Sopra. l orizzonte. Jaime Fabregat Rosa Mª Ros. Prima edizione: Luglio 2012 EU-UNAWE, Jaime Fabregat, Rosa M. Ros, 2012 per il testo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sopra. l orizzonte. Jaime Fabregat Rosa Mª Ros. Prima edizione: Luglio 2012 EU-UNAWE, 2012. Jaime Fabregat, Rosa M. Ros, 2012 per il testo"

Transcript

1 sopra l orizzonte

2 Sopra Prima edizione: Luglio 2012 EU-UNAWE, 2012 Jaime Fabregat, Rosa M. Ros, 2012 per il testo Maria Vidal, 2012 per le illustrazioni. Edizione: Jaime Fabregat Fillet e Rosa M. Ros Ferré l orizzonte Jaime Fabregat Rosa Mª Ros Revisione dei testi: Eloi Arisa e Carme Alemany Disegno grafico: Maria Vidal Il libro Sopra l Orizzonte è stato stato finanziato con fondi del Seventh Framework Programme ([FP7/ ]) della Comunità Europea in base all accordo nº Deposito legale: B Stampato in UE ISBN: EU-UNAWE, 2012

3 L Agenzia del Consiglio Superiore della Ricerca Scientifica (CSIC) è la maggiore istituzione pubblica della Spagna dedicata alla ricerca scientifica e allo sviluppo tecnologico. Ha come obiettivo la promozione, lo sviluppo e la diffusione della ricerca scientifica e tecnologica per contribuire all avanzamento della conoscenza e allo sviluppo economico, sociale e culturale. Il CSIC è un istituzione impegnata nell educazione scientifica e presta il proprio sostegno ai progetti dei programmi UNAWE e EU-UNAWE pensati particolarmente per i bambini. EU-UNAWE è un progetto didattico dell Unione Europea basato sul programma UNAWE. Entrambi i progetti utilizzano la bellezza e la grandezza dell Universo per stimolare i bambini più piccoli, in particolare quelli degli ambienti più svantaggiati, che hanno interesse nella scienza e tecnologia, e sollecitare il loro senso di cittadinanza globale sin dalla tenera età. Nonostante UNAWE sia stata fondata solo sei anni fa, è già attiva in 40 Paesi e può contare su una rete globale di oltre 500 astronomi, professori ed educatori. EU-UNAWE vuole implementare attività di sensibilizzazione sull Universo in sei Paesi entro tre anni: Germania, Spagna, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito e Sudafrica. Il progetto include l organizzazione di corsi di formazione docente e sviluppo del materiale pratico per bambini. A lungo termine, EU-UNAWE vuole aiutare la formazione della prossima generazione di scienziati europei e fare in modo che i bambini delle zone più svantaggiate si rendano conto che fanno parte di una comunità molto più grande: l Europa. es.unawe.org

4 Introduzione Tutti noi viaggiamo su una nave: il pianeta Terra. E facile visualizzare le conseguenze del movimento di rotazione del nostro pianeta. Vediamo gli astri muoversi sul nostro orizzonte semplicemente se ci fermiamo a guardare, ma non è così semplice rilevare i risultati del nostro movimento di rivoluzione. Per poter osservare nel corso dell anno con più precisione e poter comprendere meglio il movimento apparente del Sole e delle stelle presentiamo un modello che ci permette di riportare e comprendere meglio ciò che vediamo. Con questo lavoro si possono visualizzare elementi astratti come il meridiano locale, l equatore e i tropici del Cancro e del Capricorno. Concretamente lo studente si può posizionare all interno del modello per comprendere il funzionamento di una meridiana equatoriale e può anche utilizzare il modello come un semplice calendario che indica la stagione dell anno in base alla posizione del Sole rispetto all equatore e tutto ciò utilizzando come motore di questo aggeggio il movimento apparente del Sole. Figura 1: Osservare e ragionare con l aiuto del modello. 6 7

5 Il primo modello In astronomia di solito si utilizzano rappresentazioni della sfera celeste vista da fuori. Tuttavia, facendo osservazioni dirette, siamo situati all interno della stessa (figure 2 e 3). Questa situazione disorienta e crea problemi durante l osservazione. Per evitare confusione, realizzeremo un modello dell orizzonte locale che permette di assimilare i concetti astronomici visti sia dall interno che dall esterno. Questo modello dell orizzonte si costruisce per ogni luogo. Con una macchina fotografica installata su un treppiede faremo una serie di fotografie dell orizzonte facendo attenzione che ogni inquadratura si sovrapponga con la precedente per poter attaccare le fotografie l una all altra (indicheremo la posizione del treppiede segnandola sul terreno con della vernice per poterlo porre di nuovo nella stessa identica posizione). Figura 2: La sfera celeste dall esterno. Figura 3: La sfera celeste dall interno. 8 9

6 Fotografie del tuo orizzonte In astronomia di solito si utilizzano rappresentazioni della sfera celeste vista da fuori. Tuttavia, facendo osservazioni dirette, siamo situati all interno della stessa (figure 4 e 5). Questa situazione disorienta e crea problemi durante l osservazione. Per evitare confusione, realizzeremo un modello dell orizzonte locale che permette di assimilare i concetti astronomici visti sia dall interno che dall esterno. Realizzeremo il modello del luogo da cui osserviamo. Una volta stampate le fotografie, le fisseremo una dopo l altra, fino a formare un cilindro che corrisponda all orizzonte reale. Posizioneremo il cilindro di fotografie su un quadrato di legno (figura 3) in maniera tale che l orizzonte del modello corrisponda all orizzonte reale. Di seguito andremo ad introdurre tutti gli elementi definiti sulla sfera celeste: asse di rotazione, meridiano locale, equatore, ecc. Figura 4: Preparazione delle fotografie dell orizzonte per realizzare il modello

7 Asse di rotazione terrestre o asse del Mondo Inizieremo posizionando l asse di rotazione terrestre. Per questo utilizzeremo come riferimento la posizione della stella polare; l inclinazione dell asse coincide con l altezza della stella polare sull orizzonte. Per conoscere quest angolo possiamo costruire un semplice quadrante e verificare che coincide con la latitudine del luogo. L estensione del filo che simbolizza l asse di rotazione terrestre, serve per aiutare a visualizzare l asse reale e localizzare il polo nord celeste, ed è utile anche per immaginare la posizione del punto cardinale Nord, come proiezione della stella polare sul piano dell orizzonte. Senza dubbio, usando una bussola, si può verificare che la posizione che corrisponde al punto cardinale Nord sull orizzonte coincide con la sua direzione. Sulla tavola di sostegno si può disegnare la direzione Nord-Sud e visualizzare sul modello e sull orizzonte reale l area di case o alberi che sono situati in questa zona (figura 5). In seguito si può tracciare la retta Nord-Sud sul suolo del cortile o della terrazza su cui si lavora. È molto importante perché ogni volta che si userà il modello bisognerà orientarlo ed è molto utile disporre di questa retta Nord-Sud disegnata a terra nel cortile per facilitare il lavoro. Figura 5: Con l asse del mondo ed il meridiano del luogo

8 Quadrante semplificato Possiamo costruire un quadrante per misurare angoli in verticale con una squadretta, un goniometro, un temperamatite di metallo e un pezzo di corda come filo a piombo. È meglio usare un goniometro di quelli che hanno un piccolo ago per collocare l origine degli angoli in modo da incorrere in meno errori. In primo luogo attaccheremo lo spago al goniometro dall origine degli angoli e attaccheremo un peso all altra estremità, per esempio un temperamatite di metallo. Fisseremo il goniometro all estremità più acuta della squadretta con nastro adesivo. È importante fare attenzione che il goniometro rimanga parallelo all estremo della squadretta su cui sono disegnati i centimetri (figura 6). Figura 6: Usare il quadrante. Se guardiamo la stella polare dall estremo dell angolo retto della squadretta, seguendo la visuale sul lato con la numerazione dei centimetri della squadretta, un altra persona potrà leggere l angolo determinato dal filo a piombo con la linea dei 90. Questo angolo dà l altezza della stella polare sul piano dell orizzonte (figura 7). Inoltre l angolo di altezza della stella polare è uguale alla latitudine del luogo (figura 8). La latitudine è l angolo dall equatore terrestre al luogo in cui è situato l osservatore; per cui è determinato dal piano dell equatore e il filo a piombo dallo zenit dell osservatore e questo angolo come si vede nella figura 8 coincide con l angolo determinato dal piano dell orizzonte (perpendicolare al filo a piombo) e l asse di rotazione terrestre (perpendicolare all equatore). Figura 8: La latitudine del luogo ф è l angolo determinato dall equatore e il filo a piombo che attraversa lo zenit o, che è la stessa cosa, l angolo che forma l asse di rotazione terrestre sul piano dell orizzonte. Questo disegno non è in scala, poiché la Terra si riduce a un punto se la paragoniamo al raggio infinito della sfera celeste. Figura 7: L angolo ф che determina il filo a piombo con i 90º sul goniometro è uguale all altezza della stella polare sull orizzonte, in quanto il filo a piombo è perpendicolare all orizzonte e la visuale della stella polare è perpendicolare alla linea dei

9 Meridiano del Luogo Il passo successivo consiste nel posizionare il meridiano del luogo. Fisseremo un filo che passi sulla testa dell osservatore (lo zenit), e i punti cardinali Nord e Sud (figura 5). Questo filo è la visualizzazione del meridiano del luogo sul modello, ma permette di immaginare sul cielo la linea del meridiano locale in quanto inizia negli stessi luoghi che vediamo nel modello. Il meridiano locale inizia nello stesso edificio della fotografia, però nell orizzonte reale, e dopo essere passato al di sopra della nostra testa finirà nello stesso edificio visualizzato grazie al filo nell orizzonte di fotografie. Si possono anche fare una serie di fotografie del meridiano del luogo se le facciamo di notte in un luogo senza contaminazione di luce. Cominceremo a farne una della zona del polo, un altra della zona al di sopra di essa seguendo il meridiano locale, l altra a seguire seguendo sempre lo stesso meridiano e così via fino a ottenere la fotografia che coincide con l orizzonte (figura 9). Dopo aver stampato tutte le fotografie potremo attaccarle l una all altra fino ad ottenere un nastro del meridiano con tutte le fotografie. È interessante vedere che con lo stesso tempo di esposizione la traiettoria disegnata da una stella cambia di longitudine. È minima intorno al polo e massima all equatore. Inoltre cambia di forma. All equatore la traiettoria disegna una linea retta. Nell area prossima a quella della stella polare le linee sono curve concave e sotto l equatore sono convesse. Se facciamo copie delle fotografie sufficientemente grandi, possiamo posizionare il nastro sulla nostra testa, cosa che permetterà di visualizzare e comprendere meglio il movimento. Figura 9: Il meridiano locale con le fotografie. Figura 10: Punto del tramonto il giorno dell equinozio di primavera o d autunno. 16

10 Equatore celeste Figura 11: Traiettoria della nascita del Sole. Con la macchina fotografica sul treppiede e situati nello stesso luogo in cui avevamo fatto le fotografie dell orizzonte (per questo motivo abbiamo disegnato sul terreno i segni del treppiede), faremo una foto del sorgere e del tramonto del Sole il primo giorno di primavera e d autunno (figura 10). In questo caso avremo due istantanee della posizione precisa dei punti cardinali rispettivamente Est e Ovest sull orizzonte delle fotografie e ovviamente sull orizzonte reale. Nei giorni degli equinozi il Sole si muove esattamente lungo l equatore. L equatore si simula attraverso un filo perpendicolare all asse di rotazione terrestre che inizia e finisce nei punti cardinali Est e Ovest (sul piano di legno che simula l orizzonte, una retta perpendicolare a quella Nord-Sud). Non è facile fissare il cerchio di filo perpendicolare al filo che simboleggia l asse di rotazione. Per sapere qual è l inclinazione appropriata basta fare un insieme di quattro o cinque fotografie del sorgere del Sole (una ogni mezzo minuto fino a quando non ci dà fastidio guardare il Sole). Se sovrapponiamo queste foto con Photoshop avremo l inclinazione del Sole quando nasce e pertanto l inclinazione che deve avere il filo che rappresenta l equatore (figura 11). Si può fare anche al tramonto invece che all alba. (il Sole è più vicino e di giorno ci illumina, però il suo comportamento non è diverso da quello delle altre stelle) si può ottenere l inclinazione dell equatore senza far altro che fotografare il movimento delle stelle quando spuntano o tramontano all orizzonte. Per questo è sufficiente fare una fotografia dell area del punto cardinale Est o del punto cardinale Ovest (figura 12). Per fare le fotografie dei percorsi delle stelle è necessario uscire in campagna un giorno senza Luna ed andare in un luogo sufficientemente appartato senza contaminazioni di luci. Sono sufficienti alcuni minuti di esposizione. È molto importante posizionare la macchina fotografica parallela all orizzonte (per effettuare questa operazione si può utilizzare un livello a bolla). Usando le due fotografie della traiettoria del Sole all alba e al tramonto oppure le fotografie notturne dei percorsi delle stelle nei punti cardinali Est e Ovest, è possibile conoscere l inclinazione dei percorsi delle stelle all equatore, e quindi è possibile posizionare senza problemi il filo che simboleggia l equatore. Poiché già conosciamo i punti in cui fissarlo e anche l inclinazione, si può già inserire il filo sulla tavola e mantenerlo con il meridiano locale affinché non si muova facilmente (figure 11 e 12). Se si considera il Sole come un altra stella Figura 12: Traiettorie delle stelle nella zona Est

11 Paralleli del Cancro e del Capricorno Se di nuovo si fanno fotografie del sorgere e del tramonto del Sole il primo giorno d inverno e il primo giorno d estate, si può vedere che il Sole non sorge e tramonta rispettivamente a Est e a Ovest. Fisseremo i fili paralleli all equatore passando per questi punti e avremo una rappresentazione dell area attraverso la quale si muove il Sole nel corso di un anno (i due fili corrispondono ai paralleli del primo giorno d estate o del Cancro e del primo giorno d inverno o del Capricorno). Evidentemente i paralleli hanno la stessa inclinazione dell equatore, esattamente la colatitudine di luogo (90-Φ). Con un semplice goniometro è possibile verificare che l angolo interno fra il parallelo del Cancro e l equatore è di circa 23,5º, e che questo angolo è anche quello formato fra l equatore e il parallelo del Capricorno (figura 14). Le dimensioni del modello devono essere inversamente proporzionali all età dell utilizzatore. Per una scuola primaria le dimensioni del modello devono consentire ai bambini di entrare dentro di esso. In questo caso il modello dell orizzonte si mescola con l orizzonte reale ancora in maniera molto evidente. Figura 13: Traiettorie del Sole il primo giorno di ogni stagione. Figura 14: L angolo fra due traiettorie del primo giorno di due stagioni consecutive è di 23,5º 20 21

12 Orologio solare Il modello realizzato ha anche altre applicazioni: non è altro che una meridiana, una meridiana equatoriale. Il Sole fa un giro completo attorno all asse di rotazione terrestre in un giorno, ovvero in 24 ore. Consideriamo un orologio che abbia come piano quello dell equatore e come ago l asse di rotazione terrestre. Il Sole farà un giro di 360 gradi in 24 ore; se dividiamo 360/24 otteniamo 15, vuol dire che percorrerà 15 gradi in un ora. Le ore 12 saranno sul piano dell orologio e si proietteranno sulla retta Nord-Sud (figura 15). A partire da essa disegneremo di 15 gradi in 15 gradi, da un lato e dall altro, le linee orarie della mattina e della sera. Torniamo dunque al modello. Se inseriamo un piano perpendicolare all asse di rotazione nella direzione del piano equatoriale e muoviamo una lanterna sul parallelo del Cancro, si può vedere l ombra dell ago (il filo che rappresenta l asse di rotazione terrestre) che percorre il piano del quadrante equatoriale. Quando muoviamo la lanterna sul parallelo del Capricorno, l ombra appare nella zona al di sotto del piano. Riassumendo la meridiana funziona in estate e primavera mostrando le ore sopra al piano dell orologio, in inverno e in autunno sotto lo stesso, e due giorni all anno non funziona: i giorni degli equinozi di primavera e di autunno in cui il Sole percorre l equatore. Orologio equatoriale Costruiamo un orologio equatoriale con una cartellina A5 di cartone, una matita, un foglio di carta A4 e un po di plastilina o argilla adesiva che ci permetta di poter mantenere i diversi pezzi. Per disegnare sul foglio di carta e prendere i diversi angoli useremo un righello e un goniometro. Cominciamo forando la cartella più o meno al centro e passiamo la matita attraverso il foro in maniera tale che sfreghi e si muova con difficoltà (non va bene che il foro sia molto largo perché si perde precisione). Tiriamo fuori la matita dal foro. Pieghiamo il foglio di carta a metà e mettiamo la cartellina in mezzo al foglio piegato. Inseriamo di nuovo la matita forando ora la carta. Prendiamo la carta e stendiamola sul tavolo. Con il righello disegniamo una linea dal centro di un foro all altro. Questa linea sarà quella delle 12 dell orologio. A partire da essa e avendo come centro il foro si disegnano le altre linee orarie di 15 in 15 (ricordiamo che il Sole fa un giro di 360 in 24 ora per cui 15 corrispondono a 1 ora). Posizioniamo di nuovo il foglio piegato con la cartellina dentro e la matita attraverso la cartellina. Per metterlo in posizione useremo una bussola che ci indicherà la direzione della retta Nord-Sud. La matita deve essere situata sulla retta Nord-Sud (figura 15) con la cartellina verso Nord. Con un po di plastilina fisseremo la cartellina perpendicolare alla matita. L angolo formato dalla matita con il terreno deve essere l altezza della stella polare, ovvero la latitudine del luogo. Per farlo ci faremo aiutare da un goniometro. Figura 13: Orologio equatoriale in posizione 22 23

13 Come si legge l ora su una meridiana Le meridiane ci danno l ora solare, che non è la stessa che appare negli orologi che tutti portiamo al polso. Bisogna considerare diverse regolazioni. 1) In estate gli orologi da polso vanno due ore in avanti rispetto all ora solare e in inverno un ora. 2) Per usare la meridiana dobbiamo conoscere la longitudine del luogo, in quanto le meridiane danno l ora del luogo e gli orologi meccanici danno l ora che corrisponde al passaggio del Sole per il meridiano di Greenwich, ovvero il meridiano che passa per Castellón. E necessario esprimere le longitudini in ore, minuti e secondi (1º = 4 minuti di tempo). Per esempio se il Sole passa a mezzogiorno solare per Barcellona, che è 8 minuti a Est di Castellón, significa che all orologio da polso mancano 8 minuti perché siano le 12. Se invece la meridiana è situata a Granada, che si trova 16 minuti a Ovest di Castellón, significa che l orologio da polso segnerà 16 minuti dopo le 12 quando la meridiana indicherà il mezzogiorno (figura 16). 3) La Terra gira intorno al Sole secondo la legge delle aree, cioè non è un movimento costante, il che significa un serio problema per gli orologi meccanici. Così Figura 16: Il meridiano origine o di Greenwich passa per Castellón. Le città alla sua destra hanno longitudine Est e quelle alla sua sinistra longitudine Ovest. si definisce il tempo medio (degli orologi meccanici) come la media dell orario nel corso di un intero anno. L Equazione del Tempo è la differenza fra il Tempo Solare Reale e il Tempo Medio. Questa equazione appare nella tabella 1. Vediamo alcuni esempi: Leggiamo l ora della meridiana a Barcellona il 26 Maggio. Il 26 Maggio c è l ora legale, a Barcellona la longitudine è 2º= 8 minuti Est e l equazione giorni Gen. Feb. Mar. Apr. Mag. Giu. Lug. Ago. Set. Ott. Nov. Dic Tabella 1: Equazione del Tempo di tempo quel giorno è -3.2 minuti: Ora della MERIDIANA 120 m 8 m -3.2 m = ora dell orologio da polso. Leggiamo l ora della meridiana a Granada il 6 Novembre. Il 6 Novembre è inverno, a Granada la longitudine è 4º=16 minuti Ovest e l equazione di tempo quel giorno è di minuti Ora della MERIDIANA + 60 m + 16 m 16.4 m = ora dell orologio da polso

14 Modello XXL Se il modello deve essere utilizzato con alunni della scuola primaria è bene costruirlo di dimensioni sufficientemente grandi affinché i bambini possano entrarci. Così tutti i concetti sono chiari sia da fuori che da dentro. Osserviamo quindi un modello realizzato con un tubo di plastica e alcuni blocchi di cemento per poterlo fissare (basta forare i blocchi con un trapano). È un modello di quasi un metro e mezzo di raggio che si può montare e smontare per poterlo conservare nella sala docenti ma che si può montare nel cortile della scuola. Tutto ciò lo montiamo sopra un plastico su cui disegneremo la posizione dei blocchi in maniera tale che sia facile ripetere il montaggio in altre occasioni. Prima di tutto si fissa la direzione Nord-Sud con una bussola. Posizioniamo l asse di rotazione terrestre (con la latitudine del luogo come nel modello piccolo, figura 17). Passando per la linea Nord-Sud e fissandolo all asse di rotazione bisogna mantenere il meridiano del luogo (figura 18). Perpendicolare alla linea Nord-Sud al centro disegniamo la Est-Ovest. Usando la colatitudine fissiamo l equatore (figura 19). A partire da esso situiamo i paralleli del Cancro e del Capricorno 23 gradi sopra e sotto usando una corda e una squadra zoppa (figura 20). Figura 18: Il modello con il meridiano del luogo e l asse di rotazione fissati nei blocchi di cemento su cui sono stati fatti i fori appropriati. Figura 17: Collocazione dell asse di rotazione usando una squadra zoppa per inserire la latitudine del luogo.

15 Dopo aver finito il modello, se un alunno si stende a terra nella direzione Nord-Sud, con la testa al centro e guardando verso Sud, potrà vedere il Sole fra le traiettorie dell equatore (cioè il percorso del Sole durante gli equinozi) e dei paralleli (che corrispondono al movimento del Sole il primo giorno d estate e il primo giorno d inverno) (figura 19). Bisogna fare attenzione a non guardare direttamente il Sole in quanto è pericoloso se non si fa con occhiali speciali come quelli che si usano per osservare le eclissi. Infine bisogna inserire le fotografie dell orizzonte attorno alla cupola creata. Perché corrispondano correttamente all orizzonte reale un alunno deve posizionarsi al centro e verificare che tutto sia ben collocato (figura 23). Figura 20: Inserimento dell angolo di 23,5 gradi fra i paralleli del Cancro, del Capricorno e l equatore. Figura 19: Il modello con l asse di rotazione, il meridiano del luogo e l equatore celeste. 29

16 Figura 21: Un alunno steso sulla retta Nord-Sud che guarda verso il sud potrà vedere la traiettoria del Sole compresa fra i paralleli del Cancro e del Capricorno. 30 Figura 22: Modello con i paralleli del Cancro, del Capricorno e l equatore, oltre al meridiano locale e all asse di rotazione. Sui blocchi di cemento è stato situato un ultimo tubo a forma di cerchio che rappresenta l orizzonte e dà solidità al modello. 31

17 Possiamo allora immaginare il meridiano del luogo o l equatore reale proiettato nel cielo usando un modello e comparando la posizione dei tubi rispetto all orizzonte stampato con l orizzonte reale (figura 24). Per esempio è bene dire Figura 23: Un alunno al centro verifica che le foto corrispondano all orizzonte reale. agli studenti che la zona del cielo che corrisponde a quella situata fra i paralleli del Cancro e del Capricorno è la zona dello zodiaco attraverso la quale si muovono il Sole, la Luna e i pianeti. Figura 24: Si verifica facilmente la corrispondenza fra l orizzonte fotografico e quello reale.

18 Movimenti del Sole visti dal modello Orientazione La zona che corrisponde al movimento del Sole nel corso dell anno corrisponde alla striscia fra i paralleli nel modello. Possiamo immaginarla sul cielo e sull orizzonte reale della città. Per esempio, il Sole sorge ad Est il primo giorno di primavera e tramonta a Ovest attraversando l equatore. Il secondo giorno di primavera sorge vicino ad Est ma un po più verso Nord, percorre un parallelo un po più alto dell equatore e tramonta vicino ad Ovest, ma un po più verso Nord. Il terzo giorno arriva ancora un po più in alto, ecc, fino al primo giorno di estate in cui arriva a raggiungere l altezza massima sull equatore (23,5 gradi) e quando sorge il più a Nord possibile per quel luogo e pure tramonta il più a Nord possibile. Il secondo giorno d estate il Sole percorre un parallelo un po più basso, e così via scendendo e sorgendo e tramontando in punti che si avvicinano rispettivamente ad Est e a Ovest fino ad arrivare al primo giorno d autunno quando il Sole di nuovo percorre l equatore e sorge ad Est e tramonta ad Ovest. Il secondo giorno d autunno il Sole percorre un parallelo sotto l equatore e sorge vicino a Est ma un po più verso il Sud, e tramonta vicino ad Ovest però sempre un po più a Sud. E così via sorge e tramonta più verso Sud percorrendo paralleli sempre più bassi rispetto all equatore fino ad arrivare al primo giorno d inverno in cui segue il parallelo che è a -23,5 gradi dall equatore. Il secondo giorno d inverno il Sole inizia di nuovo a salire e così lentamente arriva al primo giorno di primavera quando di nuovo percorre l equatore. Quindi il Sole sorge ad Est e tramonta ad Ovest solo due giorni all anno, i giorni degli equinozi, quando il Sole percorre l equatore e la durata del giorno e della notte sono uguali, come si vede nel modello (figure 13 e 21). È evidente che nei mesi primaverili ed estivi il Sole è sopra l equatore ed il suo percorso diurno è più lungo che nei mesi autunnali e invernali quando va sotto l equatore. Pertanto abbiamo più ore di sole il primo giorno di estate, mentre il primo giorno d inverno è quello in cui ci sono meno ore di luce e le notti sono più lunghe (figure 13 e 21). Questo dà luogo al fatto che il primo giorno d inverno faccia più freddo rispetto all estate. Si somma inoltre un altro fattore: l angolo di incidenza della luce solare. Per questo, torniamo ad utilizzare il modello ed una lanterna. Muovendo la lanterna sul parallelo del primo giorno d estate il fascio di luce illumina sul piano dell orizzonte un area rotonda, invece quando la lanterna si muove sul parallelo del primo giorno d inverno, la zona illuminata dal fascio di luce è un ellisse con un area circoscritta molto più ampia rispetto all estate. Cioè l irradiazione è più concentrata nella prima situazione, ossia l energia che ci arriva per cm 2 di pelle in estate è molto maggiore che in inverno, visto che la stessa energia si deve dividere in un area molto maggiore. E poiché, come è evidente anche nel modello, il numero di ore di irradiazione solare è maggiore, la conseguenza naturale è che in estate fa più caldo che in inverno. Con l aiuto del modello si può comprendere meglio l orizzonte reale, e le attività di orientazione realizzate dalla scuola si risolvono in maniera molto semplice. Per esempio, è evidente che le stelle vicine alla stella polare, quelle chiamate circumpolari, stelle che sono sempre sopra l orizzonte, si trovano nell area del punto cardinale Nord e vicine alla stella polare. Per esempio l Orsa Maggiore o Cassiopea non possono stare verso la zona del Sud. Nel modello questo è chiaro

19 Un disegno per discutere Con la pratica saremo capaci di situare nella nostra città senza difficoltà la zona in cui si può vedere il Sole o le costellazioni circumpolari. Disegni come quelli delle figure 25 e 26 aiutano a discutere in classe le diverse possibilità. Useremo l orizzonte locale della città in cui gli alunni riescono a riconoscere i rilievi più caratteristici in modo da poterli posizionare perfettamente. Questo modello è utile per spiegare i movimenti del Sole e delle stelle di giorno e di notte. Dopo aver utilizzato il modello proposto, non si confonde più un astro brillante nell orizzonte nord con un pianeta. Risulta evidente che la traiettoria del Sole è sull orizzonte Sud e che anche i pianeti del sistema solare, che si muovono all incirca nella stessa zona in cui si muove il Sole nel corso delle stagioni (in quella che si chiama zona dello zodiaco) si muovono attraverso la zona dell orizzonte Sud. È chiaro che se usciamo ad osservare di notte e vediamo una stella vicina all Orsa Maggiore non possiamo porci il dubbio che sia il pianeta Venere in quanto i pianeti si muovono nella zona in cui si muove il Sole, al di sopra o al di sotto dell equatore (al massimo 23,5 gradi). Figura 25: Orizzonte Nord-Ovest di Barcellona, zona del Tibidabo. Figura 26: Orizzonte Sud-Ovest di Barcellona, zona di Montjuic

20 Un errore che ci trasciniamo da anni È comune che quando chiedi a qualcuno dove sorge il Sole ti dica Est. Come abbiamo visto questo è vero solo in 2 dei 365 o 366 giorni che ha l anno. Pertanto bisogna insistere sul fatto che ogni giorno il Sole sorge e tramonta in un luogo diverso. Ciò che è certo è che a mezzogiorno solare passa per il meridiano del Sole, il punto più alto del giorno. Bibliografia Ros, R.M., De l intérieur et de l extérieur, Les Cahiers Clairaut, 95, p.1-5, Orsay, Ros, R.M., Sunrise and sunset positions change every day, Proceedings of 6th EAAE International Summer School, 177, 188, Barcelona, 2002 Ros, R.M., Capell, A., Colom, J., El planisferio y 40 actividades más, Antares, Barcelona, 2005 Link web: Inoltre è falso che mettendo la mano destra nella direzione in cui sorge il Sole abbiamo di fronte il Nord, alle spalle il Sud e a sinistra l Ovest (figura 27). Questa regola di orientamento appare in molti manuali ed è errata salvo in due giorni: gli equinozi. Nel resto dei giorni l errore può essere notevole. Per la nostra latitudine la differenza fra la posizione del Sole sull orizzonte il primo giorno d estate e il primo giorno d inverno è di 60 gradi. Figura 27: Il Sole sorge a Est solo il primo giorno di primavera e d autunno. L orientamento rappresentato nella figura è corretto solo due giorni all anno

21 UNAWE desidera ottenere che i bambini e le bambine di tutti i paesi abbiano un rapporto personale con l astronomia che li faccia divertire. EU-UNAWE è il ramo europeo del progetto globale che si sviluppa in Spagna, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito e Sudafrica. Attraverso esperienze ed emozioni correlate con le osservazioni degli astri si vuole sollecitare la coscienza sul fatto che anche loro fanno parte dell universo e hanno un mondo da esplorare.

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta ERIICA La Terra e la Luna Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? L eclisse di Sole è dovuta all ombra della Luna che si proietta sulla Terra Durante un eclisse di Sole la Luna può oscurare il Sole anche

Dettagli

COM È FATTA UNA MERIDIANA

COM È FATTA UNA MERIDIANA COM È FATTA UNA MERIDIANA L orologio solare a cui noi comunemente diamo il nome di meridiana, in realtà dovrebbe essere chiamato quadrante; infatti è così che si definisce il piano su cui si disegnano

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

1.6 Che cosa vede l astronomo

1.6 Che cosa vede l astronomo 1.6 Che cosa vede l astronomo Stelle in rotazione Nel corso della notte, la Sfera celeste sembra ruotare attorno a noi. Soltanto un punto detto Polo nord celeste resta fermo; esso si trova vicino a una

Dettagli

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale.

Cenni di geografia astronomica. Giorno solare e giorno siderale. Cenni di geografia astronomica. Tutte le figure e le immagini (tranne le ultime due) sono state prese dal sito Web: http://www.analemma.com/ Giorno solare e giorno siderale. La durata del giorno solare

Dettagli

Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo

Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo Néstor CAMINO Complejo PLAZA DEL CIELO Facultad de Ingeniería (UNPSJB) y ISFD N 804 Esquel, Chubut, Patagonia, ARGENTINA. nestor.camino@speedy.com.ar -

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

LA FORMA DELLA TERRA

LA FORMA DELLA TERRA LA FORMA DELLA TERRA La forma approssimativamente sferica della Terra può essere dimostrata con alcune prove fisiche, valide prima che l Uomo osservasse la Terra dallo Spazio: 1 - Avvicinamento di una

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LA POSIZIONE DEL SOLE È noto che la terra ruota intorno al sole muovendosi

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Punti cardinali Bussola Di giorno Di notte Ricapitolando. A caccia del Nord. L orientamento di giorno e di notte. Daniela Cirrincione

Punti cardinali Bussola Di giorno Di notte Ricapitolando. A caccia del Nord. L orientamento di giorno e di notte. Daniela Cirrincione L orientamento di giorno e di notte Daniela Cirrincione INAF - Osservatorio Astronomico di Palermo G. S. Vaiana 15 maggio 2011 Punti cardinali I punti cardinali sono dei punti di riferimento che indicano

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio

Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano 3. Stazionamento del Telescopio 1 Star Party Parco Faunistico del Monte Amiata Conferenza Ottimizzare il Telescopio di Carlo Martinelli 1 Parte Prima: 1. Allineamento del Cannocchiale Polare 2. Determinazione dell Indice del Meridiano

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci

Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Via Stazione snc, 89811 Vibo Valentia Marina Tel. 0963/572073 telefax 0963/577046 Cod. mecc. VVIC82600R cod. fiscale 96013890791 Distretto Scol. n. 14 vvic82600r@istruzione.it

Dettagli

Sole e ombre sul mappamondo da terrestri di Lucia Corbo

Sole e ombre sul mappamondo da terrestri di Lucia Corbo Sole e ombre sul mappamondo da terrestri di Lucia Corbo Mappamondo orientato da extraterrestri Tutti i mappamondi in commercio sono costruiti con l'asse della Terra inclinato di 23 27' rispetto alla verticale;

Dettagli

ORIENTARSI sulla TERRA

ORIENTARSI sulla TERRA ORIENTARSI sulla TERRA significato del termine orientarsi : il termine orientarsi indica letteralmente la capacità di individuare l oriente e fa quindi riferimento alla possibilità di localizzare i quattro

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

6. Le conseguenze del moto di rivoluzione

6. Le conseguenze del moto di rivoluzione eclittica cerchio massimo sulla sfera celeste percorso apparente del Sole durante l'anno. interseca l'equatore celeste in due punti o nodi : Punto vernale (o punto γ o punto di Ariete) nodo ascendente.

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

Calcolo dell effetto coseno e delle ombre su un campo di specchi parabolici lineari.

Calcolo dell effetto coseno e delle ombre su un campo di specchi parabolici lineari. Calcolo dell effetto coseno e delle ombre su un campo di specchi parabolici lineari. Erminia Leonardi CRS4, Center for Advanced Studies, Research and Development in Sardinia, Parco Scientifico e Tecnologico,

Dettagli

La rotazione terrestre ed il giorno

La rotazione terrestre ed il giorno La rotazione terrestre ed il giorno La rotazione terrestre genera il giorno che ha lunghezza diversa di alcuni minuti nel corso dell anno, mentre per il tempo civile tutti i giorni sono di ventiquattro

Dettagli

OROLOGI SOLARI: 26/03/2005 Ing. Mauro Maggioni

OROLOGI SOLARI: 26/03/2005 Ing. Mauro Maggioni OROLOGI SOLARI: ASTRONOMIA e ARTE 26/03/2005 Ing. Mauro Maggioni IL SOLE e le OMBRE - Durante il corso del giorno il Sole compie un tragitto apparente nel cielo - Ciò significa che è possibile relazionare

Dettagli

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO Sfera celeste ASTRONOMIA Il cielo considerato come l'interno di una sfera cava al fine di descrivere le posizioni e i movimenti degli oggetti astronomici. Ogni particolare osservatore è situato al centro

Dettagli

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è:

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: Le proiezioni geografiche La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: approssimata ridotta simbolica È approssimata perché non è possibile sviluppare su un piano una superficie sferica senza

Dettagli

Laboratorio di Astronomia

Laboratorio di Astronomia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. SARTO Laboratorio di Astronomia Un esperienza scolastica attorno al cielo e alla misura del tempo A CURA DELLA PROF. ELSA STOCCO INDICE IL SOLE E LA MISURA DEL TEMPO 3-4

Dettagli

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo Lezione 2 - pag.1 Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo 2.1. Il tempo: un concetto complesso Che cos è il tempo? Sembra una domanda tanto innocua, eppure Sembra innocua perché, in fin dei

Dettagli

Fig.1 - Polo nord celeste

Fig.1 - Polo nord celeste Dov è la stella polare? Iniziamo il nostro lavoro distribuendo ai ragazzi una semplice mappa del cielo che riporti soltanto la zona circostante la stella polare, di cui forniamo un esempio, ricordando

Dettagli

-13 Novembre 2011 ore 21.00: Le zone in ombra sono l Europa, l Asia, quasi tutta l Africa e il Polo Sud.

-13 Novembre 2011 ore 21.00: Le zone in ombra sono l Europa, l Asia, quasi tutta l Africa e il Polo Sud. 1 Sommario RELAZIONE SULLE LEZIONI DI INFORMATICA... 3 Prima lezione: il sito www.fourmilab.it... 3 Vista from Sun e Night Side... 6 L alternarsi del dì e della notte... 7 Diversa durata del dì e della

Dettagli

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA

CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA CAPITOLO 1 L ASTRONOMIA DESCRITTIVA Un famoso scienziato (secondo alcuni fu Bertrand Russell) tenne una volta una conferenza pubblica su un argomento di astronomia. Egli parlò di come la Terra orbiti intorno

Dettagli

Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di

Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di Comune di Pecetto di Valenza Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di Pecetto di Valenza Progetto, rilevamenti e calcoli di: Luigi Torlai esperto di gnomonica e costruttore di meridiane.

Dettagli

CONTROLLO DELLA RADIAZIONE SOLARE

CONTROLLO DELLA RADIAZIONE SOLARE CAPITL 4 CTRLL DLLA RADIAZI LAR 4.1 Generalità La localizzazione e l orientamento di un edificio per ridurre l esposizione solare estiva e valorizzare quella invernale, sono obiettivi fondamentali per

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

Orientarsi con un bastone

Orientarsi con un bastone Orientarsi con un bastone Pianta in terra un bastone, puntandolo verso il sole in maniera che non faccia ombra sul terreno. Dopo almeno una ventina di minuti apparirà l ombra alla base del bastone, questa

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

Tratto dal saggio di Alessando Scandella Come si leggono le Meridiane e gli Orologi Solari

Tratto dal saggio di Alessando Scandella Come si leggono le Meridiane e gli Orologi Solari Tratto dal saggio di Alessando Scandella Come si leggono le Meridiane e gli Orologi Solari Gli orologi solari rappresentano una piacevole evasione dal mondo tecnologico e l'immersione in una nuova dimensione,

Dettagli

Meridiane sferiche. al XVII Seminario Nazionale di Gnomonica dell Unione Astrofili Italiani

Meridiane sferiche. al XVII Seminario Nazionale di Gnomonica dell Unione Astrofili Italiani Meridiane sferiche PP della memoria Dagli orologi solari sferici al mappamondo parallelo uno strumento didattico in pubblicazione negli Atti presentato a Pescia (Pistoia) 15-17 Aprile 2011 al XVII Seminario

Dettagli

I punti cardinali EST ORIENTE LEVANTE OVEST OCCIDENTE PONENTE SUD MEZZOGIORNO MERIDIONE NORD MEZZANOTTE SETTENTRIONE

I punti cardinali EST ORIENTE LEVANTE OVEST OCCIDENTE PONENTE SUD MEZZOGIORNO MERIDIONE NORD MEZZANOTTE SETTENTRIONE I punti cardinali Sin dall antichità l uomo ha osservato il movimento apparente del Sole e ha notato che sorge sempre dalla stessa parte, a oriente e tramonta dal lato opposto, a occidente. I termini oriente

Dettagli

Fig.1 La valigetta Fig. 2 Lo gnomone

Fig.1 La valigetta Fig. 2 Lo gnomone Cristina Palici di Suni EAAE (European Association Astronomy Education). www.eaae-astro.org cristina.palicidisuni@unito.it La valigetta dell astronomo Tutto l occorrente per una pronta osservazione, realizzato

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

L'ORIENTAMENTO. November 05, 2014. Orientamento_4E. http://tempopieno.altervista.org/index.htm. MaestroGianni 1

L'ORIENTAMENTO. November 05, 2014. Orientamento_4E. http://tempopieno.altervista.org/index.htm. MaestroGianni 1 L'ORIENTAMENTO http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2014-2015 Classe IV E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura MaestroGianni 1 Orientamento_4E

Dettagli

I MOTI DELLA TERRA NELLO SPAZIO

I MOTI DELLA TERRA NELLO SPAZIO LC23.03.06 I MOTI DELLA TERRA NELLO SPAZIO Prerequisiti: conoscenza del sistema metrico decimale e delle figure geometriche conoscenza del pianeta Terra Obiettivi: studiare i moti che riguardano la Terra

Dettagli

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE Forma del fascio di luce e distanza Quesiti per un indagine sulle idee spontanee 1. Quale forma attribuiresti al fascio di luce solare che illumina un area circolare a livello

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

1 Tempo del Sole e tempo degli orologi

1 Tempo del Sole e tempo degli orologi Lucia Corbo e Nicola Scarpel 3SD TEMPO SOLARE E LONGITUDINE 1 Tempo del Sole e tempo degli orologi La durata del giorno solare, cioè il tempo che intercorre tra due passaggi del Sole in meridiano in una

Dettagli

Le ore e gli orologi solari nel tempo: dai babilonesi ad oggi

Le ore e gli orologi solari nel tempo: dai babilonesi ad oggi Le ore e gli orologi solari nel tempo: dai babilonesi ad oggi Francesco Flora Liceo Scientifico B. Touschek, Grottaferrata, 23 maggio 2014 La meridiana del faraone Thumotsi III (1450 a.c.) Il monumento

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 IL SISTEMA SOLARE Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 A cura di Gaia Pieraccioni e Arianna Canu PER FARSI UN IDEA 1. Li riconosci? Sono,.. e..

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

Estate, autunno, inverno, primavera...e ancora estate

Estate, autunno, inverno, primavera...e ancora estate Estate, autunno, inverno, primavera...e ancora estate Laboratorio per la scuola secondaria di primo grado Premessa per i docenti L'intento con cui è stato preparato questo materiale è quello di fornire

Dettagli

Mostra astronomica al Planetario Itinerante

Mostra astronomica al Planetario Itinerante Museo Civico di Storia Naturale Società Piacentina di Scienze Naturali Mostra astronomica al Planetario Itinerante Curatore Dott. Ing. Cifalinò Michele Anno 2013-2014 INDICE INDICE... 2 SCOPO DEL PROGETTO...

Dettagli

VALUTAZIONE TECNICO ECONOMICA DEL SISTEMA AUTOMATICO DI ORIENTAMENTO CON INSEGUITORE SOLARE DELLA ZILIO S.p.a.

VALUTAZIONE TECNICO ECONOMICA DEL SISTEMA AUTOMATICO DI ORIENTAMENTO CON INSEGUITORE SOLARE DELLA ZILIO S.p.a. VALUTAZIONE TECNICO ECONOMICA DEL SISTEMA AUTOMATICO DI ORIENTAMENTO CON INSEGUITORE SOLARE DELLA ZILIO S.p.a. INTRODUZIONE I sistemi solari fotovoltaici per la produzione di energia sfruttano l energia

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

Orologio Solare. Elenco componenti. Attrezzi necessari per il montaggio

Orologio Solare. Elenco componenti. Attrezzi necessari per il montaggio 1 2 0. 3 4 6 Orologio Solare Elenco componenti 1 assicella di pino 15 x 100 x 200 mm 1 lamiera in ottone 0,8 x 100 x 100 mm 1 lamiera in ottone 0,8 x 35 x 200 mm 1 lamiera in ottone 0,8 x 15 x 200 mm 1

Dettagli

COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI

COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI COME SCEGLIERE L ORIENTAMENTO DEGLI AMBIENTI Sia che stiate progettando di costruirvi una casa passiva, o che cerchiate la migliore disposizione degli ambienti in una casa già esistente, per poter sfruttare

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI

Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI Gianni Ferrari FORMULE E METODI PER LO STUDIO DEGLI OROLOGI SOLARI PIANI INDICE ix PARTE I - Definizioni e considerazioni generali Capitolo 1 1 Coordinate equatoriali e azimutali del Sole Relazioni fondamentali

Dettagli

I QUADERNI DELL'ALMANACCO

I QUADERNI DELL'ALMANACCO Istituto Tecnico Nautico "ARTIGLIO" Viareggio I QUADERNI DELL'ALMANACCO IL NOTTURLABIO di Franco Martinelli Modello realizzato da Lino Benni PREMESSA L ingegno dell uomo, nella insopprimibile esigenza

Dettagli

PERCORSO RETTIFICATO

PERCORSO RETTIFICATO Il percorso rettificato serve per effettuare un rilievo topografico di una zona rapidamente, basandosi su un disegno schematico da tracciarsi man mano si cammina, ciò consiste, come dice il nome, nel raddrizzare

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO N 1

UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 SITOGRAIA: http://it.wikipedia.org/ GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAIA SAPERSI ORIENTARE L uomo ha sempre avuto necessità di spostarsi alla ricerca di cibo o di terre più ospitali

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

TERRA: FORMA E MOVIMENTI

TERRA: FORMA E MOVIMENTI ISTITUTO AMSICORA I.P.I.A. OLBIA TERRA: FORMA E MOVIMENTI PROF.SSA PORTAS NERINA FORMA E MOVIMENTI DELLA TERRA La Terra e' il terzo pianeta del Sistema Solare, ha un raggio di 6378 km e dista dal Sole

Dettagli

I MOTI DELLA TERRA I MOTI LUNARI

I MOTI DELLA TERRA I MOTI LUNARI I MOTI DELLA TERRA alternanza dì-notte moto di rotazione moto di rivoluzione conseguenze conseguenze schiacciamento polare spostamento della direzione dei corpi in moto sulla superficie diversa durata

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

LA LETTURA DELLA CARTA TOPOGRAFICA Guida all Orientamento G.Corbellini, Ed. Zanichelli 1985

LA LETTURA DELLA CARTA TOPOGRAFICA Guida all Orientamento G.Corbellini, Ed. Zanichelli 1985 LA LETTURA DELLA CARTA TOPOGRAFICA Guida all Orientamento G.Corbellini, Ed. Zanichelli 1985 UN PO' DI GEOGRAFIA: I PUNTI CARDINALI Prima di intraprendere la nostra avventura in compagnia della carta e

Dettagli

NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba

NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba NAVIGAZIONE ASTRONOMICA Tutorial passo passo con esempio pratico by Mac Barba In questo tutorial proverò a spiegare con esempio pratico le operazioni da eseguire per il rilevamento dello scostamento della

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

Orologio solare attribuito a Oronce Finé

Orologio solare attribuito a Oronce Finé 28 Guido Dresti 12 Orologi solari d'altezza 29 Orologio solare attribuito a Oronce Finé L orologio è costruito per la declinazione di 46. Per leggere l ora, lo si tiene sospeso per l anello, in modo che

Dettagli

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie?

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Anassimandro (IV sec. a.c.) Omero (VIII sec. a.c.?) Aristotele (384-322 a.c.) riportava due osservazioni a riprova della sfericità della

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Le carte geografiche. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Le carte geografiche. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Le carte geografiche Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Carta dell Italia disegnata da Henricus Hondius nel 1631 Osserva la carta e rispondi: Che tipo di carta è? o Fisica o

Dettagli

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI

CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE PAROLE CHIAVE MATERIALI CREA IL TUO ALIENO BREVE DESCRIZIONE Rivedere i fattori ambientali che rendono la Terra abitabile e confrontarli con quelli di altri mondi dentro il nostro Sistema Solare. Usare il pensiero creativo per

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

LA MISURA DEL TEMPO. Ma. 12/02 Versione del: 21/12/02 1

LA MISURA DEL TEMPO. Ma. 12/02 Versione del: 21/12/02 1 Il Tempo Siderale Quando, per la misura del tempo, usiamo i termini "ore", "minuti" e "secondi", intendiamo riferirci a unità di Tempo Civile, o Tempo Solare Medio, che è il tempo misurato dai comuni orologi.

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci

Introduzione al sistema GPS. Corso GPS riservato ai soci Introduzione al sistema GPS Corso GPS riservato ai soci Agenda 1. Generalità sul sistema GPS 2. Principi di orientamento 2 Generalità sul sistema GPS 3 NAVSTAR GPS, a cosa serve Il NAVSTAR GPS (Navigation

Dettagli

L orientamento e la misura del tempo

L orientamento e la misura del tempo L orientamento e la misura del tempo Isola di Sakhalin (Unione Sovietica), 1 settembre 1983. Un volo di linea della Korean Air Lines, con a bordo 289 persone tra passeggeri e membri dell equipaggio, entra,

Dettagli

Eratostene e la misura della Terra

Eratostene e la misura della Terra tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Eratostene e la misura della Terra prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

Orologio solare a trasparenza in Puglia Silvio Magnani

Orologio solare a trasparenza in Puglia Silvio Magnani Orologio solare a trasparenza in Puglia Silvio Magnani Una particolare categoria, non molto diffusa, di orologi solari è rappresentata dagli orologi a trasparenza. Alcuni esemplari di questi orologi si

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2006

Prova di auto-valutazione 2006 Prova di auto-valutazione 2006 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti. La correzione sarà fatta dal proprio professore

Dettagli

Illuminazione naturale (3)

Illuminazione naturale (3) PROGETTAZIONE ENERGETICA Illuminazione naturale (3) Luce dall alto (toplighting) Fig. 1 - Illuminazione attraverso una cupola Gli ambienti di elevata dimensione (capannoni, atri, ecc.) sono spesso illuminati

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza

Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Modulo didattico sulla misura di grandezze fisiche: la lunghezza Lezione 1: Cosa significa confrontare due lunghezze? Attività n 1 DOMANDA N 1 : Nel vostro gruppo qual è la matita più lunga? DOMANDA N

Dettagli

Conoscere la sfera. Ines Marazzani N.R.D. Bologna

Conoscere la sfera. Ines Marazzani N.R.D. Bologna Conoscere la sfera Ines Marazzani N.R.D. Bologna Questo articolo è stato oggetto di pubblicazione in Marazzani I. (2003). Costruire e conoscere la sfera. La Vita Scolastica. 11, 42-45. Introduzione I bambini

Dettagli

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche Cpia di Lecce Le coordinate geografiche Forma della Terra La Terra è sferica Per la sua rappresentazione si usa il globo o mappamondo Meridiani e paralleli sono linee immaginarie usate dai geografi per

Dettagli