Oggetto: Progetti di sperimentazione in materia di semiresidenzialità per persone con disabilità. Determinazioni ai sensi della DGR 739/2015.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggetto: Progetti di sperimentazione in materia di semiresidenzialità per persone con disabilità. Determinazioni ai sensi della DGR 739/2015."

Transcript

1 DECRETO N. 332 DEL 30 dicembre 2015 Oggetto: Progetti di sperimentazione in materia di semiresidenzialità per persone con disabilità. Determinazioni ai sensi della DGR 739/2015. NOTE PER LA TRASPARENZA: Si approvano le risultanze della valutazione di idoneità effettuata dalla Commissione tecnico scientifica regionale sui progetti di sperimentazione in materia di semiresidenzialità per persone con disabilità, presentati dalle Aziende ULSS in adempimento alla DGR 739/2015. IL DIRETTORE GENERALE DELL AREA SANITA E SOCIALE Premesso che: Con la Deliberazione della Giunta regionale n del 9 settembre 2014 sono state approvate ulteriori determinazioni in materia di Fondo regionale per la Non Autosufficienza ad integrazione della DGR 1171/2014, ed è stato disposto il mantenimento in gestione accentrata di una parte di risorse, rinviando e subordinando ad appositi atti il conseguente impegno di spesa. Con la successiva DGR 1804 del 6 ottobre 2014 la Giunta regionale aveva dato mandato di predisporre entro il 31 dicembre 2014 una proposta di provvedimento per la programmazione delle prestazioni e delle rette di riferimento dei servizi semiresidenziali per persone con disabilità, prevedendo nel medesimo atto anche la definizione di un modello sperimentale di erogazione di prestazioni sociosanitarie nell ambito di percorsi educativi e/o occupazionali esterni al Centro diurno o nell ambito di strutture residenziali innovative, tenendo conto dei bisogni assistenziali correlati ai progetti personalizzati in un ottica di autodeterminazione e riconsiderando il sistema delle unità di offerta dei servizi socio sanitari ed assistenziali alla luce dell approccio biopsicosociale e delle capability delle persone con disabilità, nell arco della loro vita. Con la DGR 181/CR del 16 dicembre 2014 e la conseguente DGR 739 del 15 maggio 2015 sono state individuate le modalità di assegnazione e di utilizzo delle risorse alle Aziende ULSS per il finanziamento di progetti di sperimentazione in materia di semiresidenzialità per persone con disabilità, per l importo di ,00. Ai sensi della DGR 739/2015, sulla scorta delle risorse così attribuite, le Aziende ULSS possono attivare un numero di impegnative del valore massimo di 30,00, assegnate ad con disabilità, previa valutazione effettuata con SVaMDi e appartenenza, di norma, al profilo assistenziale o o basso, come definito ai sensi della DGR 1804/2014. La DGR 739/2015 ha inoltre disposto che il valore della quota copre i costi di rilievo sanitario per le prestazioni educative e tutelari, secondo le regole dei LEA riguardanti le prestazioni semiresidenziali per persone con disabilità. In merito alla modalità di selezione dei progetti per l assegnazione di tali quote, la DGR 739/2015 dispone che l individuazione è demandata alle Aziende ULSS, che provvederanno a trasmetterli alla Regione del Veneto, Mod. B - copia

2 Area Sanità e Sociale, indicando, contestualmente alla descrizione dei contenuti progettuali: numero di, giornate e ore giornaliere di attività, personale per profilo professionale (OSS, Educatori, ecc ). Nelle more di approvazione della DGR 739/2015, avvenuta il giorno 15 maggio 2015, il termine inizialmente definito al 31 maggio per la trasmissione dei progetti non avrebbe consentito alle Aziende ULSS un sufficiente lasso di tempo per la raccolta e invio dei progetti. Pertanto, con nota del Direttore Generale dell Area Sanità e Sociale n del 29 maggio 2015 tale termine è stato posticipato al 20 giugno 2015, anche in considerazione del fatto che la scadenza del 31 maggio non andava considerata perentoria in quanto la stessa DGR 739/2015 dispone che eventuali progettualità predisposte successivamente potranno essere prese in considerazione in ragione delle eventuali risorse residuali, previa valutazione da parte della Commissione regionale. Ai sensi della DGR 739/2015, con Decreto del Direttore Generale dell Area Sanità e Sociale n. 159 del 24 giugno 2015 è stata istituita un apposita Commissione Tecnico-scientifica composta da qualificato personale regionale per la valutazione dei progetti, con il compito di fornire il parere favorevole alle Aziende ULSS e di procedere successivamente al monitoraggio dei progetti stessi. Rilevato che: Con nota del Direttore generale dell Area Sanità e Sociale n dell 11 giugno 2015 sono state fornite alle Aziende ULSS le indicazioni operative per la presentazione dei progetti alla Regione. La trasmissione è avvenuta via PEC ed è stata accompagnata dalla compilazione di una scheda riassuntiva compilabile on line. Talune Aziende hanno scelto di utilizzare il modello della scheda riassuntiva per la formulazione del progetto. La scheda prevedeva la raccolta delle seguenti informazioni: o Data di compilazione o Azienda ULSS o Titolo del progetto o Descrizione del progetto o Informazioni sull Ente gestore del progetto o Numero di minimo di persone inserite nell'anno o Numero o di persone inserite nell'anno o Numero massimo di persone inserite nell'anno o E' stata effettuata la valutazione con SVaMDi delle persone da inserire? o E' stato già concordato il progetto personalizzato con le persone con disabilità (o con la famiglia o il legale rappresentante)? o Quanti educatori professionali sono impiegati nel progetto? o Quanti OSS sono impiegati nel progetto? o Quanti altri operatori sono impiegati nel progetto? o Quali competenze mettono in campo gli altri operatori? o Descrivere connessioni e strategie di lavoro con le reti territoriali o Descrivere le strategia di progettazione rivolte all'inclusione sociale o Il progetto è stato condiviso con il Comune, ai fini della compartecipazione? o Quota di rilievo sanitario giornaliera prevista, in base alla DGR 739/2015 o Quota sociale prevista in base al DPCM LEA o Numero o di giornate di attività del progetto nell'anno o Informazioni sul compilatore Sono pertanto pervenuti via PEC n. 93 progetti, ai quali è stata attribuita una numerazione progressiva da 1 a 93. Per ciascun progetto è stato calcolato il fabbisogno o di risorse finanziarie per le quote di rilievo sanitario a valere sull assegnazione della DGR 739/2015, ottenuto moltiplicando il numero o di persone inserite nell anno per il valore della quota di rilievo sanitaria per il numero o di giornate di attività del progetto nell'anno indicati. Tale valore è indicato nella colonna dell Allegato A del presente atto. Mod. B copia Ddr n. 332 del 30/12/2015 pag. 2 di 5

3 La prima valutazione dei risultati ha fatto emergere la seguente considerazione: alcune Aziende ULSS hanno ottemperato la DGR 739/2015 operando una selezione preventiva dei progetti commisurandoli alle disponibilità di risorse attribuite. Altre hanno selezionato ed inviato progettualità il cui budget o sfora marginalmente le risorse attribuite. Altre ancora, ma in numero ridotto, ha raccolto e trasmesso numerose progettualità, eccedenti notevolmente il budget disponibile, demandando alla competenza regionale il processo di valutazione ed individuazione dei progetti. Considerato che: La Commissione ha pertanto deciso di individuare i criteri e di formulare una serie di indicazioni, che vengono di seguito illustrati: A. Individuazione e determinazione di alcuni indicatori discriminanti volti a valutare l idoneità dei progetti. Stante la fase di sperimentazione in materia di semiresidenzialità per persone con disabilità, tali elementi di valutazione consentono a ciascuna Azienda ULSS, sentita la Conferenza dei Sindaci, di assegnare anche un numero parziale di quote per ciascun progetto, non prescindendo dagli indicatori di idoneità rilevati, ciascuno dei quali è espresso in una scala di valori.. Tali indicatori sono stati elaborati utilizzando le informazioni fornite e considerando quelle con presenza di risposte eterogenee e comunque funzionali all identificazione prioritaria dei progetti già avviati, condivisi e con maggiore presenza di quota sociale. Essi sono stati così determinati: 1. Rispondenza del progetto alle finalità del provvedimento in quanto alternativi al Centro diurno per persone con disabilità: progetto non rispondente (ad esempio: progetti rivolti ad già in carico presso Centri diurni, progetti di autonomia residenziale non alternativi al Centro Diurno, progetti di attività esclusivamente sportiva o teatrale, progetti eseguiti in fasce orarie non alternative al Centro diurno, progettualità estranee al modello di presa in carico per persone con disabilità a o lieve) valore 0; progetto abbinato ad altra presa in carico sociale o sociosanitaria (ad esempio: integrazione scolastica, frequenza di comunità alloggio) valore 1; piena rispondenza: valore Condivisione del percorso con il Comune o nel Piano di Zona (se non prevista valore 0; se prevista ma non ancora deliberata valore 1; se già attiva valore 2). 3. Progettualità già concordata con l utente (se già concordata valore 1, altrimenti valore 0). 4. Presenza di compartecipazione (se non prevista 0 punti; se prevista al 30% valore 1; se prevista al 50% valore 2). 5. Rapporto operatori, calcolato sul rapporto tra il numero o indicato di persone inserite nell anno e la sommatoria degli operatori equivalenti (OSS, educatori, ecc ) indicati. Il punteggio è volto a valorizzare i progetti che esprimono un rapporto prossimo al rapporti 1:7 previsto per gli con bisogno lieve, rilevato con SVaMDi (rapporto fino 1:5, valore 1, da 1:5 a 1:7, valore 2; da 1:7 a 1:10, valore 3; da 1:10 a 1:15, valore 2; maggiore di 1:15: valore 1). B. Formulazione di alcune indicazioni di carattere generale alle Aziende ULSS che hanno presentato progetti con costi superiori al budget o che hanno presentato progetti non alternativi al Centro diurno: a) In presenza di un elevato numero o di indicato, avviare il progetto con inserimenti graduali e in considerazione delle liste di attesa, oppure ritarare il progetto per scaglioni/gruppi di non superiori a 15 persone; b) Verificare, in funzione delle liste di attesa, la possibilità di utilizzo di eventuali risorse residuali da altre linee di intervento del Fondo regionale per la Non Autosufficienza. c) Riformulare e ripresentare i progetti qualora siano rivolti a persone già in carico presso i Centri diurni. Peraltro, poiché dalle schede pervenute non è sempre possibile identificare progettualità rivolte a persone con disabilità già prese in carico presso servizi semiresidenziali o residenziali, si raccomanda alle Aziende ULSS di utilizzare le risorse di cui al presente provvedimento prioritariamente per la presa in carico di in lista d attesa o con progetti di dimissione dal Centro diurno. Mod. B copia Ddr n. 332 del 30/12/2015 pag. 3 di 5

4 Ciò stabilito, esaminati e valutati i 93 progetti pervenuti, le risultanze della valutazione sono illustrate nell Allegato A del presente provvedimento. Preso atto che: La Commissione, in considerazione della complessità dell attività istruttoria sopra descritta, aveva proposto di portare ad approvazione le risultanze istruttorie con provvedimento della Giunta regionale. Che in data 1 dicembre 2015 l Assessore regionale alle Politiche sociali ha richiesto via parere all Avvocatura regionale in merito alla necessità di approvare il provvedimento con atto giuntale anziché con decreto dirigenziale. Che in data 29 dicembre 2015 il Coordinatore dell Avvocatura regionale ha inviato una nota di risposta della quale il presente provvedimento prende atto. Ritenuto, pertanto, di stabilire che: Si porti a compimento l approvazione delle risultante istruttorie con atto dirigenziale, prendendo atto della metodologia utilizzata, delle indicazioni per le Aziende ULSS formulate dalla Commissione e delle valutazioni di idoneità contenute nell Allegato A. Le risorse economiche attribuite con la DGR 739/2015 si intendono utilizzabili per 1 anno a partire dalla data di attivazione dei progetti, tenuto conto che con la DGR 2017 del 23 dicembre 2015 il vincolo per l utilizzo delle risorse assegnate è stato ridefinito modificando l indicazione temporale all ano 2015 con quella dell esecuzione dei progetti ex DGR 739/2015. Ai sensi della DGR 739/2015 le Aziende ULSS con sufficiente disponibilità economica residua o ante l impiego di eventuali risorse residuali nel Fondo regionale per la Non Autosufficienza, potranno individuare e selezionare ulteriori progetti sino alla conclusione del periodo di sperimentazione, purché rispondenti alle indicazioni sopra menzionate. Per ragioni di economicità amministrativa l attivazione dei progetti stessi potrà avvenire da parte delle Aziende interessate previa comunicazione all Area Sanità e Sociale, i cui competenti uffici provvederanno a generare il codice UDO e ad organizzare l attività di monitoraggio. Ai sensi della DGR 739/2015, si conferma che la sperimentazione avrà durata di due anni, al termine dei quali, sulla base anche del monitoraggio effettuato dalla Commissione Tecnico-scientifica - che verrà integrata da esperti in servizio presso Aziende ULSS del Veneto - e dei risultati collaudati, verranno definiti con Deliberazione della Giunta regionale i criteri di autorizzazione e accreditamento delle attività ai sensi della LR 22/2002. Infine, i progetti di sperimentazione in materia di semiresidenzialità per persone con disabilità dovranno essere rilevati e rendicontati nel flusso informativo della residenzialità e semiresidenzialità extraospedaliera in area disabili, recentemente definito con Decreto del Direttore Generale dell Area Sanità e Sociale n. 220 del 23 luglio 2015 ai sensi della DGR 740/2015 (il decreto è pubblicato nell area web: e nell applicativo previsto dalla DGR 1804/2014. A tale scopo, accanto a ciascun progetto in Allegato A è già indicato il codice regionale UDO provvisorio, da confermare in sede di avvio della rendicontazione del progetto, che dovrà essere utilizzato per la corretta identificazione del progetto (denominato nel flusso Unità di Offerta ) e la correlazione di ciascun utente alla rispettiva UDO. Visti: la LR 23/2012. la DGR 1653/2014, la DGR 1804/2014 e la DGR 739/2015. la DGR 2017 del 23 dicembre Mod. B copia Ddr n. 332 del 30/12/2015 pag. 4 di 5

5 la LR 54/2012, Legge regionale per l ordinamento e le attribuzioni delle strutture della Giunta Regionale in attuazione della Legge Regionale Statutaria 17 aprile 2012, n. 1 Statuto del Veneto. DECRETA 1. Di considerare la parte motiva parte integrante ed essenziale del presente atto. 2. Di approvare la metodologia di valutazione di idoneità utilizzata dalla Commissione tecnico scientifica regionale, nonché, le indicazioni per le Aziende ULSS formulate dalla Commissione stessa, come descritte in premessa. 3. Di approvare le risultanze della valutazione di idoneità contenute nell Allegato A, parte integrante ed essenziale del presente atto. 4. Di dare atto che il presente atto non comporta spesa aggiuntiva a carico del bilancio regionale. 5. Di trasmettere il presente atto alle Aziende ULSS del Veneto per i successivi adempimenti. 6. Di pubblicare il presente atto nel Bollettino ufficiale della Regione. F.to Dr. Domenico Mantoan Mod. B copia Ddr n. 332 del 30/12/2015 pag. 5 di 5

6 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 1/10 giunta regionale 10^ legislatura AZIENDA ULSS NUOVE FRONTIERE DI OCCUPABILITA' ULSS 1 BELLUNO ,00 10,0 2,0 89 PERCORSI DI AUTISMO AZIENDA ULSS E COOPERATIVA SOCIALE SOCIETÀ NUOVA SCS ,00 5,0 1,5 TOTALE AZIENDA ULSS 1 risorse DGR 739/ , ,00 15,0 1,8 AZIENDA ULSS AULSS 2 - SOGGETTO PUBBLICO ,50 15,0 7,5 PERCORSI SOCIALIZZANTI ED OCCUPAZIONALI TOTALE AZIENDA ULSS 2 risorse DGR 739/ , ,50 15,0 7,5 AZIENDA ULSS ASSOCIAZIONE CONCA D'ORO ONLUS ,00 14,0 5,6 PROGETTO BIO FATTORIA SOCIALE "CONCA D'ORO" PROGETTO "AVVENIRE INSIEME" COOPERATIVA AVVENIRE ONLUS ,00 10,0 4,0 TOTALE AZIENDA ULSS 3 risorse DGR 739/ , ,00 24,0 4,8 AZIENDA ULSS SCELTE INCLUSIVE PERSONALIZZATE ULSS 4 ALTO VICENTINO ,00 50,0 33,3 TOTALE AZIENDA ULSS 4 risorse DGR 739/ , ,00 50,0 33,3

7 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 2/10 AZIENDA ULSS AZIENDA ULSS N. 5 OVEST VICENTINO ,00 14,0 8,8 PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITA PER PERSONE CON DISABILITA TOTALE AZIENDA ULSS 5 risorse DGR 739/ , ,00 14,0 8,8 AZIENDA ULSS COOPERATIVA VERLATA ,00 1,0 0,5 PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ (ATTIVATO) PRIMAVERA 85 COOPERATIVA SOCIALE ,00 1,0 0,5 PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ (ATTIVATI) CONCA D'ORO FATTORIA SOCIALE ,00 1,0 0,5 PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ (ATTIVATI) 17 PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN FONDAZIONE "CANDIDA STEFANI E FRATELLI" MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ ONLUS (ATTIVATI) PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN IL NUOVO PONTE COOPERATIVA SOCIALE MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ ONLUS (ATTIVATI) PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN COOPERATIVA MARGHERITA SOC. COOP. MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ SOCIALE A R.L. (ATTIVATI) ,00 1,0 0, ,00 1,0 0, ,00 8,0 4, PRIMAVERA 85 COOPERATIVA SOCIALE ,00 5,0 2,5 PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ (DA ATTIVARE)

8 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 3/10 8 PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN MEA (I BERICI) MOSAICOEAIAS SOCIETÀ MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ (DA COOPERATIVA SOCIALE ATTIVARE) PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN COOPERATIVA MARGHERITA SOC. COOP. MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ (DA SOCIALE A R.L. ATTIVARE) PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN IL NUOVO PONTE SOCIETÀ COOPERATIVA MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ (DA SOCIALE ONLUS ATTIVARE) PROGETTI DI SPERIMENTAZIONE IN MEA (AGENDO) MOSAICOEAIAS SOCIETÀ MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ COOPERATIVA SOCIALE (ATTIVATI) ,00 3,0 1, ,00 4,0 2, ,00 5,0 2, ,00 6,0 2,0 TOTALE AZIENDA ULSS 6 risorse DGR 739/ , ,00 36,0 1,5 AZIENDA ULSS 7 21 CIRCOLIAMO AZ. ULSS 7 IN CONVENZIONE CON COOPERATIVA FAI DI ORSAGO WORK IN PROGRESS AZ. ULSS 7 IN CONVENZIONE CON FONDAZIONE PICCOLO RIFUGIO DI PONTE DELLA PRIULA "PUNTO E VIRGOLA" - AZIONE "PUNTO" AZ. ULSS 7 IN CONVENZIONE CON COOPERATIVA SORGENTE DI FARRA DI SOLIGO ORIZZONTE AZ. ULSS 7 IN CONVENZIONE CON COOPERATIVA CODESS "PROSPETTIVE" AZ. ULSS 7 IN CONVENZIONE CON COOPERATIVE DI TIPO B DEL TERRITORIO ,75 9,0 9, ,00 4,0 6, ,50 7,0 3, ,00 4,0 2, ,00 2,0 2,0 TOTALE AZIENDA ULSS 7 risorse DGR 739/ , ,25 26,0 4,7

9 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 4/10 AZIENDA ULSS 8 24 KALEIDO :CENTRO DIURNO PER MINORI SONDA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE E ADOLESCENTI CON DISTURBI DELLO ONLUS SPETTRO AUTISTICO ,00 13,0 2, E PIÙ: VERSO L'ETÀ ANZIANA DELLA DISABILITÀ RTI RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D'IMPRESA, COOPERATIVE VITA E LAVORO E LA RETE CON CAPOFILA VITA E LAVORO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ONLUS ,00 8,0 2,0 TOTALE AZIENDA ULSS 8 risorse DGR 739/ , ,00 21,0 2,0 AZIENDA ULSS FONDAZIONE IL NOSTRO DOMANI ,00 36,0 3,3 LABORATORI DIURNI PER PERSONE CON DISABILITÀ PRESSO COMUNITÀ ALLOGGIO C.P.S. COOPERATIVA SOCIALE ,00 7,0 2,3 LABORATORIO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITÀ GESTITO DALLA C.P.S. COOPERATIVA SOCIALE TOTALE AZIENDA ULSS 9 risorse DGR 739/ , ,00 43,0 2,8 AZIENDA ULSS NUOVI SPAZI PER L'AUTONOMIA ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ,00 2,0 1,5 29 GREEN FARM FONDAZIONE DI CULTO E DI RELIGIONE PICCOLO RIFUGIO ONLUS INDIPENDENZA TRA AMICI A.P.H.E. ASSOCIAZIONE PRO HANDICCAPPATI DI ERACLEA ,00 4,0 2, ,00 4,0 2, COOPERATIVA SOCIALE IL GABBIANO IL PINO ,80 3,0 1,4 PROGETTO SOSTEGNO AUTONOMIE IN SOGGETTI CON DISABILITÀ LIEVE VERSO L'AUTONOMIA ABITATIVA ASSOCIAZIONE LA CASA ROSSA ONLUS ,60 6,0 3,3

10 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 5/10 TOTALE AZIENDA ULSS 10 risorse DGR 739/ , ,40 19,0 2,1 AZIENDA ULSS GIRASOLE GIOVANI ANFFAS MESTRE ONLUS ,00 10,0 2,9 33 PROGETTO PONTE CI SIAMO ANCHE NOI COOPERATIVA SOCIALE A RL L.A.A.S. - LABORATORIO APERTO DI PROVINCIA RELIGIOSA DI SAN MARZIANO DI AGRICOLTURA SOCIALE DON ORIONE DON ORIONE ,00 10,0 3, ,00 6,0 1,9 TOTALE AZIENDA ULSS 12 risorse DGR 739/ , ,00 26,0 2,6 AZIENDA ULSS LAVORI IN CORSO FONDAZIONE RIVIERA ONLUS ,00 8,0 6,3 35 FREEDOM ASSOCIAZIONE SENZA FINI DI LUCRO ENGIM (ENTE NAZIONALE GIUSEPPINI DEL MURIALDO) VENETO CENTRO EDUCATIVO RICREATIVO AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N. DIURNO (C.E.RI.D.) ,00 10,0 45, ,00 16,0 0,7 TOTALE AZIENDA ULSS 13 risorse DGR 739/ , ,00 34,0 17,5 AZIENDA ULSS LABORATORI ESTERNI PE RIL FONDAZIONE CLUGIA ANFFAS ONLUS RECUPERO DELLE TRADIZIONI CHIOGGIA ARTIGIANALI LOCALI ,00 6,0 21, GREEN ABILITY EMMANUEL SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 7,0 5,4 39 PROMETERING - NUOVA VERSIONE "PROMETEO" SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 8,0 5,3

11 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 6/10 TOTALE AZIENDA ULSS 14 risorse DGR 739/ , ,00 21,0 10,9 AZIENDA ULSS PROGETTI INNOVATIVI C.O.P. CENTRI IL GRATICOLATO SOCIETÀ COOPERATIVA OCCUPAZIONALI PROTETTI SOCIALE PROGETTI INNOVATIVI C.O.P. L'ECO PAPA GIOVANNI XXIII SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 20,0 6, ,00 5,0 1,8 TOTALE AZIENDA ULSS 15 risorse DGR 739/ , ,00 25,0 4,2 AZIENDA ULSS RETI DI INCLUSIONE SOCIALE, PADOVA COOPERATIVA SOCIALE VITE VERE DOWN DADI ,00 20,0 2, "LINK: LEGAMI PER L'INCLUSIONE" COOPERATIVA SOCIALE NUOVA IDEA ,00 7,0 5,0 60 PROGETTO COMETA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ARCOBALENO STAMMI VICINO C.S.M.R. P63 SINDROME EEC.INTERNATIONAL N.W.W.C. ONLUS PROGETTO AUTONOMIA FONDAZIONE IRPEA (ISTITUTI RIUNITI PADOVANI DI EDUCAZIONE E ASSISTENZA) ,00 10,0 2, ,00 125,0 8, ,00 12,0 3, A.D.O. ATTIVITÀ DIURNE OCCUPAZIONALI COSEP SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 8,0 1,3 82 START UP GIOVANI PROVINCIA PADOVANA DEI FRATI MINORI CONVENTUALI "VILLAGGIO S. ANTONIO ONLUS" ,00 10,0 5, COLTIVA IL BENESSERE IL GLICINE SOC.COOP.SOCIALE ,00 4,5 5, POLIS NOVA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,50 12,5 4,6 SMART JOBS: PROGETTO SPERIMENTALE PER L'AVVICINAMENTO AL LAVORO PER GIOVANI CON

12 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 7/10 84 POMERIGGI INSIEME: SPAZIO OVER 14 FONDAZIONE IRPEA (ISTITUTI RIUNITI PADOVANI DI EDUCAZIONE E ASSISTENZA) SPAZIAPERTO GERMOGLIO SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE ,00 12,0 6, ,00 15,0 10, ASSOCIAZIONE PONTE SUL DOMANI ,00 6,0 5,8 SPAZIO PER L'AUTONOMIA - NUOVA VERSIONE 77 PER CRESCERE ASSOCIAZIONE NUOVA REALTA' ONLUS ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DIAMOCI DEL TEMPO PROVINCIA PADOVANA DEI FRATI MINORI CONVENTUALI "VILLAGGIO S. ANTONIO ONLUS" ,00 12,5 2, ,00 2,0 2, SOSTARE IL PORTICO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 12,0 5, FRANCESCO D'ASSISI SOC. COOP. SOC ,00 5,0 0,9 ESPERIENZE - PERCORSO ESPERENZIALE PER GIOVANI PERSONE CON DISABILITÀ INTELLETTIVA PER LA 67 CENTRO DI LAVORO GUIDATO GERMOGLIO SOCIETA' COOPERATIVA IMPIEGHIAMOCI SOCIALE ,00 8,0 4, RIESCO H-AB RIESCO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 8,0 38, L'IRIDE SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 5,5 1,2 COMUNITÀ EDUCATIVA DIURNA - IN MOVIMENTO IL MIO FUTURO L'IRIDE SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 1,0 1,3 69 ABILITIAMO IL GIRASOLE SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 8,0 2, AGILITY FOR LIFE ASS. CAVE CANEM ONLUS ,00 16,0 8,9 66 PROGETTO RESIDENZIALITÀ AISM ONLUS, SEVIZIO DI RIABILITAZIONE EXTRAOSPEDALIERA PERSONE AFFETTE PADOVA DA SLA ,00 7,0 7,1

13 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 8/ LA FATTORIA DEI RAGAZZI ASS. CAVE CANEM ONLUS ,00 6,0 3, DOPO SCUOLA FONDAZIONE PATAVIUM ANFFAS ONLUS ,00 9,0 4,5 72 TRACCE DI... COLORE E PAROLE IL GIRASOLE SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE FILI E COLORI IL GIRASOLE SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 7,5 1, ,00 3,0 1, WEEK-END IN BIANCO L'IRIDE SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 4,5 1, IO CITTADINO FONDAZIONE PATAVIUM ANFFAS ONLUS ,00 12,5 3,4 TOTALE AZIENDA ULSS 16 risorse DGR 739/ , ,50 369,5 5,2 AZIENDA ULSS P.L.P. PERCORSI LAVORO PROTETTO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE CRESCERE INSIEME P.A.R.I. PERCORSI ABILITATIVI E FONDAZIONE IREA MORINI PEDRINA PELÀ RIABILITATIVI PER L INCLUSIONE TONO P.L.P. PERCORSI LAVORO PROTETTO SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE "SPAZIO ELLE" ,00 3,0 6, ,00 11,0 5, ,00 3,0 6,0 TOTALE AZIENDA ULSS 17 risorse DGR 739/ , ,00 17,0 6,0 AZIENDA ULSS VIAGGIO NEI COLORI AZIENDA ULSS ,00 100,0 5, PROGETTO DI STIMOLAZIONE BASALE AZIENDA ULSS ,25 55,0 1,4 TOTALE AZIENDA ULSS 18 risorse DGR 739/ , ,25 155,0 3,3

14 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 9/10 AZIENDA ULSS AZIENDA ULSS ,00 10,0 2,2 ELICRISO 3 "IL GERMOGLIO" (CLASSIFICAZIONE L.R. N. 22 CENTRO DIURNO) TOTALE AZIENDA ULSS 19 risorse DGR 739/ , ,00 10,0 2,2 AZIENDA ULSS ULSS ,00 33,0 1,9 PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ PER PERSONE CON DISABILITÀ L'OFFICINA DELL' AIAS COOP. SOCIALE ,00 9,0 0,9 SPERIMENTAZIONE L'OFFICINA DELL'AIAS "UN PASS PER TUTTI" 92 RETI DI INCLUSIONE SOCIALE, FONDAZIONE PIÙ DI UN SOGNO IN PROGETTO INNOVATIVO PER PERSONE COLLABORAZIONE CON LA COOPERATIVA CON DISABILITÀ INTELLETIVA VALE UN SOGNO ,00 30,5 3, AZIENDA ULSS 20 DI VERONA ,00 2,0 0,5 PROGETTO INNOVATIVO DI SUPPORTO, DI SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ PER PERSONE 93 PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE IN SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE CASA MATERIA DI SEMIRESIDENZIALITÀ PER NOSTRA ONLUS PERSONE CON DISABILITÀ ,00 20,0 1,8 TOTALE AZIENDA ULSS 20 risorse DGR 739/ , ,00 94,5 1,8 AZIENDA ULSS FONDAZIONE IN RETE FONDAZIONE MADONNA DI LOURDES ,00 20,0 5,0 53 WORK IN PROGRESS - SERVIZIO COOPERATIVA SOCIALE DON A. RIGHETTI ABILITATIVO DIURNO SOC.COOP ,00 20,0 22, TALENT FARM APS E ASD AMICI DELLA VECCHIA FATTORIA ,00 7,0 0,6

15 Allegato A al Decreto n. 332 del 30/12/2015 pag. 10/10 54 RETI DI INCLUSIONE SOCIALE, FONDAZIONE PIÙ DI UN SOGNO IN PROGETTO INNOVATIVO PER PERSONE COLLABORAZIONE CON LA COOPERATIVA CON DISABILITÀ INTELLETIVA VALE UN SOGNO PROGETTO D'INTEGRAZIONE SOCIO COMUNITÀ GIOVANNI XXIII IL CALABRONE LAVORATIVA SPERIMENTALE PER LE SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE PERSONE CON DISABILITA' ,00 30,0 3, ,00 7,0 1,4 TOTALE AZIENDA ULSS 21 risorse DGR 739/ , ,00 84,0 6,6 AZIENDA ULSS COOPERATIVA SOCIALE FILO CONTINUO ,00 12,0 6,3 KAIRÒS:"BIOGRAFIE POSSIBILI TRA LAVORO E COMUNITÀ 57 LABORATORIO EDUCATIVO LAVORATIVO. ISTITUTO POVERETTE CASA NAZARETH UN PERCORSO DI INCLUSIONE SOCIALE. (ONLUS) CLUB DARE CENTRO SOCIALIZZAZIONE ONLUS COOPERATIVA SOCIALE ,50 10,0 11, ,00 8,0 5, COLTIVA LA RETE COOPERATIVA SOCIALE AGESPHA ONLUS ,00 12,0 4, LABORATORIO IDEA "I PIOSI" SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE ,00 9,0 2,8 TOTALE AZIENDA ULSS 22 risorse DGR 739/ , ,50 51,0 5,9 TOTALE COMPLESSIVO risorse DGR 739/ , , ,0 5,1

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia

Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Protocollo Operativo Condiviso tra: Unità Operativa Handicap e U.O. Materno Infantile Età Evolutiva Famiglia Pag. 1 /5 PROTOCOLLO OPERATIVO TRA UNITA OPERATIVA HANDICAP E UNITA OPERATIVA MATERNO INFANTILE

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Delibera n. 199 del 19/02/2015 REGIONE DEL VENETO UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 PIEVE DI SOLIGO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE L`anno duemilaquindici, il giorno diciannove del mese di Febbraio

Dettagli

RESIDENZIALITA E DISABILITA in ULSS 7 tra continuità ed innovazione

RESIDENZIALITA E DISABILITA in ULSS 7 tra continuità ed innovazione RESIDENZIALITA E DISABILITA in ULSS 7 tra continuità ed innovazione Treviso, sabato 15 febbraio 2014 Relatori: Dott.ssa Paola VESCOVI Dott.ssa Cristina GIANDON Nell'anno europeo delle persone con disabilità

Dettagli

PIANO DI ZONA anni 2007-2009. Area Disabilità

PIANO DI ZONA anni 2007-2009. Area Disabilità PIANO DI ZONA anni 2007-2009 Area Disabilità 1 Nel Piano di Zona confluiscono Piano locale della disabilità Integrazione scolastica e sociale minori Servizio di integrazione Lavorativa 2 Le nuove linee

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 81 DEL OGGETTO: Fondazione CON IL SUD - Bando Socio Sanitario 2012 - Adesione del Comune di Serdiana

Dettagli

Il presente atto è pubblicato all albo dell Azienda, per rimanervi affisso per 15 giorni consecutivi, il giorno 02/07/2014

Il presente atto è pubblicato all albo dell Azienda, per rimanervi affisso per 15 giorni consecutivi, il giorno 02/07/2014 Determinazione n. 33/Dipartimento A.S.S.I. del 30 giugno adottata dal Direttore del Dipartimento A.S.S.I. dott. Adriano Lunini Il presente atto è pubblicato all albo dell Azienda, per rimanervi affisso

Dettagli

Aggiornamento Piano di Zona anno 2010 DGR n. 1809 del 16/06/2009 Conferenza dei Sindaci 25/02/2010

Aggiornamento Piano di Zona anno 2010 DGR n. 1809 del 16/06/2009 Conferenza dei Sindaci 25/02/2010 Aggiornamento Piano di Zona anno 2010 DGR n. 1809 del 16/06/2009 Conferenza dei Sindaci 25/02/2010 ANZIANI Centro Residenziale Anziani "Scalabrin" centro diurno per non autosufficienti Arzignano 10 casa

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU29S2 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 luglio 2015, n. 27-1784 Definizione delle tariffe e ridefinizione del fabbisogno dei Centri Diurni Socio Riabilitativi sperimentali

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Centri Diurni per una nuova qualità di Vita. Gruppo Veneto S. Secondo di Pinerolo (TO) 21 e 22 novembre 2013

Centri Diurni per una nuova qualità di Vita. Gruppo Veneto S. Secondo di Pinerolo (TO) 21 e 22 novembre 2013 Centri Diurni per una nuova qualità di Vita Gruppo Veneto S. Secondo di Pinerolo (TO) 21 e 22 novembre 2013 Il ciclo di vita dei Servizi per la disabilità Maturità Declino Crescita? Start-up 2 1970 1985

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 2 febbraio 2010, n. 279

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 2 febbraio 2010, n. 279 5638 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 19-02-2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 2 febbraio 2010, n. 279 Regolamento Regionale 18 gennaio 2007, n. 4 - art. 32, e Delibera G.R.

Dettagli

triennale di dirigente del Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria alla dr.ssa Anna Maria Candela;

triennale di dirigente del Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria alla dr.ssa Anna Maria Candela; 1688 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PRO GRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA 12 dicembre 2013, n. 645 D.G.R. n. 2578/2010 Progetto Qualify Care Puglia D.G.R. n. 758/2013 Approvazione

Dettagli

REG. DET. DIR. N. 4463 / 2013 IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

REG. DET. DIR. N. 4463 / 2013 IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 5 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA PROMOZIONE E PROTEZIONE SOCIALE SERVIZIO DOMICILIARITA' REG. DET. DIR. N. 4463 / 2013

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PRO GRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA 9 giugno 2015, n. 254

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PRO GRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA 9 giugno 2015, n. 254 24568 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 85 del 18 06 2015 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PRO GRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA 9 giugno 2015, n. 254 DDG n. 134/2013 del

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005

Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60. Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Centro Socio Educativo (C.S.E.) di Brembate Sopra Via xxv Aprile Via Donizzetti 60 Redatta in conformità alla D.G.R. n. 7/20763 del 16/02/2005 Brembate sopra, settembre 2010 La Carta dei Servizi è il requisito

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 Oggetto: LR 20/ 97, art. 3. Finanziamento di progetti d intervento a favore di persone con disturbo mentale e di persone con disabilità intellettive.

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza

favorire il ricorso a soluzioni alternative all istituzionalizzazione per i cittadini non autosufficienti, riconoscendo anche la cura e l assistenza LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) e, in particolare gli articoli 2 (Diritto alle prestazioni),

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 2/32 Sommario Premessa... 3 CAPITOLO 1 - Il Fondo Sanitario Regionale per l esercizio 2012... 5 1.1 Le

Dettagli

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso

Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso Programma di integrazione sociale e scolastica degli immigrati non comunitari terza annualità 2009 (anno scol. 2010-2011) Avviso 1 1. PREMESSA Con deliberazione n.57 del 12 Luglio 2007 il Consiglio Regionale

Dettagli

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento;

I punti caratterizzanti del programma RAC sono costituiti da: integrazione sociosanitaria; personalizzazione dell intervento; Allegato alla Delib.G.R. n. 43/ 43 del 6.12.2010 Progetto Potenziamento del programma Ritornare a casa Il presente Progetto viene proposto sulla base di quanto previsto dalle direttive di attuazione al

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

COD. PRATICA: 2014-001-528. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014

COD. PRATICA: 2014-001-528. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 581 DEL 26/05/2014 OGGETTO: Tempo libero in estate: "Animazione degli spazi urbani realizzata da gruppi formali ed informali di giovani".

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale

1. Azioni di sistema. 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità. 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente. 4. Azioni di inclusione sociale 1 AREE DI INTERVENTO E PROGETTI 1. Azioni di sistema Formazione Coordinamento e monitoraggio Trasporti 2. Azioni di sostegno alla domiciliarità Moduli respiro 3. Azioni di sostegno alla vita indipendente

Dettagli

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue:

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue: LA GIUNTA REGIONALE - visto l articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, che prevede le

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: U.P. Programmazione Risorse Finanziarie SSR Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI Via Marconi n. 23 BIELLA IL COMMISSARIO Dr.ssa Carla Peona (nominata con D.G.R. n. 52-1359 del 29 Dicembre 2010) L anno duemilaundici, il giorno 30 del mese di Marzo in Biella, presso la sede legale dell

Dettagli

nel registro generale delle Organizzazioni volontariato Sez. A di cui all articolo 6 della L.R. n.22/1994

nel registro generale delle Organizzazioni volontariato Sez. A di cui all articolo 6 della L.R. n.22/1994 Aggiornato alla data del: 30 luglio 2011 1 Denominazione Sociale: Associazione di Volontariato Progetto Colapesce onlus Anno di costituzione: 2004 Codice Fiscale: 97074810835 Iscrizione Registro Volontariato:

Dettagli

Progetto per la qualificazione dei Centri Diurni(Strutture Semiresidenziali) per Disabili della Zona Pratese Autorizzazione e Accreditamento

Progetto per la qualificazione dei Centri Diurni(Strutture Semiresidenziali) per Disabili della Zona Pratese Autorizzazione e Accreditamento Titolo del progetto Progetto per la qualificazione dei Centri Diurni(Strutture Semiresidenziali) per Disabili della Zona Pratese Autorizzazione e Accreditamento Riferimenti: L. 328/2000 DPCM 328/1998 DPCM

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto:

A relazione degli Assessori Cavallera, Porchietto: REGIONE PIEMONTE BU27S1 05/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 10-5950 Nuove disposizioni in merito alla promozione di corsi formativi integrativi per gli operatori occupati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE COORDINATA PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE

PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE COORDINATA PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE COORDINATA PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE Azioni di Formazione (Amministrazioni Provinciali), di Integrazione Sociale e Scolastica (Conferenze dei Sindaci) e Interventi a favore

Dettagli

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO Comune di Valtopina (provincia di Perugia) REGOLAMENTO AMBITO TERRITORIALE N.8 ASL N.3 DISTRETTO N.3 Disciplinante il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) e di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.)

Dettagli

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia

CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia COPIA CITTA DI VENTIMIGLIA Provincia di Imperia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 179/2010 Oggetto: DEFINIZIONE DELLE QUOTE DI COMPARTECIPAZIONE DEI CITTADINI AI COSTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

PIANO DI ZONA DEL DISTRETTO DI BRONI

PIANO DI ZONA DEL DISTRETTO DI BRONI PIANO DI ZONA DEL DISTRETTO DI BRONI Albaredo Arnaboldi, Arena Po, Bosnasco, Broni, Campospinoso, Canevino, Canneto Pavese, Castana, Cigognola, Golferenzo, Lirio, Montecalvo Versiggia, Montescano, Montù

Dettagli

IL DISEGNO DI VALUTAZIONE ADOTTATO

IL DISEGNO DI VALUTAZIONE ADOTTATO IL DISEGNO DI VALUTAZIONE ADOTTATO 121 122 C. IL DISEGNO DI VALUTAZIONE ADOTTATO C.1. Il processo di valutazione sulla prima annualità del Piano di Zona 2011-2015 I Gruppi Operativi di Area (Tavoli Tematici)

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-1703 DEL 28/12/2012. Comune di Parma F1300 INTERVENTI A FAVORE DI ANZIANI E STRUTTURE RESIDENZIALI

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-1703 DEL 28/12/2012. Comune di Parma F1300 INTERVENTI A FAVORE DI ANZIANI E STRUTTURE RESIDENZIALI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-1703 DEL 28/12/2012 Comune di Parma Centro di Responsabilità: Centro di Costo: 65000 - SETTORE WELFARE E FAMIGLIA F1300 INTERVENTI A FAVORE DI ANZIANI E STRUTTURE

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari Allegato 17 Linee di indirizzo per i servizi socio-sanitari e di riabilitazione afferenti alla competenza della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale 1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio Sede legale: Via Lusardi 26 22017 Menaggio (Co) Sede operativa:

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 676 06/05/2015 Oggetto : Approvazione della seconda tranche di spesa,

Dettagli

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione

BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione BANDO TERRITORI DI COMUNITÀ 4^ edizione Il contesto di riferimento Le Fondazioni di origine bancaria possono svolgere oggi un ruolo fondamentale per la costruzione del nuovo welfare di comunità, un modello

Dettagli

2.1 Il costo di riferimento per i servizi socio sanitari per disabili per il 2010 2.2 Il sistema di remunerazione

2.1 Il costo di riferimento per i servizi socio sanitari per disabili per il 2010 2.2 Il sistema di remunerazione Allegato 1 Sistema omogeneo di tariffa per i centri socio-riabilitativi residenziali per disabili accreditati transitoriamente o provvisoriamente per il periodo di validità dell accreditamento transitorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

22.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 16 DELIBERAZIONE 7 aprile 2015, n. 401

22.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 16 DELIBERAZIONE 7 aprile 2015, n. 401 22.4.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 16 DELIBERAZIONE 7 aprile 2015, n. 401 DGRT 594/2014 - Area Disabilità - Percorsi di au - tonomia per Disabili Adulti - Approvazione propo ste

Dettagli

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità)

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) PREMESSA Con deliberazione n. 3632 del 13 dicembre 2002 Residenzialità

Dettagli

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie Prot. n. 20905 del 07/03/2007 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PROMOSSE DA CITTADINI STRANIERI PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE LE SETTIMANE DEL MIGRANTE ATTO DI G.P.117

Dettagli

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto

Unità di offerta. che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della. Regione Veneto giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 0/44 Allegato B) Dgr n. del 4444 Pagine Unità di offerta che possono essere incluse nel Piano Socio Sanitario della Regione

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

ZONA SOCIALE DI CASTELNOVO NE MONTI

ZONA SOCIALE DI CASTELNOVO NE MONTI ZONA SOCIALE DI CASTELNOVO NE MONTI PIANO PROGRAMMATORIO ACCREDITAMENTO DEI SERVIZI SOCIO- SANITARI PER ANZIANI E DISABILI (DGR 514/) DEFINIZIONE FABBISOGNO AD INTEGRAZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE TRIENNALE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO disegniamo insieme a te il futuro sede Via Savelli, 128-35129 Padova - tel. +39 049 8076143 - fax +39 049 8076136 - sito www.irecoop.veneto.it mail info@irecoop.veneto.it

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI Comune di Calusco d Adda REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI (approvato con deliberazione del C.C. n.20 del 11.05.2007 e modificato con deliberazioni del C.C. n.22 del 26.04.2010 e n.14 del

Dettagli

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE

PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE PROGRAMMA N. 5: PER LA SALUTE 61 62 PROGETTO 5.1: PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Promozione di azioni per gruppi di popolazione svantaggiati.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ 11.4. Area Diversamente Abili 11.4.1. UN GIORNO DOPO L ALTRO DALLA CONVIVENZA ALLA RESIDENZIALITÁ PER UNA VITA INDIPENDENTE SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree

Dettagli

ASL DI BASSANO D. GRAPPA ASL DI BASSANO D. GRAPPA

ASL DI BASSANO D. GRAPPA ASL DI BASSANO D. GRAPPA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Menegolo Annalisa Data di nascita 20/09/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI BASSANO D. GRAPPA Responsabile - U.O.S.I.

Dettagli

AUSLRE di 2 Atto 2015/GUA/0106 del 17/12/2015: Inserimento Albo 18/12/2015 Pagina 1 ATTO DEL DISTRETTO GUASTALLA

AUSLRE di 2 Atto 2015/GUA/0106 del 17/12/2015: Inserimento Albo 18/12/2015 Pagina 1 ATTO DEL DISTRETTO GUASTALLA AUSLRE di 2 Atto 2015/GUA/0106 del 17/12/2015: Inserimento Albo 18/12/2015 Pagina 1 ATTO DEL DISTRETTO GUASTALLA 2015/GUA/0106 DEL 17/12/2015 OGGETTO: Proroga dei contratti di servizio relativi a servizi

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

COMUNE DI FONTANELICE

COMUNE DI FONTANELICE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FONTANELICE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/05/2015Nr. Prot. 1438 PROROGA CONTRATTO DI SERVIZIO CON ASP CIRCONDARIO

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto

Allegato 11. Premessa. Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO. Regione del Veneto Allegato 11. Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Premessa 108 Questo progetto intende affrontare le tematiche del cambiamento della persona con disabilità all innalzarsi

Dettagli

Art. 2 - Normativa di riferimento

Art. 2 - Normativa di riferimento CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento Ambito Territoriale n. 8 - ASL n. 3 - Distretto n. 3 disciplinante il servizio di assistenza domiciliare (S.A.D.) e di assistenza domiciliare Approvato con D.C.C. n. 118 del

Dettagli

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it Hai un familiare anziano o con disabilità gravissima che assisti a domicilio e ritieni di avere bisogno di essere sostenuto / aiutato? Regione Lombardia mette a disposizione dei servizi per aiutarti nel

Dettagli

Conferenza dei Sindaci ambito territoriale afferente. all Az. Ulss n. 19

Conferenza dei Sindaci ambito territoriale afferente. all Az. Ulss n. 19 Conferenza dei Sindaci ambito territoriale afferente all Az. Ulss n. 19 SOMMARIO - FAMIGLIA, INFANZIA, ADOLESCENZA, MINORI IN CONDIZIONE DI DISAGIO, GIOVANI; - PERSONE ANZIANE; - DISABILITÀ; - DIPENDENZE;

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. I valori etici di riferimento. Indice

CARTA DEI SERVIZI. I valori etici di riferimento. Indice CARTA DEI SERVIZI Indice I valori etici di riferimento La mission Il Centro Casadasè I destinatari del servizio Il progetto del Centro Casadasè L approccio metodologico e le aree di intervento I servizi

Dettagli

Statuto della Fondazione. Madonna del Boldesico O.n.l.u.s. di Grumello del Monte (Bg)

Statuto della Fondazione. Madonna del Boldesico O.n.l.u.s. di Grumello del Monte (Bg) Statuto della Fondazione Madonna del Boldesico O.n.l.u.s. Approvato dal Presidente della Regione Lombardia con Decreto n. 6838 del 19 giugno 2006 I N D I C E Premessa pag. 1 Art. 1 Denominazione e sede

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE

COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO. Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE COMUNE DI SANLURI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Via Carlo Felice n.201 - telefono 070/93831 - telefax 070/9383226 SERVIZIO SOCIO CULTURALE UFFICIO SERVIZI SOCIALI Registro Generale Determinazioni n. 1669

Dettagli

Struttura Residenziale: CASA SOGGIORNO A. DE GIOVANNI Via Pigiavento, 2 36021 Barbarano Vicentino (VI) (tel. 0444/886032 fax 0444/776079)

Struttura Residenziale: CASA SOGGIORNO A. DE GIOVANNI Via Pigiavento, 2 36021 Barbarano Vicentino (VI) (tel. 0444/886032 fax 0444/776079) OPERA PIA RAGGIO DI SOLE PADOVA ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA (Eretta in Ente Morale con R.D. 6 agosto 1926 n. 1648) Sede legale: Via 7 Martiri, 48 35143 PADOVA (tel. 049/8723206 fax

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna Deliberazione n. 138 COPIA Cat. 7 Cl. 12 Fasc. 1 Prot. n. 0018566 del 11/09/2014 /Cg VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SERVIZIO

Dettagli

DELIBERAZIONE OGGETTO

DELIBERAZIONE OGGETTO REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 167 del 03/03/2014 OGGETTO Accreditamento istituzionale, ai sensi dell art. 16, c. 2 della L.R. 16.08.2002 n. 22, della

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E S.GIUSTO. CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO

MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E S.GIUSTO. CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO Art. 1 DEFINIZIONE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER ANZIANI Il Centro Diurno (C.D.) è una struttura semiresidenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

C O M U N E D I S E N I G A L L I A

C O M U N E D I S E N I G A L L I A C O M U N E D I S E N I G A L L I A PROVINCIA DI ANCONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 153 Seduta del 13/08/2013 OGGETTO: CONTINUITA' SERVIZI ALLA PERSONA 2' SEMESTRE 2013 - ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU45 12/11/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 ottobre 2015, n. 16-2315 Fondo statale per le non autosufficienze, annualita' 2015. Approvazione "Programma attuativo" di cui al

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA. VIII SETTORE POLITICHE SOCIALI Funzione Servizi alla Persona e Pari Opportunità (e-mail: politiche.sociali@provincia.novara.

PROVINCIA DI NOVARA. VIII SETTORE POLITICHE SOCIALI Funzione Servizi alla Persona e Pari Opportunità (e-mail: politiche.sociali@provincia.novara. PROVINCIA DI NOVARA VIII SETTORE POLITICHE SOCIALI Funzione Servizi alla Persona e Pari Opportunità (e-mail: politiche.sociali@provincia.novara.it) LINEE GUIDA, MODALITÀ STANDARD, GRIGLIE MULTICRITERIALI

Dettagli