DAL RITRATTO DA VISITA ALLA FOTOGRAFIA ALPINA: I FOTOGRAFI MARCH A BRESSANONE. Hans Heiss

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DAL RITRATTO DA VISITA ALLA FOTOGRAFIA ALPINA: I FOTOGRAFI MARCH A BRESSANONE. Hans Heiss"

Transcript

1 DAL RITRATTO DA VISITA ALLA FOTOGRAFIA ALPINA: I FOTOGRAFI MARCH A BRESSANONE Hans Heiss Poco prima del 1870 la residenza vescovile di Bressanone non era più una cittadina addormentata, ma una località che da alcuni anni aveva definitivamente abbandonato il suo aspetto medievale, rimasto per secoli pressoché inalterato. La popolazione che per lungo tempo si era stabilizzata sui 2500 abitanti; dal 1851 ne contava quasi Importanti edifici nuovi avevano contribuito a trasformare l immagine della città, che in precedenza era limitata al centro storico con le sue mura e a pochi quartieri periferici. Ad occidente la ferrovia del Brennero, inaugurata nel 1867, attraversava da nord a sud la conca brissinese. La sua costruzione aveva messo in agitazione la cittadina: a partire dal 1863 migliaia di operai spianarono colline, fecero saltare rocce ed innalzarono il terrapieno della ferrovia. Maestranze ed operai, in prevalenza di lingua italiana, rappresentarono incontri nuovi per la cittadinanza che con questa presenza per la prima volta conobbe la forza dirompente della questione sociale. 1 A nord nel 1873 sorse il seminario minore Vincentinum che nella sua severità neoclassica costituì una specie di roccaforte difensiva. Rispetto alla ferrovia il seminario era una decisa espressione di atteggiamenti conservativi, con l intento di formare degli allievi ligi ai dettami della fede. Anche la società cittadina iniziò ad evolversi: la Costituzione austriaca del 1867 aveva favorito la nascita di associazioni, per cui anche a Bressanone si andò formando una vivace attività associativa. Il Männergesangverein (il Coro Maschile), attivo dal 1862, l Associazione delle Casse di risparmio e delle Scuole elementari, oppure l Associazione agricola distrettuale, miravano al rinnovamento e al progresso dell economia e della formazione locali, e a stimolare una nuova vita culturale. Progresso : nella cultura, nella formazione ed in economia questa era la parola chiave che, a partire dal 1870, comportò anche in Tirolo un sostanziale rinnovamento in molti settori. Il principe-vescovo Vinzenz Gasser ( ) e il suo clero osservavano invece con molta preoccupazione le nuove tendenze dell epoca che minacciavano di sconvolgere l affermato carattere conservativo del Tirolo. Nel 1870, durante il primo concilio Vaticano a Roma, il vescovo in persona aveva lottato contro lo spirito dei tempi nuovi ed aveva violentemente protestato contro l occupazione dello Stato della Chiesa da parte del Regno d Italia. Pio IX elogiò personalmente il vescovo Gasser definendolo Colonna del Concilio. Per breve tempo si ventilò persino l opportunità che Bressanone divenisse il sicuro rifugio del Papa in esilio per far fronte alle minacce dello Stato nazionale, del liberalismo e del laicismo. Da Montagna a Bressanone Josef March senior In questi anni di profonda trasformazione, attorno al 1875 Josef March si trasferì da Montagna, suo paese d origine nella Bassa Atesina sudtirolese, a Bressanone. March aveva avuto la netta sensazione che la città in evoluzione avrebbe offerto nuove opportunità professionali per un fotografo. In altre città del Tirolo già da tempo operavano dei professionisti della fotografia: Josef Gugler a Bolzano, Giovanni Battista Unterveger a Trento o Carl Alexander Czichna ad Innsbruck. Perfino nella piccola Brunico dal 1859 operava un fotografo di professione: Alois Kofler. 2 Fino ad allora l attività di fotografo a Bressanone invece era stata secondaria, ad esempio, per il libraio Caspar Eder o, per breve tempo, per Hans Schullerbauer. Josef March puntò decisamente fin 1 Cfr. Hans Heiss, Il lungo secolo XIX: , in: Barbara Fuchs / Hans Heiss / Carlo Milesi / Gustav Pfeifer (a cura di), Bressanone La storia, Bolzano 2004, p Cfr. Gunther Waibl, Photographie und Geschichte. Sozialgeschichte der Photographie in Südtirol Tesi di dottorato in filosofia inedita, Vienna 1985, p

2 dall inizio sulle proprie capacità professionali e sulle buone opportunità di mercato anche a Bressanone. Ed ebbe ragione. Purtroppo, al di là del lascito fotografico, manca un archivio consistente in merito alla famiglia o al negozio dei fotografi March. Comunque, sulla scorta di tradizioni frammentarie è possibile abbozzare una prima panoramica quale anticipo di una più esauriente biografia della famiglia, la cui tradizione viene portata avanti con cura da Margit Strasser, una pronipote del primo March. Josef March, nato nel 1846, proveniva da una famiglia già dedita alla fotografia. 3 Uno dei suoi parenti, Francesco March di Cavalese, era diventato un cronista per immagini della valle di Fiemme, come segnala il necrologio del 1921:... ritrasse con gusto d arte e tecnica perfetta le sembianze degli uomini e la beltà multiforme della grande natura di Fiera e di Fassa. Trasferitosi a Bressanone, Josef March sfruttò la nicchia di mercato della città vescovile in trasformazione, tanto più che poteva contare sulla disponibilità economica di sua moglie. Infatti Barbara Rainer, nata nel 1854, proveniva da una famiglia benestante, per cui fu possibile superare la iniziale scarsità di introiti. Il 15 giugno 1881, pochi anni dopo il trasferimento a Bressanone, la giovane coppia acquistò una casa all imbocco dell attuale via S. Croce, di fronte alla porta occidentale del centro storico. 4 Poiché allora le vie e le piazze di Bressanone non avevano alcun nome, Casa March recava semplicemente il numero civico 130. All esterno l edificio è rimasto pressoché inalterato, anche se risulta lievemente nascosto da negozi antistanti, come l atelier March, tuttora proprietà della famiglia. Il giovane fotografo di Montagna si procacciò i primi introiti soprattutto con foto da visita che allora in Tirolo erano in gran voga. 5 Le fotografie in formato ridotto a 6,2 x 10,2 cm erano accessibili anche ad acquirenti con poche disponibilità finanziare ed erano utilizzate come doni d amicizia e soprattutto come ricordi di eventi particolari. Fissavano coppie o gruppi di persone con realistica nitidezza e ai fotografi tecnicamente versati offrivano buone opportunità di mettersi in vista. Nel caso in cui la posa e l espressione fossero ben riuscite e le persone ritratte si dichiarassero soddisfatte, la vantaggiosa pubblicità del passaparola procurava ben presto dei nuovi clienti. Il successo delle fotografie da visita era insito nel loro ruolo di ritratti del piccolo uomo ; intanto le immagini andavano estendendosi a nuovi soggetti, quali il paesaggio e i costumi. Nella cittadina in rapida evoluzione anche per gli appartenenti ai ceti medi ed inferiori non mancavano le occasioni per farsi ritrarre in questo formato ridotto. Tanti eventi più o meno importanti, come nozze, servizio militare o fatti memorabili si prestavano ad esser fissati efficacemente in questa maniera. Con i negativi su lastre di vetro conservati nell atelier si potevano produrre delle copie a buon prezzo. Anche il formato più grande dei ritratti scattati in studio (11 x 17 cm) fruì di un crescente gradimento, per cui in pochi anni il fotografo poteva crearsi una sistemazione dignitosa. L intraprendente March si fece una buona clientela fra la borghesia e ben presto divenne il ritrattista di singoli notabili. Agli inizi del 1881 l immigrato chiese al magistrato brissinese la concessione edilizia per un Atelier fotografico 6 che sostituisse il precedente studio provvisorio. L approvazione, sulla base di un progetto non più conservato, venne rilasciata senza alcun problema. Il vicino di casa, il noto costruttore edile Josef Unterpertinger, detto bonariamente Kienerseppl, 7 non fece alcuna obiezione, anche perché era stato incaricato dei lavori. La costruzione fu rapida: Fine dei lavori a fine maggio 1881, annotò Wilhelm Seider, assessore competente del magistrato. Nel 1886 il March 3 Indicazione in base alle memorie mortuarie in possesso della famiglia. 4 Archivio Provinciale di Bolzano, Libri d archiviazione, Bressanone 1881/II (649), fol ; cfr. Ignaz Mader / Anselm Sparber, Brixner Häusergeschichte (Schlern-Schriften, 224), Innsbruck, p Cfr. Waibl, Photographie und Geschichte, parte II, p. 20 e seg. 6 Archivio Storico di Bressanone, Magistratsakten 1881/82/83, Photographisches Atelier des H. March in Brixen, senza segnatura. 7 Cfr. Mader / Sparber, Häusergeschichte, p. 229, 233.

3 ottenne l installazione di una fontana con acqua corrente; 8 pochi mesi dopo, il 26 marzo 1887, fu approvato anche l allestimento di un piccolo locale per preparati chimici. 9 Ritrattista della città Dieci anno dopo la sua sistemazione a Bressanone il March ampliò anche l offerta dei propri motivi fotografici. Accanto ai ritratti di persone la sua attenzione si focalizzò sulla ripresa del paesaggio brissinese. Diversi motivi deponevano a favore di un più vasto ambito operativo. Lo spunto fu la catastrofica inondazione del 1882, che per singoli fotografi tirolesi rappresentò una insperata congiuntura favorevole. La piena del settembre 1882 devastò numerose località lungo l Adige, l Isarco, la Rienza e la Drava. Le immagini di località e case distrutte, di strade e tratte ferroviarie messe a soqquadro e, ben presto, le foto della ricostruzione trovarono uno smercio stimolante. L inondazione costituì uno dei primi avvenimenti che in Tirolo furono sistematicamente fissati in fotografie. Perciò il disastro del 1882 favorì i fotografi di paesaggi e di eventi. A Bressanone, dove i danni della piena furono sì ingenti, ma non massicci come a Brunico o nel Trentino, il March dovette suo malgrado constatare che un concorrente di Bolzano aveva reagito con maggior tempestività. Le foto dell alluvione scattate da Josef Gugler entrarono in rapida circolazione; al brissinese invece era sfuggito l attimo propizio per un affare lucrativo. Per non perdere altre simili occasioni di mercato, negli anni successivi il March si dedicò con maggior impegno alla fotografia di paesaggi. L aspetto di una Bressanone in lenta trasformazione gli offriva abbondanti stimoli, soprattutto l avviata serie di nuove costruzioni. Committenti orgogliosi amavano far immortalare la propria casa nuova, soprattutto se si trattava di esercizi alberghieri. Con la fondazione della Casa di cura Guggenberg (1890) il March poté ritrarre un esempio rappresentativo della favorevole congiuntura edilizia. Di ottima qualità sono le foto panoramiche di Bressanone, in cui mastro March dimostrò una tecnica convincente per la scelta accurata della visuale e la perfetta nitidezza delle immagini. Le foto scattate da Kranebitt (Costa d Elvas) verso sud-ovest immediatamente dopo la prima fase della regolamentazione dell Isarco nell estate 1884 sono degli autentici capolavori topografici. 10 L ambito del duomo è collocato esattamente al centro dell immagine; attorno sono raggruppati da est ad ovest, in un ampia striscia di caseggiati, singoli edifici importanti della città vescovile. Con la stessa importanza dei palazzi storici è l Isarco a dominare la scena: vicino alla città con l avvenuta regolazione della confluenza e il Ponte Widmann; a meridione con gli ampi meandri che verso Albes si perdono nel paesaggio collinare. L immagine dell antica città e i segnali dell evoluzione in atto si connettono come un arco di tensione in sottofondo. Il tracciato della ferrovia e la stazione al margine destro della foto accentuano l atmosfera del passaggio dall epoca antica a quella nuova. In modo analogo il March ritrasse la città verso nord-ovest comprendendo così nella sua visuale l altro lato della diagonale. Certamente le due fotografie servirono anzitutto a scopo pubblicitario e il March le espose in formato gigante nella propria vetrina. Chiaro il messaggio: nessun concorrente era in grado di abbracciare con pari perfezione la città di Bressanone sia nel suo complesso che nei suoi dettagli. La grande dimensione delle fotografie era un simbolo della presa di possesso e del diritto esclusivo sul soggetto città. Oltre a queste riprese totali di Bressanone il March zoomava per accostarsi ai singoli dettagli del centro storico. Classica è la sua ripresa del duomo e della parrocchiale verso sud proponendo come 8 Archivio Storico di Bressanone, Magistratsakten 1886, fasc. 2/314 9 Archivio Storico di Bressanone, Magistratsakten 1887, fasc. 2/ Cfr. Banca Popolare di Bressanone (a cura di), Immagini del passato di Bressanone, Ideazione e testi di Hartmuth Staffler, Bressanone 1989, pagine non numerate. Purtroppo il curatore Staffler non indica alcun riferimento fotografico rinunciando così all attribuzione delle foto ai singoli fotografi, che si possono individuare soltanto tramite confronti con esemplati firmati.

4 sfondo l Isarco non ancora regolato a nord di Ponte Aquila. Il tratto fluviale, con la roggia sulla riva orientale ed un grande giardino alberato sulla sponda occidentale, rende tangibile la capacità del March di cogliere la combinazione di natura ed architettura nel perimetro urbano. La monumentalità degli edifici sacri è interrotta dai tratti di sponde, mentre acqua e vegetazione arborea sembrano minacciare la cittadina. L arte di una felice scenografia e di un accurata disposizione caratterizzava il vecchio March. Un arte che, rilevata dal suo erede, venne ulteriormente perfezionata. Josef March junior un carattere estroso Josef March junior, il figlio maggiore nato l 8 luglio 1879, fece della fotografia di montagna un settore economico di grande successo e di alto valore artistico. Sul primogenito il padre aveva riposto delle particolari speranze; coltivava l ambizione che l atelier ormai affermato si tramandasse alle generazioni future. Di certo il figlio non deluse le aspettative del padre, ma si prese una lunga pausa di rodaggio prima di rilevarne progressivamente l attività. Terminato il periodo scolastico e di apprendistato nell azienda di famiglia, il giovane Josef si recò per un certo tempo in Germania e poi girò in lungo e in largo per l America meridionale. Sono anni che spiccavano vistosamente nel compassato ambito brissinese e testimoniano la ricerca di quel profilo professionale grazie al quale Josef junior aspirava a differenziarsi dalla linea e dai dettami del padre. Il ritorno a casa nell estate del 1906 non fu facile per il 27enne Pepi - così lo chiamavano in famiglia. Da Genova giunse ai genitori la richiesta che il fratello Emil lo andasse a prendere, perché lui affetto da una crisi psichica non se la sentiva di viaggiare da solo. 11 E anche possibile che il giovane Pepi, guardando con malinconia i ritratti fotografici, cullasse l anelito a mete più elevate e che confrontasse la sua carriera professionale già prefigurata con la libertà dei fratelli minori. Ludwig ( ) 12, Emil ( ) 13 ed Arthur ( ) 14 erano dotati di grande talento e, terminate le scuole superiori, conseguirono brillanti risultati all università in materie tecniche e scienze naturali oppure in ambito filosofico-letterario. Però i percorsi formativi dei giovani dimostrano anche come la famiglia March fruiva di buone entrate, al punto d essere in grado di finanziare senza problemi i costosi studi dei figli. L esperienza acquisita nei viaggi formò la tecnica di Josef March junior, come pure il suo sguardo pittorico interessato alle forme del paesaggio, che emerge in modo particolare nelle sue grandi riprese di montagne. Il March era uno scalatore entusiasta che ben presto si era trovato a proprio agio nell ambiente alpinistico brissinese. Nella città vescovile già nel 1875 alcuni amici della montagna avevano fondato una sezione dell Alpenverein austro-tedesco che, dopo un inizio in tono minore e fra la diffidenza dei circoli conservativi, si era stabilizzata nel In seguito al grande impegno profuso dall Alpenverein durante la catastrofica inondazione del 1882, crebbe l accettazione sinora scarsa ed anche a Bressanone, con l apertura del Rifugio Plose nel 1887, la sezione presieduta da Ignaz Peer conseguì notevoli successi. Nel 1907 i soci erano ormai 121; dal 1900 c era anche il 21enne Josef March junior. 16 Nell associazione il March si sentiva a proprio agio; l ambito alpino inoltre gli offriva nuovi soggetti fotografici ed anche buoni contatti d affari. Il che fu di notevole importanza, perché nel frattempo a Bressanone, in via Ponte Aquila nelle vicinanze del centro storico, si era piazzato un forte concorrente. 11 Lettera di Josef March ai genitori, Genova , Archivio storico di Bressanone, Magistratsakten 1906, 18/2109, sub Magistratsakten 1914, 18/ Josef Weingartner, Die Anfänge des Schlern, in: Der Schlern 20 (1946), p. 1-4, qui p Friedrich Tessmann, Ing. Emil March zum Gedenken, in: Der Schlern 30 (1956), p Neue Deutsche Biographie, vol. 16, Berlino 1990, p. 112 e seg. 15 Deutscher und Österreichischer Alpenverein, Sektion Brixen (a cura di), Geschichte des Sektionsbestandes , Brixen a. E Cfr. ibidem, p. 47, 51.

5 Rudolf Largajolli, rampollo di una famiglia di fotografi, divenne il ritrattista emergente nell era del grande borgomastro Otto von Guggenberg ( ); veniva richiesto come fotografo in occasioni ufficiali, 17 tanto più che dal punto di vista politico era vicino al partito dei cristianosociali, allora al governo della città. Dopo il 1900 comunque Bressanone, in forte espansione economica e turistica, offriva opportunità di lavoro anche a due atelier, per cui fu possibile concretizzare una coesistenza pacifica. Lo dimostra il fatto che durante le celebrazioni del millennio brissinese le innumerevoli serie di fotografie scattate risultarono equamente distribuite fra il March ed il Largajolli. In quel periodo anche Josef March senior, dopo un quarto di secolo di presenza a Bressanone, divenne definitivamente cittadino brissinese: il 12 marzo 1901 chiese di essere accolto come residente di Bressanone. Ottenuto il consenso dall autorità comunale brissinese il 7 ottobre 1901, rinunciò al diritto di cittadinanza nel proprio paese natio di Montagna. 18 Così, poche settimane prima dei grandi festeggiamenti per i 1000 anni di Bressanone (26-27 ottobre 1901), il March si era fatto un personale regalo giubilare inserendosi a pieno titolo nella storia della città vescovile. Fra il 1900 ed il 1910 intraprese anche una breve carriera politica entrando a far parte della giunta cittadina e rivestendo l incarico di consigliere del magistrato e di presidente della commissione edilizia. 19 Miniature alpine Quando Josef senior si trovò avanti negli anni il figlio gli diede una valida mano nel disbrigo degli affari. Rilevò, infatti, essenziali settori dell attività quotidiana, la integrò con un commercio di cartoline postali e nella fotografia alpina coniugò in modo eccellente passione personale ed esperienza professionale. Quando nell estate inoltrata del 1914 scoppiò la Prima Guerra Mondiale, il 35enne March non venne subito chiamato alle armi. La situazione cambiò invece con l entrata in guerra dell Italia il 23 maggio Fu arruolato fra gli Standschützen ed impiegato come fotografo sul fronte d alta montagna. Il March affrontò con bravura la sfida patriottica e professionale e più volte venne insignito di onorificenze al merito per il suo coraggioso comportamento. Le sue riprese fotografiche alpine, che sono conservate in negativo su lastre giganti, risalgono in buona parte all epoca precedente al primo conflitto mondiale. Allora Pepi March disponeva ancora di parecchio tempo libero, perché il padre conduceva l esercizio ed il figlio poteva dedicarsi ad impegnative escursioni fotografiche. Le riprese esposte nella mostra documentano il suo tentativo di combinare in armoniosa simbiosi le classiche fotografie paesaggistiche con la fotografia alpina. Poiché il March nelle sue escursioni usava una camera fissa trasportabile ma relativamente pesante, doveva scegliere una posizione adatta per piazzare il treppiede e non era in grado di eseguire scatti dalla prospettiva di chi era impegnato nella scalata. Da falde detritiche o da superfici pianeggiati lui riprendeva i suoi compagni di scalata quando venivano a trovarsi in azioni possibilmente spettacolari in parete, in fessure o in altri passaggi difficoltosi. La predominante prospettiva dal basso sugli scalatori dimostra le difficoltà tecniche della scalata e comporta una prospettiva costantemente primaria della montagna. I suoi scalatori il March li ritrae soprattutto mentre affrontano fessure, camini e settori difficili del percorso; sono poche le foto di vetta rimaste. Senza dubbio il March si ispirava a noti fotografi di montagna come Hanns Barth, le cui riprese del Gruppo del Sella, pubblicate soprattutto nella rivista dell Alpenverein, rappresentarono un esemplare orientamento stilistico. Il March inoltre badava che il luogo delle scalate rimanesse riconoscibile e sceglieva come sfondo adeguato le Cime del Cir, le Torri del Vajolet, il Sella o il Sassolungo. La roccia in filigrana delle 17 Cfr. Waibl, Photographie und Geschichte, parte II, p. 38 e seg. 18 Archivio storico di Bressanone, Magistratsakten 1901, fasc. Domizil 581/ Lettera di ringraziamento del borgomastro Otto von Guggenberg a Josef March, , Archivio storico di Bressanone, Magistratsakten 1910, 1/1380.

6 Dolomiti offriva anche sfondi e retroscena molto pittoreschi alle riprese fotografiche; e qui il March non lesinava sulla ricerca di effetti forti come, ad esempio, una ripresa controluce nella gola del Fermeda. Benché nella fotografia di montagna attorno al 1910 gli apparecchi fotografici a bobina fossero già diffusi, il March prediligeva le complicate lastre di vetro. 20 Le lastre ortocromatiche permettevano un miglior controllo della delicata luminosità in alta montagna e la rinuncia ai filtri. Inoltre, grazie ad accurata elaborazione nella camera oscura, esse favorivano la migliore riproduzione possibile. In questo senso concordava con il fotografo ed alpinista vivente in Val Gardena Emil Terschak ( ); questi scrisse un incisivo manuale in merito e, come Pepi March, aveva poca dimestichezza ed interesse per pellicole a bobina. 21 Dopo la guerra, ormai ultraquarantenne, il March continuò a lavorare nell atelier del padre che morì il 3 novembre Durante la crisi economica mondiale gli affari erano in ribasso e il March rimasto celibe dovette occuparsi da solo del negozio. Dato che anche la madre era deceduta il 22 gennaio 1929, attorno al March si andò diffondendo un atmosfera di solitudine. Inoltre, con Matthäus Planinschek a Bressanone era emerso un concorrente dinamico, che operava con crescente successo. All epoca delle opzioni e durante la seconda guerra mondiale ( ) il fotografo, che in quanto Dableiber aveva scelto di restare in patria, non ebbe vita facile. Si boicottava il negozio del March 22 che, contrario alle opzioni, si ritirò nella emigrazione interna. Suo fratello Arthur, docente di fisica all università di Innsbruck, ebbe un ruolo notevole nella resistenza tirolese. Dopo la guerra il dotato Josef junior gestì l atelier fotografico fino alla morte improvvisa i 1 ottobre Essendo rimasto celibe, la continuità familiare venne portata avanti dalla sorella Maria, che aveva sposato l albergatore Franz Strasser. L atelier fu rilevato da suo figlio Fritz Strasser, nipote di Josef, che curò con amore, fino alla propria morte nel 1986, la tradizione familiare e il patrimonio fotografico. Nei 125 anni di tradizione dell atelier Foto-March il secondo Josef ebbe un ruolo particolare. Benché le foto di montagna rappresentino una piccola parte della sua vasta produzione, in esse si riscontra netta la tensione fra impegno professionale e spiccata individualità. In montagna Josef March ritrovava se stesso e lì avveniva il connubio fra passione privata ed attività professionale; natura e provocazione, solitudine e cameratismo alpino si traducevano in icone fotografiche all insegna dell armonia e di una vita ben riuscita. 20 Cfr. Gustav Kuhfahl, Die Photographie in den Alpen, in: Zeitschrift des Deutschen und Österreichischen Alpenvereins, 41 (1910), p Emil Terschak, Die Photographie im Hochgebirge, Praktische Winke in Wort und Bild, Vienna Cfr. Hubert Mock, Transizioni. Bressanone , in: Fuchs / Heiss / Milesi / Pfeifer (a cura di), Bressanone La Storia, Bolzano 2004, p , qui p. 265.

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950

Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 Personale in pellegrinaggio a Roma per l Anno Santo, 1950 «VITA NOSTRA» Il periodico «Vita Nostra» venne istituito, con delibera del Consiglio di amministrazione, per celebrare il 60 anniversario della

Dettagli

Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini

Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini Iconografia dell Alto Adige Guida di stile per fotografie e immagini Sommario Introduzione Fotografia immagine p. 2» Colore e tonalità p. 3» Luce p. 4» Prospettiva e taglio p. 5» Profondità di campo p.

Dettagli

GIANNI BERENGO GARDIN Un fotografo che denuncia la discriminazione e l emarginazione sociale

GIANNI BERENGO GARDIN Un fotografo che denuncia la discriminazione e l emarginazione sociale Visita alla mostra fotografica GIANNI BERENGO GARDIN Un fotografo che denuncia la discriminazione e l emarginazione sociale Un opportunità di riflessione in occasione della Giornata della Memoria : Martedì

Dettagli

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA

Comunicato Stampa. Ulisse (Ultimo recapito conosciuto) olio su tela, 2015. Cornici Pinelli. RegioneLombardia. ittà di RZINUOVI PROVINCIA DI BRESCIA MAURO MASSARI IDEA Comunicato Stampa Idea personale di pittura di Mauro Massari, Castello San Giorgio Orzinuovi, Brescia 10 gennaio 2016 Il giorno 10 gennaio 2016, si inaugura alle ore 10,30 la mostra

Dettagli

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi Ci sono date nella nostra vita che difficilmente ci scorderemo, la mia è quella dell 11 settembre 2011. Tanti presupposti di questa esperienza

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Una storia di famiglia

Una storia di famiglia MINI SERVICE Una storia di famiglia Celestino Ebe Alla vigilia della seconda guerra mondiale fu coraggiosamente inaugurata, in via Concordia a Lugano/Cassarate, una delle prime aziende operanti nel settore

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore.

Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore. Ricerca empirica: Il lavoro dell'imprenditore. 1.Nome e Cognome: Francesca Chiaveri Il settore primario: 2.Ragione sociale dell azienda: Per procurarsi un lavoro e costruire un futuro. 3.Sede dell azienda:

Dettagli

BANDO DI PARTECIPAZIONE

BANDO DI PARTECIPAZIONE XIV EDIZIONE - 2014 BANDO DI PARTECIPAZIONE Art. 1 - SOGGETTO BANDITORE La Provincia di Treviso, il Comune di Oderzo, l Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori Provincia di Treviso e la

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

NUOVI SCAFFALI IN BIBLIOTECA

NUOVI SCAFFALI IN BIBLIOTECA NUOVI SCAFFALI IN BIBLIOTECA Sono arrivati in Biblioteca quindici armadi, grandi e piccoli, nei quali potrà essere sistemata in modo razionale, la grande quantità di riviste ed annuari, sia antichi che

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona La sicurezza viene dal cielo www.meteomontebaldo.it L Osservatorio meteorologico Rifugio Fiori del Baldo é situato a 1850

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli

Diventare padri in Italia

Diventare padri in Italia 20 ottobre 2005 Diventare padri in Italia Fecondità e figli secondo un approccio di genere L ampia letteratura scientifica su fecondità e figli è quasi esclusivamente basata su dati riferiti alla sola

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

ZEDAPA Una storia padovana

ZEDAPA Una storia padovana ZEDAPA Una storia padovana La Zedapa inizia la sua attività nel 1896 Con questo marchio Fondatori Il cavalier Enrico Zuckerman commerciante (1866 1923) proprietario dell omonimo palazzo di corso del Popolo,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL RING DI VIENNA L'azione urbanistica più nota della Vienna del XIX secolo èla realizzazione del RING (1859.1872), nella quale si esprimono gli elementi

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle

DONNE E SCIENZA. Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle DONNE E SCIENZA Breve excursus storico A cura di Marisa Salabelle NEL CORSO DELLA STORIA il cammino delle donne ha avuto difficoltà a incontrarsi con quello della scienza specialmente per quanto riguarda

Dettagli

ARCH CHRISTIAN SCHWIENBACHER

ARCH CHRISTIAN SCHWIENBACHER VIA FALLMERAYER 15 39042 BRESSANONE TELEFONO 0472 679113 FAX 0472 670255 EMAIL:OFFICE@CHRISTIANSCHWIENBACHER.IT WWW.CHRISTIANSCHWIENBACHER.IT ARCH CHRISTIAN SCHWIENBACHER DATI PERSONALI Nazionalitá: Italiana

Dettagli

LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale

LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale Comune di Ponte Lambro LEOPOLDO METLICOVITZ Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale CHI E Leopoldo Metlicovitz (Trieste 1868 / Ponte Lambro - Como 1944) Pittore, cartellonista, illustratore

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

BOLOGNA. Forma Urbis

BOLOGNA. Forma Urbis BOLOGNA Forma Urbis 4 la casa e il portico 4 Portico ligneo e portico in muratura Dopo il Mille, la ripresa economica della città comporta una crescente domanda di abitazioni All interno delle mura di

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

Tutti loro, ognuno a modo suo,

Tutti loro, ognuno a modo suo, Arte Gulrena KAJAR VIVERE PER L ARTE UN VERO ARTISTA E SEMPRE AVANTI RISPETTO ALLA SUA EPOCA. COME SCRISSE KAFKA, QUALCHE VOLTA LA CREATIVITA E IN ANTICIPO COME IL MECCANISMO DI UN OROLOGIO. DOPO TUTTO,

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

ZAMEK (CHATEAU) DI HLUBOKÀ NAD VLTAVOU

ZAMEK (CHATEAU) DI HLUBOKÀ NAD VLTAVOU ZAMEK (CHATEAU) DI HLUBOKÀ NAD VLTAVOU Chateau di Hlubokà Nad Vltavou nel XXI secolo Lo chateau di Hlubokà venne fatto costruire come castello gotico con finalità di difesa a metà del XXIII secolo ed essendo

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Stazione di Santa Maria Novella

Stazione di Santa Maria Novella CONCORSO CONOSCERE LA PROPRIA CULTURA ITINERARIO NELLA FIRENZE DELLA GUERRA Stazione di Santa Maria Novella Il progetto per il potenziamento della stazione di Santa Maria Novella ricevette l approvazione

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria "Chi affronta il Volontariato cristiano internazionale deve essere munito di una specifica competenza professionale e tecnica, e deve soprattutto

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Regione CAMPANIA - Note storiche

Regione CAMPANIA - Note storiche Regione CAMPANIA - Note storiche Terremoto dell Alta Irpinia del 1930 (Centro di Documentazione - Servizio Sismico Nazionale) ALCUNI DEI TERREMOTI PIU' DISTRUTTIVI NELL'ULTIMO MILLENNIO Data Intensità

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

Simbolismi Storici dell Architettura

Simbolismi Storici dell Architettura Simbolismi Storici dell Architettura Mariachiara Mongelli Facoltà di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura IL MUSEO RUBBOLI A GUALDO TADINO Lo scorso 15 gennaio è stato inaugurato a Gualdo Tadino il Museo Rubboli. Allestito negli antichi locali ottocenteschi dell opificio, ospita un importante collezione di

Dettagli

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese

Maggio 2010. Le donne al vertice delle imprese Maggio 2010 Le donne al vertice delle imprese Sintesi L indagine, che analizza il ruolo delle donne nei consigli d amministrazione delle società di capitale di maggiore dimensione (le circa 30 mila società

Dettagli

LA PRIMA TESTIMONIANZA

LA PRIMA TESTIMONIANZA LA PRIMA TESTIMONIANZA Nonostante che le frequenti emigrazioni ci abbiano impedito di collegare e unire in maniera omogenea i vari nuclei familiari, si può affermare che i Papei vissuti fra la fine del

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare

chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare chiesa di S. MARIA degli ANGELI in Vallemare NOTA STORICA Secondo il vescovo di Rieti Marini (sec. XVIII) già nel medioevo doveva esistere nella zona di Vallemare una cappella dedicata a S. Martino. Questo

Dettagli

Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano

Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano Intreccio tra il Forum di Agenda 21 locale ed un esperienza sul territorio genovese Contesto geografico e socio-economico della IV Circoscrizione Valbisagno

Dettagli

Foto(romanzo) di 100 anni fa...

Foto(romanzo) di 100 anni fa... Beppe Bolchi - Paola Guerriero Foto(romanzo) di 100 anni fa......la storia di una famiglia e della costruzione di una linea ferroviaria, tra fine 800 e inizi 900, in Piemonte fra le province di Torino

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume

Il volume. Il volume. Come e quando si diventa padri. Il volume Convegno su La paternità in Italia Roma, ottobre 5 - ISTAT Come e quando si diventa padri Alessandro Rosina Istituto di studi su popolazione e territorio Università Cattolica Milano alessandro.rosina rosina@unicatt.itit

Dettagli

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi)

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Archivio del sito http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore Fausto Arconi (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Il nostro collaboratore Paolo Piccardo era da lungo tempo alla ricerca

Dettagli

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO *** Su concessione dell Archivio storico del Comune di Cortina d Ampezzo 1915 2015 CENTENARIO GRANDE

Dettagli

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano Coordinamento Pari Opportunità e Politiche di Genere Bolzano Landeskomitee für Chanchengleichheit Bozen Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano L Alto Adige

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza Università della Terza Età UNITRE UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ Anno accademico 2011-2012 - Lezione di martedì 8 novembre 2011 Bruno Ciapponi Landi Vicepresidente della Società Storica Valtellinese Tirano e

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO? MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO? MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO?

MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO? MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO? MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO? oppure MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO? MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO? MATRIMONIO STILE REPORTAGE/RITRATTO? UN PO' DI STORIA... Se domandate a qualche wedding planner quando nasce la tradizione

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped.

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. Docente: prof.ssa Rita Paolicelli Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò il cielo si tinse

Dettagli

Fotografie storiche del Paglia. dalla Collezione Maiotti

Fotografie storiche del Paglia. dalla Collezione Maiotti Fotografie storiche del Paglia dalla Collezione Maiotti Un album con 12 foto storiche del fiume Paglia che Bruno Maiotti gentilmente ci ha concesso di estrapolare dalla sua collezione che cura con passione

Dettagli