RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO"

Transcript

1 Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO Maroni: sito espositivo sede ideale per centro produzione Si alza forte la voce della Lega Nord e del governatore lombardo Roberto Maroni contro l ipotesi di realizzare a Roma il canale RAI dedicato ad EXPO E in corso Sempione a Milano, di fronte alla storica sede meneghina della TV di Stato, il Carroccio ha manifestato con i propri rappresentanti, guidati dal segretario nazionale Matteo Salvini, contro l ennesimo scippo capitolino. Non ha mancato di far sentire la propria voce anche Massimiliano Romeo, capogruppo al Pirellone che ha così dichiarato: Spiace constatare, una volta di più, come si voglia imporre la visione romanocentrica ad un mezzo pubblico, sostanziosamente finanziato con il canone RAI pagato soprattutto dai cittadini del Nord. La realizzazione del canale EXPO2015 a Roma, nonostante la promessa di una sede distaccata nel luogo dell evento, rappresenta l ennesimo segnale di allarme di un depotenziamento senza precedenti dell informazione RAI al Nord. Una scelta infelice che avrà come conseguenza la perdita di migliaia di posti di lavoro, se consideriamo anche l indotto delle produzioni televisive. Roberto Maroni ha successivamente incontrato il direttore Rai Gubitosi al quale ha rivolto 2 richieste: la realizzazione di un nuovo Centro di produzione presso l'area dell'esposizione universale del 2015 e il mantenimento di Rai Expo a Milano. "A Milano - ha detto Maroni - siamo fatti così. A domande concrete, vogliamo risposte che lo siano altrettanto. Le due richieste contenute anche nel manifesto dell'incontro di oggi, che ho sottoscritto, sono molto precise: la realizzazione di un nuovo Centro di produzione Rai presso l'area Expo, che sia tecnologicamente avanzato e adeguato nelle strutture, negli spazi e che superi gli attuali insediamenti ormai obsoleti e insufficienti, garantendo così una reale possibilità di futuro. Secondo: la copertura mediatica dell'evento del 2015, attraverso una struttura che abbia sul territorio il proprio insediamento". 1

2 DISOCCUPAZIONE CONSIGLIO REGIONALE APPROVA MOZIONE Brianza: «Estendere agli over 50 la dote comune» Reinserire gli over 50 rimasti disoccupati nel circuito lavorativo, questo è il senso della risoluzione approvata dal Consiglio Regionale della Lombardia. In merito al provvedimento è intervenuta in aula il consigliere regionale della Lega Nord Francesca Brianza. «La disoccupazione nel nostro Paese è aumentata del 12% e 150mila sono le persone rimaste fuori dai circuiti occupazionali nella nostra Regione negli ultimi anni - ricorda il consigliere del Carroccio -. Nel 2012, per fronteggiare la crescita della disoccupazione, Regione Lombardia e l Associazione Nazionale dei Comuni Italiani avevano siglato un protocollo d intesa con cui si stanziavano dei fondi, detti dote comune, finalizzati alla formazione e all orientamento attraverso tirocini extra-curriculari, per giovani disoccupati o inoccupati di età compresa tra i 18 e d i 35 anni, nonché per lavoratori percettori di ammortizzatori. L anno scorso il contributo di Regione Lombardia è stato di mezzo miliardo di euro». Spiega il consigliere Brianza: «La perdita del lavoro, oltre a causare problemi psicologici devastanti, mette di fatto a rischio di sopravvivenza chi ne viene colpito; ben difficilmente le persone nella fascia d'età over 50 riescono a riciclarsi nel circuito occupazionale perché troppo spesso ritenuti a torto non aggiornati o «sorpassati». Per questo motivo abbiamo chiesto al Governatore Maroni di sottoscrivere un nuovo protocollo d intesa con ANCI Lombardia, inserendo fra i beneficiari della «dote comune» la categoria dei disoccupati e degli inoccupati over 50, incrementando i finanziamenti ed inserendo la possibilità del riconoscimento a fini pensionistici del percorso formativo, il tutto in tempi tali da consentire l avvio dell attività formativa dal gennaio

3 APPROVATI INDIRIZZI PER INTERVENTI SU PATRIMONIO SCOLASTICO Colla: Necessari 2 miliardi ma Stato faccia la sua parte Per sanare completamente il patrimonio scolastico lombardo sono necessari 2 miliardi di euro. La Regione svolgerà appieno il proprio ruolo, anche dal punto di vista economico, ma è necessario che lo Stato faccia altrettanto. Così il consigliere regionale della Lega Nord, Jari Colla ha commentato l approvazione degli indirizzi per gli interventi a favore del patrimonio scolastico da parte del Consiglio Regionale. In questi anni ha continuato Jari Colla - la Regione ha finanziando interventi per un totale di 150 milioni di euro, nonostante la minima compartecipazione alle spese da parte dello Stato. L aiuto ministeriale è infatti rimasto nell ordine del 10%. La nostra Regione ha addirittura dovuto anticipare i fondi per tutti gli interventi nei Comuni colpiti dall evento sismico e siamo ancora in attesa delle somme statali a copertura di questi investimenti. Non è concepibile che la Regione con il patrimonio scolastico più grande del Paese (un quinto delle scuole è in Lombardia) possa ricevere dallo Stato un così esiguo aiuto economico. Entrando nello specifico del provvedimento continua Colla deve essere evidenziata l introduzione dell anagrafe regionale, una banca dati che permetterà alla Regione di aggiornare in maniera tempestiva la situazione dei fabbisogni sul territorio. Di primaria importanza inoltre vanno considerati gli interventi volti alla realizzazione di impianti sportivi di base o polivalenti, data la necessità di poter svolgere attività sportiva di qualità e considerata inoltre la possibilità di aprire gli impianti all uso della collettività. 3

4 NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA AMBIENTALE Bianchi: Proposta Lega su Deflusso Minimo Vitale ora è legge Rolfi: Su discariche rafforzati i poteri dei sindaci Via libera al Pirellone all introduzione di nuove disposizioni in materia ambientale. Con il voto del Consiglio Regionale ha affermato il consigliere del Carroccio, Dario Bianchi diviene finalmente legge la proposta della Lega Nord sul Deflusso Minimo Vitale, che introduce il monitoraggio in continuo e telematico del DMV. Un provvedimento fondamentale che antepone la difesa dell ambiente e delle nostre montagne all interesse di pochi. Fino ad ora, nonostante i gestori degli impianti idroelettrici siano obbligati a garantire il rilascio del deflusso minimo vitale, tale prescrizione viene frequentemente disapplicata. Succede così di imbattersi in torrenti e piccoli corsi d acqua praticamente in secca, ma con impianti idroelettrici pienamente in funzione. Questo sfruttamento delle nostre risorse deve avere fine. Il monitoraggio in continuo e telematico del DMV è una misura indispensabile per tutelare l ecosistema fluviale lombardo e consentirà di controllare in maniera costante la portata del corso d acqua, evitando anomalie e illeciti, spesso consapevoli. Alla legge regionale è stato approvato inoltre uno specifico emendamento della Lega Nord che prevede un netto rafforzamento delle prerogative dei sindaci in materia ambientale. In sintesi ha spiegato il vicecapogruppo della Lega Nord, Fabio Rolfi - questa norma fornisce ai Comuni più possibilità per tutelare in modo reale il proprio territorio dagli effetti negativi dovuti all installazione di nuove discariche e, più in generale, di ogni tipologia di impianti di smaltimento riconoscendo e sostenendo le buone prassi esercitate da tanti sindaci lombardi. Viene regolamentata la facoltà dei sindaci di poter stipulare convenzioni compensative con i soggetti richiedenti; questi accordi potranno prevedere misure di ristoro dei disagi causati per le comunità che saranno costrette ad ospitare, sul proprio territorio, i nuovi impianti. In altri termini ciò significherà più soldi e maggiori risorse da mettere a disposizione degli Enti locali per opere di interesse collettivo, di pubblica utilità o per eventuali bonifiche ambientali. Si tratta di una misura di grande importanza perché fornisce ai sindaci maggiori strumenti per adempiere al primo dei compiti che dovrebbe essere proprio di ogni buon amministratore, ovvero la tutela della comunità che rappresenta. Inoltre, grazie a questa norma, saranno evitati in futuro episodi scandalosi come quello avvenuto recentemente a Montichiari, dove un sindaco, reo di aver difeso la propria gente, è stato ingiustamente trattato alla stregua di un delinquente. 4

5 STAMINA, LOMBARDIA APPROVA MOZIONE LEGA NORD Rolfi e Colla: Consentire alle famiglie in possesso di ordinanza di eseguire la terapia e tutelare operatori sanitari Approvata dal Consiglio regionale della Lombardia la mozione presentata dalla Lega Nord su Stamina Foundation Nel merito sono intervenuti i vice capogruppo della Lega Nord e primi firmatari, Fabio Rolfi e Jari Colla Questa mozione spiegano i consiglieri regionali del Carroccio nasce dall esigenza di fornire risposte alle tante famiglie che hanno riposto le loro speranze nella sperimentazione Stamina, le stesse famiglie di cui abbiamo ricevuto una delegazione la scorsa settimana e che ha portato all attenzione del Consiglio regionale le problematiche di questo delicatissimo tema. La vicenda è complessa: a seguito della bocciatura da parte del Comitato scientifico del Ministero della Salute, molte famiglie hanno presentato (e vinto) il ricorso al Giudice del Lavoro per proseguire la terapia presso gli Spedali Civili di Brescia. A prescindere da valutazioni di carattere scientifico, che certamente vanno oltre il nostro ruolo, quello che appare evidente però è che il Comitato ha fermato sul nascere il progetto, troncando di netto la possibilità di una vera e approfondita sperimentazione, unica modalità accettabile capace di dare risposte oggettive sul metodo. A questo punto le problematiche da affrontare sono due: da una parte la struttura dell Ospedale Civile di Brescia è sottoposta a uno stress continuo, sia dal punto di vista giudiziario, sia per quanto concerne le esigenze di carattere lavorativo; per l azienda ospedaliera infatti la gestione dei pazienti Stamina rappresenta un onere non indifferente e genera sovraccarichi nei settori coinvolti. Dall altro lato però c è il dovere di salvaguardare la speranza e la sacrosanta aspettativa delle famiglie a proseguire (o iniziare) la terapia, come stabilito da molti Tribunali. Per queste ragioni, nel documento approvato oggi dal Consiglio regionale, si chiede di individuare una soluzione legislativa che tuteli gli operatori del settore e che oggi si trovano costretti a dover eseguire un ordinanza della Magistratura. Inoltre chiediamo di consentire la prosecuzione della terapia per le circa 140 persone che han visto accogliere le proprie istanze dal Giudice del lavoro, individuando a questo fine modalità e sedi adeguate a ridurre al massimo i tempi di attesa, anche in funzione dello stato di salute dei pazienti. Infine vorremmo che sia fatta, una volta per tutte, chiarezza in merito alla decisione del Comitato scientifico del Ministero: chiediamo infatti che venga resa pubblica la valutazione, corredata da criteri e documenti, che ha portato alla bocciatura della terapia. 5

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

PROVINCIA di CATANZARO

PROVINCIA di CATANZARO PROVINCIA di CATANZARO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI, SOVVENZIONI, SUSSIDI E SERVIZIO CIVICO. Il presente regolamento disciplina i criteri per l erogazione di sussidi economici

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

UN MILIARDO SUBITO A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE LOMBARDE

UN MILIARDO SUBITO A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE LOMBARDE Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) UN MILIARDO SUBITO A DISPOSIZIONE DELLE

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia

Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) NO A QUESTA EUROPA Il gruppo della Lega

Dettagli

Deliberazione Giunta Comunale

Deliberazione Giunta Comunale Copia Numero Data CITTA DI BELGIOIOSO Provincia di Pavia 70 14/05/2015 Deliberazione Giunta Comunale Oggetto: ADESIONE A DOTE COMUNE CON ANCI LOMBARDIA: AVVIO N. 1 DOTE COMUNE PER DODICI MESI L anno 2015

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE

IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO CHE - questo Consiglio ha votato in data 01/10/2008 un ordine del giorno in merito a Finanziaria 2008 e successivamente in data 31/3/2009 un ordine del giorno in merito a

Dettagli

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

GENITORI SEPARATI: LEGA PRESENTA PROPOSTA DI LEGGE

GENITORI SEPARATI: LEGA PRESENTA PROPOSTA DI LEGGE Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) GENITORI SEPARATI: LEGA PRESENTA PROPOSTA

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2010 M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA AZIENDA SANITARIA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 DI MATERA COMUNE

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN Provincia di Reggio Emilia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 106 del 09 Ottobre 2014 OGGETTO: DISPOSIZIONI PER L ATTIVAZIONE DI INTERVENTI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE

DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) DIFENDERE LA FAMIGLIA NATURALE Il consiglio

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1108 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 9 dicembre 2013, n. 12-6831 Approvazione progetto "Sportello delle fragilita'" e approvazione convenzione 2013-2015 tra la Regione Piemonte

Dettagli

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica

rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica rapporto aziendale, pv-promea 2014 versione sintetica prefazione, del presidente del consiglio di fondazione Siamo lieti di potervi consegnare anche quest anno il rapporto aziendale della PV-PROMEA nella

Dettagli

A MILANO LA CONFERENZA DELLA MACROREGIONE ALPINA

A MILANO LA CONFERENZA DELLA MACROREGIONE ALPINA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) A MILANO LA CONFERENZA DELLA MACROREGIONE

Dettagli

FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA 47 MILIARDI E 700 MILIONI ALL ANNO E

FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA 47 MILIARDI E 700 MILIONI ALL ANNO E Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) FURTO DI STATO ROMA SOTTRAE ALLA LOMBARDIA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERA N. 9/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA BONI BONI ERBA & Co XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 9/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA BONI BONI ERBA & Co XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 9/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA BONI BONI ERBA & Co XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Il servizio civile nella regione Piemonte Primi elementi a supporto dell avvio di una valutazione

Il servizio civile nella regione Piemonte Primi elementi a supporto dell avvio di una valutazione Nota informativa n. 5 Febbraio 2015 Direzione Processo legislativo Unità organizzativa Qualità della normazione e valutazione delle politiche A cura di Fabrizio d Alonzo e Andrea Stroscio Il servizio civile

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

TRATTO DAL SITO UFFICIALE DEL COMUNE

TRATTO DAL SITO UFFICIALE DEL COMUNE TRATTO DAL SITO UFFICIALE DEL COMUNE 22.10.08- Incontro con la Stampa QUESTIONE CAMPO NOMADI E POSIZIONE UFFICIALE DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PORTOGRUARO IN MERITO Nonostante le ripetute dichiarazioni,

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX

DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza

Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza Autorità Garante dell Infanzia e dell Adolescenza TITOLO AZIONE: La tutela dei diritti dei minori: la governance delle azioni del Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Campania Premessa

Dettagli

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi e Legali Settore Politiche Giovanili AVVISO PUBBLICO

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi e Legali Settore Politiche Giovanili AVVISO PUBBLICO Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi e Legali Settore Politiche Giovanili AVVISO PUBBLICO per l individuazione dei beneficiari del prestito d onore relativo all istituzione del Fondo Rotativo

Dettagli

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati

Proposta di legge sul precariato. Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Proposta di legge sul precariato Disposizioni in materia di tutele sociali e politiche attive per i lavoratori assunti con contratti non subordinati Art. 1 (Sostegno del reddito, formazione, previdenza

Dettagli

Deliberazione n.75/pareri/2008

Deliberazione n.75/pareri/2008 Deliberazione n.75/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

obiettivo occupazione

obiettivo occupazione obiettivo occupazione Gli ultimi quattro decreti legislativi completano la riforma del lavoro e tracciano una strada per le politiche attive all insegna della flexicurity, con una rete di servizi coordinata

Dettagli

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Co.Re.Com. comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia ATTI 1.21.1 2013/455/GU14 IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI Deliberazione n. 41 del 28 ottobre 2014 Sono presenti i componenti

Dettagli

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti

BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti BUONI LAVORO: un vademecum per i professionisti Rivisitata da molteplici interventi normativi ed assoggettata ad altrettanti chiarimenti ministeriali, nonché di carattere previdenziale, sembra che ad oggi

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

PIANO ZONALE PER LA PRIMA INFANZIA anni 2010-2012

PIANO ZONALE PER LA PRIMA INFANZIA anni 2010-2012 Piano di Zona - Distretto di Arcisate Comuni di: Arcisate, Besano, Bisuschio, Brusimpiano, Cantello, Clivio, Cuasso al Monte, Induno Olona, Porto Ceresio, Saltrio e Viggiu. PIANO ZONALE PER LA PRIMA INFANZIA

Dettagli

L assistenza al malato e all anziano in casa

L assistenza al malato e all anziano in casa L assistenza al malato e all anziano in casa Prima edizione 2014 PRENDIAMOCENE CURA CON CROCE ROSSA ITALIANA DESIO e NUCLEO BRIANTEO - ASSOCIAZIONE REGIONALE LOMBARDIA INFERMIERE/I L AMORE PER I PROPRI

Dettagli

Il giorno 18 Gennaio dell'anno 2011, presso la Regione Toscana, sono presenti,

Il giorno 18 Gennaio dell'anno 2011, presso la Regione Toscana, sono presenti, PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, CONAI, ANCI, ANCI-Toscana; Confservizi Cispel Toscana; COREVE, REVET S.p.A, LA REVET VETRI S.r.l. FINALIZZATO ALLA RACCOLTA MONOMATERIALE DEL VETRO NONCHE ALLA

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18. Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n.

Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18. Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n. Legge Regionale 10 novembre 2015 n. 18 Misure di inclusione attiva e di sostegno al reddito. (Valle D'Aosta, BUR 24 novembre 2015, n. 47) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato; IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Dettagli

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit.

SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. SERATA DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE GRUPPO DI LAVORO ENTI NO PROFIT 1. Programmazione attività 2015. 2. Esame delle principali novità in materia di no profit. Torino, 27 gennaio 2015 A cura dei dottori

Dettagli

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata

La Circolare Tributaria n.2 del 14 gennaio 2013. La riproduzione con qualsiasi metodo è vietata Il Punto sull Iva Crediti Iva in compensazione: una risorsa finanziaria da gestire con cautela a cura di Fabio Garrini Non è certo raro di questi tempi negli studi professionali il fatto di imbattersi

Dettagli

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014

RELAZIONE PUNTO LAVORO. Gennaio dicembre 2014 Associazione Cieli Aperti ONLUS - Via Lazzerini n 1-59100 Prato Sede operativa: Via Marengo n 51 Cod. Fiscale: 92062880486 - P. Iva: 01939060974 Telefono: 0574 607226 3898475801 - Fax: 0574 607226 E-mail:

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra COMUNI EST MILANO - CGIL CISL UIL - AFOL EST MI ASSOLOMBARDA, COLDIRETTI, CONFCOMMERCIO, CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI, CONFEDERAZIONE NAZIONALE ARTIGIANATO E PICCOLA

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE Area Promozione e Protezione Sociale Servizio Sociale Comunale Prot.corr. 17/13-17/2-374 (32814)

COMUNE DI TRIESTE Area Promozione e Protezione Sociale Servizio Sociale Comunale Prot.corr. 17/13-17/2-374 (32814) COMUNE DI TRIESTE Area Promozione e Protezione Sociale Servizio Sociale Comunale Prot.corr. 17/13-17/2-374 (32814) PROTOCOLLO OPERATIVO PER L AGEVOLAZIONE NELLA FORNITURA DI ACQUA, ENERGIA ELETTRICA E

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 2 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante Il Consiglio regionale

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012

PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE. Data avvio Proposta : 21/09/2012 PROPOSTA DI DELIBERA DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEMO ANAGRAFICO E SOCIO CULTURALE Data avvio Proposta : 21/09/2012 Illustrano l argomento OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO ANNUALE COMUNALE PER

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore 1. OBIETTIVI E FINALITA' Il presente bando è dedicato allo Start

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA REGIONE TOSCANA E PARTI SOCIALI REGIONALI PER L ATTIVAZIONE DI TIROCINI E STAGE DI QUALITA IN REGIONE TOSCANA L'anno il giorno La Regione Toscana CIA Regionale CNA Regionale Coldiretti

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU14 09/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2015, n. 14-1180 Approvazione del Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, la Citta' di Torino, l'universita' degli Studi

Dettagli

DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

BILANCIO D ESERCIZIO

BILANCIO D ESERCIZIO Registro Regionale Persone Giuridiche n. 2064-9/7/2004 Sede in Via Manin 23, Milano Fondo di Dotazione 250.000 BILANCIO D ESERCIZIO dal 9/6/2004 al 31/12/2004 Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 33 del 07/08/2013

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 33 del 07/08/2013 ORIGINALE COMUNE DI ANNONE VENETO Provincia di Venezia Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale N. 33 del 07/08/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA I COMUNI DI PRAMAGGIORE, ANNONE VENETO

Dettagli

CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA (di seguito denominata Regione) nella persona dell Assessore regionale al lavoro, università e ricerca Alessia Rosolen, domiciliata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI L anno 2009, il giorno 5 di Agosto, in Arezzo, presso la Sede della Provincia di Arezzo, sono presenti:

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 6 febbraio 2014. Sisma regione Abruzzo - Ricostruzione degli immobili privati - Assegnazione delle somme stanziate dal decretolegge n.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

ATTI ASSEMBLEARI IX LEGISLATURA ESTRATTO DEL PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA ANTIMERIDIANA DEL 9 LUGLIO 2013, N. 124

ATTI ASSEMBLEARI IX LEGISLATURA ESTRATTO DEL PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA ANTIMERIDIANA DEL 9 LUGLIO 2013, N. 124 pag. 1 ATTI ASSEMBLEARI IX LEGISLATURA ESTRATTO DEL PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA ANTIMERIDIANA DEL 9 LUGLIO 2013, N. 124 PRESIEDE IL PRESIDENTE VITTORIANO SOLAZZI Consigliere Segretario Franca Romagnoli

Dettagli

COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA. Verbale di deliberazione del. Consiglio Comunale. n. 12

COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA. Verbale di deliberazione del. Consiglio Comunale. n. 12 COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 OGGETTO: VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2008 ED ALLA RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2008/10 APPLICAZIONE

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE

DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE DOTECOMUNE 2015 ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE Visto il protocollo d Intesa tra Regione Lombardia e ANCI Lombardia e la Nota a verbale del 23/04/2015 relativa al programma DoteComune 2015. Ciò premesso gli

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 30 giugno 2014. Fondo per lo sviluppo e la coesione 2007-2013. Esiti della ricognizione di cui alla

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA (di seguito, denominate PARTI) VISTO Il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA

DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA 90 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA SANITARIA (D.L. 25 marzo 2013, n. 24) 17 maggio 2013 1 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente INDICE 2

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Il Fondo Sociale per l occupazione e la formazione è finanziato

Dettagli

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Napoli 22 maggio 2014 1 LA GARANZIA GIOVANI NEL CONTESTO ITALIANO 45

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.08/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DEL VENETO - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO Contributi per interventi finalizzati

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO NORD MILANO CONVENZIONE

AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO NORD MILANO CONVENZIONE AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO NORD MILANO CONVENZIONE 1 CONVENZIONE I Comuni di Bresso, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cormano, Paderno Dugnano, Sesto San Giovanni e la Provincia

Dettagli

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE

AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA FAMILIARE BORGO RAGAZZI DON BOSCO MOVIMENTO FAMIGLIE AFFIDATARIE e SOLIDALI PROGETTO AFFIDAMENTO FAMILIARE PROPOSTA DI PROSECUZIONE PROGETTO AZIONI DI PROMOZIONE, FORMAZIONE E SOSTEGNO PER L AFFIDAMENTO e LA SOLIDARIETA

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del 19 luglio 1993"

Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del 19 luglio 1993 Dipartimento Formazione Lavoro Cultura e Sport 74AB-Ufficio Formazione Continua e A.F Approvazione Avviso Pubblico Piani formativi territoriali per la sicurezza sul lavoro - articolo 9 Legge n.236 del

Dettagli

Il giorno 24 settembre 2007, alle ore 16: 45, presso la sede dell A.Ra.N. ha avuto luogo l incontro tra: L A.Ra.N:

Il giorno 24 settembre 2007, alle ore 16: 45, presso la sede dell A.Ra.N. ha avuto luogo l incontro tra: L A.Ra.N: CONTRATTO COLLETTIVO QUADRO D INTEGRAZIONE DEL CCNQ SULLE MODALITÀ DI UTILIZZO DEI DISTACCHI, ASPETTATIVE E PERMESSI NONCHÈ DELLE ALTRE PREROGATIVE SINDACALI DEL 7 AGOSTO 1998 Il giorno 24 settembre 2007,

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 105 DEL 23 GENNAIO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 05 DEL 23 GENNAIO 205 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 202 e 203 per gli interventi finalizzati al superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE \ Determinazione 10/2015 Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

Ai Prefetti delle Province di L Aquila Chieti Pescara Teramo

Ai Prefetti delle Province di L Aquila Chieti Pescara Teramo Eventi sismici della provincia dell Aquila Vice Commissario delegato alle operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni sfollate e per l accelerazione e la chiusura della prima fase dell emergenza

Dettagli

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015)

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) Jobs Act non solo contratto a tutele crescenti, razionalizzazione delle tipologie contrattuali,

Dettagli

Le principali tipologie di rimpatrio ex artt.23 e 24 del D.P.R. 200/67 riguardano: 1) il rimpatrio di connazionali non residenti all estero;

Le principali tipologie di rimpatrio ex artt.23 e 24 del D.P.R. 200/67 riguardano: 1) il rimpatrio di connazionali non residenti all estero; Circolare n. 14 del 20 novembre 1998 OGGETTO Rimpatri Consolari Al fine di razionalizzare le procedure di rimpatrio consolare, si è ritenuto opportuno, alla luce delle esperienze maturate, aggiornare le

Dettagli