GUIDA AL VOLONTARIATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AL VOLONTARIATO"

Transcript

1 PROVINCIA DI LIVORNO ASSESSORATO ALLA QUALITÀ SOCIALE GUIDA AL VOLONTARIATO le Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale. Articolazione provinciale di Livorno OSSERVATORIO PER LE POLITICHE Provincia di Livorno

2

3 Le Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale articolazione provinciale di Livorno

4 La Guida al Volontariato è stata realizzata dall Ufficio Qualità sociale, Unità di servizio 4.1- Provincia di Livorno via Marradi 116, telefono 0586/ fax. 0586/264626, : Stampa: Media Print, Livorno

5 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 3 Sommario 1. Introduzione Presentazione della Guida Il Terzo settore. Il ruolo del volontariato La Provincia e le sue funzioni: il registro delle Organizzazioni di Volontariato Il Cesvot, Centro servizi per il volontariato della Toscana Le Associazioni iscritte al Registro suddivise per zona socio-sanitaria Appendice: - normativa modulistica numeri e riferimenti utili

6

7 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 5. 1 Introduzione Questa guida nasce con l intenzione di dare voce alle Organizzazioni di Volontariato in virtù del ruolo sempre più rilevante che esse svolgono nella nostra società. Le Istituzioni infatti si trovano sempre più spesso a collaborare con il mondo del no profit tanto che il Terzo settore è divenuto a tutti gli effetti un soggetto attivo nella programmazione e attuazione delle politiche di solidarietà e di integrazione sociale, soprattutto per la indiscutibile carica motivazionale che caratterizza il loro operare. La Provincia, grazie alle competenze affidategli da Leggi nazionali e regionali ha un rapporto costante e privilegiato con i soggetti del Terzo settore, specie per la sua funzione nella tenuta dei Registri regionali, articolati provincialmente. Ci è sembrato doveroso, pertanto, nell ambito delle attività di studio e ricerca dell Osservatorio sociale, avviare un lavoro attraverso il quale presentare i soggetti del Terzo settore impegnati sul territorio della Provincia di Livorno. La Guida al Volontariato è pertanto il primo di questa serie di approfondimenti al quale seguiranno quelli relativi alle Associazioni di promozione sociale e alle Cooperative sociali. Si tratta di uno strumento semplice, di facile consultazione che con l aiuto delle Associazioni può essere migliorato ed aggiornato. Il Volontariato ispirandosi ad una cultura del farsi carico diffonde quotidianamente lo spirito di solidarietà attraverso le attività dei volontari nei vari settori: sanitario sociale, protezione civile, beni culturali, beni ambientali, volontariato internazionale e via dicendo, svolgendo una funzione anche educativa dato chei attiva azioni di promozione e di crescita dei cittadini. L augurio, dunque, è che questa guida porti non solo ad una maggiore conoscenza di coloro che donano il loro tempo nell interesse della comunità, ma anche ad una diffusione della cultura della solidarietà che spinga anche altri cittadini ad avvicinarsi al mondo del Volontariato. La Vice presidente della Provincia di Livorno Assessore alla Qualità sociale Monica Giuntini

8 6 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO. 2 Presentazione della Guida La Guida al volontariato della Provincia di Livorno è rivolta a tutti i cittadini che vogliono conoscere la realtà del volontariato nella nostra Provincia, offrendo una mappatura di quelle Organizzazioni che operano sul territorio nello spirito di gratuità e solidarietà che le caratterizza. Per questo nella strutturazione della Guida si è inteso lasciare spazio alle singole Associazioni, dando loro modo di presentarsi attraverso una scheda sintetica che fornisse le indicazioni principali sulla loro attività, ampliando così le informazioni pubblicate sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. Grazie all attività di sportello che effettua quotidianamente l Ufficio è stato possibile raccogliere le indicazioni e suggerimenti degli stessi volontari, a seguito delle quali è sembrato importante inserire nella guida una serie di informazioni utili sulla normativa di riferimento e sull iscrizione al Registro regionale di cui la Provincia è articolazione territoriale, nonché indicare schematicamente i referenti ed i numeri utili per coloro che si operano nel mondo del Volontariato. È doveroso ringraziare le Organizzazioni di volontariato che rispondendo alla nostra richiesta hanno permesso di raccogliere le informazioni necessarie, soprattutto perché il tempo dei volontari è estremamente prezioso e pertanto la loro collaborazione è estremamente gradita. Preme, inoltre, ringraziare il settore Comunicazione del Cesvot regionale e la delegazione provinciale del Cesvot di Livorno, che hanno offerto la loro disponibilità alla collaborazione e condiviso le finalità di questa Guida nella quale hanno contribuito con un paragrafo dedicato. Un sentito ringraziamento, infine, va alla dr.ssa Sonia Antonini, collaboratrice dell Ufficio Qualità sociale, che ha curato la stesura finale della Guida con particolare accuratezza e precisione. Provincia di Livorno Unità di Servizio 4.1, Cultura, Istruzione, Museo, Qualità sociale e Sport Dirigente dr. Paolo Dini Ufficio Qualità sociale Dr.ssa Caterina Tocchini, Sig.ra Laura Cantini, Sig. Pierluigi Dodoli Via Marradi 116, Livorno Tel. 0586/264628/23/25 - Fax 0586/ :

9 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 7. 3 Il Terzo settore. Il ruolo del volontariato La definizione di Terzo settore viene utilizzata per individuare tutto ciò che si differenzia sia dalla sfera pubblica (Stato, Regioni, Enti locali, altri enti) che da quella privata, ossia dal mercato (o dall impresa così come definita dalla legge). Con tale termine viene identificato un universo molto vasto, composto da soggetti disomogenei che hanno però in comune la capacità di sviluppare nuove offerte per rispondere alla domanda di servizi che né lo Stato né il privato sono in grado di soddisfare: e a conferire volontariamente risorse produttive (lavoro, capitale, attività imprenditoriale) per dare una risposta a questi bisogni. I settori di attività che interessano il Terzo sono: - assistenza sociale, sanitaria e socio-sanitaria; - beneficenza; - istruzione; - formazione; - sport dilettantistico; - tutela e valorizzazione dei beni di interesse storico artistico; - tutela e valorizzazione dell ambiente; - promozione della cultura e dell arte; - tutela dei diritti civili; - ricerca scientifica di particolare interesse sociale Le formazioni del terzo settore che con più frequenza coinvolgono i cittadini nella loro attività e stabiliscono rapporti più articolati e costanti con le pubbliche amministrazioni sono: le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale, le cooperative sociale. Le organizzazioni di volontariato sono disciplinate dalla legge quadro n. 266/1991 e dalla L.R.T. n. 28/ 93, (successivamente modificata dalla L.R.T. n. 29/ 96). L attività di volontariato è l attività personale, spontanea, gratuita e senza fini di lucro anche indiretto, esclusivamente per fini di solidarietà, prestata per il tramite dell organizzazione di appartenenza. La Legge-quadro n. 266/ 91 definisce organizzazione di volontariato:..ogni organismo liberamente costituito al fine di svolgere l attività di cui all art.2 che si avvalga in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti. Il comma 2, aggiunge che Le organizzazioni di volontariato possono assumere la forma giuridica che ritengono più adeguata al perseguimento dei loro fini, salvo il limite di compatibilità con lo scopo solidaristico. In senso ampio può ritenersi associazione di volontariato qualsiasi associazione composta unicamente da soci volontari, che pertanto prestino il proprio apporto all associazione in modo assolutamente gratutito senza percepire alcun tipo di retribuzione nemmeno per via indiretta.

10 8 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO In realtà va detto che ormai da anni, in seguito all approvazione della legge n.266/91, viene chiamata associazione di volontariato, in senso più tecnico, solo ogni associazione che sia iscritta, o che quantomeno possa astrattamente iscriversi, ai registri previsti dalla suddetta normativa e dalle successive normative regionali che hanno recepito i principi sanciti dalla legge n.266/91. Per la Toscana bisogna far riferimento, in merito, alla Legge Regionale n.28/93 e succ. modd.. 4 La Provincia e le sue funzioni: il registro delle Organizzazioni di Volontariato Vantaggi e obblighi dell iscrizione In base al comma 1, dell art. 6, della L. 266/ 91, l istituzione e la tenuta del Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato sono disciplinate dalla Legge regionale: La Toscana ha istituito il proprio Registro con la L.R. n. 28/ 93, (successivamente modificata dalla L.R. 29/ 96). La normativa regionale (1 c., art. 4, L.R. 28/ 93 e succ. modd.) ha istituito un Registro regionale articolato in sezioni provinciali, attribuendo, così, al Presidente della Provincia la potestà in ordine all iscrizione ed alle relative procedure collegate (art. 14: Revisione periodica del registro regionale art. 15: Cancellazione dal registro regionale ). Il comma 3, dell art. 6, della Legge-quadro dispone che Hanno diritto ad essere i- scritte nei registri le organizzazioni di volontariato che abbiano i requisiti di cui all art. 3 e che alleghino alla richiesta copia dell atto costitutivo e dello statuto o degli accordi degli aderenti. I Vantaggi dell iscrizione sono molteplici in effetti le Organizzazioni regolarmente iscritte: - possono beneficiare di specifiche agevolazioni fiscali (art. 8, L. 266/ 91); - possono accedere ai contributi pubblici erogati dai vari Enti territoriali e non (c. 2, art. 6, L. 266/ 91); - possono stipulare convenzioni con lo Stato, le Regioni, le Province autonome, gli Enti locali territoriali e gli altri Enti pubblici (art. 7, L. 266/ 91); - possono accettare donazioni e lasciti testamentari (con beneficio d inventario) di beni da destinare esclusivamente al conseguimento delle finalità istituzionali (c. 2, art. 5, L. 266/ 91); - possono far parte della Consulta Regionale del Volontariato (art. 7, L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.); - possono partecipare a livello consultivo alla programmazione degli interventi nei settori in cui esse intervengono (lett. b), c. 2, art. 10, L. 266/ 91);

11 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 9 - possono elaborare progetti sperimentali da sottoporre, per eventuale finanziamento (parziale o totale), all Osservatorio Nazionale per il Volontariato (art. 12, L. 266/ 91); - possono organizzare corsi di formazione, avvalendosi di un contributo pubblico, per i propri volontari (art. 8, L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.); - possono avvalersi (al pari delle altre Organizzazioni di volontariato non iscritte) del diritto all informazione ed all accesso dei documenti amministrativi dello Stato, in base alle disposizioni del capo V, della L. 241/ 90 (art. 11, L. 266/ 91); - possono avere accesso a titolo gratuito ai risultati delle ricerche ed alla documentazione in possesso della Giunta Regionale (art. 9, L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.); - possono avvalersi della flessibilità dell orario di lavoro da parte dei loro volontari (art. 17, L. 266/ 91); - acquisiscono automaticamente la qualifica di ONLUS. (cd. ONLUS. di diritto ) (senza necessità di adeguamento del proprio Atto costitutivo e del proprio Statuto alla normativa di riferimento) godendo così del particolare regime fiscale di favore riconosciuto a tale categoria (c. 8, art. 10, D. Lgs. 460/ 97 Circolare del Ministero delle Finanze n. 127/E, del 19 maggio 1998). Oltre ai vantaggi vi sono alcuni Obblighi, difatti le Organizzazioni regolarmente iscritte: - devono assicurare i propri aderenti, che prestano attività di volontariato, contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento dell attività stessa, nonché per la responsabilità civile verso i terzi (art. 4, L. 266/ 91); - devono conservare la documentazione relativa alle entrate di cui al comma 1, dell art. 5, con l indicazione nominativa dei soggetti eroganti (comma 7, art. 6, L. 266/ 91); - devono comunicare alla Provincia presso la quale hanno ottenuto l iscrizione al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato (indipendentemente dalla cd. Revisione annuale prevista all art. 14 della L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.: vedi infra) ogni modifica intervenuta in ordine all Atto Costitutivo ed allo Statuto o all Accordo degli aderenti (comprese le variazioni riguardanti la sede legale); - devono inviare alla Provincia, entro il 30 giugno di ogni anno, tutte le informazioni relative alla cd. Revisione periodica del Registro Regionale (permanenza dei requisiti in base ai quali è stata disposta l iscrizione: art. 14, L.R. 28/ 93 e succ. modd.). Come avviene l iscrizione Per poter ottenere l iscrizione presso il Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato (articolato a livello provinciale), l Organizzazione dovrà essere senza scopo di lucro, non essere occasionale ma essere dotata di una strutturati stabile costituita al fine di svolgere attività solidaristiche prevalentemente rivolte alla generalità della popolazione (e

12 10 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO non esclusivamente agli associati) che si esplicano in azioni volte alla prevenzione ed alla rimozione di situazioni di bisogno (in ambito sociale, sanitario, civile e culturale) della persona umana e della collettività o in servizi di rilevante interesse sociale (v.art 3 L. 266/91 e art. 3 L.R.T. 28/93) L Organizzazione di Volontariato per il perseguimento dei fini statutari deve: avvalersi in modo determinante e prevalente delle attività prestate dai propri associati in forma volontaria, libera e gratuita (non sono ammesse le prestazioni di lavoratori dipendenti o autonomi salvo che nella misura in cui siano necessarie al regolare funzionamento dell Organizzazione stessa o per lo svolgimento di attività per cui sia richiesta una specifica professionalità); utilizzare le seguenti risorse economiche: contributi degli aderenti; contributi di privati; contributi dello Stato, di enti o di istituzioni pubbliche finalizzati esclusivamente al sostegno di specifiche e documentate attività o progetti; contributi di organismi internazionali; donazioni e lasciti testamentari; rimborsi derivanti da convenzioni; entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali. Negli accordi degli aderenti, nell'atto costitutivo o nello statuto, oltre a quanto disposto dal codice civile per le diverse forme giuridiche che l'organizzazione assume, devono essere espressamente previsti l'assenza di fini di lucro, la democraticità della struttura, l'elettività e la gratuità delle cariche associative nonché la gratuità delle prestazioni fornite dagli a- derenti, i criteri di ammissione e di esclusione di questi ultimi, i loro obblighi e diritti. Devono essere altresì stabiliti l'obbligo di formazione del bilancio, dal quale devono risultare i beni, i contributi o i lasciti ricevuti, nonché le modalità di approvazione dello stesso da parte dell'assemblea degli aderenti (comma 3 art. 3 L. 266/ 91) Può inoltrare domanda di iscrizione nel Registro Regionale sezione di Livorno l Organizzazione di Volontariato che ha la sede legale all interno del territorio provinciale è costituita ed operante da almeno sei mesi (art. 4, L.R.T. n.28/ 93 e succ. modd.) (tale termine non è richiesto per le Organizzazioni aderenti ad Associazioni o Federazioni regionali o nazionali, aventi sede legale in Toscana, operanti in almeno sei Province) In sezioni separate del Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato potranno essere iscritte (art. 4, 7 /8 c., L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.): le Organizzazioni di Volontariato di cui all art. 13 della L. 266/ 91 (aventi quale fine istituzionale lo svolgimento di attività di cooperazione internazionale allo sviluppo, di protezione civile e di servizio civile sostitutivo);

13 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 11 le Associazioni o federazioni di Organizzazioni di Volontariato iscritte al Registro di altra Regione ed operanti in almeno due Comuni della Regione Toscana. Non possono essere iscritte: le Società commerciali di cui al Cod. Civ.; le Società cooperative di cui al Cod. Civ.; Le Cooperative sociali di cui alla L. 381/ 91; Le Associazioni di promozione sociale di cui alla L. 383/ 00. La documentazione da presentare per ottenere l iscrizione al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato In base all art. 4, della L.R. 28/ 93 e succ. modd., al fine di ottenere l iscrizione presso il Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato (sezione provinciale di Livorno) è necessario presentare: a. Domanda d iscrizione (vedi infra, l apposito modulo), redatta in carta semplice ai sensi dell art. 8, della L. 266/ 91, sottoscritta dal legale rappresentante dell Organizzazione e inviata o consegnata a mano al Protocollo Generale dell Ente. (P.zza Civica, Livorno), indicando sulla busta l Ufficio Qualità Sociale b. Copia dell Atto costitutivo e dello Statuto (più precisamente: per le Organizzazioni riconosciute: copia conforme dell Atto costitutivo e dello Statuto vigenti, nonché copia del provvedimento di riconoscimento giuridico; per le Organizzazioni non riconosciute, se costituite con atto notarile: copia del medesimo; se costituite con semplice scrittura privata: copia della medesima, preferibilmente registrata presso l Ufficio del Registro, debitamente sottoscritta; per le Articolazioni locali di Organizzazioni nazionali o regionali, riconosciute e non, è necessario allegare anche l Atto costitutivo e lo Statuto delle seconde dal quale dovrà espressamente risultare l autonomia dell Articolazione locale stessa. Qualora ciò non risultasse direttamente da tali documenti, la mancata previsione potrà essere supplita attraverso una dichiarazione in tal senso da parte dell Organo nazionale o regionale competente. c. Elenco nominativo dei soggetti che ricoprono le cariche associative (debitamente sottoscritto in calce dal legale rappresentante dell Organizzazione). d. Relazione concernente l attività associativa svolta e quella in programma e Copia del bilancio consuntivo afferente l esercizio finanziario precedente approvato dall Assemblea, con indicati contributi, beni e lasciti, nonché lo Stato patrimoniale (Per quelle Organizzazioni che al momento della presentazione della domanda d iscrizione si trovino nell impossibilità di produrre il bilancio perché recentemente costituite, il Rappresentante legale dovrà redigere e sottoscrivere una dichiarazione nella quale indichi i motivi della mancata produzione del bilancio e contenente l impegno

14 12 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO della predisposizione dello stesso nei modi e nei termini di legge e della successiva presentazione presso gli Uffici competenti della Provincia). f. Dichiarazione sottoscritta dal Rappresentante legale dell Organiz-zazione concernente la determinante prevalenza del numero dei volontari rispetto al numero dei lavoratori dipendenti e dei professionisti convenzionati (tale dichiarazione potrà essere inserita nella descrizione dell attività svolta ed in programma, ma potrà anche essere formulata separatamente ad integrazione della precedente). g. Dichiarazione sottoscritta dal Rappresentante legale dell Organiz-zazione del rispetto, una volta avvenuta l iscrizione, delle norme contenute nell art. 4, della L. 266/ 91, in ordine all assicurazione dei volontari contro gli infortuni e le malattie connesse allo svolgimento dell attività statutaria stessa. La revisione annuale e gli adempimenti per la permanenza dell iscrizione nel registro regionale delle organizzazioni di volontariato In generale, al di là di quanto disposto dalla Legge regionale in ordine alla cd. Revisione periodica del Registro regionale, le Organizzazioni di Volontariato iscritte, laddove intervengano delle modifiche inerenti l Atto costitutivo e/o lo Statuto, nonché riguardanti tutti quegli elementi connessi all iscrizione nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato, ne dovranno fornire immediata notizia all Ufficio Qualità Sociale della Provincia. Dato il contenuto (e la portata generale) del comma 2, dell art. dell art. 14, della L.R. 28/ 93 e succ. modd., la Provincia potrà sempre svolgere delle verifiche sulla corrispondenza dell attività effettivamente svolta dall Organizzazione di Volontariato iscritta ai principi tipici dell attività di volontariato così come delineati dagli artt. 2 e 3, della Legge 266/ 91 e dall art. 2, della Legge regionale. In base all art. 14, della L.R. 28/ 93 e succ. modd., al fine di consentire la verifica della permanenza dei requisiti in base ai quali è stata disposta l iscrizione nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato, le Organizzazioni di Volontariato iscritte entro il 31 dicembre dell anno precedente, a pena di cancellazione dal Registro stesso, entro il 30 giugno di ogni anno devono: a compilare un Modulo di revisione (in carta semplice: vedi infra l apposito modulo) con relativa sottoscrizione da parte del legale rappresentante dell Organizzazione da inviare o consegnare a mano al Protocollo Generale della Provincia (indicando sulla busta Ufficio Qualità Sociale); b qualora siano intervenute delle modifiche all Atto costitutivo e/o allo Statuto (relative la denominazione,la sede sociale, le norme sull ordinamento e sull amministrazione, i diritti e gli obblighi degli associati, nonché le condizioni della loro ammissione ed espulsione), o in ordine alle cariche associative, produrre copia del verbale di delibera dell Assemblea degli associati dell Organizzazione;

15 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 13 c redigere una sintetica relazione descrittiva in ordine all attività associativa svolta nel precedente anno solare; d produrre copia del Bilancio consuntivo regolarmente approvato dall Assemblea relativo all esercizio finanziario precedente, con indicati contributi, beni e lasciti, nonché lo Stato patrimoniale (Si ricorda che, nel caso in cui l Organizzazione sia sprovvista Qualora la documentazione sopra descritta non venga inviata o consegnata, risulti incompleta o non correttamente formulata, l Ufficio provinciale competente invita l Organizzazione di Volontariato a provvedere entro congruo termine, scaduto il quale, il mancato adempimento sarà motivo di cancellazione dal Registro (art 15, 1 c., L.R. 28/ 93 e succ. modd.). Una volta ricevuta la revisione l Ufficio Qualità Sociale della Provincia verifica la permanenza dei requisiti necessari per il mantenimento dell iscrizione al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato : A tale scopo, apre una fase istruttoria (controllo di legittimità) in cui: controlla che la dichiarazione sia: stata indirizzata alla Provincia territorialmente competente (in base alla sede legale dell Organizzazione, che, come detto, deve essere collocata all interno della Provincia di Livorno); formulata tramite la compilazione del Modulo di revisione del Registro regionale delle Organizzazioni di Volontariato, Sezione provinciale di Livorno (riportato in appendice); regolarmente compilata e debitamente sottoscritta; corredata di tutta la documentazione prescritta. se modificati rispetto al momento dell iscrizione, analizza l Atto costitutivo e lo Statuto verificandone la conformità a quanto prescritto relativamente all iscrizione; avvalendosi della documentazione allegata (e di altri documenti di vario genere che l Ufficio si riserva di richiedere al fine di avere un quadro più completo della situazione di fatto relativa all Organizzazione) valuta il rispetto da parte dell Organizzazione dei principi enunciati agli artt. 2, 3, 5, della L. 266/ 91 ed agli artt. 2 e 3, della L.R. 28/ 93 e succ. modd.; La cancellazione dal registro regionale delle organizzazioni di volontariato In base al comma 1, dell art. 15, della L.R.T. 28/ 93 e succ. modd., si procede alla cancellazione dell Organizzazione di Volontariato dal relativo Registro nel caso di: accertata perdita di uno o più requisiti o condizioni necessarie per l iscrizione; mancata presentazione, entro i termini previsti, della dichiarazione e dei documenti inerenti la cd. revisione annuale ;

16 14 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO mancata presentazione delle informazioni e/o dei documenti suppletivi richiesti per portare a termine la cd. revisione annuale. La cancellazione, in base ad una pratica ormai consolidata, avviene solo se l Organizzazione interessata, dopo il preavviso con cui lo stesso Ufficio competente comunica le ragioni che porteranno all adozione del provvedimento di cancellazione con l invito a porvi rimedio, rimane senza seguito (la diffida, di cui al comma 1, dell art. 15, della L.R.T. 28/ 93 e succ. modd.,, che nella lettera della Legge è riferita solo alla mancata presentazione dei documenti riguardanti la revisione deve, per ovvi motivi di opportunità, interessare anche la casistica specifica della perdita di uno o più requisiti necessari all iscrizione). La cancellazione, oltre che per i motivi su indicati espressamente previsti dalla Legge, potrà anche avvenire a seguito di espressa richiesta dell Organizzazione di Volontariato (nel qual caso il Rappresentante legale dovrà inoltrare presso l Ufficio in menzione apposita dichiarazione redatta in carta semplice debitamente datata e sottoscritta) e a seguito dello scioglimento della medesima (scioglimento di cui si dovrà dar notizia tramite la presentazione del relativo verbale d Assemblea). La cancellazione è disposta dal Presidente della Provincia con Decreto motivato e comporta per Regione, enti locali ed altri enti pubblici l obbligo di risoluzione dei rapporti convenzionali in atto con l organizzazione stessa (commi 1 e 3 L.R.T.) Ulteriore effetto della cancellazione è la perdita dello status di O.N.LU.S. di diritto e di conseguenza di tutte le agevolazione connesse a tale status. Copia del Decreto di cancellazione, (entro 30 gg. dalla data di adozione), viene comunicato: all Organizzazione interessata al Sindaco del Comune in cui ha sede l Organizzazione al Presidente della Giunta Regionale.per la pubblicazione per estratto sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT). Contro il provvedimento di cancellazione dal Registro è ammesso entro 30 gg dalla data di ricevimento dello stesso il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR.).. 5 Il Cesvot, Centro servizi per il volontariato della Toscana Il CESVOT Centro Servizi Volontariato Toscana è un'associazione di volontariato, fondata sul principio della cittadinanza attiva e responsabile ed aperta alla cultura della solidarietà Il CESVOT opera dal 1997 secondo la normativa nazionale di riferimento (L. 266/91) e si attiene ai principi fondamentali stabiliti nel DM 8/10/97 che determina la nascita dei centri di Servizio in Italia. Pertanto lo scopo del CESVOT e quello di sostenere e qualificare l attività di volontariato. A tal fine eroga le proprie prestazioni sotto forma di servizi a fa-

17 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO 15 vore delle organizzazioni di volontariato iscritte e non iscritte nei registri regionali. (art.4 D.M. 8 0ttobre 1997) ed opera grazie al sostegno economico ed organizzativo delle Fondazioni Casse di Risparmio e di enti pubblici In quanto associazione di volontariato, il Cesvot svolge la sua attività sia attraverso una struttura istituzionale formata da volontari sia attraverso una struttura operativa formata da dipendenti e collaboratori retribuiti, offrendo alle oltre associazioni di volontariato presenti sul territorio regionale i seguenti servizi: Formazione Nella complessa realtà del volontariato toscano la formazione rappresenta sempre più un bisogno ed una risorsa. Proprio per rispondere alle necessità del volontariato, il Cesvot promuove e sostiene percorsi formativi che contribuiscano alla crescita tecnica e culturale di tutti coloro che operano nelle associazioni. Lo strumento attraverso il quale le associazioni possono usufruire di questa opportunità è il Bando Progetti di formazione con cadenza annuale. Consulenza e assistenza alla progettazione In genere è tramite i servizi di consulenza che le associazioni stabiliscono il loro primo contatto con il Cesvot. Utilizzando il Numero Verde o rivolgendosi alle Delegazioni territoriali si possono ricevere risposte a quesiti di tipo amministrativo, contabile, fiscale, civilistico, organizzativo, progettuale. Ricerca Il Cesvot svolge attività di ricerca in collaborazione con le Università degli Studi e le Associazioni di volontariato con lo scopo di avere un quadro conoscitivo aggiornato dei bisogni del territorio anche al fine di migliorare e rendere più incisiva la progettazione degli interventi. Documentazione Ogni ente, e quindi anche ogni associazione produce documentazione di vario tipo: documentazione interna, atti di convegni, materiale grafico, pubblicazioni periodiche. Tutto questo esprime la sua identità, la sua memoria storica. In questo senso le associazioni diventano produttrici di cultura e di sapere. Per aiutare a conservare questo patrimonio il Cesvot, attraverso il progetto Retedocu, ha creato una rete dei centri di documentazione, un catalogo on-line ed un servizio di assistenza per le associazioni. Per maggiori informazioni cliccando su Retedocu Informazione Attraverso la Collana I Quaderni, la Collana Briciole, il mensile Plurali ed il periodico News il Cesvot garantisce un flusso costante di notizie, aggiornamenti ed approfondimenti a tutte le associazioni della Toscana. Promozione Il Cesvot cura la promozione delle attività delle associazioni di volontariato, offre sostegno organizzativo ad iniziative specifiche e, attraverso il Bando Percorsi di Innovazione, finanzia progetti di intervento integrati. Il Cesvot promuove ed organizza Convegni, Semi-

18 16 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO nari di aggiornamento e partecipa alle più importanti Rassegne regionali e nazionali del settore. Il CESVOT è una realtà che opera a livello regionale, e che vive nei territori che compongono la Toscana. Per far ciò il CESVOT, si è dotato di una struttura decentrata, la delegazione territoriale, per mezzo della quale viene garantita la diffusione dei servi-zi su tutto il territorio regionale nel rispetto delle realtà locali. Le delegazioni sono 11, presenti in tutti i capo-luoghi di provincia della Toscana e nel circonda-rio di Empoli; si compongono di uffici e sportelli decentrati, collegati alla sede regionale per mezzo di una Intranet aziendale. Arezzo - via G. monaco 25/4, tel , fax Empoli - via Salvagnoli 34, tel ; fax Firenze - via Brunelleschi 1, tel ; fax Grosseto - via Ginori 19, tel. /fax Livorno - via degli Asili 35, tel ; fax Lucca - via Catalani 158, tel/fax Massa Carrara - via Carriola 44, tel ; fax Pisa - via Sancasciani 6, tel/fax Pistoia - via San Bartolomeo 13/15, tel Prato - via Campioni 35, tel ; fax Siena - via Battisti 11, tel/fax Il sito sempre aggiornato, permette di conoscere identità, attività, organigramma, servizi, bandi e progetti in corso. Attraverso il sito è possibile consultare gli archivi di tutte le pubblicazioni, l area Primo Piano con notizie di attualità e di servizio. I visitatori possono liberamente accedere al servizio Rassegna stampa on-line.

19 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO Le Associazioni di Volontariato iscritte al Registro Regionale di Volontariato articolazione di Livorno Zona LIVORNESE A.D.A. - Associazione per i diritti degli Anziani Decreto iscrizione D.P. n. 277 del Sede legale Scali Manzoni, 29/31 (sede provvisoria) Città - cap LIVORNO Telefono Fax Orario di apertura giovedì (escluso i festivi): Sociale Segreteria sociale Progetti realizzati e in anziani Progetto Vacanze marine per anziani su spiagge sabbiose (litorale Calambrone - Tirrenia) Progetto Il nonno a tutela dei minori Partecipazione a tutte le Commissioni socio-sanitarie nelle Circoscrizioni 1, 3, 5 Funzionamento della segreteria a disposizione per informazioni su leggi vigenti - sanità - pensioni aperta al pubblico tutti i giovedì (escluso i festivi): Protocollo d Intesa con medici privati, gabinetti e studi medici, gabinetti di anilisi, ematochimici, radiologici, strutture medico-sanitarie private a favore degli anziani Protocollo d Intesa con la Cooperativa Sociale Comunità d Impegno per assistenza agli anziani Partecipazione alla Consulta dell Handicap Protocollo d Intesa con alcune farmacie di Livorno per sconti particolari su prodotti di fascia C a favore di anziani

20 18 Provincia di Livorno - GUIDA AL VOLONTARIATO A.GE.DO Decreto iscrizione D.P. n. 13 del Sede legale Via S. Fortunata, 31 c/o Banchi Fiori Città - cap LIVORNO Telefono Orario di apertura Su appuntamento per colloqui Sociale, sanitario Ascolto telefonico; supporto psicologico; mediazione familiare; servizio di prevenzione al disagio Famiglie e ragazzi/e nel periodo del - Progetto Il sesso degli Angeli con Ars Nova Corali, Lila, P24 - Progetto natura per non vedenttorre del Lago Protetta in collaborazione con Lila, P24, USL, Arcigay - Intercultura e identità di genere Ascolto Interventi scolastici Prestiti libri Organizzazione di momenti informativi e di sensibilizzazione all intervento di associazioni, movimenti, partiti Collaborazione con CIAF del Comune di LIvorno

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli