Alle Querce di Mamre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alle Querce di Mamre"

Transcript

1 Delio Lucarelli Vescovo di Rieti Abate Perpetuo di San Salvatore Maggiore Alle Querce di Mamre Lettera Pastorale per la conclusione della Sacra Visita Pastorale, dell Anno Eucaristico diocesano, e per la inaugurazione dell Anno della Fede 9 settembre 2012 Dedicazione della Basilica Cattedrale di Santa Maria Madre di Dio

2

3 Delio Lucarelli Vescovo di Rieti Abate Perpetuo di San Salvatore Maggiore Alle Querce di Mamre Diocesi di Rieti

4

5 Premessa 2. Ci lasceremo guidare da un testo piuttosto noto della Genesi che, mi sembra, possa offrire numerosi spunti di riflessione. 3. Abramo e Sara sono avanti negli anni e non hanno ancora il figlio della promessa, ma ricevono la visita di tre uomini, alle Querce di Mamre, a circa quattro chilometri da Ebron, uomini che promettono loro una discendenza a nome di Dio. 4. In realtà Abramo è già padre di Ismaele, avuto da Agar, la serva che Sara gli ha offerto per rendere umanamente possibile la promessa; ma Dio ha in serbo un piano diverso che sconvolgerà le sicurezze e anche le paure della coppia di anziani. 5.Questo brano che quasi per caso, ma noi sappiamo che non sempre è solo il caso a guidare le nostre scelte, mi si è ripresentato dinanzi, contiene alcuni spunti importanti relativi alla fede, al pane, all attività nella fedeltà all Alleanza, alla famiglia; pertanto vi invito a rileggere questo episodio, per poi lasciare spazio al commento e alle suggestioni per la nostra attività pastorale. 7

6

7 Il Testo Gen 18, 1-16 [1] il Signore apparve a lui (Abramo) alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all ingresso della tenda nell ora più calda del giorno. [2] Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, [3] dicendo: Mio Signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo. [4] Si vada a prendere un po di acqua, lavatevi i piedi e accomodatevi sotto l albero. [5] Permettete che vada a prendere un boccone di pane e rinfrancatevi il cuore; dopo, potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo. Quelli dissero: Fa pure come hai detto. [6] Allora Abramo andò in fretta nella tenda, da Sara, e disse: Presto, tre staia di fior di farina, impastala e fanne focacce. [7] All armento corse lui stesso, Abramo, prese un vitello tenero e buono e lo diede al servo, che si affrettò a prepararlo. [8] Prese latte acido e latte fresco insieme con il vitello, che aveva preparato, e li porse a loro. Così, mentr egli stava in piedi presso di loro sotto l albero, quelli mangiarono. [9] Poi gli dissero: Dov è Sara, tua moglie?. Rispose: È là nella tenda. [10] Il Signore riprese: Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio. Intanto Sara stava ad ascoltare all ingresso della tenda ed era dietro di lui. [11] Abramo e Sara erano vecchi, avanti negli anni; era cessato a Sara ciò che avviene regolarmente alle donne. [12] Allora 9

8 Sara rise dentro di sé e disse: Avvizzita come sono dovrei provare il piacere, mentre il mio signore è vecchio!. [13] Ma il Signore disse ad Abramo: Perché Sara ha riso dicendo: Potrò davvero partorire, mentre sono vecchia? [14] C è forse qualche cosa impossibile per il Signore? Al tempo fissato tornerò da te alla stessa data e Sara avrà un figlio. [15] Allora Sara negò: Non ho riso!, perché aveva paura; ma quegli disse: Sì, hai proprio riso. [16] Quegli uomini si alzarono e andarono a contemplare Sòdoma dall alto, mentre Abramo li accompagnava per congedarli.

9 Le attese e l atteggiamento di Abramo 6. Abramo non attende soltanto un figlio, né solo il semplice avverarsi di una promessa di ordine politico o religioso.è un uomo per molti versi amareggiato e deluso, per una vita peregrinante e senza risultati visibili e concreti. 7. È la sfida e il rischio ineludibile di ogni credente, sperare contro ogni speranza, ma anche restare al termine della vita con le stesse attese non appagate della giovinezza.è anche la sfida e il rischio della Chiesa Cattolica e di questa nostra piccola porzione di popolo di Dio. 8. Abbiamo tante attese che non si sono ancora realizzare e vorremmo che, invece, vi fosse una soluzione ai tanti problemi e una gratificazione del lavoro pastorale che svolgiamo e che abbiamo svolto nel corso degli anni e dei decenni. Può esserci molto utile l atteggiamento di Abramo. I. All ingresso della tenda 9. Abramo si pone all ingresso della tenda, nell ora in cui si sosta dalle fatiche del lavoro quotidiano; nomade che vive fino in fondo la precarietà della vita e anche della fede, a cui Dio ha fatto una promessa irrazionale. 11

10 Insieme a sua moglie ha speso gran parte della vita ad inseguire un sogno che, forse, non vedrà mai realizzato. 10. Deve essere anche questo il nostro atteggiamento: essere capaci di sostare dopo le nostre fatiche quotidiane e pastorali per cercare di capirne il senso, ma anche per sentirci nomadi in questo peregrinare nel mondo, consapevoli che il nostro destino, chiamiamolo così, è nel Regno ove sarà realizzata anche per noi la promessa. 11. La tenda indica l abitazione precaria dell uomo biblico, che lavora e che è in balìa dei fenomeni naturali e degli eventi della storia che non può controllare. Essa indica anche la condizione di estrema caducità della nostra vita e delle nostre certezze. 12. Quello di Abramo non è ozio che segue lo sconforto del fallimento; è riposo a seguito di fatiche e di speranze al momento disattese. Ma è un riposo in cui, seppur l ottimismo della prima ora ha lasciato spazio ad una certa delusione, non manca la speranza nell intervento di Dio. 13. È questo di cui ha bisogno la nostra Chiesa locale: la speranza nell intervento di Dio dopo il lavoro e le fatiche che ci siamo lasciati alle spalle e che ancora sono davanti a noi. La sosta all ingresso della tenda è l immagine del nostro atteggiamento di verifica, anzitutto della nostra vita cristiana e poi della nostra attività pa- 12

11 storale. La verifica porta con sé la convinzione interiore di aver fatto quanto era nelle nostre possibilità, ma anche la critica visione retrospettiva degli errori fatti e delle mancanze inevitabili. 14. Lo stare di Abramo è pensoso e trepidante: egli non si pone solo il problema - potremmo dire - politico dell Alleanza con Dio, ma anche il problema della sua discendenza e della sua famiglia: i tentativi del Faraone di sottrargli la moglie Sara durante la permanenza in Egitto; Ismaele, il figlio avuto dalla schiava che poi sarà allontanato, sempre per rispondere alla volontà del Signore. 15. Questo sostare di Abramo è il nostro attuale sostare di fronte alle problematiche della famiglia e dei giovani. 16. La vita e l esperienza itinerante di Abramo ci dicono che i problemi e le vicende dell umanità sono e saranno sempre sotto la minaccia della sconfitta e del peccato; ma ci dicono anche che è sempre possibile un nuovo inizio. Ma questo non deve farci abituare a ciò che è oggettivamente sbagliato, piuttosto deve stimolarci a rinnovare sempre le relazioni e i rapporti, sperando contro ogni speranza (spes contra spem). 17. I problemi della famiglia e dei giovani devono essere al primo posto nell agenda delle nostre parrocchie tentando ogni via e ogni possibile iniziativa. Questi de- 13

12 vono essere i capisaldi del nostro progetto pastorale, che è ad un tempo anche culturale! 18. Quanto ai giovani, vanno cercate modalità antiche e nuove per coinvolgerli in iniziative e progetti adatti a loro, che abbiano il sapore di un amicizia autentica della Chiesa verso di loro, ma che siano altresì ricchi di valore formativo ed educativo. La pura attenzione all aspetto catechistico ha mostrato, negli anni, tutti i limiti di una impostazione parziale e incompleta sia sotto l aspetto contenutistico che metodologico. O abbiamo dimenticato aspetti importanti dei contenuti, in favore di metodi nuovi, o abbiamo mantenuto i contenuti veicolati, però, con metodi vecchi: è ora di innovare e osare! 19. Per le famiglie non è più sufficiente limitarsi alla preparazione prossima al matrimonio, ma bisogna trovare occasioni di accompagnamento durante la vita coniugale, di incontri formativi e di crescita comune, di condivisione di esperienze, per accrescere il senso di responsabilità e di donazione. Per questi ambiti il servizio diocesano di pastorale giovanile e quello per la famiglia dovranno promuovere e incrementare iniziative sul piano diocesano, vicariale e parrocchiale.è necessario un maggior coordinamento soprattutto di alcuni uffici pastorali e tra questi ed altre realtà, non solo ecclesiali, che si occupano di ambiti affini; non può essere solo sollecitudine del Vescovo, ma è urgente che siano operative reti fra soggetti che hanno a cuore gli 14

13 stessi problemi. I responsabili devono essere attivi e intraprendenti, senza aspettare troppo indicazioni dall alto che già ci sono. Durante la Visita Pastorale ho potuto toccare con mano queste necessità, come pure un certo smarrimento di operatori pastorali (e quindi anche dei sacerdoti), genitori e giovani. 20. Abramo vede tre uomini, va loro incontro e si prostra fino a terra. La ricerca esegetica più avveduta esclude nei tre uomini una prefigurazione della Trinità, che invece i Padri hanno voluto cogliere in questo episodio, ma tuttavia il fatto che siano ospiti misteriosi, o angeli, dei quali ora si parla al singolare, ora al plurale, (alcuni hanno voluto vedervi due angeli che accompagnano il Signore) ci invita a soffermarci su alcuni aspetti: la fede e l ospitalità, ben significata dal profondo inchino di Abramo, che per gli esegeti non è adorazione. Ma noi leggeremo questi elementi anche andando oltre la pura esegesi per contemplare il testo da angolazioni più esistenziali e spirituali. 21. Tutta l esistenza e l esperienza di Abramo ci dicono che la vita è ricerca, itinerario, anche sofferto e faticoso: essa non può essere solo puro fideismo o devozionalismo : l Anno della Fede dovrà vederci impegnati sia, per un verso, a cogliere le grandi opportunità che offre la religiosità popolare rettamente orientata, sia la dimensione culturale e teologica della fede cristiana. Anzitutto dobbiamo riscoprire il grande valore educativo dei dogmi, a cominciare da quello trinitario, 15

14 e dal significato profondo del Battesimo nel nome della Trinità. A tale proposito riveste un significato non secondario il mio recente documento dal titolo «Acqua viva come dono». 22. Pur tenendo conto della imprescindibile importanza delle regole o norme anche nell amministrazione dei Sacramenti, dobbiamo sempre privilegiare l aspetto esperienziale e della testimonianza, della significatività più profonda che i gesti e i segni sacramentali possono rivestire per coloro che li recepiscono. 23. Anche l ospitalità di Abramo deve essere emblematica e programmatica: penso a quanti immigrati giungono nella nostra Città e nei nostri centri della periferia, anche di religioni non cristiane. Le nostre parrocchie devono escogitare forme di avvicinamento e di conoscenza, se necessario anche di tipo materiale. Ciò potrà essere fatto solo attraverso le Caritas parrocchiali o vicariali. La fede e l ospitalità sono due facce di una medesima medaglia, sono aspetti inseparabili: esse possono essere approfondite e ravvivate solo con una paziente opera di formazione, attraverso incontri, omelie, occasioni di confronto e di dibattito. 24. Ho notato che i nostri fedeli, pur rispettando sempre la predicazione classica unilaterale, apprezzano sempre di più momenti di confronto e di dibattito su temi anche di scottante attualità e di interesse sociale ed ecclesiale. Bisogna partire da questo per rilanciare quel primo 16

15 annuncio di cui tutti avvertiamo il bisogno. Sul piano pratico ciò richiede di rivedere modalità e occasioni di annuncio e di proposta della Parola: penso alle catechesi pubbliche sui temi della fede e della partecipazione alla vita ecclesiale; ai gruppi di ascolto della Parola, ai cammini di fede, a momenti di incontro con le famiglie e con i giovani, ridotti nel numero (tre o quattro), ma ripetuti nel tempo (tempi forti, occasioni particolari). 25. Per fare questo le sole forze del sacerdote non bastano: i vari collaboratori delle parrocchie devono essere organizzati nei Consigli Pastorali e degli Affari Economici. Un annuncio ad ampio raggio si realizza anche valorizzando al massimo i beni, anche artistici e storici, le biblioteche, laddove vi sono: il profumo e la bellezza di ciò che abbiamo e che ci è stato tramandato. 26. A tale proposito, il lavoro di archiviazione informatica dei frontespizi dei registri e dei libri parrocchiali, fatto durante la Visita, è da considerare molto utile e importante, esemplare. Non possiamo neppure liquidare come sorpassata l esperienza delle confraternite e il ricco patrimonio di religiosità popolare, che dà ancora qualche problema qua e là, ma che può offrire occasioni irripetibili di annuncio e di evangelizzazione. 17

16

17 II. In piedi sotto l albero 27. Abramo si ritrova in piedi presso i suoi ospiti sotto l albero, dopo che in poco tempo, così sembra dalla descrizione frenetica del testo, ha preparato per loro un vero banchetto. Il desiderio di compiere il dovere sacro dell ospitalità ha fatto smuovere, in Abramo e in tutti i suoi familiari, ogni giuntura dei corpi e delle menti, ma soprattutto dei cuori. 28. L attività apostolica e pastorale non è solo contemplazione ma anche attività, corale, anche frenetica, operativa, efficiente ed efficace. 29. Abramo riesce ad organizzare l accoglienza perché è già organizzato: un organizzazione semplice, quella che può avere una tenda e un piccolo clan, ma organizzazione che consenta di far fronte alle necessità. 30. È ciò che si richiede alle nostre parrocchie. Che abbiano spazi, strumenti, risorse per accogliere, promuovere e programmare. È significativa la lavanda dei piedi agli ospiti, come segno di apertura e servizio verso lo straniero e il diverso, che porta con sé un impronta indelebile e incancellabile: quella di figlio di Dio, fratello e amico di ognuno di noi. 31. Le nostre parrocchie devono essere più accoglienti ed ospitali. Spesso sembra prevalere l aspetto aziendale e organizzativo, rispetto a quello più cristiano e 19

18 cordiale. Sono aspetti che devono stare in equilibrio, tenendo sempre presente il bene di chi ci sta davanti. 32. Il pranzo imbandito da Abramo e la sua famiglia fa pensare molto al nostro convito eucaristico: l accoglienza festosa è presupposto e fondamento della condivisione della mensa in cui viene dato a tutti il cibo del Pane e della Parola. Non sembri superfluo ribadire la centralità dell Eucaristia e dell ascolto della Parola. È proprio lì che abbiamo la promessa, la rivelazione del disegno di Dio, la comunicazione del suo progetto di salvezza per ogni uomo e quindi per ciascuno di noi. 33. Quando Abramo ha preparato tutto, resta in piedi e vede mangiare i suoi ospiti. È l atteggiamento che dovremmo avere noi operatori pastorali; sempre pronti e vigilanti. Abramo, ora che ha assolto anche dal punto di vista pratico al dovere dell accoglienza, si predispone all ascolto e attende con impazienza l annuncio di quelle novità che cambieranno la sua vita e la sua storia, e che saranno l inizio di una vita e di una storia di un popolo nuovo. 34. Stare in piedi è l atteggiamento di chi sa che non è ancora finito il suo compito, che è sempre in procinto di essere chiamato a svolgere altre mansioni. Sul piano pratico, a livello ecclesiale e parrocchiale questo richiede anzitutto una rinnovata attenzione alle nostre Celebrazioni, secondo quanto ho scritto anche nel documento Dignità e decoro delle Celebrazioni Liturgiche, 20

19 senza bisogno che venga di nuovo ripetuto. La cura dei luoghi, il canto, una buona predicazione, l attenzione alla carità e alle missioni, sono aspetti da curare maggiormente e senza mai abbassare il livello di guardia. Vuol dire anche capacità di operare cambiamenti nei modelli comportamentali e negli approcci con i nostri fedeli: non possiamo dare sempre per scontato che tutti siano disposti ad accoglierci e ad ascoltarci. 35. Durante il pranzo gli ospiti di Abramo introducono il dialogo che sanno sarà poco piacevole, perché toccheranno un argomento che potrebbe ferire i due anziani coniugi: quello del figlio e della discendenza. Cercano la moglie che è dietro ad Abramo e ascolta tutto, ascolta la promessa di un figlio. Le promesse di Dio superano ogni attesa umana e suscitano a volte anche ilarità. Abramo è vecchio e Sara si chiede se ancora potrà provare il piacere dell unione con il marito. 36. L annuncio della Parola deve sempre partire, sul piano pratico, da ciò che interessa e sta a cuore alla nostra gente, suscitare l interesse, perfino sfiorare l impossibile. 37. È vero che in questo testo Dio è attento alla vicenda di una famiglia per costruire un popolo, ma è anche vero che forse un attenzione più mirata alla famiglia ci darà la possibilità di ricostruire e rimodellare le nostre comunità. Dobbiamo anche, per certi versi, non accontentarci più di edificare le nostre comunità partendo 21

20 22 dalle comunità stesse, ma dalle famiglie come cellule primordiali. A volte non abbiamo le comunità perché non ci sono più famiglie. Le Vicarie devono escogitare modalità e occasioni per far riflettere sulla famiglia, con i giovani e con le famiglie stesse. La prima cosa che dobbiamo fare noi sacerdoti, anzitutto, è di conoscere bene i documenti del Magistero in tale ambito, soprattutto per quanto riguarda i casi difficili e le soluzioni che vengono proposte, così pure le accortezze pastorali da adottare per avvicinare famiglie in difficoltà e in crisi. In questo ambito il Consultorio Familiare di ispirazione cristiana e il Servizio diocesano per la Pastorale Familiare devono essere coinvolti dalle parrocchie e devono saper proporre significative iniziative in tal senso.

21 III. Accompagnamento e congedo 38. Vorrei ora occuparmi dell ultimo e per certi versi inquietante versetto del brano che abbiamo esaminato. Gli uomini vanno a contemplare Sòdoma dall alto ed Abramo li accompagna e li congeda. 39. Contemplare Sòdoma dall alto è come dire: non c è più speranza, si va a vedere ciò di cui non rimarrà più nulla. Il peccato di Sòdoma non fu solo quello della inospitalità e, per certi versi, di un uso distorto della libertà diciamo così ma fu soprattutto una totale mancanza di attenzione da parte di tutti al richiamo del Signore. A volte il nostro mondo e la nostra società sembrano come Sòdoma, cioè sordi al richiamo di Dio, al suo messaggio, alla sua Parola; ma noi sappiamo che, in realtà, non è così. 40. Per non essere pessimisti, ma aperti al bene e al futuro, possiamo interpretare in questo modo il versetto: la vista di Sòdoma è una «minaccia», più che un ineludibile destino, per la nostra società e per la Chiesa, e sarà scongiurata nella misura in cui sapremo optare seriamente per il Vangelo e per il Signore. Ma l icona, se così vogliamo chiamarla, che ci prefigura in certo senso, è quella di Abramo, che accompagna, fino alla soglia, fino al limite, e poi, fatto ciò che doveva fare, si tira indietro con onestà e rigore. Ha fatto quanto doveva, forse avrà qualche rimorso e qualche rimpianto, ma si è fidato del Signore e gli ha risposto con generosità. 23

22

23 41. L atteggiamento di Abramo è anche prefigurazione del mio stato d animo di pastore di questa Chiesa da ormai quasi sedici anni. Anche se so di avere ancora del tempo, sono anche consapevole che è molto di più quello che è passato che quello che mi resta come Vescovo di questa Comunità. Non è ancora tempo, ritengo, di fare bilanci, ma di fornire qualche ulteriore stimolo per l azione pastorale e l evangelizzazione del nostro popolo. Pertanto, ritengo di proporre alla Chiesa di Rieti un progetto pastorale che si articolerà in sette anni, senza voler caricare i miei successori e la stessa Diocesi di oneri che, se vorranno, potranno benissimo lasciar cadere. 42. Abbiamo visto che negli ultimi tempi la Santa Sede ha indetto, a seconda delle ricorrenze e delle necessità, degli «Anni» dedicati ora all uno ora all altro tema. Negli ultimi due la nostra Diocesi ha vissuto un anno Eucaristico e, a livello universale, vivremo l Anno della Fede che sta per iniziare. Anche a seguito della mia lettera ai Cresimandi, «Sette più sette uguale l arcobaleno della vita», in cui ho illustrato in modo dialogico sia i sacramenti che i doni dello Spirito, vorrei proporre un programma pastorale che sia proprio impostato sui sacramenti, che sono i beni a noi più cari, a ciascuno dei quali si può associare uno dei doni dello Spirito, secondo quanto indicato nella tabella. Ogni sacramento dovrebbe servire, nel corso dell anno, ad approfondire anche aspetti sociali, ecumenici, interreligiosi, interculturali, oltre che teologici, biblici e catechetici, co- 25

24 26 niugato anche secondo il dono corrispondente. Non mi dilungo nel presentare per ogni singolo sacramentodono ogni aspetto che può essere approfondito; mi limito solo a presentarli sommariamente in una tabella, tenendo presente che questi saranno i contenuti, declinati sempre con quegli indicatori di cui parlavo nella lettera Ora vi precede in Galilea : formazione, comunione e comunicazione.

25 Sacramento Teologico Ecclesiale Interreligioso Antropologico Sociale Battesimo Sapienza Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione Riti di iniziazione nelle altre confessioni e religioni non cristiane Riti di iniziazione Percezione sociale Confermazione Scienza Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione L ingresso nella maturità nelle religioni cristiane Tra adolescenza e maturità Attese dei giovani Eucaristia Intelletto Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione Nelle religioni cristiane e il banchetto nelle altre esperienze religiose La condivisione del pane e dei beni Il lavoro e il pane materiale Riconciliazione Consiglio Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione Nelle religioni cristiane e il perdono nelle altre esperienze religiose Il perdono Gli istituti di pena Unzione Infermi Timor di Dio Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione L assistenza ai malati nelle religioni cristiane e nelle altre esperienze religiose La vicinanza La cura dei malati Ordine Pietà Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione Gli uomini del sacro nelle altre confessioni e religioni non cristiane Donarsi per gli altri Le guide della comunità Matrimonio Fortezza Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e celebrazione Nelle altre confessioni e religioni non cristiane Prospettive multiculturali, circa l amore umano e la coniugalità Nuove forme di famiglia 43. Si tratterebbe ogni anno di approfondire un sacramento sotto varie angolature, come stiamo facendo in questo anno Eucaristico e come dovrebbe avvenire in occasione 27

26 del Congresso Eucaristico. Ogni ufficio di curia per le sue competenze, ogni parrocchia e ogni vicaria sarebbero guidati a cogliere i molteplici aspetti di questo nostro ricco patrimonio di fede e di cultura. 44. Per quanto riguarda l aspetto celebrativo di alcuni sacramenti intendo pubblicare, a breve, alcune indicazioni, poiché ho notato che ancora si fa fatica a distinguere ciò che è doveroso compiere tutti allo stesso modo e ciò che è possibile cambiare. Darò indicazioni sulle modalità di ornare le chiese, di disciplinare il canto dei solisti e delle musiche, e per orientare fotografi e cineoperatori in occasione di Battesimi, Cresime e Matrimoni. 45. Non posso concludere senza fare uno schema sulle necessità improcrastinabili delle parrocchie, sotto il profilo amministrativo e pastorale. 28

27 Ambito Pastorale Costituzione Consiglio Pastorale Formazione periodica Catechisti Costituzione Caritas parrocchiali e/o Vicariali Gruppi di ascolto Catechesi per adulti/ famiglie Analisi e proposte di riforma delle feste popolari e cura delle Confraternite Preparazione al matrimonio e accompagnamento giovani coppie Costituzione coro e gruppo liturgico Attività oratoriali: rinnovamento e sviluppo Attività culturali: musica, teatro Diffusione della stampa cattolica, anche diocesana Ambito Amministrativo Costituzione Consiglio Affari Economici Informatizzazione documenti e dati della parrocchia Cura dei registri antichi e soprattutto dello stato delle anime e della biblioteca Conservazione e restauro dei beni antichi Cura, amministrazione e valorizzazione di eventuali beni immobili Riordino degli archivi parrocchiali Amplificazione, illuminazione e riscaldamento delle chiese 29

28 Conclusione Ho scelto come criterio guida di questo documento la brevità, la sintesi, l aggancio alla Scrittura, l aderenza alla vita pratica e ai problemi dell esistenza dei singoli e delle comunità. Non ho voluto usare un linguaggio troppo ecclesiale o troppo esegetico, ho evitato annotazioni e richiami che possono distrarre dalla lettura. Lo ritengo, tuttavia, denso e operativo, aperto al futuro e ottimista, almeno per alcuni aspetti. Esso, come altri documenti richiede di essere assimilato, comunicato, digerito, attuato, anche con un po di fiducia nei confronti del Vescovo. Lo affido ai sacerdoti, anzitutto, ai diaconi e a tutti gli operatori pastorali; lo affido ai nostri Santi e principalmente alla Beata Vergine Maria, della quale tutti sperimentiamo la vicinanza materna e la sollecitudine della fede. A tutti impartisco di cuore la benedizione del Signore! Rieti, 9 settembre 2012 Solennità della Dedicazione della Basilica Cattedrale Delio Lucarelli Vescovo 30

29 Omelia per la dedicazione della Cattedrale Lo spirito mi prese e mi condusse nell atrio interno Carissimi sacerdoti e diaconi, fratelli e sorelle. Questa domenica del tempo ordinario, qui nella Basilica Cattedrale, cede il posto alla solennità della Dedicazione di questa chiesa, che è madre di tutte le chiese della diocesi reatina. In questa occasione noi diamo avvìo all anno pastorale che sarà, vogliamo sperarlo e impegnarci perché ciò avvenga, ricco di eventi e di occasioni per l evangelizzazione. Ci stiamo preparando alla celebrazione vera e propria del Congresso Eucaristico diocesano e all apertura dell anno della Fede voluto dal Santo Padre. È quasi pronto per essere dato alle stampe il documento conclusivo della Visita Pastorale che porta il titolo Alle Querce di Mamre con cui darò anche precise indicazioni sull attività delle parrocchie sia sul piano amministrativo che pastorale. Il futuro che ci attende è molto impegnativo e può essere ricco di opportunità per una rinnovata evangelizzazione, come dicevo poc anzi, ma molto dipenderà dagli obiettivi che ci diamo e dal modo di lavorare che decideremo di adottare, soprattutto dalla coralità non solo 31

30 delle scelte, ma anche dell impegno che ognuno metterà per il servizio alla nostra Chiesa. Mi colpisce questo versetto della prima lettura che narra la visione di Ezechiele: lo spirito prende e conduce nell atrio interno del Tempio, quello al fondo del quale si trovava il Santuario vero e proprio. E il profeta si lascia condurre, si lascia coinvolgere. Vorrei andare oltre la pura interpretazione del versetto e la sua contestualizzazione biblica. Se consideriamo il Tempio come figura in qualche modo della Chiesa, anche di questa nostra Chiesa locale, noi possiamo vedere che vi sono vari modi, una diversa intensità di partecipazione alla vita ecclesiale, un po come nel Tempio di Gerusalemme vi erano vari àmbiti e ambienti, dal più esterno al più interno, ai quali potevano accedere le diverse categorie di persone: dal cortile dei Gentili al Sancta Sanctorum. Questa immagine dell atrio interno mi suggerisce una dimensione più spirituale e anche ecclesiale. Essere condotti nell atrio interno vuol dire andare al cuore della dimensione religiosa: intanto una più radicale appartenenza, che vada dall esterno a all interno, dalla superficialità alla profondità. Una appartenenza a Dio, anzitutto, una identificazione 32

31 maggiore a Cristo, alla sua persona e al suo messaggio: qui sta il fondamento di ogni progetto e attività pastorale. È difficile, ma è l unica via! L atrio interno è l intimità più vera e autentica del nostro rapporto con Dio, di noi sacerdoti e operatori della pastorale, e di tutto il popolo di Dio. La nostra esperienza religiosa non si può esaurire alla periferia, chiamiamola così, della partecipazione alla vita della Chiesa, coltivando ciascuno il suo piccolo spazio di attività e di lavoro, ma è necessario avere una visione globale andando, però, al cuore dei problemi. Ecco: l atrio interno sta ad indicare il cuore dell esperienza spirituale, ma anche il cuore dei problemi. E solo chi ha una forte dimensione spirituale, religiosa, ha anche una spiccata sensibilità per i problemi della Chiesa e del popolo di Dio. Con l Anno Eucaristico, che si concluderà con il Congresso Eucaristico diocesano, noi abbiamo voluto riportare in primo piano la vera identità spirituale di un popolo, che ha nel Corpo del Signore la fonte primaria di ogni altra attività e appartenenza. L Eucaristia ci riporta a quell «atrio più interno» della nostra fede, a quella intimità profonda con il Signore che poi deve farci gridare la fede dai tetti e soprattutto deve aiutarci a declinare questa fede nelle varie circostanze. L anno della Fede, anche secondo alcune indicazioni che ha diramato la Santa Sede, dovrà prevedere specifici momenti di approfondimento e di formazione. Molte delle nostre parrocchie svolgono un attività no- 33

32 tevole in campo catechistico e formativo, ma questo non basta se manca una chiara dimensione caritativa: dopo essere andati al cuore della fede, dobbiamo andare al cuore dei problemi; il cuore dei problemi del nostro tempo è dato dalle difficoltà delle famiglie e dei giovani, come ho detto più volte, e la nostra attenzione si deve focalizzare proprio lì. Le nostre comunità, anche quelle più vivaci, rischiano di sfaldarsi se la cellula primaria della società e dunque della Chiesa si consuma sotto lo sguardo mesto e impotente di tutti noi, o se lasciamo che i nostri giovani siano abbandonati a se stessi, senza proporre loro valide e accattivanti alternative. L aiuto alla famiglia e ai giovani si attua anzitutto ascoltando queste realtà e ciò che hanno da proporre, evitando di snocciolare semplicemente i loro doveri di fronte alla società e alla Chiesa: anche questo significa andare al cuore dei problemi, cioè nell atrio più interno del santuario! A volte il timore di non essere ascoltati o di non essere seguiti ci induce a parlare di meno o a fare di meno: nella evangelizzazione un conto è non parlare per ascoltare e un conto è non parlare per disinteresse, indifferenza o scoraggiamento. Il cardinale Martini, recentemente scomparso, in una sua lettera pastorale dal titolo Alzati, va a Ninive, la grande città, scriveva: Evangelizzare non significa necessariamente far cristiani tutti gli uomini né far tor- 34

33 nare in chiesa tutti i battezzati e in particolare quelli che ci andavano e hanno smesso di andarci. Gesù ha evangelizzato bene anche a Nazaret e a Corazin o a Betsaida, dove la sua parola non è stata accolta. - Prosegue Martini - Evangelizzare significa anzitutto promulgare la buona notizia con fatti e parole e attuare l annuncio così che sia possibile, a chiunque abbia buona volontà, poter cogliere la buona notizia nelle sue forme più genuine ed autentiche, e quindi approfondirla e, se lo decide, accoglierla. Il Padre cerca tali adoratori Abbiamo riascoltato nel brano del Vangelo questa frase: il Padre cerca tali adoratori, cioè chi adora in spirito e verità. Vorrei soffermarmi su questo elemento: il Padre cerca gli adoratori. Troppo spesso noi operatori dell annuncio pensiamo che debbano essere gli adoratori a cercare il Padre; in parte è così. Chi cerca Dio si fa avanti, trova le occasioni, ma anche qui, al di là del significato esegetico, direi che potremmo interpretare questo versetto in modo pratico: cosa facciamo noi per andare a cercare gli adoratori? Offriamo semplicemente dei servizi ecclesiali, come la catechesi, le omelie, pur importanti, o abbiamo il coraggio di proporre, anche a rischio di fallimento, qualcosa di attraente? Anche qui il cardinale Martini, nello stesso documento, elenca alcuni modi di evangelizzare: per proclamazio- 35

34 ne, per convocazione, per attrazione, per irradiazione, per contagio, per lievitazione. Sarebbe interessante analizzarli uno ad uno, ma non ci è possibile. Ci basti considerare che spesso noi ci limitiamo ai primi due: proclamiamo e convochiamo, ma siamo poco inclini ad attrarre, a irradiare, a contagiare e a far lievitare. Dobbiamo avere il coraggio di passare da una parrocchia come cura delle anime a una parrocchia missionaria e da una catechesi per la vita cristiana a una catechesi per l evangelizzazione. Direi che ciò può avvenire solo a partire da alcuni presupposti: il calore umano e la simpatia, quell affabilità con tutti che è veramente contagiosa, come hanno fatto i nostri Santi; l entusiasmo per ciò che siamo ed annunciamo, senza lamentele e disperazione; la gioia, nonostante le difficoltà e le infedeltà; ma anche una particolare conoscenza del mondo e dei problemi del nostro tempo unita ad una cultura ad ampio raggio che sappia rigenerarsi e aggiornarsi. Soprattutto dobbiamo evitare almeno due atteggiamenti: quello rinunciatario e quello minimalista. Il primo ci induce a dire che le cose non cambieranno mai e in qualche modo è la conseguenza di questa convinzione. Il secondo ci spinge a dire che noi facciamo quel minimo che abbiamo sempre fatto senza stare troppo a lambiccarci il cervello sul da farsi. 36

35 Possiamo fare molto, dare molto alla nostra gente, al popolo santo di Dio, ma dobbiamo avere anche il sano coraggio di metterci in discussione, per rinnovarci e crescere. Non rifiuterò significative e praticabili proposte in tal senso, purché siano animate da sincero spirito di collaborazione. In questo anno della Fede questo è l impegno: cercare gli adoratori e dunque andare al cuore dei problemi, nell atrio del Tempio. Sia lodato Gesù Cristo! 9 settembre

36 Finito di stampare nel mese di novembre 2012 Tipografia Panfilo Impaginazione e grafica David Fabrizi

37

38

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Conferenza Episcopale Italiana Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l annuncio e la catechesi ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Lettera alle comunità, ai presbiteri e ai catechisti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE Documento preparatorio Città del Vaticano 2013 I Il Sinodo: famiglia ed evangelizzazione

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA

ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA La spinta, il coraggio, lo spunto alla Chiesa per vivere in uscita, evangelizzatrice,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione

Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione Arcidiocesi di Salerno Campagna Acerno CONVEGNO PASTORALE DIOCESANO 16-17-18 giugno 2015 Scoperchiarono il tetto dalla parte dov era Gesù (Mc 2,4) Sinodalità Conversione Missione STRUMENTO DI LAVORO alla

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA

IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA Numeri 5/6 1 luglio 2004 IL VOLTO MISSIONARIO DELLE PARROCCHIE IN UN MONDO CHE CAMBIA Nota pastorale dell Episcopato italiano Introduzione Pag. 129 I. Comunicare e vivere il Vangelo tra la gente in un

Dettagli

Dai cantieri alle linee diocesane

Dai cantieri alle linee diocesane DUOMO DI MILANO, 28 MAGGIO 2013 Dai cantieri alle linee diocesane Convocazione Diocesana del Clero e intervento dell Arcivescovo Supplemento RIVISTA DIOCESANA MILANESE Mensile della Diocesi di Milano ANNO

Dettagli

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI 1. Il rinnovamento della catechesi, pubblicato nel 1970 sotto la spinta del Concilio Vaticano II, ha segnato decisamente,

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Cristo, tu ci sei necessario! La responsabilità dei battezzati nell annuncio di Gesù Cristo

Cristo, tu ci sei necessario! La responsabilità dei battezzati nell annuncio di Gesù Cristo DIOCESI DI ROMA Convegno pastorale 2013 Cristo, tu ci sei necessario! La responsabilità dei battezzati nell annuncio di Gesù Cristo Relazione del Cardinale Vicario Basilica di San Giovanni in Laterano,

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

L amore più grande I II III. Anno Pastorale 2014-2015

L amore più grande I II III. Anno Pastorale 2014-2015 L amore più grande Anno Pastorale 2014-2015 I II III Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it L amore più grande Anno Pastorale

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

LA PREPARAZIONE DEI FIDANZATI AL MATRIMONIO

LA PREPARAZIONE DEI FIDANZATI AL MATRIMONIO Arcidiocesi di Siena - Colle Val d Elsa - Montalcino UFFICIO DIOCESANO PER LA PASTORALE FAMILIARE Ti fidanzerò con me nella fedeltà e tu conoscerai il Signore (Dal libro del profeta Osea 2,22) La Vergine

Dettagli

SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO

SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO DIOCESI DI ROMA CONVEGNO DIOCESANO 2009 SI APRIRONO LORO GLI OCCHI LO RICONOBBERO E LO ANNUNZIARONO APPARTENENZA ECCLESIALE E CORRESPONSABILITÀ PASTORALE RELAZIONI DI SINTESI 1 SINTESI DELLE RELAZIONI

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Beati gli invitati alla Cena del Signore Educare alla fede i ragazzi dai 7 ai 12 anni.

Beati gli invitati alla Cena del Signore Educare alla fede i ragazzi dai 7 ai 12 anni. + GIUSEPPE MERISI Vescovo di Lodi Beati gli invitati alla Cena del Signore Educare alla fede i ragazzi dai 7 ai 12 anni. Lettera pastorale 2009-2010 Introduzione Carissimi, il Santo Padre Benedetto XVI

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

la comunità educante

la comunità educante la comunità educante angelo Scola cardinale arcivescovo di milano la comunità educante Nota sulla proposta pastorale del triennio 2011-2014 isbn 978-88-6894-017-1 Il bene della famiglia Per confermare

Dettagli

La santità al femminile

La santità al femminile Chiavari, 25 settembre 2010. La santità al femminile Introduzione Prima di parlare di santità al femminile, vorrei dedicare la prima parte della nostra riflessione alla santità e alla sua condizione nella

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Castel Madama, 8 novembre 2013 Il racconto In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Venuta del Paraclito 15, 26 In quel tempo. Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre,

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli