GUIDA AL VOLONTARIATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AL VOLONTARIATO"

Transcript

1 PROVINCIA DI LIVORNO ASSESSORATO ALLA QUALITÀ SOCIALE GUIDA AL VOLONTARIATO le Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale. Articolazione provinciale di Livorno OSSERVATORIO PER LE POLITICHE Provincia di Livorno

2

3 Le Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale articolazione provinciale di Livorno

4 La Guida al Volontariato è stata realizzata dall Ufficio Qualità sociale, Unità di servizio 4.1- Provincia di Livorno via Marradi 116, telefono 0586/ fax. 0586/264626, : Stampa: Media Print, Livorno

5 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 3 Sommario 1. Introduzione Presentazione della Guida Il Terzo settore. Il ruolo del volontariato La Provincia e le sue funzioni: il registro delle Organizzazioni di Volontariato Il Cesvot, Centro servizi per il volontariato della Toscana Le Associazioni iscritte al Registro suddivise per zona socio-sanitaria Appendice: - normativa modulistica numeri e riferimenti utili

6

7 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 5. 1 Introduzione Questa guida nasce con l intenzione di dare voce alle Organizzazioni di Volontariato in virtù del ruolo sempre più rilevante che esse svolgono nella nostra società. Le Istituzioni infatti si trovano sempre più spesso a collaborare con il mondo del no profit tanto che il Terzo settore è divenuto a tutti gli effetti un soggetto attivo nella programmazione e attuazione delle politiche di solidarietà e di integrazione sociale, soprattutto per la indiscutibile carica motivazionale che caratterizza il loro operare. La Provincia, grazie alle competenze affidategli da Leggi nazionali e regionali ha un rapporto costante e privilegiato con i soggetti del Terzo settore, specie per la sua funzione nella tenuta dei Registri regionali, articolati provincialmente. Ci è sembrato doveroso, pertanto, nell ambito delle attività di studio e ricerca dell Osservatorio sociale, avviare un lavoro attraverso il quale presentare i soggetti del Terzo settore impegnati sul territorio della Provincia di Livorno. La Guida al Volontariato è pertanto il primo di questa serie di approfondimenti al quale seguiranno quelli relativi alle Associazioni di promozione sociale e alle Cooperative sociali. Si tratta di uno strumento semplice, di facile consultazione che con l aiuto delle Associazioni può essere migliorato ed aggiornato. Il Volontariato ispirandosi ad una cultura del farsi carico diffonde quotidianamente lo spirito di solidarietà attraverso le attività dei volontari nei vari settori: sanitario sociale, protezione civile, beni culturali, beni ambientali, volontariato internazionale e via dicendo, svolgendo una funzione anche educativa dato chei attiva azioni di promozione e di crescita dei cittadini. L augurio, dunque, è che questa guida porti non solo ad una maggiore conoscenza di coloro che donano il loro tempo nell interesse della comunità, ma anche ad una diffusione della cultura della solidarietà che spinga anche altri cittadini ad avvicinarsi al mondo del Volontariato. La Vice presidente della Provincia di Livorno Assessore alla Qualità sociale Monica Giuntini

8 6 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO. 2 Presentazione della Guida La Guida al volontariato della Provincia di Livorno è rivolta a tutti i cittadini che vogliono conoscere la realtà del volontariato nella nostra Provincia, offrendo una mappatura di quelle Organizzazioni che operano sul territorio nello spirito di gratuità e solidarietà che le caratterizza. Per questo nella strutturazione della Guida si è inteso lasciare spazio alle singole Associazioni, dando loro modo di presentarsi attraverso una scheda sintetica che fornisse le indicazioni principali sulla loro attività, ampliando così le informazioni pubblicate sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. Grazie all attività di sportello che effettua quotidianamente l Ufficio è stato possibile raccogliere le indicazioni e suggerimenti degli stessi volontari, a seguito delle quali è sembrato importante inserire nella guida una serie di informazioni utili sulla normativa di riferimento e sull iscrizione al Registro regionale di cui la Provincia è articolazione territoriale, nonché indicare schematicamente i referenti ed i numeri utili per coloro che si operano nel mondo del Volontariato. È doveroso ringraziare le Organizzazioni di volontariato che rispondendo alla nostra richiesta hanno permesso di raccogliere le informazioni necessarie, soprattutto perché il tempo dei volontari è estremamente prezioso e pertanto la loro collaborazione è estremamente gradita. Preme, inoltre, ringraziare il settore Comunicazione del Cesvot regionale e la delegazione provinciale del Cesvot di Livorno, che hanno offerto la loro disponibilità alla collaborazione e condiviso le finalità di questa Guida nella quale hanno contribuito con un paragrafo dedicato. Un sentito ringraziamento, infine, va alla dr.ssa Sonia Antonini, collaboratrice dell Ufficio Qualità sociale, che ha curato la stesura finale della Guida con particolare accuratezza e precisione. Provincia di Livorno Unità di Servizio 4.1, Cultura, Istruzione, Museo, Qualità sociale e Sport Dirigente dr. Paolo Dini Ufficio Qualità sociale Dr.ssa Caterina Tocchini, Sig.ra Laura Cantini, Sig. Pierluigi Dodoli Via Marradi 116, Livorno Tel. 0586/264628/23/25 - Fax 0586/ :

9 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 7. 3 Il Terzo settore. Il ruolo del volontariato La definizione di Terzo settore viene utilizzata per individuare tutto ciò che si differenzia sia dalla sfera pubblica (Stato, Regioni, Enti locali, altri enti) che da quella privata, ossia dal mercato (o dall impresa così come definita dalla legge). Con tale termine viene identificato un universo molto vasto, composto da soggetti disomogenei che hanno però in comune la capacità di sviluppare nuove offerte per rispondere alla domanda di servizi che né lo Stato né il privato sono in grado di soddisfare: e a conferire volontariamente risorse produttive (lavoro, capitale, attività imprenditoriale) per dare una risposta a questi bisogni. I settori di attività che interessano il Terzo sono: - assistenza sociale, sanitaria e socio-sanitaria; - beneficenza; - istruzione; - formazione; - sport dilettantistico; - tutela e valorizzazione dei beni di interesse storico artistico; - tutela e valorizzazione dell ambiente; - promozione della cultura e dell arte; - tutela dei diritti civili; - ricerca scientifica di particolare interesse sociale Le formazioni del terzo settore che con più frequenza coinvolgono i cittadini nella loro attività e stabiliscono rapporti più articolati e costanti con le pubbliche amministrazioni sono: le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, le cooperative sociale. Le organizzazioni di volontariato sono disciplinate dalla legge quadro n. 266/1991 e dalla L.R.T. n. 28/ 93, (successivamente modificata dalla L.R.T. n. 29/ 96). L attività di volontariato è l attività personale, spontanea, gratuita e senza fini di lucro anche indiretto, esclusivamente per fini di solidarietà, prestata per il tramite dell organizzazione di appartenenza. La Legge-quadro n. 266/ 91 definisce organizzazione di volontariato:..ogni organismo liberamente costituito al fine di svolgere l attività di cui all art.2 che si avvalga in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti. Il comma 2, aggiunge che Le organizzazioni di volontariato possono assumere la forma giuridica che ritengono più adeguata al perseguimento dei loro fini, salvo il limite di compatibilità con lo scopo solidaristico. In senso ampio può ritenersi associazione di volontariato qualsiasi associazione composta unicamente da soci volontari, che pertanto prestino il proprio apporto all associazione in modo assolutamente gratutito senza percepire alcun tipo di retribuzione nemmeno per via indiretta.

10 8 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO In realtà va detto che ormai da anni, in seguito all approvazione della legge n.266/91, viene chiamata associazione di volontariato, in senso più tecnico, solo ogni associazione che sia iscritta, o che quantomeno possa astrattamente iscriversi, ai registri previsti dalla suddetta normativa e dalle successive normative regionali che hanno recepito i principi sanciti dalla legge n.266/91. Per la Toscana bisogna far riferimento, in merito, alla Legge Regionale n.28/93 e succ. modd.. 4 La Provincia e le sue funzioni: il registro delle Organizzazioni di Volontariato Vantaggi e obblighi dell iscrizione In base al comma 1, dell art. 6, della L. 266/ 91, l istituzione e la tenuta del Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato sono disciplinate dalla Legge regionale: La Toscana ha istituito il proprio Registro con la L.R. n. 28/ 93, (successivamente modificata dalla L.R. 29/ 96). La normativa regionale (1 c., art. 4, L.R. 28/ 93 e succ. modd.) ha istituito un Registro regionale articolato in sezioni provinciali, attribuendo, così, al Presidente della Provincia la potestà in ordine all iscrizione ed alle relative procedure collegate (art. 14: Revisione periodica del registro regionale art. 15: Cancellazione dal registro regionale ). Il comma 3, dell art. 6, della Legge-quadro dispone che Hanno diritto ad essere i- scritte nei registri le organizzazioni di volontariato che abbiano i requisiti di cui all art. 3 e che alleghino alla richiesta copia dell atto costitutivo e dello statuto o degli accordi degli aderenti. I Vantaggi dell iscrizione sono molteplici in effetti le Organizzazioni regolarmente iscritte: - possono beneficiare di specifiche agevolazioni fiscali (art. 8, L. 266/ 91); - possono accedere ai contributi pubblici erogati dai vari Enti territoriali e non (c. 2, art. 6, L. 266/ 91); - possono stipulare convenzioni con lo Stato, le Regioni, le Province autonome, gli Enti locali territoriali e gli altri Enti pubblici (art. 7, L. 266/ 91); - possono accettare donazioni e lasciti testamentari (con beneficio d inventario) di beni da destinare esclusivamente al conseguimento delle finalità istituzionali (c. 2, art. 5, L. 266/ 91); - possono far parte della Consulta Regionale del Volontariato (art. 7, L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.); - possono partecipare a livello consultivo alla programmazione degli interventi nei settori in cui esse intervengono (lett. b), c. 2, art. 10, L. 266/ 91);

11 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 9 - possono elaborare progetti sperimentali da sottoporre, per eventuale finanziamento (parziale o totale), all Osservatorio Nazionale per il Volontariato (art. 12, L. 266/ 91); - possono organizzare corsi di formazione, avvalendosi di un contributo pubblico, per i propri volontari (art. 8, L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.); - possono avvalersi (al pari delle altre Organizzazioni di volontariato non iscritte) del diritto all informazione ed all accesso dei documenti amministrativi dello Stato, in base alle disposizioni del capo V, della L. 241/ 90 (art. 11, L. 266/ 91); - possono avere accesso a titolo gratuito ai risultati delle ricerche ed alla documentazione in possesso della Giunta Regionale (art. 9, L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.); - possono avvalersi della flessibilità dell orario di lavoro da parte dei loro volontari (art. 17, L. 266/ 91); - acquisiscono automaticamente la qualifica di ONLUS. (cd. ONLUS. di diritto ) (senza necessità di adeguamento del proprio Atto costitutivo e del proprio Statuto alla normativa di riferimento) godendo così del particolare regime fiscale di favore riconosciuto a tale categoria (c. 8, art. 10, D. Lgs. 460/ 97 Circolare del Ministero delle Finanze n. 127/E, del 19 maggio 1998). Oltre ai vantaggi vi sono alcuni Obblighi, difatti le Organizzazioni regolarmente iscritte: - devono assicurare i propri aderenti, che prestano attività di volontariato, contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento dell attività stessa, nonché per la responsabilità civile verso i terzi (art. 4, L. 266/ 91); - devono conservare la documentazione relativa alle entrate di cui al comma 1, dell art. 5, con l indicazione nominativa dei soggetti eroganti (comma 7, art. 6, L. 266/ 91); - devono comunicare alla Provincia presso la quale hanno ottenuto l iscrizione al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato (indipendentemente dalla cd. Revisione annuale prevista all art. 14 della L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.: vedi infra) ogni modifica intervenuta in ordine all Atto Costitutivo ed allo Statuto o all Accordo degli aderenti (comprese le variazioni riguardanti la sede legale); - devono inviare alla Provincia, entro il 30 giugno di ogni anno, tutte le informazioni relative alla cd. Revisione periodica del Registro Regionale (permanenza dei requisiti in base ai quali è stata disposta l iscrizione: art. 14, L.R. 28/ 93 e succ. modd.). Come avviene l iscrizione Per poter ottenere l iscrizione presso il Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato (articolato a livello provinciale), l Organizzazione dovrà essere senza scopo di lucro, non essere occasionale ma essere dotata di una strutturati stabile costituita al fine di svolgere attività solidaristiche prevalentemente rivolte alla generalità della popolazione (e

12 10 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO non esclusivamente agli associati) che si esplicano in azioni volte alla prevenzione ed alla rimozione di situazioni di bisogno (in ambito sociale, sanitario, civile e culturale) della persona umana e della collettività o in servizi di rilevante interesse sociale (v.art 3 L. 266/91 e art. 3 L.R.T. 28/93) L Organizzazione di Volontariato per il perseguimento dei fini statutari deve: avvalersi in modo determinante e prevalente delle attività prestate dai propri associati in forma volontaria, libera e gratuita (non sono ammesse le prestazioni di lavoratori dipendenti o autonomi salvo che nella misura in cui siano necessarie al regolare funzionamento dell Organizzazione stessa o per lo svolgimento di attività per cui sia richiesta una specifica professionalità); utilizzare le seguenti risorse economiche: contributi degli aderenti; contributi di privati; contributi dello Stato, di enti o di istituzioni pubbliche finalizzati esclusivamente al sostegno di specifiche e documentate attività o progetti; contributi di organismi internazionali; donazioni e lasciti testamentari; rimborsi derivanti da convenzioni; entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali. Negli accordi degli aderenti, nell'atto costitutivo o nello statuto, oltre a quanto disposto dal codice civile per le diverse forme giuridiche che l'organizzazione assume, devono essere espressamente previsti l'assenza di fini di lucro, la democraticità della struttura, l'elettività e la gratuità delle cariche associative nonché la gratuità delle prestazioni fornite dagli a- derenti, i criteri di ammissione e di esclusione di questi ultimi, i loro obblighi e diritti. Devono essere altresì stabiliti l'obbligo di formazione del bilancio, dal quale devono risultare i beni, i contributi o i lasciti ricevuti, nonché le modalità di approvazione dello stesso da parte dell'assemblea degli aderenti (comma 3 art. 3 L. 266/ 91) Può inoltrare domanda di iscrizione nel Registro Regionale sezione di Livorno l Organizzazione di Volontariato che ha la sede legale all interno del territorio provinciale è costituita ed operante da almeno sei mesi (art. 4, L.R.T. n.28/ 93 e succ. modd.) (tale termine non è richiesto per le Organizzazioni aderenti ad Associazioni o Federazioni regionali o nazionali, aventi sede legale in Toscana, operanti in almeno sei Province) In sezioni separate del Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato potranno essere iscritte (art. 4, 7 /8 c., L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.): le Organizzazioni di Volontariato di cui all art. 13 della L. 266/ 91 (aventi quale fine istituzionale lo svolgimento di attività di cooperazione internazionale allo sviluppo, di protezione civile e di servizio civile sostitutivo);

13 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 11 le Associazioni o federazioni di Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro di altra Regione ed operanti in almeno due Comuni della Regione Toscana. Non possono essere iscritte: le Società commerciali di cui al Cod. Civ.; le Società cooperative di cui al Cod. Civ.; Le Cooperative sociali di cui alla L. 381/ 91; Le Associazioni di promozione sociale di cui alla L. 383/ 00. La documentazione da presentare per ottenere l iscrizione al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato In base all art. 4, della L.R. 28/ 93 e succ. modd., al fine di ottenere l iscrizione presso il Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato (sezione provinciale di Livorno) è necessario presentare: a. Domanda d iscrizione (vedi infra, l apposito modulo), redatta in carta semplice ai sensi dell art. 8, della L. 266/ 91, sottoscritta dal legale rappresentante dell Organizzazione e inviata o consegnata a mano al Protocollo Generale dell Ente. (P.zza Civica, Livorno), indicando sulla busta l Ufficio Qualità Sociale b. Copia dell Atto costitutivo e dello Statuto (più precisamente: per le Organizzazioni riconosciute: copia conforme dell Atto costitutivo e dello Statuto vigenti, nonché copia del provvedimento di riconoscimento giuridico; per le Organizzazioni non riconosciute, se costituite con atto notarile: copia del medesimo; se costituite con semplice scrittura privata: copia della medesima, preferibilmente registrata presso l Ufficio del Registro, debitamente sottoscritta; per le Articolazioni locali di Organizzazioni nazionali o regionali, riconosciute e non, è necessario allegare anche l Atto costitutivo e lo Statuto delle seconde dal quale dovrà espressamente risultare l autonomia dell Articolazione locale stessa. Qualora ciò non risultasse direttamente da tali documenti, la mancata previsione potrà essere supplita attraverso una dichiarazione in tal senso da parte dell Organo nazionale o regionale competente. c. Elenco nominativo dei soggetti che ricoprono le cariche associative (debitamente sottoscritto in calce dal legale rappresentante dell Organizzazione). d. Relazione concernente l attività associativa svolta e quella in programma e Copia del bilancio consuntivo afferente l esercizio finanziario precedente approvato dall Assemblea, con indicati contributi, beni e lasciti, nonché lo Stato patrimoniale (Per quelle Organizzazioni che al momento della presentazione della domanda d iscrizione si trovino nell impossibilità di produrre il bilancio perché recentemente costituite, il Rappresentante legale dovrà redigere e sottoscrivere una dichiarazione nella quale indichi i motivi della mancata produzione del bilancio e contenente l impegno

14 12 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO della predisposizione dello stesso nei modi e nei termini di legge e della successiva presentazione presso gli Uffici competenti della Provincia). f. Dichiarazione sottoscritta dal Rappresentante legale dell Organiz-zazione concernente la determinante prevalenza del numero dei volontari rispetto al numero dei lavoratori dipendenti e dei professionisti convenzionati (tale dichiarazione potrà essere inserita nella descrizione dell attività svolta ed in programma, ma potrà anche essere formulata separatamente ad integrazione della precedente). g. Dichiarazione sottoscritta dal Rappresentante legale dell Organiz-zazione del rispetto, una volta avvenuta l iscrizione, delle norme contenute nell art. 4, della L. 266/ 91, in ordine all assicurazione dei volontari contro gli infortuni e le malattie connesse allo svolgimento dell attività statutaria stessa. La revisione annuale e gli adempimenti per la permanenza dell iscrizione nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato In generale, al di là di quanto disposto dalla Legge regionale in ordine alla cd. Revisione periodica del Registro regionale, le Organizzazioni di Volontariato iscritte, laddove intervengano delle modifiche inerenti l Atto costitutivo e/o lo Statuto, nonché riguardanti tutti quegli elementi connessi all iscrizione nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato, ne dovranno fornire immediata notizia all Ufficio Qualità Sociale della Provincia. Dato il contenuto (e la portata generale) del comma 2, dell art. dell art. 14, della L.R. 28/ 93 e succ. modd., la Provincia potrà sempre svolgere delle verifiche sulla corrispondenza dell attività effettivamente svolta dall Organizzazione di Volontariato iscritta ai principi tipici dell attività di volontariato così come delineati dagli artt. 2 e 3, della Legge 266/ 91 e dall art. 2, della Legge regionale. In base all art. 14, della L.R. 28/ 93 e succ. modd., al fine di consentire la verifica della permanenza dei requisiti in base ai quali è stata disposta l iscrizione nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato, le Organizzazioni di Volontariato iscritte entro il 31 dicembre dell anno precedente, a pena di cancellazione dal Registro stesso, entro il 30 giugno di ogni anno devono: a compilare un Modulo di revisione (in carta semplice: vedi infra l apposito modulo) con relativa sottoscrizione da parte del legale rappresentante dell Organizzazione da inviare o consegnare a mano al Protocollo Generale della Provincia (indicando sulla busta Ufficio Qualità Sociale); b qualora siano intervenute delle modifiche all Atto costitutivo e/o allo Statuto (relative la denominazione,la sede sociale, le norme sull ordinamento e sull amministrazione, i diritti e gli obblighi degli associati, nonché le condizioni della loro ammissione ed espulsione), o in ordine alle cariche associative, produrre copia del verbale di delibera dell Assemblea degli associati dell Organizzazione;

15 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 13 c redigere una sintetica relazione descrittiva in ordine all attività associativa svolta nel precedente anno solare; d produrre copia del Bilancio consuntivo regolarmente approvato dall Assemblea relativo all esercizio finanziario precedente, con indicati contributi, beni e lasciti, nonché lo Stato patrimoniale (Si ricorda che, nel caso in cui l Organizzazione sia sprovvista Qualora la documentazione sopra descritta non venga inviata o consegnata, risulti incompleta o non correttamente formulata, l Ufficio provinciale competente invita l Organizzazione di Volontariato a provvedere entro congruo termine, scaduto il quale, il mancato adempimento sarà motivo di cancellazione dal Registro (art 15, 1 c., L.R. 28/ 93 e succ. modd.). Una volta ricevuta la revisione l Ufficio Qualità Sociale della Provincia verifica la permanenza dei requisiti necessari per il mantenimento dell iscrizione al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato : A tale scopo, apre una fase istruttoria (controllo di legittimità) in cui: controlla che la dichiarazione sia: stata indirizzata alla Provincia territorialmente competente (in base alla sede legale dell Organizzazione, che, come detto, deve essere collocata all interno della Provincia di Livorno); formulata tramite la compilazione del Modulo di revisione del Registro regionale delle Organizzazioni di Volontariato, Sezione provinciale di Livorno (riportato in appendice); regolarmente compilata e debitamente sottoscritta; corredata di tutta la documentazione prescritta. se modificati rispetto al momento dell iscrizione, analizza l Atto costitutivo e lo Statuto verificandone la conformità a quanto prescritto relativamente all iscrizione; avvalendosi della documentazione allegata (e di altri documenti di vario genere che l Ufficio si riserva di richiedere al fine di avere un quadro più completo della situazione di fatto relativa all Organizzazione) valuta il rispetto da parte dell Organizzazione dei principi enunciati agli artt. 2, 3, 5, della L. 266/ 91 ed agli artt. 2 e 3, della L.R. 28/ 93 e succ. modd.; La cancellazione dal registro regionale delle organizzazioni di volontariato In base al comma 1, dell art. 15, della L.R.T. 28/ 93 e succ. modd., si procede alla cancellazione dell Organizzazione di Volontariato dal relativo Registro nel caso di: accertata perdita di uno o più requisiti o condizioni necessarie per l iscrizione; mancata presentazione, entro i termini previsti, della dichiarazione e dei documenti inerenti la cd. revisione annuale ;

16 14 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO mancata presentazione delle informazioni e/o dei documenti suppletivi richiesti per portare a termine la cd. revisione annuale. La cancellazione, in base ad una pratica ormai consolidata, avviene solo se l Organizzazione interessata, dopo il preavviso con cui lo stesso Ufficio competente comunica le ragioni che porteranno all adozione del provvedimento di cancellazione con l invito a porvi rimedio, rimane senza seguito (la diffida, di cui al comma 1, dell art. 15, della L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.,, che nella lettera della Legge è riferita solo alla mancata presentazione dei documenti riguardanti la revisione deve, per ovvi motivi di opportunità, interessare anche la casistica specifica della perdita di uno o più requisiti necessari all iscrizione). La cancellazione, oltre che per i motivi su indicati espressamente previsti dalla Legge, potrà anche avvenire a seguito di espressa richiesta dell Organizzazione di Volontariato (nel qual caso il Rappresentante legale dovrà inoltrare presso l Ufficio in menzione apposita dichiarazione redatta in carta semplice debitamente datata e sottoscritta) e a seguito dello scioglimento della medesima (scioglimento di cui si dovrà dar notizia tramite la presentazione del relativo verbale d Assemblea). La cancellazione è disposta dal Presidente della Provincia con Decreto motivato e comporta per Regione, enti locali ed altri enti pubblici l obbligo di risoluzione dei rapporti convenzionali in atto con l organizzazione stessa (commi 1 e 3 L.R.T.) Ulteriore effetto della cancellazione è la perdita dello status di O.N.LU.S. di diritto e di conseguenza di tutte le agevolazione connesse a tale status. Copia del Decreto di cancellazione, (entro 30 gg. dalla data di adozione), viene comunicato: all Organizzazione interessata al Sindaco del Comune in cui ha sede l Organizzazione al Presidente della Giunta Regionale.per la pubblicazione per estratto sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT). Contro il provvedimento di cancellazione dal Registro è ammesso entro 30 gg dalla data di ricevimento dello stesso il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR.).. 5 Il Cesvot, Centro servizi per il volontariato della Toscana Il CESVOT Centro Servizi Volontariato Toscana è un'associazione di volontariato, fondata sul principio della cittadinanza attiva e responsabile ed aperta alla cultura della solidarietà Il CESVOT opera dal 1997 secondo la normativa nazionale di riferimento (L. 266/91) e si attiene ai principi fondamentali stabiliti nel DM 8/10/97 che determina la nascita dei centri di Servizio in Italia. Pertanto lo scopo del CESVOT e quello di sostenere e qualificare l attività di volontariato. A tal fine eroga le proprie prestazioni sotto forma di servizi a fa-

17 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 15 vore delle organizzazioni di volontariato iscritte e non iscritte nei registri regionali. (art.4 D.M. 8 0ttobre 1997) ed opera grazie al sostegno economico ed organizzativo delle Fondazioni Casse di Risparmio e di enti pubblici In quanto associazione di volontariato, il Cesvot svolge la sua attività sia attraverso una struttura istituzionale formata da volontari sia attraverso una struttura operativa formata da dipendenti e collaboratori retribuiti, offrendo alle oltre associazioni di volontariato presenti sul territorio regionale i seguenti servizi: Formazione Nella complessa realtà del volontariato toscano la formazione rappresenta sempre più un bisogno ed una risorsa. Proprio per rispondere alle necessità del volontariato, il Cesvot promuove e sostiene percorsi formativi che contribuiscano alla crescita tecnica e culturale di tutti coloro che operano nelle associazioni. Lo strumento attraverso il quale le associazioni possono usufruire di questa opportunità è il Bando Progetti di formazione con cadenza annuale. Consulenza e assistenza alla progettazione In genere è tramite i servizi di consulenza che le associazioni stabiliscono il loro primo contatto con il Cesvot. Utilizzando il Numero Verde o rivolgendosi alle Delegazioni territoriali si possono ricevere risposte a quesiti di tipo amministrativo, contabile, fiscale, civilistico, organizzativo, progettuale. Ricerca Il Cesvot svolge attività di ricerca in collaborazione con le Università degli Studi e le Associazioni di volontariato con lo scopo di avere un quadro conoscitivo aggiornato dei bisogni del territorio anche al fine di migliorare e rendere più incisiva la progettazione degli interventi. Documentazione Ogni ente, e quindi anche ogni associazione produce documentazione di vario tipo: documentazione interna, atti di convegni, materiale grafico, pubblicazioni periodiche. Tutto questo esprime la sua identità, la sua memoria storica. In questo senso le associazioni diventano produttrici di cultura e di sapere. Per aiutare a conservare questo patrimonio il Cesvot, attraverso il progetto Retedocu, ha creato una rete dei centri di documentazione, un catalogo on-line ed un servizio di assistenza per le associazioni. Per maggiori informazioni cliccando su Retedocu Informazione Attraverso la Collana I Quaderni, la Collana Briciole, il mensile Plurali ed il periodico News il Cesvot garantisce un flusso costante di notizie, aggiornamenti ed approfondimenti a tutte le associazioni della Toscana. Promozione Il Cesvot cura la promozione delle attività delle associazioni di volontariato, offre sostegno organizzativo ad iniziative specifiche e, attraverso il Bando Percorsi di Innovazione, finanzia progetti di intervento integrati. Il Cesvot promuove ed organizza Convegni, Semi-

18 16 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO nari di aggiornamento e partecipa alle più importanti Rassegne regionali e nazionali del settore. Il CESVOT è una realtà che opera a livello regionale, e che vive nei territori che compongono la Toscana. Per far ciò il CESVOT, si è dotato di una struttura decentrata, la delegazione territoriale, per mezzo della quale viene garantita la diffusione dei servi-zi su tutto il territorio regionale nel rispetto delle realtà locali. Le delegazioni sono 11, presenti in tutti i capo-luoghi di provincia della Toscana e nel circonda-rio di Empoli; si compongono di uffici e sportelli decentrati, collegati alla sede regionale per mezzo di una Intranet aziendale. Arezzo - via G. monaco 25/4, tel , fax Empoli - via Salvagnoli 34, tel ; fax Firenze - via Brunelleschi 1, tel ; fax Grosseto - via Ginori 19, tel. /fax Livorno - via degli Asili 35, tel ; fax Lucca - via Catalani 158, tel/fax Massa Carrara - via Carriola 44, tel ; fax Pisa - via Sancasciani 6, tel/fax Pistoia - via San Bartolomeo 13/15, tel Prato - via Campioni 35, tel ; fax Siena - via Battisti 11, tel/fax Il sito sempre aggiornato, permette di conoscere identità, attività, organigramma, servizi, bandi e progetti in corso. Attraverso il sito è possibile consultare gli archivi di tutte le pubblicazioni, l area Primo Piano con notizie di attualità e di servizio. I visitatori possono liberamente accedere al servizio Rassegna stampa on-line.

19 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO Le Associazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale di Volontariato articolazione di Livorno Zona LIVORNESE A.D.A. - Associazione per i diritti degli Anziani Decreto iscrizione D.P. n. 277 del Sede legale Scali Manzoni, 29/31 (sede provvisoria) Città - cap LIVORNO Telefono Fax Orario di apertura giovedì (escluso i festivi): Sociale Segreteria sociale Progetti realizzati e in anziani Progetto Vacanze marine per anziani su spiagge sabbiose (litorale Calambrone - Tirrenia) Progetto Il nonno a tutela dei minori Partecipazione a tutte le Commissioni socio-sanitarie nelle Circoscrizioni 1, 3, 5 Funzionamento della segreteria a disposizione per informazioni su leggi vigenti - sanità - pensioni aperta al pubblico tutti i giovedì (escluso i festivi): Protocollo d Intesa con medici privati, gabinetti e studi medici, gabinetti di anilisi, ematochimici, radiologici, strutture medico-sanitarie private a favore degli anziani Protocollo d Intesa con la Cooperativa Sociale Comunità d Impegno per assistenza agli anziani Partecipazione alla Consulta dell Handicap Protocollo d Intesa con alcune farmacie di Livorno per sconti particolari su prodotti di fascia C a favore di anziani

20 18 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO A.GE.DO Decreto iscrizione D.P. n. 13 del Sede legale Via S. Fortunata, 31 c/o Banchi Fiori Città - cap LIVORNO Telefono Orario di apertura Su appuntamento per colloqui Sociale, sanitario Ascolto telefonico; supporto psicologico; mediazione familiare; servizio di prevenzione al disagio Famiglie e ragazzi/e nel periodo del - Progetto Il sesso degli Angeli con Ars Nova Corali, Lila, P24 - Progetto natura per non vedenttorre del Lago Protetta in collaborazione con Lila, P24, USL, Arcigay - Intercultura e identità di genere Ascolto Interventi scolastici Prestiti libri Organizzazione di momenti informativi e di sensibilizzazione all intervento di associazioni, movimenti, partiti Collaborazione con CIAF del Comune di LIvorno

Il sottoscritto/a Presidente/legale rappresentante pro-tempore dell Organizzazione di Volontariato denominata

Il sottoscritto/a Presidente/legale rappresentante pro-tempore dell Organizzazione di Volontariato denominata (Intestazione dell Associazione) Al Presidente dell Amministrazione Provinciale di Lucca Oggetto: Domanda di iscrizione alla Sez. provinciale del Registro Regionale del Volontariato (legge di 11.08.1991

Dettagli

Nato/a. Via n. CAP. Codice fiscale. tel. fax cell. E-mail PEC

Nato/a. Via n. CAP. Codice fiscale. tel. fax cell. E-mail PEC (Logo/Intestazione dell'associazione) PROVINCIA DI PISA Servizio Lavoro e sociale U.O. Promozione del Terzo Settore Via C. Battisti 14 ( La Stecca) 56125 PISA (PI) Oggetto: domanda di iscrizione alla Sezione

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO denominata

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO denominata ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO denominata Data Oggetto: Trasmissione moduli per la revisione annuale del registro regionale delle organizzazioni di volontariato (art. 14 L.R.T. n. 28/93 e successive modifiche).anno

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SEZIONE PROVINCIALE DI SIENA DEL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO (legge n. 266/91, L.R. 28/93 e L.R. n.

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SEZIONE PROVINCIALE DI SIENA DEL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO (legge n. 266/91, L.R. 28/93 e L.R. n. DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA SEZIONE PROVINCIALE DI SIENA DEL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO (legge n. 266/91, L.R. 28/93 e L.R. n.29/96) Al Presidente della Provincia di Siena Piazza Amendola 29 53100

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI. (Approvato con Deliberazione di C.C. n. del ) 1 INDICE

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo... Le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...29 Procedura per l iscrizione...31

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato

Le organizzazioni di volontariato ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Le organizzazioni di volontariato Requisiti per diventare organizzazione di volontariato...17 Il registro regionale delle organizzazioni di volontariato:...18 Procedura per

Dettagli

Per i diritti dei cittadini. una rete a sostegno dei più deboli

Per i diritti dei cittadini. una rete a sostegno dei più deboli Per i diritti dei cittadini una rete a sostegno dei più deboli Una rete per i diritti un servizio per i cittadini Cesvot e Difensore civico regionale hanno siglato nel 2011 un protocollo d intesa con l

Dettagli

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Settore Servizi Sociali e Cultura REGOLAMENTO COMUNALE PER l ISTITUZIONE DELL Albo delle Associazioni E PER I Rapporti con le Associazioni Approvato con

Dettagli

C H I E D E. l iscrizione al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato - sezione provinciale di dell Organizzazione sopra indicata.

C H I E D E. l iscrizione al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato - sezione provinciale di dell Organizzazione sopra indicata. Al Presidente della Provincia di Oggetto: Domanda di iscrizione alla Sez. Provinciale del Registro Regionale del Volontariato (L. 11.08.1991, n. 266; L.R.T. 26.04.1993, n. 28 e successive modifiche). Il

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO ITACA ASTI S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO ITACA ASTI S T A T U T O 1//7 S T A T U T O Art. 1 Costituzione, denominazione, sede e durata. a E costituita in Asti l Associazione di Volontariato denominata e più avanti chiamata Associazione, con sede legale in Asti in via

Dettagli

AL PRESIDENTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PRATO

AL PRESIDENTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PRATO Denominazione Associazione Sede Comune AL PRESIDENTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PRATO Oggetto: Domanda di iscrizione alla Sezione Provinciale del Registro Regionale del Volontariato (L.n. 266

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI CASTRO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.46 del 30.10.2013) INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Donatori di sangue liceo A.Vallisneri ART. 1- l Associazione di volontariato donatori di sangue liceo A.Vallisneri più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata) Spett.le Comune di Trezzo sull Adda Servizio cultura, sport, politiche giovanili Via Roma 5 20056 Trezzo sull Adda OGGETTO: CENSIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI LOCALI Nome dell Associazione, Nome e Cognome del

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL VOLONTARIATO

COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL VOLONTARIATO COMUNE DI FOSSO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL VOLONTARIATO TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO Art.1 - Principi ispiratori L Amministrazione Comunale conferisce al presente

Dettagli

COMUNE DI CASARILE Provincia di Milano REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI CASARILE Provincia di Milano REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI CASARILE Provincia di Milano REGOLAMENTO DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 18 febbraio 2013 CAPO I PROMOZIONE DELL ASSOCIAZIONISMO Art.

Dettagli

Il sottoscritto. Presidente/Legale Rappresentante pro-tempore dell Organizzazione di Volontariato denominata. Con sede legale nel Comune di Fraz.

Il sottoscritto. Presidente/Legale Rappresentante pro-tempore dell Organizzazione di Volontariato denominata. Con sede legale nel Comune di Fraz. RISERVATO ALL UFFICIO Comune Provincia N. progressivo archivio da citare nella corrispondenza Dec./Del. N del (Intestazione dell Associazione) Data, Oggetto: Domanda di iscrizione alla Sez. Provinciale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SGUARDI DI LUCE ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: SGUARDI DI LUCE Associazione di genitori, familiari di bambini e ragazzi

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 867 DELL 8 MAGGIO 2014 Regolamento per la tenuta del Registro generale del volontariato organizzato di cui all articolo 5 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE

PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE PROGETTI DI LEGGE REGIONALI DI PARTICOLARE INTERESSE Regione Piemonte Proposta di legge regionale d iniziativa consiliare Oggetto n. 248 Istituzione dell anagrafe degli eletti Con il presente progetto

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MUSEO DELLA CULTURA CONTADINA DI CASORE DEL MONTE- MARLIANA - PT Art. 1- L Associazione di volontariato Museo della Cultura Contadina più avanti chiamata per

Dettagli

Cesvot insieme a Crescit per promuovere il Servizio Civile Regionale nelle associazioni. SERVIZIO CIVILE

Cesvot insieme a Crescit per promuovere il Servizio Civile Regionale nelle associazioni. SERVIZIO CIVILE Cesvot insieme a Crescit per promuovere il Servizio Civile Regionale nelle associazioni. SERVIZIO CIVILE Cesvot insieme a CRESCIT per promuovere il SERVIZIO CIVILE REGIONALE nelle Associazioni foto di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Data, Al Presidente dell Amministrazione Provinciale di Arezzo

Data, Al Presidente dell Amministrazione Provinciale di Arezzo (spazio riservato all intestazione), Al Presidente dell Amministrazione Provinciale di Arezzo Oggetto: Domanda di iscrizione alla Sezione Provinciale del Registro Regionale del Volontariato (L.n 266 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento delle Associazioni Art. 1 - Finalità del regolamento 1. Il Comune di Tavernerio riconosce ed afferma il valore delle libere e autonome Associazioni e degli organismi di

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Art. 1 Denominazione e logo dell Associazione pag. 3 Art. 2 Scopi

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO D. N. A DIRITTI - NATURA - ANIMALI S T A T U T O Art. 1 Denominazione E costituita l Associazione di volontariato denominata D. N. A DIRITTI NATURA ANIMALI, con sede in VaglioBasilicata,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Eccomi Eccomi 1 ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: Eccomi assume la forma giuridica di associazione apartitica e aconfessionale.

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Definizione delle modalità per l iscrizione nel Registro regionale delle Associazioni di promozione sociale, modalità di cancellazione e modalità per la revisione del Registro regionale. L.R.

Dettagli

CONVENZIONE. TRA L Amministrazione Provinciale di Pesaro Servizio Politiche Sociali E

CONVENZIONE. TRA L Amministrazione Provinciale di Pesaro Servizio Politiche Sociali E COORDINAMENTO E SOSTEGNO DELLE ATTIVITA TRASVERSALI: ATTIVITA DI PREVENZIONE PRESSO GLI ISTITUTI SCOLASTICI E PERCORSI INTEGRATIVI AL SERVIZIO DI SOLLIEVO TERRITORIALE( MODULI PROGETTUALI DI FANO, PESARO,

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto

Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto 1. Premessa 2. Scheda generale 3. Modalità di iscrizione 4. Segreteria dell Albo 5. Inserimento e cancellazione nell Albo 6. Struttura 1. PREMESSA

Dettagli

BANDO SPORT ANNO 2015

BANDO SPORT ANNO 2015 BANDO SPORT ANNO 2015 Pubblicato il 02.03.2015 Premessa La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena è una Fondazione di diritto privato ai sensi dell art. 2 comma 1 del Decreto Legislativo n. 153 del 17/05/1999.

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI REGOLAMENTO COMUNALE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO E DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. ART. 1 FINALITA 1. Ai sensi

Dettagli

STATUTO ART. 1. Denominazione e sede

STATUTO ART. 1. Denominazione e sede STATUTO ART. 1 Denominazione e sede È costituita l Associazione di volontariato denominata Associazione WWF Molise con sede in Campobasso. L'Associazione è democratica, persegue esclusivamente finalità

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FI- NANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di tipo culturale denominata MAD EVENTI con sede in Lucca, frazione Monte San Quirico, Via

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione di C.C. n. 12 del 19/04/2001 ART. 1 FINALITA 1. Il Comune di Carugate riconosce

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto)

Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto) Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) 1. In attuazione dei principi della Costituzione italiana e della Carta dei diritti fondamentali

Dettagli

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991

STATUTO. PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 Approvato dalla assemblea dei soci del 18.2.2012 STATUTO PUPPY WALKER onlus Associazione di volontariato ex L. 266/1991 ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. E costituita

Dettagli

A.I.C.S. - Solidarietà

A.I.C.S. - Solidarietà STATUTO ART.1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E costituita l Associazione Regionale fra Comitati Provinciali della Toscana dell A.I.C.S. che operano nel campo delle attività culturali, sportive e sociali

Dettagli

CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO STATUTO

CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO STATUTO CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO Art. 1 STATUTO Il circolo Legambiente della Valle d Aosta è costituito ad Aosta, con sede in via delle Betulle

Dettagli

Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale

Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale Statuto dell'associazione Culturale di Promozione Sociale Articolo 1 TITOLO I - Denominazione - Sede Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana, in ossequio a quanto previsto dagli artt.36

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE Domande più frequenti 57 DOMANDE PIÙ FREQUENTI Domande più frequenti Domande più frequenti L obiettivo di questa sezione è tentare di dare delle risposte, in modo semplice e discorsivo, alle domande che

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Presidente/Legale rappresentante pro-tempore dell Associazione di Promozione Sociale. Località/Comune Prov. Cap. Via/Piazza n.

Presidente/Legale rappresentante pro-tempore dell Associazione di Promozione Sociale. Località/Comune Prov. Cap. Via/Piazza n. Allegato A DOMANDA D ISCRIZIONE AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Articolazione Provinciale di Prato (legge regionale 9 dicembre 2002, n.42 Regolamento provinciale approvato

Dettagli

Comune di Termini Imerese. Regolamento Albo Comunale delle Associazioni. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del

Comune di Termini Imerese. Regolamento Albo Comunale delle Associazioni. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del Comune di Termini Imerese Regolamento Albo Comunale delle Associazioni Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del I N D I C E Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell Albo Art. 3 Requisiti

Dettagli

Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO

Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO Associazione Famiglie Persone con Disabilità I.R.P.E.A. Padova (organizzazione di volontariato) STATUTO 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: «Associazione Famiglie

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LA RETE MAGICA - Amici per l Alzheimer e il Parkinson

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LA RETE MAGICA - Amici per l Alzheimer e il Parkinson STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LA RETE MAGICA - Amici per l Alzheimer e il Parkinson Art.1 Costituzione, denominazione e sede 1. E costituita con sede in Forlì, l Associazione di volontariato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI D.A. n.835 del 31.3.2004 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE AUTONOMIE LOCALI ISTITUZIONE DEL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ

Dettagli

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO PRO LOCO ADEMPIMENTI CIVILISTICI E TRIBUTARI Dott. Raffaele De Spirito 1 Norme di carattere civilistico: - Art. 36 e segg. del Cod. Civ. Norme di carattere tributario: - Art. 4 e 19 ter del D.P.R. n. 633/72

Dettagli

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA Art. 1) Denominazione È costituita l Associazione denominata Associazione Veneti a Milano O.N.L.U.S. Art. 2) Sede L Associazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 102 del 04/08/2015 OGGETTO: CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SASSUOLO E L'A.V.I.S. COMUNALE DI SASSUOLO - ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE APPROVAZIONE

Dettagli

STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione)

STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione) STATUTO APPROVATO 30.04.2014 ASSOCIAZIONE UNITI PER CRESCERE ONLUS ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE ART.1 (Denominazione, sede, comunicazione) E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa

Dettagli

Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36)

Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36) Legge regionale 29 agosto 1994, n. 38. Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36) Il Consiglio regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. IL

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese TITOLO I RAPPORTI CON L ASSOCIAZIONISMO ART. 1: Principi e finalità Il Comune riconosce e promuove il valore culturale, di solidarietà e di promozione sociale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO IO ARRIVO PRIMA. Art. 1 DENOMINAZIONE E SCOPI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO IO ARRIVO PRIMA. Art. 1 DENOMINAZIONE E SCOPI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO IO ARRIVO PRIMA Art. 1 DENOMINAZIONE E SCOPI L Associazione di volontariato IO ARRIVO PRIMA, più avanti chiamata per brevità Associazione, si uniforma ai principi

Dettagli

STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991

STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991 STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991 ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE. L organizzazione di volontariato, denominata: Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Genova -

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi)

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DALLA PARTE DEI PICCOLI

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DALLA PARTE DEI PICCOLI STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DALLA PARTE DEI PICCOLI ART. 1- l Associazione di volontariato Dalla parte dei piccoli, più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in Lucca, Via Nicola

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione FARE ABA 2. 2. L Associazione è apartitica, con durata illimitata, nel tempo e senza scopo di lucro.

Dettagli

promozione sociale Le associazioni e le associazioni di Requisiti per diventare associazioni...28 Articolazione del registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni e le associazioni di Requisiti per diventare associazioni...28 Articolazione del registro dell associazionismo... Le associazioni e le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazioni...28 Articolazione del registro dell associazionismo...30 Procedura per l

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO PARCO. E costituita a Valdieri (CN) l Associazione di volontariato

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO PARCO. E costituita a Valdieri (CN) l Associazione di volontariato STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO PARCO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata E costituita a Valdieri (CN) l Associazione di volontariato denominata AMICO PARCO, con sede legale

Dettagli

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12)

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) Settore: Regione: Materia: Codici regionali Liguria ordinamento ed organizzazione Sommario

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli