V. IL VETRO. 1. I sistemi di approvvigionamento della silice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V. IL VETRO. 1. I sistemi di approvvigionamento della silice"

Transcript

1 Aurora Cagnana 177 V. IL VETRO 1. I sistemi di approvvigionamento della silice Anche il vetro può essere considerato un litoide, in quanto si ottiene per trasformazione di materiali litici. È rigido, ma oltre certe temperature acquista una plasticità che lo rende modellabile. Non ha una struttura cristallina, ma amorfa, vale a dire che non è caratterizzato da un reticolo ordinato che si ripete con regolarità in tutte le direzioni, ma si può considerare piuttosto un liquido altamente vischioso, sopra-raffreddato. Come tutti i solidi amorfi, non ha un punto di fusione preciso, che separa lo stato cristallino da quello fuso, ma un ampia fascia termica, all interno della quale la sua viscosità tende a diminuire, via via che si alza la temperatura. A 1000 C il vetro è molto molle e non mantiene la forma conferitagli; tra 800 C e 600 C presenta la plasticità maggiore. Se si diminuisce la temperatura l agitazione termica si riduce ulteriormente e aumenta la viscosità, finché sotto ai 500 C si presenta rossiccio, non è più mobile e non si deforma più; a temperatura ambiente, infine, ha raggiunto la sua stabilità di materiale rigido ma amorfo. La materia prima fondamentale per la produzione del vetro è la silice, la cui forma cristallina più diffusa è il quarzo (SiO 2 ), minerale costituito interamente da tetraedri formati da quattro atomi di ossigeno per ogni atomo di silicio; ogni ossigeno stabilisce un legame covalente con due atomi di silicio adiacenti, creando una struttura regolare e molto resistente. Queste unità tetraedriche sono anche l elemento che costituisce i minerali detti silicati (cfr. II.1.); benché siano piut-

2 178 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E 62- Confronto fra lo stato cristallino della silice, costituita da un reticolo ordinato di tetraedri, e lo stato amorfo del vetro, dove i tetraedri sono ammassati senza alcuna regolarità (da CUOMO DI CAPRIO 1988) tosto abbondanti sulla crosta terrestre non è da essi che si poteva estrarre la silice per produrre il vetro, dato che quest ultima vi si trova combinata con altri elementi. I sistemi di approvvigionamento tradizionali erano piuttosto basati sulla ricerca di rocce nelle quali la silice si trovasse pressoché pura. Si potevano ad esempio praticare estrazioni mirate di filoni quarziferi contenuti in altre formazioni silicatiche, oppure, con più semplici sistemi di raccolta, selezionare ciottoli di quarziti, rocce derivate dal metamorfismo di arenarie e composte quasi unicamente da quarzo. Altrettanto adatti erano i ciottoli di selce, una varietà di silice criptocristallina presente in forma di noduli all interno di rocce sedimentarie; infine si potevano sfruttare le sabbie ricche di quarzo. Questo minerale ha infatti una durezza molto elevata (cfr. I.2.) e perciò è in grado di resistere maggiormente agli agenti abrasivi; di conseguenza, la lunga elaborazione naturale finisce per consumare gli altri minerali e per selezionare il quarzo fino al punto da renderlo il componente principale, se non esclusivo. Le sabbie desertiche o quelle di spiagge di età geologiche, ad esempio, sono costituite al 98% di quarzo e possono perciò essere considerate un vero e proprio deposito di silice, che si trova pura e già ridotta in granelli finissimi grazie al trasporto eolico. La raccolta di sabbie quarzifere è chiaramente ricordata dalle

3 Aurora Cagnana 179 fonti antiche come sistema di approvvigionamento della materia prima per la produzione del vetro. Plinio menziona ad esempio la sabbia del fiume B e l u s, in Palestina (Nat. Hist. V, 75) e quella del fiume Volturno, (Molise), che definisce alba emollissima, assai adatta per ottenere vetro trasparente e incolore (Nat. Hist. XXVI, 66, 8). In altri casi la ricerca archeologica ha invece rilevato le tracce di estrazione di filoni quarziferi con piccole piccozze di ferro acciaioso, come nella vetreria medievale di Monte Lecco (Genova), ubicata in un area montuosa dell Appennino ligure, lontano da spiagge o da alvei fluviali (cfr. V.2.). 2. Il processo di cottura e le sostanze fondenti Per ottenere il vetro occorre fondere, cioè rendere liquido, il quarzo. Il passaggio dallo stato solido a quello liquido richiede una forte quantità di energia, tale che l agitazione termica degli atomi superi le forze di legame. Tutti i solidi cristallini hanno una temperatura di fusione ben precisa, a partire dalla quale passano dallo stato solido a quello liquido. Nel quarzo, data la sua struttura molto stabile, è necessaria un alta temperatura (1710 C) per spezzare alcuni dei legami fra i tetraedri e renderli mobili tra loro, ovvero per passare allo stato liquido. La temperatura di fusione del quarzo era irraggiungibile con i sistemi produttivi preindustriali, sia per i caratteri dei forni, sia per il tipo di combustibile, costituito dal carbone di legna. In Europa, fino alla rivoluzione industriale, non era possibile superare i C; in Cina esistevano particolari fornaci in grado di raggiungere temperature pari a 1400 C, usate per la produzione delle porcellane (cfr. II.6.); soltanto in India, già in un epoca corrispondente alla nostra età romana, si riuscivano a toccare i 1500 C, in piccoli forni a riverbero che fondevano il ferro per fare la ghisa in crogiolo. In ogni caso nessun impianto era in grado di arrivare alla temperatura necessaria per ottenere la fusione del quarzo. Si è però imparato a riconoscere le proprietà fondenti di alcuni materiali, in grado di abbassare tale soglia fino a 1100 C circa. Vi sono infatti elementi come il sodio, il calcio, il magnesio, il potassio, il piombo, che a una temperatura di C, e cioè in condizioni di agitazione molto alta delle molecole di silice, possono catturare alcuni legami dell ossigeno, spezzando alcuni reticoli di tetraedri. A seconda

4 180 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E delle sostanze fondenti utilizzate il vetro viene perciò definito sodico, potassico, alcalicalcico o piombifero. Il primo era prodotto nell Antichità, soprattutto nelle regioni mediterranee; Plinio e Teofrasto parlano di una sostanza chiamata natron, identificabile con il carbonato di sodio (Na 2 CO 3 ), molto abbondante nelle aree desertiche. L erosione chimica delle montagne che circondano i deserti, infatti, è alla base del fenomeno, già descritto, di caolinizzazione dei feldspati (cfr. II.1.), che si trasformano in minerali argillosi perdendo sodio e potassio; questi ultimi, allo stato di carbonati, vengono trasportati in soluzione durante le piogge. Poiché nei deserti i corsi d acqua tendono a prosciugarsi prima di giungere al mare, l evaporazione fa depositare i sali. Ciò spiega la frequente formazione di croste di sale, spesso costituite da strati differenti, dovuti alla diversa concentrazione necessaria per depositarsi. Il carbonato di sodio si poteva perciò trovare con molta facilità. Nell Europa centro-settentrionale si usava invece prevalentemente la potassa, (K 2 CO 3 ) contenuta nelle ceneri di piante (felci o faggi); per tale motivo il vetro che si otteneva veniva chiamato in Francia verre de fougère (vetro di felce) e in Germania waldglas (vetro di bosco). Nelle ceneri, oltre al potassio e al sodio sono più o meno presenti anche il magnesio e il calcio, il quale è importante in particolare modo, perché rende il vetro più stabile nel tempo e lo preserva dalla tendenza alla devetrificazione (cfr. V.5.). L uso del piombo, piuttosto raro nell antichità, si è affermato nel Rinascimento. 3. Dalla pasta vitrea alla soffiatura I più antichi esempi di fusione della silice, per produrre manufatti, risalgono alla metà del II millennio a.c. e provengono dall area egiziana e mediorientale, regioni dove le materie prime necessarie (sabbie desertiche ricche di quarzo e natron) erano facilmente disponibili; si calcola che, con un fuoco ad alta temperatura, anche il 18% di sodio fosse sufficiente a fondere l 82% di silice. Il materiale che si ottiene dalla prima fusione del quarzo, di aspetto filamentoso e opaco, viene definito fritta e il suo modellamento permette di ottenere oggetti in pasta vitrea. Una delle più antiche tecniche di lavorazione, utilizzata per produrre piccoli contenitori (per lo più unguentari), viene detta a nucleo

5 Aurora Cagnana 181 friabile ; essa consisteva nel plasmare, sulla parte terminale di un asticella metallica, un nucleo di argilla, sabbia e altre sostanze organiche leganti, intorno veniva poi avvolto uno spesso filamento di fritta, piuttosto viscoso, che formava il corpo del vaso. Estratta l asticella e frammentato il nucleo di argilla per liberare l interno, si otteneva il vaso; esso poteva essere completato con l applicazione di orlo, fondo, anse, ed eventualmente decorato con l aggiunta di altri filamenti di colori diversi, disposti a festoni, a piume, a zigzag. Talora la fritta poteva essere modellata anche a stampo; in ogni caso si trattava di sistemi piuttosto lenti, che permettevano di ottenere oggetti di piccole dimensioni, e che non consentivano una grande varietà di foggiature. È con l epoca ellenistica che la diffusione dei contenitori in pasta vitrea, come quella di molti altri manufatti artigianali, aumentò notevolmente e, di conseguenza, si moltiplicarono i centri di produzione. Fra questi assunsero una notevole importanza le officine dell area costiera siro-palestinese, come Sidone, ricordata anche più tardi da Plinio quale artifex vitri. In seguito alla conquista romana dei regni ellenistici si determinò nel Mediterraneo occidentale un imponente afflusso di ricchezze e con esse di beni e di maestranze artigianali specializzate, fra le quali anche molti maestri vetrai. È in questo panorama di accresciuta domanda e di grande circolazione di manufatti e di tecniche che si registra, in età augustea, una innovazione tecnologica di portata vastissima: la soffiatura. Questo nuovo sistema prevedeva di sottoporre la fritta a una seconda cottura in speciali contenitori troncoconici, realizzati in ceramica refrattaria, definiti crogioli. Insieme alla fritta, macinata, si mescolavano frammenti di vetro pestati. Se si voleva ottenere un prodotto colorato, si aggiungevano anche pigmenti metallici; a seconda dei composti (per lo più di rame, ferro, manganese) e dell ambiente di cottura (che poteva essere riducente oppure ossidante) si potevano ottenere colori diversi, dal blu al rosso al giallo al verde. Il prodotto della cottura, non più filamentoso, ma fluido e trasparente, veniva prelevato in piccole quantità e soffiato entro una canna in ferro; con l aiuto di pochi strumenti (pinze, cesoie, ecc.) si potevano foggiare in brevissimo tempo svariati oggetti, di diverse forme e dimensioni, e con spessori anche molto sottili. Grazie alla soffiatura il vetro conobbe una diffusione sociale decisamente maggiore. Diverse decine di coppe realizzate in vetro soffiato, rinvenute a Roma e risalenti all età augustea, sono caratterizzate dalla presenza di bolli,

6 182 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E con i nomi, in greco, degli artigiani che le hanno fabbricate, seguiti dal termine Seidónios (= di Sidone). Spesso i nomi sono ripetuti anche in latino, allo scopo di essere compresi dalla clientela di Roma che, evidentemente, riteneva il marchio sidonio una garanzia di buona qualità. Secondo alcuni archeologi ciò proverebbe il trasferimento dall Oriente a Roma di specialisti del vetro ai quali si deve, con ogni probabilità, l introduzione della soffiatura; va comunque ricordato che anche nel Mediterraneo orientale essa compare nello stesso periodo. Questa innovazione tecnologica ha permesso al vetro di diventare un prodotto ad amplissima diffusione e ha aperto molte possibilità nuove: gli oggetti potevano essere allungati, modificati, soffiati entro stampi e quindi rilavorati. Moltiplicatesi velocemente in tutto l Impero romano (comprese le aree nordiche, come la Renania) le manifatture vetrarie divennero un poco più rare nell altomedioevo. La produzione aumentò nei secoli seguenti, quando in Italia vennero aperte nuove fabbriche, basate ancora sull uso di fondente prevalentemente sodico, mentre nel resto dell Europa settentrionale si andava sviluppando quello potassico. Un importante esempio di un impianto produttivo medievale è stato fornito dallo scavo di una vetreria risalente alla seconda metà del XIV secolo, posta a 830 metri s.l.m., su una montagna dell Appennino, nell entroterra del porto di Genova. Con ogni probabilità era gestita da vetrai provenienti da Altare, nel Savonese (zona tradizionale di manifatture vetrarie) che fabbricavano soprattutto bicchieri e bottiglie, molte delle quali recavano un bollo con l indicazione della misura di capacità e la sigla del maestro. La fornace aveva pianta a 8, come quelle per ceramiche o per calce (cfr. II.5.; III.4), ma in questo caso la strozzatura aveva la caratteristica di essere regolabile attraverso la disposizione di pietre che, all occorrenza, potevano ridurne o aumentarne l ampiezza. Il forno era costituito da una suola rialzata rispetto al canale di tiraggio. Il suo funzionamento è stato ricostruito in base ai resti rinvenuti e al confronto con alcuni dati iconografici. Doveva essere a riverbero, cioè costituito da una cupola che faceva convergere il calore dall alto verso il basso; un foro superiore doveva garantire il tiraggio. La silice era estratta da vene quarzose ubicate poco lontano, come attestavano consistenti tracce di coltivazione. Le analisi chimiche dei prodotti hanno inoltre indicato l uso di potassio, sodio, magnesio e calcio (estratti da ceneri di piante), quali fondenti. La silice veniva finemente frantumata e portata a fusione assieme

7 Aurora Cagnana La soffiatura del vetro in una fonte iconografica del 1590, nella quale si riconoscono chiaramente le varie fasi della lavorazione: preparazione del combustibile, soffiatura, trasferimento dell oggetto finito nella zona della tempera (da MANNONI, GIANNICHEDDA 1996)

8 184 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E al fondente per ottenere la fritta, la quale veniva poi lasciata raffreddare e quindi ulteriormente macinata e mescolata a polvere di vetri rotti, riciclati. Il miscuglio veniva nuovamente portato a cottura entro crogioli, di forma troncoconica, realizzati in ceramica refrattaria. Di notevole interesse sono risultati i dati emersi dall analisi mineropetrografica di tre diversi tipi di crogioli: si è potuto infatti stabilire che le ottime caratteristiche di refrattarietà erano dovute all alta percentuale di quarzo, utilizzato come inerte nell impasto ceramico, e alla presenza di caolinite, minerale argilloso caratterizzato da un alta temperatura di fusione (cfr. II.1.). La seconda esposizione al calore, detta bollitura, richiedeva un certo periodo di tempo; il materiale doveva essere controllato tramite finestrelle appositamente aperte nelle pareti della fornace, le quali permettevano anche di attingere direttamente dai crogioli; le bolle di gas erano espulse e venivano schiumate le impurità che salivano a galla. Solo quando il vetro aveva raggiunto la limpidezza necessaria veniva prelevato, allo stato fluido, con le canne di ferro, sempre tramite le finestrelle, per essere modellato a fiato. Dopo la foggiatura si doveva evitare il raffreddamento improvviso, che rischiava di creare tensioni interne le quali, con piccoli urti, avrebbero potuto provocare lo sgretolamento dell oggetto. Per farlo assestare, perciò, esso veniva tenuto a lungo in un ambiente, detto stanza della tempera, con temperatura attorno ai C. È probabile che in questo caso tale zona si trovasse nella parte superiore del forno, a giudicare dalla forma degli speciali mattoni refrattari che formavano la cupola, e come suggerirebbe il confronto iconografico con impianti analoghi. Nei caratteri tecnologici essenziali, la fornace medievale dell Appennino genovese, fin qui descritta, non sembra molto diversa da quelle più tarde, illustrate, ad esempio, nelle tavole dell E n c y c l o p é d i e. 4. La produzione di lastre da finestra Il vetro è particolarmente importante nelle costruzioni per le sue caratteristiche di materiale impermeabile e trasparente, in grado di creare un sufficiente isolamento termico, e al tempo stesso di lasciar passare la luce e le immagini. L introduzione della soffiatura e le innovazioni tecnologiche dell arte vetraria hanno influenzato notevolmente, soprattutto nelle regioni a clima rigido, l evoluzione tipologica delle finestre.

9 Aurora Cagnana Realizzazione di lastre da finestra tramite il sistema a cilindro : soffiatura di una bolla e suo allungamento; taglio delle estremità, apertura a caldo (da ME N I C A L I 1992, rielaborata da Zanella, 1999) In epoca romana vi erano, come si è visto, manifatture vetrarie assai fiorenti, tuttavia sono molto più conosciuti gli oggetti da mensa che non i vetri da finestra. Le più antiche attestazioni di lastre in vetro riguardano edifici pubblici e solo successivamente l edilizia privata, dove iniziano a essere più frequenti a partire dall età neroniana. Uno dei primi sistemi di fabbricazione era basato sulla colatura in uno stampo dalla superficie liscia; ciò consentiva però di ottenere oggetti di dimensioni limitate e di notevole spessore. La produzione di manufatti di qualità migliore fu resa invece possibile dalla soffiatura. Un sistema piuttosto diffuso, soprattutto dal III secolo in poi, doveva essere quello definito a cilindro. Esso consisteva nella preliminare realizzazione di una bolla; continuando poi a soffiare nella canna e facendola alternativamente rotolare su una base di marmo, si otteneva un cilindro molto allungato. Quando aveva raggiunto le dimensioni volute, si provvedeva a tagliare a caldo, con un ferro rovente, le due estremità, e quindi lo si apriva in senso longitudinale, in modo da ricavarne una lastra rettangolare. Per tagliare il cilindro si usava una sorta di cesoia, detta grossarium, che produceva un profilo affilato, il quale però tendeva ad arrotondarsi a causa del calore. Il grisatoio era invece uno strumento metallico, ricurvo alle due estremità, che

10 186 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E 65- Realizzazione di lastre da finestra tramite il sistema a corona : soffiatura di una bolla ; appiattimento della base; distacco della canna e collegamento a un asticciola, modellamento della lastra per forza centrifuga e stacco dell asticciola (da MENICALI 1992, rielaborata da Zanella, 1999)

11 Aurora Cagnana 187 serviva per scheggiare finemente i bordi, quando le lastre erano di dimensioni poco più grandi rispetto alla cornice. Un altra tecnica era detta invece a corona e consisteva nel realizzare una bolla larga e appiattita alternando il riscaldamento al modellamento su una base in pietra. Quando la bolla aveva raggiunto le dimensioni volute, veniva collegata alla base con un asticella di ferro, detta pontello, e staccata dalla canna da soffio; l apertura veniva quindi dilatata con apposite spatole, in modo da renderla troncoconica. Facendola ruotare rapidamente tramite il pontello, finiva per assumere la forma di un disco. Lo stacco del pontello lasciava al centro della lastra il caratteristico addensamento di vetro definito occhio di bue, mentre il bordo presentava un tipico ispessimento. Secondo alcuni studiosi questo sistema sarebbe originario del Mediterraneo orientale; per tre dischi rinvenuti ad Aquileia si è infatti ipotizzato che si trattasse di importazioni, oppure di prodotti realizzati sul posto da maestranze venute dall Oriente. A partire dall età tardoantica sono attestati nelle province occidentali altri ritrovamenti di lastre realizzate a corona : uno, in un contesto di IV secolo è stato rinvenuto, ad esempio, a Chichester, la romana Regnum. Celebri sono poi i dischi in vetro rinvenuti a San Vitale di Ravenna, databili al VI secolo. Presentano diametri con dimensioni di cm 17/26; alcuni sono colorati (blu, verde, giallo, rosa) altri sono invece incolori e conservano tracce di una decorazione sovradipinta in rosso. Si è fatta l ipotesi che in origine fossero fissati su telai lignei oppure che fossero incastrati, tramite stucco, in appositi spazi di transenne marmoree. Questi sistemi sembrano comunque caratteristici della tradizione bizantina, mentre in occidente doveva essere maggiormente diffusa la produzione di lastre rettangolari, mediante il sistema a cilindro. È stato osservato infatti che, nella stessa Ravenna, tutte le raffigurazioni di edifici di culto che si trovano sui mosaici, presentano finestre con lastre rettangolari. Due intelaiature di legno, destinate a fermare lastre di questo tipo, sono state rinvenute a Sant Apollinare in Classe, nella tamponatura di due finestre. Per la conoscenza delle lastre di periodo altomedievale un ritrovamento di eccezionale interesse è stato effettuato durante gli scavi del monastero di San Vincenzo al Volturno (Isernia). Nelle imponenti ricostruzioni operate fra il 780 e l 830, questo complesso venne ingrandito e ricostruito, tanto da diventare, con i suoi sei ettari di estensione, uno dei più grandi cenobi d Europa anteriormente al Mille. La distruzione operata nell 881 da parte di un gruppo di armati arabi ne ha

12 188 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E sigillato i resti nel sottosuolo. Gli scavi archeologici hanno così reso possibile ritrovare, nei pressi della chiesa abbaziale di San Vincenzo Maggiore, completata nell 808, una serie di impianti produttivi costituiti da fornaci per laterizi, per campane, per smalti e per vetri, tutti destinati a rifornire i materiali per questo grandioso cantiere. Una parte delle officine, a carattere provvisorio, venne installata in un area antistante l edificio di culto. Con il progressivo ampliamento della chiesa gli impianti vennero spostati presso il fianco meridionale e sistemati all interno di strut- 66- Ricostruzione di una finestra altomedievale con lastre rettangolari, in base ai ritrovamenti archeologici di San Vincenzo al Volturno (da DELL ACQUA 1996) ture edilizie permanenti, costituite da cellette rettangolari affiancate. In una di esse sono stati rinvenuti i resti di due fornaci da vetro, che producevano lastre vitree colorate, delle quali si sono rinvenuti circa 7000 frammenti (delle misure massime di cm 12 x 15), destinate a finestre di notevoli dimensioni. Le analisi chimiche hanno rilevato l utilizzo di fondenti alcalini (soprattutto sodio) secondo la tradizione tecnologica romana. Di notevole interesse il fatto che meno dell 1% dei frammenti è risultato eseguito col sistema a corona, mentre oltre il 99% è stato realizzato a cilindro. Benché frammentarie, è stato possibile individuare la forma originaria delle lastre: quelle della parte bassa erano rettangolari, mentre quelle poste in alto erano a profilo curvilineo. Si è pertanto ipotizzato che tali pannelli fossero inseriti su telai lignei simili a quelli rinvenu-

13 Aurora Cagnana 189 ti a Sant Apollinare in Classe, più sopra ricordati; le vetrate di San Vincenzo dovevano perciò rifarsi a quelle dei grandi edifici pubblici della tarda Antichità. Si sono inoltre rinvenuti alcuni frammenti di listelli in piombo, a sezione ad H o ad U, verosimilmente destinati al fissaggio delle lastre. Un altro interessante esempio di un impianto di produzione vetraria, ubicato nei pressi di un cantiere edilizio, è stato rinvenuto negli scavi della Torre Civica di Pavia. In origine essa fu infatti utilizzata come officina per produrre materiali edilizi da impiegare nell edificazione delle due cattedrali romaniche di Santo Stefano e Santa Maria del Popolo, ricostruite attorno al In questo caso, però, tale ambiente non ospitava una vera e propria fornace, della quale non si sono rinvenute tracce; secondo alcuni archeologi vi sarebbe avvenuta soltanto una lavorazione secondaria, consistente nel taglio dei vetri e nel montaggio delle finestre; secondo altri, invece, il luogo avrebbe ospitato un temporaneo deposito di lastre di scarto, già smontate e lì raccolte per un eventuale rifusione. In ogni caso tali frammenti, databili attorno al 1100, rappresentano una delle più antiche attestazioni di vetrate romaniche. Nei secoli successivi tali testimonianze si moltiplicano; il sistema a corona risulta ampiamente documentato anche nel resto d Europa: dal XIII secolo in poi esso è particolarmente diffuso in Normandia, tanto che fino a poco tempo fa si riteneva che fosse originario di questa regione. Parallelamente continuò ad essere in uso anche il sistema a cilindro. Un contesto di alcune centinaia di frammenti di vetro da finestra è stato rinvenuto a Genova, nel corso di scavi archeologici, in una fossa databile alla fine del XVI secolo. Poiché quest ultima era ubicata nei pressi della chiesa di Santa Maria di Castello, la cui abside venne rifatta appunto nel 1589, si è giustamente ipotizzato che i vetri provenissero dalla demolizione della precedente fase tardo quattrocentesca. Fra essi si trovavano numerosi esempi di dischi realizzati con la tecnica a corona, ben riconoscibili dalla presenza della caratteristica protuberanza centrale dovuta allo stacco dell asticella. Altre lastre a forma di triangoli, pentagoni, tasselli quadrati, lunette e rettangoli erano invece state prodotte con la tecnica del cilindro. Una serie di lastre presentava una decorazione bruno violacea applicata con ossidi di manganese, sulla quale erano ottenuti, a risparmio, motivi decorativi vegetali. Tutti questi elementi, di dimensioni comprese entro i centimetri, dovevano essere uniti per mezzo di profilati di piombo (che però

14 190 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E 67- Frammenti di lastre da finestra tardomedievali rinvenuti a Genova, in una fossa scavata presso Santa Maria di Castello: tipologia delle forme attestate; ricostruzione di un motivo geometrico a rombi e ottagoni allungati; ricostruzione di una finestra con lastre circolari impiombate (da GARDINI, MILANESE 1976)

15 Aurora Cagnana 191 non sono stati rinvenuti) a formare disegni geometrici, come nelle vetrate fisse ancora esistenti in molte chiese medievali. I vetri medievali erano spesso decorati con una pittura a base di ossidi, che veniva fissata con una seconda cottura in fornace; i contorni del disegno potevano essere disegnati in positivo, oppure realizzati a risparmio, asportando la pellicola colorata, come nel caso genovese. Le grandi vetrate gotiche, con decorazioni istoriate a vivaci colori, fissate alle pareti attraverso telai di ferro, non potevano essere completamente realizzate con collages di vetri piombati, poiché sarebbero state troppo pesanti; inoltre i profilati di piombo non avrebbero permesso di ottenere una grande ricchezza di dettagli. Le decorazioni minute (volti, mani, monili) venivano pertanto eseguite con un sistema definito grisaille, che consisteva nel dipingere le lastre con polvere di vetro colorato, misto a collanti. In seguito a una ulteriore cottura, praticata a temperature basse, in modo da evitare la deformazione delle lastre, solo la polvere di vetro fondeva, rimanendo aderente al supporto. Se la realizzazione di vetrate fisse non poneva problemi particolari, quella delle finestre con ante mobili, che potessero essere aperte e chiuse era decisamente più complessa. Nelle polifore delle più ricche case mercantili, poiché non era possibile rendere apribili le vetrate (unite da elementi in piombo e perciò troppo pesanti) si utilizzavano telai lignei che venivano agganciati alla parete ogni giorno (uno per archetto) e smontati ogni sera per essere sostituiti da scuri di legno. Nelle case meno ricche, al posto dei telai con lastre di vetro si utilizzavano invece tele cerate, o carta oleata. Telai e scuri venivano tenuti fermi da paletti inseriti internamente, entro appositi alloggi ricavati sugli stipiti e sulle pareti. Si trattava comunque di un sistema molto scomodo, che aveva anche una tenuta termica bassissima. La sostituzione delle polifore con finestre a croce, avvenuta a partire dalla fine del XV secolo, permise di adottare un sistema più funzionale: solo la parte superiore venne infatti dotata di vetrate piombate, fisse, mentre nella parte bassa vennero poste due ante lignee apribili. Infissi di questo tipo sono ampiamente attestati dalle fonti iconografiche e, molto più raramente, da resti materiali. Un caso di grande interesse è costituito dalla serie di finestre del palazzo duecentesco dei Fieschi, a Cogorno (Genova). Grazie all ottimo stato di conservazione sono ben riconoscibili le tracce della trasformazione delle polifore medievali in finestre a croce. Nella parte superio-

16 192 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E 68- Testimonianza archeologica di finestre tardo-quattrocentesche costituite da vetrate fisse in alto e da ante mobili di legno in basso. Tali infissi rettangolari sono stati ricavati nello spazio delle più antiche polifore medievali (San Salvatore dei Fieschi - Genova) (da MA N N O N I / b ) re si conservano i resti delle vetrate fisse, mentre all interno si individuano chiaramente, negli stipiti, gli alloggi utilizzati per i paletti lignei che tenevano ferme le ante poste nella parte bassa. La realizzazione di grandi finestre con ante apribili, costituite da lastre di vetro rettangolari, montate su telai di legno, si diffuse invece più tardi: nei palazzi nobiliari soppiantò definitivamente le finestre a croce a partire dal XVII secolo. Le lastre erano prevalentemente prodotte col sistema a cilindro, nel quale vennero introdotte alcune modificazioni tecnologiche, non sostanziali: per il taglio delle lastre, ad esempio, dal XVII secolo si cominciò a fare uso del diamante. 5. Principali cause di degrado La tendenza del vetro, sostanza amorfa, a riassumere col tempo una struttura cristallina, è un fenomeno naturale, che ne causa la

17 Aurora Cagnana 193 devetrificazione. Questo processo è collegato alla perdita progressiva delle sostanze fondenti; il sodio, in particolare, tende a staccarsi dal vetro per lisciviazione dell acqua. Rimasta senza alcali, la silice tende a riorganizzarsi secondo una struttura cristallina; tuttavia i tetraedri di SiO 2 non riformano più i cristalli di quarzo, ma la presenza di altri elementi (ferro, magnesio, calcio) determina la formazione di nuovi silicati fra i quali il più comune è la clorite, dal tipico colore verde. Le colorazioni iridescenti assunte da molti vetri romani, a base sodica, sono appunto dovute alla perdita degli alcali e alla formazione di silicati. Questo fenomeno esiste anche in natura; molte colate laviche di basalti, ad esempio, che in origine erano ricoperte da strati vetrosi, dovuti al veloce raffreddamento in superficie, col tempo si sono trasformate completamente in clorite. 6. Nota bibliografica Sul ciclo di produzione del vetro una utile sintesi si trova in MANNONI, GIANNICHEDDA 1996, pp ; sulla vetrificazione del quarzo un essenziale richiamo dei principali meccanismi chimici si trova in CUOMO DI CAPRIO Sulle tecniche di lavorazione, dalla pasta vitrea alla soffiatura, si consiglia l agile volumetto di SAGUÍ 1998 e il testo di TAIT 1991, quest ultimo particolarmente utile dal punto di vista didattico, per le numerose esemplificazioni sperimentali. Sulla vetreria medievale scavata nell Appennino genovese, studiata con grande attenzione e con il supporto di accurate analisi archeometriche cfr. FOSSATI, MANNONI 1975; CASTELLETTI 1975; CALEGARI, MORENO Sui metodi a cilindro e a corona per la soffiatura di lastre da finestra cfr. SINGER ET ALII Sull uso di lastre da finestre nell architettura romana cfr. HARDEN 1969 e HARDEN 1971; una essenziale sintesi delle principali problematiche relative alla storia del vetro da finestra nell architettura romana viene tracciata in margine allo studio dei 2700 frammenti rinvenuti negli scavi della villa di Settefinestre da DE TOMMASO 1985, pp Sui vetri prodotti col sistema a corona cfr. CA LV I 1968, pp per A q u i l e i a ; CHARLESWORTH 1977 per Chichester; BOVINI 1964 per San Vitale. Per le vetrate altomedievali rinvenute negli scavi del monastero di San Vincenzo al Volturno cfr. MARAZZI, FRANCIS 1996; DELL ACQUA 1996; DELL ACQUA 1996/a. Per le vetrate rinvenute nella torre di Pavia cfr. WARD PERKINS ET ALII 1978; PIRINA 1993; SPATOLA Per il conte-

18 194 A R C H E O L O G I ADEI MATERIALI DA C O S T R U Z I O N E sto di vetri da finestra tardo quattrocenteschi rinvenuti a Genova cfr. GARDINI, MILANESE Gli aspetti produttivi e iconografici delle vetrate medievali sono trattati nella recente monografia di CASTELNUOVO Sulle trasformazioni di finestre e serramenti dal medioevo all età moderna, notizie dettagliate, sebbene circoscritte all ambito genovese, si trovano in BOATO, MANNONI 1997/98. Sulle finestre di San Salvatore dei Fieschi (GE) cfr. MANNONI 1999/b.

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%)

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%) IL VETRO I primi oggetti in vetro risalgono a circa 3.500 anni fa in Mesopotamia ma la leggenda vuole che siano stati i FENICI ad inventare il vetro per caso Una leggenda narra che dei mercanti FENICI,

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE I blocchi di pietra calcarea destinati alla costruzione degli archi,venivano tagliati con precisione e uniti con la malta (calce,sabbia,acqua). Una volta che gli archi si

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA

BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA BA1U3L2 L INDUSTRIA DEL VETRO FUSIONE FOGGIATURA E RICOTTURA TECNICHE FI LAVORAZIONE TEMPRA FUSIONE LE MATERIE PRIME SONO MACINATE E LE POLVERI COSÌ OTTENUTE VERSATE IN APPOSITI CONTENITORI,DETTI TRAMOGGE;QUESTE

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

facoltà di architettura di genova_docente_andrea giachetta corso di progettazione bioclimatica - modulo: tecnologie bioclimatiche

facoltà di architettura di genova_docente_andrea giachetta corso di progettazione bioclimatica - modulo: tecnologie bioclimatiche materiali riciclati 1 affinché un architettura possa considerarsi sostenibile a tutti gli effetti è necessaria una progettazione responsabile dell intero ciclo di vita dell edificio...... che consideri

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Produzione e Recupero-Riciclo

Produzione e Recupero-Riciclo Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli Produzione e Recupero-Riciclo - IL VETRO - Storia del vetro - VETRO NATURALE: ossidiana, conosciuta ed usata sin dai tempi preistorici. -

Dettagli

La produzione della porcellana di Arita

La produzione della porcellana di Arita La produzione della porcellana di Arita 1 Estrazione Le roccie di caolino di Izumiyama sono cavate a cielo aperto. Le roccie sono trattate in acqua, rotte con un martello e selezionate secondo l'aspetto

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

SOSTENIBILITÀ DEI MATERIALI IN EDILIZIA

SOSTENIBILITÀ DEI MATERIALI IN EDILIZIA SOSTENIBILITÀ DEI MATERIALI IN EDILIZIA Un nuovo utilizzo dei materiali di scarto in edilizia Ridurre il volume dei rifiuti prodotti nei centri urbani, riciclandoli, significa non solo prevenire la contaminazione

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

Posizione delle cave di pietra ollare esistenti nel territorio di Alagna.

Posizione delle cave di pietra ollare esistenti nel territorio di Alagna. LA PIETRA OLLARE La pietra ollare è una roccia di natura scistosa di colore verde cenerino. Ne esistono in alta Valgrande due varietà: una forma compatta a grana molto fine, talora leggermente untuosa

Dettagli

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali ME_2 PM Classificazione dei materiali

Dettagli

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio 10 I SOLAI 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio I solai sono strutture piane aventi la funzione di portare i carichi presenti sulle costruzioni e di trasferirli alle strutture su cui si appoggiano.

Dettagli

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi

CICLO DELL ACQUA. Marco Carozzi CICLO DELL ACQUA Marco Carozzi Sommario Ciclo biogeochimico La molecola d acqua: breve introduzione Ciclo dell acqua ed elementi del ciclo evaporazione, evapotraspirazione, condensazione, precipitazioni,

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

AGRICOLTURA 1. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: A) i piccoli materiali della terra AVVERTENZA:

AGRICOLTURA 1. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: A) i piccoli materiali della terra AVVERTENZA: Titolo: AGRICOLTURA 1 Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: A) i piccoli materiali della terra AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come

Dettagli

Colla di montaggio Pro

Colla di montaggio Pro Scheda prodotto Prodotto COLLA DI MONTAGGIO PRO è una colla e un mastice per fughe dalla qualità pregiata, a presa rapida e capace di mantenere l elasticità, a base di polimero MS ad elevata adesione iniziale.

Dettagli

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante ing. Chiara Venturelli Expert System Solutions Srl, Modena, Italia Introduzione La termovalorizzazione è un processo

Dettagli

Alveo prodotti per adesivizzazione

Alveo prodotti per adesivizzazione Alveo prodotti per adesivizzazione Schiume Sekisui Alveo supporti per nastri adesivi per edifici ad alta efficienza energetica Le schiume Sekisui Alveo sono in grado di ridurre sia il consumo energetico

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali.

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali. CLASSEN Gruppe Werner-von-Siemens-Straße 18 20 D-56759 Kaisersesch Tel.: +49 (0) 2653 9800 Fax: +49 (0) 2653 980299 Internet: www.classen.de E-Mail: info@classen.de A causa della tecnica di stampa i colori

Dettagli

Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva

Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva Dalla roccia al metallo: metallurgia estrattiva http://www.tavolaperiodica.it/metallurgia_estrattiva.html Immaginando in maniera assolutamente fantasiosa e personale che così si sia avuta l intuizione

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA - Facoltà di Architettura di Matera Classe LM/4, conforme alla DIRETTIVA EUROPEA 85/384 e al D.M. 22 ottobre 2004, n.270 a.a. 2011/2012 II ANNO Semestrale TECNOLOGIA

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

Vetro e sicurezza termica. Bollettino tecnico

Vetro e sicurezza termica. Bollettino tecnico Vetro e sicurezza termica Bollettino tecnico Introduzione Questa pubblicazione introduce il concetto di stress termico che può essere indotto nel vetro per effetto dell esposizione alla radiazione solare.

Dettagli

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO.

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. COTTURE CERAMICHE COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. CONFERIMENTO DI PARAMETRI TECNICI,

Dettagli

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte IL GOTICO L Inghilterra Cattedrale di Ely, le volte GOTICO INGLESE L Inghilterra aveva stretti contatti con la Normandia poichè era stata conquistata dai Normanni nel 1081 Attraverso questa via arrivò

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Alessandro Becattini

Alessandro Becattini IL RESTAURO DELLA VETRATA Alessandro Becattini La vetrata raffigura quattro santi e quattro imperatori a coppia: Silvestro e Costantino, Traiano e Gregorio, Girolamo e Teodosio, Graziano e Ambrogio, questi

Dettagli

La Boutique della Piastrella snc

La Boutique della Piastrella snc La Boutique della Piastrella nasce nel 1996 a Saccolongo, in provincia di Padova. La fusione tra la decennale esperienza degli artigiani e la collaborazione di partner qualificata ha permesso alla Boutique

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

IL SILICIO. YOUSSEF MICHAEL Liceo scientifico Leonardo da Vinci Jesi (AN) Classe 3ªC

IL SILICIO. YOUSSEF MICHAEL Liceo scientifico Leonardo da Vinci Jesi (AN) Classe 3ªC IL SILICIO YOUSSEF MICHAEL Liceo scientifico Leonardo da Vinci Jesi (AN) Classe 3ªC Il Silicio (dal latino silex, selce) è un elemento della tabella periodica che ha come simbolo Si, numero atomico 14,

Dettagli

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente).

La Luna appena formata era molto più vicina alla Terra dalla quale si è in seguito allontanata (tendenza che continua attualmente). LA LUNA Si è formata agli inizi del sistema solare dallo scontro tra la PROTOTERRA e un corpo celeste delle dimensioni di Marte chiamato THEIA: il nucleo di Theia si fuse col nucleo della Terra ma il resto

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE Sostituzione di materiali tossici in piombo con nuovi materiali alternativi non tossici come agenti brillanti di sostegno in vernice policromatica INTRODUZIONE

Dettagli

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2

S.U.N. Architettura Luigi Vanvitelli. CdL Archite,ura TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A 2012_13 prof. S. Rinaldi. Infissi_2 INF_2 Infissi_2 SERRAMENTI IN LEGNO I profili di legno sono i principali elementi che caratterizzano le parti strutturali della finestra: Telai fissi, montanti e traversi dell anta, parti complementari (profili

Dettagli

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate Ing. Giovanni Longobardo Area V Protezione passiva giovanni.longobardo@vigilfuoco.it Negli ultimi decenni il numero

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli I materiali di rivestimento di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli Porosità della ceramica -Le ceramiche hanno la caratteristica di essere porose, un fattore che non le ha rese utilizzabili

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI

a cura di Massimo Reboldi MATERIALI PER UTENSILI MATERIALI PER UTENSILI Gli utensili 2 Il comportamento di un utensile influenza in maniera determinante la: Qualità del prodotto finito; Costo parti lavorate; Gli utensili 3 Nelle due principali fasi devono

Dettagli

RIVESTIMENTO A CAPPOTTO E ALTRI INTERVENTI DI ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI

RIVESTIMENTO A CAPPOTTO E ALTRI INTERVENTI DI ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI RIVESTIMENTO A CAPPOTTO E ALTRI INTERVENTI DI ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI Il principale fattore che influenza le prestazioni termiche degli edifici, per ben il 30%, è costituito dall isolamento dell

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI CANALI DA FUMO PER STUFE A LEGNA E A PELLET www.savefumisteria.it INDICE NORMATIVE Pag. 3 REQUISITI DI UN CANALE DA FUMO DA INSTALLARE SU STUFE A LEGNA O PELLET Pag. 5 IL TUBO

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Plastica. Carta. Vetro. Minerali. Selezione della. Tecnica di selezione a sensori Selezione della. Selezione della.

Plastica. Carta. Vetro. Minerali. Selezione della. Tecnica di selezione a sensori Selezione della. Selezione della. www.redwave.at IT Il vostro partner affidabile nel settore della: Plastica Tecnica di selezione a sensori Carta REDWAVE è un marchio della società BT-Wolfgang Binder GmbH, impiegato nel campo della tecnica

Dettagli

TESSERE VITREE A FOGLIA D ORO NEI MOSAICI DI AQUILEIA

TESSERE VITREE A FOGLIA D ORO NEI MOSAICI DI AQUILEIA Quaderni Friulani di Archeologia XVI/2006 TESSERE VITREE A FOGLIA D ORO NEI MOSAICI DI AQUILEIA Marco VERITÀ INTRODUZIONE In epoca romana fu scoperta la possibilità di racchiudere tra due strati di vetro

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

Tecniche di produzione del Silicio. Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone

Tecniche di produzione del Silicio. Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone Tecniche di produzione del Silicio Silicio monocristallino: Processo Czochralski e metodo del floating zone Processo Czochralski Il processo consiste nel sollevamento verticale a bassissima velocità di

Dettagli

Evoluzione della carta nel corso dei secoli

Evoluzione della carta nel corso dei secoli Evoluzione della carta nel corso dei secoli Introduzione della carta Le prime iscrizioni di cui si ha notizia risalgono a 4.000 anni prima di Cristo. èin Egitto che s inizia a produrre un primo materiale

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

I LATERIZI prima parte

I LATERIZI prima parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI prima parte Informazioni storiche

Dettagli

LA STORIA DEI RIFIUTI

LA STORIA DEI RIFIUTI I RIFIUTI LA STORIA DEI RIFIUTI Che cos è un rifiuto? Un rifiuto è qualsiasi oggetto o sostanza di cui ci disfiamo: residui, scarti, oggetti rotti o inutilizzabili, prodotti dalle attività domestiche o

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

I LEGANTI DI ORIGINE MINERALE CICLO AI SILICATI

I LEGANTI DI ORIGINE MINERALE CICLO AI SILICATI I LEGANTI DI ORIGINE MINERALE CICLO AI SILICATI ESEMPIO D INTERVENTO Villa Manzoni a Cormano (MI) Ciclo di pitturazione: preparazione - Demolizione delle parti di intonaco sfaldanti e ammalorate. - Rinzaffo

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

FOCUS Febbraio 2015. Energia da impianti fotovoltaici: un analisi statistica a livello regionale. Fonti: Rapporto Statistico 2013 e 2012 del GSE

FOCUS Febbraio 2015. Energia da impianti fotovoltaici: un analisi statistica a livello regionale. Fonti: Rapporto Statistico 2013 e 2012 del GSE Fonti: Rapporto Statistico 213 e 212 del GSE Solare Fotovoltaico. Banca Dati SIMERI - sistema di monitoraggio delle fonti rinnovabili. Eurostat (Data on solar collector's surface displays information on

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s.

Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s. Progetto L età di Leonardo per i curricoli del biennio unitari finalizzati all innalzamento dell istruzione a 16 anni dall a.s. 2007/08 [Eleonora Aquilini] Le sostanze basiche Preparate una soluzione di

Dettagli

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Sergio Mancini geologo - Università di Siena Nell entroterra della provincia di La

Dettagli

da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER

da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER da abitare Natura LA CASACLIMA ATTIVA DELLA DITTA WEGSCHEIDER La Casaclimaattiva della ditta Wegscheider riesce a conciliare i pregi dei materiali costruttivi legno e argilla, che vengono usati da millenni,

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

Il fornetto a energia solare

Il fornetto a energia solare Il fornetto a energia solare A cura di Bosso Giada 2I 14/03/2014 O b i e t t i v i : Fondere (parzialmente) un pezzo di cioccolata a circa 70 C con il calore prodotto dalla luce solare. Cenni storici:

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a.

L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a. L Elicoidale Snc Relazione aziendale sulla nostra produzione di scale elicoidali in c.a. L Elicoidale Snc nasce il 13/01/1998 dall idea dei due soci fondatori, Zandonà Renzo e Bicego Domenico, di realizzare

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli