UNA TECNOLOGIA PRESTAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA TECNOLOGIA PRESTAZIONALE"

Transcript

1 UNA TECNOLOGIA PRESTAZIONALE PRATI contro la desertificazione e l erosione dei suoli ARMATI PARTE II LITOTIPI e CANTIERI

2 APPLICAZIONI PER LITOTIPI - TERRENI TRATTABILI CON I Si intendono per terreni trattabili con i PRATI ARMATI tutte le rocce sciolte (terre) e le rocce lapidee (rocce) che per fessurazione, macrostruttura, tessitura, granulometria, addensamento, ecc. consentono l attecchimento e lo sviluppo dell apparato radicale, quali: TERRE argille limi sabbie ghiaie loro miscele in proporzioni differenti ROCCE conglomerati (debolmente cementati) marne (alterate) calcareniti (debolmente cementate) flysch piroclastiti scisti rocce acide o basiche alterate o intensamente fratturate L attecchimento è ottenibile anche su suoli che, sotto il profilo pedologico, appaiono totalmente sterili. I attecchiscono anche su terreni additivati con calce fino al 5% in peso. Le rocce devono essere alterate o più o meno fratturate e la percentuale di attecchimento è proporzionale al grado di alterazione e fratturazione. Sulla roccia integra compatta non è possibile l attecchimento. SELEZIONE LITOLOGICA DI CANTIERI REALIZZATI CON I PRATI ARMATI ARGILLE MARNOSE GRIGIO AZZURRE (SS 92 - PZ) ARGILLE VARICOLORI (SCIACCA - AG) ARGILLE PLIOCENICHE SOVRACONSOLIDATE DI ORIGINE MARINA (AUTOSTR. A1 MI-NA, FABRO TR) ARGILLITI (AUTOSTRADA CT-SR) BASALTI INTENSAMENTE FRATTURATI (ORVIETO, L ABBADIA - TR) CALCARI FRATTURATI (SAN VINCENZO - LI) CALCARENITI DEBOLMENTE CEMENTATE (AUTOSTRADA CT-SR) CONGLOMERATI DEBOLMENTE CEMENTATI (AUTOSTRADA CT-SR, E CASTELVISCARDO - TR) DETRITI DI FALDA DI NATURA CARBONATICA (TRENTO) DETRITO DI VERSANTE ETEROMETRICO (OROPA - BI) FLYSCH (VAL D AGRI - PZ) GHIAIE LITORALI (ALGHERO - SS) GHIAIE SABBIOSE CALCAREE RESIDUALI DA ATTIVITÀ ESTRATTIVA (LAMEZIA TERME - CZ) GRANITI ARENIZZATI E GRANITI ALTERATI INTENSAMENTE FRATTURATI (ORGOSOLO - NU) LIMI E ARGILLE (FERMO) PIROCLASTITI TUFACEE ALTERATE (ORVIETO, L ABBADIA - TR) PORFIDI INTENSAMENTE FRATTURATI (ORGOSOLO - NU) SABBIE GHIAIOSE CARBONATICHE (AUTOSTRADA SA-RC, LAGONEGRO - PZ) SABBIE SILICEE ADDENSATE (MINIERE DI FLORINAS - SS) SABBIE LIMOSE (AUTOSTRADA A3 SA-RC, PALMI - RC) SABBIE SILICEE BEN ADDENSATE IN MATRICE ARGILLOSA (FLORINAS - SS) RILEVATI IN TERRE GRANULARI NON RICOPERTE DA TERRENO VEGETALE (SAN VINCENZO LI)

3 DEPOSITI PIROCLASTICI E AFFIORAMENTI BASALTICI ORVIETO (TR) 7 mesi dopo

4 DEPOSTI PIROCLASTICI DISGREGATI ORVIETO (TR)

5 DEPOSITI PIROCLASTICI DISGREGATI ORVIETO (TR) 7 mesi dopo

6 GHIAIA E CIOTTOLI IN MATRICE SABBIOSA CARBONATICA - TRENTO

7 GHIAIA E CIOTTOLI IN MATRICE SABBIOSA CARBONATICA - TRENTO 15 mesi dopo

8 FLYSCH VAL D AGRI, BASILICATA (CANTIERE ANAS)

9 FLYSCH VAL D AGRI, BASILICATA (CANTIERE ANAS) 14 mesi dopo

10 SABBIE ARGILLOSE AUTOSTRADA A3 SA-RC (CANTIERE ANAS) 3 mesi dopo

11 ARGILLE PLIOCENICHE SOVRACONSOLIDATE AUTOSTRDA DEL SOLE A1 MI-NA (CANTIERE AUTOSTRADE PER L ITALIA SPA) 7 mesi dopo

12 ARGILLE PLIOCENICHE SOVRACONSOLIDATE AUTOSTRDA DEL SOLE A1 MI-NA (CANTIERE AUTOSTRADE PER L ITALIA SPA) Prima dell intervento PRATI ARMATI 7 mesi dopo

13 ARGILLE VALICOLORI SCIACCA (AG) CAVA D ASPORTO 24 mesi dopo Area non trattata

14 ARGILLE MARNOSE GRIGIO-AZZURRE VAL D AGRI, BASILICATA (CANTIERE ANAS) 18 mesi dopo 18 mesi dopo Area non trattata

15 CALCARI DEBOLMENTE FRATTURATI - CAVA SAN CARLO - SAN VINCENZO (LI) 7 mesi dopo

16 CALCARI DEBOLMENTE FRATTURATI CAVA SAN CARLO - SAN VINCENZO (LI)

17 RILEVATI FERROVIARI IN TERRE GRANULARI - CAVA SAN CARLO - SAN VINCENZO (LI) 7 mesi dopo

18 SABBIE ARGILLOSE - MATERA PRIMA DOPO PRIMA DOPO PRIMA DOPO L evoluzione del processo di erosione porta al collasso della parte superficiale del terreno

19 SABBIE SILICEE ADDENSATE IN MATRICE ARGILLOSA FLORINAS (SS) Area non trattata 5 mesi dopo Area non trattata Area non trattata Area non trattata

20 SABBIE SILICEE MINIERA DI FLORINAS (SS)

21 SABBIE SILICEE MINIERA DI FLORINAS (SS) 2 mesi dopo

22 GHIAIE SABBIOSE CALCAREE RESIDUALI - LAMEZIA TERME (CZ) Area non trattata 13 mesi dopo

23 DETRITO DI VERSANTE ETEROMETRICO OROPA (BI) mslm PRIMA Giugno mesi dopo

24 DETRITO DI VERSANTE ETEROMETRICO OROPA (BI) mslm PRIMA Giugno mesi dopo

25 ARGILLITI, ARGILLE SCAGLIOSE, CALCARENITI, CONGLOMERATI- AUTOSTRADA CT-SR 16 mesi dopo

26 DIFESA SPONDALE SU TERRENO DI RIPORTO FIUME NONCELLO (PN) 24 mesi dopo Pordenone, fiume Noncello Impianto realizzato con i soli PRATI ARMATI

27 SCARPATA IN BAGNATO GHIAIE SABBIOSE POLCENIGO (PN) 12 mesi dopo

28 SCARPATA IN BAGNATO FERRANDINA (MT) Durante l intervento 6 mesi dopo

29 RINATURALIZZAZIONE DI CAVE MINIERE - DISACRICHE I possono essere efficacemente utilizzati per il recupero ambientale di cave e miniere. Consentono infatti una rapida rinaturalizzazione in quanto: le specie erbacee a radicazione profonda utilizzate, che garantiscono in tempi brevi la completa copertura e protezione dei versanti in EROSIONE, sono piante rustiche e pioniere in grado di svilupparsi anche su suoli poveri e inquinati da metalli pesanti, idrocarburi, etc. come quelli di cave e miniere. esercitano un azione miglioratrice del suolo, favorendo quindi il successivo insediamento di piante arbustive ed arboree su un terreno ormai consolidato e reso fertile (cfr successione ecologica p ). I PRATI ARMATI presentano una spiccata tolleranza a suoli inquinati da metalli pesanti ed idrocarburi. Si prestano quindi anche alla rapida rinaturalizzazione di discariche. 6 mesi dopo Ozieri (SS)

30 RECUPERO DELLE DISCARICHE Le principali problematiche rilevabili in una discarica sono: 1. Erosione - Sedimentazione; 2. Acqua d infiltrazione nel corpo della discarica; 3. Fuoriuscita di percolato al piede della discarica; 4. Infiltrazione di percolato nel terreno; 5. Erosione - Sedimentazione; 6. Erosione - Sedimentazione; 7. Infiltrazione acque superficiali; 8. Erosione - Sedimentazione sulle sponde ripide; 9. Acqua piovana d infiltrazione sulle sponde ripide; 10. Percolato; 11. Infiltrazione Percolato nel terreno; 12. Biogas; 13. Infiltrazione Biogas nel terreno; 14. Fuoriuscita di Biogas dalla scarpata e copert. Per ovviare al problema apparentemente principale dell infiltrazione, sono possibili diverse soluzioni: 1. impermeabilizzazione minerale (legge 36) 2. impermeabilizzazione con geosintetici; 3. soluzione naturale che prevede l impiego di sola vegetazione. 1)IMPERMEABILIZZAZIONE MINERALE (LEGGE 36) 100 Terreno vegetale Geotessile non tessuto per separazione Materiale arido drenante Argilla 2)SOLUZIONE CON GEOSINTETICI Manto in HDPE spess. 2 mm Geocomposito drenante 3)SOLUZIONE NATURALE 50 Materiale arido drenante Terreno vegetale Terreno di regolarizzazione 20 Terreno di regolarizzazione Terreno di regolarizzazione Rifiuti Rifiuti Rifiuti Diverse soluzioni per l impermeabilizzazione delle discariche (Fonte. Balsamo.)

31 RECUPERO DELLE DISCARICHE Nelle discariche che prevedono la soluzione minerale o quella con i geosintetici, è sempre fortemente presente il problema delle acque superficiali di scorrimento che erodono superficialmente il terreno di coperture creando non pochi problemi. Essendo l erosione un problema diffuso su tutta la superficie, la soluzione deve intervenire sempre omogeneamente su tutta la superficie per cui la soluzione più semplice e naturale è l inerbimento. CARATTERISTICHE IMPERMEABILIZZAZIONE MINERALE SOLUZIONE CON GEOSINTETICI SOLUZIONE VEGETALE Spessore materiali specifici Elevato Limitato Nessuno Impermeabilità Elevata Elevata Molto Buona Aspetto Paesaggistico Molto Negativo Molto Negativo Naturale Necessità di recupero Si Si No Durata Limitata Media Lunga Qualità ambientale del sito Nulla Nulla Elevata Tempi di realizzazione Lunghi Medi Brevi Consumo di Risorse Elevate Elevate Limitate Formazione inquinanti Elevati Elevati Limitati Influenza effetto serra Elevato Elevato Negativo Influenza stabilità versante Nessuna Nessuna Positiva Necessità di terreno vegetale Si Si No Costi di manutenzione Elevati Elevati Nessuno Impatto ambientale globale Elevato Elevato Molto Basso tabella riassuntiva delle problematiche

32 RINATURALIZZAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DI DISCARICHE A PENDIO Le discariche a pendio sono realizzate a ridosso di pendii, per riempimento di squarci aperti lungo i versanti dovuti per l apertura di cave, oppure per la presenza di calanchi o impluvi. Le discariche a pendio sono spesso realizzate in modo non controllato su scarpate molto ripide e presentano spesso rifiuti affioranti. Rifiuti Terreno in situ Discarica a pendio (Fonte. Balsamo.) I benché non sostituiscano gli interventi di bonifica, possono fornire una soluzione concreta ed economica all esigenza della messa in sicurezza, in situazioni di emergenza, di questo tipo di discariche. Per la messa in sicurezza di emergenza, infatti, non sono realizzabili coperture in argilla o con teli impermeabili, visto che richiedono radicali interventi di bonifica, generalmente molto lunghi, costosi e complessi. I consentono di realizzare una rapida, fitta e uniforme copertura vegetale che determina un impermeabilizzazione naturale della discarica. La coltre vegetale riduce sensibilmente l infiltrazione di acque meteoriche (cfr.) e la conseguente produzione di percolato (riduzione fino all 80-90%), evitando il dilavamento e il trascinamento a valle dei rifiuti affioranti, che vengono inglobati nella copertura vegetale. Questo tipo di intervento (cfr. D.M. 471/99) rientra nella categoria in situ, senza cioè movimentazione o rimozione del suolo inquinato. La Tecnologia dei garantisce lo sviluppo rapido e diffuso di una fitta coltre vegetale che determina: A. Aumento della stabilità del versante (cfr..) dovuta alla capacità del loro peculiare apparato radicale di imbrigliare il terreno trasferendogli la resistenza a trazione. B. riduzione dell infiltrazione di acque meteoriche negli strati profondi e quindi di percolato, principale fattore di rischio di inquinamento in questo tipo di discariche (cfr.); C. riduzione drastica della perdita di suolo per ruscellamento superficiale (cfr.). D. isolamento dei rifiuti dall ambiente esterno dovuto alla fitta ed uniforme coltre vegetale che fa sì che l acqua che defluisce a valle non sia contaminata dai rifiuti solidi e dagli inquinanti dilavati. I inoltre presentano: a. resistenza agli inquinanti: come metalli pesanti, idrocarburi, reflui organici, ecc.. b. resistenza ad alte temperature: sono in grado di ricacciare anche dopo incendio.

33 RINATURALIZZAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DI DISCARICHE A PENDIO COPERTURE VEGETALI ALTERNATIVE Essenze vegetali alternative, come ad es. specie arbustive o arboree (trapiantate ad una certa distanza tra loro) non realizzerebbero una copertura vegetale in grado di sigillare il versante favorendo lo scorrimento dell acqua sopra la coltre allettata. Non procurerebbero quindi i vantaggi derivanti da una copertura vegetale fitta ed uniforme (cfr. p ) L apparato radicale di specie arbustive ed arboree (caratterizzato da un numero limitato di radici grosse), inoltre, non sarebbe in grado di imbrigliare i rifiuti affioranti efficacemente come un impianto di Rifiuti imbrigliati e trattenuti Acqua piovana intercettata e convogliata a valle Acqua piovana intercettata e convogliata a valle Ruscellamento ed EROSIONE Rifiuti trasportati a valle

34 I NON SONO IL VETIVER I PRATI ARMATI non sono il Vetiver. I PRATI ARMATI non comprendono sementi di Vetiver Cvambiare il colore come sotto e mettre 2 foto, una per i PA, una per il vetiver onde evidenziarne bene la differenza come da presentazione dove si vedono i vasetti di vetiver in tagliola Molte specie autoctone Sementi Idrosemina PRATI ARMATI Miscela di circa 30 tipi di sementi che non comprendono il Vetiver Aspetto uniforme, diffuso su tutta la superficie da consolidare Resistono in tutti i climi: temperature da -45 C a + 60 C Piante di Vetiveria zizanioides Lynn Specie originaria dell India Piante (il Vetiver non produce semi) Trapianto manuale Impianto a siepi VETIVER Resiste solo in climi caldi: temperature da -5 C a + 55 C

35

L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI.

L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI. L'INTERAZIONE PENDIO ATMOSFERA: PIANTE ERBACEE A RADICAZIONE PROFONDA PER LA PROTEZIONE DEI VERSANTI IN CASO DI FENOMENI METEOROLOGICI INTENSI. I cambiamenti climatici, con piogge sempre più intense e

Dettagli

SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE DELLE DISCARICHE

SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE DELLE DISCARICHE SISTEMI DI IMPERMEABILIZZAZIONE DELLE DISCARICHE Barriera di fondo Protezione dalla migrazione del percolato Protezione dalla migrazione del biogas Fornisce supporto meccanico ai rifiuti Evita l accumulo

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

IDRAULICA APPLICATA - A. A. 2004-05 TABELLE. TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966]

IDRAULICA APPLICATA - A. A. 2004-05 TABELLE. TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966] TAB. 1.1 - VALORI DELLA SCABREZZA SIGNIFICATIVA k s (mm) DA [HENDERSON, 1966] TIPO DI SUPERFICIE NORMALE MASSIMO CALCESTRUZZO GETTATO IN OPERA SENZA IRREGOLARITÀ 0.15 RIVESTIMENTO CEMENTIZIO FINITO A MANO

Dettagli

I PRATI ARMATI : una tecnologia naturale per contrastare l erosione e la desertificazione

I PRATI ARMATI : una tecnologia naturale per contrastare l erosione e la desertificazione I ARMATI : una tecnologia naturale per contrastare l erosione e la desertificazione Orvieto (Terni) PRIMA DOPO I ARMATI sono una tecnologia naturale che: 1. impiega sementi di piante erbacee perenni a

Dettagli

EDILIZIA BIOECOLOGICA PER UNO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE. Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica:

EDILIZIA BIOECOLOGICA PER UNO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE. Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica: Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica: L Ingegneria Naturalistica è una disciplina tecnica in grado di conciliare le esigenze antropiche di intervento sul territorio con quelle

Dettagli

INTERVENTI ESEGUITI CON CARATTERE DI URGENZA PRESSO AREA DISCARICA LOC. VALLENONCELLO PORDENONE (PN)

INTERVENTI ESEGUITI CON CARATTERE DI URGENZA PRESSO AREA DISCARICA LOC. VALLENONCELLO PORDENONE (PN) INTERVENTI ESEGUITI CON CARATTERE DI URGENZA PRESSO AREA DISCARICA LOC. VALLENONCELLO PORDENONE (PN) Premessa: Nel periodo compreso fra la seconda metà di dicembre 2013 e la prima di febbraio 2014, sul

Dettagli

Barriere Impermeabili

Barriere Impermeabili Università di Roma Tor Vergata Laura magistrale in Ingegneria per l ambiente e il territorio Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Barriere Impermeabili Renato Baciocchi A.A. 2012 2013 Introduzione Le

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

PREMESSA... 3 OBIETTIVI... 3 STATO ATTUALE... 3 STATO DI PROGETTO...

PREMESSA... 3 OBIETTIVI... 3 STATO ATTUALE... 3 STATO DI PROGETTO... INDICE 1 PREMESSA... 3 2 OBIETTIVI... 3 3 STATO ATTUALE... 3 4 STATO DI PROGETTO... 4 4.1 IL BACINO DI DISCARICA... 4 4.2 STRUTTURE DI SERVIZIO ED OPERE COMPLEMENTARI... 5 4.3 LA SISTEMAZIONE FINALE...

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

Guida Applicazione MODULO GEOBENT XP GUIDA ALL INSTALLAZIONE PER APPLICAZIONI IN DISCARICA. LINING & WATERPROOFING TECHNOLOGIES Lining

Guida Applicazione MODULO GEOBENT XP GUIDA ALL INSTALLAZIONE PER APPLICAZIONI IN DISCARICA. LINING & WATERPROOFING TECHNOLOGIES Lining Guida Applicazione LINING & WATERPROOFING TECHNOLOGIES Lining MODULO GEOBENT XP GUIDA ALL INSTALLAZIONE PER APPLICAZIONI IN DISCARICA lwt@laviosa.com Rev.00 Barriere di fondo La localizzazione e la tecnica

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Gabbioni e Gabbioni drenanti

Gabbioni e Gabbioni drenanti 1 Gabbioni e Gabbioni drenanti Utilizzo dei Gabbioni Come vengono utilizzati oggi I gabbioni: In edilizia per la costruzione di muri di recinzione, complessi residenziali, industrie, muri di sostegno,

Dettagli

INTERVENTI EMERGENZIALI

INTERVENTI EMERGENZIALI COMUNE DI PESCANTINA PROVINCIA DI VERONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER LA FRAZIONE SECCA DEGLI RSU SITUATA IN LOCALITÀ FILISSINE INTERVENTI EMERGENZIALI Realizzazione argini di contenimento, canaletta e vasca

Dettagli

DISCARICA DI BUDAPEST STUDIO PER UN PROGETTO DI COPERTURA

DISCARICA DI BUDAPEST STUDIO PER UN PROGETTO DI COPERTURA DISCARICA DI BUDAPEST STUDIO PER UN PROGETTO DI COPERTURA DISCARICA DI BUDAPEST STUDIO PER UN PROGETTO DI COPERTURA IL SISTEMA DI COPERTURA (CAPPING) Il sistema di copertura di una discarica: - Confina

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale

SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree in Ingegneria Civile ed

Dettagli

www.pavitex.com PAVIMANT I PRODOTTI PAVIMANT K e PAVIMANT J sono biotessili in fibre naturali rispettivamente di cocco e juta.

www.pavitex.com PAVIMANT I PRODOTTI PAVIMANT K e PAVIMANT J sono biotessili in fibre naturali rispettivamente di cocco e juta. PAVIMANT I PRODOTTI PAVIMANT K e PAVIMANT J sono biotessili in fibre naturali rispettivamente di cocco e juta. PAVIMANT P, PAVIMANT C e PAVIMANT P/C sono biostuoie in fibre naturali trattenute da 2 reti

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione.

Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione. Relazione tecnico illustrativa delle opere di Ingegneria Naturalistica previste sulla strada di nuova costruzione. I. Introduzione Si intende con il termine ingegneria naturalistica l insieme di tutte

Dettagli

Capitolo II Discariche

Capitolo II Discariche Capitolo II Discariche DISCARICA DI RIFIUTI (Da Wikipedia, l'enciclopedia libera). Una moderna discarica con protezioni e barriere (Honolulu, Hawaii). Una discarica ricoperta di verde dopo la chiusura

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6

1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6 SOMMARIO 1. PREMESSE... 2 2. BARRIERA DI SUPERFICIE... 3 3. SISTEMAZIONE FINALE DELL AREA DI INTERRAMENTO... 6 4. INSERIMENTO PAESAGGISTICO DEL CAMPO FOTOVOLTAICO... 7 5. SIMULAZIONI FOTOGRAFICHE... 8

Dettagli

Superficie di RETE METALLICA A DOPPIA TORSIONE. scorrimento potenziale Biostuoia O BIORETE. Chiodature

Superficie di RETE METALLICA A DOPPIA TORSIONE. scorrimento potenziale Biostuoia O BIORETE. Chiodature Approccio qualitativo per la definizione delle soluzioni integrate a protezione e rinverdimento di versanti stradali in erosione: Nuove soluzioni e ruolo della vegetazione Massimo Salmi Responsabile Ufficio

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30 Workshop Strategie di Mitigazione del Rischio sismico La Microzonazione sismica: esperienze, risultati, applicazioni dal 2008 al 2013 Roma, 22-23 maggio 2013 CNR, Piazzale A. Moro 1 Le categorie di sottosuolo

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

Il capping geosintetico di una discarica

Il capping geosintetico di una discarica TeMa srl Divisione Ambiente 1-5 Campo di applicazione : Il capping geosintetico di una discarica di RSU SEPARAZIONE FUNZIONE CAMPO DI APPLICAZIONE BACINI IDRICI FILTRAZIONE CANALI Titolo : Realizzazione

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

UNA DISCARICA DA SALVARE

UNA DISCARICA DA SALVARE UNA DISCARICA DA SALVARE Relatore : Dott.ssa Angela Bruna Cardile Vibo Valentia - 15 giugno 2011 Discarica c.da Petrosì di Casignana - Ubicata all inizio del bacino inbrifero del Vallone Rambotta - sviluppata

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

COSTI DEI LAVORI DI AMPLIAMENTO IN SOPRAELEVAZIONE DEL TERZO LOTTO DELLA DISCARICA OPERE DI APPRONTAMENTO INIZIALE

COSTI DEI LAVORI DI AMPLIAMENTO IN SOPRAELEVAZIONE DEL TERZO LOTTO DELLA DISCARICA OPERE DI APPRONTAMENTO INIZIALE COSTI DEI LAVORI DI AMPLIAMENTO IN SOPRAELEVAZIONE DEL TERZO LOTTO DELLA DISCARICA OPERE DI APPRONTAMENTO INIZIALE Hera SOF.1.01.507 Scavo di sbancamento mc 1 17500.00 1.00 17500.00 3.63 63,582.75 GAL.A.C.020.010

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

HAZARD pericolosità. Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra

HAZARD pericolosità. Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra HAZARD pericolosità Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra Aspetti principali Alla luce di quanto detto l aspetto classificato come Riduzione del rischio fa parte

Dettagli

Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009

Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009 IEEE Giornata di studio su: Tecniche impiantistiche e tecnologie ottiche per l accesso di nuova generazione Materiali e tecnologie per il ripristino stradale 8 luglio 2009 Maurizio Crispino Maurizio Crispino

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC R E G I O N E A U T O N O M A D E L L A V A L L E D A O S T A COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE COMPRENSORIALI IN COMUNE DI LA SALLE A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ MONTANA

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 CAVA RIMANDOLI 7 COMUNE DI PERGINE VALDARNO (AR) ai sensi del Decreto Legislativo 30 maggio 2008 n 117 Attuazione

Dettagli

Nanoalps - Il brevetto originale Tecnica migliorata in sintonia con la natura. Nanotecnologia nell edilizia

Nanoalps - Il brevetto originale Tecnica migliorata in sintonia con la natura. Nanotecnologia nell edilizia Nanoalps - Il brevetto originale Tecnica migliorata in sintonia con la natura Nanotecnologia nell edilizia Nanoalps - Il brevetto Originale Nanoalps - La nuova generazione della nanotecnologia nell edilizia

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO PROGETTO ESECUTIVO INERENTE LA MESSA IN SICUREZZA DELLA ZONA DI TUTELA ASSOLUTA DEI POZZI DI ROSSANA PIANO DI MANUTENZIONE Marzo 2010 dr.geol. Raffaele Boninsegni dr.geol.

Dettagli

Criteri ingegneristici progettuali per impianti di stoccaggio di rifiuti non pericolosi

Criteri ingegneristici progettuali per impianti di stoccaggio di rifiuti non pericolosi Criteri ingegneristici progettuali per impianti di stoccaggio di rifiuti non pericolosi Seminario tecnico PROGETTARE LE DISCARICHE: ASPETTI TEORICI E PRATICI Roma, 4 maggio 2011 Ing. Mauro Fortugno ENVIRON

Dettagli

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA)

CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) CASE HISTORY DRENAGGIO VIGNETI- IDROSAC-MONTALCINO (SIENA) 1 - Descrizione dell intervento a difesa del suolo1 Lo scopo dell intervento è quello di realizzare un drenaggio a bassa profondità in trincea

Dettagli

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI B R E V E T TAT O Calcestruzzo drenante e fonoassorbente a elevate prestazioni, ideale per la realizzazione di pavimentazioni DrainBeton

Dettagli

Ciclo idrologico nel bacino

Ciclo idrologico nel bacino Condensazione Evapotraspirazione Precipitazione Evaporazione Suolo Falda Precipitazione Intercettazione Ruscellamento Infilotrazione Ipodermico Ricarica Traspirazione Flusso di base Portata del fiume Evaporazione

Dettagli

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica

Comune di SELARGIUS. Provincia di CAGLIARI. Relazione geotecnica Comune di SELARGIUS Provincia di CAGLIARI Relazione geotecnica OGGETTO: OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE RURALE. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE RURALI BIA E MESU E SESTU SETTIMO COMMITTENTE: Comune

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

CENSIMENTO DELLE RISORGIVE DELLA PROVINCIA DI VICENZA. Scheda Caratterizzazione Ambientale

CENSIMENTO DELLE RISORGIVE DELLA PROVINCIA DI VICENZA. Scheda Caratterizzazione Ambientale N Sandrigo Maragle // Baci Astico - Tesina Stato Periodica Testa spostata di m più a sud rispetto al precedente censimento colture stagionali in prevalenza e/o arativi misti. Tipologia di usi del suolo:

Dettagli

PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI

PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI PRATI ARMATI Srl SOCIETA DI RICERCA BIOINGEGNERIA TECNOLOGIE AMBIENTALI Rinforzo meccanico dei terreni con il VETIVER e calcolo del fattore di sicurezza Scopo dell intervento La tecnologia del VETIVER

Dettagli

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO drainpanel soluzione innovativa per la gestione delle acque ALTA CAPACITÀ DRENANTE RESISTENTE SOVRAPPONIBILE w w w. g e o p l

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti RIFIUTI E AMBIENTE: LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio (di materia)

Dettagli

Stato di attuazione interventi di riqualificazione

Stato di attuazione interventi di riqualificazione Impianto di Scarpino Stato di attuazione interventi di riqualificazione Genova, 28 aprile 2015 I punti fondamentali Stabilità della discarica Scarpino 1 e Scarpino 2 Bilancio idrico dell area di Scarpino

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA S.P. 130 ANDRIA-TRANI LAVORI DI AMMODERNAMENTO ED ALLARGAMENTO DEL PIANO VIABILE E DELLE RELATIVE PERTINENZE RISOLUZIONE DELL INTERSEZIONE CON LA S.P. 168 A LIVELLI SFALSATI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Dettagli

AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI

AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI (DM 203/2003 CIRC. N 5205/05) IMPIANTO DI PRODUZIONE : Via Rinaldi n 101 Località Cavazzoli Reggio Emilia D.M. n 203/2003 Impone alle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Terra rinforzata rinverdita 33

Terra rinforzata rinverdita 33 SINONIMI Descrizione sintetica Opera di sostegno realizzata mediante l'abbinamento di materiali di rinforzo in reti sintetiche o metalliche plastificate, inerti di riempimento e rivestimento in stuoie

Dettagli

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti 1 PREMESSA... 2 2 METODO DI COLTIVAZIONE... 3 2.1 Scopertura del giacimento... 3 2.2 Estrazione e carico del calcare... 3 2.3 Trasporto all impianto... 3 2.4 Frantumazione... 3 2.5 Recupero ambientale...

Dettagli

Interventi di Ingegneria Naturalistica

Interventi di Ingegneria Naturalistica Interventi di Ingegneria Naturalistica Prof. Ing. Francesco Canestrari Interventi di ingegneria naturalistica - 1 Interferenze Naturalistiche dovute alla realizzazione di infrastrutture viarie : perdita

Dettagli

B.3: Opere di sostegno

B.3: Opere di sostegno B.3: Opere di sostegno Queste tipologie di opere riguardano il consolidamento e la stabilizzazione dei versanti attraverso opere di sostegno dei terreni. La scelta della tipologia da utilizzarsi nei singoli

Dettagli

DIACRETE. Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica

DIACRETE. Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica DIACRETE Sistema poliuretanico per pavimentazioni industriali in resina ad elevata resistenza chimica e meccanica Che cosa é? Diacrete rappresenta la soluzione ideale per il mondo delle pavimentazioni

Dettagli

BesTec Rivestimenti spondali - Alta qualità per grandi esigenze

BesTec Rivestimenti spondali - Alta qualità per grandi esigenze BesTec Rivestimenti spondali - Alta qualità per grandi esigenze BGS Ingenieurbiologie und ökologie GmbH ~ Dorfstraße 120 ~ 25499 Tangstedt 1 di 14 BesTec Materassi in pietra Tipo SKM BesTec Rulli in pietra,

Dettagli

Il fenomeno carsico carsismo

Il fenomeno carsico carsismo Foto MTSN Il fenomeno carsico carsismo Il termine carsismo deriva dalla parola Carso che indica una regione naturale delle Prealpi Giulie in Istria e Slovenia. Il fenomeno carsico carsismo Qui il fenomeno

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata BARRE IN FIBRA DI BASALTO Le barre hanno un ruolo fondamentale e consolidato in edilizia e vengono utilizzate principalmente come rinforzo del cemento, costituendo così il calcestruzzo armato. La quasi

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale Dati litologici Vengono distinti il substrato e le formazioni superficiali. Per formazioni superficiali si intendono i depositi direttamente collegati con l evoluzione del rilievo attualmente osservabile,

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 5 Analisi E.01.10.10.a Scavo di pulizia generale eseguito con mezzi meccanici in terreno di qualsiasi natura e consistenza fino alla profondità di m 0.4, compresa l'estirpazione d'erbe, arbusti e radici,

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

L ETERNIT E LO SMALTIMENTO IN UNA DISCARICA PER NON PERICOLOSI

L ETERNIT E LO SMALTIMENTO IN UNA DISCARICA PER NON PERICOLOSI PREMESSA Il presente documento intende esporre con chiarezza quali sono le finalità che l Ecolsystema e tutto il suo staff si sono posti volendo realizzare una discarica per Rifiuti non pericolosi in località

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo DICEA Dipartimento di Ingegneria Mantova Civile, 17 aprile Edile 2015 e Architettura COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo Prof. Ing.Maurizio Bocci Università

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

Geonap. Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE. Manuale Tecnico

Geonap. Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE. Manuale Tecnico Geonap Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE Manuale Tecnico Edizione settembre 2009 Indice 1. Disposizioni generali 2 2. Descrizione del prodotto 3 3. Dimensionamento della protezione della

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR LIPIDUR è un prodotto premiscelato composto da leganti minerali cementizi e aggiunte speciali. LIPIDUR viene sempre confezionato

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri.

Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri. PROGETTO PRELIMINARE SALERNO PORTA OVEST CAROTAGGIO SP21 Quota s.l.m.: 228.50 m ca Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri. Attrezzatura

Dettagli

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE

SCHEDA TECNICA : GEOTESSILE COMPOSIZIONE: Mix di fibre sintetiche in fiocco (Poliestere 100%). CARATTERISTICHE: Tessuto non tessuto calandrato e termofissato.esente da collanti o leganti chimici. Prodotto ecologico completamente

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

Discariche di rifiuti e bonifiche di siti inquinati. elevate prestazioni a lungo termine

Discariche di rifiuti e bonifiche di siti inquinati. elevate prestazioni a lungo termine Discariche di rifiuti e bonifiche di siti inquinati elevate prestazioni a lungo termine Discariche di rifiuti e bonifiche di siti inquinati Elevate prestazioni a lungo termine L utilizzo dei geosintetici

Dettagli

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI SICUREZZA AMBIENTE TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI / /////// ///// www.altaquotasrl.it LAVORIAMO PER L UOMO CON LA

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

UNA TECNOLOGIA DI DERMATOLOGIA GEOTECNICA PRATI. contro la desertificazione e l erosione dei suoli ARMATI INFORMAZIONI GENERALI

UNA TECNOLOGIA DI DERMATOLOGIA GEOTECNICA PRATI. contro la desertificazione e l erosione dei suoli ARMATI INFORMAZIONI GENERALI UNA TECNOLOGIA DI DERMATOLOGIA GEOTECNICA contro la desertificazione e l erosione dei suoli INFORMAZIONI GENERALI 2010 ARMATI srl. Tutti i diritti riservati. L'uso non autorizzato dei marchi registrati,

Dettagli

LE ATTIVITA E GLI OBIETTIVI DELLA COLLABORAZIONE DI RICERCA TRA A N T A E LATIUM VETIVER

LE ATTIVITA E GLI OBIETTIVI DELLA COLLABORAZIONE DI RICERCA TRA A N T A E LATIUM VETIVER LE ATTIVITA E GLI OBIETTIVI DELLA COLLABORAZIONE DI RICERCA TRA A N T A E LATIUM VETIVER L A N T A e l azienda Latium Vetiver svolgono un attività innovativa che partendo dalla produzione, conservazione

Dettagli

De Medici di Ottajano Prof. Giovan Battista Università degli Studi di Napoli Federico II

De Medici di Ottajano Prof. Giovan Battista Università degli Studi di Napoli Federico II De Medici di Ottajano Prof. Giovan Battista Università degli Studi di Napoli Federico II Sopralluogo effettuato in data 3 e 4 febbraio in aree comprese nei comuni di Vallata, Vallesaccarda, Bisaccia, Lacedonia

Dettagli

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati:

Applicazioni di utilizzo Le terre rinforzate possono essere utilizzate per vari scopi come si vede dagli esempi sotto riportati: Terre rinforzate Nella costruzione di strutture in terra per realizzare scarpate con angolo di inclinazione maggiore di quello permesso dal rilevato vengono utilizzate armature in strati orizzontali che

Dettagli

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO

Dettagli