NOTA INFORMATIVA MiFID

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA INFORMATIVA MiFID"

Transcript

1 Pag.1 di 15 NOTA INFORMATIVA MiFID Il/I sottoscritto/i (NDC) (Nome) (Nome) Dichiara/Dichiariamo di aver ricevuto e di averne assimilato il contenuto dei seguenti documenti che mi/ci avete consegnato: - Nota Informativa conposta di n 15 pagine, unite tra loro a mezzo di spillatura metallica, e costituito dalle seguenti parti: Presente foglio che costituisce il frontespizio; Nota Informativa in dettaglio; Allegato A, Informativa sulla Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse; Allegato B, Informativa sulla strategia di trasmissione e/o di esecuzione ordini per conto dei clienti; Allegato C Informativa sugli Incentivi percepiti dalla Banca. In particolare, con riferimento al contenuto dell allegato B, Informativa sulla strategia di trasmissione e/o di esecuzione ordini, presto/iamo specifico consenso per l esecuzione degli ordini al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Luogo e data (firma) (firma)

2 \ NOTA INFORMATIVA Pag.2 di 15 Il presente documento precontrattuale illustra le informazioni previste dagli articoli da 29 a 32 del Regolamento Intermediari che deve essere consegnato ai clienti o ai potenziali clienti in tempo utile prima della prestazione dei servizi di investimento e accessori. Tali informazioni vengono fornite al cliente o al potenziale cliente affinché possa ragionevolmente comprendere la natura dei servizi di investimento e del tipo specifico di strumenti finanziari e i rischi ad essi connessi e, conseguentemente, questo possa prendere le decisioni in materia di investimenti in modo consapevole. Il documento si articola nelle seguenti sezioni. 1) Informazioni generali SEZIONE I INFORMAZIONI SULL IMPRESA DI INVESTIMENTO E I SUOI SERVIZI Nome, sede legale e indirizzo degli intermediari e dei relativi recapiti : BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SpA., sede legale e Direzione Generale in Piazza Salimbeni 3, Siena; La lingua con cui il cliente può comunicare con l intermediario e ricevere da questo documenti e altre informazioni : italiano. Dichiarazione che ogni intermediario (di seguito Banca) è stato autorizzato dall autorità competente: La Banca è autorizzata alla prestazione di tutti i servizi e le attività di investimento, nonché i servizi accessori, indicato all art. 1 del D. Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58. Il GRUPPO MPS è iscritto all'albo dei Gruppi Bancari presso la Banca d'italia n La BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA è iscritta all'albo delle Banche presso la Banca d'italia al n La Banca fornisce ai clienti o potenziali clienti le seguenti ulteriori informazioni generali, ove siano pertinenti : a) metodi di comunicazione che devono essere utilizzati tra la Banca e il Cliente, per l invio e la ricezione di ordini; b) quando la Banca opera tramite un agente collegato in conformità all articolo 23 delle Direttiva 2004/39/CE, una dichiarazione in tal senso in cui viene specificato lo Stato membro in cui tale agente è registrato; c) la natura, la frequenza e le date della documentazione da fornire all investitore a rendiconto dell attività svolta, di cui agli articoli da 53 a 56 del Regolamento Intermediari Consob; d) ove la Banca detenga strumenti finanziari o somme di denaro di clienti, una descrizione sintetica delle misure adottate per assicurare la loro tutela; e) il sistema di indennizzo degli investitori o di garanzia dei depositi pertinente, con una descrizione generale delle modalità di copertura dello stesso. 2) Informazioni sulla politica di gestione dei conflitti di interesse Le informazioni sintetiche sulla Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse sono contenute nell allegato A del presente documento. 3) Informazioni relative al Servizio di Gestione di Portafogli La Banca adotta un metodo appropriato di valutazione e comparazione dei risultati della gestione, anche mediante indicazione di un parametro di riferimento significativo, che sia coerente con gli obiettivi di investimento del cliente e con i tipi di strumenti finanziari inclusi nel portafoglio del cliente, in modo da consentire al cliente la valutazione del servizio prestato. Quando la Banca propone di fornire il servizio di gestione dei portafogli ad un cliente o ad un potenziale cliente, fornisce, in aggiunta alle informazioni di cui al precedente comma, le informazioni seguenti, ove pertinenti : a. informazioni sul metodo e sulla frequenza di valutazione degli strumenti finanziari contenuti nel portafoglio del cliente; b. i dettagli di eventuali deleghe della gestione con specificazione dell ampiezza della delega; c. la descrizione del parametro di riferimento al quale verrà raffrontato il rendimento del portafoglio del cliente; d. i tipi di strumenti finanziari che possono essere inclusi nel portafoglio del cliente e i tipi di operazione che possono essere realizzate su tali strumenti, inclusi eventuali limiti; e. gli obiettivi di gestione, il livello del rischio entro il quale il gestore può esercitare la sua discrezionalità ed eventuali specifiche restrizioni a tale discrezionalità. 4) Informazioni sulla strategia di trasmissione e/o di esecuzione degli ordini per conto dei clienti Nell allegato B al presente documento precontrattuale sono contenute le informazioni sulla strategia ditrasmissione e/o di esecuzione degli ordini per conto dei clienti adottata dalla Banca in conformità alla normativa vigente 5) Informazioni sugli incentivi percepiti dalla Banca Le informazioni sintetiche sugli incentivi percepiti dalla Banca sono contenute nell allegato C del presente documento.

3 Pag.3 di 15 SEZIONE II INFORMAZIONI CONCERNENTI LA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E DELLE SOMME DI DENARO DELLA CLIENTELA La Banca ove detenga strumenti finanziari o somme di denaro appartenenti ai clienti fornisce a tali clienti le informazioni di cui ai commi seguenti ove pertinenti. La Banca informa il cliente o potenziale cliente della eventuale possibilità, che gli strumenti finanziari o le somme di denaro di tale cliente siano detenuti da un terzo per conto dell intermediario, nonché della responsabilità che essi si assumono conformemente al diritto nazionale applicabile, per qualsiasi atto od omissione del terzo medesimo e delle conseguenze che l eventuale insolvenza di quest ultimo determinerebbe per il cliente. Quando gli strumenti finanziari del cliente o potenziale cliente possono essere detenuti in un conto omnibus da un terzo, gli intermediari informano il cliente e gli forniscono un avviso evidente circa i rischi che ne derivano. Quando i conti che contengono strumenti finanziari o somme di denaro appartenenti al cliente o potenziale cliente possono o potranno essere soggetti ad un ordinamento giuridico extracomunitario, gli intermediari forniscono informativa di tale circostanza ed indicano in che misura i diritti del cliente o potenziale cliente relativi a tali strumenti finanziari o somme di denaro possano esserne influenzati. La Banca informa il cliente circa l esistenza e i termini di eventuali diritti di garanzia o privilegi che la medesima, o il subdepositario, vanta o può vantare sugli strumenti finanziari o sulle somme di denaro del cliente, o di eventuali diritti di compensazione esistenti in relazione ad essi. La Banca prima di utilizzare, per proprio conto o per conto di un altro cliente, strumenti finanziari detenuti per conto di un cliente al dettaglio, fornisce allo stesso in tempo utile, su supporto duraturo, informazioni chiare, complete ed accurate sugli obblighi e sulle responsabilità che l utilizzo di tali strumenti finanziari comporta per l intermediario, comprese le condizioni di restituzione degli strumenti, e sui rischi che ne derivano. SEZIONE III DESCRIZIONE GENERALE DELLA NATURA E DEI RISCHI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI LE SEGUENTI INFORMAZIONI NON DESCRIVONO TUTTI I RISCHI ED ALTRI ASPETTI SIGNIFICATIVI RIGUARDANTI GLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI ED I SERVIZI DI GESTIONE PATRIMONIALE PERSONALIZZATA, MA HANNO FINALITÀ DI FORNIRE ALCUNE INFORMAZIONI DI BASE SUI RISCHI CONNESSI A TALI INVESTIMENTI E SERVIZI. AVVERTENZE GENERALI Prima di effettuare un investimento in strumenti finanziari l investitore deve informarsi presso il proprio intermediario sulla natura e i rischi delle operazioni che si accinge a compiere. L investitore deve concludere un operazione solo se ha ben compreso la sua natura ed il grado di esposizione al rischio che essa comporta. Prima di concludere un operazione, una volta apprezzato il suo grado di rischio, l investitore e l intermediario devono valutare se l investimento è adeguato o appropriato per l investitore. PARTE A LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IN STRUMENTI FINANZIARI Per apprezzare il rischio derivante da un investimento in strumenti finanziari è necessario tenere presenti i seguenti elementi: 1) la variabilità del prezzo dello strumento finanziario; 2) la sua liquidità; 3) la divisa in cui è denominato; 4) gli altri fattori fonte di rischi generali. 1) La variabilità del prezzo Il prezzo di ciascun strumento finanziario dipende da numerose circostanze e può variare in modo più o meno accentuato a seconda della sua natura. 1.1) Titoli di capitale e titoli di debito Occorre distinguere innanzitutto tra titoli di capitale (i titoli più diffusi di tale categoria sono le azioni) e titoli di debito (tra i più diffusi titoli di debito si ricordano le obbligazioni e i certificati di deposito), tenendo conto che: a) acquistando titoli di capitale si diviene soci della società emittente, partecipando per intero al rischio economico della medesima; chi investe in titoli azionari ha diritto a percepire annualmente il dividendo sugli utili conseguiti nel periodo di riferimento che l assemblea dei soci deciderà di distribuire. L assemblea dei soci può comunque stabilire di non distribuire alcun dividendo; b) acquistando titoli di debito si diviene finanziatori della società o degli enti che li hanno emessi e si ha diritto a percepire periodicamente gli interessi previsti dal regolamento dell emissione e, alla scadenza, al rimborso del capitale prestato. A parità di altre condizioni, un titolo di capitale è più rischioso di un titolo di debito, in quanto la remunerazione spettante a chi lo possiede è maggiormente legata all andamento economico della società emittente. Il detentore di titoli di debito invece rischierà di non essere remunerato solo in caso di dissesto finanziario della società emittente. Inoltre, in caso di fallimento della società emittente, i detentori di titoli di debito potranno partecipare, con gli altri creditori, alla suddivisione - che comunque si realizza in tempi solitamente molto lunghi - dei proventi derivanti dal realizzo delle attività della società, mentre è pressoché escluso che i detentori di titoli di capitale possano vedersi restituire una parte di quanto investito. 1.2) Rischio specifico e rischio generico Sia per i titoli di capitale che per i titoli di debito, il rischio può essere idealmente scomposto in due componenti: il rischio specifico ed il rischio generico (o sistematico). Il rischio specifico dipende dalle caratteristiche peculiari dell emittente (vedi il successivo punto 1.3) e può essere diminuito sostanzialmente attraverso la suddivisione del proprio investimento tra titoli emessi da emittenti diversi (diversificazione del portafoglio), mentre il rischio sistematico rappresenta quella parte di variabilità del prezzo di ciascun titolo che dipende dalle fluttuazioni del mercato e non può essere eliminato per il tramite della diversificazione. Il rischio sistematico per i titoli di capitale trattati su un mercato organizzato si origina dalle variazioni del mercato in generale, variazioni che possono essere identificate nei movimenti dell indice del mercato. Il rischio sistematico dei titoli di debito (vedi il successivo

4 Pag.4 di 15 punto 1.4) si origina dalle fluttuazioni dei tassi d interesse di mercato che si ripercuotono sui prezzi (e quindi sui rendimenti) dei titoli in modo tanto più accentuato quanto più lunga è la loro vita residua; la vita residua di un titolo ad una certa data è rappresentata dal periodo di tempo che deve trascorrere da tale data al momento del suo rimborso. 1.3) Il rischio emittente Per gli investimenti in strumenti finanziari è fondamentale apprezzare la solidità patrimoniale delle società emittenti e le prospettive economiche delle medesime tenuto conto delle caratteristiche dei settori in cui le stesse operano. Si deve considerare che i prezzi dei titoli di capitale riflettono in ogni momento una media delle aspettative che i partecipanti al mercato hanno circa le prospettive di guadagno delle imprese emittenti. Con riferimento ai titoli di debito, il rischio che le società o gli enti finanziari emittenti non siano in grado di pagare gli interessi o di rimborsare il capitale prestato si riflette nella misura degli interessi che tali obbligazioni garantiscono all investitore. Quanto maggiore è la rischiosità percepita dell emittente tanto maggiore è il tasso d interesse che l emittente dovrà corrispondere all investitore. Per valutare la congruità del tasso di interesse pagato da un titolo si devono tenere presenti i tassi d interesse corrisposti dagli emittenti il cui rischio è considerato più basso, ed in particolare il riferimento offerto dai titoli di Stato, con riferimento a emissioni con pari scadenza. 1.4) Il rischio d interesse Con riferimento ai titoli di debito, l investitore deve tenere presente che la misura effettiva degli interessi si adegua continuamente alle condizioni di mercato attraverso le variazioni del prezzo dei titoli stessi. Il rendimento di un titolo di debito si avvicinerà a quello incorporato nel titolo stesso al momento dell acquisto solo nel caso in cui il titolo stesso venisse detenuto dall investitore fino alla scadenza. Qualora l investitore avesse necessità di smobilizzare l investimento prima della scadenza del titolo, il rendimento effettivo potrebbe rivelarsi diverso da quello garantito dal titolo al momento del suo acquisto. In particolare, per i titoli che prevedono il pagamento di interessi in modo predefinito e non modificabile nel corso della durata del prestito (titoli a tasso fisso), più lunga è la vita residua maggiore è la variabilità del prezzo del titolo stesso rispetto a variazioni dei tassi d interesse di mercato. Ad esempio, si consideri un titolo zero coupon - titolo a tasso fisso che prevede il pagamento degli interessi in un unica soluzione alla fine del periodo con vita residua 10 anni e rendimento del 10% all anno; l aumento di un punto percentuale dei tassi di mercato determina, per il titolo suddetto, una diminuzione del prezzo del 8,6%. È dunque importante per l investitore, al fine di valutare l adeguatezza del proprio investimento in questa categoria di titoli, verificare entro quali tempi potrà avere necessità di smobilizzare l investimento. 1.5) L effetto della diversificazione degli investimenti. Gli organismi di investimento collettivo Come si è accennato, il rischio specifico di un particolare strumento finanziario può essere eliminato attraverso la diversificazione, cioè suddividendo l investimento tra più strumenti finanziari. La diversificazione può tuttavia risultare costosa e difficile da attuare per un investitore con un patrimonio limitato. L investitore può raggiungere un elevato grado di diversificazione a costi contenuti investendo il proprio patrimonio in quote o azioni di organismi di investimento collettivo (fondi comuni d investimento e Società d investimento a capitale variabile - SICAV). Questi organismi investono le disponibilità versate dai risparmiatori tra le diverse tipologie di titoli previsti dai regolamenti o programmi di investimento adottati. Con riferimento a fondi comuni aperti, ad esempio, i risparmiatori possono entrare o uscire dall investimento acquistando o vendendo le quote del fondo sulla base del valore teorico (maggiorato o diminuito delle commissioni previste) della quota; valore che si ottiene dividendo il valore dell intero portafoglio gestito del fondo, calcolato ai prezzi di mercato, per il numero delle quote in circolazione. Occorre sottolineare che gli investimenti in queste tipologie di strumenti finanziari possono comunque risultare rischiosi a causa delle caratteristiche degli strumenti finanziari in cui prevedono d investire (ad esempio, fondi che investono solo nei titoli emessi da società operanti in un particolare settore o in titoli emessi da società aventi sedi in determinati Stati) oppure a causa di una insufficiente diversificazione degli investimenti. 2) La liquidità La liquidità di uno strumento finanziario consiste nella sua attitudine a trasformarsi prontamente in moneta senza perdita di valore. Essa dipende in primo luogo dallecaratteristiche del mercato in cui il titolo è trattato. In generale, a parità di altre condizioni, i titoli trattati su mercati organizzati sono più liquidi dei titoli non trattati su detti mercati. Questo in quanto la domanda e l offerta di titoli viene convogliata in gran parte su tali mercati e quindi i prezzi ivi rilevati sono più affidabili quali indicatori dell effettivo valore degli strumenti finanziari. Occorre tuttavia considerare che lo smobilizzo di titoli trattati in mercati organizzati a cui sia difficile accedere, perché aventi sede in paesi lontani o per altri motivi, può comunque comportare per l investitore difficoltà di liquidare i propri investimenti e la necessità di sostenere costi aggiuntivi. 3) La divisa Qualora uno strumento finanziario sia denominato in una divisa diversa da quella di riferimento per l investitore, tipicamente l euro per l investitore italiano, al fine di valutare la rischiosità complessiva dell investimento occorre tenere presente la volatilità del rapporto di cambio tra la divisa di riferimento (l euro) e la divisa estera in cui è denominato l investimento. L investitore deve considerare che i rapporti di cambio con le divise di molti paesi, in particolare di quelli in via di sviluppo, sono altamente volatili e che comunque l andamento dei tassi di cambio può condizionare il risultato complessivo dell investimento. 4) Gli altri fattori fonte dei rischi generali 4.1) Denaro e valori depositati L investitore deve informarsi circa le salvaguardie previste per le somme di denaro ed i valori depositati per l esecuzione delle operazioni, in particolare, nel caso di insolvenza dell intermediario. La possibilità di rientrare in possesso del proprio denaro e dei valori depositati potrebbe essere condizionata da particolari disposizioni normative vigenti nei luoghi in cui ha sede il depositario nonché dagli orientamenti degli organi a cui, nei casi di insolvenza, vengono attribuiti i poteri di regolare i rapporti patrimoniali del soggetto dissestato. 4.2) Commissioni ed altri oneri Prima di avviare l operatività, l investitore deve ottenere dettagliate informazioni a riguardo di tutte le commissioni, spese ed altri oneri che saranno dovute all intermediario. Tali informazioni devono essere comunque riportate nel contratto d intermediazione. L investitore deve sempre considerare che tali oneri andranno sottratti ai guadagni eventualmente ottenuti nelle operazioni effettuate mentre si aggiungeranno alle perdite subite. 4.3) Operazioni eseguite in mercati aventi sede in altre giurisdizioni Le operazioni eseguite su mercati aventi sede all estero, incluse le operazioni aventi ad oggetto strumenti finanziari trattati anche in mercati nazionali, potrebbero esporre l investitore a rischi aggiuntivi. Tali mercati potrebbero essere regolati in modo da offrire ridotte garanzie e protezioni agli investitori. Prima di eseguire qualsiasi operazione su tali mercati, l investitore dovrebbe informarsi sulle regole che riguardano tali operazioni. Deve inoltre considerare che, in tali casi, l autorità di controllo sarà impossibilitata ad assicurare il rispetto delle norme vigenti nelle giurisdizioni dove le operazioni vengono

5 Pag.5 di 15 eseguite. L investitore dovrebbe quindi informarsi circa le norme vigenti su tali mercati e le eventuali azioni che possono essere intraprese con riferimento a tali operazioni. 4.4) Sistemi elettronici di supporto alle negoziazioni Gran parte dei sistemi di negoziazione elettronici od ad asta gridata sono supportati da sistemi computerizzati per le procedure di trasmissione degli ordini (order routing), per l incrocio, la registrazione e la compensazione delle operazioni. Come tutte le procedure automatizzate, i sistemi sopra descritti possono subire temporanei arresti o essere soggetti a malfunzionamenti. La possibilità per l investitore di essere risarcito per perdite derivanti direttamente o indirettamente dagli eventi sopra descritti potrebbe essere compromessa da limitazioni di responsabilità stabilite dai fornitori dei sistemi o dai mercati. L investitore dovrebbe informarsi presso il proprio intermediario circa le limitazioni di responsabilità suddette connesse alle operazioni che si accinge a porre in essere. 4.5) Sistemi elettronici di negoziazione I sistemi di negoziazione computerizzati possono essere diversi tra loro oltre che differire dai sistemi di negoziazione gridati. Gli ordini da eseguirsi su mercati che si avvalgono di sistemi di negoziazione computerizzati potrebbero risultare non eseguiti secondo le modalità specificate dall investitore o risultare ineseguiti nel caso i sistemi di negoziazione suddetti subissero malfunzionamenti o arresti imputabili all hardware o al software dei sistemi medesimi. 4.6) Operazioni eseguite fuori da mercati organizzati Gli intermediari possono eseguire operazioni fuori dai mercati organizzati. L intermediario a cui si rivolge l investitore potrebbe porsi anche in diretta contropartita del cliente (agire, cioè, in conto proprio). Per le operazioni effettuate fuori dai mercati organizzati può risultare difficoltoso o impossibile liquidare uno strumento finanziario o apprezzarne il valore effettivo e valutare l effettiva esposizione al rischio, in particolare qualora lo strumento finanziario non sia trattato su alcun mercato organizzato. Per questi motivi, tali operazioni comportano l assunzione di rischi più elevati. Prima di effettuare tali tipologie di operazioni l investitore deve assumere tutte le informazioni rilevanti sulle medesime, le norme applicabili ed i rischi conseguenti. PARTE B LA RISCHIOSITÀ DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI Gli strumenti finanziari derivati sono caratterizzati da una rischiosità molto elevata il cui apprezzamento da parte dell investitore è ostacolato dalla loro complessità. È quindi necessario che l investitore concluda un operazione avente ad oggetto tali strumenti solo dopo averne compreso la natura e il grado di esposizione al rischio che essa comporta. L investitore deve considerare che la complessità di tali strumenti può favorire l esecuzione di operazioni non adeguate. Si consideri che, in generale, la negoziazione di strumenti finanziari derivati non è adatta per molti investitori. Una volta valutato il rischio dell operazione, l investitore e l intermediario devono verificare se l investimento è adeguato per l investitore, con particolare riferimento alla situazione patrimoniale, agli obiettivi d investimento ed all esperienza nel campo degli investimenti in strumenti finanziari derivati di quest ultimo. Si illustrano di seguito alcune caratteristiche di rischio dei più diffusi strumenti finanziari derivati. 1) I futures 1.1) L effetto leva Le operazioni su futures comportano un elevato grado di rischio. L ammontare del margine iniziale è ridotto (pochi punti percentuali) rispetto al valore dei contratti e ciò produce il così detto effetto di leva. Questo significa che un movimento dei prezzi di mercato relativamente piccolo avrà un impatto proporzionalmente più elevato sui fondi depositati presso l intermediario: tale effetto potrà risultare a sfavore o a favore dell investitore. Il margine versato inizialmente, nonché gli ulteriori versamenti effettuati per mantenere la posizione, potranno di conseguenza andare perduti completamente. Nel caso i movimenti di mercato siano a sfavore dell investitore, egli può essere chiamato a versare fondi ulteriori con breve preavviso al fine di mantenere aperta la propria posizione in futures. Se l investitore non provvede ad effettuare i versamenti addizionali richiesti entro il termine comunicato, la posizione può essere liquidata in perdita e l investitore resta debitore di ogni altra passività prodottasi. 1.2) Ordini e strategie finalizzate alla riduzione del rischio Talune tipologie di ordini finalizzate a ridurre le perdite entro certi ammontari massimi predeterminati possono risultare inefficaci in quanto particolari condizioni di mercato potrebbero rendere impossibile l esecuzione di tali ordini. Anche strategie d investimento che utilizzano combinazioni di posizioni, quali le proposte combinate standard potrebbero avere la stessa rischiosità di singole posizioni lunghe o corte. 2) Opzioni Le operazioni in opzioni comportano un elevato livello di rischio. L investitore che intenda negoziare opzioni deve preliminarmente comprendere il funzionamento delle tipologie di contratti che intende negoziare (put e call). 2.1) L acquisto di un opzione L acquisto di un opzione è un investimento altamente volatile ed è molto elevata la probabilità che l opzione giunga a scadenza senza alcun valore. In tal caso, l investitore avrà perso l intera somma utilizzata per l acquisto del premio più le commissioni. A seguito dell acquisto di un opzione, l investitore può mantenere la posizione fino a scadenza o effettuare un operazione di segno inverso, oppure, per le opzioni di tipo americano, esercitarla prima della scadenza. L esercizio dell opzione può comportare o il regolamento in denaro di un differenziale oppure l acquisto o la consegna dell attività sottostante. Se l opzione ha per oggetto contratti futures, l esercizio della medesima determinerà l assunzione di una posizione in futures e le connesse obbligazioni concernenti l adeguamento dei margini di garanzia. Un investitore che si accingesse ad acquistare un opzione relativa ad un attività il cui prezzo di mercato fosse molto distante dal prezzo a cui risulterebbe conveniente esercitare l opzione (deep out of the money), deve considerare che la possibilità che l esercizio dell opzione diventi profittevole è remota. 2.2) La vendita di un opzione La vendita di un opzione comporta in generale l assunzione di un rischio molto più elevato di quello relativo al suo acquisto. Infatti, anche se il premio ricevuto per l opzione venduta è fisso, le perdite che possono prodursi in capo al venditore dell opzione possono essere potenzialmente illimitate. Se il prezzo di mercato dell attività sottostante si muove in modo sfavorevole, il venditore dell opzione sarà obbligato ad adeguare i margini di garanzia al fine di

6 Pag.6 di 15 mantenere la posizione assunta. Se l opzione venduta è di tipo americano, il venditore potrà essere in qualsiasi momento chiamato a regolare l operazione in denaro o ad acquistare o consegnare l attività sottostante. Nel caso l opzione venduta abbia ad oggetto contratti futures, il venditore assumerà una posizione in futures e le connesse obbligazioni concernenti l adeguamento dei margini di garanzia. L esposizione al rischio del venditore può essere ridotta detenendo una posizione sul sottostante (titoli, indici o altro) corrispondente a quella con riferimento alla quale l opzione è stata venduta. 3) Gli altri fattori fonte di rischio comuni alle operazioni in futures e opzioni Oltre ai fattori fonte di rischi generali già illustrati nella parte A, l investitore deve considerare i seguenti ulteriori elementi. 3.1) Termini o condizioni contrattuali L investitore deve informarsi presso il proprio intermediario circa i termini e le condizioni dei contratti derivati su cui ha intenzione di operare. Particolare attenzione deve essere prestata alle condizioni per le quali l investitore può essere obbligato a consegnare o a ricevere l attività sottostante il contratto futures e, con riferimento alle opzioni, alle date di scadenza e alle modalità di esercizio. In talune particolari circostanze le condizioni contrattuali potrebbero essere modificate con decisione dell organo di vigilanza del mercato o della clearing house al fine di incorporare gli effetti di cambiamenti riguardanti le attività sottostanti. 3.2) Sospensione o limitazione degli scambi e della relazione tra i prezzi Condizioni particolari di illiquidità del mercato nonché l applicazione di talune regole vigenti su alcuni mercati (quali le sospensioni derivanti da movimenti di prezzo anomali c.d. circuit breakers), possono accrescere il rischio di perdite rendendo impossibile effettuare operazioni o liquidare o neutralizzare le posizioni. Nel caso di posizioni derivanti dalla vendita di opzioni ciò potrebbe incrementare il rischio di subire delle perdite. Si aggiunga che le relazioni normalmente esistenti tra il prezzo dell attività sottostante e lo strumento derivato potrebbero non tenere quando, ad esempio, un contratto futures sottostante ad un contratto di opzione fosse soggetto a limiti di prezzo mentre l opzione non lo fosse. L assenza di un prezzo del sottostante potrebbe rendere difficoltoso il giudizio sulla significatività della valorizzazione del contratto derivato. 3.3) Rischio di cambio I guadagni e le perdite relative a contratti denominati in divise diverse da quella di riferimento per l investitore (tipicamente l euro) potrebbero essere condizionati dalle variazioni dei tassi di cambio. 4) Operazioni su strumenti derivati eseguite fuori dai mercati organizzati. Gli SWAPS Gli intermediari possono eseguire operazioni su strumenti derivati fuori da mercati organizzati. L intermediario a cui si rivolge l investitore potrebbe anche porsi in diretta contropartita del cliente (agire, cioè, in conto proprio). Per le operazioni effettuate fuori dai mercati organizzati può risultare difficoltoso o impossibile liquidare una posizione o apprezzarne il valore effettivo e valutare l effettiva esposizione al rischio. Per questi motivi, tali operazioni comportano l assunzione di rischi più elevati. Le norme applicabili per tali tipologie di transazioni, poi, potrebbero risultare diverse e fornire una tutela minore all investitore. Prima di effettuare tali tipologie di operazioni l investitore deve assumere tutte le informazioni rilevanti sulle medesime, le norme applicabili ed i rischi conseguenti. 4.1) I contratti di swaps I contratti di swaps comportano un elevato grado di rischio. Per questi contratti non esiste un mercato secondario e non esiste una forma standard. Esistono, al più, modelli standardizzati di contratto che sono solitamente adattati caso per caso nei dettagli. Per questi motivi potrebbe non essere possibile porre termine al contratto prima della scadenza concordata, se non sostenendo oneri elevati. Alla stipula del contratto, il valore di uno swaps è sempre nullo ma esso può assumere rapidamente un valore negativo (o positivo) a seconda di come si muove il parametro a cui è collegato il contratto. Prima di sottoscrivere un contratto, l investitore deve essere sicuro di aver ben compreso in quale modo e con quale rapidità le variazioni del parametro di riferimento si riflettono sulla determinazione dei differenziali che dovrà pagare o ricevere. In determinate situazioni, l investitore può essere chiamato dall intermediario a versare margini di garanzia anche prima della data di regolamento dei differenziali. Per questi contratti è particolarmente importante che la controparte dell operazione sia solida patrimonialmente, poiché nel caso dal contratto si origini un differenziale a favore dell investitore esso potrà essere effettivamente percepito solo se la controparte risulterà solvibile. Nel caso il contratto sia stipulato con una controparte terza, l investitore deve informarsi della solidità della stessa e accertarsi che l intermediario risponderà in proprio nel caso di insolvenza della controparte. Se il contratto è stipulato con una controparte estera, i rischi di corretta esecuzione del contratto possono aumentare a seconda delle norme applicabili nel caso di specie. PARTE C LA RISCHIOSITÀ DI UNA LINEA DI GESTIONE DI PATRIMONI PERSONALIZZATA Il servizio di gestione di patrimoni individuale consente di avvalersi delle conoscenze e dell esperienza di professionisti del settore nella scelta degli strumenti finanziari in cui investire e nell esecuzione delle relative operazioni. L investitore, con le modalità preconcordate, può intervenire direttamente nel corso dello svolgimento del servizio di gestione impartendo istruzioni vincolanti per il gestore. La rischiosità della linea di gestione è espressa dalla variabilità dei risultati economici conseguiti dal gestore. L investitore può orientare la rischiosità del servizio di gestione definendo contrattualmente i limiti entro cui devono essere effettuate le scelte di gestione. Tali limiti, complessivamente considerati, definiscono le caratteristiche di una linea di gestione e devono essere riportati obbligatoriamente nell apposito contratto scritto. La rischiosità effettiva della linea di gestione, tuttavia, dipende dalle scelte operate dall intermediario che, seppure debbano rimanere entro a limiti contrattuali, sono solitamente caratterizzate da ampi margini di discrezionalità circa i titoli da acquistare o vendere e il momento in cui eseguire le operazioni. L intermediario deve comunque esplicitare il grado di rischio di ciascuna linea di gestione. L investitore deve informarsi approfonditamente presso l intermediario sulle caratteristiche e sul grado di rischio della linea di gestione che intende prescegliere e deve concludere il contratto solo se è ragionevolmente sicuro di aver compreso la natura della linea di gestione ed il grado di esposizione al rischio che essa comporta. Prima di concludere il contratto, una volta apprezzato il grado di rischio della linea di gestione prescelta, l investitore e l intermediario devono valutare se l investimento è adeguato per l investitore, con particolare riferimento alla situazione patrimoniale, agli obiettivi d investimento ed all esperienza nel campo degli investimenti in strumenti finanziari di quest ultimo. 1) La rischiosità di una linea di gestione

7 Pag.7 di 15 L investitore può orientare la rischiosità di una linea di gestione principalmente attraverso la definizione: a) delle categorie di strumenti finanziari in cui può essere investito il patrimonio del risparmiatore e dai limiti previsti per ciascuna categoria; b) del grado di leva finanziaria utilizzabile nell ambito della linea di gestione. 1.1) Gli strumenti finanziari inseribili nella linea di gestione Con riferimento alle categorie di strumenti finanziari ed alla valutazione del rischio che tali strumenti comportano per l investitore, si rimanda alla parte del presente documento sulla valutazione del rischio di un investimento in strumenti finanziari. Le caratteristiche di rischio di una linea di gestione tenderanno a riflettere la rischiosità degli strumenti finanziari in cui esse possono investire, in relazione alla quota che tali strumenti rappresentano rispetto al patrimonio gestito. Ad esempio, una linea di gestione che preveda l investimento di una percentuale rilevante del patrimonio in titoli a basso rischio, avrà caratteristiche di rischio similari; al contrario, ove la percentuale degli investimenti a basso rischio prevista fosse relativamente piccola, la rischiosità complessiva della linea di gestione sarà diversa e più elevata. 1.2) La leva finanziaria Nel contratto di gestione deve essere stabilita la misura massima della leva finanziaria della linea di gestione; la leva è rappresentata da un numero uguale o superiore all unità. Si premette che per molti investitori deve considerarsi adeguata una leva finanziaria pari ad uno. In questo caso, infatti, essa non influisce sulla rischiosità della linea di gestione. La leva finanziaria, in sintesi, misura di quante volte l intermediario può incrementare il controvalore degli strumenti finanziari detenuti in gestione per conto del cliente rispetto al patrimonio di pertinenza del cliente stesso. L incremento della leva finanziaria utilizzata comporta un aumento della rischiosità della linea di gestione patrimoniale. L intermediario può innalzare la misura della leva finanziaria facendo ricorso a finanziamenti oppure concordando con le controparti di regolare in modo differito le operazioni ovvero utilizzando strumenti finanziari derivati (ove previsti dalla linea di gestione - si veda la parte B del presente documento). L investitore, prima di selezionare una misura massima della leva finanziaria superiore all unità, oltre a valutarne con l intermediario l adeguatezza in relazione alle proprie caratteristiche personali, deve: a) indicare nel contratto di gestione il limite massimo di perdite al raggiungimento delle quali l intermediario è tenuto a riportare la leva finanziaria ad un valore pari ad uno (cioè a chiudere le posizioni finanziate); b) comprendere che variazioni di modesta entità dei prezzi degli strumenti finanziari presenti nel patrimonio gestito possono determinare variazioni tanto più elevate quanto maggiore è la misura della leva finanziaria utilizzata e che, in caso di variazioni negative dei prezzi degli strumenti finanziari, il valore del patrimonio può diminuire notevolmente; c) comprendere che l uso di una leva finanziaria superiore all unità può provocare, in caso di risultati negativi della gestione, perdite anche eccedenti il patrimonio conferito in gestione e che pertanto l investitore potrebbe trovarsi in una situazione di debito nei confronti dell intermediario. 2) Gli altri rischi generali connessi al servizio di gestione patrimoniale 2.1) Richiamo Nell ambito del servizio di gestione patrimoniale vengono effettuate dall intermediario per conto del cliente operazioni su strumenti finanziari. È quindi opportuno che l investitore prenda conoscenza di quanto riportato al riguardo nelle parti A e B del presente documento. 2.2) Commissioni ed altri oneri Prima di concludere il contratto di gestione, l investitore deve ottenere dettagliate informazioni a riguardo di tutte le commissioni ed alle modalità di calcolo delle medesime, delle spese e degli altri oneri dovuti all intermediario. Tali informazioni devono essere comunque riportate nel contratto d intermediazione. Nel valutare la congruità delle commissioni di gestione patrimoniale, l investitore deve considerare che modalità di applicazione delle commissioni collegate, direttamente o indirettamente, al numero delle operazioni eseguite potrebbero aumentare il rischio che l intermediario esegua operazioni non necessarie. PARTE D TRADING ON LINE Il servizio Home Banking consente di instaurare, con modalità Internet, un collegamento diretto con la Banca, utile per lo scambio di informazioni relative a servizi diversi e consente, tra l altro, il passaggio diretto degli ordini di borsa, con modalità di esecuzione on line. Su quest ultimo aspetto si precisa che la relativa rapidità e semplicità di gestione dello strumento, può indurre l utilizzatore ad effettuare un elevato numero di operazioni nell ambito della stessa giornata operativa (intraday). Atteso anche l ampio lasso di tempo in cui i mercati sono attivi, si richiama l attenzione dell utente sul fatto che un elevato numero di operazioni intraday, facilmente raggiungibile per la semplicità del sistema, può far lievitare considerevolmente il rischio insito nella specifica attività e comportare significativi costi commissionali, ancorché in presenza di condizioni agevolate rispetto a quelle praticate di norma dalla Banca. SEZIONE IV INFORMAZIONI SUI COSTI E SUGLI ONERI La Banca fornisce ai clienti e ai potenziali clienti informazioni sui costi e sugli oneri connessi alla prestazione dei servizi, comprendenti, ove pertinenti, i seguenti elementi: Il prezzo totale che il cliente deve pagare in relazione allo strumento finanziario o al servizio di investimento o accessorio, comprese tutte le competenze, le commissioni, gli oneri e le spese connesse, e tutte le imposte che verranno pagate tramite l intermediario o, se non può essere indicato un prezzo esatto, la base per il calcolo del prezzo totale cosicché il cliente possa verificarla; quando una parte qualsiasi del prezzo totale di cui alla lettera a) deve essere pagata o è espressa in valuta estera, l indicazione di tale valuta, nonchè dei tassi e delle spese di cambio applicabili; l indicazione della possibilità che emergano altri costi per il cliente, comprese eventuali imposte, in relazione alle operazioni connesse allo strumento finanziario o al servizio di investimento, che non sono pagati tramite l intermediario o imposti da esso; le modalità per il pagamento. Ai fini della lettera a), le commissioni applicate dall intermediario vengono in ogni caso indicate separatamente.

8 ALLEGATO A Pag.8 di 15 INFORMATIVA SULLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Politica del Gruppo MPS finalizzata a prevenire l insorgere di conflitti d interesse. Il Gruppo MPS, in conformità con quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE, c.d. MIFID (acronimo di Markets in Financial Instruments Directive), e dalla Direttiva 2006/73/CE, applica e mantiene un efficace ed adeguata politica globale finalizzata a prevenire l insorgere dei conflitti di interesse e, ove non completamente possibile, attiva un adeguata gestione degli stessi, in ambito della rete commerciale. Al fine di individuare e gestire correttamente i conflitti di interesse, gli intermediari del Gruppo MPS: adottano e mantengono disposizioni organizzative e amministrative efficaci al fine di evitare che i conflitti di interessi ( ) incidano negativamente sugli interessi dei loro clienti (art. 13, paragrafo 3, della Direttiva MIFID 2004/39/CE); identificano i conflitti di interesse (art. 18, paragrafo 1, della Direttiva MIFID 2004/39/CE); ove le disposizioni organizzative o amministrative adottate per gestire i conflitti di interesse non fossero sufficienti per assicurare con ragionevole certezza che il rischio di nuocere agli interessi dei clienti sia evitato, informano chiaramente i clienti, prima di agire per loro conto, della natura generale e/o delle fonti di tali conflitti di interesse (art. 18, comma 2 della Direttiva MIFID 2004/39/CE). Le informazioni sono fornite su supporto durevole e sufficientemente dettagliate al fine di consentire al cliente di assumere una decisione informata (art. 22, paragrafo 4, della Direttiva 2006/73/CE art. 3 della Direttiva 2006/73/CE); elaborano in un documento scritto, applicano e mantengono un efficace ed adeguata politica globale di gestione dei conflitti di interesse. Tale policy consente l individuazione delle ipotesi di conflitti di interesse che possono ledere gravemente gli interessi dei clienti ed illustra le procedure e le misure adottate per gestire tali conflitti (art. 22 della Direttiva 2006/73/CE); mantengono ed aggiornano un registro in cui sono riportati i tipi di servizi di investimento o accessori per i quali sia sorto o possa sorgere un conflitto di interesse pregiudizievole per i clienti (art. 23 della Direttiva 2006/73/CE). Per prevenire i potenziali conflitti di interesse le Banche e le società del Gruppo MPS si impegnano a: impedire o controllare lo scambio di informazioni tra i soggetti rilevanti attraverso la separatezza organizzativa, gestionale e amministrativa mediante la realizzazione di barriere informative (chinese walls); attuare una vigilanza disgiunta dei soggetti rilevanti mediante una direzione separata delle strutture che svolgono attività tra di loro conflittuali; eliminare ogni legame diretto tra la retribuzione dei soggetti pertinenti che svolgono prevalentemente una certa attività e quella di altri soggetti pertinenti che esercitano un attività confliggente, nel caso in cui possa sorgere un conflitto tra dette attività; impedire o controllare la partecipazione simultanea o conseguente di un soggetto rilevante a distinti servizi o attività di investimento o servizi accessori, quando tale partecipazione possa nuocere alla gestione corretta dei conflitti di interesse; eliminare o limitare l esercizio di influenze indebite sulle modalità di svolgimento dei servizi di investimento o accessori, adottando misure volte a garantire l indipendenza: dei gestori di portafoglio e degli altri soggetti che intervengono nel processo di asset allocation dei portafogli individuali di investimento (in particolare, indipendenza da obiettivi di budget di società prodotto di gruppo e/o di terzi); dei gestori del portafoglio di terzi da quelli che gestiscono il portafoglio di proprietà dell impresa di investimento; dei soggetti che intervengono nel processo di generazione ed erogazione delle raccomandazioni personalizzate che costituiscono parte essenziale della prestazione del servizio di consulenza (in particolare, indipendenza da obiettivi di vendita/raccolta, budget, ecc.); dei soggetti che producono o diffondono ricerche in materia di investimenti. Al riguardo sono altresì attivati specifici controlli volti a garantire che non sussistano correlazioni confliggenti tra i soggetti del Gruppo MPS che partecipano simultaneamente alla prestazione di servizi di investimento o accessori, per quanto attiene specificatamente il servizio di gestione individuale dei patrimoni. Al fine di evitare l insorgere di conflitti di interesse, le società del Gruppo MPS che svolgono tale servizio adottano le previsioni in materia di segregazione amministrativa e contabile, provvedendo a separare il servizio di gestione di portafogli dagli altri servizi di investimento nonché dalle altre attività, fatto salvo il servizio di consulenza in materia di investimenti in strumenti finanziari. In particolare, al fine di ridurre al minimo il rischio di conflitti d interesse è previsto che: gli addetti al servizio di gestione operino in modo indipendente e senza vincoli di subordinazione rispetto agli altri settori aziendali; non si verifichino scambi di informazioni tra gli altri settori aziendali e quello che presta il servizio di gestione di portafogli (ed eventualmente di consulenza) ovvero con altre società del gruppo che prestano servizi di negoziazione, ricezione e trasmissione di ordini, collocamento e servizi accessori; il servizio di gestione non sia posto in posizione di subordinazione in termini di autonomia funzionale, decisionale e operativa rispetto alle altre strutture aziendali, comprese quelle per l esercizio degli altri servizi di investimento. Identificazione e gestione dei conflitti di interesse Fermo restando l impegno del Gruppo MPS a definire ed applicare una politica finalizzata a prevenire l insorgere di conflitti di interesse, sono state definite specifiche regole e norme per l identificazione e la gestione dei conflitti di interesse, ancorché potenziali. In coerenza con le previsioni emanate dagli Organi di Vigilanza, considerata la struttura polifunzionale del Gruppo MPS è previsto che: il verificarsi della situazione di conflitto per un emittente di una società del Gruppo MPS determina la situazione di conflitto di interessi per quell emittente da parte di tutte le società del Gruppo; il verificarsi della situazione di conflitto per un emittente determina in generale che ogni operazione relativa ad uno qualsiasi dei titoli emessi da quell emittente è in conflitto di interesse per le causali riconducibili all emittente stesso; il conflitto, in talune circostanze, può essere solo a livello di singolo titolo; qualora sussista una situazione di conflitto di interesse per un emittente e/o per una singola emissione la segnalazione di conflitto di interessi viene prodotta per tutti i servizi di investimento interessati; il verificarsi di una situazione di conflitto per un emittente facente parte di un Gruppo Economico determina l applicazione della condizione di conflitto a tutte le altre società dello stesso Gruppo. In ottemperanza a quanto previsto dalla Direttiva MIFID, gli intermediari del Gruppo MPS elaborano ed applicano una specifica procedura di gestione dei conflitti di interesse, aggiornandola regolarmente al variare delle fattispecie di conflitto di interesse ovvero di circostanze in grado di inficiare l efficacia delle misure adottate per evitare il pregiudizio ai clienti.

9 Pag.9 di 15 Di seguito si illustrano, per ciascun servizio/attività, le modalità di gestione adottate per presidiare le tipologie di conflitto individuate per gli intermediari del Gruppo MPS, opportunamente monitorate che formano oggetto di aggiornamento dello specifico registro. Fattispecie di conflitto di interesse: probabilità che la Banca realizzi un guadagno finanziario o eviti una perdita finanziaria, a spese del cliente Tipologia di servizi/attività Potenziali conflitti/effetti distorsivi Modalità di presidio (Policy) Disclosure e modalità di comunicazione Il collocamento semplice di strumenti finanziari (OICR, Polizze Assicurative, Certificate, ecc) emessi dalla Banca o da soggetti terzi finanziati/partecipati in misura rilevante dalla Banca o da società del Gruppo. La negoziazione per conto proprio di strumenti finanziari nel caso in cui siano emessi dalla Banca o da soggetti terzi finanziati/partecipati in misura rilevante dalla Banca o da una società del Gruppo/partecipante in misura rilevante al capitale della Banca o della società che la controlla, nella fase di grey market, dalla data di lancio a quella di regolamento del collocamento, in caso di prestazione contemporanea del servizio di collocamento a fermo o con garanzia, sia da parte del negoziatore che da parte di società del Gruppo. L adesione, nello svolgimento del servizio di gestione di portafogli, a collocamenti di strumenti finanziari emessi da società finanziate/partecipate in misura rilevante dalla Banca o da una società del gruppo, qualora il finanziamento erogato dall intermediario sia in tutto o in parte rimborsato con i proventi del collocamento o nell ipotesi in cui l intermediario venda la propria partecipazione nell ambito del collocamento. L investimento, nello svolgimento del servizio di gestione di portafogli, in strumenti finanziari oggetto di negoziazione nella fase di grey-market. La consulenza in materia di investimento su strumenti finanziari di cui alle ipotesi elencate ai precedenti alinea n. 1 e 2. Le posizioni creditizie detenute dal soggetto emittente con società del Gruppo MPS, sulla base delle previsioni di Basilea 2 e con riferimento a valutazioni interne al Gruppo MPS, evidenzianti parametri caratteristici con alto livello di attenzione (sconfinamenti persistenti, anomalie andamentali, crediti scaduti, ecc.). La Banca svolge prestazione contemporanea di negoziazione in conto proprio di strumenti finanziari emessi da soggetti finanziati/partecipati e di servizio di collocamento a fermo o con garanzia sia da parte del negoziatore che da parte di società del Gruppo. La Banca che eroga il finanziamento, provvede al rimborso totale o parziale del proprio credito con i proventi del collocamento di strumenti finanziari emessi da soggetti finanziati. La Banca vende totalmente e/o parzialmente la propria partecipazione mediante il collocamento di strumenti finanziari emessi dai soggetti partecipati. Il Gestore aderisce al collocamento di strumenti finanziari, trasferendo sul cliente titoli provenienti dalla trasformazione della partecipazione della Banca in strumenti finanziari emessi dai soggetti partecipati. Separatezza organizzativa e contabile fra le varie strutture della Banca o delle società del Gruppo interessate alle attività di acquisizione di partecipazioni, gestione delle politiche creditizie e del portafoglio crediti della Banca. La normativa aziendale garantisce l indipendenza dei Gestori di portafogli individuali e degli altri soggetti che svolgono l attività di asset allocation dei portafogli individuali di investimento da altre strutture della Banca. Divieto di assegnare, ai Gestori di portafogli individuali, budget di investimento in prodotti del Gruppo e di terzi. L organizzazione e le procedure aziendali garantiscono la separatezza di funzioni e l indipendenza tra i Gestori di portafogli individuali ed i Gestori del proprietary trading. La normativa aziendale prevede regole e modalità per la comunicazione da parte delle funzioni operative alla struttura di gestione del Master Anagrafico, della presenza di conflitto di interesse ancorché potenziali, nonché della tipologia e dell estensione degli stessi. La procedura utilizzata per la compravendita degli strumenti finanziari segnala la presenza di conflitto di interesse nei casi dettagliati, effettua sintetica comunicazione al cliente, con l utilizzo delle causali appropriate. Fattispecie di conflitto di interesse: La Banca ha nel risultato del servizio prestato al cliente o dell operazione realizzata per conto di quest ultimo un interesse distinto da quello del cliente Il collocamento con sottoscrizione a fermo o garantita di strumenti finanziari, a prescindere dal fatto che l emittente appartenga al medesimo Gruppo, ovvero sia un terzo. Il collocamento semplice di strumenti finanziari di propria emissione. Il collocamento semplice di strumenti finanziari (OICR, Polizze Assicurative, Certificate, ecc) emessi da soggetti terzi finanziati/partecipati in misura rilevante dalla Banca o da società del Gruppo. Il collocamento semplice di strumenti finanziari (OICR, Polizze Assicurative, Certificate, ecc) emessi da soggetti partecipanti in misura rilevante al capitale della Banca o della società che la controlla. Tipologie di servizi/attività Il collocamento semplice di strumenti finanziari (OICR, Polizze Assicurative, Certificate, ecc) emessi da società del Gruppo. La negoziazione per conto proprio di strumenti finanziari, anche derivati, di propria emissione, ovvero conclusi fuori mercato. La negoziazione per conto proprio di strumenti finanziari, anche derivati, emessi da società appartenenti al medesimo Gruppo, ovvero conclusi fuori mercato. La negoziazione per conto proprio di strumenti finanziari emessi da soggetti terzi finanziati/partecipati in misura rilevante dalla Banca o da una società del gruppo/partecipante in misura rilevante al capitale della Banca o della società che la controlla nella fase di grey market, dalla data di lancio a quella di regolamento del collocamento, in caso di prestazione contemporanea del servizio di collocamento a fermo o con garanzia sia da parte del negoziatore che da parte di società del Gruppo. La gestione di portafogli, che preveda l investimento in strumenti finanziari nelle ipotesi elencate ai precedenti alinea. La consulenza in materia di investimenti su strumenti finanziari nelle ipotesi elencate nei precedenti alinea. La gestione di portafogli, che preveda l utilizzo dei negoziatori di Gruppo. La gestione di portafogli, che preveda l investimento in strumenti finanziari emessi da società per le quali l impresa di investimento svolge contestualmente attività di consulenza (corporate finance). Potenziali conflitti/effetti distorsivi I prezzi degli strumenti collocati/negoziati non riflettono il valore finanziario intrinseco dello strumento stesso. Nel servizio di GPM la selezione degli strumenti finanziari non avviene sulla base di criteri oggettivi

10 Modalità di presidio (Policy) Disclosure e modalità di comunicazione Adozione di adeguate politiche di pricing, allineate con le best practices di mercato, che prevedono la confrontabilità con strumenti finanziari similari. Implementazione adeguate politiche di risk management per valutare coerentemente il rischio intrinseco dei prodotti. Adozione di politiche d informativa alla clientela che consentono alla stessa il raffronto con attività finanziarie di pari duration e free risk al fine di consentire scelte consapevoli. La normativa aziendale prevede regole e modalità per la comunicazione da parte delle funzioni operative alla struttura di gestione del Master Anagrafico, della presenza di conflitto di interesse ancorché potenziali, nonché della tipologia e dell estensione degli stessi. Per quanto attiene le gestioni patrimoniali mobiliari individuali la scelta degli strumenti finanziari è effettuata sulla base di analisi quanti/qualitative finalizzate ad ottimizzare il rischio/ rendimento. Separatezza organizzativa e contabile fra le varie strutture della Banca o delle società del Gruppo interessate alle attività di negoziazione in conto proprio e le funzioni commerciali e/o di strutturazione dello strumento finanziario. La procedura controlla e segnala la presenza di conflitto di interesse nel caso di collocamento, sottoscrizione e negoziazione di strumenti finanziari di società terze, qualora al soggetto emittente siano stati prestati da una società del Gruppo servizi accessori di finanza aziendale. Riguardo all utilizzo dei negoziatori di gruppo da parte di Gestori di portafogli individuali, nel documento relativo all execution policy sono evidenziate le modalità operative tendenti a mitigare i conflitti di interesse. Pag.10 di 15 Fattispecie di conflitto di interesse: la Banca ha un incentivo finanziario o di altra natura a privilegiare gli interessi di un altro cliente o gruppo di clienti rispetto a quelli del cliente interessato Tipologia di servizi/attività Potenziali conflitti/effetti distorsivi Modalità di presidio (Policy) Disclosure e modalità di comunicazione Il collocamento semplice, ovvero con sottoscrizione a fermo o garantita, di strumenti finanziari emessi da soggetti terzi a favore dei quali sono prestati, da parte di società del Gruppo, altri servizi/attività quali la consulenza in materia di struttura finanziaria, strategia industriale e questioni connesse; servizi connessi all emissione e collocamento di strumenti finanziari e, cioè, il servizio di stabilizzazione, il servizio di sponsor, listing partner, specialist, market maker. Il collocamento semplice di strumenti finanziari (OICR, Polizze Assicurative, Certificate, ecc) emessi da soggetti terzi finanziati/partecipati in misura rilevante dalla Banca o da Società del Gruppo. Il collocamento semplice di strumenti finanziari (OICR, Polizze Assicurative, Certificate, ecc) emessi da soggetti partecipanti in misura rilevante al capitale della Banca o della Società che la controlla. Il collocamento semplice, ovvero con sottoscrizione a fermo o garantita, di strumenti finanziari emessi da soggetti terzi a favore dei quali, qualora siano state pubblicate research sul titolo o sul settore e/o espresse da parte di società del gruppo raccomandazioni sul titolo (es.: buy, hold, sell). La Banca creditrice svolge attività di ricerca ed esprime, per sostenere una società finanziata, giudizi favorevoli sugli strumenti finanziari della stessa. L organizzazione, le procedure e la normativa aziendale garantiscono l indipendenza dei soggetti che producono o diffondono ricerche in materia di investimenti. La normativa aziendale, con l adozione del Codice di Autodisciplina vieta ai dipendenti l abusivo utilizzo delle informazioni acquisite nell esercizio delle proprie funzioni per il perseguimento di interessi personali o di terzi. La normativa aziendale prevede regole e modalità per la comunicazione da parte delle funzioni operative alla struttura di gestione del Master Anagrafico, della presenza di conflitto di interesse ancorché potenziali, nonché della tipologia e dell estensione degli stessi. La procedura controlla e segnala la presenza di conflitto di interesse nel caso di collocamento, sottoscrizione e negoziazione di strumenti finanziari di società terze, qualora al soggetto emittente siano stati prestati da una società del Gruppo attività di stabilizzazione, attività di sponsor o di listing partner. La procedura controlla e segnala la presenza di conflitto di interesse nel caso di collocamento, sottoscrizione e negoziazione di strumenti finanziari di società terze, qualora siano state pubblicate research sul soggetto emittente, sul titolo o sul settore e/o siano state espresse da parte di società del gruppo raccomandazioni sul titolo (es.: buy, hold, sell). Fattispecie di conflitto di interesse: la Banca opera sui medesimi assets/strumenti finanziari del cliente Tipologia di servizi/attività Potenziali conflitti/effetti distorsivi Modalità di presidio (Policy) Disclosure e modalità di comunicazione La prestazione del servizio di gestione di portafogli individuali e lo svolgimento di un attività di proprietary trading avente ad oggetto la stessa tipologia di strumenti finanziari. In tal caso, infatti, gli interessi dell intermediario connessi con le posizioni di rischio assunte nell ambito dell attività di proprietary trading potrebbero influenzare le scelte di investimento effettuate dall intermediario stesso per conto dei clienti gestiti. La consulenza prestata a clientela in materia di investimenti sugli stessi strumenti finanziari oggetto di contestuale attività di proprietary trading. L attività svolta dalla Banca è confliggente con gli obiettivi perseguiti dal cliente. Adozione di separatezza organizzativa e contabile fra le strutture della Banca. Adozione di separatezza tra la struttura di trading proprietario e quella che cura la gestione dei patrimoni individuali dei clienti. E stato adottato il Codice interno di autodisciplina, che limita le possibili situazioni confliggenti. La normativa aziendale prevede regole e modalità per la comunicazione da parte delle funzioni operative alla struttura di gestione del Master Anagrafico, della presenza di conflitto di interesse ancorché potenziali, nonché della tipologia e dell estensione degli stessi. La procedura utilizzata per la compravendita degli strumenti finanziari segnala la presenza di conflitto di interesse nei casi dettagliati, effettua sintetica comunicazione al cliente, con l utilizzo delle causali appropriate Fattispecie di conflitto di interesse: la Banca riceve o riceverà da un soggetto diverso dal cliente un incentivo, in relazione con il servizio prestato al cliente, sotto forma di denaro, di beni o di servizi, diverso dalle commissioni o dalle competenze normalmente percepite per tale servizio Tipologia di servizi/attività L identificazione delle fattispecie riconducibili a tale tipologia di conflitto di interesse costituisce un criterio residuale nell ambito degli incentivi ricevuti (o pagati) alle (o dalle) imprese di investimento da (ovvero a) terzi: in base a quanto stabilito da detta previsione, infatti, rilevano ai fini della disciplina del conflitto di interesse solo gli incentivi diversi da quelli standard, per tali intendendosi quelli normalmente previsti come tipologia (e non già come ammontare) dalla

11 Potenziali conflitti/effetti distorsivi Modalità di presidio (Policy) Disclosure e modalità di comunicazione prassi di mercato a fronte di determinate attività (es.: le retrocessioni di commissioni). Le commissioni retrocesse alla Banca che svolge il servizio di gestione di portafogli investiti in OICR, dalle società di gestione degli stessi. Le commissioni retrocesse ai collocatori degli strumenti finanziari (OICR, Polizze Assicurative, Certificate, ecc) dalle relative società di gestione/istituzione. Aumento delle retrocessioni in funzione dei volumi raggiunti. I contributi di marketing e gli accordi di soft commission. Il Gestore di relazione consiglia gli strumenti finanziari (OICR, Polizze Assicurative, Certificate, ecc) in base alle retrocessioni. Il Gestore di relazione propone, fra gli OICR disponibili, classi Retail con commissioni più elevate. La Rete, pur avendo a disposizione un'ampia gamma di OICR, può limitare la proposizione commerciale ad un set più ristretto di prodotti in funzione delle caratteristiche della clientela di riferimento. I contributi percepiti dalle società di gestione degli OICR o dalle Compagnie di Assicurazione vengono utilizzati in toto o in parte per forme di incentivazione al personale addetto alla vendita. La struttura delle Gestioni patrimoniali è separata organizzativamente dalla struttura che gestisce i rapporti economici con gli OICR e valuta la qualità degli OICR in offerta. Anche per quest ultima Area è garantita la separatezza amministrativa/contabile ed organizzativa dalle Aree Commerciali. A seguito della normativa MiFID non vengono stipulati accordi che contemplano l aumento delle retrocessioni in base ai volumi collocati. I prodotti da inserire a catalogo (Sicav, polizze, bond, certificates, ecc.) sono scelti da una struttura organizzativamente separata dalle Aree Commerciali, sulla base di analisi rischio/rendimento. Le campagne commerciali rispettano un protocollo normativo a livello di Gruppo e non prevedono incentivi economici relativamente ad obiettivi di budget da raggiungere su singolo prodotto o su singola casa di investimento. Le forme di incentivazione alle Reti, collegate al collocamento di singoli strumenti finanziari, sono state abolite. Le politiche retributive dei Gestori di portafogli individuali sono state svincolate dal raggiungimento di obbiettivi commissionali e collegate alle performance dei portafogli vs benchmark. Nelle gestioni patrimoniali di fondi il processo di selezione è strutturato in base a criteri oggettivi definiti, che tengono conto, anche in questo caso, del rendimento rettificato dal rischio per l individuazione degli OICR e dei singoli fondi/comparti su cui investire. Le rebates ove percepite nell ambito del Servizio GP (Gestioni individuali di Portafoglio), sono restituite al cliente mediante l incremento del patrimonio in gestione. Il Gestore della Relazione, al fine di permettere al cliente o potenziale cliente una scelta consapevole, illustra le informazioni relative a tutti i prodotti similari presenti nel catalogo d offerta della Banca. Le politiche di incentivazione dei dipendenti e dei Promotori Finanziari sono disciplinate in una specifica Policy di Gruppo. L ampiezza della gamma di OICR offerta proattivamente è differente per segmento di clientela in funzione della potenzialità economica e della capacità di comprensione di valore e rischi connessi. Per alcuni segmenti di clientela, fermo restando il supporto amministrativo/consulenziale e di post vendita nonché la possibilità di accedere alla gamma prodotti completa, l azione proattiva è limitata ad un set più ristretto di prodotti tali da comprendere più agevolmente le caratteristiche ed i rischi connessi. Qualsiasi iniziativa finanziata tramite contributi di marketing di società terze è di natura meramente formativa/informativa e, quindi, tesa a migliorare il servizio al cliente. La normativa aziendale prevede regole e modalità per la comunicazione da parte delle funzioni operative alla struttura di gestione del Master Anagrafico, della presenza di conflitto di interesse ancorché potenziali, nonché della tipologia e dell estensione degli stessi. Predisposizione di apposito documento contrattuale da consegnare al cliente al momento della sottoscrizione degli strumenti finanziari. Tale documento riporta le informazioni sugli inducement e gli specifici obblighi/vantaggi cui tali incentivi sono collegati. Rappresentazione dei servizi aggiuntivi e dei vantaggi per il cliente che giustificano la presenza di inducement. Nella contrattualistica è esplicitato al cliente con il dettaglio delle commissioni implicite e di quelle esplicite. Pag.11 di 15 Disclosure nei confronti della clientela sui conflitti di interesse Al fine di informare compiutamente i clienti sulla presenza di conflitti di interesse, ancorché potenziali, con l obiettivo di agevolare scelte consapevoli, il Gruppo MPS attiva gli opportuni flussi informativi. In base a quanto previsto dall art. 30 della Dir. 2006/73 CE, la policy di sintesi sui conflitti di interesse è consegnata ai clienti al dettaglio prima della sottoscrizione del contratto di intermediazione mobiliare ed attiene alle situazioni di conflitto ipotetiche connesse in modo strutturale all attività del Gruppo, che non è stato possibile prevenire completamente. Al riguardo la Banca, avendo cura di fornire le informazioni con modalità e contenuti adeguati, rende noto ai clienti i capisaldi della propria politica di gestione dei conflitti, aggiornata tempestivamente, tramite: la consegna del suddetto documento sintetico a tutti i clienti analogo documento è consultabile sul sito internet aziendale - che descrive la natura generale e/o delle fonti di tali conflitti di interesse; l inserimento del documento nell applicativo di home banking utilizzato per lo svolgimento dei servizi di investimento; la messa a disposizione di un documento di maggior dettaglio ai clienti che ne facciano apposita richiesta; analogo documento è disponibile anche sul sito internet aziendale. Oltre a ciò, in occasione di ciascuna operazione di compravendita sui dossier titoli amministrati (collocamento, raccolta ordini, negoziazione), della prestazione del servizio di consulenza, della sottoscrizione del contratto di gestione patrimoni mobiliari, della fornitura di raccomandazioni, dello svolgimento dei servizi accessori, la Banca provvede a comunicare preventivamente al cliente, l esistenza del conflitto di interesse, mediante appositi disclaimer sui connessi moduli d ordine o informativi. La Banca, avendo cura di controllare regolarmente l efficacia delle misure adottate per gestire i conflitti di interesse corregge eventuali carenze e comunica al cliente ogni modifica rilevante apportata.

12 ALLEGATO B Pag.12 di 15 INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Introduzione Il Regolamento Intermediari n della Consob, emanato ai sensi della Direttiva europea 2004/39 ( MIFID ), impone agli intermediari che prestano i servizi di esecuzione/ricezione e trasmissione degli ordini l obbligo di adottare tutti gli accorgimenti ragionevolmente possibili per offrire una qualità di esecuzione ottimale alla propria clientela. In conformità con la citata normativa, la presente Strategia descrive in maniera sintetica le misure, i meccanismi e le procedure adottati dalla Banca al fine di offrire alla propria clientela al dettaglio e professionale una qualità di esecuzione ottimale (best execution) degli ordini relativi alla compravendita di strumenti finanziari. Il processo realizzato è in grado di ottenere la best execution per la generalità degli ordini trattati, fermo restando che in relazione a singoli ordini il risultato finale dell esecuzione può essere negativamente influenzato da cause e circostanze esterne alla Banca. La presente Strategia si applica agli ordini ricevuti dalla clientela, indipendentemente dal mezzo (lettera, internet, telefono) utilizzato dal cliente per la trasmissione. 2. Condizioni Generali per la Gestione degli Ordini dei Clienti Nella trattazione degli ordini, la Banca applica misure che assicurano una trasmissione rapida, equa, corretta ed efficiente rispetto ad altri ordini di clienti e agli interessi di negoziazione della Banca stessa. La Banca tratta gli ordini equivalenti dei clienti in successione e con prontezza a meno che le caratteristiche dell ordine e le condizioni di mercato prevalenti lo rendano impossibile o gli interessi dei clienti richiedano di procedere diversamente. In caso di difficoltà rilevanti che potrebbero influire sulla corretta esecuzione degli ordini la Banca informa il cliente non appena viene a conoscenza di tali difficoltà. 3. Misure per l esecuzione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente Al fine di migliorare il livello dei servizi offerti alla propria clientela, la Banca trasmette gli ordini di compravendita ricevuti ad intermediari specializzati (Intermediari Esecutori), selezionati in funzione della capacità, verificata dalla Banca stessa, di ottenere in maniera duratura la best execution, avendo riguardo ai seguenti fattori: prezzo; costi; rapidità; probabilità di esecuzione e regolamento; dimensione dell ordine; natura dell ordine; ogni altro fattore rilevante. Per stabilire l importanza relativa dei suddetti fattori gli Intermediari Esecutori selezionati dalla Banca tengono conto dei seguenti criteri: caratteristiche del cliente della Banca, compresa la sua classificazione come cliente al dettaglio o cliente professionale; caratteristiche dell ordine e degli strumenti finanziari; caratteristiche delle sedi di esecuzione alle quali l ordine può essere diretto. In particolare, laddove l ordine da eseguire riguardi un cliente classificato al dettaglio dalla Banca, l Intermediario Esecutore determinerà il miglior risultato possibile in ragione del cosiddetto corrispettivo totale, rappresentato dal prezzo degli strumenti finanziari e dai costi connessi all esecuzione. Con riferimento a tale tipologia di clientela, infatti, la normativa prevede che i fattori diversi da prezzo e costi possono essere presi in considerazione soltanto a condizione che essi risultino strumentali ad un migliore risultato in termini di corrispettivo totale (ad esempio, per un ordine dall importo consistente su un titolo relativamente liquido). Per quanto riguarda i clienti classificati come professionali, nonostante la normativa non imponga di indirizzare l esecuzione degli ordini in ragione del corrispettivo totale, la Banca ritiene che tale parametro sia comunque rilevante poiché, nell ottica generale di aumentare l efficienza del mercato ed assicurare protezione alla clientela, prezzo e costi assumono un importanza relativa elevata, sebbene in specifiche circostanze, tenuto conto della specificità di particolari ordini, altri fattori potranno essere ritenuti primari. Nella scelta delle sedi di esecuzione gli Intermediari Esecutori sono liberi di decidere se negoziare al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione, anche in contropartita diretta o con altri negoziatori in conto proprio, a condizione che l esecuzione secondo tali modalità consenta di ottenere il miglior risultato possibile per il cliente, tenuto conto non solo dei prezzi ottenibili, ma anche dei costi connessi alle varie sedi di esecuzione. 4. Gli Intermediari Esecutori Al fine di consentire in maniera più efficace l ottenimento della Best Execution, la Banca ha deciso di concentrare l esecuzione degli ordini su alcuni Intermediari Esecutori altamente qualificati, selezionati in ragione della politica di esecuzione degli ordini da essi riportata nella propria strategia di esecuzione nonché della stabilità patrimoniale e delle competenze sviluppate da ciascuno con riferimento alle singole categorie di strumenti finanziari trattati. La scelta dei suddetti intermediari, elencati in dettaglio nell Annex 1 al presente documento, è operata dalla Banca anche nell ottica di salvaguardare misure, meccanismi, sistemi e dispositivi di trasmissione già accentrati e consolidati a livello di gruppo, capaci pertanto di garantire la continuità operativa dell esecuzione a vantaggio della clientela. Nell interesse della clientela, la Banca può decidere senza preavviso, in determinate circostanze di mercato o, in ogni caso, fatte le opportune valutazioni, al fine di assicurare meglio il perseguimento della Best execution, di sostituire o affiancare gli Intermediari Esecutori sopra indicati con altri intermediari, che

13 Pag.13 di 15 presentino analoghi requisiti in termini di competenze e stabilità patrimoniale e la cui politica di esecuzione sia coerente con quanto previsto dalla presente Strategia. Eventuali variazioni che dovessero essere apportate alla lista degli Intermediari Esecutori saranno pubblicate tempestivamente sul sito internet della Banca e saranno oggetto di specifica comunicazione a tutta la clientela in occasione della prima revisione successiva della Strategia. 5. Istruzioni specifiche del cliente Qualora il cliente impartisca istruzioni specifiche sulle modalità con le quali il suo ordine deve essere eseguito o trasmesso, la Banca trasmette l ordine agli Intermediari Esecutori chiedendo di rispettare nell esecuzione le istruzioni ricevute. In tal caso la Banca e gli Intermediari Esecutori soddisfano i rispettivi obblighi di Best Execution semplicemente attenendosi alle istruzioni del cliente, non essendo ad essi imputabile l eventuale mancato perseguimento del miglior risultato possibile. Tuttavia, il fatto che il cliente abbia impartito istruzioni specifiche riguardanti una parte o un aspetto soltanto dell ordine non solleva la Banca e gli Intermediari Esecutori dai loro obblighi di trasmissione/esecuzione per quanto riguarda le eventuali altre parti o aspetti dell ordine non interessati da tali istruzioni specifiche. 6. Inapplicabilità della Best Execution Gli obblighi e le regole di condotta concernenti la disciplina della Best Execution non si applicano ai clienti che rientrano nella categoria delle Controparti Qualificate, ai sensi e per gli effetti dell art. 58, comma 3, del Regolamento Intermediari. Nel caso in cui si verifichino interruzioni nella normale operatività del mercato oppure i sistemi esterni o interni utilizzati per realizzare la Strategia siano inutilizzabili per guasti e malfunzionamenti imprevisti, cause di forza maggiore non imputabili alla Banca, la Strategia può non essere rispettata per ordini che comportano come fattore primario la rapidità di esecuzione. 7. Verifica della qualita dell esecuzione ed aggiornamento della Strategia. La Banca verifica tempo per tempo la qualità dell esecuzione realizzata dagli Intermediari Esecutori, in modo da identificare e, se del caso, correggere eventuali carenze nella Strategia di trasmissione adottata. La qualità dell esecuzione viene verificata raffrontando i risultati ottenuti dagli Intermediari Esecutori sugli ordini eseguiti con i risultati che sarebbe stato possibile ottenere sulla stessa sede di esecuzione o su altre sedi, con la dovuta diligenza, tenuto conto dei fattori di esecuzione sopra menzionati. La Banca, inoltre, verifica che nel tempo la politica di esecuzione degli ordini riportata dagli Intermediari Esecutori nella propria Strategia di esecuzione si mantenga coerente con quanto previsto dalla presente Strategia di trasmissione. La Banca riesamina le misure adottate e la Strategia con periodicità almeno annuale nonché ogni qualvolta ciò sia reso necessario dal verificarsi di circostanze rilevanti, tali da influire sulla capacità di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile nell esecuzione degli ordini della clientela. La Banca comunica alla clientela eventuali modifiche (diverse da quelle riguardanti la lista degli Intermediari Esecutori) apportate alla Strategia di trasmissione e provvede ad aggiornare il proprio sito web al fine di assicurare che la Strategia ivi pubblicata corrisponda sempre all ultima versione tempo per tempo in vigore. 8. Aggregazione degli ordini Nell interesse della clientela, normalmente la Banca non procede all aggregazione degli ordini ricevuti. Tuttavia, la Banca si riserva la possibilità di aggregare gli ordini qualora ciò risulti vantaggioso per i clienti, evitando che l aggregazione vada a discapito di uno qualsiasi dei clienti stessi ed in conformità con quanto previsto dalla vigente normativa. In ogni caso, prima di procedere all assegnazione, la Banca ripartisce correttamente gli ordini aggregati e le operazioni, con particolare riguardo alle modalità con cui il volume e il prezzo degli ordini determinano le assegnazioni e il trattamento delle esecuzioni parziali. Annex 1 Azioni e titoli assimilabili il cui mercato di riferimento primario è in Italia (rientrano in tale categoria i diritti di sottoscrizione, i certificates, i warrant e i covered warrant, i derivati quotati, i fondi chiusi quotati, gli ETF); Intermonte S.i.m. Azioni e titoli assimilabili il cui mercato di riferimento primario non è l Italia (rientrano in tale categoria i diritti di sottoscrizione, i certificates, i warrant e i covered warrant, i derivati quotati, i fondi chiusi quotati, gli ETF); Goldman Sachs Obbligazioni, quotate e non quotate. MPS Capital Services Banca per le Imprese S.p.A. La data di riferimento e di aggiornamento della presente strategia è il 30 giugno 2009

14 ALLEGATO C Pag.14 di 15 INFORMATIVA SUGLI INCENTIVI PERCEPITI DALLA BANCA Premessa L art. 52 del Regolamento Consob n , così come aggiornato e modificato dalla recente normativa comunitaria, ha introdotto, a maggior tutela di correttezza e trasparenza nei confronti del Cliente, il divieto per gli intermediari, e quindi per la Banca, di ricevere (e offrire) pagamenti o altri benefici, genericamente incentivi, in connessione alla prestazione di servizi e attività di investimento. In particolare, di seguito ci riferiamo alla fattispecie nella quale la Banca riceve o riceverà da un soggetto diverso dal Cliente, un incentivo, in relazione al servizio prestato al Cliente, sotto forma di denaro, di beni o di servizi, diverso dalle commissioni o dalle competenze normalmente percepite per tale servizio. Tali incentivi sono giustificati dalla normativa nel caso in cui, pur provenienti da soggetti terzi, sono comunicati al Cliente, sono volti ad accrescere il servizio fornito al Cliente e non ostacolano l obbligo dell intermediario di servire al meglio gli interessi dello stesso. Di seguito perciò si fornisce l informativa sintetica sugli incentivi ricevuti dalla Banca in conformità all art. 52 suindicato, illustrando i vantaggi, diretti e indiretti, che al Cliente ne possono derivare. Servizio di gestione di portafogli Nel caso in cui la linea prescelta dal Cliente sottoscrittore del servizio di gestione di portafogli prevede contrattualmente investimenti in quote e/o azioni di OICR, la Banca potrebbe ricevere, a seguito di tali investimenti, utilità da società che hanno istituito i medesimi. Infatti, sulla base di specifici accordi contrattuali con le varie società emittenti quote e/o azioni di OICR, appartenenti o non al Gruppo MPS, a fronte di ogni investimento per conto del Cliente nei suddetti strumenti, la Banca potrebbe percepire una percentuale delle commissioni di gestione relative al comparto in cui il patrimonio del Cliente è investito. Tale percentuale, variabile in funzione della società prodotto e della categoria del comparto, assume valori compresi da un minimo di 0% ad un massimo di 80 %. Nel caso in cui la Banca percepisca tali utilità, relativamente ai contratti stipulati successivamente al 1 novembre 2007, l'importo sarà interamente riaccreditato al conto di gestione di competenza con periodicità trimestrale. Tali incentivi concorreranno perciò ad incrementare direttamente il portafoglio affidato in gestione. Servizio di collocamento Collocamento di OICR A fronte della prestazione del servizio di collocamento, la Banca riceve una commissione dalle società prodotto commisurata agli strumenti e prodotti collocati. La misura di tale commissione è definita in appositi accordi stipulati tra la Banca stessa e il soggetto emittente/distributore e, generalmente, consiste in una retrocessione del: 100% delle commissioni di sottoscrizione (ove previste) pagate dal Cliente 100% delle commissioni di distribuzione (ove previste) pagate dal Cliente percentuale variabile da 31% a 80% di retrocessione delle commissioni di gestione pagate dal Cliente. La misura esatta della retrocessione distribuita da ogni singola società prodotto e per ogni singolo comparto, è disponibile presso ogni filiale della Banca. La retrocessione delle commissioni di sottoscrizione è volta specificamente a remunerare l attività distributiva della Banca, la quale offre al Cliente l opportunità di accedere ad un ampio ventaglio di strumenti, prodotti e servizi affiancandogli durante la delicata fase promozionale un suo dipendente in grado di fornirgli tutta la necessaria assistenza. In particolare, il dipendente illustra preventivamente al Cliente le caratteristiche degli strumenti/prodotti/servizi offerti e mette a disposizione dello stesso strumenti di analisi quantitativa e indicatori oggettivi. La retrocessione delle commissioni di gestione è invece diretta a remunerare la cura continuativa che la Banca presta al Cliente attraverso i suoi dipendenti che, su richiesta del Cliente o comunque in ogni caso, forniscono la necessaria assistenza, monitorano il portafoglio, illustrano le opportunità di investimento, curano la materiale trasmissione degli ordini e delle disposizioni. Si segnala inoltre che la Banca può anche ricevere direttamente o indirettamente dalle varie Società Prodotto contributi di marketing finalizzati ad aumentare il livello di professionalità della rete commerciale o a aumentare l informazione al Cliente attraverso l organizzazione di eventi e convegni. Collocamento di certificates e obbligazioni strutturate A fronte della prestazione del servizio di collocamento, la Banca riceve una commissione dalle società prodotto commisurata agli strumenti e prodotti collocati. La misura di tale commissione è definita in appositi accordi stipulati tra la Banca stessa e il soggetto emittente/responsabile del collocamento e, generalmente, consiste in una retrocessione del: 100% delle commissioni di collocamento/distribuzione (ove previste) pagate dal Cliente percentuale variabile da 30% a 80% di retrocessione delle commissioni di gestione pagate dal Cliente. La misura esatta della retrocessione distribuita da ogni singola società prodotto e per ogni singolo prodotto, è comunque indicato nelle condizioni definitive di ogni singolo certificato/obbligazione ed è disponibile presso ogni filiale della Banca. In ogni modo ove vi siano indicazioni nelle condizioni definitive del certificato/obbligazione che differiscono dalle percentuali indicate precedentemente, fa fede quanto indicato nelle condizioni definitive. Qualora lo strumento finanziario investa in quote e/o azioni di OICR, la Banca potrebbe ricevere, a seguito di tali investimenti, utilità dalla società emittente/responsabile del collocamento dello strumento finanziario. L'entità e la modalità di trattamento di tali utilità è indicata per ogni prodotto nel prospetto e nelle condizioni definitive. La retrocessione delle commissioni di sottoscrizione è volta specificamente a remunerare l attività distributiva della Banca, la quale offre al Cliente l opportunità di accedere ad un ampio ventaglio di strumenti, prodotti e servizi affiancandogli durante la delicata fase promozionale un suo dipendente in grado di fornirgli tutta la necessaria assistenza. In particolare, il dipendente illustra preventivamente al Cliente le caratteristiche degli strumenti/prodotti/servizi offerti e cura la materiale trasmissione delle disposizioni. La retrocessione delle commissioni di gestione o le altre utilità sopraindicate è invece diretta a remunerare la cura continuativa che la Banca presta al Cliente attraverso i suoi dipendenti che, su richiesta del Cliente o comunque in ogni caso, forniscono la necessaria assistenza, monitorano il portafoglio, illustrano le opportunità di investimento, curano la materiale trasmissione degli ordini e delle disposizioni. Si segnala inoltre che la Banca può anche ricevere direttamente o indirettamente dalle varie Società Prodotto contributi di marketing finalizzati ad aumentare il livello di professionalità della rete commerciale o ad aumentare l informazione al Cliente attraverso l organizzazione di eventi e convegni.

15 Pag.15 di 15 Collocamento di polizze assicurative A fronte della prestazione del servizio di collocamento, la Banca riceve una commissione dalle società prodotto commisurata agli strumenti e prodotti collocati. La misura di tale commissione è definita in appositi accordi stipulati tra la Banca stessa e la compagnia assicuratrice e, generalmente, consiste in una retrocessione del: Index linked percentuale variabile da 20% al 60% del caricamento Unit Linked percentuale variabile da 20% al 60% del caricamento sul premio percentuale variabile dal 24% al 60% delle commissioni di gestione pagate dal Cliente Ramo V percentuale variabile dallo 0% al 60% del caricamento sul premio percentuale variabile dal 34% al 60% del rendimento trattenuto dalla Compagnia La misura esatta della retrocessione distribuita da ogni singola società prodotto e per ogni singolo prodotto, è disponibile presso ogni filiale della Banca. La retrocessione delle commissioni di sottoscrizione è volta specificamente a remunerare l attività distributiva della Banca, la quale offre al Cliente l opportunità di accedere ad un ampio ventaglio di strumenti, prodotti e servizi affiancandogli durante la delicata fase promozionale un suo dipendente in grado di fornirgli tutta la necessaria assistenza. In particolare, il dipendente illustra preventivamente al Cliente le caratteristiche degli strumenti/prodotti/servizi offerti e cura la materiale trasmissione delle disposizioni. La retrocessione delle commissioni di gestione è invece diretta a remunerare la cura continuativa che la Banca presta al Cliente attraverso i suoi dipendenti che, su richiesta del Cliente o comunque in ogni caso, forniscono la necessaria assistenza, monitorano il portafoglio, illustrano le opportunità di investimento, curano la materiale trasmissione degli ordini e delle disposizioni. Si segnala inoltre che la Banca può anche ricevere direttamente o indirettamente dalle varie Società Prodotto contributi di marketing finalizzati ad aumentare il livello di professionalità della rete commerciale o ad aumentare l informazione al Cliente attraverso l organizzazione di eventi e convegni.

DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID (redatto ai sensi dell art. 27 e segg. della Delibera Consob 16190/2007)

DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID (redatto ai sensi dell art. 27 e segg. della Delibera Consob 16190/2007) DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID (redatto ai sensi dell art. 27 e segg. della Delibera Consob 16190/2007) Fornito da Banca del Fucino S.p.A. a clienti e potenziali clienti. Ai

Dettagli

ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI

ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI ALLEGATO N. 1: DOCUMENTO SUI RISCHI GENERALI DEGLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI QUESTO DOCUMENTO NON DESCRIVE TUTTI I RISCHI ED ALTRI ASPETTI SlGNIFICATIVI RIGUARDANTI GLI INVESTIMENTI IN STRUMENTI

Dettagli

PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO INDICE

PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO INDICE Banco di Napoli S.p.A. - Sede Sociale: Via Toledo, 177 80132 Napoli Capitale Sociale 800.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Napoli, Codice Fiscale Partita IVA 04485191219 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

MiFID. A Passion to Perform.

MiFID. A Passion to Perform. MiFID Trasparenza, fiducia, protezione dell investitore. Sono i principi a cui Deutsche Bank si è sempre ispirata. Principi sanciti dalla direttiva europea MiFID (Market in Financial Instruments Directive).

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 05/2011 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 1. Dati che CheBanca! 2 2. Autorizzazione alla prestazione dei servizi di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID (redatto ai sensi dell art. 27 e segg. Della Delibera Consob 16190/2007)

DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID (redatto ai sensi dell art. 27 e segg. Della Delibera Consob 16190/2007) DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID (redatto ai sensi dell art. 27 e segg. Della Delibera Consob 16190/2007) Fornito da Cassa di Risparmio di Volterra S.p.A. a Clienti e potenziali

Dettagli

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini

Foglio Informativo. Che cos è il Contratto Di Collocamento Titoli Nonché Di Ricezione E Trasmissione Ordini Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO In base a quanto previsto dalla normativa vigente, tramite il presente Documento Informativo, AcomeA SGR S.p.A. fornisce ai Clienti o potenziali Clienti le informazioni necessarie

Dettagli

Spett. DOCUMENTO INFORMATIVO

Spett. DOCUMENTO INFORMATIVO d:\unisig\pactum\logo\logofos.bmp Sede Legale e Direzione Generale in Fossano - Via Roma n. 122 Capitale Sociale euro 31.200.000 interamente versato C.F./P.I. 00166910042 Ufficio Registro Imprese n. 7833

Dettagli

Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI

Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI Banca Popolare di Puglia e Basilicata SOCIETA COOPERATIVA PER AZIONI DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente documento, redatto ai sensi del D. Lgs. n. 58/1998 - Testo Unico della Finanza, così come modificato

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE. Emil Banca ED. 01/2011 Pag: 1/30. MiFID INFORMATIVA PRECONTRATTUALE

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE. Emil Banca ED. 01/2011 Pag: 1/30. MiFID INFORMATIVA PRECONTRATTUALE Pag: 1/30 MiFID INFORMATIVA PRECONTRATTUALE Pag: 2/30 IL PRESENTE DOCUMENTO CONTIENE: 1. INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO E I SUOI SERVIZI 2. INFORMAZIONI CONCERNENTI LA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE BANCA DI CREDITO COOPERATVO DI OSTUNI (BR) Società Cooperativa Sede legale Largo Mons. Italo Pignatelli, 2 72017 OSTUNI - BR Telefono +39 0831 301241 Fax +39 0831 338640 R.E.A. n. 327 Cod. Fisc. e Part.

Dettagli

CAG: A01/. NOME E COGNOME::::::::::::::::::::: Data:

CAG: A01/. NOME E COGNOME::::::::::::::::::::: Data: Pag: 1/22 IL PRESENTE DOCUMENTO CONTIENE: 1. INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO E I SUOI SERVIZI 2. INFORMAZIONI CONCERNENTI LA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E DELLE SOMME DI DENARO 3. INFORMAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID

DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID DOCUMENTO INFORMATIVO GENERALE SUI SERVIZI FINANZIARI MiFID (redatto ai sensi dell art. 27 e segg. della Delibera Consob 16190/2007) Fornito da Cassa di Risparmio di Volterra S.p.A. a Clienti e potenziali

Dettagli

PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI

PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI Informativa alla Clientela ai sensi del Libro III, Tit. I, Capo I del Regolamento Consob n. 16190 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Informazioni

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

FIDEUS CONTRATTO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI

FIDEUS CONTRATTO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI Nostro Numero FIDEUS CONTRATTO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI Con la presente il sottoscritto ( qui di seguito Cliente ) i cui dati anagrafici sono di seguito riportati:

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Egregio Signore, Gentile Signora,

Egregio Signore, Gentile Signora, 1/2 S.p.A. Sede e Dir. Via Ravegnana ang. Via Traiano Imperatore 47100 FORLI (FC) C.F., P.IVA e Iscr. R.I. di Forlì/Cesena n. 03374640401 R.E.A. Forlì/Cesena n. 299009 Aderante al Fondo Interbancario di

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Nota informativa sui Servizi di Investimento e Accessori

Nota informativa sui Servizi di Investimento e Accessori Pag. 1 / 30 Nota informativa sui Servizi di Investimento e Accessori 219 Ai sensi del regolamento consob in materia di intermediari Indice: A - Informazioni generali su widiba e sui servizi offerti B -

Dettagli

Norme di Banca Mediolanum

Norme di Banca Mediolanum Edizione Luglio 2009 Norme di Banca Mediolanum CONDIZIONI CHE REGOLANO I SERVIZI BANCARI E FINANZIARI PRESTATI DALLA BANCA INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO E I RELATIVI SERVIZI DI INVESTIMENTO AVVISO SULLE

Dettagli

Nota informativa ai sensi del regolamento Consob

Nota informativa ai sensi del regolamento Consob Pag. 1 / 17 Nota informativa ai sensi del regolamento Consob Il presente documento precontrattuale (la Nota Informativa o la Nota ) contiene le informazioni previste dagli articoli da 29 a 32 del Regolamento

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO INDICE

FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO INDICE FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Il presente documento (il Fascicolo Informativo ), rivolto ai Clienti o potenziali Clienti di Banca Sistema

Dettagli

MiFID INFORMATIVA PRECONTRATTUALE

MiFID INFORMATIVA PRECONTRATTUALE Pag: 1/38 MiFID IL PRESENTE DOCUMENTO CONTIENE: Pag: 2/38 1. INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO E I SUOI SERVIZI 2. INFORMAZIONI CONCERNENTI LA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E DELLE SOMME DI DENARO

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE (Rif. Artt. da 29 a 32 del Regolamento Consob n. 16190 del 29/10/2007 in materia di Intermediari)

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE (Rif. Artt. da 29 a 32 del Regolamento Consob n. 16190 del 29/10/2007 in materia di Intermediari) INFORMATIVA PRECONTRATTUALE (Rif. Artt. da 29 a 32 del Regolamento Consob n. 16190 del 29/10/2007 in materia di Intermediari) Aggiornamento al 18 febbraio 2014 1 / 11 Copia Cliente Informativa precontrattuale

Dettagli

Il Documento è disponibile per la consultazione sul sito della Società all indirizzo http://www.anthilia.it.

Il Documento è disponibile per la consultazione sul sito della Società all indirizzo http://www.anthilia.it. DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (il Documento ), rivolto ai clienti ed ai potenziali clienti di Anthilia Capital SGR SpA (la Società ), è redatto ai sensi del Regolamento Intermediari

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE. (Rif. Artt. da 29 a 32 del Regolamento Consob n. 16190 del 29/10/2007 in materia di Intermediari)

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE. (Rif. Artt. da 29 a 32 del Regolamento Consob n. 16190 del 29/10/2007 in materia di Intermediari) INFORMATIVA PRECONTRATTUALE (Rif. Artt. da 29 a 32 del Regolamento Consob n. 16190 del 29/10/2007 in materia di Intermediari) Aggiornamento al 02 agosto 2010 1. Premessa per il cliente La Direttiva dell

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE Pag: 1/27 IL PRESENTE DOCUMENTO CONTIENE: 1. INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO E I SUOI SERVIZI 2. INFORMAZIONI CONCERNENTI LA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E DELLE SOMME DI DENARO 3. INFORMAZIONI

Dettagli

CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO, PER IL DEPOSITO TITOLI, PER LA VENDITA DI

CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO, PER IL DEPOSITO TITOLI, PER LA VENDITA DI 1/2 SBA/WTTMAL1 CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO, PER IL DEPOSITO TITOLI, PER LA VENDITA DI PRODOTTI FINANZIARI EMESSI DALLA BANCA E PER LE OPERAZIONI DI PRONTI CONTRO TERMINE INFORMATIVA

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE o CONFLICT POLICY Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del12/05/2008 modificata con delibera del 30/10/2008 ai sensi dell art.

Dettagli

Contratti per la prestazione di Servizi ed Attività d Investimento e Servizi Accessori. Informativa preliminare alla Clientela

Contratti per la prestazione di Servizi ed Attività d Investimento e Servizi Accessori. Informativa preliminare alla Clientela Contratti per la prestazione di Servizi ed Attività d Investimento e Servizi Accessori Informativa preliminare alla Clientela SEZIONE I INFORMAZIONI GENERALI SU WEBANK E SUI SERVIZI OFFERTI WeBank S.p.A.,

Dettagli

Informativa Precontrattuale Servizi di Investimento e Accessori della

Informativa Precontrattuale Servizi di Investimento e Accessori della IL PRESENTE DOCUMENTO CONTIENE: 1. INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO E I SUOI SERVIZI 2. INFORMAZIONI CONCERNENTI LA SALVAGUARDIA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI E DELLE SOMME DI DENARO 3. INFORMAZIONI SUI RISCHI

Dettagli

INFORMATIVA PRE-CONTRATTUALE

INFORMATIVA PRE-CONTRATTUALE INFORMATIVA PRE-CONTRATTUALE (Rif. Artt. da 29 a 32 Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190 del 29 Ottobre 2007) INFORMATIVA PRE-CONTRATTUALE (Rif. Artt. da 29 a 32 Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO INDICE

FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO INDICE FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA E NORME CONTRATTUALI SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Il presente documento (il Fascicolo Informativo ), rivolto ai Clienti o potenziali Clienti di Banca Sistema

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PRECONTRATTUALE

DOCUMENTO INFORMATIVO PRECONTRATTUALE DOCUMENTO INFORMATIVO PRECONTRATTUALE DI BANCA POPOLARE ETICA S.C.p.A. gennaio 2015 www.bancaetica.it DOCUMENTO INFORMATIVO PRECONTRATTUALE DI BANCA ETICA S.C.p.A. Il presente Documento Informativo è

Dettagli

Informativa Precontrattuale

Informativa Precontrattuale LOGO Informativa Precontrattuale Pag: 1/26 Il presente documento contiene: SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA E SUI SERVIZI DI INVESTIMENTO DA QUESTA OFFERTI INFORMAZIONI

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI/PRODOTTI FINANZIARI Informazioni generali sulla natura e sui rischi degli strumenti/prodotti finanziari Mifi d Info Strum/Prodotti Finanz. Ed. Gennaio 2012 Il documento ha

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse CASSA RURALE DI TRENTO 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 5 4. RICHIAMO

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DEI

POLICY DI GESTIONE DEI Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE SUI SERVIZI D INVESTIMENTO GRUPPO CARISMI - approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 10/02/2015 1 INDICE

Dettagli

Opuscolo informativo sulla prestazione dei Servizi di Investimento

Opuscolo informativo sulla prestazione dei Servizi di Investimento Opuscolo informativo sulla prestazione dei Servizi di Investimento INDICE dell'opuscolo Informativo sulla prestazione dei Servizi di Investimento. Sezione 1.Sezione 2.Sezione 3.Sezione 4.Sezione 5 Informazioni

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

Banca della Marca Informativa precontrattuale per la clientela su servizi e attività d'investimento

Banca della Marca Informativa precontrattuale per la clientela su servizi e attività d'investimento Banca della Marca Informativa precontrattuale per la clientela su servizi e attività d'investimento Pag.1/28 Indice Premessa per il cliente Informazioni sull'intermediario e i suoi servizi Informazioni

Dettagli

Informativa sul rischio

Informativa sul rischio Informativa sul rischio Premessa AFX Capital e SuperTradingOnline (STO) sono marchi commerciali di AFX Capital Markets Ltd. e AFX Markets Ltd. AFX Capital Markets Ltd. è autorizzata e regolamentata dalla

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO pre-contrattuale sui servizi di investimento

FASCICOLO INFORMATIVO pre-contrattuale sui servizi di investimento FASCICOLO INFORMATIVO pre-contrattuale sui servizi di investimento Decorrenza 1 giugno 2013 Pagina 1 di 39 INDICE PREMESSA... 3 SEZIONE I - INFORMAZIONI SULLA SOCIETA E SUI SUOI SERVIZI... 4 1. INFORMAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA

DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA DOCUMENTO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA Edizione 01/2014 INDICE Informazioni su CheBanca! e sui servizi di investimento offerti 2 Informazione sugli strumenti finanziari 3 1. Strumenti finanziari non derivati

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 13 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

L A B O R S A I T AL I AN A S. P. A. H A D I S P O S T O L AM M I S S I O N E AL L A Q U O T AZ I O N E C O N P R O V V E D I M E N T O N.

L A B O R S A I T AL I AN A S. P. A. H A D I S P O S T O L AM M I S S I O N E AL L A Q U O T AZ I O N E C O N P R O V V E D I M E N T O N. Avviso integrativo di emissione. Il presente Avviso va letto congiuntamente alla Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 19.06.2003, a seguito di nullaosta

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE Pag: 1/25 INFORMATIVA PRECONTRATTUALE Il presente documento contiene: SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ. 3 SEZ. 4 SEZ. 5 SEZ. 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA E SUI SERVIZI DI INVESTIMENTO DA QUESTA OFFERTI INFORMAZIONI CONCERNENTI

Dettagli

Il Governatore della Banca d Italia

Il Governatore della Banca d Italia Il Governatore della Banca d Italia Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, di seguito "Testo Unico"). In particolare,

Dettagli

FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO

FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO FASCICOLO INFORMATIVO PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Il presente documento (il Fascicolo Informativo ), rivolto ai clienti o potenziali clienti della Banca Popolare del Frusinate

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Banca Popolare di Vicenza

Banca Popolare di Vicenza Banca Popolare di Vicenza INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 1 di luglio 2008 MMM00589 07/2008 Pag. 1 di 30 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI

Dettagli

Informativa pre-contrattuale sul servizio di GESTIONE DI PORTAFOGLI DI INVESTIMENTO svolto da BANCA POPOLARE DI VICENZA

Informativa pre-contrattuale sul servizio di GESTIONE DI PORTAFOGLI DI INVESTIMENTO svolto da BANCA POPOLARE DI VICENZA Informativa pre-contrattuale sul servizio di GESTIONE DI PORTAFOGLI DI INVESTIMENTO svolto da BANCA POPOLARE DI VICENZA Versione n. 3 di Luglio 2015 Premessa Banca Popolare di Vicenza, in ottemperanza

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi In conformità delle disposizioni normative comunitarie e nazionali attualmente in vigore, Pioneer Investment Management

Dettagli

Contratti per la prestazione di Servizi ed Attività d'investimento e Servizi Accessori Informativa preliminare alla Clientela

Contratti per la prestazione di Servizi ed Attività d'investimento e Servizi Accessori Informativa preliminare alla Clientela Contratti per la prestazione di Servizi ed Attività d'investimento e Servizi Accessori Informativa preliminare alla Clientela Cognome e Nome. NDG: XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX SEZIONE I INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU S.C.P.A. in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo Carrù S.c.p.a.

Dettagli

Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy. DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale

Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy. DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale Studio Battista - sb Investments & Trusts Consultancy DESCRIZIONE DEI SERVIZI - Organizzazione del capitale individuale DESCRIZIONE Ad sb Investments, il cliente può ricevere consulenza in materia di investimenti

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.

DOCUMENTO INFORMATIVO. PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2. DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'OFFERTA DEL PRESTITO OBBLlGAZlONARlO BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A. 20/05/2015 20/05/2021 TASSO FISSO 2.00% EMISSIONE N. 27/2015 CODICE lsln IT0005108672 Il presente documento

Dettagli

CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO E ACCESSORI

CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO E ACCESSORI CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO E ACCESSORI INDICE SEZIONE I - INFORMATIVA PRECONTRATTUALE... 4 1. INFORMAZIONI SULLA BANCA E SUI SERVIZI... 4 2. INFORMAZIONI CONCERNENTI LA SALVAGUARDIA

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DELLA BANCA POPOLARE ETICA gennaio 2014 www.bancaetica.it INDICE PREMESSA... pag. 4 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... pag. 6 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

UBS AG - SUCCURSALE DI LONDRA - PROGRAMMA DI EMISSIONE DI COVERED WARRANT

UBS AG - SUCCURSALE DI LONDRA - PROGRAMMA DI EMISSIONE DI COVERED WARRANT UBS AG - SUCCURSALE DI LONDRA - PROGRAMMA DI EMISSIONE DI COVERED WARRANT AVVISO INTEGRATIVO ALLA NOTA INTEGRATIVA RELATIVA AI COVERED WARRANT SU AZIONI ITALIANE ED ESTERE COVERED WARRANT SU AZIONI ITALIANE

Dettagli

REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA

REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA MAGGIO 2012 BSI SA (di seguito BSI o Banca ) al fine di garantire un sempre maggiore livello di qualità ed efficienza dei servizi e prodotti offerti

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 20/09/2010 20/03/2013 TF

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE RELATIVE ALL OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DENOMINATI OBBLIGAZIONI CASSA RURALE DI ALDENO E CADINE BCC TASSO VARIABILE TV% 2010-2015 - ISIN IT0004645898. EMESSE DALLA CASSA RURALE

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 2. CONTESTO NORMATIVO... 5 2.1 DEFINIZIONE DI OPERAZIONE PERSONALE... 5 2.2 DEFINIZIONE DI SOGGETTO

Dettagli

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA

BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA BANCA DI CESENA CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA SOCIETA COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA BANCA DI CESENA OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca di Cesena 01/02/2010-01/02/2013 TF

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI

INFORMATIVA SUI RISCHI INFORMATIVA SUI RISCHI Monecor (London) Limited, operante con la denominazione di EXT Capital (EXT Capital o noi) è autorizzata e soggetta alla vigilanza dalla Financial Service Authority (FSA) con n.

Dettagli

CREDITO ARTIGIANO S.P.A. TF 1,65% 08/11/2010 08/11/2012 215^ ISINIT0004650641

CREDITO ARTIGIANO S.P.A. TF 1,65% 08/11/2010 08/11/2012 215^ ISINIT0004650641 Credito Artigiano Società per Azioni Sede in Milano Piazza San Fedele, 4 Codice fiscale e Registro Imprese di Milano n. 00774500151 Albo delle Banche n. 4440 Società del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 7a Operazioni di intermediazione di strumenti finanziari

FOGLIO INFORMATIVO. 7a Operazioni di intermediazione di strumenti finanziari Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 7a Operazioni di intermediazione di strumenti finanziari INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16 56048 Volterra (PI)

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Sintesi della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Edizione giugno 2015 PREMESSA Mediolanum Gestione Fondi (di seguito anche MGF o la Società ), appartenente al Gruppo Bancario Mediolanum 1

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta di obbligazioni Carilo-Cassa di Risparmio di Loreto S.p.A Tasso Fisso 1,75% 2010-2014 Codice ISIN IT0004650765 ai sensi del programma di prestiti obbligazionari

Dettagli

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli