METODOLOGIE DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODOLOGIE DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI"

Transcript

1 27/DIPIA/2004 METODOLOGIE DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI Autore/i: D. AQUARO M. DI PRINZIO N. ZACCARI Affiliazione/i: Dipartimento di Ingegneria Meccanica Nucleare e della Produzione Università di Pisa Ricerca finanziata da: Dipartimento Insediamenti Produttivi ed Interazione con l Ambiente 28/02/2007

2

3 Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione Università di Pisa METODOLOGIE DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI D. Aquaro M. Di Prinzio N. Zaccari Lavoro eseguito nell ambito di una convenzione tra ISPESL e l Università di Pisa Pisa 2006

4

5 3 Sommario La presente relazione illustra le problematiche connesse alla gestione e smaltimento dei rifiuti radioattivi. Sono esaminate le raccomandazioni internazionali e le norme italiane che regolano le attività connesse ai rifiuti radioattivi. Dopo l illustrazione delle diverse categorie di rifiuti radioattivi, è descritta la situazione italiana con particolare riferimento alla quantità di rifiuti e alla loro collocazione. Sono analizzate in dettaglio le tecnologie di condizionamento e smaltimento di rifiuti di bassa ed intermedia attività e quelle per i rifiuti di elevato livello di attività. Dato che le problematiche che inquietano l opinione pubblica sono quelle relative alle scorie nucleari aventi elevata vita media, un analisi dettagliata è stata rivolta sia alle attuali strategie di gestione e smaltimento delle scorie nucleari provenienti dall utilizzo dell energia nucleare sia alle tecniche innovative studiate nelle varie parti del mondo. In particolare sono illustrate le tecniche innovative per lo smaltimento degli attinidi basate essenzialmente sulla trasmutazione nucleare, eseguita in impianti appositamente progettati o con i reattori nucleari della quarta generazione. Fra i vari reattori che si intendono realizzare per la trasmutazione degli attinidi vi è l ADS (Accelerator Driven Systems). Tale tecnologia si basa sull utilizzo di reattori sottocritici abbinati ad acceleratori in grado di sostenere la reazione a catena grazie ad una sorgente esterna di neutroni. La relazione descrive i risultati di uno studio effettuato presso l Università di Pisa e a MOL (Belgio) relativa alla strategia denominata Partitioning and Trasmutation i cui obiettivi sono quello di riprocessare il combustibile proveniente dai reattori esistenti per la separazione di plutonio e degli attinidi minori e di incenerire tali elementi a lun-

6 4 ga vita trasmutandoli in altri a più breve vita. È valutata l efficienza di trasmutazione degli attinidi minori. Destinare tutto il combustibile nucleare al deposito geologico profondo prevede tempi maggiori di anni per il raggiungimento del safe storage (Tempo dopo il quale i rifiuti radioattivi raggiungono un livello di riferimento corrispondente alla radioattività dell Uranio naturale); separare solo il plutonio dal resto del combustibile porta, per valori di efficienza del partitioning del 99.9%, a tempi dell ordine di anni. Se si aggiunge, poi, la trasmutazione degli attinidi minori, nettunio, americio e curio, considerando una resa del 99.9% (sufficientemente elevata per lo stato attuale della tecnologia del processo di trasmutazione), il tempo per il raggiungimento del safe storage è di 300 anni. Teoricamente è pertanto risolvibile il problema delle scorie a lunga vita. Nella relazione sono esaminate brevemente le diverse strategie assunte dai Paesi che utilizzano l energia nucleare. La relazione descrive le problematiche relative ai NORM, ( Naturally Occurring Radioactive Materials ossia ai materiali che contengono radionuclidi naturali in concentrazioni superiori alla media della crosta terrestre) ed ai TENORM ( Technological Enhanced Naturally Occurring Radioactive Materials, ossia i materiali che, a causa di attività umane, presentano una concentrazione di radioattività diversa dalla distribuzione originaria), ed è esaminato il rischio radiologico relativo a NORM e TENORM. L uso dei radioisotopi in medicina ha creato la branca della cosiddetta medicina nucleare e ha imposto la necessità dello stoccaggio e smaltimento dei rifiuti ospedalieri. La relazione illustra le norme e le pratiche messe in atto nella gestione di tali rifiuti. La relazione esamina, infine, i criteri per dispensare, in parte o del tutto, le attività di smaltimento dei rifiuti radioattivi dal controllo e dalla gestione normalmente prevista. Tale aspetto risulta importante sia dal punto di vista della riduzione dei costi delle attività stesse, sia allo scopo di semplificare le procedure di gestione dei rifiuti. Tale

7 possibilità è prevista dagli standard emanati dall IAEA qualora l esposizione derivante dallo smaltimento non controllato, non costituisca un rischio apprezzabile per il pubblico o quando il controllo della radioattività rilasciata esuli dall ambito delle attività controllate. Il principale obiettivo, che il ricorso alla clearance e l esenzione dal rilascio controllato consentono di perseguire, è quello di minimizzare la quantità di materiale radioattivo che richiede stoccaggio a lungo termine prima di essere smaltito in modo convenzionale. 5

8 6

9 Indice 1 Classificazione dei rifiuti Norme nazionali ed internazionali Normativa internazionale Normativa Italiana Situazione Italiana relativa alla quantità e alla localizzazione dei rifiuti radioattivi Rifiuti di I e II categoria Trattamento dei rifiuti liquidi Rifiuti liquidi organici radioattivi Trattamento dei rifiuti solidi Trattamento di Compattazione Smaltimento dei rifiuti Rifiuti di III Categoria Trattamento dei rifiuti Caratteristiche di Pu, Th e Am Trattamento e riciclo del fissile Strategie di gestione delle scorie adottate dai principali Paesi produttori di energia nucleare Trattamento degli HLW Riciclo del materiale fissile

10 8 INDICE Riprocessamento del Combustibile nucleare irraggiato Smaltimento diretto del combustibile nucleare Stoccaggio del combustibile irraggiato Smaltimento in depositi geologici Soluzioni avanzate per gli HLW Trasmutazione Trasmutatori Nucleari Cicli convenzionali del combustibile fissile Cicli con combustibile fertile-fissile Th-232 ed U Trasmutazione mediante Accelerator Driven Systems (ADS) Reattori PWR con combustibile MOX Reattori nucleari innovativi NORM e TENORM Introduzione Minerali Fosfatici Le sabbie zirconifere Carbone per la produzione di eletricità Sorgenti Orfane Radioisotopi in medicina Sorgenti in ambiente ospedaliero Rifiuti radioattivi ospedalieri Smaltimento dei rifiuti ospedalieri Contenitori per rifiuti Ospedalieri Il Radon Caratteristiche del Radon ed effetti sanitari Normativa sul Radon Le azioni di rimedio

11 INDICE 9 6 L esenzione e la Clearance Introduzione Esclusione, esenzione e clearance Esclusione Esenzione Clearance Valori limite Valori limite per radionuclidi di origine naturale Valori limite per radionuclidi di origine artificiale La normativa americana Il clearance come approccio innovativo Conclusioni 183 Bibliografia 187 A Appendice 195 A.1 Definizione di dose A.2 Estrazione con solvente A.2.1 Processo Purex A.3 Radionuclidi nel suolo A.4 Principali conformazioni rocciose A.5 Matrici per rifiuti radioattivi A.5.1 Matrici di ritenzione dei rifiuti A.5.2 Matrici amorfe A.5.3 Matrici ceramiche A.5.4 Confronto fra matrici A.5.5 Stabilità a lungo termine ed analogia naturale. 213 A.5.6 Comportamento a lungo termine A.6 Limiti esenzione e clearance

12 10 INDICE

13 Capitolo 1 Classificazione dei rifiuti radioattivi e situazione Italiana 1.1 Norme nazionali ed internazionali di riferimento per i rifiuti radioattivi Normativa internazionale I rifiuti radioattivi sono materiali di scarto che contengono o sono contaminati da radionuclidi la cui concentrazione o attività è maggiore di un valore minimo definito dalle norme dei vari Stati. La pericolosità dei rifiuti radioattivi dipende dalla natura dei radionuclidi. Infatti, a parità di concentrazione, differenti radionuclidi hanno differenti livelli di pericolosità. In alcuni casi l elevato livello di radiazioni emesse richiede oltre all immobilizzazione fisica, per non disperderlo nell ambiente, anche la presenza di opportune schermature. I rifiuti radioattivi vengono prodotti dagli impianti nucleari, dall uso di sostanze

14 12 Classificazione dei rifiuti radioattive in campo medico ed industriale, da applicazioni militari. Una parte considerevole di rifiuti radioattivi presenti nel mondo è prodotta dall esercizio delle centrali nucleari di potenza per la produzione di energia elettrica. I rifiuti radioattivi, così come tutte le attività dell industria nucleare, sono regolate da leggi e norme emesse da organismi nazionali ed internazionali. I principali e più influenti organi di regolamentazione internazionali sono: ICRP : International Commission on Radiological Protection [1],[2]; IAEA : International Atomic Energy Agency [3]-[5]. Le norme e/o raccomandazioni emesse da queste Organizzazioni possono essere recepite dai vari Stati ed assumono forza di legge. La filosofia su cui si basano le norme è quella di minimizzare il più possibile i rischi connessi con l uso di materiali radioattivi o connessi all esposizione alle radiazioni, tenendo anche conto dei vantaggi che derivano alla società. Tutte le norme tendono a minimizzare la dose alla popolazione sulla base dei seguenti principi [1]: Giustificazione: le attività che comportano un rischio da esposizione radiologica devono avere più vantaggi che svantaggi. Ottimizzazione: le dosi derivanti da attività che fanno uso di radiazioni devono essere ridotte ai più piccoli valori che sono ragionevolmente raggiungibili (principio dell ALARA : As Low As Reasonably Achievable). Limite di dose e di rischio: l esposizione a tutte le sorgenti suscettibili di essere controllate devono essere regolate sulla base di limiti di dose e deve essere esaminato il rischio connesso a potenziali esposizioni.

15 1.1 Norme nazionali ed internazionali 13 I rifiuti radioattivi sono classificati in base alla attività e al tempo di dimezzamento. Dal punto di vista del tempo di dimezzamento i radionuclidi sono suddivisi in due classi: a breve vita (short lived) o a lunga vita (long lived). L IAEA classifica i rifiuti radioattivi nel seguente modo [6]: rifiuti a bassa attività (LLW, Low level waste): la loro radioattività è al di sopra dei limiti che permetterebbero il loro smaltimento come rifiuti convenzionali. Non richiedono schermature per la manipolazione nè particolari contenitori di stoccaggio (La normativa UK considera LLW i rifiuti la cui attività non superi 4 GBq/t per decadimento α o 12G Bq/t per decadimento β e γ. Mentre classifica come rifiuti a estremamente bassa attività (VLLW, very low level waste) quelli che possono essere accettati nelle normali discariche come rifiuti convenzionali purché 0.1 m 3 di materiale contenga una attivita inferiore a 400 kbq dovuta a radiazioni β e γ o un singolo collo contenga una attività inferiore a 40 kbq); rifiuti ad attività intermedia (ILW, Intermediate level waste): il livello di radioattività supera il limite stabilito per le scorie di basso livello e richiede schermatura nelle manipolazioni o adeguato contenitore di stoccaggio. Per questi rifiuti non è necessario prendere in considerazione il calore di decadimento nella progettazione delle strutture di contenimento e di smaltimento; rifiuti ad alta attivita ( HLW,High Level Waste): l elevato livello di radioattività richiede protezione del personale, schermatura, remotizzazione delle operazioni e analisi degli effetti della generazione di energia dovuta alle radiazioni. Infatti la temperatura di questo tipo di scorie può aumentare considerevolmente ed è necessario tenerne conto nel progetto delle strutture di stoccaggio e smaltimento. Rifiuti di questo tipo sono i prodotti derivanti dal

16 14 Classificazione dei rifiuti riprocessamento di combustibile nucleare irraggiato o gli stessi elementi di combustibile irraggiato. Come accennato i rifiuti radioattivi si dividono anche a secondo del tempo di dimezzamento dei radionuclidi in rifiuti a corta vita ed a lunga vita. Se il loro tempo di dimezzamento non è superiore a quello del 137 Cs (30.2 anni) sono denominati a breve vita (short lived), mentre quelli con tempi di dimezzamento maggiore sono denominati a lunga vita (long lived waste) [1]. Per gli short lived waste la concentrazione di radionuclidi in un singolo collo (package) e limitata a 4000 Bq/g. (le concentrazioni medie di un insieme di colli non può superare i 400 Bq/g). Rifiuti LLW e ILW short lived possono essere stoccati in depositi superficiali, mentre quelli long lived richiedono depositi nel profondo sottosuolo. Fra i radionuclidi a basso tempo di dimezzamento troviamo: 3 H, 90 Sr, 60 Co, 63 Ni, 106 Ru, 137 Cs, 134 Cs, 144 Ce, 147 Pm, 151 Sm e 154 Eu. La maggior parte dei radionuclidi short-lived sono formati dalla fissione nel combustibile nucleare o per cattura neutronica ( come il 60 Co ed il 63 Ni). Il trizio ( 3 H, isotopo radioattivo dell idrogeno) è prodotto in piccole quantità dall interazione dei raggi cosmici con i gas presenti nell atmosfera. La quantità stazionaria di trizio naturale è 7.3 Kg. Circa 5 volte questa quantità (36 Kg) è stata prodotta dai test nucleari eseguiti nell atmosfera. Il trizio si combina con l ossigeno per formare acqua che cade sulla terra con la pioggia entrando nel ciclo naturale. Il trizio viene prodotto principalmente nei reattori nucleari ad acqua leggera. Un reattore nucleare commerciale produce circa Ci (2g) di trizio per anno. Il trizio ha una vita media di 12.3 anni e decade in 3 He con emissione di particelle α di 19 KeV. Ha una elevata mobilità in tutte le matrici ambientali, se inalato in 1-2 ore si distribuisce in tutto il corpo e viene espulso dopo circa 10 ore. Una piccola frazione di trizio

17 1.1 Norme nazionali ed internazionali 15 rimane incorporata nelle molecole organiche. Essendo un emettitore α è ritenuto pericoloso solo per ingestione. Il 60 Co viene prodotto nei materiali strutturali (acciai e sue leghe) dei reattori nucleari per attivazione neutronica del 59 Co, unico isotopo stabile del cobalto. Ci sono nove principali isotopi radioattivi del cobalto, ma solo il 57 Co e 60 Co hanno tempi di dimezzamento maggiori di 80 giorni. Il 60 Co ha un tempo di dimezzamento di 5.27 anni e decade emettendo due gamma di energia 1.17 e 1.33 MeV. Ciò lo rende pericoloso per esposizione esterna. Viene utilizzato sia in campo medico che industriale. Nell industria viene utilizzato per misure di spessori, densità e radiografie di grossi spessori di acciaio o cordoni di saldature. Il Cesio naturale è il 133 Cs non radioattivo. Ci sono 11 principali isotopi radioattivi del cesio, ma solo 134 Cs, 135 Cs e 137 Cs hanno relativamente lunghi tempi di dimezzamento. Sono emettitori beta ed i loro tempi di dimezzamento variano da 2 anni a 3 milioni di anni. Gli altri isotopi radioattivi hanno tempi di dimezzamento inferiori a 2 settimane. 134 Cs, 135 Cs e 137 Cs sono prodotti della fissione nucleare. Il 137 Cs è prodotto in relativamente grande quantità (6.2%) ha un tempo di dimezzamento di anni ed è emettitore β di alta energia (94.6% a 512 Kev e 5.4% a Mev). Nell 85% dei decadimenti viene emesso un gamma da MeV. Per la sua lunga vita media è molto usato in ambito medico ed industriale. In genere viene usato per la sterilizzazione di supporti medici, cartoni per alimenti e cibi. È un metallo alcalino ed è un dei radionuclidi meno mobili nell ambiente. L assorbimento nell uomo avviene tramite il tratto intestinale. Il Cesio ha le stesse proprietà chimiche del potassio essendo entrambi metalli alcalini. I problemi con il cesio sono dovuti al suo effetto sul livello di potassio e all irraggiamento ai vari tessuti del corpo. Il cesio ingerito è assorbito dal sangue attraverso l intestino e tende a concentrarsi nei muscoli. Il 10% è espulso dal corpo con un tempo di dimezzamento biologico di 2 giorni mentre il resto viene eliminato in 110 giorni.

18 16 Classificazione dei rifiuti Normativa Italiana In Italia tutte le attività che prevedono l impiego, la manipolazione, la detenzione di sostanze radioattive e anche la gestione dei rifiuti radioattivi è regolata dal Decreto Legislativo 230/95 [7]. Il Capo VI del Decreto Legislativo 230/95 è specificamente dedicato alla gestione dei rifiuti radioattivi mentre il Capo VII regola le fasi della gestione che si svolgono negli impianti indicati nel Capo VII stesso. In attuazione della Direttiva EURATOM 96/29, il Decreto Legislativo 230/95 è stato integrato e modificato dal Decreto Legislativo 241 del La classificazione dei rifiuti è contenuta nella Guida Tecnica No.26 emanata dall ENEA-DISP attuale APAT (Agenzia Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici) [8]. I rifiuti radioattivi sono classificati in tre categorie che tengono conto delle caratteristiche e delle concentrazioni dei radioisotopi in essi contenuti. A ciascuna categoria corrisponde una diversa modalità di gestione e diversa soluzione di smaltimento. Prima categoria : Sono classificati in prima categoria i rifiuti radioattivi che richiedono tempi dell ordine di mesi, sino ad un tempo massimo di alcuni anni, per decadere a livelli di radioattività per i quali non si applicano le disposizioni del Decreto Legislativo 230/95, potendo essere gestiti dopo tale periodo come rifiuti convenzionali. Questi rifiuti hanno origine essenzialmente dagli impieghi medici e di ricerca scientifica, dove i radionuclidi utilizzati sono caratterizzati da tempi di dimezzamento relativamente brevi (inferiori ad 1 anno) e, nella maggior parte dei casi, inferiori ai 2 mesi. Seconda categoria : Sono classificati in seconda categoria i rifiuti che richiedono tempi variabili da qualche decina fino ad alcune centinaia di anni per raggiungere concentrazioni di radioattività dell ordine di alcune centinaia di Bq/g (una decina di nci/g) nonché quei rifiuti

19 1.1 Norme nazionali ed internazionali 17 contenenti radionuclidi a vita molto lunga purché in concentrazioni di tale ordine. In questa categoria rientrano in gran parte i rifiuti provenienti da particolari cicli di produzione degli impianti nucleari e soprattutto dalle centrali elettronucleari di potenza nonché da alcuni particolari impieghi medici, industriali e di ricerca scientifica. Vi rientrano, inoltre, anche alcune parti e componenti di impianto derivanti dalle operazioni di decommissioning degli impianti nucleari. Terza categoria : Sono classificati in terza categoria tutti i rifiuti che non appartengono alle categorie precedenti. A questa categoria appartengono in particolare i rifiuti radioattivi che richiedono tempi dell ordine di migliaia di anni ed oltre per raggiungere concentrazioni di radioattività dell ordine di alcune centinaia di Bq/g (una decina di nci/g). In tale categoria rientrano in particolare: - i rifiuti liquidi ad elevata attività specifica derivanti dal primo ciclo di estrazione degli impianti di riprocessamento (o liquidi equivalenti) ed i solidi in cui questi liquidi possono essere convertiti; - i rifiuti contenenti emettitori di raggi alfa e neutroni provenienti essenzialmente dai laboratori di ricerca scientifica, da usi medici ed industriali, dagli impianti di fabbricazione degli elementi di combustibile ad ossido misto e dagli impianti di riprocessamento. Nella tabella 1.1 è stabilita una corrispondenza fra le categorie della Guida Tecnica n.26 e la classificazione dei rifiuti secondo la IAEA Situazione Italiana relativa alla quantità e alla localizzazione dei rifiuti radioattivi I rifiuti radioattivi prodotti in Italia sono legati principalmente all impiego pacifico dell energia nucleare, alle attività industriali, alla

20 18 Classificazione dei rifiuti Categorie Caratteristiche Confronto con GT-26 VLLW Rifiuti che decadono in pochi mesi I (massimo alcuni anni) a livelli inferiori ai limiti stabiliti per il rilascio incondizionato LILW- SL LILW- LL HLW Rifiuti a bassa e media attività con limitato contenuto di radionuclidi α-emittenti Rifiuti a bassa e media attività che eccedono il limite di 4000 Bq/g per α-emittenti Rifiuti che eccedono il limite di 4000 Bq/ per α-emittenti e presentano una significativa produzione di calore (> 100W/m 3 ) II Tipo di gestione Suggerito Stoccaggio temporaneo e smaltimento come rifiuti convenzionali Condizionamento e smaltimento in un sito ingegneristico in superficie III Condizionamento in matrice cementizia e smaltimento in depositi di media profondità (>100 m) III Condizionamento in matrice vetrosa e smaltimento in formazione geologica profonda ( m) dopo un periodo di stoccaggio di anni in adeguate strutture ingegneristiche Tabella 1.1: Confronto fra le categorie della Guida Tecnica No.26 e la classificazione IAEA [12] ricerca e alle terapie mediche. I rifiuti radioattivi si presentano sotto varie forme chimico-fisiche ed il loro contenuto di attività può variare entro valori molto estesi. Una quota significativa dei rifiuti radioattivi presenti nel nostro paese è conservata presso gli impianti che li hanno generati, la parte restante è stoccata presso vari centri di deposito temporaneo a ciò autorizzati (tabella 1.2, i dati si riferiscono al periodo ). La tabella 1.3 riporta la percentuale dei rifiuti di II e III categoria attualmente presenti in Italia. La tabella 1.4 illustra l origine dei rifiuti radioattivi attualmente presenti in Italia. Nella tabella 1.5 è indicata la situazione relativa al combustibile irraggiato con indicazione della soluzione provvisoria in vista dello stoccaggio centralizzato. Nella figura 1.1 è illustrata la collocazione dei centri in cui sono dislocati e/o prodotti i rifiuti radioattivi, mentre nella tabella 1.6 è indicata la ripartizione per regioni dei rifiuti presenti in Italia.

21 1.1 Norme nazionali ed internazionali 19 IMPIANTI E CENTRI DI STOCCAGGIO RIFIUTI RADIOATTIVI SORGENTI DISMESSE Attività TBq Volume in m 3 Attività in TBq CAORSO ,4 TRINO V ,7 LATINA ,3 GARIGLIANO ,3 EUREX ,8 0,12 ITREC ,8 0,04 IPU 66 53,7 OPEC 7 0 1,89 NUCLECO ,7 696,35 AVOGADRO 34 0,07 FN 272 0,03 CCR ISPRA ,1 107 Cemerad ,2 PROTEX ,17 73 SORIN ,77 4,9 Altri Operatori ,8 420,2 TOTALE ,8 1303,5 in Tabella 1.2: Rifiuti radioattivi per centri di immagazzinamento temporaneo [12] Categoria Descrizione % in volume % in attività I Rifiuti a bassa e media attività con limitato contenuto di radionuclidi a lunga vita II Rifiuti a più elevata attività e/o 4 90 con più elevato contenuto di radionuclidi a lunga vita Tabella 1.3: Rifiuti radioattivi presenti in Italia per categoria [12]

22 20 Classificazione dei rifiuti FONTE DI PRODUZIO- NE % IN VOLU- ME % IN ATTI- VITÀ Elettrica Ricerca Ciclo del Combustibile Smantellamento Appl. Medico Industriali Tabella 1.4: Rifiuti radioattivi presenti in Italia per fonte di produzione [12] Centri ENEA Saluggia (EUREX) Saluggia (EUREX) Trisaia (ITREC) Casaccia (OPEC-1) Tipo Quantità No. Elementcaggio Durata stoc- Soluzione (thm) (anni) prevista Trino Stoccaggio a secco Garigliano Stoccaggio a secco Elk River Stoccaggio a secco Varia natura NA Ritrattamento (UKAEA) Centrali Attuale Quantità No. Elementcaggio Sito di stoc- Soluzione SOGIN Collocazionvisorio (thm) prov- prevista Caorso Caorso Caorso Stoccaggio a secco Trino Trino Trino Stoccaggio a secco Trino Avogadro Trino Stoccaggio a secco Garigliano Avogadro Trino Stoccaggio a secco Garigliano Avogadro Nessuno Ritrattamento (BNFL) Superphoenix Superphoenix Superphoenix Stoccaggio a secco Tabella 1.5: Combustibile irraggiato [12]

23 1.1 Norme nazionali ed internazionali 21 RIFIUTI RADIOATTIVI SORGENTI COMB. IRRAG- GIATO Attività GBq TOTALE REGIONE Attività GBq Volume m 3 Attività GBq Attività TBq Attività TBq Piemonte 5.80E E E E E+05 Lombardia 6.92E E E E+05 3,87E+03 Emilia 4.55E E E+06 7,83E E+06 Romagna Lazio 8.17E E E E E+05 Campania 5.52E Toscana 1.45E E E E E+02 Basilicata 5.92E E E+03 5,92E+05 5,17E+03 Molise 4.60E E E-01 Puglia 2.38E E E E-01 Sicilia 0.01E E E-02 TOTALI 7.11E E E E E+06 Tabella 1.6: Rifiuti radioattivi, sorgenti e combustibile irraggiato localizzati nelle varie regioni [12]

24 22 Classificazione dei rifiuti Figura 1.1: Dislocazione dei rifiuti radioattivi in Italia [12]

25 Capitolo 2 Rifiuti di I e II categoria Di seguito verranno illustrati i trattamenti e il relativo condizionamento dei rifiuti a bassa e media attività. I trattamenti differiscono a seconda che i rifiuti siano liquidi o solidi. In genere, i rifiuti liquidi vengono trattati in modo tale da trasformare la parte radioattiva in un rifiuto solido [13]-[15]. 2.1 Trattamento dei rifiuti liquidi di I e II categoria I trattamenti dei rifiuti liquidi di I e II categoria sono simili ai trattamenti classici utilizzati, per esempio, nella potabilizzazione delle acque. L obiettivo dei trattamenti è quello di concentrare i rifiuti radioattivi in un volume solido il più piccolo possibile. Questo rifiuto solido viene trattato come rifiuto solido radioattivo mentre la parte liquida decontaminata viene smaltita in maniera convenzionale. I trattamenti possono essere fisici o chimici. Fra i trattamenti fisici, che in genere sono complementari a quelli chimici, annoveriamo:

26 24 Rifiuti di I e II categoria La sedimentazione: è una tecnica che utilizza il fenomeno fisico di alcune sostanze che sono immiscibili nel liquido e quindi decantano. In genere si attua lasciando la miscela liquida per molto tempo in contenitori appositi e, alla fine del processo di decantazione, la parte liquida viene asportata con una pompa. Molte volte il processo viene effettuato in presenza di un altro processo fisico la flocculazione che permette una precipitazione del soluto reagendo con esso. La filtrazione: la filtrazione consiste nel far passare forzatamente la miscela (rifiuto+solvente liquido) attraverso un mezzo poroso che ritiene al suo interno le particelle di soluto (rifiuto) e lascia passare solamente la parte liquida. I filtri possono essere di vario genere a sabbia, a cartuccia con carboni attivi ed elettromagnetici. Nei filtri elettromagnetici, oltre all elemento poroso (filtro) che effettua una filtrazione meccanica vi sono anche delle spire metalliche che attraverso un campo magnetico attirano le particelle ferromagnetiche presenti nel soluto (ad esempio, tali filtri sono utilizzati per lo spurgo dei generatori di vapore in cui sono presenti prodotti di corrosione). La centrifugazione: Questa tecnica sfrutta la differenza di densità fra soluto e solvente per separare, tramite la forza centrifuga che si viene a creare in tali centrifughe, le due fasi della miscela. L evaporazione o distillazione: essa consiste nel portare la miscela ad ebollizione e recuperare il soluto in forma solida. Vi sono varie tecniche di evaporazione: a circolazione forzata a termosifone, a compressione di vapore. La Figura 2.1 illustra lo schema di un evaporatore a circolazione forzata per il trattamento di rifiuti liquidi. Alcuni dei trattamenti chimici utilizzati sono:

27 2.1 Trattamento dei rifiuti liquidi 25 La co-precipitazione: nella maggior parte dei rifiuti radioattivi, i radionuclidi sono presenti solamente in tracce e quindi, la precipitazione diretta è molto spesso impossibile. Allora si procede addizionando alla miscela un elemento della stessa famiglia del radionuclide. In questo modo la precipitazione può avvenire o modificando il ph della soluzione o addizionando un anione o catione insolubilizzante. La flocculazione: Tale tecnica consiste nel neutralizzare il potenziale elettrocinetico delle particelle (potenziale Zeta) che porta le particelle di soluto a coalescere. Questa reazione è ottenuta con formazione di idrossidi (di ferro o alluminio) o per addizione di polielettroliti organici, che nello stesso tempo, creano dei reticoli su cui si aggregano le particelle. Dopodiché il tutto viene filtrato o centrifugato. Figura 2.1: Evaporatore a circolazione forzata per il trattamento di rifiuti liquidi [13]

28 26 Rifiuti di I e II categoria Rifiuti liquidi organici radioattivi Per i liquidi organici radioattivi va tenuto conto non solo della loro radioattività ma anche della loro compatibilità chimica con il mondo organico ambientale. Il concetto di diluisci e disperdi per questi liquidi non è sempre attuabile. Gli obbiettivi che si prefiggono i trattamenti dei liquidi organici sono: Conversione in una forma solida; Conversione a una forma organica facilmente condizionabile; Riduzione del volume; Decontaminazione per riutilizzo; Conversione in una forma organica compatibile con la cementazione; I metodi usati nel trattamento dei rifiuti organici sono: Incenerimento; Processo di emulsione per facilitare l incapsulamento nel cemento; Assorbimento in matrici; Distillazione; Ossidazione; L incenerimento è una tecnica molto attraente per i fluidi organici in quanto essi sono anche dei buoni combustibili e la riduzione di volume dei rifiuti è elevata. Naturalmente ciò non è esente da problemi,

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende:

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende: Pag. 36 di 114 6 INVENTARIO DI II CATEGORIA 6.1 Premessa La Guida Tecnica n. 26 definisce come rifiuti di II categoria i rifiuti a bassa e media attività che contengono essenzialmente radionuclidi con

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile DIMNP (University of Pisa) & DIPTEM (University of Genova) e-mail: g.lomonaco@ing.unipi.it Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile Dr. Ing. Scorie Nucleari e Cicli Innovatici 1 Le scorie nucleari

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Roberto Mezzanotte ISPRA Vercelli, 24 Marzo 2009 Prime esperienze Reattore Avogadro - Saluggia trasformato in deposito temporaneo

Dettagli

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Convegno INFN-Energia e Industria verso Horizon 2020 e nuovi mercati 1 Genova, 15 Gennaio 2014 2 Decommissioning in Italia Centrali ed

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi di Giancarlo Bolognini* In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari; la maggior parte di esse

Dettagli

Energia nucleare e risorse energetiche

Energia nucleare e risorse energetiche Energia nucleare e risorse energetiche Vera Montalbano Dipartimento di Fisica Università di Siena Riserva Naturale del Pigelleto 7-10 settembre 2009 Le conquiste della fisica moderna L'elemento più usato

Dettagli

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi IL DEPOSITO NAZIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: ASPETTI GEOLOGICI ED AMBIENTALI FABIO CHIARAVALLI Direttore Deposito Nazionale

Dettagli

Tavolo della Trasparenza

Tavolo della Trasparenza 1 Tavolo della Trasparenza Regione Piemonte Torino, 14 gennaio 2010 2 Indice Attività in Piemonte Impianto Fabbricazioni nucleari - Bosco Marengo Centrale E. Fermi - Trino Impianto EUREX - Saluggia Sicurezza

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI La storia ed il territorio 1981 Costituzione della Nucleco come società per la gestione dei rifiuti radioattivi e nei servizi radiologici 1985 Incarico

Dettagli

I rifiuti radioattivi in Italia

I rifiuti radioattivi in Italia La disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la gestione dei rifiuti radioattivi I rifiuti radioattivi in Italia Roberto Mezzanotte Torino, 28 Gennaio 2016 Classificazione attuale ex Decreto

Dettagli

SOGIN - Profilo Istituzionale

SOGIN - Profilo Istituzionale SOGIN - Profilo Istituzionale Proteggiamo il presente Garantiamo il futuro CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Giuseppe Zollino -Presidente Riccardo Casale -Amministratore Delegato Lorenzo Mastroeni -Vice Presidente

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

Capitolo 4 Le scorie nucleari e la radiotossicità

Capitolo 4 Le scorie nucleari e la radiotossicità Capitolo 4 Le scorie nucleari e la radiotossicità 4.1 - Le scorie nucleari Con il termine di scorie nucleari si intende indicare il combustibile esausto originatosi all interno dei reattori nucleari nel

Dettagli

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina

Paleontologia. Archeologia. Radioisotopi. Industria. Biologia. Medicina Paleontologia Industria Radioisotopi Archeologia Medicina Biologia I radioisotopi I radioisotopi (o radionuclidi), sono dei nuclidi instabili che decadono emettendo energia sottoforma di radiazioni, da

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012 Sessa Aurunca Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature Ing. Giuseppe Sedda Allegato I: Attività di cui all articolo 2, lettera a, punto iv Ciascuno Stato rilascia all Agenzia.: iv) una descrizione

Dettagli

L energia nucleare La radioattività

L energia nucleare La radioattività L energia nucleare La radioattività La radioattività fu scoperta nel 1896 da Henri Bequerel, un fisico francese che per primo osservò l emissione spontanea di radiazioni da un pezzo di un minerale di uranio,

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1 BONIFICA - intervento necessario al risanamento di situazioni di contaminazione create da eventi accidentali o a seguito dell individuazione di fenomeni di inquinamento derivanti da attività lavorative.

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO Tolmezzo, 27 maggio 2011 L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO G. Comini CISM Dipartimento di Energia e Ambiente Preoccupazioni Sicurezza, in quanto le centrali nucleari sono viste come un rischio per la salute

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO According Dangerous Road è un accordo che regola il trasporto di merci pericolose in tutto il mondo ed è stipulato fra la maggior parte delle nazioni, che devono rispettarlo

Dettagli

Incontro con i cittadini di Caorso. 14 marzo 2008

Incontro con i cittadini di Caorso. 14 marzo 2008 1 Incontro con i cittadini di Caorso 14 marzo 2008 2 Sommario Piano industriale Il piano industriale 2007-2011 L accelerazione Il recupero di efficienza Il modello organizzativo Il progetto sicurezza Il

Dettagli

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Milano, 12 dicembre 2014 Emanuele Fontani Amministratore Delegato Nucleco 1 SOMMARIO o Gruppo Sogin o Nucleco o Il decommissioning degli impianti nucleari

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE

IN CONDIZIONI OPPORTUNE PUÒ ESSERE DETERMINATO CONTEMPORANEAMENTE ALLE MISURE α/β TOTALE LA RADIOATTIVITÀ NELLE ACQUE POTABILI LOMBARDE: IMPOSTAZIONE DEI CONTROLLI E RISULTATI Rosella Rusconi ARPA Lombardia Dipartimento di Milano PARAMETRI OGGETTO DI CONTROLLO ai sensi del D.L.vo 31/01: TRIZIO

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei rifiuti radioattivi Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Come smaltire rifiuti contaminati da sostanze radioattive? Per la legge i rifiuti si distinguono

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone Produzione di CO2 da fonti energetiche fossili e non fossili Produzione specifica di CO 2 da centrali a combustibili fossili Produzione specifica di CO 2 da diversi mix energetici Ruolo dell energia nucleare

Dettagli

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario ATTO CAMERA RISOLUZIONE IN COMMISSIONE CONCLUSIVA DI DIBATTITO 8/00032 Dati di presentazione dell'atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: del / / Firmatari Primo firmatario: BENAMATI GIANLUCA Gruppo:

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 28 La gestione dei rifiuti riguarda due tipologie di attività previste dalla normativa: il recupero (R) e lo (D). In linea generale, però, con il termine gestione possono

Dettagli

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI Introduzione INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI I seguenti schemi vogliono rappresentare, per le principali componenti ambientali (aria, acqua, rumore, campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti)

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Struttura Semplice Siti Nucleari

Struttura Semplice Siti Nucleari DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI RISULTATI DELLE MISURE ESEGUITE IN SEGUITO ALLA SEGNALAZIONE DI UN ANOMALIA NEL CORSO DELLE OPERAZIONI DI MOVIMENTAZIONE DEI RIFIUTI IFEC PRESSO IL SITO EUREX-SO.G.I.N.

Dettagli

ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI

ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI ELIMINAZIONE DELL ARSENICO DALLE ACQUE POTABILI Fondamenti di chimica-fisica I processi Scelta del processo: ANDEL POLARY TH05 IL PROBLEMA DELL ARSENICO L arsenico è un elemento con presenza ubiquitaria

Dettagli

Atomi, molecole e ioni

Atomi, molecole e ioni Atomi, molecole e ioni anione + - catione Teoria atomica di Dalton 1. Un elemento è composto da particelle minuscole chiamate atomi. 2. In una normale reazione chimica, nessun atomo di nessun elemento

Dettagli

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale

La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale La radioattività naturale nelle acque: le indicazioni della più recente normativa nazionale e internazionale Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano I riferimenti legislativi

Dettagli

La radioattività dei materiali da costruzione

La radioattività dei materiali da costruzione Paolo Randaccio Università di Cagliari Dipartimento di Fisica Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Cagliari La radioattività dei materiali da costruzione Obiettivo del progetto Tutti i materiali

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali ME_2 PM Classificazione dei materiali

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/5 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: VIVACTIV PERFORMANCE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

Lo Sfruttamento delle Fonti Rinnovabili

Lo Sfruttamento delle Fonti Rinnovabili Castiglione dei Pepoli, 8 giugno 2015 (logo studio o azienda Club EE che cura l intervento) Lo Sfruttamento delle Fonti Rinnovabili INSIEME IN AZIONE PER L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO Le Fonti Rinnovabili

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

DISTILLAZIONE: PREMESSE

DISTILLAZIONE: PREMESSE DISTILLAZIONE: PREMESSE PROCESSO DI ELEZIONE NELLA PREPARAZIONE DI ACQUA PER PREPARAZIONI INIETTABILI PROCESSO GENERALMENTE APPLICATO COME STADIO FINALE DI PURIFICAZIONE AD UN ACQUA GIA TRATTATA IL TIPO

Dettagli

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020):

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020): La produzione di energia nel mondo Passato e presente Futuro Aumento della popolazione mondiale (10 miliardi nel 2050) Miglioramento generale degli standard di vita (soprattutto nell area BRIC) Aumento

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI GUIDA TECNICA N. 26 GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI I. INTRODUZIONE I.1 Premessa I principi fondamentali a cui si deve far riferimento per la gestione dei rifiuti radioattivi sono quelli della protezione

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it

Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it Reattori Nucleari di IV Generazione Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it Enrico MAINARDI, ingegnere nucleare e dottorato in Energetica, ha collaborato con università

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

Turchi s.r.l. Introduzione

Turchi s.r.l. Introduzione Progetto di una cabina per la verniciatura manuale delle pelli avente sistema di abbattimento a secco con filtri multistrato ignifughi raccoglivernice Introduzione Lo scopo di tale progetto è quello di

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Inceneritori. Tale rifiuto può seguire solo le seguenti strade:

Inceneritori. Tale rifiuto può seguire solo le seguenti strade: Inceneritori L inceneritore è un sistema per lo smaltimento dei rifiuti solidi, ad oggi è già presente in alcune aree urbane un esempio è l inceneritore di Vienna il cui design è stato elaborato dall architetto

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza Coadiuvante per capelli

Scheda Dati di Sicurezza Coadiuvante per capelli Scheda Dati di Sicurezza Coadiuvante per capelli 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione COADIUVANTE CADUTA CAPELLI 1.2.

Dettagli

Il sistema periodico degli elementi

Il sistema periodico degli elementi Il sistema periodico degli elementi Gli elementi mostrano una variazione progressiva delle proprietà chimiche; dopo un definito numero di elementi, le medesime proprietà si ripetono con deboli variazioni

Dettagli

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO A. TAGLIAFERROT LAQ In.Te.S.E. Politecnico di Torino SOMMARIO Il problema Le possibili tecnologie Il contributo del

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap)

Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap) Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap) Aggiornamento al 13 settembre 2011 ROADMAP: stato di avanzamento TEPCO ha

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio Del Vecchio-Governatori Riciclaggio 1 Il problema della gestione dei rifiuti Il problema della gestione dei rifiuti è diventato sempre più rilevante: la crescita dei consumi e dell'urbanizzazione hanno

Dettagli

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Roma, 10 luglio 2012 Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Incenerimento a griglia * raffreddati ad aria o ad acqua; * a griglia fissa o mobile Combustione

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro Relatore:

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02 LINEE GUIDA GESTIONE e ANALISI DELLE CARTUCCE TONER ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche:

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche: 18. Ciclo del combustibile Fino verso la fine degli anni '70 vi è stato un forte interesse allo sviluppo dei reattori veloci, in quanto sistemi capaci di produrre, attraverso il meccanismo della fertilizzazione

Dettagli

Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza

Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza BONIFICA ACCIAIERIA PER CONTAMINAZIONE ACCIDENTALE RADIOATTIVA IN ROTTAMI METALLICI Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Prevenire Proteggere Misurare gli effetti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Prevenzione Anche se è banale,

Dettagli

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli