NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA"

Transcript

1 NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI ATTENERSI ALLE PROCEDURE QUI SOTTOELENCATE NON RIPRENDERE ASSOLUTAMENTE L ATTIVITA LAVORATIVA SENZA AUTORIZZAZIONE

2 NORME SPECIFICHE EVACUAZIONE GUARDARE LE PLANIMETRIE ED I DISEGNI DEI LUOGHI DOVE SI LAVORA PER VERIFICARE LE USCITE D EMERGENZA VICINE PRIMA DI ALLONTANARSI, METTERE IN SICUREZZA (SPEGNERE ECC.), NEI LIMITI DEL POSSIBILE, EVENTUALI ATTREZZATURE O MATERIALI CHE POSSONO CREARE SITUAZIONI DI PERICOLO AVVIARSI VERSO L USCITA DI EMERGENZA PIU VICINA, SEGUENDO LE INDICAZIONI FORNITE DAGLI ADDETTI AIUTARE EVENTUALI PERSONE IN DIFFICOLTA E PORTATORI DI HANDICAP RAGGIUNGERE IL LUOGO DI RACCOLTA ESTERNO

3 INCENDIO NON METTETE IN ALCUN MODO A RISCHIO LA VOSTRA INCOLUMITÀ ALLE DISPOSIZIONI IMPARTITE PER IL VOSTRO AMBIENTE DI LAVORO INFORMATE, SE POSSIBILE, ANCHE IL VOSTRO DIRETTO SUPERIORE SULL UBICAZIONE E SULLE DIMENSIONI DELL INCENDIO ALLONTANARSI AL PIU PRESTO DALLA ZONA DELL INCENDIO NON USARE ASCENSORI AVVISARE SEMPRE LA PORTINERIA /CENTRALINO SE NON VI E GIA ALLARME IN ATTO ALLONTANATE EVENTUALI SOSTANZE COMBUSTIBILI E STACCATE L ALIMENTAZIONE AD APPARATI ELETTRICI; RIDURRETE COSÌ IL RISCHIO DI PROPAGAZIONE DELL INCENDIO IN CASO DI FUMO CAMMINARE CARPONI, VICINO AL PAVIMENTO, CON UN FAZZOLETTO BAGNATO SULLA BOCCA E SUL NASO INTERVENIRE SOLO SE POSSIBILE E SENZA CORRERE ALCUN RISCHIO PER LA PROPRIA INCOLUMITA SEGUIRE LE INDICAZIONI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA E DEGLI OPERATORI ESTERNI EVENTUALI (VIGILI DEL FUOCO, POLIZIA, ECC.) SPOSTARSI LUNGO I MURI SE LA VISIBILITA E SCARSA NON SALIRE MAI PIU IN ALTO! IN CASO DI FUOCO ALL ESTERNO DEL LOCALE IN CUI CI SI TROVA: CHIUDERSI DENTRO, SIGILLARE OGNI FESSURA PER EVITARE L INGRESSO DI FUMO ED AVVISARE E SEGNALARE LA PROPRIA PRESENZA IN CASO DI PERSONA I CUI ABITI PRENDONO FUOCO: EVITARE CHECORRA, STENDERLA A TERRA E SOFFOCARE LE FIAMME AVVOLGENDOLA CON COPERTA O ALTRI INDUMENTI NON SINTETICI

4 SE IL PRINCIPIO DI INCENDIO È MODESTO E VI SENTITE CAPACI DI FARLO, CERCATE DI SOFFOCARLO CON UNA COPERTA O CON UN ESTINTORE EVITATE IN OGNI MODO CHE IL FUOCO, NEL SUO PROPAGARSI, SI INTROMETTA TRA VOI E LA VIA DI FUGA SE NON RIUSCITE METTERE L INCENDIO SOTTO CONTROLLO, CHIUDETE DIETRO A VOI PORTE E FINESTRE, RAGGIUNGETE IL PUNTO DI RACCOLTA DESIGNATO SE RICEVETE IL SEGNALE DI EVACUAZIONE, ESEGUITE SUBITO LE ISTRUZIONI IMPARTITE - NON INFRANGETE LE FINESTRE PER NON ALIMENTARE IL FUOCO CON L OSSIGENO DELL ARIA - APRITE LE PORTE CON ESTREMA CAUTELA. PRIMA DI APRIRE UNA PORTA, TOCCATELA IN ALTO PER SENTIRE SE È CALDA. SE È CALDA O VI È FUORIUSCITA DI FUMO, CERCATE UNA ALTRA VIA DI FUGA OD APRITE, SE NON AVETE ALTERNATIVE, CON ESTREMA CAUTELA. RIPARATEVI DA UNA EVENTUALE FIAMMA DIVAMPANTE IN FUNZIONE DELLA MANO DI APERTURA DELLA PORTA - NON USATE GLI ASCENSORI - NON CERCATE DI PORTARE VIA OGGETTI PERSONALI, A RISCHIO DI RIMANERE INTRAPPOLATI O RALLENTARE L EVACUAZIONE

5 ALLUVIONE L ALLUVIONE È UN EVENTO CHE CICLICAMENTE COLPISCE IL TERRITORIO DELLA NOSTRA AZIENDA. A TALE PROPOSITO NEL PREDISPORRE LA PARETE DEL PIANO DI EMERGENZA RIGUARDANTE TALE ASPETTO È NECESSARIO VERIFICARE, SE LE STRUTTURE SI TROVANO NELLE ZONE A RISCHIO, CONSULTANDO IL SITO WEB DELLA PROTEZIONE CIVILE DEL COMUNE DI GENOVA E DELLA PROVINCIA DI GENOVA CHE COSA FARE SE SI VIENE COINVOLTI IN UN'ALLUVIONE? IN QUESTI CASI IL FATTORE PIÙ IMPORTANTE È MANTENERE SEMPRE LA CALMA SENZA FARSI PRENDERE DAL PANICO. PER AFFRONTARE UNA TALE SITUAZIONE POSSONO ESSERE UTILI I SEGUENTI CONSIGLI: - NEI LOCALI MINACCIATI DALL'ACQUA SI DOVRÀ CHIUDERE LA VALVOLA DEL GAS E STACCARE LA CORRENTE ELETTRICA, MA NON BISOGNA ESEGUIRE TALE OPERAZIONE SE IL LUOGO IN CUI SI TROVA L'INTERRUTTORE GENERALE È GIÀ INONDATO: NON UTILIZZARE APPARECCHIATURE ELETTRICHE BAGNATE DALL ACQUA PRIMA DI AVERLE FATTE CONTROLLARE DA UN TECNICO, GLI EVENTUALI DANNI SUBITI POTREBBERO PROVOCARE UN CORTOCIRCUITO - SE L EDIFICIO È A PIÙ PIANI E L'ACQUA IMPEDISCE DI USCIRE PERCHÉ IL LIVELLO È ORMAI MOLTO ALTO, RIFUGIATEVI AI PIANI PIÙ ALTI O, EVENTUALMENTE, SUL TETTO. - RINUNCIATE A METTERE IN SALVO QUALUNQUE BENE O MATERIALE E TRASFERITEVI SUBITO IN AMBIENTE SICURO MA, SE CIÒ NON COMPROMETTE LA VOSTRA INCOLUMITÀ,.METTETE IN UN LUOGO SICURO LE SOSTANZE CHE POTREBBERO ESSERE FONTE DI INQUINAMENTO COME INSETTICIDI, PESTICIDI, MEDICINALI, ECC - SE L'ACQUA POTABILE PRESENTA ODORE, COLORE O GUSTO CHE INDUCONO A CREDERE CHE SIA CONTAMINATA, NON UTILIZZARLA SINO A QUANDO NON SARÀ SIA DICHIARATA POTABILE - NON SOMMINISTRARE ALIMENTI E FARMACI ESPOSTI ALL INONDAZIONE, IN QUANTO POTREBBERO CONTENERE AGENTI PATOGENI O ESSERE CONTAMINATI - NON USARE IL TELEFONO SE NON PER CASI DI EFFETTIVA NECESSITÀ - SE SIETE ALL ESTERNO, NON TENTATE DI RAGGIUNGERE LA VOSTRA DESTINAZIONE, MA CERCATE RIPARO PRESSO LO STABILE PIÙ VICINO E SICURO

6 NEVE / GELO IN CASO DI NEVE O FORMAZIONE DI GELO SULLE STRADE È OPPORTUNO : - PRESTARE ATTENZIONE ALLE INDICAZIONI FORNITE DALLE AUTORITÀ, DALLA RADIO O DALLA TV - VERIFICARE GLI AGGIORNAMENTI DEI PANNELLI LUMINOSI OVE SIANO DISPOSTI - AGGIORNARSI SULLA SITUAZIONE METEO ( IN TEMPO REALE - TENERE SGOMBRI DALLA NEVE E DAL GHIACCIO GLI ACCESSI ALLE STRUTTURE - EVITARE DI INTRAPRENDERE VIAGGI IN AUTO SE NON STRETTAMENTE NECESSARI IN QUANTO E PROBABILE RIMANERE BLOCCATI O DIVENTARE CAUSA DI ULTERIORE NTRALCIO AL TRAFFICO: IN CASO DI NECESSITÀ USARE SOLO MEZZI PUBBLICI. NEL CASO SIA ASSOLUTAMENTE NECESSARIO INTRAPRENDERE VIAGGI: - SE POSSIBILE USARE MEZZI PUBBLICI SE ASSOLUTAMENTE INDISPENSABILE L USO DELL AUTO PER RAGGIUNGERE LA DESTINAZIONE: - MUNIRSI DI PNEUMATICI INVERNALI O MUNIRSI DI CATENE ED ASSICURARSI DI ESSERE CAPACI A MONTARLE - ASSICURARSI DI AVERE IL SERBATOIO PIENO - METTERE IN AUTO DELLE COPERTE ED AVERE ALMENO UN THERMOS CON BEVANDE CALDE E ALCUNI GENERI DI PRIMO CONFORTO - ASSICURARSI LA POSSIBILITÀ DI SEGUIRE GLI AGGIORNAMENTI RADIOFONICI DI INFORMAZIONE SUL TRAFFICO; - PORTARE CON SÉ UNA TORCIA ELETTRICA E UN TELEFONO CELLULARE PER SEGNALARE CON TEMPESTIVITÀ EVENTUALI DIFFICOLTÀ.

7 FRANE RICORDA CHE NON CI SONO CASE O MURI CHE POSSANO ARRESTARE UNA FRANA. SOLTANTO UN LUOGO PIÙ ELEVATO TI PUÒ DARE SICUREZZA; SPESSO LE FRANE SI MUOVONO IN MODO REPENTINO, COME LE COLATE DI FANGO; EVITA DI TRANSITARE NEI PRESSI DI AREE GIÀ SOTTOPOSTE AD EVENTI FRANOSI, IN PARTICOLAR MODO DURANTE TEMPORALI O PIOGGE VIOLENTE. NORME DI COMPORTAMENTO PRIMA CONTATTA IL TUO COMUNE PER INFORMARTI SULLA PRESENZA DI AREE A RISCHIO DI FRANA NEL TERRITORIO COMUNALE; STANDO IN CONDIZIONI DI SICUREZZA, OSSERVA IL TERRENO NELLE TUE VICINANZE PER RILEVARE LA PRESENZA DI PICCOLE FRANE O DI MINUTE VARIAZIONI NELLA MORFOLOGIA DEL TERRENO: IN ALCUNI CASI, PICCOLE MODIFICHE DELLA MORFOLOGIA POSSONO ESSERE CONSIDERATE PRECURSORI DI EVENTI FRANOSI; IN ALCUNI CASI, PRIMA DELLE FRANE SONO VISIBILI SUI MANUFATTI ALCUNE LESIONI E FRATTURAZIONI; ALCUNI MURI TENDONO A RUOTARE O TRASLARE; ASCOLTA LA RADIO O GUARDA LA TELEVISIONE PER APPRENDERE DELL EMISSIONE DI EVENTUALI AVVISI DI CONDIZIONI METEOROLOGICHE AVVERSE. ANCHE DURANTE E DOPO L EVENTO È IMPORTANTE ASCOLTARE LA RADIO O GUARDARE LA TELEVISIONE PER CONOSCERE L EVOLUZIONE DEGLI EVENTI; ALLONTANATI DAI CORSI D ACQUA O DALLE INCISIONI TORRENTIZIE NELLE QUALI VI PUÒ ESSERE LA POSSIBILITÀ DI SCORRIMENTO DI COLATE RAPIDE DI FANGO. DURANTE SE LA FRANA VIENE VERSO DI TE O SE È SOTTO DI TE, ALLONTANATI IL PIÙ VELOCEMENTE POSSIBILE, CERCANDO DI RAGGIUNGERE UNA POSIZIONE PIÙ ELEVATA O STABILE; SE NON È POSSIBILE SCAPPARE, RANNICCHIATI IL PIÙ POSSIBILE SU TE STESSO E PROTEGGI LA TUA TESTA; GUARDA SEMPRE VERSO LA FRANA FACENDO ATTENZIONE A PIETRE O AD ALTRI OGGETTI CHE, RIMBALZANDO, TI POSSONO COLPIRE; NON SOFFERMARTI SOTTO PALI O TRALICCI: POTREBBERO CROLLARE O CADERE; NON AVVICINARTI AL CIGLIO DI UNA FRANA PERCHÉ È INSTABILE; SE STAI PERCORRENDO UNA STRADA E TI IMBATTI IN UNA FRANA APPENA CADUTA, CERCA DI SEGNALARE IL PERICOLO ALLE ALTRE AUTOMOBILI CHE POTREBBERO SOPRAGGIUNGERE. DOPO ALLONTANATI DALL AREA IN FRANA. PUÒ ESSERVI IL RISCHIO DI ULTERIORI FRANE; CONTROLLA SE VI SONO FERITI O PERSONE INTRAPPOLATE NELL AREA IN FRANA, SENZA ENTRARVI DIRETTAMENTE. IN QUESTO CASO, SEGNALA LA PRESENZA DI QUESTE PERSONE AI SOCCORRITORI; VERIFICA SE VI SONO PERSONE CHE NECESSITANO ASSISTENZA, IN PARTICOLAR MODO BAMBINI, ANZIANI E PERSONE DISABILI; LE FRANE POSSONO SPESSO PROVOCARE LA ROTTURA DI LINEE ELETTRICHE, DEL GAS E DELL ACQUA, UNITAMENTE ALL INTERRUZIONE DI STRADE E FERROVIE. RIPORTA LE NOTIZIE DI EVENTUALI INTERRUZIONI ALLE AUTORITÀ COMPETENTI; NEL CASO DI PERDITA DI GAS DA UN EDIFICIO, NON ENTRARE PER CHIUDERE IL RUBINETTO DEL GAS. VERIFICA SE VI È UN INTERRUTTORE GENERALE DEL GAS FUORI DALL EDIFICIO ED IN QUESTO CASO CHIUDILO. RIFERISCI QUESTA NOTIZIA AI VIGILI DEL FUOCO O AD ALTRO PERSONALE SPECIALIZZATO.

8 BLACK-OUT MUOVERSI LENTAMENTE, NON CORRERE ONDE EVITARE CADUTE SEGUIRE LE LUCI D EMERGENZA E PORTARSI VERSO LE ZONE DI RACCOLTA ATTENDERE ALLE ISTRUZIONI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA

9 EMERGENZA PER INCIDENTE/INFORTUNIO AVVISARE SEMPRE DELL ACCADUTO LA PORTINERIA / CENTRALINO AVVISARE GLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO DELL EDIFICIO SE I DANNI ALLA/E PERSONA/E APPAIONO LIMITATI SE ENTRO POCHI MINUTI DALLA CHIAMATA NON INTERVIENE NESSUNO CHIAMARE IL PRONTO INTERVENTO ESTERNO (118) SE POSSIBILE ASSISTERE LA/E PERSONA/E FINO ALL ARRIVO DEI SOCCORSI E/O DELL ADDETTO AL PRONTO SOCCORSO COLLABORARE CON GLI EVENTUALI OPERATORI ESTERNI DI PRONTO SOCCORSO

10 EMERGENZA DI SICUREZZA INTERNA SE SI NOTA LA PRESENZA DI QUALCOSA (BORSE, OGGETTI, ECC.) DI STRANO, ABBANDONATO E PARTICOLARMENTE ANOMALO RISPETTO ALLA SITUAZIONE ABITUALE SEGNALARE IL FATTO ALLA PORTINERIA / CENTRALINO NEL CASO DI SITUAZIONE DI PERICOLO PER MINACCE O PRESENZA DI PERSONA ARMATA E NON SOTTO CONTROLLO NON LASCIARE IL PROPRIO LUOGO DI LAVORO E NON ANDARE A CURIOSARE NELLE ZONE INTERESSATE SE SI E MINACCIATI MANTENERE IL CONTROLLO E NON INTERVENIRE DIRETTAMENTE NEI CONFRONTI DELLA PERSONA CHE MINACCIA ATTENERSI ALLE DISPOSIZIONI IMPARTITE DA POLIZIA, CARABINIERI E OPERATORI ALL EMERGENZA INTERNI

11 EMERGENZA GENERALE ESTERNA PROCEDERE ALL EVACUAZIONE SEGUENDO LE ISTRUZIONI DEGLI ADDETTI; IN CASO DI NON-EVACUAZIONE PER EMERGENZA ESTERNA E PERICOLO ESTERNO NON ABBANDONARE IL PROPRIO POSTO DI LAVORO E NON AFFACCIARSI ALLE FINESTRE ATTENERSI ALLE DISPOSIZIONI DEGLI ADDETTI E DEGLI OPERATORI ESTERNI, POLIZIA, CARABINIERI

12 ALLAGAMENTO SE POSSIBILE TOGLIERE TENSIONE AL LOCALE VERIFICARE SE VI SONO CAUSE VISIBILI, PERDITE D ACQUA DA IMPIANTI O ALTRO INFORMARE IMMEDIATAMENTE IL CENTRALINO DARE INFORMAZIONI SULLA NATURA, SULL ESATTA UBICAZIONE E SOPRATTUTTO SULLA ENTITÀ DELLA PERDITA DI ACQUA O CARATTERISTICHE DELL INONDAZIONE, INDICANDONE SE IDENTIFICABILE.LA CAUSA INDICARE EVENTUALI RISCHI CHE STANNO PER COINVOLGERE VALORI, DOCUMENTI OD OGGETTI DELICATI IN MOSTRA INFORMARE ANCHE IL VOSTRO DIRETTO SUPERIORE, OFFRENDO LE STESSE INFORMAZIONI SE SI IDENTIFICA CON ESATTEZZA LA CAUSA DELLA PERDITA E SI RITENE DI POTERLA METTERE SOTTO CONTROLLO (AD ESEMPIO CHIUSURA DI UNA VALVOLA O VOLANTINO O SBLOCCO DI UNA CONDUTTURA INTASATA), INTERVENIRE, MA PROCEDENDO SEMPRE CON ESTREMA CAUTELA RESTATE A DISPOSIZIONE, SENZA INTRALCIARE, PER COLLABORARE ALL EVENTUALE ALLONTANAMENTO DI DOCUMENTI O DEGLI OGGETTI DELICATI COINVOLTI NELL ALLAGAMENTO COPRITE GLI OGGETTI PIÙ GRANDI CON FOGLI DI PLASTICA E SPOSTARE CON PRUDENZA OGGETTI PICCOLI, CHE L ACQUA POTREBBE DANNEGGIARE, PORTANDOLI FUORI DALL AREA A RISCHIO SALVO IN CASI CRITICI, NEL DUBBIO ASTENETEVI DALLO SPOSTARE DOCUMENTI OD OGGETTI DELICATI

13 ESPLOSIONI PREPARARSI A FRONTEGGIARE LA POSSIBILITÀ DI ULTERIORI ESPLOSIONI RIFUGIARSI SOTTO UN TAVOLO, SCEGLIENDO QUELLO CHE APPARE PIÙ ROBUSTO E CERCANDO DI ADDOSSARSI ALLE PARETI PERIMETRALI, PER EVITARE IL RISCHIO DI SPROFONDAMENTO DEL PAVIMENTO. SE POSSIBILE RIFUGIARSI IN UN SOTTOSCALA O NEL VANO DI UNA PORTA, CHE SI APRE IN UN MURO MAESTRO. STARE LONTANI DA FINESTRE, SPECCHI, VETRINE, LAMPADARI, SCAFFALI DI LIBRI, STRUMENTI, APPARATI ELETTRICI. STARE ATTENTI ALLA CADUTA DI OGGETTI. APRIRE LE PORTE CON MOLTA PRUDENZA E MUOVERSI CON ESTREMA CAUTELA, SAGGIANDO IL PAVIMENTO, LE SCALE ED I PIANEROTTOLI PRIMA DI AVVENTURARVISI SOPRA. SAGGIARE IL PAVIMENTO APPOGGIANDO SOPRA DAPPRIMA IL PIEDE CHE NON SOPPORTA IL PESO DEL CORPO, INDI AVANZARE. ATTENDERE LE ISTRUZIONI DA PARTE DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA. SE DICHIARATA L EVACUAZIONE, RECATESI IN UNO DEI PUNTI DI RACCOLTA NON SPOSTARE UNA PERSONA TRAUMATIZZATA DALL ESPLOSIONE, A MENO CHE NON SIA IN EVIDENTE IMMEDIATO PERICOLO DI VITA (CROLLO IMMINENTE, INCENDIO CHE SI STA AVVICINANDO ) NON USARE GLI ASCENSORI NON USARE ACCENDINI O FIAMMIFERI EVITARE DI USARE I TELEFONI, SALVO I CASI DI ESTREMA URGENZA NON CONTRIBUIRE A DIFFONDERE INFORMAZIONI NON VERIFICATE

14 PERDITA DI GAS PERCEPIBILE PROVVEDERE ALL IMMEDIATA INTERCETTAZIONE E CHIUSURA DELLE VALVOLE PRESENTI NELLE VICINANZE E CHIAMARE IMMEDIATAMENTE LA PORTINERIA / CENTRALINO PER SEGNALARE L INCONVENIENTE SE NON E POSSIBILE METTERE IN SICUREZZA IL LOCALE CHIUDENDO LE VALVOLE APRIRE LE FINESTRE ED EVACUARE IMMEDIATAMENTE IL LOCALE, PROVVEDENDO COMUNQUE AD AVVISARE LA PORTINERIA / CENTRALINO

15 TERREMOTO ALLE EVENTUALI PRIME SCOSSE TELLURICHE ANCHE DI LIEVE INTENSITA E NECESSARIO PORTARSI FUORI DALL EDIFICIO, ANCHE SENZA LA SEGNALAZIONE DA PARTE DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA UNA VOLTA FUORI DALLO STABILE, ALLONTANARSI DA QUESTO E DA ALTRI VICINI E PORTARSI IN AMPI PIAZZALI, LONTANO DA ALBERI AD ALTO FUSTO E LINEE ELETTRICHE NEL CASO LE SCOSSE FOSSERO SUBITO VIOLENTE, TANTO DA NON PERMETTERE L EVACUAZIONE DELLO STABILE, NON SOSTARE AL CENTRO DEGLI AMBIENTI E RAGGRUPPARSI VICINO ALLE PARETI OD IN AREE D ANGOLO CON MAGGIORE RESISTENZA PRESUNTA O SOTTO TAVOLI IN TUTTI E DUE I CASI: SEGUIRE LE DISPOSIZIONI DEGLI ADDETTI ANCHE TRAMITE INTERFONO, E DEGLI OPERATORI ESTERNI QUALI I VIGILI DEL FUOCO, POLIZIA, CARABINIERI

16 EMERGENZA AMBIENTALE: SVERSAMENTO, INQUINAMENTO IN CASO DI SVERSAMENTO ACCIDENTALE DI QUANTITA LIMITATE DI SOSTANZE PERICOLOSE NELLE AREE DI LAVORO SEGUIRE LE DISPOSIZIONI PRESENTI SULLE SCHEDE DI SICUREZZA DELLE SOSTANZE CHE DEVONOESSERE SEMPRE A DISPOSIZIONE DI COLORO CHE OPERANO NEI LABORATORI UTILIZZARE SEMPRE I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE NON METTERE MAI A RISCHIO LA PROPRIA INCOLUMITA ED EVENTUALMENTE HIUDERE LE AREE CONTAMINATE, AVVISANDO IMMEDIATAMENTE GLI OPERATORI DELLE ZONE VICINE AVVISARE SEMPRE LE PORTINERIE DELL ACCADUTO RESTARE A DISPOSIZIONE DEL RESPONSABILE ALL EEMRGENZA PER EVENTUALI INFORMAZIONI INERENTI LA/E SOSTANZE COINVOLTE ED IL LORO USO E LA NECESSITA EVENTUALE DI EVACUAZIONE IN ZONE AMPIE EVACUARE ORDINATAMENTE LE ZONE SE INDICATO DAGLI ADDETTI PRESTARE EVENTUALMENTE IL PRIMO SOCCORSO A PERSONE COLPITE DA MALORE E CHIAMARE GLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO DELLA ZONA COLLABORARE SE RICHIESTO CON GLI OPERATORI ESTERNI DI PRONTO INTERVENTO, VIGILI DEL FUOCO, ECC.

17 EMERGENZA DOVUTA AD AGGRESSIONE A DIPENDENTI RESTATE CALMI INFORMATE IMMEDIATAMENTE (SE POSSIBILE) LA PORTINERIA/ IL CENTRALINO TENERSI ALLA LARGA DALL AGGRESSORE, SPECIE SE BRANDISCE ARMI PROPRIE (PISTOLE, COLTELLI) OD IMPROPRIE (TAGLIACARTE E SIMILI OGGETTI ACUMINATI) CERCARE DI CALMARE L AGGRESSORE CON PAROLE ACCOMODANTI, SENZA METTERVI A DISCUTERE CON LUI E SOPRATTUTTO SENZA CONTESTARE LE SUE DICHIARAZIONI RASSICURARLO SUL FATTO CHE TUTTO SI PUÒ ACCOMODARE ED INFORMARLO CHE AVETE GIÀ AVVERTITO LA DIREZIONE, CHE STA INVIANDO QUALCUNO PER ESAMINARE LE SUE RAGIONI SE DEL CASO, AVVERTIRE DIRETTAMENTE, MA SENZA FARVI NOTARE, LE FORZE DELL ORDINE SPIEGARE LA NATURA DELL EMERGENZA E RAMMENTARE DI ARRIVARE SUL POSTO SPEGNENDO LA SIRENA, PER EVITARE GESTI INCONSULTI DA PARTE DELL AGGRESSORE NON CERCARE DI INTERVENIRE DIRETTAMENTE, PER EVITARE POSSIBILI PERICOLOSE REAZIONI, DI CUI POTREBBE RESTARE VITTIMA L AGGREDITO O L EVENTUALE OSTAGGIO CERCARE DI FAR PARLARE IN CONTINUAZIONE L AGGRESSORE, FINO ALL ARRIVO DELLE FORZE DELL ORDINE UN AGGRESSORE CHE PARLA, DI SOLITO, NON COMMETTE ATTI IRRIMEDIABILI.

18 EMERGENZA DOVUTA A RAPINA In caso di rapina, se all improvviso un arma da fuoco od un coltello vengono puntati contro di voi, cercate di mantenere la calma. Ricordatevi che i malviventi sono assoggettati ad una fortissima tensione e che bisogna ad ogni costo evitare che essi abbiano reazioni violente. COMPORTARSI COME SEGUE: SEGUIRE ALLA LETTERA LE LORO ISTRUZIONI, SENZA FRETTA MA NEPPURE CON TROPPA LENTEZZA. FARE TUTTO CIÒ CHE IL MALVIVENTE CHIEDE, MA NULLA DI PIÙ. UN ATTEGGIAMENTO DOCILE, MA NON ECCESSIVAMENTE COLLABORATIVO, È IL PIÙ APPROPRIATO ED È PROPRIO QUELLO CHE IL MALVIVENTE SI ASPETTA. SE PER CONSEGNARE IL DENARO CI SI DOVE SPOSTARE, CHIEDETE SEMPRE IL PERMESSO AL MALVIVENTE. SE IL MALVIVENTE MINACCIA, MA L ARMA NON È VISIBILE, PARTIRE SEMPRE DALL ASSUNTO CHE L ARMA CI SIA.E IL COMPORTAMENTO PIÙ RAGIONEVOLE E PRUDENTE. SE DURANTE LA RAPINA SQUILLA IL TELEFONO, NON RISPONDERE SENZA AVER PRIMA CHIESTO IL PERMESSO DEL MALVIVENTE MENTRE SI ESEGUONO LE ISTRUZIONI DEI MALVIVENTI, CERCARE DI MEMORIZZARNE I TRATTI CARATTERISTICI DELLA FISIONOMIA, DELL ABBIGLIAMENTO E, IMPORTANTISSIMA, L ALTEZZA, PER CONFRONTO CON RIFERIMENTI NOTI (UN QUADRO, UNA PIANTA). CERCARE ANCHE DI OSSERVARE LE ARMI IMPUGNATE E ASSAI RARO IL CASO CHE I MALVIVENTI SI ALLONTANINO CON UN OSTAGGIO, PERCHÉ UN OSTAGGIO RAPPRESENTA SEMPRE UN IMPACCIO. SE CAPITA, NON FARE RESISTENZA, MA ANZI CERCARE DI COMPORTARSI CON INERZIA, SINO ALLO SVENIMENTO, INTRALCIANDO ULTERIORMENTE LA FUGA NON OSTACOLARE I MALVIVENTI MENTRE SI ALLONTANANO, PER EVITARE RITORSIONI TELEFONARE SUBITO AL 113 O 112, COMUNICANDO IL NOME DELL INSEDIAMENTO, IL FATTO CHE SI È APPENA VERIFICATA UNA RAPINA E PARTICOLARI SULL AUTO USATA PER LA FUGA METTERSI A DISPOSIZIONE DELLE FORZE DELL ORDINE, OFFRENDO TUTTI I CHIARIMENTI CHE VERRANNO RICHIESTI ISOLARE LA ZONA OVE I MALVIVENTI HANNO AGITO, IN MODO DA SALVAGUARDARE EVENTUALI IMPRONTE DIGITALI

19 EMERGENZA DOVUTA AD ORDIGNO ORDINARE IL FERMO DELLE ATTIVITÀ IN MANIERA GRADUALE ATTIVARE LA SQUADRA ANTINCENDIO E LA SQUADRA DI EVACUAZIONE AVVERTE LE FORZE DI P.S. ACCOGLIERE LE FORZE DI PUBBLICA.SICUREZZA E CONDURLE FINO AL COMPLESSO FORNENDO LORO TUTTE LE INFORMAZIONI RICHIESTE O PLANIMETRIE. IMPEDIRE L ACCESSO AL COMPLESSO ORDINARE L EVACUAZIONE ACQUISENDO INFORMAZIONI CIRCA LA PRESENZA DI PERSONE DISABILI AVVERTIRE LA VIGILANZA SE PREVISTA AVVERTIRE IL PERSONALE DELLE IMPRESE ESTERNE. ORGANIZZARE LE EVENTUALI OPERAZIONI DI PRIMO SOCCORSO RAPPORTARSI CON GLI ENTI DI SOCCORSO ESTERNI FORNENDO TUTTE LE INFORMAZIONI NECESSARIE PER IL MIGLIORE ESPLETAMENTO DELLE OPERAZIONI ACCERTARSI CHE L EDIFICIO SIA STATO COMPLETAMENTE EVACUATO..

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico

Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico Comune di Ventimiglia Provincia di Imperia UFFICIO PROTEZIONE CIVILE D.G.R. n. 746 del 9 luglio 2007 Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico In occasione della dichiarazione

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione)

NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) NORME GENERALI DI EMERGENZA - IN CASO DI INCENDIO (contenute nel piano di evacuazione) FASE DI INDIVIDUAZIONE DI UN PERICOLO Chi si avvede dell incendio, nel limite del possibile ed in funzione delle proprie

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas)

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) ALLEGATO 4 NORME GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) DESTINATARIO: VISITATORI, PERSONALE

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Istituto di Istruzione Superiore Piero Sraffa PIANO DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE Documento redatto ai sensi dell art. 18, comma 1del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 coordinato al D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali.

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali. Progetto P.RI.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Novembre 2010 Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE Comune di Loano Prov. di Savona PROTEZIONE CIVILE NORME DI AUTOPROTEZIONE REDAZIONE: S.T.A. Progetti S.R.L Società di IngegneriaTerritorio Ambiente Corso Monte Grappa, 19/2 16137 Genova Tel. 010 25 18

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

Incendio presso la sede di Latinafiori

Incendio presso la sede di Latinafiori Pagina 1/5 CAMPO DI APPLICAZIONE Tutto il personale presente nella sede di Latinafiori, compresi visitatori, ditte esterne, collaboratori; Coordinatore della squadra di emergenza (o suo sostituto); Componenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza n u m e r i u t i l i Comune Santo Stefano di Magra Centralino 0187 697111 Polizia Municipale 0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione

Dettagli

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Volontari Senza Frontiere - Pescara 1 CONOSCERE I RISCHI DEL TERRITORIO IN CUI VIVIAMO TERREMOTI FRANE

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe)

MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) MODULO N 1 MODULO DI EVACUAZIONE (da tenere nel registro di classe) Scuola data CLASSE PIANO ALLIEVI PRESENTI n EVACUATI n DISPERSI FERITI n.b. segnalazione nominativa Annotazioni: FIRMA DEL DOCENTE MODULO

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio.

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio. Per Rischio Industriale si intende la possibilità che in seguito ad un incidente rilevante presso un insediamento industriale si sviluppi un incendio, un esplosione o una nube tossica, coinvolgente una

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Poggio Berni Santarcangelo di Romagna Torriana Verucchio PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE PARTE GENERALE DOCUMENTO Allegato 8: Norme comportamentali FILE RG_Allegato8_Norme

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

SICUREZZA contro gli INCENDI

SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI SICUREZZA contro gli INCENDI LA SICUREZZA CONTRO GLI INCENDI E LA SOMMA DEGLI ACCORGIMENTI DA ATTIVARE PERCHÈ IL FUOCO il fuoco non si verifichi il fuoco sia facilmente controllabile

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano Chi deve conoscere la sicurezza? Perché è importante essere informati? Personale Docente Personale A.T.A. Alunni Famiglie degli alunni Personale esterno Per non

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO.

PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO. PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO. OPUSCOLO N.03 AL RILIEVO DI UN INCENDIO VENGONO EMESSI SUONI MULTIPLI CONSEGUENTEMENTE I PRESENTI NEL PLESSO SCOLASTICO DEVONO: MANTENERE

Dettagli

Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione

Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Comune di Caldogno - Piano di Protezione Civile Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Dott. Stefano Guderzo Dicembre 2011 Prevenzione del rischio idraulico ATTIVITA STRUTTURALI

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

SCHEDA n. 7. Procedure di emergenza. 1. Premessa

SCHEDA n. 7. Procedure di emergenza. 1. Premessa SCHEDA n. 7 Procedure di emergenza 1. Premessa Come indicato nella specifica scheda, per ogni impianto sportivo deve essere elaborato a cura del Titolare un Piano di sicurezza. Occorre a tal fine valutare

Dettagli

P.Ri.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria. Report di ricerca. Dicembre 2010

P.Ri.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria. Report di ricerca. Dicembre 2010 P.Ri.S.M.A Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Report di ricerca Dicembre 2010 Gli italiani hanno vissuto in misura maggiore l alluvione mentre gli austriaci hanno avuto

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA Terremoti Un terremoto è un movimento oscillatorio del suolo causato da tre eventi consecutivi: 1. movimenti in particolari zone della crosta terrestre*

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

Ludoteca MAGICA LUNA Calenzano

Ludoteca MAGICA LUNA Calenzano Piano generale per fronteggiare le emergenze In osservanza di quanto previsto dall art. 5 del D.M. 10/03/1998 D.Lgs. 81/2008 Marzo 2012 Ludoteca MAGICA LUNA Calenzano Finalità : Circoscrivere e contenere

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO

ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO Per primo soccorso si intende l insieme di comportamenti, manovre e cure da effettuarsi nell immediatezza di un infortunio o di un malore improvviso

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE

TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE TARIFFE LOCAZIONE AULE FORMATIVE I.P.A. Ingegneria per l Ambiente AULA 1 ½ dalle 9.00 13.00 o dalle 14.00 18.00 INTERA dalle 9.00 13.00 e dalle 14.00 18.00 SERALE dalle 18.00 alle 22.00 AULA 2 ½ dalle

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Protezione Civile Cosa fare in caso di rischio: alluvione frane - neve o gelo nebbia. In caso di alluvione

Protezione Civile Cosa fare in caso di rischio: alluvione frane - neve o gelo nebbia. In caso di alluvione Protezione Civile Cosa fare in caso di rischio: alluvione frane - neve o gelo nebbia In caso di alluvione Ascolta la radio o guarda la televisione per apprendere eventuali avvisi di condizioni meteorologiche

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Scopo e campo di applicazione INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA La presente procedura ha lo scopo di informare tutto il personale interno ed esterno all Amministrazione nonché gli allievi, i genitori

Dettagli

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali I Comuni ticinesi, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione della Popolazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Illustrazione al Consiglio delle bambine e dei bambini Pescara, 20 dicembre 2006 CONOSCERE I RISCHI DEL

Dettagli

Prepariamoci, Sydney

Prepariamoci, Sydney Prepariamoci, Sydney Come prepararci per un emergenza nella City di Sydney. Informazioni essenziali per residenti, lavoratori e visitatori. 1 Formulare un piano d emergenza personale La presente guida

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA )

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA ) COMUNE di ROVITO ( prov. di COSENZA ) MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA ) COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA a) Se durante il terremoto si è in casa. COSA FARE? E necessario

Dettagli

QUESTIONARIO SICUREZZA

QUESTIONARIO SICUREZZA QUESTIONARIO SICUREZZA 1. Quale figura del D.Lgs. 81/08 ha l obbligo di osservare le misure generali per la sicurezza e la salute dei lavoratori? A. Il Datore di Lavoro B. Il lavoratore C. Il Rappresentante

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE

cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a FASI OPERATIVE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA O PROVA DI EVACUAZIONE cod edificio 00280 DII / DEI via Gradenigo 6/a Avvio

Dettagli

ESTRATTO DEL PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE DEL PALAZZO CITTANOVA

ESTRATTO DEL PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE DEL PALAZZO CITTANOVA ESTRATTO DEL PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE DEL PALAZZO CITTANOVA 1 CAPIENZA MASSIMA DELLE VARIE SALE AMBIENTE CONSIDERATO 1) Saletta al piano terra CAPACITA DI MASSIMO N MINIMO DEFLUSSO AFFOLLAMENTO

Dettagli

Comune di Stabio. Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Comune di Stabio. Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Comune di Stabio Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali Il Comune di Stabio, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde Protezione Civile Direzione Protezione Civile LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 COS E LA PROTEZIONE CIVILE? Il termine protezione

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE NORME DI COMPORTAMENTO Cos è la Protezione Civile? Con la Protezione Civile si intendono tutte le strutture e le

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI SIENA 1 STRUTTURA SEDE SEDE AMMINISTRATIVA VIA MASCAGNI 53,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS VIA GRAMSCI, 4 MASSA FISCAGLIA (FE) PIANO DI EMERGENZA ALUNNI E PERSONALE RELATIVAMENTE ALL'ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Classi: 2a 3a 4a 5a Alunni:

Dettagli

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza Comune di Lodrino Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale in Caso di emergenza informa zioni Comunali Il Comune di Lodrino, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE.

TUTTI SONO TENUTI A PRENDERE VISIONE DI TALI PLANIMETRIE. SICUREZZA 1 RACCOMANDAZIONI IN CASO D INFORTUNIO ALUNNI/E: 2 COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI: nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli