Alle Querce di Mamre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alle Querce di Mamre"

Transcript

1 Delio Lucarelli Vescovo di Rieti Abate Perpetuo di San Salvatore Maggiore Alle Querce di Mamre Lettera Pastorale per la conclusione della Sacra Visita Pastorale, dell Anno Eucaristico diocesano, e per la inaugurazione dell Anno della Fede 9 settembre 2012 Dedicazione della Basilica Cattedrale di Santa Maria Madre di Dio

2

3 Delio Lucarelli Vescovo di Rieti Abate Perpetuo di San Salvatore Maggiore Alle Querce di Mamre Diocesi di Rieti

4

5 Premessa 2. Ci lasceremo guidare da un testo piuttosto noto della Genesi che, mi sembra, possa offrire numerosi spunti di riflessione. 3. Abramo e Sara sono avanti negli anni e non hanno ancora il figlio della promessa, ma ricevono la visita di tre uomini, alle Querce di Mamre, a circa quattro chilometri da Ebron, uomini che promettono loro una discendenza a nome di Dio. 4. In realtà Abramo è già padre di Ismaele, avuto da Agar, la serva che Sara gli ha offerto per rendere umanamente possibile la promessa; ma Dio ha in serbo un piano diverso che sconvolgerà le sicurezze e anche le paure della coppia di anziani. 5.Questo brano che quasi per caso, ma noi sappiamo che non sempre è solo il caso a guidare le nostre scelte, mi si è ripresentato dinanzi, contiene alcuni spunti importanti relativi alla fede, al pane, all attività nella fedeltà all Alleanza, alla famiglia; pertanto vi invito a rileggere questo episodio, per poi lasciare spazio al commento e alle suggestioni per la nostra attività pastorale. 7

6

7 Il Testo Gen 18, 1-16 [1] il Signore apparve a lui (Abramo) alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all ingresso della tenda nell ora più calda del giorno. [2] Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, [3] dicendo: Mio Signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo. [4] Si vada a prendere un po di acqua, lavatevi i piedi e accomodatevi sotto l albero. [5] Permettete che vada a prendere un boccone di pane e rinfrancatevi il cuore; dopo, potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo. Quelli dissero: Fa pure come hai detto. [6] Allora Abramo andò in fretta nella tenda, da Sara, e disse: Presto, tre staia di fior di farina, impastala e fanne focacce. [7] All armento corse lui stesso, Abramo, prese un vitello tenero e buono e lo diede al servo, che si affrettò a prepararlo. [8] Prese latte acido e latte fresco insieme con il vitello, che aveva preparato, e li porse a loro. Così, mentr egli stava in piedi presso di loro sotto l albero, quelli mangiarono. [9] Poi gli dissero: Dov è Sara, tua moglie?. Rispose: È là nella tenda. [10] Il Signore riprese: Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio. Intanto Sara stava ad ascoltare all ingresso della tenda ed era dietro di lui. [11] Abramo e Sara erano vecchi, avanti negli anni; era cessato a Sara ciò che avviene regolarmente alle donne. [12] Allora 9

8 Sara rise dentro di sé e disse: Avvizzita come sono dovrei provare il piacere, mentre il mio signore è vecchio!. [13] Ma il Signore disse ad Abramo: Perché Sara ha riso dicendo: Potrò davvero partorire, mentre sono vecchia? [14] C è forse qualche cosa impossibile per il Signore? Al tempo fissato tornerò da te alla stessa data e Sara avrà un figlio. [15] Allora Sara negò: Non ho riso!, perché aveva paura; ma quegli disse: Sì, hai proprio riso. [16] Quegli uomini si alzarono e andarono a contemplare Sòdoma dall alto, mentre Abramo li accompagnava per congedarli.

9 Le attese e l atteggiamento di Abramo 6. Abramo non attende soltanto un figlio, né solo il semplice avverarsi di una promessa di ordine politico o religioso.è un uomo per molti versi amareggiato e deluso, per una vita peregrinante e senza risultati visibili e concreti. 7. È la sfida e il rischio ineludibile di ogni credente, sperare contro ogni speranza, ma anche restare al termine della vita con le stesse attese non appagate della giovinezza.è anche la sfida e il rischio della Chiesa Cattolica e di questa nostra piccola porzione di popolo di Dio. 8. Abbiamo tante attese che non si sono ancora realizzare e vorremmo che, invece, vi fosse una soluzione ai tanti problemi e una gratificazione del lavoro pastorale che svolgiamo e che abbiamo svolto nel corso degli anni e dei decenni. Può esserci molto utile l atteggiamento di Abramo. I. All ingresso della tenda 9. Abramo si pone all ingresso della tenda, nell ora in cui si sosta dalle fatiche del lavoro quotidiano; nomade che vive fino in fondo la precarietà della vita e anche della fede, a cui Dio ha fatto una promessa irrazionale. 11

10 Insieme a sua moglie ha speso gran parte della vita ad inseguire un sogno che, forse, non vedrà mai realizzato. 10. Deve essere anche questo il nostro atteggiamento: essere capaci di sostare dopo le nostre fatiche quotidiane e pastorali per cercare di capirne il senso, ma anche per sentirci nomadi in questo peregrinare nel mondo, consapevoli che il nostro destino, chiamiamolo così, è nel Regno ove sarà realizzata anche per noi la promessa. 11. La tenda indica l abitazione precaria dell uomo biblico, che lavora e che è in balìa dei fenomeni naturali e degli eventi della storia che non può controllare. Essa indica anche la condizione di estrema caducità della nostra vita e delle nostre certezze. 12. Quello di Abramo non è ozio che segue lo sconforto del fallimento; è riposo a seguito di fatiche e di speranze al momento disattese. Ma è un riposo in cui, seppur l ottimismo della prima ora ha lasciato spazio ad una certa delusione, non manca la speranza nell intervento di Dio. 13. È questo di cui ha bisogno la nostra Chiesa locale: la speranza nell intervento di Dio dopo il lavoro e le fatiche che ci siamo lasciati alle spalle e che ancora sono davanti a noi. La sosta all ingresso della tenda è l immagine del nostro atteggiamento di verifica, anzitutto della nostra vita cristiana e poi della nostra attività pa- 12

11 storale. La verifica porta con sé la convinzione interiore di aver fatto quanto era nelle nostre possibilità, ma anche la critica visione retrospettiva degli errori fatti e delle mancanze inevitabili. 14. Lo stare di Abramo è pensoso e trepidante: egli non si pone solo il problema - potremmo dire - politico dell Alleanza con Dio, ma anche il problema della sua discendenza e della sua famiglia: i tentativi del Faraone di sottrargli la moglie Sara durante la permanenza in Egitto; Ismaele, il figlio avuto dalla schiava che poi sarà allontanato, sempre per rispondere alla volontà del Signore. 15. Questo sostare di Abramo è il nostro attuale sostare di fronte alle problematiche della famiglia e dei giovani. 16. La vita e l esperienza itinerante di Abramo ci dicono che i problemi e le vicende dell umanità sono e saranno sempre sotto la minaccia della sconfitta e del peccato; ma ci dicono anche che è sempre possibile un nuovo inizio. Ma questo non deve farci abituare a ciò che è oggettivamente sbagliato, piuttosto deve stimolarci a rinnovare sempre le relazioni e i rapporti, sperando contro ogni speranza (spes contra spem). 17. I problemi della famiglia e dei giovani devono essere al primo posto nell agenda delle nostre parrocchie tentando ogni via e ogni possibile iniziativa. Questi de- 13

12 vono essere i capisaldi del nostro progetto pastorale, che è ad un tempo anche culturale! 18. Quanto ai giovani, vanno cercate modalità antiche e nuove per coinvolgerli in iniziative e progetti adatti a loro, che abbiano il sapore di un amicizia autentica della Chiesa verso di loro, ma che siano altresì ricchi di valore formativo ed educativo. La pura attenzione all aspetto catechistico ha mostrato, negli anni, tutti i limiti di una impostazione parziale e incompleta sia sotto l aspetto contenutistico che metodologico. O abbiamo dimenticato aspetti importanti dei contenuti, in favore di metodi nuovi, o abbiamo mantenuto i contenuti veicolati, però, con metodi vecchi: è ora di innovare e osare! 19. Per le famiglie non è più sufficiente limitarsi alla preparazione prossima al matrimonio, ma bisogna trovare occasioni di accompagnamento durante la vita coniugale, di incontri formativi e di crescita comune, di condivisione di esperienze, per accrescere il senso di responsabilità e di donazione. Per questi ambiti il servizio diocesano di pastorale giovanile e quello per la famiglia dovranno promuovere e incrementare iniziative sul piano diocesano, vicariale e parrocchiale.è necessario un maggior coordinamento soprattutto di alcuni uffici pastorali e tra questi ed altre realtà, non solo ecclesiali, che si occupano di ambiti affini; non può essere solo sollecitudine del Vescovo, ma è urgente che siano operative reti fra soggetti che hanno a cuore gli 14

13 stessi problemi. I responsabili devono essere attivi e intraprendenti, senza aspettare troppo indicazioni dall alto che già ci sono. Durante la Visita Pastorale ho potuto toccare con mano queste necessità, come pure un certo smarrimento di operatori pastorali (e quindi anche dei sacerdoti), genitori e giovani. 20. Abramo vede tre uomini, va loro incontro e si prostra fino a terra. La ricerca esegetica più avveduta esclude nei tre uomini una prefigurazione della Trinità, che invece i Padri hanno voluto cogliere in questo episodio, ma tuttavia il fatto che siano ospiti misteriosi, o angeli, dei quali ora si parla al singolare, ora al plurale, (alcuni hanno voluto vedervi due angeli che accompagnano il Signore) ci invita a soffermarci su alcuni aspetti: la fede e l ospitalità, ben significata dal profondo inchino di Abramo, che per gli esegeti non è adorazione. Ma noi leggeremo questi elementi anche andando oltre la pura esegesi per contemplare il testo da angolazioni più esistenziali e spirituali. 21. Tutta l esistenza e l esperienza di Abramo ci dicono che la vita è ricerca, itinerario, anche sofferto e faticoso: essa non può essere solo puro fideismo o devozionalismo : l Anno della Fede dovrà vederci impegnati sia, per un verso, a cogliere le grandi opportunità che offre la religiosità popolare rettamente orientata, sia la dimensione culturale e teologica della fede cristiana. Anzitutto dobbiamo riscoprire il grande valore educativo dei dogmi, a cominciare da quello trinitario, 15

14 e dal significato profondo del Battesimo nel nome della Trinità. A tale proposito riveste un significato non secondario il mio recente documento dal titolo «Acqua viva come dono». 22. Pur tenendo conto della imprescindibile importanza delle regole o norme anche nell amministrazione dei Sacramenti, dobbiamo sempre privilegiare l aspetto esperienziale e della testimonianza, della significatività più profonda che i gesti e i segni sacramentali possono rivestire per coloro che li recepiscono. 23. Anche l ospitalità di Abramo deve essere emblematica e programmatica: penso a quanti immigrati giungono nella nostra Città e nei nostri centri della periferia, anche di religioni non cristiane. Le nostre parrocchie devono escogitare forme di avvicinamento e di conoscenza, se necessario anche di tipo materiale. Ciò potrà essere fatto solo attraverso le Caritas parrocchiali o vicariali. La fede e l ospitalità sono due facce di una medesima medaglia, sono aspetti inseparabili: esse possono essere approfondite e ravvivate solo con una paziente opera di formazione, attraverso incontri, omelie, occasioni di confronto e di dibattito. 24. Ho notato che i nostri fedeli, pur rispettando sempre la predicazione classica unilaterale, apprezzano sempre di più momenti di confronto e di dibattito su temi anche di scottante attualità e di interesse sociale ed ecclesiale. Bisogna partire da questo per rilanciare quel primo 16

15 annuncio di cui tutti avvertiamo il bisogno. Sul piano pratico ciò richiede di rivedere modalità e occasioni di annuncio e di proposta della Parola: penso alle catechesi pubbliche sui temi della fede e della partecipazione alla vita ecclesiale; ai gruppi di ascolto della Parola, ai cammini di fede, a momenti di incontro con le famiglie e con i giovani, ridotti nel numero (tre o quattro), ma ripetuti nel tempo (tempi forti, occasioni particolari). 25. Per fare questo le sole forze del sacerdote non bastano: i vari collaboratori delle parrocchie devono essere organizzati nei Consigli Pastorali e degli Affari Economici. Un annuncio ad ampio raggio si realizza anche valorizzando al massimo i beni, anche artistici e storici, le biblioteche, laddove vi sono: il profumo e la bellezza di ciò che abbiamo e che ci è stato tramandato. 26. A tale proposito, il lavoro di archiviazione informatica dei frontespizi dei registri e dei libri parrocchiali, fatto durante la Visita, è da considerare molto utile e importante, esemplare. Non possiamo neppure liquidare come sorpassata l esperienza delle confraternite e il ricco patrimonio di religiosità popolare, che dà ancora qualche problema qua e là, ma che può offrire occasioni irripetibili di annuncio e di evangelizzazione. 17

16

17 II. In piedi sotto l albero 27. Abramo si ritrova in piedi presso i suoi ospiti sotto l albero, dopo che in poco tempo, così sembra dalla descrizione frenetica del testo, ha preparato per loro un vero banchetto. Il desiderio di compiere il dovere sacro dell ospitalità ha fatto smuovere, in Abramo e in tutti i suoi familiari, ogni giuntura dei corpi e delle menti, ma soprattutto dei cuori. 28. L attività apostolica e pastorale non è solo contemplazione ma anche attività, corale, anche frenetica, operativa, efficiente ed efficace. 29. Abramo riesce ad organizzare l accoglienza perché è già organizzato: un organizzazione semplice, quella che può avere una tenda e un piccolo clan, ma organizzazione che consenta di far fronte alle necessità. 30. È ciò che si richiede alle nostre parrocchie. Che abbiano spazi, strumenti, risorse per accogliere, promuovere e programmare. È significativa la lavanda dei piedi agli ospiti, come segno di apertura e servizio verso lo straniero e il diverso, che porta con sé un impronta indelebile e incancellabile: quella di figlio di Dio, fratello e amico di ognuno di noi. 31. Le nostre parrocchie devono essere più accoglienti ed ospitali. Spesso sembra prevalere l aspetto aziendale e organizzativo, rispetto a quello più cristiano e 19

18 cordiale. Sono aspetti che devono stare in equilibrio, tenendo sempre presente il bene di chi ci sta davanti. 32. Il pranzo imbandito da Abramo e la sua famiglia fa pensare molto al nostro convito eucaristico: l accoglienza festosa è presupposto e fondamento della condivisione della mensa in cui viene dato a tutti il cibo del Pane e della Parola. Non sembri superfluo ribadire la centralità dell Eucaristia e dell ascolto della Parola. È proprio lì che abbiamo la promessa, la rivelazione del disegno di Dio, la comunicazione del suo progetto di salvezza per ogni uomo e quindi per ciascuno di noi. 33. Quando Abramo ha preparato tutto, resta in piedi e vede mangiare i suoi ospiti. È l atteggiamento che dovremmo avere noi operatori pastorali; sempre pronti e vigilanti. Abramo, ora che ha assolto anche dal punto di vista pratico al dovere dell accoglienza, si predispone all ascolto e attende con impazienza l annuncio di quelle novità che cambieranno la sua vita e la sua storia, e che saranno l inizio di una vita e di una storia di un popolo nuovo. 34. Stare in piedi è l atteggiamento di chi sa che non è ancora finito il suo compito, che è sempre in procinto di essere chiamato a svolgere altre mansioni. Sul piano pratico, a livello ecclesiale e parrocchiale questo richiede anzitutto una rinnovata attenzione alle nostre Celebrazioni, secondo quanto ho scritto anche nel documento Dignità e decoro delle Celebrazioni Liturgiche, 20

19 senza bisogno che venga di nuovo ripetuto. La cura dei luoghi, il canto, una buona predicazione, l attenzione alla carità e alle missioni, sono aspetti da curare maggiormente e senza mai abbassare il livello di guardia. Vuol dire anche capacità di operare cambiamenti nei modelli comportamentali e negli approcci con i nostri fedeli: non possiamo dare sempre per scontato che tutti siano disposti ad accoglierci e ad ascoltarci. 35. Durante il pranzo gli ospiti di Abramo introducono il dialogo che sanno sarà poco piacevole, perché toccheranno un argomento che potrebbe ferire i due anziani coniugi: quello del figlio e della discendenza. Cercano la moglie che è dietro ad Abramo e ascolta tutto, ascolta la promessa di un figlio. Le promesse di Dio superano ogni attesa umana e suscitano a volte anche ilarità. Abramo è vecchio e Sara si chiede se ancora potrà provare il piacere dell unione con il marito. 36. L annuncio della Parola deve sempre partire, sul piano pratico, da ciò che interessa e sta a cuore alla nostra gente, suscitare l interesse, perfino sfiorare l impossibile. 37. È vero che in questo testo Dio è attento alla vicenda di una famiglia per costruire un popolo, ma è anche vero che forse un attenzione più mirata alla famiglia ci darà la possibilità di ricostruire e rimodellare le nostre comunità. Dobbiamo anche, per certi versi, non accontentarci più di edificare le nostre comunità partendo 21

20 22 dalle comunità stesse, ma dalle famiglie come cellule primordiali. A volte non abbiamo le comunità perché non ci sono più famiglie. Le Vicarie devono escogitare modalità e occasioni per far riflettere sulla famiglia, con i giovani e con le famiglie stesse. La prima cosa che dobbiamo fare noi sacerdoti, anzitutto, è di conoscere bene i documenti del Magistero in tale ambito, soprattutto per quanto riguarda i casi difficili e le soluzioni che vengono proposte, così pure le accortezze pastorali da adottare per avvicinare famiglie in difficoltà e in crisi. In questo ambito il Consultorio Familiare di ispirazione cristiana e il Servizio diocesano per la Pastorale Familiare devono essere coinvolti dalle parrocchie e devono saper proporre significative iniziative in tal senso.

21 III. Accompagnamento e congedo 38. Vorrei ora occuparmi dell ultimo e per certi versi inquietante versetto del brano che abbiamo esaminato. Gli uomini vanno a contemplare Sòdoma dall alto ed Abramo li accompagna e li congeda. 39. Contemplare Sòdoma dall alto è come dire: non c è più speranza, si va a vedere ciò di cui non rimarrà più nulla. Il peccato di Sòdoma non fu solo quello della inospitalità e, per certi versi, di un uso distorto della libertà diciamo così ma fu soprattutto una totale mancanza di attenzione da parte di tutti al richiamo del Signore. A volte il nostro mondo e la nostra società sembrano come Sòdoma, cioè sordi al richiamo di Dio, al suo messaggio, alla sua Parola; ma noi sappiamo che, in realtà, non è così. 40. Per non essere pessimisti, ma aperti al bene e al futuro, possiamo interpretare in questo modo il versetto: la vista di Sòdoma è una «minaccia», più che un ineludibile destino, per la nostra società e per la Chiesa, e sarà scongiurata nella misura in cui sapremo optare seriamente per il Vangelo e per il Signore. Ma l icona, se così vogliamo chiamarla, che ci prefigura in certo senso, è quella di Abramo, che accompagna, fino alla soglia, fino al limite, e poi, fatto ciò che doveva fare, si tira indietro con onestà e rigore. Ha fatto quanto doveva, forse avrà qualche rimorso e qualche rimpianto, ma si è fidato del Signore e gli ha risposto con generosità. 23

22

23 41. L atteggiamento di Abramo è anche prefigurazione del mio stato d animo di pastore di questa Chiesa da ormai quasi sedici anni. Anche se so di avere ancora del tempo, sono anche consapevole che è molto di più quello che è passato che quello che mi resta come Vescovo di questa Comunità. Non è ancora tempo, ritengo, di fare bilanci, ma di fornire qualche ulteriore stimolo per l azione pastorale e l evangelizzazione del nostro popolo. Pertanto, ritengo di proporre alla Chiesa di Rieti un progetto pastorale che si articolerà in sette anni, senza voler caricare i miei successori e la stessa Diocesi di oneri che, se vorranno, potranno benissimo lasciar cadere. 42. Abbiamo visto che negli ultimi tempi la Santa Sede ha indetto, a seconda delle ricorrenze e delle necessità, degli «Anni» dedicati ora all uno ora all altro tema. Negli ultimi due la nostra Diocesi ha vissuto un anno Eucaristico e, a livello universale, vivremo l Anno della Fede che sta per iniziare. Anche a seguito della mia lettera ai Cresimandi, «Sette più sette uguale l arcobaleno della vita», in cui ho illustrato in modo dialogico sia i sacramenti che i doni dello Spirito, vorrei proporre un programma pastorale che sia proprio impostato sui sacramenti, che sono i beni a noi più cari, a ciascuno dei quali si può associare uno dei doni dello Spirito, secondo quanto indicato nella tabella. Ogni sacramento dovrebbe servire, nel corso dell anno, ad approfondire anche aspetti sociali, ecumenici, interreligiosi, interculturali, oltre che teologici, biblici e catechetici, co- 25

24 26 niugato anche secondo il dono corrispondente. Non mi dilungo nel presentare per ogni singolo sacramentodono ogni aspetto che può essere approfondito; mi limito solo a presentarli sommariamente in una tabella, tenendo presente che questi saranno i contenuti, declinati sempre con quegli indicatori di cui parlavo nella lettera Ora vi precede in Galilea : formazione, comunione e comunicazione.

25 Sacramento Teologico Ecclesiale Interreligioso Antropologico Sociale Battesimo Sapienza Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione Riti di iniziazione nelle altre confessioni e religioni non cristiane Riti di iniziazione Percezione sociale Confermazione Scienza Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione L ingresso nella maturità nelle religioni cristiane Tra adolescenza e maturità Attese dei giovani Eucaristia Intelletto Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione Nelle religioni cristiane e il banchetto nelle altre esperienze religiose La condivisione del pane e dei beni Il lavoro e il pane materiale Riconciliazione Consiglio Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione Nelle religioni cristiane e il perdono nelle altre esperienze religiose Il perdono Gli istituti di pena Unzione Infermi Timor di Dio Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione L assistenza ai malati nelle religioni cristiane e nelle altre esperienze religiose La vicinanza La cura dei malati Ordine Pietà Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e amministrazione Gli uomini del sacro nelle altre confessioni e religioni non cristiane Donarsi per gli altri Le guide della comunità Matrimonio Fortezza Scrittura, Dottrina e Magistero Modalità di preparazione e celebrazione Nelle altre confessioni e religioni non cristiane Prospettive multiculturali, circa l amore umano e la coniugalità Nuove forme di famiglia 43. Si tratterebbe ogni anno di approfondire un sacramento sotto varie angolature, come stiamo facendo in questo anno Eucaristico e come dovrebbe avvenire in occasione 27

26 del Congresso Eucaristico. Ogni ufficio di curia per le sue competenze, ogni parrocchia e ogni vicaria sarebbero guidati a cogliere i molteplici aspetti di questo nostro ricco patrimonio di fede e di cultura. 44. Per quanto riguarda l aspetto celebrativo di alcuni sacramenti intendo pubblicare, a breve, alcune indicazioni, poiché ho notato che ancora si fa fatica a distinguere ciò che è doveroso compiere tutti allo stesso modo e ciò che è possibile cambiare. Darò indicazioni sulle modalità di ornare le chiese, di disciplinare il canto dei solisti e delle musiche, e per orientare fotografi e cineoperatori in occasione di Battesimi, Cresime e Matrimoni. 45. Non posso concludere senza fare uno schema sulle necessità improcrastinabili delle parrocchie, sotto il profilo amministrativo e pastorale. 28

27 Ambito Pastorale Costituzione Consiglio Pastorale Formazione periodica Catechisti Costituzione Caritas parrocchiali e/o Vicariali Gruppi di ascolto Catechesi per adulti/ famiglie Analisi e proposte di riforma delle feste popolari e cura delle Confraternite Preparazione al matrimonio e accompagnamento giovani coppie Costituzione coro e gruppo liturgico Attività oratoriali: rinnovamento e sviluppo Attività culturali: musica, teatro Diffusione della stampa cattolica, anche diocesana Ambito Amministrativo Costituzione Consiglio Affari Economici Informatizzazione documenti e dati della parrocchia Cura dei registri antichi e soprattutto dello stato delle anime e della biblioteca Conservazione e restauro dei beni antichi Cura, amministrazione e valorizzazione di eventuali beni immobili Riordino degli archivi parrocchiali Amplificazione, illuminazione e riscaldamento delle chiese 29

28 Conclusione Ho scelto come criterio guida di questo documento la brevità, la sintesi, l aggancio alla Scrittura, l aderenza alla vita pratica e ai problemi dell esistenza dei singoli e delle comunità. Non ho voluto usare un linguaggio troppo ecclesiale o troppo esegetico, ho evitato annotazioni e richiami che possono distrarre dalla lettura. Lo ritengo, tuttavia, denso e operativo, aperto al futuro e ottimista, almeno per alcuni aspetti. Esso, come altri documenti richiede di essere assimilato, comunicato, digerito, attuato, anche con un po di fiducia nei confronti del Vescovo. Lo affido ai sacerdoti, anzitutto, ai diaconi e a tutti gli operatori pastorali; lo affido ai nostri Santi e principalmente alla Beata Vergine Maria, della quale tutti sperimentiamo la vicinanza materna e la sollecitudine della fede. A tutti impartisco di cuore la benedizione del Signore! Rieti, 9 settembre 2012 Solennità della Dedicazione della Basilica Cattedrale Delio Lucarelli Vescovo 30

29 Omelia per la dedicazione della Cattedrale Lo spirito mi prese e mi condusse nell atrio interno Carissimi sacerdoti e diaconi, fratelli e sorelle. Questa domenica del tempo ordinario, qui nella Basilica Cattedrale, cede il posto alla solennità della Dedicazione di questa chiesa, che è madre di tutte le chiese della diocesi reatina. In questa occasione noi diamo avvìo all anno pastorale che sarà, vogliamo sperarlo e impegnarci perché ciò avvenga, ricco di eventi e di occasioni per l evangelizzazione. Ci stiamo preparando alla celebrazione vera e propria del Congresso Eucaristico diocesano e all apertura dell anno della Fede voluto dal Santo Padre. È quasi pronto per essere dato alle stampe il documento conclusivo della Visita Pastorale che porta il titolo Alle Querce di Mamre con cui darò anche precise indicazioni sull attività delle parrocchie sia sul piano amministrativo che pastorale. Il futuro che ci attende è molto impegnativo e può essere ricco di opportunità per una rinnovata evangelizzazione, come dicevo poc anzi, ma molto dipenderà dagli obiettivi che ci diamo e dal modo di lavorare che decideremo di adottare, soprattutto dalla coralità non solo 31

30 delle scelte, ma anche dell impegno che ognuno metterà per il servizio alla nostra Chiesa. Mi colpisce questo versetto della prima lettura che narra la visione di Ezechiele: lo spirito prende e conduce nell atrio interno del Tempio, quello al fondo del quale si trovava il Santuario vero e proprio. E il profeta si lascia condurre, si lascia coinvolgere. Vorrei andare oltre la pura interpretazione del versetto e la sua contestualizzazione biblica. Se consideriamo il Tempio come figura in qualche modo della Chiesa, anche di questa nostra Chiesa locale, noi possiamo vedere che vi sono vari modi, una diversa intensità di partecipazione alla vita ecclesiale, un po come nel Tempio di Gerusalemme vi erano vari àmbiti e ambienti, dal più esterno al più interno, ai quali potevano accedere le diverse categorie di persone: dal cortile dei Gentili al Sancta Sanctorum. Questa immagine dell atrio interno mi suggerisce una dimensione più spirituale e anche ecclesiale. Essere condotti nell atrio interno vuol dire andare al cuore della dimensione religiosa: intanto una più radicale appartenenza, che vada dall esterno a all interno, dalla superficialità alla profondità. Una appartenenza a Dio, anzitutto, una identificazione 32

31 maggiore a Cristo, alla sua persona e al suo messaggio: qui sta il fondamento di ogni progetto e attività pastorale. È difficile, ma è l unica via! L atrio interno è l intimità più vera e autentica del nostro rapporto con Dio, di noi sacerdoti e operatori della pastorale, e di tutto il popolo di Dio. La nostra esperienza religiosa non si può esaurire alla periferia, chiamiamola così, della partecipazione alla vita della Chiesa, coltivando ciascuno il suo piccolo spazio di attività e di lavoro, ma è necessario avere una visione globale andando, però, al cuore dei problemi. Ecco: l atrio interno sta ad indicare il cuore dell esperienza spirituale, ma anche il cuore dei problemi. E solo chi ha una forte dimensione spirituale, religiosa, ha anche una spiccata sensibilità per i problemi della Chiesa e del popolo di Dio. Con l Anno Eucaristico, che si concluderà con il Congresso Eucaristico diocesano, noi abbiamo voluto riportare in primo piano la vera identità spirituale di un popolo, che ha nel Corpo del Signore la fonte primaria di ogni altra attività e appartenenza. L Eucaristia ci riporta a quell «atrio più interno» della nostra fede, a quella intimità profonda con il Signore che poi deve farci gridare la fede dai tetti e soprattutto deve aiutarci a declinare questa fede nelle varie circostanze. L anno della Fede, anche secondo alcune indicazioni che ha diramato la Santa Sede, dovrà prevedere specifici momenti di approfondimento e di formazione. Molte delle nostre parrocchie svolgono un attività no- 33

32 tevole in campo catechistico e formativo, ma questo non basta se manca una chiara dimensione caritativa: dopo essere andati al cuore della fede, dobbiamo andare al cuore dei problemi; il cuore dei problemi del nostro tempo è dato dalle difficoltà delle famiglie e dei giovani, come ho detto più volte, e la nostra attenzione si deve focalizzare proprio lì. Le nostre comunità, anche quelle più vivaci, rischiano di sfaldarsi se la cellula primaria della società e dunque della Chiesa si consuma sotto lo sguardo mesto e impotente di tutti noi, o se lasciamo che i nostri giovani siano abbandonati a se stessi, senza proporre loro valide e accattivanti alternative. L aiuto alla famiglia e ai giovani si attua anzitutto ascoltando queste realtà e ciò che hanno da proporre, evitando di snocciolare semplicemente i loro doveri di fronte alla società e alla Chiesa: anche questo significa andare al cuore dei problemi, cioè nell atrio più interno del santuario! A volte il timore di non essere ascoltati o di non essere seguiti ci induce a parlare di meno o a fare di meno: nella evangelizzazione un conto è non parlare per ascoltare e un conto è non parlare per disinteresse, indifferenza o scoraggiamento. Il cardinale Martini, recentemente scomparso, in una sua lettera pastorale dal titolo Alzati, va a Ninive, la grande città, scriveva: Evangelizzare non significa necessariamente far cristiani tutti gli uomini né far tor- 34

33 nare in chiesa tutti i battezzati e in particolare quelli che ci andavano e hanno smesso di andarci. Gesù ha evangelizzato bene anche a Nazaret e a Corazin o a Betsaida, dove la sua parola non è stata accolta. - Prosegue Martini - Evangelizzare significa anzitutto promulgare la buona notizia con fatti e parole e attuare l annuncio così che sia possibile, a chiunque abbia buona volontà, poter cogliere la buona notizia nelle sue forme più genuine ed autentiche, e quindi approfondirla e, se lo decide, accoglierla. Il Padre cerca tali adoratori Abbiamo riascoltato nel brano del Vangelo questa frase: il Padre cerca tali adoratori, cioè chi adora in spirito e verità. Vorrei soffermarmi su questo elemento: il Padre cerca gli adoratori. Troppo spesso noi operatori dell annuncio pensiamo che debbano essere gli adoratori a cercare il Padre; in parte è così. Chi cerca Dio si fa avanti, trova le occasioni, ma anche qui, al di là del significato esegetico, direi che potremmo interpretare questo versetto in modo pratico: cosa facciamo noi per andare a cercare gli adoratori? Offriamo semplicemente dei servizi ecclesiali, come la catechesi, le omelie, pur importanti, o abbiamo il coraggio di proporre, anche a rischio di fallimento, qualcosa di attraente? Anche qui il cardinale Martini, nello stesso documento, elenca alcuni modi di evangelizzare: per proclamazio- 35

34 ne, per convocazione, per attrazione, per irradiazione, per contagio, per lievitazione. Sarebbe interessante analizzarli uno ad uno, ma non ci è possibile. Ci basti considerare che spesso noi ci limitiamo ai primi due: proclamiamo e convochiamo, ma siamo poco inclini ad attrarre, a irradiare, a contagiare e a far lievitare. Dobbiamo avere il coraggio di passare da una parrocchia come cura delle anime a una parrocchia missionaria e da una catechesi per la vita cristiana a una catechesi per l evangelizzazione. Direi che ciò può avvenire solo a partire da alcuni presupposti: il calore umano e la simpatia, quell affabilità con tutti che è veramente contagiosa, come hanno fatto i nostri Santi; l entusiasmo per ciò che siamo ed annunciamo, senza lamentele e disperazione; la gioia, nonostante le difficoltà e le infedeltà; ma anche una particolare conoscenza del mondo e dei problemi del nostro tempo unita ad una cultura ad ampio raggio che sappia rigenerarsi e aggiornarsi. Soprattutto dobbiamo evitare almeno due atteggiamenti: quello rinunciatario e quello minimalista. Il primo ci induce a dire che le cose non cambieranno mai e in qualche modo è la conseguenza di questa convinzione. Il secondo ci spinge a dire che noi facciamo quel minimo che abbiamo sempre fatto senza stare troppo a lambiccarci il cervello sul da farsi. 36

35 Possiamo fare molto, dare molto alla nostra gente, al popolo santo di Dio, ma dobbiamo avere anche il sano coraggio di metterci in discussione, per rinnovarci e crescere. Non rifiuterò significative e praticabili proposte in tal senso, purché siano animate da sincero spirito di collaborazione. In questo anno della Fede questo è l impegno: cercare gli adoratori e dunque andare al cuore dei problemi, nell atrio del Tempio. Sia lodato Gesù Cristo! 9 settembre

36 Finito di stampare nel mese di novembre 2012 Tipografia Panfilo Impaginazione e grafica David Fabrizi

37

38

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

INTESSERE RELAZIONI BUONE E CONTINUATIVE IL COINVOLGIMENTO DEI GENITORI I genitori e la famiglia: una presenza fondamentale e strategica. I genitori ricevono nel sacramento del matrimonio la grazia e la

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

VEGLIATE E PREGATE 1 (A.

VEGLIATE E PREGATE 1 (A. NELLA BIBLIOTECA DEI CATECHISTI TESTI E SUSSIDI PER L ATTIVITA CATECHISTICA PREPARATI DAI COLLABORATORI DELL UFFICIO PER L EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI La Biblioteca personale del catechista, e tanto

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi Carissimi parrocchiani, a distanza di due anni dall elaborazione del Piano

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Meditazione dettata da don Adriano Migliavacca, attuale Vicario generale della diocesi di Pavia, la sera del 12 Marzo 2001 nella parrocchia di Santa Francesca Cabrini in Lodi, in occasione degli esercizi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Educare in spirito di famiglia

Educare in spirito di famiglia FESTA DELLA FAMIGLIA 26 GENNAIO 2014 Educare in spirito di famiglia È bello fare festa, dire sì con entusiasmo alla vita, ringraziare e lodare Colui che ne è l autore, godere per le cose belle che ci sono

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti Il Vescovo di Crema Alla Comunità Cristiana che è in Casaletto Vaprio, al parroco, don Achille Viviani, ai membri del consiglio pastorale, alle catechiste, ai diversi gruppi impegnati. Sono passate alcune

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA. 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima.

INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA. 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima. INCONTRO CON I GENITORI, PADRINI E MADRINE DEI RAGAZZI CHE RICEVERANNO LA CRESIMA 1. Iniziazione cristiana e sacramento della Cresima. Per comprendere bene che cosa sia il sacramento della Cresima e la

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE

S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE S I N O D O D E I V E S C O V I III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE III - Questionario Le seguenti domande permettono alle Chiese particolari

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Progetto Pastorale Parrocchiale

Progetto Pastorale Parrocchiale Progetto Pastorale Parrocchiale E' il desiderio dì vivere come Chiesa il nostro rapporto con Dio: Padre - Figlio - Spirito, e con ogni persona, in una comunione sempre più vera e intensa, perché ognuno

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

In cammino verso ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE

In cammino verso ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE In cammino verso Cristo ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE 1 Introduzione: Cel.: Ogni vocazione umana è una chiamata. Interrogarsi sulla propria vocazione vuol dire

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli