serfactoring Bilancio 2009 Assemblea degli azionisti del 19 aprile 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "serfactoring Bilancio 2009 Assemblea degli azionisti del 19 aprile 2010"

Transcript

1 serfactoring Bilancio 2009 Assemblea degli azionisti del 19 aprile 2010 L avviso di convocazione è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana nr. 38 del 30 marzo 2010

2 Sede legale, Direzione e Uffici: Via dell Unione Europea, SAN DONATO MILANESE (MI) Telefono: Telefax /8/9 Capitale Sociale Euro interamente versato Data di costituzione: 14 settembre 1984 Registro delle Imprese di Milano, Codice Fiscale e Partita IVA Rea Milano: n Elenco generale Intermediari Finanziari presso l'unità di Informazione Finanziaria: n Elenco speciale Intermediari Finanziari Banca d Italia: n Società soggetta all attività di direzione e coordinamento dell Eni SpA

3 Missione Serfactoring, svolge servizi finanziari di factoring prevalentemente nei confronti dei fornitori del Gruppo Eni. E soggetta all attività di direzione e coordinamento dell Eni SpA, Serfactoring è un intermediario finanziario operante nei confronti del pubblico. La Società è iscritta nell Elenco generale degli Intermediari Finanziari presso l'unità di Informazione Finanziaria (UIF) e nell Elenco speciale degli Intermediari Finanziari presso la Banca d Italia. La Società è sottoposta alla vigilanza da parte della Banca d Italia ex art. 107 D.Lgs. n. 385/1993.

4 Sommario Relazione sulla gestione Lettera agli azionisti Organi sociali e di controllo Andamento del mercato del factoring in Italia Andamento operativo Risorse umane Esposizione e gestione dei rischi finanziari Commento ai risultati economico-finanziari Altre informazioni Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009 Stato patrimoniale Conto economico Prospetto delle variazioni del patrimonio netto Rendiconto finanziario Nota integrativa - Parte A Politiche contabili - Parte B Informazioni sullo Stato patrimoniale - Parte C Informazioni sul Conto economico - Parte D Altre informazioni Proposte del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Relazione del Collegio Sindacale all Assemblea degli Azionisti Relazione della Società di revisione Deliberazioni dell Assemblea degli Azionisti

5 serfactoring Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario dell esercizio 2009

6 Lettera agli Azionisti Signori Azionisti, nel corso del 2009 la recessione mondiale iniziata nell estate del 2007 si è arrestata e si sta profilando una ripresa, in larga parte grazie al sostegno delle politiche economiche espansive adottate nei principali paesi che, secondo le previsioni degli organismi internazionali, si presenterebbe tuttavia con ritmi contenuti fino a tutto il Anche in Italia il PIL è tornato a crescere dopo un lungo periodo di contrazione ma ancora non si intravede una chiara inversione di tendenza né della domanda interna condizionata dal permanere di una bassa propensione a investire delle imprese e, per le famiglie, dal calo dell occupazione né di quella estera che permane debole considerato il peggioramento della competitività di prezzo delle imprese industriali italiane. Appare arrestato il rallentamento della domanda di credito bancario da parte delle imprese, che tuttavia si mantiene debole, soprattutto sul breve termine, pur in presenza di un attenuazione della restrizione dei criteri di erogazione dei prestiti. L inflazione risale moderatamente, dopo la rapida riduzione dalla fine del 2008, con una stima di mantenimento moderata nel corso del Il mercato del factoring in Italia nel corso del 2009 ha mostrato, in generale, un andamento sostanzialmente in linea con l anno precedente, rivelandosi peraltro inferiore alle previsioni. Le attività del gruppo Eni si confermano caratterizzate da azioni mirate alla crescita nelle varie componenti del portafoglio, rappresentate dalle attività upstream (esplorazione e produzione di idrocarburi) con prevalente localizzazione all estero; attività midstream ( infrastrutture di trasporto e stoccaggio del gas e ciclo del GNL - Gas Naturale Liquefatto); attività downstream (Refining & Marketing - sistema di raffinerie, strutture logistiche e rete di distribuzione); settore Ingegneria & Costruzioni (grandi progetti su scala mondiale in ambito onshore e offshore con particolare orientamento al segmento deepwater e acque remote). Lo scenario presenta quindi per Serfactoring opportunità di sviluppo, in ragione del sostenuto trend di investimenti tecnici stimato. 6

7 In tale quadro occorre peraltro tenere conto del permanere delle particolarità del mercato di riferimento della Serfactoring, costituito prevalentemente dai fornitori del Gruppo Eni, caratterizzato: (i) dalla crescente presenza di fornitori esteri nell indotto delle società del gruppo Eni; (ii) dalla crescente localizzazione all estero di progetti nei quali le società del gruppo Eni operano nel quadro di accordi di joint venture o production sharing agreement con primarie oil company e/o società petrolifere di stato; (iii) dalla tendenza nel mercato domestico ad una maggiore selezione dell indotto fornitori da parte delle società del gruppo Eni con conseguente presenza di un minor numero di soggetti meglio strutturati anche da un punto di vista finanziario; (iv) dalla brevità dei termini di pagamento (prevalentemente 60 giorni); (v) da processi amministrativi standardizzati e da performance di pagamento regolari.. In tale contesto la Società ha sviluppato un turnover complessivo di milioni di euro (+ 4,7% rispetto al 2008) di cui milioni di euro da cedenti terzi, la cui controparte debitrice è rappresentata prevalentemente da società del Gruppo Eni, e 323 milioni di euro con società dell Eni cedenti, relativi pressoché esclusivamente all operatività nel settore Ingegneria & Costruzioni, nel cui ambito si sono sviluppate anche le cessioni del comparto Alta Velocità, il cui apporto nel 2009 è stato marginale in considerazione del progressivo completamento delle opere civili nel quadro della commessa relativa alla costruzione della tratta ferroviaria ad Alta Velocità Milano Bologna (assegnatario Consorzio Eni per l Alta Velocità Cepav Uno). Il contributo di tale comparto al turnover conseguito da cedenti terzi si è infatti collocato all 1% (8% lo scorso esercizio) ; la componente è rappresentata dai fornitori di Cepav Uno e delle società consortili assegnatarie delle commesse). I settori di attività più significativi sono stati Ingegneria & Costruzioni (34%) e Gas & Power (24%); il comparto terzi su terzi (8%) è riferito pressoché esclusivamente ad operatività con società partecipate anche dall Eni in ruolo di debitore o ad operazioni sviluppate nell ambito di attività di interesse di Gruppo. 7

8 E proseguito anche nel corso dell esercizio 2009 l intervento di factoring avviato nel 2005 nel settore extra commodity dell Eni Divisione Gas & Power cui si sono aggiunti analoghi settori della Napoletana Gas Clienti (incorporata in Eni nel corso del 2007) e della Toscana Energia Clienti. L operazione di factoring riguarda l intermediazione dei crediti derivanti dalle forniture di apparecchiature a gas ed elettriche e di servizi di manutenzione effettuati da aziende terze, affiliate alla rete in franchising della Divisione Gas& Power, nei confronti degli utenti gas e costituisce un supporto finanziario allo sviluppo della rete stessa. L esercizio 2009 chiude con un utile di migliaia di euro dopo aver imputato al conto economico imposte sul reddito per 729 migliaia di euro. Nell esercizio 2009 sono proseguite le azioni mirate alla razionalizzazione dei processi e delle attività aziendali mediante la loro integrazione nell ambito del Gruppo Eni, usufruendo di sinergie di settore e utilizzando servizi di Gruppo nonché con il progressivo recepimento della normativa Eni di riferimento. In particolare si è proceduto al rinnovo del contratto di servizi con Eni Adfin e, con effetto dal 1 agosto 2009, all outsourcing ad Eni Adfin dei servizi amministrativi. Nel mese di luglio la Società ha trasferito la propria sede e gli uffici nello stabile di Via dell Unione Europea 3, dove si trovano anche gli uffici di Eni Adfin di San Donato Milanese. Per quanto riguarda le attività di controllo, si rimanda allo specifico capitolo della presente relazione dedicato al Sistema di Controllo Interno. Nel corso del 2009 è stata rivista la struttura organizzativa della Società, attuando la nuova organizzazione delle attività amministrative, di risk management e di vigilanza, nonché di pianificazione e controllo con l obiettivo di meglio presidiare le suddette attività ponendo nell ambito di un unica struttura organizzativa le unità preposte alla gestione delle stesse e conseguire nel contempo sinergie organizzative ed operative. Sono state altresì ridefinite le dipendenze dell area operativa attuando alcuni interventi di razionalizzazione nelle relative unità. 8

9 E stata inoltre attuata la revisione del Regolamento Organizzativo Interno. La società, in ottemperanza alla normativa di attuazione dell art. 128 bis del TUB, ha aderito, tramite il Conciliatore Bancario Finanziario, all Arbitro Bancario Finanziario (Sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari) Nel corso dell'esercizio è proseguita l attività legislativa e regolamentare relativa al sistema economico e finanziario, che ha interessato, direttamente o indirettamente, il settore del factoring. Il 3 aprile 2009 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze n. 29 del 17 febbraio 2009 recante disposizioni in materia di intermediari finanziari di cui agli articoli 106, 107, 113 e 155 (commi 4 e 5) del D.Lgs. 385/1993). Il decreto, con riguardo al contenuto che specificamente riguarda le società captive, conferma la classificazione di attività non verso il pubblico dell acquisto di crediti vantati da terzi nei confronti delle società del gruppo di appartenenza dell intermediario e riserva alla Banca d Italia di stabilire con proprio provvedimento gli elementi da prendere in considerazione per il calcolo degli aggregati previsti dal Decreto stesso per definire quale debba essere l attività finanziaria verso il pubblico il cui ammontare, qualora superiore al limite di 104 milioni di euro fissato dalla normativa, determini l iscrizione nell elenco speciale. La Banca d Italia ha diffuso, in data 10 novembre 2009, indicazioni operative relative al summenzionato Decreto che, ribadendo la classificazione di attività non nei confronti del pubblico dell acquisto di crediti verso le società del gruppo di appartenenza dell intermediario e comunicando, con riferimento agli intermediari iscritti nell elenco speciale ex art. 107 del TUB, che si provvederà alla cancellazione dall elenco speciale ove ne ricorrano i presupposti. L attuale posizionamento di Serfactoring relativamente all attività non captive è contenuto nel limite suddetto e tale dimensionamento è mantenuto nelle stime 9

10 previsionali; l uscita della Serfactoring dall elenco speciale ex art. 107 del TUB potrebbe pertanto verificarsi già nel corso del Nell esercizio si è applicato il regime transitorio (in vigore fino al 31 dicembre 2011) della disciplina sulla concentrazione dei rischi, sulla base del quale gli intermediari possono applicare un limite individuale del 40% del patrimonio di vigilanza in luogo del 25% previsto a regime e considerare grandi rischi le posizioni di rischio pari o superiori al 15% del patrimonio di vigilanza in luogo del 10% previsto a regime. Permane, inoltre, esclusa l applicazione del limite globale dei grandi rischi previsto a regime in 8 volte il patrimonio di vigilanza. Per il periodo transitorio e tenuto conto dell evoluzione del quadro regolamentare introdotta dal decreto MEF 29/09 sopra illustrato, è stata confermata la deroga alla disciplina sulla concentrazione dei rischi per le società captive con riferimento alle posizioni di rischio derivanti dai crediti acquistati da terzi e vantati nei confronti del gruppo di appartenenza dell intermediario finanziario, coerentemente con la particolare configurazione della loro attività. La Banca d Italia ha sostanzialmente completato il quadro regolamentare inerente la nuova normativa di vigilanza prudenziale per le banche e gli intermediari finanziari ex art. 107 e le istruzioni di vigilanza segnaletica; si registrano comunque continui aggiornamenti, integrazioni e chiarimenti, soprattutto inerenti ai profili tecnici e applicativi. In tema di normativa antiriciclaggio, dopo l emanazione del Decreto Legislativo 21 novembre 2007, n. 231 che ha dato attuazione alla direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell'utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo nonché della direttiva 2006/70/CE che ne reca misure di esecuzione, il Ministero dell'economia e delle Finanze ha diffuso alcuni chiarimenti resisi necessari per le importanti e sostanziali novità introdotte rispetto alla precedente normativa. In particolare, la Circolare del MEF del 17 dicembre 2008 fornisce dettagliate indicazioni circa l ambito di applicazione oggettivo del decreto 231/07, il significato dell adeguata verifica della clientela, le modalità di adeguata 10

11 verifica della clientela esistente e il regime semplificato di adeguata verifica. La Banca d Italia ha inoltre emanato le Disposizioni attuative per la tenuta dell'archivio Unico Informatico e per le modalità semplificate di registrazione di cui all'articolo 37, commi 7 e 8, del d.lgs. 231/2007. Ai sensi della normativa antiusura, di cui alla legge 108 del 7 marzo 1996 ed alle successive modifiche, sono proseguite le rilevazioni dei tassi medi praticati dal sistema bancario e finanziario, periodicamente pubblicate nella Gazzetta Ufficiale. La Banca d'italia ha recentemente sottoposto a revisione le Istruzioni in materia di rilevazione trimestrale dei tassi effettivi globali medi, con l obiettivo di adeguare le disposizioni al mutato quadro normativo, migliorando la significatività della rilevazione. Le principali novità riguardano la revisione degli oneri inclusi nel TEG, oltre a modifiche nei criteri di calcolo e allo schema segnaletico. In tema di redazione dei bilanci delle banche e degli intermediari finanziari, il quadro di riferimento europeo rappresentato dai principi contabili internazionali (IAS / IFRS) è oggetto di costante modifica e aggiornamento. La Banca d Italia ha emanato, nel dicembre 2009, le nuove istruzioni per la redazione dei bilanci degli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale. Si segnala inoltre che è in corso un processo di consultazione, avviato dall International Accounting Standards Board (IASB) per la revisione dello IAS 39 inerente alla derecognition degli strumenti finanziari, con i relativi impatti sulla rilevazione dell operazione di factoring in bilancio. Nel marzo 2009 la Banca d Italia ha pubblicato la revisione della normativa sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi finanziari e sulla correttezza delle relazioni con la clientela. Con la revisione, Banca d Italia intende introdurre una maggiore diversificazione dell informativa al pubblico sulla base della complessità di prodotti e tipologia di clienti, con l obiettivo della semplificazione e comparabilità per la clientela e del risparmio per gli intermediari (i clienti non al dettaglio dovrebbero ricevere meno documenti con adempimenti semplificati), e obblighi organizzativi per gli intermediari (procedure interne, coinvolgimento funzione Audit/Compliance, gestione reclami/adr). 11

12 L andamento dell attività, tenuto conto di quanto sopradescritto e delle attese sugli sviluppi nei principali settori del Gruppo nei quali la società opera, è stimato in moderato e costante incremento nel comparto cedenti terzi sia nel prossimo esercizio che nei successivi. L incidenza percentuale di tali settori sul totale del turnover previsto si mantiene sostanzialmente in linea con l esercizio trascorso, con un accentuazione della crescita nei settori Gas&Power ed Ingegneria & Costruzioni. Per il Consiglio di Amministrazione L Amministratore Delegato 12

13 Organi sociali e di controllo Consiglio di Amministrazione 1 Presidente Bruno SBROCCO Vice Presidente Ernesto FORMICHELLA 2 Amministratore Delegato Consiglieri Collegio Sindacale Presidente Sindaci effettivi Sindaco supplente Società di revisione 5 Sergio MEREGHETTI Manuela BUCCA Giampietro CENTANINI Marco DI CESARE 3 Massimo FERRARIS Ugo FERRARIS Alessio FOLETTI 4 Fausto GALMARINI Eugenio NEGRI Luigi Francesco SIOLI Massimo STAZI 3 Cosimo VELLA Mauro FERRARO Guido NORI Giuseppe DE LEO PricewaterhouseCoopers SpA 1 Nominato dall Assemblea degli Azionisti del 26 marzo 2009 per la durata di tre esercizi e quindi sino all assemblea cui verrà sottoposto il bilancio relativo all esercizio Nominato dal Consiglio di Amministrazione del 25 giugno 2009 in sostituzione del dimissionario Francesco Maria Matricardi 3 Cooptato dal Consiglio di Amministrazione del 25 giugno Cooptato dal Consiglio di Amministrazione del 29 aprile Incarico conferito dall Assemblea degli Azionisti del 12 aprile 2007 per il triennio

14 Andamento del mercato del factoring in Italia Nel corso del 2009 il turnover di un campione significativo delle Società di factoring associate ad Assifact Associazione italiana per il factoring - è diminuito del 3,1 % rispetto al 2008 (+6,3% al 31 dicembre 2008); mentre i crediti per factoring (outstanding) e gli anticipi erogati sono aumentati rispettivamente dello 3,9 % (+12,2 % al 31 dicembre 2008) e del 4,1 % (+16,3% al 31 dicembre 2008). In generale, lo sviluppo dell attività di factoring è tornato ad essere positivo già dal 2006, consolidando nel 2007/2008 tale trend di crescita mentre per il 2009, a seguito delle deteriorate prospettive economiche, si è assistito ad un leggera diminuzione dei volumi intermediati. Nel mercato del factoring per il 2010 le stime medie degli operatori non escludono, in un ampio intervallo di previsione, la possibilità di un andamento positivo del turnover. Con riferimento a Serfactoring, l andamento del turnover, dei crediti per factoring e degli anticipi erogati al 31 dicembre 2009, raffrontati con i corrispondenti valori al 31 dicembre 2008, è rappresentato nel Grafico n. 1. TURNOVER / CREDITI DI FACTORING / FINANZIATO IN VITA (milioni di euro) Terzi Gruppo Eni Grafico n. 1 Si evidenzia per quanto riguarda i crediti di factoring rappresentati nel grafico sopra riportato che la componente definita terzi incorpora anche l ammontare relativo alle 14

15 anticipazioni erogate a cedenti terzi a fronte di cessioni pro-solvendo nei confronti di società del Gruppo, per un importo, al 31/12/2009 di 75 milioni di euro. Andamento operativo L andamento del turnover è rappresentato in sintesi nella seguente tabella: Più in particolare si osserva che: - la fattorizzazione dei cedenti terzi ammonta a milioni di euro (1.475 milioni di euro al 31 dicembre 2008), di cui 237 milioni di euro (205 milioni di euro al 31 dicembre 2008) relativi ad operazioni di international factoring (import, export ed estero su estero); rispetto all esercizio precedente si decrementa di 49 milioni di euro (+15 milioni di euro al 31 dicembre 2008). Le controparti debitrici sono costituite prevalentemente da Società appartenenti al Gruppo Eni per milioni di euro (1.342 milioni di euro al 31 dicembre 2008) nonché da Società partecipate dal Gruppo e da terzi per complessivi 107 milioni di euro (133 milioni di euro al 31 dicembre 2008); - le cessioni di credito da parte delle Società dell Eni risultano pari a 323 milioni di euro (195 milioni di euro al 31 dicembre 2008) e si riferiscono ad operazioni international (export) relative alla realizzazione di commesse nel settore ingegneria e costruzioni (290 milioni di euro) ed operazioni domestic riferite in prevalenza al comparto Alta Velocità (33 milioni di euro). Nel 2009 il turnover ha comportato la gestione di fatture ( nel 2008). La distribuzione geografica dei cedenti terzi è concentrata prevalentemente in sei regioni (Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte, Abruzzo, Lazio e Campania) che rappresentano complessivamente circa il 78% del turnover cedenti terzi; l apporto dei cedenti terzi con residenza all estero è stata pari al 6% in termini di volumi. 15

16 Con riferimento ai cedenti terzi, fornitori del Gruppo Eni, nei grafici n. 2 e n. 3 sono rappresentate, rispettivamente, la distribuzione per settore merceologico di appartenenza del cedente e la distribuzione per settore di appartenenza del debitore ceduto del Gruppo. TURNOVER CEDENTI TERZI DISTRIBUZIONE PER SETTORE MERCEOLOGICO DI APPARTENENZA DEL CEDENTE ( MILIONI DI EURO) 5,7% 5,6% 3,7% 1,1% 22,3% 7,7% Grafico n. 2 8,2% 20% 9,4% 16,3% edilizia e opere pubbliche materiale e forniture elettriche altri servizi destinati alla vendita prodotti in metallo macchine agricole ed industriali minerali e metalli ferrosi e non ferrosi servizi del commercio, recuperi e riparazioni servizi dei trasporti interni, marittimi ed aerei prodotti energetici e chimici altri settori In relazione all appartenenza merceologica dei fornitori si riscontra una concentrazione nei settori edilizia-opere pubbliche (22,3%), materiale e forniture elettriche (20%), altri servizi destinati alla vendita (16,3%), prodotti in metallo (9,4%), macchine agricole ed industriali (8,2%), minerali e metalli ferrosi e non ferrosi (7,7%), che complessivamente rappresentano l 84 % del turnover fornitori stesso. 16

17 TURNOVER CEDENTI TERZI DISTRIBUZIONE PER SETTORE DEL GRUPPO ENI DI APPARTENENZA DEL DEBITORE CEDUTO ( MILIONI DI EURO) REFINING&M ARKETING 7% ENI CORPORATE PETROLCHIM ICA 6% 7% 'ALTRE SOCIETA 2% INGEGNERIA E COSTRUZIONI 34% DEBITORI TERZI 8% EXPLORATION AND PRODUCTION 12 % GAS & POWER 24% Grafico n. 3 In relazione all appartenenza del debitore ceduto sono prevalenti il settore Ingegneria e Costruzioni (34%) e Gas&Power (24%) mentre sussiste una ripartizione sostanzialmente uniforme tra gli altri settori del Gruppo. Per quanto riguarda i crediti ceduti dalle Società dell Eni, il turnover è quasi integralmente concentrato nel settore ingegneria e costruzioni (99,8%). Al 31 dicembre 2009 risultavano in essere rapporti di factoring con 320 cedenti (364 cedenti al 31 dicembre 2008) e 141 debitori (145 al 31 dicembre 2008). Inoltre, nell ambito dell intervento di factoring nel settore extra-commodity della divisione Gas & Power dell Eni riguardante l intermediazione dei crediti derivanti dalle forniture di apparecchiature a gas ed elettriche e di manutenzione effettuate dalle aziende terze affiliate alla rete in franchising denominata Eni Energy Store, al 31 dicembre 2009 risultano ceduti crediti nei confronti di oltre 230 mila debitori utenti gas (oltre 195 mila al 31 dicembre 2008). Gli incassi nei confronti di tali debitori sono gestiti tramite mandato all incasso all Eni Divisione Gas & Power e alla Toscana Energia Clienti. 17

18 Illustrazione dei principali fattori che incidono sulla redditività, cambiamenti del contesto operativo e politiche di investimento della Società La missione di Società captive della Serfactoring fa sì che la sua attività si sviluppi esclusivamente nel contesto delle attività generate dal Gruppo Eni. In tale contesto, i fattori che influiscono maggiormente sui volumi di turnover sono l entità, la composizione e la distribuzione degli investimenti del Gruppo Eni e dalle sue iniziative gestionali e commerciali nonché le politiche di selezione e qualifica dei fornitori che continuano a rappresentare il riferimento principale dell attività commerciale di Serfactoring. Il contesto operativo indicato è ancora caratterizzato da una prevalente localizzazione all estero dei flussi di investimento, da una presenza crescente di fornitori esteri e, per quanto concerne l indotto sul mercato domestico, da un portafoglio fornitori più selezionato e strutturato. Il segmento di attività rappresentato dall intervento di factoring a supporto delle reti in franchising dell Eni Divisione Gas & Power costituisce un rilevante fattore operativo in considerazione delle specificità tecniche dell operazione, della duration finanziaria e dei processi specifici attuati per la relativa gestione che necessitano di continue evoluzioni al fine di mantenere l operazione stessa intonata alle esigenze delle controparti. Questi fattori continuano a determinare il posizionamento della Società nel mercato, la politica tariffaria e conseguentemente la redditività aziendale. Le tipiche componenti di redditività sono rappresentate dai proventi finanziari netti (spread tra il tasso attivo praticato sulle anticipazioni erogate ai cedenti ed il costo della provvista) e dalle commissioni di factoring. Il governo di tali parametri è condizionato in termini generali dalla competitività del mercato in relazione alla presenza di altri intermediari finanziari e dei principali gruppi bancari nonché, nello specifico, dai fattori sopra menzionati derivanti dalla tipologia e dalla natura del mercato di riferimento della Serfactoring dove si conferma la presenza di fornitori sempre più attenti ai costi ed alla qualità del servizio di factoring. Si rimanda alle specifiche parti della Relazione per le considerazioni circa l applicazione della normativa derivante dall accordo di Basilea sul capitale e per la descrizione dello stato della normativa sulla concentrazione dei rischi nonché degli sviluppi normativi attesi in particolare per le Società di factoring captive. 18

19 Gli investimenti della Società sono relativi prevalentemente all informatica per gli sviluppi software connessi al programma illustrato nel seguito della presente relazione, nelle altre informazioni, al successivo punto Sistema informativo. La Società ricorre alla locazione operativa per gli acquisti di hardware. Risorse umane L organico operativo al 31 dicembre 2009, che non comprende il Presidente ed il Vice Presidente, è costituito da 36 dipendenti (46 dipendenti al 31 dicembre 2008). La ripartizione dell organico a ruolo e di quello operativo è la seguente: Il numero medio dell organico operativo, calcolato come media aritmetica di quello presente alla fine di ciascun mese, è stato di 42,9 unità (47 unità nell esercizio precedente). La riduzione è collegata al citato outsourcing dei servizi amministrativi ed agli esodi per i pensionamenti avvenuti nell esercizio. Per un confronto omogeneo con l esercizio precedente si segnala inoltre che nella rappresentazione del sopraddetto personale operativo è stato inserito l Amministratore Delegato. Nel corso del 2009 sono stati effettuati alcuni interventi organizzativi attribuendo le linee operative alle dipendenze dirette dell Amministratore Delegato determinando congiuntamente alcuni interventi di razionalizzazione nelle relative unità, attuando altresì la nuova organizzazione delle attività amministrative, di risk management e di vigilanza, nonché di pianificazione e controllo con l obiettivo di meglio presidiare le suddette attività ponendo nell ambito di un unica struttura organizzativa le unità preposte alla gestione delle stesse e conseguire nel contempo sinergie organizzative ed operative. 19

20 Nell esercizio la Società ha fatto ricorso a contratti interinali mediamente per 0,3 unità (1,6 nell esercizio precedente). Alla fine dell esercizio non risultano in essere i sopraccitati contratti (1 unità al 31 dicembre 2008). Esposizione e gestione dei rischi finanziari Le informazioni relative all esposizione della Società ai rischi finanziari e le politiche di gestione sono illustrate nella Parte D Altre informazioni della nota integrativa. 20

21 Commento ai risultati economico-finanziari L esercizio 2009 chiude con un utile netto di migliaia di euro (5.311 migliaia di euro nel 2008), dopo aver imputato a conto economico imposte sul reddito per 729 migliaia di euro (2.644 migliaia di euro nel 2008). Si ricorda che alla determinazione del risultato dell esercizio 2008 ha contribuito la realizzazione di un provento di natura non ripetitiva riferito all incasso di crediti verso soggetti in amministrazione straordinaria o in fallimento ceduti alla Serfactoring negli anni 1984 e 1985 per un corrispettivo inferiore al loro valore nominale in considerazione della loro dubbia esigibilità. Questi crediti, in passati esercizi, vennero completamente svalutati e nel 1993, vennero portati a perdita con contestuale utilizzo del fondo svalutazione crediti. L incasso di tali crediti avvenuto nel precedente esercizio ha comportato un provento netto di migliaia di euro, al lordo degli effetti fiscali. Escludendo questo effetto, il risultato della gestione operativa diminuisce di 708 mila euro rispetto all esercizio precedente. 21

22 - il margine di intermediazione ammonta a migliaia di euro ( migliaia di euro al 31 dicembre 2008); il decremento di migliaia di euro rispetto al corrispondente periodo dell esercizio precedente è sostanzialmente dovuto: al decremento di migliaia di euro del margine di interesse, prevalentemente determinato, per migliaia di euro, dalla riduzione del contributo dell autofinanziamento conseguente alla generale riduzione dei tassi d interesse, per 127 migliaia di euro, dalla diminuzione del finanziato medio su Cedenti terzi ( -8,3 milioni di euro), parzialmente compensate da un aumento dello 0,07% dello spread medio sui tassi di interesse su Cedenti terzi e da un aumento del margine riveniente dalle operazioni con società Eni Cedenti effettuate in pool con altre società di factoring; alla diminuzione di 357 migliaia di euro delle commissioni nette prevalentemente determinata per 152 migliaia di euro dalla riduzione del volume di cessioni da Cedenti Terzi (48,9 milioni di euro) parzialmente compensata per 27 migliaia di euro da un aumento della percentuale di commissione (+ 0,002%). E opportuno al riguardo considerare la presenza di una variazione in diminuzione di 300 migliaia di euro riveniente dal risconto delle commissioni determinato prevalentemente dall effetto combinato della concentrazione del turnover nell ultima parte dell anno e dell aumento della percentuale media di commissione. - il risultato della gestione operativa ammonta a migliaia di euro (7.955 migliaia di euro al 31 dicembre 2008); la riduzione di migliaia di euro rispetto al corrispondente periodo dell esercizio precedente, oltre che alla riduzione del margine di intermediazione e del provento non ricorrente sopraccitati, è dovuto all effetto combinato dei seguenti altri fattori: diminuzione di 236 mila euro delle rettifiche di valore nette relative ai crediti: la voce è relativa sostanzialmente alle sole rettifiche forfetarie, non essendo stati effettuati nell esercizio accantonamenti specifici (246 migliaia di euro al 31 dicembre 2008); aumento di 324 migliaia di euro del totale delle spese amministrative, di cui: la voce spese per il personale risulta complessivamente in aumento di 123 migliaia di euro, tenuto però conto della presenza di oneri per esodi agevolati per 544 migliaia di euro; 22

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli