DigitalSubscriberLine(DSL)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DigitalSubscriberLine(DSL)"

Transcript

1 DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell ordine di alcuni megabit al secondo (oggi decine di Mbit/s), assicurando al contempo l uso trasparente del servizio telefonico. Il DSL, progettato al fine di migliorare l utilizzazione del doppino d utente nella rete d accesso, utilizza per la trasmissione dati la porzione di spettro al di sopra di quella usata per i servizi PSTN/ISDN. Fonia e dati vengono separati nella centrale d utente dove l una continua ad essere instradata nella rete PSTN/ISDN e gli altri sono inviati direttamente alla rete Internet. Per gli operatori di telecomunicazioni il DSL presenta il grande vantaggio di consentire l espansione efficiente delle funzionalità delle connessioni telefoniche ordinarie, così da includere il servizio di accesso ad Internet a larga banda a costi contenuti, senza produrre alcun impatto negativo sull utenza telefonica esistente (trasparenza di inserimento in rete dei nuovi servizi dati e Internet). 150

2 Applicazioni del DSL I servizi DSL, rivolti principalmente all utenza residenziale, forniscono accesso a Internet ad alta velocità dei dati. Altre applicazioni sono: l'accesso remoto a data center e l'interconnessione con reti LAN. Per gli utenti residenziali: il sistema ADSL (AsyncronousDSL) e le sue varianti si fanno preferire, in quanto trasmettono a un data-rate più alto tasso nel verso Down-Stream (DS), da centrale a cliente, e minore nel verso opposto Up-Stream(US). Per le applicazioni di rete aziendali(ad es., interconnessione LAN tra gli uffici): il DSL offre una opzione di accesso a basso costo e ad alta velocità di trasferimento dei dati. In queste applicazioni è spesso preferita la soluzioni DSL simmetrica o HDSL

3 DSL: concetti base I servizi DSL vengono multiplatiin frequenza sul doppino con il tradizionale servizio POTS (0-4 khz), allocando i dati a banda larga su una banda superiore. Ad entrambe le estremità del doppino (SL e lato utente) occorre disporre di un modem DSL e, per assicurare al contempo l ordinaria connessione POTS, un filtro passa-basso(detto in questo contesto splitterpots o, semplicemente, splitter). Un apparato di centrale denominato DSLAM ( DSL Access Multiplexer ) ha il compito, da un lato, di terminare il canale dati e, dall altro, di inviare il traffico nella rete di trasporto. In altre parole, il DSLAM fornisce banda dedicata punto-punto fra ciascun utente finale e il gestore che lo serve. Il DSLAM termina il canale dati all'altra estremità del doppino e invia il traffico sulla rete dorsale dell operatore, dove viene diretto verso un data center remoto o un ISP di Internet. 3 Schema del collegamento DSL in rete d accesso 152

4 Famiglia di standard DSL 4 Il concetto DSL ha dato luogo negli anni a numerosi standard, quindi oggi si ha a disposizione una vera e propria famiglia di tecnologie DSL, indicata cumulativamente con la sigla xdsl. Nella classificazione generale le tecniche xdsl di nuova generazione vengono suddivise in tre grandi gruppi: HDSL (high-data-rate DSL) per sistemi simmetrici, ossia tali che il ritmo binario in up-link e in down-link risulti nominalmente uguale; ADSL(asymmetricalDSL) per i sistemi asimmetrici in cui il ritmo binario in up link risulta minore di quello in down link; VDSL(very-high-rate DSL) che può essere sia simmetrica che asimmetrica e che necessita di collegamento in fibra ottica fino in prossimità del cliente, allo scopo di limitare il collegamento in doppino in rame (distanza massima tipicamente non maggiore di 500 m). Le altre sigle rappresentano essenzialmente variazioni delle tecniche principali menzionate 153

5 Classificazione del DSL LostudiodeimodemxDSLpartedametàdeglianni1970periltrasportodiflussi numerici ottenuti dalla multiplazione di più comunicazioni vocali su un singolo doppino. Le tecniche xdsl sono soggette a continue migliorie principalmente per aumentarne la capacità trasmissiva e per migliorarne la compatibilità spettrale riducendo il livello di diafonia tra doppini adiacenti(coesistenza). Nella rappresentazione sintetica xdslla lettera x specifica il particolare sistema della famiglia: sistemi Asimmetrici (x=a), Simmetrici (x=s), High bit-rate (x=h) e Veryhigh bitrate (x=v)

6 Performance del DSL 6 I valori di ritmo binario dei servizi DSL e le massime distanze raggiungibili sono limitati dai difetti dei doppini, fra cui: l attenuazione che, espressa in decibel, cresce con f; la presenza di vecchi induttori di adattamento, di derivazioni e di altri elementi circuitali passivi distribuiti lungo il percorso; gli effetti di diafonia tra doppini presenti nello stesso cavo; l estrema variabilità di qualità costruttiva del doppino stesso, spesso molto vecchio e in cattive condizioni di conservazione. Tutti questi difetti producono degradazione della qualità del segnale che risulta largamente imprevedibile da caso a caso. Peraltro, nella rete d accesso la degradazione è di regola funzione della lunghezza del collegamento e si è potuta stabilire una relazione fra questa e il massimo valore di ritmo binario che può essere offerto. 155

7 Performance e lunghezza del doppino 7 La lunghezza media dei collegamenti nella rete d accesso dipende dalla distribuzione delle centrali telefoniche d accesso entro la comunità da servire, oltre che dalla maggiore o minore uniformità della densità di popolazione. Nel caso dell Italia l andamento particolarmente favorevole della curva di distribuzione è il principale motivo alla base del notevole sviluppo che si è avuto per il DSL; per lo stesso motivo negli Stati Uniti si è avuta una penetrazione nettamente inferiore di questi servizi fra la clientela finale. 156

8 Performance di alcune soluzioni DSL 8 157

9 HDSL (High-bit-rateDSL) 1 9 Sistema della famiglia DSL impiegato da più tempo Alle origini un requisito fondamentale era accelerare la fornitura dei circuiti diretti numerici (CDN), collegamenti che impiegano tecniche numeriche con data-rate di 2,048 Mbit/sinEuropa(standardE1)edi1,544inUSA(standardT1). Inun sistema HDSLilritmobinarioditrasmissioneèsuddivisotradue coppie (talvolta3): una coppia, in un dato verso di trasmissione, trasporta la metà dei dati per unità di tempo rispetto ai sistemi convenzionali che usano più coppie di cavi per ogni direzione di trasmissione. Si usa la stessa codifica di linea utilizzata nelle linee di abbonato ISDN base per la trasmissione bidirezionale a 160 kbit/s ove ogni simbolo trasporta due bit di informazione. Il ritmo di simbolo sulla linea è ridotto alla metà del valore e la velocità di trasmissione inferiore (corrispondendo a minore larghezza di banda occupata) riduce sia l attenuazione che la diafonia. Considerati congiuntamente, questi due vantaggi determinano il raddoppio della distanza di trasmissione rispetto alla portata dei convenzionali sistemi CDN. 158

10 HDSL (High-bit-rateDSL) 2 10 Il sistema HDSL trasmette lo stesso data-rate in entrambi i sensi di trasmissione, proprio come i convenzionali sistemi CDN su cavo in rame (1,5/2,0 Mbit/s). Esso quindi tende a sostituirli in altre applicazioni della rete di telecomunicazioni, ad esempio le connessioni ISDN PRI (primario), perché richiede un numero minore di ripetitori intermedi, e questo riduce i costi e aumenta l affidabilità. HDSL non è una tecnologia di accesso per applicazioni domestiche perché è simmetrico, utilizza due coppie, e non consente di fare coesistere nello stesso doppino una banda vocale per il collegamento telefonico standard. Un modem HDSL in pratica richiede meno banda (quindi crea meno interferenza) e non richiede ripetitori fino a circa 3,6 km. La trasmissione è full-duplex e avviene su due o tre doppini in parallelo. La banda occupata dipende dal numerodidoppiniutilizzati: circa da 0 a 200 khz nelcaso ditredoppini,da0a300khznelcasodiduedoppini. 159

11 Schema HDSL 11 L HDSL è limitato a local loop con distanze inferiori a 3600 m. Nel modem HDSL la trasmissione full-duplex è ottenuta mediante cancellatore di eco come mostrato in figura: 160

12 ADSL (AsymmetricDSL) 12 La tecnica ADSLè stata concepita per l accesso all utenza residenziale e quindi consente la trasmissione simultanea di voce (POTS) e dati su un solo doppino: essa trasmette ad un ritmo binario elevato nel verso downstream o DS (centrale-cliente) e a un valore minore nel verso upstreamo US (cliente-centrale) sulla singola coppia impiegata. In origine questa tecnica fu concepita per portare il servizio VoD all utenza domestica: in questa applicazione la capacità del canale necessaria per il video in verso DS è di 1,5 o 2 Mbit/s, mentre il canale di controllo nel verso US prevede 16 o 64 kbit/s, e simultaneamente si può eseguire una chiamata telefonica tramite la linea di abbonato ordinaria. Una velocità di trasmissione in DS di 1,5 o 2 Mbit/s può essere assicurata fino a circa 5,5 km di lunghezza del collegamento di abbonato. 161

13 ADSL I terminali ADSL modulano il segnale video e il segnale di controllo in una banda di frequenza più alta di quella di base (POTS o ISDN), quindi normalmente non utilizzata. La figura mostra un esempio di uso della banda di frequenza fino a 410 khz per trasmissione dati a 1,5 Mbit/s. Il sistema di modulazione del ADSL, detto DMT (Discrete Multi Tone), utilizza un ritmo di simbolo fisso. Il ritmo di simbolo è pari a Baud ( simboli al secondo ) e ogni simbolo porta da 0 a 11 bit di informazione utilizzando la modulazione QAM (l effettivo ritmo di simbolo in linea è leggermente più alto perché ogni sessantanove simboli si trasportano le informazioni di sincronizzazione in luogo dei dati di utente)

14 Sistema DMT 14 BIN Inverso dell attenuazione del canale Water fillling Concetto di trasmissione adattativa multicanale( multi tono ) 163

15 Impiego del DMT nel ADSL 15 L apparato DMT valuta il valore del rapporto S/N separatamente per ognuno dei bin e, sulla base dei risultati, alloca i bit di informazione da inviare entro ciascun bin. I bin con S/N più alto trasmettono più bit per simbolo. Il sistema di accesso ADSL è impostato inizialmente per funzionare ad una velocità di dati che il cliente ha richiesto impostando i bin da utilizzare e il numero medio di bit trasmessi in ognuno di essi. Poi, il sistema adatta automaticamente il suo funzionamento alle condizioni della linea. Il sistema ADSL si è affermato per consentire la connessione a Internet: in questa applicazione la banda necessaria al flusso informativo dalla rete verso il terminale d utente (DS) è circa dieci volte maggiore di quella riservata al verso opposto (US). 164

16 Prestazioni del sistema ADSL 16 L asimmetria rende un modemadsl adatto, oltre che alla navigazione Internet, anche all accesso remoto a reti locali (LAN). Il modemsupporta velocità da 1,5 a 8 Mbit/s in verso DS e da 16 kbit/s a 640 kbit/s in verso US a seconda delle condizioni della linea telefonica (lunghezza, interferenza, distorsioni). Nella tabella che segue sono riportate le prestazioni ottenibili con il sistema ADSL in DS al variare della lunghezza del collegamento e del diametro dei fili in condizioni trasmissive non critiche. 165

17 Variante ADSL 2+ Lo stato attuale dell offerta Telecom Italia sull accesso DSL prevede l uso della tecnologia ADSL2+ fino a circa 20 Mbit/s. 17 Dipendenza del data rate delle diverse soluzioni ADSL in funzione della lunghezza della linea (caso Downstream) 166

18 VDSL (Very-highspeedDigitalSubscriberLine) 18 Il sistema VDSL mira a fornire accesso a servizi a banda ancora più larga, per mezzo delle ordinarie coppie telefoniche. La velocità di trasmissione dei dati dalla rete alla sede dell'abbonato è fino a 52 Mbit/s e fino a 6 Mbit/s, rispettivamente in senso DS e US su singola coppia. La configurazione simmetrica può permettere di raggiungere valori di data rate fino a 34 Mbit/s in entrambi i versi del collegamento. La distanza su un doppino ordinario senza ripetitori intermedi è piuttosto breve, tra 0,1 e 2 km a seconda della velocità di trasmissione dati e delle condizioni del collegamento. 167

19 Architettura VDSL Come mostrato in Figura, la rete di accesso che utilizza la tecnica VDSL è composta da un primo livello di rete passiva in fibra ottica che trasporta il segnale a larga banda (tipicamente è un sistema TDM/TDMA a 155 Mbit/s) dalla centrale fino alle ONU (Optical Network Units): si parla di Fiber-tothe-Neighborhoodo Node(FttN). A partire dalle ONU si diramano le connessioni in doppino su cui la trasmissione avviene con tecnica VDSL. Un esempio di applicazione è la interconnessione, tramite collegamenti in doppino, di LAN a 10 Mbit/s o a 26 Mbit/s

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione ALLEGATO 1 Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione SOMMARIO 1 PRODOTTI E SERVIZI PRESENTI IN CONVENZIONE...3 1.1 SERVIZI TEMPORANEI DI RETE E COPERTURE AD HOC...3 1.1.1 Servizi di copertura temporanei...

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI TELECOMITALIA INDICE

LA CARTA DEI SERVIZI DI TELECOMITALIA INDICE LA CARTA DEI SERVIZI DI TELECOMITALIA INDICE 1. Telecom Italia e la Carta dei Servizi 2. Chi siamo 3. I nostri principi 4. I nostri impegni 5. I nostri standard di qualità 6. Gestione reclami 7. Come contattarci

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0 nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR Versione 1.0 1 Introduzione L impiego di Alias come mittente nei messaggi è attualmente regolato dalla delibera n. 42/13/CIR concernente

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Il modo più semplice ed economico per creare Hot Spot Wi-Fi per luoghi aperti al pubblico. Internet nel tuo locale? facile come non mai!

Il modo più semplice ed economico per creare Hot Spot Wi-Fi per luoghi aperti al pubblico. Internet nel tuo locale? facile come non mai! Il modo più semplice ed economico per creare Hot Spot Wi-Fi per luoghi aperti al pubblico Internet nel tuo locale? facile come non mai! Il Prodotto WiSpot è il nuovo prodotto a basso costo per l'allestimento

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE

OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE 1) Ovviamente anche su quelle GPRS, inoltre il tuo modello supporta anche l'edge. Si tratta di un "aggiornamento" del GPRS, quindi è leggermente più veloce ma in

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni:

NOInet è una No Profit Utility con lo scopo di creare posti di lavoro a livello locale e di reinvestire gli utili in tre direzioni: NOInet è una cooperativa di Comunità che nasce dal presupposto che internet è un bene comune a cui tutti possano accedere ad un costo accessibile con standard qualitativi elevati. Per questo con NOInet

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio

Radioastronomia. Come costruirsi un radiotelescopio Radioastronomia Come costruirsi un radiotelescopio Come posso costruire un radiotelescopio? Non esiste un unica risposta a tale domanda, molti sono i progetti che si possono fare in base al tipo di ricerca

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

CONDIZIONI DI CONTRATTO

CONDIZIONI DI CONTRATTO CONDIZIONI DI CONTRATTO 1. Oggetto del Contratto 1.1 WIND Telecomunicazioni S.p.A. con sede legale in Roma, Via Cesare Giulio Viola 48, (di seguito Wind ), offre Servizi di comunicazione al pubblico e

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business.

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Le soluzioni migliori per il tuo lavoro Area Clienti Business www.impresasemplice.it Mobile Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Telefonia mobile cos'è l'area Clienti business L Area Clienti

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014

Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 Carta del Cliente dei Servizi mobili e fissi di Vodafone Omnitel B.V. Gennaio, 2014 INTRODUZIONE Vodafone Omnitel B.V. adotta la presente Carta dei Servizi in attuazione delle direttive e delle delibere

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione Assistenza Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero di serie riportato sull'etichetta del prodotto e utilizzarlo per registrare

Dettagli

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO

SCHEMA DI PROVVEDIMENTO SCHEMA DI PROVVEDIMENTO Allegato B alla Delibera n. 696/09/CONS PROVVEDIMENTO RELATIVO A MISURE DI ARMONIZZAZIONE CON I PRINCIPI DEL REGOLAMENTO EUROPEO SUL ROAMING INTERNAZIONALE E PER LA TUTELA ORDINARIA

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali

AmpEQ. Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali AmpEQ Amplificatore equlizzato atto a compensare la disequalizzazione provocata da lunghe tratte di cavi coassiali GAI04 Memo Series Alessandro Scalambra Rev: Sergio Mariotti, Jader Monari I.N.A.F GAI04-FR-2.0

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

beyond Gestionale per centri Fitness

beyond Gestionale per centri Fitness beyond Gestionale per centri Fitness Fig. 1 Menu dell applicazione La finestra del menù consente di avere accesso a tutte le funzioni del sistema. Inoltre, nella finestra del menù, sono visualizzate alcune

Dettagli

Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali

Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali Pag Capitolo 1. Voce su IP: i concetti fondamentali 1.1. Introduzione L'argomento Voce su IP è, sicuramente, uno dei più gettonati dell'intero mondo del networking. Tecnicamente, con questa tecnologia

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR

Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR Allegato A alla delibera n. 52/12/CIR PIANO DI NUMERAZIONE NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI E DISCIPLINA ATTUATIVA Articolo 1 (Definizioni) Articolo 2 (Piano di numerazione per servizi) Articolo 3 (Assegnazione

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli