Identificazioni alienanti, patogene e/o che fanno impazzire a cura di Jorge García Badaracco *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Identificazioni alienanti, patogene e/o che fanno impazzire a cura di Jorge García Badaracco *"

Transcript

1 Identificazioni alienanti, patogene e/o che fanno impazzire a cura di Jorge García Badaracco * Vorremmo cominciare con un avvertimento. Sebbene la definizione dei concetti è imprescindibile, in psicoanalisi, a causa della natura stessa della mente, la definizione concettuale contiene in sé il pericolo di alterare la natura dei fenomeni che studiamo. Perciò il concetto di identificazione che nasce dalla pura definizione del termine non rispecchia adeguatamente la ricchezza potenziale di questi fenomeni, sia al fine di comprendere la dinamica intrapschica sia per permetterci di cogliere la dinamica interpersonale. L uso che Freud fece di questo termine nel corso della sua opera deve essere messo in relazione con l intera opera di Freud. È utile non alterare il suo vero messaggio ricorrendo solamente ad aspetti parziali. Non si devono prendere le identificazioni come eventi consumati una volta per tutte o per sempre. È importante considerarle come elementi vivi dentro ciascun essere umano. Mentre la pratica clinica psicoanalitica mette in evidenza l importanza dei meccanismi di identificazioni per comprendere molti aspetti della patologia mentale, la teoria psicoanalitica non sembra aver raggiunto ulteriori approfondimenti. La nozione di identificazione patogena è una idea relativamente nuova in psicoanalisi e per poterla comprendere dobbiamo ampliare la nozione classica di identificazione, che servirà di contesto per permetterci di comprendere il potere patogeno di questa classe di identificazioni. Queste considerazioni applicabili alla psicoanalisi in generale ci chiedono tuttavia una maggiore attenzione nel trattamento di pazienti gravi con i quali l analista si trova incluso in un campo psicologico ove avranno luogo fenomeni di varia natura, che per molti aspetti, eccedono il conosciuto nel lavoro psicoanalitico classico. Per affrontare queste difficoltà abbiamo coniato il termine di identificazione patogena che ci permette di pensare e lavorare su taluni di questi fenomeni. Vi sono fenomeni che sfidano da sempre la psicoanalisi: il transfert psicotico e l identificazione proiettiva massiccia, l emergere di materiale scisso, gli agiti di transfert, l attualizzarsi dentro o fuori della seduta di svariati climi emozionali, persecutori melanconici o deliranti, rispetto ai quali l analista si sentirà invaso e sopraffatto. L analista sente che le parole del paziente non provengono da lui stesso. Proverà così facilmente momenti contraddittori o di intenso dubbio a causa dei quali si vedrà forzato a ricorrere alla teoria per dare ordine al caos, anche se questa strategia spesso non darà alcun risultato. Si sentirà talora spinto a contro-agire il controtransfert e cercherà di controllare i suoi impulsi. Con dolore e preoccupazione vedrà che le inter- hllgfhf Interazioni, 2/2004 pretazioni tradizionali spesso non alleviano ma aumentano il dolore dentro il paziente, senza portare ad alcun insight positivo. Confrontato con queste difficoltà, tra le altre, si avvierà su una strada cercando di lasciarsi condurre dal paziente, nel tentativo di ricostruire a partire da se stesso a quale situazione vitale può corrispondere quello che sta dicendo, o quello che sta sentendo, quale contesto significativo possiamo ricostruire a partire da un se stesso virtuale, anche se non sviluppato, qual è il luogo che l analista in questo contesto può occupare, e quale funzione terapeutica può sviluppare a partire da lì. Esisterà sempre come è ovvio il

2 pericolo di una contro-identificazione patologica che potrà perturbare o bloccare il processo psicoanalitico. Identificazioni e intersoggettività Su una base di una intersoggettività anonima comune a tutti gli uomini caratteristica della condizione umana, l essere psichico nasce e si sviluppa entro una matrice di intersoggettività privata nella quale le identificazioni giocano un ruolo preponderante (Hesnard, 1957). L identificazione è il primo vincolo strutturato dell individuo con i suoi simili. L intersoggettività prepara strutturalmente il soggetto, apparendo per primo nell altro e rivelandogli contemporaneamente la sua propria esistenza. Il soggetto scopre se stesso identificandosi per primo con l altro e poi identificandosi allo stesso. Talora non prende coscienza di se stesso se non alienandosi per primo nell altro. C è un consenso generale che l identificazione è uno dei processi di base della strutturazione della personalità e una delle pietre angolari della teoria psicoanalitica. I processi identificatori sono presenti fin dallo sviluppo mentale precoce e, come sosteneva Freud, costituiscono la forma più primitiva del legame affettivo con gli altri. Sono essenziali alla organizzazione dell Io nelle sue differenti tappe, canalizzano in molti aspetti le vicissitudini della libido, contribuiscono all elaborazione e alla risoluzione del complesso di Edipo, alla formazione del Super-Io e dell Ideale dell Io, e intervengono nella strutturazione definitiva dell apparato psichico del carattere e della identità. Intervengono, altresì, nei meccanismi della elaborazione onirica, nelle fantasie inconsce e nei sogni diurni e nella formazione dei sintomi. Giocano anche un ruolo importante nell empatia, nell apprendimento della capacità di pensare, nello sviluppo della simbolizzazione del linguaggio e della creatività. Il Super-Io e i meccanismi di identificazione reciproca consolidano l integrazione dell individuo all interno della società. L individuo è portatore di pattern culturali determinati e assicura la trasmissione e continuità degli stessi attraverso le generazioni. Sebbene è impossibile contattare come tali le prime fasi dello sviluppo, a causa del processo di rimozione primaria che instaura l amnesia infantile, le identificazioni che si collocano in questa fase della vita si conservano nelle tracce mnestiche inconsce e si attualizzano nei contenuti mentali che chiameremo rappresentazioni (Freud), fantasie inconsce (M. Klein), oggetti interni (M. Klein e Fairbairn) fantasmi di identificaticazione (A. De Mijolla). Essi reincarnano e prendono una nuova vita dentro di noi, in nuovi scenari, nei sogni, nelle fantasie diurne, nei pensieri, negli atti, nei sintomi etc. La capacità di elaborare conflitti dipenderà dalle caratteristiche del funzionamento mentale messo in atto per processare questi conflitti. Però queste caratteristiche a loro volta dipenderanno, in gran parte, dalle caratteristiche del funzionamento mentale degli oggetti parentali che incorporiamo per identificazione e che nella patologia mentale grave giocano un ruolo fondamentale come presenze alienanti o che fanno impazzire che impediscono la risoluzione dei conflitti. Deficit delle autentiche risorse dell Io

3 L attività mentale può avere due destini. Quando i fantasmi identificatori (De Mijolla, 1986) servono per crescere e svilupparsi, o a formare il proprio Io, questa attività serve per lo sviluppo del pensiero simbolico. Quando invece i fantasmi identificatori sono contenuti psichici che non possono essere mentalizzati, rimangono tali con una qualità compulsiva e sono vissuti come corpi estranei che devono essere mantenuti scissi dal normale processo associativo. Durante la vita di ogni essere umano i processi identificatori possono apportare elementi positivi per lo sviluppo della personalità o, al contrario, condizionare incorporazioni negative che contribuiscono a configurare strutture patologiche. In altre parole, nei processi identificatori possiamo differenziare qualità normogeniche e patogeniche. Alla nascita l essere umano è indifeso, ha bisogno di assistenza. Tende a simbiotizzarsi con un altro al fine di utilizzare le sue risorse egoiche come se fossero le proprie, e ha bisogno che l altro indovini e riconosca le sue necessità di soggetto in modo che possa assisterlo adeguatamente, possibilmente evitando esperienze traumatiche (García Badaracco, 1988). Riguardo all oggetto, c è una tendenza nella letteratura psicoanalitica a vedere l oggetto gratificante come buono e l oggetto frustrante come cattivo. A nostro avviso, l essere buono o cattivo di uno oggetto dipende molto di più dalla sua capacità di dare assistenza all Io debole e immaturo. L oggetto buono sarà quello che, per la sua funzione strutturante, offre le condizioni affinché una esperienza frustrante sia tollerabile e un esperienza di soddisfazione possa essere limitata. L oggetto cattivo sarà quello che a causa delle sue condizioni di mancanza o di carenza, non può apportare questi elementi indispensabili e, al contrario, si comporta come un amplificatore di frustrazioni, di invidie e di odi primitivi. Questo si collega con le caratteristiche dell oggetto che fa impazzire (García Badaracco, 1985, 2005). Le identificazioni che promuovono la normale strutturazione dell apparato psichico contribuiscono allo sviluppo delle risorse egoiche, che serviranno a far fronte ai conflitti mentali con cui l essere umano è chiamato a confrontarsi nel corso della sua vita. Quando le identificazioni si collocano dentro un vincolo simbiotico sano, in una relazione di dipendenza, il figlio può utilizzare le figure genitoriali come parti di se stesso sviluppando attraverso identificazioni strutturanti risorse egoiche dei suoi genitori risorse egoiche proprie. In queste condizioni i genitori sostengono di continuo l Io spontaneo immaturo che sta facendo nuove esperienze. In questo processo di crescita psicologica, le interazioni si realizzano in gran parte in una forma di gioco, creativa e reversibile. Il bambino in crescita può giocare le sue identificazioni in un processo di tentativi ed errori che configurano un apprendimento. Identificazioni strutturanti e identificazioni alienanti Nelle identificazioni strutturanti si giocano meccanismi di assimilazione di accomodamento tra il soggetto e l oggetto della relazione oggettuale mediante i quali si arricchisce lo scambio che diventa ogni volta più creativo mano a mano che il tempo passa. Dalla dipendenza si va così passando lentamente a un interdipendenza reciproca sana ogni volta più ricca, all interno di un vincolo dove ogni volta di più appare la

4 dimensione intersoggettiva che, simultaneamente, consente la differenziazione Io/non Io, come la distinzione tra l Io e l altro. Dalla simbiosi primitiva, attraverso un processo di de-simbiotizzazione, si arriva ad una crescente individuazione e autonomia. Dalla tappa dell illusione passando attraverso la disillusione si giunge, grazie alla creatività ad una relazione più realistica con l oggetto. Se al posto di questo processo il soggetto ottiene una sviluppo precario di se stesso, a causa della carenza delle risorse egoiche dell oggetto la sua identità povera lo obbligherà a ricorrere ai legami patogeni introiettati come modo di modulare l angoscia di autodistruzione o disintegrazione dalla quale si sentirà minacciato. Questa identificazione sarà, quindi, una specie di salvavita. Discuterò quindi il mio concetto di identificazione patogena. Essa consisterà in un identificazione che incorpora elementi che agiranno come una presenza invadente ed esigente obbligando ad una ristrutturazione e ad una sottomissione delle restanti funzioni mentali a causa di questa presenza. In questi casi troveremo sempre una storia di situazioni traumatiche e di intensa sofferenza psichica. Si strutturano legami asfissianti per la spontaneità del soggetto che generano sottomissione e paralisi a causa dei meccanismi di introiezione e di identificazione introiettiva. Tali meccanismi sembrano prodursi grazie all invasione in un Io fragile e immaturo che non può difendersi e perciò si vede costretto a trasformarsi nell altro, rinunciando alla sua propria identità. Questa identificazione sarà perciò alienante, poiché l Io è stato rimpiazzato da un oggetto estraneo che si è impossessato di lui e lo ha sottomesso alla sua arbitraria autorità. Le identificazioni alienanti descritte da Haydée Faimberg (1981, 1985) coincidono in gran parte con alcuni dei concetti che sviluppo in questo lavoro. In particolare mi pare importante l analisi della re-interpretazione narcisistica che il paziente opera dell interpretazione dell analista, re-interpretazione che spesso annulla il possibile effetto terapeutico di queste costituendo una delle resistenze più difficili da superare. Rispetto alla sviluppo, tali identificazioni patologiche restano dissociate e si organizzano come parti scisse della mente, come oggetti interni che fanno impazzire, che entrano a far parte di un inconscio scisso come affermava Freud e che devono essere mantenuti sotto controllo da imponenti meccanismi di difesa. Tutto ciò determina un continuo logorio delle energie necessarie a strutturare l apparato psichico. Questi precursori sadici e patologici del Super-Io impediscono infatti la strutturazione definitiva dell apparato psichico di cui ci parla Freud (1924) nel lavoro Il tramonto [Untergang] del complesso edipico (García Badaracco e Zemborain, 1979). La presenza di questi oggetti interni che fanno impazzire obbliga ad strutturare organizzazioni mentali patologiche per acquisire un equilibrio instabile, che tuttavia sarà così continuamente minacciato dall interno e dall esterno. In queste circostanze, i precursori dell Io, propriamente detto, non si possono strutturare sulla base della sua spontaneità e delle esperienze con il mondo esterno. Paralizzato davanti a altre istanze e di fronte alla realtà esterna, l Io è obbligato a ricorrere a identificazioni mimetiche con differenti aspetti delle figure parentali che andranno ad alimentare il Super-Io, senza poter sviluppare un sé autonomo. Si costituisce così un circolo vizioso. Rispetto a un minor numero identificazioni egoiche strutturanti e a un maggior numero di identificazioni superegoiche minaccianti ci sarà una minore possibilità di acquisire una vera identità che includa un sé con una capacità di intimità personale e con la capacità di esser solo (Winnicott, 1958).

5 Il soggetto esisterà così solamente grazie a identificazioni alienanti. La personalità come sé costituisce un prototipo di questa struttura. In tutte le patologie incontriamo una dimensione come sé, sottostante alla patologia manifesta che potrà essere elaborata psicoanaliticamente nel processo terapeutico. Sarà importante perciò conoscere quali sono i fattori nella storia di ognuno che abbiano determinato il formarsi di identificazioni strutturanti o alienanti. Per alienante intendo quelle identificazioni caratterizzate dalla presenza dell altro dentro il sé. In particolare in queste situazioni, le figure parentali invece di fornire la possibilità che il soggetto sia se stesso, in realtà lo hanno invaso, parassitato, abitato e hanno occupato il posto del sé impedendogli di essere il padrone della propria vita e condizionandolo a vivere la vita alla maniera dell altro, in riferimento all altro, come propaggine dell altro sia nella realtà esterna che in quella interna. La vera natura delle identificazioni patogene può essere compresa dall analista a partire dal proprio controtransfert nel processo analitico che implicherà necessariamente processi di dis-identificazione con lo scopo di ottenere la dissoluzione di questo potere patologico. La dis-identificazione nel processo analitico Il processo di dis-identificazione si presenta sempre come qualcosa di doloroso ed è vissuto come pericoloso. Essendo l identità molto legata alla identificazione, si possono sperimentare sensazioni di dis-organizzazione e di de-personalizzazione, angosce senza nome, stati confusionali e angosce di morte e di follia. Il paziente ha la sensazione di essere vuoto. Abituato a convivere con queste identificazioni asfissianti all interno del suo apparato psichico, [il paziente] comincia a sentire un sentimento di solitudine ed estraneità, come se non sapesse realmente chi è. A volte, la sensazione di sentirsi indifeso può diventare intollerabile. L analista percepisce allora perché quella persona, da una parte venuta in analisi per curarsi, dall altra sta evitando, negando e preservando quelle identificazioni che sente come vitali. Inoltre, molte volte la perdita è vissuta come infedeltà a quegli oggetti primari tanto amati e necessari. Il lavoro analitico sulle identificazioni patogene ci fa rivivere come analisti la riattivazione della situazione traumatica come un trauma psichico in un vincolo narcisista. Alcuni autori tentano di comprendere il vincolo narcisista a partire dalle identificazioni proiettive del paziente sull analista. Ma nel lavoro analitico ricostruiamo che in questo dramma narcistico, si tratta più del narcisismo della madre (o del padre) che del narcisismo del bambino, che si è visto così sottomesso al deficit della funzione genitoriale. Per poter comprendere come questi interscambi in un vincolo narcisista lascino segni, per così dire, indelebili, come psicoanalisti dobbiamo cercare di visualizzarli nello scenario di un contesto familiare (dimensione familiare della psicoanalisi), dove non solo tenteremo di vedere gli agiti del soggetto, ma anche gli sviluppi che ha ottenuto e ottiene dagli oggetti. Pensiamo che con queste impostazioni siamo nelle migliori condizioni per trattare psicoanaliticamente il problema delle identificazioni patogene, in particolare in quei casi di patologia mentale grave. Quando la difficoltà di elaborare un conflitto è strettamente connessa con la compulsione a ripetere, e perciò a una identificazione

6 patogena della situazione traumatica attraverso cui il soggetto riafferma la sua identità, questa forma di funzionamento mentale è una trappola patologica e patogena. Il processo analitico tenderà perciò a realizzarsi sempre in un successivo alternarsi di momenti di elaborazione interpretativa, fasi di dis-identificazione e di sviluppo di nuove risorse egoiche, di processi di elaborazione e di risoluzione dei conflitti. Vi sono dei conflitti che non si risolveranno se l analista non cerca di ottenere che il paziente si confronti con essi. Se egli stesso sta funzione come un altro, starà sempre nascosto dietro una identificazione che dovrà essere smascherata in una fase precedente affinché possa ottenersi un processo genuino e autentico. Bibliografia (1) de Mijolla A. (1986), Les visiteurs du moi, Société d Édition Les Belles Lettres, Paris. (2) Faimberg H. (1981), Une des difficultés de l analyse: la reconnaissance de l altérité, Revue Française de Psychanalyse, 45, (3) Faimberg H. (1985), El telescopaje de generaciones: la genealogía de ciertas identificaciones, Revista de Psicoanálisis, XLII: 5. (4) Freud S. (1924), Il tramonto del complesso edipico, in OSF, 10, Boringhieri, Torino (The Dissolution of the Oedipus Complex, The Standard Edition of the Complete Psychological Works, Hogarth, Londres, 1974, Tomo 19). (5) García Badaracco J.E. (1985), Identificación y sus vicisitudes en las psicosis. La importancia del concepto de objeto enloquecedor, Revista de Psicoanálisis, XLII: 3, (Identification and its vicissitudes in the psychoses. The importance of the concept of the maddening object, IJPA, 1986, 67, ). (6) García Badaracco J.E. (1988), Diagnóstico de las identificaciones patógenas y los déficit de recursos yoicos, in Diagnóstico en psiquiatría, Salvat, Buenos Aires, capítulo 48. (7) García Badaracco J.E. (2005), Demonios de la mente, EUDEBA, Buenos Aires. (8) García Badaracco J.E., Zemborain E. (1979), El complejo de Edipo a la luz de la experiencia clínica con pacientes psicóticos, Revista Uruguaya de Psicoanálisis, 59, (9) Hesnard A. (1957), Psychanalyse du lien interhumain, Presses Universitaires de France, Paris. (10) Winnicott D.W. (1958), Collected Papers, Basic Books, New York. Note * Psicoanalista con funzioni di training e già presidente della Società Psicoanalitica Argentina, direttore della clinica psichiatrica ad orientamento psicoanalitico DITEM di Buenos Aires, professore presso la Facoltà di Medicina dell Università di Buenos Aires.

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

Che cos è la GRUPPO-ANALISI?

Che cos è la GRUPPO-ANALISI? Che cos è la GRUPPO-ANALISI? Terapia paradossale rispetto alla tradizione culturale e medica soprattutto nel campo psichiatrico. Medicina clinica: la terapia è opera di una persona su un altra. Canoni

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Apertura a un dibattito sullo psicoanalista e le sue pratiche attuali

Apertura a un dibattito sullo psicoanalista e le sue pratiche attuali Apertura a un dibattito sullo psicoanalista e le sue pratiche attuali Raúl Tebaldi In questa opportunità vi propongo di dialogare a proposito della psicoanalisi e delle sue pratiche. Fin dall inizio voglio

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa Psicologia clinica Integrazione di slide e sintesi libri Gabbard e

Dettagli

Simbiosi e Autonomia

Simbiosi e Autonomia Simbiosi e Autonomia Accettare il proprio e lasciare andare l'acquisito Conferenza a Reggio Emilila l'11 settembre 2010 www.franz-ruppert.de Simbiosi = Convivenza Tra le specie viventi In una specie Principio

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76.

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Dott. Marco Lipera Dott.ssa Alessandra Leucata Psicologo, Psicodiagnosta Psicologa Clinica e Giuridica Via Trieste n.19, Catania 95127 Psicodiagnosta

Dettagli

La valutazione della genitorialità negli interventi degli operatori sociali: la prospettiva trigenerazionale

La valutazione della genitorialità negli interventi degli operatori sociali: la prospettiva trigenerazionale Istituto di Terapia Familiare di Siena www.itfs.it La valutazione della genitorialità negli interventi degli operatori sociali: la prospettiva trigenerazionale Milano 8 Giugno 2012 Dino Mazzei Cum-ludere

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Alcuni Articoli presentati nel Dipartimento di psicosomatica. dell Associazione Psicoanalitica Argentina Arnaldo Rascovsky 2009-2012

Alcuni Articoli presentati nel Dipartimento di psicosomatica. dell Associazione Psicoanalitica Argentina Arnaldo Rascovsky 2009-2012 Alcuni Articoli presentati nel Dipartimento di psicosomatica dell Associazione Psicoanalitica Argentina Arnaldo Rascovsky 2009-2012 1. Come capire i pazienti psicosomatici oggi? -----------------------------------

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

TERAPIA DI COPPIA. Rita Gagliardi. 27 aprile 2013

TERAPIA DI COPPIA. Rita Gagliardi. 27 aprile 2013 TERAPIA DI COPPIA Rita Gagliardi 27 aprile 2013 TERAPIA DI COPPIA Nella relazione terapeutica con una coppia ci si deve occupare in contemporanea sia delle rappresentazioni interne di ciascun partner della

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

L OGGETTO TRANSIZIONALE

L OGGETTO TRANSIZIONALE Istituto di Alta Formazione Roma Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dinamica breve L OGGETTO TRANSIZIONALE Dott.ssa Porto Immacolata 1 Premessa Vieni al mondo in modo creativo,crea il mondo; è

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

Dal respiro al mondo interno

Dal respiro al mondo interno a cura di Tito Baldini Dal respiro al mondo interno Psicomotricità psicoanalitica: diario clinico di un trattamento in supervisione Indice Ringraziamenti 11 Prefazione 13 DAL RESPIRO AL MONDO INTERNO Tonia

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker

Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker Criteri per il successo e per il fallimento di un trattamento. Fattori: 1) del Paziente 2) del terapeuta 3) tecnici 4) relazionali 5) ambientali

Dettagli

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI Interferenza dei disturbi dissociativi e della memoria conseguenti a tortura sulla Procedura di riconoscimento della Protezione Internazionale SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy www.gestaltherapy.it Istituto di Gestalt Therapy Hcc Kairòs Scuola Post Universitaria di Specializzazione in Psicoterapia della Gestalt Riconosciuta dal MIUR DDMM 9.5.1994, 7.12.2001, 24.10.2008 RAGUSA

Dettagli

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA FORUM PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA CONVEGNO Venerdi 19 agosto 2011 - TREVANO (Lugano) - AULA MAGNA SUPSI - 8,30/16,30 LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

Dettagli

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica

Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica Gruppo medici legali e psichiatri forensi della provincia di Trento eventi formativi 2013 Elementi fisiologici e patologici del lutto: stima clinica e medico/legale Si riferisce ad una serie di comportamenti

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Associazione Culturale Racker

Associazione Culturale Racker file : Precisazioni sui due ppi.gr.1 e metapsicologia.doc Associazione Culturale Racker GRUPPO DI STUDIO E APPROFONDIMENTO DELLA TEORIA DELLE RELAZIONI OGGETTUALI IN PSICOANALISI Cannaregio 1322/B -30121.

Dettagli

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA)

COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) 30 OTTOBRE 2011 Gruppo Famiglie Adottive Roseto degli Abruzzi (TE) Affiliato LE RADICI E LE ALI COPPIE IN ATTESA EMOZIONI, ANSIE E RAPPORTI DI COPPIA (DOTT.SSA GRAZIA DE LUCA) CICLO VITALE DELLA COPPIA

Dettagli

Antenna 112 e antennina. Un modello di trattamento terapeutico ispirato all etica della psicoanalisi

Antenna 112 e antennina. Un modello di trattamento terapeutico ispirato all etica della psicoanalisi Antenna 112 e antennina Un modello di trattamento terapeutico ispirato all etica della psicoanalisi PREMESSE PER SGOMBERARE IL CAMPO Gli psicoanalisti mettono l autistico sul lettino L autismo è causato

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

SPAD - Attuali evoluzioni del modello relazionale in psicoanalisi 25 ottobre 2014

SPAD - Attuali evoluzioni del modello relazionale in psicoanalisi 25 ottobre 2014 1 SPAD - Attuali evoluzioni del modello relazionale in psicoanalisi 25 ottobre 2014 Giuseppe Moccia: Evoluzioni teorico-cliniche della psicoanalisi contemporanea ed estensione del metodo. Sono passati

Dettagli

OMAGGIO AL PROFESSOR GIOVANNI GOZZETTI

OMAGGIO AL PROFESSOR GIOVANNI GOZZETTI OMAGGIO AL PROFESSOR GIOVANNI GOZZETTI Parlare del nostro caro Giovanni Gozzetti significa per me scegliere alcune prospettive della sua vita, della sua cultura e delle sue vocazioni e forse anche dei

Dettagli

Il corpo nei Dca. Tratto dal contributo Corpo, sé, identità di Anna Maria Gibin e Pietro Domiano

Il corpo nei Dca. Tratto dal contributo Corpo, sé, identità di Anna Maria Gibin e Pietro Domiano Tratto dal contributo Corpo, sé, identità di Anna Maria Gibin e Pietro Domiano dal libro I gruppi nei disturbi alimentari (a cura di Anna Maria Gibin) Mentalizzare il corpo vuol dire costruire un'immagine

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole Questa metodologia di lettura astrologica nasce dal presupposto che esista una connessione intrinseca, tra la dimensione esterna della realtà

Dettagli

L importanza delle emozioni in psicoterapia

L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in terapia è condivisa da molti approcci Alexander parlava della terapia come di un esperienza emotiva correttiva,, che non ripetesse

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Appunti di psicologia

Appunti di psicologia Appunti di psicologia Teorie della personalità TEORIE DELLA PERSONALITà Metodi analitici introspettivi : Freud Metodi cognitivo comportamentali : psicologia della Gestalt Metodi sistemici relazionali:

Dettagli

Il Sè e la realtà virtuale. Maristella Miglioli

Il Sè e la realtà virtuale. Maristella Miglioli Il Sè e la realtà virtuale Maristella Miglioli Qual è il fascino della rete? la nostra,grazie anche all informatica, non sarebbe una vita velocizzata ma un godimento del tempo come mai era stato possibile

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

Pluralismo. la mappa non è il territorio. costruttivismo: noi costruiamo la nostra realtà

Pluralismo. la mappa non è il territorio. costruttivismo: noi costruiamo la nostra realtà Pluralismo la mappa non è il territorio costruttivismo: noi costruiamo la nostra realtà (riconoscimento delle differenze -accettazione delle differenze > integrazione delle differenze > cultura della pace)

Dettagli

La consultazione breve alla crisi di coppia

La consultazione breve alla crisi di coppia La consultazione breve alla crisi di coppia Un modello integrato tra poetica sistemica e poetica psicodrammatica Corso di formazione Milano, settembre novembre 2015 6 giornate - 48 ore Mario Jorge Buchbinder,

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

Dott.ssa Eleonora Giannelli

Dott.ssa Eleonora Giannelli Dott.ssa Eleonora Giannelli Tratteremo: La scelta del partner Il cambiamento nella coppia Coppie sane e disfunzionali: quale differenza? Transazione alla genitorialità Premesse sistemiche Il colloquio

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

La genitorialità e le sue configurazioni: il ruolo del transgenerazionale

La genitorialità e le sue configurazioni: il ruolo del transgenerazionale Seminari di approfondimento sulla conduzione di gruppi con bambini, adolescenti e genitori con l uso di tecniche psicodrammatiche e di oggetti mediatori La genitorialità e le sue configurazioni: il ruolo

Dettagli

Lo sviluppo adolescenziale tra patologia e creatività, tra bisogno di appartenere e di diventare unico

Lo sviluppo adolescenziale tra patologia e creatività, tra bisogno di appartenere e di diventare unico Lo sviluppo adolescenziale tra patologia e creatività, tra bisogno di appartenere e di diventare unico Dott.ssa Elisabetta Conte Psicologa-Psicoterapeuta Non si diventa uomini completi da soli ma unicamente

Dettagli

Maria Teresa Palmas, 2008.-

Maria Teresa Palmas, 2008.- Maria Teresa Palmas, 2008.- Fisher : L abdicazione di un padre, dal Re Lear di Shakespeare. Sul significato dell eredità, intesa come passaggio alla generazione successiva, il dramma del Re Lear, mostra

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

L Indirizzo scientifico e metodologico del Centro di Psicologia e Psicoterapia Note di teoria e tecnica psicoanalitica

L Indirizzo scientifico e metodologico del Centro di Psicologia e Psicoterapia Note di teoria e tecnica psicoanalitica L Indirizzo scientifico e metodologico del Centro di Psicologia e Psicoterapia Note di teoria e tecnica psicoanalitica A cura del Dr. Carlo Anghinoni Il Centro di Psicologia e Psicoterapia nei propri principi

Dettagli

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE

ABUSO SESSUALE SU MINORI. A cura del MAL.AB di TRIESTE AUMENTO DELLA CAPACITÀ DI INDIVIDUAZIONE RELATIVO ALLA SITUAZIAZIONE DI ABUSO SESSUALE SU MINORI A cura del MAL.AB di TRIESTE Presentazione Chi siamo Cos è il Mal.Ab. Perché è stato pensato questo evento

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Il primo approccio: la fase dell ingaggio

Il primo approccio: la fase dell ingaggio FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappeso obeso: Il

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2

Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2 IL SUICIDIO NELL'ANZIANO: CARICO DI DOLORE ANGOSCIA E FRAGILITA Sala Madrid - 29 Novembre 2013 Il suicidio nei luoghi di cura e di assistenza Parte 2 Evelina Bianchi Vicenza Abbiamo una ipotesi utile a

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

SEMINARI DI CRESCITA PERSONALE

SEMINARI DI CRESCITA PERSONALE Diventa ciò che sei 2011 Sabato 3 dicembre SEMINARI DI CRESCITA PERSONALE Domenica 4 dicembre 2012 Sabato 14 dicembre SEMINARIO GENTORI E FIGLI Docenti: Elisa Minetti, Carla Pisano Con uno sguardo allo

Dettagli

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Prof. Michela De Luca Corso di Cyberpsicologia- Lumsa Dott.Massimiliano Marzocca Psicologo Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it www.massimilianomarzocca.it

Dettagli

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO Formazione & Coach-Counselling di Fabio Preti - Savignano sul Panaro (MO) Cell. 339 2822359 E mail: fabio.preti60@gmail.com Website: www.formazioneecoachcounselling.it PRESENTA IL PROGETTO E TU, CHE DRAGO

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla CIAO... E POI? di Eric Berne Recensione a cura di Cristiano Brambilla Questo libro parte da un semplice saluto per interrogarsi su tutto ciò che avviene dopo. Salutare significa per Berne "vedere l'altra

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Modelli Postfreudiani

Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Modelli Postfreudiani Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica Seminario di Modelli Postfreudiani Simbolo, simbolico, simbolizzare Il paradigma dello psichismo di Alessia Pagliaro Nel contesto psicoanalitico, il concetto

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO

DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO DAL CONSENSO INFORMATO AL COINVOLGIMENTO NELLE SCELTE DI CURA IL CONSENSO INFORMATO IN PSICHIATRIA : UN PERCORSO DINAMICO Dipartimento di Salute Mentale ASL 2 Savonese Aula Magna Campus Universitario Savona

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SIMONE DA CORBETTA PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 1 Introduzione Il progetto accoglienza nasce dalla convinzione che i primi mesi di lavoro

Dettagli

Confronto su alcune domande:

Confronto su alcune domande: Confronto su alcune domande: Possono esistere più madri? Possono esistere più padri? Nella nostra società è veramente cambiato il compito dei genitori? Fabrizia Alliora 8 Novembre 2013 Cosa significa essere

Dettagli

consolare, confortare, venire in aiuto,

consolare, confortare, venire in aiuto, COUNSELING in SANITA In una Prospettiva Multimodalale ----------- Counseling come servizio di orientamento e come strumento di supporto nei servizi socio-psico-pedagogici Counseling Aziendale tra empowerment

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Strumenti di relazione

Strumenti di relazione L apprendimento dell italiano L2 Strumenti di relazione Maurizio Sarcoli + Francesco Bianchi Approccio attivo Nell approccio attivo all apprendimento risiede parte dei progressi di chi si trova nella necessità

Dettagli

Schizofrenia e metacognizione

Schizofrenia e metacognizione Dott.ssa Sibilla Giangreco Psicologa Centro Clinico ALETEIA sibillagiangreco@gmail.com Schizofrenia e metacognizione IL TRATTAMENTO IN GRUPPO DELLE ALLUCINAZIONI ACUSTICHE SECONDO IL PROTOCOLO ENTROPIA

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Psicoanalisi della Famiglia

Psicoanalisi della Famiglia Psicoanalisi della Famiglia movimenti e trasformazioni tra gruppo esterno e gruppo interno Lucia Balello: Nozione gruppale di vincolo e oggetto teorico Association Internationale de Psychanalyse de Couple

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI LORO GENITORI NELLA FASCIA D ETÁ 3-6 ANNI

I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI LORO GENITORI NELLA FASCIA D ETÁ 3-6 ANNI Incontro per i genitori 22 Novembre 2015 Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI LORO GENITORI NELLA FASCIA D ETÁ 3-6 ANNI Le regole e le strategie per gestire la rabbia

Dettagli