organizzazioni di volontariato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "organizzazioni di volontariato"

Transcript

1 Il bilancio sociale per le organizzazioni di volontariato Modena, 1 Ottobre 2009

2 Bilancio sociale Cosa ci viene in mente?

3 Rendere conto Perché fare un bilancio?

4 La relazione di fiducia Ti dico chiaramente dove voglio arrivare (obiettivi, valori) Rifletto sulleesperienze esperienze fatte insieme (attività) Ti dico che cosa penso di te e perché (aspetti di miglioramento e pratiche positive nella relazione con i partner) Non ti dico bugie (riporto i dati con trasparenza) Mi faccio raccontare cosa pensi di me (presentazione del bilancio sociale)

5 può portare lontano Progettare altre cose da fare insiemei (nuove partnership e nuova progettualità) Avere un prestito (raccolta fondi) Sapere che per la tal cosa posso rivolgermi a te (disponibilità ibilità a collaborare su bisogni i particolari) i) Trovare volontari (aumento di persone che desiderano collaborare con l associazione)

6 molto lontano! Entrare a far parte di progetti più ampi (far parte di una rete calda di relazioni) Trovare unasede (avere qualcuno che sia disposto a darmi una mano logisticamente) Capire meglio perché spendo il mio tempo in associazione (verifico se la mia associazione fa effettivamente quello per cui è nata, ri motivazione dei volontari) Avere più strumenti per aiutare la mia associazione (divento un volontariopiù consapevole e quindi più attivo)

7 Perché rendicontare? Per dovere legale Per trasparenza

8 A chi rendiconto? Chi sono i portatori di interesse dll della mia associazione? Soggetti che nutrono interessi e aspettative ti Sono influenzati da Influenzano la Attività dell organizzazione

9 Chi sono i portatori di interesse della mia associazione? Ambiente naturale Soci Clienti Utenti Collettività OdV Personale Pubblica amministrazione Donatori

10 A cosa serve un bilancio? 1. Soddisfare le legittime esigenze di informazione dei soggetti interessati (i portatori di interesse) all attività dell organizzazione, mettendoli in grado di formulare un giudizio fondato. 2. Permettere agli organi di governo e ai diversi responsabili dell organizzazione di valutarne sistematicamente le performance e di elaborare strategie di miglioramento.

11 Il bilancio economico è sufficiente per una OnP? Non fornisce alcun elemento per valutare l efficacia dell organizzazione / la sua capacità di perseguire la missione. Fornisce elementi insufficienti per valutare l efficienza di un organizzazione in cui i costi e i ricavi non corrispondono pienamente alle risorse consumate e prodotte: resa del conto (accountability) nonadeguata.

12 Il bilancio sociale e il bilancio di missione bilancio sociale bilancio di missione bilancio di bilancio di esercizio

13 I rischi di un insufficiente resa del conto per una OnP non adeguata valorizzazione dell identità dell organizzazione e dellaspecificità dei servizi realizzati rinuncia ad effettuare una valutazione del proprio operato valutazione effettuata sulla base quasi esclusiva di parametri di natura economico finanziaria, provenienti dal mondo profit e non direttamente applicabili per organizzazioni con finalità sociali

14 crisi di fiducia dei portatori di interesse scostamento dell organizzazione dai suoi scopi istituzionali (o comunque minore efficacia).

15 Lo sviluppo della rendicontazione sociale Negli ultimi anni si sono sviluppati diversi strumenti di rendicontazione sociale, volti a fornire, in integrazione con il tradizionale bilancio di esercizio, risposte alle nuove esigenze di resa del conto. Il più diffuso è il bilancio sociale, che costituisce per molti versi un riferimento anche per altri strumenti.

16 Cos è il bilancio sociale? È un documento a consuntivo che rende conto della missione, delle strategie utilizzate, delle attività realizzate e dei risultati prodotti È un processo che va dalla raccolta dei dati, passa per la redazione del documento e per la sua divulgazione, fino a generare prospettive di miglioramenti in un ottica annuale.

17 La struttura del bilancio sociale Premessa (lettera del presidente, nota metodologica) Identità (il contesto di riferimento, la storia, la missione, i valori, gli SH, le strategie) Il governo e l organizzazione (il profilo dell organizzazione) La dimensione economica (entrate, uscite e lettura del bilancio)

18 Il perseguimento della missione (le attività) Le attività strumentali (attività funzionali a quelle messe in capo per il perseguimento della missione) Altrequestioni rilevanti per gli stakeholder (presenza sui media, impatto sul territorio, ) Obiettivi di miglioramento (le strategie per il futuro)

19 Qual è l utilità di una rendicontazione sociale? Otteneremaggioreconsapevolezzaecondivisionesullapropria identità (che può portare alla definizione / aggiornamento della dichiarazione di missione) Ricondurre ad una visione unitaria e fondata sul senso i diversi elementi del proprio operare Aumentare la capacità di dare coerenza tra impegni assunti ed operato

20 Mettere ordine : nelle riflessioni, nella documentazione, nei dati Effettuare scoperte : sull organizzazione e sui suoi rapporti con l esterno Attivare/sviluppare relazioni dense con i propri stakeholder e a comprenderne meglio esigenze ed aspettative. Aumentare la fiducia e la reputazione

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Le Aziende Non Profit:

Le Aziende Non Profit: Le Aziende Non Profit: Aspetti istituzionali, accountability strumenti di gestione Maria Teresa Nardo mt.nardo@unical.it 1 6 novembre 2008 Le ANP: caratteri generali La crisi del welfare state ha comportato

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Eventi speciali. considerazioni e adempimenti... Daniela Caretto 17 novembre 2010

Eventi speciali. considerazioni e adempimenti... Daniela Caretto 17 novembre 2010 Eventi speciali considerazioni e adempimenti... Daniela Caretto 17 novembre 2010 I sette obiettivi per un evento di successo 1- Raccogliere risorse 2- Far conoscere la mission 3- Motivare volontari e dirigenti

Dettagli

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese

Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie imprese Ordine Dottori Commercialisti di Milano Scuola di Alta Formazione Il bilancio sociale nelle piccole e medie imprese Milano, 25 ottobre 2007 Il Bilancio Sociale: funzioni e valenza per le piccole e medie

Dettagli

Gli obblighi di bilancio

Gli obblighi di bilancio IL BILANCIO DELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO di Massimo Avincola e Giorgio Gentili Premessa Negli ultimi anni sono state costituite numerose Società di Mutuo Soccorso, molte delle quali, sono state promosse

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Le basi del Fundraising Alcune brevi note per cercare di migliorare la raccolta fondi Fund = FONDO (non c entra con la parola

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali La socialità: un valore nel contesto aziendale Roma, 28 maggio 2013 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Obiettivo Una nuova logica dell operare: il

Dettagli

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni.

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. LEGGERE UN BANDO DI FINANZIAMENTO PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. Data di scadenza Ho il tempo

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015

OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 OFFERTA FORMATIVA - FUNDRAISING anno 2015 pag.1di12 Indice del Corso sul FUNDRAISING CALENDARIO FUNDRAISING 2015...3 MODULO BASE FARE FUNDRAISING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...4 MODULO BASE FARE FUNDRAISING

Dettagli

Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo

Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo Advanced Level GRI 3: A+ GRI Checked Organisational Stakeholder 2011 e 2012 Sviluppo di Rendicontazioni specializzate per Stakeholder Analisi di materialità Sintesi

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?!

Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?! Fare fundraising nei territori: questione di soldi o di relazioni?! Darfo 23 Novembre 2013! Cosa non è il fundraising: Sponsorizzazione (vendita) Mera ricerca ai denari La sua traduzione in italiano come

Dettagli

L IMPEGNO DELLE IMPRESE LOMBARDE PER LA RESPONSABILITA SOCIALE EDIZIONE 2013

L IMPEGNO DELLE IMPRESE LOMBARDE PER LA RESPONSABILITA SOCIALE EDIZIONE 2013 L IMPEGNO DELLE IMPRESE LOMBARDE PER LA RESPONSABILITA SOCIALE EDIZIONE 2013 LE CAMERE DI COMMERCIO INVITANO LE IMPRESE A PARTECIPARE ALLA SELEZIONE DELLE MIGLIORI BUONE PRASSI AZIENDALI PER LA RESPONSABILITÀ

Dettagli

DELLE SOCIETÀ PER. Francesca Lecci

DELLE SOCIETÀ PER. Francesca Lecci LE RELAZIONI DI SISTEMA DELLE SOCIETÀ PER AZIONI (1) Francesca Lecci Agenda Configurazione del sistema di offerta dei servizi pubblici Ruoli, relazioni e strumenti L ente localel L ente locale proprietario

Dettagli

ISO 26000: i richiami al principio di trasparenza e alla finanza socialmente responsabile

ISO 26000: i richiami al principio di trasparenza e alla finanza socialmente responsabile Associazione per la promozione della cultura dell etica e della responsabilità sociale delle organizzazioni ISO 26000: i richiami al principio di trasparenza e alla finanza socialmente responsabile Dott.

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE NON PROFIT: PRINCIPI GENERALI E LINEE GUIDA PER LA SUA ADOZIONE

IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE NON PROFIT: PRINCIPI GENERALI E LINEE GUIDA PER LA SUA ADOZIONE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE AZIENDE NON PROFIT IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE NON PROFIT: PRINCIPI GENERALI E LINEE GUIDA PER LA SUA ADOZIONE CONSIGLIERE DELEGATO GIORGIO

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE SANITARIE CONCETTI GENERALI, LINEE GUIDA ED ESPERIENZE APPLICATIVE

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE SANITARIE CONCETTI GENERALI, LINEE GUIDA ED ESPERIENZE APPLICATIVE FIRENZE www.health-management.it PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL BILANCIO SOCIALE NELLE AZIENDE SANITARIE CONCETTI GENERALI, LINEE GUIDA ED ESPERIENZE APPLICATIVE SCELTE STRATEGICHE E PERCORSO OPERATIVO

Dettagli

Corso precongressuale della FCP

Corso precongressuale della FCP Corso precongressuale della FCP Etica ed economia del Non Profit: Dal bilancio sociale al fundraising Con la collaborazione tecnica dell Istituto Italiano della Donazione Trieste 25, 26 ottobre Alcuni

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT Varese, 16 luglio 2007 Mario Mazzoleni info@mariomazzoleni.com www.mariomazzoleni.com LA CSR L integrazione su base volontaria delle preoccupazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding

Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding Imprese e mondo no profit: strategie win-win a base di crowdfunding 1) Chi parla? 2) Partiamo dalla fine: kickended.com - Silvio Lorusso 2014 3) Tema: Cosa è il Crowdfunding dal punto di vista di un Fundraiser

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA SAN VINCENZO DE PAOLI Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 Di cosa parleremo? Le gestioni contabili elementari Il Bilancio nelle OdV: le fonti normative (norme civilistiche,

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE AZIENDE NON PROFIT RACCOMANDAZIONE N. 10 GLI INDICI E GLI INDICATORI DI PERFORMANCE NELLE AZIENDE NON PROFIT IMPEGNATE NELLA RACCOLTA FONDI E

Dettagli

La rendicontazione e il controllo indipendente degli enti non profit

La rendicontazione e il controllo indipendente degli enti non profit Bergamo 28 Giugno 2011 Rendicontazione economico-finanziaria e sociale degli enti non profit Prof. Matteo Pozzoli Ufficio studi della Presidenza del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl Il Business è nulla senza l etica. Il Codice di Comportamento esprime gli impegni e le responsabilità, nella conduzione degli affari, assunti da Right Hub verso tutti

Dettagli

«Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente

«Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente «Il bando per il Bilancio Sociale della CCIAA di Treviso» dr. Antonio Biasi Responsabile Sportello CSR e Ambiente Cos è il Bilancio Sociale È uno strumento (documento complementare al bilancio d esercizio)

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando

BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO. 1 - Promotore e finalità del bando Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANDO 2015/4 SOSTEGNO ALLO STUDIO E AL LAVORO 1 - Promotore e finalità del bando La Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus promuove un bando per l individuazione

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2012-2013 1 LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY (CSR) Partendo

Dettagli

IL BILANCIO DELLE AZIENDE NO-PROFIT

IL BILANCIO DELLE AZIENDE NO-PROFIT Master in Gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche Facoltà di Giurisprudenza di Verona IL BILANCIO DELLE AZIENDE NO-PROFIT Appunti delle lezioni Dott. Vinicio Tredici Dipartimento Scienze

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO PER IL SOSTEGNO DI INIZIATIVE DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO ART. 1 OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento è volto a sostenere le iniziative di promozione del volontariato organizzate

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca Comune di Castelnuovo Rangone Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Al Dirigente / Responsabili dei servizi della struttura Welfare dell Unione

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI

BANDI E FINANZIAMENTI BANDI E FINANZIAMENTI 1. Accesso ai fondi europei Gli obiettivi strategici della proposta Lo sviluppo di progetti nel mondo non profit è ormai una funzione chiave sia a livello strategico che per la sostenibilità

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

BUON LAVORO. Linee guida per la realizzazione della campagna Buon lavoro! nelle residenze per anziani dell Alto Adige INTRODUZIONE LA CAMPAGNA

BUON LAVORO. Linee guida per la realizzazione della campagna Buon lavoro! nelle residenze per anziani dell Alto Adige INTRODUZIONE LA CAMPAGNA BUON LAVORO Linee guida per la realizzazione della campagna Buon lavoro! nelle residenze per anziani dell Alto Adige INTRODUZIONE LA CAMPAGNA Problema e situazione iniziale: L immagine del lavoro con le

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

8 Diverse eppur vicine

8 Diverse eppur vicine L attenzione dell opinione pubblica verso temi di interesse generale è conseguenza di un complesso lavoro di mediazione, negoziazione e pressione svolto dal sistema politico, dal mondo delle professioni,

Dettagli

SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE ATTENZIONE! LA SCADENZA PER L INVIO DEI MODULI DI ISCRIZIONE È STATA PROROGATA AL 23 MAGGIO 2015; ALLA GARA DI IDEE POTRANNO PARTECIPARE FINO A 10 GRUPPI. 1. PREMESSA

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

Iscrizione all elenco organizzazioni SaD

Iscrizione all elenco organizzazioni SaD Direzione Generale per il Terzo settore e le Formazioni sociali Sostegno a Distanza - SaD Iscrizione all elenco organizzazioni SaD MODELLI 1. Richiesta di adesione: - Modello n. 1- Richiesta di adesione

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

CAPITOLO 3. Sabina Nuti*

CAPITOLO 3. Sabina Nuti* CAPITOLO 3 FIDUCIA E TRASPARENZA NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Sabina Nuti* Il tema della fiducia dei cittadini nei confronti della pubblica amministrazione ed in particolare del sistema sanitario pubblico,

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013

Città di Minerbio Provincia di Bologna. CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Città di Minerbio Provincia di Bologna CICLO DELLA PERFORMANCE Indirizzi per il triennio 2011-2013 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 78 del 27/07/2011 Premessa Le amministrazioni pubbliche

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152 BANDO PROMOZIONE Programma operativo 2014 www.csvbasilicata.it p. 1 di 18 INDICE Art. 1 Finalità del Bando... 3 Art. 2 Oggetto delle proposte progettuali... 3 Art. 3 Destinatari e termini di presentazione

Dettagli

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT CHE COS È IL MARKETING BRANCA DELL ECONOMIA CHE UNISCE PRODUTTORI CONSUMATORI PER UNO SCAMBIO RECIPROCAMENTE VANTAGGIOSO E IL MARKETING MIX

Dettagli

Progetto Voglia di mutualismo

Progetto Voglia di mutualismo Progetto Voglia di mutualismo Questionario sulla domanda di mutualismo Versione PDF per l inoltro via fax. Se vuoi rispondere tramite mail all indirizzo staff@vita.it, scarica il questionario in formato

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Il bilancio sociale delle organizzazioni di volontariato Guida pratica

Il bilancio sociale delle organizzazioni di volontariato Guida pratica Il bilancio sociale delle organizzazioni di volontariato Guida pratica 34 Luca Bagnoli I Quaderni Bimestrale n. 34, gennaio 2007 reg. Tribunale di Firenze n. 4885 del 28/01/1999 Direttore Responsabile

Dettagli

Azioni di contrasto alle nuove povertà

Azioni di contrasto alle nuove povertà Azioni di contrasto alle nuove povertà UNISOLIDARIETA ONLUS Unisolidarietà Onlus & Volontariato in Rete Federazione Provinciale di Vicenza Ente Gestore CSV di VI Centro di Servizio per il Volontariato

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione.

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Credits foto: Nikolas Kallmorgen Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Corso di formazione di alto livello per professionisti della

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Il CAF (Common Assessment Framework): un modello di eccellenza per l autovalutazione

Il CAF (Common Assessment Framework): un modello di eccellenza per l autovalutazione Il CAF (Common Assessment Framework): un modello di eccellenza per l autovalutazione e per il miglioramento Mauro Di Grazia Ex dirigente scolastico, valutatore Premi nazionali scuola Responsabile CIPAT

Dettagli

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Inquadramento concettuale - l esigenza di ricondurre gli interventi a un

Dettagli

Scheda di partecipazione Quinta edizione

Scheda di partecipazione Quinta edizione Scheda di partecipazione Quinta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management corso Capacity Building Fondazione Cariplo Giuliana Baldassarre Federica Bandini Public Management & Policy Perché è importante progettare per le aziende non profit Perché

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

La responsabilità sociale d impresa in pillole

La responsabilità sociale d impresa in pillole La responsabilità sociale d impresa in pillole Contenuti - RSI: definizione ed evoluzione storica - RSI: da teoria a prassi d impresa - RSI: i benefici e gli strumenti 2 La definizione UE di RSI La responsabilità

Dettagli

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Rapporto di Sostenibilità in Intesa Sanpaolo Le novità dell edizione 2013 Unità CSR Milano, 10 giugno 2014 Gli elementi caratterizzanti il Reporting di

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

l progetti Ordinari Minori sono volti ad incentivare le attività delle singole OdV che realizzano uno o più dei seguenti interventi:

l progetti Ordinari Minori sono volti ad incentivare le attività delle singole OdV che realizzano uno o più dei seguenti interventi: 1 Art.1 Oggetto del bando Il Bando per il biennio 2014/2015 del CSV Asso.Vo.Ce. Microprogettazione Sociale è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito

Dettagli

Programma operativo 2014

Programma operativo 2014 Programma operativo 2014 numero verde 800 272999 www.csvbasilicata.it p. 1di 9 Attibuzione su programma annuale Per servizi 616.028,77 PROVENTI 2014 Per progettazione sociale (ex accordo 23.06.2011) Per

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

SCHEMA SINOTTICO DEL NUOVO SISTEMA DEI CONTROLLI NEL COMUNE DI RAGUSA. Responsabili. Nucleo di Supporto strategico. Dirigenti di settore

SCHEMA SINOTTICO DEL NUOVO SISTEMA DEI CONTROLLI NEL COMUNE DI RAGUSA. Responsabili. Nucleo di Supporto strategico. Dirigenti di settore SCHEMA SINOTTICO DEL NUOVO SISTEMA DEI CONTROLLI NEL COMUNE DI RAGUSA Tipologia di controllo Oggetto e contenuti Strumenti Operatività del servizio Valutazione e controllo strategico Verifica effettiva

Dettagli

OBIETTIVO STRATEGICO 6

OBIETTIVO STRATEGICO 6 OBIETTIVO STRATEGICO 6 Cesare Giannetti operatore area sviluppo Croce Rossa Italiana Legnano (MI) La Strategia 2020 e il suo motto saving lives, changing minds Obiettivo 6 Agiamo con una struttura capillare,

Dettagli

M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello

M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello M.U.N.D.I.S. Master Universitario Nazionale per la Dirigenza delle Istituzioni Scolastiche II livello Il Master MUNDIS è un titolo preferenziale per l accesso ai prossimi concorsi per la dirigenza delle

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government

Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government Intervento del Ministro Renato Brunetta Signori, Signore, Il titolo dell odierna sessione plenaria ci invita

Dettagli

1.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE

1.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE 35 1. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 1.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE 36 E MATRICE DELLE RESPONSABILITÀ AC 190903 00 SPOA1.1A002 a 01 regolamento in cui sono esplicitati la missione, le strategie complessive

Dettagli

2011 Rendiconto contabile- economico e finanziario

2011 Rendiconto contabile- economico e finanziario 2011 Bilancio 2011 Rendiconto contabileeconomico e finanziario Associazione Nazionale Notifiche Atti RELAZIONE DI BILANCIO - 2011 Signori Soci, scopo della presente Relazione è quello di esporre il contenuto

Dettagli

COME STENDERE UN PIANO

COME STENDERE UN PIANO COME STENDERE UN PIANO DI RACCOLTA FONDI EFFICACE AMORE: PARADIGMA DEL FUNDRAISER MODELLO OPERATIVO DI APPROCCIO AL DONATORE, IN PARTICOLAR MODO DEL DONATORE AZIENDA. DI ELENA ZANELLA CHI SONO Laurea in

Dettagli

ASSOCIAZIONE L ALTRA CITTA NEL MONDO ONLUS VIA ALFIERI N.11 58100 GROSSETO CODICE FISCALE 92060120539 BILANCIO AL 31/12/2009

ASSOCIAZIONE L ALTRA CITTA NEL MONDO ONLUS VIA ALFIERI N.11 58100 GROSSETO CODICE FISCALE 92060120539 BILANCIO AL 31/12/2009 ASSOCIAZIONE L ALTRA CITTA NEL MONDO ONLUS VIA ALFIERI N.11 58100 GROSSETO CODICE FISCALE 92060120539 BILANCIO AL 31/12/2009 Sede Sociale Grosseto Via Alfieri n.11 Codice fiscale 92060120539 Iscrizione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Liceo Classico Statale M. Minghetti Via Nazario Sauro, 18 40121 Bologna Tel. 051.2757511 Fax 051.230145 www.liceominghetti.gov.it mail: bopc030001@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

LA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Inferiore alle attese - Non adeguato il comportamento dell'interessato è stato oggetto di contestazioni disciplinari, oppure non ha determinato nessun apporto alla struttura organizzativa Parzialmente

Dettagli

ASPETTI CONTABILI E RENDICONTAZIONE DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

ASPETTI CONTABILI E RENDICONTAZIONE DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli