2 L INVENTARIO DELLE EMISSIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 L INVENTARIO DELLE EMISSIONI"

Transcript

1 2 L INVENTARIO DELLE EMISSIONI 2.1 Metodologia Un inventario delle emissioni è una raccolta coerente di dati sulle emissioni dei singoli inquinanti raggruppati per: attività economica, intervallo temporale (anno, mese, giorno, ecc.), unità territoriale (regione, provincia, comune, maglie quadrate di 1 km 2, ecc.) combustibile (per i soli processi di combustione). Le quantità di inquinanti emesse dalle diverse sorgenti della zona in esame si possono ottenere: tramite misure dirette, campionarie o continue; tramite stima. La misura diretta delle emissioni può essere effettuata, ove è possibile, solo per alcuni impianti industriali, di solito schematizzati come sorgenti puntuali. Tra questi, solo per alcuni è attuata la misura in continua. Per tutte le altre sorgenti, denominate sorgenti diffuse (piccole industrie, impianti di riscaldamento, sorgenti mobili, ecc.), si deve ricorrere a stime. Le emissioni sono stimate a partire da dati quantitativi sull attività presa in considerazione e da opportuni fattori di emissione. Si ottiene: E = A x F dove: E sono le emissioni; A F è l attività (per esempio per gli impianti termici i consumi di combustibili); è il fattore di emissione per unità di attività espresso in grammi per unità di attività (ad esempio nel caso dei consumi di combustibili in grammi per gigajoule). Tale approccio del tutto generale è applicato, a seconda delle attività prese in considerazione, esplicitando le metodologie per la determinazione dell attività e la scelta degli opportuni fattori di emissione. Questi ultimi possono essere semplici fattori moltiplicativi o tenere conto, in forma funzionale, dei differenti parametri costruttivi ed operativi degli impianti, dei macchinari e dei processi Dimensione Spaziale Per quanto riguarda la dimensione spaziale, le emissioni delle principali sorgenti industriali e civili e delle principali linee e nodi di comunicazione sono state stimate singolarmente e singolarmente georeferenziate mediante le rispettive coordinate geografiche; le altre sorgenti sono state stimate su base comunale e disaggregate su un reticolo composto da maglie quadrate di lato 1km Dimensione temporale L intervallo temporale preso in considerazione per la stima delle emissioni è l anno solare. Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 7 di 205

2 Per quanto riguarda la disaggregazione temporale delle emissioni, in conseguenza della necessità di ottenere emissioni rilevanti su scala locale, la stima è stata disaggregata su base oraria, dei differenti giorni della settimana, mensile Inquinanti Sono stati presi in considerazione i seguenti principali inquinanti dell aria: ossidi di zolfo (SO 2 +SO 3 ); ossidi di azoto (NO+NO 2 ); composti organici volatili, con l'esclusione del metano, (COVNM); monossido di carbonio (CO); particelle sospese con diametro inferiore a 10 micron (PM 10 ) particelle sospese con diametro inferiore a 2,5 micron (PM 2,5 ) ammoniaca (NH 3 ) benzene (C 6 H 6 ) principali idrocarburi policiclici aromatici (PAHs): benzo[b]fluorantene (BBF) benzo[k]fluorantene (BKF) benzo[a]pirene (BAP) indeno[123cd]pirene (INP) metalli pesanti: Arsenico, Cadmio, Nichel, Piombo, Cromo, Mercurio, Rame, Selenio, Zinco; gas serra: anidride carbonica metano protossido di azoto. Sono state inoltre registrate le emissioni di eventuali altri inquinanti documentati dalle aziende nell ambito degli adempimenti al D.P.R. 203/ Nomenclatura delle attività e dei combustibili La nomenclatura delle attività rilevanti per la valutazione delle emissioni di inquinanti dell aria prescelta ha preso come punto di partenza la classificazione delle attività per l inventario delle emissioni atmosferiche, di cui all Appendice A dell Allegato tecnico al Decreto del Ministero dell Ambiente 20 maggio 1991, concernente i criteri per l elaborazione dei piani regionali per il risanamento e la tutela della qualità dell aria. Tale originale classificazione è stata ampliata ed integrata al fine di adattarla alla realizzazione di inventari su scala locale e tenere conto di alcune specificità del territorio della Regione siciliana. La Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 8 di 205

3 classificazione è riportata in Appendice I ed è integrata dalla classificazione dei combustibili riportata in Appendice II Classificazione delle sorgenti di inquinamento Per la realizzazione dell inventario è stata introdotta la suddivisione delle sorgenti di emissione in sorgenti localizzate, sorgenti puntuali, sorgenti lineari/nodali e sorgenti distribuite. Per sorgenti localizzate si intendono tutte quelle sorgenti di emissione che sia possibile ed utile localizzare direttamente, tramite le loro coordinate geografiche, sul territorio. In linea di principio, una volta escluse le attività mobili e quelle attività che per definizione o caratteristica intrinseca sono casualmente distribuite sul territorio (ad esempio l utilizzo di prodotti domestici), tutte le altre attività possono essere caratterizzate localizzando precisamente le sorgenti di emissione. In questo senso è localizzabile, ad esempio, ogni singolo impianto per riscaldamento domestico o ogni stazione di servizio. Tuttavia la loro effettiva localizzazione, e la conseguente quantificazione delle rispettive emissioni per singola sorgente, risponde a criteri di completezza dell inventario e di economicità nella sua realizzazione e deve tenere conto dell impatto locale (in termini di qualità dell aria e sanitari) delle emissioni. Va notato, inoltre, come in alcuni casi possa essere utile localizzare (all interno di una stessa attività) soltanto le sorgenti principali e considerare come distribuite le altre; tale procedimento che può essere adoperato, ad esempio, per la combustione nel settore terziario, all interno della quale è utile localizzare soltanto i principali impianti e trattare gli altri in modo aggregato. Una volta introdotto il concetto di sorgente localizzata subentra il problema di selezionare, fra le sorgenti localizzate stesse, un insieme di sorgenti di particolare importanza per le quali è necessaria una maggiore caratterizzazione in termini di parametri utili per lo studio dei fenomeni di trasporto e diffusione degli inquinanti. A tali sorgenti viene dato il nome di sorgenti puntuali. In questo quadro sono prese in considerazione le sorgenti per le quali, oltre la quantità emessa e la coordinata del luogo di emissione, sono di interesse l altezza del punto di emissione e le caratteristiche dinamiche dell emissione (portata dei fumi, velocità di efflusso, temperatura dei fumi). La soglia (quantità minima di inquinante emessa in un certo periodo di tempo) utilizzata per la caratterizzazione delle sorgenti come puntuali è, relativamente all anidride carbonica di t/anno, relativamente al monossido di carbonio di 50 t/anno, relativamente ai metalli pesanti di 50 kg/anno e relativamente agli altri inquinanti di 5 t/anno. Come sorgente lineare/nodale vengono indicate le principali arterie (strade, linee fluviali, linee ferroviarie) e nodi di comunicazione (porti ed aeroporti). Per tali arterie e nodi la stima delle emissioni viene effettuata singolarmente e localizzandole precisamente sul territorio tramite le loro coordinate metriche Gauss-Boaga conformi alla CTR. Ove utile alla caratterizzazione delle emissioni, le arterie sono suddivise in tratti. Le arterie minori vengono invece trattate in modo distribuito. Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 9 di 205

4 Infine, per sorgenti diffuse si intendono tutte quelle sorgenti non incluse nelle classi precedenti e che necessitano per la stima delle emissioni di un trattamento statistico. In particolare rientrano in questa classe sia le emissioni di origine puntiforme che, per livello dell emissione, non rientrano nelle sorgenti puntuali, sia le emissioni effettivamente di tipo areale (ad esempio le foreste) o ubique (ad esempio traffico diffuso, uso di solventi domestici, ecc.) Procedura per la stima delle emissioni delle differenti sorgenti In Figura 1 è riportata una sintesi della procedura seguita per la stima delle emissioni delle differenti sorgenti. Sorgenti Puntuali Stima sorgente per sorgente Stima mediante indagine diretta (questionario, contatti visite, ecc.) Sorgenti Lineari/nodali Stima sorgente per sorgente Stima mediante indagine diretta (questionario, contatti visite, ecc.) Sorgenti diffuse Stima su base comunale Stima mediante dati statistici ed indagine diretta (questionario) Disaggregazione su reticolo 1km x 1km Figura 1 - Schema operativo per la stima delle emissioni 2.2 Metodologia di stima delle emissioni da sorgenti puntuali Con riferimento alle sorgenti puntuali viene seguita la seguente procedura: selezione delle sorgenti mediante raccolta ed analisi dei dati esistenti e stima preliminare delle emissioni, indagine diretta presso i gestori degli stabilimenti produttivi tramite questionario, verifiche e visite dirette. L'attività è stata svolta secondo lo schema temporale di Figura 2. L indagine è rivolta a quegli stabilimenti che potenzialmente rientrano tra le sorgenti puntuali con riferimento alle soglie per i differenti inquinanti fissate al paragrafo Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 10 di 205

5 Definizione del questionario Invio del questionario, solleciti, visite Raccolta dei questionari elaborati Inserimento dati nel sistema informativo Validazione dati Figura 2 - Schema operativo per l indagine diretta tramite questionario (sorgenti puntuali) Gli stabilimenti sono stati censiti tramite invio di un questionario completo (scheda riportata nell Appendice III Scheda censimento sorgenti puntuali) a tutte le aziende considerate come sorgenti puntuali. Il questionario completo è composto da 8 schede nelle quali si richiedono: nella Scheda 1 le generalità dell azienda, nella Scheda 2 le generalità dello stabilimento produttivo, nella Scheda 3 una descrizione sintetica del processo produttivo, nella Scheda 4 un riepilogo delle sezioni o linee produttive (unità) di cui si compone lo stabilimento, nella Scheda 5 la descrizione dei punti di emissione (camini), nella Scheda 6 le caratteristiche degli effluenti dai punti di emissione e delle tecniche di abbattimento, nella Scheda 7 con riferimento a ciascuna unità, le emissioni di inquinanti e tutti gli altri elementi che la caratterizzano (attività, capacità produttiva, materie prime utilizzate, consumi di combustibile ecc.), nella Scheda 8 infine i dati relativi alla distribuzione oraria, giornaliera e mensile della produzione. In Figura 3 è riportato lo schema operativo per l analisi dello stabilimento ai fini della suddivisione dello stabilimento in unità. Con riferimento a tale suddivisione va notato che questa è finalizzata esclusivamente ai fini dell inventario delle emissioni e si basa sulla classificazione delle attività riportata nell Appendice 1 al questionario. In questo senso è considerata come unità ogni singolo impianto, o singola linea o, eventualmente, intero stabilimento che svolge separatamente una attività riportata in Appendice 1. Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 11 di 205

6 SORGENTE PUNTUALE seleziona la prima attività presente nello stabilimento seleziona la prima unità che svolge l attività seleziona attività successiva compila scheda per l unità e l attività selezionata seleziona unità successiva esistono altre unità per l attività selezionata SI SI esistono altre attività NO FINE Figura 3 - Schema operativo per la schematizzazione dello stabilimento in unità 2.3 Metodologia di stima delle emissioni da sorgenti diffuse e lineari/nodali Per quanto riguarda le attività diffuse le emissioni, nei casi più semplici, sono state stimate a partire da indicatori statistici dell attività e da opportuni fattori di emissione. Si ottiene: E ijk = A ij x F jk dove: E ijk sono le emissioni dell inquinante k dalla attività j nel comune i; A ij è l attività j nel comune i (per esempio, per gli impianti termici, i consumi di combustibili); F jk è il fattore di emissione dell inquinante k dalla attività j, per unità di attività espresso in grammi per unità di attività (ad esempio nel caso dei consumi di combustibili in grammi per gigajoule). Nei casi più complessi si è fatto ricorso ai modelli di stima di cui al paragrafo per il traffico su strada, al paragrafo per gli aeromobili, al paragrafo per i porti e la navigazione interna, al paragrafo per la vegetazione e al paragrafo per gli incendi boschivi. Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 12 di 205

7 2.3.1 Indicatore di attività Le emissioni sono dunque stimate su base comunale. Dove il dato non è disponibile su tale scala ma si è reperito solo un dato provinciale si è provveduto a stimare il dato comunale mediante l utilizzo della metodologia delle variabili proxy o surrogati. L'utilizzo dei surrogati è inteso a fornire una stima di una attività ad un certo livello di disaggregazione territoriale quando sia nota per unità territoriali più grandi. In questo caso si attribuisce alla attività la stessa distribuzione territoriale di un'altra grandezza (detto surrogato), nota a livello inferiore (comunale), e che si valuta sia ben correlata all attività sconosciuta a livello di comune ma nota a livello di provincia. In questo caso, indicato con i il comune, con t il valore provinciale, con A la attività di interesse e con S la variabile proxy si ottiene il valore della attività nel comune i come: A i = A t S i /S t Per alcune attività, come specificato di seguito, sono stati utilizzati i dati forniti, attraverso i questionari, dalle presunte sorgenti puntuali, che invece non sono risultate tali. Per altre attività, tali dati sono stati utilizzati per controllo e/o integrazione delle stime effettuate attraverso gli indicatori. Infine, alcune attività esercitate da queste aziende, non sono state considerate nemmeno in ambito diffuso in quanto ritenute poco significative Fattori di Emissione Per quanto riguarda i fattori di emissione si è fatto riferimento alla base dati dei fattori di emissione sviluppata dalla società TECHNE in ambiente CORINAIR, Convenzione ENEL/CNR, Inventari Provinciali di Firenze, Venezia, L Aquila, Roma, Cagliari, Livorno, Lucca e Piani di Risanamento Qualità dell Aria di Trento, Bolzano, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Umbria, Basilicata, Campania, Abruzzo che comprende oltre fattori per 27 inquinanti e circa 1800 attività (di cui alcune con i rispettivi combustibili). I fattori di emissione utilizzati, relativi agli inquinanti presi in considerazione ed a ciascuna attività sono tratti in parte dall handbook dei fattori di emissione elaborati dal gruppo di esperti del Progetto CORINAIR e sono stati validati per la realtà nazionale nelle svariate applicazioni effettuate. Per quanto riguarda il PM 10, spesso non disponibile in letteratura, è stato necessario stimarlo a partire dal particolato totale in base a valutazioni sul processo e/o al confronto con attività similari. Per quanto riguarda i metalli pesanti, vengono considerati prevalentemente i fattori di emissione del TNO per arsenico, cadmio, cromo, rame, mercurio, nickel, piombo, selenio, zinco. I fattori di emissioni di quasi tutti gli inquinanti in atmosfera da trasporto stradale sono quelli della metodologia europea sviluppata nell ambito del progetto MEET, come già descritto nel paragrafo I fattori di emissione per il PM 10 da veicoli a benzina e quelli del tipo non exhaust, ovvero da freni, gomme e abrasione della strada risultano da un indagine bibliografica sui più recenti ed affidabili studi in materia. Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 13 di 205

8 2.4 Modelli per la stima delle emissioni Emissioni da traffico stradale Per la stima delle emissioni da traffico stradale è stato utilizzato il modello SETS di cui si richiameranno brevemente le caratteristiche generali. In generale le emissioni da traffico stradale, possono essere suddivise in quattro tipologie di emissioni: a caldo (emissioni da veicoli i cui motori hanno raggiunto la loro temperatura di esercizio) calcolate per tutti i tipi di veicoli, a freddo (emissioni durante il riscaldamento del veicolo; convenzionalmente, sono le emissioni che si verificano quando la temperatura dell'acqua di raffreddamento è inferiore a 70 C) calcolate, per mancanza di conoscenze più approfondite, per i soli veicoli leggeri (automobili, motocicli, ciclomotori e veicoli commerciali con peso a pieno carico inferiore a 3,5 tonnellate), evaporative (per i soli Composti Organici Volatili escluso il Metano) rilevanti per i soli veicoli alimentati a benzina, da abrasione (per lesole Particelle sospese con diametro inferiore a 10 micron) calcolate per tutti i tipi di veicoli. Le emissioni totali possono dunque esprimersi come: E = E hot + E cold + E evap + E abr dove E hot sono le emissioni a caldo, E cold le emissioni a freddo, E evap le emissioni evaporative ed E abr le emissioni da abrasione. Le emissioni a caldo e quelle da abrasione sono stimate per tutte le tipologie di veicoli, le emissioni a freddo per i veicoli leggeri, quelle evaporative sono rilevanti per i soli veicoli a benzina. La metodologia standardizzata utilizzata in ambito europeo per la stima delle emissioni da traffico stradale è stata messa a punto originariamente nell'ambito del progetto CORINAIR 85 ma ha subito notevoli modifiche nell'ambito del progetto CORINAIR 90 e successivamente nell ambito del progetto MEET (Methodology for Estimate Air Pollutant Emissions from Transport), finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del programma Trasporti del 4 Programma quadro di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione e del progetto COST (European co-operation in the field od scientific research) nell azione COST 319. La metodologia è stata inglobata nel modello COPERT attualmente utilizzato a livello europeo per le stime su scala nazionale. Recentemente nuove metodologie sono state sviluppate relativamente all emissioni delle particele sospese con diametro inferiore a 10 micron da veicoli a benzina e da abrasione ed alle emissioni di benzene. In conclusione gli inquinanti presi in considerazione sono; Inquinanti principali o Ossidi di Azoto o Ossidi di Zolfo o Particelle Sospese con diametro inferiore a 10 micron o Particelle Sospese con diametro inferiore a 2,5 micron o Monossido di Carbonio o Composti Organici Volatili o Ammoniaca Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 14 di 205

9 o Benzene Metalli pesanti o Arsenico o Cadmio o Cromo o Rame o Mercurio o Nichel o Piombo o Selenio o Zinco Gas serra o Anidride Carbonica o Protossido di Azoto o Metano Le pubblicazioni attuali di riferimento sono relative: all UNECE/EMEP Task Force on Emissions Inventories and Projections EMEP/CORINAIR Emission Inventory Guidebook 2005 Technical report No 30, Published by: EEA (European Environment Agency), Publish date: 2005/12/31 al progetto MEET Methodology for Calculating Transport Emissions and Energy Consumption, Edited by A J Hickman with contributions from: A J Hickman, A Jol, N Kyriakis, Z Samaras, M AndrJ, A E Andrias, M Aslanoglou, R Coffey, U Hammarstr`m, D Hass, R Joumard, L Ntziachristos, I Reynaud, R C Rijkeboer, E SJri, P J Stur, F J Weber, T Zachariadis, B H Bek, M W? rrgensen, S C Sorenson, C Trozzi, R Vaccaro, P Fitzgerald, M T Kalivoda, M Kudrna, P Davison, C A Lewis Transport Research Laboratory, Project Report SE/491/98, Deliverable 22 for the project MEET. al progetto COST Methods of Estimation of Atmospheric Emissions from Transport, European scientist network and scientific state-of-the-art, Edited by R. Joumard with contributions from: M André, R Coffey, P Davison, V Favrel, B Gilson, U Hammarström, D Hassel, W Hecq, J Hickman, R Joumard, M T. Kalivoda, M Keller, O H. Koskinen, N Kyriakis, E Negrenti, L Ntziachristos, R C. Rijkeboer, Z Samaras, E Sérié, S C. Sorenson, P Sturm, C Trozzi, R Vaccaro, F Weber action COST 319 final report, LTE 9901 report, March 1999 al modello COPERT COPERT III Computer programme to calculate emissions from road transport. Methodology and emission factors [Version 2.1] L. Ntziachristos and Z. Samaras, with contributions from: S. Eggleston, N. Gorißen, D. Hassel, A.-J. Hickman, R. Joumard, R.Rijkeboer, L. White and K.-H. Zierock, European Environment Agency Technical report No 49, November alle emissioni di particelle sospese con diametro inferiore a 10 micron da motocicli a benzina (per i motocicli a 2 tempi ed a 4 tempi post 2000) ANCMA - Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori Moped Emission Factors: Non Regulated Pollutants-Particulate Matter Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 15 di 205

10 alle emissioni di particele sospese con diametro inferiore a 10 micron da veicoli a benzina (per i motocicli a 4 tempi ante 2000) CEPMEIP Database - Emission Factors CEPMEIP Co-ordinated European Programme on Particulate Matter Emission Inventories, Projections and Guidance, 2002 alle emissioni di benzene The influence of gasoline benzene and aromatics content on benzene exhaust emissions from non-catalyst and catalyst equipped cars. A study of european data CONCAWE (December 1995). alle emissioni da abrasione delle gomme Technical Support Document to the Public Meeting To Consider Approval of Revisions to the State s On-Road Motor Vehicle Emissions Inventory, Section 4.12 Total Particulate Matter Emission Factors California Environmental Protection Agency, Air Resources Board, May 2000 alle emissioni da abrasione dei freni Massnahmen zur Reduktion von PM10-Emissionnen Schlussbericht. BUWAL (Bundesamt für Umwelt, Wald und Landschaft) Abteilung Luftreinhaltung und NIS, La classificazione dei veicoli Il modello SETS permette di stimare delle emissioni da traffico stradale seguendo la metodologia MEET integrata relativamente alle emissioni da abrasione ed al benzene e personalizzata per tenere conto delle peculiarità a livello locale. Questa metodologia prende in considerazione cinque tipologie di veicoli come evidenziate in Tabella 1 dove sono altresì riportate le corrispondenze con la classificazione del codice della strada. Tabella 1 - Tipologie di veicoli considerati in SETS e loro corrispondenza con le definizioni del d.lgs. 30 Aprile 1992 n 285. Classificazione SETS Classificazione d.lgs. 285/1992 Automobili (portata minore di 2.5 t) M1 Veicoli commerciali N1, N2, N3 Autobus M2, M3 Motocicli L1, L3, L4, L5 La categoria delle automobili a benzina è ulteriormente scomposta, in base alla cilindrata (cc), in tre classi: cc < < cc < 2000 cc > 2000 e quindi in base all applicazione delle normative delle Comunità Europea sulle caratteristiche dei motori ai fini della tutela dell aria: PRE ECE (prima di ogni regolamento comunitario), fino al 1973 ECE 15/00-01 (70/220/CEE & 74/290/CEE) ECE 15/02 (77/102/CEE) ECE 15/03 (78/665/CEE) ECE 15/04 (83/351/CEE) Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 16 di 205

11 EURO I (91/441/CEE) EURO II (94/12/CEE) EURO III (98/69/CE Stage 2000) dal 2001 EURO IV (98/69/CE Stage 2005) dal Per le automobili a gasolio e a gpl la suddivisione in base alla cilindrata è diversa, essendo i veicoli passeggeri suddivisi tra: cc < 2000 cc > 2000, e diverse sono le classi in base alle normative della Comunità Europea: PRE EURO (prima di ogni regolamento) fino al 1992 EURO I (91/441/CEE) EURO II (94/12/CEE) 1997(iniezione diretta) e 1996 (iniezione indiretta)-2000 EURO III (98/69/CEE Stage 2000) dal 2001 EURO IV (98/69/CEE Stage 2005) dal I veicoli commerciali a benzina essi sono suddivisi in due classi di portata (P): P<3.5t P>3.5t mentre, per i veicoli commerciali a gasolio le classi di portata (P) sono cinque: P<3.5t 3.5t<P<7.5t 7.5t<P<16t 16t<P<32t P>32t. I veicoli commerciali a benzina e gasolio con portata maggiore di 3.5t ( veicoli commerciali pesanti ) sono ulteriormente suddivisi in base all applicazione delle normative delle Comunità Europea in materia di abbattimento delle emissioni da trasporto stradale: PRE EURO (ECE R49 e normative precedenti) fino al 30 settembre 1990 se non ad iniezione diretta, altrimenti sino al 1 ottobre 1996), EURO I (91/542/CEE Stage I: decorrenza per l obbligo di omologazione dal 1 luglio 1993), EURO II (91/542/CEE Stage II: decorrenza per l obbligo di omologazione dal 1 ottobre 1995), EURO III (1999/96/EC) dal 2000, EURO IV (COM (1998) 776) dal 2005, mentre, per i veicoli commerciali con portata inferiore a 3.5t la stessa suddivisione in base alla applicazione delle normative CE prevede le classi: PRE EURO EURO I (93/59/EEC) dal 1993 EURO II (96/69/EC) dal 1997 EURO III (98/69/EC Stage 2000) dal 2000/2001 EURO IV (98/69/EC Stage 2005) dal I motocicli sono suddivisi in quattro classi di cilindrata (cc): cc<50 Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 17 di 205

12 50<cc< <cc<750 cc>750 A loro volta i motocicli di cilindrata inferiore a 50 cm 3 (ciclomotori) sono suddivisi in tre classi in base all applicazione delle normative delle Comunità Europea: PRE EURO EURO I (97/24/CEE - Stage I) con decorrenza dell omologazione dal 17 giugno 1999 EURO II (97/24/CEE - Stage II) con decorrenza dell omologazione dal 17 giugno 2000, mentre i motocicli di cilindrata superiore a 50 cm 3 sono suddivisi in due classi: PRE EURO EURO I (97/24/CEE - Stage I) con decorrenza dell omologazione dal 17 giugno 1999 Il programma SETS, al fine di definire in modo più dettagliato i reali modi di impiego dei mezzi, prevede la suddivisione delle percorrenze totali in tredici classi di velocità (10 20, 20 30,, ). Infine il programma permette la correzione delle emissioni per tenere conto degli effetti della pendenza della strada e, nel caso dei soli veicoli pesanti, del carico Valutazione delle percorrenze La percorrenza m jkl può essere ottenuta come: m jkl = h jl. v jl. q jkl dove: m jkl sono le percorrenze per classe di velocità o più correttamente i veicoli chilometro per anno (quantità complessiva di chilometri percorsi dalla totalità dei veicoli di categoria j alimentati con il combustibile l in un anno nella classe di velocità k), h jl è il numero di veicoli di categoria j alimentati con il combustibile l, v jl è la percorrenza media dei veicoli di categoria j alimentati con il combustibile l, q jkl è la quota della percorrenza del veicolo di categoria j alimentato con il combustibile l effettuata nella classe di velocità k. Qui e nelle formule che seguono con categoria di veicolo si intende la combinazione di tipologia di veicolo, cilindrata/portata e normativa Stima dei consumi a caldo Le formule di base per la stima dei consumi a caldo è la seguente: C hot jkl = U hot jkl m jkl dove: j indica la tipologia di veicolo, k la classe di velocità, l il combustibile, C hot sono i consumi espressi in grammi, U hot sono i consumi unitari espressi in grammi per chilometro, C hot sono i consumi espressi in grammi, m sono le percorrenze totali o più correttamente i veicoli chilometro per anno (quantità complessiva di chilometri percorsi dalla totalità dei veicoli in un anno). La stima dei consumi è necessaria alla stima delle emissioni per una serie di inquinanti le cui le emissioni dipendono dal consumo di combustibile (ad esempio ossidi di zolfo e piombo). Inoltre la stima è utilizzata per calibrare il modello e dedurre le percorrenze medie per tipo classe e categoria di veicolo. Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 18 di 205

13 La somma dei consumi per combustibile stimati dal modello deve essere uguale al valore dei consumi rilevati statisticamente. Le fonti dei dati per i consumi di combustibili nel trasporto stradale sono: Bilancio energetico nazionale del Ministero delle Attività Produttive, per le stime a livello nazionale; Bollettino petrolifero del Ministero delle Attività Produttive, per le stime a livello locale Stima delle emissioni a caldo Le emissioni di ossidi di azoto, monossido di carbonio, composti organici volatili, particelle sospese con diametro inferiore a 10 micron, metano, protossido di azoto ed ammoniaca sono stimate a partire dalle percorrenze e da opportuni fattori di emissione. La formula di base per la stima delle emissioni a caldo a partire dalle percorrenze è la seguente: E hot ijkl = F hot,m ijkl m jkl dove: i indica l inquinante, j la categoria di veicolo, k la classe di velocità, l il combustibile, E hot sono le emissioni espresse in grammi, F hot,m sono i fattori di emissione espressi in grammi per chilometro, m sono le percorrenze totali o più correttamente i veicoli chilometro per anno (quantità complessiva di chilometri percorsi dalla totalità dei veicoli in un anno). Una volta stimate le percorrenze per classe di velocità è sufficiente applicare il fattore di emissione (contenuti nel modello ed estratti dal progetto MEET e per il PM 10 da veicoli a benzina dal progetto CEPMEIP e dallo studio del ANCMA) per stimare le emissioni a caldo. Le emissioni di metalli pesanti (cadmio, cromo, rame, nickel, selenio e zinco) sono direttamente correlate ai consumi di combustibili e sono trattate a parte rispetto alla metodologia delineata nel paragrafo precedente. In questo caso le emissioni sono stimate dai consumi di combustibile valutati dal modello e da opportuni fattori di emissione per quantità di combustibile consumato (contenuti nel modello ed estratti dal progetto MEET): E hot ijkl = F hot,c ijkl C hot jkl dove: i indica l inquinante, j la categoria di veicolo, k la classe di velocità, l il combustibile, E hot sono le emissioni espresse in grammi, C hot sono i consumi espressi in grammi, F hot,c sono i fattori di emissione espressi in grammi per grammo di combustibile consumato. Una volta stimato il consumo totale a caldo è dunque sufficiente utilizzare i fattori di emissione basati sui consumi (contenuti nel modello ed estratti dal progetto MEET) per stimare le emissioni a caldo. Con riferimento agli ossidi di zolfo le emissioni sono calcolate come: dove s l è il tenore di zolfo del combustibile j. E hot (SOx)jkl = 2 s l C hot jkl Con riferimento al piombo le emissioni, dai soli veicoli a benzina, sono calcolate come: E hot (Pb) (benzina)jk = [(1-Q NPb ) T Pb + Q NPb T NPb ] C hot (benzina)jk Luglio 2008 Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Pagina 19 di 205

Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina

Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina Valutazione dei benefici ambientali derivanti da un possibile provvedimento Ministeriale a sostegno delle trasformazioni a gas dei veicoli a benzina Si riporta di seguito la valutazione tecnica dei benefici

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ltc_2010 ing. Antonio Comi novembre 2010

Corso di. http://www.uniroma2.it/didattica/ltc_2010 ing. Antonio Comi novembre 2010 Corso di Laboratorio ditecnica della Circolazione i http://www.uniroma2.it/didattica/ltc_2010 ing. Antonio Comi novembre 2010 Software per la stima delle emissioni inquinanti 1 Introduzione COmputer Programme

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana

Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Assessorato Regionale Territorio e Ambiente Dipartimento Regionale Territorio e Ambiente Inventario regionale delle emissioni in aria ambiente della Regione Siciliana Luglio 2008 INDICE 1 PREMESSA... 6

Dettagli

COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI

COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI COMUNE DI PISA ASSESSORATO TRASPORTI Direzione Mobilità Viabilità a Nord-Est Analisi del contributo dei flussi veicolari alle emissioni in atmosfera Ottobre 2006 TAGES S.c.r.l. INDICE Premessa... Pag.

Dettagli

IL MODELLO TREMOVE. TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio.

IL MODELLO TREMOVE. TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio. IL MODELLO TREMOVE TRT Trasporti e Territorio via Rutilia, 10/8 20141 Milano tel. 02 57410380, fax 02 55212845 www.trttrasportieterritorio.it TRT Trasporti e Territorio Srl Pag. 1 IL MODELLO TREMOVE 1.

Dettagli

COPERT (Computer( Il modello viene usato per calcolare le emissioni di CO, NO x , CO 2 O, NH 3 , SO 2 , VOC, N 2 , CH 4 HM, NMVOC.

COPERT (Computer( Il modello viene usato per calcolare le emissioni di CO, NO x , CO 2 O, NH 3 , SO 2 , VOC, N 2 , CH 4 HM, NMVOC. Il modello COPERT COPERT (Computer( Programme to calculate Emissions from Road Traffic) ) è un programma di calcolo delle emissioni da traffico realizzato dalla European Environment Agency - EEA nell ambito

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

INDICE. 7. Evoluzione della normativa sulle emissioni dei veicoli... 74

INDICE. 7. Evoluzione della normativa sulle emissioni dei veicoli... 74 INDICE 1. Il modello COPERT e la stima delle emissioni da trasporto stradale... 9 1.1 Metodologia di riferimento... 10 1.2 Dati di base per il parco circolante e le percorrenze... 11 1.3 Osservazioni preliminari...

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

La stima delle emissioni da trasporto stradale nel passaggio a Copert 4: alcune osservazioni. Bernetti A., Contaldi M., De Lauretis R.

La stima delle emissioni da trasporto stradale nel passaggio a Copert 4: alcune osservazioni. Bernetti A., Contaldi M., De Lauretis R. La stima delle emissioni da trasporto stradale nel passaggio a Copert 4: alcune osservazioni Bernetti A., Contaldi M., De Lauretis R., ISPRA L evoluzione di Copert 4 Principali differenze rispetto a Copert

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

La stima delle emissioni da trasporto su strada nell inventario nazionale.

La stima delle emissioni da trasporto su strada nell inventario nazionale. La stima delle emissioni da trasporto su strada nell inventario nazionale. - I dati di base e i parametri del modello - Validazione dei dati e principali criticità - Stime di emissione 24 settoriali e

Dettagli

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico ARPA Ingegneria Ambientale Cristina Regazzi, Simonetta Tugnoli, Veronica Rumberti

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana Contratto di Ricerca tra Comune di Brescia e Dipartimento di Elettronica per l Automazione (Università degli Studi di Brescia) Responsabile scientifico: prof. Giovanna Finzi Emissioni dei veicoli in autostrada

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali

Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Il mercato dei veicoli a metano, dinamiche di sviluppo e benefici ambientali Gabriele Grea, CERTeT Università Bocconi Milano, 10 Aprile 2013 EnergyLab - Laboratorio dell Energia Sommario A. Potenzialità

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

CONVENZIONE TRA COMUNE DI BOLOGNA E ARPA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI MONITORAGGIO INTEGRATIVO SULLA QUALITA DELL ARIA

CONVENZIONE TRA COMUNE DI BOLOGNA E ARPA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI MONITORAGGIO INTEGRATIVO SULLA QUALITA DELL ARIA CONVENZIONE TRA COMUNE DI BOLOGNA E ARPA RELATIVA ALLE ATTIVITA DI MONITORAGGIO INTEGRATIVO SULLA QUALITA DELL ARIA Attività di monitoraggio e supporto tecnico per il periodo novembre 2012 novembre 2013

Dettagli

STIMA DELLE EMISSIONI DA TRAFFICO VEICOLARE MEDIANTE APPLICAZIONE DEL MODELLO MATEMATICO COPERT III

STIMA DELLE EMISSIONI DA TRAFFICO VEICOLARE MEDIANTE APPLICAZIONE DEL MODELLO MATEMATICO COPERT III STIMA DELLE EMISSIONI DA TRAFFICO VEICOLARE MEDIANTE APPLICAZIONE DEL MODELLO MATEMATICO COPERT III CAMPAGNA DI MONITORAGGIO ANNO 2003 ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Servizio Sistemi Ambientali

Dettagli

Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale. Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA

Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale. Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale Antonella Bernetti, Ernesto Taurino ISPRA CONTENUTI STIME DELLE EMISSIONI NAZIONALI DA TRASPORTO STRADALE DISAGGREGAZIONE A LIVELLO PROVINCIALE:

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Il sistema Inemar: metodologie e strumenti

Il sistema Inemar: metodologie e strumenti Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR Milano, 21 novembre 2011 Il sistema Inemar: metodologie e strumenti Stefano Caserini ARPA Lombardia Indice

Dettagli

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione Art. Tec-Sci No. 006/2015 (19/10/2015) ARPA FVG - CRMA IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2014 - Applicazioni dei fattori di emissione Tommaso Pinat 1 *

Dettagli

SOMMARIO 2 GLI SCENARI DI RIFERIMENTO 4 3 STIMA DEL CONSUMO ENERGETICO 6. 3.1 Definizione del consumo energetico specifico 6

SOMMARIO 2 GLI SCENARI DI RIFERIMENTO 4 3 STIMA DEL CONSUMO ENERGETICO 6. 3.1 Definizione del consumo energetico specifico 6 SOMMARIO 1 PREMESSA 3 2 GLI SCENARI DI RIFERIMENTO 4 3 STIMA DEL CONSUMO ENERGETICO 6 3.1 Definizione del consumo energetico specifico 6 3.2 Gli esiti delle valutazioni 10 4 CONCLUSIONI 12 2 di 13 1 PREMESSA

Dettagli

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto

Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo. Stima emissioni dell impianto Manuale d uso dello strumento di calcolo per il computo emissivo In adempimento alla delibera dell Assemblea legislativa regionale n. 51 del 26 luglio 2011 è stato predisposto un servizio on-line per il

Dettagli

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C

Disponibilità dati *** 2007 / 2010 C EMISSIONI IN ATMOSFERA 2010 Emissioni in atmosfera Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera (INEMAR Puglia 2010) Nome indicatore DPSIR Fonte dati Inventario Regionale delle Emissioni in Atmosfera

Dettagli

RESOCONTO ATTIVITÀ CONVENZIONE INTERREGIONALE INEMAR 2009-2011. Allegato 1J-A

RESOCONTO ATTIVITÀ CONVENZIONE INTERREGIONALE INEMAR 2009-2011. Allegato 1J-A RESOCONTO ATTIVITÀ CONVENZIONE INTERREGIONALE INEMAR 2009-2011 Allegato 1J-A Confronto e definizione di fattori di emissione medi per alcune tipologie emissive: studio di approfondimento per le piccole

Dettagli

Le emissioni in atmosfera da trasporto stradale

Le emissioni in atmosfera da trasporto stradale Pagina W 1 di 1 ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente Le emissioni in atmosfera da trasporto stradale Presentazione e abstract Le emissioni in atmosfera da trasporto stradale (testo pdf)

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA

SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA SINTESI DELLA STRATEGIA DEL PIANO REGIONALE PER LA TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA Redatto in collaborazione con la Società Techne Consulting S.r.l. di Roma 2007 1. PREMESSA Il Piano è stato redatto in

Dettagli

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione

IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione Art. Tec-Sci No. 001/2013 (24/06/2013) ARPA FVG - CRMA IL PARCO VEICOLARE DELLA REGIONE FVG Evoluzione della sua composizione dal 2005 al 2010 - Applicazioni dei fattori di emissione Tommaso Pinat 1 *

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti

3.2 I TRASPORTI. 3.2.1 Il settore trasporti 3.2 I TRASPORTI 3.2.1 Il settore trasporti Caratteristiche, aspetti e considerazioni generali E ormai noto che il settore dei trasporti rappresenta un elemento di criticità per la collettività e costituisce,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

Trasporto su strada. Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale

Trasporto su strada. Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale Trasporto su strada Inventario nazionale delle emissioni e disaggregazione provinciale Rapporti 124/2010 Informazioni legali L Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le

Dettagli

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è inserita l area di trasformazione. L accesso all area avviene

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia,

La qualità dell aria in Lombardia, La conoscenza della qualità dell aria La qualità dell aria in Lombardia, Pavia, 15 maggio 26 Dott. Angelo Giudici Direttore Settore Aria ARPA Lombardia Il D.Lgs. 351/99 introduce la valutazione integrata

Dettagli

Sviluppo ed uso di metodologie per la stima delle emissioni atmosferiche da trasporto stradale in Italia su scala provinciale

Sviluppo ed uso di metodologie per la stima delle emissioni atmosferiche da trasporto stradale in Italia su scala provinciale ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell Ambiente Sviluppo ed uso di metodologie per la stima delle emissioni atmosferiche da trasporto stradale in Italia su scala provinciale Rapporti 4/2001 ANPA

Dettagli

Allegato I STIMA DELLE EMISSIONI INQUINANTI IN ATMOSFERA DERIVANTI DALLA REALIZZAZIONE DEL RILEVATO NELL AREA EX BERTOLA

Allegato I STIMA DELLE EMISSIONI INQUINANTI IN ATMOSFERA DERIVANTI DALLA REALIZZAZIONE DEL RILEVATO NELL AREA EX BERTOLA Allegato I STIMA DELLE EMISSIONI INQUINANTI IN DERIVANTI DALLA REALIZZAZIONE DEL RILEVATO NELL AREA EX BERTOLA Lesegno 02.07.2015 INDICE 1 ELABORAZIONI PER LA STIMA DELLE EMISSIONI INQUINANTI... 3 1.1

Dettagli

PEAS Napoli. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti. Armando Cartenì Vanda Mazzone

PEAS Napoli. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti. Armando Cartenì Vanda Mazzone PEAS Napoli PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 2012 ALLEGATO Mobilità e Trasporti Armando Cartenì Vanda Mazzone Università degli Studi di Napoli "Federico II" Dipartimento di Ingegneria dei

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 5. Aria

P A R T E S E C O N D A. Capitolo 5. Aria P A R T E S E C O N D A Capitolo 5 Aria 5. ARIA 5.1 Caratteri generali In questa sezione saranno analizzati in dettaglio tutti gli aspetti relativi allo stato qualitativo della componente ambientale aria.

Dettagli

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Genova, 2 dicembre 2013 Utilizzo del gas naturale liquido nei sistemi propulsivi: potenzialità e problematiche A. Massardo, G. Zamboni Scuola Politecnica

Dettagli

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Premessa Obiettivo: stimare le emissioni di CO2 prodotte dall attività

Dettagli

Tabella 2.1 Obiettivi di riduzione [%] delle emissioni previsti dal Protocollo di Kyoto

Tabella 2.1 Obiettivi di riduzione [%] delle emissioni previsti dal Protocollo di Kyoto 2. Definizione ed analisi delle possibilità d intervento L attuazione di politiche di risparmio energetico e di programmi per la riduzione dei consumi di combustibili fossili e delle emissioni inquinanti

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

La penetrazione del telepass sulla rete stradale di Autostrade per l Italia S.p.A. nel 2011 è la seguente:

La penetrazione del telepass sulla rete stradale di Autostrade per l Italia S.p.A. nel 2011 è la seguente: Utilizzo del Telepass nella rete di Autostrade per l Italia. Risparmio di Combustibile e CO2 evitata Premessa Obiettivo: la stima quantitativa delle emissioni inquinanti evitate, grazie all utilizzo del

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

Analisi dei dati europei del trasporto su strada

Analisi dei dati europei del trasporto su strada Analisi dei dati europei del trasporto su strada 1990-2004 Gianluca Iarocci gianluca.iarocci@apat.it Riccardo De Lauretis riccardo.delauretis@apat.it Informazioni legali L istituto Superiore per la protezione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA TRAFFICO VEICOLARE TRAMITE IMPLEMENTAZIONE DEI MODELLI COPERT E MOCAR

LA VALUTAZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA TRAFFICO VEICOLARE TRAMITE IMPLEMENTAZIONE DEI MODELLI COPERT E MOCAR LA VALUTAZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO DA TRAFFICO VEICOLARE TRAMITE IMPLEMENTAZIONE DEI MODELLI COPERT E MOCAR ABSTRACT M.la AGOSTINACCHIO, D. CIAMPA, S. OLITA Università della Basilicata, DAPIT

Dettagli

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Dipartimento Provinciale di Vicenza Servizio Stato dell Ambiente dr chim. Ugo Pretto, p.i. Francesca Mello Il sito produttivo Acciaierie

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44

Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44 3.1.3. Discarica di Case Passerini La discarica di Case Passerini è localizzata di fianco all'impianto di selezione e compostaggio nel territorio comunale

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

EMISSIONI ATMOSFERICHE DA TRAFFICO STRADALE A MILANO

EMISSIONI ATMOSFERICHE DA TRAFFICO STRADALE A MILANO Monitoraggio Area C EMISSIONI ATMOSFERICHE DA TRAFFICO STRADALE A MILANO PERIODO GENNAIO - FEBBRAIO 213 elaborato: RELAZIONE codifica: 135434_ revisione: data: redatto: verificato: approvato: 21 / 5 /

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Comune di Spresiano Periodi di indagine: 23 Luglio 4 Novembre

Dettagli

ovvero Quello che pensiamo di sapere su cosa succede quando cerchiamo di fare qualcosa per diminuire valori elevatissimi di PM10 nell aria nelle città

ovvero Quello che pensiamo di sapere su cosa succede quando cerchiamo di fare qualcosa per diminuire valori elevatissimi di PM10 nell aria nelle città ovvero Effetto sulla riduzione del particolato atmosferico delle azioni di limitazione del traffico durante gli episodi critici di qualità dell'aria in regione Lombardia Quello che pensiamo di sapere su

Dettagli

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori relazione dell ingegnere Mauro Forghieri Le più stringenti limitazioni alle emissioni nocive

Dettagli

Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili

Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili RG 3/2002 NGV System Italia Consorzio metano per auto via Serio, 16 20139 MILANO tel. 02-56810171 fax 02-56810131 e-mail: info@ngvsystem.it 1

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

La NAMEA per la regione Lazio Anno 2000

La NAMEA per la regione Lazio Anno 2000 La NAMEA per la regione Lazio Anno 2000 Note metodologiche 1. Principali caratteristiche dei dati prodotti I dati resi disponibili costituiscono i primi conti NAMEA delle emissioni atmosferiche diffusi

Dettagli

Inventario delle emissioni in atmosfera della Regione Calabria

Inventario delle emissioni in atmosfera della Regione Calabria Inventario delle emissioni in atmosfera della Regione Calabria Unione Europea Repubblica Italiana Regione Calabria ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Inventario delle emissioni

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998

RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 RELAZIONE SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO 2 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 10, LETT f, DELLA L. 448/1998 1. Premessa La presente relazione è stata redatta in ottemperanza alle disposizioni contenute

Dettagli

Immissioni da traffico nelle aree metropolitane

Immissioni da traffico nelle aree metropolitane Immissioni da traffico nelle aree metropolitane Milano-Palazzo Turati, 14 dicembre 2006 IL CONTROLLO DELLE EMISSIONI DEGLI AUTOVEICOLI Francesco Avella, Antonio Rolla INTRODUZIONE Le emissioni autoveicolari

Dettagli

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive

Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive Aspetti ambientali: fonti emissive, polveri sottili, analisi e peso delle varie fonti emissive ARPAT - Regionale Tutela Qualità dell Aria Dott.ssa Chiara Collaveri Dati IRSE 2007 Che cos è un inventario

Dettagli

I CONTRIBUTI DELLE DIVERSE FONTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI PIACENZA - PRIMO RAPPORTO -

I CONTRIBUTI DELLE DIVERSE FONTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI PIACENZA - PRIMO RAPPORTO - Sezione di Piacenza Comune di Piacenza I CONTRIBUTI DELLE DIVERSE FONTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI PIACENZA - PRIMO RAPPORTO - a cura di: ARPA Emilia-Romagna - Sezione di

Dettagli

$13$ AGENZIA NAZIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE

$13$ AGENZIA NAZIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE $13$ AGENZIA NAZIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE $1$/,6,(9$/,'$=,21(0(72'2/2*,(3(5,/ &$/&2/2'(//((0,66,21,,148,1$17,'(, 75$63257, 5DSSRUWRWHFQLFR Roma, Giugno 2000 Mario Contaldi*, Riccardo De Lauretis*,

Dettagli

Direttiva 98/69/CE, recepita con Decreto Min. 21/12/1999, in Suppl. Ord. G. Uff. del 4/3/2000.

Direttiva 98/69/CE, recepita con Decreto Min. 21/12/1999, in Suppl. Ord. G. Uff. del 4/3/2000. Direttiva 98/69/CE, recepita con Decreto Min. 21/12/1999, in Suppl. Ord. G. Uff. del 4/3/2000. Tabella valori limite di emissione per omologazioni successive all 1/1/2000 (veicoli categ. M - eccetto veicoli

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTI 20-21 GIUGNO 2011, Milano Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera Stefano Caserini ARPA Lombardia, Settore

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464)

Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Valutazione degli impatti locali del traffico stradale nell'area di Dignano (S.R. 464) Palmanova 10/06/2013 Introduzione La stima degli impatti locali delle strade nella città di Palmanova è stata effettuata

Dettagli

Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria

Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria Successi ed insuccessi nella comunicazione tra esperti del settore e pubblica utenza sul tema qualità dell aria Silvia Anna Bellinzona Direttore Settore Monitoraggi Ambientali s.bellinzona@arpalombardia.it

Dettagli

L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando

L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando in questo modo origine al fenomeno dell inquinamento

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 3171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Stato dell Ambiente Responsabile del Procedimento:

Dettagli

Canton Ticino. Emissioni inquinanti dovute al traffico sull autostrada A2 tra Chiasso e Mendrisio. Effetti di una riduzione della velocità

Canton Ticino. Emissioni inquinanti dovute al traffico sull autostrada A2 tra Chiasso e Mendrisio. Effetti di una riduzione della velocità Canton Ticino Emissioni inquinanti dovute al traffico sull autostrada A2 tra Chiasso e Mendrisio Effetti di una riduzione della velocità DIVISIONE DELL AMBIENTE SEZIONE PROTEZIONE ARIA E ACQUA UFFICIO

Dettagli

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Page 1 of 11 n. 054 - Lunedì 17 Marzo 2014 Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Il documento analizza nel dettaglio le diverse sorgenti, il trend evolutivo delle fonti

Dettagli

Relazione tecnico scientifica: emissioni di inquinanti dalla combustione civile

Relazione tecnico scientifica: emissioni di inquinanti dalla combustione civile Relazione tecnico - scientifica Emissioni di inquinanti dalla combustione civile TABELLE T_1 Tab. 5.2 Sintesi di fattori di emissione ottenuti dall'indagine ARPA 2003 (ARPA Lombardia, 2003) COMBUSTIBILE

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Spresiano. Via Montello

IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO. Comune di Spresiano. Via Montello IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Via Montello Periodo di indagine: 01 Settembre 03 Ottobre 2011 Realizzato a cura di A.R.P.A.V. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing.

Dettagli

INDICATORE EMISSIONI DI GAS-SERRA (CO 2 eq): trend e disaggregazione settoriale

INDICATORE EMISSIONI DI GAS-SERRA (CO 2 eq): trend e disaggregazione settoriale INDICATORE EMISSIONI DI GAS-SERRA (CO 2 eq): trend e disaggregazione settoriale SCOPO L indicatore fornisce una stima delle emissioni regionali di CO 2 e la relativa disaggregazione settoriale. È finalizzato

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

LE EMISSIONI DI INQUINANTI IN ARIA

LE EMISSIONI DI INQUINANTI IN ARIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO PIANO DI TUTELA DELLA QUALITÀ DELL ARIA DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ALLEGATO B LE EMISSIONI DI INQUINANTI IN ARIA

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara Premessa In questo documento si vogliono approfondire gli elementi tecnici caratteristici delle emissioni in atmosfera

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano Politecnico di Milano Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Analisi dei fattori di emissione di CO 2 da traffico stradale Relatore: Prof. Stefano CASERINI Tesi di Laurea di: Anna

Dettagli

STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA : IL CASO DEL POLITECNICO DI MILANO CAMPUS CITTÀ STUDI

STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA : IL CASO DEL POLITECNICO DI MILANO CAMPUS CITTÀ STUDI POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio STIMA DELLE EMISSIONI DI CO 2 DELLE UNIVERSITA :

Dettagli

Aggiornamento del documento:

Aggiornamento del documento: Aggiornamento del documento: Analisi di performance ambientale: Linee guida sull applicazione in banca degli Indicatori Ambiente del GRI (Global Reporting Initiative) versione G4 Febbraio 2016 1 I. Premessa...

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze Seminario: FATTORI DI EMISSIONE DA TRAFFICO: DATI SPERIMENTALI IN ITALIA Organizzato da: ANPA CTN - ACE Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni. Contributo:

Dettagli