MINISTERO DELL INTERNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELL INTERNO"

Transcript

1 MINISTERO DELL INTERNO Sistema di raccolta di informazioni, analisi e relativo monitoraggio finalizzato al coordinamento delle attività di contrasto all immigrazione clandestina attraverso il (SATM) CAPITOLATO TECNICO 1

2 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO PROFILO DEL PROGETTO LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE, OPERATIVE ED INFORMATIVE COINVOLTE OGGETTO DELLA FORNITURA PROGETTO DEL SISTEMA INFORMATIVO (Piano, Modalita, Monitoraggio e Progetto Esecutivo) PIANO DI MASSIMA DEL PROGETTO MODALITÀ DI REALIZZAZIONE DEL SISTEMA SATM ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO E PERSONALE IMPIEGATO INSTALLAZIONE RISORSE STRUMENTALI MONITORAGGIO PROGETTO ESECUTIVO DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATIVO ESIGENZE FINALITA E VINCOLI CARATTERISTICHE GENERALI E TECNICHE a) Servizi informatici e telematici...27 b) Procedure di gestione delle basi informative c) Requisiti tecnici generali d) Gestione Malfunzionamenti e) Interfaccia Utente f) Caratteristiche dei Servizi informatici g) Requisiti minimi strumentali h) Configurazione Ambienti e fruibilità dei Servizi Modulo di cooperazione col Sistema Antimmigrazione - SIA SHIP REGISTER Modulo di connessione al LLOYD s REGISTER FAIRPLAY Modulo di connessione a SafeSeaNet Modulo per l upload di file dall ambiente SIRENAC Modulo di gestione delle attività operative Modulo gestione documentale Modulo di acquisizione dati da Sistema satellitare Gestione ed Integrazione delle rappresentazioni Requisiti utente per i servizi informatici di supporto Software applicativo e package software: ) Ambiente Operativo ) Infrastruttura ICT (sistema centrale e sottosistemi periferici) d) Ambiente e strumenti di sviluppo e di gestione f) Impianti elettrici e di rete

3 Standard tecnici di riferimento Documento Programmatico della Sicurezza SERVIZI DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL SW...49 Sviluppo della soluzione Piano di qualità COLLAUDO ED ACCETTAZIONE FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO SERVIZI - GARANZIA e ASSISTENZA DOCUMENTAZIONE REQUISITI DI CONFORMITA E CONDIZIONI GENERALI ASPETTI RELATIVI AL DISCIPLINARE DELLE FORNITURE...64 Adeguamento tecnico e tecnologico Il monitoraggio del contratto Modalità operative PRESENTAZIONE OFFERTA TECNICA ED ECONOMICA Offerta Tecnica Offerta Economica CRITERI ED INDICI DI VALUTAZIONE...69 Valutazione economica

4 1. INTRODUZIONE Scenario operativo Nell attuale situazione geopolitica, in cui la minaccia è rappresentata sempre più spesso da organizzazioni criminali e terroristiche che operano sul mare, è particolarmente avvertita l esigenza di proteggere le infrastrutture costiere nazionali, determinando, più in generale, garanzie di tutela della sicurezza dello Stato. Il Sistema di raccolta di informazioni, analisi e relativo monitoraggio finalizzato al nasce, in tale contesto, con l obiettivo di realizzare un cruscotto operativo che consenta di svolgere una estesa attività di analisi delle fonti informative riferite al traffico marittimo nel Mar Mediterraneo, finalizzata al coordinamento delle attività, alla prevenzione e, in definitiva, al contrasto delle attività illecite a tutela della sicurezza dei porti nazionali. Il sistema risponde all esigenza di accelerare il processo conoscitivo dei fenomeni illeciti potenzialmente in grado di pregiudicare la sicurezza dei porti e, più in generale, del Paese, realizzandone la percezione e la comprensione in epoca antecedente al possibile interessamento delle acque e del territorio nazionale. L esperienza maturata dimostra, infatti, che un efficace attività di contrasto è possibile solo laddove l evento non sia subito nella sua piena fase attuativa ma compreso nel suo più immediato realizzarsi. Esso, pertanto, mira a costituire un supporto intelligente, potenzialmente in grado di leggere quanto avviene nel Mar Mediterraneo, attraverso la rilevazione dei movimenti dei natanti nelle aree geografiche di interesse e al costante monitoraggio geo-referenziato della loro posizione, arricchita ed integrata da una serie di informazioni, strutturate e non, in grado di completarne il quadro descrittivo. Contesto di riferimento La Direzione Centrale dell Immigrazione e della Polizia delle Frontiere del Ministero dell Interno è dotata di un sistema informativo per la gestione ed il coordinamento delle attività di contrasto del fenomeno dell immigrazione clandestina via mare. Tale sistema, denominato Sistema integrato informativo di raccolta, elaborazione e distribuzione dei dati riguardanti il contrasto dell immigrazione clandestina via mare - SIA, realizza la cooperazione applicativa con i sistemi di comando e controllo degli Enti coinvolti nelle attività operative per il contrasto dell immigrazione clandestina in mare e fornisce gli strumenti necessari alla raccolta, all elaborazione, alla distribuzione ed all analisi dei dati riguardanti il contrasto del fenomeno presenti inviati dai sistemi integrati. IL SIA si compone di un sistema di elaborazione centrale per l analisi, aggregazione e ridistribuzione delle informazioni e di Sistemi Periferici di raccolta, filtraggio e conversione a formato standard XML delle informazioni, dislocati presso il Comando in Capo della Squadra Navale, presso il Comando Generale della Guardia di Finanza e presso il Comando Generale delle Capitanerie di Porto e le Direzioni Marittime 4

5 dell Italia meridionale, in grado di filtrare automaticamente e/o manualmente le informazioni prodotte dai sistemi di scoperta e di Comando e Controllo. I dati estratti dai sistemi di scoperta e dai sistemi di Comando e Controllo, sono trasmessi al centro di elaborazione dove vengono elaborati e messi a disposizione degli Enti, in maniera selettiva sulla base delle rispettive competenze, secondo quanto previsto nel documento Requisito Operativo per il Sistema Antimmigrazione clandestina in mare. Il sistema SIA, orientato al monitoraggio ed al coordinamento del fenomeno dell immigrazione clandestina via mare, non gestisce informazioni potenzialmente di rilievo per l individuazione dei traffici illeciti in mare né gli strumenti necessari per eventuali attività di approfondimento investigativo.. 5

6 2. DEFINIZIONI, ABBREVIAZIONI E CONVENZIONI GENERALI SIA BARI Sistema Informativo Antimmigrazione in BARI ICT Information & Communication Tecnology TLC Telecomunicazioni C4I Comando, controllo, comunicazione computer Intelligence VTS Vessel traffic System AIS - Automatic Identification System DMZ - Demilitarized zone XML extensible Markup Language WEB SERVICES Modello di interscambio dati e cooperazione applicativa multipiattaforma VPN RI Virtual Private Network Rete Immigrazione PUSH modalità di scambio dati in cui la sorgente impone i contenuti informativi. PULL - modalità di scambio dati in cui il destinatario ricerca attivamente le informazioni ATO Accordo Tecnico Operativo PRDI Rete Interpolizie (Ponte Radio Digitale Interforze) I-TLC Infrastruttura TLC CC-CP/CR- Comandi Provinciali/Regionali dell Arma dei Carabinieri. PRDI - PdiS Rete Interpolizie quota porte Polizia di Stato; PRDI CC - Rete Interpolizie quota porte Arma dei Carabinieri PRDI GdF - Rete Interpolizie quota porte Guardia di Finanza. T.D. Trasmissione dati DCIF/S.O. Sala Operativa D.C.I.F. P.E.C. Posta Elettronica Certificata DSS Decision Support System E.S. Expert System DCIF - Direzione Centrale dell Immigrazione e della Polizia delle Frontiere CINCNAV e MARISAT - La Marina Militare MARICOGECAP - Il Comando Generale delle Capitanerie di Porto e Guardia Costiera COGEGUARF - Il Comando Generale della Guardia di Finanza COGECC - Il Comando Generale dei Carabinieri PREF-REG - Le Prefetture presso le Provincie capoluogo di Regione QUE - Le Questure CP-CC - I Comandi Provinciali dell Arma dei Carabinieri VMS Vessel Monitorino System SSN Safe Sea Net 6

7 3. RIFERIMENTI NORMATIVI L infrastruttura da realizzare è stata disegnata sulla base dei seguenti documenti che costituiscono i riferimenti del presente capitolato: a. Decreto legislativo 25 luglio 1998, n 286; b. Legge 30 luglio 2002 n 189; c. Decreto Interministeriale 14 luglio 2003; d. Decreto Legislativo n.196/2003; e. Decreto di costituzione del gruppo di lavoro per la redazione del capitolato tecnico del sistema di analisi del traffico marittimo nel Mediterraneo allargato (prot. n. 400/A/2008/4999/P/ del 23/12/2008); 7

8 4. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO 4.1 PROFILO DEL PROGETTO Il Sistema di Analisi del Traffico Marittimo (SATM) descritto nel presente capitolato tecnico ha l obiettivo di definire i requisiti e le caratteristiche progettuali, funzionali e tecnologiche di un efficace strumento di sorveglianza e di analisi delle informazioni nel Mediterraneo allargato, sfruttando tutti i sistemi già disponibili e prevedendo sinergie per i futuri sviluppi, in modo da ottimizzare le capacità complessive e limitare sprechi e duplicazioni. Per ottenere un tale dispositivo di condivisione delle risorse, tenendo conto che alcuni sistemi e sensori da integrare sono ancora in fase di sviluppo o definizione e che nel corso del suo impiego il SATM dovrà essere in grado di integrare sistemi di generazioni sempre più evolute, si ritiene fondamentale indirizzare le risorse disponibili affinché il Sistema in parola venga sviluppato impiegando un architettura aperta e tecnologie allo stato dell arte, in modo da poter implementare nuovi processi senza modificare in modo significativo quanto precedentemente realizzato, nonché basando l intera soluzione su un architettura orientata ai servizi (SOA). Il sistema di analisi è strutturalmente connesso al SIA - Sistema Integrato Antimmigrazione, di cui costituisce un importante estensione non essendo circoscritto solo a tale evento ma ad ogni possibile fenomeno che, in termini di obiettivi, di metodologia e di portata, possa consentire un monitoraggio intelligente dell intera area del Mediterraneo e non solo del Canale di Sicilia Il progetto prevede la fornitura di apparecchiature e servizi per lo sviluppo (progettazione e realizzazione), l istallazione, l avvio operativo, l esercizio, l assistenza tecnica e la manutenzione in garanzia di un sistema Informatico idoneo raccolta delle informazioni e alla analisi del traffico marittimo nell area del Mediterraneo allargato. La sua architettura poggia su due distinti database: uno ship register, all interno del quale vengono acquisiti, prevalentemente da sistemi esterni, informazioni e dati, sia statici che dinamici, riferiti ai natanti in transito nel Mediterraneo, e un gestore documentale, in grado di acquisire sia documenti in formato cartaceo (anche pregressi) che, previa implementazione di uno specifico applicativo, in formato elettronico. Lo ship register è la base informativa dell intero sistema e la natura dei dati ivi allocati consente di realizzare tanto una gestione operativa di un determinato evento, quanto la sua storicizzazione, necessaria per un attività di analisi da attuare sulla base di dati consolidati. L archivio è alimentato dai seguenti sistemi: - alimentazione indiretta (tramite SIA) 8

9 VMS, VTS, per il Controllo del Traffico Marittimo e per le Emergenze in Mare, realizzato per il controllo del traffico mercantile nelle acque territoriali, relativamente alla sicurezza della navigazione e alla gestione delle emergenze in mare, e AIS; Sistemi di sorveglianza marittima dalle reti dei radar costieri e sistemi di comando e controllo. - alimentazione diretta sistema di geo-rilevazione satellitare, per il controllo dei movimenti, degli ingressi e delle uscite dall area del Mediterraneo dati di elaborazione del SIA, riguardanti esclusivamente l attività di monitoraggio e contrasto dell immigrazione clandestina via mare archivi Lloyds, e SIRENAC - altri sistemi ad alimentazione indiretta SSN: alimentazione da sistema NCA italiano (Capitanerie di Porto) Attraverso i sistemi VMS, VTS, AIS e di rilevazione satellitare vengono acquisiti i dati identificativi dei natanti, e la loro posizione aggiornata. Gli archivi esterni forniscono, invece, una serie di informazioni, dettagliate ed aggiornate, circa la proprietà dei natanti, la loro registrazione, le rotte programmate e, più in generale, l intera vita degli stessi a partire dalla loro fabbricazione. I dati del SIA, infine, sono in grado di fornire un ulteriore corollario di informazioni per quei natanti coinvolti o sospettati di essere implicati in attività illecite connesse ai flussi migratori via mare. Il secondo database, adibito alla gestione documentale, è caratterizzato, invece, dalla spiccata eterogeneità sia degli Enti che lo alimentano che della natura e forma dei documenti ivi allocati. L obiettivo è quello di disporre di un ampio panorama informativo, riconducibile in maniera diretta e/o indiretta ai natanti, alle attività dagli stessi svolte e alle persone a qualsiasi titolo coinvolte in tale contesto. Il consistente bagaglio di dati raccolti, opportunamente indicizzato, consente l arricchimento degli scenari operativi o storicizzati, attraverso l incrocio e la loro sovrapposizione con le informazioni raccolte dallo ship register. Il database di gestione documentale è alimentato in maniera diretta: dal SIA, per ciò che inerisce specificatamente all immigrazione clandestina dalle Direzioni Centrali del Dipartimento della P.S. e dagli Uffici di Polizia di Frontiera Esso, tuttavia, costituisce un sistema aperto, così da poter abilitare all ingresso un numero indefinito di Comandi ed Enti, previa opportuna profilatura, anche in seguito all effettiva inizializzazione del sistema. Un software di analisi visuale delle informazioni completa, infine, la struttura di base del sistema, costituendo il vero e proprio cruscotto operativo a disposizione dell utente finale. 9

10 Esso consente di interrogare l intero sistema attraverso un processo di verifica ed arricchimento incrociato dei dati presenti sui due database, sviluppando in concreto un approfondita attività di analisi a supporto delle attività di polizia. La fruizione di tale applicativo è garantita attraverso un interfaccia web in grado di assicurare l interrogazione contemporanea del sistema da parte di più utenti che, considerato l esteso ambito applicativo del progetto, potranno avere diversi profili e competenze professionali sulla base delle materie di interesse. La possibilità di adottare il sistema di mappatura presente presso il SIA consente, inoltre, la visualizzazione geo-referenziata degli obiettivi in mare, sia nella fase di gestione operativa dell evento, che in sede di ricostruzione e studio dello stesso. Il sistema informativo in parola si avvarrà della rete antimmigrazione (VPN-RI) e sarà dispiegato presso il Centro Elaborazione Dati della Polizia di Stato in Settebagni Roma o presso il Centro Polifunzionale della Polizia di Stato in Bari. Il sistema SATM deve supportare gli utenti nella gestione delle proprie attività investigative sulla base degli spunti generati dal sistema SIA e razionalizzare le informazioni ottenute attraverso l interrogazione di una serie di database esterni. Tale interrogazione si rende necessaria al fine di: a) integrare e valicare le informazioni di anagrafica delle navi che transitano nell area monitorata contenute nel sistema SIA; b) aggiornare i dati di un determinato natante riguardanti la sua posizione, le caratteristiche del moto, la destinazione, ecc.; c) acquisire informazioni sulla tipologia di carico trasportato da uno specifico natante, evidenziando eventuali carichi pericolosi. La figura sottostante riporta l architettura logica del sistema richiesto, evidenziando i diversi moduli software che si ritiene necessario implementare. 10

11 Il sistema informativo (componente applicativa) è composto dei seguenti elementi: a) Sottosistema di cooperazione applicativa con il Sistema SIA E l interfaccia di cooperazione fra il SATM ed il Sistema SIA installato a Bari, finalizzato alla condivisione delle informazioni sul traffico in mare già disponibili nel SIA. Di seguito sono riportate le principali caratteristiche dell interfaccia di cooperazione : Servizi di interscambio dati con il SIA Bari, in formato standard XML, con implementazione tramite WEB Services (buste e-gov); Capacità di importare i dati AIS, VTS, VMS etc. del sistema SIA; Capacità di esportare verso il SIA le informazioni attinenti il contrasto dell immigrazione clandestina in mare; Acquisizione video dalla componente Video Server del SIA b) Moduli di cooperazione applicativa col sistema SafeSeaNet Modulo sw preposto alla interrogazione ed alla raccolta delle informazioni del Sistema SafeSeaNet; c) Modulo per l accesso all archivio Lloyds register Completo degli oneri di accesso al servizio per 5 anni d) Modulo per l accesso al database SIRENAC Modulo per effettuare le interrogazioni automatiche e/o manuali al registro SIRENAC e gestirne le risultanze; 11

12 e) Sistema esperto per l analisi delle informazioni del traffico a mare a supporto dell attività operativa; Il sistema esperto, previsto in aggiunta a quello già disponibile per il SIA di Bari, assolve la funzione di analisi delle informazione sul traffico marittimo nel mediterraneo allargato a supporto della attività investigativa, di intelligence e di monitoraggio dei traffici illeciti in mare. Dovrà elaborare le informazioni presenti nel sistema e favorire la comprensione e l utilizzo, da parte degli utenti, delle informazioni attraverso adeguate elaborazioni grafiche. f) Sistema cartografico Garantisce il riuso del sistema GIS acquisito dall Amministrazione nell ambito del progetto SIA. In particolare, il sistema dovrà integrare in un unica rappresentazione georeferenziata real time, le informazioni proprie del SATM, provenienti dal SIA, dalla rete SafeSeaNet, i messaggi di alert (riguardanti ad esempio la segnalazione di mezzi sospetti di essere coinvolti in traffici illeciti), le elaborazioni prodotte dal sistema di analisi delle informazioni del traffico a mare, le informazioni inserite mediante il modulo di gestione documentale, le rilevazioni sul traffico a mare da satellite. L introduzione di nuovi elementi georeferenziati o georeferenziabili nel sistema, determina un aggiornamento coerente della rappresentazione cartografica. All aggiornamento della rappresentazione concorrono anche eventuali informazioni inserite nella rete SATM mediante i sistemi non real time (es. immagini satellitari,) o provenienti da altre fonti informative. La rappresentazione dovrà comunque sfruttare algoritmi di predizione per integrare i dati non real-time in una immagine real-time. La rappresentazione deve essere di tipo stratificata per consentire agli operatori di potere isolare e visualizzare determinate classi di dati sul sistema cartografico. g) Servizio di rilevazione del traffico in mare via satellite Al fine di ampliare la base di informazioni disponibili, la fornitura dovrà includere la realizzazione ed integrazione di un servizio di rilevazione di immagini da satellite finalizzato al monitoraggio del traffico navale ed all integrazione delle informazioni. In particolare, sono previsti servizi di controllo dei confini delle acque territoriali, il rilevamento e l identificazione dei natanti, il monitoraggio delle rotte, il rilevamento di eventuali anomalie (imbarcazioni che non dovrebbero trovarsi in particolari aree, individuazione di rotte inusuali, ancoraggio prolungato di navi in determinate aree), il monitoraggio di possibili traffici illeciti. L area di interesse é costituita dalla regione che va da Gibilterra fino ad oltre il Golfo Persico, una regione che presenta fattori di continuità 12

13 geostrategica tali da poter essere definita come Mediterraneo allargato in termini di security complex. Un utile integrazione è data dai servizi di vigilanza strategica con la consultazione delle statistiche che contengono informazioni sul traffico delle navi ricavate dall acquisizione di una sequenza di immagini successive in un arco temporale, mediante il monitoraggio delle zone costiere, o di aree sensibili, studiando particolari percorsi ritenuti critici, mediante la pianificazione delle attività di pattugliamento e attraverso sistemi di supporto alle decisioni in caso di crisi. h) Base dati dei natanti e del traffico navale (ship register) Memorizza le informazioni (operational picture) aggregate relative ai natanti provenienti dai sistemi collegati, complete di eventuali alert, della rappresentazione grafica sulle rotte seguite, di eventuali messaggi correlati all evento, dello scambio informativo, delle attività investigative svolte, dei dati del sistema documentale Le informazioni sono conservate 5 anni on-line in un archivio e devono essere consultabili tramite motore di ricerca; Dovrà essere possibile consultare gli storici secondo molteplici criteri quali ad es. l intervallo temporale, elementi geografici, (regione dell avvistamento, luogo di provenienza, porti ), nomi e caratteristiche dei natanti, etc. i) Sistema di gestione documentale Il sistema documentale dovrà offrire la capacità di importare dati in formato elettronico e cartaceo in base alle specifiche dettagliate nel successivo paragrafo 7. Il servizio è comprensivo della scannerizzazione ed indicizzazione di un pregresso costituito da circa fogli conservati negli archivi del Ministero. Si chiede al fornitore di indicare le modalità con le quali intende espletare il servizio, fermo restando che lo stesso dovrà essere completato prima del roll-out del sistema, con il quale il modulo documentale dovrà interagire per arricchire il set informativo gestito. Si precisa che non è richiesta la scannerizzazione di documenti dopo il rollout del SATM, ma il modulo documentale dovrà offrire le funzionalità per permettere che l acquisizione sia gestita direttamente da personale addetto del Ministero. 4.2 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE, OPERATIVE ED INFORMATIVE COINVOLTE a) - Direzione Centrale dell Immigrazione e della Polizia delle Frontiere Sala Operativa (presso la sede di via Tuscolana); Sistema Informativo per il contrasto dell immigrazione clandestina via mare - SIA presso il Centro Polifunzionale della P.d.S. di Bari, finalizzato all analisi, 13

14 coordinamento e controllo dell attività di contrasto dell immigrazione clandestina via mare; Centro Elettronico Nazionale della Polizia di Stato (NA) (per il back up dei dati); CEPS di Settebagni (per l elaborazione dei dati di monitoraggio e statistiche riguardanti i flussi migratori regolari ed irregolari); Altri sistemi informativi esterni al Dipartimento della P.S. e di interesse per il costituendo sistema di monitoraggio e di prevenzione dell immigrazione clandestina; Sistema Informativo Interforze SDI/SIS; Sistema Informativo BCS per l analisi del rischio sui viaggiatori extra Schengen in partenza/transito/arrivo nei porti italiani (in fase di studio) b) Sistema SafeSeaNet Disposto dal Parlamento Europeo con la Direttiva 2002/59/EC del 27 luglio 2002 il sistema offre un ambiente attraverso il quale ricevere le informazioni relative alle navi presenti nelle acque di competenza E.U. al fine di monitorare il traffico marittimo mercantile. Esso raccoglie le informazioni inviate da ciascuno Stato Membro (messaggi denominati notification ) e risponde ad eventuali richieste (messaggi denominati request ). Le informazioni gestite dal sistema SSN riguardano: il trasporto di carichi pericolosi, la registrazione degli esiti delle ispezioni eseguite sui natanti, le informazioni sui rifiuti prodotti dalle navi. Inoltre l ambiente SSN è stato disegnato per fornire servizi aggiuntivi la cui finalità è quella di mettere a disposizione di una larga comunità di utenti informazioni riguardanti : la protezione dell ambiente, la sicurezza, l immigrazione, ecc.. Il core dell architettura del sistema SafeSeaNet è basato sullo scambio di messaggi in formato XML. Le policy imposte da SafeSeaNet impediscono l interrogazione diretta del database da parte degli Enti che non rientrano tra i National Competent Authotities; pertanto il sistema proposto, per poter acquisire le informazioni dal sistema SSN, dovrà inoltrare le richieste al NCA italiano (Capitanerie di Porto), il quale a sua volta provvederà ad inoltrarle al sistema SafeSeaNet. c) - Lloyd s Register - Fairplay Il Lloyd s Register - Fairplay opera come provider di informazioni di carattere marittimo, comprese quelle inerenti l industria navale e fornisce un vasto e dettagliato patrimonio di informazioni riguardanti le flotte mercantili con tonnellaggio maggiore o uguale a 100 GT (Gross Tonnage). Le richieste che è in grado di soddisfare riguardano principalmente: i dati di anagrafica e navigazione delle navi, informazioni sulle compagnie marittime e quelle inerenti i diversi porti. d)- SIRENAC 14

15 Al sistema SIRENAC partecipano 27 amministrazioni marittime che assicurano la copertura delle coste europee e del bacino del nord atlantico che va dal nord America fino all Europa. Obiettivo del sistema è l individuazione e contrasto dell operatività delle navi che non rispettano gli standard operativi; tale finalità è perseguita tramite l armonizzazione dei sistemi di controllo eseguiti a livello di singolo porto. Il sistema SIRENAC alimenta il suo database attraverso l esecuzione di ispezioni annuali durante le quali viene verificato il rispetto degli standard internazionali di sicurezza e ambientali nonché le condizioni di vita e di lavoro del personale impiegato. 15

16 5. OGGETTO DELLA FORNITURA Tutte le caratteristiche tecniche e funzionali del sistema informatico richieste nel presente capitolato e riportate al 7. devono intendersi minime. Le eventuali caratteristiche migliorative proposte saranno oggetto di valutazione così come riportato nella griglia di valutazione. Il quadro riepilogativo di servizi informatici della dotazione di apparecchiature e servizi connessi che si richiede di fornire è riportato nei punti successivi. Il presente capitolato non vincola l adozione di determinate piattaforme di riferimento, la cui scelta è lasciata alla determinazione del concorrente né preclude l eventuale adozione di prodotti open source. La soluzione proposta sarà in ogni caso oggetto di valutazione tecnica. In particolare la fornitura richiesta è relativa alla progettazione e realizzazione del sistema informativo integrato e dei correlati servizi, con modalità chiavi in mano, finalizzato alla raccolta delle informazioni attinenti il traffico navale nel mediterraneo allargato e comprensivo delle componenti di prodotti e servizi di seguito riportati. A. SERVIZI DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE SATM 1 Project Management 2 Progetto esecutivo L iniziativa progettuale prevede una forte integrazione del sistema informativo da realizzare con il sistema informativo SIA, con la rete SafeSeaNet, nonché l accesso a banche dati quali Lloyd s Register e ad un servizio di acquisizione di dati ed immagini via satellite. Il progetto esecutivo dovrà definire compiutamente le modalità di integrazione fisica e logica fra i sistemi informativi coinvolti nel disegno. Si richiede che il fornitore costituisca un apposito team di risorse specialistiche per svolgere una attività di raccolta delle specifiche tecniche dei sistemi e dei formati dati in uso presso gli Enti proprietari delle informazioni di interesse, nonché elaborare il documento nel periodo di tempo previsto nel piano di massima riportato nel presente capitolato. Sarà cura del fornitore descrivere l impegno previsto in gg/uomo delle suddette attività B. SISTEMA INFORMATIVO SATM 1. Servizi per lo sviluppo software applicativo e/o personalizzazione package software: I servizi dovranno assicurare lo sviluppo e/o personalizzazione delle seguenti componenti applicative del sistema informativo SATM: - Sviluppo del prototipo 16

17 - Data Collection/Gestione Eventi per monitorare il traffico in mare e gestire le informazioni rilevanti per l attività di analisi dei dati di traffico navale nel Mediterraneo allargato; - Supporto decisionale e sistema esperto (DSS-ES) per la gestione delle informazioni rilevanti per i processi di valutazione di sospetti traffici in mare; - Integrazione delle rilevazioni del traffico navale da satellite; - Integrazione basi informative (SSN, Sirenac, ) - Gestione documentale - Sviluppo portale 2. Licenze Prodotti Software (package applicativi): - Sistema esperto; - Gestione documentale; Le licenze devono essere in numero sufficiente (comprensivo delle copie di backup) per la realizzazione, l esercizio e la manutenzione dei sistemi in grado di assicurare inizialmente la fruibilità dei servizi informatici e telematici per: - n. 30 utenti concorrenti; - n. 5 gestori concorrenti; - n. 5 sviluppatori concorrenti. 3. Hardware del sistema SATM: - n.1 sistema di elaborazione con funzioni di Application server, in configurazione di alta affidabilità; - n.1 sistema di elaborazione con funzioni di Web server in configurazione alta affidabilità; - n.1 DB server in configurazione cluster; - n.1 server per sviluppo, test e collaudo; - Armadi rack e componenti vari (UPS, cavetteria,..); - HW vario (switch, routers,firewall, sottosistema cluster,..); - n.3 Workstation per System Management, sviluppo, pre-esercizio e manutenzione sw; - N.1 server con funzioni di motore cartografico; - N.1 server per le funzioni di cooperazioni applicativa (opzionale). La componente di cooperazione applicativa può essere realizzata sfruttando risorse elaborative del sistema di elaborazione oppure predisporre una risorsa ad hoc. 17

18 Il fornitore potrà proporre soluzioni basate su tecniche di virtualizzazione, purché sia assicurata la configurazione in alta affidabilità del sistema hardware fisico e le prestazioni richieste. La compattezza della soluzione HW proposta è in ogni caso oggetto di valutazione tecnica n.1 SAN (storage) con capacità non inferiore a 10TB, dotata di disk array, armadi rack, UPS, hardware vario, cavetterie per immagazzinare le informazioni. 4. Licenze software; - Sw antivirus per tutte le componenti del sistema; - licenze di S.O per i server del sistema di elaborazione; - System&network mngt, SW Distribution, backup&restore ecc. - RDBMS/ODBMS in configurazione Cluster (+ licenza per il sistema di test). Il motore cartografico dovrà necessariamente utilizzare il software GIS già in possesso dell Amministrazione e le licenze della cartografia Web acquisita. C. SOTTOSISTEMA DI BACKUP Per il backup delle informazioni del SATM, è previsto l impiego del sistema di backup installato presso il CEN di Napoli ed acquisito dall Amministrazione nell ambito della fornitura del Sistema SIA. Al fornitore è richiesta l analisi dell infrastruttura e l eventuale adeguamento degli strumenti di backup del CEN di Napoli che ritenesse necessarie per le esigenze del SATM, nella misura massima del 3% dell importo contrattualizzato. Di seguito la descrizione degli apparati installati a Napoli: Tipo Modello Quantità Storage SUN StorageTek SE TB netti 1 Switch FC Broacade 200E 8p 1 Tape Library SUN Stk SL24 1 DB Server SUN X Switch FC Cisco 2960G 1 Firewall Cisco ASA UPS 1 Rack 42'' 1 Workstation HP XW Telefoni VoIP Cisco 7940G 2 D. SERVIZI ACCESSORI - Installazione ed assistenza all avviamento; l impegno minimo per l assistenza all avviamento è pari a circa 25 giorni/persona, da ritenersi a consumo. - Presidio presso il Centro Elettronico della Polizia di Stato in Settebagni o il Centro Polifunzionale della Polizia di Stato in Bari per 60 mesi, l impegno 18

19 minimo necessario è pari a 440 giorni/persona annuo, per di totale di giorni/persona. - Servizio di scannerizzazione ed indicizzazione per documenti E. SERVIZI DI ACCESSO A BANCHE DATI - Accesso on-demand per 60 mesi al servizio di rilevazione del traffico in mare da satellite proposto dal fornitore; - Accesso on demand per 60 mesi alla banca dati Lloyd; - Eventuali oneri necessari all accesso della rete SSN per 60 mesi. Il servizio di accesso alle banche dovrà essere comprensivo del download di foto ottiche (servizio da satellite) e report (da banca dati Lloyd e SSN), che saranno fruiti on demand, fino all occorrenza massima del monte economico definito pari ad Sarà cura del fornitore indicare, per ogni tipologia di report, il numero massimo di download effettuabili in base all importo massimo come su definito. Si precisa che nell offerta tecnica non dovrà essere indicato il valore economico dei singoli report, pena la nullità della stessa, ma solamente il numero massimo degli stessi compreso nel presente contratto. F. FORMAZIONE - formazione in aula; - training on the job. G. MANUTENZIONE EVOLUTIVA Il fornitore dovrà includere nella offerta l impegno ad erogare, un servizio di manutenzione evolutiva, per l adeguamento degli applicativi, basi dati, interfacce grafiche, rappresentazioni delle informazioni e quant altro necessario per la implementazione di evoluzioni, nuove funzionalità e integrazioni con altre sorgenti informative che dovessero rendersi necessarie fino alla conclusione del contratto, fino almeno a 1200 punti funzione. Gli interventi di manutenzione, dovranno essere erogati a consumo e se richiesti dall Amministrazione; essi saranno oggetto di collaudo, ove saranno verificate le funzionalità realizzate ed i punti funzione sviluppati secondo lo standard IFPUG 4.2. Il costo unitario per punto funzione delle funzioni modificate e di quelle cancellate è da intendere pari rispettivamente al 50% e al 10 % del costo unitario per punto funzione delle funzioni sviluppate. Pertanto, nel caso in cui, nell ambito della manutenzione evolutiva, sia necessario modificare o cancellare funzioni già esistenti, l Amministrazione remunererà i relativi punti funzione, nella misura, rispettivamente del 50% e del 10% del prezzo unitario congruo per le funzioni sviluppate. 19

20 La fornitura comprende, oltre al software applicativo sviluppato ad hoc, le licenze dei package software (sistemi applicativi, software di ambiente - middleware, strumenti di sviluppo e gestione, application server, sistema, ), le apparecchiature hardware ed i servizi. In particolare, la società può proporre le soluzioni che ritiene più funzionali ricorrendo ad un mix di software custom e pacchetti software, adeguatamente personalizzati. Tutte le componenti HW e SW della fornitura (punti A, B, C, D, ecc.) sono da intendere comprensive della implementazione delle configurazioni, dell assistenza tecnica, degli oneri relativi a MAC, nonché della manutenzione in garanzia per n. 60 mesi. Le caratteristiche richieste alle parti della fornitura prima indicate sono riportate nelle sezioni seguenti insieme ai tempi di fornitura richiesti, ed agli elementi che si richiede siano precisati nelle corrispondenti parti dell offerta tecnica. A meno di specifiche indicazioni esplicitamente incluse nella offerta, si assumerà che la soluzione offerta risponda pienamente dal punto di vista delle funzioni, delle strutture dei dati e dei requisiti a quanto riportato nel capitolato, oltre che nelle norme di riferimento. 20

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Argomenti della presentazione:

Argomenti della presentazione: Argomenti della presentazione: VTMIS Nazionale, Sistema SafeSeaNet, Sistema AIS (Automatic Identification System), Sistema VTS (Vessel Traffic Service). 1 Cos è il VTMIS Nazionale 2 VTMIS Nazionale (Vessel

Dettagli

Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva

Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva Requisiti software (Capitolato Tecnico) per l implementazione di un software per la gestione della fatturazione passiva Ing. Stefano Serra E-MAIL: stefano.serra@asppalermo.org 1 Informazioni sul documento

Dettagli

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1 Indice dei contenuti GENERALITÀ 1. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA FORMAZIONE DEI DOCUMENTI 2. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA GESTIONE DEI DOCUMENTI 3. COMPONENTE ORGANIZZATIVA DELLA SICUREZZA 4. COMPONENTE

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

64465705DA ART. 990929, 1 - AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE.

64465705DA ART. 990929, 1 - AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. RDO990929 Specifiche prestazionali e lettera di invito a gara informale per l'affidamento, mediante RDO Numero 990929, della fornitura, installazione e servizi di configurazione software Oracle Database

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA NOMINA E LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI SISTEMA E GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI OSSERVANZA DELLE MISURE DI SICUREZZA PRIVACY 1 ARTICOLO 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

Allegato 15 Modello offerta tecnica

Allegato 15 Modello offerta tecnica Allegato 15 Modello offerta tecnica Sommario 1 PREMESSA... 4 1.1 Scopo del documento... 4 2 La soluzione progettuale e la relativa architettura... 4 2.1 Requisiti generali della soluzione offerta... 4

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia BANDO ACQUISIZIONI Prodotti Software ALLEGATO 6 Capitolato Tecnico Allegato 6: capitolato tecnico Pag. 1 1 Introduzione Il presente Capitolato Tecnico disciplina gli aspetti tecnici della fornitura a Tecnopolis

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO

SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO SOGEI E L AGENZIA DEL TERRITORIO CHI SIAMO Sogei è la società di ICT, a capitale interamente pubblico, partner tecnologico del Ministero dell Economia e delle Finanze italiano. Progettiamo, realizziamo,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO 1. OGGETTO DELLA FORNITURA CAPITOLATO TECNICO Oggetto: FORNITURA DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE A NORMA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PRODOTTI DALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LOCALI DELLA REGIONE UMBRIA 1. OGGETTO DELLA FORNITURA Oggetto

Dettagli

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI Sage Sistemi Srl Treviglio (BG) 24047 Via Caravaggio, 47 Tel. 0363 302828 Fax. 0363 305763 e-mail sage@sagesistemi.it portale web LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO Azione 1 Conversione della CTR scala 1:5000, ed. 1998 e successivi aggiornamenti, qualora disponibili, in database topografico CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSA La Regione Campania nell ambito del complessivo

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Knowledge Box Spring 2011 Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Maria Pia Giovannini DigitPA Responsabile Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI

PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI PROVINCIA DI LECCE SERVIZI INFORMATICI NORME PER L UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE E TELEMATICHE Assessore: Cosimo Durante Responsabile del Servizio: Luigi Tundo Ottobre 2001 1 INDICE DEI CONTENUTI

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE VERSIONE 0.90 Premessa... 2 Percorso della verifica di conformità... 2 Documento specifiche tecnico-funzionali

Dettagli

Contratto Quadro Realizzazione di portali e servizi

Contratto Quadro Realizzazione di portali e servizi 1 Contratto Quadro Realizzazione di portali e servizi on line Lotto 4 - ID 1403 Roma, 11 aprile 2016 2 Indice 1. Servizi disponibili 2. Progettazione, Sviluppo, MEV di portali, siti e applicazioni web

Dettagli

C.R.M. Custom Relationship Management

C.R.M. Custom Relationship Management Web Solution C.R.M. Custom Relationship Management Overview La soluzione CRM Portal Builder è una piattaforma innovativa per la gestione delle relazioni con i clienti, basata su una struttura modulare

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

Riferimenti generali per l'estensione di capitolati d'oneri per sistemi ed apparecchiature da integrare con i Sistemi Informativi Aziendali

Riferimenti generali per l'estensione di capitolati d'oneri per sistemi ed apparecchiature da integrare con i Sistemi Informativi Aziendali SIA Via Candiani, 2 205 Legnano Responsabile: Domenico Nilo Mazza +390331449131 +390331449.820 sistemiinformativi@ao-legnano.it SIA-RU.dot Ed. 1 del 11/1/2010 AZIENDA OSPEDALIERA Ospedali: Legnano - Cuggiono

Dettagli

SUITE PAGHE 2.0. Il software per compilare le tue paghe online

SUITE PAGHE 2.0. Il software per compilare le tue paghe online SUITE PAGHE 2.0 Il software per compilare le tue paghe online SUITE PAGHE 2.0 L EFFICIENZA DELLA TECNOLOGIA SI UNISCE ALLA FUNZIONALITÀ DELLA PRATICA Il software Paghe 2.0 Un servizio per la gestione del

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

REGIONE BASILICATA. Contratto di prestazione di servizi

REGIONE BASILICATA. Contratto di prestazione di servizi REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE

Dettagli

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CED-EDP

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI. ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC

C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI. ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC allegato B C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI ************* AREA DIREZIONALE Servizio SIC DISCIPLINARE TECNICO Per l espletamento del Servizio di assistenza alla rete informatica Comunale

Dettagli

CIG: 0389472A73. Disciplinare di gara

CIG: 0389472A73. Disciplinare di gara DIPARTIMENTO I - TERRITORIO E PROGRAMMAZIONE DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E PROGRAMMAZIONE Procedura aperta per l affidamento della fornitura di un sistema di supervisione del traffico e di una piattaforma

Dettagli

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO . IntrodDescrizione del Servizio a) Procedura di accreditamento Il Centro Servizi (CS) che richiede l accreditamento per la fornitura dell accesso fisico al Sistema

Dettagli

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale APQ PUGLIA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE PROGETTO PILOTA Informatizzazione Procura della Repubblica di Lecce Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale ForumPA 11 maggio 2009 Maurizio Natale InnovaPuglia

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER I SERVIZI TECNICO LOGISTICI E DELLA GESTIONE PATRIMONIALE UTAM I SETTORE INFORMATICA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER I SERVIZI TECNICO LOGISTICI E DELLA GESTIONE PATRIMONIALE UTAM I SETTORE INFORMATICA DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER I SERVIZI TECNICO LOGISTICI E DELLA GESTIONE PATRIMONIALE UTAM I SETTORE INFORMATICA CAPITOLATO TECNICO FORNITURA DI FIGURE PROFESSIONALI PER

Dettagli

ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO

ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO ALLEGATO 4 SINTESI DEI CONTRATTI OGGETTO DI MONITORAGGIO CONDUZIONE, GESTIONE ED EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEI SISTEMI E DELLE PIATTAFORME CENTRALI E PERIFERICHE INPDAP L area d intervento comprende le seguenti

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0)

PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0) Manuale di gestione informatica dei documenti Comune di Castelfranco Emilia ALLEGATO 9 PIANO DI SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI (ver. 1.0) Sommario Acronimi... 2 Obiettivi... 2 Generalità... 2 Formazione

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Università degli Studi di Catania

Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania APPALTO CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DELL'INFORMATIZZAZIONE DEI PROCESSI AMMINISTRATIVI ALLEGATO TECNICO Università degli Studi di Catania- Allegato Tecnico - p. 1 1

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare

Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare CIG: Z7A142CF56 Specifiche tecniche Sommario 1. Oggetto del servizio... 2 1.1 Documenti di riferimento...2

Dettagli

Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico. Sistema GAIA. Sistema informativo di governo dell Ambiente e flussi informativi ambientali verso gli utenti

Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico. Sistema GAIA. Sistema informativo di governo dell Ambiente e flussi informativi ambientali verso gli utenti REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 Palermo Prot: Del: Allegato Capitolato Tecnico Sistema GAIA Sistema informativo di governo dell Ambiente e

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE

CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO SISTEMISTICO RETI E SERVER AZIENDALI INDICE 1- Premessa 2- Tipologia della prestazione 3- Consistenza apparati di rete e macchine server 4- Luoghi di espletamento

Dettagli

Requisiti della Business Intelligence

Requisiti della Business Intelligence Realizzazione di un sistema informatico on-line bilingue di gestione, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Francia Marittimo finanziato dal

Dettagli

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio

Remote Service Solution. Descrizione del Servizio Remote Service Solution Descrizione del Servizio Redattore: Alberto Redi Luogo e Data Lugano, 25 Novembre 2008 Status: Finale All attenzione di: Protocollo: Security Lab Sagl ViaGreina 2 - CH 6900 Lugano

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica

Materiale didattico. Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08. I) Introduzione all Informatica. Definizione di Informatica. Definizione di Informatica Corso di Laurea Triennale in Storia, Scienze e Tecniche dell Industria Culturale sede di Brindisi Laboratorio di Informatica a.a. 2007-08 Materiale didattico Testo adottato D.P. Curtin, K. Foley, K. Suen,

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord- Ente Pubblico non economico

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord- Ente Pubblico non economico AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI OFFERTE TECNICHE PER LA REALIZZAZIONE DEL PORTALE INTERNET L Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del Circondario del Tribunale di Napoli

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Versione Data di rilascio Commenti 1.0 12.06.2012 Capitolato tecnico

CAPITOLATO TECNICO. Versione Data di rilascio Commenti 1.0 12.06.2012 Capitolato tecnico CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI PROFESSIONALI PER LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO SOFTWARE DI COMPONENTI DELLA BASE DI CONOSCENZA PUBBLICITÀ LEGALE ONLINE DEL PROGETTO PORTALE DELLA PUBBLICITÀ

Dettagli

Area Logistica del Nord Ovest

Area Logistica del Nord Ovest Area Logistica del Nord Ovest Censimento ICT Marzo 2007 Presentazione Nell ambito dell istituzione del Sistema Logistico del Nord Ovest è prevista la costruzione di una piattaforma informatica a supporto

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Procedura ristretta n. 2/2006 per l affidamento della progettazione, realizzazione e gestione di componenti di cooperazione applicativa,

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI Pagina 1 di 6 CARTA dei? Pagina 2 di 6 per Hardware e Software di BASE Analisi, Progetto e Certificazione Sistema Informatico (HW e SW di base) Le attività di Analisi, Progetto e Certificazione del Sistema

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

AREA PROFESSIONALE TECNICO DI RETI INFORMATICHE ANALISTA PROGRAMMATORE. pag. 1

AREA PROFESSIONALE TECNICO DI RETI INFORMATICHE ANALISTA PROGRAMMATORE. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE SVILUPPO E GESTIONE

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari Prot. n. 1945 Bari, 04.06.2014 Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI OFFERTE TECNICHE MIGLIORATIVE PER LA REALIZZAZIONE DEL PORTALE INTERNET DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BARI

Dettagli

CARATTERISTICA / MODULO

CARATTERISTICA / MODULO NextWare Doc è il prodotto che consente di amministrare semplicemente tutte le p roblematiche inerenti la gestione dei documenti; è rivolto sia la settore privato che alla Pubblica Amministrazione, e copre

Dettagli

ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURE APERTA PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO DI VERIFICA E CONTROLLO DEL TRAFFICO TELEFONICO MOBILE E FISSO

ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURE APERTA PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO DI VERIFICA E CONTROLLO DEL TRAFFICO TELEFONICO MOBILE E FISSO ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURE APERTA PER L AFFIDAMENTO SERVIZIO DI VERIFICA E CONTROLLO DEL TRAFFICO TELEFONICO MOBILE E FISSO Allegato 3 Capitolato Tecnico pagina 1 di 17 Indice 1. OGGETTO DELLA

Dettagli

ALLEGATO GMR - Gestione e Manutenzione Reti

ALLEGATO GMR - Gestione e Manutenzione Reti AZIENDA OSPEDALIERA SAN CARLO Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-61 11 11 Codice Fiscale e Partita IVA 01186830764 ALLEGATO GMR - PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE E MANUTENZIONE DEL SISTEMA INFORMATICO

Dettagli

Ing Omar Morales Qualità del Software

Ing Omar Morales Qualità del Software Ing Omar Morales Qualità del Software Soluzioni Professionali Integrate Viale F.Petrarca, 96-50124 Firenze LinkedIn it.linkedin.com/in/omarmoralescv TEL (+39) 335 52.10.589 FAX (+39) 055 39.06.93.26 info@omarmorales.net

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

Project Automation S.p.a.

Project Automation S.p.a. PROJECT AUTOMATION S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è la denominazione assunta nel 1999 da Philips Automation S.p.a., a sua volta costituita nel 1987 rilevando dalla Divisione Industrial & ElectroAcustic

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI:

CAPITOLATO SPECIALE RELATIVO ALLA FORNITURA DI SERVIZI DI: REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL LAVORO, COOPERAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE 70123 BARI Zona industriale - Viale Corigliano, 1 Tel. 080/5407631 Fax 080/5407601 Email:

Dettagli

ANNIE WRITE SCHOOLS MSC CROCIERE

ANNIE WRITE SCHOOLS MSC CROCIERE CASE STUDY ANNIE MSC WRITE CROCIERE SCHOOLS Hogwarts La compagnia Works Magic naviga with in the Next-Generation Firewall PA-500 (24) MSC Crociere naviga per tutto l anno nel Mar Mediterraneo e offre tantissime

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI ROSSANO VENETO SERVIZI INFORMATICI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Allegato A) INDICE 1 INTRODUZIONE 2 ASPETTI GENERALI 2.1 Contenuti 2.2 Responsabilità 2.3 Applicabilità

Dettagli

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A5_1 V1.0 Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

PRAGMA PRogetto Avanzato di Gestione e Monitoraggio per le Amministrazioni pubbliche POR Campania 2007-2013 FESR O.O.5.1 FAQ

PRAGMA PRogetto Avanzato di Gestione e Monitoraggio per le Amministrazioni pubbliche POR Campania 2007-2013 FESR O.O.5.1 FAQ FAQ D - In merito al bando di gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per la realizzazione del Progetto complesso ICT (Information & Communication Technology) Progetto e-government

Dettagli

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY

NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY www.servizialcittadino.it Vers.1.0 1 Art. 1 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare, in piena trasparenza,

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

PROGETTO Backup Consolidation

PROGETTO Backup Consolidation PROGETTO Backup Consolidation BENEFICI DELLA SOLUZIONE Consolidamento: il primo vantaggio della soluzione proposta è quello di ottenere una soluzione unica per il salvataggio dei dati dell intero CED.

Dettagli

DOMANDA N. 1 3.1 Prescrizioni tecniche del sistema di bordo RISPOSTA 1 DOMANDA N. 2 3.3.1 Software di gestione

DOMANDA N. 1 3.1 Prescrizioni tecniche del sistema di bordo RISPOSTA 1  DOMANDA N. 2 3.3.1 Software di gestione DOMANDA N. 1 Con riferimento al capitolo tecnico, 3.1 Prescrizioni tecniche del sistema di bordo, Il sistema di bordo deve prevedere, tra le altre cose: modulo di localizzazione basato su ricevitore GPS

Dettagli

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici

disciplinare per l utilizzo degli strumenti informatici Direzione Generale Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 03/12/2012 Circolare n. 135 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Area Amministrazioni centrali PIANO TRIENNALE PER L ICT 2009-2011 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE BOZZE DI PIANO DA PARTE DELLE AMMINISTRAZIONI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI INVESTIMENTO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI INVESTIMENTO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato B ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

SISTEMA DI LOG MANAGEMENT

SISTEMA DI LOG MANAGEMENT SIA SISTEMA DI LOG MANAGEMENT Controllo degli accessi, monitoring delle situazioni anomale, alerting e reporting Milano Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it

Dettagli