La Potatura della vite

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Potatura della vite"

Transcript

1 La Potatura della vite Lezione 2/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo Sommario Sommario 1. 5/12/2012 a. Concetti generali di morfologia e di equilibrio vegetoproduttivo b. Le malattie trasmissibili: premesse, la prevenzione, la cura c. Gli interventi in caso di danni meccanici e grandine d. Gli errori da evitare 2. 12/12/2012 a. Le forme di allevamento b. La potatura di allevamento e la potatura di produzione c. La potatura a Guyot 3. 19/12/2012 a. La potatura a Cordone speronato b. La potatura a Casarsa c. Gli attrezzi e la manutenzione d. Ripasso generale 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo 1

2 2

3 Sylvoz FUSTO FI A 1,5-2 m CORDONE CHE CONTINUA ORIZZONTALE PER 2-3 m. I CAPI A FRUTTO RICADENTI LUNGHI DA 60 cm A 100 cm DISTANZA SULLA FILA 2-3 m E TRA I FILARI 3-4 m GEMME /CEPPO GEMME /ha LA POTATURA INVERNALE PREVEDE L ASPORTAZIONE DEL TRALCIO FRUTTIFERO (ARCHETTO) E LA SUA SOSTITUZIONE CON QUELLO SCATURITO DALLA SUA CURVATURA O DA U SPERONCI DAL SYLVOZ DERIVA TRA LE ALTRE IL CASARSA FORMA A RICADERE Sylvoz modificato: Casarsa modificato Miotto 3

4 DUPLEX e GDC IDEATO PER LA MECCANIZZAZIONE INTEGRALE DEL VIGNETO, AM PIA SU PERFICIE FOGLIARE PER ZONE A BASSA INTENSITA LUMISA. LE DUE PARETI DI VEGETAZIONE RICADO NEGLI INTERFILARI. LE DISTANZE TRA LE FILE SO COMPRESE TRA 3,8-4,2 m. LA POSIZIONE RICADENTE DEI GERM OGLI NE ATTENUA LA CAPACITA DI CRESCITA QUINDI VAN BENE DISTANZE SULLA FILA DI 1-1,5 m. IN POTATURA INVERNALE LUNGO I CORDONI SI ELIMINA I TRALCI CHE HAN PORTATO LA PRODUZIONE E SI LASCIA SPERONI A 2-3 GEMME PER VARIETA N VIGOROSE E TRALCI A 5-6 GEMME PER QUELLE VIGOROSE (ATTENZIONE PERCHE SE TROPPO LUNGHI ANNULLA L EFFETTO SCUOTENTE DELLA VENDEMMIATRICE) SENZA SUPERARE NEGLI IMPIANTI FITTI LE GEMME/CEPPO Le piante possono essere in coppia LYRA ALTA DENSITA DI IMPIANTO OTTIMA ILLUMINAZIONE OTTIMO RAPPORTO SFE/PRODUZIONE OTTIMA QUALITA MOLTO ONEROSA DA GESTIRE Densità fino a p/ha 4

5 Sommario Sommario 1. 5/12/2012 a. Concetti generali di morfologia e di equilibrio vegetoproduttivo b. Le malattie trasmissibili: premesse, la prevenzione, la cura c. Gli interventi in caso di danni meccanici e grandine d. Gli errori da evitare 2. 12/12/2012 a. Le forme di allevamento b. La potatura di allevamento e la potatura di produzione c. La potatura a Guyot 3. 19/12/2012 a. La potatura a Cordone speronato b. La potatura a Casarsa c. Gli attrezzi e la manutenzione d. Ripasso generale 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo POTATURA DI ALLEVAMENTO Le diverse fasi di potatura di allevamentonel corso dei primi anni di sviluppo della giovane pianta 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo 5

6 LA PIANTA DI VITE Barbatella: la pianta giovane che si mette nel terreno in primavera Potatura delle radici in pre-impianto Potatura Potatura OK La barbatella 6

7 Potatura di allevamento: EQUILIBRIO!!!! La giovane vite deve essere potata con CURA e RISPETTO: Pensare che è GIOVANE! Ricordare che ha poche radici Ricordare che se si pota troppo lungo, poi soffre Ricordare di rispettare il disciplinare! Evitare tagli rasi! Internodi CORTI e a zig-zag: N va bene! LA POTATURA DEL PRIMO AN la giovane pianta di un anno normalmente non porta tralci molto robusti e per questo motivo la potatura sarà CORTA: andrà fatto un taglio che lasci U SPERONE di 2-3 gemme al massimo tutto il resto viene eliminato!!! EQUILIBRIO!!! 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo 7

8 LA SCELTA DELLO SPERONE NELLE GIOVANI PIANTE DI UN AN OK la scelta dello sperone da lasciare è fondamentale!!! lo sperone deve essere: robusto verticale (diretto verso l alto) ben saldo QUALE SPERONE SCEGLIERE? OK Se tutti e due sono abbastanza robusti scelgo quello verticale, che darà origine a germogli diretti verso l alto e di facile gestione Gli altri speroni vanno eliminati: i loro germogli crescerebbero storti 8

9 ERRORI NELLA SCELTA DELLO SPERONE NELLE GIOVANI PIANTE DI UN AN ERRORE: lo sperone non è ben diretto ed il taglio TROPPO grande e raso Troppo vicino al piccolo fusto della barbatella taglio ben eseguito Eccezione Se la barbatella è molto vigorosa: si può lasciare il tralcio lungo a patto che durante la stagione successiva si eliminino i germoglied i grappoli in eccesso (scacchiatura): si otterrà così sviluppo equilibrato e non eccessiv o 9

10 Eccezione Se la barbatella ha subito danni da acariosi o tripidi la primavera precedente: presenta internodi molto corti e a zig-zag N lasciare tante gemme, anche se è vigorosa! LA POTATURA DEL SECONDO AN la giovane pianta di due anni normalmente porta tralci robusti e per questo motivo la potatura sarà più LUNGA: si lascerà un solo tralcio, senza femminelle, di lunghezza variabile a seconda della sua dimensione tutto il resto viene eliminato!!! EQUILIBRIO!!! 10

11 Poi si dovrà pensare alla spollonatura taglio ben eseguito OK LA SCELTA DEL TRALCIO NELLE GIOVANI PIANTE DI DUE ANNI la scelta del tralcio da lasciare è fondamentale!!! il tralcio deve essere: robusto e ben inserito ben lignificato diritto senza danni meccanici con internodi di media lunghezza Lunghezza OK UN TAGLIO BEN FATTO Tralcio OK taglio ben eseguito 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo 11

12 ERRORI NELLA SCELTA DEL TRALCIO NELLE GIOVANI PIANTE DI DUE ANNI teniamo questo?! Taglio troppo raso ERRORE: il tralcio tenuto è troppo debole LA SCELTA DEL TRALCIO NELLE GIOVANI PIANTE DI DUE ANNI OK Taglio troppo raso Quale scegliere? Quello a destra è meglio degli altri 12

13 ERRORI NELLA SCELTA DEL TRALCIO NELLE GIOVANI PIANTE DI DUE ANNI strozzatura ERRORE: il tralcio non è ben diritto e presenta una strozzatura LA LEGATURA DEL TRALCIO NELLE GIOVANI PIANTE DI DUE ANNI Usare LEGACCI BIODEGRADABILI!!!! curva dolce la legatura del tralcio è fondamentale!!! la legatura deve essere: - aderente al tutore OK aderente -dolce (evitare strozzature) legatura ben eseguita 13

14 QUANTI PUNTI DI LEGATURA? Usare LEGACCI BIODEGRADABILI!!!! Dipende: se si attorcigliasul filo dalla lunghezzadel tralcio OK Se non si attorciglia, per un tralcio di dimensioni normali bisogna considerare due o tre legami per il fustoe treo quattro legami per il cordone orizzontale ERRORI NELLA LEGATURA DEL TRALCIO NELLE GIOVANI PIANTE DI DUE ANNI ultime due gemme troppo pochi ERRORE: il tralcio non è legato ben aderente ERRORE: il tralcio ha pochi legami 14

15 ERRORI NELLA LEGATURA DEL TRALCIO NELLE GIOVANI PIANTE DI DUE ANNI manca strozzatura ERRORE: la curva presenta una strozzatura ultime due gemme ERRORE: manca il legame tra le ultime due gemme LO SVILUPPO DELLA PIANTA AL TERZO AN in teoria da ogni gemma si ha lo sviluppo di un germoglio (con foglie, nuove gemme, grappoli, ecc.) Generalmente solo quelli più vicini a terra vengono eliminati (si tratta della spollonatura) 15

16 POTATURA DI PRODUZIONE: Prima di iniziare a tagliare È FONDAMENTALE ricordare che la potatura ci permette di confrontarci con OGNI pianta singola Ricordare il concetto di EQUILIBRIO Ricordare quanti anni ha la pianta Ricordare l obbiettivo produttivo Ricordare che le piante dovrebbero essere aiutate a diventare tutte simili nel vigneto: Ridurre la vigoria delle vigorose Aiutare le deboli a riprendersi 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo Prima di iniziare a tagliare Osservare la pianta: se è sana e robusta si pota normalmente se è morta deve essere eliminata (estirpata) se da allungare, malata, danneggiata, debole: Si dovrà potare di conseguenza da allungare= scelta del tralcio da legare malata di giallumi= eliminare la pianta malata di Esca = Eliminare danneggiata = possibile ricostruire la pianta? debole = lasciare poche gemme 16

17 PIANTA SANA La pianta si presenta in ottima salute e non ha nessun problema evidente 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo Pianta MORTA La pianta si presenta completamente secca: dovrà essere eliminata (estirpata) 17

18 19/12/2012 Pianta affetta da GIALLUMI (Fd, LN) Ass e ss ora to nero gri gi o-giallastro 19/12/2012 Il tralcio si presenta nero e/o grigiogiallastro; la sua consistenza è spugnosa. Non c è stata la lignificazione, tanto che, spesso, la punta del tralcio è fragile come il germoglio verde CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo PIANTA MALATA DI GIALLUME Ass e ss ora to totale assenza di lignificazione Fragile ad inizio inverno, secco e vuoto a fine inverno 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo 18

19 PIANTA MALATA DI ESCA legno malato ELIMINARE PIANTA DANNEGGIATA Probabilmente il cordone è stato rotto in estate Colpa del trattorista? 19

20 PIANTA DEBOLE L allungamento deve essere adeguato alla vigoria (FORZA) della pianta. In questo caso si devono lasciare pochissime gemme (3-4) perché la pianta è molto debole Potatura di produzione REGOLE GENERALI Valide per tutte le forme di allevamento La potatura è un MALE NECESSARIO: facciamo in modo che sia UTILE per i nostri scopi di una gestione moderna, efficiente, qualitativa Mantenere la forma originaria 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo 20

21 Potatura di produzione REGOLE GENERALI Valide per tutte le forme di allevamento EQUILIBRIO!!!! ATTENDERE la CADUTA FOGLIE ATTENDERE le prime GELATE EVITARE TAGLI GROSSI e RASI Preferire periodi asciutti Usare sempre il MASTICE Regolare il numero di gemme alla vigoria Mantenere la forma originaria Potatura di produzione REGOLE GENERALI Valide per tutte le forme di allevamento EQUILIBRIO!!!! Potare N PRESTO i vigneti giovani, attendere fine inverno N potare a inizio pianto, se deboli POTARE AL PIANTO vigneti troppo vigorosi 21

22 Potatura di produzione Le REGOLE d ORO per l EQUILIBRIO La regola della MATITA: Il tralcio deve sempreessere tagliato se è di sezione minore della dimensione di una matita. La regola del NUMERO: Contare le gemme, non guardare la lunghezzadel tralcio! Sommario Sommario 1. 5/12/2012 a. Concetti generali di morfologia e di equilibrio vegetoproduttivo b. Le malattie trasmissibili: premesse, la prevenzione, la cura c. Gli interventi in caso di danni meccanici e grandine d. Gli errori da evitare 2. 12/12/2012 a. Le forme di allevamento b. La potatura di allevamento e la potatura di produzione c. La potatura a Guyot 3. 19/12/2012 a. La potatura a Cordone speronato b. La potatura a Casarsa c. Gli attrezzi e la manutenzione d. Ripasso generale 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo 22

23 Il Guyot Parti fondamentali del guyot sperone testa di salice tralcio a. Capo a frutto (porta dalle 6 alle 10 gemme, a seconda dei casi) b. Sperone (al massimo 2 gemme, sempre) c. Testa di salice (porta sia il tralcio a frutto che lo sperone) 19/12/2012 CENTRO VITIVINICOLO PROVINCIALE DI BRESCIA Marco Tonni - Dottore Agronomo Come si pota il Guyot Si lasciano un tralcio e uno sperone e si elimina tutto il resto Taglio della punta del tralcio che lasceremo Taglio per ottenere lo sperone Taglio del vecchio tralcio Taglio del vecchio tralcio Lasciare vuoti cm dalla pianta successiva (spazio per i germogli del suo sperone) 23

24 IL GUYOT DOPO LA POTATURA SPERONE TRALCIO Sono rimasti solo un tralcio e uno sperone IL GUYOT DA POTARE 24

25 TRALCIO E SPERONE DI UN GUYOT sperone tralcio di due anni Si vedono un tralcio e uno sperone vecchi IL GUYOT POTATO Sono rimasti solo un tralcio e uno sperone OK Scova l errore Sperone interno alla curva Taglio raso 25

26 IL TRALCIO DEL GUYOT Deve essere : a. ben lignificato b. ben inserito c. ben diretto OK d. integro LA PULIZIA DALLE FEMMINELLE OK La gemma è integra, il taglio non troppo vicino 26

27 LO SPERONE DEL GUYOT Deve essere : a. ben lignificato b. Inserito cm sotto il filo c. Verticale d. Nontroppo lungo (corona+ 1 gemma) e. Integro f. Più bassodel tralcio, cioè più vicino alle radici g. All esterno della curva OK LA POSIZIONE DEL TRALCIO E DELLO SPERONE NEL GUYOT Normalmente sono inseriti sul tronco cm sotto il filo di banchina cm filo di banchina ma si possono presentare anche altri casi. OK 27

28 AD ESEMPIO IL TRALCIO CHE PARTE MOLTO IN BASSO, VICI AL TERRE in questo caso la funzione dello sperone non è più richiesta e quindi andrà lasciato il solo tralcio, senza lo sperone OK IL GUYOT RINVATO E LEGATO biodegradabile plastica OK 28

29 IL TRALCIO PARTE SOPRA IL FILO: troppo alto è un caso che può verificarsi quando la spollonatura è stata eseguita male quindi: ATTENZIONE ALLA SPOLLONATURA TRALCIO E SPERONE NEL GUYOT ERRORE!!! lo sperone deve sempre essere posizionato sotto al tralcio e circa cm sotto il filo di banchina 29

30 SPERONE mal direzionato ERRORE direzione del tralcio corretta OK direzione dello sperone sbagliata e palco troppo alto lo sperone dovrebbe essere sempre abbastanza verticale (diretto verso l alto) I GROSSI TAGLI NEL GUYOT Spesso nelle vecchie piante succede, per vari motivi, di dover eseguire un grosso taglio; questo deve presentarsi liscio, pulito, lucido, inclinato Protettivo in questo caso è stato coperto con un mastice detto cicatrizzante 30

31 UN GROSSO TAGLIO BEN FATTO NEL GUYOT CORRETTO OK il taglio si presenta liscio e il legno è bianco. Leggermente inclinato verso il basso la pianta non si ammalerà di nessuna malattia se si copre subito con il mastice UN GROSSO TAGLIO MAL ESEGUITO NEL GUYOT Il taglio si presenta irregolare la pianta si ammalerà di Esca!!!! 31

32 Guyot: ritornare indietro SENZA grossi tagli Tenendo scacchiata la testa di salice, nel giro di qualche anno essa dissecca, poi la potremo segare correndo molti meno rischi di infezione OK LA LEGATURA DEL GUYOT Si deve eseguire ogni anno e si fa un due fasi: plastica OK 1 OK 2 1. Prima si lega il fusto con la plastica 2. Poi si lega il tralcio con materiale biodegradabile 32

33 In questo caso il capo a frutto è sufficientemente basso da poter produrre germogli in posizione ideale per i futuri capo a frutto e sperone: in spollonatura ne verranno lasciati 2 a tal fine in questa posizione. Lo sperone è molto basso e va tolto: intralcia le operazioni di gestione del suolo. Una curvatura accettabile deriva da un legaccio a non più di 20 cm sotto al filo. Qualche centimetro più alto e sarebbe stato ancora meglio 33

34 Guyot Il legaccio troppo basso genera una curva troppo aperta, più gemme produttive in salita, più affastellamento e difformità qualitativa. Guyot Lo sperone è interno alla curva. Va scelto in posizione opposta: meglio tagliarlo, lasciando solo le gemme della corona per ricostruirlo il prossimo anno 34

35 Guyot Sperone corretto per posizione e lunghezza Guyot Sperone corretto per posizione e lunghezza. Il legaccio dovrà avvicinare il tralcio al tutore 35

36 Taglio Seconda gemma Corona Sperone corretto per posizione ma troppo lungo! Lasciamo la corona più una sola gemma 36

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 3/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

Corso di potatura base

Corso di potatura base Corso di potatura base Fattoria La Quercia 16 gennaio 2016 Punto Uva Cenni storici 9.000 a.c : addomesticamento di Vitis vinifera silvestris in Asia centrale 3.000 a.c. : in un testo sumerico si parla

Dettagli

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi GIARDINO 00 Come potare tecniche ed attrezzi 1 Le tecniche di potatura 1. I tagli devono essere praticati con utensili ben affilati altrimenti si formano bordi schiacciati e sfrangiati che cicatrizzano

Dettagli

Agroflor. In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto. di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061

Agroflor. In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto. di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061 Agroflor di Panato Giuliano Tel/fax 0444 830061 In collaborazione con: Vi presenta il catalogo dei materiali per vigneto Agroflor dal 1951 al servizio dell agricoltura. La nostra azienda è stata fondata

Dettagli

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Pomacee (melo, pero, ) - Rami misti

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti teorici e applicativi della potatura delle piante da frutto Relatore: dott. agr. Salvatore Gaudio Data: 12 febbraio 2011 Aspetti teorici ed applicativi della potatura

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate:

Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Immagini di piante d'alto fusto scorrettamente potate: Iniziamo questa rassegna con le fotografie prese dal sito www.vivaioclorofilla.it, sono 40 piante di pioppo nero potate nel modo "barbaro" visibile

Dettagli

OROLOGICO MERCOLEDI 11 FEBBRAIO GIOVEDI 12 FEBBRAIO VENERDI 13 FEBBRAIO

OROLOGICO MERCOLEDI 11 FEBBRAIO GIOVEDI 12 FEBBRAIO VENERDI 13 FEBBRAIO BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 6 del 10/0 /02/2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI DIVISIONE

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Definizione La potatura comprende quelle operazioni che direttamente applicate alla parte epigea

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

Il taglio nella potatura dell olivo

Il taglio nella potatura dell olivo Il taglio nella potatura dell olivo 27 10 2014 Slupatura è l intervento di cura sul tronco, contro la malattia chiamata CARIE o LUPA provocata da diversi tipi di funghi tra cui il FOMES FULVUS, il FOMES

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Sistemi di allevamento

Sistemi di allevamento Sistemi di allevamento Giancarlo Scalabrelli Casi possibili variabili in funzione di fertilità dell ambiente vigoria forma definitiva Espansione della chioma: ridotta, media, espansa Tipo di potatura:

Dettagli

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Negli ultimi anni in numerosi vigneti della Bassa Atesina e della Val d Isarco sono state ripetutamente osservate viti con vistosi accartocciamenti

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti

Cod. VM5U6. Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Cod. VM5U6 Impianto del vigneto Messa a dimora delle viti Fasi di intervento Preliminari Picchettamento Interramento dei pali Messa a dimora delle barbatelle Completamento della struttura Preliminari Operazioni

Dettagli

PARTE TERZA. Per avere le rappresentazioni grafiche e fotografiche delle diverse forme di allevamento. Clicca su IMMAGINI DISEGNI

PARTE TERZA. Per avere le rappresentazioni grafiche e fotografiche delle diverse forme di allevamento. Clicca su IMMAGINI DISEGNI PARTE TERZA Per avere le rappresentazioni grafiche e fotografiche delle diverse forme di allevamento archiviate Clicca su IMMAGINI DISEGNI Appariranno le opzioni per accedere alle foto e ai disegni delle

Dettagli

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura.

LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. LA LUCE Le piante sono completamente dipendenti dalla luce per la costruzione di tutte le sostanze necessarie alla crescita ed alla fioritura. La, pianta, tramite le sue parti verdi, è un sensore recettivo

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon IL PICCOLO MANUALE DE LA POTATURA DELLE PIANTE DA FRUTTO Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon La potatura consiste in una gamma di interventi

Dettagli

Il diradamento meccanico dei germogli

Il diradamento meccanico dei germogli VIGNETO GESTIONE DELLA CHIOMA Il diradamento meccanico dei germogli I contributo. Viti potate a macchina Il vigneto di Sangiovese allevato a Cordone Libero in cui sono state effettuate le prove. L habitus

Dettagli

CORRETTA ESECUZIONE DEI TRATTAMENTI ANTIPARASSITARI E OPERAZIONI A VERDE IN VITICOLTURA CORRETTA ESECUZIONE DEI TRATTAMENTI

CORRETTA ESECUZIONE DEI TRATTAMENTI ANTIPARASSITARI E OPERAZIONI A VERDE IN VITICOLTURA CORRETTA ESECUZIONE DEI TRATTAMENTI IASMA Notizie VITICOLTURA Stampato su carta certificata Ecolabel prodotta dalla cartiera Mondi EU Ecolabel: AT/11/001 Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach

Dettagli

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

OROLOGICO 04/0 /08/2015 /2015 SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI BOLLETTINO AGROMETEOR OROLOGICO OLOGICO N 31 del 04/0 /08/2015 /2015 www.saporidivallecamonica.it uff.agricoltura@cmvallecamonica.bs.it SEGRETERIA TELEFONICA 0364/324077 : 1 MELO 2 VITE 4 PICCOLI FRUTTI

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

58 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 1/2004 IL VIGNETO PER LA PRODUZIONE DI UVA DA VINO

58 SUPPLEMENTO A VITA IN CAMPAGNA 1/2004 IL VIGNETO PER LA PRODUZIONE DI UVA DA VINO IL VIGNETO PER LA PRODUZIONE DI UVA DA VINO Lavori Nei mesi di gennaio e febbraio le potature e le manutenzioni delle strutture assorbono completamente il viticoltore. Le operazioni di potatura, siano

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

ROW-GUARD Guida rapida

ROW-GUARD Guida rapida ROW-GUARD Guida rapida La presente è una guida rapida per il sistema di controllo di direzione Einböck, ROW-GUARD. Si assume che il montaggio e le impostazioni di base del Sistema siano già state effettuate.

Dettagli

COME FARE I CALCHI DELLE MONETE. - di Clive Stannard -

COME FARE I CALCHI DELLE MONETE. - di Clive Stannard - COME FARE I CALCHI DELLE MONETE - di Clive Stannard - La pratica di fare calchi delle monete era molto più diffusa nell ottocento e nei primi decenni del novecento. Le fotografie nei libri classici di

Dettagli

A cura di: Prof. Felice Pipitone

A cura di: Prof. Felice Pipitone Meccanizzazione per le colture specializzate del Mediterraneo. Metodologie ed orientamenti della ricerca e sperimentazione finalizzata all innovazione tecnologica e tipologica A cura di: Prof. Felice Pipitone

Dettagli

MANUALE PRATICO L IMPIANTO DEL VIGNETO NELLE TERRE DEI LAMBRUSCHI CONSORZIO PER LA TUTELA DEI VINI REGGIANO E COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA

MANUALE PRATICO L IMPIANTO DEL VIGNETO NELLE TERRE DEI LAMBRUSCHI CONSORZIO PER LA TUTELA DEI VINI REGGIANO E COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA MANUALE PRATICO L IMPIANTO DEL VIGNETO NELLE TERRE DEI LAMBRUSCHI CONSORZIO PER LA TUTELA DEI VINI REGGIANO E COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA REALIZZATO DA: Stefano Meglioraldi e Matteo Storchi CON LA

Dettagli

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta ABC L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta Consigli per la cura degli alberi Non è necessario essere professionisti per curare e potare alberi da frutto ed ornamentali. Di seguito

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE 1/5 ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE Egregio Cliente, La ringraziamo per avere acquistato il nostro pavimento in tranciato di vero legno Par-ky. E molto importante che legga attentamente queste istruzioni

Dettagli

Manipolazione e posizionamento delle lastre

Manipolazione e posizionamento delle lastre Manipolazione e posizionamento delle lastre Preparing for the new crop 3-3 Consegna 1 La conservazione all esterno non è consigliabile. Conservare in un area asciutta e pulita lontano dall area di produzione.

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO

ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO ALLEGATO B ELENCO DEI PREZZI RELATIVI ALLA RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE DI UN VIGNETO DA UVA DA VINO NELLA REGIONE LAZIO Codice Operazione Unità di misura Prezzo unitario A A.1 LAVORI ESTIRPAZIONE

Dettagli

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove

Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Confronto gestione del vigneto convenzionale, biologica e biodinamica: alcuni risultati dopo 3 anni di prove Mescalchin Enzo Unità Agricoltura Biologica Fondazione Edmund Mach S. Michele all Adige Parcelle

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2011

Roma, 18 febbraio 2011 SICUREZZA ED ESERCIZIO FERROVIARIO: innovazione e nuove sfide nei sistemi ferroviari Il miglioramento dell accessibilità laterale ai binari quale elemento strategico per la manutenzione e per l aumento

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

5. MANUALE D USO DEL TERRITORIO

5. MANUALE D USO DEL TERRITORIO 5. MANUALE D USO DEL TERRITORIO Bardolino.indb 81 6-05-2008 14:28:11 Bardolino.indb 82 6-05-2008 14:28:16 83 5. MANUALE D USO DEL TERRITORIO 5.1 SCELTE ALL IMPIANTO Scelta dell appezzamento Per la scelta

Dettagli

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 In questa lezione parliamo delle forze. Parliamo di forza quando: spostiamo una cosa; solleviamo un oggetto; fermiamo una palla mentre giochiamo a calcio; stringiamo una molla. Quando usiamo (applichiamo)

Dettagli

La "sosta classica" Nella "sosta classica", i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino.

La sosta classica Nella sosta classica, i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino. La "sosta classica" 6 aprile 2005 La progressione della cordata su una parete è caratterizzata dal movimento non contemporaneo degli alpinisti. Durante la progressione della cordata, la sosta è il punto

Dettagli

Di - Fausto O. - Indicativamente si potrebbe programmare ogni 2/3 anni o 2/3 cambi d olio, dipende dalla frequenza, quindi dal kilometraggio.

Di - Fausto O. - Indicativamente si potrebbe programmare ogni 2/3 anni o 2/3 cambi d olio, dipende dalla frequenza, quindi dal kilometraggio. Sostituzione Guarnizione coppa olio V7 Di - Fausto O. - Dopo almeno 150.000 Km, ma credo oltre i 200.000, sono iniziati dei trafilaggi d olio, all inizio minimi poi un attimo più consistenti, dalla coppa

Dettagli

Il metodo. potatura ramificata per la longevità dei vigneti: osservazioni teoriche e guida pratica per Guyot e cordone speronato

Il metodo. potatura ramificata per la longevità dei vigneti: osservazioni teoriche e guida pratica per Guyot e cordone speronato Il metodo Simonit&Sirch Preparatori d Uva potatura ramificata per la longevità dei vigneti: osservazioni teoriche e guida pratica per Guyot e cordone speronato A contenuti aiutare la vite a invecchiare

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE 1/5 Egregio Cliente, La ringraziamo per avere acquistato il nostro pavimento in tranciato di vero legno Par-ky. E molto importante che legga attentamente queste istruzioni

Dettagli

SANITARI. Installare una vasca da bagno classica

SANITARI. Installare una vasca da bagno classica SANITARI Installare una vasca da bagno classica 02 1 Vasche, materie... avete la scelta Acrilico, acciaio, Al giorno d oggi tanti tipi di vasche da bagno sono disponibili. Tuttavia i principi d installazione

Dettagli

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini La bioclimatica nella storia Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini Le tecnologie solari attive e passive La prima crisi petrolifera mondiale (anni 70) ha portato a molte sperimentazioni

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

Federazione Italiana Gioco Bridge settimanale di bridge spedito via mail a mezzogiorno del giovedì. di Viadana n 139. sommario

Federazione Italiana Gioco Bridge settimanale di bridge spedito via mail a mezzogiorno del giovedì. di Viadana n 139. sommario responsabile e.mail mobile telefono/fax indirizzo località Federazione settimanale di bridge spedito via mail a mezzogiorno del giovedì ilpontediviadana@hotmail.it n 139 settimanale di bridge spedito via

Dettagli

IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA

IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA Progetto CISA IPOTESI PROGETTUALI PER IL RISCALDAMENTO A BIOMASSE IN AREA MONTANA Intorduzione CISA Centro per lo Sviluppo dell Appennino Dott. Ing. Filippo Marini Introduzione Utilizzo della biomassa

Dettagli

HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI)

HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI) HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI) Le seguenti regole si applicano a tutte le versioni del gioco, anche se ogni edizione può avere delle differenze. Ci sono quattro principali gruppi di

Dettagli

Legatura della vite ai sostegni

Legatura della vite ai sostegni MATERIALI, PICCOLE ATTREZZATURE E MACCHINE Legatura della vite ai sostegni Materiali tradizionali di origine vegetale e legacci sintetici o metallici possono utilmente coesistere per assicurare la vite

Dettagli

GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE

GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE GARANZIA BATTERIE DI TRAZIONE INDUSTRIALE Le batterie da trazione vengono normalmente fornite con acido già cariche e pronte per l impiego. Tuttavia prima di mettere in servizio una batteria nuova è sempre

Dettagli

Noce. Non richiede una potatura regolare Non sopporta tagli di grandi dimensioni Potatura: eliminazione succhioni, rami secchi, mal posizionati

Noce. Non richiede una potatura regolare Non sopporta tagli di grandi dimensioni Potatura: eliminazione succhioni, rami secchi, mal posizionati Forma: vaso libero Noce Non richiede una potatura regolare Non sopporta tagli di grandi dimensioni Potatura: eliminazione succhioni, rami secchi, mal posizionati Franquette allevata in asse verticale Impalcatura

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

REGOLAMENTO FAENTINO L INIZIO. Il tavolo sarà composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso.

REGOLAMENTO FAENTINO L INIZIO. Il tavolo sarà composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso. REGOLAMENTO FAENTINO LE PEDINE Sono 144 così divise: Fiori x 4 (Est, Sud, Ovest, Nord) Stagioni x 4 (Est, Sud, Ovest, Nord) Dall 1 al 9 x 4 Scritti (detti anche caratteri) Dall 1 al 9 x 4 Canne (detti

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

La potatura di produzione tempi di lavoro e costi

La potatura di produzione tempi di lavoro e costi La potatura di produzione tempi di lavoro e costi Giancarlo Scalabrelli Tipo di potatura La carica di gemme e le potenzialità del territorio Risposta della pianta alla carica di gemme Regolazione della

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Prof. Andrea

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

CYMBIDIUM. Origine: Nepal e Nord India

CYMBIDIUM. Origine: Nepal e Nord India Azienda Agricola Nardotto Capello di Nardotto Claudio C.so Repubblica 266 18033 Camporosso (IM) ITALY Nursery CITES P-IT-1002 Tel. +39.0184.29.00.69 Fax +39.0184.25.46.49 P.Iva IT01478300088 CATTLEYA Origine:

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Milano, 5 Dicembre 2013

TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Milano, 5 Dicembre 2013 TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Negli ultimi anni si è manifestato il boom delle fonti energetiche alternative e questo ha toccato anche il mercato del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

Software Specifico per la Gestione e la Bilanciatura della Linea di Assemblaggio

Software Specifico per la Gestione e la Bilanciatura della Linea di Assemblaggio Tempi & Metodi di Giorgio Andreani Servizi di Controllo e di Organizzazione dei Processi Produttivi Iscrizione al Registro delle Imprese CCIAA di Verona REA 357269 Partita Iva 03686020235 - Cod. Fisc.

Dettagli

CONTROLLO DI PORTA Autore: Franco Zecchini (Alpi Centrali) 04.11.2013

CONTROLLO DI PORTA Autore: Franco Zecchini (Alpi Centrali) 04.11.2013 CONTROLLO DI PORTA Autore: Franco Zecchini (Alpi Centrali) 04.11.2013 1 Il capo dei controlli posizionerà il controllo di porta in una postazione tale da permettergli di tenere sotto controllo il terreno

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

I pidocchi della testa

I pidocchi della testa I pidocchi della testa Kit informativo per i genitori Cosa succede se il vostro bambino prende i pidocchi. Niente panico, qualsiasi bambino può avere i pidocchi e il trattamento non è difficile. Iniziate

Dettagli

REP 050 MISURATORE DI ECCENTRICITA PER RUOTE VEICOLI INDUSTRIALI.

REP 050 MISURATORE DI ECCENTRICITA PER RUOTE VEICOLI INDUSTRIALI. Cod. 024.042 REP 050 MISURATORE DI ECCENTRICITA PER RUOTE VEICOLI INDUSTRIALI. REP 050 è un nuovo strumento per la misurazione dell eccentricità radiale e laterale dei pneumatici di ruote per veicoli industriali.

Dettagli

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia Parco Spina verde Corso Gev 2014 La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia 1 L ambrosia è una pianta erbacea stagionale appartenente alla famiglia delle composite o Asteraceae. Originaria

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

corso di potatura e innesto la potatura

corso di potatura e innesto la potatura CONSORZIO DELLA QUARANTINA Associazione per la Terra e la Cultura Rurale casella postale 40 ufficio GE/06 16149 Genova tel. 347.9534511 posta elettronica: scrivi@quarantina.it corso di potatura e innesto

Dettagli

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL

Scaldameglio. Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno Beghelli ISTRUZIONI PER L USOL Scaldameglio Bagno (cod. ordine 8497) 1. Ingresso aria 2. Uscita aria 3. Indicatore di presenza alimentazione 3 1 2 4. Selettore della temperatura (termostato)

Dettagli

Piccolo quadro polimaterico: Il grappolo d uva

Piccolo quadro polimaterico: Il grappolo d uva DALL UVA AL VINO Obiettivo: conoscere le parti della vite, le caratteristiche del grappolo; conoscere le fasi della vinificazione. Attività: ascoltare e comprendere; esperienza empirica di vinificazione

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

POTATURA MECCANICA DEL VIGNETO L ESPERIENZA REGGIANA

POTATURA MECCANICA DEL VIGNETO L ESPERIENZA REGGIANA POTATURA MECCANICA DEL VIGNETO L ESPERIENZA REGGIANA Dott. Stefano Meglioraldi Dott. Matteo Storchi Situazione provinciale potato a macchina Cosa ci si aspetta? Produzione e grado almeno equivalenti Risparmio

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

COME LIMITARE I DANNI DI FORTI GRANDINATE

COME LIMITARE I DANNI DI FORTI GRANDINATE Albino Morando - Simone Lavezzaro - Luca Sartori 1 COME LIMITARE I DANNI DI FORTI GRANDINATE Lavoro effettuato in collaborazione con la Cantina Sociale di Avio (Trento) Dedicato al Prof. Italo Eynard,

Dettagli