SCANZANO NUCLEARE? La fusione fredda dei lucani BASILICATA ROSITA ROSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCANZANO NUCLEARE? La fusione fredda dei lucani BASILICATA ROSITA ROSA"

Transcript

1 SCANZANO NUCLEARE? La fusione fredda dei lucani Dietro front del governo sul decreto che individua nel comune di Scanzano Jonico (Mt) il sito nazionale di deposito delle scorie nucleari. Il nome della cittadina lucana è scomparso dalle pagine del documento stilato dal Consiglio dei Ministri, con una mossa inaspettata che soltanto qualche ora prima era stata categoricamente esclusa dallo stesso esecutivo. Il nuovo provvedimento dispone la creazione di una commissione di esperti, composta da quattordici membri, due dei quali saranno nominati dalle Regioni. Gli scienziati di elevata e comprovata autorevolezza esamineranno i siti, studieranno in loco le caratteristiche tecnico scientifi che e decideranno entro un anno la collocazione defi nitiva del deposito nucleare. Queste le modifi che più signifi cative, e del nome di Scanzano Jonico non rimane traccia nel decreto legge. La notizia viene accolta nel piccolo centro lucano da scene di esultanza e lunghi cortei di trattori. Dopo 14 giorni di serrata e di protesta continuata, la tensione cala e i manifestanti depongono le armi. Ma la doccia fredda arriva qualche ora più tardi, quando il ministro dei Rapporti col Parlamento, Carlo Giovanardi, fa sapere che sì, Scanzano non fi gura più quale sito unico, ma certo rimane nella rosa dei possibili candidati. Quali siano le altre località non è dato sapere, e la vittoria lucana ora sembra più amara, e anzi c è chi parla di una sola battaglia vinta su una guerra che, invece, è destinata a continuare. Il Governo, è evidente, non ha fatto un regalo. Questa modifi ca non è che un compromesso: qualche concessione in cambio della fi ne della protesta. E, a ben vedere, la decisone su Scanzano non è stata revocata, è stata soltanto rimandata. IL FATTO Il quattordici di novembre piomba in Basilicata un provvedimento a sorpresa: il Consiglio dei Ministri decide l ubicazione del sito nazionale per il deposito delle scorie nucleari in terra lucana. Con un abile colpo di mano, nei giorni immediatamente successivi alla strage di Nassirya, l esecutivo ha elaborato e approvato in tempi record il decreto legge che individua nella zona di Scanzano Jonico il luogo deputato allo smaltimento dei rifi uti nucleari. Una decisione inaspettata, sia per gli enti locali, che si dicono all oscuro di tutto, sia per gran parte del mondo politico nazionale. La coincidenza con la tragedia di Nassirya e la sospetta rapidità con cui è stato emanato il provvedimento pongono inevitabili interrogativi: il rischio di attentati terroristici ha raggiunto un livello tanto elevato da imporre una decisione immediata ed indifferibile, oppure il provvedimento è solo frutto di una acuta strategia tesa a fuorviare l opinione pubblica ed evitare le contestazioni? Scorrendo velocemente il documento stilato dall esecutivo non sembra potersi porre alcun dubbio: la straordinaria necessità ed urgenza è sin dalle prime righe posta in relazione con la diffusa crisi internazionale e pertanto tutte le iniziative di carattere straordinario sono poste per tutelare l interesse superiore della sicurezza dello Stato. Il provvedimento iniziale dispone anche la costruzione di strutture temporanee, quattro bunker corazzati in cemento armato e custoditi in zone militarizzate, destinate a ricevere e conservare i rifi uti radioattivi provenienti dallo smantellamento, anch esso immediato, indifferibile ed urgente, delle decine di siti italiani di stoccaggio ROSITA ROSA 7

2 Il Centro Ricerche ENEA Trisaia Il Centro Ricerche ENEA (l ente per le nuove tecnologie, l energia e l ambiente) della Trisaia, realizzato in località Trisaia Inferiore, nel comune materano di Rotondella, sorge nel 1962, essenzialmente come centro di riprocessamento degli elementi esauriti del combustibile nucleare. Nella seconda metà degli anni Ottanta il Centro avvia un processo di riconversione delle proprie attività, nell ambito di un programma più generale di potenziamento delle strutture di ricerca scientifi ca e tecnologica del Mezzogiorno, ampliando al contempo le proprie competenze attraverso l immissione di nuove giovani risorse e occupandosi di energia alternativa, fonti rinnovabili, utilizzazione delle biomasse e altro. Dopo il referendum del 1987 ed in conseguenza delle modifi che della politica energetica nazionale, nel centro è stato defi nitivamente potenziato il processo di riconversione, con l avvio della solidifi cazione di tutti i liquidi radioattivi presenti. Il Centro sorge a ridosso della costa jonica lucana, a pochi chilometri di distanza da Scanzano Jonico ed è anche sede dell impianto Itrec, ultimato nel 1968, dove è stato praticato per alcuni anni il riprocessamento di combustibile nucleare, nel campo del ciclo uranio-torio. Il sito internet del Centro(www.trisaia.enea.i), un modello di funzionalità telematica, non ha però alcun bottone che permetta di saperne di più in fatto di scorie. Da quel che si sa, sono ancora presenti e ospitate in piscine sotterranee, dal 1968 circa, sessantaquattro barre di combustibile irraggiato provenienti dal reattore nucleare di Elk River (Minnesota, Usa), mai trattate, per un totale di 72 chili di uranio e chili di torio. Secondo l autorevole settimanale italiano Panorama, la capacità potenziale complessiva dei circa 3mila metri cubi di rifi uti radioattivi della Trisaia si aggira intorno a miliardi di becquerel, dal momento che nei capannoni dell Itrec sarebbero conservati 8mila bidoni di materiale radioattivo, ai quali potrebbero aggiungersi altri 700 fusti ad elevata attività radioattiva. (Giovanni Scandiffi o) e conservazione delle scorie nucleari. Ma, in fi n dei conti, il trasferimento, coatto ed immediato, a Scanzano delle scorie raccolte nei tanti siti nazionali eleverebbe enormemente lo stesso fattore di rischio terrorismo: la concentrazione delle scorie presso un unico deposito provvisorio, in attesa della costruzione del sito defi nitivo per un tempo sicuramente non inferiore ai cinque anni, rischierebbe di diventare, proprio per i terroristi, un obiettivo strategico di incomparabile potenza distruttiva. E ciò vale, di per sé, a dimostrare quanto lungo e scrupoloso sia stato l esame tecnico del decreto emanato e delle sue implicazioni pratiche! D altra parte l individuazione del sito di Scanzano appare, quantomeno, una scelta di ripiego. Soltanto nel giugno scorso, infatti, la Sogin, società statale deputata allo stoccaggio e allo smaltimento dei rifi uti nucleari, aveva individuato quale sito ideale per la costruzione del deposito nazionale di scorie radioattive il territorio della comunità montana di Sulcis Iglesiente, un fazzoletto di terra che si stende tra il mare e la montagna nel sud ovest della Sardegna. In quell occasione la durissima protesta della popolazione ha messo a tacere il governo. Decine di migliaia di manifestanti sono scesi in strada, una numerosa delegazione ha protestato a Roma dinanzi ai palazzi del potere. La secca opposizione delle amministrazioni locali ha fatto il resto, e di Sulcis Iglesiente non se ne è più parlato. Stessa storia per Scanzano, con il generale Jean pronto a far credere che Scanzano Jonico fosse l unico sito adatto alla destinazione prevista, dal momento che, giurano i tecnici della Sogin, non esistono altri luoghi con caratteristiche territoriali e geologiche altrettanto favorevoli. Ma c è il sospetto che la caratteristica territoriale più favorevole sia stata, a ben vedere, la scarsità di popolazione, e il conseguente, irrilevante, peso che essa riveste nello scacchiere politico nazionale. LA STORIA Il problema dello smaltimento dei rifi uti radioattivi ha cominciato ad essere un grattacapo per i governi italiani sin dal 1987, anno in cui il referendum popolare fece dell Italia un territorio declunearizzato. Le scorie radioattive prodotte dal nostro breve Medioevo atomico hanno lasciato una traccia che nessuna regione vorrebbe conservare nel proprio territorio: il suolo nelle cui viscere giace un deposito nucleare diventa inservibile, degradato, sterile. Il circondario, i comuni a ridosso delle vie di comunicazione sarebbero costretti a sopportare il passaggio continuo di trasporti su gomma ad elevatissima pericolosità. Le possibili località candidate a scontare un dazio tanto pesante erano, secondo il governo, ben duecento. Nel corso dei sedici anni di indagini furono poi ridotte a sette, ma il nome di Scanzano Jonico non venne fuori. Nel frattempo il ministro Giovanardi, rimescolando confusamente le carte, richiamò tutti ad un improbabile federalismo nucleare: ognuno per sé, Dio per tutti. Proprio in quei mesi la partita venne affi data all infl essibile ex generale Carlo Jean, nominato commissario straordinario per lo smaltimento dei rifi uti nucleari, il quale inizialmente sembrò propendere per la Sardegna, salvo poi ripiegare defi nitivamente su Scanzano Jonico. Ma nel comune materano non sembrano essersi resi conto di nulla. Intorno alle gallerie di cemento che spuntano qua e là nella frazione di Terzo Cavone, nessuno si fa vivo da anni. A quando risalgono, dunque, gli ultimi rilevamenti tecnici? Poche 8

3 certezze sull argomento: si sa che la scoperta del giacimento di salgemma è avvenuta negli anni 50. Nel 1981 il Ministero dell Industria attribuì alla Canada Northwest Spa la concessione mineraria di sfruttamento. La società canadese propose l utilizzazione della miniera come deposito per Gpl. Il secco niet del consiglio comunale mise a tacere tutti e la questione venne accantonata sino al 1987, anno in cui alla Canada Northwest Spa subentrò la società italiana Sorim, la quale ottenne, con non poche polemiche, una ulteriore concessione e nel giugno del 1999 avviò le ricerche scientifi che per lo sfruttamento del sito. Una seconda presa di posizione delle istituzioni locali, questa volta per opera della Regione, impedì lo svolgimento dei lavori, e i rilevamenti previsti non vennero mai portati a termine. Gli ultimi studi tecnici attendibili risalgono così a più di trenta anni fa. La Sogin, secondo le sue stesse fonti, prende in considerazione uno studio compiuto a cavallo tra gli anni 70 e 80. I criteri di scelta sono quelli dettati dalla International Atomic Energy Agency e sono legati alla profondità e alla presenza di materiali isolanti come argilla, granito e salgemma. Il fattore sismico e il rischio idrogeologico non compaiono quali fattori determinanti. Un particolare certo non irrilevante in una zona ad elevatissimo pericolo di terremoti e soggetta ad un lento ma continuo processo di erosione delle zone costiere. IL BRACCIO DI FERRO TRA REGIONE E GOVERNO Dal giorno stesso in cui è stato reso noto il provvedimento il governo regionale non ha perso occasione per far sentire la propria voce. La richiesta di immediato ritiro del decreto, avanzata dal governatore regionale Filippo Bubbico subito dopo la diffusione della notizia di individuazione del sito ottiene inizialmente gli effetti sperati. Il consiglio dei ministri rinuncia soltanto all immediato trasferimento delle scorie nel sito di Scanzano, ma per il resto le disposizioni erano sostanzialmente invariate. Pugno di ferro in guanto di velluto. Ma la Regione va oltre, presentando un ricorso alla Consulta per presunta illegittimità del provvedimento, che sarebbe stato assunto in violazione dell obbligo di informazione dell ente regionale e senza alcuna espressione di consenso da parte delle istituzioni locali. Sul fronte della protesta la temperatura continua a salire, e dopo il primo, decisivo bagno di folla, con un corteo che conta più di centomila presenze, la manifestazione si sposta a Roma, con un sit in dinanzi al Palazzo del Governo. Inizialmente l esecutivo sembra voler continuare per la sua strada, ma, dopo aver ignorato la presenza dei sindaci dei Comuni, accorsi in massa davanti a Palazzo Chigi, si mostra vagamente possibilista: il provvedimento non sarà ritirato, ma tra gli emendamenti da apporre al documento ce ne sarà (forse) uno che disporrà l analisi di altri siti oltre a quello lucano. Bastano ventiquattro ore a far cambiare idea ai ministri: nessuna indicazione esplicita delle località, scompare dal provvedimento il sito lucano, si forma una democraticissima commissione di esperti, che vaglierà i siti e deciderà la collocazione più adatta entro dodici mesi. Nel Metapontino si canta vittoria. Ma solo fi no alla stop del ministro Giovanardi: Scanzano rimane nella rosa dei siti candidati. Davvero credevate fosse tutto fi nito? Rifiuti tossici, abbiamo già dato! Il centro Enea La Trisaia è stato oggetto di indagini giudiziarie. Alcuni anni fa l allora Procuratore presso la Procura circondariale di Matera Nicola Pace avviò accertamenti che, anche con l ausilio di qualifi cate consulenze tecniche, evidenziarono gravi anomalie nella gestione dei rifi uti con immediate ricadute in termini di pericolo per la popolazione e per l ambiente. In particolare, veniva rilevata la gravissima situazione di rischio derivante dalla mancata solidificazione di rifi uti liquidi ad alta radioattività e dalla presenza di oltre sessanta barre di combustibile irraggiato nella piscina di stoccaggio della Trisaia. Nicola Pace, attualmente a capo della Procura di Trieste nonché esperto onorario associato all Istituto di Criminologia ambientale dell Università di Napoli, da noi interpellato sulla recente designazione di Scanzano quale sito di deposito intermedio e fi nale dei rifi uti radioattivi di produzione nazionale, ha bollato tale decisione come scelta di retroguardia e in contrasto con tutti i principi giuridici, scientifi ci e morali vigenti in materia di gestione dei rifi uti. Oltretutto - fa rilevare il Magistrato - appare improponibile e follemente rishiosa l idea di trasportare al sito nazionale, ovunque esso sia, categorie di rifi uti (come i liquidi ad alta attività) senza averli prima condizionati, ossia vetrificati o ceramizzati o altrimenti messi in sicurezza nei luoghi di partenza. Inoltre non ha senso parlare di sicurezza del sito nazionale se, nel frattempo, si trascura di sistemare adeguatamente i materiali, almeno quelli più esposti o intrinsecamente più pericolosi, negli attuali luoghi di stoccaggio. Lo stato di incuria e di abbandono dei peggiori rifi uti esistenti in Trisaia è l emblema di questa colpevole incongruenza che ha già prodotto i suoi danni, come attestano i seimila fusti di terreno decorticato dal suolo dopo l ennesimo incidente avvenuto nel centro. Vale la pena di tenere a mente, in questa materia, l ammonimento di Carlo Rubbia il nucleare presenta probabilità infi nitamente piccole di rischi infi nitamente grandi. Come dire: è diffi cile che accada, ma se accade è la fi ne! 9

4 La SOGIN S.p.A. La Sogin Spa è la società statale (ex società Enel, oggi del Ministero del Tesoro, dalla quale dipende anche l Itrec di Rotondella) presieduta dal generale Carlo Jean, alla quale il premier Berlusconi ha dato l incarico speciale di trovare una collocazione unica e defi nitiva per i circa 55 mila metri cubi di scorie delle centrali italiane, disattivate dopo il no al nucleare espresso dai cittadini con il referendum del La società, nata nel 1999, ha 700 dipendenti. Carlo Jean è stato dotato (secondo quanto scrive Sabrina Deligia in un articolo pubblicato su Liberazione il 13 giugno 2003) di poteri speciali dal Governo per trovare una equa soluzione tra imprese e militari per il caso rifi uti radioattivi. Poteri comparabili a quelli che si esercitano durante lo stato di guerra. Il generale infatti, su propria insindacabile decisione, può derogare a ben ventuno tra leggi, decreti ministeriali, circolari e contratti 10

5 di lavoro. Jean è libero di violare norme di tutela dell ambiente, di controllo delle acque, di licenze edilizie e di trasporto su strada, in mare e in ferrovia dei rifi uti pericolosi. Quando la Sogin è stata incaricata di individuare un deposito unico nazionale a prova di terremoti e di attacchi terroristici, il generale Carlo Jean ha immediatamente pensato subito alle miniere abbandonate del Sulcis, dell Iglesiente, del Sassarese ed ai poligoni di tiro di Quirra, Perdasdefogu, Capo Teulada, che attendono una nuo- va destinazione d uso, scatenando immediatamente la rivolta sull isola. Poi, la scelta è caduta sulle cave di salgemma di Scanzano jonico. Jean, tra le altre cose, per gli appalti di messa in sicurezza dei siti sceglie il metodo di affi damento diretto - si legge nell ordinanza - delle attività a soggetti in possesso dei necessari requisiti tecnico-professionali, con preferenza tra quelli che sono risultati già aggiudicatari in Sogin spa di attività analoghe, previa approvazione del commissario delegato. (G. S.) 11

6 Chi è Carlo Jean Nato a Mondovì il 12 ottobre 1936, laureato in Scienze Politiche presso l Università di Torino nel Docente di Studi strategici presso la Facoltà di Scienze Politiche della Luiss di Roma. Ha frequentato l Accademia Militare di Modena dal 1953 al 1955 e la Scuola di Applicazione di Torino dal 1955 al Ha frequentato la Scuola Superiore di Guerra italiana e francese e la XXXIV Sessione del Centro Alti Studi per la Difesa. Ha comandato il gruppo tattico Susa, componente italiana della Forza Mobile Nato, ed ha prestato servizio nelle Brigate Alpine Julia, Taurinense, Orobica. Ha comandato la Brigata Alpina Cadore. Nell attività di Stato Maggiore ha prestato servizio quale Capo Ufficio Pianificazione Finanziaria e Bilancio dello Stato Maggiore Esercito e Capo del IV Reparto dello Stato Maggiore della Difesa. Dal 1988 al 1990 è stato Direttore del Centro Militare di Studi Strategici. Dal settembre 1990 al maggio 1992 è stato Consigliere Militare del Presidente della Repubblica. 12

7 Fa parte del Consiglio Scientifi co di Limes, rivista di geopolitica italiana, da gennaio 1998 ed è membro del Comitato Scientifi co della Confindustria. È insignito della onorifi cenza di Cavaliere di Gran Croce O.M.R.I. Il 9 luglio 1998 è stato insignito dall Unesco della Medaglia d oro di Gandhi in riconoscimento del suo operato in favore della prevenzione dei confl itti nell ambito della Cultura della Pace. Dal 12 gennaio 1994 al 30 settembre 1997 è stato Presidente del Centro Alti Studi per la Difesa. Dal 1 ottobre 1997 è Rappresentante Personale del Presidente in Esercizio dell Ocse per l attuazione degli Accordi di pace di Dayton. Ha pubblicato: Guerre Stellari: società ed economia nel cyberspazio, in collaborazione con il Prof. Tremonti, Angeli 2000; Guerra, strategia e sicurezza, Laterza, (G. S.) 13

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO Tolmezzo, 27 maggio 2011 L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO G. Comini CISM Dipartimento di Energia e Ambiente Preoccupazioni Sicurezza, in quanto le centrali nucleari sono viste come un rischio per la salute

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi IL DEPOSITO NAZIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: ASPETTI GEOLOGICI ED AMBIENTALI FABIO CHIARAVALLI Direttore Deposito Nazionale

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Roberto Mezzanotte ISPRA Vercelli, 24 Marzo 2009 Prime esperienze Reattore Avogadro - Saluggia trasformato in deposito temporaneo

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad

TITOLO III. - LA STRUTTURA. 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad TITOLO III. - LA STRUTTURA a) L Assemblea Art. 14 Composizione 1. L Assemblea della Federazione si compone dei delegati delle società ed associazioni ad essa affi liate, che vi partecipano, con eguali

Dettagli

SOGIN - Profilo Istituzionale

SOGIN - Profilo Istituzionale SOGIN - Profilo Istituzionale Proteggiamo il presente Garantiamo il futuro CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Giuseppe Zollino -Presidente Riccardo Casale -Amministratore Delegato Lorenzo Mastroeni -Vice Presidente

Dettagli

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività RELAZIONE ILLUSTRATIVA I rifiuti radioattivi in Italia I rifiuti

Dettagli

Statuto della E.MAlumni Association

Statuto della E.MAlumni Association STATUTO DELLA E.MALUMNI ASSOCIATION ASSOCIAZIONE DEGLI ALUNNI DEL MASTER EUROPEO IN DIRITTI UMANI E DEMOCRATIZZAZIONE Preambolo Noi, Alunni del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione, Aspirando

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012 Sessa Aurunca Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3732 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore SERENA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 GENNAIO 1999 Istituzione di una

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2148 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ACCIARINI, FRANCO Vittoria, MODICA, PAGANO e TESSITORE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 MARZO 2003 Norme relative

Dettagli

Energia nucleare e problematiche ambientali

Energia nucleare e problematiche ambientali Energia nucleare e problematiche ambientali R. Mezzanotte, M. Altavilla Giornata di Studio: Energia nucleare nuove prospettive ed opportunità Terni, 7 Marzo 2008 Energia nucleare e problematiche ambientali

Dettagli

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Roma, 10 luglio 2012 Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata

Dettagli

I rifiuti radioattivi in Italia

I rifiuti radioattivi in Italia La disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la gestione dei rifiuti radioattivi I rifiuti radioattivi in Italia Roberto Mezzanotte Torino, 28 Gennaio 2016 Classificazione attuale ex Decreto

Dettagli

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006

TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 TESTO UNICO AMBIENTALE D.Lgs. 152/2006 Il 3 aprile 2006 è stato firmato dal Presidente della Repubblica il nuovo Decreto Legislativo in materia ambientale approvato dal Consiglio dei Ministri in via definitiva

Dettagli

Ordinanza 30 luglio 2004 Autorizzazione alla costruzione del Nuovo Parco Serbatoi presso il sito EUREX del Centro ENEA nel Comune di Saluggia (VC)

Ordinanza 30 luglio 2004 Autorizzazione alla costruzione del Nuovo Parco Serbatoi presso il sito EUREX del Centro ENEA nel Comune di Saluggia (VC) Ordinanza 30 luglio 2004 Autorizzazione alla costruzione del Nuovo Parco Serbatoi presso il sito EUREX del Centro ENEA nel Comune di Saluggia (VC) Il Commissario Delegato - Visto l art. 5 della Legge 24

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare

PROPOSTA DI LEGGE. Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare PROPOSTA DI LEGGE Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare Art. 1 1. La tutela dei diritti individuali e collettivi degli

Dettagli

VERSO IL DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: L INIZIO GIUSTO?

VERSO IL DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: L INIZIO GIUSTO? Quaderno VERSO IL DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: L INIZIO GIUSTO? a cura di Ing. R. Mezzanotte commissione Ingegneria nucleare visto da Ing. A. Taglioni Ing. G. De Simone Nel giugno scorso,

Dettagli

REGIO DECRETO LEGGE. R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n.

REGIO DECRETO LEGGE. R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n. REGIO DECRETO LEGGE R.D.L. 2 novembre 1933, n. 1741 1 (Gazz. Uff., 30 dicembre, n. 301). (Decreto convertito in l. 8 febbraio 1934, n. 367 ) Disciplina dell importazione, della lavorazione, del deposito

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 25 luglio 2006 Delibera n. 103/06 Determinazione a consuntivo, per l anno 2005, degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari

Dettagli

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione,

Gli Stati membri del Consiglio d Europa, firmatari della presente Convenzione, Convenzione europea per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti emendata dal Protocollo n. 1 (STE 151) e dal Protocollo n. 2 (STE 152) Strasburgo, 26 novembre 1987

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

Informazione e coinvolgimento dei cittadini

Informazione e coinvolgimento dei cittadini Informazione e coinvolgimento dei cittadini IL DEPOSITO NAZIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: ASPETTI GEOLOGICI ED AMBIENTALI FEDERICO COLOSI Direttore Relazioni Esterne - Sogin COSA SANNO

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995)

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995) Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del ottobre 995) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE DEL TICINO visti il messaggio

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi di Giancarlo Bolognini* In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari; la maggior parte di esse

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario

Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario Regolamento per il Servizio di Ispettore Ambientale Volontario I n d i c e Articolo 1 Finalità ed Istituzione pagina 3 Articolo 2 Definizione Ispettore Ambientale Volontario pagina 3 Articolo 3 Volontarietà

Dettagli

La guerra (taciuta) dell aria

La guerra (taciuta) dell aria La guerra (taciuta) dell aria Ogni anno 67.921 morti invisibili per lo Stato Ogni anno 43 miliardi di euro l anno di costi L inquinamento ci costa 2.5 punti di PIL Lo studio sulla qualità dell aria e la

Dettagli

ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI

ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI 1. La Pubblica Amministrazione può agire mediante atti amministrativi e mediante

Dettagli

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali

Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali Div. XII decreto n. 1986/05 Il Ministro delle Politiche Agricole e Forestali VISTA la legge 06 febbraio 2004, n. 36 concernente il nuovo ordinamento del Corpo Forestale dello Stato; VISTI i decreti in

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

NA NUOVA GIOVINEZZA. Icircoli della qualità possono avere oggi una nuova giovinezza, in. PER I CIRCOLI DELLA QUALITà

NA NUOVA GIOVINEZZA. Icircoli della qualità possono avere oggi una nuova giovinezza, in. PER I CIRCOLI DELLA QUALITà Un modo nuovo per introdurre l empowerment I PARTE U NA NUOVA GIOVINEZZA PER I CIRCOLI DELLA QUALITà Ing. Gianni Cuppini Presidente della Cubo Società di Consulenza Aziendale Srl Icircoli della qualità

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

I risultati della sperimentazione sono positivi, le imprenditrici e le co-manager ne parlano così:

I risultati della sperimentazione sono positivi, le imprenditrici e le co-manager ne parlano così: PREMESSA Alterego è un progetto gestito da Nuovo Cescot Emilia Romagna, il centro di formazione e sviluppo di Confesercenti. Confesercenti ha promosso questo progetto e sperimentato il servizio di sostituzione

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI

ALBO REGIONALE DEI PERITI, DEGLI ISTRUTTORI E DEI DELEGATI TECNICI L.R. 08 Gennaio 1986, n. 8 Istituzione dell' albo regionale dei periti, degli istruttori e dei delegati tecnici per il conferimento di incarichi connessi ad operazioni in materia di usi civici (1) TITOLO

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Campagna Energia per la vita

Campagna Energia per la vita Campagna Energia per la vita CreaFuturo c/o Acli cremona@acli.it c/o AmbienteScienze info@worldwewant.org VISITA UNO DI QUESTI SITI E FIRMA E FAI FIRMARE www.worldwewant.org (pulsante su homepage a sinistra

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI

INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI DEL COMITATO FISSIONE NUCLEARE DELLA COMMISSIONE EUROPEA L ENERGIA NUCLEARE FA ANCORA PAURA? BIOGRAFIA Piero Risoluti è attualmente l esperto nazionale italiano nel Comitato

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Ordinanza sul Fondo di disattivazione e sul Fondo di smaltimento per gli impianti nucleari

Ordinanza sul Fondo di disattivazione e sul Fondo di smaltimento per gli impianti nucleari Ordinanza sul Fondo di disattivazione e sul Fondo di smaltimento per gli impianti nucleari (Ordinanza sul Fondo di disattivazione e sul Fondo di smaltimento, OFDS) del Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri

Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri AGGIORNAMENTO Comitato per una Civiltà dell Amore ENRICO CERRAI GPNP Energia e risorse per un uso Razionale Nell era di

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico

Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico Luigi De Paoli, Università Bocconi, Milano RITORNO AL NUCLEARE. Conviene? Risolve? Convegno promosso da Parlamentari

Dettagli

CHE COS E UN DISEGNO E MODELLO ORNAMENTALE Estratto del R.D. 25/08/1940 n.1411

CHE COS E UN DISEGNO E MODELLO ORNAMENTALE Estratto del R.D. 25/08/1940 n.1411 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA UFFICIO BREVETTI E MARCHI - ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI REGISTRAZIONE PER DISEGNO E MODELLO ORNAMENTALE CHE COS E UN DISEGNO E MODELLO ORNAMENTALE

Dettagli

Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990)

Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990) Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990) 5.1.4.3 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 15 novembre 1989 n. 3528 del Consiglio di Stato, d e c

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 UFFICIO PROPONENTE: U.T.C. SERVIZI AMBIENTALI Servizi Ambientali Oggetto: MODALITA' DI RACCOLTA DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E BENI DUREVOLI DI ORIGINE DOMESTICA IL

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Comune di Caprese Michelangelo

Comune di Caprese Michelangelo Firenze, 5 ottobre 2012 Comune di Caprese Michelangelo Gestione del Campeggio Michelangelo e del Museo Michelangiolesco Il Comune ha 30 giorni di tempo per sanzionare le violazioni di legge commesse nella

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3

Art. 1. Art. 2. Art. 3 1 ATTO DI ORGANIZZAZIONE RELATIVO ALLA SCUOLA REGIONALE DI POLIZIA LOCALE ED ALL OSSERVATORIO REGIONALE DI POLIZIA LOCALE DI CUI ALLA L.R. 2 AGOSTO 1997, N. 83 (Approvato con DGR n. 883 del 10.10.2001

Dettagli

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia.

STATUTO CON SEDE IN VENEZIA. Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione. Art. 2. La Deputazione ha personalità giuridica e sede in Venezia. STATUTO DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LE VENEZIE CON SEDE IN VENEZIA Carattere, scopo, sede e mezzi della Deputazione Art. 1. La Deputazione di storia patria per le Venezie è un associazione che

Dettagli

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA Sommario: 1. Premessa. 2. Il modo di scelta per l affidamento del servizio. 3. I requisiti generali. 4. Le regole particolari per la partecipazione alle gare de quibus.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO IN SCIENZE DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Dettagli

INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI

INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI DOCENTE DI FISICA DEI NEUTRONI NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA ENERGIA NUCLEARE UNA SCELTA ETICA E INDIFFERIBILE CURRICULUM Franco Casali si è laureato in Fisica, nel 1959,

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile (Ordinanza sugli addetti alla sicurezza, OSAS) del 15 giugno 2001 (Stato 1 gennaio

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

La verità sulle immissioni in ruolo del Ministro Moratti

La verità sulle immissioni in ruolo del Ministro Moratti La verità sulle immissioni in ruolo del Ministro Moratti Il Ministro ha ripetutamente affermato di: avere effettuato oltre 150.000 immissioni in ruolo nella scuola avere provveduto ad un numero di assunzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Government Accountability Office Stati Uniti d America Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Government Accountability Office Stati Uniti d America Sicurezza energetica Per decenni gli Stati Uniti e

Dettagli

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile

741.622 Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile Ordinanza sugli addetti alla sicurezza per il trasporto di merci pericolose su strada, per ferrovia e per via navigabile (Ordinanza sugli addetti alla sicurezza, OSAS) del 15 giugno 2001 (Stato 19 dicembre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VACCARO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VACCARO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 504 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VACCARO Modifiche alla legge 30 dicembre 2010, n. 238, in materia di incentivi fiscali per

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI CORSO DI FORMAZIONE SU: LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DEI SITI Firenze, 4-12-18-25 giugno 2013 (14,30-18,30) Auditorium C. Ridolfi c/o Banca CR Firenze Via Carlo Magno, 7 PRESENTAZIONE Il corso

Dettagli

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm Pagina 1 di 5 Legge sulle attività private di investigazione e di sorveglianza (dell 8 novembre 1976) 1.4.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 10 aprile 1974 n. 1958

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas.

Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas. Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas. venerdì 27 settembre 2013, 13:13 di Lorenzo Pasqualini Lo sciame sismico al largo del Golfo di Valencia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MAZZOCCHIN, CASTELLANI. Istituzione dell Osservatorio nazionale per l astronomia alle Canarie (ONAC)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MAZZOCCHIN, CASTELLANI. Istituzione dell Osservatorio nazionale per l astronomia alle Canarie (ONAC) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3153 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MAZZOCCHIN, CASTELLANI Istituzione dell Osservatorio nazionale per l astronomia alle Canarie

Dettagli

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti?

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? DOMANDE FREQUENTI Palermo, Largo Esedra nr.3, tel. 091 6254431 ONLUS 1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? Le Università sono pubbliche o private riconosciute dal

Dettagli

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente Città di Benevento Ufficio Ambiente REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente INDICE ARTICOLO 1 Campo di applicazione ARTICOLO 2 Finalità ARTICOLO 3 informazioni e comunicazioni all utente ARTICOLO

Dettagli

Guida Somministrazione e Commercio Alimenti e Bevande

Guida Somministrazione e Commercio Alimenti e Bevande Guida Somministrazione e Commercio Alimenti e Bevande Aprire un nuovo locale o una nuova attività, anche se si tratta di un e-commerce di prodotti alimentari, non è certo una cosa semplice. Ci vuole passione,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM CAPO I DISPOSIZIONI COMUNI ART. 1 Tipologie 1. L Università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 114 del Regolamento per l amministrazione,

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Milano, 12 dicembre 2014 Emanuele Fontani Amministratore Delegato Nucleco 1 SOMMARIO o Gruppo Sogin o Nucleco o Il decommissioning degli impianti nucleari

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

Rilancio della cartografia geologica

Rilancio della cartografia geologica Silvio Seno Presidente Federazione Italiana di Scienze della Terra 1 Rilancio della cartografia geologica 7 th Euregeo, Bologna - Conferenza stampa 14 giugno 2012 2 Premessa 3 Perché ci servono informazioni

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone Produzione di CO2 da fonti energetiche fossili e non fossili Produzione specifica di CO 2 da centrali a combustibili fossili Produzione specifica di CO 2 da diversi mix energetici Ruolo dell energia nucleare

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli