RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO"

Transcript

1 Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO Maroni: sito espositivo sede ideale per centro produzione Si alza forte la voce della Lega Nord e del governatore lombardo Roberto Maroni contro l ipotesi di realizzare a Roma il canale RAI dedicato ad EXPO E in corso Sempione a Milano, di fronte alla storica sede meneghina della TV di Stato, il Carroccio ha manifestato con i propri rappresentanti, guidati dal segretario nazionale Matteo Salvini, contro l ennesimo scippo capitolino. Non ha mancato di far sentire la propria voce anche Massimiliano Romeo, capogruppo al Pirellone che ha così dichiarato: Spiace constatare, una volta di più, come si voglia imporre la visione romanocentrica ad un mezzo pubblico, sostanziosamente finanziato con il canone RAI pagato soprattutto dai cittadini del Nord. La realizzazione del canale EXPO2015 a Roma, nonostante la promessa di una sede distaccata nel luogo dell evento, rappresenta l ennesimo segnale di allarme di un depotenziamento senza precedenti dell informazione RAI al Nord. Una scelta infelice che avrà come conseguenza la perdita di migliaia di posti di lavoro, se consideriamo anche l indotto delle produzioni televisive. Roberto Maroni ha successivamente incontrato il direttore Rai Gubitosi al quale ha rivolto 2 richieste: la realizzazione di un nuovo Centro di produzione presso l'area dell'esposizione universale del 2015 e il mantenimento di Rai Expo a Milano. "A Milano - ha detto Maroni - siamo fatti così. A domande concrete, vogliamo risposte che lo siano altrettanto. Le due richieste contenute anche nel manifesto dell'incontro di oggi, che ho sottoscritto, sono molto precise: la realizzazione di un nuovo Centro di produzione Rai presso l'area Expo, che sia tecnologicamente avanzato e adeguato nelle strutture, negli spazi e che superi gli attuali insediamenti ormai obsoleti e insufficienti, garantendo così una reale possibilità di futuro. Secondo: la copertura mediatica dell'evento del 2015, attraverso una struttura che abbia sul territorio il proprio insediamento". 1

2 DISOCCUPAZIONE CONSIGLIO REGIONALE APPROVA MOZIONE Brianza: «Estendere agli over 50 la dote comune» Reinserire gli over 50 rimasti disoccupati nel circuito lavorativo, questo è il senso della risoluzione approvata dal Consiglio Regionale della Lombardia. In merito al provvedimento è intervenuta in aula il consigliere regionale della Lega Nord Francesca Brianza. «La disoccupazione nel nostro Paese è aumentata del 12% e 150mila sono le persone rimaste fuori dai circuiti occupazionali nella nostra Regione negli ultimi anni - ricorda il consigliere del Carroccio -. Nel 2012, per fronteggiare la crescita della disoccupazione, Regione Lombardia e l Associazione Nazionale dei Comuni Italiani avevano siglato un protocollo d intesa con cui si stanziavano dei fondi, detti dote comune, finalizzati alla formazione e all orientamento attraverso tirocini extra-curriculari, per giovani disoccupati o inoccupati di età compresa tra i 18 e d i 35 anni, nonché per lavoratori percettori di ammortizzatori. L anno scorso il contributo di Regione Lombardia è stato di mezzo miliardo di euro». Spiega il consigliere Brianza: «La perdita del lavoro, oltre a causare problemi psicologici devastanti, mette di fatto a rischio di sopravvivenza chi ne viene colpito; ben difficilmente le persone nella fascia d'età over 50 riescono a riciclarsi nel circuito occupazionale perché troppo spesso ritenuti a torto non aggiornati o «sorpassati». Per questo motivo abbiamo chiesto al Governatore Maroni di sottoscrivere un nuovo protocollo d intesa con ANCI Lombardia, inserendo fra i beneficiari della «dote comune» la categoria dei disoccupati e degli inoccupati over 50, incrementando i finanziamenti ed inserendo la possibilità del riconoscimento a fini pensionistici del percorso formativo, il tutto in tempi tali da consentire l avvio dell attività formativa dal gennaio

3 APPROVATI INDIRIZZI PER INTERVENTI SU PATRIMONIO SCOLASTICO Colla: Necessari 2 miliardi ma Stato faccia la sua parte Per sanare completamente il patrimonio scolastico lombardo sono necessari 2 miliardi di euro. La Regione svolgerà appieno il proprio ruolo, anche dal punto di vista economico, ma è necessario che lo Stato faccia altrettanto. Così il consigliere regionale della Lega Nord, Jari Colla ha commentato l approvazione degli indirizzi per gli interventi a favore del patrimonio scolastico da parte del Consiglio Regionale. In questi anni ha continuato Jari Colla - la Regione ha finanziando interventi per un totale di 150 milioni di euro, nonostante la minima compartecipazione alle spese da parte dello Stato. L aiuto ministeriale è infatti rimasto nell ordine del 10%. La nostra Regione ha addirittura dovuto anticipare i fondi per tutti gli interventi nei Comuni colpiti dall evento sismico e siamo ancora in attesa delle somme statali a copertura di questi investimenti. Non è concepibile che la Regione con il patrimonio scolastico più grande del Paese (un quinto delle scuole è in Lombardia) possa ricevere dallo Stato un così esiguo aiuto economico. Entrando nello specifico del provvedimento continua Colla deve essere evidenziata l introduzione dell anagrafe regionale, una banca dati che permetterà alla Regione di aggiornare in maniera tempestiva la situazione dei fabbisogni sul territorio. Di primaria importanza inoltre vanno considerati gli interventi volti alla realizzazione di impianti sportivi di base o polivalenti, data la necessità di poter svolgere attività sportiva di qualità e considerata inoltre la possibilità di aprire gli impianti all uso della collettività. 3

4 NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA AMBIENTALE Bianchi: Proposta Lega su Deflusso Minimo Vitale ora è legge Rolfi: Su discariche rafforzati i poteri dei sindaci Via libera al Pirellone all introduzione di nuove disposizioni in materia ambientale. Con il voto del Consiglio Regionale ha affermato il consigliere del Carroccio, Dario Bianchi diviene finalmente legge la proposta della Lega Nord sul Deflusso Minimo Vitale, che introduce il monitoraggio in continuo e telematico del DMV. Un provvedimento fondamentale che antepone la difesa dell ambiente e delle nostre montagne all interesse di pochi. Fino ad ora, nonostante i gestori degli impianti idroelettrici siano obbligati a garantire il rilascio del deflusso minimo vitale, tale prescrizione viene frequentemente disapplicata. Succede così di imbattersi in torrenti e piccoli corsi d acqua praticamente in secca, ma con impianti idroelettrici pienamente in funzione. Questo sfruttamento delle nostre risorse deve avere fine. Il monitoraggio in continuo e telematico del DMV è una misura indispensabile per tutelare l ecosistema fluviale lombardo e consentirà di controllare in maniera costante la portata del corso d acqua, evitando anomalie e illeciti, spesso consapevoli. Alla legge regionale è stato approvato inoltre uno specifico emendamento della Lega Nord che prevede un netto rafforzamento delle prerogative dei sindaci in materia ambientale. In sintesi ha spiegato il vicecapogruppo della Lega Nord, Fabio Rolfi - questa norma fornisce ai Comuni più possibilità per tutelare in modo reale il proprio territorio dagli effetti negativi dovuti all installazione di nuove discariche e, più in generale, di ogni tipologia di impianti di smaltimento riconoscendo e sostenendo le buone prassi esercitate da tanti sindaci lombardi. Viene regolamentata la facoltà dei sindaci di poter stipulare convenzioni compensative con i soggetti richiedenti; questi accordi potranno prevedere misure di ristoro dei disagi causati per le comunità che saranno costrette ad ospitare, sul proprio territorio, i nuovi impianti. In altri termini ciò significherà più soldi e maggiori risorse da mettere a disposizione degli Enti locali per opere di interesse collettivo, di pubblica utilità o per eventuali bonifiche ambientali. Si tratta di una misura di grande importanza perché fornisce ai sindaci maggiori strumenti per adempiere al primo dei compiti che dovrebbe essere proprio di ogni buon amministratore, ovvero la tutela della comunità che rappresenta. Inoltre, grazie a questa norma, saranno evitati in futuro episodi scandalosi come quello avvenuto recentemente a Montichiari, dove un sindaco, reo di aver difeso la propria gente, è stato ingiustamente trattato alla stregua di un delinquente. 4

5 STAMINA, LOMBARDIA APPROVA MOZIONE LEGA NORD Rolfi e Colla: Consentire alle famiglie in possesso di ordinanza di eseguire la terapia e tutelare operatori sanitari Approvata dal Consiglio regionale della Lombardia la mozione presentata dalla Lega Nord su Stamina Foundation Nel merito sono intervenuti i vice capogruppo della Lega Nord e primi firmatari, Fabio Rolfi e Jari Colla Questa mozione spiegano i consiglieri regionali del Carroccio nasce dall esigenza di fornire risposte alle tante famiglie che hanno riposto le loro speranze nella sperimentazione Stamina, le stesse famiglie di cui abbiamo ricevuto una delegazione la scorsa settimana e che ha portato all attenzione del Consiglio regionale le problematiche di questo delicatissimo tema. La vicenda è complessa: a seguito della bocciatura da parte del Comitato scientifico del Ministero della Salute, molte famiglie hanno presentato (e vinto) il ricorso al Giudice del Lavoro per proseguire la terapia presso gli Spedali Civili di Brescia. A prescindere da valutazioni di carattere scientifico, che certamente vanno oltre il nostro ruolo, quello che appare evidente però è che il Comitato ha fermato sul nascere il progetto, troncando di netto la possibilità di una vera e approfondita sperimentazione, unica modalità accettabile capace di dare risposte oggettive sul metodo. A questo punto le problematiche da affrontare sono due: da una parte la struttura dell Ospedale Civile di Brescia è sottoposta a uno stress continuo, sia dal punto di vista giudiziario, sia per quanto concerne le esigenze di carattere lavorativo; per l azienda ospedaliera infatti la gestione dei pazienti Stamina rappresenta un onere non indifferente e genera sovraccarichi nei settori coinvolti. Dall altro lato però c è il dovere di salvaguardare la speranza e la sacrosanta aspettativa delle famiglie a proseguire (o iniziare) la terapia, come stabilito da molti Tribunali. Per queste ragioni, nel documento approvato oggi dal Consiglio regionale, si chiede di individuare una soluzione legislativa che tuteli gli operatori del settore e che oggi si trovano costretti a dover eseguire un ordinanza della Magistratura. Inoltre chiediamo di consentire la prosecuzione della terapia per le circa 140 persone che han visto accogliere le proprie istanze dal Giudice del lavoro, individuando a questo fine modalità e sedi adeguate a ridurre al massimo i tempi di attesa, anche in funzione dello stato di salute dei pazienti. Infine vorremmo che sia fatta, una volta per tutte, chiarezza in merito alla decisione del Comitato scientifico del Ministero: chiediamo infatti che venga resa pubblica la valutazione, corredata da criteri e documenti, che ha portato alla bocciatura della terapia. 5

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

UN MILIARDO SUBITO A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE LOMBARDE

UN MILIARDO SUBITO A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE LOMBARDE Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) UN MILIARDO SUBITO A DISPOSIZIONE DELLE

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE

DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE Il consiglio

Dettagli

GENITORI SEPARATI: LEGA PRESENTA PROPOSTA DI LEGGE

GENITORI SEPARATI: LEGA PRESENTA PROPOSTA DI LEGGE Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) GENITORI SEPARATI: LEGA PRESENTA PROPOSTA

Dettagli

A MILANO LA CONFERENZA DELLA MACROREGIONE ALPINA

A MILANO LA CONFERENZA DELLA MACROREGIONE ALPINA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) A MILANO LA CONFERENZA DELLA MACROREGIONE

Dettagli

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) NO A QUESTA EUROPA Il gruppo della Lega

Dettagli

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA 47 MILIARDI E 700 MILIONI ALL ANNO E

FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA 47 MILIARDI E 700 MILIONI ALL ANNO E Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA

Dettagli

Deliberazione Giunta Comunale

Deliberazione Giunta Comunale Copia Numero Data CITTA DI BELGIOIOSO Provincia di Pavia 70 14/05/2015 Deliberazione Giunta Comunale Oggetto: ADESIONE A DOTE COMUNE CON ANCI LOMBARDIA: AVVIO N. 1 DOTE COMUNE PER DODICI MESI L anno 2015

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU14 09/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2015, n. 14-1180 Approvazione del Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, la Citta' di Torino, l'universita' degli Studi

Dettagli

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) Gruppo Lega Nord restituisce residui scorsa

Dettagli

DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE

DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE Visto il protocollo d Intesa tra Regione Lombardia e ANCI Lombardia e la Nota a verbale del 23/04/2015 relativa al programma DoteComune 2015. Ciò premesso gli

Dettagli

VIA L IRAP PER LE IMPRESE INNOVATIVE

VIA L IRAP PER LE IMPRESE INNOVATIVE Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) VIA L IRAP PER LE IMPRESE INNOVATIVE Maroni:

Dettagli

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore 1. OBIETTIVI E FINALITA' Il presente bando è dedicato allo Start

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio.

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio. COMUNE DI CESENA SETTORE PROGETTI INTEGRATI - PARTECIPAZIONE LAVORO SVILUPPO GIOVANI - UNIVERSITÀ PGN: 100669/368 Piazza del Popolo 10-47521 Cesena Tel: 0547.356592-323 Fax 0547.356519 E-mail: ravaioli_v@comune.cesena.fc.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI approvato con delibera

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

ISLAM CRESCE L ALLARME TERRORISMO AL NORD

ISLAM CRESCE L ALLARME TERRORISMO AL NORD Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) ISLAM CRESCE L ALLARME TERRORISMO AL NORD

Dettagli

27 gennaio 2014. N.B. Non saranno accettare domande che dovessero pervenire oltre il suddetto termine anche se inviate in data antecedente.

27 gennaio 2014. N.B. Non saranno accettare domande che dovessero pervenire oltre il suddetto termine anche se inviate in data antecedente. AVVISO PUBBLICO PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL CONFERIMENTO DI N. 2 BORSE DI STUDIO A N. 2 PSICOLOGI PER ATTIVITA DI STUDIO, SPERIMENTAZIONE E MONITORAGGIO DELL EFFICACIA DELL APPLICAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 12 marzo 2008 Sperimentazione per l'anno 2008 delle prestazioni occasionali di tipo accessorio nel settore delle vendemmie. (GU n. 102 del 2-5-2008

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

(approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010) COMUNE DI CASTELLINA MARITTIMA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DEI LOCALI E DELLE STRUTTURE COMUNALI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 in data 26/11/2010)

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. DECRETO 14 febbraio 2014

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. DECRETO 14 febbraio 2014 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 14 febbraio 2014 Modalita di attuazione dei commi 194 e 196 dell articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilita 2014). Estensione

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA, nella persona del Presidente, Maria Carla Gatto PROTOCOLLO TRA ILTRIBUNALE PER I MINORENNI DI BRESCIA E LE AZIENDE SANITARIE LOCALI DI BERGAMO, BRESCIA, CREMONA, MANTOVA VALLECAMONICA SEBINO PER LA DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA IN MATERIA DI ADOZIONE NAZIONALE

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:Approvazione indirizzi al fine di un accordo finalizzato al controllo delle dichiarazioni sostitutive di L anno duemilaundici, addì quindici del

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER

Dettagli

Campus Impresa ed Expo Generation L impresa forma i giovani a scuola

Campus Impresa ed Expo Generation L impresa forma i giovani a scuola Campus Impresa ed Expo Generation L impresa forma i giovani a scuola Milano, 12 febbraio 2015 Buongiorno a tutti. Grazie per avermi invitata a questo importante talk su un tema prioritario e fondamentale

Dettagli

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro di Giulia Tolve Il potenziamento della gestione contrattata dei mutamenti tecnologici ed economici Il terzo

Dettagli

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RETE PER LA SICUREZZA E LA QUALITA DELLA VITA tra la Prefettura di Pesaro e Urbino, la Provincia di Pesaro e Urbino, i Comuni di Pesaro, Urbino, Fano. Il Prefetto di Pesaro e

Dettagli

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA 90 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA (D.L. 25 marzo 2013, n. 24) 17 maggio 2013 1 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente INDICE 2

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli

MISURE A SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE LOCALE MEDIANTE L'ATTIVAZIONE DEI TIROCINI OVER 30 DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO AL LAVORO EX DGR 1134/2013

MISURE A SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE LOCALE MEDIANTE L'ATTIVAZIONE DEI TIROCINI OVER 30 DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO AL LAVORO EX DGR 1134/2013 MISURE A SOSTEGNO DELL OCCUPAZIONE LOCALE MEDIANTE L'ATTIVAZIONE DEI TIROCINI OVER 30 DI INSERIMENTO/REINSERIMENTO AL LAVORO EX DGR 1134/2013 AVVISO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI OSPISTANTI PER TIROCINI

Dettagli

Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18. Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n.

Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18. Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n. Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18 Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n. 47) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato; IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Dettagli

************ ************

************ ************ ************ La seconda metà di ottobre vale la pena ricordarla per vari provvedimenti volti a valorizzare la Provincia di Como. Le iniziative più importanti, che vorrei segnalarvi, riguardano la Legge

Dettagli

I nuovi Fondi Pensione Le modifiche introdotte dalla nuova legislazione e le risposte del Credito Cooperativo. Marketing e Comunicazione

I nuovi Fondi Pensione Le modifiche introdotte dalla nuova legislazione e le risposte del Credito Cooperativo. Marketing e Comunicazione I nuovi Fondi Pensione Le modifiche introdotte dalla nuova legislazione e le risposte del Credito Cooperativo Agenda: La normativa La nuova regolamentazione: i cambiamenti più rilevanti Cosa dice il decreto

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

CGIL Milano rappresentata da Graziano Gorla, Segretario Generale CGIL Milano, Antonio Lareno Faccini, CGIL Progetto Expo

CGIL Milano rappresentata da Graziano Gorla, Segretario Generale CGIL Milano, Antonio Lareno Faccini, CGIL Progetto Expo MODELLO DI ACCORDO QUADRO SULLA DISCIPLINA NORMATIVA ED ECONOMICA, SICUREZZA SUL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI PER LA FASE DI COSTRUZIONE, ALLESTIMENTO E SMANTELLAMENTO DEI PADIGLIONI DEI PARTECIPANTI ALL

Dettagli

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra COMUNI EST MILANO - CGIL CISL UIL - AFOL EST MI ASSOLOMBARDA, COLDIRETTI, CONFCOMMERCIO, CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI, CONFEDERAZIONE NAZIONALE ARTIGIANATO E PICCOLA

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE COMITATO DEI SINDACI N 26 13.10.2003 Oggetto

Dettagli

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO IL PROGRAMMA La GARANZIA GIOVANI è un PROGRAMMA EUROPEO per il contrasto al fenomeno della disoccupazione giovanile IL CONTESTO LA RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE LIGURIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE LIGURIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA DGR n. 1052 DEL 05/08/2013 Disciplina regionale dei tirocini formativi e di orientamento, dei tirocini

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 9 dicembre 2013, n. 12-6831 Approvazione progetto "Sportello delle fragilita'" e approvazione convenzione 2013-2015 tra la Regione Piemonte

Dettagli

FAQ DID e PSP. Le FAQ che hanno subito variazioni o aggiornamenti sono segnalate in grassetto nel sommario

FAQ DID e PSP. Le FAQ che hanno subito variazioni o aggiornamenti sono segnalate in grassetto nel sommario FAQ DID e PSP Ultimo aggiornamento 10.05.2016 NOTA BENE. Le seguenti FAQ sono soggette a continui aggiornamenti. Si invitano pertanto gli operatori a consultare periodicamente Cruscotto Lavoro per verificare

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015

DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015 DELIBERAZIONE N X / 3494 Seduta del 30/04/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità

Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità Criteri per l erogazione di interventi di natura economica a sostegno delle fragilità I presenti criteri disciplinano l accesso, la gestione e l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 13.12.2013 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE** PENSIONI LIQUIDATE* 1^

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive

Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive Sergio Govi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Come è noto, da alcuni anni il settore

Dettagli

PREMESSO CHE: La Provincia di Ascoli Piceno:

PREMESSO CHE: La Provincia di Ascoli Piceno: ACCORDO DI PARTNERSHIP PER L ASSISTENZA TECNICA, IL MONITORAGGIO, LA PROGRAMMAZIONE DELLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E LA PROMOZIONE DEI SERVIZI PER L IMPIEGO PROVINCIALI. ANNO 2015 TRA L Amministrazione

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011 Dossier Rassegna.it Pensioni, cosa cambia La nostra guida Decorrenze di anzianità e vecchiaia, finestre, pensioni anticipate, aumento dell'età pensionabile per le donne del pubblico impiego, ricongiunzioni.

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA UILCOM-UIL UNIONE ITALIANA LAVORATORI DELLA COMUNICAZIONE (UILSIC UILTE) APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA L indennità di mobilità è stata istituita dalla Legge n 223 del 23 luglio 1991. Essa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SUI CONTROLLI AMBIENTALI TRA COMUNE DI BENEVENTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE CORPO FORESTALE DELLO STATO

PROTOCOLLO D INTESA SUI CONTROLLI AMBIENTALI TRA COMUNE DI BENEVENTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE CORPO FORESTALE DELLO STATO Città di Benevento Ufficio Ambiente PROTOCOLLO D INTESA SUI CONTROLLI AMBIENTALI TRA COMUNE DI BENEVENTO ASSESSORATO ALL AMBIENTE CORPO FORESTALE DELLO STATO COMANDO PROVINCIALE DI BENEVENTO APRILE 2012

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

Protocollo Operativo tutela minorile

Protocollo Operativo tutela minorile protocollo operativo 1 Protocollo Operativo tutela minorile Tra Tribunale per i Minorenni di L Aquila e Ordine Assistenti Sociali della Regione Abruzzo e Ambiti territoriali protocollo operativo 1 Protocollo

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN Provincia di Reggio Emilia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 106 del 09 Ottobre 2014 OGGETTO: DISPOSIZIONI PER L ATTIVAZIONE DI INTERVENTI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA

COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA COMUNE DI ALTAVILLA VICENTINA PROVINCIA DI VICENZA COPIA Proposta n. 23033 Impegno n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 117 del 10/10/2012 Oggetto: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA PER

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE.0008127.18-12-2012 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione, delle risorse umane finanziarie e strumentali

Dettagli

Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com

Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento e Trieste, 54-26100 CREMONA Tel.0372/596811 fax 0372/596850 www.fimcremona.com Comma 14, Art. 24 D.L. 201/2011 convertito con legge n. 214/2011; Art 6 D.L.

Dettagli

ASSESSORATO AL LAVORO. Legge regionale. Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro

ASSESSORATO AL LAVORO. Legge regionale. Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro ASSESSORATO AL LAVORO Legge regionale Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro 1 Art. 1 (Principi e finalità) 1. La Regione esercita le competenze legislative previste

Dettagli

Legge della Regione Toscana 1 marzo 2010, n. 26 (1) Istituzione del Garante per l'infanzia e l'adolescenza. Il Consiglio regionale ha approvato

Legge della Regione Toscana 1 marzo 2010, n. 26 (1) Istituzione del Garante per l'infanzia e l'adolescenza. Il Consiglio regionale ha approvato Legge della Regione Toscana 1 marzo 2010, n. 26 (1) Istituzione del Garante per l'infanzia e l'adolescenza (1) Pubblicata nel B.U. Toscana 9 marzo 2010, n. 14, parte prima. Il Consiglio regionale ha approvato

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi Avviso pubblico per la raccolta delle Manifestazioni d interesse di lavoratori titolari del trattamento di cassa integrazione guadagni straordinaria o del trattamento di mobilità (L.223/91) per l utilizzo

Dettagli

on. prof. Renato Balduzzi, Ministro della Salute dal 16/11/2011 al 28/4/2013

on. prof. Renato Balduzzi, Ministro della Salute dal 16/11/2011 al 28/4/2013 Audizione su vicenda Stamina-Commissione XII Senato della Repubblica on. prof. Renato Balduzzi, Ministro della Salute dal 16/11/2011 al 28/4/2013 Per una chiara comprensione delle modalità con le quali

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI ** PENSIONI LIQUIDATE* 1^ SALVAGUARDIA

Dettagli

Il presente Avviso è diretto ad individuare tali giovani tirocinanti per ciascuno dei quali sarà predisposto un Progetto Formativo di Tirocinio.

Il presente Avviso è diretto ad individuare tali giovani tirocinanti per ciascuno dei quali sarà predisposto un Progetto Formativo di Tirocinio. 2 PIANO LOCALE GIOVANI CITTA METROPOLITANE GIOVANI AL PRESENTE AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO PRESSO ORGANISMI DEL TERZO SETTORE SELEZIONATI DA ROMA CAPITALE

Dettagli

ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA

ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA 2 ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA 1 Massimiliano Romeo Monzese, 44 anni, ha lavorato fino al 2010 presso lo studio di consulenza automobilistica di famiglia. Iscritto alla Lega Nord dal 1992, Responsabile del

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Protocollo d Intesa del Coordinamento Cittadino e Provinciale Contro la Violenza sulle Donne (CCPCVD)

Protocollo d Intesa del Coordinamento Cittadino e Provinciale Contro la Violenza sulle Donne (CCPCVD) Protocollo d Intesa del Coordinamento Cittadino e Provinciale Contro la Violenza sulle Donne (CCPCVD) PREMESSO CHE - la violenza nei confronti delle donne costituisce una violazione dei diritti umani fondamentali

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE dell AUTORITA di BACINO LACUALE dei LAGHI D ISEO, ENDINE E MORO

VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE dell AUTORITA di BACINO LACUALE dei LAGHI D ISEO, ENDINE E MORO Copia OGGETTO: Affidamento incarico di assistenza giudiziale e stragiudiziale e predisposizione atti e regolamenti dell'autorità. L anno duemilatredici addì due del mese di aprile alle ore 16.30 in apposita

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012 PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE Data avvio Proposta : 21/09/2012 Illustrano l argomento OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO ANNUALE COMUNALE PER

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO Art. 1 - Premessa La Legge 328/00 e la Legge Regionale n. 3/2008 sono volte ad assicurare alle persone ed alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, finalizzato alla promozione

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 28/10/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/10/2013 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza TITOLO AZIONE: La tutela dei diritti dei minori: la governance delle azioni del Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Campania Premessa

Dettagli

Il giorno 24 settembre 2007, alle ore 16: 45, presso la sede dell A.Ra.N. ha avuto luogo l incontro tra: L A.Ra.N:

Il giorno 24 settembre 2007, alle ore 16: 45, presso la sede dell A.Ra.N. ha avuto luogo l incontro tra: L A.Ra.N: CONTRATTO COLLETTIVO QUADRO D INTEGRAZIONE DEL CCNQ SULLE MODALITÀ DI UTILIZZO DEI DISTACCHI, ASPETTATIVE E PERMESSI NONCHÈ DELLE ALTRE PREROGATIVE SINDACALI DEL 7 AGOSTO 1998 Il giorno 24 settembre 2007,

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA. Art. 1 AVENTI DIRITTO

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA. Art. 1 AVENTI DIRITTO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA Art. 1 AVENTI DIRITTO Hanno diritto all assistenza economica i cittadini residenti nel Comune da oltre un anno ( D.P. 28.05. 87 Regolamento tipo L.R.

Dettagli

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI

DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI Informativa su DISCIPLINA REGIONALE DEI TIROCINI formativi e di orientamento, dei tirocini di inserimento e reinserimento lavorativo e dei tirocini estivi, in attuazione dell art. 35 della L.R. 30/2008

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli