Il punto. La crisi che pre-occupa. Brescia Via Folonari 20 - Tel Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il punto. La crisi che pre-occupa. Brescia Via Folonari 20 - Tel. 030 37291 Fax 030 3729215 - www.cgil.brescia.it"

Transcript

1 Il punto CGIL Brescia Via Folonari 20 - Tel Fax La crisi che pre-occupa Non vorremmo sembrare anti italiani ma torniamo a parlare di crisi. Il fatto è che chi lo scorso anno ha continuato a dire che la crisi non c era, salvo poi affermare che «lo aveva previsto prima degli altri», è lo stesso che quest anno si affretta a sentenziare che ora ne siamo già usciti. Purtroppo non sarà così. I dati sulla cassa integrazione lo confermano, quelli sulla disoccupazione anche. Anzi, se il Pil è sceso di cinque o sei punti e le previsioni più ottimistiche dicono che torneremo ai livelli dello scorso anno fra tre o quattro anni, temiamo che licenziamenti e disoccupati, o inoccupati, ce ne saranno presto di più. In questo numero del Punto raccontiamo dei presidi fuori dalle fabbriche in crisi: l Ideal Standard innanzitutto, ma anche quelle più trascurate dai media come l Atc di Rodengo, la Veros di Cologne, la Federal Mogul di Desenzano, la Mac di Brescia. Non è facile trascorrere le giornate davanti a un cancello di una fabbrica. Queste persone vorrebbero continuare a lavorare. E vorrebbero che si parlasse di più di che futuro si vuole per il nostro territorio. Con loro ci sono anche tanti interinali scomparsi, o i precari della scuola. O i tanti che un lavoro ce l hanno ma hanno sempre più diffi coltà ad avere riconosciuti dei diritti. La vicenda dei lavoratori della cooperativa dell aeroporto di Montichiari, ne parliamo a pagina sette, insegna. Questo «Punto» non è né allegro né tranquillizzante, ma è bene dare voce a certe situazioni. Convinti che il conoscerle sia il modo migliore per costruire un futuro diverso. «È dura: c è la rabbia che ti hanno chiuso una fabbrica competitiva. C è che ti hanno tenuto a bagnomaria per 80 giorni. E poi c è anche la consapevolezza di aver perso il posto di lavoro». È quello che dicono i lavoratori fuori dai cancelli di via Milano. Prima il presidio dal 2 luglio, poi l occupazione della fabbrica da martedì 22 settembre. In mezzo iniziative di solidarietà, concerti, spiedi. Siamo all Ideal Standard, storica azienda bresciana che fa sanitari, lavandini e water se si preferisce, ora in dismissione. Dentro i capannoni, 50mila metri quadrati, c è il deserto. O meglio, è tutto fermo ma gli operai in occupazione ci sono, vanno avanti e indietro dai cancelli, si danno il cambio alle entrate principali. Foglio della Camera del Lavoro di Brescia - Ottobre 2009 Si sono organizzati a turni, come quelli lavorativi: alle entrate principali, gli addetti alle pulizie, alla cucina. E nel reparto, proprio a pochi passi da quel forno che la proprietà voleva chiudere e che ha dato la molla all occupazione. «Eravamo in presidio a Bassano quando abbiamo saputo che volevano spegnere il forno ricorda Ivan Maltempi, delegato Rsu per la Filcem Cgil -: la decisione di occupare è stata immediata e presa all unanimità». Il forno spento gli operai l hanno vissuto come una provocazione: un po perché spegnerlo pochi giorni prima di un incontro al ministero dice molto di come avrebbe dovuto essere la trattativa per l azienda, un po perché quello è un forno particolare.non lo spegni e non lo riaccendi dalla sera la mattina. Gli altri due che ci sono sì, ma quello no. Ha sessant anni, è lungo 100 metri, è fatto in modo particolare, funziona ancora benissimo. Quando decidi di spegnerlo lo abbassi di 50 gradi per volta e i tiranti vanno regolati in ogni momento. Insomma, andare da 1200 gradi a zero ce ne vuole e se si decide di spegnerlo è un po come una fiammella che viene meno. Un operaio racconta che solo lo scorso anno erano

2 stati fatti otto modelli nuovi e che, insomma, non è che si stava ad aspettare la crisi o che «il mercato ti mangiasse». C anche chi la storia te la mette così: a fare un water in Cina costa 4 euro, più altri quattro per il trasporto. Farlo all Ideal costa 24 euro e mezzo. Tutti e due, si badi bene, vengono dati al rivenditore a 67 euro in media, che poi diventano 250 euro per il consumatore finale. Otto euro quello cinese, 24 e passa quello nostrano: non c è partita. E così in Cina i lavoratori hanno le condizioni di lavoro che hanno, all Ideal si decide di chiudere e il consumatore finale continua a pagare la stessa cifra. Ma non è solo quello, anzi. Rispetto al contesto italiano ed europeo, l Ideal di Brescia è più che competitiva. È che l azienda ha deciso di tagliare e non sente ragioni. Né da parte delle istituzioni, né da parte di nessuno. Ci sono 50mila metri quadrati a pochi passi dal centro e in parte c è l Ideal Clima che ha chiuso i battenti poco prima ed era su un area da 70mila metri quadrati. Queste sono le domande che girano. Resta quest azienda che dice: 40 a Bassano, 10 col bonus, 18 in mobilità, 30 in Europa (Inghilterra, Repubblica Ceka e Bulgaria) e 25 a Pordenone. Fatta la somma sono addirittura più dei 119 addetti (più undici interinali) dell Ideal Standard e già questo dice della serietà della proposta. Già, l azienda: la proprietà e di un fondo di investimento americano, la Bain Capital, che ha una sede a Bruxelles per l Europa, una a Milano per l Italia e un paio di ingegneri che si occupano della trattativa. Questo dicono i lavoratori mentre sono fuori dai cancelli. Ivan Maltempi ha cinquant anni, una moglie e un paio di figli, il secondo ancora in casa. Ha finito di pagare il mutuo, guadagna 1500 euro al mese con notturni e domenicali. Senza quelli la media sarebbe sui 1.200/1.300 euro al mese. Non si lamenta perché pensa ai tanti che «in giro magari prendono 800 euro al mese e non hanno neanche un diritto». Certo è che ora anche in una fabbrica storica e sindacalizzata il «diritto al lavoro» sta venendo meno. E in tre mesi di presidio conosci tante storie, aumenta la confidenza, ci si racconta i problemi. E c è chi il mutuo lo sta ancora pagando, o chi ha dei figli e vorrebbe mandarli all università. Atc di Rodengo, Veros di Cologne, Federal Mogul di Desenzano, Mac di Brescia Vite da presidio Si fanno i turni e si organizzano come al lavoro. Giocano a carte e qualche volta gira un salame o c è addirittura uno spiedo. Viaggio tra i presidi «noiosi ma necessari», in corso da settimane, dei lavoratori delle fabbriche in crisi. In tutto settecento e passa posti di lavoro a rischio Quando vedi le bandiere del sindacato sui cancelli dell azienda capisci che le cose non vanno bene. E in effetti è proprio così: a Rodengo parlano dei manager come di cavallette, «vengono, mangiano quello che c è da mangiare e poi se ne vanno»; a Cologne invece sono un po incazzati perché non prendono lo stipendio con regolarità; a Desenzano invece hanno paura che gli portino via i macchinari di notte e se li mettano in Polonia. Tre paesi della provincia, tre aziende in difficoltà e centinaia di persone che rischiano di perdere il posto di lavoro. La crisi economica c è, così come il calo della domanda e tutto quello che si vuole, ma ogni crisi aziendale ha la sua storia particolare. E particolari sono tutte le storie di ognuno degli operai di queste aziende. Che in questi giorni sono fuori dai cancelli, presidiano gli ingressi delle aziende, passano giorni e notti sotto i gazebo, attendono con ansia delle risposte e hanno tanto voglia di parlare e di far sapere come sono messi. A Rodengo Gianfranco Orizio, delegato Fiom di 53 anni, racconta gli ultimi mesi dell Atc Cometal, 143 dipendenti solo nel sito bresciano. Dalle sue parole, ma anche da quelle dei colleghi, par di capire che la crisi c entra qualcosa ma c entra soprattutto il modo in cui è stata gestita l azienda negli ultimi anni. Male. «Eravamo leader mondiali del nostro settore fino a qualche anno fa racconta un operaio -, poi con la nuova gestione sono iniziati i problemi». L azienda ha qualche decina di milioni di euro di debito e non si sa bene come ne verrà fuori. Fuori dai cancelli ti spiegano le varie ipotesi che ci sono in campo tra fallimenti, cessioni di qualche pezzo e banche creditrici che si devono mettere d accordo. La sostanza è che i 143 dipendenti sono a rischio posto di lavoro. E la sintesi tra cattive gestioni, crisi globale e riforma del welfare la fa Giandomenico Bondioli, tecnico di 55 anni: «Ero quasi pronto per la pensione, poi mi hanno detto che 35 anni di lavoro non bastavano più e dovevo 2 Il punto

3 farne altri cinque. Va bene, mi sono detto, però almeno fatemeli fare. Qui invece è come se mi avessero spostato il traguardo e poi, non contenti, mi hanno pure bucato le gomme». Giancarlo, 34 anni, alla pensione non ci pensa. Pensa invece alla moglie, ai due figli da mantenere e ai lavori alternativi possibili, «tutte cose a chiamata o precarie». Alla Veros di Cologne, azienda che fa costruzioni meccaniche per macchine movimento terra (ruspe) sono in 60 dipendenti e non prendono lo stipendio con regolarità. Lo ricorda uno striscione appeso fuori dai cancelli: prima c era scritto «quasi quattro mesi», poi i quattro mesi sono passati e hanno messo una barra sul «quasi». Sono quasi tutti giovani, l età media è molto bassa, arriva a malapena a 30. Forse è anche per questo che prima dello scoppio di questa crisi non erano molto sindacalizzati. L azienda è in «gestione passiva con sette otto milioni di debiti», racconta un operaio. Il quale aggiunge: «Abbiamo sempre collaborato. Non è che appena non ci hanno pagato siamo scesi subito in sciopero, abbiamo tirato per un po. Ma quando vedi che ti dicono balle sulla situazione reale, che lavori e non prendi lo stipendio come fai a continuare? Ti senti preso in giro». Qualcuno usa espressioni più colorite ma la sostanza che tra affitti (o mutui) e bollette da un lato e mancati stipendi dall altro la situazione è diventata «insostenibile». Nel giro di pochi anni l azienda è passata da una quindicina di operai a quasi 120, una quarantina dei quali interinali. Quelli sono già stati lasciati a casa da un pezzo. Ora ne sono una sessantina, una ventina dei quali immigrati. Le prospettive non sono buone. Le ultime dicono che a breve verranno pagati un paio di mesi di arretrati, poi si vedrà. A Desenzano altro presidio, questa volta davanti ai cancelli della Federal Mogul, multinazionale nel settore dell automotive, fino a un anno fa 215 dipendenti, ora scesi a 196. È da un anno e passa che le cose non vanno bene ed è recente la notizia dell annunciata chiusura dell attività del sito di Desenzano a fine dicembre. I lavoratori non ci stanno, si sono messi di traverso e dicono che in quest area, Federal Mogul o meno, deve restare un attività produttiva. «Noi diciamo no a cambi di destinazione dell area», afferma Usmaro Bacchi, 41 anni, sposato e con due figli di 7 e 10 anni. Già, siamo a Desenzano e qualcuno pensa che la devastazione del territorio sul lago non basti ancora e crede quindi che 30mila metri quadri possano servire per ospitare palazzine e negozi. Anche a questo si oppongono i lavoratori: all idea che chiudano le aziende. E che le multinazionali possano aprire e chiudere siti produttivi come, quando e dove vogliono. «Noi vogliamo lavorare», sintetizza Usmaro. Beppe De Vecchi aggiunge: «Mantenere il sito è importante. Per i lavoratori ma anche per tutto il sindacato perchè è una risposta alle multinazionali che pensano di avere gioco facile qui in Italia». In città il presidio è iniziato da diversi giorni alla Mac, 154 dipendenti, sito Iveco. La proprietà punta a chiudere e a trasferire tutto quanto a Chivasso. Lavoratori e sindacato non sono d accordo e presidiano i cancelli. Il reparto era già stato terziarizzato dalla Fiat nel 1999 e c era l impegno, che ora si vuole disattendere, a riassoribire i lavoratori nel gruppo Fiat in caso di crisi. All Iveco, intanto, prosegue la cassa integrazione e dopo il cambio delle linee è stato spostato in avanti il rientro graduale dei lavoratori. Di segni di ripresa, al momento, non ce ne sono. Metalmeccanici, uno sciopero difficile ma necessario Il 9 ottobre in piazza a Milano, Roma e Napoli. Al centro dell iniziativa il no ai licenziamenti e l unità dei lavoratori. Venerdì 9 ottobre sciopero di 8 ore dei lavoratori e delle lavoratrici del settore metalmeccanico: a deciderlo la Fiom Cgil dopo che a metà settembre Federmeccanica ha annunciato lʼintenzione di proseguire il negoziato sul rinnovo del contratto solo sulla piattaforma di Fim e Uilm. Una decisione grave, che potrebbe portare allʼapprovazione di un accordo non condiviso dal maggiore sindacato (la Fiom ha oltre il 50 percento degli iscritti della categoria) e senza prevedere tra lʼaltro alcun voto tra i lavoratori. Da qui la decisione di proclamare la giornata di sciopero, con manifestazione a Milano per quanto riguarda il Nord Italia, con la messa al centro dei punti centrali della piattaforma Fiom: sospensione dellʼapplicazione del sistema di regole definito nellʼaccordo separato del gennaio scorso; blocco dei licenziamenti e apertura di un confronto sulla struttura industriale del nostro paese; richiesta congiunta al governo per lʼestensione degli ammortizzatori sociali e defiscalizzazione degli aumenti del contratto nazionale, soluzione transitoria di accordo economico che tenga conto di tutte le piattaforme. In vista dello sciopero dei Metalmeccanici del 9 ottobre la segreteria della Camera del Lavoro, lo Spi e la Fiom hanno organizzato alcune assemblee pubbliche nelle varie zone. Tra queste, segnaliamo: BRESCIA 6 OTTOBRE presso la Casa del Popolo Via Risorgimento 18 ore 20,15 GARDONE V.T. 6 OTTOBRE presso sala Comunità Montana Via Matteotti ore 20,15 FLERO 7 OTTOBRE presso sala Consigliare Piazza 4 Novembre ore 20,15 Il punto 3

4 Lombardia, due imprese su tre irregolari In Lombardia il 66% delle imprese ispezionate ha fatto registrare irregolarità di varia natura. È il dato che emerge dallʼanalisi dellʼattività di vigilanza nel primo semestre Trentaduemila i lavoratori cui si riferiscono irregolarità di vario genere e quelli completamente in nero. Unica nota positiva, si fa per dire, è il recupero di 155 milioni di euro per le casse pubbliche. «La piaga del lavoro sommerso, irregolare, nero e grigio continua a dilagare in Lombardia e lʼapertura dei cantieri per la realizzazione delle opere relative allʼexpò 2015 potrebbe far peggiorare la situazione», osserva Fulvia Colombini della segreteria regionale della Cgil. Una piaga destinata a crescere dopo lʼapprovazione del pacchetto sicurezza che introduce il reato di clandestinità. Per i lavoratori stranieri non comunitari che perdono il posto di lavoro a causa della crisi, si apre il problema del mancato rinnovo del permesso di soggiorno. Con il permesso scaduto si viene considerati clandestini, quindi preda di sfruttamento e lavoro sommerso. Inoltre, in questo periodo di crisi il lavoro nero diventa particolarmente nefasto, perché oltre ad essere fuori dalla legalità, a produrre danno e dumping sociale, nega anche la possibilità a chi lo svolge di usufruire degli ammortizzatori sociali di sostegno al reddito e dei percorsi di politiche attive. Irregolarità nel lavoro significa anche svolgere un lavoro meno sicuro con maggiori probabilità di incorrere in infortuni. Ammortizzatori sociali: è ora di cambiare La crisi in corso evidenzia i limiti del sistema italiano di welfare CONTRATTO DI SOLIDARIETÁ CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA TIPO REQUISITI DURATA IMPO CASSA INTEGRAZIONE STRAORDINARIA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI IN DEROGA INDENNITÁ DI MOBILITÁ INDENNITÁ DI MOBILITÁ IN DEROGA DISOCCUPAZIONE ORDINARIA PRIMI 6 MESI 60% della retribuzione seguenti 2 mesi 50% della retribuzione restanti mesi 40% della retribuzione DISOCCUPAZIONE A REQUISITI RIDOTTI primi 120 giorni 35% della retribuzione giorni successivi (max 180) 40% della rtetribuzione DISOCCUPAZIONE IN DEROGA Operai - impiegati - Quadri - soci di Coop - Titolari di Contr. Form. Lavoro e di Contratto di solidarietà. x Aziende con più 15 dipendenti - Operai - impiegati - Quadri - soci di Coop - Titolari di Contr. Form. Lavoro e di Contratto di solidarietà x Aziende con più 15 dipendenti - Operai - impiegati - Quadri - soci di Coop - Titolari di Contr. Form. Lavoro e di Contratto di solidarietà x Aziende escluse normalmente dalla cigs possono usufruire i lavoratori subordinati compresi i contratti di Somministrazione i lav. in Apprendistato. Alla Cig in deroga vi accedono i lavoratori esclusi dalla Disoccup.in deroga. x Aziende con più 15 dipendenti Operai - impiegati - Quadri - soci di Coop - Titolari di Contr. Form.Lavoro e di Contratto di solidarietà. Anzianità aziendale di almeno 12 mesi di cui 6 di effettivo lavoro Previsto per lavoratori esclusi dalla L.223/91 Indennità Mobilità. Attivato dall accordo Governo - Regioni - Parti sociali. Stessi requisiti previsti per la Mobilità ordinaria Operai - impiegati -Quadri-soci di Coop- Titolari di Contr. Form. Lavoro e di Contratto di solidarietà. Bisogna avere almeno 1 contributo versato nei 2 anni precedenti il licenziamento ed almeno 1 anno di contributi negli ultimi 2 anni precedenti la disoccupazione Operai - impiegati - Quadri - soci di Coop - Titolari di Contr. Form. Lavoro e di Contratto di solidarietà. Bisogna avere almeno 1 contributo versato nei 2 anni precedenti il licenziamento ed almeno 78 giornate di lavoro nell anno di riferimento lavoratori sospesi (anche Apprendisti) di aziende che non hanno Cig e Cigs. Intervento Ente bilaterale o fondo Interprofessionale per il 20%. durata max di 2 anni DA 3 A 12 MESI Mesi x Crisi Aziendale 24 Mesi + 24 Riconversione Ristrutturazione Aziendale fino a max 12 mesi Dare immediata disponibiltà ad intraprendere un percorso formativo o di riqualificazione. Tale periodo non rientra nel computo del limite max dei 36 mesi della CIG ex L.223/91 meno di 40 anni mesi da 40 a 50 anni mesi oltre 50 anni mesi fino a max 12 mesi Totali (Lombardia). Comprensivi di eventuali periodi di Cig in deroga. Dare immediata disponibiltà ad intraprendere un percorso formativo o di riqualificazione. meno di 50 anni mesi dai 50 anni in su mesi 360 giorni meno i giorni lavorati nell anno di riferimento max 90 giorni la misura dell retribuzione per (80% da quand pacchetto anticr lordi lordi lordi lo primi 12 mesi Mesi successivi Primi 12 mesi (da ridurre del 5 Tetto massimo d Tetto massimo d Importi pari a d 4 Il punto

5 La lunga e sempre più grave crisi occupazionale che sta colpendo i lavoratori della nostra provincia e dell intero Paese sta anche drammaticamente evidenziando i limiti del sistema italiano di ammortizzatori sociali. Da tempo la Cgil ritiene che occorra garantire un sistema universale di tutele dei lavoratori, ispirato al principio e all obiettivo che il lavoro RTO MASSIMO integrazione è pari al 60% della sa o sarà approvato il decreto attuativo isi) sile fino a 1.917,48 rdi lordi (da ridurre del 5.84%) 709,05 (senza riduzioni) 886,31 lordi.84%) i indennità corrisposta 886,31 sile fino a 1.857,48 lordi i indennità corrisposta 858,58 isocc. Ordinaria o a Requisiti Ridotti IMPORTO MINIMO sile superiore a 1.917,48 lordi 1.065,26 lordi sile superiore a 1.917,48 lordi 1.065,26 lordi sile superiore a 1.917,48 lordi 1.065,26 lordi sile superiore a 1.917,48 lordi primi 12 mesi 1.065,26 lordi (da ridurre del 5.84%) Mesi successivi 852,21 (senza riduzioni) Primi 12 mesi 1.065,26 lordi (da ridurre del 5.84%) sile oltre 1.917,48 Tetto massimo corrisposto 1.065,26 sile oltre 1.857,48 Tetto massimo corrisposto 1.031,93 vada difeso e salvaguardato e non eliminato con facilità in caso di difficoltà delle aziende. La crisi ha inoltre mostrato a tutti le conseguenze della devastazione del mercato del lavoro causata dalle leggi della precarietà e soprattutto dalla legge 30: è davvero intollerabile che i lavoratori assunti con meno diritti contrattuali, alla specifica condizione di subalternità loro riservata nei luoghi di lavoro debbano sommare la mancanza di tutele una volta rimasti disoccupati. E a questo bisogna aggiungere che è del tutto irrazionale oltre che ingiusto un sistema che eroga o non eroga provvidenze e integrazioni al reddito in base alle dimensioni e alle tipologie settoriali delle imprese. Da qui la necessità di uguaglianza nelle tutele e nei diritti in materia di ammortizzatori sociali, che devono diventare un aspetto qualificante dello Stato sociale. I capitoli principali di una radicale riforma sono: priorità ai contratti di solidarietà, cassa integrazione effettivamente pari all 80% della retribuzione perduta per tutti i lavoratori alle dipendenze (anche in forma di collaborazione), possibilità di formazione, politiche idonee per una reale ricollocazione dei lavoratori, incremento dei trattamenti di disoccupazione, istituzione del reddito minimo di inserimento, estensione dei benefici e del finanziamento del sistema così riformato alle imprese oggi escluse. Ma il governo persegue tutt altri obiettivi e nell ultimo anno è intervenuto con leggi e provvedimenti insufficienti (non è stata sinora accolta nemmeno la nostra richiesta di raddoppiare le settimane di cassa ordinaria) e che hanno la caratteristica di accentuare la frammentazione e le differenze di trattamento. È con questa impostazione corporativa invece che universalistica che ad esempio l erogazione dei trattamenti di disoccupazione è stata condizionata ad un intervento integrativo degli Enti bilaterali, mentre una logica di messa in discussione dei diritti nazionali ha ispirato la destinazione delle risorse europee per la formazione alla strutturazione della cassa integrazione in deroga su base regionale. E queste politiche sono ancora più preoccupanti considerando la decisione del governo di presentare una legge finanziaria 2010 che non prevede risorse per rafforzare gli ammortizzatori sociali e per sostenere il reddito dei lavoratori. Naturalmente la Cgil non rinuncia alla sua rivendicazione di uno Stato sociale che abbia al suo centro una forte protezione del lavoro e dell occupazione, ma agisce nel contempo per un uso corretto e sempre finalizzato alla massima difesa dei lavoratori degli strumenti oggi disponibili, dei quali pubblichiamo di seguito un sintetico e schematico promemoria relativo ai requisiti, ai criteri di concessione, alle prestazioni. Cassa integrazione, in Lombardia segnali sempre negativi In Lombardia le ore autorizzate di cassa integrazione nel periodo gennaio-agosto 2009 sono aumentate del 465% rispetto allo stesso periodo dellʼanno scorso. È quanto emerge dai dati presentati ieri dalla Cgil regionale. Nel dettaglio, la cassa ordinaria è salita dellʼ858%, mentre quella straordinaria ha segnato un +200%. Il settore maggiormente coinvolto è quello industriale (ordinaria più 907% e straordinaria più 187%). Più in particolare si osserva la grave difficoltà del metallurgico, con un incremento sul corrispondente periodo del 2008 (gennaio-agosto) pari a un più 2.083%. Gli altri comparti che presentano una grave crisi, anche se non comparabile al settore metallurgico, sono il legno (+800), la meccanica (+951), la lavorazione dei metalli (+523, la chimica (+532). A livello territoriale Lecco (1.460%), Cremona (1.079), Lodi (851), Brescia (724), Mantova (711) e Como (675) sono le province più coinvolte dalla cassa integrazione. I licenziamenti, in totale, nel periodo gennaio-settembre 2009 sono , con un aumento del 67% in rapporto allo stesso periodo del Si tratta di lavoratori (+18,90%) con indennità di mobilità e di (+119%) con indennità di disoccupazione. Mancano ovviamente tutti quei lavoratori precari che possono usufruire di indennità a requisito ridotto che potranno fare domanda solo a partire dal prossimo mese di marzo. E la caduta della produzione industriale, se prolungata, porta in sé una prossima forte contrazione dellʼoccupazione. Il punto 5

6 La scuola in saldo Vademecum per capire dove sta andando la scuola pubblica. Solo a Brescia in con il contratto a tempo determinato Tagli, organici, precari: sono tanti i problemi della scuola. Così tanti che viene un dubbio: mentre qualcuno lavora per ridurre la qualità della scuola (pubblica), sempre quel qualcuno agita campagne fumogene. L anno scorso era il dibattito estivo sul colore dei grembiulini, quest anno l accesa discussione se sia giusto o meno avere insegnanti che conoscono il dialetto della zona. Siamo sicuri che questa sia la strada giusta per una scuola di qualità? Risorse In tutti i paesi civili la scuola viene considerata una risorsa, un bene comune su cui investire risorse e idee. Da noi non è così e l anno scolastico inizia all insegna dei tagli: 427 milioni di euro di crediti delle scuole nei confronti del Ministero, 73 milioni di euro di tagli al funzionamento didattico amministrativo, 44 milioni di euro per il piano dell offerta formativa, 37 milioni per i corsi di recupero, 270 milioni per le ditte di pulizie, 3 milioni per la formazione del personale Qualità In provincia di Brescia, quest anno, si contano studenti e 60 classi in più. Questo significa che: o fanno 60 classi ad hoc da 50 alunni o il numero di studenti per classe è aumentato. Fa il paio con le 700 cattedre ancora vuote nella nostra provincia a inizio anno scolastico e con un corpo docenti formato per un quarto da precari. Alla faccia della continuità didattica e della programmazione. Maestro unico Le famiglie che hanno scelto le 24 ore si contano sulle dita di una mano: gli altri hanno preferito le 27, le 30 o le 40 ore. Resta da capire come sia conciliabile l aumento della richiesta di tempo pieno con la riduzione del numero di insegnanti. Per il ministro Gelmini la risposta è semplice: «tempo pieno» e «dopo scuola» sono la stessa cosa. Dal punto di vista didattico no: il tempo pieno è una modalità scolastica organizzata con metodi e strategie mirate a curare l attenzione e la crescita di tutti. L anno prossimo La riforma della scuola superiore che ci sarà l anno prossimo si segnala per la riduzione della qualità complessiva con improvvisate rivisitazioni delle classi di concorso (chi insegna cosa) e riduzione oraria degli ordinamenti funzionale innanzitutto al risparmio. Stipendi A fine anno scade il contratto nazionale. Oggi un insegnante di ruolo al suo primo incarico percepisce in media uno stipendio variabile tra i 1273 e i 1357 mensili escluse le tasse regionali. Lo stesso importo viene erogato ai docenti a tempo determinato, i cosiddetti supplenti che da anni ricoprono lo stesso posto senza vedersi riconosciuta alcuna anzianità di servizio. I nostri insegnanti sono fra i peggio pagati d Europa a fronte di un orario che in media è simile: Lo stipendio medio di un professore di scuola secondaria superiore dopo 15 anni di insegnamento è pari a euro lordi annui, tredicesima inclusa. Fosse in Germania ne guadagnerebbe 20 mila in più. In Finlandia 16 mila in più (MariaStella Gelmini). Come risparmio sul precario. Se assumo i precari la scuola fallisce. Queste le parole pronunciate dal ministro Gelmini a fine settembre. Il Ministro dell istruzione ha tenuto a precisare che non è possibile assumere 150mila persone, il problema infatti non è la stabilizzazione, ma avere una scuola di qualità. Non si riesce a capire come faccia la scuola a fallire assumendo il personale necessario per farla funzionare e tantomeno come si riesca ad assicurare qualità con le classi sovraffollate per la riduzione dei docenti. Il Governo invece di assumere decide di mantenere precario tutto quel personale che ormai fa funzionare la scuola della Repubblica. In provincia di Brescia il locale Ufficio Scolastico ha stipulato oltre 4000 contratti tra docenti e personale ATA: 300 circa a tempo indeterminato (ruolo), un numero sicuramente insufficiente, e 3600 circa a tempo determinato. ENERGIA DOMANI Secondo il dipartimento Usa per lʼenergia, nel 2020 un Kwh di energia nucleare prodotta costerà 10,2 centesimi contro i 9,9 dellʼeolico, i 9,8 del carbone e gli 8,2 del gas. Questo ipotizzando che una centrale nucleare da 1000 megawatt costi 3,3 miliardi di dollari, mentre la Florida Light&Power è arrivata a chiedere 8,2 miliardi di dollari per costruire un impianto. LAVORI SICURI Dopo i due morti dei giorni scorsi, è salito a dodici il numero di morti sul lavoro in provincia di Brescia dallʼinizio dellʼanno. Nel dire queste cose si avverte un senso di impotenza. Di vicinanza, nei confronti delle vittime e dei famigliari, di sconforto perché sembra oramai che ci resti solo la denuncia. Di più si potrebbe senzʼaltro fare. In Italia, dallʼinizio dellʼanno, ci sono stati 784 morti, 785 mila infortuni e poco meno di 20mila invalidi. Per il Governo questa non è però unʼemergenza, anzi. Ha infatti tagliato soldi e risorse ai controlli ispettivi e lo scorso luglio ha modificato negativamente alcune delle parti più avanzate del Testo Unico sulla Sicurezza (appalti, tutele individuali, diritti delle rappresentanze dei lavoratori, sistema delle responsabilità). 6 Il punto

7 Aeroporto di Montichiari un ritorno all antica Non per i 100 anni di attività, ma per le condizioni di lavoro Mancato pagamento dei contributi, buste paga inferiori ai minimi stabiliti dal contratto nazionale, ore di lavoro non pagate e soprattutto comportamento antisindacale: sono questi alcuni esempi che descrivono le condizioni dei lavoratori della «Servizi Globali», cooperativa che gestisce il carico e scarico della posta all aeroporto di Montichiari per conto di Poste italiane. A denunciarlo sono gli stessi lavoratori della cooperativa e la Filt Cgil che sta sostenendo la loro vertenza per la dignità del lavoro. Giuseppe Bottoli e Silvia Cadei, due soci della cooperativa, sono stati anche sospesi perché hanno provato a rivendicare i loro diritti. Con loro ci sono altri lavoratori e lavoratrici sospesi. «Una vera e propria scuola di antisindacalismo», ha detto uno degli avvocati che hanno preso in mano la faccenda. Che ha avuto una punta il 14 settembre, quando in occasione dello sciopero promosso dalla Filt Cgil e dalla Uilt, davanti all aeroporto i lavoratori si sono ritrovati un gruppo di energumeni con la testa rasata che invitavano ad entrare. Il tutto preceduto da pressioni fatte sui dipendenti con una falsa precettazione. Oggi il più importante business dell Aeroporto di Montichiari, senza il quale non potrebbe sopravvivere, è gestito da lavoratori le cui condizioni ricordano quelle dell inizio del secolo scorso. Altre iniziative sono però in programma, leali e di mobilitazione, dal momento che ad oggi poco o nulla è migliorato. Stefano Malorgio, segretario della Filt Cgil di Brescia, spiega che a Montichiari si è raggiunto l apice, ma purtroppo queste condizioni di lavoro sono assai diffuse nel mondo delle cooperative di trasporto. E non solo. «Certo è che la vertenza in corso è molto importante - spiega Malorgio -. Le aziende stanno scaricando la crisi sui lavoratori delle cooperative, lavoratori che rischiano di essere invisibili agli occhi dell opinione pubblica ma che perdono quotidianamente il posto di lavoro. Chiediamo a tutte le istituzioni di intervenire perché se passa l idea che dei diritti dei lavoratori si può fare quello che si vuole all aeroporto di Montichiari, figuriamoci cosa potrebbe accadere da altre parti» FISCO OGGI Dello scudo fiscale approvato dal governo si è già detto di tutto: è immorale, è unʼoperazione di riciclaggio di denaro sporco mascherata, è un amnistia di fatto approvata a maggioranza semplice e non qualificata, è un insulto per chi le tasse le paga, è una medaglia agli evasori. Aggiungiamo una nota di colore, frutto di una prima tranche di controlli incrociati effettuati dalla Agenzia delle Entrate la scorsa estate. Ebbene, in base a questi controlli risulta che su 100 persone titolari di contratti di leasing per vetture di lusso, sono ben 45 quelle che denunciano un reddito inferiore al canone annuo pagato. La regolarizzazione costa troppo? La badante viene licenziata Il flop della sanatoria, a Brescia solo 13mila domande Altre 15mila restano in nero e clandestine Da gennaio assisteva una donna anziana e quando si è aperta la finestra della regolarizzazione ha chiesto alla sua datrice di lavoro di avviare le pratiche necessarie a sanare la sua posizione di immigrata irregolare. La risposta è stata negativa e, anzi, la protagonista della vicenda, una badante salvadoregna, è stata licenziata. Da qui la decisione di rivolgersi all ufficio vertenze della Cgil che ha girato la pratica allo studio dell avvocato Mario Berruti. Nei giorni scorsi la buona notizia: il tribunale del lavoro di Brescia ha accolto favorevolmente il ricorso d urgenza, ordinando il reintegro della donna «risultando sufficientemente dimostrata la natura discriminatoria del licenziamento». Questa è solo una delle tante storie di colf e badanti alle prese con la le difficoltà a regolarizzarsi. Da un lato le pratiche burocratiche, dall altro i costi della regolarizzazione. La sostanza è che in molte, anche dopo questa fase di questa regolarizzazione resteranno in nero e quindi clandestine. «Il dato bresciano è esemplificativo - ricorda il segretario organizzativo della Cgil di Brescia Damiano Galletti -: le domande presentate sono state 13mila, e questo a fronte di stime che parlano di circa 30mila badanti nella nostra provincia». Come già osservato a inizio sanatoria, sono rimasti esclusi dal provvedimento di regolarizzazione i tanti migranti che vivono e lavorano in Italia da anni ma non hanno il permesso di soggiorno. I settori sono noti: edilizia, agricoltura e via a scendere gli altri. Condannati all illegalità da chi urla ogni giorno che bisogna lottare contro i clandestini. RISCALDAMENTO Una nuova specie di migranti si affaccia sulle rotte di transito del pianeta. Sono le vittime del riscaldamento globale, persone in fuga da terre essiccate o sommerse dalle acque. Ecomigranti. Scrive il settimanale britannico Economist che, secondo lʼorganizzazione internazionale per le migrazioni, da qui al 2050 i migranti ambientali saranno 200 milioni, ma le persone coinvolte dal fenomeno potrebbero arrivare a 700 milioni. Il punto 7

8 Giù in archivio Suggerimenti di lettura a cura dell Archivio storico della Camera del Lavoro La risparmiatrice di stoffa Dalla risaia alla macchina da cucire. Che fabbrica raccontano le donne? Ce lo siamo già chiesto una volta... Come immaginiamo una fabbrica tessile senza mai esserci entrati? Dieci, venti, cinquanta file per tre di tavoli per il taglio della stoffa affiancati dal tavolinetto che regge la macchina da cucire. Boh! Forse è un immaginario cinematografico... Resta il fatto che nello stabilimento la mattina entrano di corsa decine di donne già affaticate dalle rappresaglie mattutine con figli, gatti, cani e auto che non si accendono quando fa freddo. Resta il fatto che la sera escono altrettante donne che non hanno voglia di sorridere al tramonto perché si affrettano a capo basso verso le auto che le condurranno verso case di madri a ritirare figli, case di suocere a ritirare biancheria stirata e, qualche volta, verso una tintoria a ritirare cappotti. Una volta, ad una donna che confidava la fatica di una vita in corsa, fu chiesto: Ma il lavoro ti soddisfa, no? Lavori in una fabbrica di confezioni, tagli, cuci, ammiri i manichini in prova.. È soddisfacente! Un lavoro creativo! Cinzia rispose: Lavoro creativo? Io svolgo mansioni programmate, monitorate e controllate da una capo reparto che da voce ad anonimi gesti meccanici e ripetitivi Stupore! E qual è il comando più frequente? Risparmia la stoffa. Invito alla lettura: Viginia Woolf, Una stanza tutta per sé, Roma, Newton Compton, 2004 Alimentaristi arriva lʼintesa unitaria Centoquarantadue euro di aumento e una durata triennale. Capitoli su sicurezza sul lavoro, formazione e un fondo sanitario integrativo a carico del datore di lavoro Arriva lʼintesa unitaria degli alimentaristi. A quattro mesi dallʼinizio della trattativa, dopo un incontro durato circa 24 ore, Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil e Federalimentare hanno raggiunto lʼipotesi di accordo per il rinnovo contrattuale dellʼindustria alimentare, che interessa circa 450mila addetti. Lʼincremento salariale medio è di 142 euro mensili, pari al 7,3% della retribuzione, e sarà erogato in quattro tranches con decorrenza dallʼ1 giugno 2009: la prima di 45 euro (32% del totale) sarà in busta paga a ottobre, poi 42,6 euro dallʼ1 aprile 2010, 28 euro dallʼ1 aprile 2011 e 25 euro dallʼ1 giugno Eʼ prevista unʼ una tantum di 227 euro per i quattro mesi di vacanza contrattuale. Il contratto avrà durata triennale, dallʼ1 ottobre 2009 al 30 settembre Lʼintesa per il rinnovo, osserva la Flai Cgil, è in linea con la piattaforma unitaria approvata dal 90% dei lavoratori, non presenta deroghe contrattuali e punta allo sviluppo e alla tutela dei diritti individuali e collettivi, attraverso un lavoro di rafforzamento della parte normativa. In particolare, vengono implementati i capitoli che riguardano la sicurezza sul lavoro, la formazione e le pari opportunità. Eʼ stato inoltre costituito un fondo sanitario integrativo del valore di 10 euro per lavoratore, che sarà a totale carico del datore di lavoro. Il risultato ottenuto è molto positivo sottolinea la Flai Cgil - perché abbiamo consegnato ai lavoratori dellʼindustria alimentare un aumento salariale che consente il pieno recupero del potere dʼacquisto e perché abbiamo rinnovato il contratto utilizzando un indice negoziale. Ovvero, senza adottare lʼindice Ipca previsto dallʼaccordo separato del 22 gennaio. Unʼintesa raggiunta in modo unitario, osserva la Flai, dimostrando che è ancora possibile rinnovare tutti insieme i contratti di lavoro. 8 Il punto TIPOLITOTAS

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO.

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO. una sintesi del CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO DATA DI SOTTOSCRIZIONE: 27 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 1 GENNAIO 2014 Pagina 1 di 32

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli