Per un modello finanziario sostenibile libero dal concetto di usura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per un modello finanziario sostenibile libero dal concetto di usura"

Transcript

1 mpgdstudio.com In Svezia persone decidono di condividere insieme il proprio denaro, creando il circolo di risparmio no-profit più grande al mondo, contrario all idea di usura. In accordo con i principi finanziari interest-free, i risparmi non generano interessi e i prestiti sono concessi ad un costo che mira solo a coprire le spese amministrative e di rischio del sistema (ISC=2.5% fisso). In questo libro la traduzione italiana del Libro JAK, il metodo didattico che la banca usa per insegnare la sua ideologia, insieme alle interviste realizzate nell Agosto 2007 dal video-ricercatore Giorgio Simonetti, che ha lavorato per la trasmissione televisiva Report di Rai Tre. Giorgio Simonetti (Fossombrone (PU) 1978) è un videomaker freelance e lavora nell ambito della didattica del cinema e del giornalismo nelle scuole del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, conducendo laboratori di produzione e analisi televisiva. La GoodNews Senza interessi sulla banca etica JAK è andata in onda nella trasmissione televisiva Report condotta da Milena Gabanelli (Maggio 2008), ed ha portato alla nascita dell associazione culturale JAK Bank Italia (Settembre 2008). JAK BANK a cura di Giorgio Simonetti a cura di Giorgio Simonetti Per un modello finanziario sostenibile libero dal concetto di usura per contatti: 18,00 ISBN:

2

3 Design: MPGDSTUDIO.com (Matteo Palmisano + Giuseppe D Orsi) Stampa: Dreossi & C. S.r.l. via Prà di Risi, 17, Zoppola (PN) Tel Fax Prima edizione: Aprile 2009

4 a cura di Giorgio Simonetti

5

6 All Amore che ancora dovrò incontrare.

7

8 INDICE Presentazione a cura di Giorgio Simonetti 13 IL LIBRO JAK SULL ECONOMIA SENZA INTERESSI E SULL EMANCIPAZIONE ECONOMICA edito da JAK BANK Prefazione all edizione svedese Chi siamo? Quali sono i nostri valori? Che cosa facciamo? La storia di JAK Quali sono le regole del gioco della nostra economia? I debiti e le risorse aumentano Il debito dello Stato svedese La crisi globale del debito L interesse è un problema Argomenti comuni a favore e contro gli interessi Crescita economica Il tasso di interesse favorisce investimenti di breve periodo Il denaro Il legame tra chi risparmia e chi presta Banca Cooperativa JAK e banca di tipo tradizionale a confronto Cosa dice la legge svedese a proposito Il significato della religione Far parte di un movimento popolare

9 19. Struttura organizzativa della Banca Cooperativa JAK Parallelismi e analogie Letture di approfondimento Glossario

10 JAK BANK REPORT (Agosto 2007) a cura di Giorgio Simonetti 226 I STEYERBERG (Bassa Sassonia, Germania) 1. Intervista a Margrit Kennedy Architetto ed economista II NORRKÖPING 1. Intervista a Per Almgren Socio fondatore JAK, Ingegnere inventore del sistema di prestito/risparmio JAK III STOCCOLMA 1. Intervista a Oscar Kjellberg Direttore dello Sviluppo JAK BANK IV HELSINGBORG 1. Intervista a Marten Hermansson Socio, membro del CdA JAK V ÖREBRO Congresso dei giovani del partito social-democratico 1.1 Intervista a Carin Fröjd Socia JAK Intervista a Per-Erik Persson Coordinatore della Gioventù JAK Intervista a Shaji K.J. Kizhakethil Organizzazione SPACE, Villaggio Pakkam, Kerala (India) VI SKÖVDE Sede Banca Cooperativa JAK Alcuni dati su JAK

11 1. Intervista a Magnus Frank e a Johan Oppmark - Direttore e Amministratore Delegato JAK Bank VII GOTHENBURG 1.1 Intervista a Barbro von Krusenstierna Socia JAK Intervista a Jan Boman Socio JAK ISOLA DI ORUST 2. Intervista a Sten Inge Kedbäck Già Amministratore delegato di JAK, proprietario di un lotto di terra nell ecovillaggio Krossekär, Isola di Orust VIII TUMBA 1. Intervista ad Åke Mobrandt Fondatore JAK svedese 305 IX JÄRNA 1. Intervista ad Eva Stenius Socia fondatrice e informatrice JAK Intervista a Didrik Wachenfeldt Socio JAK Intervista ad Annika Laurén Amministratrice Delegata di Ekobanken X SKATTUNGBYN 1. Intervista a Kåre Olsson Presidente del CdA JAK XI ESKILSTUNA 1. Intervista a Abd al Haqq Kielan Imam della moschea di Eskilstuna

12 XII BORLÄNGE 1. Intervista a Ann-Marie Svensson Direttrice dei soci JAK XIII KALMAR 1. Intervista a Jonas Löhnn Presidente della sezione dei Verdi di Kalmar Vice-sindaco di Kalmar Pastore della Chiesa Luterana Svedese Socio JAK XIV HUDIKSVALL 1. Intervista a Kjell Swingen Allevatore e vivaista dell azienda Vallblomman, socio JAK Intervista a Miriam Berjlund Pastore della Chiesa dell Alleanza di Hudiksvall, Socia JAK Intervista ad Annica Brun Presidente della Chiesa dell Alleanza di Hudiksvall Intervista ad Hans Westlund Cassiere della Chiesa dell Alleanza di Hudiksvall, membro della direzione parrocchiale Intervista a Karin Bilund Fedele della Chiesa dell Alleanza di Hudiksvall, membro della direzione parrocchiale Intervista a Henrik Adestedt Socio JAK XV NÄSVIKEN 1. Intervista a Sigurd Melin Imprenditore, presidente del Progetto Dallenbanan

13 XVI MELLÄNFJARDEN 1. Intervista ad Eva Eriksson Imprenditrice, socia JAK XVII JÄTTENDAL 1. Intervista a Kerstin Wahlman Socia JAK Intervista a Lennart Andersson Informatore e membro del consiglio direttivo JAK Nord-Hälsingland Intervista a Britt Andersson Socia JAK XVIII ENÅNGER 1. Intervista a Åsa Frick Imprenditrice, socia JAK XIX TRÖNÖ 1. Intervista a Tommy Ekmark Imprenditore, socio JAK Intervista a Bo Lundstein e Anna-Märta Tinnerfelt-Åkerlind Membro e Presidente del Consiglio dell Associazione Economica di Trönö, soci JAK XX UNA VOCE CONTRO - ABANO TERME (Novembre 2008) 1. Intervista a Leonardo Becchetti - Docente di Economia Università Tor Vergata, presidente del Comitato Etico di Banca Etica

14 APPENDICE 1 Sviluppare un Economia dell Amore e del Benessere Autentico Sermone di Mark Anielski, 30 Maggio 2005 (Kings University College, Christian Fellowship) APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti APPENDICE 3 Proposta di creazione di una banca JAK italiana A cura di JAK BANK ITALIA

15 I believe that unarmed truth and unconditional love will have the final word in reality. Martin Luther King Jr. 12

16 Presentazione a cura di Giorgio Simonetti JAK ha a che vedere con la libertà, nasce nel 1965 come un movimento di emancipazione economica. Emancipazione da un sistema creditizio basato sul debito e sull interesse, che rende sul lungo periodo le persone e le nazioni schiave di un meccanismo in altri tempi severamente condannato e definito con il termine di usura. A questo aspetto si è poi aggiunto negli anni 70 un motivo critico di natura ambientalista: com è possibile concepire un sistema monetario in cui il debito cresca esponenzialmente, per via dell interesse composto 1, all interno di un pianeta dalle risorse limitate? Per spiegare JAK in due parole potremmo definirlo come un movimento di obiettori di coscienza del concetto di interesse, che scelgono di condividere tra loro i risparmi e i prestiti senza pretendere una remunerazione sul proprio denaro e pagando per il solo servizio del prestito che la banca offre. Per interesse è quindi intesa una remunerazione automatica del denaro che sia scollegata dai concetti di risorse naturali (J), lavoro (A), e capitale infrastrutturale (K), i tre capisaldi dell economia reale a cui JAK si rifà anche con il proprio acronimo. Per citare un esempio, la remunerazione che si ottiene acquistando titoli di Stato non rientra per JAK nei criteri di economia reale. In poche parole il movimento lotta contro quella parte della finanza che non prende parte alla realtà economica ma è pura speculazione parassita, guadagno sicuro per chi ha già più del necessario e indebitamen- 1 Meccanismo degli interessi pagati sugli interessi, spiegato a p

17 to progressivo per chi non ha ed è costretto a chiedere in prestito per vedere rispettati i propri diritti di essere umano. Per esempio per vedere soddisfatto il proprio diritto di abitare. Secondo la filosofia JAK l interesse agirebbe come una sorta di strumento di redistribuzione monetaria, che funziona all incontrario: una sorta di tassazione della povertà che trasferisce ricchezza dai poveri ai ricchi. La realtà sembra dare ragione a questa chiave di lettura, basti pensare alla crisi del debito dei paesi africani, sempre più strangolati dalla morsa dell usura imposta da Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale. Il movimento si spinge solo in parte ad approfondire le cause profonde di questo sistema di indebitamento collettivo, il cosiddetto problema del signoraggio monetario 2. Il fatto che le nazioni non abbiano potere sovrano sull emissione della propria moneta, ma che siano costrette a prenderla in prestito dalle banche centrali, interessa la banca JAK ma non è oggetto diretto della sua critica. JAK in realtà si appropria della moneta ufficiale e crea un circuito alternativo parallelo di risparmio e prestito, senza interesse, di fatto gettando il seme di un nuovo sistema finanziario complementare, promotore di valori nuovi estremamente rivoluzionari. È certo prevista una remunerazione per il lavoro della banca, calcolata intorno al 2.5% annuo (ISC medio sui prestiti). Ma non abbiamo una remunerazione del denaro depositato e dividendi per gli azionisti in caso di bilancio positivo della banca. In conclusione l intero sistema è da considerarsi come no-profit. Esiste tuttavia il tallone d Achille dell inflazione, a rap- 2 Chi è interessato ad approfondire problematiche collegate al meccanismo di creazione del denaro legga il sermone dell economista Mark Anielski a p

18 presentare un bel problema. Il risparmio forzoso che la banca obbliga a fare, non prevedendo alcuna remunerazione, è esposto ai rischi di perdita da inflazione, variabili e non prevedibili, in tal senso non quantificabili oggettivamente dalla banca. Da qui l idea portata avanti dal Responsabile dello Sviluppo della banca, Oscar Kjellberg: la creazione di fondi di investimento, collegati all economia locale, per compensare la perdita di potere d acquisto dei propri risparmi. Questa scelta, se venisse realizzata, rappresenterebbe un vero e proprio cambio di rotta per JAK? Su questo fronte si stanno avendo due tipi di reazioni tra i soci della banca: c è chi, fedele all idea di non voler considerare alcun tipo di remunerazione sul proprio denaro, non accetta questa soluzione. Altri soci invece, considerando l aspetto di rischio la remunerazione non è automatica ma collegata ad un rischio e di supporto all economia reale e locale, sono interessati a sviluppare questo nuovo aspetto di JAK. Di fatto risulterebbe un alternativa al risparmio di supporto 3, che già la banca realizza, prevedendo la condivisione degli utili e delle perdite tra imprenditore e azionista, in maniera simile a quanto già avviene nelle banche islamiche. 4 Anche qui, in riferimento a questa vicenda, sta un aspetto molto positivo che ho notato durante la mia ricerca: lo spirito democratico che pervade l intera organizzazione e la viva partecipazione dei soci al dibattito sulle tematiche della banca, che veramente mi sento di definire cooperativa e mutualistica. 3 Spiegato a p. 148 del Libro JAK 4 Vedi intervista ad Abd al Haqq Kielan a p

19 Lo spirito di cooperazione e mutualità che traspira dalla cultura JAK mi ha sorpreso molto anche per l idea di sostenibilità che sottende, che è di per sé prevenzione contro qualunque forma di parassitismo: ogni socio si guadagna un diritto al prestito poiché è lui stesso a prestare agli altri il proprio denaro. Questo concetto democratico tipicamente nordico è a mio avviso molto educativo, a prevenzione di comportamenti parassiti e patologicamente assistenziali (le due facce della stessa medaglia), e garanzia di sostenibilità sul lungo periodo. Com è nata questa ricerca che mi ha portato in Svezia? Sono stato folgorato dalla lettura di un paio di pagine contenute nel libro di Margrit Kennedy La moneta libera da inflazione e da interesse, edito in Italia da Arianna Editrice. Ho deciso così, nel Gennaio 2007, che avrei dedicato il mese di Agosto per andare a girare un reportage su questa realtà finanziaria così atipica. In Interrail, certamente! Cercavo coerenza tra mezzi e contenuti. Questo viaggio si è rivelato più di una semplice ricerca, è stata un esperienza profonda di vita, una sorta di pellegrinaggio. Di formazione non sono un economista, però credo profondamente che chiunque incominci a gestire in autonomia una casa incominci in realtà ad occuparsi di economia. D altronde, non è proprio questo il significato etimologico della parola eco-nomia ( =casa, = norma)? Economia significa gestione, amministrazione della casa. Una casa può essere gestita in maniera più o meno efficiente. Si può decidere di tenerla sporca o pulita, di mangiare in mezzo ai rifiuti o di non produrne. Ed è stato interessante scoprire nel mio viaggio che i principali attori del movimento interest-free e i fondatori della 16

20 banca JAK non erano economisti, bensì un architetto (Margrit Kennedy), un costruttore di palazzine (Åke Mobrandt, il fondatore!) e il suo ingegnere civile (Per Almgren), che ne ha ideato il sistema matematico di risparmio. Che sia giunto forse il momento di recuperare il senso etimologico della parola economia, dandola in gestione agli economisti-ingegneri? Come funzionerebbe il mondo se funzionasse secondo i precetti interest-free di JAK? Come cambierebbe la scala valoriale della nostra vita e che potere educativo avrebbe un sistema finanziario di questo tipo, per promuovere la felicità e la mutua collaborazione tra gli esseri umani? C è molta ricerca da fare in questa direzione, nell indirizzo di un economia della ricchezza autentica. Tra le varie ricevute mi hanno scritto molti universitari: ora è il vostro turno, spero che il mio lavoro possa interessarvi e servire da spunto per orientare la vostra ricerca. Durante il mio viaggio ho raccolto anche un libro di testo, lo JAK Boken, il Libro JAK che la banca usa per insegnare la sua filosofia di base. È un libro semplice, non privo di errori ed esagerazioni a mio avviso, ma tuttavia importante. Importante perché rappresenta la testimonianza di resistenza di un gruppo di persone decise a non lasciarsi gestire le proprie finanze dalla casualità del mercato. Una casualità che sta portando alla crescente disparità tra ricchi e poveri e alla progressiva devastazione ambientale del pianeta. La resistenza della comunità JAK rappresenta per me un concreto tentativo di riportare l economia finanziaria nelle mani dell uomo, a partire dai valori della vita e della sostenibilità sul lungo periodo. Incominciando da piccole comunità organizzate attivamente sul territorio e pronte a pagare un prezzo per la loro obiezione di coscienza al sistema. Un po come i primi obiettori alla leva militare, che erano disposti a 17

21 finire in galera piuttosto di imbracciare un fucile. All indomani del passaggio in onda del mio servizio nella trasmissione televisiva Report, ho lanciato l iniziativa di finanziare personalmente la traduzione di questo testo: se ci fossero state abbastanza persone interessate all acquisto mi sarei accollato i costi per la traduzione e la stampa del libro. Ho ricevuto un adesione entusiastica, molte persone mi hanno ringraziato per la ricerca svolta e mi hanno incoraggiato a proseguire nella mia documentazione di notizie positive. Il 13 Settembre 2008 è anche nata spontaneamente un associazione, con sede a Firenze, che vuole dare concreta attuazione a quest idea anche nel nostro Paese, la JAK Bank Italia. 5 Vorrei concludere con una riflessione. Se è vero, come dice il Talmud, che per ogni notizia negativa bisogna trovarne almeno 3 di positive, per continuare a vivere con gioia, spero con tutto il cuore che questa della banca JAK sia una ricerca che vada nella direzione del sorriso e della speranza. Penso profondamente che l unico giornalismo degno di nota sia quello che aspiri a rendere l uomo libero, e che quindi tenda spontaneamente alla verità. La speranza e la gioia di vivere sono ingredienti indispensabili per la ricerca della verità e della libertà, insieme ovviamente ad una buona dose di coraggio. Penso che grossa parte dell informazione che si faccia oggi a livello mondiale abbia come effetto quello di rendere le persone schiave del terrore e dipendenti dai giornalisti stessi, rispecchiando in pieno lo spirito sado-ma- 5 L indirizzo web dell associazione culturale è 18

22 sochista del tempo in cui viviamo, per lo meno nelle società sviluppate di cui anch io faccio parte. Non credo assolutamente che le brutte notizie vendano più di quelle belle. Significa che quelle belle non lo sono abbastanza, o che non hanno un sufficiente potere emancipante. Come cambierebbe una società in cui l informazione rispecchiasse il principio del Talmud sopra citato? Se contribuisse a liberare le energie positive di cui JAK è viva manifestazione? 19

23 20

24 IL LIBRO JAK SULL ECONOMIA SENZA INTERESSI E SULL EMANCIPAZIONE ECONOMICA Skinnskatteberg 2005 Traduzione dallo svedese Mattias Cocco Kerstin Östgren Curatore dell edizione italiana Giorgio Simonetti Illustrazioni di Bernt Lindberg 21

25 Prefazione all edizione svedese La tua quotidianità L economia si ripercuote su tutti gli aspetti della tua vita: la tua quotidianità, quella della tua famiglia, e il futuro del nostro pianeta. Le regole del gioco dell economia vengono stabilite da noi esseri umani. L assetto dell economia determina anche l assetto di molte altre cose, all interno della società. Il denaro è potere, questo si sa. Sono quindi l economia e il denaro a determinare direttamente il tipo di vita che viviamo. Cosa vogliamo? Stress, niente tempo ed energia da dedicare alla famiglia e agli amici, oppure vogliamo avere tempo per noi e per gli altri? Vuoi vivere una vita in comunione e solidarietà con gli altri, oppure sentirti insicuro e preoccupato? L economia ci riguarda tutti (nessuno escluso). Non dobbiamo lasciarla ai cosiddetti esperti/economisti. Non è giusto che siano questi esperti a stabilire cosa tu voglia dalla tua vita e dalla società. Gli economisti prendono delle posizioni, esprimono i propri punti di vista, ma non possono detenere l esclusiva di decidere cosa sia giusto o sbagliato. Comprendere o non comprendere l economia Gli economisti, in genere, sono difficili da capire, quando parlano di economia. Il grande compito degli economisti, oggi, è quello di rendere comprensibili i propri modelli economici a TUTTI, e, allo stesso tempo, quello di spiegare quali siano i valori sui quali questi modelli poggiano. Nel corso della storia sono stati sviluppati diversi modelli economici, spesso in competizione tra loro. Ciò che è importante comprendere, è che non esiste un solo modello economico 22

26 universalmente valido e inconfutabile. Ciò che determina la scelta di un modello piuttosto di un altro, e la sua applicazione nella società, è quello che noi esseri umani vogliamo dalla nostra società. Quando si elabora un modello economico, si adottano alcune semplificazioni. Si tratta di un operazione necessaria, perché altrimenti qualsiasi modello economico risulterebbe troppo complesso. Occorre stare attenti, però, a non tralasciare elementi importanti. E non bisogna neanche credere che quello che non viene rappresentato nel modello economico non esista neanche nella realtà. Lo scopo del libro Lo scopo del Libro JAK è quello di dare al lettore una migliore comprensione della Banca Cooperativa JAK, di cosa essa sia e quali siano i valori alla base della sua attività. Come è possibile che una banca sia tanto arrogante da mettersi contro il sistema universalmente adottato e accettato? Fare soldi sui soldi è giusto? Noi della Banca Cooperativa JAK siamo un gruppo di individui con esperienze, idee e punti di vista diversi. JAK non segue un modello economico preconfezionato che il socio è tenuto ad imparare. Questo libro si pone come obiettivo quello di stimolare il dibattito economico tra persone comuni. Che cosa è giusto? L etica e la morale possono entrare in questo dibattito? Cosa è giusto e cosa è sbagliato per l essere umano e per l ambiente? Quali regole del gioco economico sono necessarie affinché la società sia sostenibile dal punto di vista ecologico? 23

27 Leggi il libro con i tuoi occhi, con la tua testa e con il tuo cuore. Lasciati guidare dai tuoi principi più profondi. Parla con altre persone dei tuoi principi. Le cifre riportate su questo libro potrebbero risultare datate. Per ogni dato viene riportata la fonte, ad esempio lo Statistisk Årsbok (Rapporto Statistico Annuale) reperibile su Internet. Ti invitiamo a cercare dati più attuali andando direttamente alla fonte. L economia può essere sostenibile e giusta? Ci siamo posti questa domanda nel corso della realizzazione di questo libro, negli anni 90. A questo lavoro ha contribuito un nucleo base di circa 30 soci. Altri soci sono stati coinvolti e hanno offerto i propri preziosi contributi. Nell effettuare l aggiornamento di questo materiale di studio il sottotitolo è stato modificato in Il Libro JAK sull economia senza interesse e sull emancipazione economica. Il termine emancipazione economica è stato utilizzato nella storia passata di JAK e appare nuovamente attuale e appropriato. L emancipazione economica si propone i tre seguenti scopi: - Liberarsi dai debiti derivanti da interessi in maniera autonoma e personale; - Mettere ogni essere umano nella condizione di pensare e negoziare liberamente le questioni economiche, anziché seguire i dogmi e le verità inconfutabili che ci vengono imposte; - Il nostro pianeta, la natura, può essere liberato dalla necessità di sfruttare in maniera sistematica e costantemente crescente le risorse naturali; la causa di questa pratica sta nel metodo convenzionale di misurazione della crescita economica. 24

28 La Banca Cooperativa JAK costituisce un esempio di come sia possibile prestarsi denaro a vicenda senza applicare interesse, attraverso un azione collettiva di collaborazione organizzata. Noi non accettiamo l avidità come fattore guida dell economia. Per questo possiamo risparmiare denaro senza chiedere interessi. Sappiamo che il nostro risparmio andrà a vantaggio di altri soci. In un mondo in cui l avidità e gli speculatori finanziari rischiano di compromettere le possibilità di sopravvivenza della maggior parte delle persone, sentiamo che l attività di JAK può costituire una chiave per un economia del progresso. Un economia sostenibile e più giusta. Il senso del libro è quello di essere semplice da leggere anche per chi non abbia competenze economiche. Alcuni passaggi possono risultare troppo arditi per alcune persone. Per altri, al contrario, le nostre ipotesi possono sembrare eccessivamente prudenti. Giudica tu stesso, in maniera autonoma. Il senso del libro è di risvegliare il pensiero e che tu, lettore, possa trovare delle nuove domande da proporre. Un dibattito vivo è importante per il progresso del nostro pensiero economico. Io che sono stata seduta qui, con penna e computer, per mettere insieme il materiale di questo libro, nutro grande interesse per i tuoi punti di vista e per le tue reazioni a questa lettura. Fatti sentire molto volentieri! Gustafs, dicembre 2005 Ann-Marie Svensson 6 6 Puoi leggere un intervista a Ann-Marie Svensson a p. 360, n.d.c. 25

29 1 Chi siamo? Dal programma dei principi guida di JAK, adottato nell Assemblea dell Associazione del La Banca Cooperativa JAK È un associazione economica, avente diritto di svolgere attività bancaria. Deve il proprio nome ai tre fattori di produzione che, secondo l economia politica classica, costituiscono la base del benessere: terra (Jord), lavoro (Arbete), e capitale (Kapital). È di proprietà dei soci, i quali, attraverso l assemblea annuale, prendono decisioni condivise. È un elemento importante di un movimento popolare che vuole cambiare le regole dell economia sia a livello locale che internazionale. Dà ai soci la possibilità di risparmiare e contrarre prestiti senza interesse e a prezzo di costo. È un esempio ben funzionante di un attività che si occupa di fornire finanziamenti, che ha come fondamento la collaborazione al posto della concorrenza. È indipendente dal punto di vista politico e religioso, ma radicale nel significato letterale del termine; vale a dire, noi cerchiamo la radice del malfunzionamento nel nostro campo di interesse, l economia e il denaro. Ha avviato la propria attività nel 1965 prendendo la JAK 26

30 danese come modello, e dagli anni 70 gestisce un sistema di risparmio e prestito senza interesse. 2 Quali sono i nostri valori? Nella Banca Cooperativa JAK siamo trasparenti sui nostri valori, e li mettiamo alla luce del sole. Tutte le regole del gioco dell economia si basano su dei valori. Per questo è importante parlare di questi quando si tratta di decidere rispetto a operazioni e decisioni economiche. I soci della Banca Cooperativa JAK, nel corso dell assemblea dell associazione, hanno stabilito quali siano i valori fondanti dell attività della nostra banca comune. Dal programma dei principi guida di JAK, adottato nell assemblea dell associazione del Vision dell associazione Riteniamo che Le persone debbano relazionarsi come individui liberi ed eguali. Noi crediamo nella pluralità e nella collaborazione. Le valutazioni etiche sono più importanti dei profitti egoistici. Giustizia Riteniamo che Il denaro debba essere uno strumento di scambio sul quale non va applicato alcun interesse; non crediamo che il denaro sia una merce sulla quale speculare. 27

31 Uno dei principali obiettivi dell economia sia quello di ridurre il divario tra poveri e ricchi. Il sistema basato sull interesse sia ingiusto, poiché trasferisce denaro da chi ha poco a chi ha molto. Ecologia Riteniamo che La realtà economica debba essere subordinata alle condizioni di sostenibilità ecologica. Il sostentamento e l economia debbano essere organizzati in modo da non mettere a rischio i nostri ecosistemi. Per questo motivo prendiamo posizione contro la condizione di crescita economica costante, imposta dal modello di sviluppo economico globalmente adottato. Il finanziamento senza interesse favorisca investimenti di lungo periodo, e che questo sia un presupposto determinante perché si realizzi uno sviluppo sostenibile. Democrazia Riteniamo che Un economia giusta presupponga la democrazia, in cui le opinioni e il pensiero di ogni persona abbiano lo stesso peso. Tutti debbano disporre delle informazioni necessarie per prendere decisioni. Vada stimolato il dibattito e il dialogo, nel rispetto delle differenze reciproche. 28

32 Livello locale e livello globale Riteniamo che Economie locali sane siano un presupposto per una sana globalizzazione. Il denaro vada impiegato e investito a livello locale, dove le persone si trovano, e per bisogni reali. Di più sui valori Negli anni 90, nel corso della realizzazione del primo materiale di studio JAK rivolto principalmente ai circoli di studio che sosteniamo, abbiamo lavorato molto sui valori. Le formulazioni che seguono costituiscono le pietre miliari del programma dei principi guida della Banca Cooperativa JAK. Solidarietà e giustizia - Le stesse opportunità devono valere per tutti La Banca dei Soci JAK conduce un attività di tipo cooperativo. Tutti i soci di JAK, nella propria banca, devono avere le stesse opportunità di aprire conti e prendere prestiti. Nessuno gode di un trattamento diverso dagli altri. Nessuno può negoziare, magari dietro un compenso, condizioni migliori degli altri. Tutti i soci vengono trattati allo stesso modo. Questo è anche stabilito nella legge che regolamenta le associazioni economiche. - Nessuno deve poter vivere sul lavoro altrui solo grazie al proprio patrimonio. I soci della Banca Cooperativa JAK rifiutano l idea, ad oggi universalmente accettata, che si possa ricevere un compenso per il prestito di denaro. 29

33 La Banca Cooperativa JAK intende dimostrare come un attività di finanziamento basato sulla collaborazione e senza interesse, sia possibile e realizzabile attraverso un sistema di risparmio e prestito. I soci si aiutano a vicenda prestando denaro, senza che ciò avvenga a spese di qualcun altro. La Banca Cooperativa JAK prende un compenso per l amministrazione del sistema di risparmio e prestito attraverso una commissione, comprensiva di un premio di rischio che ad oggi è molto basso. Nel caso di futuri prestiti ad aziende, o di altri prestiti più rischiosi, il premio di rischio può costituire una parte maggiore della commissione. Emancipazione economica L aumento del livello di indebitamento nella società in generale comporta che i singoli individui, le aziende di dimensioni piccole e medie, i Comuni e lo Stato, siano sempre meno padroni della propria economia. Maggiore il debito, maggiore la dipendenza dal creditore. Il potere economico viene progressivamente trasferito, per via dell aumento del debito, da chi contrae prestiti a chi li concede. E sono quelli che prestano, detentori di grandi risorse proprio grazie all interesse, che stabiliscono le condizioni. Per queste ragioni gli individui non hanno le stesse opportunità. Per quanto tu sia bravo e per quanto sia buona l idea che hai in mente, non hai le stesse opportunità di realizzare la tua libera impresa, come invece hanno quelli che possiedono molta ricchezza. Ed è il tasso di interesse che, costantemente, ridistribuisce la ricchezza: da quelli che hanno poco a quelli che hanno molto. Se coloro che detengono più risorse determinano in maggior misura lo sviluppo della società, ne consegue che quelli 30

IL LIBRO JAK SULL ECONOMIA SENZA INTERESSI E SULL EMANCIPAZIONE ECONOMICA

IL LIBRO JAK SULL ECONOMIA SENZA INTERESSI E SULL EMANCIPAZIONE ECONOMICA INDICE Presentazione a cura di Giorgio Simonetti 13 IL LIBRO JAK SULL ECONOMIA SENZA INTERESSI E SULL EMANCIPAZIONE ECONOMICA edito da JAK BANK Prefazione all edizione svedese... 22 1. Chi siamo?... 26

Dettagli

APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti

APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti In qualità di socio di Banca Etica vorrei lanciare la proposta di offrire un servizio simile

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale.

Offriamo i nostri servizi bancari a una clientela sensibile allo sviluppo ecologico e sociale. LINEE DIRETTRICI La nostra missione Noi della Banca Alternativa Svizzera ci impegniamo al massimo per il bene comune, per l uomo e la natura e per una qualità di vita sostenibile per le generazioni presenti

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Sezione A: indicatori di scenario

Sezione A: indicatori di scenario Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS ACRI 84ª Giornata Mondiale del Risparmio PRODUTTIVITA, RISPARMIO, SVILUPPO Risultati diffusi nell ambito della conferenza stampa

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate

A) Accenni al fatto che avete frequentato la stessa Università, subito, mentre vi presentate Rispondi al questionario per scoprire quanto sei incisivo nella PERSUASIONE! Per te 10 domande selezionate dal Prof. Robert Cialdini, cattedra di Psicologia e Marketing presso l Università dell Arizona,

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

TRUFFE LEGALI. Illustrazione di Matteo Pericoli 2002

TRUFFE LEGALI. Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 TRUFFE LEGALI Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Da: Giovanni A: Giuseppe Ciao, mi chiamo Giovanni. Leggi attentamente questo messaggio perché quello che sto per raccontarti è veramente inaudito: esiste

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Sommario. Parte I Pensare da ricchi 2. Introduzione xi Ringraziamenti 1

Sommario. Parte I Pensare da ricchi 2. Introduzione xi Ringraziamenti 1 Sommario Introduzione xi Ringraziamenti 1 Parte I Pensare da ricchi 2 1 Chiunque può diventare ricco: basta impegnarsi 4 2 Stabilisci che cos è per te la ricchezza 6 3 Definisci i tuoi obiettivi 8 4 Non

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS ACRI 85ª Giornata Mondiale del Risparmio RISPARMIO ED ECONOMIA REALE: LA FIDUCIA RIPARTE DAI TERRITORI (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ L SSOIZIONI I VOLONTRITO L SOSTNIILITÀ lle ssociazioni di volontariato del riuli Venezia iulia lle ssociazioni di promozione sociale del riuli Venezia iulia La sostenibilità, che viene declinata nella

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Cos è Etico nella Finanza Etica?

Cos è Etico nella Finanza Etica? Università degli Studi di Trento Educazione alla Finanza Etica, Responsabile e Felice Trento 28 novembre 2009 Struttura dell Intervento Cosa vuol dire finanza etica? Il ruolo del sistema finanziario Finanza

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VALLEDOLMO

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VALLEDOLMO Valledolmo BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VALLEDOLMO Banca e Territorio Due nuove iniziative Lavora con noi per fare Crescere la Comunità L importanza di essere SOCIO Dalla BCC 4 milioni di euro per Imprese,

Dettagli

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario

Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario Griglia Colloquio di Presentazione Oro Monetario 1. SMALL TALK 2. FRASE D AGGANCIO 3. ANALISI GRAFICA 4. STRUMENTI INEFFICACI 5. NON È PER TUTTI COSÌ 6. LE CONDIZIONI OTTIMALI 7. 1 CONFERMA: 8. PRESENTAZIONE

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

L'Economia della Buona Vita

L'Economia della Buona Vita L'Economia della Buona Vita Un'intervista con il filosofo brasiliano Euclides André Mance di Anna Chiesura Dalla filosofia della liberazione all'elaborazione di un progetto alternativo alla società capitalistica

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE!

Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Giacomo Bruno RENDITE DA 32.400 AL MESE! Report collegato a: FARE SOLDI ONLINE CON GOOGLE Il programma per inserire annunci pubblicitari su Google - Mini Ebook Gratuito - INVIALO GRATIS A TUTTI I TUOI

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

FINANZA ETICA. A cura di. Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM

FINANZA ETICA. A cura di. Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM FINANZA ETICA A cura di Eleuterio MARINONI uropean Financial Advisor TM TM Piazza Europa 13 36030 Caldogno (VI) Italia tel. + 39. 0444.909056 fax +39.0444905743 cellulare 335441647 e-mail: eleumar@tin.it

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Calcola la tua Libertà Finanziaria. Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico.

Calcola la tua Libertà Finanziaria. Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico. Calcola la tua Libertà Finanziaria Guida all utilizzo del software di analisi del conto economico. 1 Prima ci presentiamo. Siamo Antonella Lamanna - Business Coach e Trainer e Amedeo Marinelli Networker

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI I pensionati vivono meglio e più a lungo. Sono sempre più una parte rilevante della popolazione italiana, un segmento demografico fiorente,

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities

10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 10 DOMANDE per iniziare a fare trading con gli Spread sulle Commodities 1. E difficile per un principiante fare trading con gli spread? A differenza di quanto potrebbe pensare un neofita, fare trading

Dettagli

Rendite da 32.400 al mese!

Rendite da 32.400 al mese! Giacomo Bruno Rendite da 32.400 al mese! NOTA: puoi ripubblicare gratis questo ebook sul tuo sito o blog, a patto di non modificare il testo, nè l'autore. Mandalo gratis ai tuoi amici. Puoi modificare

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli