DAL RITRATTO DA VISITA ALLA FOTOGRAFIA ALPINA: I FOTOGRAFI MARCH A BRESSANONE. Hans Heiss

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL RITRATTO DA VISITA ALLA FOTOGRAFIA ALPINA: I FOTOGRAFI MARCH A BRESSANONE. Hans Heiss"

Transcript

1 DAL RITRATTO DA VISITA ALLA FOTOGRAFIA ALPINA: I FOTOGRAFI MARCH A BRESSANONE Hans Heiss Poco prima del 1870 la residenza vescovile di Bressanone non era più una cittadina addormentata, ma una località che da alcuni anni aveva definitivamente abbandonato il suo aspetto medievale, rimasto per secoli pressoché inalterato. La popolazione che per lungo tempo si era stabilizzata sui 2500 abitanti; dal 1851 ne contava quasi Importanti edifici nuovi avevano contribuito a trasformare l immagine della città, che in precedenza era limitata al centro storico con le sue mura e a pochi quartieri periferici. Ad occidente la ferrovia del Brennero, inaugurata nel 1867, attraversava da nord a sud la conca brissinese. La sua costruzione aveva messo in agitazione la cittadina: a partire dal 1863 migliaia di operai spianarono colline, fecero saltare rocce ed innalzarono il terrapieno della ferrovia. Maestranze ed operai, in prevalenza di lingua italiana, rappresentarono incontri nuovi per la cittadinanza che con questa presenza per la prima volta conobbe la forza dirompente della questione sociale. 1 A nord nel 1873 sorse il seminario minore Vincentinum che nella sua severità neoclassica costituì una specie di roccaforte difensiva. Rispetto alla ferrovia il seminario era una decisa espressione di atteggiamenti conservativi, con l intento di formare degli allievi ligi ai dettami della fede. Anche la società cittadina iniziò ad evolversi: la Costituzione austriaca del 1867 aveva favorito la nascita di associazioni, per cui anche a Bressanone si andò formando una vivace attività associativa. Il Männergesangverein (il Coro Maschile), attivo dal 1862, l Associazione delle Casse di risparmio e delle Scuole elementari, oppure l Associazione agricola distrettuale, miravano al rinnovamento e al progresso dell economia e della formazione locali, e a stimolare una nuova vita culturale. Progresso : nella cultura, nella formazione ed in economia questa era la parola chiave che, a partire dal 1870, comportò anche in Tirolo un sostanziale rinnovamento in molti settori. Il principe-vescovo Vinzenz Gasser ( ) e il suo clero osservavano invece con molta preoccupazione le nuove tendenze dell epoca che minacciavano di sconvolgere l affermato carattere conservativo del Tirolo. Nel 1870, durante il primo concilio Vaticano a Roma, il vescovo in persona aveva lottato contro lo spirito dei tempi nuovi ed aveva violentemente protestato contro l occupazione dello Stato della Chiesa da parte del Regno d Italia. Pio IX elogiò personalmente il vescovo Gasser definendolo Colonna del Concilio. Per breve tempo si ventilò persino l opportunità che Bressanone divenisse il sicuro rifugio del Papa in esilio per far fronte alle minacce dello Stato nazionale, del liberalismo e del laicismo. Da Montagna a Bressanone Josef March senior In questi anni di profonda trasformazione, attorno al 1875 Josef March si trasferì da Montagna, suo paese d origine nella Bassa Atesina sudtirolese, a Bressanone. March aveva avuto la netta sensazione che la città in evoluzione avrebbe offerto nuove opportunità professionali per un fotografo. In altre città del Tirolo già da tempo operavano dei professionisti della fotografia: Josef Gugler a Bolzano, Giovanni Battista Unterveger a Trento o Carl Alexander Czichna ad Innsbruck. Perfino nella piccola Brunico dal 1859 operava un fotografo di professione: Alois Kofler. 2 Fino ad allora l attività di fotografo a Bressanone invece era stata secondaria, ad esempio, per il libraio Caspar Eder o, per breve tempo, per Hans Schullerbauer. Josef March puntò decisamente fin 1 Cfr. Hans Heiss, Il lungo secolo XIX: , in: Barbara Fuchs / Hans Heiss / Carlo Milesi / Gustav Pfeifer (a cura di), Bressanone La storia, Bolzano 2004, p Cfr. Gunther Waibl, Photographie und Geschichte. Sozialgeschichte der Photographie in Südtirol Tesi di dottorato in filosofia inedita, Vienna 1985, p

2 dall inizio sulle proprie capacità professionali e sulle buone opportunità di mercato anche a Bressanone. Ed ebbe ragione. Purtroppo, al di là del lascito fotografico, manca un archivio consistente in merito alla famiglia o al negozio dei fotografi March. Comunque, sulla scorta di tradizioni frammentarie è possibile abbozzare una prima panoramica quale anticipo di una più esauriente biografia della famiglia, la cui tradizione viene portata avanti con cura da Margit Strasser, una pronipote del primo March. Josef March, nato nel 1846, proveniva da una famiglia già dedita alla fotografia. 3 Uno dei suoi parenti, Francesco March di Cavalese, era diventato un cronista per immagini della valle di Fiemme, come segnala il necrologio del 1921:... ritrasse con gusto d arte e tecnica perfetta le sembianze degli uomini e la beltà multiforme della grande natura di Fiera e di Fassa. Trasferitosi a Bressanone, Josef March sfruttò la nicchia di mercato della città vescovile in trasformazione, tanto più che poteva contare sulla disponibilità economica di sua moglie. Infatti Barbara Rainer, nata nel 1854, proveniva da una famiglia benestante, per cui fu possibile superare la iniziale scarsità di introiti. Il 15 giugno 1881, pochi anni dopo il trasferimento a Bressanone, la giovane coppia acquistò una casa all imbocco dell attuale via S. Croce, di fronte alla porta occidentale del centro storico. 4 Poiché allora le vie e le piazze di Bressanone non avevano alcun nome, Casa March recava semplicemente il numero civico 130. All esterno l edificio è rimasto pressoché inalterato, anche se risulta lievemente nascosto da negozi antistanti, come l atelier March, tuttora proprietà della famiglia. Il giovane fotografo di Montagna si procacciò i primi introiti soprattutto con foto da visita che allora in Tirolo erano in gran voga. 5 Le fotografie in formato ridotto a 6,2 x 10,2 cm erano accessibili anche ad acquirenti con poche disponibilità finanziare ed erano utilizzate come doni d amicizia e soprattutto come ricordi di eventi particolari. Fissavano coppie o gruppi di persone con realistica nitidezza e ai fotografi tecnicamente versati offrivano buone opportunità di mettersi in vista. Nel caso in cui la posa e l espressione fossero ben riuscite e le persone ritratte si dichiarassero soddisfatte, la vantaggiosa pubblicità del passaparola procurava ben presto dei nuovi clienti. Il successo delle fotografie da visita era insito nel loro ruolo di ritratti del piccolo uomo ; intanto le immagini andavano estendendosi a nuovi soggetti, quali il paesaggio e i costumi. Nella cittadina in rapida evoluzione anche per gli appartenenti ai ceti medi ed inferiori non mancavano le occasioni per farsi ritrarre in questo formato ridotto. Tanti eventi più o meno importanti, come nozze, servizio militare o fatti memorabili si prestavano ad esser fissati efficacemente in questa maniera. Con i negativi su lastre di vetro conservati nell atelier si potevano produrre delle copie a buon prezzo. Anche il formato più grande dei ritratti scattati in studio (11 x 17 cm) fruì di un crescente gradimento, per cui in pochi anni il fotografo poteva crearsi una sistemazione dignitosa. L intraprendente March si fece una buona clientela fra la borghesia e ben presto divenne il ritrattista di singoli notabili. Agli inizi del 1881 l immigrato chiese al magistrato brissinese la concessione edilizia per un Atelier fotografico 6 che sostituisse il precedente studio provvisorio. L approvazione, sulla base di un progetto non più conservato, venne rilasciata senza alcun problema. Il vicino di casa, il noto costruttore edile Josef Unterpertinger, detto bonariamente Kienerseppl, 7 non fece alcuna obiezione, anche perché era stato incaricato dei lavori. La costruzione fu rapida: Fine dei lavori a fine maggio 1881, annotò Wilhelm Seider, assessore competente del magistrato. Nel 1886 il March 3 Indicazione in base alle memorie mortuarie in possesso della famiglia. 4 Archivio Provinciale di Bolzano, Libri d archiviazione, Bressanone 1881/II (649), fol ; cfr. Ignaz Mader / Anselm Sparber, Brixner Häusergeschichte (Schlern-Schriften, 224), Innsbruck, p Cfr. Waibl, Photographie und Geschichte, parte II, p. 20 e seg. 6 Archivio Storico di Bressanone, Magistratsakten 1881/82/83, Photographisches Atelier des H. March in Brixen, senza segnatura. 7 Cfr. Mader / Sparber, Häusergeschichte, p. 229, 233.

3 ottenne l installazione di una fontana con acqua corrente; 8 pochi mesi dopo, il 26 marzo 1887, fu approvato anche l allestimento di un piccolo locale per preparati chimici. 9 Ritrattista della città Dieci anno dopo la sua sistemazione a Bressanone il March ampliò anche l offerta dei propri motivi fotografici. Accanto ai ritratti di persone la sua attenzione si focalizzò sulla ripresa del paesaggio brissinese. Diversi motivi deponevano a favore di un più vasto ambito operativo. Lo spunto fu la catastrofica inondazione del 1882, che per singoli fotografi tirolesi rappresentò una insperata congiuntura favorevole. La piena del settembre 1882 devastò numerose località lungo l Adige, l Isarco, la Rienza e la Drava. Le immagini di località e case distrutte, di strade e tratte ferroviarie messe a soqquadro e, ben presto, le foto della ricostruzione trovarono uno smercio stimolante. L inondazione costituì uno dei primi avvenimenti che in Tirolo furono sistematicamente fissati in fotografie. Perciò il disastro del 1882 favorì i fotografi di paesaggi e di eventi. A Bressanone, dove i danni della piena furono sì ingenti, ma non massicci come a Brunico o nel Trentino, il March dovette suo malgrado constatare che un concorrente di Bolzano aveva reagito con maggior tempestività. Le foto dell alluvione scattate da Josef Gugler entrarono in rapida circolazione; al brissinese invece era sfuggito l attimo propizio per un affare lucrativo. Per non perdere altre simili occasioni di mercato, negli anni successivi il March si dedicò con maggior impegno alla fotografia di paesaggi. L aspetto di una Bressanone in lenta trasformazione gli offriva abbondanti stimoli, soprattutto l avviata serie di nuove costruzioni. Committenti orgogliosi amavano far immortalare la propria casa nuova, soprattutto se si trattava di esercizi alberghieri. Con la fondazione della Casa di cura Guggenberg (1890) il March poté ritrarre un esempio rappresentativo della favorevole congiuntura edilizia. Di ottima qualità sono le foto panoramiche di Bressanone, in cui mastro March dimostrò una tecnica convincente per la scelta accurata della visuale e la perfetta nitidezza delle immagini. Le foto scattate da Kranebitt (Costa d Elvas) verso sud-ovest immediatamente dopo la prima fase della regolamentazione dell Isarco nell estate 1884 sono degli autentici capolavori topografici. 10 L ambito del duomo è collocato esattamente al centro dell immagine; attorno sono raggruppati da est ad ovest, in un ampia striscia di caseggiati, singoli edifici importanti della città vescovile. Con la stessa importanza dei palazzi storici è l Isarco a dominare la scena: vicino alla città con l avvenuta regolazione della confluenza e il Ponte Widmann; a meridione con gli ampi meandri che verso Albes si perdono nel paesaggio collinare. L immagine dell antica città e i segnali dell evoluzione in atto si connettono come un arco di tensione in sottofondo. Il tracciato della ferrovia e la stazione al margine destro della foto accentuano l atmosfera del passaggio dall epoca antica a quella nuova. In modo analogo il March ritrasse la città verso nord-ovest comprendendo così nella sua visuale l altro lato della diagonale. Certamente le due fotografie servirono anzitutto a scopo pubblicitario e il March le espose in formato gigante nella propria vetrina. Chiaro il messaggio: nessun concorrente era in grado di abbracciare con pari perfezione la città di Bressanone sia nel suo complesso che nei suoi dettagli. La grande dimensione delle fotografie era un simbolo della presa di possesso e del diritto esclusivo sul soggetto città. Oltre a queste riprese totali di Bressanone il March zoomava per accostarsi ai singoli dettagli del centro storico. Classica è la sua ripresa del duomo e della parrocchiale verso sud proponendo come 8 Archivio Storico di Bressanone, Magistratsakten 1886, fasc. 2/314 9 Archivio Storico di Bressanone, Magistratsakten 1887, fasc. 2/ Cfr. Banca Popolare di Bressanone (a cura di), Immagini del passato di Bressanone, Ideazione e testi di Hartmuth Staffler, Bressanone 1989, pagine non numerate. Purtroppo il curatore Staffler non indica alcun riferimento fotografico rinunciando così all attribuzione delle foto ai singoli fotografi, che si possono individuare soltanto tramite confronti con esemplati firmati.

4 sfondo l Isarco non ancora regolato a nord di Ponte Aquila. Il tratto fluviale, con la roggia sulla riva orientale ed un grande giardino alberato sulla sponda occidentale, rende tangibile la capacità del March di cogliere la combinazione di natura ed architettura nel perimetro urbano. La monumentalità degli edifici sacri è interrotta dai tratti di sponde, mentre acqua e vegetazione arborea sembrano minacciare la cittadina. L arte di una felice scenografia e di un accurata disposizione caratterizzava il vecchio March. Un arte che, rilevata dal suo erede, venne ulteriormente perfezionata. Josef March junior un carattere estroso Josef March junior, il figlio maggiore nato l 8 luglio 1879, fece della fotografia di montagna un settore economico di grande successo e di alto valore artistico. Sul primogenito il padre aveva riposto delle particolari speranze; coltivava l ambizione che l atelier ormai affermato si tramandasse alle generazioni future. Di certo il figlio non deluse le aspettative del padre, ma si prese una lunga pausa di rodaggio prima di rilevarne progressivamente l attività. Terminato il periodo scolastico e di apprendistato nell azienda di famiglia, il giovane Josef si recò per un certo tempo in Germania e poi girò in lungo e in largo per l America meridionale. Sono anni che spiccavano vistosamente nel compassato ambito brissinese e testimoniano la ricerca di quel profilo professionale grazie al quale Josef junior aspirava a differenziarsi dalla linea e dai dettami del padre. Il ritorno a casa nell estate del 1906 non fu facile per il 27enne Pepi - così lo chiamavano in famiglia. Da Genova giunse ai genitori la richiesta che il fratello Emil lo andasse a prendere, perché lui affetto da una crisi psichica non se la sentiva di viaggiare da solo. 11 E anche possibile che il giovane Pepi, guardando con malinconia i ritratti fotografici, cullasse l anelito a mete più elevate e che confrontasse la sua carriera professionale già prefigurata con la libertà dei fratelli minori. Ludwig ( ) 12, Emil ( ) 13 ed Arthur ( ) 14 erano dotati di grande talento e, terminate le scuole superiori, conseguirono brillanti risultati all università in materie tecniche e scienze naturali oppure in ambito filosofico-letterario. Però i percorsi formativi dei giovani dimostrano anche come la famiglia March fruiva di buone entrate, al punto d essere in grado di finanziare senza problemi i costosi studi dei figli. L esperienza acquisita nei viaggi formò la tecnica di Josef March junior, come pure il suo sguardo pittorico interessato alle forme del paesaggio, che emerge in modo particolare nelle sue grandi riprese di montagne. Il March era uno scalatore entusiasta che ben presto si era trovato a proprio agio nell ambiente alpinistico brissinese. Nella città vescovile già nel 1875 alcuni amici della montagna avevano fondato una sezione dell Alpenverein austro-tedesco che, dopo un inizio in tono minore e fra la diffidenza dei circoli conservativi, si era stabilizzata nel In seguito al grande impegno profuso dall Alpenverein durante la catastrofica inondazione del 1882, crebbe l accettazione sinora scarsa ed anche a Bressanone, con l apertura del Rifugio Plose nel 1887, la sezione presieduta da Ignaz Peer conseguì notevoli successi. Nel 1907 i soci erano ormai 121; dal 1900 c era anche il 21enne Josef March junior. 16 Nell associazione il March si sentiva a proprio agio; l ambito alpino inoltre gli offriva nuovi soggetti fotografici ed anche buoni contatti d affari. Il che fu di notevole importanza, perché nel frattempo a Bressanone, in via Ponte Aquila nelle vicinanze del centro storico, si era piazzato un forte concorrente. 11 Lettera di Josef March ai genitori, Genova , Archivio storico di Bressanone, Magistratsakten 1906, 18/2109, sub Magistratsakten 1914, 18/ Josef Weingartner, Die Anfänge des Schlern, in: Der Schlern 20 (1946), p. 1-4, qui p Friedrich Tessmann, Ing. Emil March zum Gedenken, in: Der Schlern 30 (1956), p Neue Deutsche Biographie, vol. 16, Berlino 1990, p. 112 e seg. 15 Deutscher und Österreichischer Alpenverein, Sektion Brixen (a cura di), Geschichte des Sektionsbestandes , Brixen a. E Cfr. ibidem, p. 47, 51.

5 Rudolf Largajolli, rampollo di una famiglia di fotografi, divenne il ritrattista emergente nell era del grande borgomastro Otto von Guggenberg ( ); veniva richiesto come fotografo in occasioni ufficiali, 17 tanto più che dal punto di vista politico era vicino al partito dei cristianosociali, allora al governo della città. Dopo il 1900 comunque Bressanone, in forte espansione economica e turistica, offriva opportunità di lavoro anche a due atelier, per cui fu possibile concretizzare una coesistenza pacifica. Lo dimostra il fatto che durante le celebrazioni del millennio brissinese le innumerevoli serie di fotografie scattate risultarono equamente distribuite fra il March ed il Largajolli. In quel periodo anche Josef March senior, dopo un quarto di secolo di presenza a Bressanone, divenne definitivamente cittadino brissinese: il 12 marzo 1901 chiese di essere accolto come residente di Bressanone. Ottenuto il consenso dall autorità comunale brissinese il 7 ottobre 1901, rinunciò al diritto di cittadinanza nel proprio paese natio di Montagna. 18 Così, poche settimane prima dei grandi festeggiamenti per i 1000 anni di Bressanone (26-27 ottobre 1901), il March si era fatto un personale regalo giubilare inserendosi a pieno titolo nella storia della città vescovile. Fra il 1900 ed il 1910 intraprese anche una breve carriera politica entrando a far parte della giunta cittadina e rivestendo l incarico di consigliere del magistrato e di presidente della commissione edilizia. 19 Miniature alpine Quando Josef senior si trovò avanti negli anni il figlio gli diede una valida mano nel disbrigo degli affari. Rilevò, infatti, essenziali settori dell attività quotidiana, la integrò con un commercio di cartoline postali e nella fotografia alpina coniugò in modo eccellente passione personale ed esperienza professionale. Quando nell estate inoltrata del 1914 scoppiò la Prima Guerra Mondiale, il 35enne March non venne subito chiamato alle armi. La situazione cambiò invece con l entrata in guerra dell Italia il 23 maggio Fu arruolato fra gli Standschützen ed impiegato come fotografo sul fronte d alta montagna. Il March affrontò con bravura la sfida patriottica e professionale e più volte venne insignito di onorificenze al merito per il suo coraggioso comportamento. Le sue riprese fotografiche alpine, che sono conservate in negativo su lastre giganti, risalgono in buona parte all epoca precedente al primo conflitto mondiale. Allora Pepi March disponeva ancora di parecchio tempo libero, perché il padre conduceva l esercizio ed il figlio poteva dedicarsi ad impegnative escursioni fotografiche. Le riprese esposte nella mostra documentano il suo tentativo di combinare in armoniosa simbiosi le classiche fotografie paesaggistiche con la fotografia alpina. Poiché il March nelle sue escursioni usava una camera fissa trasportabile ma relativamente pesante, doveva scegliere una posizione adatta per piazzare il treppiede e non era in grado di eseguire scatti dalla prospettiva di chi era impegnato nella scalata. Da falde detritiche o da superfici pianeggiati lui riprendeva i suoi compagni di scalata quando venivano a trovarsi in azioni possibilmente spettacolari in parete, in fessure o in altri passaggi difficoltosi. La predominante prospettiva dal basso sugli scalatori dimostra le difficoltà tecniche della scalata e comporta una prospettiva costantemente primaria della montagna. I suoi scalatori il March li ritrae soprattutto mentre affrontano fessure, camini e settori difficili del percorso; sono poche le foto di vetta rimaste. Senza dubbio il March si ispirava a noti fotografi di montagna come Hanns Barth, le cui riprese del Gruppo del Sella, pubblicate soprattutto nella rivista dell Alpenverein, rappresentarono un esemplare orientamento stilistico. Il March inoltre badava che il luogo delle scalate rimanesse riconoscibile e sceglieva come sfondo adeguato le Cime del Cir, le Torri del Vajolet, il Sella o il Sassolungo. La roccia in filigrana delle 17 Cfr. Waibl, Photographie und Geschichte, parte II, p. 38 e seg. 18 Archivio storico di Bressanone, Magistratsakten 1901, fasc. Domizil 581/ Lettera di ringraziamento del borgomastro Otto von Guggenberg a Josef March, , Archivio storico di Bressanone, Magistratsakten 1910, 1/1380.

6 Dolomiti offriva anche sfondi e retroscena molto pittoreschi alle riprese fotografiche; e qui il March non lesinava sulla ricerca di effetti forti come, ad esempio, una ripresa controluce nella gola del Fermeda. Benché nella fotografia di montagna attorno al 1910 gli apparecchi fotografici a bobina fossero già diffusi, il March prediligeva le complicate lastre di vetro. 20 Le lastre ortocromatiche permettevano un miglior controllo della delicata luminosità in alta montagna e la rinuncia ai filtri. Inoltre, grazie ad accurata elaborazione nella camera oscura, esse favorivano la migliore riproduzione possibile. In questo senso concordava con il fotografo ed alpinista vivente in Val Gardena Emil Terschak ( ); questi scrisse un incisivo manuale in merito e, come Pepi March, aveva poca dimestichezza ed interesse per pellicole a bobina. 21 Dopo la guerra, ormai ultraquarantenne, il March continuò a lavorare nell atelier del padre che morì il 3 novembre Durante la crisi economica mondiale gli affari erano in ribasso e il March rimasto celibe dovette occuparsi da solo del negozio. Dato che anche la madre era deceduta il 22 gennaio 1929, attorno al March si andò diffondendo un atmosfera di solitudine. Inoltre, con Matthäus Planinschek a Bressanone era emerso un concorrente dinamico, che operava con crescente successo. All epoca delle opzioni e durante la seconda guerra mondiale ( ) il fotografo, che in quanto Dableiber aveva scelto di restare in patria, non ebbe vita facile. Si boicottava il negozio del March 22 che, contrario alle opzioni, si ritirò nella emigrazione interna. Suo fratello Arthur, docente di fisica all università di Innsbruck, ebbe un ruolo notevole nella resistenza tirolese. Dopo la guerra il dotato Josef junior gestì l atelier fotografico fino alla morte improvvisa i 1 ottobre Essendo rimasto celibe, la continuità familiare venne portata avanti dalla sorella Maria, che aveva sposato l albergatore Franz Strasser. L atelier fu rilevato da suo figlio Fritz Strasser, nipote di Josef, che curò con amore, fino alla propria morte nel 1986, la tradizione familiare e il patrimonio fotografico. Nei 125 anni di tradizione dell atelier Foto-March il secondo Josef ebbe un ruolo particolare. Benché le foto di montagna rappresentino una piccola parte della sua vasta produzione, in esse si riscontra netta la tensione fra impegno professionale e spiccata individualità. In montagna Josef March ritrovava se stesso e lì avveniva il connubio fra passione privata ed attività professionale; natura e provocazione, solitudine e cameratismo alpino si traducevano in icone fotografiche all insegna dell armonia e di una vita ben riuscita. 20 Cfr. Gustav Kuhfahl, Die Photographie in den Alpen, in: Zeitschrift des Deutschen und Österreichischen Alpenvereins, 41 (1910), p Emil Terschak, Die Photographie im Hochgebirge, Praktische Winke in Wort und Bild, Vienna Cfr. Hubert Mock, Transizioni. Bressanone , in: Fuchs / Heiss / Milesi / Pfeifer (a cura di), Bressanone La Storia, Bolzano 2004, p , qui p. 265.

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore.

Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore. Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore. 1.Nome e Cognome: Francesca Chiaveri Il settore primario: 2.Ragione sociale dell azienda: Per procurarsi un lavoro e costruire un futuro. 3.Sede dell azienda:

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

PAN Tradizione da oltre 120 anni

PAN Tradizione da oltre 120 anni Tradizione da oltre 120 anni La nostra famiglia vive nel mondo delle mele già da molte generazioni. Nel 1888 Giovanni Maria Pan - partendo da Belvedere di Tezze presso Bassano del Grappa - si trasferì

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

Intervista al Maestro Viet

Intervista al Maestro Viet Intervista al Maestro Viet Quando sei deluso e pieno di dubbio, neppure mille libri di sacre scritture sono sufficienti per raggiungere la comprensione Ma quando hai trovato la Via, allora anche una parola

Dettagli

Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini

Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini Sommario Introduzione Fotografia immagine p. 2» Colore e tonalità p. 3» Luce p. 4» Prospettiva e taglio p. 5» Profondità di campo p.

Dettagli

una storia di famiglia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni si creano scarpe fatte a mano.

una storia di famiglia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni si creano scarpe fatte a mano. Dal 1923 una storia di famiglia 1 Pakerson è la storia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni nella famiglia Brotini si creano scarpe fatte a mano. Il primo

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato

Dettagli

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello.

Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Biografia e Opere Assunta Pieralli nasce nel 1807 in un piccolo paese chiamato Lippiano appartenente alla diocesi di Città di Castello. Assunta Pieralli era di costituzione fragile e dall aspetto pallido

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi Ci sono date nella nostra vita che difficilmente ci scorderemo, la mia è quella dell 11 settembre 2011. Tanti presupposti di questa esperienza

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Relazione Expo 2015 Andrea Offi

Relazione Expo 2015 Andrea Offi Relazione Expo 2015 Andrea Offi L esperienza expo è iniziata il giorno 12/05/2015 quando ci siamo ritrovati presso la stazione di Napoli centrale pronti per partire verso Milano. Per me era la prima volta

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013

La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 La Comunità Cinese in Italia Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati 2013 Abstract 2 2013 - Rapporto Comunità XXX in Italia Il Rapporto annuale sul Mercato del lavoro degli Immigrati" promosso

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi)

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Archivio del sito http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore Fausto Arconi (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Il nostro collaboratore Paolo Piccardo era da lungo tempo alla ricerca

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2006-2007 2007 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche,

Dettagli

R & S ASSOCIAZIONE RICE RCA E SVILUPPO. (Allegato alla nota 23 feb. 2005 al V.M. Possa)

R & S ASSOCIAZIONE RICE RCA E SVILUPPO. (Allegato alla nota 23 feb. 2005 al V.M. Possa) R & S ASSOCIAZIONE RICE RCA E SVILUPPO (Allegato alla nota 23 feb. 2005 al V.M. Possa) IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO PRIVATO ASSISTITO DA CONTRIBUTO ( ART. 14 D.M. 593 DEL 8.8.2000) VALUTAZIONI E ANALISI

Dettagli

indice introduzione MoMenti di definizione del progetto 1870-1969 2.1 1969-oggi il Disegno a Mano nell era Digitale le tecniche contemporanee

indice introduzione MoMenti di definizione del progetto 1870-1969 2.1 1969-oggi il Disegno a Mano nell era Digitale le tecniche contemporanee indice 1. 2. 3. 4. introduzione MoMenti di definizione del progetto 1.1 1.2 1.3 Dall idea al progetto: fasi Dell iter progettuale MetoDi Di rappresentazione l immagine Dell idea 1870-1969 2.1 2.2 3.1 3.2

Dettagli

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA MAURO MASSARI IDEA Comunicato Stampa Idea personale di pittura di Mauro Massari, Castello San Giorgio Orzinuovi, Brescia 10 gennaio 2016 Il giorno 10 gennaio 2016, si inaugura alle ore 10,30 la mostra

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

La ricchezza immateriale. Giornata della proprietà intellettuale. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La ricchezza immateriale Giornata della proprietà intellettuale Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro On. Prof. Antonio Marzano CNEL Roma, 29 aprile 2011 1. La Ricchezza

Dettagli

l intervista Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione m m

l intervista Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione m m Mario GERMANI, una Vita per la Manutenzione Mario Donato Germani, titolare della ditta di manutenzione, GERMAR srl, compie 70 anni di vita e 50 di attività. Lo abbiamo incontrato ed intervistato perché

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010

Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Movimento naturale della popolazione 2010 Saldo naturale negativo, matrimoni e divorzi in aumento Nel si registra un aumento delle nascite (+21, per un totale di 2.953) e dei decessi (+110, per un totale di 2.971). Il saldo naturale, ossia la

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE

RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE RECORD DI MIGRAZIONI FORZATE Il 2015 potrebbe essere un anno record per le migrazioni forzate in tutto il mondo Secondo l'ultimo rapporto "Global Trends" dell'unhcr sono quasi 60 milioni le persone costrette

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009)

Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009) Indagine Mercato Immobiliare (Maggio 2009) SINTESI Premessa L indagine che segue è stata realizzata per la Sezione Immobiliare che comprende anche le Agenzie Immobiliari senesi aderenti a Confindustria

Dettagli

A002264 FONDAZIONE INSIEME

A002264 FONDAZIONE INSIEME A002264, 1 A002264 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da ILSOLE24ORE, del 17/1/2012, pag 9 di Carmelo Padalino, giornalista. (perché correlati a questo argomento generale,

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO PREMESSA Il mercato del credito sta dando segnali di ripartenza. Le prime avvisaglie di miglioramento si erano viste già dalla

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2016 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

VIA GARIBALDI INGRESSO

VIA GARIBALDI INGRESSO VIA GARIBALDI INGRESSO IL PERCORSO DI VISITA Il museo storico della Società Reale Mutua di Assicurazioni è frutto di una selezione del materiale documentale più rappresentativo custodito nell archivio

Dettagli

LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale

LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale Comune di Ponte Lambro LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale CHI E Leopoldo Metlicovitz (Trieste 1868 / Ponte Lambro - Como 1944) Pittore, cartellonista, illustratore

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Il giubileo dell impresa di costruzione C. Capelli SA «Signor Capelli, non è meglio che torni a fare l operaio?»

Il giubileo dell impresa di costruzione C. Capelli SA «Signor Capelli, non è meglio che torni a fare l operaio?» A L M A N A C C O D E L G I 2 0 0 9 156 LUIGI MENGHINI Il giubileo dell impresa di costruzione C. Capelli SA «Signor Capelli, non è meglio che torni a fare l operaio?» Nel 2008 si festeggia il giubileo

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

55820/2014 ----------------

55820/2014 ---------------- 55820/2014 Data: 06 settembre 2014 Dove arriva la Bibbia? di Ilvo Diamanti 06 settembre 2014 Dalla ricerca «Gli italiani e la Bibbia» che viene presentata stasera al Festival letteratura di Mantova un

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro)

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Costanza Marzotto Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università

Dettagli

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI HOTEL RISTORANTI SALE RICEVIMENTO BANCHE - UFFICI CENTRI CONGRESSUALI BAR - NEGOZI MADE IN LONGIANO Borgo storico dall aspetto tipicamente

Dettagli

At e l i e r Gia c o m o Ar e n a: *Ringrazio gli amici Gregorio Rubino e Alfredo Buccaro per aver fattivamente corrisposto alle mie richieste di

At e l i e r Gia c o m o Ar e n a: *Ringrazio gli amici Gregorio Rubino e Alfredo Buccaro per aver fattivamente corrisposto alle mie richieste di At e l i e r Gia c o m o Ar e n a: documenti dell urbanizzazione delle colline napoletane* *Ringrazio gli amici Gregorio Rubino e Alfredo Buccaro per aver fattivamente corrisposto alle mie richieste di

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

ZEDAPA Una storia padovana

ZEDAPA Una storia padovana ZEDAPA Una storia padovana La Zedapa inizia la sua attività nel 1896 Con questo marchio Fondatori Il cavalier Enrico Zuckerman commerciante (1866 1923) proprietario dell omonimo palazzo di corso del Popolo,

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO

TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO TEMA 1: ANALISI DI BILANCIO E SEGMENTAZIONE DEL CONTO ECONOMICO A FINI GESTIONALI CON L AUSILIO DI UN CASO Quesiti: 1. Descrivete i principali schemi di riclassificazione di bilancio utilizzabili a fini

Dettagli

La vita quotidiana durante la guerra

La vita quotidiana durante la guerra La vita quotidiana durante la guerra 1936: il discorso di Giuseppe Motta Ascoltiamo il discorso pronunciato da Giuseppe Motta, allora Consigliere federale, e quindi leggiamo il testo qui sotto riportato

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Offerta didattica per alunni/e delle scuole primarie e studenti/esse delle scuole secondarie

Offerta didattica per alunni/e delle scuole primarie e studenti/esse delle scuole secondarie useo Mercantile 2014/15 Offerta didattica per alunni/e delle scuole primarie e studenti/esse delle scuole secondarie Elisabetta Carnielli, tel. 0471 945530 e-mail: elisabetta.carnielli@camcom.bz.it http://www.camcom.bz.it/it-it/altriservizi/museo_mercantile.html

Dettagli