METODOLOGIE DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODOLOGIE DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI"

Transcript

1 27/DIPIA/2004 METODOLOGIE DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI Autore/i: D. AQUARO M. DI PRINZIO N. ZACCARI Affiliazione/i: Dipartimento di Ingegneria Meccanica Nucleare e della Produzione Università di Pisa Ricerca finanziata da: Dipartimento Insediamenti Produttivi ed Interazione con l Ambiente 28/02/2007

2

3 Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione Università di Pisa METODOLOGIE DI TRATTAMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI D. Aquaro M. Di Prinzio N. Zaccari Lavoro eseguito nell ambito di una convenzione tra ISPESL e l Università di Pisa Pisa 2006

4

5 3 Sommario La presente relazione illustra le problematiche connesse alla gestione e smaltimento dei rifiuti radioattivi. Sono esaminate le raccomandazioni internazionali e le norme italiane che regolano le attività connesse ai rifiuti radioattivi. Dopo l illustrazione delle diverse categorie di rifiuti radioattivi, è descritta la situazione italiana con particolare riferimento alla quantità di rifiuti e alla loro collocazione. Sono analizzate in dettaglio le tecnologie di condizionamento e smaltimento di rifiuti di bassa ed intermedia attività e quelle per i rifiuti di elevato livello di attività. Dato che le problematiche che inquietano l opinione pubblica sono quelle relative alle scorie nucleari aventi elevata vita media, un analisi dettagliata è stata rivolta sia alle attuali strategie di gestione e smaltimento delle scorie nucleari provenienti dall utilizzo dell energia nucleare sia alle tecniche innovative studiate nelle varie parti del mondo. In particolare sono illustrate le tecniche innovative per lo smaltimento degli attinidi basate essenzialmente sulla trasmutazione nucleare, eseguita in impianti appositamente progettati o con i reattori nucleari della quarta generazione. Fra i vari reattori che si intendono realizzare per la trasmutazione degli attinidi vi è l ADS (Accelerator Driven Systems). Tale tecnologia si basa sull utilizzo di reattori sottocritici abbinati ad acceleratori in grado di sostenere la reazione a catena grazie ad una sorgente esterna di neutroni. La relazione descrive i risultati di uno studio effettuato presso l Università di Pisa e a MOL (Belgio) relativa alla strategia denominata Partitioning and Trasmutation i cui obiettivi sono quello di riprocessare il combustibile proveniente dai reattori esistenti per la separazione di plutonio e degli attinidi minori e di incenerire tali elementi a lun-

6 4 ga vita trasmutandoli in altri a più breve vita. È valutata l efficienza di trasmutazione degli attinidi minori. Destinare tutto il combustibile nucleare al deposito geologico profondo prevede tempi maggiori di anni per il raggiungimento del safe storage (Tempo dopo il quale i rifiuti radioattivi raggiungono un livello di riferimento corrispondente alla radioattività dell Uranio naturale); separare solo il plutonio dal resto del combustibile porta, per valori di efficienza del partitioning del 99.9%, a tempi dell ordine di anni. Se si aggiunge, poi, la trasmutazione degli attinidi minori, nettunio, americio e curio, considerando una resa del 99.9% (sufficientemente elevata per lo stato attuale della tecnologia del processo di trasmutazione), il tempo per il raggiungimento del safe storage è di 300 anni. Teoricamente è pertanto risolvibile il problema delle scorie a lunga vita. Nella relazione sono esaminate brevemente le diverse strategie assunte dai Paesi che utilizzano l energia nucleare. La relazione descrive le problematiche relative ai NORM, ( Naturally Occurring Radioactive Materials ossia ai materiali che contengono radionuclidi naturali in concentrazioni superiori alla media della crosta terrestre) ed ai TENORM ( Technological Enhanced Naturally Occurring Radioactive Materials, ossia i materiali che, a causa di attività umane, presentano una concentrazione di radioattività diversa dalla distribuzione originaria), ed è esaminato il rischio radiologico relativo a NORM e TENORM. L uso dei radioisotopi in medicina ha creato la branca della cosiddetta medicina nucleare e ha imposto la necessità dello stoccaggio e smaltimento dei rifiuti ospedalieri. La relazione illustra le norme e le pratiche messe in atto nella gestione di tali rifiuti. La relazione esamina, infine, i criteri per dispensare, in parte o del tutto, le attività di smaltimento dei rifiuti radioattivi dal controllo e dalla gestione normalmente prevista. Tale aspetto risulta importante sia dal punto di vista della riduzione dei costi delle attività stesse, sia allo scopo di semplificare le procedure di gestione dei rifiuti. Tale

7 possibilità è prevista dagli standard emanati dall IAEA qualora l esposizione derivante dallo smaltimento non controllato, non costituisca un rischio apprezzabile per il pubblico o quando il controllo della radioattività rilasciata esuli dall ambito delle attività controllate. Il principale obiettivo, che il ricorso alla clearance e l esenzione dal rilascio controllato consentono di perseguire, è quello di minimizzare la quantità di materiale radioattivo che richiede stoccaggio a lungo termine prima di essere smaltito in modo convenzionale. 5

8 6

9 Indice 1 Classificazione dei rifiuti Norme nazionali ed internazionali Normativa internazionale Normativa Italiana Situazione Italiana relativa alla quantità e alla localizzazione dei rifiuti radioattivi Rifiuti di I e II categoria Trattamento dei rifiuti liquidi Rifiuti liquidi organici radioattivi Trattamento dei rifiuti solidi Trattamento di Compattazione Smaltimento dei rifiuti Rifiuti di III Categoria Trattamento dei rifiuti Caratteristiche di Pu, Th e Am Trattamento e riciclo del fissile Strategie di gestione delle scorie adottate dai principali Paesi produttori di energia nucleare Trattamento degli HLW Riciclo del materiale fissile

10 8 INDICE Riprocessamento del Combustibile nucleare irraggiato Smaltimento diretto del combustibile nucleare Stoccaggio del combustibile irraggiato Smaltimento in depositi geologici Soluzioni avanzate per gli HLW Trasmutazione Trasmutatori Nucleari Cicli convenzionali del combustibile fissile Cicli con combustibile fertile-fissile Th-232 ed U Trasmutazione mediante Accelerator Driven Systems (ADS) Reattori PWR con combustibile MOX Reattori nucleari innovativi NORM e TENORM Introduzione Minerali Fosfatici Le sabbie zirconifere Carbone per la produzione di eletricità Sorgenti Orfane Radioisotopi in medicina Sorgenti in ambiente ospedaliero Rifiuti radioattivi ospedalieri Smaltimento dei rifiuti ospedalieri Contenitori per rifiuti Ospedalieri Il Radon Caratteristiche del Radon ed effetti sanitari Normativa sul Radon Le azioni di rimedio

11 INDICE 9 6 L esenzione e la Clearance Introduzione Esclusione, esenzione e clearance Esclusione Esenzione Clearance Valori limite Valori limite per radionuclidi di origine naturale Valori limite per radionuclidi di origine artificiale La normativa americana Il clearance come approccio innovativo Conclusioni 183 Bibliografia 187 A Appendice 195 A.1 Definizione di dose A.2 Estrazione con solvente A.2.1 Processo Purex A.3 Radionuclidi nel suolo A.4 Principali conformazioni rocciose A.5 Matrici per rifiuti radioattivi A.5.1 Matrici di ritenzione dei rifiuti A.5.2 Matrici amorfe A.5.3 Matrici ceramiche A.5.4 Confronto fra matrici A.5.5 Stabilità a lungo termine ed analogia naturale. 213 A.5.6 Comportamento a lungo termine A.6 Limiti esenzione e clearance

12 10 INDICE

13 Capitolo 1 Classificazione dei rifiuti radioattivi e situazione Italiana 1.1 Norme nazionali ed internazionali di riferimento per i rifiuti radioattivi Normativa internazionale I rifiuti radioattivi sono materiali di scarto che contengono o sono contaminati da radionuclidi la cui concentrazione o attività è maggiore di un valore minimo definito dalle norme dei vari Stati. La pericolosità dei rifiuti radioattivi dipende dalla natura dei radionuclidi. Infatti, a parità di concentrazione, differenti radionuclidi hanno differenti livelli di pericolosità. In alcuni casi l elevato livello di radiazioni emesse richiede oltre all immobilizzazione fisica, per non disperderlo nell ambiente, anche la presenza di opportune schermature. I rifiuti radioattivi vengono prodotti dagli impianti nucleari, dall uso di sostanze

14 12 Classificazione dei rifiuti radioattive in campo medico ed industriale, da applicazioni militari. Una parte considerevole di rifiuti radioattivi presenti nel mondo è prodotta dall esercizio delle centrali nucleari di potenza per la produzione di energia elettrica. I rifiuti radioattivi, così come tutte le attività dell industria nucleare, sono regolate da leggi e norme emesse da organismi nazionali ed internazionali. I principali e più influenti organi di regolamentazione internazionali sono: ICRP : International Commission on Radiological Protection [1],[2]; IAEA : International Atomic Energy Agency [3]-[5]. Le norme e/o raccomandazioni emesse da queste Organizzazioni possono essere recepite dai vari Stati ed assumono forza di legge. La filosofia su cui si basano le norme è quella di minimizzare il più possibile i rischi connessi con l uso di materiali radioattivi o connessi all esposizione alle radiazioni, tenendo anche conto dei vantaggi che derivano alla società. Tutte le norme tendono a minimizzare la dose alla popolazione sulla base dei seguenti principi [1]: Giustificazione: le attività che comportano un rischio da esposizione radiologica devono avere più vantaggi che svantaggi. Ottimizzazione: le dosi derivanti da attività che fanno uso di radiazioni devono essere ridotte ai più piccoli valori che sono ragionevolmente raggiungibili (principio dell ALARA : As Low As Reasonably Achievable). Limite di dose e di rischio: l esposizione a tutte le sorgenti suscettibili di essere controllate devono essere regolate sulla base di limiti di dose e deve essere esaminato il rischio connesso a potenziali esposizioni.

15 1.1 Norme nazionali ed internazionali 13 I rifiuti radioattivi sono classificati in base alla attività e al tempo di dimezzamento. Dal punto di vista del tempo di dimezzamento i radionuclidi sono suddivisi in due classi: a breve vita (short lived) o a lunga vita (long lived). L IAEA classifica i rifiuti radioattivi nel seguente modo [6]: rifiuti a bassa attività (LLW, Low level waste): la loro radioattività è al di sopra dei limiti che permetterebbero il loro smaltimento come rifiuti convenzionali. Non richiedono schermature per la manipolazione nè particolari contenitori di stoccaggio (La normativa UK considera LLW i rifiuti la cui attività non superi 4 GBq/t per decadimento α o 12G Bq/t per decadimento β e γ. Mentre classifica come rifiuti a estremamente bassa attività (VLLW, very low level waste) quelli che possono essere accettati nelle normali discariche come rifiuti convenzionali purché 0.1 m 3 di materiale contenga una attivita inferiore a 400 kbq dovuta a radiazioni β e γ o un singolo collo contenga una attività inferiore a 40 kbq); rifiuti ad attività intermedia (ILW, Intermediate level waste): il livello di radioattività supera il limite stabilito per le scorie di basso livello e richiede schermatura nelle manipolazioni o adeguato contenitore di stoccaggio. Per questi rifiuti non è necessario prendere in considerazione il calore di decadimento nella progettazione delle strutture di contenimento e di smaltimento; rifiuti ad alta attivita ( HLW,High Level Waste): l elevato livello di radioattività richiede protezione del personale, schermatura, remotizzazione delle operazioni e analisi degli effetti della generazione di energia dovuta alle radiazioni. Infatti la temperatura di questo tipo di scorie può aumentare considerevolmente ed è necessario tenerne conto nel progetto delle strutture di stoccaggio e smaltimento. Rifiuti di questo tipo sono i prodotti derivanti dal

16 14 Classificazione dei rifiuti riprocessamento di combustibile nucleare irraggiato o gli stessi elementi di combustibile irraggiato. Come accennato i rifiuti radioattivi si dividono anche a secondo del tempo di dimezzamento dei radionuclidi in rifiuti a corta vita ed a lunga vita. Se il loro tempo di dimezzamento non è superiore a quello del 137 Cs (30.2 anni) sono denominati a breve vita (short lived), mentre quelli con tempi di dimezzamento maggiore sono denominati a lunga vita (long lived waste) [1]. Per gli short lived waste la concentrazione di radionuclidi in un singolo collo (package) e limitata a 4000 Bq/g. (le concentrazioni medie di un insieme di colli non può superare i 400 Bq/g). Rifiuti LLW e ILW short lived possono essere stoccati in depositi superficiali, mentre quelli long lived richiedono depositi nel profondo sottosuolo. Fra i radionuclidi a basso tempo di dimezzamento troviamo: 3 H, 90 Sr, 60 Co, 63 Ni, 106 Ru, 137 Cs, 134 Cs, 144 Ce, 147 Pm, 151 Sm e 154 Eu. La maggior parte dei radionuclidi short-lived sono formati dalla fissione nel combustibile nucleare o per cattura neutronica ( come il 60 Co ed il 63 Ni). Il trizio ( 3 H, isotopo radioattivo dell idrogeno) è prodotto in piccole quantità dall interazione dei raggi cosmici con i gas presenti nell atmosfera. La quantità stazionaria di trizio naturale è 7.3 Kg. Circa 5 volte questa quantità (36 Kg) è stata prodotta dai test nucleari eseguiti nell atmosfera. Il trizio si combina con l ossigeno per formare acqua che cade sulla terra con la pioggia entrando nel ciclo naturale. Il trizio viene prodotto principalmente nei reattori nucleari ad acqua leggera. Un reattore nucleare commerciale produce circa Ci (2g) di trizio per anno. Il trizio ha una vita media di 12.3 anni e decade in 3 He con emissione di particelle α di 19 KeV. Ha una elevata mobilità in tutte le matrici ambientali, se inalato in 1-2 ore si distribuisce in tutto il corpo e viene espulso dopo circa 10 ore. Una piccola frazione di trizio

17 1.1 Norme nazionali ed internazionali 15 rimane incorporata nelle molecole organiche. Essendo un emettitore α è ritenuto pericoloso solo per ingestione. Il 60 Co viene prodotto nei materiali strutturali (acciai e sue leghe) dei reattori nucleari per attivazione neutronica del 59 Co, unico isotopo stabile del cobalto. Ci sono nove principali isotopi radioattivi del cobalto, ma solo il 57 Co e 60 Co hanno tempi di dimezzamento maggiori di 80 giorni. Il 60 Co ha un tempo di dimezzamento di 5.27 anni e decade emettendo due gamma di energia 1.17 e 1.33 MeV. Ciò lo rende pericoloso per esposizione esterna. Viene utilizzato sia in campo medico che industriale. Nell industria viene utilizzato per misure di spessori, densità e radiografie di grossi spessori di acciaio o cordoni di saldature. Il Cesio naturale è il 133 Cs non radioattivo. Ci sono 11 principali isotopi radioattivi del cesio, ma solo 134 Cs, 135 Cs e 137 Cs hanno relativamente lunghi tempi di dimezzamento. Sono emettitori beta ed i loro tempi di dimezzamento variano da 2 anni a 3 milioni di anni. Gli altri isotopi radioattivi hanno tempi di dimezzamento inferiori a 2 settimane. 134 Cs, 135 Cs e 137 Cs sono prodotti della fissione nucleare. Il 137 Cs è prodotto in relativamente grande quantità (6.2%) ha un tempo di dimezzamento di anni ed è emettitore β di alta energia (94.6% a 512 Kev e 5.4% a Mev). Nell 85% dei decadimenti viene emesso un gamma da MeV. Per la sua lunga vita media è molto usato in ambito medico ed industriale. In genere viene usato per la sterilizzazione di supporti medici, cartoni per alimenti e cibi. È un metallo alcalino ed è un dei radionuclidi meno mobili nell ambiente. L assorbimento nell uomo avviene tramite il tratto intestinale. Il Cesio ha le stesse proprietà chimiche del potassio essendo entrambi metalli alcalini. I problemi con il cesio sono dovuti al suo effetto sul livello di potassio e all irraggiamento ai vari tessuti del corpo. Il cesio ingerito è assorbito dal sangue attraverso l intestino e tende a concentrarsi nei muscoli. Il 10% è espulso dal corpo con un tempo di dimezzamento biologico di 2 giorni mentre il resto viene eliminato in 110 giorni.

18 16 Classificazione dei rifiuti Normativa Italiana In Italia tutte le attività che prevedono l impiego, la manipolazione, la detenzione di sostanze radioattive e anche la gestione dei rifiuti radioattivi è regolata dal Decreto Legislativo 230/95 [7]. Il Capo VI del Decreto Legislativo 230/95 è specificamente dedicato alla gestione dei rifiuti radioattivi mentre il Capo VII regola le fasi della gestione che si svolgono negli impianti indicati nel Capo VII stesso. In attuazione della Direttiva EURATOM 96/29, il Decreto Legislativo 230/95 è stato integrato e modificato dal Decreto Legislativo 241 del La classificazione dei rifiuti è contenuta nella Guida Tecnica No.26 emanata dall ENEA-DISP attuale APAT (Agenzia Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici) [8]. I rifiuti radioattivi sono classificati in tre categorie che tengono conto delle caratteristiche e delle concentrazioni dei radioisotopi in essi contenuti. A ciascuna categoria corrisponde una diversa modalità di gestione e diversa soluzione di smaltimento. Prima categoria : Sono classificati in prima categoria i rifiuti radioattivi che richiedono tempi dell ordine di mesi, sino ad un tempo massimo di alcuni anni, per decadere a livelli di radioattività per i quali non si applicano le disposizioni del Decreto Legislativo 230/95, potendo essere gestiti dopo tale periodo come rifiuti convenzionali. Questi rifiuti hanno origine essenzialmente dagli impieghi medici e di ricerca scientifica, dove i radionuclidi utilizzati sono caratterizzati da tempi di dimezzamento relativamente brevi (inferiori ad 1 anno) e, nella maggior parte dei casi, inferiori ai 2 mesi. Seconda categoria : Sono classificati in seconda categoria i rifiuti che richiedono tempi variabili da qualche decina fino ad alcune centinaia di anni per raggiungere concentrazioni di radioattività dell ordine di alcune centinaia di Bq/g (una decina di nci/g) nonché quei rifiuti

19 1.1 Norme nazionali ed internazionali 17 contenenti radionuclidi a vita molto lunga purché in concentrazioni di tale ordine. In questa categoria rientrano in gran parte i rifiuti provenienti da particolari cicli di produzione degli impianti nucleari e soprattutto dalle centrali elettronucleari di potenza nonché da alcuni particolari impieghi medici, industriali e di ricerca scientifica. Vi rientrano, inoltre, anche alcune parti e componenti di impianto derivanti dalle operazioni di decommissioning degli impianti nucleari. Terza categoria : Sono classificati in terza categoria tutti i rifiuti che non appartengono alle categorie precedenti. A questa categoria appartengono in particolare i rifiuti radioattivi che richiedono tempi dell ordine di migliaia di anni ed oltre per raggiungere concentrazioni di radioattività dell ordine di alcune centinaia di Bq/g (una decina di nci/g). In tale categoria rientrano in particolare: - i rifiuti liquidi ad elevata attività specifica derivanti dal primo ciclo di estrazione degli impianti di riprocessamento (o liquidi equivalenti) ed i solidi in cui questi liquidi possono essere convertiti; - i rifiuti contenenti emettitori di raggi alfa e neutroni provenienti essenzialmente dai laboratori di ricerca scientifica, da usi medici ed industriali, dagli impianti di fabbricazione degli elementi di combustibile ad ossido misto e dagli impianti di riprocessamento. Nella tabella 1.1 è stabilita una corrispondenza fra le categorie della Guida Tecnica n.26 e la classificazione dei rifiuti secondo la IAEA Situazione Italiana relativa alla quantità e alla localizzazione dei rifiuti radioattivi I rifiuti radioattivi prodotti in Italia sono legati principalmente all impiego pacifico dell energia nucleare, alle attività industriali, alla

20 18 Classificazione dei rifiuti Categorie Caratteristiche Confronto con GT-26 VLLW Rifiuti che decadono in pochi mesi I (massimo alcuni anni) a livelli inferiori ai limiti stabiliti per il rilascio incondizionato LILW- SL LILW- LL HLW Rifiuti a bassa e media attività con limitato contenuto di radionuclidi α-emittenti Rifiuti a bassa e media attività che eccedono il limite di 4000 Bq/g per α-emittenti Rifiuti che eccedono il limite di 4000 Bq/ per α-emittenti e presentano una significativa produzione di calore (> 100W/m 3 ) II Tipo di gestione Suggerito Stoccaggio temporaneo e smaltimento come rifiuti convenzionali Condizionamento e smaltimento in un sito ingegneristico in superficie III Condizionamento in matrice cementizia e smaltimento in depositi di media profondità (>100 m) III Condizionamento in matrice vetrosa e smaltimento in formazione geologica profonda ( m) dopo un periodo di stoccaggio di anni in adeguate strutture ingegneristiche Tabella 1.1: Confronto fra le categorie della Guida Tecnica No.26 e la classificazione IAEA [12] ricerca e alle terapie mediche. I rifiuti radioattivi si presentano sotto varie forme chimico-fisiche ed il loro contenuto di attività può variare entro valori molto estesi. Una quota significativa dei rifiuti radioattivi presenti nel nostro paese è conservata presso gli impianti che li hanno generati, la parte restante è stoccata presso vari centri di deposito temporaneo a ciò autorizzati (tabella 1.2, i dati si riferiscono al periodo ). La tabella 1.3 riporta la percentuale dei rifiuti di II e III categoria attualmente presenti in Italia. La tabella 1.4 illustra l origine dei rifiuti radioattivi attualmente presenti in Italia. Nella tabella 1.5 è indicata la situazione relativa al combustibile irraggiato con indicazione della soluzione provvisoria in vista dello stoccaggio centralizzato. Nella figura 1.1 è illustrata la collocazione dei centri in cui sono dislocati e/o prodotti i rifiuti radioattivi, mentre nella tabella 1.6 è indicata la ripartizione per regioni dei rifiuti presenti in Italia.

21 1.1 Norme nazionali ed internazionali 19 IMPIANTI E CENTRI DI STOCCAGGIO RIFIUTI RADIOATTIVI SORGENTI DISMESSE Attività TBq Volume in m 3 Attività in TBq CAORSO ,4 TRINO V ,7 LATINA ,3 GARIGLIANO ,3 EUREX ,8 0,12 ITREC ,8 0,04 IPU 66 53,7 OPEC 7 0 1,89 NUCLECO ,7 696,35 AVOGADRO 34 0,07 FN 272 0,03 CCR ISPRA ,1 107 Cemerad ,2 PROTEX ,17 73 SORIN ,77 4,9 Altri Operatori ,8 420,2 TOTALE ,8 1303,5 in Tabella 1.2: Rifiuti radioattivi per centri di immagazzinamento temporaneo [12] Categoria Descrizione % in volume % in attività I Rifiuti a bassa e media attività con limitato contenuto di radionuclidi a lunga vita II Rifiuti a più elevata attività e/o 4 90 con più elevato contenuto di radionuclidi a lunga vita Tabella 1.3: Rifiuti radioattivi presenti in Italia per categoria [12]

22 20 Classificazione dei rifiuti FONTE DI PRODUZIO- NE % IN VOLU- ME % IN ATTI- VITÀ Elettrica Ricerca Ciclo del Combustibile Smantellamento Appl. Medico Industriali Tabella 1.4: Rifiuti radioattivi presenti in Italia per fonte di produzione [12] Centri ENEA Saluggia (EUREX) Saluggia (EUREX) Trisaia (ITREC) Casaccia (OPEC-1) Tipo Quantità No. Elementcaggio Durata stoc- Soluzione (thm) (anni) prevista Trino Stoccaggio a secco Garigliano Stoccaggio a secco Elk River Stoccaggio a secco Varia natura NA Ritrattamento (UKAEA) Centrali Attuale Quantità No. Elementcaggio Sito di stoc- Soluzione SOGIN Collocazionvisorio (thm) prov- prevista Caorso Caorso Caorso Stoccaggio a secco Trino Trino Trino Stoccaggio a secco Trino Avogadro Trino Stoccaggio a secco Garigliano Avogadro Trino Stoccaggio a secco Garigliano Avogadro Nessuno Ritrattamento (BNFL) Superphoenix Superphoenix Superphoenix Stoccaggio a secco Tabella 1.5: Combustibile irraggiato [12]

23 1.1 Norme nazionali ed internazionali 21 RIFIUTI RADIOATTIVI SORGENTI COMB. IRRAG- GIATO Attività GBq TOTALE REGIONE Attività GBq Volume m 3 Attività GBq Attività TBq Attività TBq Piemonte 5.80E E E E E+05 Lombardia 6.92E E E E+05 3,87E+03 Emilia 4.55E E E+06 7,83E E+06 Romagna Lazio 8.17E E E E E+05 Campania 5.52E Toscana 1.45E E E E E+02 Basilicata 5.92E E E+03 5,92E+05 5,17E+03 Molise 4.60E E E-01 Puglia 2.38E E E E-01 Sicilia 0.01E E E-02 TOTALI 7.11E E E E E+06 Tabella 1.6: Rifiuti radioattivi, sorgenti e combustibile irraggiato localizzati nelle varie regioni [12]

24 22 Classificazione dei rifiuti Figura 1.1: Dislocazione dei rifiuti radioattivi in Italia [12]

25 Capitolo 2 Rifiuti di I e II categoria Di seguito verranno illustrati i trattamenti e il relativo condizionamento dei rifiuti a bassa e media attività. I trattamenti differiscono a seconda che i rifiuti siano liquidi o solidi. In genere, i rifiuti liquidi vengono trattati in modo tale da trasformare la parte radioattiva in un rifiuto solido [13]-[15]. 2.1 Trattamento dei rifiuti liquidi di I e II categoria I trattamenti dei rifiuti liquidi di I e II categoria sono simili ai trattamenti classici utilizzati, per esempio, nella potabilizzazione delle acque. L obiettivo dei trattamenti è quello di concentrare i rifiuti radioattivi in un volume solido il più piccolo possibile. Questo rifiuto solido viene trattato come rifiuto solido radioattivo mentre la parte liquida decontaminata viene smaltita in maniera convenzionale. I trattamenti possono essere fisici o chimici. Fra i trattamenti fisici, che in genere sono complementari a quelli chimici, annoveriamo:

26 24 Rifiuti di I e II categoria La sedimentazione: è una tecnica che utilizza il fenomeno fisico di alcune sostanze che sono immiscibili nel liquido e quindi decantano. In genere si attua lasciando la miscela liquida per molto tempo in contenitori appositi e, alla fine del processo di decantazione, la parte liquida viene asportata con una pompa. Molte volte il processo viene effettuato in presenza di un altro processo fisico la flocculazione che permette una precipitazione del soluto reagendo con esso. La filtrazione: la filtrazione consiste nel far passare forzatamente la miscela (rifiuto+solvente liquido) attraverso un mezzo poroso che ritiene al suo interno le particelle di soluto (rifiuto) e lascia passare solamente la parte liquida. I filtri possono essere di vario genere a sabbia, a cartuccia con carboni attivi ed elettromagnetici. Nei filtri elettromagnetici, oltre all elemento poroso (filtro) che effettua una filtrazione meccanica vi sono anche delle spire metalliche che attraverso un campo magnetico attirano le particelle ferromagnetiche presenti nel soluto (ad esempio, tali filtri sono utilizzati per lo spurgo dei generatori di vapore in cui sono presenti prodotti di corrosione). La centrifugazione: Questa tecnica sfrutta la differenza di densità fra soluto e solvente per separare, tramite la forza centrifuga che si viene a creare in tali centrifughe, le due fasi della miscela. L evaporazione o distillazione: essa consiste nel portare la miscela ad ebollizione e recuperare il soluto in forma solida. Vi sono varie tecniche di evaporazione: a circolazione forzata a termosifone, a compressione di vapore. La Figura 2.1 illustra lo schema di un evaporatore a circolazione forzata per il trattamento di rifiuti liquidi. Alcuni dei trattamenti chimici utilizzati sono:

27 2.1 Trattamento dei rifiuti liquidi 25 La co-precipitazione: nella maggior parte dei rifiuti radioattivi, i radionuclidi sono presenti solamente in tracce e quindi, la precipitazione diretta è molto spesso impossibile. Allora si procede addizionando alla miscela un elemento della stessa famiglia del radionuclide. In questo modo la precipitazione può avvenire o modificando il ph della soluzione o addizionando un anione o catione insolubilizzante. La flocculazione: Tale tecnica consiste nel neutralizzare il potenziale elettrocinetico delle particelle (potenziale Zeta) che porta le particelle di soluto a coalescere. Questa reazione è ottenuta con formazione di idrossidi (di ferro o alluminio) o per addizione di polielettroliti organici, che nello stesso tempo, creano dei reticoli su cui si aggregano le particelle. Dopodiché il tutto viene filtrato o centrifugato. Figura 2.1: Evaporatore a circolazione forzata per il trattamento di rifiuti liquidi [13]

28 26 Rifiuti di I e II categoria Rifiuti liquidi organici radioattivi Per i liquidi organici radioattivi va tenuto conto non solo della loro radioattività ma anche della loro compatibilità chimica con il mondo organico ambientale. Il concetto di diluisci e disperdi per questi liquidi non è sempre attuabile. Gli obbiettivi che si prefiggono i trattamenti dei liquidi organici sono: Conversione in una forma solida; Conversione a una forma organica facilmente condizionabile; Riduzione del volume; Decontaminazione per riutilizzo; Conversione in una forma organica compatibile con la cementazione; I metodi usati nel trattamento dei rifiuti organici sono: Incenerimento; Processo di emulsione per facilitare l incapsulamento nel cemento; Assorbimento in matrici; Distillazione; Ossidazione; L incenerimento è una tecnica molto attraente per i fluidi organici in quanto essi sono anche dei buoni combustibili e la riduzione di volume dei rifiuti è elevata. Naturalmente ciò non è esente da problemi,

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 Testo non ufficiale del D.Lgs. 230/95, come modificato da: D.Lgs. 187/00, D.Lgs. 241/00, Avviso di rettifica ed errata corrige G.U. 23/3/01, D.Lgs. 257/01 (senza gli allegati) DECRETO-LEGGE 17 marzo

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO TAV IN VALLE DI SUSA. PROBLEMI DI RADIOPROTEZIONE E IMPATTO AMBIENTALE PER LA PRESENZA DI URANIO E RADON SECONDA RELAZIONE: MODELLI DI ESPOSIZIONE AL RADON MASSIMO ZUCCHETTI*, LUCIA

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Il radon in Italia: guida per il cittadino

Il radon in Italia: guida per il cittadino QUADERNI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DIPARTIMENTO DI MEDICINA DEL LAVORO Osservatorio Epidemiologico Nazionale sulle condizioni di salute e sicurezza negli ambienti di vita Il radon in Italia: guida per

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI Dott. Carlo Cicardi Università degli Studi di Milano Decreto Legislativo del Governo 17 marzo 1995 n 230 modificato dal D. Lgs. 26 maggio 2000 n. 187, dal D. Lgs.

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli