Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo"

Transcript

1 Aumentare la consapevolezza formativa come fattore chiave di un invecchiamento attivo 1. Rilevanza del progetto Il progetto SLIC enfatizza il ruolo della formazione degli adulti come uno dei fattori fondamentali dell invecchiamento attivo. Il messaggio chiave del progetto è stato il potenziamento degli anziani attraverso un approccio partecipativo, come contributo all invecchiamento attivo. Ai senior è stata data l opportunità di essere coinvolti in tutte le fasi del processo educativo e le loro opinioni ed esperienze sono state prese in considerazione durante lo Nome del progetto: Formazione Sostenibile in Comunità SLIC. Aumentare negli anziani la consapevolezza delle loro competenze e identificare nuove opportunità di formazione e coinvolgimento Numero del progetto: / Coordinatore: Croce Rossa Austriaca Paesi coinvolti: Austria, Italia, Finlandia, Ungheria, Regno Unito, Germania Tipologia delle organizzazioni coinv olte: Organizzazioni per l educazione degli adulti, organizzazioni che lavorano con volontari Liv ello di implementazione: livello locale, livello europeo Sito web: sviluppo della formazione. Uno dei benefici del progetto SLIC è stato il fatto di aver aiutato i partecipanti a prendere coscienza delle proprie forze e a riconoscere il loro valore. L impatto principale del progetto è stato il successo del suo piano di divulgazione, che ha contribuito ad aumentare la consapevolezza sul ruolo della formazione per adulti come uno dei fattori principali di un invecchiamento attivo. Grazie al buon responso e al grande interesse suscitato da SLIC, nel gennaio del 2011 è partito un follow -up del progetto: SLIC II, Dare valore alle abilità e alle esperienze degli anziani: Formatori facilitatori anziani. Fra le attività dell Anno Europeo del Volontariato, il Ministero Austriaco per il Lavoro, gli Affari Sociali e la Protezione del Consumatore ha finanziato 30 laboratori SLIC, che saranno condotti in tutta l Austria. Inoltre, formatori appartenenti alla principale organizzazione austriaca per la salute e l assistenza (BAG) sono già stati preparati per portare avanti questi laboratori. La ragione per scegliere questo progetto come caso di buona pratica è stato il suo obiettivo di sviluppare nuovi, pratici modi di aiutare gli anziani a prendere in rassegna le loro esperienze passate e le loro abilità personali e di esplorare potenziali nuove opportunità di formazione e di coinvolgimento sociale. L obiettivo è stato raggiunto attraverso lo sviluppo di un modello di laboratorio innovativo. 2. Background e obiettivi SLIC è stato un progetto finanziato dalla Commissione Europea nell ambito del programma GRUNDTVIG, coordinato dalla Croce Rossa Austriaca. Il progetto è partito nel dicembre del 2007 ed è andato avanti fino al gennaio del Hanno partecipato al progetto nove organizzazioni di educazione per adulti e organizzazioni di volontariato di sei paesi europei Austria, Italia, Finlandia, Ungheria, Regno Unito e Germania. Il progetto SLIC ha affrontato il problema delle società che invecchiano sempre più e ha promosso l invecchiamento attivo. Il progetto è stato implementato con lo scopo di lavorare contro l esclusione sociale degli anziani, promuovendo la cittadinanza attiva. Il progetto SLIC ha avuto come obiettivi (1) aiutare gli anziani a diventare più attivi nella loro comunità di appartenenza, (2) supportare gli anziani ad acquisire più fiducia e a prendere parte ad attività di formazione formale e informale e (3) aumentare l autostima degli anziani e la loro sensazione di utilità. 1

2 Lo sviluppo del modello di laboratorio innovativo è stato un modo pratico per aiutare gli anziani a prendere in rassegna le loro esperienze passate e le loro abilità personali e per scoprire potenziali nuove opportunità di formazione e coinvolgimento in comunità. I partner provenivano da settori diversi: istituzioni educative e culturali, organizzazioni di volontariato, università, organizzazioni ombrello, istituzioni di governo locale e un istituto indipendente di ricerca. Ogni partner di progetto ha guidato un laboratorio interattivo. 3. Descrizione dei gruppi target Nel progetto SLIC, per anziani si intendono persone di oltre 50 anni, oppure che transitano dal lavoro a tempo pieno al pensionamento. In maniera specifica, il progetto SLIC si è rivolto a due gruppi target: il primo è composto da volontari e allievi con più di 50 anni che sono già attivi e che possono rappresentare ruoli modello per i loro pari; il secondo è composto da anziani che non sono ancora impegnati in attività di comunità o in programmi di formazione formale, ma che possono essere incoraggiati a esserlo. I laboratori sono stati implementati e testati con 103 allievi anziani provenienti da sei paesi. Fra i 9 e i 18 partecipanti hanno preso parte ai laboratori pilota sulle competenze. Gran parte dei partecipanti aveva un età compresa fra i 60 e i 69 anni, con l eccezione dei primi due laboratori che sono stati tenuti in Austria: in questi casi, la maggior parte dei partecipanti era formata da persone più giovani (alcuni avevano addirittura meno di 50 anni). Al contrario, il laboratorio ungherese è riuscito a coinvolgere il più alto numero di persone con più di 70 anni (addirittura, uno dei partecipanti aveva più di 80 anni). Domande specifiche sul background etnico dei partecipanti sono state poste solo in Italia, dove tutti i partecipanti erano italiani, e in Scozia, dove 8 partecipanti erano scozzesi e 5 provenivano da altre parti del Regno Unito. Domande sulla professione attuale oppure sulla professione prima del pensionamento sono state poste nei laboratori scozzese, italiano, finlandese e nel primo laboratorio austriaco. In questi casi, gli indicatori hanno rivelato che i laboratori hanno attratto soprattutto individui della classe media, con un alta percentuale di accademici. Senza fare distinzioni fra i paesi, troviamo insegnanti, impiegati statali, bibliotecari, medici, infermiere, ergoterapisti, operatori sociali, tecnici, impiegati aziendali, segretarie, manager e lavoratori indipendenti. La politica di reclutamento ha messo l accento sulle precedenti esperienze di volontariato dei partecipanti. In Scozia e in Finlandia, la maggior parte dei partecipanti lavorava già come volontario al momento di frequentare il corso di orientamento. In Italia e in Ungheria, la percentuale più alta era composta da partecipanti che avevano già fatto in passato esperienze di volontariato. Solo nei laboratori austriaci la maggior parte dei partecipanti non aveva mai fatto volontariato prima. Pertanto, la pubblicità esplicita dei laboratori fatta sui quotidiani in Austria ha avuto successo nell attrarre principianti totali in questo campo. 4. Output e risultati I risultati del primo w ork package dedicato alla ricerca sono stati riassunti in rapporti in inglese di pagine l uno, realizzati in ogni paese. Queste informazioni sono state assemblate in una panoramica Europea in lingua inglese di 40 pagine. Non solo i rapporti sono serviti come base per i laboratori e per la progettazione del portfolio/piano di azione, ma hanno anche dato una panoramica sulla situazione nazionale dei portfolio di competenze agli allievi e ai volontari anziani e ai professionisti di altre organizzazioni. I rapporti, compilati dai partner, comprendono: osservazioni sulla rilevanza del progetto per le rispettive organizzazioni, anche dal punto di vista delle possibilità di implementazione dei laboratori SLIC nel futuro; brevi informazioni sulla discussione politica rilevante nei rispettivi paesi; una panoramica di strumenti di valutazione della formazione informale; i risultati delle consultazioni con gli allievi anziani. 2

3 Inoltre, durante il progetto è stato sviluppato un manuale per condurre i laboratori SLIC, che dà una breve panoramica del background del progetto SLIC e di come sono stati sviluppati i laboratori. Il manuale può essere usato come risorsa per aiutare persone interessate oppure organizzazioni a condurre laboratori simili. Il manuale e un opuscolo riassuntivo del progetto sono disponibili in inglese, tedesco, finlandese, ungherese e italiano, sia in formato cartaceo sia elettronico, sul sito del progetto (www.slic-project.eu). A parte il work plan complessivo e una rassegna delle necessità da prendere in considerazione per condurre i laboratori, altre attività sono state: Sessioni introduttive rompi-ghiaccio Profili delle abilità Compiti a casa Input sulle opportunità di volontariato e di formazione Piano d Azione Mercato delle competenze: motivare e coinvolgere gli altri Follow-up Valutazione Per ogni attività, sono stati stabiliti gli obiettivi, la durata, le risorse necessarie, le modalità di conduzione dell attività e quali questioni affrontare. Sul sito w eb del progetto sono anche disponibili (in tedesco) i seguenti strumenti aggiuntivi, usati anche nei laboratori SLIC: Questionario introduttivo Mappa della Memoria Feedback Volontariato a Vienna Discussione di gruppo sul lavoro di volontariato Panoramica delle abilità e delle competenze Il manuale non è rivolto solo a professionisti che lavorano nel campo, ma anche ad anziani che volessero condurre da soli laboratori SLIC. In Italia si è già avuta una dimostrazione di ciò: alcune settimane dopo aver partecipato al laboratorio di Roma, due volontari hanno condotto un proprio laboratorio a Ferrara. 5. Impatto e sostenibilità Il progetto SLIC ha enfatizzato il ruolo della formazione per adulti come uno dei fattori principali dell invecchiamento attivo. Il progetto ha mostrato che gli strumenti di base sviluppati durante i laboratori SLIC sono adattabili a paesi, contesti e gruppi target diversi. SLIC ha contribuito a un ambiente di formazione aperto che facilita gli anziani a valutare la propria esperienza e il proprio know -how e a identificare il tipo di educazione ulteriore necessaria a un coinvolgimento attivo nella società. Il progetto ha esteso l accesso alla formazione continua, facendo da guida su una gamma di opportunità di formazione e di coinvolgimento per i partecipanti ai laboratori sulle competenze. Pertanto, il progetto ha contribuito all accessibilità delle opportunità formative formali e informali e ha promosso percorsi formativi flessibili per anziani. I laboratori SLIC hanno anche incoraggiato i partecipanti a diventare cittadini attivi e hanno motivato i partecipanti a prendere parte ad attività educative formali e informali. Il progetto SLIC ha avuto a che fare specialmente con il miglioramento delle abilità rivolte alla competenza civica, come la capacità di relazionarsi in maniera efficace con gli altri in pubblico e la capacità di dimostrare solidarietà e interesse nella risoluzione dei problemi che riguardano la comunità locale e non solo. L approccio di SLIC collega la formazione continua alla transizione in tarda età, invece che al contesto più comune della formazione lavorativa. Attraverso i laboratori, il progetto SLIC si è anche sforzato di coinvolgere i gruppi svantaggiati emigrati, anziani appartenenti a minoranze 3

4 etniche, anziani disoccupati, anziani di comunità isolate in qualità di allievi e di educatori in comunità. Come risultato del suo impatto positivo, il progetto SLIC ha vinto il Premio Formazione Continua nella categoria Prodotti e Risultati, concesso il 29 novembre 2011 a Vienna dall Agenzia Nazionale Austriaca per la Formazione Continua. Inoltre, è partito un progetto follow -up, SLIC II, orientato a formare facilitatori anziani destinati a condurre laboratori SLIC, cercando così di spostare l attenzione sul coinvolgimento in comunità e sul miglioramento del processo di accompagnamento dei partecipanti dopo il laboratorio. Il nuovo progetto si occupa anche di esplorare modi per includere i laboratori nelle politiche delle organizzazioni per volontari anziani e di creare reti ed entrare in rapporti di cooperazione con altre organizzazioni. Ogni organizzazione partner di SLIC II avrà una priorità diversa: l Istituto di Ricerca della Croce Rossa Austriaca concentrerà il suo lavoro sulle modalità di inclusione dei laboratori nelle politiche delle organizzazioni di volontariato, compreso il processo di accompagnamento dei partecipanti verso l implementazione dei loro piani d azione. Il secondo partner austriaco, Ring Österreichischer Bildungsw erke, lavorerà su strumenti biografici per valutare le abilità e l esperienza degli anziani. Il Centro Culturale di Budapest si concentrerà sui modi per rafforzare il coinvolgimento in comunità dei partecipanti a SLIC, specialmente persone che sono andate in pensione di recente. Lunaria, l organizzazione partner italiana, si accinge a fare una rassegna delle esperienze passate riguardanti l uso dei laboratori SLIC per preparare i volontari senior a programmi di scambio. L istituto di ricerca Tedesco ISIS si occuperà di enfatizzare gli aspetti necessari a venire incontro ai bisogni di anziani emigrati o appartenenti a minoranze etniche. Inoltre, ISIS progetterà un percorso di formazione per facilitatori anziani e laboratori di prova modellati su questo specifico gruppo target e che dovrebbero supportalo nella conduzione di progetti all interno delle rispettive comunità di appartenenza. L Istituto Studi sui Senior dell Università di Strathclyde nel Regno Unito cercherà di dare enfasi maggiore al coinvolgimento in comunità dei partecipanti ai laboratori, oltre alla creazione di reti e alla cooperazione con altre organizzazioni e agenzie. 6. Processo educativo Il progetto ha avuto un approccio rivolto a fornire una panoramica di materiali/strumenti già esistenti in ogni paese e alla consultazione con gli allievi anziani sulle necessità di questi ultimi riguardo alle questioni in oggetto. Attraverso interviste e gruppi di discussione, a 100 anziani 74 donne e 26 uomini sono state chieste opinioni sul coinvolgimento in comunità e sul volontariato. I risultati della ricerca di strumenti e delle consultazioni con gli allievi anziani sono stati alla base dello sviluppo dei laboratori. Ogni partner ha pianificato il proprio laboratorio usando questa cassetta degli attrezzi in accordo al proprio gruppo target e al proprio focus tematico. I laboratori sono stati guidati da ogni partner di progetto ed è stato sviluppato un manuale contenente istruzioni ulteriori. I laboratori sulle competenze, della durata di due giorni l uno, hanno avuto lo scopo di incoraggiare i senior a sviluppare e/o a ri-individuare le loro abilità e le loro competenze attraverso opportunità di formazione formale e informale. Per illustrare le competenze individuali dei partecipanti sono stati sviluppati un profilo personale con piano d azione, che visualizza il profilo, la specializzazione e i piani di ogni partecipante, e un certificato SLIC, che rappresentano l output diretto dei laboratori sulle competenze. In ogni paese, i partner hanno adattato i materiali a partire dalla cassetta degli attrezzi e in accordo alle proprie necessità e ai supposti bisogni dei partecipanti. Alcuni dei metodi usati nella progettazione dei laboratori sono stati: Brevi lezioni su tematiche specifiche Attività in comune e pause caffè Momenti di discussione libera 4

5 Esplorazione delle tematiche attraverso domande, dialogo e scoperta Comprensione di problemi latenti (alla formazione e all invecchiamento) Dimostrazioni Creazione di un atmosfera piacevole Combinazione di auto-valutazione e consulenza 5

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Linee Guida per gli standard

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Linee Guida per gli standard DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark Linee Guida per gli standard Standard 1 Efficacia della struttura organizzativa 1.1 La dislessia è un problema reale a tutti i livelli dell Organizzazione ed è un elemento

Dettagli

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US?

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Newsletter VI - 2016 GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Argomenti Polonia: come far quadrare i conti, i più poveri d Europa. Reclutamento per il workshop in Polonia Italia: combattere

Dettagli

Linee guida per i servizi bibliotecari per ragazzi

Linee guida per i servizi bibliotecari per ragazzi Libraries for Children and Young Adults Section Linee guida per i servizi bibliotecari per ragazzi *i servizi bibliotecari per ragazzi *oggi più importanti che mai per i bambini, i ragazzi e le loro famiglie

Dettagli

Le Carte della Diversità in Europa

Le Carte della Diversità in Europa Le Carte della Diversità in Europa La Commissione Europea, negli ultimi anni, ha incoraggiato i datori di lavoro a inserire con maggiore impegno, la gestione della diversità e delle pari opportunità nelle

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+ ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ Erasmus+ KA1 Obiettivi Generali Migliorare le competenze chiave e le capacità dei giovani, inclusi quelli con minori

Dettagli

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Nick Ockenden (IVR) 1. Introduzione: i Report Nazionali Uno dei principali risultati del

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support Modular e-course with virtual coach tool support PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LEONARDO da VINCI Coordinato da FOR.COM CORSO PER PROFESSIONISTI DELL'ASSISTENZA SANITARIA DOMICILIARE PROGETTO "COACH

Dettagli

Artability. Tlab - 2 interim report

Artability. Tlab - 2 interim report Artability Tlab - 2 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale che promuove lo scambio di buone pratiche per motivare le persone con disabilità a partecipare al processo

Dettagli

- PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia

- PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia - PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Scopri il potenziale dell apprendimento nel volontariato

Scopri il potenziale dell apprendimento nel volontariato Scopri il potenziale dell apprendimento nel volontariato Zsuzsanna Brenner Alberto Cuomo Annarita Di Mario Monika Höglinger Giovanna Pignatti Morano Maren Satke Tim Scholze Radu Szekely Tanja Wehr Il progetto

Dettagli

SCAMBI DI VOLONTARI SENIOR

SCAMBI DI VOLONTARI SENIOR SCAMBI DI VOLONTARI SENIOR Background Cambiamento delle tendenze demografiche e generale invecchiamento della popolazione Rischio di esclusione permanente legata all invecchiamento La creazione di una

Dettagli

ROMA, 14-15 LUGLIO 2014

ROMA, 14-15 LUGLIO 2014 CORSO DI FORMAZIONE OBIETTIVO EUROPA srl ERASMUS+, EUROPA PER I CITTADINI, PROGRESS: I FONDI EUROPEI 2014-2020 PER GLI ENTI NO PROFIT Linee guida e strumenti operativi per presentare proposte vincenti

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013

Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione 2007-2013 Gioventù in Azione Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile Opera nel

Dettagli

#CosaVuoiFareDaGiovane? ERASMU

#CosaVuoiFareDaGiovane? ERASMU #CosaVuoiFareDaGiovane? Il nuovo Programma SCEGLI europeo. per l Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport 2014-2020 Urbino, 16 aprile 2014 ERASMU a cura dell Ufficio comunicazione, informazione

Dettagli

Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato

Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato Iniziative nazionali e comunitarie nel settore del Volontariato Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Lucca, 25 febbraio 2012 Anno Europeo del Volontariato Volontariato: Libera scelta Libera

Dettagli

Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma a comunitario o per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale e le iniziative locali Opera nel campo dell

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 13-11-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 CEM_1_2012 2 Titolo

Dettagli

Progetto YouthLab : strutture e servizi per la promozione dell innovazione nelle politiche giovanili e di accompagnamento allo stiluppo

Progetto YouthLab : strutture e servizi per la promozione dell innovazione nelle politiche giovanili e di accompagnamento allo stiluppo Progetto YouthLab : strutture e servizi per la promozione dell innovazione nelle politiche giovanili e di accompagnamento allo stiluppo Progetto YouthLab: azioni e strumenti per la promozione dell innovazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency

Chi attua il Programma Gioventù in Azione? Education, Audiovisual, and Culture Executive Agency Gioventù in Azione 2007-2013 2013 Gioventù in Azione è: Un programma comunitario per i giovani dai 13 ai 30 Promuove la mobilità di gruppo e individuale, la partecipazione, e il protagonismo giovanile

Dettagli

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Un iniziativa dell Unione europea apple I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom sono diretti sia ai politici sia ai professionisti

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione.

Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione. Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione. Resoconto in Itinere Parte Pubblica 1 Informazioni sul progetto Acronimo del progetto Titolo

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

Programma di apprendimento permanente 2007-2013

Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Invito a presentare candidature in vista della predisposizione di un elenco di esperti per le attività di valutazione nel contesto del Programma di apprendimento

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

Lifelong Learning Programme Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language

Lifelong Learning Programme Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language Lifelong Learning Programme Progetto M 3 EaL Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language [Contract No. 526333-LLP-1-2012-1-IT-COMENIUS-CMP] QUESTIONARIO PER INSEGNANTI DI MATEMATICA

Dettagli

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini Scopo di questo documento Questo documento delinea la posizione di Save the Children sulla partecipazione dei bambini. Spiega perché la

Dettagli

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Selezione di buone prassi in Turchia, UK, Slovenia e in altri paesi europei I pericoli e le forme di violenza attuali rendono oggi giorno la sicurezza una delle più importanti

Dettagli

Newsletter. v.i.d.e.o. Indice. n# 1. Progetto ed obiettivi generali. Perché il Video CV? I Partner del progetto

Newsletter. v.i.d.e.o. Indice. n# 1. Progetto ed obiettivi generali. Perché il Video CV? I Partner del progetto n# 1 Indice Progetto ed obiettivi generali Perché il Video CV? Brochure Esperienze significative di Video CV realizzate dai partner del Progetto L esperienza del Comune di Roma I Video Cv creati da Arge

Dettagli

PRODOTTO INTELLETTUALE 1: NEW-D RICERCA STUDIO

PRODOTTO INTELLETTUALE 1: NEW-D RICERCA STUDIO PRODOTTO INTELLETTUALE 1: NEW-D RICERCA STUDIO Riassunto Esecutivo preparato da Sarah LAND, Meath Partnership, IE Titolo del Progetto: Nuove Metodologie Didattiche per la Riduzione della Dispersione Scolasticaeue

Dettagli

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco

Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Il Manifesto dei Giovani Europei contro il Tabacco Premessa Noi, i giovani d Europa, siamo profondamente preoccupati dall impatto che il fumo e il fumo passivo hanno sull individuo. Tenendo presente che

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004)

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) Ministero della Salute Commissione oncologica nazionale (D.M. 26.5.2004) MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) PER UN PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE Roma, ottobre 2006

Dettagli

Art. 12: Reti di riferimento

Art. 12: Reti di riferimento Progetto Mattone Internazionale: Workshop Applicazione dei diritti dei pazienti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera Perugia, 10 maggio 2013 Approfondimenti su tematiche specifiche legate

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

Obiettivo Specifico Le azioni previste per il raggiungimento della creazione dello spazioattiva idee sono:

Obiettivo Specifico Le azioni previste per il raggiungimento della creazione dello spazioattiva idee sono: :.. la res publica è cosa del popolo; e il popolo non è un qualsiasi aggregato di gente, ma un insieme di persone associatosi intorno alla condivisione del diritto e per la tutela del proprio interesse

Dettagli

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5.

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5. NEWSLETTER Edizione 3, Invecchiamento Attivo, fatelo voi! La Comunità di Apprendimento per l Invecchiamento Attivo @Learn è un progetto multilaterale Grundtvig che riunisce le organizzazioni partner da

Dettagli

Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private

Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private Giovanna Bottani I-CSR Foundation Fifth Annual Forum on Business Ethics and Corporate Social Responsibility in a Global Economy

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Presidente della Commissione europea, José

Dettagli

Prima Parte: form di registrazione dell iniziativa

Prima Parte: form di registrazione dell iniziativa Prima Parte: form di registrazione dell iniziativa INFORMAZIONI SULL AGENTE SOCIALE Nome e Cognome*: Aldo Cipolli Ente/Organizzazione per cui lavori (altro, se sei un freelance o lavori in proprio)*: Coordinatore

Dettagli

I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio

I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio I docenti di italiano L2 di «Certifica il tuo italiano». Gli esiti del monitoraggio Mariagrazia Santagati Università Cattolica, Fondazione Ismu Mariagrazia Santagati Università Cattolica Fondazione Ismu

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

CARTA DI LECCE. Direttive della Rete Reforme 2012-2016

CARTA DI LECCE. Direttive della Rete Reforme 2012-2016 RETE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL SETTORE DELL EDILIZIA IN EUROPA Il FORMEDIL fa parte della rete europea REFORME costituita nel 1986 per promuovere rapporti più stretti tra giovani,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia

Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia Donne al comando per un mutamento efficace dei valori nell economia Risultati del Controllo delle Competenze in quattro stati europei secondo il Modello Interno Con lealtà verso il successo Progetto Competenze

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA. I PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2000 2006 Istruzione, formazione e gioventù

ORIZZONTI SCUOLA. I PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2000 2006 Istruzione, formazione e gioventù I PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2000 2006 Istruzione, formazione e gioventù Una nuova generazione di programmi e azioni in seguito all impulso impartito dalla direzione generale dell istruzione

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

IntergenerazionalMENTE

IntergenerazionalMENTE ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO COMUNE DI TRAMATZA TITOLO DEL PROGETTO: IntergenerazionalMENTE SETTORE e Area di Intervento: A 01/02 Assistenza Anziani e Minori OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Associazione AMA BERGAMO Metodologia dell auto mutuo aiuto Come funziona un gruppo Risorse e difficoltà Dr.ssa Bruna Allievi Treviglio 28 marzo 2015 I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Obiettivi 1. Sviluppo di

Dettagli

ALCE 4 a Newsletter. Settembre 2014

ALCE 4 a Newsletter. Settembre 2014 ALCE 4 a Newsletter Settembre 2014 Seminario di divulgazione del progetto ALCE: il manuale pedagogico e l innovazione nelle metodologie educative (Kaunas, Lituania) Il seminario di divulgazione sul progetto

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE?

CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? CHE COSA RENDE UN INSEGNANTE UN BUON INSEGNANTE? Simona Baggiani La scuola sono i professori, nel bene e nel male, questo è un dato incontrovertibile. In altre parole: serve un buon insegnante per fare

Dettagli

Sviluppo di comunità

Sviluppo di comunità Sviluppo di comunità Rendere la comunità locale un attore del cambiamento sociale S e per comunità si intende un gruppo sociale (comunità locale, scuola, organizzazione, associazione), nel quale relazioni,

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI I. INTRODUZIONE Il presente Allegato integra le regole relative all uso del contributo nell ambito delle differenti categorie di spesa applicabile al Progetto

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 1 di 13 Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 2 di 13 QUESTIONARIO PER IL PERSONALE In seno all analisi SWOT, al fine di valutare

Dettagli

European Solar Days Seconda edizione in Italia 15-23 maggio 2009

European Solar Days Seconda edizione in Italia 15-23 maggio 2009 European Solar Days Seconda edizione in Italia 15-23 maggio 2009 Rapporto finale A cura di Riccardo Battisti Responsabile degli European Solar Days per l Italia Settembre 2009 L architettura solare non

Dettagli

a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea

a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea LA FORMAZIONE PER STUDENTI LEZIONI PRESSO IL PUNTO EUROPA VIAGGI DI ISTRUZIONE EVENTI PARTICOLARI EUROPEAN DAYS LA FORMAZIONE PER

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

La sfida dell'inclusione sociale 10 opportunità per lo SVE 2014 2020

La sfida dell'inclusione sociale 10 opportunità per lo SVE 2014 2020 dell'inclusione sociale 10 opportunità per lo SVE 2014 2020 Paper a cura di Simon Nichelson, direttore AVSO Traduzione a cura di Claudio Tocchi Come possiamo rendere più inclusivo possibile il Servizio

Dettagli

Note didattiche. Una visita al Learning Shop Consentire l'accesso alle informazioni

Note didattiche. Una visita al Learning Shop Consentire l'accesso alle informazioni Note didattiche Una visita al Learning Shop Consentire l'accesso alle informazioni Work package No. 4 Deliverable No. 31 Delivery date July 2013 Versions 1.0 first draft prepared by Diana Peitel (15.12.2012)

Dettagli

COME PRESENTARE UN PROFILO COMPLETO E PIÙ VISIBILE SU LINKEDIN

COME PRESENTARE UN PROFILO COMPLETO E PIÙ VISIBILE SU LINKEDIN COME PRESENTARE UN PROFILO COMPLETO E PIÙ VISIBILE SU LINKEDIN Marina Fantini Talent Solutions Marketing Manager, LinkedIn Italy & Iberia L uso dei social network e la crescente velocità dello scambio

Dettagli

PROGETTO COMENIUS 2010 DYSCOVERING III. Scoprire ed affrontare la dislessia nei primi anni

PROGETTO COMENIUS 2010 DYSCOVERING III. Scoprire ed affrontare la dislessia nei primi anni PROGETTO COMENIUS 2010 DYSCOVERING III Scoprire ed affrontare la dislessia nei primi anni Programma Sotto-programma Azione scelta Lingua del partenariato Lifelong Learning Program Comenius Partenariato

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI

IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI IL PORTFOLIO DEGLI ALUNNI NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI dalle risposte al quesito alla rete Eurydice Luglio 2004 A cura dell AUSTRIA Non esiste in Austria un esperienza di portfolio analoga a quella italiana.

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

GreenPaper Lezioni apprese e raccomandazioni indirizzate ai decisori politici derivanti dal progetto KIM

GreenPaper Lezioni apprese e raccomandazioni indirizzate ai decisori politici derivanti dal progetto KIM Competenze chiave dei Migranti, promozione dell inclusione sociale e parità di genere GreenPaper Lezioni apprese e raccomandazioni indirizzate ai decisori politici derivanti dal progetto KIM N Progetto

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani & Giovani SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale Settore E 11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Considerare l olocausto dal punto di vista dei diritti umani: il primo studio a livello di Unione europea sull istruzione

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

COACHING. Bocconi Alumni Association. Presentazione

COACHING. Bocconi Alumni Association. Presentazione COACHING Bocconi Alumni Association Presentazione INDICE Perché il Coaching? Coaching e Mentoring: le differenze Ruoli, competenze e comportamenti del Coach e del Coachee (cliente) Regole del rapporto

Dettagli

ANTENNE PER L INNOVAZIONE SOCIALE

ANTENNE PER L INNOVAZIONE SOCIALE Giovani Antenne per l Innovazione Sociale 16 novembre 2015 ANTENNE PER L INNOVAZIONE SOCIALE Al fine di incrementare la valenza educativa dell esperienza del servizio civile, Open Incet e Confcooperative

Dettagli

Commissione Europea Formazione in servizio per il personale impegnato nell educazione degli adulti GRUNDTVIG Programma di apprendimento permanente

Commissione Europea Formazione in servizio per il personale impegnato nell educazione degli adulti GRUNDTVIG Programma di apprendimento permanente Commissione Europea Formazione in servizio per il personale impegnato nell educazione degli adulti GRUNDTVIG Programma di apprendimento permanente Questa azione sostiene la partecipazione del personale

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN

Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN REPORT DI SINTESI sul PEER-COACHING Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN Nel progetto SUSTAIN il peer coaching (coaching reciproco tra pari) è stato ideato come parte integrante della fase

Dettagli