Claris Finance S.r.l.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Claris Finance S.r.l."

Transcript

1 Claris Finance S.r.l. Sede Legale Via Eleonora Duse Roma Codice Fiscale e iscrizione nel Registro delle Imprese di Roma al n Numero REA Capitale Sociale Euro interamente versato Società soggetta alla direzione e coordinamento di VENETO BANCA HOLDING s.c.p.a BILANCIO 2009

2 INDICE Composizione Organi Societari e Società di Revisione... 3 Relazione sulla gestione al 31 dicembre Nota Integrativa al 31 dicembre 2009 Stato Patrimoniale e Conto Economico Prospetto della Redditività Complessiva Intermediari Finanziari Prospetto delle variazioni dei conti di Patrimonio Netto Rendiconto finanziario Nota Integrativa Parte A- Politiche contabili Parte B- Informazioni sullo Stato Patrimoniale Parte C- Informazioni sul Conto Economico Parte D- Altre Informazioni

3 Composizione Organi Societari e Società di Revisione Amministratore Unico Gordon Edwin Charles Burrows Società di Revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. 3

4 RELAZIONE SULLA GESTIONE AL 31 DICEMBRE La società nel 2009 La Società, nel rispetto delle disposizioni statutarie e di quanto previsto dalla L. n. 130/99, ha come oggetto esclusivo la realizzazione di una o più operazioni di cartolarizzazione di crediti, mediante l acquisto a titolo oneroso di crediti pecuniari, sia esistenti che futuri, finanziato attraverso il ricorso all emissione di titoli di cui all articolo 1, comma 1, lettera b) L. n. 130/99. La Società è iscritta nell elenco generale degli intermediari finanziari di cui all art. 106 del decreto legislativo n. 385 del 1 settembre 1993 e sottoposta alla vigilanza della Banca d Italia. Pertanto come previsto dall art. 4 del decreto legislativo n. 38 del 28 febbraio 2005, il presente bilancio d esercizio, così come il bilancio d esercizio al 31 dicembre 2008, sono stati redatti applicando i principi contabili internazionali IAS/IFRS. La Società ha perfezionato in data 10 Luglio 2002 un operazione di cartolarizzazione che, ai sensi della Legge 130/99, rappresenta un patrimonio separato rispetto a quello della Società; pertanto la situazione patrimoniale ed economica dell operazione viene rappresentata e commentata nella parte D, sezione F della nota integrativa secondo quanto previsto dalle Istruzioni della Banca d Italia del 16 dicembre Il bilancio d esercizio al 31 dicembre 2009, come il bilancio d esercizio al 31 dicembre 2008, rileva un risultato in pareggio, a seguito del riaddebito dei costi di funzionamento netti al patrimonio separato. 2. Andamento del mercato di riferimento nel 2009 Dopo la crisi finanziaria internazionale avvenuta nel 2007 e proseguita per tutto il 2008, il mercato finanziario nel 2009 è stato caratterizzato da tassi eccezionalmente bassi sui titoli di stato e piuttosto elevati, rispetto agli ultimi anni, sui titoli corporate. Questa situazione è stata la conseguenza logica del clima di avversione al rischio che ha caratterizzato il 2008, quando la crisi bancaria ed economica ha portato gli investitori a rifugiarsi sui più sicuri titoli di stato, piuttosto che negli investimenti in titoli societari. Tuttavia, a livello annuale, il bilancio dell andamento dei mercati azionari è stato caratterizzato da rialzi significativi, in seguito anche all efficacia delle misure di sostegno al sistema finanziario 4

5 e all economia predisposte dai Governi e dalle Banche centrali, che hanno portato ad un progressivo miglioramento della congiuntura economica e ad un clima di maggior fiducia. 3. Fatti di rilievo del 2009 Per quanto riguarda la Società non si rilevano eventi di rilievo avvenuti nel corso dell anno Per quanto riguarda il patrimonio separato si segnala che nel corso del 2009 la Società ha rimborsato parte della quota capitale dei titoli in essere di classe A, B, C, per un importo complessivo pari ad Euro Il flusso di cassa per l anno 2009 concernente gli incassi intervenuti sui crediti cartolarizzati è stato pari ad Euro inclusi interessi e penali per estinzioni anticipate per Euro Highlights economico-finanziari Dicembre 2009 Dicembre 2008 Immobilizzazioni - - Capitale circolante netto Capitale netto investito Patrimonio netto Fondi - - Posizione Finanziaria Netta - - Totale a copertura capitale netto investito Margine di interesse 1 1 Commissioni attive - - Commissioni passive (78) (40) Risultato netto delle attività finanziarie al fair value - - Margine di intermediazione (77) (39) Rettifiche di valore su crediti - - Costi di gestione operativa (71.895) (67.359) Proventi di gestione operativa Risultato della gestione operativa 0 0 Imposte 0 0 Risultato netto 0 0 5

6 5. Fatti di rilievo verificatisi dopo la chiusura del periodo Non vi sono fatti di rilievo da segnalare, avvenuti dopo il 31 dicembre Evoluzione prevedibile della gestione Per quanto riguarda il patrimonio separato, nell esercizio 2010, continuerà l attività di gestione dei crediti in portafoglio. 7. La continuità aziendale Come richiesto dai principi contabili di riferimento, preliminarmente alla redazione del bilancio è stata effettuata una valutazione dell esistenza dei presupposti relativi alla capacità della società di continuare ad operare come un entità in funzionamento con un orizzonte temporale di almeno un periodo di dodici mesi dopo la data di riferimento del bilancio. Tale valutazione è stata effettuata avendo riguardo, in particolare, alla specificità dell attività svolta dalla società il cui oggetto esclusivo, nel rispetto della legge n.130 del 30 Aprile 1999, è la realizzazione di una o più operazioni di cartolarizzazione di crediti nonché ai limitati rischi e incertezze cui l attività stessa è soggetta. A seguito di tale valutazione preliminare, il bilancio chiuso al 31 dicembre 2009 è stato redatto nella prospettiva della continuazione dell attività in quanto non si è a conoscenza, allo stato attuale, di significative incertezze per eventi o condizioni che possano comportare l insorgere di dubbi sulla capacità dell entità di continuare a operare come un entità in funzionamento. 8. Altre informazioni A. Attività di ricerca e sviluppo In considerazione dell attività esercitata, non sono svolte attività di ricerca e sviluppo. B. Rapporti con imprese controllate, collegate, controllanti e imprese sottoposte al controllo di queste ultime La società è soggetta all attività di direzione e coordinamento di Veneto Banca Holding S.c.p.a. Nella seguente tabella si riportano i rapporti economico-finanziari concernenti la gestione societaria: 6

7 Totale bilancio Di cui Veneto Banca Holding S.c.p.a. Attivo 60) Crediti Passivo 90) altre passività (23.355) 0 Totale (11.919) Conto economico Costi 40) Commissioni passive Spese amministrative (78) (71.224) (78) 0 Totale (71.302) (78) Conto economico - Ricavi 10) interessi attivi 1 1 Totale (71.301) (77) Per quanto riguarda i rapporti con Veneto Banca Holding S.c.p.a. relativo al patrimonio separato si rimanda alla nota integrativa Sezione 4 Operazioni con parti correlate. C. Quote e/o azioni proprie e/o di società controllanti La Società non possiede né direttamente né indirettamente quote proprie e/o azioni della controllante né ha proceduto alla loro negoziazione nel corso del D. Gestione dei rischi Le informazioni di seguito indicate fanno riferimento alla gestione societaria, per quanto riguarda il patrimonio separato si rinvia a quanto indicato nella relativa sezione 3 della parte F. Rischio di liquidità Considerando gli esigui impegni finanziari derivanti dalla gestione ordinaria la Società ritiene di avere disponibilità liquide sufficienti a far fronte ai propri impegni. Rischio tasso di interesse La Società non ha attività e passività finanziarie che la espongano a significativi rischi di tasso. Rischio di cambio La Società è attiva solo a livello domestico e non risulta conseguentemente esposta a rischio di cambio. 7

8 Rischio di prezzo La Società non è esposta a rischi di prezzo significativi. Rischio di credito La Società vanta principalmente crediti verso il patrimonio separato relativi al riaddebito dei costi di gestione, date le caratteristiche del portafoglio di crediti e le previsioni di incasso non si ritiene esistano rischi relativi alla recuperabilità di tali crediti. E. Sedi secondarie La Società non dispone di sedi secondarie/altro. F. Direzione e coordinamento La Società è soggetta ad attività di direzione e coordinamento da parte di Veneto Banca Holding S.c.p.a. G. Altre informazioni Si segnala che la Società ha seguito l orientamento prevalente fondato sul provvedimento della Banca d Italia n del 29 marzo 2000, confermato dalla Circolare dell Agenzia delle Entrate 8/E del 6 febbraio 2003, avente come oggetto il trattamento fiscale del patrimonio separato delle Società costituite per la cartolarizzazione dei crediti, secondo la quale i risultati economici derivanti dalla gestione del patrimonio cartolarizzato, nel corso della realizzazione delle operazioni in esame, non rientrano nella disponibilità della società e di conseguenza rimanendo quest ultima estranea ad essi, viene esclusa l imponibilità in capo alla società stessa di eventuali spread. Tale assunto risulta in linea con quanto disposto dalla Banca d Italia nel citato provvedimento del 29 marzo 2000 in base al quale il conto economico della SPV non risulta influenzato dai flussi attivi e passivi afferenti ai crediti collegati al patrimonio cartolarizzato, sia per la quota capitale che per gli interessi attivi, né dalle spese sostenute dalla società per la gestione di ciascuna operazione. Rimane fermo il concetto che le eventuali disponibilità finanziarie che residuino una volta soddisfatti tutti i creditori del patrimonio separato e di cui la società risulti destinataria dovranno essere attratte a tassazione in quanto rientreranno nella disponibilità giuridica della stessa e quindi concorreranno a formare il suo reddito imponibile. 8

9 Si segnala inoltre che nell attivo del patrimonio separato sono iscritti crediti relativi alle ritenute d acconto subite dalla società veicolo sugli interessi corrisposti sul conto corrente bancario. Tenuto conto di quanto disposto dal paragrafo precedente e del fatto che, come riportato dalla Risoluzione dell Agenzia delle Entrate n. 222/E del 5 dicembre 2003 le suddette ritenute potranno essere scomputate solo nel periodo di imposta nel quale gli interessi derivanti dai conti correnti bancari concorreranno a formare il reddito complessivo della società veicolo, a fronte dei crediti d imposta sopracitati continua ad essere mantenuto a titolo prudenziale un accantonamento al fondo rischi ed oneri per l intero ammontare dei suddetti crediti. La Società ha predisposto nel corso dell anno 2005 il Documento Programmatico sulla Sicurezza conformemente all allegato B Disciplinare Tecnico in materia di misure minime di sicurezza del D.Lgs. 196/2003, che non ha subito modificazioni successivamente alla predetta data. Roma, 15 marzo 2010 Claris Finance s.r.l L Amministratore Unico (Gordon Edwin Charles Burrows) 9

10 Stato Patrimoniale Attivo Valori in Euro Voci dell'attivo Crediti Attività fiscali a) correnti b) anticipate Altre attività TOTALE ATTIVO Stato Patrimoniale Passivo Valori in Euro Voci del passivo e del patrimonio netto Passività fiscali a) correnti Altre passività Capitale Riserve Riserve da valutazione (778) (778) 180. Utile (Perdite) d'esercizio - - TOTALE PASSIVO E PATRIMONIO NETTO

11 Conto Economico Valori in Euro Voci Interessi attivi e proventi assimilati Interessi passivi e oneri assimilati - - MARGINE DI INTERESSE Commissioni passive (78) (40) COMMISSIONI NETTE (78) (40) MARGINE DI INTERMEDIAZIONE (77) (39) 110 Spese amministrative a) spese per il personale (10.567) (10.000) b) altre spese amministrative (60.658) (56.506) 160 Altri proventi e oneri di gestione RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA UTILE (PERDITA) DELL'ATTIVITA' CORRENTE AL LORDO DELLE IMPOSTE - - Imposta sul reddito dell'esercizio dell'operatività corrente - - UTILE (PERDITA) DELL'ATTIVITA' CORRENTE AL NETTO DELLE IMPOSTE - - UTILE (PERDITA) D'ESERCIZIO

12 Prospetto delle redditività complessiva intermediari finanziari 31 dicembre 2009 Valori in Euro 31 dicembre Utile (perdita) d'esercizio - - Altre componenti reddituali al netto delle imposte Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività materiali Attività immateriali Copertura di investimenti esteri Copertura dei flussi finanziari Differenze di cambio Attività non correnti in via di dismissione Utili (Perdite) attuariali su piano a benefici definiti Quota delle riserve da valutazione delle partecipazioni valutate a patrimonio netto Totale altre componenti reddituali al netto delle imposte Redditività complessiva (voce )

13 13

14 14

15 NOTA INTEGRATIVA PREMESSA La Società ha redatto il bilancio al 31 dicembre 2009 in conformità con gli International Financial Reporting Standards (IFRS) e alle relative interpretazioni dell International Accounting Standards Board (IASB), adottati dal Legislatore con D.lgs. n. 38 del 28 febbraio 2005 in seguito all emanazione del Regolamento (CE) n. 1606/2002 e nel rispetto delle istruzioni di cui al provvedimento della Banca d Italia del 16 dicembre 2009 (Istruzioni per la redazione del bilancio degli Intermediari finanziari iscritti nell Elenco speciale, degli Istituti di moneta elettronica, delle Società di gestione del risparmio e delle Società di intermediazione mobiliare). I principi IAS/IFRS e le connesse interpretazioni (SIC/IFRIC) applicati sono quelli omologati dall Unione Europea e in vigore al momento dell approvazione del presente bilancio. La rilevazione delle attività e passività finanziarie nella nota integrativa, come richiesto dalle Istruzioni di Banca d Italia per le società che svolgono attività di cartolarizzazione e dalla Legge 130/99, risponde all esigenza di Banca d Italia di evidenziare la separatezza del patrimonio dell operazione di cartolarizzazione con i beni della società. PARTE A POLITICHE CONTABILI A.1 PARTE GENERALE Sezione 1 - Dichiarazione di conformità ai principi contabili internazionali Il bilancio chiuso al 31 dicembre 2009 è stato redatto in conformità con gli International Financial Reporting Standards (IFRS) e alle relative interpretazioni dell International Accounting Standards Board (IASB), adottati dal Legislatore con D.lgs. n. 38 del 28 febbraio 2005 in seguito all emanazione del Regolamento (CE) n. 1606/2002 e nel rispetto delle istruzioni di vigilanza di cui al provvedimento della Banca d Italia del 16 dicembre 2009 (Istruzioni per la redazione del bilancio degli Intermediari finanziari iscritti nell Elenco speciale, degli Istituti di moneta elettronica, delle Società di gestione del risparmio e delle Società di intermediazione mobiliare). Sezione 2 Principi generali di redazione 15

16 La società ha applicato ai sensi di legge per la prima volta i principi contabili internazionali IAS/IFRS (di seguito anche "principi IAS/IFRS") per la redazione del bilancio al 31/12/2006 in quanto previsto come obbligatorio per le società iscritte all'elenco speciale di cui all'art. 107 del TUB, ed ha continuato ad applicare i suddetti principi anche per la redazione del presente bilancio, nonostante l'avvenuta cancellazione dall'elenco di cui all'articolo 107 del TUB a seguito della comunicazione ricevuta da Banca d'italia il 13 Ottobre 2009, in quanto emittente di titoli quotati presso mercati regolamentati e come tale tenuta a redigere il proprio bilancio secondo quanto disposto dall'articolo 2 e dall'articolo 4 del D.Lgs 38/2005. Si evidenzia infine che la società fa parte del Gruppo Veneto Banca che redige il bilancio consolidato secondo i principi contabili IAS/IFRS. Il bilancio è redatto con l intento di presentare la veritiera e corretta situazione patrimoniale, finanziaria, il risultato economico del periodo e i flussi finanziari. Il bilancio è stato redatto nella prospettiva della continuazione della attività (IAS 1 par. 23), nel rispetto del principio della competenza economica (IAS 1 par. 25 e 26) e nel rispetto della coerenza di presentazione e classificazione delle voci di bilancio (IAS 1 par. 27). Le attività e le passività, i proventi ed i costi non sono stati soggetti a compensazione se non richiesto o consentito da un principio o da un interpretazione (IAS 1 par. 32). Il bilancio è costituito dai prospetti contabili obbligatori previsti dallo IAS 1 cioè Stato Patrimoniale, Conto Economico, Prospetto delle variazioni del patrimonio netto, Rendiconto finanziario e dalla presente Nota integrativa. Per ogni conto dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico è indicato l importo dell esercizio precedente. Il bilancio è redatto utilizzando l euro come moneta di conto; gli importi del presente bilancio, se non diversamente specificato, sono esposti in unità di euro. Il presente bilancio è corredato dalla relazione sulla gestione. Le informazioni contabili ed i dati di carattere qualitativo e quantitativo relativi all operazione di cartolarizzazione vengono evidenziati in un apposito Allegato alla nota integrativa: Prospetto riassuntivo delle attività cartolarizzate e dei titoli emessi. Il presente bilancio è sottoposto a revisione volontaria da parte della PricewaterhouseCoopers S.p.A. 16

17 Modifiche ai principi contabili IAS/IFRS Le principali modifiche ai principi contabili, approvati dallo IASB ed omologati dalla Commissione Europea, che risultano attinenti alle fattispecie applicabili alla Banca ai fini della redazione del presente bilancio e la cui applicazione è obbligatoria per l esercizio 2009, sono relative allo IAS 1 rivisto Presentazione del bilancio (omologato con Reg. CE n del 17 dicembre 2008). La revisione dello IAS 1, applicabile a partire dal 1 gennaio 2009, richiede che il Prospetto delle variazioni di patrimonio netto fornisca evidenza delle sole transazioni intervenute con i soci. E stato pertanto introdotto un nuovo schema denominato Prospetto della redditività complessiva dove riportare i costi ed i ricavi riconosciuti direttamente a patrimonio netto; in altri termini, trattasi delle variazioni di patrimonio non imputabili a transazioni con soci. In particolare, lo IAS 1 prevede che tutti i costi e i ricavi, inclusi quelli iscritti direttamente a patrimonio netto, possano essere presentati in un unico prospetto sintetico o in due prospetti separati. La società ha optato per la presentazione di due prospetti separati, in linea con quanto dettato da Banca d Italia con il primo aggiornamento del 16/12/2009 del Regolamento ex 14/02/2006 Istruzioni per la compilazione dei bilanci degli Intermediari Finanziari iscritti nell Elenco Speciale degli Istituti di moneta elettronica (IMEL), delle Società di gestione del risparmio (SGR) e delle Società di intermediazione mobiliare (SIM). Il prospetto della redditività complessiva riporta pertanto l utile (perdita) d esercizio risultante dallo schema di conto economico e le Altre componenti reddituali, pari alle variazioni di valore delle attività registrate nell esercizio in contropartita delle riserve da valutazione (al netto delle imposte). Il prospetto della redditività complessiva riporta pertanto l utile (perdita) d esercizio risultante dallo schema di conto economico e le eventuali Altre componenti reddituali, pari alle variazioni di valore delle attività registrate nell esercizio in contropartita delle riserve da valutazione (al netto delle imposte). IFRS 8 La società, in quanto emittente di titoli quotati in mercati regolamentati, è tenuta a fornire l informativa di settore secondo quanto previsto dall IFRS 8 Settori Operativi, entrato in vigore a partire dall esercizio

18 L IFRS 8 stabilisce che i segmenti operativi oggetto d informativa di bilancio devono essere individuati sulla base della reportistica interna, che viene visionata dalla Direzione Aziendale al fine di valutare la performance dei diversi settori e di allocare le risorse tra i medesimi. Al riguardo si omette l informativa prevista dall IFRS 8 in quanto ogni ripartizione per settori non risulterebbe significativa data la natura della società. Sezione 3 Eventi successivi alla data di riferimento del bilancio Tra il 31 dicembre 2009 e la data di predisposizione del presente bilancio non si sono verificati eventi tali da incidere in misura apprezzabile sull operatività e sui risultati economici della società. A.2 PARTE RELATIVA AI PRINCIPALI AGGREGATI DI BILANCIO Di seguito sono descritti i principi contabili che sono stati adottati per la redazione del bilancio d esercizio al 31 dicembre 2009 con riferimento alle sole voci patrimoniali ed economiche presenti negli schemi. Per ogni voce sono stati riportati i criteri d iscrizione, i criteri di classificazione, i criteri di valutazione e i criteri di cancellazione. CREDITI Criteri di iscrizione I crediti sono iscritti alla data di erogazione, ovvero quando la società diviene parte nelle clausole contrattuali e, come conseguenza, ha un diritto legale a ricevere flussi finanziari. L iscrizione iniziale avviene al fair value di norma corrispondente all ammontare erogato o al prezzo pagato. Criteri di classificazione Sono inclusi in questa voce i crediti verso banche derivanti dalle disponibilità di liquidità della Società e i crediti classificati nella voce Altre attività quali i crediti nei confronti dell erario o derivanti dal ribaltamento all operazione di cartolarizzazione dei costi della gestione ordinaria. Criteri di valutazione 18

19 Successivamente all iscrizione iniziale i crediti verso banche sono valutati al loro valore di origine. Per quanto riguarda gli altri crediti ad ogni data di chiusura si procede a verificare l esistenza di obiettive evidenze di impairment. Criteri di cancellazione I crediti sono cancellati quando l attività in esame viene ceduta, trasferendo sostanzialmente tutti i rischi e i benefici connessi, quando scadono i diritti contrattuali o quando il credito è considerato definitivamente irrecuperabile. DEBITI Criteri di iscrizione I debiti sono iscritti alla data di incasso ovvero quando la società diviene parte nelle clausole contrattuali e, come conseguenza, ha un obbligo legale a corrispondere flussi finanziari. L iscrizione iniziale dei debiti avviene al fair value di norma corrispondente valore pagato. Criteri di classificazione Sono inclusi in questa voce i debiti verso erario o verso fornitori. Criteri di valutazione Trattandosi di passività a breve termine per le quali il fattore temporale è trascurabile sono valutate al loro valore originale. Criteri di cancellazione I debiti sono cancellati quando le passività sono scadute o estinte. FISCALITA DIFFERITA E CORRENTE Criteri di iscrizione L iscrizione della fiscalità avviene al momento in cui sono accertabili i diversi tipi di ritenute e d imposta. Criteri di classificazione 19

20 Figurano in questa voce le attività e le passività fiscali correnti e differite. Criteri di valutazione L iscrizione delle attività e delle passività fiscali correnti e differite sono presentate senza alcuna compensazione. L iscrizione delle attività fiscali correnti avviene iscrivendo il valore nominale dei crediti relativi agli acconti d imposta versati. Le passività fiscali correnti vengono anch esse iscritte al valore nominale per le ritenute operate, mentre le imposte dell esercizio sono determinate sulla base di una realistica previsione degli oneri d imposta da assolvere in applicazione della vigente normativa fiscale. Le imposte differite passive sono calcolate indipendentemente dalla situazione fiscale di perdita presente o prospettica; l iscrizione delle imposte differite attive è subordinata alla ragionevole aspettativa della loro recuperabilità. COSTI E RICAVI I costi sono rilevati in conto economico nel momento in cui ha luogo un decremento dei benefici economici futuri che comporta una diminuzione di attività o un incremento di passività il cui valore è determinato attendibilmente. I costi sono rilevati in conto economico secondo il criterio della diretta associazione tra i costi sostenuti e il conseguimento di specifiche voci di ricavo (correlazione costi e ricavi). Tutti i costi relativi ai processi di securitisation sono riaddebitati direttamente all operazione di cartolarizzazione. I ricavi sono rilevati in conto economico nel momento in cui ha luogo un incremento di benefici economici futuri comportante un incremento di attività o un decremento di passività che può essere determinato attendibilmente. Ciò significa che la rilevazione di un ricavo si verifica simultaneamente alla rilevazione di incrementi di attività o decrementi di passività. La voce principale di ricavo nel bilancio della Società deriva dal riaddebito dei costi relativi al processo di securitisation di cui in precedenza. PARTE B INFORMAZIONI SULLO STATO PATRIMONIALE 20

21 ATTIVO Sezione 6 Crediti 6.1 Crediti verso banche Composizione Variazioni 1. Depositi e conti correnti Finanziamenti Pronti contro termine Leasing finanziario 2.3 Factoring pro-soluto pro-solvendo Altri finanziamenti Titoli di debito titoli strutturati altri titoli di debito Altre attività Totale valore di bilancio Totale fair value Sezione 12 Attività fiscali e passività fiscali 12.1 Attività fiscali correnti e anticipate Le attività fiscali risultano composte dalle voci dettagliate nella seguente tabella. Composizione Variazioni Credito da modello Unico a rimborso Credito da modello Unico per Irap Crediti per imposte diverse Totale valore di bilancio Sezione 14 Altre attività 21

22 14.1 Composizione della voce 140 Altre attività Le altre attività risultano composte dalle voci, con scadenza a vista, dettagliate nella seguente tabella. Composizione Variazioni Crediti verso patrimonio separato (10.100) Crediti diversi (9.600) Risconti attivi Totale valore di bilancio (9.764) Il conto Crediti verso patrimonio separato rappresenta il credito relativo al riaddebito dei costi necessari per preservare l esistenza della Società, al patrimonio separato (attività cartolarizzate). Tale credito è espresso al netto del debito verso il patrimonio separato, che si riferisce a fatture relative alla gestione societaria i quali pagamenti sono stati effettuati utilizzando le disponibilità del patrimonio separato. Il conto Risconti attivi si riferisce a pagamenti a fronte di costi di competenza dell esercizio successivo. PASSIVO Sezione 9 Altre passività 9.1 Composizione della voce 90 Altre passività La voce risulta così composta dalle voci dettagliate nella seguente tabella: Composizione Variazioni Debiti verso fornitori per fatture da ricevere Debiti verso fornitori per fatture ricevute Debiti verso Amministratore per conguaglio IRPEF (988) Totale valore di bilancio

23 I debiti verso fornitori per fatture ricevute evidenziano i debiti maturati nell anno a fronte di prestazioni ricevute o da ricevere. I debiti per fatture da ricevere sono rappresentati dagli accantonamenti effettuati al 31 dicembre 2009 relativamente ai costi di competenza dell esercizio per i quali le fatture non sono ancora pervenute alla data di chiusura del bilancio. Sezione 12 Patrimonio Il patrimonio netto è costituito esclusivamente dal capitale sociale Composizione della voce 120 Capitale Il capitale sociale al 31 dicembre 2009 ammonta ad Euro , interamente versato, diviso in quote del valore nominale di Euro 10 ciascuna. Esso è detenuto come segue: Euro, pari al 70%, da VENETO BANCA HOLDING S.C.P.A. con sede in Montebelluna (TV), piazza G.B. Dall Armi, n.1; Euro, pari al 30%, dalla fondazione STICHTING SOLARI con sede in Amsterdam (Olanda), 1076 AZ Locatellikade Altre informazioni Di seguito, si riportano le voci di patrimonio netto, secondo quanto previsto dall art.2427, comma 7 bis, del codice civile. Composizione della voce Riserve Legale Utili portati a nuovo Perdite portate a nuovo Totale A. Esistenze iniziali B. Aumenti B.1 Attribuzioni di utili B.2 Altre variazioni C. Diminuzioni C.1 Utilizzi - copertura perdite distribuzione trasferimento a capitale

24 D. Rimanenze finali Composizione della voce Riserve da valutazione Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività materiali Attività immateriali Copertura dei flussi finanziari Leggi speciali di rivalutazione Altre Totale A. Esistenze iniziali (778) - (778) B. Aumenti B.1 Variazioni positive di fair value B.2 Altre variazioni C. Diminuzioni C.1 Variazioni negative di fair value C.2 Altre variazioni D. Rimanenze finali (778) - (778) PARTE C INFORMAZIONI SUL CONTO ECONOMICO Sezione 1 Interessi 1.1 Composizione della voce 10 interessi attivi e proventi assimilati Voci/Forme tecniche Altro Totale 2009 Totale Attività finanziarie detenute per la negoziazione Attività finanziarie al fair value Attività finanziarie disponibili per la vendita Attività finanziarie detenute sino alla scadenza Crediti 5.1 Crediti verso banche - per leasing finanziario per factoring per garanzie ed impegni per altri crediti

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti

Finance Law Alert. Le modifiche apportate dal decreto legge Destinazione Italia alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti Finance Law Alert GENNAIO 14 Le modifiche apportate dal decreto legge "Destinazione Italia" alla legge sulla cartolarizzazione dei crediti In data 23 dicembre 2013, è stato pubblicato in G.U. n. 300 il

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Informativa al Pubblico

Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2008 Informativa al Pubblico Situazione al 30 giugno 2009 Pillar 3 1 Pillar 3 Banca Monte dei Paschi di Siena SpA Capitale Sociale 4.486.786.372,26 interamente versato Iscritta

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli