Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza"

Transcript

1 Roma, 16 aprile 2013 Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID a valere sul conto formazione Fondimpresa Fondo interprofessionale per la formazione continua

2 Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID Titolo Piano: Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Area tematica: Competenze tecnico-professionali; ambiente sicurezza e innovazione organizzativa. Finalità: Sviluppare le competenze specialistiche e di processo connessi all'esercizio del ruolo, alla sicurezza del lavoro, all esercizio ferroviario e all ambiente Modalità erogazione Partecipanti all'azione partecipanti al Piano Fase 1 Modulo DEFINE TOJ 6 Progetto di training on the job con metodologia LEAN SIX SIGMA Fase 2 Modulo MEASURE TOJ 6 Fase 3 Modulo ANALYZE TOJ 6 6 Fase 4 Modulo IMPROVE CONTROL TOJ 6 Introduzione Direzione lavori e Sicurezza Cantieri Modulo Base Aula Aggiornamento RLS 2013 Agg. Formazione D.lgs. 81/08 Aspetti innovativi, competenze e responsabilità FORMAZIONE OBBLIGATORIA SULLA Aula

3 Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID Titolo Piano: Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Area tematica: Competenze tecnico-professionali; ambiente sicurezza e innovazione organizzativa. Finalità: Sviluppare le competenze specialistiche e di processo connessi all'esercizio del ruolo, alla sicurezza del lavoro, all esercizio ferroviario e all ambiente Modalità erogazione Partecipan ti all'azione partecipa nti al Piano DTP Roma - Abilitazione PROGRALL SCMT Progettazione e verifica dei rallentamenti in SCMT Aula DTP Milano Formazione Preposti Formazione Preposti aula DTP Genova SL Lavoratori DTP Genova SL Lavoratori MODULO FORMAZIONE GENERALE FORMAZIONE SPECIALISTICA aula 60 aula

4 Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID Titolo Piano: Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Area tematica: Competenze tecnico-professionali; ambiente sicurezza e innovazione organizzativa. Finalità: Sviluppare le competenze specialistiche e di processo connessi all'esercizio del ruolo, alla sicurezza del lavoro, all esercizio ferroviario e all ambiente DTP VENEZIA SL Lavoratori - Formazione Specifica RISCHIO BASSO SL Lavoratori - Formazione Specifica RISCHIO MEDIO SL Lavoratori - Modulo Formazione Generale PREPOSTO Formazione Particolare Aggiuntiva Antincendio - D.Lgs.626/94; DLgs 81/08 RISCHIO MEDIO 1^ soccorso emergenza sanitaria DM 388/2003 Formazione Specifica RISCHIO BASSO - Formazione Specifica RISCHIO MEDIO - Modulo Formazione Generale - Formazione Particolare Aggiuntiva - DLgs 81/08 RISCHIO MEDIO - DM 388/ Modalità erogazione Partecipan ti all'azione partecipa nti al Piano Aula Aula Aula Aula Aula Aula

5 Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID Titolo Piano: Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Area tematica: Competenze tecnico-professionali; ambiente sicurezza e innovazione organizzativa. Finalità: Sviluppare le competenze specialistiche e di processo connessi all'esercizio del ruolo, alla sicurezza del lavoro, all esercizio ferroviario e all ambiente DTP VENEZIA Modalità erogazione Partecipan ti all'azione partecipa nti al Piano 1^ soccorso in ambito ferroviario DM 19/2011 Aggiornamento 1^ soccorso LC 3-3^ Linea di contatto TE - LFM2-2^ Impianti LFM DM 19/ FORMAZIONE OBBLIGATORIA SULLA Aggiornamento 1^ soccorso - Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Aula Aula Aula 5 5 Aula Nuove procedure/regolamenti Ambito DTP Aggiornamento procedure e regolamenti Aula Aggiornamento Rischi Elettrici Norma CEI Aggiornamento rischi elettrici Aula

6 Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID Titolo Piano: Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Area tematica: Competenze tecnico-professionali; ambiente sicurezza e innovazione organizzativa. Finalità: Sviluppare le competenze specialistiche e di processo connessi all'esercizio del ruolo, alla sicurezza del lavoro, all esercizio ferroviario e all ambiente DTP VERONA Aggiornamento rischi elettrici norme CEI 11/27 Campagna sicurezza sul lavoro rischio BASSO Abilitazione AB5 Abilitazione AB6 Normativa di riferimento CEI 11/27/ Categorie di sistemi elettrici /Effetti della corrente elettrica/ PES-PV- PEC Formazione VDT/ Accenno ai rischi specifici/ Stress lavoro correlato/ DM.81/2008/ Figura Preposto Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Modalità erogazione Partecipan ti all'azione partecipa nti al Piano Aula Aula Aula Aula Mantenimento competenze istruttori accreditati Aggiornamenti e Disposizioni di esercizio/ Prescrizioni di esercizio/ Emanazione Nuove Procedure Aula Mantenimento competenze settore Armamento Quote caratteristiche Deviatoi L94/ Geometria del binario-livelli longitudinali e sghembi/ Opere d arte Aula

7 Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID Titolo Piano: Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Area tematica: Competenze tecnico-professionali; ambiente sicurezza e innovazione organizzativa. Finalità: Sviluppare le competenze specialistiche e di processo connessi all'esercizio del ruolo, alla sicurezza del lavoro, all esercizio ferroviario e all ambiente DTP VERONA Mantenimento competenze CONDOTTA - Patente E Mantenimento competenze Patente Obbligatoria di Base Mantenimento competenze settore Impianti di Sicurezza Mantenimento competenze settore Impianti di trazione Elettrica Aggiornamento Regolamento Segnali/ Aggiornamento IPCL/ Aggiornamento PGOS/ Introduzione NPC/ Aggiornamento Sottosistemi di bordo Formazione Treni/ Nozioni di base esercizio circolazione ferroviaria/ Conoscenza teorico-pratica impianti ARM-IS-TE-TLC Mantenimento competenze in ambito Blocco automatico correnti codificate/ Riscaldamento termico boccole/ Manutenzione apparati centrali elettrici ad itinerario Manutenzione alla linea di contatto T.E./ Misure meccaniche di precisione ed elettriche sulle linee/ Rilievi diagnostici/manutenzione impianti LFM e e cabine MT/BT Modalità erogazione Partecipan ti all'azione partecipa nti al Piano Aula Aula Aula Aula Mantenimento competenze settore Gestione circolazione DPI di III categoria ed utilizzo scale portatili Verifica del mantenimento delle competenze/ Movimenti a via impedita/ Rapporti fra agenti della manutenzione e delle circolazione/ Merci pericolose Lavori lontano dal suolo/ Normativa di riferimento/ prova pratica Aula Aula

8 Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID Titolo Piano: Formazione Tecnico-Specialistica, Formazione al Ruolo e sulla Sicurezza Area tematica: Competenze tecnico-professionali; ambiente sicurezza e innovazione organizzativa. Finalità: Sviluppare le competenze specialistiche e di processo connessi all'esercizio del ruolo, alla sicurezza del lavoro, all esercizio ferroviario e all ambiente DTP TRIESTE Modalità erogazione Partecipant i all'azione partecipant i al Piano AB3 - Patente Obbligatoria di base (POB) Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Aula AB4 - Patente Obbligatoria di base (POB) Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Aula AB5 - Patente Obbligatoria di base (POB) Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Aula Numero complessivo destinatari: Ore di formazione complessive, durante l orario di lavoro:

9 Allegati Modalità di erogazione della formazione Criteri di selezione dei partecipanti Elementi di costo

10 Modalità di erogazione della formazione Di seguito si indicano, per ciascun modulo formativo, la modalità di erogazione della formazione in termini di N di edizioni, giornate e ore di formazione N Edizioni N. gg x ediz Totale GG Totale ore Fase 1 Modulo DEFINE Progetto di training on the job con metodologia LEAN SIX SIGMA Fase 2 Modulo MEASURE 1 7,5 7,5 60 Fase 3 Modulo ANALYZE 1 7,5 7,5 60 Fase 4 Modulo IMPROVE CONTROL Introduzione Direzione lavori e Sicurezza Cantieri Modulo Base Aggiornamento RLS 2013 Agg. Formazione D.lgs. 81/08 Aspetti innovativi, competenze e responsabilità FORMAZIONE OBBLIGATORIA SULLA

11 Modalità di erogazione della formazione Di seguito si indicano, per ciascun modulo formativo, la modalità di erogazione della formazione in termini di N di edizioni, giornate e ore di formazione N Edizioni N. gg x ediz Totale GG Totale ore DTP Roma - Abilitazione PROGRALL SCMT DTP Milano Formazione Preposti DTP Genova SL Lavoratori DTP Genova SL Lavoratori Progettazione e verifica dei rallentamenti in SCMT Formazione Preposti MODULO FORMAZIONE GENERALE FORMAZIONE SPECIALISTICA ,5 1,

12 Modalità di erogazione della formazione Di seguito si indicano, per ciascun modulo formativo, la modalità di erogazione della formazione in termini di N di edizioni, giornate e ore di formazione DTP VENEZIA N Edizioni N. gg x ediz Totale GG Totale ore SL Lavoratori - Formazione Specifica RISCHIO BASSO SL Lavoratori - Formazione Specifica RISCHIO MEDIO SL Lavoratori - Modulo Formazione Generale PREPOSTO Formazione Particolare Aggiuntiva Antincendio - D.Lgs.626/94; DLgs 81/08 RISCHIO MEDIO 1^ soccorso emergenza sanitaria DM 388/2003 Formazione Specifica RISCHIO BASSO - FORMAZIONE OBBLIGATORIA SULLA Formazione Specifica RISCHIO MEDIO - FORMAZIONE OBBLIGATORIA SULLA Modulo Formazione Generale - Formazione Particolare Aggiuntiva - DLgs 81/08 RISCHIO MEDIO - DM 388/ FORMAZIONE OBBLIGATORIA SULLA 2 0, ,

13 Modalità di erogazione della formazione Di seguito si indicano, per ciascun modulo formativo, la modalità di erogazione della formazione in termini di N di edizioni, giornate e ore di formazione DTP VENEZIA N Edizioni N. gg x ediz Totale GG Totale ore 1^ soccorso in ambito ferroviario DM 19/2011 DM 19/ FORMAZIONE OBBLIGATORIA SULLA Aggiornamento 1^ soccorso LC 3-3^ Linea di contatto TE - LFM2-2^ Impianti LFM Nuove procedure/regolamenti Ambito DTP Aggiornamento Rischi Elettrici Norma CEI Aggiornamento 1^ soccorso - FORMAZIONE OBBLIGATORIA SULLA Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Aggiornamento procedure e regolamenti Aggiornamento rischi elettrici

14 Modalità di erogazione della formazione Di seguito si indicano, per ciascun modulo formativo, la modalità di erogazione della formazione in termini di N di edizioni, giornate e ore di formazione DTP VERONA N Edizioni N. gg x ediz Totale GG Totale ore Aggiornamento rischi elettrici norme CEI 11/27 Campagna sicurezza sul lavoro rischio BASSO Abilitazione AB5 - POB Abilitazione AB6 - POB Mantenimento competenze istruttori accreditati Mantenimento competenze settore Armamento Normativa di riferimento CEI 11/27/ Categorie di sistemi elettrici /Effetti della corrente elettrica/ PES-PV- PEC Formazione VDT/ Accenno ai rischi specifici/ Stress lavoro correlato/ DM.81/2008/ Figura Preposto Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Aggiornamenti e Disposizioni di esercizio/ Prescrizioni di esercizio/ Emanazione Nuove Procedure Quote caratteristiche Deviatoi L94/ Geometria del binario-livelli longitudinali e sghembi/ Opere d arte

15 Modalità di erogazione della formazione Di seguito si indicano, per ciascun modulo formativo, la modalità di erogazione della formazione in termini di N di edizioni, giornate e ore di formazione DTP VERONA N Edizioni N. gg x ediz Totale GG Totale ore Mantenimento competenze CONDOTTA - Patente E Mantenimento competenze Patente Obbligatoria di Base Mantenimento competenze settore Impianti di Sicurezza Mantenimento competenze settore Impianti TE Mantenimento competenze settore Gestione Circolazione DPI di III categoria ed utilizzo scale portatili Aggiornamento Regolamento Segnali/ Aggiornamento IPCL/ Aggiornamento PGOS/ Introduzione NPC/ Aggiornamento Sottosistemi di bordo Formazione Treni/ Nozioni di base esercizio circolazione ferroviaria/ Conoscenza teorico-pratica impianti ARM-IS-TE-TLC Mantenimento competenze in ambito Blocco automatico correnti codificate/ Riscaldamento termico boccole/ Manutenzione apparati centrali elettrici ad itinerario Manutenzione alla linea di contatto T.E./ Misure meccaniche di precisione ed elettriche sulle linee/ Rilievi diagnostici/manutenzione impianti LFM e e cabine MT/BT Verifica del mantenimento delle competenze/ Movimenti a via impedita/ Rapporti fra agenti della manutenzione e delle circolazione/ Merci pericolose Lavori lontano dal suolo/ Normativa di riferimento/ prova pratica

16 Modalità di erogazione della formazione Di seguito si indicano, per ciascun modulo formativo, la modalità di erogazione della formazione in termini di N di edizioni, giornate e ore di formazione DTP TRIESTE N Edizioni N. gg x ediz Totale GG Totale ore AB3 - Patente Obbligatoria di base (POB) AB4 - Patente Obbligatoria di base (POB) AB5 - Patente Obbligatoria di base (POB) Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Normativa e procedure operative Componenti /dispositivi, strumenti operativi e di misura Attività connesse alle competenze Totale ,

17 Criteri di selezione dei partecipanti Destinatari Obiettivi Formativi Progetto di training on the job con metodologia LEAN SIX SIGMA Introduzione Direzione lavori e Sicurezza Cantieri Modulo base Personale delle aree organizzazione e qualità ed esperti dei processi oggetto di analisi Ingegneri nuovi assunti e/o comunque individuati per svolgere il ruolo di Direttore Lavori Efficientare i costi del Processo Migliorare i tempi, l efficacia ed i livelli qualitativi e di servizio del Processo Competenze necessarie a svolgere il ruolo di Direzione Lavori Aggiornamento RLS 2013 RLS Acquisizione Aggiornamento Competenze DTP Roma Abilitazione PROGRALL SCMT Personale settore Arm.to (Capi Tronco + C.T. addetti) Acquisizione conoscenze teoriche-pratiche relative alla progettazione e verifica dei rallentamenti in SCMT DTP Milano Formazione Preposti DTP Genova SL Lavoratori Formazione Generale DTP Genova SL Lavoratori Formazione Specialistica Personale di tutti i settori che svolgono un ruolo di coordinamento di un a squadra o di un gruppo Lavoratori individuati secondo DM 81/08 e s.m.i. Lavoratori individuati secondo DM 81/08 e s.m.i. Formare il personale che coordina una squadra od un gruppo sugli incarichi e le responsabilità connesse con la sicurezza del lavoro Formare i "Lavoratori" sui contenuti della lettera a) co. 1 dell'art. 37 del D.Lgs. 81/2008, sulla presentazione dei concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro Formare i "Lavoratori" - p. 4 Accordi Stato Regioni del 21/12/2011, sui rischi specifici, riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell'azienda 17

18 Criteri di selezione dei partecipanti DTP VENEZIA Destinatari Obiettivi Formativi SL Lavoratori - Formazione Specifica RISCHIO BASSO SL Lavoratori - Formazione Specifica RISCHIO MEDIO SL Lavoratori - Modulo Formazione Generale PREPOSTO Formazione Particolare Aggiuntiva Antincendio - D.Lgs.626/94; DLgs 81/08 RISCHIO MEDIO 1^ soccorso emergenza sanitaria DM 388/2003 Lavoratori Livello Basso Rischio inquadrati Accordo Stato- Regioni- Provincie del gennaio 2012 Lavoratori Livello Medio Rischio inquadrati Accordo Stato- Regioni- Provincie del gennaio 2012 Lavoratori Livello Medio Rischio inquadrati Accordo Stato- Regioni- Provincie del gennaio 2012 Lavoratori Preposti inquadrati Accordo Stato- Regioni- Provincie del gennaio 2012 Personale che verrà Incaricato o è già incaricato quale addetto Antincendio Personale Uffici che verrà incaricato addetto 1^ soccorso Formare i "Lavoratori" - p. 4 Accordi Stato Regioni del 21/12/2011, sui rischi specifici, riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell'azienda Formare i "Lavoratori" - p. 4 Accordi Stato Regioni del 21/12/2011, sui rischi specifici, riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell'azienda. Formare i "Lavoratori" sui contenuti della lettera a) co. 1 dell'art. 37 del D.Lgs. 81/2008, sulla presentazione dei concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Formare i "preposti", come previsto dall'art. 2, co. 1, lett. e del D. Lgs. 81/2008, integrando la formazione prevista per i "lavoratori" con una formazione particolare aggiuntiva, in relazione ai compiti esercitati in materia di salute e sicurezza sul lavoro "Conoscenza degli elementi essenziali della protezione incendi agli Incaricati PEI- Gestione evacuazione e strumenti a disposizione (Estintori); - Formazione degli addetti antincendio secondo il DM 10 Marzo MEDIO RISCHIO Sviluppare le competenze dei lavoratori designati preventivamente dal Datore di Lavoro (art. 18 co 1 lett B D.Lgs. 81/2008) incaricati del primo soccorso (art. 45 D.Lgs. 81/

19 Criteri di selezione dei partecipanti DTP VENEZIA 1^ soccorso in ambito ferroviario DM 19/2011 Destinatari Personale Manutenzione e Circolazione che verrà incaricato addetto 1^ Soccorso Obiettivi Formativi Formare sul primo soccorso i lavoratori che svolgono attività lavorativa in ambito ferroviario in luogo isolato (DM 19 del ) Aggiornamento 1^ soccorso Personale già incaricato quale addetto 1^ Soccorso Aggiornamento delle conoscenze per svolgere il ruolo di incaricato addetto 1^ Soccorso LC 3-3^ Linea di contatto Personale TE già in possesso di abilitazione LC2 e OPC Conseguimento dell abilitazione LC3 LFM2-2^ Impianti LFM Personale TE ed IS che svolge attività di manutenzione ad impianti LFM Conseguimento dell abilitazione LFM2 Nuove procedure/regolamenti Ambito DTP Addetti alla Formazione e collaboratori Referente Formazione ambito DTP Aggiornamento e linee guida operative in merito a evoluzioni normative, procedurali e sui ritorni di esperienza Aggiornamento Rischi Elettrici Norme CEI Personale operativo della DTP Settore Manutenzione Aggiornamento Rischi Elettrici Norme CEI 19

20 Criteri di selezione dei partecipanti DTP VERONA Aggiornamento rischi elettrici norme CEI 11/27 Campagna sicurezza sul lavoro rischio BASSO Destinatari Personale che svolge attività di manutenzione, soggetto a rischio elettrico Personale che svolge esclusivamente attività d'ufficio Obiettivi Formativi Far acquisire al personale le conoscenze specifiche, riguardanti i lavori elettrici sotto tensione e fuori tensione. Qualificare il personale, come persone esperte nei confronti dei lavori elettrici Far acquisire a tutto il personale che svolge attività strettamente d'ufficio, le competenze obbligatorie per quanto stabilito dalla nuova normativa, riguardante la sicurezza del lavoro Abilitazione AB5 Personale della manutenzione transitato da Trenitalia Cargo in RFI Conseguimento dell abilitazione AB5 Abilitazione AB6 Personale della manutenzione transitato da Trenitalia Cargo in RFI Conseguimento dell abilitazione AB6 Mantenimento competenze istruttori accreditati Mantenimento competenze settore Armamento Esaminatori/istruttori riconosciuti e qualificati di RFI, per le attività di sicurezza circolazione. Personale della manutenzione appartenente al settore specialistico Armamento Aggiornare gli istruttori di RFI sulle novità normative e regolamentari di recente emanazione, per la successiva erogazione al personale. Aggiornare i tecnici manutentori di RFI, sulle novità normative e regolamentari, specifiche del loro settore di più recente emanazione, 20

21 Criteri di selezione dei partecipanti DTP VERONA Mantenimento competenze CONDOTTA - Patente E Mantenimento competenze Patente Obbligatoria di Base Mantenimento competenze settore Impianti di Sicurezza Mantenimento competenze settore Impianti di trazione Elettrica Destinatari Personale Patentato E ( settore condotta ) di RFI Personale della manutenzione di RFI Personale della manutenzione appartenente al settore specialistico impianti di sicurezza Personale della manutenzione appartenente al settore specialistico Trazione Elettrica Obiettivi Formativi Aggiornare i Patentati E del settore condotta di RFI, sulle novità normative e regolamentari, specifiche del loro settore di più recente emanazione, Aggiornare i tecnici manutentori di RFI, sulle novità normative e regolamentari, generiche del settore manutenzione di più recente emanazione, Aggiornare i tecnici manutentori di RFI, sulle novità normative e regolamentari, specifiche del loro settore di più recente emanazione, Aggiornare i tecnici manutentori di RFI, sulle novità normative e regolamentari, specifiche del loro settore di più recente emanazione, Mantenimento competenze settore Gestione circolazione Personale di RFI appartenente al settore Circolazione Aggiornare i gestori della circolazione di RFI, sulle novità normative e regolamentari, specifiche del settore. DPI di III categoria ed utilizzo scale portatili Personale che svolge attività di manutenzione, soggetto a rischio di caduta dall alto Far acquisire al personale le conoscenze specifiche, riguardanti i lavori lontani dal suolo e l utilizzo delle scale portatili. 21

22 Criteri di selezione dei partecipanti DTP TRIESTE Destinatari Obiettivi Formativi AB3 - Patente Obbligatoria di base (POB) Personale in possesso del modulo A/A1/AB1 e dell idoneità fisica Conseguimento dell abilitazione AB3 AB4 - Patente Obbligatoria di base (POB) Personale in possesso dell abilitazione AB3 e dell idoneità fisica Conseguimento dell abilitazione AB4 AB5 - Patente Obbligatoria di base (POB) Personale in possesso dell abilitazione AB4 e dell idoneità fisica Conseguimento dell abilitazione AB5 Totale Piano Di cui finanziato Fondimpresa , ,00 * Costi stimati in attesa definizione contratti con fornitori 22

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Presentazione Formazione Professionale

Presentazione Formazione Professionale Presentazione Formazione Professionale Adecco Training Adecco Training è la società del gruppo Adecco che si occupa di pianificare, organizzare e realizzare progetti formativi che possono coinvolgere lavoratori

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19

info@globalformsrl.it La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA CONSULENZA Pagina 1 di 19 Certificata La realtà Aziendale Ambiti operativi: FORMAZIONE CERTIFICATA Sicurezza sul Lavoro LL.PP. Urbanistica CERTIFICAZIONI Qualità-Ambiente-Sicurezza CONSULENZA FONDI INTERPROFESSIONALI SOFTWARE PERSONALIZZATI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

2 imp. 3 imp. 1 imp. 1a ass.

2 imp. 3 imp. 1 imp. 1a ass. EDILE ARTIGIANO PMI Retribuzioni in vigore dall' 01/01/2014 per assolvere gratis alla formazione obbligatoria sulla sicurezza prevista da art.37 TU e Stato Regioni caricamento nominativo dipendente dal

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA: STRUTTURA SEMPLICE Gestione

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 ANDAMENTO DELLA SICUREZZA DELLE FERROVIE NELL ANNO 2013 Indice 1. Scopo e ambito di applicazione... 4 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 2.1. Dotazione organica e riduzione della

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli