D.Lgs 81/08. Impianti elettrici di messa a terra e delle scariche atmosferiche nel settore edile. venerdì 24 gennaio 2014 ATTREZZATURE DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.Lgs 81/08. Impianti elettrici di messa a terra e delle scariche atmosferiche nel settore edile. venerdì 24 gennaio 2014 ATTREZZATURE DI LAVORO"

Transcript

1 BRESCIA 25/01/2014 DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento di Milano Impianti elettrici di messa a terra e delle scariche atmosferiche nel settore edile Dott. Ing. Iuri Mazzarelli Responsabile Impianti elettrici e membro GLAT Macchine INAIL Dipartimento di MILANO ATTREZZATURE DI LAVORO Testo Unico DIRETTIVE SOCIALI Direttiva quadro 89/391/CE Obiettivi sociali D.Lgs 81/08 TITOLO III: 1

2 Impianti elettrici Impianti elettrici Articolo 80 D.Lgs 81/08 - Obblighi del datore di lavoro 1. Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i lavoratori siano salvaguardati dai tutti i rischi di natura elettrica..ed, in particolare, da quelli derivanti da: a) contatti elettrici diretti; b) contatti elettrici indiretti; c) innesco e propagazione di incendi e di ustioni dovuti a sovratemperature pericolose, archi elettrici e radiazioni; d) innesco di esplosioni; e) fulminazione diretta ed indiretta; f) sovratensioni; g) altre condizioni di guasto ragionevolmente prevedibili (es. sovracorrenti) 2..il datore di lavoro esegue una valutazione dei rischi., tenendo in considerazione: a) le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro, ivi comprese eventuali interferenze; b) i rischi presenti nell ambiente di lavoro; c) tutte le condizioni di esercizio prevedibili. 2

3 Impianti elettrici Impianti elettrici Linea Guida CEI 64-17: cantieri edili 3

4 Impianti elettrici Impianti elettrici 4

5 Impianti elettrici TECNICO QUALIFICATO e con provata esperienza La norma precisa che per i cantieri deve essere prevista una frequenza di verifica maggiore (es. 2 anni) Impianti elettrici 5

6 Impianti elettrici Impianti elettrici ART.5 D.M. 37/08 Non c è obbligo di progetto per i cantieri; schemi rilasciati da installatore 6

7 Impianti elettrici INAIL Impianti elettrici 7

8 ESECUZIONE MT e BT REGOLE GENERALI - CEI 64-8 DA PARTE 1 A PARTE 6 Siapplicaatuttiiluoghidicantiere REGOLE PARTICOLARI - CEI 64-8 PARTE 7 SEZIONE 704 lavori di costruzione di nuovi edifici; lavori di riparazione, trasformazione, ampliamento o demolizione di edifici esistenti; opere pubbliche; lavori di movimentazione di terra; lavori simili (manutenzione in banchine, per costruzione di teleferiche, ecc.). Non si applica agli impianti nei luoghi di servizio dei cantieri (locali di produzione e distribuzione energia, uffici, spogliatoi, sale di riunione, spacci, ristoranti, dormitori, servizi igienici ecc.) LINEA GUIDA CEI IMPIANTI MT - CEI 11-1 e Guida CEI ESECUZIONE MT o BT REGOLE PARTICOLARI - CEI 64-8 PARTE 7 SEZIONE 704 REGOLE GENERALI - CEI 64-8 DA PARTE 1 A PARTE 6 Impianto fisso QUADRI ASC - IP44 CEI 17-13/4 Sezionamento (con lucchetto o quadro chiuso a chiave), comando, protezioni (sovracorrenti e differenziale, prese a spina) Senza protezione da sovraccarico Impianto movibile o trasportabile Alimentazioni dirette e quadri ASC mobili CEI EN Prese a spina IP44/IP67 Lampade mobili IP44 GRU Spine e cavi dell apparecchio utilizzatore Apparecchi utilizzatori Magneto termico 10/20In kw o sottostazione MT/BT o GE indipendente o con presa da impianto esistente (sistema TN-S o TT, il sistema IT è sconsigliato) -UL 25 Volt c.a. e 60 Volt in c.c. - in sistemi TN e IT tempi eliminazione guasti molto ridotti - per contatti diretti mediante isolamento e involucri o barriere - Per contatti indiretti interruzione automatica con differenziale 30mA fino a In=32A, classe II almeno IPX4 e separazione elettrica e/o SELV 8

9 Impianti elettrici Si ricorda che tutti i manufatti metallici di cantiere (recinzioni, ponteggi, tettoie, ecc.) che non siano definite né masse né masse estranee non devono essere collegati all impianto di terra. Non sono da considerare masse estranee i manufatti metallici (recinzioni, ponteggi, tettoie ecc.) che risultano isolate da terra o che presentino un valore di resistenza verso terra maggiore di 200Ω. ESEMPI DI POSA 9

10 POSA DEI CAVI POSA DEI CAVI fissa non è ammesso il sostegno a mezzo di legacci in filo di ferro 10

11 AVVOLGICAVI e CORDONI Gli avvolgicavo devono essere di tipo industriale (CEI EN 61316) e devono: incorporare un protettore termico o di corrente che protegga il cavo da surriscaldamenti dannosi, sia con cavo avvolto che con cavo svolto; il cavo deve essere di tipo H07RN-F con sezione minima di 2,5 mm2 per avvolgicavo da 16A, 6 mm2 per avvolgicavo da 32A, e 16 mm2 per avvolgicavo da 63A; riportare il nome o marchio del costruttore, la tensione nominale, e le massime potenze prelevabili a cavo avvolto e a cavo svolto. I cordoni prolungatori debbono essere equipaggiati con prese a spina di tipo industriale e, come affermato per le prese ad uso mobile, è opportuno che abbiano grado di protezione IP67, il cavo deve essere del tipo H07RN-F o equivalente, la sezione minima deve essere di 2,5 mm2 per prolunghe con prese da 16A, di 6 mm2 per prese da 32A, e di 16 mm2 per prese da 63A V 2% Distanze da linee aeree Articolo 83 - Lavori in prossimità di parti attive 1. Non possono essere eseguiti lavori non elettrici in vicinanza di linee elettriche o di impianti elettrici con parti attive non protette, o che per circostanze particolari si debbano ritenere non sufficientemente protette, e comunque a distanze inferiori ai limiti di cui alla tabella 1 dell ALLEGATO IX, salvo che vengano adottate disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi. 11

12 Luoghi conduttori ristretti - LCR Un luogo conduttore ristretto è un luogo, essenzialmente delimitato da superfici metalliche o altre parti conduttrici (non isolanti: es. il terreno) circostanti nel quale è probabile che una persona possa venire in contatto con tali superfici attraverso un ampia parte del suo corpo, ed è limitata la possibilità di interrompere tale contatto. piccole cisterne metalliche, interno di tubazioni metalliche, cunicoli umidi, scavi ristretti nel terreno e tralicci Trasformatore di isolamento per Separazione elettrica fuori da LCR Utensili portatili e di apparecchi di misura trasportabili o mobili SELV (24V) oppure separazione elettrica Lampade portatili (CEI EN ) SELV (24V) Componenti elettrici fissi Interr. Aut. Alim.+ EQS per il LCR oppure SELV (24V) oppure Separazione elettrica oppure Classe II + differenziale 30mA Manutenzione Art. 80 D.Lgs 81/08. c. 3 - A seguito della valutazione del rischio elettrico il datore di lavoro adotta le misure tecniche ed organizzative necessarie a predisporre le procedure di uso e manutenzioneatteagarantire i nel tempo la permanenza del livello di sicurezza raggiunto con l adozione delle misure di tutela. c. 3-bis - Il datore di lavoro prende, altresì, le misure necessarie affinché le procedure di uso e manutenzione di cui al comma 3 siano predisposte ed attuate tenendo conto delle disposizioni legislative vigenti, delle indicazioni contenute nei manuali d'uso e manutenzione delle apparecchiature ricadenti nelle direttive specifiche di prodotto e di quelle indicate nelle pertinenti norme tecniche.22 Nel DM 37/08 art. 8 si specifica l obbligo del proprietario dell impianto di adottare le misure necessarie per conservarne le caratteristiche di sicurezza previste dalla normativa vigente in materia. 12

13 Scariche atmosferiche Art. 84 c. 1 D.Lgs 81/08 PROTEZIONE DAI FULMINI Il datore di lavoro provvede affinché gli edifici, gli impianti, le strutture, le attrezzature, siano protetti dagli effetti dei fulmini realizzati secondo le norme tecniche. Scariche atmosferiche 13

14 Scariche atmosferiche Scariche atmosferiche 14

15 PONTEGGI EQS con masse estranee al contorno Non servono ponticelli su elementi del ponteggio Calate ogni 20 metri (almeno 2) in corda di rame da 50mm 2 o tondino acciaio zincato diametro 10 mm Almeno due dispersori picchetto 2,5 m o conduttore orizzontale 5 m GRU 15

16 BRESCIA 25/01/2014 DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento di Milano MACCHINE PER IL SOLLEVAMENTO DI PERSONE E COSE IN CANTIERE PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI e PLAC (PIATTAFORME DI LAVORO AUTOSOLLEVANTI SU COLONNE) Dott. Ing. Iuri Mazzarelli Responsabile Impianti elettrici e membro GLAT Macchine INAIL Dipartimento di MILANO PIATTAFORME ELEVABILI 16

17 PIATTAFORME ELEVABILI PIATTAFORME ELEVABILI EN 280 UNI EN

18 PIATTAFORME ELEVABILI PIATTAFORME ELEVABILI UNI EN

19 PIATTAFORME ELEVABILI PIATTAFORME ELEVABILI 19

20 PIATTAFORME ELEVABILI PIATTAFORME ELEVABILI Limitazione carico e/o momento 20

21 PIATTAFORME ELEVABILI PIATTAFORME ELEVABILI 21

22 PIATTAFORME ELEVABILI LE MANOVRE PIATTAFORME ELEVABILI 22

23 PIATTAFORME ELEVABILI PIATTAFORME ELEVABILI ISPEZIONI QUOTIDIANE 23

24 PIATTAFORME ELEVABILI ISPEZIONI QUOTIDIANE PIATTAFORME ELEVABILI ISPEZIONE ACCURATA STRUTTURALE 24

25 PIATTAFORME ELEVABILI ISPEZIONE ACCURATA STRUTTURALE PLAC 25

26 PLAC EN EC:2010 PLAC Superficie utile piatt. Rullo di contrasto Estensioni piatt. guide Parapetti 1.1m Quadro elettrico con comandi vert. ed emergenza diagramma di carico Regolatore velocità paracadute freno Ammortizzatori e paracadute* Colonna a lungh. variabile ancoraggio Piattaforma di lavoro * motoriduttori ridondanti e limitatore velocità Protezione colonna ed antiintrappolamento Fissaggi alla struttura tt Comandi or. trave stabilizz. colonna ammortizzatore Dispositivo di frenatura stabilizzatori Livellamento, arresto stabilizzatori e valvole non ritorno (chassis) basamento 26

27 PLAC Movimenti - Comandi Non deve essere possibile azionare simultaneamente i comandi di trasferimento per il movimento verticale ed il movimento orizzontale. Il dispositivo di comando del movimento verticale normale deve essere posto soltanto sulla piattaforma di lavoro, mentre quello del movimento orizzontale dello chassis della PLAC non deve essere posto sulla piattaforma. Se il movimento può essere comandato da postazioni diverse, i comandi devono essere asserviti cosicché il comando sia possibile da una sola postazione pre-selezionata. Le piattaforme devono essere dotate di comandi manuali (comando uomo presente e azione mantenuta) cosicché tutti i movimenti della piattaforma siano possibili soltanto mentre il comando viene azionato. I comandi di arresto di emergenza devono essere montati sulla piattaforma PLAC Protezione di eventuali punti di intrappolamento EN 953 EN 349 e/o avvisatore acustico che si attiva a meno di 2.5 m da chassis CHASSIS 27

28 PLAC Protezione verso muri parapetti PLAC PLAC Sistema frenante e di emergenza azionato automaticamente: a) nel caso di interruzione dell'alimentazione elettrica di rete; b) nel caso di interruzione dell'alimentazione ai circuiti di comando. Se vengono usate due o più colonne, si deve prevedere una funzione frenante per ciascuna colonna. I sistemi frenanti devono essere costituiti almeno da un freno elettro-meccanico (del tipo a frizione) o da un freno idro-meccanico; I freni devono essere in grado da soli di arrestare la piattaforma, che si muove alla velocità nominale e con 1,25 volte il carico nominale con una decelerazione compresa tra 0,2 g e 1,0 g. I freni devono essere in grado di arrestare la macchina con il carico nominale, che si muove alla velocità di intervento del regolatore automatico di eccesso di velocità. Dispositivo ad azione mantenuta di elevazione e abbassamento di emergenza (l abbassamento deve essere manuale ed esclude temporaneamente il sistema frenante, ma non il paracadute e il limitatore di velocità) 28

29 PLAC Movimenti e stabilità In caso di mancanza di alimentazione di energia, non si deve verificare alcun movimento involontario. Si devono prevedere mezzi per prevenire l'instabilità della PLAC in caso di guasto di uno qualsiasi dei pneumatici e per guasto di un rullo di guida. Regolatori di eccesso di velocità attivato dal pignone del paracadute e dispositivo di sicurezza elettrico che interrompe l alimentazione al circuito di comando Rilevatore e e indicatore del sovraccarico e del momento, con isolamento dei comandi (1.1 valore nominale) e segnale ottico/acustico; in alternativa si può fare il calcolo per stabilità rinforzata PLAC Movimenti Fine corsa a sicurezza positiva e comandi indipendenti 29

30 BRESCIA 25/01/2014 DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento di Milano MACCHINE PER IL SOLLEVAMENTO DI PERSONE E COSE IN CANTIERE GRU EDILI Dott. Ing. Iuri Mazzarelli Responsabile Impianti elettrici e membro GLAT Macchine INAIL Dipartimento di MILANO MACCHINE DA CANTIERE GRU EDILI EN

31 GRU EDILI GRU EDILI PARTI COSTRUTTIVE PRINCIPALI cuspide braccio gancio Controbraccio e contrappeso Gruppo di rotazione ed eventuale cabina ISO torre Quadro elettr. Motori rotazione Carro di base 31

32 GRU EDILI DISPOSITIVI DI SICUREZZA GRU EDILI 32

33 GRU EDILI GRU EDILI 33

34 GRU EDILI GRU EDILI 34

35 GRU EDILI Limitatore di momento massimo Questo limitatore (due microinterruttori uno sul sollevamento ed uno sulla traslazione) impedisce al gruista, operando con sbracci compresi tra A e D, il sollevamento di carichi superiori a quelli indicati dal tratto di iperbole (AD). Il suo funzionamento consiste nel fatto che, quando il momento del carico rispetto all asse della torre supera il valore ammesso lo sforzo di trazione dei tiranti implica un deformazione di una lamina che, attraverso delle viti di regolazione agisce su dei micro-interruttori aprendo il circuito di comando. A B C D GRU EDILI UNI ISO

36 GRU EDILI MODALITA DI INSTALLAZIONE Scelta preliminare del luogo e definizione dell area di manovra della gru E effettuata in considerazione di: Struttura da realizzare Definizione delle aree di lavoro e delle vie di circolazione Interferenze impianti con strutture esistenti, altre Luoghi di stoccaggio di materiale Natura del terreno dove va posizionata la gru e gli stabilizzatori macchine - Resistenza specifica del terreno di almeno 2 kg/cm 2 - presenza di canalizzazioni, fognature, condutture, tubazioni - Aumentare superfici di appoggio con elementi ripartitori (basette) o GRU EDILI 36

37 GRU EDILI (2:1 per terreni meno compatti) GARANTIRE L ORIZZONTALITA GRU EDILI 37

38 GRU EDILI DISTANZE PER PASSAGGI Passaggio del braccio su aree pubbliche evitare di passare col carico su tali aree Quando comunque il passaggio è inevitabile, la zona interessata deve essere transennata e chiusa al traffico veicolare e pedonale. GRU EDILI 38

39 GRU EDILI GRU EDILI 39

40 GRU EDILI GRU EDILI 40

41 GRU EDILI GRU EDILI EN RITIRATA NEL 2013 UNI ISO 23814:2012 Requisiti relativi alle competenze per ispettori di gru 41

42 GRU EDILI Campo di applicazione D.Lgs 17/2010 a) macchine; b) attrezzature intercambiabili; c) componenti di sicurezza; d) accessori di sollevamento; e) catene, funi e cinghie; f) dispositivi amovibili di trasmissione meccanica; g) quasi-macchine. DEFINIZIONE - Art.2...si intende per: macchina uno dei prodotti elencati all articolo articolo 1, comma 1, lettere da a) ad f). DIR. 98/37/CEE a) macchine; b) attrezzature intercambiabili c) componenti di sicurezza; 42

43 GRU EDILI UNI EN :2008 catene accettazione UNI ISO 4309:2011 funi: Verifica e scarto UNI ISO :1987 funi - scelta GRU EDILI 43

44 GRU EDILI GRU EDILI 44

45 BRESCIA 25/01/2014 DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento di Milano MACCHINE PER IL SOLLEVAMENTO DI PERSONE E COSE IN CANTIERE ESCAVATORI Dott. Ing. Iuri Mazzarelli Responsabile Impianti elettrici e membro GLAT Macchine INAIL Dipartimento di MILANO MACCHINE DA CANTIERE ESCAVATORI / /2007 SOLLEVAMENTO TERRA MOVIMENTAZIONE CARICHI (AUTOGRU) Circolare del Ministero del lavoro n. 50 del SONO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO SOGGETTI A VERIFICA Il manuale d uso deve riportare una descrizione della configurazione dell escavatore richiesta per le operazioni di movimentazione dei carichi e ammetterne questo uso Prospetto portate disponibile presso posto operatore DISPOSITIVO AGGANCIAMENTO DEL CARICO con portata doppia rispetto alla capacità di sollevamento per quelli con portata maggiore o uguale a 1000 Kg o momento ribaltante maggiore di Nm AVVISATORE ACUSTICO O VISIVO per raggiungimento del limite di carico o momento (È disattivabile in funzione escavatore ma con pulsante in zona conforto) Un dispositivo di controllo dell abbassamento del braccio conforme a ISO

46 ESCAVATORI / /2007 AMMESSI ALLA MOVIMENTAZIONE DAL FABBRICANTE E COMMERCIALIZZATI SENZA DISPOSITIVO DI AGGANCIAMENTO DEL CARICO E/O DISP. SICUREZZA CIRCOLARE ISPESL n 1088 del 05/02/2003 Dichiarazione dell installatore che attesti: a) di aver proceduto all installazione dei dispositivi di agganciamento del carico (p.to EN 474-5) e/o dei dispositivi di sicurezza del carico (p.to EN 474-5) secondo le istruzioni fornite dal costruttore ai sensi dell art. 2 comma 6 del DPR 459/96; b) di avere effettuato, all atto della prima messa in servizio, le prove prescritte dal costruttore per verificare l idoneità all impiego secondo quanto previsto al punto dell Allegato I allo stesso DPR 459/96; c) di aver utilizzato i dispositivi di agganciamento del carico e i dispositivi di sicurezza del carico forniti (previsti) dal costruttore. MACCHINE DA CANTIERE ESCAVATORI POST 02/2007 SOLLEVAMENTO TERRA MOVIMENTAZIONE CARICHI Circolare del Ministero del lavoro n. 50 del SONO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO SOGGETTI A VERIFICA Il manuale d uso deve riportare una descrizione della configurazione dell escavatore richiesta per le operazioni di movimentazione dei carichi e ammetterne questo uso Prospetto portate disponibile presso posto operatore per quelli con portata maggiore o uguale a 1000Kg o momento ribaltante maggiore di Nm AVVISATORE ACUSTICO O VISIVO per raggiungimento del limite di carico o momento (È disattivabile in funzione escavatore ma con pulsante in zona conforto) Un dispositivo di BLOCCO dell abbassamento del braccio conforme a ISO

47 BRESCIA 25/01/2014 DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento di Milano MACCHINE PER IL SOLLEVAMENTO DI PERSONE E COSE IN CANTIERE CARRELLI SEMOVENTI A BRACCIO TELESCOPICO AUTOGRU SEMOVENTI PLE DERIVATE Dott. Ing. Iuri Mazzarelli Responsabile Impianti elettrici e membro GLAT Macchine INAIL Dipartimento di MILANO CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO EN EN

48 CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO FISSO (EN ) rot. Max 5 ROTATIVO rot. Max > 5 Poiché i carrelli semoventi a braccio telescopico non rientravano in precedenti regimi di verifica, l articolo dell allegato I al D.M. 11 aprile 2011 prescrive che, qualora tali attrezzature alla data di entrata in vigore del suddetto D.M. risultassero già messe in servizio, la richiesta di prima verifica periodica costituisce per il datore di lavoro adempimento anche all obbligo di comunicazione di messa in servizio; pertanto il datore di lavoro che possiede un carrello semovente a braccio telescopico messo in servizio almeno 10 mesi prima del 23 maggio 2012 dovrà provvedere immediatamente alla richiesta di prima verifica periodica al Dipartimento INAIL competente per territorio. CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO FISSO O ROTATIVO 48

49 CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO FISSO (EN 1459) La EN 1459 NON tratta il sollevamento persone con alcun tipo di accessorio, in particolare piattaforme di lavoro e non tratta i macchinari con elementi di sospensione del carico a lunghezza variabile (catene, corde, ecc.) dai quali il carico può oscillare liberamente in tutte le direzioni Sono carrelli elevatori, con e senza stabilizzatori, a contrappeso dotati di uno o più bracci snodati, telescopici o meno, non girevoli, secondo quanto definito al punto della ISO 5053:1987, utilizzati per impilare carichi. ACCESSORI: FORCHE ED ESTENSIONI, SPREADER, PINZE, BENNE CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO FISSO si percorrono le salite/discese con il carico rivolto a valle; siinclinainavantiilgruppodisollevamentocon il carico sollevato; si percorrono pavimenti irregolari (superfici disuniformi o in pendenza o terreno morbido); 49

50 CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO FISSO (EN 1459) Velocità massima di discesa del carico La massima velocità di discesa del carico ammissibile deve essere tale che persino con un carico massimo la stabilità del carrello non deve essere compromessa in caso di movimenti involontari o di un improvviso arresto del sistema di discesa CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO FISSO (EN 1459) 50

51 CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO FISSO (EN 1459) si sovraccarica il carrello CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO 51

52 CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO FISSO (EN 1459) dispositivo per impedire l'oscillazione dell'assale posteriore e migliorare la stabilità del carrello durante le operazioni di impilamento e prelievo dalla catasta; sostegni meccanici estensibili utilizzati per migliorare la stabilità del carrello nel funzionamento da fermo; dispositivo per il livellamento laterale avente lo scopo solitamente di regolare il telaio rispetto alla linea orizzontale, quando il carrello si trova su una rampa inclinata e di assicurare che il braccio operi in un piano verticale; dispositivo limitatore delle prestazioni oltre le posizioni prescritte per la traslazione; dispositivo limitatore delle prestazioni e/o impedimento alla marcia se i sistemi passivi non sono correttamente in posizione; dispositivi di blocco del sollevamento a determinate quote del braccio. Fine corsa per movimenti limitati dal fabbricante CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO MOVIMENTI Allarme acustico udibile durante l utilizzo Dispositivo che impedisce l avviamento del motore a marcia inserita Dispositivi per impedire il movimento motorizzato del carrello quando l operatore lascia il posto di guida (fino a marzo 2012 è accettata t l adozione del freno di stazionamento ISO 6292; dopo tale data lo stato dell arte prevede un dispositivo di rilevazione dell operatore al posto di guida) Cinture di sicurezza RIBALTAMENTO CADUTA DEL CARICO Dispositivo di allarme di sicurezza della stabilità longitudinale (allarme acustico e/o visivo) da OTTOBRE 2010 deve essere un dispositivo limitatore di blocco del carico e/o momento Struttura contro il ribaltamento ROPS Struttura contro caduta di oggetti FOPS Struttura contro rovesciamento laterale TOPS Livella a bolla Valvole di blocco dei martinetti Tetto di protezione Dispositivi per impedire lo spostamento laterale dei bracci di forca sulla piastra portante (arresti meccanici) Tetto di protezione/cabina Tenuta del carico (perdita idraulica) Velocità massima di discesa del carico Valvole limitatrici della pressione Interruzione dell'energia motrice o guasto nel circuito idraulico 52

53 ATTREZZATURE INTERCAMBIABILI Art. c. 2 lettera b) D.Lgs 17/2010 «attrezzatura intercambiabile»: dispositivo che, dopo la messa in servizio di una macchina, è assemblato alla macchina dall'operatore stesso al fine di modificarne la funzione o apportare una nuova funzione, nella misura in cui tale attrezzatura non è un utensile; Sollevamento cose Sollevamento persone AUTOGRU (gru mobile e/o caricatrice) PIATTAFORMA ELEVABILE ALLEGATO IV DELLA DIRETTIVA CARRELLO SEMOVENTE A BRACCIO TELESCOPICO CIRCOLARE M.L. 30 DEL 24/12/2012 IL FABBRICANTE DELL INTERCAMBIABILE (PUO ESSERE ANCHE L UTILIZZATORE) DEVE EFFETTUARE UNA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITA RISPETTANDO TUTTI I RES PERTINENTI IL TIPO DI MACCHINA IN ESAME CIO NON SI APPLICA QUALORA L INTERCAMBIABILE E STATO GIA INSERITO DAL FABBRICANTE ORIGINARIO NELLA DICHIARAZIONE CE DEL TELESCOPICO IN ESAME 53

54 RES ALLEGATO I 3. REQUISITI ESSENZIALI SUPPLEMENTARI DI SICUREZZA E DI TUTELA DELLA SALUTE PER OVVIARE AI PERICOLI DOVUTI ALLA MOBILITÀ DELLE MACCHINE 4. REQUISITI ESSENZIALI SUPPLEMENTARI DI SICUREZZA E DI TUTELA DELLA SALUTE PER PREVENIRE I PERICOLI DOVUTI AD OPERAZIONI DI SOLLEVAMENTO 6. REQUISITI ESSENZIALI SUPPLEMENTARI DI SICUREZZA E DI TUTELA DELLA SALUTE PER LE MACCHINE CHE PRESENTANO PARTICOLARI PERICOLI DOVUTI AL SOLLEVAMENTO DI PERSONE GRU CARICATRICI, AUTOGRU E GRU MOBILI USO SOLO STABILIZZATO EN (GRU CARICATRICI) USO SU GOMME E/O STABILIZZATORI EN (GRU MOBILI) EX

55 AUTOGRU E GRU MOBILI Macchina semovente a cingoli oruote avente una struttura superiore capace di una rotazione non inferiore a360 che solleva, ruota escarica il materiale per mezzo di un organo di presa (normalmente polipo opinza idraulica) montata su un cinematismo a braccio articolato o su un braccio telescopico senza che il telaio od il carro si sposti durante il ciclo operativo della macchina Sono gru tutte le macchine destinate al sollevamento ciclico ed alla manovra di carichi sospesi tramite ganci ed altri dispositivi di trattenuta del carico costruiti o in un esemplare unico oin serie ovvero mediante componenti prefabbricati (CEN/TC ) 1988) GRU MOBILI Girofaro arancione posto sul tetto della cabina per una maggiore visibilità della macchina in fase di lavoro (è obbligatorio per questo tipo di macchine) Accumulatori a carica di azoto Accumulatori a carica di azoto Vengono installati per aumentare la fluidità dei movimenti ed il comfort per l operatore. Sulla ralla è installato anche un dispositivo di blocco della rotazione (fasi di trasporto) Sono di tipo oleodinamico, la cui stabilità è garantita dalla valvola di blocco applicata direttamente su ciascun cilindro di azionamento dello stabilizzatore. 55

56 GRU MOBILI GRU MOBILI 56

57 GRU MOBILI GRU MOBILI 57

58 GRU MOBILI GRU MOBILI 58

59 GRU MOBILI GRU MOBILI 59

60 GRU MOBILI Limitatore di momento Data la variabilità dei diagrammi di carico il limitatore è costituito da un vero e proprio elaboratore elettronico che può essere: manuale, nel qual caso l operatore prima di iniziare il lavoro deve inserire il programma relativo al tipo di sollevamento da effettuare (ad es. soll. laterale o posteriore, su stabilizzatori o su pneumatici); semiautomatico, che danno all operatore precise indicazioni su quale programma utilizzare; automatici eauto programmati. GRU MOBILI 60

61 BRESCIA 25/01/2014 DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento di Milano MACCHINE PER IL SOLLEVAMENTO DI PERSONE E COSE IN CANTIERE GRU SU AUTOCARRO (GRU CARICATRICI) Dott. Ing. Iuri Mazzarelli Responsabile Impianti elettrici e membro GLAT Macchine INAIL Dipartimento di MILANO GRU SU AUTOCARRO EN

62 GRU SU AUTOCARRO EN Stabilità La stabilità della gru per autocarro installata su un veicolo deve essere tale che l'unità operativa non ribalti alle condizioni di lavoro previste. La verifica della stabilità deve essere effettuata mediante carico di prova CONFORME AD EN ANTE DIR. 2006/42/CE - DICHIARAZIONE CE GRU IIA - DICHIARAZIONE ALLESTIMENTO E PROVE (ALL. I DPR 459/96) - DICHIARAZIONE CE GRU IIB - DICHIARAZIONE CE GRU SU AUTOCARRO IIA POST DIR. 2006/42/CE - DICHIARAZIONE CE GRU SU AUTOCARRO ATTENZIONE AI TRASBORDI GRU SU AUTOCARRO EN

63 Stabilizzatori EN 12999:5.4.1 Indicatore di livellamento GRU SU AUTOCARRO EN Rischio meccanico Per caduta dei carichi, collisioni, ribaltamento macchina causati da: Mancanza di stabilità Carico incontrollato, sovraccarico, superamento della soglia di rovesciamento Perdita di stabilità/ribaltamento della macchina 63

64 GRU SU AUTOCARRO Perdita di stabilità - Valvole di massima Tutti i circuiti di sostegno del carico devono essere attrezzati con mezzi automatici (per esempio valvole massima) che limitano la pressione ad un valore massimo corrispondente al 25% sopra la pressione massima di lavoro o devono essere progettati in modo da resistere alla pressione massima che può verificarsi alle condizioni operative previste. Il valore minimo di taratura sulle valvole limitatrici di pressione, ad eccezione di gru per la movimentazione di legname (vedere e ) deve essere tale da impedire qualsiasi movimento incontrollato con carichi fino a 1,3 volte il carico nominale. Valvola di massima generale Tutte le gru per autocarro devono essere provviste di una o più valvole di massima generali. La valvola di massima generale deve operare tra il 100% e il 110% del carico nominale con la gru che si muove entro le accelerazioni di lavoro di progetto. GRU SU AUTOCARRO Capacità nominale 1000 kg oppure Momento di sollevamento massimo netto dovuto al carico Nm Capacità nominale < 1000 kg oppure Momento di sollevamento massimo netto dovuto al carico < Nm Limitatore di carico o momento (rientri ammessi) Limitatore carico o momento o valvola di massima e di massima generale (rientri ammessi) e indicatore a doppio suono (90% avvicinamento 100+ % sovraccarico ) 64

65 GRU SU AUTOCARRO EN Limitatori di prestazione Limitatori di movimento I limiti per i movimenti di rotazione, salita/discesa e sfilo tl telescopico devono essere determinati dalla corsa del cilindro o da arresti idonei. Limitatori di velocità Nel movimento di rotazione, salita/discesa e sfilo tl telescopico devono essere inseriti limitatori di velocità Ricerca, Certificazione i e Verifica Dott. Ing. Iuri Mazzarelli Dipartimento di MILANO 65

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano Apparecchi di sollevamento Ing. Paolo Magliano Gru a torre Definizione La gru a torre è un apparecchio di sollevamento azionato da un proprio motore e costituito da una torre verticale munita nella parte

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili

Impianti elettrici nei cantieri edili Impianti elettrici nei cantieri edili Per. Ind. Luca Paolini S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza www.scuolaedile.com 1 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO

RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO RICERCA, CERTIFICAZIONI E VERIFICHE UNITA OPERATIVA TERRITORIALE BERGAMO Montacarichi da cantiere MC Ascensori da cantiere Acc Ascensore da cantiere Acp Piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE

IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE IMPIANTI ELETTRICI IN GENERE Nei cantieri edili la natura delle lavorazioni, la molteplicità di mansioni e competenze, la precarietà degli impianti e le pesanti condizioni ambientali concorrono ad elevare

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE novità per l immissione sul mercato e la messa in servizio di macchine per operazioni di sollevamento Ing. Laura Tomassini ISPESL - Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dettagli

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici.

La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. La manutenzione delle macchine e degli impianti industriali. Sistemi elettrici. Palazzo dei Torriani (UD) Martedì, 14 giugno 2011 La manutenzione delle apparecchiature elettriche: legislazione e normativa

Dettagli

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere»

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» 1 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica «Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» L Aquila 06 Febbraio 2015 Ing. Raffaele Iovene Ing. Roberta Vasile 2 PRINCIPALI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche

1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche 1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche periodiche degli apparecchi di sollevamento utilizzati nei cantieri edili, 1.1. Gru a torre, argani a cavalletto, argani a bandiera,

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE

IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE IMPIANTO ELETTRICO E DI TERRA DI CANTIERE Relatore : Ing. Antonio Scalzi NAPOLI 1 FEBBRAIO 2010 Impianto elettrico di cantiere L'insieme dei componenti elettrici, elettricamente dipendenti, installati

Dettagli

MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO. Capire la macchina

MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO. Capire la macchina IS MODULO DI INDIRIZZO SOLLEVAMENTO Capire la macchina CLASSIFICAZIONE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Argani Gru a torre Autogru Gru su autocarro Sollevatore con braccio telescopico Carrelli elevatori

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 Rischio elettrico in edilizia DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 ELETTRICITA CONTATTI DIRETTI CONTATTI INDIRETTI

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DENOMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL

LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DENOMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL LISTA DI CONTROLLO APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DEMINATI: Rif. UNI 12159 e LINEE GUIDA ISPESL ASCENSORI DA CANTIERE Ascensori installati temporaneamente, destinati all utilizzo da parte di persone a cui

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi:

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi: Nel lavoro temporaneo in quota il datore di lavoro deve scegliere l attrezzatura in funzione delle caratteristiche del luogo, dell ambiente, della tipologia di attività da svolgere, della durata, della

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 1 QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 Autore: Luigi p.i. Leccardi Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI PER RIDURRE IL RISCHIO D UTILIZZO DELLA ATREZZATURE DI LAVORO GRU A TORRE Premessa La parola

Dettagli

Seminario IPAF Il ruolo fondamentale delle banche dati infortuni nella prevenzione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro"

Seminario IPAF Il ruolo fondamentale delle banche dati infortuni nella prevenzione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e Sicurezza degli Impianti, Prodotti ed Insediamenti Antropici Seminario IPAF Il ruolo fondamentale delle banche dati infortuni nella prevenzione in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro"

Dettagli

IMPIANTISTICA DI CANTIERE GRU A TORRE, SILOS A PRESSIONE E IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE

IMPIANTISTICA DI CANTIERE GRU A TORRE, SILOS A PRESSIONE E IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE IMPIANTISTICA DI CANTIERE GRU A TORRE, SILOS A PRESSIONE E IMPIANTO ELETTRICO DI CANTIERE Requisiti di sicurezza e informazioni utili 1 FONTI E RIFERIMENTI 2 D.Lgs 81/08 e smi DM 11/04/2011 DPR 547/55

Dettagli

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento.

La sicurezza elettrica nelle location di eventi. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. La sicurezza elettrica I requisiti delle location, la fase di cantiere e la fase di evento. Requisiti location Decreto Interministeriale del 22 luglio 2014 Sicurezza nel Montaggio/Smontaggio Palchi Requisiti

Dettagli

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISTO DI N 1 VEICOLO CABINATO CON PIATTAFORMA AEREA PORTA OPERATORI CIG: 6060322FE8 2 OGGETTO: Acquisto di n 1 veicolo cabinato con

Dettagli

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI

della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI LUCIO FATTORI della sicurezza per gli operatori di CARRELLI SEMOVENTI manuale ad uso dei lavoratori Informazione dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m. Contenuti conformi

Dettagli

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro

L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro L abilitazione degli operatori di particolari attrezzature di lavoro ( art. 73 comma 5 D. Lgs. 81/2008) Ing. Alessandro Gandini 1 premesse normative dell accordo del 22/02/2012 D. Lgs. 09 aprile 2008 n.

Dettagli

GRU I tipi di macchine da cantiere più diffuse sono quelle per il sollevamento ed il trasporto dei carichi. I principali tipi di macchine per il sollevamento sono le gru che a seconda della loro strutturazione

Dettagli

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI La formazione vincente. CFRM CENTRO FORMAZIONE E RICERCA MACCHINE Una formazione adeguata è fondamentale per realizzare una prevenzione effi cace.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

ISPESL circolare del 13 gennaio 1988, n. 3 Omologazione ponti mobili sviluppabili.

ISPESL circolare del 13 gennaio 1988, n. 3 Omologazione ponti mobili sviluppabili. ISPESL circolare del 13 gennaio 1988, n. 3 Omologazione ponti mobili sviluppabili. Viste le richieste pervenute dai Dipartimenti periferici, al fine di uniformare l'attività omologativa per gli apparecchi

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IN EDILIZIA

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IN EDILIZIA APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IN EDILIZIA set. 08 - Tipologie di gru - Componenti costituenti la gru - Dispositivi di sicurezza - Circuiti di comando - Tipologie di protezioni - Dispositivi per accedere alla

Dettagli

PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA CON MOTORE A BENZINA

PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA CON MOTORE A BENZINA ALLEGATO A Oggetto: Piattaforma di lavoro. CAPITOLATO TECNICO DEL PROGETTO PIATTAFORMA AEREA CINGOLATA CON MOTORE A BENZINA La Piattaforma di Lavoro Elevabile a braccio articolato e traslazione su cingoli

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

GLI IMPIANTI ELETTRICI NEI CANTIERI EDILI LA GUIDA CEI 64-17

GLI IMPIANTI ELETTRICI NEI CANTIERI EDILI LA GUIDA CEI 64-17 GLI IMPIANTI ELETTRICI NEI CANTIERI EDILI LA GUIDA 64-17 1 RIFERIMENTI LEGISLATIVI E NORMATIVI - Decreto del Presidente della Repubblica 22/10/01, n. 462 Regolamento di semplificazione del procedimento

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

Il rischio fulminazione nel cantiere

Il rischio fulminazione nel cantiere Il rischio fulminazione nel cantiere 38 La valutazione del rischio fulminazione Secondo quanto previsto al capo III Titolo III del D.lgs 81/08, il datore di lavoro deve valutare anche il rischio fulminazione

Dettagli

L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori

L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori Rovigo 23 giugno 20914 Sicurezza nei cantieri: Novità in tema di sicurezza cantieri L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori Mauro Potrich e Francesco Maria Spini Comitato

Dettagli

Appunti sulla circolare n 30 del 24/12/2012 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Appunti sulla circolare n 30 del 24/12/2012 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Appunti sulla circolare n 30 del 24/12/2012 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Con la suddetta circolare, il Ministero del Lavoro e delle politiche Sociali ha ritenuto di meglio precisare

Dettagli

Piattaforme di lavoro mobili elevabili

Piattaforme di lavoro mobili elevabili Agenzia del lavoro Via R. Guardini, 75 38100 Trento (TN) Corso di formazione per esperti verificatori Piattaforme di lavoro mobili elevabili dott. Matteo Bettega dott. Paolo Ducati D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COORDINAMENTO TECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

CATALOGO CORSI Formazione - Consulenza

CATALOGO CORSI Formazione - Consulenza CONSULENZA E ASSISTENZA A SOSTEGNO DEL DATORE DI LAVORO CATALOGO CORSI Formazione - Consulenza www.3ghisiconsulting.it Sede Legale Via Curtatone e Montanara n 32 46028 SERMIDE (MN) Pier luigi Ghisi Cell.

Dettagli

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE

CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE CRITER1 PER LA SCELTA DELLE MISURE DI PROTEZIONE SECONDO LE VA RIE CONDIZIONI DI INFLUENZE ESTERNE Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione mediante isolamento

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss NEAR MISS Si definisce near miss o quasi infortunio qualsiasi evento, correlato al lavoro, che avrebbe potuto causare un infortunio o danno alla salute (malattia) o morte ma, solo per puro caso, non lo

Dettagli

Istruzione Operativa

Istruzione Operativa Redazione Verifica Coordinatori del Gruppo di lavoro: Alessandro Negri Responsabile Unità Operativa Semplice Sollevamento, Gruppo di lavoro: Claudio Ballardini, Sanzio Bollini, Francesco Dallacasa, Antonio

Dettagli

04J-2 SK04J-2 SK04J-2. POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP P ALA COMPATTA. PESO OPERATIVO 1.550 kg. CARICO OPERATIVO 390 kg

04J-2 SK04J-2 SK04J-2. POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP P ALA COMPATTA. PESO OPERATIVO 1.550 kg. CARICO OPERATIVO 390 kg SK 04J-2 P ALA COMPATTA POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP PESO OPERATIVO 1.550 kg CARICO OPERATIVO 390 kg P ALA C O M PAT TA PRESTAZIONI IN SICUREZZA Manutenzione La manutenzione ed i controlli

Dettagli

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti:

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti: Obblighi formativi e aggiornamenti periodici ai sensi del D.Lgs 81/08 s.m.i. Molto spesso ci sentiamo dire: i corsi sulla sicurezza sono obbligatori? Hanno una scadenza? Dopo quanto tempo devono essere

Dettagli

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA

REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA REGISTRO DELLA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI MACCHINE ED ATTREZZATURE IN EDILIZIA N Verifica Addetto al controllo 1 Gru a torre Verifica dei comandi, funi, freni, lubrificazione e microswitch di fine corsa

Dettagli

SCHEDA 5 CARRELLO ELEVATORE TELESCOPICO

SCHEDA 5 CARRELLO ELEVATORE TELESCOPICO SCHEDA 5 CARRELLO ELEVATORE TELESCOPICO SommArio. DESCriZionE. ElEmEnti CoStituEnti. RUOTE. TELAIO E STABILIZZATORI.3 GRUPPO ROTAZIONE (TORRETTA).3. Cabina.3. Punti di accesso.3.3 Braccio telescopico.4

Dettagli

NUOVO DECRETO REGIONE LOMBARDIA N. 6551 DEL 08/07/2014 LINEE GUIDA USO DELLE PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI

NUOVO DECRETO REGIONE LOMBARDIA N. 6551 DEL 08/07/2014 LINEE GUIDA USO DELLE PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI NUOVO DECRETO REGIONE LOMBARDIA N. 6551 DEL 08/07/2014 LINEE GUIDA USO DELLE PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI - Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 81/2008 e

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici

Materiale didattico validato da: Impianti elettrici Impianti elettrici 1. Legislazione Applicabile 2. Valutazione del rischio elettrico 3. Contatti diretti e indiretti 4. Misure di protezione 5. Verifiche periodiche 6. Scariche atmosferiche 7. Centrali

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI

IMPIANTI ELETTRICI DI CANTIERE IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI IMPIANTO DI MESSA A TERRA DEI CANTIERI Tutte le masse, le masse estranee e i dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche devono essere collegati ad un unico impianto di messa a terra, ovvero

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Sicurezza negli impianti elettrici di cantiere

Sicurezza negli impianti elettrici di cantiere Sicurezza negli impianti elettrici di cantiere Sondrio, 22-23 ottobre 2010 Esempi Impianto elettrico di cantiere L'impianto di cantiere è costituito dall'insieme dei componenti elettrici, fra loro elettricamente

Dettagli

Lista controllo Gru di cantiere

Lista controllo Gru di cantiere Lista controllo Gru di cantiere Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru di cantiere? Trasportare carichi con una gru può essere molto pericoloso per le persone che si trovano

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Presentazione dell Accordo Stato-Regioni 22/02/2012 INTRODUZIONE TITOLO III D.Lgs. 81/08

Dettagli

lavori di riparazione, trasformazione, ampliamento o demolizione di edifici esistenti;

lavori di riparazione, trasformazione, ampliamento o demolizione di edifici esistenti; 1 GENERALITÀ Il cantiere è considerato uno dei luoghi più pericolosi, in quanto è soggetto a continue movimentazioni e variazioni ed inoltre è presente qualunque tipo di personale, anche quello non addestrato.

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

Formazione attrezzature di lavoro

Formazione attrezzature di lavoro Formazione attrezzature di lavoro L Accordo Stato-Regioni del 22/02/2012 - attuativo dell art. 73, comma 5, del D.lgs. 81/2008 e s.m. - individua 8 tipologie di attrezzature di lavoro per le quali è richiesta

Dettagli

Carrelli semoventi a braccio telescopico

Carrelli semoventi a braccio telescopico ISTRUZIONI PER LA PRIMA VERIFICA PERIODICA Ai sensi dell articolo 71 comma 11 del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. e del Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 11 aprile

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

Relazione tecnica Impianti elettrici

Relazione tecnica Impianti elettrici Relazione tecnica Impianti elettrici GENERALITA La presente relazione tecnica definisce i requisiti a cui dovranno rispondere i materiali, le apparecchiature che costituiscono l impianto elettrico, nonché

Dettagli

Ospitalità e sicurezza per tutti

Ospitalità e sicurezza per tutti Ospitalità e sicurezza per tutti Milano, 22.04.2015 Prescrizioni legislative Valutazione del rischio elettrico Il rischio nel settore elettrico è valutato in sede normativa internazionale, dove viene anche

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

SCAVI e MOVIMENTO TERRA

SCAVI e MOVIMENTO TERRA SCAVI e MOVIMENTO TERRA Il quadro normativo D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 -art. 118 Splateamento e sbancamento -art. 119 Pozzi, scavi e cunicoli -art. 120 Deposito di materiali in prossimità degli scavi

Dettagli

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane

CEI 64-8/7 Piscine e fontane. CEI 64-8/7 Piscine e fontane www.impiantitalia.it R-08 23 23 La Norma 64-8, sezione 7, trattando degli impianti elettrici particolari definisce anche i requisiti degli impianti elettrici delle piscine e delle fontane. Il campo di

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DURATA minima dei corsi

INDIVIDUAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DURATA minima dei corsi Pagina1 Verbania 10/12/2012 Prot. 0068 Spett.le Imprese Consulenti Associazioni datoriali di categoria Associazioni sindacali di categoria OGGETTO: La formazione per l abilitazione specifica degli operatori

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Processo Costruzione di edifici e di opere di ingegneria civile/industriale Sequenza

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

per l'ottenimento del CPI e agibilità dell' ITIS "G.Ferraris" - Verona 30/11/2009 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

per l'ottenimento del CPI e agibilità dell' ITIS G.Ferraris - Verona 30/11/2009 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO A.01.03 OPERAIO QUALIFICATO 1 a Assistenze per l'esecuzione di magisteri vari operaio qualificato 48,00 48,00 Totale h 48,00 31,37 1.505,76 D.03.06 NOLO DI PIATTAFORMA 2 a altezza di lavoro minima m 17

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE. Confronto con la Direttiva 98/37/CE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE. Confronto con la Direttiva 98/37/CE LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE Confronto con la Direttiva 98/37/CE Dott. Ing.. Leone Pera Attuazione Gli Stati Membri adottano e pubblicano le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative

Dettagli

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG

ARI LOANO (SV) 20.05.2011 IK1HLG ARI LOANO (SV) Utilizzare un Generatore Elettrico in Sicurezza ovvero "come proteggersi dai contatti diretti ed indiretti quando si usa un generatore di corrente elettrica con motore a scoppio". 20.05.2011

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA uilt build to ponteggi ponteggi ALLUMINIO PLA Ponteggio di facciata in alluminio P.L.A. 186 Azienda Progetti Prodotti PONTEGGIO PER MANUTENZIONE E RESTAURO Il ponteggio prefabbricato di facciata P.L.A.

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

Macchine per la movimentazione di carichi pesanti

Macchine per la movimentazione di carichi pesanti Serie MHT Macchine per la movimentazione di carichi pesanti 5 modelli in grado di sollevare da 5 a 16 tonnellate L esperienza consolidata nella progettazione di macchine per la movimentazione fuoristrada

Dettagli

CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC

CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC CORSO NORME & DIRETTIVE GUIDE UNAC Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 1 PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.] Le check-list riportate di seguito riassumono,

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS PESO OPERATIVO: POTENZA MASSIMA: 4300 4750 kg 34,1 kw H E I F K C J A B D G L JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS A Interasse ruote 1845 1990 B Lunghezza totale carro 2385 2530 C Luce libera supporto escavatore

Dettagli

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli