Tutorial sull assemblaggio, taratura e collaudo di un multirotore 4 X basato su Crius All in One

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutorial sull assemblaggio, taratura e collaudo di un multirotore 4 X basato su Crius All in One"

Transcript

1 Tutorial sull assemblaggio, taratura e collaudo di un multirotore 4 X basato su Crius All in One di Eugenio Cosolo Rev. 1.2 del 30/08/12 La nascita del progetto Multiwii: Multiwii è un progetto OPEN SOURCE per la gestione di modelli volanti multirotori, il cui software è di libero uso sotto licenza GPL. L obiettivo è di sfruttare una piattaforma hardware molto diffusa, basata sull ambiente Arduino, usando come sensori gli accelerometri e i giroscopi della console per videogiochi Wii della Nintendo (Wii Motion Plus e Wii Nunchuk). In seguito sono nate diverse schede hardware dedicate al progetto, dotate di sensori dedicati. Il software attuale è in grado di supportare anche sensori di pressione atmosferica (barometri), GPS ecc. ed è in continua evoluzione. Caratteristiche della scheda Crius All In One: Supporta il firmware MegaPirateNG e MultiWii Gestisce fino a 8 motori Accetta fino a 8 canali radio in ingresso 4 porte seriali per debug, bluetooth, OSD, GPS, telemetria 2 uscite per servocomandi per PITCH e ROLL nel sistema tricottero Uscita per servocomando per lo scatto della fotocamera 6 uscite analogiche per dispositivi ausiliari Porta I2C per sensori o dispositivi ausiliari Regolatore di tensione a 3.3V e 5V integrato Microprocessore ATMega 2560 Giroscopio accelerometro a 6 assi MPU6050 con processore dedicato Bussola-magnetometro digitale a 3 assi HMC5883L Altimetro di precisione MS BA01 Porta UBS FT232RQ USB-UART Convertitore di livello logico dei segnali seriali Rispetta le direttive RoHS (smaltimento) Flight mode for Multiwii Una delle seguenti modalità base : - Acrobatic - Autolivellamento - Quota automatica - Blocco della direzione Modalità opzionali (richiede GPS esterno) - HeadFree (CareFree) - GPS Hold (Need GPS receiver or Extend Board) - GPS Back to home position (Need GPS receiver or Extend Board) 1

2 Installazione scheda: Scegliere innanzitutto la direzione di prua del nostro velivolo, questa va marcata sulle travature con del nastro adesivo colorato, in modo da essere visibile anche a distanza. Sarebbe inoltre opportuno installare dei LED BIANCHI in corrispondenza della prua e dei LED ROSSI in corrispondenza della poppa, magari lampeggianti. La scheda va installata con la freccia bianca rivolta verso la prua, al centro geometrico del velivolo, su una basetta in plastica leggera posta su un cuscinetto di gommapiuma, per smorzare le vibrazioni. La ricevente radio va installata davanti o dietro la scheda. Una soluzione molto usata è quella di impiegare una custodia vuota da 50 CD, che funghe anche da coperchio. Nel caso classico di quad in configurazione X, le connessioni della scheda ai motori vanno effettuate nel seguente modo: - ESC motore anteriore destro > pin 5 - ESC motore anteriore sinistro > pin 2 - ESC motore posteriore destro > pin 3 - ESC motore posteriore sinistro > pin 6 I cavetti degli ESC (regolatori trifase) hanno un senso di inserimento che deve essere rispettato: il NERO (G) verso l esterno della scheda, il ROSSO (V) al centro, mentre il cavo segnale (S, di solito arancione) deve essere rivolto verso l interno della scheda. Sui motori devono essere installate le eliche secondo questo schema: - motore anteriore destro > rotazione antioraria - motore anteriore sinistro > rotazione oraria - motore posteriore destro > rotazione oraria - motore posteriore sinistro > rotazione antioraria Prima dell installazione controllare il perfetto bilanciamento delle eliche. Queste sono le connessioni con la ricevente dell impianto radio, riferito in questo caso ad una Futaba T6J mode 2 : - canale 1 (Roll o Aileron) > pin A11 della scheda - canale 2 (Pitch o Elevator) > pin A10 della scheda - canale 3 (Throttle o Gas) > pin A8 della scheda - canale 4 (Yaw o Rudder) > pin A9 della scheda - canale 5 (Gear o mode) > pin A12 della scheda (Aux 1) - canale 6 (Aux) > pin A13 della scheda (Aux 2) Installazione firmware: - Scaricare l ultima versione del programma Multiwii dal sito: - Scaricare l ultima versione dell ambiente di sviluppo Arduino dal sito: - Scompattare i file ed installarli su un PC, possibilmente portatile (per l uso sul campo). - Scaricare i driver delle schede USB ed installarli sul PC controllando che vengano correttamente riconosciuti. Controllate di aver impostato correttamente il microprocessore (Arduino Mega 2560 / Mega ADK) sul menu strumenti di Arduino, oltre alla seriale (che dipende dalla porta alla quale collegate il cavo) ed infine il programmatore (USBasp). Tramite l ambiente Arduino aprire il file : MultiWii_2_1.ino ed inserire le seguenti personalizzazioni: - Decommentare in config.h la riga #define QUADX - Decommentare in config.h la seguente riga : #define CRIUS_AIO_PRO_V1 - Inserire in def.h il seguente blocco di righe (che nell ultima versione sono già state inserite): // parametri aggiuntivi per la Crius /*************** IMU Orientations and Sensor definitions ********************/ #if defined(crius_aio_pro_v1) #define MPU6050 #define HMC5883 #define MS561101BA #define ACC_ORIENTATION(X, Y, Z) {accadc[roll] = -X; accadc[pitch] = -Y; accadc[yaw] = Z;} #define GYRO_ORIENTATION(X, Y, Z) {gyroadc[roll] = Y; gyroadc[pitch] = -X; gyroadc[yaw] = -Z;} #define MAG_ORIENTATION(X, Y, Z) {magadc[roll] = X; magadc[pitch] = Y; magadc[yaw] = -Z;} #define MPU6050_EN_I2C_BYPASS // MAG connected to the AUX I2C bus of MPU6050 #undef INTERNAL_I2C_PULLUPS #endif 2

3 A questo punto è possibile compilare e trasferire il firmware sulla scheda Crius, collegando il cavo USB e cliccando sull icona freccia a sinistra nell ambiente di sviluppo Arduino. Se tutto va bene il programma di controllo viene copiato nella memoria flash del micropocessore. Se sorge qualche problema controllate le variabili d ambiente e il setup di Arduino (vedi sopra). A questo punto il microprocessore presente sulla scheda possiede tutte le informazioni necessarie alla gestione del volo per un quadricottero a X, ed equipaggiato di scheda Crius All In One Pro. Ora possiamo lanciare la procedura MultiWiiConf2_1 che avete scaricato insieme ai file sorgenti. Dopo aver attivato la porta COM (in questo caso la 4) e cliccato sul START, apparirà la seguente videata (denominata Graphic User Interface), strumento essenziale per le tarature e personalizzazioni: Possiamo notare che nel programma base sono stati inseriti tutti i parametri di default, che come vedremo non avranno necessità di grandi modifiche. Il sistema riconosce automaticamente la presenza degli accelerometri (ACC), del barometro (BARO), e del magnetometro (MAG). In caso di installazione del GPS (vedi capitolo dedicato), anche questo viene riconosciuto automaticamente. Accendere la radio e controllare che tutti i trim siano a zero e non siano state impostate miscelazioni. La cosa migliore (se la radio lo permette) è quella di creare un nuovo profilo dedicato esclusivamente al multirotore. Impostare anche gli eventuali REVERSE sui canali, che nel caso della mia FUTABA T6J (mode 2) sono i seguenti: Ch 1 (Yaw) > NOR Ch 2 (Pitch) > REV Ch 3 (Throt) > REV Ch 4 (Roll) > NOR Ch 5 (Aux1) > NOR Ch 6 (Aux2) > NOR Per altre marche e modelli di radio verificare le risposte degli stick ed eventualmente riconfigurarli. Verificare che spostando gli stick della radio, le risposte sulla GUI corrispondano al seguente schema (mode 2): 3

4 Attivazione motori : Per questioni di sicurezza, per attivare i motori con il sistema Multiwii non è sufficiente collegare l accumulatore. Si deve invece procedere come descritto di seguito: Con il comando throttle (gas) al minimo, spingere la leva del comando Yaw (lo stesso stick del throttle) verso destra. Ora i motori gireranno al minimo, secondo il valore impostato nella linea MINTHROTTLE nel file config.h. Per spegnere i motori, porre nuovamente lo stick del throttle al minimo e spostalo verso sinistra. Se i motori non si armano, controllare che il valore del throttle con lo stick al minimo non superi il valore impostato nel valore MINCOMMAD nel file config.h. Eventualmente trimmare il throttle verso il basso. Calibrazioni iniziali Compass: Una delle prime cosa da fare è la calibrazione del magnetometro (Compass o Bussola). Questa va fatta inizialmente (una tantum) e successivamente in caso di necessità. Le calibrazioni vanno effettuate con il gas (throttle) al minimo e con i motori DISARMATI. Cliccare sul tasto CALIB_MAG, noteremo che i led sulla scheda inizieranno a lampeggiare (per i prossimi 30 secondi). Afferrare il quad e ruotarlo di 360 gradi intorno all'asse di imbardata per la calibrazione degli assi X e Y. Ruotarlo ora di 360 gradi intorno all'asse di beccheggio per la calibrazione degli assi Y e Z. Infine ruotare di 360 gradi intorno all asse verticale per la calibrazione degli assi X e Z. Maggiori dettagli si trovano qui : Accelerometri: Gli accelerometri sono utilizzati per mantenere una posizione orizzontale stabile senza intervenire con i comandi di correzione via radio. In questa fase il velivolo deve essere posizionato assolutamente orizzontale. Per calibrare lo zero dei sensori è necessario disarmare i motori, mettere lo stick del throttle al massimo, poi spingere lo stick del comando di coda a sinistra, contemporanemente spingere lo stick del pitch verso il basso per qualche secondo. Questa operazione va effettuata come taratura iniziale, in questo modo i valori degli accelerometri vengono memorizzati nella memoria flash della scheda. Questa taratura può anche realizzata direttamente dalla GUI tramite il pulsante di calibrazione. Trim Accelerometri: Con l aiuto dello stick di rollio e beccheggio, ora possiamo trimmare gli accelerometri. Con i motori disarmati spingere lo stick del gas al massimo, porre lo stick del PITCH tutto avanti, poi lo stick del ROLL tutto indietro e a sinistra e poi a destra (2 possibilità per asse). Il LED di stato lampeggerà per confermare l esecuzione della trimmatura. Maggiori dettagli si trovano qui : e qui: Calibrazione degli ESC (Electronic Speed Control): Ogni motore del velivolo multirotore è alimentato da uno speciale dispositivo che converte la tensione continua dell accumulatore in una tensione trifase idonea ad alimentare gli avvolgimenti dello statore dei motori brushless (senza spazzole). In sostanza sono dei motori in corrente alternata, contrariamente ai motori a spazzole che sono alimentati in corrente continua. L enorme vantaggio di non avere le spazzole (e le relative perdite per resistenza di contatto e scintillazione) assicura il massimo rendimento e le migliori prestazioni. Lo svantaggio è che richiedono uno speciale convertitore CC>CA chiamato appunto ESC. Quasi sempre gli ESC sono dotati del circuito BEC (Battery Eliminator Circuit), che serve a fornire l alimentazione regolata in tensione (5V) alla ricevente e/o alle schede di controllo. Gli ESC sono connessi direttamente alla fonte di energia e sono comandati per mezzo dei segnali digitali generati dalla ricevente o nel nostro caso della scheda Crius. Necessitano però di una taratura iniziale, per garantire che tutti girino alla stessa velocità con lo stesso segnale di controllo. Per far questo esiste un apposita procedura nel firmware Multiwii, si procede dunque così: 1- Rimuovere le eliche 2- Decommentare in config.h la riga define ESC_CALIB_CANNOT_FLY 3- Compilare il programma, caricarlo sulla CPU e lanciarlo 4- Dopo 10 secondi la procedura ha termine, commentare nuovamente la riga, ricompilare e ricaricare il firmware. Se necessario è possibile modificare i valori di ESC_CALIB_LOW e ESC_CALIB_HIGH Metodo alternativo di calibrazione degli ESC Esiste anche un altro motodo di calibrazione, che non richiede modifiche software. Si deve allestire uno speciale connettore con 4 serie di 3 pin in parallelo, dove saranno collegati i motori tutti nello stesso verso. Si può usare un pezzetto di piastra millefori e dei pin multipli a saldare. Gli stessi pin sono collegati ad un cavo a tre poli dotato di spina femmina, da collegare direttamente alla ricevente sul canale del throttle, rispettando le corrette polarità. Accendere la radio, porre lo stick del gas al massimo, collegare l accumulatore ed attendere i pigolii degli ESC (circa 10 secondi), rimettere a zero lo stick e staccare l accumulatore. Ora gli ESC sono calibrati. 4

5 Sonar: Il software Multiwii è in grado di gestire un sonar ultrasonico per stabilizzare la quota di volo. Nella fattispecie è previsto questo prodotto: Ha una portata utile di 5 metri e una risoluzione di 3 mm. Va collegato alla scheda secondo questo schema: HC-SR04 Pin GND > AIO PRO Pin GND HC-SR04 Pin Trig > AIO PRO Pin 9 TRIGGER HC-SR04 Pin Echo > AIO PRO Pin 10 ECHO HC-SR04 Pin Vcc > AIO PRO Pin +5V GPS: Per attivare il GPS aggiungere queste righe nella sezione GPS del config.h : #define GPS_SERIAL 2 #define GPS_BAUD Configurazione del GPS: Per prima cosa dobbiamo configurare il GPS a baud e 10 Hz di aggiornamento, mentre di fabbrica è settato a 9600 baud e 1 Hz. Per fare questo serve un adattatore di protocollo seriale, ad esempio questo: Colleghiamo i terminali +5V, RX a TX ed TX a RX, poi scarichiamo il software da questo sito: Il software deve essere configurato a 9600 baud, 8 bit, nessuna parità, nessun controllo di flusso. - (in lavoro) This program allows you to connect to the serial port of your USB to serial interface. Set it to 9600 baud, 8 bit, No parity, no flow control for now, as that s what the u-blox module uses by default. You don t need to change anything but the baud rate really. If that goes well, you should see GPS information streaming in, the little monitoring windows should jump to life. If that doesn t work, try power cycling the GPS. Once you have the GPS working with your PC, you need to go into the configuration window, set the baud rate and update speed, and save the configuration into the GPS memory. You ll notice that there s a small button cell on the GPS module, this actually powers the configuration memory because otherwise the u-blox would revert to default configuration at every power loss. Giroscopi: - (in lavoro) Bilanciatura dinamica dei rotori: E fondamentale che le eliche dei rotori siano perfettamente bilanciate, per evitare vibrazioni dannose per la struttura e soprattutto per i sensori. Per ottenere ciò si possono usare i diversi strumenti in commercio o provvedere a realizzarne uno artigianalmente. Il più diffuso è composto da due bracci verticali sui quali sono fissati dei magneti al neodimio. Tra questi si pone un asse in ferro o acciaio del diametro del foro dell elica con le estremità appuntite a cono. Si infila l elica e l asse viene posto tra i due bracci con una delle punte a contatto con il magnete, l altro non dovrà toccare il magnete in modo da non creare attrito. Facendo ruotare l elica ben bilanciata, questa dovrà fermarsi in una posizione a caso. Se invece una delle pale tende a fermarsi verso il basso, significa che è più pesante. Per risolvere il problema dovremo zavorrare l opposta con delle strisce di nastro adesivo fino al perfetto bilanciamento. Risorse sulla rete: La bibbia Multiwii (in inglese): Forum dedicato alle Multiwii (in inglese): Forum dedicato alle Multiwii (in italiano): Server dove scaricare Multiwii : Il sito di Arduino (in inglese): Tutto sui PID: Come costruire un quadricottero: Matematica dei PID: 5

6 PID Tuning, ovvero come ottimizzare i parametri P - I - D del vostro Multiwii (di jhoexp). Per un mezzo ben montato (senza problemi di vibrazioni o di elettronica) e dimensioni standard (bracci da 18/25cm) i parametri di default del Multiwii sono molto conservativi. Si possono quindi alzare moltissimo per avere un mezzo più stabile in hovering e nei movimenti lenti, e successivamente lavorare sul rate di diminuzione del pid per rendere il mezzo più veloce e reattivo per manovre veloci e movimenti rapidi. Il parametro P (Proporzionale) è il GAIN, ovvero la potenza con cui i giroscopi interverranno. Più è alto e più i giroscopi influiranno sui motori cercando di correggere l'assetto del quad. E' importante che sia il più alto possibile per avere un quad molto stabile, ma non deve essere eccessivo, altrimenti il mezzo sovracompenserà le variazioni di assetto e non sarà in grado di recuperare le oscillazioni, anzi ne causerà lui stesso. Si deve lavorare prima di tutto su questo parametro (cercando di alzarlo a step di unità) per trovare un valore ottimale intorno al quale fare poi piccoli aggiustamenti. Al banco, tenendo saldamente il quad da sotto in modo che non possa scappare o farvi male, ma lasciandogli la possibilità di muoversi senza forzarlo eccessivamente, portate i motori quasi all'hovering (deve sostenere la maggior parte del suo peso autonomamente) e cercate di inclinare il mezzo con le mani. Questo deve risultare "duro" da muovere, contrastando il movimento che gli si vuole imporre. Il P va alzato finchè il mezzo è sufficientemente "duro" da spostare ma non vibra o innesca oscillazioni quando viene forzato. Se inizia ad oscillare, dovete ridurre il P finchè il fenomeno sparisce. Scuotendolo vistosamente non deve mostrare la tendenza ad amplificare l'oscillazione. Il parametro D (Derivativo) ha influenza sulla velocità con il quale i giroscopi interverranno e quindi nei transitori, sui passaggi dal volato all'hovering, sui cambiamenti di assetto veloci e continuativi. Per comodità è ora un valore positivo sulla gui, mentre in realtà è un valore negativo nel filtro. Va generalmente aumentato proporzionalmente al P, in passi di 2-5 unità per cercare di rendere il quad più sincero nel volo e meno soggetto ad oscillazioni. Per ottimizzarlo al banco, quando avete finito di settare P, provate a scuotere il quad, colpendolo leggermente da sotto su un braccio. Questo deve ritornare in posizione smorzando il colpo in fretta, senza oscillare. Se rimbalza un po' od oscilla, alzate il D finchè l'oscillazione non viene smorzata efficacemente. (Provate anche valori estremi di D, troppo alti e troppo bassi, per capire come lavora, e poi cercate il valore corretto) Il parametro I (Integrale) ha influenza sulla durata e sulla persistenza con cui il quad compensa le variazioni di assetto, cercando di mantenere l'angolo impostato dagli stick. Va modificato con cautela e in piccoli passi di 0,05 unità, durante le prove al banco, cercando di evitare che induca oscillazioni ad alta frequenza durante le piccole correzioni col mezzo in hovering. Più e alto e più a lungo la correzione in caso di disturbo esterno (tipo folata di vento) viene mantenuta. Questo parametro determina quanto il mezzo tenderà a mantenere l'angolo di inclinazione voluto, più è alto e più il mezzo tenderà a rimanere nella posizione comandata dal pilota. Con le nuove versioni del codice è possibile alzarlo molto di più rispetto a prima, avendo un mezzo molto più insensibile ai disturbi esterni e che mantiene meglio l'inclinazione voluta. Il codice multiwii non ne tiene conto nei movimenti veloci, per evitare problemi. Configurazioni tramite stick : 6

7 Schema elettrico della scheda Multiwii originale: Configurazioni dei motori nelle varie versioni: 7

8 Riparazioni e manutenzioni, ovvero: Come resuscitare una Crius AIO decapitata Alla fine è successo... a forza di innestare e togliere il cavo USB dalla Crius, il connettore si è staccato. Questo nonostante il fissaggio di rinforzo con il cianoacrilato. Il danno è stato decisamente grave, le saldature hanno strappato le piste del circuito stampato ed essendo microscopiche la riparazione appariva quasi impossibile. Stavo quasi per gettare la scheda nei rottami presenti nel mio laboratorio e ordinare un'altra AIO, ma io sono mi perdo facilmente d'animo e prima di farlo ho voluto tentare l'impossibile. Per prima cosa per mezzo di un microscopio USB controllo i danni : Dalla foto possiamo vedere che le piste mancavano del tutto, per tutti i 4 pin del connettore. Sotto lo strato del cianoacrilato non c'era nulla su cui saldare qualcosa: Per fortuna, dal chip FT232RQ uscivano delle sottilissime piste potenzialmente sfruttabili. Decido dunque di applicare con il ciano un pezzettino di millefori con un connettore femmina a 4 poli: Ora la parte più difficile, quella di saldare un filo capillare alle microscopiche piste e di ricollegarle al connettore. Per farlo uso un saldatore per SMD con puntale limato come un ago: 8

9 L'impresa riesce visto che il multimetro mi conferma la continuità delle due linee. Poi collego il primo pin dell'usb al diodo che porta l'alimentazione (il filo rosso che parte dal connettore): E la massa sul quarto connettore, sfruttando il piano di massa sottostante: L'operazione è riuscita ma il paziente è morto Infatti durante il collaudo la scheda non veniva vista dal computer, dunque mancava ancora qualcosa. Scarico il datasheet del chip : e controllo le connessioni. Dopo diverse ore di test noto che il chip non era alimentato, probabilmente perchè la pista relativa era stata strappata. Provo allora a riportare l'alimentazione partendo dal diodo precedentemente alimentato e la connetto sul resistore collegato al pin di alimentazione del chip. ORA IL COMPUTER VEDE LA SCHEDA! Lancio il programma di configurazione e finalmente riesco a vedere il flusso di dati, paziente resuscitato... Per coloro cui capitasse lo stesso inconveniente posso dare qualche consiglio: - Fare attenzione che dei frammenti piccolissimi di stagno non creino dei cortocircuiti. - Usare un saldatore di bassa potenza con punta ultrafine. - Usare come capillare un filo di rame estratto da un cavetto per cablaggi, il più sottile possibile. - Avere la mano ferma come quella di un chirurgo oculare. - Collegare il filo rosso del cavo USB (positivo) al diodo di alimentazione - il nero (negativo) al piano di massa - il filo verde al UBSDP (pin 14 del chip) - il bianco al USBDM (pin 15 del chip). Come vedesi in foto: 9

10 10

HobbyKing KK2.0 Multi-Rotor Control Board

HobbyKing KK2.0 Multi-Rotor Control Board HobbyKing KK2.0 Multi-Rotor Control Board Layout: MANUALE D'USO: Setup iniziale: -Montare la scheda FC sul telaio con la parte anteriore dell' LCD rivolta avanti ed i pulsanti rivolti indietro. -Collegare

Dettagli

Flight Controller. CPU (Central Processing Unit) Uscite PWM Entrate PWM PPM SBUS IMU (Inertial Measurement Unit) Software di gestione o Trimmer

Flight Controller. CPU (Central Processing Unit) Uscite PWM Entrate PWM PPM SBUS IMU (Inertial Measurement Unit) Software di gestione o Trimmer Flight Controller FLIGHT CONTROLLER OpenPilot CC3D I Flight Controller o Flight Control System sono il cervello di ogni Drone. Un drone senza FC non può auto-stabilizzarsi in volo ne percepire la propria

Dettagli

Multirotori - Una guida per principianti.

Multirotori - Una guida per principianti. <inserire autori qui> Multirotori - Una guida per principianti 24 giugno 2015 2 c 2015 Soggetto alla licenza Creative Commons Finito di stampare il 24 giugno 2015. 3 Questa guida è orientata

Dettagli

Operazioni Preliminari

Operazioni Preliminari Per una coda perfetta (2) Qui di seguito, senza nessuna pretesa elencherò, aggiungendo alcune foto, il procedimento da me utilizzato per regolare la coda di un elicottero RC che monta un Giroscopio FUTABA

Dettagli

CRIUS AIO PRO GPS + MULTIWII

CRIUS AIO PRO GPS + MULTIWII CRIUS AIO PRO GPS + MULTIWII Rassegna per i principianti Autore: bandit (Roberto) Revisione: biv2553 (Stefano) Termicone (Luciano) Versione: 1.2 Data: 20/02/2013 SOMMARIO 1 PREFAZIONE...2 2 COSA COMPRARE...3

Dettagli

1.CONTROLLO E CORREZZIONI PRE-VOLO

1.CONTROLLO E CORREZZIONI PRE-VOLO GUIDA A AL L SETTAGGIO O DELL ELICOTTERO 1.CONTROLLO E CORREZZIONI PRE-VOLO 1. 1. Controllo Power A. Aprire il box delle batterie del Radiocomando (anche chiamato TX) e inserire 8 semplicissime pile stilo

Dettagli

Light controller PRO Manuale utente Cod. 112955/112956

Light controller PRO Manuale utente Cod. 112955/112956 Centralina di controllo di luci programmabile per applicazioni RC! 2. Introduzione Light controller è una scheda elettronica per sistemi RC programmabile che controlla fino a sei canali indipendenti ed

Dettagli

PG-800 MEMS AVCS GYRO

PG-800 MEMS AVCS GYRO PG-800 MEMS AVCS GYRO Introduzione Utilizzando il giroscopio PG-800 è possibile ottenere prestazioni al top della classe. Con l ausilio di sensori di ultima generazione (MEMS) e di alta qualità insieme

Dettagli

Treviso Arduino User Group Serata dedicata ai Multirotori. 12 dicembre 2012

Treviso Arduino User Group Serata dedicata ai Multirotori. 12 dicembre 2012 Treviso Arduino User Group Serata dedicata ai Multirotori 12 dicembre 2012 Cos'è un Multirotore... Un Multirotore è un mezzo simile ad un elicottero ma invece di un unico grande rotore principale e un

Dettagli

Istruzioni per le regolazioni e procedura fino al volo

Istruzioni per le regolazioni e procedura fino al volo Prima di procedere all assemblaggio, leggere attentamente le istruzioni. Istruzioni per le regolazioni e procedura fino al volo Misure di sicurezza Caro Lettore, desideriamo innanzitutto portare alla Sua

Dettagli

PROGETTO ROBOT BIPEDE

PROGETTO ROBOT BIPEDE Esame di stato 2012/2013 PROGETTO ROBOT BIPEDE Dalla Pellegrina Ivan Indice Introduzione Progetto Ricerca I vantaggi della costruzione di un Robot Lista materiali (breve descrizione componenti) Principio

Dettagli

DASY-X. Manuale utente

DASY-X. Manuale utente DASY-X Manuale utente Versione 1.01 Agosto 2015 INDICE PROCEDURA BASE... 3 IL SISTEMA DASY & DANAS... 4 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE... 4 INSTALLAZIONE DASY... 4 CONNETTORE 20 PIN... 6 CONNETTORE 16 PIN...

Dettagli

CX-20 Auto-Pathfinder

CX-20 Auto-Pathfinder Traduzione by maxmjp G.P. 08/10/2014 CX-20 Auto-Pathfinder 6 AXIS SYSTEM MANUALE ISTRUZIONe 1 Istruzioni di montaggio 1 L'installazione Eliche (1) Per preparare il Drone ed eliche (2) L'elica con senso-contrassegno

Dettagli

Instruction Manual Bedienungsanleitung Manuel d utilisation Manuale di Istruzioni

Instruction Manual Bedienungsanleitung Manuel d utilisation Manuale di Istruzioni Instruction Manual Bedienungsanleitung Manuel d utilisation Manuale di Istruzioni IT Per iniziare Per avere maggiori informazioni, inclusi i dettagli su come scaricare l applicazione Spektrum AS3X Programmazione

Dettagli

HD-700GVT Manuale Utente

HD-700GVT Manuale Utente HD-700GVT Manuale Utente 7 VGA Widescreen monitor con Touch Screen SkyWay Network S.p.A. - Via della Meccanica,14-04011 Aprilia LT - WWW.SKYWAY.IT 1 Comandi Sul Monitor 1) Tasto di regolazione, regola

Dettagli

Manuale per gli utenti di Bluetooth

Manuale per gli utenti di Bluetooth Manuale per gli utenti di Bluetooth (RIF-BT10) Indice 1. Che cosa è Bluetooth?... 3 2. Funzioni dell adattatore Bluetooth (RIF-BT10)... 4 3. Descrizione del prodotto... 5 4. Configurazione del sistema...

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ Vincenzo La Spesa 2006 Copyright (c) 2006 by Vincenzolaspesa@gmail.com.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android...

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... Sommario Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... 4 Indruduzione La scheda può controllare fino a quattro

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO ARMS

LA SCHEDA DEL MODULO ARMS IDROID 68 LAB 10-13 11-12-2006 14:17 Pagina 10 LA SCHEDA DEL MODULO ARMS BRACCIA E HAND TOOL, 1 COMPONENTI 1. Inizia una nuova fase, e parte subito con un componente di importanza cruciale: una scheda

Dettagli

Arduino. SITO DI RIFERIMENTO: http://www.arduino.cc/

Arduino. SITO DI RIFERIMENTO: http://www.arduino.cc/ www.creativecommons.org/ Arduino SITO DI RIFERIMENTO: http://www.arduino.cc/ Cos è Arduino? Arduino è una piccola scheda elettronica programmabile open source in grado di connettere facilmente il mondo

Dettagli

Lunghezza fusoliera: 700mm Peso lordo: circa 425g Diametro del rotore principale: 540mm

Lunghezza fusoliera: 700mm Peso lordo: circa 425g Diametro del rotore principale: 540mm Grazie per aver acquistato questo prodotto. Si prega di leggere attentamente il presente manuale prima dell'uso e conservarlo per riferimenti futuri. Parametri tecnici dell'elicottero Lunghezza fusoliera:

Dettagli

Spartan RC- Giroscopio Quark. Manuale d uso ITA. Caratteristiche tecniche:

Spartan RC- Giroscopio Quark. Manuale d uso ITA. Caratteristiche tecniche: Spartan RC- Giroscopio Quark Manuale d uso ITA Caratteristiche tecniche: - Compatibilità sistemi radio: Compatibile con tutti i sistemi radio attualmente in commercio (PCM, PPM e 2,4GHz ), funzionanti

Dettagli

CONTROLLER PER STAMPANTE 3DRAG

CONTROLLER PER STAMPANTE 3DRAG ISTRUZIONI D USO CONTROLLER PER STAMPANTE 3DRAG (con driver cod. 3DCONTR-DRIVER, senza driver cod. 3DCONTROLLER) 1. Descrizione Realizzata completamente in SMD (eccetto i connettori) e basata sul microcontrollore

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Sensor Systems ADM-E2-M

Sensor Systems ADM-E2-M Sistema di riferimento per navigazione ed assetto Sensor Systems ADM-E2-M Datasheet 2010 Sensor Systems Srl La piattaforma inerziale ADM-E2-M Attitude and Heading Reference System (AHRS) è un sistema ad

Dettagli

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014 Tonco Daniel Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni 1 2 Indice: Obiettivo Premessa Prime operazioni (foto allegate) Spiegazione montaggio

Dettagli

Stampante termica Quasar QRP-806. Manuale utente. www.quasarcode.it

Stampante termica Quasar QRP-806. Manuale utente. www.quasarcode.it Stampante termica Quasar QRP-806 Manuale utente www.quasarcode.it Napoli marzo 2015 Indice 1. Istruzioni pag. 3 1.1 Avvisi di sicurezza 3 1.2 Informazioni 3 2. Sommario 4 2.1 Caratteristiche principali

Dettagli

TRACcess DisplayKEY. Guida Rapida. DisplayKEY. enter

TRACcess DisplayKEY. Guida Rapida. DisplayKEY. enter TRACcess DisplayKEY Guida Rapida DisplayKEY 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 enter i Copyright 10103465P1, Rev C, IT 2014 United Technologies Corporation. Tutti i diritti riservati. Esclusione di responsabilità Le

Dettagli

S T R U M E N T I & S E R V I Z I

S T R U M E N T I & S E R V I Z I Via S. Silvestro, 92 21100 Varese Tel + 39 0332-213045 212639-220185 Fax +39 0332-822553 www.assicontrol.com e-mail: info@assicontrol.com C.F. e P.I. 02436670125 STRUMENTI & SERVIZI per il sistema qualità

Dettagli

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it PLC51 di G.Filella e C. Befera filella@tin.it Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1309 Pag.1 di - 111 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Disclaimer Si prega di leggere attentamente questo manuale prima di installare e utilizzare il prodotto WIRC. Tutti dovrebbero usare WIRC sotto la

Disclaimer Si prega di leggere attentamente questo manuale prima di installare e utilizzare il prodotto WIRC. Tutti dovrebbero usare WIRC sotto la Disclaimer Si prega di leggere attentamente questo manuale prima di installare e utilizzare il prodotto WIRC. Tutti dovrebbero usare WIRC sotto la propria responsabilità. I bambini sotto i 12 anni dovrebbero

Dettagli

Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv

Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv Capitolo 1 Cosa serve per iniziare...1 Dove e come acquistare il materiale...1 Hacker elettronico...2 Strumentazione e materiali

Dettagli

Benvenuti a VBar Mini Express 5.0

Benvenuti a VBar Mini Express 5.0 Bar Express Benvenuti a VBar Mini Express 5.0 Il Mini VBar con V 5.0 Express è un innovativo prodotto, che stabilisce norme nuove per gli elicotteri del modello in termini delle performance di volo e la

Dettagli

Automobile Bluetooth

Automobile Bluetooth Automobile Bluetooth Ivancich Stefano 17 Maggio 2015 SOMMARIO Di seguito s illustra un progetto di un automobile comandata da uno smartphone tramite la connessione Bluetooth. E stata presa una automobilina

Dettagli

Resuscitare un router DLink-604+

Resuscitare un router DLink-604+ Resuscitare un router DLink-604+ v1.1.0 Copyright (c) 2006 by Ahasvero@users.sourceforge.net.This material may be distributed only subject to the terms and conditions set forth in the Open Publication

Dettagli

K8076 Manuale utente

K8076 Manuale utente K8076 Manuale utente Informazioni generali 1. Introduzione La ringraziamo per aver acquistato e realizzato questo kit Velleman. Il K8076 rappresenta un programmatore per uso didattico, in grado di programmare

Dettagli

SIGMA Optimization Pro Manuale d istruzioni

SIGMA Optimization Pro Manuale d istruzioni INDICE SIGMA Optimization Pro Manuale d istruzioni INDICE 1 INTRODUZIONE 2 COSA SI PUO FARE CON SIGMA OPTIMIZATION PRO... 2 NOTE E MARCHI REGISTRATI 3 NOTE... 3 MARCHI DEPOSITATI... 3 INSTALLARE IL PROGRAMMA

Dettagli

1.0 Software GRIPONE PRO 2

1.0 Software GRIPONE PRO 2 1.0 Software GRIPONE PRO 2 La ECU GRIPONE PRO 2 viene gestita tramite il software fornito in dotazione. Il Software funziona su piattaforma Windows XP o Windows Vista e permette la gestione dei parametri

Dettagli

- AMG18. Manuale Utente. Descrizione dispositivo: empowered by

- AMG18. Manuale Utente. Descrizione dispositivo: empowered by - AMG18 empowered by Manuale Utente Complimenti per l acquisto di JumpsPower. Prima di utilizzare il Vs. nuovo strumento, vi invitiamo a leggere attentamente il Manuale di utilizzo che vi informerà delle

Dettagli

ARVAtec srl MANUALE OPERATORE V1.1.5

ARVAtec srl MANUALE OPERATORE V1.1.5 ARVAtec srl MANUALE OPERATORE V1.1.5 PRESENTAZIONE Il presente MANUALE OPERATORE descrive come installare, configurare ed impiegare correttamente il sistema di guida assistita ARVAGru. ATTENZIONE!!! Prima

Dettagli

FPGA alla portata di tutti

FPGA alla portata di tutti di ANTONIO ACQUASANTA Igloo nano Starter kit FPGA alla portata di tutti Questo articolo presenta nel dettaglio l IGLOO nano STARTER KIT di ACTEL, dal costo contenuto, per FPGA, che potrà essere usato come

Dettagli

Key Pro TPX Generator Manuale Utente

Key Pro TPX Generator Manuale Utente Key Pro TPX Generator Manuale Utente 1 Sommario 1. Key Pro... 3 1.1 Caratteristiche... 3 1.2 Composizione del prodotto... 3 1.3 Scheda tecnica... 3 1.4 Memoria interna... 5 1.4.1 Funzione PC Mode... 6

Dettagli

MeteoSense Manuale Installazione cod. DTC0201300I - rev. 1.0. Manuale Installazione

MeteoSense Manuale Installazione cod. DTC0201300I - rev. 1.0. Manuale Installazione MeteoSense Manuale Installazione cod. DTC0201300I - rev. 1.0 Manuale Installazione Indice 1. Guida all installazione Stazione Base... 3 1.1. Scelta del punto di installazione... 3 1.2. Installazione della

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Registratore Dati G-Force a 3 assi

Registratore Dati G-Force a 3 assi Manuale d'istruzioni Registratore Dati G-Force a 3 assi Modello VB300 1 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Registratore Dati G-Force VB300. Il Modello VB300 può misurare e registrare urti

Dettagli

Manuale di Assemblaggio del DistoX2 DistoX derivato dal DistoX310 Leica

Manuale di Assemblaggio del DistoX2 DistoX derivato dal DistoX310 Leica Manuale di Assemblaggio del DistoX2 DistoX derivato dal DistoX310 Leica Attenzione: l'apertura e la modifica di un distanziometro Leica Disto viene fatta a proprio rischio e pericolo in quanto renderà

Dettagli

Camy istruzioni per l uso. Simply plug and records

Camy istruzioni per l uso. Simply plug and records Simply plug and records Indice Contenuto della confezione Installazione Registrazione video Connessione alla rete Amministrazione Selezione e riproduzione video Modifica nome utente e password Associare

Dettagli

1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo

1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo MANUALE (ITA) 1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo 2 Setup ATTENTION: seguire correttamente

Dettagli

INIZIO La Heli Trim di volo (Video 18)

INIZIO La Heli Trim di volo (Video 18) INIZIO 1 La Heli Anche se il nuovo software è in grado di gestire gli inconvenienti meccanici molto meglio, i risultati migliori si raggiungono avendo un setup ottimale meccanico. Ciò include la bagnatura

Dettagli

SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE

SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE SCHEDA UNIVERSALE PER CAMBIAMONETE Scheda ASD234A - rev. 1.40 Manuale di installazione ed uso SPECIAL GAME s.r.l. Via L. Volpicella, 223 80147 Barra (NA) Tel +39 081 572 68 54 Fax +39 081 572 15 19 www.specialgame.it

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Registratore Dati G-Force a 3 assi

Registratore Dati G-Force a 3 assi Manuale d'istruzioni Registratore Dati G-Force a 3 assi Modello VB300 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Registratore Dati G-Force VB300. Il Modello VB300 può misurare e registrare urti

Dettagli

Supporto Esterno per HDD USB 3.0 da 3,5" (8,89 cm)

Supporto Esterno per HDD USB 3.0 da 3,5 (8,89 cm) Supporto Esterno per HDD USB 3.0 da 3,5" (8,89 cm) Manuale Utente DA-71035 Avanti Congratulazioni per aver acquistato un nostro prodotto! Vi mostreremo un nuovo concetto di archiviazione con sicurezza

Dettagli

PTX-TX114R (cod. PTX114R)

PTX-TX114R (cod. PTX114R) PTX-TX114R (cod. PTX114R) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI MANUALE DI INSTALLAZIE Vi ringraziamo per aver scelto di acquistare questo rivelatore passivo di infrarossi PULTEX. Questo prodotto è in grado

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

Vibrometro Heavy Duty

Vibrometro Heavy Duty Manuale d Istruzioni Vibrometro Heavy Duty Modello 407860 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Vibrometro Extech 407860. Il Modello 407860 misura i livelli di vibrazioni nei macchinari industriali.

Dettagli

Taratura dei sensori Haptic Paddle

Taratura dei sensori Haptic Paddle Corso di laurea in Informatica Taratura dei sensori Haptic Paddle Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Haptic Paddles While some design details change

Dettagli

ROCKET MAX POWER CONTROL SYSTEM

ROCKET MAX POWER CONTROL SYSTEM ROCKET MAX POWER CONTROL SYSTEM Caro Cliente, grazie per aver comprato questo prodotto CS di alta qualità. Può essere certo di aver scelto un prodotto sviluppato con i più alti standard della tecnologia

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Documento: Doc. M-413.1-B100-ITA. Edizione: 12/2004 Rev. : A.1. Rilevatore lineare di fumo B100. Manuale di installazione

Documento: Doc. M-413.1-B100-ITA. Edizione: 12/2004 Rev. : A.1. Rilevatore lineare di fumo B100. Manuale di installazione Documento: Doc. M-413.1-B100-ITA Edizione: 12/2004 Rev. : A.1 Rilevatore lineare di fumo Manuale di installazione B100 INDICE CARATTERISTICHE TECNICHE 1 1 - CABLAGGIO TRA TX, RX ED INTERFACCIA 1 2 - CONNESSIONI

Dettagli

DIGITAL VIDEO RECORDER MANUALE INSTALLAZIONE HARDWARE (VERSIONE 1.4) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso

DIGITAL VIDEO RECORDER MANUALE INSTALLAZIONE HARDWARE (VERSIONE 1.4) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso EzyDriveCAM DIGITAL VIDEO RECORDER MANUALE INSTALLAZIONE HARDWARE (VERSIONE 1.4) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti

Dettagli

Installazione TXCO CR-338 su ICOM IC-7400 e calibrazione con segnale campione e software ARGO

Installazione TXCO CR-338 su ICOM IC-7400 e calibrazione con segnale campione e software ARGO Installazione TXCO CR-338 su ICOM IC-7400 e calibrazione con segnale campione e software ARGO di Roberto IS0GRB (06/05/2014) Illustro di seguito le varie fasi dell installazione del quarzo termostatato

Dettagli

Questo manuale è stato redatto per l FDX kit Edizione: Settembre 2004 1-2

Questo manuale è stato redatto per l FDX kit Edizione: Settembre 2004 1-2 Questo manuale è stato redatto per l Edizione: Settembre 2004 1-2 Indice 1. Specifiche dei componenti...1-4 2. Installazione...2-7 2.1 Installazione del convertitoreda USB a RS-232...2-7 2.1.1 Generalità...2-7

Dettagli

Guida installazione antifurto GT Alarm modello GTAGZITZ55904 su Polo9R MY2011.

Guida installazione antifurto GT Alarm modello GTAGZITZ55904 su Polo9R MY2011. Guida installazione antifurto GT Alarm modello GTAGZITZ55904 su Polo9R MY2011. L'installazione di questo antifurto è facilitata dal fatto che la sirena è collegata alla centralina tramite connessione radio

Dettagli

9 Aggiornamento firmware

9 Aggiornamento firmware 9 Aggiornamento firmware La sezione seguente descrive come aggiornare i firmware dei vari componenti dell FDM-DUO. Le versioni più aggiornate della User Interface, Rx demodulator, Tx modulator, USB Interface

Dettagli

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso

VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2. Manuale d uso VISUALIZZATORE DI ALLARMI E MESSAGGI DISP 2 Manuale d uso Note: Le informazioni contenute in questa documentazione possono essere modificate senza preavviso. Per ulteriori informazioni contattare: DUEMMEGI

Dettagli

User s manual. User s manual. Manuale Utente

User s manual. User s manual. Manuale Utente User s manual User s manual Manuale Utente Connessione ed accensione. Fatta eccezione per il cavo di alimentazione il MyDac non è fornito di nessun cavo di interconnessione. Per ottenere il meglio dalla

Dettagli

Ergometro SRM Guida Breve

Ergometro SRM Guida Breve Ergometro SRM Guida Breve Tabella dei contenuti 1 Preparazione Generale...3 2 Installazione del convertitore USB/Seriale... 4 3 Configurazione del Powercontrol IV...5 4 SRM Online-Mode...10 5 Interfacciamento

Dettagli

Operazioni da svolgere sul posto

Operazioni da svolgere sul posto Operazioni da svolgere sul posto Dopo aver portato l anta già completa nel luogo finale di installazione, le uniche operazioni da compiersi sono: g) Montaggio blocco di riscontro dell elettroserratura

Dettagli

Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved

Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved Manuale Utente: AQUADIGIT PRO6 Info: npnmail@mail.com Per versione software 2.2 rx All rights reserved Indice: Schema generale Input/output Installazione 1 Collegamento delle linee led 2 Collegamento delle

Dettagli

PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1

PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1 PowerControl VI: Avvio Gennaio 2009 1 Sleep Mode Premete per 10 sec. per attivare la modalità Sleep. Il PowerControl VI non andrà in modalità Sleep mentre riceve I dati. Il PC VI vi mostra la data di realizzazione

Dettagli

LM2002. Manuale d installazione

LM2002. Manuale d installazione LM2002 Manuale d installazione Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà responsabile per errori che potranno

Dettagli

Descrizione del Test Range della Società SAMA

Descrizione del Test Range della Società SAMA NOTA TECNICA OGGETTO: Descrizione del Test Range della Società SAMA Autore Franco Marchetti. Approvazione Alessio Alleva. Pag 1 di 11 Sommario 1 SCOPO... 3 2 DESCRIZIONE DELL HARDWARE DEL TEST RANGE...

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso. Assorbimento di corrente A 60 + corrente al solenoide. V ma

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso. Assorbimento di corrente A 60 + corrente al solenoide. V ma 89 500/115 ID EWM-P-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DI PRESSIONE (FORZA) IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 La scheda EWM-P-AA è pensata per

Dettagli

Sensori di Pressione Piezoresistivi

Sensori di Pressione Piezoresistivi Sensori di Pressione Piezoresistivi 1 INDICE: 1 DESCRIZIONE... 2 2 NORME DI INSTALLAZIONE... 3 2.1 Precauzioni... 3 2.2 Connessione elettrica... 3 3 SETTAGGIO DEI CANALI CON ACQUISITORI GET... 4 1 DESCRIZIONE

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI MOTORE PER CANCELLO SCORREVOLE

MANUALE D ISTRUZIONI MOTORE PER CANCELLO SCORREVOLE MANUALE D ISTRUZIONI MOTORE PER CANCELLO SCORREVOLE BM_500B-7 BM_500M-7 Indice 1. Dotazione. 2 2. Funzioni. 3 3. Installazione. 3 4. Programmazione. 9 5. Specifiche tecniche. 13 6. Manutenzione. 13 7.

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

USER GUIDE. Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1

USER GUIDE. Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1 USER GUIDE Manuale operativo per l utilizzo dell applicativo per il monitoraggio remoto Aditech Life REV 1 SOMMARIO Introduzione... 3 Sensore BioHarness... 3 OVERVIEW BIOHARNESS 3.0 BT/ECHO... 4 OVERVIEW

Dettagli

Dispositivo USB per acquisizione video MM030 Sweex

Dispositivo USB per acquisizione video MM030 Sweex Dispositivo USB per acquisizione video MM030 Sweex Grazie per avere acquistato questo prodotto Sweex. Sweex dedica grande attenzione e cura alla qualità, affidabilità, funzionalità, durabilità e intuitività

Dettagli

MANUALE PRATICO. CT3000 Office

MANUALE PRATICO. CT3000 Office CT3000 Office MANUALE PRATICO Via Cartesio 3/1 42100 Bagno (RE) Tel. +39 0522 262 500 Fax +39 0522 624 688 Web www.eter.it E-mail info@eter.it Data revisione: 07.2010 Schema Centralina di Cablaggio Morsetto

Dettagli

Installazione del trasmettitore. ACom6

Installazione del trasmettitore. ACom6 Installazione del trasmettitore CBC (Europe) Ltd. Via E.majorana, 21 20054 Nova Milanese (MI) tel: +39 (0)362 365079 fax: +39 (0)362 40012 1 Precauzioni Il dispositivo non deve essere esposto a pioggia

Dettagli

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Candidato: Ardilio Angelica Classe: 5 B - I.T.I.S. Elettronica ed Elettrotecnica. T.P.S.E.E. Tecnologia & Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici ARDUINO.

Dettagli

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 2 e 4 pag vuota Finalità-Obiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni pag. 7 Schema elettrico pag. 9 Circuito stampato pag 10 Elenco componenti

Dettagli

LCU ONE Analog Manuale utente

LCU ONE Analog Manuale utente LCU ONE Analog Manuale utente INDICE Capitolo 1 Descrizione LCU-ONE...2 Capitolo 2 Montaggio di LCU-ONE e sonda Lambda...3 Capitolo 3 Configurazione...4 3.1 Configurazione standard di LCU-ONE CAN+Analog...

Dettagli

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE

Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Ricevitore radio DCMP2000FL INDICE Generalità pag. 2 Caratteristiche pag. 2 Modo di funzionamento pag. 3 Collegamenti pag. 3 Visualizzazioni pag. 4 Eventi pag. 4 Allarme pag. 4 Tamper pag. 4 Batteria scarica

Dettagli

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 1 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Specifiche tecniche... 3 Installazione del software... 4 Collegamenti della porta seriale

Dettagli

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio Dr Stefano Vianelli EURINS srl Categoria Automotive Prodotti utilizzati LabVIEW 6i,

Dettagli

Fakopp Pulling Test per la valutazione della propensione allo scalzamento della zolla radicale degli alberi

Fakopp Pulling Test per la valutazione della propensione allo scalzamento della zolla radicale degli alberi Fakopp Pulling Test per la valutazione della propensione allo scalzamento della zolla radicale degli alberi 2014 settembre Fakopp Enterprise Bt. www.fakopp.com 1 Fakopp Pulling Test Hardware per la valutazione

Dettagli

SCHEDA DRIVER 4 ASSI MICROSTEP 3 A (cod. 4ASSITB6560)

SCHEDA DRIVER 4 ASSI MICROSTEP 3 A (cod. 4ASSITB6560) MANUALE UTENTE 4ASSITB6560 SCHEDA DRIVER 4 ASSI MICROSTEP 3 A (cod. 4ASSITB6560) 1 4ASSITB6560 MANUALE UTENTE 1. Descrizione Scheda basata sul chip TB6560AHQ della Toshiba, in grado di gestire fino a 4

Dettagli

Installazione driver per connessione inverter al PC

Installazione driver per connessione inverter al PC Installazione driver per connessione inverter al PC Per poter effettuare l Autotest del Sistema di Protezione di Interfaccia integrato negli inverter monofase, come richiesto dalle attuali normative, serve

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

Sensori di temperatura a termocoppia K Guida Utente

Sensori di temperatura a termocoppia K Guida Utente Sensori di temperatura a termocoppia K Guida Utente 1 INDICE: 1 INTRODUZIONE... 2 2 APPLICAZIONI TIPICHE:... 2 3 NORME DI INSTALLAZIONE:... 2 3.1 Connessione elettrica su acquisitori M1 ed MD4:... 2 3.2

Dettagli

1 Contenuto della confezione

1 Contenuto della confezione 1 Contenuto della confezione VERIFICARE DI DISPORRE DI TUTTI GLI ELEMENTI ELENCATI DI SEGUITO: Connettore per stampante LPT1 Indicatore di rete Connettore Ethernet Connettore di alimentazione esterna Connettore

Dettagli

ES-CAM4A Telecamera IP motorizzata

ES-CAM4A Telecamera IP motorizzata ES-CAM4A Telecamera IP motorizzata www.etiger.com IT Specifiche App per e - Sensore immagine: 1/3,2 CMOS, 2 MP - Risoluzione video 320x240, 640x480, 1280x720 (H.264) - Zoom digitale: 2x - Rotazione: orizzontale

Dettagli

BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA

BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA BARRIERA PERIMETRALE AD INFRAROSSI DOPPIA OTTICA Indice 1 ELENCO COMPONENTI PRINCIPALI Pag. 3 2 CONSIGLI INSTALLATIVI Pag. 5 3 INSTALLAZIONE Pag. 6 MONTAGGIO A MURO Pag. 6 MONSTAGGIO A PALO Pag. 6 4 CONNESSIONI

Dettagli

SPEED-DOME TEM-5036. Manuale Installazione

SPEED-DOME TEM-5036. Manuale Installazione SPEED-DOME TEM-5036 Manuale Installazione INDICE pagina 1. AVVERTENZE.. 5 1.1. Dati tecnici. 5 1.2. Elettricità 5 1.3. Standard IP 66 5 2. INSTALLAZIONE... 7 2.1. Staffe 7 3. AVVERTENZE... 8 4. MONTAGGIO..

Dettagli

IT DA2 Kit Guida al a programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015

IT DA2 Kit Guida al a programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015 DA2 Kit IT Guida alla programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015 GUIDA AI SIMBOLI DI QUESTO MANUALE Al fine di agevolare la consultazione del documento

Dettagli

K100 Alcune note sul tachimetro (ed.02 by K8 di QDE)

K100 Alcune note sul tachimetro (ed.02 by K8 di QDE) K100 Alcune note sul tachimetro (ed.02 by K8 di QDE) Ringraziamento a Luigi di QDE che ha fornito preziosi suggerimenti per migliorare questo documento. Il miglior consiglio: registrarsi su http://www.quellidellelica.com;

Dettagli

Manuale IT_VNA by IZ1PMX

Manuale IT_VNA by IZ1PMX Manuale IT_VNA by IZ1PMX Ver. 08.1.14 Analizzatore d antenna 1-50 MHz Descrizione: IT_VNA è uno strumento in grado di misurare i parametri di un'antenna come SWR, PHASE, RETURN LOSS, RS, RX da 1 a 50 MHz.

Dettagli