SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE"

Transcript

1 SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico ad elevato bit rate; il capostipite dei sistemi xdsl fu il sistema di linea DSL (Digital Subscriber Line) relativo all accesso base ISDN (644 Kbit/s a casa dell utente, considerando i due canali a 64 Kbit/s e quello a 16 Kbit/s). Alla fine degli anni 80 l ANSI avviò la definizione del sistema HDSL (High bit-rate DSL) per la trasmissione di flussi T1 (1,544 Mbit/s) per distanze di 3-4 km senza rigeneratori. Analogamente l ETSI nel 1992 avviò la definizione di sistemi HDSL a 2,048 Mbit/s utilizzando 1, 2 o 3 coppie simmetriche fino a distanze di 4 km. L esigenza era la fornitura rapida di linee di capacità DS1 (1,544 o 2,048 Mbit/s) ad utenze affari con il requisito dell economicità del sistema (assenza di rigeneratori fino a distanze di 3-4 km dalla centrale, assenza della necessità di bonifica e aggiornamento delle linee); il fattore abilitante è stata la disponibilità di DSP programmabili sempre più potenti con scale di integrazione sempre più spinte. Nel 1995 l ANSI, in seguito alla nascita di standard efficienti (MPEG) per la codifica video e grazie alla rapida diffusione di Internet, propose di utilizzare il doppino telefonico per la fornitura di servizi multimediali e interattivi all utenza residenziale: nacque, così, l ADSL (Asimmetric DSL) con capacità dalla rete verso il cliente (flusso downstream) maggiore di quella in senso opposto (flusso upstream). Il segnale video numerico è stato compresso a bit-rate relativamente basse, partendo da sistemi che superavano i 100 Mbit/s: il video numerico senza compressione ha un bit-rate molto elevato tenendo conto che il segnale video analogico ha una banda di 6 MHz che deve essere campionato almeno con una frequenza di campionamento di 12 MHz; ogni campione deve essere campionato almeno con 8 bit: ecco perché si superano i 100 Mbit/s! Grazie alle tecniche di compressione sofisticate che sono state introdotte in quegli anni si è passati dai 100 Mbit/s ai 2 Mbit/s (MPEG-2) e fino a 1 Mbit/s (MPEG-4). Cioè il canale video numerico occupa una banda inferiore a quella del canale video analogico e ciò ha permesso di scaricare più canali video numerici con una banda pari a quella di un canale video analogico. La trasmissione xdsl su coppie simmetriche utilizza una banda che va da alcune decine di KHz a qualche decina di MHz. I principali parametri che condizionano le prestazioni dei sistemi xdsl sono: L attenuazione della coppia, cioè l attenuazione del doppino telefonico ( ha un andamento parabolico all aumentare della frequenza) di cui abbiamo già parlato; Le caratteristiche di diafonia del cavo che aumenta all aumentare della frequenza: ricordiamo infatti che l attenuazione di diafonia intrinseca tra circuito disturbante e disturbato diminuisce all aumentare della frequenza e quindi la diafonia aumenta; La presenza di disturbi impulsivi (errori a burst). Per questi motivi il doppino telefonico è stato utilizzato per basse frequenze: volendo estendere la banda del doppino telefonico si avrà, a causa dei parametri precedenti, una diminuzione della lunghezza del collegamento. La tabella seguente ci mostra le caratteristiche di alcuni dei sistemi della famiglia xdsl. Il codice di linea permette di utilizzare il doppino al bit-rate corrispondente: 2B1Q significa che si passa dal sistema binario a quello quaternario (a 2 bit si associa un simbolo), e così via. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 146

2 Osserviamo anche che aumentando la banda del doppino telefonico diminuisce la lunghezza del collegamento. Oggi il sistema SDSL utilizza 4 coppie pertanto la velocità di cifra dalla centrale al cliente e viceversa è di 4x2320 Kbit/s. SISTEMA ADSL Il sistema ADSL di prima generazione permette la trasmissione su singola coppia simmetrica (doppino telefonico) di: - un canale dalla rete al cliente (flusso downstream) di capacità tra 1 e 10 Mbit/s ; - un canale dal cliente verso la rete (flusso upstream) di capacità tra 64 kbit/s e 1 Mbit/s; - un segnale di telefonia analogica ( Hz) ed uno di teleconteggio (12 khz), mediante l impiego di POTS splitter. Questo è lo schema che sintetizza il tutto: dalla centrale telefonica in particolare dall autocommutatore telefonico parte il segnale telefonico che viene inviato allo Splitter dove arriva anche il segnale dati che parte dal DSLAM (DSL ACCESS MULTIPLEXER). Il flusso telefonico e dati viaggia sul doppino telefonico e arriva a casa dell utente, dove si trova un altro splitter che separa il segnale telefonico dal segnale dati: il segnale dati va verso l interfaccia ADSL TERMINATOR --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 147

3 UNIT, mentre il segnale telefonico ha come interfaccia il telefono. Il seguente schema è analogo al precedente: in più mette in evidenza che al Multiplex di centrale per trasmissione dati possono arrivare diversi tipi di flussi: - STM Mbit/s - E3 flusso plesiocrono a 140 Mbit/s - Flusso ottico (Passive Optical Network) che può arrivare o tramite cavo coassiale o tramite fibra ottica. Una caratteristica importante dei sistemi ADSL è la possibilità di adattare la frequenza di cifra dei flussi downstream e upstream, con due modalità distinte: 1) impostando i flussi ad una delle velocità permesse (funzionalità multi-rate); 2) stabilendo durante la fase di inizializzazione le condizioni ottimali di funzionamento in base alle caratteristiche del canale trasmissivo (modalità rate-adaptive). Per trasmettere ad alta bit-rate su coppie simmetriche occorre ottimizzare l utilizzo della banda mediante tecniche di modulazione ad alta efficienza spettrale che garantiscono tasso di errore inferiore a La tecnica di modulazione oggi utilizzata per i sistemi ADSL è la tecnica DMT (Discrete MultiTone). La banda del doppino telefonico viene suddivisa in un certo numero di sottobande (256 sottobande), ognuna delle quali ha una larghezza di banda di circa 4 KHz. Ciò significa che ogni sottobanda presenta una attenuazione che si può considerare costante; ciò comporta assenza o diminuzione teorica delle distorsioni: si evita così l introduzione di equalizzatori che sono molto costosi. Inoltre i vari flussi vengono suddivisi in diversi sotto-flussi in funzione delle caratteristiche della sottobanda che deve essere utilizzata per il trasporto dei dati. Per esempio se ho una sottobanda x che presenta un attenuazione maggiore rispetto ad una sottobanda y, allora nella sottobanda x invierò un flusso a bit-rate più basso rispetto a quello che potrò inviare nella sottobanda y. La tecnica DMT, come già accennato prima, è di tipo multiportante in cui si suddivide il flusso in ingresso in 256 flussi paralleli ciascuno dei quali modula in tecnica QAM una delle 256 sottoportanti: osserviamo che il numero N dei punti della costellazione è funzione delle caratteristiche della sottobanda stessa. La figura sottostante mette in evidenza che se il SNR varia al variare della frequenza, varia anche il numero di bit per sottocanale. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 148

4 Le caratteristiche peculiari dei sistemi DMT per ADSL sono: - Trasmissione in tecnica QAM su ogni sottobanda con efficienza spettrale massima di bit/s/hz; - Sottoportanti di eguale ampiezza spettrale ed equispaziate tra loro di 4,3125 khz, per permettere un impiego quasi ottimo della capacità del canale. - Realizzazione completamente numerica della mo/demodulazione tramite algoritmi di trasformata veloce diretta e inversa di Fourier (FFT e IFFT); - Livello nominale uniforme della densità spettrale di potenza trasmessa, pari a 40 dbm/hz in downstream e 38 dbm/hz in upstream. I sistemi HDSL utilizzano una tecnica di modulazione diversa: la tecnica CAP (Carrierless AM/PM). Essa è derivata dalla modulazione QAM con le stesse prestazioni e occupazione di banda, inoltre l ortogonalità dei rami in fase ed in quadratura è ottenuta con un filtro di Hilbert; la rateadaptivity è gestita con differenti dimensioni della costellazione e differenti velocità di segnalazione. Analizziamo ora la struttura della banda occupata dal sistema ADSL di prima generazione. Nella figura di seguito sono stati rappresentati i due flussi downstream ed upstream: per il canale telefonico analogico la banda netta va da 300 a 3400 Hz ed è simmetrica sia per downstream che per upstream. La banda 12 KHz è riservata al teleconteggio in downstream; quindi abbiamo la parte asimmetrica per la trasmissione dati: da 26 KHz fino a circa 100 KHz in upstream mentre la banda successiva che arriva fino a 1104 KHz è in downstream. La banda in downstream è sensibilmente maggiore di quella in upstream proprio perché è stato previsto che il flusso dati dalla rete al cliente sia sensibilmente maggiore rispetto a quello dal cliente alla rete. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 149

5 La figura che segue ci spiega che è possibile avere un accesso base ISDN, con conseguente traslazione in avanti dei flussi upstream e downstream. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 150

6 E anche possibile utilizzare dei sistemi ADSL con cancellatore d eco, che consentono la sovrapposizione parziale delle bande upstream e downstream. FUNZIONI DI TRASPORTO ADSL La capacità del modem ADSL è divisa tra: 4 canali simplex downstram (AS0-AS3), 3 canali simplex upstram o duplex (LS0-LS2), un canale di servizio O&M. I canali AS0 e LS0 (simplex) sono obbligatori. Ogni canale ha una capacità programmabile a multipli di 32 kbit/s ( solo LS0 può essere impostato a 16 kbit/s). La tabella seguente indica l allocazione di sottocanali per il trasporto di flussi con modalità sincrona nel caso d impiego dei soli sottocanali AS0 e LS0. Nel caso di impiego di tutti i sottocanali, la tabella da considerare è la seguente: --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 151

7 Osserviamo che con massima velocità di cifra allocabile si vuole indicare la massima velocità raggiungibile con quel sistema nelle migliori condizioni esterne (per esempio traffico, distanza del collegamento ecc.). SISTEMI UADSL E uno standard creato per ridurre i costi che ogni utente deve sostenere per l installazione: UADSL sta per Universal ADSL, ADSL.lite o G.lite (denominazione ITU-T) ed indica un sistema ADSL senza POTS splitter lato utente: ciò consente all utente di usufruire dell ADSL senza avere bisogno dell intervento del tecnico che provveda ad inserire lo splitter. E sufficiente che l utente stesso inserisca in una qualunque presa telefonica un NT (Network Terminator) ADSL. Le capacità ottenibili sono circa 1.5 Mbit/s downstream e 300 kbit/s upstram. SISTEMA VDSL (Very high bit-rate DSL) E la soluzione ottimale di accesso a larga banda su doppino in rame dalla terminazione ottica di rete (ONU) alla sede del cliente: cioè dall armadietto di distribuzione dove arriva la fibra ottica a casa dell utente. Tale sistema consente di raggiungere velocità di cifra fino ad alcune decine di Mbit/s: il suo limite è la distanza di collegamento, nettamente inferiore a quella dell ADSL. Un --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 152

8 ulteriore vantaggio del VDSL è che permette di condividere il doppino con i servizi a banda stretta (POTS o ISDN). Il Working Group ETSI TM6 ha definito le specifiche funzionali del sistema VDSL ed ha stabilito due classi di velocità, A ed S, da utilizzarsi rispettivamente per la fornitura di servizi Asimmetrici e Simmetrici. La banda di trasmissione VDSL ha come limite inferiore un valore compreso tra 300 e 600 khz, mentre il limite superiore può raggiungere MHz, imponendo l utilizzazione di metodi di allocazione dei segnali nei due versi che evitino i disturbi per paradiafonia. Per separare i due versi di trasmissione, sono proposte due soluzioni: FDD (Frequency Division Duplex) e TDD (Time Division Duplex) che sono schematizzate in figura. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 153

9 Importante è la seguente schematizzazione delle massime velocità VDSL impiegabili in funzione della lunghezza del doppino di utente. Per ogni distanza sono indicati i dati relativi prima ad una connessione asimmetrica e poi ad una connessione simmetrica! CONCLUSIONI I sistemi HDSL sono utilizzati per la realizzazione di collegamenti diretti numerici a 2,048 (o 1,544) Mbit/s, mentre i sistemi ADSL si stanno imponendo come una valida soluzione per permettere la fornitura di accessi ad alta velocità a reti ATM e IP e di servizi di video numerico commutato. La soluzione VDSL è ancora in fase di sviluppo e di standardizzazione internazionale; alcune realizzazioni preliminari hanno permesso di rilevare che le soluzioni individuate sono realizzabili. --- SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI --- SISTEMI XDSL 154

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line ADSL: asymmetric DSL SDSL: symmetric DSL HDSL: High-data-rate DSL VDSL: Very high DSL E una tecnologia utilizzata per fornire

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame

Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame xdsl Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame LORENZO MAGNONE LAMBERTO PETRINI La trasmissione numerica su coppie simmetriche in rame costituisce uno dei principali elementi

Dettagli

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Aspetti generali della tecnologia xdsl Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Il DSLAM 10.2 Genericamente le tecnologie

Dettagli

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl)

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) xdsl = diverse tecniche di trasmissione numerica su doppino telefonico DSL = Digital Subscriber Line (Linea d Utente Numerica) Un sistema xdsl

Dettagli

ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni

ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia GENERALITÀ Soluzione proposta per la realizzazione

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 4: Tecnologie xdsl Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/39 Tecnologie xdsl di nuova generazione Le tecniche

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento DHCP Dynamic Host Configuration Protocol 09CDUdc Reti di Calcolatori DHCP! RFC 2131, 2132! Protocollo client/server per configurare dinamicamente gli host di una rete! Permette l allocazione automatica

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 4: Tecnologie xdsl Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Dall accesso POTS alla banda larga su doppino A.A.

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche (seconda parte) Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/22 Il doppino

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI

RETI DI TELECOMUNICAZIONI Corso di Studi in Ing. delle Telecomunicazioni LAUREA in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI RETI DI TELECOMUNICAZIONI Stefano Giordano Lezione n.17n Reti a collegamento diretto: soluzioni xdsl,, HFC, FTTB

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA

TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA Corso di Tecniche e Sistemi di Trasmissione Fissi e Mobili TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA Prof. Carlo Regazzoni RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI [1] Z. Papir, A. Simmonds, Competing

Dettagli

Unbundling e xdsl. Mario Baldi

Unbundling e xdsl. Mario Baldi Unbundling e xdsl Mario Baldi Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

Cosa significano xdsl e ADSL? cavo coassiale

Cosa significano xdsl e ADSL? cavo coassiale 1 di 8 15/09/2009 22.47 Oggetto: divertiti Da: "nrgimpiantitecnici" Data: Fri, 11 Sep 2009 20:20:05 +0200 A: "mirko potter" Cosa significano xdsl e ADSL? Il

Dettagli

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee.

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee. Pagina 1 di 10 Collegamenti telefonici analogici via modem Modem per collegamenti telefonici analogici La modulazione consiste nel modificare lo spettro di frequenze del segnale informativo digitale (codifica

Dettagli

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s Precisiamo i innanzitutto it tt DUE NOZIONI 1. Banda a livello 1 2. Bit rate (frequenza di cifra) BANDA (LIVELLO FISICO) È riferita al dominio delle frequenze Si misura in Hz Banda di un segnale Banda

Dettagli

Modulazione CAP (Carrierless Amplitude/Phase modulation).

Modulazione CAP (Carrierless Amplitude/Phase modulation). Sistemi xdsl Pag 1 Schema a blocchi generale del sistema ADSL Lato centrale Lato utente Downstream DTE Servers Network ATU-C LOOP PLANT ATU-R Customer Interace Modules Upstream Linea ADSL Collegamento

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

LA TECNOLOGIA ADSL PER L'ACCESSO AD INTERNET HowTo

LA TECNOLOGIA ADSL PER L'ACCESSO AD INTERNET HowTo LA TECNOLOGIA ADSL PER L'ACCESSO AD INTERNET HowTo versione 1.0 Ottobre 2006 a cura di (Francesco Crescentini) revisioni: v. 1.0 prima versione Sirti S.p.A. Via Stamira d'ancona, 9 20127 Milano retro della

Dettagli

Modem analogici. Modem Rete Modem

Modem analogici. Modem Rete Modem xdsl Modem analogici Linea telefonica Linea telefonica Modem Rete Modem Il canale telefonico ha una banda di circa 3,3 KHz ( tra 300 Hz e 3.400 Hz). I modem utilizzano tale banda per trasmettere i dati

Dettagli

La rete in rame di Telecom Italia: caratteristiche e potenzialità per lo sviluppo delle tecnologie xdsl.

La rete in rame di Telecom Italia: caratteristiche e potenzialità per lo sviluppo delle tecnologie xdsl. ACCESSO La rete in rame di Telecom Italia: caratteristiche e potenzialità per lo sviluppo delle tecnologie xdsl. PAOLO IMPIGLIA FABIO LAURENTI LORENZO MAGNONE ROSARIA PERSICO L articolo richiama al lettore

Dettagli

Tecnologia ADSL. Che cos è l ADSL. Origini: ADSL e xdsl. Percorsi di informatica

Tecnologia ADSL. Che cos è l ADSL. Origini: ADSL e xdsl. Percorsi di informatica Che cos è l ADSL Tecnologia ADSL ADSL è l'acronimo di Asymmetric Digital Subscriber Line. È una vera e propria rivoluzione per la connessione di aziende e privati al Web, impensabile fino a qualche tempo

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Connettività in Italia

Connettività in Italia Connettività in Italia Tipologie di connettività per clienti business e consumer Dott. Emiliano Bruni Tipologie di connettività PSTN ISDN CDA CDN Frame Relay ADSL HDSL Satellite Wireless Punto-punto Wireless

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Rete di accesso in rame Pag 1

Rete di accesso in rame Pag 1 Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche Rete di accesso in rame Pag 1 Tecnologie per l ultimo miglio Parametri di una linea trasmissiva in rame I 0 Cellula elementare I x G V 0 l g r c V x Linea

Dettagli

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso Reti di Accesso Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l ultima tratta di rete viene detta rete d accesso ( local loop in inglese) Tecnologie nelle reti di accesso: Plain

Dettagli

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica Novembre 2003 Reti e Sistemi Telematici - 2 Topologia generica di rete a commutazione di circuito Il livello fisico Gruppo Reti TLC giancarlopirani@telecomitaliait http://wwwtelematicapolitoit/ A B X C

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Scaricatori di sovratensioni. Telecomunicazioni e linee dati

Scaricatori di sovratensioni. Telecomunicazioni e linee dati Scaricatori di sovratensioni Telecomunicazioni e linee dati Guida alla scelta Protezione di reti telefoniche PSTN (Public Switched Telephone Network) e xdsl (Digital Subscriber Line) PSTN è una rete telefonica

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni. Livello Fisico

Reti di Telecomunicazioni. Livello Fisico Reti di Telecomunicazioni Livello Fisico Autori Queste slides sono state scritte da MicheleMichelotto michele.michelotto@pd.infn.it che ne detiene i diritti a tutti gli effetti 2 Copyright Notice Queste

Dettagli

Reti ottiche di accesso

Reti ottiche di accesso Reti in Fibra Ottica Reti ottiche di accesso (ultimi aggiornamenti: Giugno 2012) By R. Gaudino Roberto Gaudino 1.1 Situazione ad oggi (2012) delle reti di accesso Si intende per rete di accesso la parte

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Prof. Roberto De Prisco TEORIA - Lezione 4 Multiplexing Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare l

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione -04: Multiplexing Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco Un singolo utente (del canale) potrebbe non utilizzare tutta la capacità Lasciare

Dettagli

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione

Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -04: Multiplexing Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Il problema 04.2 Utilizzo efficiente del canale di comunicazione Un singolo utente

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

2) individui il numero "n" di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica;

2) individui il numero n di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica; ESAME DI STATO Istituto Tecnico Industriale Anno 2004 Indirizzo ELETTRONICI Tema di TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici

Dettagli

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici Reti di accesso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2009/2010 Reti di accesso (1) Reti di accesso Architettura di rete

Dettagli

TECNOLOGIA DSL 56 Kb al secondo 128 Kb

TECNOLOGIA DSL 56 Kb al secondo 128 Kb TECNOLOGIA DSL 1 TECNOLOGIA DSL Internet è ormai divenuto strumento di comunicazione essenziale sia a livello residenziale che aziendale. La diffusione di massa che ne ha caratterizzato l evoluzione ha

Dettagli

Sistemi xdsl. Giacinto Gelli

Sistemi xdsl. Giacinto Gelli Sistemi xdsl Giacinto Gelli Dipartimento di Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni, Università degli Studi di Napoli Federico II, via Claudio 21, I-80125, Napoli, Italy E-mail: gelli@unina.it

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Università Cà Foscari di Venezia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Corso: Reti di calcolatori. Tecnologia ADSL

Università Cà Foscari di Venezia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Corso: Reti di calcolatori. Tecnologia ADSL Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso: Reti di calcolatori Autore: Meggiato Alberto Matricola: 817987 a.a 2010/2011 23 novembre 2010 2 di 21 Indice 1 La 5 1.1 Introduzione....................................

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Amaro, venerdì 10 aprile 2015 David Licursi Direttore Divisione Telecomunicazioni INDICE TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA LA BANDA LARGA SUL TERRITORIO

Dettagli

Introduzione alle Tecnologie per la Rete di Accesso

Introduzione alle Tecnologie per la Rete di Accesso Introduzione alle Tecnologie per la Rete di Accesso F.Zanier, M.Luise 5/01/008 6.0 Rete di trasporto e rete d accesso (ultimo miglio) In ogni rete di grandi dimensioni, è individuabile una sezione di accesso

Dettagli

Lezione 28 Maggio I Parte

Lezione 28 Maggio I Parte Lezione 28 Maggio I Parte La volta scorsa abbiamo fatto un analisi dei fenomeni di diafonia e avevamo trovato che per la diafonia vicina il valore medio del quadrato del segnale indotto dalla diafonia

Dettagli

CONEXANT PRESENTA IL PRIMO CHIPSET ADSL OTTALE DOTATO DI FRONT END ANALOGICO MONOCHIP E LINE DRIVER A BASSO CONSUMO

CONEXANT PRESENTA IL PRIMO CHIPSET ADSL OTTALE DOTATO DI FRONT END ANALOGICO MONOCHIP E LINE DRIVER A BASSO CONSUMO CONEXANT PRESENTA IL PRIMO CHIPSET ADSL OTTALE DOTATO DI FRONT END ANALOGICO MONOCHIP E LINE DRIVER A BASSO CONSUMO Il chipset riduce il costo totale del sistema e semplifica il design della scheda, mentre

Dettagli

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica goffredo.cerquozzi@tin.it 31 gennaio 2008 Villa Mondragone Monte Porzio Catone RETE IN RAME Centrale borchia cavetto di raccordo armadio di distribuzione altri

Dettagli

Le Tecnologie di Accesso. VI WORKSHOP del GARR

Le Tecnologie di Accesso. VI WORKSHOP del GARR Le Tecnologie di Accesso Fabrizio Ferri/Valentino Carcione VI WORKSHOP del GARR Roma 18 Novembre 2005 PREMESSA Esigenza di valutare nuove tecnologie di accesso per soddisfare la nuova tipologia di utenti

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

TRASMISSIONI ANALOGICHE E DIGITALI SU DOPPINO TELEFONICO

TRASMISSIONI ANALOGICHE E DIGITALI SU DOPPINO TELEFONICO TRASMISSIONI ANALOGICHE E DIGITALI SU DOPPINO TELEFONICO D.I.B.E. - Università di Genova 80 DOPPINO TELEFONICO: CARATTERISTICHE GENERALI DELLA LINEA DI TRASMISSIONE La linea telefonica è costituita essenzialmente

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Tecnologie e potenzialità della banda larga

Tecnologie e potenzialità della banda larga Tecnologie e potenzialità della banda larga Unione degli Industriali di Pordenone 1 febbraio 2010 Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine Pier Luca Montessoro

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

DSL: UNA FAMIGLIA DI SISTEMI TRASMISSIVI PER L ACCESSO AI SERVIZI A BANDA LARGA

DSL: UNA FAMIGLIA DI SISTEMI TRASMISSIVI PER L ACCESSO AI SERVIZI A BANDA LARGA DSL: UNA FAMIGLIA DI SISTEMI TRASMISSIVI PER L ACCESSO AI SERVIZI A BANDA LARGA Lo sviluppo di Internet ha prodotto una serie di servizi innovativi per le diverse fasce d utenti che annunciano profondi

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 2 Tecnologie su portante metallica 1 Indice Rete di accesso Accesso fonia Collegamenti telefonici analogici (V.21 300 b/s - - V.34 28,8 kb/s - V.90 56kb/s)

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche (seconda parte) Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/32 Il doppino

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

SIENA - 25 Giugno 2007 Francesco Petiti

SIENA - 25 Giugno 2007 Francesco Petiti LA TECNOLOGIA ADSL - Asymmetric Digital Subscriber Line SIENA - 25 Giugno 2007 Francesco Petiti Indice Il servizio ADSL Evoluzione dei modem UTP POTS-Band Modem Non POTS-Band Modem Problematiche e vincoli

Dettagli

Livello Fisico rappresentazione dell informazione

Livello Fisico rappresentazione dell informazione Reti di calcolatori mezzi trasmissivi Prof.ssa Simonetta Balsamo Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari di Venezia balsamo@dsi.unive.it http://www.dsi.unive.it/~reti Livello fisico L'informazione

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte.

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte. M86 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Sessione ordinaria 004 Seconda prova scritta CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: TELECOMUNICAZIONI (Testo valevole

Dettagli

Il livello fisico. Topologia generica di rete a commutazione di circuito

Il livello fisico. Topologia generica di rete a commutazione di circuito Novembre 2004 Reti e Sistemi Telematici Il livello fisico Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB IL LIVELLO FISICO - 1 Topologia

Dettagli

Schema a blocchi generale del sistema ADSL

Schema a blocchi generale del sistema ADSL Sistemi xdsl Pag 1 Topologia di rete Schema a blocchi generale del sistema ADSL Lato centrale Lato utente Downstream DTE Servers Network ATU-C LOOP PLANT ATU-R Customer Interace Modules Upstream Linea

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive

I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive La rivoluzione digitale nella Televisione I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive Da un passato con poche e ben definite soluzioni ad un mondo variegato per il futuro. Vannucchi, Politecnico

Dettagli

Mezzi e sistemi trasmissivi. Reti di Calcolatori AA 2010/2011. Il livello Fisico. Renato Lo Cigno. Quest opera è protetta dalla licenza:

Mezzi e sistemi trasmissivi. Reti di Calcolatori AA 2010/2011. Il livello Fisico. Renato Lo Cigno. Quest opera è protetta dalla licenza: 1 Reti di Calcolatori AA 2010/2011 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Il livello Fisico Renato Lo Cigno Copyright Quest opera è protetta dalla licenza: Creative Commons

Dettagli

Reti di Calcolatori AA 2010/2011

Reti di Calcolatori AA 2010/2011 Reti di Calcolatori AA 2010/2011 http://disi.unitn.it/locigno/index.php/teaching-duties/computer-networks Il livello Fisico Renato Lo Cigno Copyright Quest opera è protetta dalla licenza: Creative Commons

Dettagli

LE RETI: LIVELLO FISICO

LE RETI: LIVELLO FISICO LE RETI: LIVELLO FISICO Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Definizioni La telematica è la disciplina che nasce dalla combinazione delle telecomunicazioni (telefono, radio, tv) con l informatica. L oggetto

Dettagli

Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea

Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea Tecnologie per reti geografiche e protocolli di linea Silvano Gai Pietro Nicoletti WAN-4-1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Mezzi trasmissivi e livello fisico

Mezzi trasmissivi e livello fisico Il livello fisico Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ IL LIVELLO FISICO - 1 Mezzi e sistemi trasmissivi Elettrici Doppino non schermato Cavo coassiale Ottici Fibra ottica

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

ACT6000 IL PIU COMPLETO E POTENTE QUALIFICATORE DI COPPIE SIMMETRICHE AL MONDO!

ACT6000 IL PIU COMPLETO E POTENTE QUALIFICATORE DI COPPIE SIMMETRICHE AL MONDO! ACT6000 IL PIU COMPLETO E POTENTE QUALIFICATORE DI COPPIE SIMMETRICHE AL MONDO! ACT6000 Advanced Communication Tester.Cos è? E uno strumento qualificatore di coppie simmetriche di elevato li vello Generatore

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Tecniche di trasmissione!2 Ogni rete di calcolatori necessita di un supporto fisico di collegamento

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1 Internet e il World Wide Web 1 Domande chiave 2.1 Quali sono i mezzi di connessione a Internet e qual è la loro velocità? 2.2 Quali sono i tre tipi di provider Internet e quali tipi di servizi offrono?

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI. Prof. PIER LUCA MONTESSORO. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine

RETI DI CALCOLATORI. Prof. PIER LUCA MONTESSORO. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine RETI DI CALCOLATORI Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 2001-2007 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Infrastrutture per la banda larga

Infrastrutture per la banda larga Infrastrutture per la banda larga Pier Luca Montessoro Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine 2009 - DIEGM - Università di Udine 1 Servizi di rete Cos è la

Dettagli

Pound & Star S.r.l. Partita I.V.A. - C.F. 02450980400 C.C.I.A.A. 262683 REGISTRO IMPRESE 91632/96 Capitale Sociale 100.000.000 i.v.

Pound & Star S.r.l. Partita I.V.A. - C.F. 02450980400 C.C.I.A.A. 262683 REGISTRO IMPRESE 91632/96 Capitale Sociale 100.000.000 i.v. GRUPPO QUEEN.IT OFFERTA Molti di Voi già ci conoscono per essere o essere stati nostri clienti ed è con vivo piacere che Vi presentiamo la nostra offerta che sotto meglio specifichiamo. Sapete già da quanto

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte. SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti

RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte. SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti Prof. Giorgio CORAZZA A.A. 2001/2002 Il corso di SISTEMI DI COMMUTAZIONE si compone di due moduli: ARCHITETTURE

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli