REGOLAMENTO DEL CONVITTO ANNESSO ALL I.P.S.S.A.R.T G VARNELLI DI CINGOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEL CONVITTO ANNESSO ALL I.P.S.S.A.R.T G VARNELLI DI CINGOLI"

Transcript

1 I.P.S.S.A.R.T. Girolamo Varnelli Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri, della Ristorazione e Turistici CINGOLI (MC) BALCONE DELLE MARCHE Via G. Mazzini, 2 - Tel Fax C.F C. Mecc. MCRH01000R E - PEC: CONVITTO ANNESSO: VIA CERQUATTI, N. 31 C/O HOT EL MIRAMONTI Corso Garibaldi, n.95 c/o Palazzo Cima Cingoli Operatore dei Servizi di Cucina, di Sala Bar, di Ricevimento-Tecnico dei Servizi Ristorativi, Turistici REGOLAMENTO DEL CONVITTO ANNESSO ALL I.P.S.S.A.R.T G VARNELLI DI CINGOLI 1

2 REGOLAMENTO Convitto annesso IPSSART Cingoli PREMESSA L Istituto Professionale di Stato per i servizi Alberghieri della Ristorazione e Turistici di Cingoli è dotato di un Convitto suddiviso in due sezioni, maschile e femminile, che è parte integrante dell Istituto al quale è annesso a norma dell art. 20 della Legge n Il Dirigente Scolastico della scuola sovrintende anche all andamento educativo e disciplinare del Convitto, di cui il Collegio degli Educatori cura l organizzazione e la programmazione educativa inserita nel Piano dell Offerta Formativa dell Istituto. L Amministrazione del Convitto spetta al Consiglio d Istituto e alla Giunta Esecutiva per le rispettive competenze, secondo le norme vigenti per la contabilità degli Istituti Professionali, assicurando che la relativa contabilità sia separata da quella della Scuola e che tutte le entrate ordinarie e straordinarie con destinazione specifica al Convitto siano spese per l organizzazione delle attività educative, per migliorare l efficienza dei servizi e l accoglienza dei locali. Il Convitto, avendo la finalità di sussidio educativo, formativo e scolastico, ospita gli allievi e le allieve della Scuola in possesso dei requisiti richiesti per la durata dell intero anno scolastico, assicurando un ambiente idoneo alla loro crescita e lo svolgimento di attività finalizzate alla loro formazione educativa e professionale, come stabilito nel Piano dell Offerta Formativa dell Istituto. AMMISSIONE AL CONVITTO Potranno usufruire di tale servizio tutti gli alunni dell Istituto, che ne facciano richiesta, indipendentemente dalla classe frequentata. A partire dal secondo anno per l ammissione si darà la precedenza a coloro che sono già iscritti. I genitori che desiderano iscrivere i propri figli a tempo pieno (Convitto) o a tempo parziale (Semiconvitto) dovranno inoltrare domanda su appositi moduli da consegnare alla Segreteria dell Istituto insieme ad un certificato del medico di famiglia, attestante la sana e robusta costituzione fisica, la regolarità delle vaccinazioni prescritte per legge, l esenzione da eventuali malattie contagiose, l attitudine psicofisica alla vita nella comunità convittuale e copia della tessera sanitaria. Resta salva la facoltà del Dirigente Scolastico, sentiti i Coordinatori del Convitto, di richiedere eventuali visite di controllo. Nel caso il convittore abbia gravi patologie o allergie (a farmaci, alimenti o altro) i genitori sono tenuti ad informare preventivamente gli Educatori del Convitto. Gli Educatori non sono autorizzati a somministrare farmaci di nessun tipo. L Istituto non si assume nessuna responsabilità sull uso dei farmaci. L ammissione è concessa, in base alle richieste, entro il 30 giugno di ogni anno a tutti coloro che ne hanno i requisiti, che verranno valutati dal Dirigente Scolastico e compatibilmente con l organico del personale educativo. Richieste presentate oltre tale data saranno accettate solo a condizione che non comportino aumento di organico. Nel caso in cui le domande siano superiori ai posti disponibili, verrà stilata una graduatoria in base, nell ordine, ai seguenti criteri: 1. Il 10% dei posti disponibili viene riservato ad alunni diversamente abili in possesso di tutte le autonomie (come risulta da certificazione medica allegata) e con programmazione semplificata; 2. distanza del domicilio dall ubicazione dell Istituzione Scolastica; 3. reddito familiare; 4. profitto scolastico per gli alunni frequentanti le classi successive alla prima; 5. scheda di valutazione intermedia e finale stilata dal collegio degli Educatori nell anno precedente; 6. iscrizione alla prima classe senza aver superato il 17 (diciassettesimo) anno di età alla data del 31 dicembre successivo alla presentazione dell iscrizione; 2

3 7. iscrizione alle classi superiori alla prima, provenendo da altri Istituti, senza aver superato il 17 (diciassettesimo) anno di età alla data del 31 dicembre successivo alla presentazione dell iscrizione. Tutti i convittori e semiconvittori saranno ogni anno riconfermati per tutta la durata del ciclo di studio alle seguenti condizioni: 1) Non siano incorsi in un provvedimento disciplinare che comporti l allontanamento definitivo dal Convitto; 2) Abbiano ottenuto parere favorevole del Collegio degli Educatori presieduto dal Dirigente Scolastico in merito al comportamento tenuto nell anno precedente; 3) Abbiano ottenuto l ammissione alla classe successiva; in caso contrario il Consiglio d Istituto, sentito il parere del Collegio degli Educatori, si riserva la facoltà di eventuali riammissioni sulla base di elementi che valutino l idoneità dell ambiente convittuale alla personalità del ragazzo e/o particolari problemi di salute che abbiano concorso all insuccesso scolastico. 4) I convittori respinti potranno essere riammessi l anno successivo, se promossi, con parere favorevole del collegio degli Educatori. 5) I convittori respinti non hanno diritto a usufruire neanche del semiconvitto. REGOLAMENTO INTERNO PER CONVITTORI E SEMICONVITTORI I convittori ed i semiconvittori vengono affidati agli Educatori che li seguiranno nella formazione scolastica ed educativa curando anche i rapporti con gli insegnanti dell Istituto. Ogni convittore sarà impegnato nel corso dell anno almeno in una attività tra quelle programmate per il Convitto ed inserite nel P.O.F. e nell organizzazione di almeno una manifestazione secondo le preferenze personali e le proposte del Collegio degli Educatori che, a fine anno, dovrà redigere una valutazione in merito. La presenza e la partecipazione alle attività programmate sarà sempre elemento importante di valutazione e concorrerà all attribuzione del credito scolastico. I convittori ed i semiconvittori sono educati al senso della responsabilità e della dignità personale, sono tenuti a rispettarsi reciprocamente in un clima di ampia fiducia e lealtà, in stretta collaborazione con il personale educativo, che assolve il proprio compito in armonia con le strategie della programmazione educativa concordata annualmente nel Collegio degli Educatori. Il Dirigente scolastico, sentito il parere del Collegio degli Educatori, informa con nota scritta le famiglie sul profitto e sul comportamento di convittori e semiconvittori qualora se ne presenti la necessità; inoltre gli Educatori e le famiglie manterranno contatti frequenti onde perfezionare un rapporto ritenuto basilare per la formazione e la crescita dei ragazzi. Alla fine di ogni quadrimestre verrà redatta una scheda valutativa per ogni convittore che sintetizza il comportamento del ragazzo e riporta le eventuali sanzioni disciplinari avute. Ogni convittore e semiconvittore deve: seguire i consigli del personale educativo ed agevolare il lavoro del personale ausiliario; mantenere un contegno decoroso sia all interno sia all esterno del Convitto; avere massimo riguardo dei locali del Convitto, utilizzare materiale e suppellettili messi a sua disposizione con la dovuta cura, essendo responsabile di tutto ciò che è in dotazione; rimborsare le spese per riparazioni o sostituzioni del materiale danneggiato e per danni arrecati alle strutture convittuali; i danni arrecati alla struttura o agli arredi scolastici saranno oggetto di rimborso da parte delle famiglie dopo che la scuola avrà comunicato l entità della spesa da rimborsare tramite versamento sul c/c della scuola intestato al Convitto. In caso di danneggiamenti in assenza di un colpevole ne rispondono tutti i convittori presenti nel locale in cui è avvenuto il danneggiamento, e se il danno avviene in uno spazio comune, l importo verrà suddiviso fra 3

4 tutti i convittori presenti. Il danno deve essere risarcito entro 30 giorni dalla comunicazione dell importo; qualora i genitori non provvedano al pagamento dei danni, nell anno scolastico successivo sarà impedito all alunno di usufruire del Convitto; saranno effettuati controlli mensili dai responsabili della logistica del Convitto consegnatari dei beni immobili; attendere con cura ai propri doveri, rispettare l orario interno ed organizzare la preparazione delle lezioni; rispettare le regole comportamentali stabilite in apposito regolamento interno che sarà consegnato agli alunni al loro arrivo; assolutamente non utilizzare mezzi di trasporto, né essere trasportato su mezzi occasionali di qualsiasi genere (es. automobili, motocicli, ciclomotori e autocarri ) osservare una corretta alimentazione consumando con regolarità tutti i pasti, il cui menu settimanale viene concordato tra il Dirigente Scolastico, il responsabile della cucina, i Coordinatori ed i rappresentanti dei convittori; partecipare con impegno e costanza alle attività educative programmate dal Convitto. Coloro i quali, sulla base di verifiche periodiche, dimostreranno insufficiente impegno nella preparazione delle lezioni scolastiche o nelle attività programmate dovranno dedicare allo studio anche tutto o parte delle ore previste per attività ricreative o di libera uscita, secondo le disposizioni degli Educatori. Ogni semiconvittore dovrà versare la somma mensile, approvata anno per anno dal Consiglio di Istituto, che comprende la consumazione del pranzo, avendo il diritto di usufruire degli appositi spazi convittuali per lo studio e le attività connesse nei giorni e nelle ore in cui è libero dalle lezioni pomeridiane, con permanenza fino alle ore 17,45 dal lunedì al venerdì. Ogni convittore e semiconvittore dovrà versare la somma, approvata anno per anno dal Consiglio di Istituto secondo le modalità indicate. In caso di morosità sarà subito impedito all alunno di usufruire ulteriormente del Convitto. SCHEDA INFORMATIVA 1) Gli alunni che si ritireranno dopo aver soggiornato in Convitto anche un solo giorno avranno diritto ad un rimborso di una somma fissata dal Consiglio di Istituto. Coloro che si ritireranno dopo il quindicesimo giorno del mese perderanno la quota del mese stesso. 2) Ogni convittore provvederà a portare con sé al momento dell arrivo il proprio corredo personale (lenzuola, asciugamani, accappatoio, biancheria intima, indumenti) ed il necessario per l igiene e la cura della persona ( sapone, dentifricio, ecc.). 3) I genitori dovranno rendersi reperibili comunicando i necessari recapiti telefonici al personale educativo. Qualora il convittore avesse necessità di particolari cure sanitarie, di un periodo di riposo o convalescenza, di ricovero ospedaliero, malattie contagiose, o nel caso non sia comunque in grado di recarsi a scuola per motivi di salute, i genitori verranno tempestivamente informati e dovranno immediatamente attivarsi per la loro assistenza e rientro a casa, indipendentemente dalla loro provenienza. Le eventuali spese mediche sono a carico della famiglia secondo le disposizione del S.S.N. 4) In caso di malattia di lieve entità (mal di testa, dolori mestruali, mal di denti, ecc) gli Educatori valuteranno di volta in volta l eventuale rientro a casa. I genitori devono comunque rendersi disponibili indipendentemente dalla provenienza. 4

5 SANZIONI DISCIPLINARI Ai convittori e semiconvittori che mancano ai propri doveri e offendono nel Convitto ed all esterno l ordine, il decoro, la moralità, sono applicate, secondo la gravità della mancanza, le seguenti sanzioni disciplinari: 1) Avvertimento verbale con annotazione sul registro (nota): occasionale mancanza ai doveri scolastici, casi di negligenza e occasionale inadempienza delle regole della vita convittuale; 2) Comunicazione verbale ai genitori con annotazione sul registro: reiterata mancanza ai doveri scolastici, negligenze ed inadempienze abituali; 3) Privazione della libera uscita e dei permessi di uscita infrasettimanali (per lo svolgimento di attività sportive o di altro genere): ripetuti richiami di cui al punto 1 e infrazioni di una certa gravità; 4) Comunicazione scritta ai genitori: infrazioni di una certa gravità o reiterata mancanza ai doveri scolastici, negligenze ed inadempienze abituali nonostante i provvedimenti di cui al punto 1, 2 e 3; 5) Sospensione temporanea del Convitto: gravi trasgressioni e fatti che turbino il regolare andamento del Convitto e/o dopo aver raggiunto n. 6 note scritte (di cui al punto 1); 6) Allontanamento definitivo dal Convitto: dopo la 2 a sospensione o fatti e trasgressioni particolarmente gravi. Le sanzioni di cui al punto 1, 2 e 3 sono adottate dagli Educatori in servizio, quelle al punto 4 e 5 dal Dirigente scolastico fino a 5 giorni, quelle al punto 6 e quella prevista al punto 5 oltre i 5 giorni, dalla Giunta Esecutiva integrata dai Coordinatori del Convitto in funzione di commissione di disciplina. Per le sanzioni di cui ai punti 4, 5 e 6 saranno informate le famiglie con comunicazione del Dirigente scolastico; per le sanzioni di cui al punto 1, 2 e 3 potranno informare le famiglie gli Educatori. Tutte le sanzioni disciplinari verranno annotate sul registro del Convitto e sulla scheda personale dell alunno. I Convittori sospesi a scuola non potranno soggiornare in Convitto ORARIO INTERNO Una normale giornata in Convitto ha inizio con la sveglia alle ore 7,00; subito i convittori provvederanno alle pulizie personali, al riassetto del letto e al riordino dei propri effetti personali (le camere dovranno essere lasciate in ordine senza lasciare né scarpe né abiti né cose personali fuori posto), dalle 7,30 alle 7,50 dovranno recarsi a mensa per consumare la prima colazione. Alle ore 8,00 circa usciranno per recarsi nei vari plessi per l inizio delle lezioni, utilizzando un servizio di bus o a piedi.. Ogni giorno si recheranno a scuola negli orari definiti dall orario scolastico vigente; nel caso di uscite intermedie i convittori potranno recarsi a scuola e rientrare in Convitto autonomamente previa autorizzazione dei genitori. Al termine delle lezioni antimeridiane convittori e semiconvittori, non impegnati nelle lezioni pomeridiane, si recheranno nei locali mensa dei rispettivi Convitti per il pranzo, mentre tutti coloro che hanno il rientro pomeridianousufruiranno del pasto presso il locale mensa della scuola e faranno regolare rientro in classe; nessun ritardo sarà giustificato. Gli altri inizieranno alle ore 15:00 le attività di studio, che si protrarranno per i convittori e i semiconvittori fino alle 17:30; i semiconvittori alle ore 17:45 lasceranno il Convitto. Durante questo periodo i ragazzi avranno il dovere di dedicarsi esclusivamente alla loro formazione culturale, espletando con scrupolo e serietà i compiti scolastici e richiedendo, quando necessario, l aiuto degli Educatori. Alle ore 17,45 i convittori autorizzati potranno recarsi in libera uscita, adottando un contegno improntato alla massima educazione e civiltà, per fare rientro al Convitto o alla mensa, con puntualità, alle 19,30. 5

6 Durante i pasti sarà richiesta una condotta decorosa e rispettosa delle comuni regole della convivenza. Dalle ore 20:15 alle ore 22:00 i convittori possono essere impegnati nelle attività programmate,dedicarsi ad attività ricreative, o allo studio. Alle 22:30 dopo la pulizia personale, le luci interne verranno spente per creare la quiete e la tranquillità necessarie al riposo di tutti. Gli alunni sono coperti da polizza infortunistica e responsabilità tranne per le ore in libera uscita. Nelle camere non si potranno tenere fornelli di nessun tipo; particolare attenzione dovrà essere prestata all utilizzo di apparecchi elettrici che comunque dovranno essere garantiti a norma di legge. Non potranno essere portati in Convitto riproduttori acustici come stereo, hi-fi, altoparlanti e casse acustiche, né televisori. Il Convitto non risponde delle somme e degli oggetti personali in possesso dei convittori. L utilizzo di Internet è consentito solo negli spazi comuni e sotto il controllo degli Educatori. E vietato affiggere poster al di fuori degli spazi predisposti. Non si potrà fumare in nessun locale interno del Convitto. Durante lo studio, le attività programmate e dopo le ore 22,00 non potranno essere effettuate né ricevute chiamate attraverso le linee telefoniche del Convitto, salvo casi di estrema necessità e dovranno essere spenti i telefoni cellulari. LIBERA USCITA, PERMESSI E RIENTRI IN CONVITTO All atto dell iscrizione o all inizio dell anno scolastico, i genitori, o chi ne esercita la patria potestà, autorizzeranno nei riguardi del convittore con domanda redatta su apposito modello (qualora si tratti di convittore maggiorenne, la domanda dovrà essere firmata dall interessato e controfirmata per garanzia, se possibile, da un genitore): - la libera uscita senza la presenza degli Educatori, salvo provvedimenti disciplinarila domenica dalle ore 18,00 alle 19,30 e nei giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 17,45 alle 19,30 come previsto dal Regolamento del Convitto; - il rientro in famiglia al termine delle lezioni scolastiche o in orario stabilito dai genitori nel giorno precedente il festivo o il feriale libero da impegni scolastici; -l uscita dal Convitto per recarsi a Scuola e da Scuola per far ritorno al Convitto negli orari di ingresso e di uscita dalle lezioni frequentate in un plesso esterno al Convitto, in particolare: al mattino dal Convitto per raggiungere la classe di appartenenza, dalla scuola, al termine delle lezioni anche pomeridiane, per rientrare in Convitto; per recarsi alla mensa scolastica per i pasti; dalla mensa scolastica per tornare in Convitto o a scuola nei giorni settimanali di rientro o di altre attività scolastiche; nei giorni settimanali di rientro scolastico per recarsi alle lezioni di educazione fisica presso il palazzetto dello sport e rientrare in Convitto; dalla mensa scolastica, al termine del pranzo, per attendere da soli l inizio delle lezioni pomeridiane, senza dover far rientro in Convitto; dalla mensa scolastica, al termine del pranzo, e rientrare in Convitto entro le (solo per i Convittori/trici di Palazzo Cima); per partecipare a tutte le attività scolastiche che, benché previste dal POF, (corsi di recupero, teatro etc.) non potranno essere programmate con i giorni di anticipo che occorrerebbero per far firmare tutte le autorizzazioni necessarie, visto che durante la settimana il minore non fa rientro a casa; Nei giorni di lunedì e seguenti a quelli festivi, i convittori non possono accedere al Convitto dopo l inizio dell orario scolastico. È data la possibilità ai convittori di uscire accompagnati dall Educatore purché ne sussistano le condizioni. I convittori minorenni possono lasciare da soli il Convitto soltanto su richiesta scritta dei genitori o di chi ne esercita la patria potestà. La richiesta dovrà essere consegnata di persona agli Educatori o pervenire via fax presso la sede del Convitto, entro le 11,00 del giorno precedente, secondo il modello redatto dalla segreteria con allegata fotocopia del documento di identità del 6

7 genitore. Anche i maggiorenni dovranno presentare la stessa richiesta. Tutte le richieste dovranno essere autorizzate dal Dirigente o da chi delegato. Tale procedura si applica anche per le uscite straordinarie (es. manifestazioni scolastiche, sportive, culturali, cene ) che prevedono il rientro in Convitto dopo le 22:00. ORARIO INDICATIVO DELLE ATTIVITÀ DEL CONVITTO (l orario potrà subire variazione in base all orario scolastico e/o alle esigenze organizzative ) ORARIO GIORNALIERO 7,00: sveglia 7,00-7,30: pulizie personali 7,30-7,50: prima colazione 8,00: trasferimento a scuola 13,20: pranzo 14,10: rientro a scuola o in Convitto 15,30-17,30: studio 17,30-17,45: merenda 17,45-19,30: libera uscita 19,30: cena 20,15-22,00: studio, attività programmate, televisione, musica 22,00-22,30: pulizie personali 22,30: luci spente e silenzio PER QUANTO NON CONTENUTO NEL PRESENTE REGOLAMENTO, SI RINVIA ALLE NORME VIGENTI IN MATERIA DI ORDINAMENTO SCOLASTICO E DI ORGANIZZAZIONE DEI CONVITTI STATALI. N.B.: All atto dell iscrizione verrà consegnata copia del presente regolamento con ricevuta scritta debitamente firmata dai genitori o da chi ne esercita la patria potestà. È fatto obbligo ai convittori, ai semiconvittori e alle loro famiglie di prenderne visione e di rispettarlo scrupolosamente nel corso dell anno scolastico. Il Regolamento è stato approvato dal Consiglio di Istituto del 18/09/2012. Cingoli, lì 18/09/2012 Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Sabrina Fondato 7

Regolamento Convitto annesso

Regolamento Convitto annesso I.P.S.E.O.A. Istituto Professionale per i Servizi dell Enogastronomia e dell Ospitalità Alberghiera C/da Ponticelli s.n.c. 85025 Melfi (PZ) Tel. 0972-21721 - fax 0972-252934 C.F. 93010330764 ( Foto by

Dettagli

CONVITTO PER SORDI DI ROMA

CONVITTO PER SORDI DI ROMA CONVITTO PER SORDI DI ROMA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 00166 ROMA - Vico lo del Casale Lumbroso, 129 06/66180021 fax 06/66180297 RMVC060009@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

REGOLAMENTO. Il Convittore: rende conto al Dirigente e agli Educatori del suo comportamento disciplinare e scolastico;

REGOLAMENTO. Il Convittore: rende conto al Dirigente e agli Educatori del suo comportamento disciplinare e scolastico; REGOLAMENTO L Educandato è un Istituzione deputata alla promozione educativa, culturale,ricreativa e al perseguimento del benessere psicofisico del Discente. Per favorire queste finalità, è indispensabile

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO

REGOLAMENTO D'ISTITUTO SCUOLA MEDIA STATALE CARLO PORTA AD ORIENTAMENTO MUSICALE Via Moisè Loria, 37 20144 MILANO - Tel. / fax 02 4224553 Cod. mecc. MIMM06900E - Codice fiscale 80171490156 e-mail: smcporta@tin.it - http://www.scuolacarloporta.it

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONVITTO "COLLEGE FARINA"

REGOLAMENTO DEL CONVITTO COLLEGE FARINA REGOLAMENTO DEL CONVITTO "COLLEGE FARINA" ASIAGO COLLEGE ANTONIO FARINA Il convitto "College Antonio Farina" è un'istituzione educativa offerta agli studenti dell'istituto Superiore "Mario Rigoni Stern"

Dettagli

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto

Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Ai Sigg. Genitori della Scuola Primaria Oggetto: principali disposizioni regolamentari relative al funzionamento dell Istituto Si portano a conoscenza dei genitori degli alunni iscritti alla Scuola Primaria

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 IN DATA 18/06/2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI TITOLO II TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

ATTIVITA EDUCATIVO-ASSISTENZIALE IN FAVORE DI MINORI

ATTIVITA EDUCATIVO-ASSISTENZIALE IN FAVORE DI MINORI 1 Blasone famiglia Pastore - Vannucci S.Pietro Statua del Serpotta Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza OPERE PIE RIUNITE PASTORE SAN PIETRO ALCAMO - TP ATTIVITA EDUCATIVO-ASSISTENZIALE IN

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

Convitto Nazionale Statale T. Tasso

Convitto Nazionale Statale T. Tasso Convitto Nazionale Statale T. Tasso Largo Abate Conforti, 22 84121 Salerno Scuole Statali annesse: Infanzia Primaria Secondaria di I grado Liceo/Ginnasio Liceo Linguistico Tel. e Fax: 089.231947 sito web:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI

ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni del mattino si svolgono da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30, con un intervallo dalle ore 10.20 alle ore 10.40. Le lezioni pomeridiane si svolgono

Dettagli

Circ. n.6 alunni San Zenone degli Ezzelini, 15 /09/2014

Circ. n.6 alunni San Zenone degli Ezzelini, 15 /09/2014 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Via A.Canova,2 Tel. 0423/567080 Fax0423/964574 e-mail tvic862003@istruzione.it TVIC862003@pec.istruzione.it - sito web www.comprensivosanzenone.gov.it CM.TVIC862003 CF.92026890266

Dettagli

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento

CAPO V ALUNNI. Norme di comportamento CAPO V ALUNNI Art. 8 Norme di comportamento 1. Gli alunni sono tenuti ad avere, nei confronti del Dirigente Scolastico, dei docenti, di tutto il personale e dei compagni, un atteggiamento rispettoso della

Dettagli

Regolamento delle visite d istruzione

Regolamento delle visite d istruzione Istituto Comprensivo Statale di Battaglia Terme (PD) Regolamento delle visite d istruzione Predisposto dal Consiglio di Istituto in data 30 Settembre 2009 Approvato dal Collegio dei Docenti in data 19

Dettagli

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A.

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A. 1 Indice Premessa...3 Tipologia degli interventi...3 Iscrizioni...3 Accoglienza...4 Ore di ricevimento...4 Costi a carico dell'utenza...4 Frequenza delle lezioni...4 Certificazioni rilasciate...4 Smarrimenti

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Scuola Media Statale Sperimentale GIUSEPPE MAZZINI Via Delle Carine, 2-00184 Roma C.F. 80197770581 COD. RMMM056001 Distretto

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLE DELL INFANZIA DI CORZANO E LONGHENA REGOLAMENTO DI PLESSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1.ORARIO SCOLASTICO L orario delle lezioni è il seguente: CORZANO LONGHENA Entrata dalle ore 8.05 alle 9.00 Entrata

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438

ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Premessa La Scuola è una comunità organizzata

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. 10) Nei locali dell Associazione Sportiva è fatto divieto assoluto di fumare.

REGOLAMENTO INTERNO. 10) Nei locali dell Associazione Sportiva è fatto divieto assoluto di fumare. REGOLAMENTO INTERNO 1) L adesione all Associazione Sportiva Dilettantistica in qualità di Socio comporta l accettazione del presente Regolamento, delle norme e delle direttive del CIO e del CONI, delle

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER USUFRUIRE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER USUFRUIRE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI AIRASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO PER USUFRUIRE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 26/03/2015 INDICE INDICE... 2

Dettagli

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI

REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI REGOLAMENTO D'ISTITUTO Istituto d Istruzione Superiore Giovanni GIORGI CAPO I : OSSERVAZIONI PRELIMINARI Art.1. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO VITA QUOTIDIANA A SCUOLA Lo Statuto degli Studenti definisce i diritti e i doveri degli studenti per garantire una serena convivenza scolastica. Il presente regolamento elaborato

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO REGOLAMENTO D ISTITUTO Parte istituzionale Art. 1 OFFERTA FORMATIVA A novembre - dicembre, ogni Scuola programma attraverso la Commissione POF dell istituto, il Piano dell offerta formativa per l a.s.

Dettagli

INFORMAZIONI E REGOLAMENTO

INFORMAZIONI E REGOLAMENTO PRESENTAZIONE INFORMAZIONI E REGOLAMENTO Il micronido Momobimbi è un servizio autorizzato dal comune di Padova per accogliere bambini dai 3 mesi ai 3 anni di età. Il Momobimbi si offre come luogo di educazione

Dettagli

Convitto: Largo Cappuccini tel. 0973 877185

Convitto: Largo Cappuccini tel. 0973 877185 Istituto Statale di Istruzione Superiore Giovanni Paolo II Maratea Sedi: Via San Francesco, 37 (sede centrale) tel. 0973 876624 - fax 0973 877921 Via Zà Pagana tel. 0973 876958 Convitto: Largo Cappuccini

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ABELE DAMIANI MAR S A L A ANNO SCOLASTICO 2014/2015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Dott. DOMENICO POCOROBBA) REGOLAMENTO INTERNO DEL CONVITTO Il Convitto offre

Dettagli

COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino

COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino Via Umberto I, 1 C.A.P. 10060 Tel. (011) 9861721 Fax (011) 9861882 Partita IVA 02920980014 - Codice fiscale 85003410017 http://www.comune.scalenghe.to.it e.mail:

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Refezione Scolastica Interventi di sostegno economico e per il miglioramento dell offerta formativa Trasporto Scolastico REGOLAMENTO - INTERVENTI PER IL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI Comune di Rovereto Provincia di Trento REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale 18.07.2002, n. 41 INDICE Comune di Rovereto...1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI

REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI REGOLAMENTO ALLIEVI MANCANZE E SANZIONI Premessa: nelle situazioni in cui un allievo manca di rispetto ai docenti, al personale e ai compagni, vengono richieste scuse immediate e contemporaneamente viene

Dettagli

Regolamento dei viaggi di istruzione

Regolamento dei viaggi di istruzione Regolamento dei viaggi di istruzione Capitolo I Finalità Art. 1 - Finalità Le visite guidate ed i viaggi di d istruzione sono considerati vera e propria attività didattica e si svolgono in coerenza con

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE e LINGUISTICO TOMMASO GULLÌ" Scienze Umane S.U. Opzione Economico Sociale - Linguistico www.magistralegulli.

LICEO SCIENZE UMANE e LINGUISTICO TOMMASO GULLÌ Scienze Umane S.U. Opzione Economico Sociale - Linguistico www.magistralegulli. LICEO SCIENZE UMANE e LINGUISTICO TOMMASO GULLÌ" Scienze Umane S.U. Opzione Economico Sociale - Linguistico www.magistralegulli.it - rcpm04000t@istruzione.it - rcpm04000t@pec.istruzione.it Corso Vittorio

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO DIREZIONE DIDATTICA STATALE 3 CIRCOLO Via D Azeglio 64/2, tel. 055-4216500 - fax 055-4218259 50019 SESTO FIORENTINO Mail: fiee56000v@istruzione.it - Pec: Fiee56000v@pec.istruzione.it C.M. FIEE56000V -

Dettagli

Terre Comuni Società Cooperativa Sociale Convitto La Collina lacollina@terrecomuni.it. REGOLAMENTO INTERNO a.s. 2013/2014 PREMESSA

Terre Comuni Società Cooperativa Sociale Convitto La Collina lacollina@terrecomuni.it. REGOLAMENTO INTERNO a.s. 2013/2014 PREMESSA Terre Comuni Società Cooperativa Sociale Convitto La Collina lacollina@terrecomuni.it REGOLAMENTO INTERNO a.s. 2013/2014 PREMESSA Il Convitto La Collina è una struttura della Provincia Autonoma di Trento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 REGOLAMENTO DI ACCESSO AL DOPOSCUOLA AUTOGESTITO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DANTE ALIGHIERI DI FERRARA. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 1) Sono ammissibili al doposcuola, tutti gli allievi che frequentano

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA CITTA DI TRAVAGLIATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA anno 2007 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 I servizi di trasporto e mensa scolastica nella fascia di istruzione dalla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2015 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE P. GOBETTI - A. DE GASPERI Largo Centro Studi 12/14, Morciano di Romagna (RN) Tel.: 0541-988397 - Fax: 0541-987770 - E-MAIL: segreteria@isissmorciano.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.P.S.A.A. e I.P.S.S.A.R. "DON DEODATO MELONI" REGOLAMENTO CONVITTO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.P.S.A.A. e I.P.S.S.A.R. DON DEODATO MELONI REGOLAMENTO CONVITTO UNIONE EUROPEA R.A.S ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.P.S.A.A. e I.P.S.S.A.R. "DON DEODATO MELONI" SETTORE SERVIZI PER L AGRICOLTURA E LO SVILUPPO RURALE E SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA

Dettagli

COMUNE DI GAZZO VERONESE

COMUNE DI GAZZO VERONESE COMUNE DI GAZZO VERONESE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DI ACCESSO E FRUIZIONE DEI SERVIZI SCOLASTICI DI TRASPORTO E MENSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 in data 06 agosto 2010,

Dettagli

Regolamento Interno della Comunità Alloggio per Anziani

Regolamento Interno della Comunità Alloggio per Anziani Comune di Zavattarello Regolamento Interno della Comunità Alloggio per Anziani Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 32 del 07/10/2013 1/1 Art. 1 Finalità, attività e destinatari La Comunità Alloggio

Dettagli

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO

REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 18/08/2014 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SACRA FAMIGLIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO 18/08/2014 REGOLAMENTO TRIENNIO 2014 2017 SCUOLA PRIMARIA PARITARIA VIA SALUGA 7 38121 TRENTO PREMESSA Le norme scritte in questo documento mirano a regolare la vita interna della Scuola primaria paritaria

Dettagli

CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI

CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI CARI STUDENTI, GENTILI GENITORI Vi proponiamo una sintetica Guida per orientarvi tra le molteplici attività ed iniziative della nostra scuola. Naturalmente attendiamo le vostre osservazioni, le vostre

Dettagli

Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia

Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia Istituto Comprensivo P.D. Pollidori Fossacesia Delibera Collegio dei Docenti scuola dell infanzia D 90 del 10.12.2009 Delibera Consiglio d Istituto n. 22 del 3.2.2010 e Delibera n. 8 del 17.02.2012 INDICE

Dettagli

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011

Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente. Anno Formativo 2010-2011 Regolamento del Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente Anno Formativo 2010-2011 La famiglia deve comunicare al C.F.P. il suo indirizzo e il suo numero telefonico, e un

Dettagli

Lombardia REGOLAMENTO DEL CENTRO E REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

Lombardia REGOLAMENTO DEL CENTRO E REGOLAMENTO DI DISCIPLINA REGOLAMENTO DEL CENTRO E REGOLAMENTO DI DISCIPLINA PREMESSA Il Regolamento di disciplina del Centro di MILANO si richiama innanzi tutto al proprio patrimonio storico di esperienze, iniziative e progetti

Dettagli

LA PINETINA GOLF CLUB REGOLAMENTO DEI SOCI AI SENSI DELL ART.4 DELLO STATUTO SOCIALE PARTE PRIMA NORME GENERALI

LA PINETINA GOLF CLUB REGOLAMENTO DEI SOCI AI SENSI DELL ART.4 DELLO STATUTO SOCIALE PARTE PRIMA NORME GENERALI LA PINETINA GOLF CLUB REGOLAMENTO DEI SOCI AI SENSI DELL ART.4 DELLO STATUTO SOCIALE PARTE PRIMA NORME GENERALI Art. 1 Ferme restando le norme emanate dal Comitato Olimpico Nazionale e dalla Federazione

Dettagli

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo.

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo. Educandato Statale SS. Annunziata Firenze Liceo Classico Europeo - Liceo Scientifico Brocca - Liceo Linguistico Brocca 1. Vita della comunità scolastica Regolamento di Istituto La scuola è luogo di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO del Liceo Classico e Classico Europeo Marco Foscarini in Venezia

REGOLAMENTO D ISTITUTO del Liceo Classico e Classico Europeo Marco Foscarini in Venezia CONVITTO NAZIONALE MARCO FOSCARINI SCUOLE ANNESSE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA 1 gr. ISTRUZIONE 2 gr. CLASSICO ED EUROPEO CANNAREGIO FOND.TA S. CATERINA 4941 4942 30131 VENEZIA tel. 0415221970 fax.0415239698

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Il rispetto delle regole si rende necessario anche all esterno della scuola, in particolare durante le uscite scolastiche che costituiscono per gli

Dettagli

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU)

Istituto Comprensivo Adolfo GANDIGLIO Piazzetta Grimaldi, 3-61032 Fano (PU) Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità ; Visti i D.P.R. n. 249 del 24/6/1998 e D.P.R. n. 235 del 21/11/2007 Regolamento recante lo Statuto

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai tre mesi fino a tre anni, quale primo servizio educativo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO GARGNANO Scuola dell infanzia - Scuola Primaria - Scuola secondaria di 1 grado Via Repubblica 17 25084 GARGNANO (BS) - C.F.:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO. Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO. Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Regolamento Interno (D.P.R. 275/1999 D.I. 44/2001) approvato

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

DOMANDA DI INSERIMENTO

DOMANDA DI INSERIMENTO FONDAZIONE CASA DI RIPOSO QUAGLIA Via al Convento, 15 18013 DIANO CASTELLO (IM) Email: info@casariposoquaglia.it info@pec.casariposoquaglia.it http://www.casariposoquaglia.it Tel.: 0183496519 Fax.: 0183426196

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO SEMICONVITTO

REGOLAMENTO SEMICONVITTO REGOLAMENTO SEMICONVITTO Il Semiconvitto è un luogo di formazione e crescita degli alunni, favorisce la socializzazione e la partecipazione alla vita comunitaria. Il presente Regolamento si ispira alla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI ACCESSO AI SERVIZI SCOLASTICI DI MENSA E TRASPORTO

REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI ACCESSO AI SERVIZI SCOLASTICI DI MENSA E TRASPORTO Allegato A) COMUNE DI SANT'AGOSTINO Provincia di Ferrara REGOLAMENTO COMUNALE DI ORGANIZZAZIONE E DI ACCESSO AI SERVIZI SCOLASTICI DI MENSA E TRASPORTO Aggiornato alla Delibera di Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ALLEGATO N 7 ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 VIA APPIANI, 15 21100 VARESE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Scuola Secondaria di Primo Grado S. Pellico Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n 249 del

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE REGOLAMENTO VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE (Approvato dal Consiglio di Istituto con Delibera del 21/11/2013) Art. 1 - PREMESSA Il presente regolamento si ispira ai contenuti del Piano dell Offerta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME

REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO Psichiatria Area Residenzialità REGOLAMENTO DELLA CRM LE ORME Gentile Signore/a, nel darle il benvenuto nella nostra comunità, desideriamo fornirle alcune informazioni utili

Dettagli

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SCUOLA PRIMARIA Istituto Comprensivo di Poggio Mirteto La scuola non deve soltanto far acquisire competenze, ma deve anche trasmettere valori per formare cittadini che abbiano senso di identità,

Dettagli

REGOLAMENTO. della. Scuola Primaria Paritaria. Istituto Parrocchiale IMMACOLATA

REGOLAMENTO. della. Scuola Primaria Paritaria. Istituto Parrocchiale IMMACOLATA REGOLAMENTO della Scuola Primaria Paritaria Istituto Parrocchiale IMMACOLATA Anno scolastico 2015-2016 INDICE PREMESSA 1 PARTE PRIMA: I RUOLI A) Alunni 2 1. Diritti 2 2. Doveri 3 3. Disciplina 4 4. Norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI

REGOLAMENTO PER VISITE GUIDATE, VIAGGI D ISTRUZIONE ED INIZIATIVE CULTURALI Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO F. Cilea Via Cilea, 269-00124 ROMA (RM) Tel. 0650913962 - Fax 0650938556 C.M. RMIC8FR002

Dettagli

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015

REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 REGOLAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 - 1 - INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. Cena Via Lepanto 2 04100 Latina 0773 695393 fax 0773 471618 Sito: www.scuolacenalt.eu ltic847002@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI. TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 29.04.2013

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI. TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 29.04.2013 COMUNE DI MORGANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 29.04.2013 INDICE: ARTICOLO DESCRIZIONE 1 Oggetto

Dettagli

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. -

CIRCOLARE N. 20 OGGETTO: - PROCEDURA PER LA DENUNCIA DEGLI INFORTUNI IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRASCOLASTICO. - REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "SALVATORE TODARO" Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria

Dettagli

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale;

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 Funzionamento della scuola - La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; - L orario

Dettagli

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 40 del 25.11.2013 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte

Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Comitato Olimpico Nazionale Italiano Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Finali Nazionali di Badminton Istituzioni scolastiche del I (scuole

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZO DI TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZO DI TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI MONTELANICO P R O V I N C I A D I R O M A REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZO DI TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. dell 16/12/2013 1 Sommario Art.1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO CONVITTORI E SEMICONVITTORI A.S. 2014/15

REGOLAMENTO INTERNO CONVITTORI E SEMICONVITTORI A.S. 2014/15 REGOLAMENTO INTERNO CONVITTORI E SEMICONVITTORI A.S. 2014/15 1 Art. 1 Finalità Il Convitto Nazionale Pasquale Galluppi di Catanzaro permette la residenzialità degli Alunni ospitati, garantendo il diritto

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono.

Durante i periodi di sospensione delle attività didattiche i colloqui docenti-genitori non si svolgono. Carate Brianza, 13 settembre 2013 Comunicazione interna n. 15 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2013-2014 1. COLLOQUI DOCENTI GENITORI

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 47 DISTRETTO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FOSCOLO - OBERDAN Cod. MPI NAIC8E900C - Piazza del Gesù Nuovo, 2-80134 - NAPOLI tel. e fax 081/5524731; www.scuolafoscoloberdan.gov.it ; naic8e900c@istruzione.it;

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Giuseppe Garibaldi VIA RIMEMBRANZA N. 72 81058 VAIRANO PATENORA (CE) 0823 985250 D.S. 0823 643210 /0823 643907 - Fax 0823/985250 C.F. 95003860616 < ceic885003@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Comune di Saletto Provincia di Padova --==ooooo== ==ooooo==-- REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 03/08/2009 TITOLO I ISTITUZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 43 bis DEL 30/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 IL SERVIZIO CIVICO L Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli