I SERVIZI CULTURALI A ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SERVIZI CULTURALI A ROMA"

Transcript

1 I SERVIZI CULTURALI A ROMA Servizi di spettacolo 1) Il Teatro Sistina Il Teatro Sistina, con una capienza di posti, è uno dei più grandi teatri di Roma. Ospita compagnie teatrali che rappresentano spettacoli di prosa e commedie musicali (o musical) ed organizza, in media, sei spettacoli l anno. L iniziativa I lunedì del Sistina porta in scena concerti di musica leggera. 1.1) I soggetti della regolazione Il Teatro Sistina segue l indirizzo politico definito dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il teatro è completamente privato ed il suo regolatore tecnico è lo stesso ente gestore, ossia la società a responsabilità limitata Il Sistina ; è quest ultima, infatti, a stabilire la programmazione, i prezzi dei biglietti d ingresso, le condizioni di offerta e la pubblicizzazione dell attività svolta, nel rispetto delle leggi nazionali sul settore dello spettacolo. 1.2) Regime proprietario Il teatro è di proprietà privata: appartiene alla Sit Centrum S.r.l.. 1.3) Modalità di gestione La gestione è privata; è espletata, infatti, dalla società Il Sistina s.r.l., che ha un contratto di affitto d azienda con la Sit Centrum S.r.l.. 1.4) Modalità di finanziamento 447

2 Non essendo un teatro di produzione, il Sistina riceve una bassa quota di sovvenzioni ministeriali, che ammontano a circa Euro annui e non annovera sponsorizzazioni tra le sue entrate; la maggior parte dei finanziamenti proviene dalla vendita dei biglietti degli spettacoli. In particolare, l ente nel 2001 ha conseguito le entrate che sono riportate in tabella Tabella Le entrate del Teatro Sistina - anno 2001 (in Lire) Incassi da vendita dei biglietti Diritti di prevendita Concessione Bar Concessione guardaroba ; Sovvenzione ministeriale Fonte: nostra elaborazione su dati forniti dal responsabile dell Ufficio della Ragioneria de Il Sistina S.r.l. Grafico finanziamenti del Teatro Sistina Sovvenzione ministeriale 2% Altre entrate 1% Vendita biglietti e diritti di prevendita 97% Fonte: nostra elaborazione dati in tabella ) L offerta di servizi aggiuntivi 448

3 Il Teatro Sistina, al suo interno, ha i servizi di bar e di guardaroba, gestiti da una società appaltatrice dalla quale la società Il Sistina S.r.l. riceve annualmente i diritti di concessione. Nella struttura sono presenti servizi igienici per disabili e posti riservati ai portatori di handicap. I prezzi dei biglietti variano a seconda degli spettacoli rappresentati e dell ubicazione dei posti prescelti. È previsto il servizio di prenotazione. 1.6) Strumenti connessi alla qualità del servizio Le informazioni fornite dal sito internet del teatro sono legate, soprattutto, all attività artistica in programma al teatro; poche sono le notizie riguardanti la gestione, i finanziamenti e la qualità del servizio offerto. L accessibilità alla struttura è agevole ed è previsto, a richiesta, un servizio di accoglienza e assistenza per i portatori di handicap. 2) Auditorium Parco della Musica Analogamente ad altre strutture simili presenti in Europa e nel mondo, gli spazi dell'auditorium sono aperti ad iniziative di carattere musicale, artistico e sociale. Le strutture dell'auditorium, pensate per un utilizzo musicale, si prestano anche all'uso congressuale, con un'offerta di: 3 sale teatro da 2700, 1200 e 700 posti (servite da sale di regia); numerose aule di diverse dimensioni (supportate da sale di regia); una sala stampa, dotata di un proprio bar; una zona riservata, dotata di salotto e bar privato; un ampio foyer che può essere utilizzato per l'accoglienza; una zona espositiva. 449

4 Il progetto di Renzo Piano per il nuovo Auditorium di Roma è risultato vincitore di un concorso internazionale. L'area prescelta è situata nel quartiere Flaminio, vicino al villaggio Olimpico. Le tre sale distinte, disposte intorno a una cavea per spettacoli all'aperto, sono realizzate con struttura in rovere e pareti interne in ciliegio rivestite in piombo. La sala principale, con un palco centrale, è destinata alla musica classica. La sala intermedia, progettata per il balletto e la musica da camera, è più flessibile: ha palcoscenico mobile e soffitto regolabile. La sala più piccola, pensata per le sperimentazioni, sarà dotata di pavimento e soffitto mobile. Le tre sale sono orientate a 90 tra loro e presentano un ottimo isolamento acustico: ciò consente il loro uso simultaneo. Durante i lavori per la realizzazione dell'auditorium sono venuti alla luce i resti di una grande villa romana suburbana. La villa è stata inserita nel complesso grazie a una variante del progetto che prevede la valorizzazione degli scavi e la creazione di un piccolo museo archeologico. 2.1) I soggetti della regolazione L Auditorium Parco della Musica prevede per il Comune di Roma le funzioni sia di organo d indirizzo politico, che di regolatore tecnico. Per quest ultima funzione, è lo stesso ente locale che, mediante un contratto di servizio stipulato con la Musica per Roma S.p.A. (che gestisce la struttura), stabilisce tutte le condizioni tecniche relative alla fornitura dei servizi. 2.2) Regime proprietario La proprietà dell Auditorium Parco della Musica è del Comune di Roma. 450

5 2.3) Modalità di gestione La gestione è espletata dalla Musica per Roma S.p.A., partecipata dal Comune di Roma per il 95% del capitale, e per il restante 5% dalla società Risorse per Roma S.p.A.. 2.4) Modalità di finanziamento Le risorse della società provengono principalmente dal contributo, del Comune di Roma, pari a euro (derivante dal contratto di servizio), e dai ricavi dell attività concertistica. L attività dell auditorium, seppur non a pieno regime, è iniziata nel 2000 (durante il 1999 sono state svolte attività propedeutiche all avvio della struttura) ed in quest anno, come nel precedente, si sono verificate perdite d esercizio; nel 2001 si è raggiunto l equilibrio di bilancio. Grafico Finanziamenti della Musica per Roma S.p.A. 11 Altri ricavi 1,4% Sponsorizzazioni 25,5% Contratto di servizio con il Comune di Roma 49,6% Ricavi delle vendite e delle prestazioni 23,5% Fonte: nostra elaborazione su dati forniti dalla responsabile dell Ufficio Contabilità e Bilancio della Musica per Roma S.p.A. 11 Dati forniti dalla responsabile dell Ufficio Contabilità e Bilancio della Musica per Roma S.p.A.. 451

6 2.5) L offerta di servizi aggiuntivi L Auditorium Parco della Musica è aperto al pubblico tutti i giorni dalle alle L'ingresso è libero e permette l'accesso alla Cavea, al Parco, al Foyer, al Museo Archeologico e allo spazio "Risonanze". Nei vari spazi dell'auditorium sono sempre attive esposizioni sia permanenti che temporanee. Tutti i giorni è possibile effettuare visite guidate per accedere all'interno delle sale e alle mostre. L'Auditorium promuove iniziative didattiche e spettacoli per favorire un rapporto più stretto tra i giovani, l'arte e la musica. Sin da aprile 2002, Musica per Roma ha avviato una collana di pubblicazioni riguardanti l'attività dell'auditorium, comprendenti cataloghi, monografie, volumi fotografici. Tutte le pubblicazioni sono disponibili presso Note Book, il bookshop del Parco della Musica. Nella struttura sono presenti servizi igienici per disabili. La struttura comprende otto sale, cinque sale prova (con annesse sale regia) - tre delle quali, più piccole, situate nell edificio nord -, il bookshop, un bar, un ristorante. Sono forniti, a pagamento, i seguenti servizi: Maschere di sala Guardia Armata Sicurezza non armata Facchinaggio Guardaroba Biglietteria Assistenza tecnica Direzione palcoscenico Fioraio Servizi fotografici Hostess 452

7 2.6) Strumenti connessi alla qualità del servizio Le informazioni sui servizi offerti sono chiare e facilmente reperibili; l accessibilità alla struttura è agevole anche per i disabili, per i quali sono previsti servizi igienici appositi e diversi posti nelle sale. I numerosi servizi aggiuntivi, che vengono forniti nella struttura, aumentano il valore e la qualità complessiva dell Auditorium. Non è stata riscontrata l esistenza di strumenti d integrazione che permettano di usufruire di diversi servizi e di ottenere altre agevolazioni e benefit. 3) Teatro dell Opera Il Teatro dell Opera, svolge un lavoro quotidiano di preparazione agli spettacoli e di accoglienza del pubblico ed ha raggiunto l obiettivo di ottenere l'attribuzione legislativa della "funzione di rappresentanza svolta nella sede della Capitale dello Stato". Ha una capienza di posti e, in media, vi vengono rappresentati 200 spettacoli l anno. 3.1) I soggetti della regolazione Il Teatro dell Opera segue l indirizzo politico definito a livello nazionale dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La Fondazione Teatro dell Opera di Roma impartisce le direttive tecniche, stabilendo i prezzi dei biglietti, la programmazione degli spettacoli e tutte le condizioni relative all offerta e alla pubblicizzazione dei servizi. 3.2) Regime proprietario Il Teatro dell Opera è di proprietà del Comune di Roma. 3.3) Modalità di gestione La gestione del Teatro dell Opera di Roma è espletata da una Fondazione di natura privata. Nel Consiglio d Amministrazione dell ente siedono tre rappresentanti delle 453

8 Istituzioni: uno nominato dal Governo, uno nominato dalla Regione, uno nominato dal Comune; Presidente del Consiglio d Amministrazione della Fondazione è il Sindaco del Comune di Roma. Nella Fondazione è previsto l ingresso di soci fondatori privati, ma, allo stato attuale, questa situazione non si è ancora verificata. 3.4) Modalità di finanziamento Tabella Il finanziamento del Teatro dell Opera (in lire) A) VALORE DELLA PRODUZIONE Esercizio 2001 Esercizio ) Ricavi della vendita e delle prestazioni ) Variazioni delle rimanenze di prodotti ) Variazioni dei lavori in corso su ordinazione 0 0 4) Incrementi di immobilizzazioni per lavori in corso 0 0 5) Altri ricavi e proventi a) Contributi alla gestione (Stato ed Enti Locali) b) Sponsorizzazioni e altri ricavi da diversi c) Altri ricavi e proventi (noleggi concessi, rimborsi, ecc...) TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE Fonte: sito internet Come si può osservare dai dati riportati nella tabella 3.4.1, un ruolo fondamentale nel finanziamento dell ente è svolto dai contributi alla gestione da parte dello Stato e degli Enti locali. Le sponsorizzazioni relative all esercizio 2001 non rappresentano neppure l 1% del valore della produzione. 454

9 Grafico Finanziamento della Fondazione Teatro dell Opera di Roma Sponsorizzazioni e altro 1% Altri ricavi e proventi 2% Ricavi della vendita e delle prestazioni 8% Contributi da Stato ed Enti Locali 89% Fonte: nostra elaborazione dati in tabella ) L offerta di servizi aggiuntivi Il teatro offre il servizio di guardaroba e di bar. Gli abbonati possono usufruire di una riduzione del 10% su tutti gli articoli in vendita presso la Libreria del Viminale - Piazza del Viminale 12-13; stesso sconto sarà applicato ai CD in vendita presso lo stand del Teatro dell'opera Il calendario stagionale, distribuito gratuitamente presso la Biglietteria e le portinerie del Teatro, può essere inviato a mezzo posta dietro il versamento della somma di 2,50 Euro per residenti in Italia e di 5 Euro per residenti all'estero, con assegno circolare "non trasferibile" intestato a Fondazione Teatro dell'opera di Roma, inviato al Servizio Promozione Pubblico via Firenze, Roma. Per ricevere informazioni sulle attività del Teatro, presso la Biglietteria ed in sala, è disponibile un modulo di iscrizione alla mailing list. Parking: Tuttauto Garage applica tariffe agevolate per il pubblico del Teatro dell'opera (via Urbana, 172/ A, tel ). Taxi 3570: all'ingresso del Teatro è previsto un servizio taxi per il pubblico. Durante gli intervalli il personale di sala è a disposizione per la prenotazione delle vetture. 455

10 La platea del Teatro dell'opera è dotata del sistema Oticon per facilitare l'ascolto a quanti utilizzino apparecchi acustici. La struttura non presenta barriere architettoniche per l ingresso e lo spostamento dei disabili; sono presenti servizi igienici per i portatori di handicap. Negli ultimi anni, il Teatro dell Opera si sta impegnando anche in un servizio educativo che ha la finalità di avvicinare i giovani alla musica ed all arte in generale. Il Teatro dell'opera, infatti, considera gli studenti come il proprio pubblico di oggi e, soprattutto di domani. A tal fine esiste, con il Provveditorato di Roma, un apposito protocollo di intesa per sviluppare la cultura musicale dei giovani, con una serie di progetti da inserire nel Piano di Offerta Formativa I biglietti possono essere acquistati in diversi punti vendita ed il loro prezzo varia in funzione della collocazione dei posti e dello spettacolo; sono previste agevolazioni per particolari categorie di utenti: - Studenti, giovani fino al 25 anno d età ed anziani di età superiore ai 65 anni, su presentazione di un documento d identità, possono usufruire di una riduzione del 50%. - Cral e Gruppi organizzati e riconosciuti (minimo 10 persone) possono usufruire di una riduzione pari al 25% del normale prezzo dei biglietti. I biglietti ridotti possono essere acquistati solamente presso la biglietteria dell'opera. 3.6) Strumenti connessi alla qualità del servizio Le informazioni fornite dall ente attraverso il sito internet sono chiare e facilmente reperibili. L accesso ai servizi offerti è agevole anche per i portatori di handicap. Di rilievo il recente impegno a livello educativo che ha riservato, nel generale avvicinamento dei giovani alle arti, un percorso che privilegia i rapporti tra le espressioni della musica e della pittura e scultura, organizzando con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, delle visite specialistiche e dei concerti da camera nei seguenti musei del Polo museale romano: Galleria Borghese, Galleria Spada, Galleria Corsini e Museo di Palazzo Venezia. Il percorso didattico si articola in due momenti distinti: 456

11 - la visita guidata al museo, condotta da storici dell'arte, per la conoscenza della collezione e di alcune opere specifiche legate all'iconografia della musica; - il concerto di musica da camera, tenuto nel salone monumentale o in una sala significativa della pinacoteca, tra i quadri e le sculture come scenario visivo, con brani eseguiti dai professori dell'orchestra del Teatro dell'opera di Roma che prima dell'esecuzione curano la spiegazione dei brani e degli strumenti utilizzati. L'iniziativa ha conseguito un notevolissimo successo: la risposta degli istituti scolastici ha portato alla partecipazione di oltre 1500 studenti. Servizi museali-espositivi Tra i servizi museali-espositivi, sono stati scelti, nella presente trattazione, l Anfiteatro Flavio (noto in tutto il mondo con il nome di Colosseo), il Foro Romano e le Terme di Caracalla, che rientrano nella categoria dei siti archeologici ; i Musei Capitolini, il Museo Barracco ed il Museo Nazionale Romano, che fanno parte della categoria musei. Infine, per la categoria gallerie, sono stati considerati la Galleria Nazionale d Arte Moderna, la Galleria Borghese, il Palazzo delle Esposizioni e le Scuderie del Quirinale. 4) Colosseo (Anfiteatro Flavio) Inaugurato nell 80 d.c. dall'imperatore Tito col nome di Amphitheatrum Caesareum, derivò il nome di Colosseo nell XI secolo dalla vicina, colossale statua bronzea di Nerone. Alto 52 metri, comprendeva quattro ordini di 80 arcate ciascuno e conteneva circa posti. Fu la più grandiosa arena del mondo antico: vi si svolgevano i combattimenti di gladiatori, gli spettacoli di caccia, e le esecuzioni capitali. Dal VI secolo inizia la rovina del Colosseo, che diventa una cava di materiali da costruzione, mentre al suo interno viene costruita nei secoli XII-XIII la fortezza dei Frangipane. 457

12 4.1) I soggetti della regolazione Le funzioni di indirizzo politico e di regolazione tecnica, per quanto concerne l area archeologica del Colosseo, sono di competenza statale e sono a capo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. In particolare, l attività di regolazione tecnica è svolta attraverso la Sovrintendenza Archeologica, organo periferico del Ministero per i Beni e le attività Culturali. 4.2) Regime proprietario La proprietà del Colosseo è pubblica, dello Stato italiano. 4.3) Modalità di gestione Il Colosseo ha una gestione statale; fa capo alla Sovrintendenza Archeologica del Ministero per i Beni e le Attività culturali di Roma e non ha, quindi, autonomia gestionale. I servizi di bookshop, della vendita dei biglietti, delle audioguide e delle visite guidate sono stati esternalizzati mediante gara d appalto. 4.4) Modalità di finanziamento Il finanziamento è pubblico; mediante sovvenzioni ministeriali si provvede alla copertura delle spese di funzionamento. Le entrate derivanti dalla vendita dei biglietti non possono essere trattenute, ma sono versate nelle casse dell erario, poiché l ente non gode di autonomia gestionale. 458

13 4.5) L offerta di servizi aggiuntivi Presso il Colosseo si trova un punto vendita di oggettistica e libreria; si possono richiedere le audioguide e, su prenotazione, le visite guidate. Gli orari d ingresso variano in base alle stagioni. Il biglietto per visitare il Colosseo ha il prezzo di 8 e dà la possibilità di visitare anche il Palatino. È prevista la possibilità di acquistare un biglietto cumulativo, denominato archeologia card, al prezzo di 20, che comprende la visita al Colosseo, al Palatino, alle Terme di Caracalla, alla Villa dei Quintili, al Mausoleo di Cecilia Metella ed alle quattro sedi del Museo nazionale Romano; ha la validità di sette giorni, compreso quello di emissione. 4.6) Strumenti connessi alla qualità del servizio Le informazioni relative al servizio, fornite dal sito internet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, sono semplici e poco dettagliate; non si rilevano specifici riferimenti agli accessi per disabili, sebbene di recente sia stata costruita una rampa con un ascensore, che consente ai portatori di handicap, e a tutti coloro che hanno difficoltà a camminare, di avere una visione dell intera struttura del Colosseo. Un accompagnatore per ogni visitatore disabile può entrare gratuitamente. 5) Foro Romano e Palatino La città fondata da Romolo sul Palatino corrispondeva alla cosiddetta Roma quadrata, i cui angoli venivano identificati in quattro punti focali alla base del colle, ed era circondata da mura, nelle quali si aprivano tre porte. Nel corso dei secoli la collina viene progressivamente occupata da templi e luoghi di culto, fino a che, in epoca più tarda, subisce un riassetto totale dovuto all impianto delle grandi dimore imperiali. Contraltare del Palatino è il Foro, che quando Roma era limitata al piccolo insediamento del Palatino costituiva area extra-urbana e zona di necropoli. Il Foro 459

14 viene inglobato nel sistema urbano quando la città si espande e diviene il centro della vita politico-amministrativa: attorno alla piazza centrale si affollano edifici pubblici, religiosi, commerciali. L età imperiale costituisce lo spartiacque di un nuovo corso edilizio: qui, più che altrove, è tutto un proliferare di marmi policromi, marmo di Carrara, rilievi, archi trionfali, templi vecchi e nuovi. 5.1) I soggetti regolatori Come per il Colosseo, anche per l area del Palatino Foro Romano le funzioni di indirizzo politico e di regolazione tecnica sono di competenza del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. In particolare, l attività di regolazione tecnica è svolta attraverso la Sovrintendenza Archeologica, organo periferico del Ministero. 5.2) Regime proprietario Il Foro Romano ed il Palatino sono di proprietà dello Stato italiano. 5.3) Modalità di gestione La gestione del sito archeologico è statale e fa capo alla Sovrintendenza Archeologica di Roma, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. 5.4) Modalità di finanziamento Il finanziamento è pubblico, totalmente basato sulle sovvenzioni statali. L ingresso all area del Foro Romano, inoltre, è gratuito ed il biglietto per la visita del Colosseo comprende anche la visita al Palatino. Queste aree, quindi, non forniscono introiti derivanti dalla vendita di biglietti. 5.5) L offerta di servizi aggiuntivi Al Palatino e al Foro Romano si possono richiedere audioguide e visite guidate. 460

15 L ingresso al Foro Romano è gratuito; il biglietto per la visita del Colosseo comprende la visita al Palatino. 5.6) Strumenti connessi alla qualità del servizio Le informazioni fornite attraverso il sito internet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, sono semplici ed essenziali. L accesso è difficoltoso per i portatori di handicap e, ad oggi, non sono previsti strumenti che consentano di facilitare l accesso ai disabili. 6) Terme di Caracalla Le Terme di Caracalla sono uno dei complessi termali più grandi e meglio conservati dell'antichità. I ruderi delle terme per la notevole altezza, di oltre trenta metri in numerosi punti, ci danno oggi solo l'idea della grandiosità del complesso termale, secondo per grandezza solo a quello, successivo di quasi un secolo, delle Terme di Diocleziano; ma le dimensioni dell'edificio e la monumentalità degli ambienti, conservati per due piani in alzato e per due livelli in sotterraneo, ci permettono di immaginarne la fastosità. Nei primi anni del Novecento si eseguì l'esplorazione del recinto perimetrale e di parte dei sotterranei; questi scavi consentirono la scoperta dei vani della Biblioteca (compresi nella grande esedra occidentale) e, nel sottosuolo, del Mitreo e di una struttura recentemente identificata in un mulino ad acqua. 6.1) I soggetti regolatori Per le Terme di Caracalla l indirizzo politico e la regolazione tecnica, come per le altre aree archeologiche analizzate, sono di competenza ministeriale. Le funzioni di regolazione tecnica sono svolte attraverso la Sovrintendenza Archeologica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. 461

16 6.2) Regime proprietario Le Terme di Caracalla sono di proprietà pubblica, dello Stato italiano. 6.3) Modalità di gestione L area, gestita direttamente dallo Stato, fa capo alla Sovrintendenza Archeologica del Ministero per i Beni e le Attività culturali; i servizi della vendita dei biglietti e delle visite guidate sono stati esternalizzati mediante gara d appalto. 6.4) Modalità di finanziamento Il finanziamento è pubblico, basato sulle sovvenzioni statali; anche il sito delle Terme di Caracalla è privo di autonomia gestionale: gli introiti derivanti dalla vendita dei biglietti non possono essere utilizzati per il suo funzionamento. 6.5) L offerta di servizi aggiuntivi I servizi a disposizione alle Terme di Caracalla sono: - visite guidate; - audioguide; - libreria. Il biglietto ha il prezzo di 5; le Terme di Caracalla rientrano nel programma della archeologia card, che, come già detto a proposito del Colosseo, ha la durata di sette giorni e, al prezzo di 20, dà la possibilità di accedere a diverse altre strutture che offrono servizi culturali (il Colosseo, il Palatino, la Villa dei Quintili, il Mausoleo di Cecilia Metella, le quattro sedi del Museo nazionale Romano). Gli orari d apertura variano in base alle stagioni. La chiusura settimanale si effettua il lunedì pomeriggio. 462

17 6.6) Strumenti connessi alla qualità del servizio Le informazioni sulle Terme di Caracalla, fornite dal sito internet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, sono semplici ed in quantità limitata. L accesso è agevole anche per i disabili ed un accompagnatore per ogni portatore di handicap ha diritto di entrare gratuitamente. 7) Musei Capitolini Il Sistema Musei Capitolini comprende le collezioni di scultura antica e la pinacoteca ospitati nelle sedi monumentali di Palazzo Nuovo, di Palazzo dei Conservatori, di Palazzo Clementino-Caffarelli, ma anche gli edifici romani del Tabularium e del Tempio di Veiove inglobati in Palazzo Senatorio. Del Sistema è parte integrante anche l esposizione museale allestita, dal 1997, negli spazi della Centrale Montemartini sulla via Ostiense. 7.1) I soggetti regolatori L organo di definizione dell indirizzo politico per i Musei Capitolini è il Comune di Roma. L ente locale, inoltre, rivestendo anche il ruolo di regolatore tecnico, stabilisce le direttive relative alle condizioni di offerta dei servizi attraverso precisi accordi con l associazione temporanea di imprese che gestisce i musei. 7.2) Regime proprietario I Musei Capitolini sono di proprietà del Comune di Roma. 7.3) Modalità di gestione 463

18 Dall'aprile 2000, la gestione del Sistema Musei Capitolini è stata affidata, dal Comune di Roma, alla Zètema Progetto Cultura S.r.l. in associazione temporanea di imprese con Elemond, CNS-Pierreci, La Nonna e Roma Multiservizi. Zètema Progetto Cultura S.r.l. opera nella gestione dei servizi, delle nuove tecnologie, del marketing culturale, dell organizzazione d eventi, della progettazione e del restauro. La Elemond S.p.A. è uno dei maggiori editori d'arte a livello nazionale e uno dei principali protagonisti del settore su scala mondiale. La casa editrice Electa, che fa parte del gruppo, ha un catalogo storico di circa titoli, con circa 200 novità ogni anno, e rappresenta un caso pressoché unico nel campo delle pubblicazioni dedicate ai Beni Culturali. Il Consorzio Nazionale Servizi rappresenta una delle più grandi realtà cooperative di servizi a livello nazionale, con sedi in tutta Italia e differenti campi d intervento. La Cooperativa PIERRECI, assegnataria per conto del C.N.S., opera dal 1990 con la finalità di offrire servizi integrati per l'accesso e la fruizione del patrimonio storico e artistico del nostro Paese. La Nonna s.r.l. è un'azienda di catering e ristorazione di carattere artigianale nella preparazione dei prodotti di pasticceria, panificazione e gelateria; il servizio di catering e banqueting è finalizzato a richieste di servizio personalizzato 12. Roma Multiservizi S.p.A., che opera già da anni nel campo della pulizia e manutenzione, ma che dal 1997 ha ampliato il proprio campo di attività, tra l'altro, alle aree archeologiche e ai parchi storici della città. Gli interventi di manutenzione, che si avvalgono di apparecchiature e tecnologie avanzate, sono gestiti con un monitoraggio costante attraverso strumenti informatici. 7.4) Modalità di finanziamento L ATI beneficia, quali fondamentali fonti di ricavo, di contributi comunali, aggio di biglietteria, vendita di servizi ai visitatori, ma sviluppa anche un intensa attività di fund 464

19 raising necessaria per sostenere l attività di comunicazione e l organizzazione della programmazione di eventi ed attività culturali dei musei. Tra gli accordi pluriennali si ricordano quelli con le Assicurazioni Generali, con la Banca di Roma e con il Messaggero come principale segmento di comunicazione 13. Grafico Percentuali di entrata dei Musei Capitolini (anno 2001) Altre entrate 23% Sponsorizzazioni e donazioni 5% Sovvenzioni pubbliche 52% Entrate proprie 20% Fonte: nostra elaborazione delle previsioni riportate in VALENTINO P. A E MOSSETTO G. (a cura di), Museo contro museo. Le strategie, gli strumenti, i risultati, Giunti, Firenze, dicembre 2001, pp ) L offerta di servizi aggiuntivi All'interno del Palazzo Caffarelli c è il Caffè Capitolino; vi si può accedere sia dal Piazzale Caffarelli che dall'interno del Museo. Durante l'inverno il Caffè osserva lo stesso orario del Museo, mentre d'estate l'apertura viene prolungata. 12 Attualmente La Nonna S.r.l. non fa più parte dell ATI; presso i Musei Capitolini è ora la Relais le Jardin di A. Ottavini e figli s.n.c. ad occuparsi della gestione della ristorazione, pur non essendo entrata a far parte dell ATI. 13 Comune di Roma Osservatorio Permanente sull Economia Romana Risorse per Roma S.p.A., Rapporto 2001 sull economia romana, Roma, giugno

20 Il servizio offerto spazia dalla colazione al brunch, e mette a disposizione un'ampia offerta di cibi, prodotti di pasticceria e gelateria ed una scelta di vini e liquori. Sulla terrazza si possono organizzare, in apertura straordinaria, serate con un servizio di catering personalizzato. Nelle due sedi di Palazzo Nuovo e Palazzo dei Conservatori ci sono le Librerie Capitoline, accessibili al pubblico direttamente dalla Piazza del Campidoglio. L'offerta dei titoli è rivolta principalmente all'editoria d'arte, con finalità divulgative e scientifiche, e comprende anche opere multimediali. Particolare importanza assume la linea editoriale dedicata ai Musei Capitolini, costituita da una serie di collane riconoscibili per l'immagine grafica unitaria. La guida dei Musei Capitolini è uno strumento utile per la visita. I testi, a cura della Direzione dei Musei, raccontano la storia del Campidoglio e delle collezioni e sono accompagnati da un ricco apparato iconografico che illustra il patrimonio artistico del Museo. Una sezione è dedicata alla Centrale Montemartini, dove attualmente è esposta una parte delle collezioni capitoline. Il servizio di guardaroba è gratuito per borse, zaini, passeggini ed ombrelli. L accesso per disabili è situato in Via del Tempio di Giove, una rampa porta all'ingresso nel Portico del Vignola, che immette nel I piano del Palazzo dei Conservatori; l'accesso agli altri piani del palazzo è assicurato da ascensori. Su Via di S. Pietro in Carcere si entra nel Tabularium, da dove con montascale è possibile raggiungere la Galleria di Congiunzione e il piano terra del Palazzo Nuovo. Per utilizzare questi accessi, normalmente chiusi al pubblico, è necessario avvertire in anticipo telefonicamente. Gli orari di apertura sono: tutti i giorni dalle ore 9 alle 20, escluso il lunedì; giorni di chiusura il 1 gennaio, il 1 maggio ed il 25 dicembre. Il prezzo dei biglietti ordinari è di 6,20, quello dei biglietti ridotti è di 4,20; in concomitanza con le mostre temporanee a Palazzo Caffarelli, il costo del biglietto è aumentato di un piccolo importo ( 1,55) e comprende anche l'ingresso alla mostra. L ingresso alla mostra ha il prezzo di 4,20 intero, e di 2,60 ridotto. 466

ITINERARIO 1 - GROTTE DI FRASASSI

ITINERARIO 1 - GROTTE DI FRASASSI ITINERARIO 1 - GROTTE DI FRASASSI http://www.frasassi.com/ DISTANZA DA SENIGALLIA: CA. 60 KM Dal 1 marzo 2010 gli orari di ingresso alle Grotte di Frasassi sono i seguenti: dal Lunedì alla Domenica: 6

Dettagli

CAPITOLO V L OFFERTA DI SERVIZI AGGIUNTIVI

CAPITOLO V L OFFERTA DI SERVIZI AGGIUNTIVI CAPITOLO V L OFFERTA DI SERVIZI AGGIUNTIVI I servizi aggiuntivi, cioè quella serie di prestazioni diverse dal servizio culturale e non coperte dal prezzo del biglietto d ingresso, prevedono corrispettivi

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi:

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi: CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Museo della Città Finalità attività Il Museo della Città, è il luogo

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali. CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova

Ministero per i Beni e le Attività Culturali. CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova Ministero per i Beni e le Attività Culturali CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova 2013 PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi risponde all esigenza di fissare principi

Dettagli

TARIFFE DI PALAZZO E PARCO CHIGI APPROVATE CON ATTO DI GIUNTA MUNICIPALE N 86 DEL 29/06/2015

TARIFFE DI PALAZZO E PARCO CHIGI APPROVATE CON ATTO DI GIUNTA MUNICIPALE N 86 DEL 29/06/2015 TARIFFE DI PALAZZO E PARCO CHIGI APPROVATE CON ATTO DI GIUNTA MUNICIPALE N 86 DEL 29/06/2015 TARIFFE BIGLIETTERIA Intero - Visita guidata del Piano Nobile 8,00 - Visita guidata di Parco Chigi 6,00 - Visita

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER INDIVIDUAZIONE FORME DI SOSTEGNO DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI CIVITA DI BAGNOREGIO.

REGOLAMENTO PER INDIVIDUAZIONE FORME DI SOSTEGNO DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI CIVITA DI BAGNOREGIO. REGOLAMENTO PER INDIVIDUAZIONE FORME DI SOSTEGNO DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI CIVITA DI BAGNOREGIO. Modifica con deliberazione della C.C. n 7 del 14/03/2015 Articolo 1 - Funzioni del Sito Il Borgo Medioevale

Dettagli

I SERVIZI CULTURALI A BERLINO

I SERVIZI CULTURALI A BERLINO I SERVIZI CULTURALI A BERLINO Introduzione La Città di Berlino è un Land Autonomo. I suoi abitanti eleggono il parlamento cittadino, il Senatskanzlei; questo elegge il sindaco di Berlino che, dietro approvazione

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia

Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia La Biennale dà grande impulso alle attività denominate Educational. Le attività Educational hanno lo scopo di: favorire la conoscenza diretta del mondo delle arti da parte dei giovani introdurre la consuetudine

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI TELEFONO 0744/710119-710723 - FAX 0744/710159 - E-MAIL: COMUNECALVI@TISCALINET.IT ART. 1 Il Comune di Calvi dell Umbria, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

CINEFESTcard Fondazione Cinema per Roma Festival Internazionale del Film di Roma

CINEFESTcard Fondazione Cinema per Roma Festival Internazionale del Film di Roma GUIDA AI VANTAGGI Grazie alla CINEFESTcard, rilasciata ad ogni acquisto minimo di 50 di biglietti per gli eventi prodotti da Fondazione Cinema per Roma, è possibile entrare nella mailing list e nel mondo

Dettagli

Regolamento di utilizzo Villa Renatico Martini

Regolamento di utilizzo Villa Renatico Martini Regolamento di utilizzo Villa Renatico Martini APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 64 DEL 21 GIUGNO 1996 MODIFICATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 4 DEL 13 FEBBRAIO 2001 ED ELEMENTI INTEGRATIVI DELIBERAZIONE

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VILLA FARNESINA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI VILLA FARNESINA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ACCADEMIANAZIONALEDEILINCEI VILLAFARNESINA CARTADELLAQUALITÀDEISERVIZI 1 1.Caratteristiche della carta La Carta della qualità dei servizi risponde ad una duplice esigenza: fissare principi e regole nel

Dettagli

Roma, Auditorium Parco della Musica, 20.21.22 maggio 2011

Roma, Auditorium Parco della Musica, 20.21.22 maggio 2011 Paesaggio, giardinaggio, design e architettura si incontrano per individuare e proporre soluzioni pratiche ed estetiche in linea con le più avanzate esigenze ecologiche. Roma, Auditorium Parco della Musica,

Dettagli

Allegato 1. Oggetto dell'affidamento

Allegato 1. Oggetto dell'affidamento Allegato 1 Oggetto dell'affidamento L'oggetto dell'affidamento è la gestione integrata dei Servizi Aggiuntivi di cui all'art 117, c.2, lettere a), d), e), f), g) del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 e s.m.i.,

Dettagli

Vivere il museo 2013

Vivere il museo 2013 OBIETTIVI DEL PROGETTO: 1. ACQUARIO CIVICO (Sede 91334) Scheda progetto Vivere il museo 2013 apporre migliorie alle vasche espositive del percorso interno supportando il lavoro dei biologi acquaristi nella

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA - Fondazione Allegato a) alla decisione n. 23/PR del 8.03.2006 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO E CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE IN FAENZA Art. 1 - Istituzione

Dettagli

Percorsi tra scienza ed arte al Castello Visconteo

Percorsi tra scienza ed arte al Castello Visconteo SETTORE ISTRUZIONE LEGGE 285/97 PROGETTO GIOVANI I.T.I.S. G. CARDANO PAVIA (Scuola nodo) IST.PROF.SERV.COM. "L.COSSA" - PAVIA ISTITUTO SUPER. "ALFIERI MASERATI" VOGHERA IST. D'ISTR. SUPERIORE "A. VOLTA"

Dettagli

Roma, marzo 2015. Roma, 9 marzo 2015. Zétema Progetto Cultura. Dott.ssa Roberta Biglino

Roma, marzo 2015. Roma, 9 marzo 2015. Zétema Progetto Cultura. Dott.ssa Roberta Biglino Roma, 9 marzo 2015 Zétema Progetto Cultura Dott.ssa Roberta Biglino 1 Un azienda multiservizi La Società opera in più aree strategiche e agisce in una logica di integrazione, specializzazione e coordinamento:

Dettagli

Associazione Culturale. I Gatti del Foro

Associazione Culturale. I Gatti del Foro Associazione Culturale I Gatti del Foro L Associazione I Gatti del Foro propone alle scuole medie inferiori una serie di visite guidate concepite per gli alunni delle classi 1ª, 2ª e 3ª. L intento è quello

Dettagli

Il complesso Auditorium Parco della Musica si estende per 94.000 metri quadri, ed è ubicato nel quartiere Flaminio di Roma (fig. 1).

Il complesso Auditorium Parco della Musica si estende per 94.000 metri quadri, ed è ubicato nel quartiere Flaminio di Roma (fig. 1). L'auditorium Parco della Musica: la gestione dei servizi commerciali di Gabriele Coppa e Carlo Fuortes gennaio 2006 Introduzione La Società Musica per Roma è stata costituita dal Comune di Roma, il 28

Dettagli

Prot.n. 9216/2 Bari, 16.09.2014 Il Dirigente:dott.ssa Anna Cammalleri

Prot.n. 9216/2 Bari, 16.09.2014 Il Dirigente:dott.ssa Anna Cammalleri Prot.n. 9216/2 Bari, 16.09.2014 Il Dirigente:dott.ssa Anna Cammalleri Ai Dirigenti degli Istituti di ogni ordine e grado della Puglia Loro SEDI E p.c. Al Sovrintendente Fondazione Petruzzelli Maestro Massimo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO del PRESIDENTE della REPUBBLICA 4 febbraio 2005, n. 78 - Esecuzione dell'intesa tra il Ministro per i beni e le attività culturali ed il Presidente della Conferenza episcopale italiana, firmata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO E DELLA GESTIONE DEL TEATRO COMUNALE "SALVINI"

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO E DELLA GESTIONE DEL TEATRO COMUNALE SALVINI COMUNE DI PITIGLIANO (Provincia di Grosseto) Piazza Garibaldi, 37 - P.Iva 00128620531 Tel. 0564 616322 - Fax 0564 616738 e-mail : info@comune.pitigliano.gr.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL USO E DELLA

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO Approvato con Delibera di C.C. n. 12 del 19 marzo 2012 ART. 1 Denominazione e sede Il Museo Civico di Palagiano denominato

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE FIRENZE CARTA DEI SERVIZI SECONDA EDIZIONE LA CARTA DEI SERVIZI E l impegno scritto che prendiamo con i nostri utenti e riguarda i servizi ed i progetti di miglioramento L

Dettagli

Ministero per i beni e le attività culturali. Biblioteca Nazionale Centrale Firenze. Carta dei servizi

Ministero per i beni e le attività culturali. Biblioteca Nazionale Centrale Firenze. Carta dei servizi Centrale di Firenze Pagina 1 di 10 Ministero per i beni e le attività culturali Biblioteca Nazionale Centrale Firenze Carta dei servizi Biblioteca nazionale centrale di Firenze Piazza Cavalleggeri 1 50122

Dettagli

C O M U N E DI M I R A Provincia di Venezia Città Veneta della Cultura 2004 Città d Arte

C O M U N E DI M I R A Provincia di Venezia Città Veneta della Cultura 2004 Città d Arte C O M U N E DI M I R A Provincia di Venezia Città Veneta della Cultura 2004 Città d Arte 30034 Mira (VE) - Piazza IX Martiri - Tel. 0415628211 (centralino) - Fax 0415628350 - cod. fisc. 00368570271 Indirizzo

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE

COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE COMUNE DI CAGLIARI SCHEDA SERVIZIO CULTURA E SPETTACOLO SERVIZIO BIBLIOTECARIO COMUNALE In vigore dal 2012 Servizio Cultura e Spettacolo - rev 2 Servizio CULTURA E SPETTACOLO Servizio Bibliotecario Comunale

Dettagli

Regolamento Visite e Viaggi

Regolamento Visite e Viaggi Regolamento Visite e Viaggi Regolamento Visite e Viaggi Premessa Come è noto sono state a tutt'oggi emanate numerose circolari in materia di visite guidate e viaggi di istruzione. Alla luce dell'esperienza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

Direttore della Direzione Gestione risorse e valorizzazione del patrimonio: Antonello Mori

Direttore della Direzione Gestione risorse e valorizzazione del patrimonio: Antonello Mori Piano della performance -2013 Allegato E Obiettivi assegnati al personale dirigente delle Strutture Sovrintendenza Capitolina Sovrintendente: Umberto Broccoli Direttore della Direzione Tecnico Territoriale:

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE 1 SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE Come i musei si aprono alla società: l organizzazione dei servizi educativi I Servizi educativi dei Musei si collocano nel progetto di valorizzazione

Dettagli

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre.

Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Servizio Mostre Coadiuvare il responsabile nelle attività connesse alla programmazione e organizzazione delle mostre. Coadiuva il Responsabile nel rendere attuativi e operativi i progetti messi a punto

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n.

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. 42/1997) 1) le domande di iscrizione all Albo degli Istituti culturali della

Dettagli

LEGGERE È UGUALE PER TUTTI

LEGGERE È UGUALE PER TUTTI TITOLO DEL PROGETTO: LEGGERE È UGUALE PER TUTTI SETTORE E AREA D INTERVENTO Patrimonio artistico e culturale Cura e conservazione delle biblioteche LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

con il contributo di

con il contributo di con il contributo di Biennale Arte 2013 Venezia 01.06 24.11 Giardini della Biennale e Arsenale Educational Speciale scuole Laboratori creativi Laboratori multimediali Laboratori multidisciplinari: ArteMusica

Dettagli

ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO Corso di Studi interfacoltà in ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO E DI DIVULGAZIONE PER LE SCUOLE SUPERIORI Visite e incontri tematici Programma 2011 2012 VIAGGIO AL CENTRO DEL RESTAURO L Università degli Studi

Dettagli

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 BANDO LOMBARDIA REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 Progetti di promozione Beneficiari educativa e culturale di preminente interesse Enti locali, Università, soggetti pubblici e soggetti privati no regionale

Dettagli

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa

Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore. Premessa Regolamento del Museo di 'Palazzo Corte Metto' del Comune di Auronzo di Cadore Premessa Il Museo Palazzo Corte Metto (ex Museo della Flora, Fauna e Mineralogia) farà parte della costituenda rete museale

Dettagli

REGOLAMENTO INDIRIZZI E CRITERI PER LA FRUIZIONE DEL MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA E SALE COMUNALI

REGOLAMENTO INDIRIZZI E CRITERI PER LA FRUIZIONE DEL MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA E SALE COMUNALI REGOLAMENTO INDIRIZZI E CRITERI PER LA FRUIZIONE DEL MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA E SALE COMUNALI (Delib. G.C. n. 136/2002 integrato con Delib. G.C. n. 315/2002) TIT. I MUSEO CIVICO DI PALAZZO TRAVERSA

Dettagli

Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia

Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia Le Scuole Primaria e Secondaria di primo grado di Campione d'italia IL CONTESTO Campione d'italia è un'enclave, un'isola di terra italiana in territorio straniero. È sottoposta alla legislazione italiana

Dettagli

CONVENZIONI TEATRI STAGIONE 2014-2015

CONVENZIONI TEATRI STAGIONE 2014-2015 CONVENZIONI TEATRI STAGIONE 2014-2015 I soci di Gedeone Teatro hanno diritto ad accedere nella maggior parte dei teatri milanesi con degli sconti e delle tariffe agevolate, grazie alle particolari convenzioni

Dettagli

Progetto Gestione dei Data Base Turistici PROGETTO 1

Progetto Gestione dei Data Base Turistici PROGETTO 1 PROGETTO 1 Si vuole realizzare una base dati per una società che eroga servizi di consulenza su una serie di prodotti su tutto il territorio nazionale. La società è dislocata su più sedi di cui si vuole

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n.

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE. Deliberazione n. Protocollo RC n. 31149/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI ADOTTATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno duemilaotto, il giorno di lunedì dieci del mese di marzo,

Dettagli

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo.

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Maddalena De Lucia, Osservatorio Vesuviano INGV, Napoli, Italia L Osservatorio Vesuviano,

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO N. 20 IL MINISTRO il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado, di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297;

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

Alla scoperta delle ricchezze di Firenze

Alla scoperta delle ricchezze di Firenze Alla scoperta delle ricchezze di Firenze Prosegue il ciclo di visite guidate ai principali musei di Firenze per scoprire e riscoprire le bellezze di questa città che la Fabi Firenze ha il piacere di continuare

Dettagli

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Il progetto è stato promosso e finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali - Direzione

Dettagli

Corso di Laurea in Storia e conservazione dei beni artistici e archeologici

Corso di Laurea in Storia e conservazione dei beni artistici e archeologici Corso di Laurea in Storia e conservazione dei beni artistici e archeologici Presidente: Luigi Spezzaferro Segretario: Maria Filosa Ubicazione: Ponte P.Bucci, cubo 21b, Arcavacata di Rende (CS) Telefono:

Dettagli

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA La scuola dell infanzia per bambini dai 3 ai 6 anni di età non è obbligatoria, ma è di fondamentale importanza per la promozione di competenze essenziali, quali:

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE)

REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE) REGOLAMENTO USCITE ORARIE VISITE GUIDATE VIAGGI D ISTRUZIONE - SCAMBI CULTURALI E SOGGIORNI LINGUISTICI (STAGE) 1) USCITE ORARIO Le uscite orario sono per lo più finalizzate ad eventi culturali e sportivi.

Dettagli

SCUOLA DI ITALIANO RO MA BO LO GNA FI REN ZE MI LA NO CORSI 2015-2016

SCUOLA DI ITALIANO RO MA BO LO GNA FI REN ZE MI LA NO CORSI 2015-2016 SCUOLA DI ITALIANO CORSI 2015-2016 RO MA FI REN ZE BO LO GNA MI LA NO RO MA CORSI DI LINGUA ITALIANA A.A. 2015-2016 Quota associativa (valevole 365 giorni)* 60 I corsi di lingua italiana sono suddivisi

Dettagli

Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali

Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali 139 Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali Stefano Cesarini Contesto legislativo e normativo Il nuovo Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs.

Dettagli

Organizzazione Giusi Zangla

Organizzazione Giusi Zangla Organizzazione Premessa La natura ha bisogno del nostro aiuto per continuare a fornirci quello di cui abbiamo necessità. L inquinamento, lo spreco energetico, il consumo indiscriminato di risorse e i continui

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DIMORE

SCHEDA INFORMATIVA DIMORE SCHEDA INFORMATIVA DIMORE Si prega di compilare il presente questionario in ogni sua parte evidenziata da un fondo colorato, e rispedirlo insieme agli allegati richiesti ed alla Liberatoria debitamente

Dettagli

SABATO 5 FEBBRAIO 2011

SABATO 5 FEBBRAIO 2011 ASSOCIAZIONE CULTURALE ARCHIMEDE Via Clitunno, 28 00198 Roma Tel. 068418271 Fax 068552660 http://www.archimedecultura.it e-mail: archimede.ac@mclink.it Ordine degli Ingegneri di Roma Via Emanuele Orlando

Dettagli

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura

Scopo e Destinatari. Modalità di Locazione. Gli ambienti. 1. Destinatari e ammissione. 2. Ubicazione e Struttura 33 1. Destinatari e ammissione Scopo e Destinatari La residenza protetta 3 è destinata a persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti ed a persone esposte al rischio di emarginazione

Dettagli

4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei

4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei 4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei SCHEDA 4 DATI GENERALI EVENTO CULTURALE: Federico Zandomeneghi, impressionista veneziano LUOGO: Milano, Fondazione Antonio Mazzotta PERIODO: 20

Dettagli

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO INTEGRATO DELLE BIBLIOTECHE C. GENTILI DELL ISTITUTO DI PSICHIATRIA, P. OTTONELLO DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E G.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica Art. 1. È costituita l Associazione culturale denominata MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica.

Dettagli

Città di Albino Albì REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AUDITORIUM CITTA DI ALBINO. (Approvato dal Consiglio Comunale con verbale n. 25del 23 maggio 08

Città di Albino Albì REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AUDITORIUM CITTA DI ALBINO. (Approvato dal Consiglio Comunale con verbale n. 25del 23 maggio 08 Città di Albino Albì REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AUDITORIUM CITTA DI ALBINO (Approvato dal Consiglio Comunale con verbale n. 25del 23 maggio 08 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELL AUDITORIUM CITTA DI ALBINO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AFFIDATI ALLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE BRESCIA MUSEI (approvata dalla Giunta Comunale con delib. n. 1129 del 31.10.

CARTA DEI SERVIZI AFFIDATI ALLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE BRESCIA MUSEI (approvata dalla Giunta Comunale con delib. n. 1129 del 31.10. CARTA DEI SERVIZI AFFIDATI ALLA GESTIONE DELLA FONDAZIONE BRESCIA MUSEI (approvata dalla Giunta Comunale con delib. n. 1129 del 31.10.2007) F O N D A Z I O N E INDICE 1. Introduzione... pag. 3 2. Presentazione

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL NUOVO CINE - TEATRO COMUNALE "IMPERO" ANNESSO AL CENTRO POLIVALENTE PER ANZIANI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE

Dettagli

FONDAZIONE CIVES Sede legale in ERCOLANO (NA) Via IV Novembre n. 44 Nota integrativa (estratto) Consuntivo al 31/12/2014

FONDAZIONE CIVES Sede legale in ERCOLANO (NA) Via IV Novembre n. 44 Nota integrativa (estratto) Consuntivo al 31/12/2014 C.F./P.IVA: 05400281217 FONDAZIONE CIVES Sede legale in ERCOLANO (NA) Via IV Novembre n. 44 Nota integrativa (estratto) Consuntivo al 31/12/2014 [ ] il bilancio della Fondazione C.I.V.E.S. chiuso al 31/12/2014

Dettagli

Musei gratis per gli insegnanti

Musei gratis per gli insegnanti Nota MIUR 09.04.2014, prot. n. 3434 Musei gratis per gli insegnanti Legge 8 novembre 2013, n. 128, di conversione del decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, recante "Misure urgenti in materia di istruzione,

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo

Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo Promozione Carta dei Servizi Servizio Marketing e Turismo Concessione contributi, finanziamenti e patrocini. Contributi e patrocini possono essere concessi per interventi, opere, iniziative e attività

Dettagli

Carta della qualità dei servizi

Carta della qualità dei servizi MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta Carta della qualità dei servizi Museo Archeologico dell antica Allifae PRESENTAZIONE

Dettagli

Città di Gardone Val Trompia. CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23

Città di Gardone Val Trompia. CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23 Città di Gardone Val Trompia CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23 Documento approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n.151 del

Dettagli

Facility Management come strumento per la valorizzazione dei Beni Culturali L'esperienza della Fondazione Musei Civici di Venezia

Facility Management come strumento per la valorizzazione dei Beni Culturali L'esperienza della Fondazione Musei Civici di Venezia Strutture Museali di pertinenza della Fondazione Musei Civici Palazzo Ducale Museo Correr Torre dell Orologio Ca Rezzonico, Museo del Settecento Veneziano Museo del Vetro Museo del Merletto Museo di Storia

Dettagli

STRUTTURE E SEDI DELL AMMINISTRAZIONE

STRUTTURE E SEDI DELL AMMINISTRAZIONE 1/6 STRUTTURE E SEDI DELL AMMINISTRAZIONE b. STANDARD MINIMI PER L ACCESSO AL PUBBLICO AVVERTENZA L argomento qui trattato è valido per tutti gli Istituti del Ministero (musei, archivi, biblioteche ),

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011 PROGRAMMA SABATO 30 LUGLIO INSULA ROMANA SOTTO PALAZZO SPECCHI Via di San Paolo alla Regola, 16 Un viaggio a ritroso nel tempo e un vero spaccato

Dettagli

STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA

STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1 Il Museo Storico Italiano della Guerra, organizzazione non lucrativa di utilità sociale ONLUS, fondato nel 1921,

Dettagli

La domenica al Museo Aprile

La domenica al Museo Aprile Palazzina di Caccia di Stupinigi Fondazione Ordine Mauriziano La domenica al Museo Aprile IL GIARDINO Sabato 2 aprile Disegniamo l arte. Cervi&Cerbiatti, da Ladatte a Disney Domenica 10 aprile Famiglie

Dettagli

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo:

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: Roma Capitale - Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici,

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA COMUNE DI BUTTRIO P R O V I N C I A D I U D I N E REGOLAMENTO COMUNALE DEL MUSEO DELLA CIVILTA ' DEL VINO - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE LABORATORIO DI RICERCA Approvato con deliberazione consiliare n 35/2000

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) AGGIORNATO AL 12 OTTOBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto Il presente regolamento ha

Dettagli

ISTITUZIONE CULTURALE DI MONTEROTONDO DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. DELIBERA n. 2 del 19.02.2015

ISTITUZIONE CULTURALE DI MONTEROTONDO DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. DELIBERA n. 2 del 19.02.2015 ISTITUZIONE CULTURALE DI MONTEROTONDO DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELIBERA n. 2 del 19.02.2015 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE INDAGINE DI MERCATO PER AFFIDAMENTO SERVIZI AGGIUNTIVI PRESSO LA BIBLIOTECA

Dettagli

attività didattiche per le scuole

attività didattiche per le scuole attività didattiche per le scuole 2014-2015 benvenuti! L Accademia di Francia a Roma Villa Medici prosegue le sue attività didattiche per le scuole elementari durante l anno 2014-2015, e amplia l offerta

Dettagli

Questionario di autovalutazione

Questionario di autovalutazione Questionario di autovalutazione SCHEDA ANAGRAFICA i Denominazione del museo e recapiti A.1.1 Denominazione. A.1.2 Complesso di appartenenza (1). A.1.3 Indirizzo (2) A.1.4 Località (3). A.1.5 CAP A.1.6

Dettagli

La Biblioteca Comunale di Como

La Biblioteca Comunale di Como La Biblioteca Comunale di Como Progetto Alternanza scuola-lavoro Liceo Classico Alessandro Volta 23 gennaio 8 febbraio 2012 Classe II^ F studenti: Elena Guerci, Martina Morreale Biblioteca Comunale di

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli