PIANO DI MANUTENZIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI MANUTENZIONE"

Transcript

1

2 PIANO DI MANUTENZIONE Cantiere Parva Domus - Via Piave Committente TANGENZIALE DI NAPOLI S.P.A. 1

3 1 DESCRIZIONE DELLE OPERE DI PROGETTO MANUALE D'USO PANNELLI FONOASSORBENTI (ORIZZONTALI E VERTICALI) RECINZIONI METALLICHE SOTTOFONDO IN MATERIALE DRENANTE FONDAZIONE STRADALE IN MISTO STABILIZZATO STRATO DI COLLEGAMENTO TAPPETO D'USURA SEGNALETICA ORIZZONTALE SEGNALETICA VERTICALE POZZETTI DI ISPEZIONE E DISPERSORI DI TERRA PALI METALLICI CORPI ILLUMINANTI OPERE DI VERDE TRAVI IN ACCIAIO METALLICHE MANUALE DI MANUTENZIONE PANNELLI FONOASSORBENTI COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE RECINZIONI COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE SOTTOFONDO IN MATERIALE DRENANTE COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE FONDAZIONE STRADALE IN MISTO STABILIZZATO COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE STRATO DI COLLEGAMENTO COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE TAPPETO D'USURA COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE SEGNALETICA ORIZZONTALE COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE SEGNALETICA VERTICALE COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE POZZETTI DI ISPEZIONE E DISPERSORI DI TERRA COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE PALI METALLICI COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE CORPI ILLUMINANTI COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI

4 ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE OPERE DI VERDE COLLOCAZIONE LIVELLO MINIMO DELLE PRESTAZIONI ANOMALIE RISCONTRABILI LISTA DELLE MANUTENZIONI DA ESEGUIRE PROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: PANNELLI FONOASSORBENTI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: RECINZIONI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SOTTOFONDO IN MATERIALE DRENANTE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: FONDAZIONE STRADALE IN MISTO STABILIZZATO ELEMENTO IN MANUTENZIONE: STRATO DI COLLEGAMENTO ELEMENTO IN MANUTENZIONE: TAPPETO D'USURA ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SEGNALETICA ORIZZONTALE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SEGNALETICA VERTICALE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: POZZETTI DI ISPEZIONE E DISPERSORI DI TERRA ELEMENTO IN MANUTENZIONE: PALI METALLICI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: CORPI ILLUMINANTI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: OPERE DI VERDE PROGRAMMA DEI CONTROLLI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: PANNELLI FONOASSORBENTI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: RECINZIONI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SOTTOFONDO IN MATERIALE DRENANTE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: FONDAZIONE STRADALE IN MISTO STABILIZZATO ELEMENTO IN MANUTENZIONE: STRATO DI COLLEGAMENTO ELEMENTO IN MANUTENZIONE: TAPPETO D'USURA ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SEGNALETICA ORIZZONTALE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SEGNALETICA VERTICALE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: POZZETTI DI ISPEZIONE E DISPERSORI DI TERRA ELEMENTO IN MANUTENZIONE: PALI METALLICI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: CORPI ILLUMINANTI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: OPERE DI VERDE PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: PANNELLI FONOASSORBENTI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: RECINZIONI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SOTTOFONDO IN MATERIALE DRENANTE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: FONDAZIONE STRADALE IN MISTO STABILIZZATO ELEMENTO IN MANUTENZIONE: STRATO DI COLLEGAMENTO ELEMENTO IN MANUTENZIONE: TAPPETO D'USURA ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SEGNALETICA ORIZZONTALE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: SEGNALETICA VERTICALE ELEMENTO IN MANUTENZIONE: POZZETTI DI ISPEZIONE E DISPERSORI DI TERRA ELEMENTO IN MANUTENZIONE: PALI METALLICI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: CORPI ILLUMINANTI ELEMENTO IN MANUTENZIONE: OPERE DI VERDE

5 1 Descrizione delle opere di progetto L intervento oggetto del presente studio prevede la copertura dell asse viario della Tangenziale tra i cavalcavia di via Piave e del Parco Parva Domus e si inserisce nell ambito di un appalto generale per l installazione di barriere antifoniche nel tronco della Tangenziale tra lo svincolo di Fuorigrotta e lo svincolo dell Arenella. Nel progetto originario la soluzione tecnica individuata, successivamente stralciata dal Committente, prevedeva la realizzazione di un impalcato, a due campate, realizzate con elementi autoportanti prefabbricati tipo Spiroll di altezza pari a 40 cm. Le predette campate, oltre a poggiare sulle paratie perimetrali già esistenti presentavano come appoggio centrale un telaio di travi e ritti da realizzare ex novo lungo lo spartitraffico. Tale soluzione progettuale avrebbe posto notevoli problemi di sicurezza stradale legati ai restringimenti della carreggiata durante la fase di costruzione dell opera e ciò ha imposto lo studio di una soluzione tecnica alternativa. La proposta di variante prevede nella zona centrale, compresa tra i cavalcavia di via Piave e del parco Parva Domus [circa 1700mq] la realizzazione di una copertura costituita da travi in acciaio a doppio T che verrà destinata a verde e nelle zone laterali [circa 330mq] la realizzazione di due impalcati carrabili, in affiancamento a quelli esistenti, costituiti da una struttura composta in acciaio-calcestruzzo. Sui due impalcati carrabili saranno ricavati complessivamente 13 stalli da destinare a parcheggio pubblico, dei quali 6 prospicienti via Piave e 7 prospicienti la strada di accesso al parco Parva Domus Mea. I nuovi marciapiedi avranno una larghezza non inferiore a 1.50m, in modo da rispettare i limiti imposti dalla vigente normativa [DM ]. Gli stalli saranno posizionati parallelamente all asse delle strade in modo da ridurre al minimo ogni possibile interferenza con il traffico durante le manovre di parcheggio. Nella zona centrale, interna ai due impalcati sarà realizzata una struttura in carpenteria metallica destinata a sostenere una sistemazione cosiddetta a tetto giardino. I due impalcati carrabili paralleli ai cavalcavia esistenti su via Po e su via Piave saranno, come accennato, realizzati in carpenteria metallica e avranno un unica campata di luce pari a circa 37.50m, che poggia sulle paratie di grande diametro esistenti ( ) in direzione Capodichino e in direzione Pozzuoli. Ogni impalcato è costituito da 4 travi a doppio T disposte ad interasse di 1.25m costituite da lamiere saldate aventi altezza complessiva massima pari a 1450 mm che per motivi tecnologici si riduce a 700mm in corrispondenza degli appoggi. Al disopra delle travi è prevista una soletta collaborante di spessore pari a 20cm opportunamente solidarizzata alla struttura in acciaio mediante pioli Nelson. 4

6 Le travi sono collegate trasversalmente da sette traversi d impalcato costituiti da travi a doppio T di altezza complessiva pari a 1200mm [ad eccezione dei due traversi di testata aventi altezza complessiva pari a 640mm]. Nella zona centrale tra i due cavalcavia carrabili è prevista la realizzazione di una copertura in carpenteria metallica costituita da 20 travi disposte a ventaglio. Le travi, che hanno un interasse minimo pari a circa 1.70m (direzione Pozzuoli) ed un interasse massimo pari a circa 4.20m (direzione Capodichino), sono realizzate con profili a doppio T saldati di altezza massima pari a 1800mm che si riduce in corrispondenza degli appoggi a 900mm. Le travi sono collegate trasversalmente da sette traversi d impalcato costituiti da travi a doppio T di altezza complessiva pari a 1200mm [ad eccezione dei due traversi di testata aventi altezza complessiva pari a 800mm]. La soluzione di variante descritta consente di eliminare tutte le lavorazioni previste sulla carreggiata ad esclusione delle operazioni di varo che saranno effettuate con chiusure temporanee della carreggiata nelle ore notturne. La configurazione geometrica della superficie, coerentemente a quanto prescritto dalla Sopraintendenza, è stata progettata in modo da ridurre l impatto paesaggistico, compatibilmente con le quote di imposta delle due paratie esistenti e delle quote stradali. Si fa presente che la soluzione adottata risulta essere di minore impatto, da un punto di vista paesaggistico, rispetto la soluzione approvata in Conferenza di Servizi. Per quanto attiene, infine, l aspetto acustico, sono previsti pannelli fonoassorbenti orizzontali da posizionare in corrispondenza dell intradosso della galleria artificiale e pannelli fonoassorbenti verticali da posizionare lungo lo spartitraffico centrale e a rivestimento delle paratie esistenti in direzione Pozzuoli e in direzione Capodichino. 5

7 2 Manuale d'uso 2.1 Pannelli fonoassorbenti (orizzontali e verticali) Struttura collegata all'intradosso della copertura con funzione di isolamento termoacustico e anche di mascheramento di travature ed impianti in genere. I pannelli sono caratterizzati da: - una struttura di sostegno realizzata con intelaiature in metallo, fissate al soffitto lungo le pareti perimetrali delle paratie laterali oppure appese con i pendini all'intradosso della copertura; - una chiusura o schermatura. Collocazione: Modalità d uso corretto: Fissata direttamente all'intradosso della copertura, lungo le pareti perimetrali delle paratie laterali A seconda della tipologia si possono avere pannelli in aderenza al muro con scopo puramente estetico, oppure appesi alla copertura creando un intercapedine tra soffitto e copertura che può essere utilizzata per il passaggio di cavi elettrici, dei canali di condizionamento e di tubazioni in genere. 2.2 recinzioni metalliche Opera generalmente metallica, che costituisce barriera fisica tra la proprietà privata e quella pubblica. Collocazione: Modalità d uso corretto: Lungo il perimetro dell'area facente parte dell opera. Solitamente delimita la sistemazione a verde facente parte dell opera Separare la proprietà e difenderla da eventuali intrusioni. 2.3 Sottofondo in materiale drenante Parte dell'opera costituita da elementi che consentono il drenaggio nel terreno delle acque meteoriche. Il sottofondo in materiale drenante avrà una vita utile pari a 40 anni Collocazione: Vedasi tavole di progetto Modalità d uso corretto: Non è previsto uso diretto dell'elemento in oggetto. 2.4 Fondazione stradale in misto stabilizzato Parte dell'opera costituita da materiale che consente la compattazione del manto stradale. Collocazione: Modalità d uso corretto: Vedasi tavole di progetto Non è previsto un uso diretto dell'elemento in oggetto. 6

8 2.5 Strato di collegamento E' la parte dell'opera che consente la connessione tra il tappeto di usura e la fondazione stradale. Collocazione: Modalità d uso corretto: Vedasi tavole di progetto Non è previsto un uso diretto dell'elemento in oggetto. 2.6 Tappeto d'usura E' lo strato superficiale del manto stradale Collocazione: Modalità d uso corretto: Vedasi tavole di progetto La superficie non deve presentare discontinuità significative 2.7 Segnaletica orizzontale La segnaletica orizzontale è rappresentata dalle strisce realizzate a terra, in vernice apposita, secondo quanto previsto dal C.D.S. Questo tipo di segnaletica può essere oggetto di deterioramento a causa di usura dovuta al transito, agli agenti chimici, fisici e atmosferici. Collocazione: Vedasi topografico di progetto Modalità d uso corretto: Deve risultare leggibile 2.8 Segnaletica verticale La segnaletica verticale è realizzata tramite pali in ferro zincato sui quali saranno montati appositi cartelli in alluminio con pittogrammi rifrangenti, secondo quanto stabilito dal C.D.S. Le cause di danneggiamento di questa segnaletica possono essere riconducibili ad usura da agenti chimici, atmosferici, deposito di sporcizia, distacco dei cartelli, atti vandalici, incidenti stradali e/o azioni meccaniche Collocazione: Vedasi topografico di progetto Modalità d uso corretto: Deve risultare leggibile 2.9 Pozzetti di ispezione e dispersori di terra Saranno costituiti da quegli elementi previsti nel progetto, che consentono la dispersione a terra di eventuali correnti di guasto e quei cavedi che consentono il controllo dello stato di funzionamento degli elementi stessi. Collocazione: Vedasi topografico di progetto Modalità d uso corretto: Non è previsto uso diretto degli elementi in oggetto. 7

9 2.10 Pali metallici Sono gli elementi di sostegno dei corpi illuminanti e avranno forma e dimensione come previsto da progetto Collocazione: Vedasi topografico di progetto Modalità d uso corretto: Non è previsto uso diretto dell'elemento in oggetto 2.11 Corpi illuminanti Sono i punti, realizzati come previsto nel progetto, necessari ad una corretta illuminazione delle vie di transito. Collocazione: Vedasi topografico di progetto Modalità d uso corretto: Effettuare operazioni di sostituzione, solo dopo aver disinserito l'alimentazione elettrica; evitare di entrare in contatto con le lampade quando sono ancora calde e/o in tensione Opere di verde Piante, aiuole, giardini realizzati per migliorare le qualità estetiche della zona. Collocazione: Modalità d uso corretto: Vedasi topografico di progetto. Non gettare a terra materiale di scarto od oggetti che possono provocare l'innesco di incendi Travi in acciaio metalliche Le travi in acciaio metallico necessitano solamente di collegamenti in opera. Esse costituiscono parte integrante della copertura dell opera. Collocazione: Costituiscono la parte strutturale della copertura Modalità d uso corretto: La trave è un elemento elastico che sotto l'azione dei carichi verticali trasmessi dal solaio assumerà una configurazione deformata dipendente, oltre che dal valore e distribuzione di detti carichi, dalle condizioni di vincolo delle sue estremità. N.B.: Per l uso della parte strutturale si rimanda alla relazione PS_06 allegata al presente progetto 8

10 3 Manuale di manutenzione 3.1 Pannelli fonoassorbenti Collocazione Fissata direttamente all'intradosso del solaio, e verticalmente sulle paratie di pali Livello minimo delle prestazioni Stabilità, isolamento termoacustico, funzionale per la posa di impianti e decorativo Anomalie riscontrabili Presenza di ondulazioni,crepe, distacchi e discontinuità non previste Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicità Risorse A Cura di Visivo sullo stato di usura degli elementi e di eventuali parti danneggiate. Annuale non necessarie mantenimento caratteristiche e rispondenza con i bisogni dell'utenza. Nessuna Cadenza Intervento Periodicità Risorse A Cura di Sostituzione degli elementi danneggiati e non ritenuti più idonei e/o funzionanti Quando necessario attrezzature manuali e nuovi componenti 9

11 3.2 Recinzioni Collocazione Lungo il perimetro dell'opera. Delimita la zona verde facente parte dell opera Livello minimo delle prestazioni Non permettere accesso libero diretto ai luoghi privati facenti parte dell opera. Antiintrusione Anomalie riscontrabili Degrado dovuto agli agenti atmosferici e da azioni fisico-chimiche aggressive Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Verifica grado di usura dei componenti che formano la barriera Annuale non necessarie Intervento Periodicita Risorse A Cura di ripristino delle parti degradate ed ammalorate Quando necessario attrezzature e prodotti specifici per il mantenimento Sostituzione completa della recinzione Quando necessario attrezzature e nuovi elementi 10

12 3.3 Sottofondo in materiale drenante Collocazione Vedasi tavole di progetto Livello minimo delle prestazioni Drenaggio eventuali acque di sottofondo Anomalie riscontrabili Pozze e ristagni d'acqua Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Verifica grado di usura dei componenti Decennale Intervento Periodicita Risorse A Cura di Rifacimento Quando necessario, ma con frequenza non inferiore ai 10 anni Macchine movimento terra, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica 11

13 3.4 Fondazione stradale in misto stabilizzato Collocazione Vedasi tavole di progetto Livello minimo delle prestazioni Compattazione e durevolezza Anomalie riscontrabili Pozze e ristagni d'acqua Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Verifica grado di usura dei componenti Annuale Intervento Periodicita Risorse A Cura di Rifacimento Quando necessario, ma con frequenza non inferiore ai 15 anni Macchine movimento terra, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica 12

14 3.5 Strato di collegamento Collocazione Vedasi tavole di progetto Livello minimo delle prestazioni Fissaggio allo strato di base, complanarità e resistenza a compressione Anomalie riscontrabili Pozze e ristagni d'acqua Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Verifica grado di usura dei componenti Annuale Intervento Periodicita Risorse A Cura di Rifacimento Con frequenza non inferiore ai 10 anni Attrezzi manuali, compattatore, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica 13

15 3.6 Tappeto d'usura Collocazione Vedasi tavole di progetto Livello minimo delle prestazioni Garantire viabilità e quindi non presentare avvallamenti, estesi e profondi (buche). Fissaggio al binder, complanarità e resistenza all'usura Anomalie riscontrabili Usura dovuta al transito o ad azioni meccaniche particolari (incidente stradale). Ondulazioni, screpolature, fessurazioni e cedimenti Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Verifica dello stato di conservazione della superficie e di eventuali fessurazioni buche o cedimenti Semestrale Attrezzi manuali, rilevatore rugosità Intervento Periodicita Risorse A Cura di Rifacimento Ogni 5 anni Macchine speciali (finitrice, spandi emulsione, rullo compattatore) materiali impiegati in fase di prima esecuzione o latri in base all'evoluzione tecnologica. Chiusura di buche e cedimenti con asfalto a freddo e rifacimento pavimentazione. Quando necessario Materie prime, rullo compattatore 14

16 3.7 Segnaletica orizzontale Collocazione Vedasi topografico di progetto Livello minimo delle prestazioni Visibilità agli autisti Anomalie riscontrabili Deposito sporcizia, deterioramento Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Verifica dello stato di pulizia e visibilità della segnaletica Annuale Non necessarie Intervento Periodicita Risorse A Cura di Rifacimento/ripristino Non meno di 8/10 anni 15

17 3.8 Segnaletica verticale Collocazione Vedasi topografico di progetto Livello minimo delle prestazioni Visibilità, per l'identificaione di obblighi, divieti ecc Anomalie riscontrabili Deposito sporcizia, deterioramento, danneggiamento Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Verifica dello stato di conservazione delle bullonerie di fissaggio e dei pali e dello stato di pulizia del cartello Annuale Non necessarie Intervento Periodicita Risorse A Cura di Pulizia cartelli Bimensile Sostanze solventi o similari Sostituzione cartelli/pali Quando necessario, ma con frequenza non inferiore ai 10 anni Mini escavatore, attrezzi manuali, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica. 16

18 3.9 Pozzetti di ispezione e dispersori di terra Collocazione Vedasi topografico di progetto Livello minimo delle prestazioni Protezione meccanica, isolamento, ispezionalità, fruibilità cavedi Anomalie riscontrabili Cedimento del pozzetto, causa usura, mancata dispersione a terra della corrente Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Controllo di integrità del chiusino Annuale Non necessarie Controllo del serraggio di morsetti e bullonerie Annuale Attrezzi manuali Controllo dell'isolamento Ogni 2 anni Attrezzi manuali e misuratore di isolamento Verifica strumentale della messa a terra, con controllo dei valori ohmici della rete disperdente, dei valori di resistenza a terra di tutti gli utilizzatori elettrici. Ogni 2 anni Attrezzi manuali e misuratore di isolamento Intervento Periodicita Risorse A Cura di Ingrassaggio bulloni e pulizia Ogni 2 anni Attrezzi manuali grasso protettivo Riparazione/sostituzione componenti Quando necessario Attrezzi manuali, materiali impiegati in fase di prima realizzazione o altri in base all'evoluzione tecnologica Disotturazione cavedi Quando necessario Attrezzi manuali, compressore per iniezione azqua alta pressione 17

19 3.10 Pali metallici Collocazione Vedasi topografico di progetto Livello minimo delle prestazioni Sostegno corpo illuminante, protezione meccanica, stabilità Anomalie riscontrabili Rotture o deformazioni in caso di incidente stradale/azione meccaniche Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Controllo dell'integrità del palo e del cordolo Controllo serraggio bullonerie e morsettiere Annuale Non necessarie Ogni 2 anni Attrezzi manuali Controllo dell'isolamento Ogni 2 anni Attrezzi manuali e misuratore di isolamento Intervento Periodicita Risorse A Cura di Riparazione/sostituzione Quando necessario Camion, piattaforma di lavoro sviluppabile, miniescavatore, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base allo sviluppo tecnologico 18

20 3.11 Corpi illuminanti Collocazione Vedasi topografico di progetto Livello minimo delle prestazioni Visibilità ed uniformità di illuminazione, come previsto nel progetto Anomalie riscontrabili Sfarfallio della luce, non funzionamento Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Controllo della tenuta delle guarnizioni di protezione e della tenuta dei raccordi in entrata Controllo del serraggio delle bullonerie e delle morsettiere Controllo del serraggio e dell'usura della lampada Ogni 2 anni Ogni 2 anni Ogni 2 anni Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile. Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile. Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile. Controllo dell'isolamento Ogni 2 anni Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile, misuratore di isolamento. Intervento Periodicita Risorse A Cura di Pulizia Annuale Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile, detergenti Sostituzione lampada Quando necessario Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile, materiali usati in fase di prima esecuzione, o altri in base all'evoluzione tecnologica. 19

21 3.12 Opere di verde Collocazione Vedasi topografico di progetto Livello minimo delle prestazioni Garantire un buon livello di estetica di integrazione degli spazi e consentire aree di ristoro Anomalie riscontrabili Piante debilitate, aree verdi sporche, riduzione del livello di luminosità delle strade e degli edifici, dovuta ad una crescita confusa delle piante Lista delle manutenzioni da eseguire Controllo Periodicita Risorse A Cura di Controllo dei parassiti e delle fitopatie in generale Ogni 6 mesi Non necessarie Controllo delle condizioni del terreno Ogni 2 anni Non necessarie Intervento Periodicita Risorse A Cura di Irrigazione Quando necessario Attrezzi manuali Falciatura prati e raccolta del materiale di risulta Bimensile Tosaerba a motore con rifinitura manuale o meccanica dei bordi Concimazioni Annuale Concimi inorganici Potature di piante, arbusti e siepi Bimensile Motosega Rinnovo delle parti difettose dei tappeti erbosi Quando necessario Sementi distribuite a mano Eliminazione e sostituzione delle piante morte Quando necessario Pala meccanica, sostegni pianta 20

22 4 Programma delle prestazioni 4.1 Elemento in manutenzione: Pannelli fonoassorbenti E' una struttura di tipo leggero, collegata all'intradosso della copertura con funzione di isolamento termoacustico e anche di mascheramento di travature ed impianti in genere. Sono caratterizzati da: - una struttura di sostegno realizzata con intelaiature in metallo o legno, fissate alla copertura; - una chiusura o schermatura. Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Durabilità Benessere Sicurezza Resistenza meccanica e al degrado Elevato potere termocoibente e fonoassorbente. Antitossicità. Resistenza al fuoco (REI) e caratteristiche di ininfiammabilità Annuale 20 Annuale 20 Annuale 20 Stabilità Corretta posa in opera. Annuale 20 Funzionalità Ispezionabilità degli impianti e manutenibilità degli elementi Annuale Elemento in manutenzione: recinzioni Opera generalmente metallica, in muratura o cemento che costituisce barriera fisica tra la proprietà privata e quella pubblica. Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Antintrusione Annuale 50 Durabilità Conservazione delle caratteristiche nel tempo. Resistere agli agenti atmosferici ed alle aggressioni esterne Annuale 50 21

23 4.3 Elemento in manutenzione: Sottofondo in materiale drenante Parte dell'opera costituita da elementi che consentono il drenaggio nel terreno delle acque meteoriche. Il sottofondo in materiale drenante avrà una vita utile pari a 40 Annuale Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Drenaggio di eventuali acque di sottofondo Annuale Elemento in manutenzione: Fondazione stradale in misto stabilizzato Parte dell'opera costituita da materiale che consente la compattazione del manto stradale. Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Compattazione e durevolezza Annuale Elemento in manutenzione: Strato di collegamento E' la parte dell'opera che consente la connessione tra il tappeto di usura e la fondazione stradale. Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Sicurezza Fissaggio allo strato di base, complanarità. Resistenza a compressione Annuale 20 Annuale Elemento in manutenzione: Tappeto d'usura E' lo strato superficiale del manto stradale Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Fissaggio al blinder, complanarità e resistenza all'usura. Annuale 2 22

24 Sicurezza Garantire viabilità e quindi non presentare avvallamenti estesi e profondi (buche) Bimensile Elemento in manutenzione: Segnaletica orizzontale La segnaletica orizzontale è rappresentata dalle strisce realizzate a terra, in vernice apposita, secondo quanto previsto dal C.D.S. Questo tipo di segnaletica può essere oggetto di deterioramento a causa di usura dovuta al transito, agli agenti chimici, fisici e atmosferici. Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Visibilità per l'identificazione delimitazioni viabilità e parcheggi Annuale Elemento in manutenzione: Segnaletica verticale La segnaletica verticale è realizzata tramite pali in ferro zincato sui quali saranno montati appositi cartelli in alluminio con pittogrammi rifrangenti, secondo quanto stabilito dal C.D.S. Le cause di danneggiamento di questa segnaletica possono essere riconducibili ad usura da agenti chimici, atmosferici, deposito di sporcizia, distacco dei cartelli, atti vandalici, incidenti stradali e/o azioni meccaniche Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Visibilità per l'identificazione degli obblighi, divieti ecc. Annuale Elemento in manutenzione: Pozzetti di ispezione e dispersori di terra Saranno costituiti da quegli elementi previsti nel progetto, che consentono la dispersione a terra di eventuali correnti di guasto e quei cavedi che consentono il controllo dello stato di funzionamento degli elementi stessi. Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Protezione meccanica, isolamento. Annuale 30 23

25 Funzionalità d'uso Ispezionabilità, fruibilità dei cavedi Annuale Elemento in manutenzione: Pali metallici Sono gli elementi di sostegno dei corpi illuminanti e avranno forma e dimensione come previsto da progetto Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Sostegno corpo illuminante, protezione meccanica e stabilità Annuale Elemento in manutenzione: Corpi illuminanti Sono i punti, realizzati come previsto nel progetto, necessari ad una corretta illuminazione delle vie di transito. Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Sicurezza Sicurezza Le lampade devono garantire visibilità e uniformità di illuminazione I corpi illuminanti devono garantire adeguata protezione meccanica e contro la penetrazione di liquidi e polveri, come da progetto Annuale 5 Annuale Elemento in manutenzione: Opere di verde Piante, aiuole, giardini realizzati per migliorare le qualità estetiche della zona. Elenco dei requisiti: Classe Prestazione Ciclo di vita utile Num. Cicli di vita utile Estetica Garantire un buon livello di estetica. Annuale 20 24

26 5 Programma dei controlli 5.1 Elemento in manutenzione: Pannelli fonoassorbenti Elenco dei controlli: Visivo sullo stato di usura degli elementi e di eventuali parti danneggiate. Annuale persone qualificate mantenimento caratteristiche e rispondenza con i bisogni dell'utenza. Nessuna Cadenza E' una struttura di tipo leggero, collegata all'intradosso della copertura con funzione di isolamento termoacustico e anche di mascheramento di travature ed impianti in genere. Sono caratterizzati da: - una struttura di sostegno realizzata con intelaiature in metallo o legno, fissate alla copertura; - una chiusura o schermatura. 5.2 Elemento in manutenzione: Recinzioni Elenco dei controlli: Verifica grado di usura dei componenti che formano la barriera Annuale non necessarie Opera generalmente metallica, in muratura o cemento che costituisce barriera fisica tra la proprietà privata e quella pubblica. 5.3 Elemento in manutenzione: Sottofondo in materiale drenante Elenco dei controlli: Verifica grado di usura dei componenti 10 anni Parte dell'opera costituita da elementi che consentono il drenaggio nel terreno delle acque meteoriche. Il sottofondo in materiale drenante avrà una vita utile pari a 40 Annuale 5.4 Elemento in manutenzione: Fondazione stradale in misto stabilizzato Elenco dei controlli: 25

27 Verifica grado di usura dei componenti 10 anni Parte dell'opera costituita da materiale che consente la compattazione del manto stradale. 5.5 Elemento in manutenzione: Strato di collegamento Elenco dei controlli: Verifica grado di usura dei componenti 10 anni E' la parte dell'opera che consente la connessione tra il tappeto di usura e la fondazione stradale. 5.6 Elemento in manutenzione: Tappeto d'usura Elenco dei controlli: Verifica dello stato di conservazione della superficie e di eventuali fessurazioni buche o cedimenti Annuale Attrezzi manuali, rilevatore rugosità E' lo strato superficiale del manto stradale 5.7 Elemento in manutenzione: Segnaletica orizzontale Elenco dei controlli: Verifica dello stato di pulizia e visibilità della segnaletica Annuale Non necessarie La segnaletica orizzontale è rappresentata dalle strisce realizzate a terra, in vernice apposita, secondo quanto previsto dal C.D.S. Questo tipo di segnaletica può essere oggetto di deterioramento a causa di usura dovuta al transito, agli agenti chimici, fisici e atmosferici. 5.8 Elemento in manutenzione: Segnaletica verticale Elenco dei controlli: 26

28 Verifica dello stato di conservazione delle bullonerie di fissaggio e dei pali e dello stato di pulizia del cartello Annuale Non necessarie La segnaletica verticale è realizzata tramite pali in ferro zincato sui quali saranno montati appositi cartelli in alluminio con pittogrammi rifrangenti, secondo quanto stabilito dal C.D.S. Le cause di danneggiamento di questa segnaletica possono essere riconducibili ad usura da agenti chimici, atmosferici, deposito di sporcizia, distacco dei cartelli, atti vandalici, incidenti stradali e/o azioni meccaniche 5.9 Elemento in manutenzione: Pozzetti di ispezione e dispersori di terra Elenco dei controlli: Controllo di integrità del chiusino Annuale Non necessarie Controllo del serraggio di morsetti e bullonerie Annuale Attrezzi manuali Controllo dell'isolamento Annuale Attrezzi manuali e misuratore di isolamento Verifica strumentale della messa a terra, con controllo dei valori ohmici della rete disperdente, dei valori di resistenza a terra di tutti gli utilizzatori elettrici. Annuale Attrezzi manuali e misuratore di isolamento Saranno costituiti da quegli elementi previsti nel progetto, che consentono la dispersione a terra di eventuali correnti di guasto e quei cavedi che consentono il controllo dello stato di funzionamento degli elementi stessi Elemento in manutenzione: Pali metallici Elenco dei controlli: Controllo dell'integrità del palo e del cordolo Controllo serraggio bullonerie e morsettiere Annuale Non necessarie Annuale Attrezzi manuali Controllo dell'isolamento Annuale Attrezzi manuali e misuratore di isolamento Sono gli elementi di sostegno dei corpi illuminanti e avranno forma e dimensione come previsto da progetto 27

29 5.11 Elemento in manutenzione: Corpi illuminanti Elenco dei controlli: Controllo della tenuta delle guarnizioni di protezione e della tenuta dei raccordi in entrata Controllo del serraggio delle bullonerie e delle morsettiere Controllo del serraggio e dell'usura della lampada Annuale Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile. Annuale Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile. Annuale Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile. Controllo dell'isolamento Annuale Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile, misuratore di isolamento. Sono i punti, realizzati come previsto nel progetto, necessari ad una corretta illuminazione delle vie di transito Elemento in manutenzione: Opere di verde Elenco dei controlli: Controllo dei parassiti e delle fitopatie in generale Annuale Non necessarie Controllo delle condizioni del terreno Annuale Non necessarie Piante, aiuole, giardini realizzati per migliorare le qualità estetiche della zona. 28

30 6 Programma degli interventi 6.1 Elemento in manutenzione: Pannelli fonoassorbenti Elenco degli interventi: Sostituzione degli elementi danneggiati e non ritenuti più idonei. Quando necessario attrezzature manuali e nuovi componenti E' una struttura di tipo leggero, collegata all'intradosso della copertura con funzione di isolamento termoacustico e anche di mascheramento di travature ed impianti in genere. Sono caratterizzati da: - una struttura di sostegno realizzata con intelaiature in metallo o legno, fissate alla copertura; - una chiusura o schermatura. 6.2 Elemento in manutenzione: Recinzioni Elenco degli interventi: ripristino delle parti degradate ed ammalorate Quando necessario attrezzature e prodotti specifici per il mantenimento Sostituzione completa della recinzione Quando necessario attrezzature e nuovi elementi Opera generalmente metallica, in muratura o cemento che costituisce barriera fisica tra la proprietà privata e quella pubblica. 6.3 Elemento in manutenzione: Sottofondo in materiale drenante Elenco degli interventi: Rifacimento Quando necessario Macchine movimento terra, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica Parte dell'opera costituita da elementi che consentono il drenaggio nel terreno delle acque meteoriche. Il sottofondo in materiale drenante avrà una vita utile pari a 40 Annuale 29

31 6.4 Elemento in manutenzione: Fondazione stradale in misto stabilizzato Elenco degli interventi: Rifacimento Quando necessario Macchine movimento terra, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica Parte dell'opera costituita da materiale che consente la compattazione del manto stradale. 6.5 Elemento in manutenzione: Strato di collegamento Elenco degli interventi: Rifacimento Quando necessario Attrezzi manuali, compattatore, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica E' la parte dell'opera che consente la connessione tra il tappeto di usura e la fondazione stradale. 6.6 Elemento in manutenzione: Tappeto d'usura Elenco degli interventi: Rifacimento Annuale Macchine speciali (finitrice, spandi emulsione, rullo compattatore) materiali impiegati in fase di prima esecuzione o latri in base all'evoluzione tecnologica. Chiusura di buche e cedimenti con asfalto a freddo e rifacimento pavimentazione. Quando necessario Materie prime, rullo compattatore E' lo strato superficiale del manto stradale 30

32 6.7 Elemento in manutenzione: Segnaletica orizzontale Elenco degli interventi: Rifacimento/ripristino Quando necessario Macchine speciali (spruzza vernice) materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica La segnaletica orizzontale è rappresentata dalle strisce realizzate a terra, in vernice apposita, secondo quanto previsto dal C.D.S. Questo tipo di segnaletica può essere oggetto di deterioramento a causa di usura dovuta al transito, agli agenti chimici, fisici e atmosferici. 6.8 Elemento in manutenzione: Segnaletica verticale Elenco degli interventi: Pulizia cartelli Bimensile Sostanze solventi o similari Sostituzione cartelli/pali Quando necessario Mini escavatore, attrezzi manuali, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base all'evoluzione tecnologica. La segnaletica verticale è realizzata tramite pali in ferro zincato sui quali saranno montati appositi cartelli in alluminio con pittogrammi rifrangenti, secondo quanto stabilito dal C.D.S. Le cause di danneggiamento di questa segnaletica possono essere riconducibili ad usura da agenti chimici, atmosferici, deposito di sporcizia, distacco dei cartelli, atti vandalici, incidenti stradali e/o azioni meccaniche 6.9 Elemento in manutenzione: Pozzetti di ispezione e dispersori di terra Elenco degli interventi: Ingrassaggio bulloni e pulizia Annuale Attrezzi manuali grasso protettivo 31

33 Riparazione/sostituzione componenti Quando necessario Attrezzi manuali, materiali impiegati in fase di prima realizzazione o altri in base all'evoluzione tecnologica Disotturazione cavedi Quando necessario Attrezzi manuali, compressore per iniezione azqua alta pressione Saranno costituiti da quegli elementi previsti nel progetto, che consentono la dispersione a terra di eventuali correnti di guasto e quei cavedi che consentono il controllo dello stato di funzionamento degli elementi stessi Elemento in manutenzione: Pali metallici Elenco degli interventi: Riparazione/sostituzione Quando necessario Camion, piattaforma di lavoro sviluppabile, miniescavatore, materiali impiegati in fase di prima esecuzione o altri in base allo sviluppo tecnologico Sono gli elementi di sostegno dei corpi illuminanti e avranno forma e dimensione come previsto da progetto 6.11 Elemento in manutenzione: Corpi illuminanti Elenco degli interventi: Pulizia Semestrale Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile, detergenti Sostituzione lampada Quando necessario Attrezzi manuali, piattaforma di lavoro sviluppabile, materiali usati in fase di prima esecuzione, o altri in base all'evoluzione tecnologica. 32

34 Sono i punti, realizzati come previsto nel progetto, necessari ad una corretta illuminazione delle vie di transito Elemento in manutenzione: Opere di verde Elenco degli interventi: Irrigazione Falciatura prati e raccolta del materiale di risulta Quando necessario Attrezzi manuali Bimensile Tosaerba a motore con rifinitura manuale o meccanica dei bordi Concimazioni Annuale Concimi inorganici Potature di piante, arbusti e siepi Bimensile Motosega Rinnovo delle parti difettose dei tappeti erbosi Quando necessario Sementi distribuite a mano Eliminazione e sostituzione delle piante morte Quando necessario Pala meccanica, sostegni pianta Piante, aiuole, giardini realizzati per migliorare le qualità estetiche della zona. Il tecnico 33

Manuale d'uso. Comune di San Vito al Torre. Provincia di Udine. Committente Comune di San Vito al Torre. Cantiere:

Manuale d'uso. Comune di San Vito al Torre. Provincia di Udine. Committente Comune di San Vito al Torre. Cantiere: Manuale d'uso Comune di San Vito al Torre Provincia di Udine Committente Comune di San Vito al Torre Cantiere: LAVORI DI SISTEMAZIONE E ASFALTATURA VIABILITÁ COMUNALE, VIA AQUILEIA FRAZIONE CRAUGLIO Pagina

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE

PROVINCIA DI LECCO Settore Viabilità e Grandi Infrastrutture PIANO DI MANUTENZIONE Generalità Il presente documento viene redatto con lo specifico scopo di programmare gli interventi di manutenzione, di carattere ordinario, da attuare successivamente alla realizzazione delle opere previste

Dettagli

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare

Documentazione disponibilità Luogo di conservazione Provincia di Pistoia preliminare 1 te generali Il presente piano di manutenzione relativo alla realizzazione della Variante alla SR 66 Pistoiese in località Limestre (San Marcello P.se), è redatto tenendo conto delle specifiche norme

Dettagli

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO 1 PREMESSA La A.S.P. San Domenico (altrimenti nota come Casa di Riposo San Domenico) intende procedere alla sistemazione della aree esterne dello stesso Istituto al fine di ricavarvi la strada interna

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Selargius Provincia di Cagliari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEI CONTROLLI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Completamento Via della Resistenza Realizzazione

Dettagli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Galleria artificiale tra i cavalcavia di via Piave e del parco Parva Domus Relazione Paesaggistica Art. 3 del D.P.C.M.

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Bitritto Provincia di Bari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI (Articolo 0 D.P.R. 55/99) OGGETTO: OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione.

Il piano di manutenzione è costituito dai seguenti documenti operativi: il manuale di manutenzione comprensivo del programma di manutenzione. PREMESSA: Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

COMUNE DI LAINATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAINATE PROVINCIA DI MILANO MOD. 7.3.3.c_es_rev. 00 COMUNE DI LAINATE PROVINCIA DI MILANO PROGETTO: OGGETTO: COMMITTENTE: PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO LAVORI DI BONIFICA PER LA RIMOZIONE DELLE LASTRE ONDULATE DI CEMENTO-AMIANTO

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Elenco delle Unità strutturali. Strutture di fondazione Sono previste al piano terra dell area 1. Travi di fondazione in acciaio.

Elenco delle Unità strutturali. Strutture di fondazione Sono previste al piano terra dell area 1. Travi di fondazione in acciaio. INDICE 1 PREMESSA... 2 2 PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (art. 10.1 DM 14/01/2008)... 3 3 MANUALE D'USO... 6 4 MANUALE DI MANUTENZIONE... 7 5 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 9 1 PREMESSA Il piano di

Dettagli

Geometra Carlo Cecchetelli

Geometra Carlo Cecchetelli STUDIO CECCHETELLI Piazza XX Settembre n. 27/2-61032 FANO - tel. 0721/827780 Ditta : SORCINELLI GIANFRANCO SANTINI LUCIANA Oggetto : PIANO ATTUATIVO DEL COMPARTO DENOMINATO ST6_52 Comparto residenziale

Dettagli

ALL.9 - ANALISI PREZZI

ALL.9 - ANALISI PREZZI AP_01 muro rivestito prefabbricato c.re MURO DI SOSTEGNO IN C.A. voce a misura MURO DI SOSTEGNO IN C.A. Realizzato con Pannelli PREFABBRICATI rivestiti con pietra di vario genere. Possono essere realizzate

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

S.P.6 "di Comeno", S.P. 7 "di Gabrovizza" MESSA A NORMA DELLE BARRIERE DI SICUREZZA IN CORRISPONDENZA DELL'INCROCIO TRA LE DUE STRADE PROVINCIALI

S.P.6 di Comeno, S.P. 7 di Gabrovizza MESSA A NORMA DELLE BARRIERE DI SICUREZZA IN CORRISPONDENZA DELL'INCROCIO TRA LE DUE STRADE PROVINCIALI V.A. 1 DECESPUGLIAMENTO E ABBATTIMENTO ALBERATURE Esecuzione di decespugliamento di rovi, arbusti, cespugli in macchie e abbattimento di alberature comprese nell'area di cantiere. Intervento comprensivo

Dettagli

LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA VARIANTE ALLA S.S. N 45 BIS TRA I COMUNI DI ARCO E RIVA DEL GARDA

LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA VARIANTE ALLA S.S. N 45 BIS TRA I COMUNI DI ARCO E RIVA DEL GARDA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DIPARTIMENTO PROTEZIONE CIVILE E INFRASTRUTTURE SERVIZIO INFRASTRUTTURE STRADALI E FERROVIARIE LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA VARIANTE ALLA S.S. N 45 BIS TRA I COMUNI DI ARCO

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori

Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Autostrada A12 Livorno-Civitavecchia Lotto 6 Opere strutturali maggiori Introduzione Il progetto del tratto autostradale in esame prevede interventi relativi alle seguenti opere strutturali maggiori. Raddoppio

Dettagli

- Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE.

- Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Comune di Lizzano - Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. - Rifacimento della facciata esterna e sostituzione dei pluviali, sistemazione

Dettagli

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO

Comune di CREMONA. Settore Progettazione MANUALE D USO E MANUTENZIONE PROGETTO ESECUTIVO STUDIO INGEGNERIA STRUTTURALE MASSETTI CONSOLIDAMENTO EDIFICI STORICI, MONITORING PROGETTAZIONE SISMICA, STRUTTURISTICA CONSULENZA E DIREZIONE LAVORI PROGETTAZIONE EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI Via Brescia

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO COMUNE DI ODERZO PROVINCIA DI TREVISO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PUBBLICA INERENTE ALL AREA DENOMINATA EX-EUROPA SITA IN VIA DELLE GRAZIE A ODERZO in adeguamento all'app3 in Variante COMMITTENTE:

Dettagli

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l.

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l. 1A OPERE URBAN. PRIMARIA AREE IN CESSIONE 1 1.5.1.1.s Demolizione parziale di strutture di fabbricati fuori terra, escluso: l'eventuale ponteggio, le operazioni necessarie per líabbassamento dei materiali

Dettagli

Piano di manutenzione

Piano di manutenzione Opera Comune di: Provincia di: Committente: Denominazione: Porto Tolle Rovigo Amministrazione Comunale 8 Stralcio funzionale Porto peschereccio Pila-Barbamarco Piano di manutenzione Proprietà Committente:

Dettagli

SCHEMA ATTIVITA PER LA MANUTENZIONE DELLA STRUTTURA FAST PARK IN VIA GUGLIELMO MARCONI

SCHEMA ATTIVITA PER LA MANUTENZIONE DELLA STRUTTURA FAST PARK IN VIA GUGLIELMO MARCONI SCHEMA ATTIVITA PER LA MANUTENZIONE DELLA STRUTTURA FAST PARK IN VIA GUGLIELMO MARCONI Articolo 1 - Oggetto della manutenzione La struttura è costituita da: n 88 moduli piani standard; n 5 moduli piani

Dettagli

COMPUTO METRICO. Olbia OT. adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 OGGETTO: COMUNE DI OLBIA COMMITTENTE: Data, 11/05/2015

COMPUTO METRICO. Olbia OT. adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 OGGETTO: COMUNE DI OLBIA COMMITTENTE: Data, 11/05/2015 Olbia OT pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 COMMITTENTE: COMUNE DI OLBIA Data, 11/05/2015 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright

Dettagli

SETTORE SERVIZI TECNICI Via A. Nanni 17/19 c.a.p. 07026 Olbia (OT) Tel. 0789/557600 Fax 0789/557690 C.F. 02034880902 1 STRALCIO FUNZIONALE

SETTORE SERVIZI TECNICI Via A. Nanni 17/19 c.a.p. 07026 Olbia (OT) Tel. 0789/557600 Fax 0789/557690 C.F. 02034880902 1 STRALCIO FUNZIONALE PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO SETTORE SERVIZI TECNICI Via A. Nanni 17/19 c.a.p. 07026 Olbia (OT) Tel. 0789/557600 Fax 0789/557690 C.F. 02034880902 1 STRALCIO FUNZIONALE OGGETTO: Collegamento alla Abbasanta

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

ALLEGATO A. Comune di Porto San Paolo. Provincia di OT DIAGRAMMA DI GANTT. Cronoprogramma dei lavori

ALLEGATO A. Comune di Porto San Paolo. Provincia di OT DIAGRAMMA DI GANTT. Cronoprogramma dei lavori ALLEGATO A Comune di Porto San Paolo Provincia di OT DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Realizzazione

Dettagli

COMUNE. Piano di manutezione

COMUNE. Piano di manutezione COMUNE Piano di manutezione 1 Sommario 1 INTRODUZIONE pag. 2 2 ANAGRAFICA DELL OPERA pag. 3 3 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMMOBILE pag. 4 4 IL PIANO DI MANUTENZIONE pag. 5 5 INDIVIDUAZIONE CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE

Dettagli

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI

TITOLARITÀ DEGLI INTERVENTI All D PREMESSA Con la normativa vigente in materia di Lavori Pubblici viene riconosciuta l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo, attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Il Sistema Evolution Modì è la nuova soluzione per la realizzazione di vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane,

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Tramonti Provincia di SA DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: REALIZZAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina

Dettagli

Comune di Portovenere

Comune di Portovenere Comune di Portovenere INTERVENTO DI MESSA IN SICUREZZA VIABILITA' PROVINCIALE SP-530 IN CORRISPONDENZA DEGLI ACCESSI AL BORGO DEL FEZZANO (PORTO VENERE), MEDIANTE LA REALIZZAZIONE DI ROTATORIA FUNZIONALE

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

TABELLA ANALITICA GANTT

TABELLA ANALITICA GANTT TABELLA ANALITICA GANTT Tabella Analitica Gantt F A S I D I L A V O R O Z I gg L gg C data Iniziale data Finale Realizzazione della recinzione e degli accessi al cantiere 2 1 2 2 12/12/2013 13/12/2013

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball -

Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball - Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball - N descrizione costo un. Quantità totale Costo totale Demolizione strutture

Dettagli

PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE "AC4"

PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AC4 CITTA' DI MEDA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE "AC4" TAVOLA RIEPILOGO COSTI OPERE DI URBANIZZAZIONE NUMERO TAVOLA DATA 10/11/2014 VARIAZIONE CONSULENTE RESPONSABILE PROCEDIMENTO

Dettagli

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO  OLGIATE OLONA CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA Art. Descrizione u.m. Qt. / Unità / Totale 1,00 OPERE DI ALLESTIMENTO CANTIERE 1,01 Oneri relativi

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE MANUALE D USO E MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE Cap. 10.1 del D.M. 14 gennaio 2008 e cap. C10.1 par. 4.1 della Circ. n. 617/2009 1. PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE PREMESSA Ai sensi del C10.1 punto

Dettagli

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2 Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo PIANO DI MANUTENZIONE PREMESSA: Il piano di manutenzione

Dettagli

Cronoprogramma (Gantt)

Cronoprogramma (Gantt) Cronoprogramma (Gantt) Non potendo preventivare nel tempo e quindi programmare i lavori di manutenzione ordinaria, la predisposizione di un cronoprogramma lavori risulta di difficile realizzazione e soprattutto

Dettagli

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Comune di CARMIANO Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Struttura portante l ascensore della Scuola Primaria "Archimede Lecciso" via Stazione - Carmiano Sommario Il piano di manutenzione è il documento

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE INTRODUTTIVA... 2 MANUALE D USO... 3 Partizione orizzontale... 3 Chiusura verticale:... 3 Partizione verticale:... 4 Impianti:... 6 MANUALE DI MANUTENZIONE... 7 Partizione

Dettagli

GIUNTI STRUTTURALI 91

GIUNTI STRUTTURALI 91 90 GIUNTI STRUTTURALI 91 INTRODUZIONE Gli edifici di grandi dimensioni aventi cubature superiori ai 3000 m 3 sono generalmente costituiti da più corpi di fabbrica l uno accostato all altro, ma appaiono

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Lavori di realizzazione di nuovo parcheggio pubblico su area a servizi S9 in via Allende, Rivalta di Torino IN D I C E 1.0 PROGRAMMA DIMANUTENZIONE...2 1.1 MANUTENZIONE

Dettagli

Scarichi per ponti Multitop Serie HSD-2 e HSD 5, Classe D 400 conformi alla norma UNI EN 124, con flangia a norma UNI EN 1253

Scarichi per ponti Multitop Serie HSD-2 e HSD 5, Classe D 400 conformi alla norma UNI EN 124, con flangia a norma UNI EN 1253 Scarichi per ponti Multitop Serie HSD-2 e HSD 5, Classe D 400 Scarichi per ponti in cemento armato, Sistema HSD 2, 300 x 500 in ghisa Classe D 400 secondo normativa UNI EN 124. Questi scarichi sono composti

Dettagli

1 PREMESSE. 01.01 Chiusini e pozzetti

1 PREMESSE. 01.01 Chiusini e pozzetti 1 PREMESSE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare al progetto preliminare/definitivo/esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi

Dettagli

COMUNE DI CATIGLIONE DI SIICLIA PROVINCIA DI CATANIA PIANO DI MANUTENZIONE

COMUNE DI CATIGLIONE DI SIICLIA PROVINCIA DI CATANIA PIANO DI MANUTENZIONE COMUNE DI CATIGLIONE DI SIICLIA PROVINCIA DI CATANIA PROGETTO:RIQUALIFICAZIONE URBANA DELL'AREA COMPRESA TRA VIA IV NOVEMBRE E VIA ABATE CONIGLIO OGGETTO: PIANO DI MANUTENZIONE COMMITTENTE: COMUNE DI CASTIGLIONE

Dettagli

INDICE. 1 PREMESSA Pag. 2. 2 STATO DEI LUOGHI Pag. 5 DESCRIZIONE DEL PROGETTO APPROVATO NELLA CONFERENZA DEI SERVIZI DEL 20/06/2002

INDICE. 1 PREMESSA Pag. 2. 2 STATO DEI LUOGHI Pag. 5 DESCRIZIONE DEL PROGETTO APPROVATO NELLA CONFERENZA DEI SERVIZI DEL 20/06/2002 INDICE 1 PREMESSA Pag. 2 2 STATO DEI LUOGHI Pag. 5 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO APPROVATO NELLA CONFERENZA DEI SERVIZI DEL 20/06/2002 Pag. 7 4 DESCRIZIONE DEL PROGETTO APPROVATO NELLA CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI ALLEGATO A Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: PROGETTO DI COMPLETAMENTO DELL'EDIFICIO LOCULI

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO ALLEGATO F RELAZIONE ILLUSTRATIVA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Prezzo 01 - Rotatoria

Prezzo 01 - Rotatoria LAVORI A CORPO 1 Prezzo 01 - Rotatoria Prezzo per la realizzazione della rotatoria del diametro di 45.20 mt. in ambito extraurbano all'incrocio tra la Via Vittorio Veneto e la strada provinciale Sestu

Dettagli

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI COMUNEDILANCI ANO CH- PI ANODIMANUTENZI ONEDELL OPERAE DELLESUEP ARTI PROGRAMMADIMANUTENZI ONE SOTTOPROGRAMMACONTROLLI SOTTOPROGRAMMA I NTERVENTI SOTTOPROGRAMMA PRESTAZI ONI ALLEGATO 1 4 TAVOLA 0 0 LANCI

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di GIOIA DEL COLLE Provincia di BARI DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO:

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DEI CORPI STRADALI

PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DEI CORPI STRADALI ELABORATO A.4 SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO PROGETTAZIONE E COSTRUZIONI STRADALI S.P. n 569 DI VIGNOLA COMPLETAMENTO DELLA VARIANTE GENERALE ALLA S.P. N 569 E REALIZZAZIONE DELLE VARIANTI ALLA S.P.

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

Piano di manutenzione dell opera

Piano di manutenzione dell opera Piano di manutenzione dell opera I INDICE 1 NOTE D USO DEL PIANO... 1 1.1 NOTE GENERALI... 1 1.2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI PROGETTO... 2 1.3 CATEGORIE D OPERA E UNITA TECNOLOGICHE... 3 1.4 GRADO

Dettagli

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio

C O M U N E D I M O N T E V E G L I O Provincia di Bologna 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio 3^ SETTORE Lavori Pubblici, Ambiente e Patrimonio CARATTERISTICHE TECNICHE MINIME PER LA PRESA IN CARICO DELLE URBANIZZAZIONI Allegato B alla delibera di Consiglio Comunale n. 69 del 30/11/2011 Comune

Dettagli

Piano di Manutenzione SOMMARIO

Piano di Manutenzione SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Travi in legno... 2 Travi in acciaio... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Travi in legno... 3 Travi in acciaio... 5 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 8 Travi in legno... 8 Travi in

Dettagli

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI GUAGNANO Provincia DI LECCE POI ENERGIA 2007 2013 / PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DELL IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Mentana Provincia di Roma DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Realizzazione

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA COMUNE: MARTINENGO All. RTI COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE TANGENZIALE NORD (ex accordo art. 11 L. 241/90) opere

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante

Muro di contenimento a mensola. Scale con travi a ginocchio Scale a soletta rampante Pali trivellati Fondazioni profonde Pali battuti Micropali Verifica strutture Platea Fondazioni superficiali Plinti Manutenzione fondazioni Travi rovesce Verifica statica Pilastri Travi STRUTTURE IN C.A.

Dettagli

SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME

SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME SACAL S.p.A. AEROPORTO CIVILE INTERNAZIONALE DI LAMEZIA TERME PROGETTO PER LA SISTEMAZIONE E LA COPERTURA DELL AREA D INGRESSO ANTISTANTE L AEROSTAZIONE DI LAMEZIA TERME RELAZIONE TECNICA I lavori eseguiti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE

COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE COMUNE DI SCIACCA PROVINCIA DI PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE: INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DELL'I.I.S.S. "C. AMATO VETRANO" DI SCIACCA IN RELAZIONE ALL'EFFICIENZA

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE in colore nero i lavori da realizzare, senza possibilità di scomputo dagli oneri di urbanizzazione

Dettagli

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1

INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 INDICE 1. PREMESSE... 1 2. STATO DI FATTO... 1 3. STATO DI PROGETTO... 2 3.1 VIABILITA AUTORIMESSA MARCO POLO...3 3.2 VIABILITA PARCHEGGIO SPEEDY PARK...4 3.3 VIABILITA ZONA DARSENA...5 3.4 SEZIONI TIPO

Dettagli

S.G.M. geologia e ambiente. progettazione e realizzazione opere edili

S.G.M. geologia e ambiente. progettazione e realizzazione opere edili S.G.M. geologia e ambiente progettazione e realizzazione opere edili SCAVI E MOVIMENTI TERRA, DEMOLIZIONI, OPERE DI URBANIZZAZIONE, ACQUEDOTTI E FOGNATURE, TRATTAMENTO ACQUE REFLUE, IMPIANTI ELETTRICI,

Dettagli

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips Sistema di controsoffitto autoportante senza requisiti antincendio Il sistema di controsoffitti autoportanti offre all esecutore un alternativa particolarmente interessante ai sistemi di controsoffitti

Dettagli

Fondaline. per una efficace protezione delle opere sottoterra

Fondaline. per una efficace protezione delle opere sottoterra Fondaline per una efficace protezione delle opere sottoterra FONDALINE è una membrana bugnata in Polietilene ad Alta Densità (HDPE) resistente agli urti, che permette di proteggere facilmente le strutture

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO A BIOMASSE (LEGNO VERGINE) A SERVIZIO DELLA FRAZIONE DI VALLOMBROSA NEL COMUNE DI REGGELLO

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO A BIOMASSE (LEGNO VERGINE) A SERVIZIO DELLA FRAZIONE DI VALLOMBROSA NEL COMUNE DI REGGELLO IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO A BIOMASSE (LEGNO VERGINE) A SERVIZIO DELLA FRAZIONE DI VALLOMBROSA NEL COMUNE DI REGGELLO Dott. Ing. Paolo Vangi Via Roma, 289 50012 Bagno a Ripoli (FI) Tel./Fax

Dettagli

COMUNE DI RIMINI E.01 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI

COMUNE DI RIMINI E.01 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DIMIGLIORAMENTO SISMICO DELL EDIFICIOSCOLASTICO DENOMINATO SCUOLA ELEMENTARE GIANNI RODARI (VIA QUAGLIATI N.9

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

6 Settore Servizi al Territorio e al Patrimonio. Comune di Campi Bisenzio. (Provincia di Firenze)

6 Settore Servizi al Territorio e al Patrimonio. Comune di Campi Bisenzio. (Provincia di Firenze) 6 Settore Servizi al Territorio e al Patrimonio Comune di Campi Bisenzio (Provincia di Firenze) Gestione e conduzione dell area a verde denominata Parco Iqbal di proprieta del Comune di Campi Bisenzio

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA.

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. 00304260409 PROGETTO ESECUTIVO Relativo a: Intervento finalizzato al Miglioramento

Dettagli

PROVINCIA DI BRESCIA AREA TECNICA S.P.BS 237 "DEL CAFFARO" COSTRUZIONE DEVIANTE TRATTA DA VESTONE NORD A IDRO SUD CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA

PROVINCIA DI BRESCIA AREA TECNICA S.P.BS 237 DEL CAFFARO COSTRUZIONE DEVIANTE TRATTA DA VESTONE NORD A IDRO SUD CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA PROVINCIA DI BRESCIA AREA TECNICA S.P.BS 237 "DEL CAFFARO" COSTRUZIONE DEVIANTE TRATTA DA VESTONE NORD A IDRO SUD CALCOLO SOMMARIO DELLA SPESA In accordo con le indicazioni di cui al comma 1 dell'art.

Dettagli

Settore A4 Restauro e conservazione del Patrimonio immobiliare artistico e storico

Settore A4 Restauro e conservazione del Patrimonio immobiliare artistico e storico Settore A4 Restauro e conservazione del Patrimonio immobiliare artistico e storico SISTEMAZIONE GIARDINI PUBBLICI E PAVIMENTAZIONE ESTERNA AL TEATRO COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO Carpi, novembre 2015 R_

Dettagli

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com Sinergo Spa - via Ca Bembo 152-30030 - Maerne di Martellago - Venezia - Italy tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com oggetto PROGETTO ESECUTIVO AMMODERNAMENTO IMPIANTO

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Taggia Provincia di Imperia PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI MURO DI SOSTEGNO VILLA CURLO

Dettagli

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI B R E V E T TAT O Calcestruzzo drenante e fonoassorbente a elevate prestazioni, ideale per la realizzazione di pavimentazioni DrainBeton

Dettagli

Scarichi ad alta prestazione per tetti piani per il drenaggio delle acque meteoriche

Scarichi ad alta prestazione per tetti piani per il drenaggio delle acque meteoriche Scarichi Scarichi ad alta prestazione per tetti piani per il drenaggio delle acque meteoriche Per scaricare le acque piovane da tetti piani, parcheggi e terrazzi, offre un sistema di costruzione componibile

Dettagli

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità!

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! 1 Elemento Monoblocco>> > Préfaest garantisce! Calcestruzzo con alte prestazioni per una eccellente resistenza. Fabbricato con un calcestruzzo armato ad alte

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI 1. PREMESSA Il presente piano di manutenzione individua gli elementi necessari alla previsione, pianificazione e programmazione degli interventi di manutenzione

Dettagli

ANALISI PREZZI. Comune di Prato Provincia di Prato

ANALISI PREZZI. Comune di Prato Provincia di Prato Comune di Prato Provincia di Prato pag. 1 ANALISI PREZZI OGGETTO: Asse delle industrie Nord-Sud, svincolo san Paolo-Galciana. Fase 3B, collegamento stradale con Galciana. COMMITTENTE: Comune di Prato Data,

Dettagli