Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi"

Transcript

1 Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi di Giancarlo Bolognini* In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari; la maggior parte di esse si trova in paesi dell OCSE. Si stima che nel periodo siano circa 400 gli impianti che concluderanno la propria vita operativa, e che dovranno essere smantellati, con dei costi complessivi rilevanti stimati in oltre 120 miliardi di euro. La sicurezza degli impianti sottoposti a smantellamento, processo che richiede anni o decenni, e il problema dello smaltimento delle scorie radioattive, costituiscono problemi sensibili, come dimostra il caso italiano. Man mano che gli impianti nucleari di tutto il mondo raggiungono la fine della loro vita tecnico-economica, gli esercenti in molti paesi sono chiamati a interromperne il funzionamento. Si devono affrontare, allora, sia le problematiche connesse alla disattivazione e allo smantellamento (D&S) per ottenere il rilascio degli edifici e dei siti liberi da vincoli radiologici, sia quelle relative all idonea gestione dei rifiuti derivanti. A seconda del percorso prescelto, la disattivazione e lo smantellamento degli impianti nucleari possono richiedere alcuni anni o più decenni, soprattutto per gli impianti di maggiori dimensioni. Questa estensione temporale comporta specifiche decisioni da parte del sistema paese, ad esempio in tema di finanziamento, gestione rifiuti, politica industriale e ha un impatto più ampio, visto che coinvolge problemi quali la sostenibilità dell energia nucleare e la salvaguardia del benessere delle comunità locali. L obiettivo del presente articolo è di offrire, utilizzando una terminologia non troppo specialistica, una breve panoramica della situazione e delle problematiche legate alla disattivazione degli impianti nucleari e allo smaltimento dei rifiuti prodotti. La gestione e lo smaltimento dei rifiuti radioattivi sono punti chiave per la riuscita delle attività di D&S degli impianti nucleari e rappresentano la parte principale dei costi totali, anche data la grande quantità di rifiuti. Ciò richiede particolare attenzione nello sviluppo e nell applicazione di criteri normativi e di controllo sui quali fondare il rilascio dei materiali, per la riutilizzazione o il riciclo. Altro aspetto che deve poi essere tenuto in considerazione riguarda la protezione fisica da atti criminosi esterni, che deve continuare a

2 essere garantita a un impianto sottoposto a smantellamento, soprattutto visti il combustibile e i rifiuti radioattivi in esso presenti. Gli avvenimenti dell 11 settembre hanno naturalmente acuito le preoccupazioni in merito; le misure di protezione si sono perciò estese a tutto il materiale nucleare esistente. Situazione degli impianti nucleari nel mondo. In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari, e la maggior parte di esse è ubicata in paesi membri dell OCSE. Queste centrali sono equipaggiate principalmente con reattori raffreddati ad acqua bollente (boiling-water reactor), ad acqua pressurizzata (pressurized-water reactor), a gas (gas-cooled reactor). Poiché l età media delle centrali nucleari è di circa 15 anni, rispetto a una vita utile di almeno anni, il tasso di messa fuori servizio culminerà poco oltre il Ipotizzando infatti una vita utile di 30 anni, si stima che nel periodo siano circa 400 gli impianti che concluderanno la propria vita operativa, e che dovranno essere smantellati, con dei costi complessivi rilevanti stimati in oltre 120 miliardi di euro. Il problema delle responsabilità e il ruolo della Commissione europea. Le principali funzioni associate alle attività di D&S degli impianti nucleari e alla gestione dei rifiuti risultanti, comprendono: l elaborazione di politiche nazionali riguardanti la strategia di chiusura e smantellamento degli impianti nucleari e la gestione dei relativi rifiuti; l emanazione di leggi sulla sicurezza nucleare, sulla protezione dalle radiazioni e sulla salvaguardia ambientale, oltre a normative concernenti le verifiche di sicurezza per le attività D&S e la gestione dei rifiuti; l esecuzione delle attività di D&S e di gestione dei rifiuti. Queste funzioni sono espressamente riconosciute nella Convenzione internazionale congiunta sulla sicurezza della gestione del combustibile irraggiato e dei rifiuti radioattivi, che include fra i suoi obiettivi anche la disattivazione degli impianti nucleari. Quindi, le funzioni descritte trovano sistematico riconoscimento in tutti i paesi, anche se il quadro degli organismi incaricati può variare da un paese all altro. Nel caso specifico della gestione e dello smaltimento dei rifiuti, una questione importante concerne la ripartizione delle responsabilità tra il governo e altri organismi. I poteri e le 2

3 responsabilità degli organismi incaricati della gestione dei rifiuti variano, come pure la responsabilità di elaborazione dei criteri di accettazione dei rifiuti ai depositi e l approvazione dei relativi programmi. L elaborazione delle politiche e strategie nazionali, e l emanazione degli strumenti normativi e regolamentari, sono generalmente attuate a livello nazionale dai ministeri o dai dipartimenti competenti. I paesi appartenenti all Unione Europea sono vincolati anche dal Trattato Euratom, che in tema di radiazioni ionizzanti obbliga i governi nazionali all adozione di direttive e standard. La Commissione europea svolge in tal modo un ruolo chiave e le direttive europee, gli standard, le linee guida e le raccomandazioni sono adottati attraverso le leggi e i regolamenti nazionali che le recepiscono. Un esempio importante è dato dalla direttiva del Consiglio del 13 maggio 1996, recante gli standard base di sicurezza (Basic Safety Standards) per la protezione della salute della popolazione e dei lavoratori contro i danni derivanti dalle radiazioni ionizzanti (direttiva 96/29/Euratom). Tra le altre cose, la direttiva autorizza il riciclaggio, il riutilizzo o l eliminazione dei materiali radioattivi a condizione che le sostanze siano conformi ai requisiti sulle concentrazioni massime dei singoli radionuclidi. Questi limiti devono essere stabiliti dalle autorità nazionali competenti secondo i criteri fondamentali di valutazione delle dosi previsti nella direttiva e tenendo conto delle raccomandazioni tecniche elaborate da un gruppo di esperti istituito nell ambito del Trattato Euratom. Strategie di D&S. Le strategie per lo smaltimento possono essere di vario tipo: Smantellamento immediato: con questa strategia le attività di smantellamento avvengono, in alcuni anni, subito dopo la cessazione dell esercizio. I rifiuti radioattivi residui sono trattati, imballati e mantenuti in un sito idoneo allo stoccaggio temporaneo o trasportati al sito di smaltimento definitivo. Lo smantellamento immediato offre il vantaggio di disporre rapidamente del sito (eventualmente di alcuni edifici) e consente di incaricare delle attività di D&S operatori dotati di una notevole conoscenza dell impianto. Tale soluzione può comportare costi inferiori, anche se richiede un impegno finanziario iniziale importante. Una parte dei costi deriva dalla necessità di lavorare in presenza di attività radiologica significativa e di dotare l impianto di schermature e di apparecchiature di manipolazione a distanza, al fine di limitare al minimo le dosi assorbite dai lavoratori - dal momento che questa opzione non può contare sui vantaggi del decadimento 3

4 radioattivo. Possono inoltre manifestarsi maggiori esigenze di stoccaggio e di smaltimento dei rifiuti radioattivi per il fatto di non poter sfruttare la possibilità di un loro decadimento naturale. Le principali problematiche legate a tale strategia sono il timore del possibile degrado dell impianto dopo la chiusura, la possibile perdita delle conoscenze operative e del personale competente dopo l interruzione dell esercizio dell impianto, nonché il possibile venire meno dei fondi necessari alle attività di D&S nel caso di differimento delle attività. Le attività di smantellamento hanno una durata di circa 10 o 20 anni. Alcuni paesi, specie quelli che continuano a impegnarsi nell uso dell energia nucleare, come Giappone e Francia, adottano questa strategia con l obiettivo di avere dei siti disponibili per la costruzione di nuovi impianti nucleari. Safe storage: con tale strategia, dopo l allontanamento del combustibile dal reattore e dalla piscina di raffreddamento, vengono effettuati smantellamenti solo sulle parti debolmente contaminate. L edificio reattore viene posto in condizioni di sicurezza, sigillato in tali condizioni e mantenuto in questo stato per alcuni decenni. Il decadimento naturale riduce la quantità di materiali contaminati e radioattivi da trattare e smaltire nel corso delle successive attività di D&S, con una conseguente riduzione dell esposizione dei lavoratori e della popolazione. Questa opzione presenta tuttavia problemi connessi con la possibile perdita di personale qualificato, l indisponibilità del sito e degli edifici per un periodo di tempo prolungato e le incertezze sui costi futuri di smaltimento dei rifiuti, manutenzione, sicurezza e sorveglianza del sito. Il Regno Unito ha adottato questa strategia per lo smantellamento di tutti i suoi impianti raffreddati a gas. Entombment: le strutture, i sistemi e i componenti radioattivi sono racchiusi in una struttura resistente e durevole nel lungo periodo, come ad esempio il calcestruzzo. La struttura risultante è poi sottoposta a un programma di manutenzione e sorvegliata permanentemente, finché il decadimento delle sostanze radioattive non ne consente l eliminazione. Con tale strategia ogni impianto diventa un deposito definitivo di se stesso. Rispetto alle altre strategie, i vantaggi sono collegati alla limitata quantità di lavoro necessaria per incapsulare l impianto e alla diminuzione delle dosi professionali. Tuttavia, tenendo conto della radioattività contenuta, questa opzione può risultare inapplicabile nel quadro delle 4

5 attuali normative correnti. La strategia è stata utilizzata negli Stati Uniti per tre piccoli reattori dimostrativi, ma nessun operatore industriale l ha proposta per i reattori di potenza. Tra le prime attività del processo di D&S di un impianto nucleare, vi è la rimozione del combustibile irraggiato - operazione comune a tutte le strategie. Tale attività può comportare il riprocessamento (reprocessing) del combustibile, con conseguente recupero dell uranio e del plutonio, o la sistemazione del combustibile in contenitori a secco, depositati temporaneamente in apposite strutture bunkerizzate (deposito provvisorio). Il combustibile o i rifiuti risultanti dal riprocessamento avranno poi collocazione finale in una struttura geologica che dia garanzie di stabilità nel corso di diversi secoli e che costituirà, quindi, il deposito a termine indefinito (smaltimento). Le successive attività in ambito di D&S comprendono la messa a punto di adeguate tecnologie, dipendenti dalle caratteristiche dell impianto da smantellare. Le principali aree di approfondimento sono le seguenti: Tecniche di decontaminazione, che coinvolgono generalmente diversi processi chimici, meccanici o elettrici, o una loro combinazione. Tali tecniche sono utilizzate per ridurre o eliminare la contaminazione dai metalli, dal cemento e da altre superfici. Ciò consente di facilitare i lavori di taglio e manipolazione dei componenti da smantellare e di ridurre il quantitativo di rifiuti radioattivi prodotti. Tecniche di taglio, utilizzate per smantellare le installazioni, incluse le strutture in metallo o cemento, gli impianti e le attrezzature di tutti i tipi. Esse si basano su processi meccanici, termici, ecc. Tecniche di misurazione della radioattività, utilizzate per redigere l inventario radioattivo all interno dell impianto, selezionare i processi di decontaminazione e/o di smantellamento, classificare i materiali e i rifiuti in categorie allo scopo di trattarli, immagazzinarli e smaltirli, adottare le disposizioni necessarie per proteggere i lavoratori, verificare che i materiali, gli edifici e il sito possano essere liberati da vincoli radiologici. Tecniche di operazione a distanza, utilizzate per lavorare a distanza o in ambienti schermati, che includono telemanipolatori e strumenti semiautomatici che consentono di lavorare a distanza dalle fonti di radiazione. Tecniche di trattamento, precondizionamento e condizionamento dei rifiuti, affinché essi siano conformi alla normativa sul trasporto e alle specifiche di smaltimento. Tipiche 5

6 tecnologie sono i trattamenti termici (incenerimento, fusione, vetrificazione) o chimicofisici (cementazione). Gestione dei rifiuti radioattivi. La gestione dei rifiuti radioattivi derivanti dalle attività di D&S degli impianti nucleari è un punto fondamentale da prendere in considerazione nella pianificazione e nella tempistica di tali attività; la disponibilità di impianti di smaltimento dei rifiuti (depositi) rappresenta un fattore determinante nel decidere quale strategia adottare per lo smantellamento di un impianto. Ove non esista una infrastruttura di smaltimento, può essere giudicato appropriato - come detto - il differimento delle attività di D&S finché non sia disponibile tale capacità. Tuttavia, ove le circostanze portino alla scelta della strategia di D&S immediato, senza che esistano ancora impianti di smaltimento, l unica alternativa è quella di smantellare l impianto e trasferire i rifiuti prodotti in una struttura di stoccaggio temporaneo. I rifiuti radioattivi derivanti dalle attività di D&S di un impianto nucleare comprendono: I rifiuti di alta attività e i rifiuti di bassa e media attività a lunga vita, sotto forma di combustibile irraggiato, di prodotti del suo ritrattamento o di materiali attivati con radionuclidi di lunga vita (tempi di decadimento di migliaia di anni). I rifiuti di bassa e media attività a breve vita, prodotti in notevoli quantità rispetto ai precedenti, sotto forma di materiali contaminati con radionuclidi di breve vita (tempi di decadimento di centinaia di anni). Essi comprendono parti di impianto e attrezzature o materiali strutturali, come l acciaio e il calcestruzzo. Normalmente, i costi di trattamento, stoccaggio e smaltimento dei rifiuti derivanti dalle attività di D&S rappresentano la componente principale dei costi totali di smantellamento. Nel 1995, l Agenzia internazionale dell Energia atomica ha pubblicato una Safety Series sui Principi di gestione dei rifiuti radioattivi in cui si richiama l assoluta necessità di non imporre alle future generazioni vincoli od oneri dei quali esse non sono responsabili. In base a questo principio etico, oggi si opera per definire soluzioni ottimali riguardo il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti radioattivi sino a ora prodotti, in modo da garantire nel tempo la salvaguardia delle persone e dell ambiente. Le soluzioni individuate comprendono, a seconda della tipologia di rifiuto, l immagazzinamento in depositi superficiali (o sub-superficiali) e profondi (geologici) che presentano caratteristiche diverse. 6

7 Sia dal punto di vista della sicurezza nucleare (safety) che della protezione fisica (security), la scelta del deposito superficiale può fornire garanzie negli anni solo a patto che venga mantenuta e assicurata una attività di sorveglianza, di controllo e di manutenzione continua, in modo da prevenire ogni tipo di deterioramento o di intrusione volontaria. D altra parte, il deposito geologico garantisce tale sicurezza senza che debba essere sorvegliato e mantenuto nel tempo, data l elevata profondità al quale è posto e per le protezioni naturali di cui è dotato. Per i rifiuti ad alta attività e lunga vita, le linee guida internazionali indicano il deposito geologico come la soluzione ottimale. La situazione in Italia. Sul territorio italiano esistono quattro centrali elettronucleari e cinque impianti di trattamento e fabbricazione del combustibile nucleare che sono in fase di smantellamento, e che contengono materiali radioattivi ad alta attività, con particolare riferimento al combustibile irraggiato e ai rifiuti derivanti dal ciclo del combustibile. La strategia nazionale di gestione del nucleare pregresso, definita in uno specifico documento del 14 dicembre 1999 trasmesso dal ministro dell Industria al Parlamento, si fonda su tre obiettivi generali da conseguirsi in modo coordinato: sistemazione dei materiali nucleari, dei rifiuti radioattivi e del combustibile irraggiato esistenti (entro 10 anni); localizzazione e realizzazione del sistema nazionale di stoccaggio e smaltimento dei rifiuti radioattivi (entro 10 anni); disattivazione e smantellamento degli impianti nucleari esistenti (entro 20 anni; quindi con una strategia di smantellamento immediato). Gli indirizzi strategici formulati nel documento al Parlamento del dicembre 1999 sono stati ribaditi e confermati, dal ministero dell Industria (2001), negli Indirizzi operativi alla SOGIN, la società di proprietà del ministero dell Economia incaricata dello smantellamento delle centrali nucleari e degli impianti del ciclo del combustibile. Costituita in attuazione del decreto legislativo n. 79/99, la SOGIN è operativa dal 1 novembre 1999 e ha incorporato le strutture e le risorse della divisione nucleare dell ENEL. Nell estate del 2003, SOGIN ha assunto anche la responsabilità degli impianti del ciclo del combustibile di proprietà ENEA e FN (Società fabbricazioni nucleari). I programmi nucleari e le attività condotte nell industria, nella ricerca e nel settore medicoospedaliero hanno prodotto, a oggi, circa 30 mila metri cubi di rifiuti radioattivi, solo una parte dei quali è stata sottoposta a processi di trattamento (riduzione del volume) e condizionamento (immobilizzazione in forme idonee allo smaltimento). La parte 7

8 preponderante è tuttora stoccata presso i siti di produzione, attualmente gestiti da SOGIN (centrali elettronucleari, impianti del ciclo del combustibile) e da un ristretto numero di aziende operanti del settore nucleare (Avogadro, Nucleco, Sorin, solo per citarne alcune). Le attività di disattivazione e smantellamento degli impianti produrranno a loro volta ingenti quantitativi di materiali radioattivi da condizionare e smaltire ( m 3 secondo le stime correnti). Ma la componente più impegnativa di questo retaggio è rappresentata dal combustibile nucleare irraggiato. I quantitativi di cui l Italia deve farsi carico ammontano complessivamente a circa 300 tonnellate di ossidi di uranio, plutonio e torio. Presupposto fondamentale per dare soluzione definitiva al problema è dunque la disponibilità di un deposito centralizzato per lo stoccaggio dei materiali radioattivi. Negli intendimenti originari, il sito in cui realizzare il deposito avrebbe dovuto essere individuato entro la fine del 2001 e la costruzione sarebbe dovuta iniziare nel 2005, in modo da rendere operativo il deposito all inizio del Però, a oggi il sito non è stato ancora localizzato. Recentemente, dopo aver considerato l aumento dei rischi derivanti dall inasprimento dell attuale situazione internazionale, si è deciso di intraprendere nuove azioni volte all immediato trattamento e messa in sicurezza del materiale fissile e dei rifiuti radioattivi ancora presenti sui siti nucleari italiani. Il governo italiano si è quindi espresso decretando lo stato di emergenza in relazione allo smaltimento dei rifiuti radioattivi e nominando un Commissario delegato per la sicurezza dei materiali nucleari fino alla data del per le regioni interessate: Lazio, Campania, Emilia Romagna, Basilicata e Piemonte. Le azioni intraprese comprendono sia l accelerazione di attività già previste nei programmi di decommissioning (sistemazione del combustibile, smaltimento rifiuti radioattivi, e così via), sia nuove attività volte ad aumentare la protezione fisica di aree sensibili (impianti anti-intrusione). * Giancarlo Bolognini ha ricoperto numerosi incarichi in ambito nazionale e internazionale nel settore nucleare. È ora amministratore delegato della SOGIN (Società gestione impianti nucleari). 8

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi IL DEPOSITO NAZIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: ASPETTI GEOLOGICI ED AMBIENTALI FABIO CHIARAVALLI Direttore Deposito Nazionale

Dettagli

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso 1 Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso Ing. Lamberto Matteocci Il Decommissioning della Centrale di Caorso e la Gestione dei Rifiuti Radioattivi 30 Settembre 2015 2 FUNZIONI e

Dettagli

I rifiuti radioattivi in Italia

I rifiuti radioattivi in Italia La disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la gestione dei rifiuti radioattivi I rifiuti radioattivi in Italia Roberto Mezzanotte Torino, 28 Gennaio 2016 Classificazione attuale ex Decreto

Dettagli

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività RELAZIONE ILLUSTRATIVA I rifiuti radioattivi in Italia I rifiuti

Dettagli

SOGIN - Profilo Istituzionale

SOGIN - Profilo Istituzionale SOGIN - Profilo Istituzionale Proteggiamo il presente Garantiamo il futuro CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Giuseppe Zollino -Presidente Riccardo Casale -Amministratore Delegato Lorenzo Mastroeni -Vice Presidente

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

Disattivazione e Smantellamento

Disattivazione e Smantellamento Gestione dei Rifiuti Radioattivi OECD Disattivazione e Smantellamento degli Impianti Nucleari Stato dell arte, strategie, problematiche N U C L E A R E N E R G Y A G E N C Y Gestione dei Rifiuti Radioattivi

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione V Convegno Nazionale NAD 10 Anni di impegno guardando al futuro DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione Fabio Chiaravalli - SOGIN Direttore Ambiente,

Dettagli

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario ATTO CAMERA RISOLUZIONE IN COMMISSIONE CONCLUSIVA DI DIBATTITO 8/00032 Dati di presentazione dell'atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: del / / Firmatari Primo firmatario: BENAMATI GIANLUCA Gruppo:

Dettagli

Smantellamento degli impianti nucleari e gestione dei rifiuti radioattivi

Smantellamento degli impianti nucleari e gestione dei rifiuti radioattivi 1 Giuseppe Bolla, SOGIN 2 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Centrali ed impianti nucleari oggi presenti in Italia Cos è il decommissioning I programmi di decommissioning in altri paesi europei La gestione

Dettagli

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Roberto Mezzanotte ISPRA Vercelli, 24 Marzo 2009 Prime esperienze Reattore Avogadro - Saluggia trasformato in deposito temporaneo

Dettagli

Energia nucleare e problematiche ambientali

Energia nucleare e problematiche ambientali Energia nucleare e problematiche ambientali R. Mezzanotte, M. Altavilla Giornata di Studio: Energia nucleare nuove prospettive ed opportunità Terni, 7 Marzo 2008 Energia nucleare e problematiche ambientali

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012 Sessa Aurunca Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei

Dettagli

IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA. Latina 20 febbraio 2015

IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA. Latina 20 febbraio 2015 1 IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA Latina 20 febbraio 2015 Sogin 2 Sogin è la società pubblica responsabile del decommissioning degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti

Dettagli

DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA AMBIENTALE E DI INFORMAZIONE

DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA AMBIENTALE E DI INFORMAZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCIA DI PIACENZA, COMUNE DI CAORSO E AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E L'AMBIENTE DELL'EMILIA-ROMAGNA (ARPA) AI FINI DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA

Dettagli

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Convegno INFN-Energia e Industria verso Horizon 2020 e nuovi mercati 1 Genova, 15 Gennaio 2014 2 Decommissioning in Italia Centrali ed

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 25 luglio 2006 Delibera n. 103/06 Determinazione a consuntivo, per l anno 2005, degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari

Dettagli

DELIBERAZIONE AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 23 aprile 2002, n. 71/02

DELIBERAZIONE AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 23 aprile 2002, n. 71/02 DELIBERAZIONE AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 23 aprile 2002, n. 71/02 Rideterminazione degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari dismesse, alla chiusura del

Dettagli

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Milano, 12 dicembre 2014 Emanuele Fontani Amministratore Delegato Nucleco 1 SOMMARIO o Gruppo Sogin o Nucleco o Il decommissioning degli impianti nucleari

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Pagina 1 di 6 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 18 dicembre 2006 Delibera n. 290/06 ADEMPIMENTO ALLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN MATERIA DI DESTINAZIONE

Dettagli

Tavolo della Trasparenza

Tavolo della Trasparenza 1 Tavolo della Trasparenza Regione Piemonte Torino, 14 gennaio 2010 2 Indice Attività in Piemonte Impianto Fabbricazioni nucleari - Bosco Marengo Centrale E. Fermi - Trino Impianto EUREX - Saluggia Sicurezza

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 1 LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 Convegno Le emergenze radiologiche e nucleari Problematiche radioprotezionistiche, operative

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013. Napoli Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 09 luglio 2013 Napoli Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei rifiuti

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

La questione dei rifiuti radioattivi in Italia Vent anni dopo

La questione dei rifiuti radioattivi in Italia Vent anni dopo Allegato 1 Tratto da l Astrolabio Newsletter degli Amici della Terra La questione dei rifiuti radioattivi in Italia Vent anni dopo Roberto Mezzanotte Sono passati quasi venti anni da quando l ANPA, all

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

Incontro con i cittadini di Caorso. 14 marzo 2008

Incontro con i cittadini di Caorso. 14 marzo 2008 1 Incontro con i cittadini di Caorso 14 marzo 2008 2 Sommario Piano industriale Il piano industriale 2007-2011 L accelerazione Il recupero di efficienza Il modello organizzativo Il progetto sicurezza Il

Dettagli

Ambiente e territorio

Ambiente e territorio Ambiente e territorio I vantaggi del nucleare A parità di elettricità prodotta, l'energia nucleare viene considerata una delle risorse a minor impatto ambientale. Infatti, non è fonte di emissioni inquinanti,

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica stabilite le condizioni necessarie affinché l autorizzazione possa essere concessa: si tratta esattamente dei due criteri per i quali la direttiva europea

Dettagli

Il Decommissioning. degli Impianti Nucleari. Si può, ed è stato fatto

Il Decommissioning. degli Impianti Nucleari. Si può, ed è stato fatto Il Decommissioning degli Impianti Nucleari Si può, ed è stato fatto La notevole esperienza internazionale acquisita negli ultimi venti anni dimostra che gli impianti nucleari possono essere disattivati

Dettagli

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Programma Obblighi del Datore di Lavoro, Dirigenti e Preposti Attribuzioni dell Esperto Qualificato Classificazione dei Lavoratori Classificazione delle Zone Obblighi dei Lavoratori Calcolo della Dose

Dettagli

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende:

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende: Pag. 36 di 114 6 INVENTARIO DI II CATEGORIA 6.1 Premessa La Guida Tecnica n. 26 definisce come rifiuti di II categoria i rifiuti a bassa e media attività che contengono essenzialmente radionuclidi con

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA APPROFONDIMENTI / 75 BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA LUCA CITTADINI, Direttore Gruppo Sogin L e applicazioni del nucleare non si

Dettagli

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Roma, 10 luglio 2012 Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Government Accountability Office Stati Uniti d America Sicurezza energetica Per decenni gli Stati Uniti e

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA

AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA POSITION PAPER ENEA SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2011/70 EURATOM

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Energetica Relazione di sintesi: Livelli di sicurezza dei siti nucleari del Vercellese Luglio 2007 POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Energetica Attività svolta

Dettagli

del 21 marzo 2003 (Stato 1 gennaio 2009)

del 21 marzo 2003 (Stato 1 gennaio 2009) Legge federale sull energia nucleare (LENu) 732.1 del 21 marzo 2003 (Stato 1 gennaio 2009) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 90 della Costituzione federale 1 ; visto

Dettagli

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Tavola rotonda: «Esperienze e tecnologie per le bonifiche ambientali» Ing. Roberto Vespa Direttore Tecnico -

Dettagli

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA PER LA TUTELA SANITARIA DELLA POPOLAZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL IMPIEGO DI SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI L Organismo Tecnico istituito ai

Dettagli

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 29 maggio 07 Gazzetta Ufficiale n 143 del 22 Giugno 2007

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 29 maggio 07 Gazzetta Ufficiale n 143 del 22 Giugno 2007 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 29 maggio 07 Gazzetta Ufficiale n 143 del 22 Giugno 2007 Delibera n. 121/07 DETERMINAZIONE A CONSUNTIVO, PER L ANNO 2006, DEGLI ONERI CONSEGUENTI ALLO

Dettagli

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Visti:

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Visti: Delibera ARG/elt 195/08 Determinazione a preventivo degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari dismesse, alla chiusura del ciclo del combustibile e alle attività connesse

Dettagli

Bilancio 2002 Approvato dall Assemblea degli Azionisti in data 3 maggio 2003

Bilancio 2002 Approvato dall Assemblea degli Azionisti in data 3 maggio 2003 Bilancio 2002 BILANCIO 2002 Bilancio 2002 Approvato dall Assemblea degli Azionisti in data 3 maggio 2003 SO.G.I.N. SpA - società gestione impianti nucleari Sede legale 00184 Roma, via Torino 6 Reg. Imprese

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi

Dettagli

Breve excursus sulla recente normativa in materia di energia nucleare

Breve excursus sulla recente normativa in materia di energia nucleare Francesca Scardina Università di Palermo f.scardina@libero.it Data di pubblicazione: 21 dicembre Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente Francesca Scardina Breve excursus sulla

Dettagli

Decommissioning degli Impianti Nucleari

Decommissioning degli Impianti Nucleari 2004 Decommissioning degli Impianti Nucleari Si può fare ed è stato fatto Una delle preoccupazioni più diffuse in tema di produzione di energia elettrica da fonte nucleare è che la disattivazione degli

Dettagli

OSSERVAZIONI SUGLI ONERI CONNESSI ALLA CHIUSURA DELLE CENTRALI NUCLEARI E SULLE ATTIVITA NUCLEARI RESIDUE DELL ENEL

OSSERVAZIONI SUGLI ONERI CONNESSI ALLA CHIUSURA DELLE CENTRALI NUCLEARI E SULLE ATTIVITA NUCLEARI RESIDUE DELL ENEL Autorità per l energia elettrica e il gas OSSERVAZIONI SUGLI ONERI CONNESSI ALLA CHIUSURA DELLE CENTRALI NUCLEARI E SULLE ATTIVITA NUCLEARI RESIDUE DELL ENEL Memoria per la Commissione parlamentare di

Dettagli

Il decommissioning nucleare: situazione in Italia e in Europa

Il decommissioning nucleare: situazione in Italia e in Europa UNIVERSITÀ DI PADOVA Il decommissioning nucleare: situazione in Italia e in Europa GIUSEPPE ZOLLINO - Presidente Sogin PADOVA 9 marzo 2016 Agenda Radioattività Tecnologie nucleari Decommissioning dei siti

Dettagli

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali

attività lavorative sorgenti di radiazioni naturali Per una presentazione più dettagliata della tematica del radon, presentiamo un contributo di Flavia Groppi, che incomincia con l attuale regolamentazione: La normativa Italiana di Radioprotezione, in attuazione

Dettagli

Camera dei Deputati 33 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 33 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 33 Senato della Repubblica L aspetto senza dubbio più rilevante riguarda il ritardo italiano nella realizzazione di un deposito nazionale in cui custodire in sicurezza in modo definitivo

Dettagli

Struttura Semplice Siti Nucleari

Struttura Semplice Siti Nucleari DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI RISULTATI DELLE MISURE ESEGUITE IN SEGUITO ALLA SEGNALAZIONE DI UN ANOMALIA NEL CORSO DELLE OPERAZIONI DI MOVIMENTAZIONE DEI RIFIUTI IFEC PRESSO IL SITO EUREX-SO.G.I.N.

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

5.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 337/21

5.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 337/21 5.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 337/21 DIRETTIVA 2006/117/EURATOM DEL CONSIGLIO del 20 novembre 2006 relativa alla sorveglianza e al controllo delle spedizioni di rifiuti radioattivi

Dettagli

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43 Iter e modelli per l abilitazione dell esperto qualificato in radioprotezione Giroletti E. (*), Manera S. (*), Vergine A.L. (+) (*) esperti qualificati dell Università degli Studi di Pavia (+) docente

Dettagli

Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap)

Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap) Aggiornamento N 8 Fukushima Avanzamento delle attività per il ripristino degli impianti nucleari di Fukushima Daiichi (Roadmap) Aggiornamento al 13 settembre 2011 ROADMAP: stato di avanzamento TEPCO ha

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XXIII N. 15 COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI (istituita con legge 6 febbraio

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015 Modelli numerici finalizzati allo studio del rilascio e del trasporto dei contaminanti radioattivi nelle acque sotterranee. Caso studio: sito di Saluggia Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone

Dettagli

Audizione di So.g.i.n Spa

Audizione di So.g.i.n Spa Audizione di So.g.i.n Spa presso le Commissioni XIII (territorio ambiente e beni ambientali) e X (Industria, commercio e turismo) del Senato della Repubblica XVII Legislatura Atto del Governo n 58 (Gestione

Dettagli

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare FRANCESCO TROIANI, ENEA. Signor presidente, per prima cosa voglio rivolgere un doveroso saluto da parte del presidente dell ENEA, il professor Luigi Paganetto, che non può essere qui per via di altri impegni

Dettagli

Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano. Piero Risoluti

Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano. Piero Risoluti ENERGIA NUCLEARE E ACCETTAZIONE SOCIALE La Scelta dei siti il vero banco di prova Università Bocconi, Milano, 21 Giugno 2010 Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano Piero Risoluti

Dettagli

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA COMPLESSIVA STRUTTURE UNIVERSITARIE IL RETTORE Fabio Rugge IL RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE

Dettagli

VERSO IL DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: L INIZIO GIUSTO?

VERSO IL DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: L INIZIO GIUSTO? Quaderno VERSO IL DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: L INIZIO GIUSTO? a cura di Ing. R. Mezzanotte commissione Ingegneria nucleare visto da Ing. A. Taglioni Ing. G. De Simone Nel giugno scorso,

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246.

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. Campo di applicazione 1. Fermo restando quanto previsto dalla legge 27 marzo 1992, n. 257,

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 180/7 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE, EURATOM) N. 617/2010 DEL CONSIGLIO del 24 giugno 2010 sulla comunicazione alla Commissione

Dettagli

SIFO Milano 19 05-2014

SIFO Milano 19 05-2014 Settore Ricerca Dip.to Igiene del Lavoro Dip.to Tecnologie di Sicurezza Aspetti innovativi nella definizione e selezione delle misure di sicurezza nella gestione del rischio biologico da prodotti e formulazioni

Dettagli

CENTRALE ELETTRONUCLEARE DI CAORSO: RIMOZIONE DI MATERIALI ISOLANTI CONTENENTI AMIANTO E FIBRE MINERALI E LORO SUCCESSIVO SMALTIMENTO

CENTRALE ELETTRONUCLEARE DI CAORSO: RIMOZIONE DI MATERIALI ISOLANTI CONTENENTI AMIANTO E FIBRE MINERALI E LORO SUCCESSIVO SMALTIMENTO Ing. Andrea SALATI CENTRALE ELETTRONUCLEARE DI CAORSO: RIMOZIONE DI MATERIALI ISOLANTI CONTENENTI AMIANTO E FIBRE MINERALI E LORO SUCCESSIVO SMALTIMENTO CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Camera dei Deputati 97 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 97 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 97 Senato della Repubblica tratta di contaminazioni lievi, che comporterebbero esposizioni della popolazione di entità praticamente trascurabile anche se l acqua fosse destinata all

Dettagli

SEGNALAZIONE 416/2014/I/EEL

SEGNALAZIONE 416/2014/I/EEL SEGNALAZIONE 416/2014/I/EEL SEGNALAZIONE AL GOVERNO E AL PARLAMENTO IN MATERIA DI COPERTURA DEI COSTI CONNESSI ALLA MESSA IN SICUREZZA DEI RIFIUTI RADIOATTIVI NON DI PERTINENZA DELL ATTUALE PERIMETRO DEGLI

Dettagli

RIFIUTI RADIOATTIVI: UN PROBLEMA SOPRAVVALUTATO La gestione dei materiali

RIFIUTI RADIOATTIVI: UN PROBLEMA SOPRAVVALUTATO La gestione dei materiali QUADERNO AIN n. 4 21 mo SECOLO SCIENZA E TECNOLOGIA n. 5-2009 AIN ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE QUADERNO N. 4 LA PERCEZIONE E LA REALTÀ SCIENTIFICA RIFIUTI RADIOATTIVI: UN PROBLEMA SOPRAVVALUTATO La gestione

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

Percorso di Capacity Building DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI

Percorso di Capacity Building DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI Percorso di Capacity Building DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI Il contesto di riferimento Il Programma Il Decommissioning è il termine che riassume le attività di mantenimento in sicurezza degli

Dettagli

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile DIMNP (University of Pisa) & DIPTEM (University of Genova) e-mail: g.lomonaco@ing.unipi.it Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile Dr. Ing. Scorie Nucleari e Cicli Innovatici 1 Le scorie nucleari

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro E una disciplina la cui specificità risiede nell impiego regolamentato di radionuclidi artificiali in forma non sigillata per attività sia di tipo diagnostico che terapeutico. E strutturata in due settori

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI GUIDA TECNICA N. 26 GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI I. INTRODUZIONE I.1 Premessa I principi fondamentali a cui si deve far riferimento per la gestione dei rifiuti radioattivi sono quelli della protezione

Dettagli

Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima?

Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima? Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima? Stefano Covino INAF / Osservatorio Astronomico di Brera Vimercate UTL 2011 Quanto è importante il nucleare? Il

Dettagli

Le sorgenti del rischio

Le sorgenti del rischio RISCHIO SANITARIO ED ANTROPICO Il rischio nucleare Dal sito del Dipartimento della Protezione Civile: www.protezionecivile.it Indice 1 Le sorgenti del rischio 2 Il piano nazionale di emergenza nucleare

Dettagli

VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI

VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI Linee guida CIG per la progettazione in zona sismica degli impianti di gas combustibile

Dettagli

Articolo 1 (Autorizzazione alla ratifica)

Articolo 1 (Autorizzazione alla ratifica) Schema di disegno di legge recante Ratifica ed esecuzione della convenzione internazionale per la repressione di atti di terrorismo nucleare, adottata a New York il 13 aprile 2005. Articolo 1 (Autorizzazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 Norme per il rilascio del nulla osta all impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti di categoria B per le attività comportanti esposizioni a scopo medico. IL CONSIGLIO

Dettagli

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone Produzione di CO2 da fonti energetiche fossili e non fossili Produzione specifica di CO 2 da centrali a combustibili fossili Produzione specifica di CO 2 da diversi mix energetici Ruolo dell energia nucleare

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 Raccomandazione 114 RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature Ing. Giuseppe Sedda Allegato I: Attività di cui all articolo 2, lettera a, punto iv Ciascuno Stato rilascia all Agenzia.: iv) una descrizione

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 febbraio 2006

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 febbraio 2006 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 febbraio 2006 Linee guida per la pianificazione di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili, in attuazione dell'articolo 125 del

Dettagli

SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL

SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL International Expert Team Prof. Burmeier, Dr. Schenker, Dr. Exner Page 1 SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI DEL GRUPPO INTERNAZIONALE DI ESPERTI SUL RECUPERO DEL SITO DELLA EX-UNION CARBIDE A BHOPAL Nel 2004

Dettagli

Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza

Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza BONIFICA ACCIAIERIA PER CONTAMINAZIONE ACCIDENTALE RADIOATTIVA IN ROTTAMI METALLICI Intervento c/o stabilimento AFV Beltrame Vicenza Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza

Dettagli

Elementi di risposta alle domande poste nel corso dell audizione del 10 luglio 2012

Elementi di risposta alle domande poste nel corso dell audizione del 10 luglio 2012 Elementi di risposta alle domande poste nel corso dell audizione del 10 luglio 2012 1. Sullo svolgimento di attività all estero e sui rapporti con gli operatori e gli stakeholder internazionali Le competenze

Dettagli

Presidente NUCLECO S.p.A. ENEA: Assistente Scientifico del Direttore del Dipartimento Fusione, Tecnologie e Presidio Nucleare

Presidente NUCLECO S.p.A. ENEA: Assistente Scientifico del Direttore del Dipartimento Fusione, Tecnologie e Presidio Nucleare 1 Politecnico di Milano L ENERGIA NUCLEARE: PROBLEMI E POTENZIALITA Materiali radioattivi Francesc esco o Troiani Presidente NUCLECO S.p.A. ENEA: Assistente Scientifico del Direttore del Dipartimento Fusione,

Dettagli

Gestione degli imballaggi

Gestione degli imballaggi Gestione degli imballaggi Attività di gestione dei rifiuti di imballaggio; obiettivi; obblighi dei produttori e degli importatori; raccolta differenziata e obblighi della pubblica amministrazione; organizzazione

Dettagli