni documentazione necessaria, compila il modulo di registrazione per il trasporto delle unità SCO del Centro di Raccolta, produce e firma la relativa bleeding list di esportazione verso la Banca SCO. Le unità SCO raccolte nei Centri Raccolta dovranno pervenire alla U.O. Servizio Immunotrasfusionale della A.O.R. San Carlo Potenza nei giorni previsti dal seguente calendario: LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA Il SIT della A.O.R. San Carlo Potenza, provvederà a stoccare adeguatamente le unità SCO, i campioni biologici e ogni documento di accompagnamento a questi ultimi, provenienti dai Centri Raccolta regionali. Alle ore 5.00 di ogni giorno utile secondo il seguente calendario: LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI SABATO DOMENICA

8 BANCA SCO Melfi Centri Trasfusionali Potenza S.I.T. Villa D Agri Matera Lagonegro Policoro il Tecnico di turno della SIT A.O.R. San Carlo Potenza rilascia (attua la procedura informatica di scarico) le unità SCO del SIT A.O.R. San Carlo Potenza e consegna sia queste ultime che quelle provenute dagli altri Centri di Raccolta agli autisti addetti al trasporto. Il tutto verrà accompagnato da due appositi moduli di trasporto: uno che traccia l unità nel percorso dal Centro di Raccolta al punto di snodo presso il Trasfusionale della A.O.R. San Carlo, l altro che traccia l unità dal Trasfusionale della A.O.R. San Carlo alla Banca SCO. Su questi moduli verranno registrati tutti i percorsi di presa in carico e rilascio delle unità stesse. Follow up La Banca SCO comunica via fax l esito della raccolta (idonea o no) al Servizio Trasfusionale. Il Medico Trasfusionista comunica tale esito al Ginecologo o all Ostetrica del Centro Raccolta i quali a loro volta provvederanno a darne notifica mediante lettera standard, alla Donatrice. L Ostetrica del Centro Raccolta archivia la Cartella SCO che dovrà essere conservata per 30 anni. L U.O. Banca SCO programma il follow up anamnestico a 6 e 12 mesi solo per le donatrici le cui donazioni risultano bancabili. La lista delle donatrici da richiamare viene inviata dalla Banca SCO al Servizio Trasfusionale. La Donatrice si presenta per il follow-up presso il Centro Raccolta. Il Ginecologo o l Ostetrica di turno provvederanno ad eseguire tutte le procedure necessarie e previste dal protocollo 7

9 fornito dalla Banca SCO: controllo anamnestico, prelievo della donatrice. Quest ultima dovrà fornire anche il certificato attestante lo stato di salute del neonato firmato dal Pediatra che lo ha seguito nei primi mesi di vita. Modulistica Tutta la modulistica menzionata in questo documento e nelle flow-chart allegate ad esso, ove non altrimenti specificato, sarà prodotta dal C.R.C.C. Basilicata in conformità con i modelli forniti dalla Banca SCO. Compiti delle U.O. partecipanti: indice riassuntivo Dalle procedure appena descritte è possibile riassumere i compiti delle U.O. partecipanti come segue: U.O. di Ostetricia ha il compito di: 1. informare e sensibilizzare le future mamme alla donazione di SCO (brochure informativa); 2. informazione sul percorso SCO; 3. apertura cartella donazione SCO; 4. anamnesi ostetrica e compilazione apposita sezione del questionario anamnestico; 5. erogazione appuntamento per colloquio anamnestico; 6. conservazione cartella SCO; 7. al momento del parto, ricerca e gestione della cartella SCO; 8. prelievo SCO conformemente al protocollo; 9. prelievo campioni biologici donatrice; 10. compilazione modulo Scheda Raccolta Dati SCO ; 11. invio unità SCO e cartella SCO al servizio trasfusionale; 12. comunicazione alle donatrici su idoneità temporanea della donazione al banking; 13. archiviazione cartella SCO. U.O. Neonatologia/Pediatria ha il compito di: 1. trasmettere i dati del nascituro: sesso, peso, Apgar, presenza/assenza di malformazioni rilevabili alla visita medica, etc.; 2. certificare lo stato di buona salute al secondo controllo al sesto mese di vita. Tale certificazione può essere demandata al pediatra di base curante. U.O. Trasfusionale ha il compito di: 1. effettuare, con la coppia donatrice-partner, il colloquio anamnestico di idoneità alla donazione conformemente all Istruzione Operativa Selezione per la donazione e conservazione SCO ; 2. archiviazione Modulo Anamnestico in apposito spazio denominato Coppie non idonee donazione SCO, qualora la coppia non risultasse idonea; 3. ottenimento del consenso informato alla donazione; 4. compilazione e consegna alla Donna di attestazione di idoneità alla donazione SCO; 5. ricezione unità SCO, campioni biologici e Cartella SCO dal Centro Raccolta; 6. verifica conformità unità SCO, campioni biologici e documentazione; 7. dichiarazione e notifica non conformità non sanabile a prelevatori e mancato invio alla Banca SCO; 8. risoluzione immediata di non conformità sanabili; 9. confezionamento unità SCO e campioni biologici; 10. consegna unità SCO, campioni biologici e documentazione al personale addetto al trasporto; 8

10 11. invio unità SCO, campioni biologici, documentazione alla Banca SCO Azienda Policlinico Umberto I. Tabella dei responsabili Centri Raccolta Struttura/Azienda U.O. Referente Sostituto Referente Ospedaliera Centro Regionale di Dott.ssa Clelia Musto // Coordinamento Coordinamento e Compensazione Sala Parto Dott.ssa Carovigno Dott. Orlando Domenico A.O.R. San Carlo Elelna Potenza Servizio Trasfusionale Dott. Grippo Teodosio Dott.ssa Pafundi Maria Sala Parto Dott.ssa Bottegaro Dott.ssa Cifarelli Giulia Ospedale Madonna delle Grazie - Matera Servizio Trasfusionale Michela Dott. Gianfranco Dott. Valentino Tonino Giannella Lagonegro Sala Parto Dott. Curzio Francesco Dott. Di Vita Egidio Servizio Trasfusionale Dott. Volonnino Canio Dott.ssa Leone Emilia Sala Parto Dott. Adornato Dott. Quinto Carlo Policoro Giampiero F. Servizio Trasfusionale Dott.ssa Guerricchio Dott. Pace Massimo Chiara Sala Parto Dott. Serica Ubaldo Dott. Ormando Antonio Villa D Agri Servizio Trasfusionale Dott.ssa Perrone Dott. Barra Giuseppe Carmela Melfi Sala Parto Dott. Padula Giuseppe Dott. Gliaschera Michele Servizio Trasfusionale Dott. Borgia Michele Dott. D Anzieri Antonio 9

11 Riferimenti legislativi Legge 21 ottobre 2005, n. 219: Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati. D.M. 3 marzo 2005: Protocolli per l accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti. D.M. 3 marzo 2005: Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e degli emocomponenti. D.L. 6 novembre 2007, n. 191: Attuazione della direttiva 2004/23/CE sulla definizione delle norme di qualità e di sicurezza per la donazione, l approvvigionamento, il controllo, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umani. D. 18 novembre 2009, G.U. n. 303 del , di Istituzione di una rete nazionale di banche per la conservazione di sangue da Cordone Ombelicale. D. 18 novembre 2009, G.U. del , Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del Cordone Ombelicale Legge Regione Basilicata, 18 dicembre 2007, n. 23: Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta Delibera della Regione Basilicata n. 216 del 9 febbraio 2010: Presa d atto dell Accordo Operativo Attività di bancaggio della Banca SCO Azienda Policlinico Umberto I di Roma, Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo di Potenza e Azienda Sanitaria ASM di Matera. DGR n.2104 del : Movimentazione per il trasporto delle unità di sangue. Convenzione con l AVIS Regionale della Basilicata. 10

12 Flow chart riassuntive SOMMARIO 1. SCOPO DEFINIZIONE APPLICABILITA' MODALITA' OPERATIVE DIAGRAMMI DI FLUSSO DONAZIONE DI SANGUE CORDONE OMBELICALE 5. STRUMENTI DI REGISTRAZIONE 11

13 1.SCOPO Lo scopo di questa Procedura è quello di definire il flusso operativo e le relative responsabilità del percorso di donazione di Sangue di Cordone Ombelicale (SCO) effettuato presso i Centri Raccolta (CC) delle UU.OO. di Ostetricia e Ginecologia della Regione Basilicata, in conformità alle disposizioni nazionali vigenti, alle procedure operative derivate, ove definite e applicabili, nonché alle procedure concordate con la Banca SCO di riferimento, allocata presso il Dipartimento di Medicina Trasfusionale - Roma Centro - dell'azienda Policlinico - Umberto I - Università - La Sapienza. 2.Definizioni SCO Sangue di Cordone Ombelicale Cartella SCO Raccolta della documentazione inerente tutto il percorso di donazione SCO di ogni candidata donatrice Banca SCO Banca SCO Azienda Policlinico- Umberto I - Università - La Sapienza. Centri Raccolta Centri di prelievo autorizzati alla raccolta di SCO dalla Regione Basilicata 3.Applicabilità La presente procedura viene applicata presso gli Ospedali e Aziende Ospedaliere autorizzate alla raccolta di SCO della Regione Basilicata, a cura delle UU.OO. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, Ostetricia e Ginecologia e Pediatria, in relazione alle responsabilità definite all'interno della stessa. 12

14 4. MODALITA' OPERATIVE 4.1 DIAGRAMMA DI FLUSSO DONAZIONE DI SANGUE DI CORDONE OMBELICALE NOTE Promozione e informazione su donazione SCO Ginecologi, Ostetriche, Associazioni, ecc I Ginecologi, le Ostetriche, Associazioni, ecc. indicano alla Donna il Centro Raccolta di ogni Azienda Ospedaliera o Ospedale per iniziare il percorso di donazione del Sangue di Cordone Ombelicale, nei giorni stabiliti da ciascun Centro. Informazione sul percorso SCO Ginecologi, Ostetriche del Centro Raccolta Cartella SCO Apertura cartella donazione SCO Ginecologi, Ostetriche del Centro Raccolta Anamnesi ostetrica e compilazione apposita sezione del questionario anamnestico Ginecologi, Ostetriche del Centro Raccolta Agenda Erogazione appuntamento per colloquio anamnestico Ginecologi, Ostetriche del Centro Raccolta La coppia si presenta al Servizio Trasfusionale 13

15 Cartella SCO Coppia Idonea? Modulo Anamnestico Effettuazione colloquio anamnestico di idoneità alla donazione Medico Trasfusionista NO Vedi Istruzione Operativa Selezione per la donazione e conservazione SCO NOTE Il Medico Trasfusionista competente per la gestione di queste fasi ai sensi della Legge n. 219 del 21 Ott GU. n.251 del 27 Ott.2005, effettua la visita presso la struttura di appartenenza secondo calendario stabilito. Archiviazione Modulo Anamnestico in apposito spazio denominato Coppie non idonee donazione SCO SI Cartella SCO Modulo consenso informato Ottenimento consenso informato alla donazione Medico Trasfusionista Medico Trasfusionista Cartella SCO Attestato idoneità don. SCO Compilazione e consegna alla Donna di attestazione di idoneità alla donazione SCO Medico Trasfusionista L attestazione di idoneità alla donazione SCO viene rilasciata alla Donna per essere esibita all Ostetrica al momento del ricovero per il parto. L attestazione deve essere predisposta su doppia copia: la seconda copia deve essere inserita nella Cartella SCO della Donna. Cartella SCO Conservazione Cartella SCO Ostetrica del Centro Raccolta Le Cartella SCO sono conservate in apposito spazio nei locali adiacenti alle Sale Parto, nel rispetto delle disposizioni di legge vigenti in materie di privacy La Donna si presenta al parto Attestato idoneità don. SCO Consegna attestato di idoneità alla donazione SCO all Ostetrica Donna-Partner Ricerca e gestione Cartella SCO Ostetrica di turno 14

16 NOTE Prelievo SCO Ginecologo, Ostetrica di turno Vedi Istruzione Operativa Prelievo Sangue di Cordone Ombelicale per donazione e relativi campioni biologici. Il prelievo SCO viene effettuato nei tempi previsti dal protocollo operativo descrittivo. Prelievo campioni biologici Donatrice Ginecologo, Ostetrica di turno Vedi Istruzione Operativa Prelievo Sangue di Cordone Ombelicale per donazione e relativi campioni biologici. Cartella SCO Scheda Raccolta Dati SCO Compilazione Modulo Scheda Raccolta dati SCO Ginecologo, Ostetrica di turno Invio unità SCO, e Cartella SCO al Servizio Trasfusionale L invio al Servizio Trasfusionale deve essere effettuato immediatamente dopo il prelievo del SCO Ostetrica di turno Ricezione unità SCO, campioni biologici e Cartella SCO Personale Servizio Trasfusionale Verifica Conformità unità SCO, campioni biologici e documentazione da inviare a Banca SCO Azienda Policlinico Umberto I Medico Trasfusionista 15

17 Conformi? NO Non conformità sanabile? Notifica NC noti Dichiarazione e notifica non NO conformità non sanabile/i a prelevatori Medico Trasfusionista SI SI Confezionamento unità SCO e campioni biologici Personale Servizio Trasfusionale Risoluzione immediata Medico Trasfusionista Mancato invio a Banca SCO Azienda Policlinico Umberto I Modulo di registrazione per il trasporto delle unità SCO del centro di raccolta Cartella SCO Invio unità SCO, campioni biologici, documentazione a Banca SCO Azienda Policlinico Umberto I Deve essere compilato il Documento di Registrazione per il trasporto di SCO dal centro di raccolta Personale Servizio Trasfusionale Comunicazione da Banca SCO Ricezione Comunicazione donazioni bancabili da Banca SCO Azienda Policlinico Umberto I Ostetrica del Centro Raccolta e/o Medico Trasfusionista L U.O. Banca Sco Azienda Policlinico Umberto I comunica via fax al Servizio Trasfusionale i riferimenti delle donazioni SCO risultate temporaneamente idonee al banking. Lettera Standard Comunicazione alle Donatrici su idoneità temporanea della donazione al bancking Ostetrica del Centro Raccolta L Ostetrica del Centro Raccolta provvede a notificare alla Donatrice l idoneità temporanea della donazione al banking mediante lettera standard. Tale nota deve evidenziare la indisponibilità del follow-up a 6 e 12 mesi eseguito dalla Banca SCO per attribuire l idoneità definitiva all unità di SCO. 16

18 Archiviazione Cartella SCO Ostetrica del Centro Raccolta NOTE La Cartella SCO deve essere conservata per 30 anni Programmazione follow-up a 6 e 12 mesi Banca SCO L U.O. Banca SCO programma il follow-up anamnestico a 6 e 12 mesi solo per le Donatrici le cui donazioni risultano bancabili. La Donatrice si presenta per il follow-up presso il Centro Raccolta 17

19 5. STRUMENTI DI REGISTRAZIONE Cartella SCO: documento di registrazione questionario anamnestico; consenso informato alla donazione di SCO della coppia; scheda raccolta dati SCO; dichiarazione di prelievo; documento di registrazione attestante la salute del neonato; modulo di registrazione per il trasporto delle unità di SCO dal centro di raccolta 18

20 Modelli Documenti SOMMARIO 1. Dichiarazione di adesione 2. Modulo di Trasporto Centro di Raccolta-San Carlo 3. Modulo di trasporto San Carlo-Banca SCO 4. Scheda raccolta dati SCO 5. Dichiarazione di prelievo 6. Documento di registrazione attestante lo stato di salute del neonato 19

21 DICHIARAZIONE DI ADESIONE Il sottoscritto Prof./Dott....direttore della U.O. di Ostetricia dell Azienda/Ospedale.. di.., avendo preso visione delle modalità di adesione al programma di individuazione e formazione dei Centri di Raccolta di Sangue di Cordone Ombelicale, chiede di essere attivato quale Centro Raccolta di SCO della Rete Regionale SCO di Basilicata. A tal fine dichiaro: di aver visionato e accettato il protocollo operativo fornito dalla Banca SCO; di aver visionato e accettato il protocollo operativo regionale fornito dal Centro Regionale di Coordinamento e Compensazione (C.R.C.C.) della Regione Basilicata; di garantire la disponibilità alla formazione e all aggiornamento del personale addetto alla raccolta attraverso corsi di formazione organizzati dalla Banca SCO o dalle Strutture/Aziende Capofila della Regione Basilicata (A.O.R. San Carlo Potenza e Ospedale Madonna delle Grazie di Matera); di garantire la partecipazione del personale interessato alle riunioni e ai corsi annuali della Banca; di garantire l apertura ad azioni correttive per la soluzione di problemi insorgenti; di garantire l immediato riscontro alle richieste di dati, da parte della Banca, ai fini del calcolo degli indicatori di performance per la valutazione del funzionamento del programma; di garantire l impegno alla continuità dell attività di raccolta o all interruzione, previa tempestiva comunicazione alla Banca, se dovesse rendersi necessario; di aver acquisito il parere favorevole del Dott./Prof.. Direttore Sanitario del Presidio. come sottoscritto; di aver acquisito il parere favorevole del Dott./Prof.. Direttore Servizio Medicina Trasfusionale di riferimento de Presidio.. come sottoscritto; di aver acquisito il parere favorevole del Dott./Prof.. Direttore del Reparto di Neonatologia/Pediatria del Presidio. come sottoscritto; data Firma Si esprime parere favorevole alla partecipazione alla Rete di Raccolta SCO regionale Il Direttore Sanitario del Presidio Firma Si esprime parere favorevole alla partecipazione alla Rete di Raccolta SCO regionale Il Direttore del Reparto di Neonatologia/Pediatria Firma Si esprime parere favorevole alla partecipazione alla Rete di Raccolta SCO regionale Il Responsabile della Struttura Trasfusionale Firma Si esprime parere favorevole alla partecipazione alla Rete di Raccolta SCO regionale Il Direttore Sanitario Aziendale Firma Si esprime parere favorevole Il Direttore Generale 20

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta)

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) Lettera progressiva A Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 5 D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) DISCIPLINARE DEI REQUISITI

Dettagli

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Lettera progressiva: B Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 10 D2: PROTOCOLLO D INTESA PER LA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE Premessa....

Dettagli

PUNTO DI RACCOLTA SANGUE CORDONALE

PUNTO DI RACCOLTA SANGUE CORDONALE Il Punto di Raccolta del Sangue Cordonale (PRSC) è la struttura del Percorso Nascita in rete, inteso come UO di Ostetricia e Ginecologia pubblica o privata, in cui è attivata la donazione e l invio del

Dettagli

CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE

CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE CONVENZIONE PER L ADESIONE ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE L AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI BOLOGNA (CF 92038610371), con sede in Bologna - via Albertoni n. 15, nella persona del Dirigente Responsabile

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016

l Allegato II Sala Cesari Casa del Donatore Bologna, sabato 16 gennaio 2016 Decreto Ministero della Salute 2.11.2015 pubblicato su GURI SG n.300 del 28.12.2015 "Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti" Coordinatore del Comitato

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

OFFERTA DI PRESTAZIONI

OFFERTA DI PRESTAZIONI S.S.D. MEDICINA TRASFUONALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La struttura di Medicina Trasfusionale è un organizzazione che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa, sia in termini di raccolta

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

visto il D.M. Salute 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti ;

visto il D.M. Salute 3 marzo 2005 Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti ; REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 aprile 2015, n. 12-1322 Rinnovo della Convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d'aosta per il collegamento

Dettagli

ERCB. La rete e l accreditamento dei Centri Nascita. Cristiana Vaselli

ERCB. La rete e l accreditamento dei Centri Nascita. Cristiana Vaselli ERCB La rete e l accreditamento dei Centri Nascita Cristiana Vaselli Punti Nascita: 29 Ostetricie pubbliche E-R S.Orsola-Malpighi BO O.BorgoValdiTaro(PR) Osp. Guastalla (RE) Osp. Maggiore BO Osp. Ravenna

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

Dipartimento Interaziendale Regionale di Medicina Trasfusionale Direttore Dott. Mario Piani

Dipartimento Interaziendale Regionale di Medicina Trasfusionale Direttore Dott. Mario Piani Dipartimento Interaziendale Regionale di Direttore Dott. Mario Piani RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 sviluppato dal Responsabile Assicurazione Qualità Dipartimentale Dott.ssa G.SIRACUSA e dai RAQ delle

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _I _ Dgr n. del pag. 1/6 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 84/CSR del 20 aprile 2011 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli

Dettagli

Conferenza Stato Regioni

Conferenza Stato Regioni Pagina 1 di 5 Conferenza Stato Regioni Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante Linee guida per l accreditamento delle Banche di sangue da cordone

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

La donazione di sangue: una scelta libera e consapevole. XVII Assemblea Annuale Soci Avis Comunale Cariati. 2 Aprile 2011 Dott. Domenico Lorenzo Urso

La donazione di sangue: una scelta libera e consapevole. XVII Assemblea Annuale Soci Avis Comunale Cariati. 2 Aprile 2011 Dott. Domenico Lorenzo Urso La donazione di sangue: una scelta libera e consapevole XVII Assemblea Annuale Soci Avis Comunale Cariati 2 Aprile 2011 Dott. Domenico Lorenzo Urso Nella relazione vengono esposti gli aspetti legislativi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

S. C. IMMUNOLOGIA e TRASFUSIONALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. IMMUNOLOGIA e TRASFUSIONALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. IMMULOGIA e TRASFUONALE OSPEDALE SAN BASA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA Il servizio di Immunotrasfusionale (T) è un organizzazione complessa che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa,

Dettagli

PO-TR-003/2 CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO SANGUE ED EMOCOMPONENTI

PO-TR-003/2 CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO SANGUE ED EMOCOMPONENTI Requisiti O.79, O.80 e O.80.1 Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL Lab UdR CQB SGQ BSCS SGA DS CRIO CAR CR Trasf X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P. A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa

Dettagli

Carta dei Servizi della Banca del Sangue di Cordone Ombelicale di Sciacca

Carta dei Servizi della Banca del Sangue di Cordone Ombelicale di Sciacca AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI AGRIGENTO Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II Sciacca RETE TRASFUSIONALE ASP AG UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA di COORDINAMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE Direttore: Dott.

Dettagli

CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n.

CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n. CONVENZIONE TRA REGIONE E ASSOCIAZIONI E FEDERAZIONI DEI DONATORI DI SANGUE AI SENSI DELL ARTICOLO 6 DELLA LEGGE 21 OTTOBRE 2005 n. 219 La Regione Emilia-Romagna nella persona dell'assessore alle Politiche

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

R E G I O N E P U G L I A. Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio Programmazione Assistenza Ospedaliera

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 620 DEL 29 OTTOBRE 2015 CONVENZIONE TRA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 620 DEL 29 OTTOBRE 2015 CONVENZIONE TRA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 620 DEL 29 OTTOBRE 2015 CONVENZIONE TRA LA REGIONE CAMPANIA e per essa L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, PARTITA IVA n. 06909360635, - sede del DAI di Medicina

Dettagli

Legislazione AVIS Abruzzo

Legislazione AVIS Abruzzo Decreto Ministero Sanità 3 Marzo 2005.(G.U. n. 85 13/04/2005) Protocolli per l`accertamento della idoneita` del donatore di sangue e di emocomponenti IL MINISTERO DELLA SALUTE Vista la legge 4 maggio 1990,

Dettagli

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto DI. Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL IMM UdR CQB SGQ BSCS SGA LAB CRIO CAR X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P.A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa M. Ferraro APPROVATO Dott. F. Buscemi

Dettagli

S.S.D. MEDICINA TRASFUSIONALE

S.S.D. MEDICINA TRASFUSIONALE S.S.D. MEDICINA TRASFUONALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La struttura di Medicina Trasfusionale è un organizzazione che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa, sia in termini di raccolta

Dettagli

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CONOSCERE IL SISTEMA SANGUE PER CRESCERE NELLA NUOVA REALTA AVISINA TITOLO INTERVENTO «Cenni sulla normativa europea ed italiana in ambito trasfusionale:

Dettagli

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO 17.01.2013 1 di 5 LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori di Dipartimento Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Data Causale Redazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 31 dicembre 2008 - Deliberazione N. 2098 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria Legge n 219 del 21/10/2005, art. 6: Schema tipo di

Dettagli

Alla cortese attenzione Assessorati alla Sanità Centri Regionali di Riferimento per i Trapianti. Centro Regionale Nitp

Alla cortese attenzione Assessorati alla Sanità Centri Regionali di Riferimento per i Trapianti. Centro Regionale Nitp 16/07/2014 Prot. 2414/CNT 2014 Alla cortese attenzione Assessorati alla Sanità Centri Regionali di Riferimento per i Trapianti Centro Regionale Nitp DIT Dipartimento Interaziendale Trapianti Regione Campania

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord S.C IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE ASLTO2 1. ORARI del SERVIZIO TRASFUSIONALE...1 2. RICHIESTA di TERAPIA TRASFUSIONALE...2 3. CAMPIONI di SANGUE...3 4. IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE e DEI CAMPIONI

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

Provinciale Roma. Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano

Provinciale Roma. Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano UNITA DI RACCOLTA SANGUE Requisiti Minimi Relatori: dr. Michele Ciuffreda dr. Maurizio Cari Luciano Rutigliano UNITA DI RACCOLTA Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261, articolo 2, comma 1, lettera

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti. Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI

Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti. Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI Decreto Ministero Sanità 3 Marzo 2005 - (G.U. n. 85 13/04/2005) Caratteristiche e modalita' per la donazione del sangue e di emocomponenti Titolo I RACCOLTA DI SANGUE INTERO E DI EMOCOMPONENTI IL MINISTRO

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Via Sallustiana, 26 00187 Roma Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Roma, 14 giugno 2011 Conservazione del SCO -Conservazione pubblica per uso allogenico (da donazione

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE

PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A LLEGATO VII PROCEDURE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DELLA TRASFUSIONE A. Prelievi ematici per indagini immunoematologiche e pre-trasfusionali 1 I campioni di sangue destinati alla tipizzazione eritrocitaria,

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali

Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali Testo aggiornato al 28 maggio 2009 Decreto ministeriale 21 dicembre 2007 Gazzetta Ufficiale 16 gennaio 2008, n. 13 Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali IL MINISTRO DELLA SALUTE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE D AREA VASTA GIULIANO-ISONTINA

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE D AREA VASTA GIULIANO-ISONTINA DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE D AREA VASTA GIULIANO-ISONTINA CARTA DEI SERVIZI 2 3 4 Direttore Servizio di Medicina Trasfusionale: Dott. Luca Giovanni Mascaretti: tel. 040 399 2920, 040 399 4589,

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 2 ottobre 2013 Accordo 25 luglio 2012, n. 149/Csr Gazzetta Ufficiale 9 maggio 2013, n. 107 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 26 agosto 1997, n. 281, tra il Governo,

Dettagli

Identificazione del paziente all atto della richiesta di determinazione del gruppo sanguigno e prelievo di campioni di sangue INDICE

Identificazione del paziente all atto della richiesta di determinazione del gruppo sanguigno e prelievo di campioni di sangue INDICE Pag. 1 di 5 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RIFERIMENTI 4. DEFINIZIONI 5. RESPONSABILITÀ 6. DIAGRAMMA DI FLUSSO 7. DESCRIZIONE ATTIVITA' Data Descrizione Redatto Verificato Approvato 11-12-2012

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale. Carolina Sciomer

Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale. Carolina Sciomer Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale Carolina Sciomer Presidente Nazionale ADISCO Consiglio Nazionale ADMO Genova, 15 Novembre 2009 Origini della Associazione 1988: Primo trapianto

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO S.C. LIBERA PROFESSIONE E MARKETING

IL COORDINATORE UNICO S.C. LIBERA PROFESSIONE E MARKETING ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0000381 del 25/03/2016 - Atti U.O. SC Libera Professione e Marketing Oggetto: CONVENZIONE CON AVIS ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE

Dettagli

Aspetti organizzativi e legislativi sulla donazione del sangue cordonale in Emilia-Romagna. Nicola Alvaro CRT-ER

Aspetti organizzativi e legislativi sulla donazione del sangue cordonale in Emilia-Romagna. Nicola Alvaro CRT-ER Aspetti organizzativi e legislativi sulla donazione del sangue cordonale in Emilia-Romagna Nicola Alvaro CRT-ER Parma, 17-10-2013 PREMESSA Incrementare i prelievi di SCO è, ormai da tempo, un obiettivo

Dettagli

SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ

SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ COME STRUMENTO INNOVATIVO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA DIAGNOSI E LA PROGNOSI DEL TUMORE PROGETTO AIRC 5XMILLE 2011-2014 (+2 ANNI EVENTUALI) LO STUDIO L Associazione

Dettagli

Progetto DONAZIONE DEGLI ORGANI: DICHIARAZIONE DI VOLONTA E RINNOVO CARTA DI IDENTITA

Progetto DONAZIONE DEGLI ORGANI: DICHIARAZIONE DI VOLONTA E RINNOVO CARTA DI IDENTITA Progetto DONAZIONE DEGLI ORGANI: DICHIARAZIONE DI VOLONTA E RINNOVO CARTA DI IDENTITA 1.Breve descrizione del progetto A fronte di un alta professionalità nel trapianto di organi, l Italia fatica a far

Dettagli

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda Angela Mazzi, Dirigente Medico Servizio di Medicina Trasfusionale Cosa conserviamo c/o il SIMT Emocomponenti

Dettagli

GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL E OSPEDALE IN RETE

GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL E OSPEDALE IN RETE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA Via dei Toscani 1-46100 Mantova - Tel. 0376 334210 - Fax 0376 334222 GESTIONE INTEGRATA SCREENING CERVICOVAGINALE: ASL

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina Policlinico Gaetano Martino di Messina Deliberazione del Commissario Straordinario n 965 del 09/10/2013 A seguito di Proposta n 608 del 08/10/2013 U.O.C. Settore Affari Generali e Risorse Umane Il Direttore

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1749/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1749/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1749/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 OGGETTO: Convenzione con ADMO Regione Lombardia Onlus per la promozione/propaganda della donazione di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche.

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 20-01-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare i criteri da adottare per l effettuazione di indagini e valutazioni retrospettive relative

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI, TESSUTI E CELLULE Una scelta consapevole Settimana Nazionale di Informazione e Sensibilizzazione 6-13 maggio 2007

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI, TESSUTI E CELLULE Una scelta consapevole Settimana Nazionale di Informazione e Sensibilizzazione 6-13 maggio 2007 Direzione generale Servizio Informazione e Comunicazione Ufficio Stampa CARTELLA CONFERENZA STAMPA 2 MAGGIO ORE 10,00 SALA CONFERENZE DIREZIONE GENERALE AUSL IMOLA V.LE AMENDOLA 2 DONAZIONE E TRAPIANTO

Dettagli

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA Donare le cornee è una grande opportunità, possibile per tutti, ed è un gesto di grande rilevanza sociale. La donazione di cornee ed il successivo trapianto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Pr eparazion e Referente GdL C. Contessa Verifica Verifica sostenibilità organizzativa UOC Qualità

Dettagli

Qual è il numero verde per prenotare visite ed esami ambulatoriali?

Qual è il numero verde per prenotare visite ed esami ambulatoriali? In questa pagina pubblichiamo le risposte alle domande più frequenti poste dai cittadini. Per altre informazioni potrete contattare l Ufficio Relazioni con il Pubblico al numero telefonico 0331 751525.

Dettagli

SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONE DIRETTORE: DOTT. F. BERTOLA

SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONE DIRETTORE: DOTT. F. BERTOLA SERVIZIO DI IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONE DIRETTORE: DOTT. F. BERTOLA 1 Donazione di midollo: perché donare? vil 70% dei malati affetti da empopatie NON ha un donatore compatibile all interno della famiglia

Dettagli

LA RACCOLTA DEL SANGUE IN BASILICATA

LA RACCOLTA DEL SANGUE IN BASILICATA LA RACCOLTA DEL SANGUE IN BASILICATA Relatore: Genesio De Stefano 8 19 31 Basilicata Popolazione 588.879 (dicemb re 2009) In età donazionale 364626 (59%) X 1000ab/29 soci Il territorio della Basilicata

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue 1 1 2 1 SCOPO. Descrivere le caratteristiche e le modalità di invio dei campioni inviati da soli, in associazione alle richieste trasfusionali o allo scopo di eseguire esami immunoematologici anche sulla

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 01 agosto 2008, n. 1498. Progetto Rete Regionale per il prelievo e la raccolta del sangue placentare.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 01 agosto 2008, n. 1498. Progetto Rete Regionale per il prelievo e la raccolta del sangue placentare. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 127 del 14-8-2008 14467 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 01 agosto 2008, n. 1498 Progetto Rete

Dettagli

Bur n. 11 del 08/02/2011

Bur n. 11 del 08/02/2011 Bur n. 11 del 08/02/2011 Sanità e igiene pubblica Deliberazioni della Giunta Regionale N. 12 del 11 gennaio 2011 lr 22/02 definizione dei requisiti di autorizzazione all'esercizio e di accreditamento istituzionale

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 16 dicembre 2010 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI

A.O. S. Giovanni- Addolorata. UOC Medicina Immuno- Trasfusionale. CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI A.O. S. Giovanni- Addolorata UOC Medicina Immuno- Trasfusionale CARTA dei SERVIZI DELLE ATTIVITA TRASFUSIONALI 1. GENERALITA La presente Carta dei Servizi descrive le attività trasfusionali che costituiscono

Dettagli

Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo

Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo Descrizione fabbisogno oggettivo e soggettivo PROFILO CATEGORIA DESCRIZIONE Elementi oggettivi relativi alla Struttura operativa Organizzazione L'Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa (ASP-RG) è sede

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 18 novembre 2009 Istituzione di una rete nazionale di banche per la conservazione di sangue da cordone ombelicale. (09A15289) IL MINISTRO

Dettagli

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno

OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno OSPEDALE AMICO DEI BAMBINI Iniziativa OMS/UNICEF per la promozione dell allattamento materno Informazioni per le strutture interessate al riconoscimento Introduzione... p. 2 I. Proposte... p. 2 II. Prospettive.

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

Il nostro obiettivo comune.

Il nostro obiettivo comune. Il nostro obiettivo comune. 1 4 associazioni un obiettivo: VITA Per sensibilizzare in modo mirato i cittadini e richiamare la loro attenzione sulla nostra attività, noi 4 associazioni di volontariato AVIS

Dettagli

Chi dona gli organi ama la vita.

Chi dona gli organi ama la vita. LA DONAZIONE DEGLI ORGANI Chi dona gli organi ama la vita. Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Papardo Piemonte Messina UNITA OPERATIVA Anestesia e Rianimazione Perché donare i propri organi e tessuti?

Dettagli

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC

SIMT-POS 035 REV 1 TRASPORTO EMC 1 SIMT POS 035 REV 1 Trasporto EMC Prima Stesura 16/12/2014 Revisione 1 20102015 Redattori: Gasbarri, Rizzo SIMTPOS 035 REV 1 TRASPORTO EMC Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI

Dettagli

La modulistica fornita dalla BSC (vedi doc. allegati) è da compilare per gli aspetti di competenza.

La modulistica fornita dalla BSC (vedi doc. allegati) è da compilare per gli aspetti di competenza. Banca del Sangue Cordonale Responsabile: Dott. Marino Argiolas Data prima emissione: 1/07/2010 Revisione n : 6 Pagina 1 di 9 I 74 - ATTIVITÀ OPERATIVA DEI CENTRI RACCOLTA Pag Paragrafo 2 Premessa, scopo/campo

Dettagli

PROCEDURA CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE

PROCEDURA CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE Pagina 1 di 11 CORRETTA IDENTIFICAZIONE PAZIENTE Rev. data Causale della modifica 00.01 28/12/2012 Revisione Revisionata da Dr. F. Parrinello Dr. G. Famà C.I. M. Donia Condivisa/Valutata da Dr. F. Parrinello

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione

Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione Corso di formazione PLASMA MASTER FILE Autosufficienza dei prodotti emoderivati Nuove modalità di prelievo e donazione 2015: una realtà. I nuovi requisiti minimi per l autorizzazione e l accreditamento

Dettagli

Carta. dei Servizi. UOSD SIMT Servizio di Immunoematologia e Medicina trasfusionale. Emissione RSGQ/SIMT. Approvazione RSP/SIMT

Carta. dei Servizi. UOSD SIMT Servizio di Immunoematologia e Medicina trasfusionale. Emissione RSGQ/SIMT. Approvazione RSP/SIMT UOSD SIMT Servizio di Immunoematologia e Medicina trasfusionale Carta dei Servizi Redazione RSGQ/SIMT Approvazione RSP/SIMT Validazione RSP/UATP-URP Emissione RSGQ/SIMT Dott. Alessandro Lanti Prof. Gaspare

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Centro Regionale Trapianti

Centro Regionale Trapianti PROTOCOLLO DI SEGNALAZIONE DI EVENTI AVVERSI Processo di donazione-trapianto (Incident reporting) Redazione AUTORIZZAZIONI Redazione / Aggiornamento Verifica Approvazione 20/07/10 Il Coordinatore del Centro

Dettagli

ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA

ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA Sezione Regionale Toscana O.N.L.U.S. Via del Lazzeretto 168/15 59100 Prato (PO) C.P. 340 Tel. e fax 0574.540002 - Cell. 335.1341929 e-mail: segreteria@ adiscotoscana.it

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

Corso di Formazione Dirigenti associativi Avis Regionale Lazio

Corso di Formazione Dirigenti associativi Avis Regionale Lazio Legge 21 ottobre 2005, n. 219 Nuova disciplina delle attività trasfusionali e della produzione nazionale degli emoderivati Corso di Formazione Dirigenti associativi Avis Regionale Lazio un momento di raccordo

Dettagli