Rassegna Stampa del 26/07/ :09

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa del 26/07/2007 09:09"

Transcript

1 SICT Rassegna Stampa del 26/07/ :09 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.

2 INDICE UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 26/07/2007 La Repubblica REGIONE/1 26/07/2007 Il Resto del Carlino Come coltivare la bellezza nel giardino di Lucrezia 26/07/2007 Il Resto del Carlino L' Università? Un 'gioiello' da 162 milioni 26/07/2007 Il Resto del Carlino Un Incubatore per le imprese dove le idee diventano pratica 26/07/2007 Il Resto del Carlino Diventare dottori? Costa 26/07/2007 Il Resto del Carlino Biblioteche in rete: per il catalogo oggi basta un clic 26/07/2007 L Unita Nasce Azienda unica per il diritto allo studio 26/07/2007 City? La Regione vara l'arstud unica 26/07/2007 Corriere di Romagna Diritto di studio, approvata l'azienda unica 26/07/2007 Gazzetta di Modena Ok all'unica azienda regionale Manzini: scelta per gli studenti 26/07/2007 La Nuova Ferrara Brevi 26/07/2007 La Nuova Ferrara «Gli atipici gonfiano le cifre» Zanirato (Uil) resta scettico 26/07/2007 La Voce di Romagna L'Emilia corre, Bologna frena la Romagna 26/07/2007 La Voce di Romagna Università : arriva la contestata azienda unica sul diritto allo studio

3 26/07/2007 Sole Nova Facoltà creative 26/07/2007 La Cronaca Di Piacenza Regione: legge per il diritto allo studio universitario 26/07/2007 L'informazione Una sola Adsu per tutte le università dell'emilia Romagna 26/07/2007 L'informazione Atenei: un'azienda unica per il diritto allo studio

4 AZIENDA USL DI FERRARA 26/07/2007 Il Resto del Carlino LA SOLIDARIETÀ SCENDE IN CAMPO in... 26/07/2007 Il Resto del Carlino L'Avis invita a donare prima di andare in ferie 24/07/2007 Il Sole 24 Ore Sanita' La nebulosa dell'ires sugli immobili Asl AZIENDA USL FERRARA LOCALI 26/07/2007 La Nuova Ferrara Correva l'anno... 26/07/2007 La Nuova Ferrara C'è gente splendida all' ospedale del Delta 26/07/2007 La Nuova Ferrara Ospedale mai senza cancelleria SCENARIO SANITA E SALUTE 26/07/2007 La Repubblica "Moretta all Ist" Al Gaslini primari in rivolta per il direttore 24/07/2007 Il Sole 24 Ore Sanita' Libera professione: dal 2009 regole più severe 24/07/2007 Il Sole 24 Ore Sanita' Se il dipendente s'assenta un po' UNIVERSITA E RICERCA 24/07/2007 Il Sole 24 Ore Sanita' Nuovi cervelli? Lucca li trova così 42

5 UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 18 articoli

6 26/07/2007 La Repubblica Pag. 11 BOLOGNA REGIONE/1 SGT. PEPPER Alle 21,30 in piazza a Migliarino (FE) il coro dell'università di Ferrara guidato dal maestro Francesco Pinamonti, celebra il 40º anniversario di Sgt. Pepper's. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 6

7 26/07/2007 Il Resto del Carlino Pag. XXXII FERRARA Come coltivare la bellezza nel giardino di Lucrezia Nuova linea di cosmetici che prende spunto da ricette di Corte «LLA BELLEZZA è un bene fragile» scrisse Ovidio nell'arte di amare, manuale che rivela le segrete vie della seduzione femminile. Bellezza «bene fragile» perché in balia dei capricci di una natura non sempre generosa e vittima di quell'«ora passata che non torna più». Contro questi due nemici, un solo rimedio, antico come la consapevolezza del fascino femminile: la cosmesi; una soluzione che, prima del progresso tecnologico, si avvaleva dei dettami della scienza popolare e di medici un po' scienziati e un po' stregoni. Ma la cura della bellezza non fu solo un mezzo per sedurre: fu anche uno strumento di potere e comunicazione politica al pari dell'arte iconografica e sculturea che celebra i grandi della storia. Per questo, una donna di grande fascino e di grande peso nel governo della corte Estense, Lucrezia Borgia, già per natura irresistibile, sperimentava su di sé ricette cosmetiche di vario tipo di cui abbiamo testimonianza nei trattatelli del XVI secolo: miscele di estratti vegetali ed animali assurde e fantasiose;con ingredienti dal potere evocativo più che curativo. E' da queste ricette e dalla loro finalità che prende spunto il progetto industriale dell' Ambrosialab, azienda spin off dell'università di Ferrara che si occupa di ricerca cosmetica e che a partire da settembre, nei bookshop della mostra della mostra dedicata alla cultura estense, metterà in vendita i prodotti della linea 'Il giardino di Lucrezia', frutto di nuove ricerche farmaceutiche realizzate da un team specializzato tutto al femminile. «Il sogno di fondere arte e scienza al fine di migliorare le condizioni di vita - afferma il creatore del prodotto, Stefano Manfredini - è in linea con l'idea tutta rinascimentale dell'istinto artistico che incontra l'equilibrio razionale scientifico; incontro di cui la città e la storia di Ferrara sembra esserne l'emblema». L'iniziativa, con l'intento di «vendere la cultura», come la definisce il presidente della Camera di Commercio Carlo Alberto Roncarati, si inserisce nel piano di promozione culturale della città che non esclude attività di marketing originali e del tutto innovative, come è la messa in commercio di cosmetici efficaci che vantano una lunga tradizione. E così Lucrezia diventa promoter di dolci e profumate creme per diventare belle come lei: questo il vero sogno. Federica Marangon UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 7

8 26/07/2007 Il Resto del Carlino Pag. III FERRARA IL BILANCIO L' Università? Un 'gioiello' da 162 milioni UN VERO 'GIOIELLO', che vale più di 162 milioni di euro. A tanto ammonta infatti il volume del rendiconto 2006 (+8% rispetto al 2005) dell'università ferrarese, approvato dal cda di via Savonarola il 31 maggio scorso. Un risultato guardato con legittima soddisfazione dal rettore Patrizio Bianchi, al suo secondo mandato sulla poltrona più importante dell'ateneo ferrarese. «Abbiamo raggiunto traguardi davvero importanti pur in una situazione molto difficile - è il suo commento a margine della relazione di budget illustrata al cda - Basti dire che con i decreti Tremonti e Bersani, abbiamo dovuto addirittura reimpostare il nostro bilancio preventivo e abbiamo restituito allo Stato ben 2 milioni di euro. Ma al di là del nostro budget, se all' «impresa Università» venissero aggiunte tutte le attività svolte in connessione e in collaborazione con l'azienda ospedaliera Sant'Anna, l'ardsu e il Consorzio Ferrara Ricerche, il nostro valore raggiungerebbe i milioni di euro. Questo significa che la macchina Unife è anche una delle realtà economiche più importanti sul territorio ferrarese». A RENDERE ancora più brillanti i conti del nostro ateneo è la possibilità di utilizzare alcuni milioni di euro (attinti dall'avanzo di gestione) per finanziare le grandi attrezzature (400mila euro), le biblioteche (500mila euro), l'edilizia (1milione e 200mila euro) e per coprire le maggiori spese legate all'aumento degli stipendi. Tutto ciò lasciando invariate le tasse universitarie che sono in linea con i limiti di legge. «Ma ciò che è più importante sottolineare - aggiunge ancora il rettore - è la capacità di appeal del nostro ateneo nei confronti dei privati: una dote che è aumentata del 27% rispetto allo scorso anno e più del 40% nel triennio. Se fossimo una Spa varrebbe la pena fare un pensierino su di noi: investiamo in biblioteche, abbiamo assunto personale, investito in persone, strutture e, dopo tanti anni, anche in grandi attrezzature. Solo recentemente, abbiamo assunto più di 50 nuove unità di personale tecnico e amministrativo: siamo forse l'unica struttura ferrarese ad avere assunto in maniera così massiccia». E IMPORTANTI sono stati gli investimenti nei servizi agli studenti con l'incremento dei posti letto e delle convenzioni con i privati. «Ciò di cui siamo orgogliosi, in questo settore, sono soprattutto i servizi di orientamento in entrata e in uscita - ribadiscono in via Savonarola - Constatiamo con Alma Laurea che i nostri studenti trovano lavoro piuttosto presto. Ciò ci fa naturalmente piacere: abbiamo investito e nello Iuss, l'istituto universitario di studi superiori, fondato solo due anni fa, ma già preso a modello di efficienza da prestigiosi enti internazionali come il Cern di Ginevra e il Ris di Parma, con i quali collabora in numerose attività». Andrea Ghisellini UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 8

9 26/07/2007 Il Resto del Carlino Pag. III FERRARA Un Incubatore per le imprese dove le idee diventano pratica UN LABORATORIO per far nascere nuove idee. E assieme ad esse nuove imprese ad altissimo contenuto tecnologico e destinate a sviluppare ricerca scientifica e know how e a metterli in pratica. Il laboratorio è il nuovo Incubatore d'impresa messo in cantiere dal Comune, dall'università e da una cordata di partner privati nell'area del polo scientifico e tecnologico di viale Saragat: quattromila metri quadrati, due milioni di euro di budget messo a disposizione dal Fondo europeo Obiettivo 2 e dal Comune. Avviato nel 2006 il progetto per l'incubatore d'impresa diventerà operativo nel 2008, offrendo nuove chances di sviluppo ad un settore, quello della ricerca e dell'innovazione, nei quali l' università ferrarese già eccelle: sono 52 i progetti nazionali ai quali l'ateneo collabora e quattordici quelli che coordina. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 9

10 26/07/2007 Il Resto del Carlino Pag. II FERRARA L'INCHIESTA Diventare dottori? Costa Tasse, libri, computer, trasporti e alloggio: ecco cosa spende in media di ANDREA GHISELLINI LAUREARSI? A Ferrara, tra tasse, libri, trasporti e spese logistiche costa - in media - quattromila euro all'anno. Che però possono anche raddoppiare, se si viene da fuori città e non si trova una sistemazione in una delle residenze studentesche o in un posto letto convenzionato. A fare il conto, dati Istat alla mano, è il Sole-24 Ore che, sul suo sito web, consente di calcolare online l'ammontare della spesa per ogni corso di laurea, tenendo presenti una serie di parametri fondamentali: durata degli studi (con o senza eventuali 'sforamenti'), provenienza e sistemazione dello studente, trasporti e reddito netto annuo della famiglia. La spesa così calcolata viene anche eventualmente rivalutata, tenendo conto dell'inflazione, se l'iscrizione alla facoltà prescelta o ai corsi di laurea viene comunque posticipata all'anno successivo. Ad incidere sul bilancio complessivo sono le tasse universitarie (che a seconda del reddito pesano tra il 10% e il 20%), ma soprattutto i costi per il vitto e l'alloggio (per i fuori sede possono superare anche il 40%) e la spesa per il materiale didattico (libri, fotocopie, computer), che difficilmente resta al di sotto del 30% del totale. PRENDIAMO allora a modello un corso di laurea di cinque anni come architettura o scienze giuridiche. Se ad iscriversi allo sportello di via Savonarola è uno studente ferrarese che abita ancora in famiglia e che, per risparmiare, consuma i suoi pasti in casa e si sposta preferibilmente usando i mezzi pubblici o la bicicletta, la conquista del sospirato diploma costerà in tutto all'incirca 15mila euro, così suddivisi: euro per le tasse (27%), euro per libri, computer e materiale didattico (60%) e per i trasporti. Nessuna spesa o quasi, ovviamente, per vitto e alloggio. Ma è sufficiente che a frequentare lo stesso corso sia uno studente residente a Rovigo ed ecco che la spesa complessiva per tutti gli anni di corso sale, secondo le stime del Sole-24 Ore, a 25mila euro: quasi diecimila euro in più, assorbiti per la maggior parte dalle spese per gli spostamenti e per il vitto. I calcoli, prudenziali, partono dal presupposto che il reddito della famiglia non superi i 45mila euro netti e che lo studente sia un vero secchione e che si laurei quindi rispettando alla perfezione i tempi dei corsi prescelti. Ogni anno fuori corso, logicamente, fa lievitare la spesa, soprattutto per quanto riguarda le tasse universitarie. UNA VOCE, quest'ultima, che pesa in modo considerevole sul budget complessivo dello studente. Un anno di studi costa infatti negli atenei italiani, tra tasse e contributi, circa mille euro in media (+5,7% rispetto allo scorso anno, +25,7% rispetto al 2000). A Ferrara, calcola il Sole-24 Ore, la spesa (stimata sul consuntivo 2005) è di euro. Una somma in linea con i livelli di prelievo praticati da una università di medie dimensioni come la nostra, ma lontana anni luce dagli oneri richiesti da mega-atenei pubblici o dagli istituti privati come la Luiss di Roma (5mila euro all'anno) o il San Raffaele di Milano (5.688 euro). L'aumento del contributo richiesto agli studenti e alle loro famiglie è, del resto, un trend non solo italiano e secondo gli esperti favorisce l'avvicinamento del nostro modello universitario alle migliori esperienze europee. MA SE LO STUDENTE abita fuori dalla Regione e magari viene da una città del sud? Se studia economia o medicina, non va fuori corso e condivide l'affitto con altri studenti, pranzando alla mensa universitaria, può ipotizzare una spesa finale intorno ai 30-35mila euro: euro (17%) se ne andrebbero per le tasse, (32%) per libri, computers e accessori, (5%) per i trasporti, 10-15mila euro per la sistemazione e circa 3-5mila euro per il vitto. La spesa supererebbe invece i 37mila euro, per cinque anni di studio, se invece della mensa universitaria preferisse pranzare al bar UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 10

11 26/07/2007 Il Resto del Carlino Pag. II FERRARA o ad una tavola calda. E PER L'ALLOGGIO? Escludendo il ricorso diretto ai privati per affittare (da soli o in società una camera o un posto letto), le possibilità di risparmiare non mancano. A cominciare dall'accesso ai bandi gestiti dall'ardsu (l'azienda regionale per il diritto allo studio) che gestisce in città numerose residenze per studenti, con camere a un letto o a due letti: i posti vengono infatti assegnati agli studenti (tra settembre e luglio) ad un costo decisamente inferiore a quello praticato dai privati. Il risparmio è notevole: per l'anno accademico 2007/2008 le rette andranno infatti da un minimo di 84 ad un massimo di 146 euro mensili, più un contributo annuo per luce acqua e gas di 218 euro per le stanze a un letto e di 160 euro per le stanze a due letti. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 11

12 26/07/2007 Il Resto del Carlino Pag. II FERRARA I SERVIZI Biblioteche in rete: per il catalogo oggi basta un clic OTTO FACOLTÀ, 19 dipartimenti per la ricerca, studenti, 676 tra docenti e ricercatori. Sono alcuni numeri dell'università di Ferrara che, come in un grande campus, ha sedi in tutta la città: moderne costruzioni come il polo bio medico e quello scientifico tecnologico o in palazzi antichi di grande pregio artistico e storico. Tra questi vanno ricordati il palazzo di Renata di FGrancia (edificato tra il 1475 e il 1485 sotto la direzione di Biagio Rossetti) oggi sede del Rettorato, in via Savonarola. Vero e proprio gioiello dell'ateneo ferrarese è il palazzo Bevilacqua Costabili, ristrutturato di recente, dove ha sede la facoltà di economia. E ancora la biblioteca di Santa Maria delle Grazie, nata dal restauro di un antico convento che, grazie agli interventi realizzati, l'università ha restituito alla città. ED È PROPRIO dedicato alle biblioteche uno degli interventi strategici più importanti messi in cantiere in questi anni dall'ateneo, con l'obiettivo di rendere più immediato e semplice possibile l'accesso ai libri. Sono state così realizzate sei biblioteche centralizzate che radunano per aree di pertinenza le risorse che erano frammentate nelle diverse sedi: oltre a quella di Santa Maria delle Grazie, si tratta delle biblioteche di lettere, economia, giurisprudenza ed architettura, quella scientifico-tecnologica di via Saragat e la biblioteca chimica, in via Guido d'arezzo. Una delle novità più importanti è la possibilità per gli studenti di accedere con una connessione internet a un unico catalogo online delle risorse disponibili nelle diverse strututre universitarie. NEL 2005 una convenzione tra Ibc della Regione, Comune e Provincia ha permesso la nascita del polo bibliotecario ferrarese: università, Comune e Provincia, in sostanza, hanno messo assieme le rispettive risorse bibliografiche unendo i loro cataloghi e costituendo un catalogo comune dei dati delle proprie raccolte documentarie. Il Polo raduna sette biblioteche dell'unuiversità, 11 del Comune, 27 della Provincia per un totale di 900mila volumi censiti in un unico archivio telematico. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 12

13 26/07/2007 L Unita Pag. 19 BOLOGNA Nasce Azienda unica per il diritto allo studio IL FATTO BOLOGNA L'Emilia-Romagna ha una nuova legge sul diritto allo studio universitario, che prevede la nascita di un'azienda unica regionale dal 1 gennaio 2008 accorpando le quattro "Arstud" ora esistenti: Bologna, Ferrara, Modena-Reggio Emilia e Parma. Il provvedimento, varato ieri dall'assemblea legislativa regionale, porterà ad una sede centrale dell'azienda unica, e a più strutture periferiche nelle diverse città universitarie, con misure di salvaguardia delle professionalità delle attuali quattro aziende. Una buona giornata «soprattutto per gli studenti», che d'ora in avanti potranno avvalersi «di un trattamento omogeneo» su scala regionale. Così l'assessore regionale all'istruzione, Paola Manzini, commenta «a caldo» l'approvazione di una legge che risponde a due obiettivi: avere «un unico strumento per il diritto allo studio», e la «coerenza con l'articolazione delle sedi universitarie». In regione, infatti, non ci sono solo quattro atenei. ma le università sono presenti da «Piacenza a Rimini». UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 13

14 26/07/2007 City Pag. 15 BOLOGNA? La Regione vara l'arstud unica L'Assemblea regionale ha approvato a maggioranza (astenuti Fi e Lega nord, contraria An) il progetto di legge con cui la Giunta intende costituire un'unica azienda regionale per il diritto allo studio universitario, superando le attuali 4 Arstud (Bologna, Ferrara, Modena-Reggio e Parma), da sopprimere il 31 dicembre. (A UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 14

15 26/07/2007 Corriere di Romagna Diritto di studio, approvata l'azienda unica BOLOGNA. L'Assemblea legislativa regionale ha approvato a maggioranza (astenuti Fi e Lega Nord, contraria An) il progetto di legge con cui la Giunta intende costituire un'unica azienda regionale per il "d iritto allo studio universitario e l'alta formazione", superando le attuali quattro Arstud (Bologna, Ferrara, Modena-Reggio e Parma), da sopprimere il 31 dicembre. L'approvazione prima della pausa estiva dell'a ssemblea legislativa era condizione essenziale per poter costituire la nuova Azienda regionale entro l'1 ottobre La nuova azienda unica regionale sarà operativa dall'1 gennaio 2008, dopo un periodo di transizione: lo ha precisato l'assessore regionale Paola Manzini, commentando positivamente l'approvazione in aula della legge. L'assessore ha anche sottolineato che sono state superate le preoccupazioni dei sindacati: con loro la Regione ha «siglato il protocollo d'intesa sulla riorganizzazione delle strutture». «La legge - ha commentato l'assessore - ridisegna in modo innovativo tutta l'attività del diritto allo studio, in coerenza con gli obiettivi della Regione», di fronte al mutato panorama universitario: «Non abbiamo più solo quattro Atenei in Emilia-Romagna, abbiamo sedi universitarie da Piacenza a Rimini. Così, invece di procedere a una ulteriore frammentazione, abbiamo fatto la scelta di un'unica azienda». L'assessore ha poi annunciato strumenti innovativi di offerta agli studenti, dalle convenzioni con privati fino alla gestione economica del patrimonio abitativo che verrà conferito all'azienda unica. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 15

16 26/07/2007 Gazzetta di Modena Pag. 9 ED. NAZIONALE ARESTUD Ok all'unica azienda regionale Manzini: scelta per gli studenti Una buona giornata "soprattutto per gli studenti" che d'ora in avanti potranno avvalersi "di un trattamento omogeneo" su scala regionale. Così l'assessore regionale all'istruzione Paola Manzini commenta l'approvazione - con l'astensione di Forza Italia e Lega Nord frutto "di un proficuo lavoro in questi mesi"- della nuova legge regionale sul diritto allo studio universitario in Emilia-Romagna, legge che prevede la nascita di un'azienda unica - al posto delle quattro esistenti - a partire dal 1 gennaio Rispondendo così a due obiettivi: avere "un unico strumento per il diritto allo studio" e "coerenza con l'articolazione delle sedi universitarie". In regione, infatti, non ci sono solo quattro atenei. Ma le università sono presenti da "Piacenza a Rimini". Dunque il parlamentino regionale ha detto basta, sottolinea l'assessore alla frammentazione dovuta alla presenza di più Aziende per il diritto allo studio - Bologna, Ferrara, Modena-Reggio Emilia e Parma. Ora si entra, dice Manzini "in una fase di transazione sia per il passaggio del patrimonio, sia per la riorganizzazione" del personale in accordo coi sindacati. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 16

17 26/07/2007 La Nuova Ferrara Pag. 18 ED. NAZIONALE Brevi MIGLIARINO Beatles & The Choir Prosegue la rassegna musicale di Restate in Piazza, organizzata dal Comune di Migliarino. Stasera alle in piazza Garibaldi i Beatles & the Choir saranno accompagnati dalla voce di Lorenzo Campani e dal Coro dell'università di Ferrara per un omaggio musicale ai "Fab 4" nel 40 anniversario Sgt. Peppers. Alla chitarra Luca Lunghini, Stefano Peretto alla batteria, Renato Droghetti alle tastiere e Giorgio Santisi al basso. CODIGORO Corto su ambiente Stasera alle ore al Parco Daloiso di Codigoro proiezione di cortometraggi non professionali su temi dell'ambiente, cultura e territorio, valutati da una giuria popolare. L'iniziativa è del Cineclub e della Fondazione Bassani. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 17

18 26/07/2007 La Nuova Ferrara Pag. 9 ED. NAZIONALE Guietti (Cgil): puntare sull'eccellenza innovazione «Gli atipici gonfiano le cifre» Zanirato (Uil) resta scettico Ottimisti o pessimisti, chi ha ragione? «Dipende da come si fanno i conti» sorprende Massimo Zanirato, segretario Uil. «Sì, perchè in termini di posti di lavoro probabilmente sono giusti i conteggi Istat, cioè c'è stata una flessione. I contratti, però, è quindi le persone occupate, possono essere ugualmente aumentati perchè i dilaganti atipici e part time "valgono" ognuno un terzo, un quarto di un posto full time a tempo indeterminato. Forse bisognerebbe ragionare in termini di ore di lavoro equivalenti». La situazione attuale della nostra provincia, secondo Zanirato, sconta il pregresso delle crisi aziendali («Abb Estense, ad esempio, non si è ancora chiusa perchè 3-4 addetti restano a spasso») e di vecchie dinamiche, «quando ci sono picchi tutto bene, ma quando le cose peggiorano le ripercussioni sono più pesanti che altrove. La ripresa ora c'è, aspettiamo le conseguenze sull'occupazione». Articolata l'analisi di Giuliano Guietti, segretario Cgil: «Un pezzo del nostro settore manifatturiero, legato all'alta tecnologia con chimica e metalmeccanica, sta reagendo bene e crea posti di lavoro. Altri segmenti, soprattutto piccole industrie e parte dell'artigianato, sono invece in sofferenze anche occupazionale. Se teniamo conto della progressiva perdita di peso dell'agricoltura e di un terziario vivace soprattutto nel settore dell'assistenza, ne esce un quadro non particolarmente positivo in tema di occupazione». Il problema, dice comunque Guietti, non è «lo 0,5% in più o in meno dell'occupazione», ma capire come irrobustire la nostra economia: «In tema di eccellenze d'accordo il turismo di qualità, dove però c'è una concorrenza foltissima, ma non dimentichiamo l'innovazione tecnologica derivato dal rapporto università-imprese. Qui abbiamo possibilità uniche». UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 18

19 26/07/2007 La Voce di Romagna Pag. 10 RIMINI L'Emilia corre, Bologna frena la Romagna Il Sole 24 Ore ha stilato la classifica della qualità accademica degli atenei italiani e gli atenei emiliano-romagnoli ne sono usciti, nel complesso, decisamente bene: Modena-Reggio al primo posto, Parma al terzo e Ferrara al quinto. Niente male, non c'è che dire. Eppure, anche in questa graduatoria non poteva mancare chi va in controtendenza, ossia Bologna, che scivola dal nono al quindicesimo posto. Va quindi consolidandosi la sindrome da buco nero che sta attanagliando da alcuni anni il capoluogo emiliano-romagnolo e che lo vede retrocedere un po' in tutte le graduatorie nazionali. Gli atenei di Modena-Reggio e di Parma presentano livelli di eccellenza riconosciuti (come nel caso di Economia a Modena), in quanto radicati nel territorio e maggiormente integrati in un tessuto produttivo, quello locale, da sempre ai primi posti a livello nazionale e ancor oggi in grado di imboccare le autostrade della modernità. Lo stesso dicasi di Ferrara il cui ateneo riesce a porsi validamente al servizio delle esigenze della città garantendo uno sfruttamento ottimale delle risorse cittadine, utilizzando tecnologie moderne al servizio della conservazione e della valorizzazione del proprio patrimonio culturale plurisecolare. Ciò che salta agli occhi nel confronto tra gli atenei citati è la correlazione tra dimensione ed efficienza. L'Alma Mater di Bologna, con i suoi studenti (di cui fuori sede!), è ormai diventato un centro di potere forte e autoreferenziale, e perciò sempre più sordo alle esigenze produttive del comprensorio felsineo. La ridotta dimensione degli altri atenei, invece, finisce per renderli più efficienti, sia perché più agili e flessibili, e quindi capaci di adattarsi alle esigenze dell'economia del territorio, sia perché meno potenti, e perciò costretti a venire incontro alle esigenze del tessuto imprenditoriale circostante. Le stesse sedi di Rimini e Forlì, pur facendo parte dell'università di Bologna, sembrano discostarsi un poco dalla "casa madre" e stanno via via cercando di approntare corsi di laurea sempre più rispondenti alle esigenze di sviluppo locali. Ciò che però statistiche e graduatorie non dicono, è che a Bologna l'università sta diventando deleteria per l'intera città, perché invece di supportare l'apparato produttivo, ne condiziona l'indirizzo in direzione di una continua deindustrializzazione ormai in essere da 25 anni. Senza contare che il continuo afflusso di studenti fuori sede contribuisce fortemente a creare quel clima di degrado che in città si tocca con mano. Infatti, non è un caso che il simbolo di questo degrado sia Piazza Verdi, cuore dell'università bolognese, e luogo di ritrovo di spacciatori, drogati e piccola delinquenza, perché questa fauna trova complicità tra gli studenti, che spesso guardano con simpatia lo spacciatore da cui fornirsi per qualche canna in compagnia. Insomma, l'afflusso dei fuori sede crea una forte domanda di stupefacenti leggeri e pesanti, così anche l'offerta - ossia gli spacciatori - si adegua aumentando la propria presenza in loco. Naturalmente, se gli studenti pagassero di tasca loro l'intero costo dell'università (ogni studente costa più di 8000 annui all'erario) non ci sarebbe nulla da ridire, ma così non è. Il grosso lo paga lo Stato, che così facendo contribuisce involontariamente al degrado di Bologna. Certo, l'università di Bologna ha senz'altro ottimi docenti, però, molto spesso, le università misurano la propria validità più per i geni che sfornano che per i professori che vi insegnano. La mitica Università di Tubinga, ad esempio, non divenne famosa per i loro professori, ma per il fatto che lì si laurearono, Hegel, Schelling e Hölderlin. A Bologna, invece, l'università è una fucina di occupati in settori saturi e ha poche facoltà che sforna figure professionali adatte a settori innovativi, però, avendo ottimi docenti, costituisce un copioso serbatoio per parlamentari, ministri e consulenti ministeriali. La facoltà di economia di Bologna, infatti, è diventata il principale luogo di formazione delle élites politiche e tecnocratiche della sinistra ulivista per tutta la seconda repubblica. Ma ciò che è più grave, dal punto di vista economico, è che mentre a Modena, Reggio, Parma, UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 19

20 26/07/2007 La Voce di Romagna Pag. 10 RIMINI Ferrara e in parte anche in Romagna, l'università agisce da supporto alle imprese alimentando la modernizzazione industriale, a Bologna crea distorsioni del mercato, alimentando, grazie alla presenza di un alto numero di studenti, un mercato drogato e parassitario nel settore immobiliare (alti affitti per via degli studenti), nonché l'investimento in attività in settori più vicini al consumo immediato (pub e locali di ritrovo) a basso o nullo contenuto tecnologico. Certo, esiste anche l'export, che vede l'emilia-romagna al secondo posto in Italia dietro alla Lombardia, ma la presenza in loco di un apparato produttivo di eccellenza costituirebbe un volano per tutto quell'insieme di attività legate all'information technology in grado di estendersi all'intera regione e di rendere legittimo e vantaggioso per tutta l'emilia-romagna il ruolo di "Bologna capitale". Purtroppo, però, la funzione fondamentale di supporto che in questi settori l'università di Bologna è chiamata a fornire, è alquanto deficitario così che, allo stato dei fatti, parlare di "Bologna capitale" è del tutto fuori luogo. Ed è perciò del tutto naturale che in Romagna cresca il numero di coloro che vorrebbero scappare da Bologna. Parola di bolognese. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 20

21 26/07/2007 La Voce di Romagna Pag. 8 RIMINI E l' Ateneo assume i precari Università : arriva la contestata azienda unica sul diritto allo studio BOLOGNA - L'Emilia-Romagna ha una nuova legge sul diritto allo studio universitario. Che prevede la nascita di un'azienda unica regionale dal 1 gennaio Accorpando le quattro ora esistenti: Bologna, Ferrara, Modena-Reggio Emilia e Parma. Il provvedimento ha incontrato favori in tutto l'emiciclo di viale Aldo Moro. Tradotti in voti fanno 25 sì, 5 astensioni (Forza Italia e Lega nord) e 3 no di Alleanza nazionale. E proprio da An sono arrivate le contestazioni più pesanti alla nuova legge regionale. Espresse per bocca del consigliere regionale Gioenzo Renzi. Che si è visto bocciare 16 emendamenti - su 23 complessivi - presentati su un provvedimento che definisce "frettoloso". Perché, spiega Renzi, "non ha recepito le richieste degli studenti". Un esempio? La consulta studentesca regionale "non è eletta". Quindi, attacca l'esponente di An "è inutile riempirsi la bocca di parole" come "partecipazione". E poi Renzi ha forti "perplessità" da un punto di vista organizzativo. In una parola, dice il consigliere regionale, il provvedimento "è centralista". Perché "prevede un unico direttore generale". Mentre An ne propone "quattro, in modo che possano seguire le realtà territoriali. Non solo. Per An c'è pure un problema di costi. "Non riusciamo a capire - dice Renzi - perché il presidente possa conferire una delega specifica ai componenti del cda - già stipendiati- per la quale è previsto un compenso massimo del 45%" rispetto a quello presidenziale. E manca anche, sottolinea il consigliere regionale, "un criterio per la ripartizione delle risorse" sul territorio. Dunque "vedremo" gli effetti di questa legge. Cioè "le carenze amministrative, i limiti dei servizi agli studenti e alla loro rappresentatività", conclude Renzi. A difesa della riforma sul diritto allo studio universitario, l'intervento del consigliere regionale diesse Paolo Lucchi. Che del provvedimento e' relatore. La costituzione di un'unica azienda regionale per il diritto allo studio, secondo il diessino, farà risparmiare risorse. Perché "porterà" alla chiusura "delle quattro" aziende "esistenti ed alla diminuzione dei consiglieri di amministrazione". Dai 28 attuali a si arriverà a 5. Con "una riduzione di costi di alcune centinaia di migliaia di euro". E L'Università di Bologna, nonostante la gravissima crisi di bilancio, assumerà i suoi precari. Cgil-Cisl-Uil e l'ateneo hanno infatti firmato ieri un accordo per la stabilizzazione di figure tecniche amministrative ancora senza posto fisso: un piccolo esercito di ben 147 persone. "E' la prima grande universita' italiana che attua cosi' quanto previsto dalla direttiva del ministro Nicolais per la stabilizzazione dei precari - esulta Davide Valente, della Cgil, al termine della lunga maratona che ha portato all'accordo - finora molti atenei hanno contestato quel provvedimenti. Noi abbiamo raggiunto un accordo al terzo incontro della trattativa ed è molto importante: partiamo dal personale tecnico-amministrativo, ma è solo l'inizio di un percorso di discussione sulla stabilizzazione di tutti i tipi di precari» in forza all'università di Bologna. In dettaglio, dell'intesa di ieri potranno innanzitutto beneficiare almeno 147 persone che possono dimostrare di aver lavorato per l'alma Mater, con incarichi a tempo determinato, per un periodo di tre anni nell'arco dell'ultimo quinquennio. UNIVERSITÀ E CONSORZIO FERRARA RICERCHE 21

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI Decreto emanazione D.R. 74 DEL 03/04/1998 Decreto aggiornamento D.R. n. 63 del 17/02/1999

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 11 novembre 2011 Programma per il reclutamento di giovani ricercatori «Rita Levi Montalcini».(Decreto n. 486). (12A02222) (GU n. 49 del

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO

RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO Ecc.mi Capitani Reggenti, On.li Membri del Consiglio Grande e Generale Con il provvedimento che sottoponiamo al Consiglio Grande

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

17 maggio 2011 la Repubblica Bologna

17 maggio 2011 la Repubblica Bologna 17 maggio 2011 la Repubblica Bologna 19 maggio 2011 Modena Qui Modena Qui "Per creare un'ottima impresa non serve essere studenti da 110 e lode" «Per creare unottima impresa non serve essere studenti da

Dettagli

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 Nell ambito di un orientamento strategico fortemente indirizzato all innovazione e allo sviluppo

Dettagli

Analisi della Bozza Decreto D.S.U.

Analisi della Bozza Decreto D.S.U. Analisi della Bozza Decreto D.S.U. Analizziamo in questo documento la bozza dello Schema di Decreto Ministeriale Determinazione dei livelli essenziali e requisiti di eleggibilità delle prestazioni per

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE

STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE STATUTO DELL ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE DI FIRENZE Art. 1 Istituzione 1. L Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (d ora in poi ISIA) di Firenze e stato istituito in forma sperimentale

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami"

Università, paradossale guerra ai fuori corso Gli atenei finiranno per regalare gli esami INCHIESTA Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami" Il ministero, nell'erogare i fondi, adesso penalizza i centri con troppi studenti in ritardo con le

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1343 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RODEGHIERO, ALBORGHETTI, APOLLONI, BAGLIANI, BAL- LAMAN, BALOCCHI, BIANCHI CLERICI, CE, FAUSTINELLI,

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Realizzato da Partner tecnici Partner scientifici Media partner Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Geologi Fondamentali per il settore geotermico. Ingegneri Essenziali per la progettazione di

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK

TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND BACK Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE DEI FINANZIAMENTI EROGATI DALLA REGIONE PER GLI INTERVENTI PREVISTI NEL PROGRAMMA MASTER AND

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna stampa. Roma 29 settembre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna stampa. Roma 29 settembre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Ufficio Stampa Rassegna stampa Roma 29 settembre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Italia Oggi L università? La metà è indecisa 2 Università Libero

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

DL 112 (legge 133) Una cronistoria

DL 112 (legge 133) Una cronistoria DL 112 (legge 133) Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!)

Dettagli

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI

GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI GILDA NAZIONALE DEGLI INSEGNANTI #LABUONASCUOLA, DOCENTI PIÙ POVERI CON NUOVO SISTEMA STIPENDI E SCATTI Gilda Nazionale Degli Insegnanti Via Salaria, 44 00138 Roma Tel. 068845005 095 fax. 0684082071 www.gildains.it

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna

Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna Perugia Viale Roma, 15 tel. e fax 075 5724328 cell. 329 2933602 email: presidenza@istitutosantanna.com web: www.istitutosantanna.com Perugia, 23 marzo

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R. n. 307 del 24/05/2002 D.R. n. 307 IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto di questo Politecnico; il Regolamento

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 31 MARZO 2010 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 27 aprile 2010 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che in

Dettagli

IL PICCOLO 12 OTTOBRE 2012

IL PICCOLO 12 OTTOBRE 2012 IL PICCOLO 12 OTTOBRE 2012 LA STAMPA 12 OTTOBRE 2012 OCCHIELLO. SIGLATO L ACCORDO CON LA PROVINCIA La Michelin crea un fondo speciale per favorire il lavoro nelle imprese [G. LO.] Sarà offerto un contributo

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

Effetto del taglio del contributo pubblico all'università.

Effetto del taglio del contributo pubblico all'università. Effetto del taglio del contributo pubblico all'università. Per legge, il gettito delle tasse di iscrizione universitarie non può superare il 20 per cento del Fondo ordinario. Pertanto, a una riduzione

Dettagli

Contratto di Solidarietà espansiva

Contratto di Solidarietà espansiva SAPERE UTILE Ufficio Stampa Contratto di Solidarietà espansiva IFOA Via G.Giglioli Valle 11 Reggio Emilia Tel. 0522.329387 Fax 0522.284708 ufficiostampa@if oa.it RASSEGNA web Principali notizie online

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011)

EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) FINALITA EQUIVALENZA TITOLI DPCM 26 luglio 2011 (Gazzetta Ufficiale del 18 agosto 2011) Il Decreto di equivalenza, in applicazione a quanto preannunciato dalla Legge n 42/99 art 4 comma 2, riconosce ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Ufficio Stampa RIORDINO ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Roma, 28 maggio 2009 Finalmente con il riordino dell'istruzione tecnica e professionale, inizia oggi il processo di riforma della scuola secondaria.

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013

Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 63 del 29 maggio 2013 Assegnazione di

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

I servizi Inpdap non hanno età Guida per chi è in pensione

I servizi Inpdap non hanno età Guida per chi è in pensione Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica I servizi Inpdap non hanno età Guida per chi è in pensione Gentile pensionata, gentile pensionato, sono lieta di comunicarle

Dettagli

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti)

Art. 1 (Definizione) Art. 2 (Requisiti) TESTO UNIFICATO AS 3236 1928-1645 Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e della prevenzione e delega al Governo per l istituzione

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

Rassegna stampa 14/05/2014 Il Resto del Carlino

Rassegna stampa 14/05/2014 Il Resto del Carlino Rassegna stampa 14/05/2014 Il Resto del Carlino «L Idrovia rilancerà il welfare, ricerca e turismo», pag.20 La Nuova Ferrara Sull Idrovia ok all intesa tra Provincia e Comune, pag. 18 Estense.com Idrovia,

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

CAPITOLO 4. Dati e statistiche. Per avere una conoscenza più approfondita della biblioteca comunale di

CAPITOLO 4. Dati e statistiche. Per avere una conoscenza più approfondita della biblioteca comunale di CAPITOLO 4 Dati e statistiche Per avere una conoscenza più approfondita della biblioteca comunale di Soriano nel Cimino, in questa parte della trattazione saranno presentati alcuni grafici riguardanti

Dettagli

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1 Tiratura 09/2015: 391.681 Diffusione 09/2015: 270.207 Lettori Ed. II 2015: 2.458.000 Quotidiano - Ed. nazionale Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 37 24/11/2015 Responsabilità professionale. Intervista a Trojano

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Legislatura 17 ATTO CAMERA

Legislatura 17 ATTO CAMERA Camera dei Deputati Legislatura 17 ATTO CAMERA Sindacato Ispettivo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA IN COMMISSIONE : 5/04255 presentata da FRAGOMELI GIAN MARIO il 10/12/2014 nella seduta numero 347

Dettagli

SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento. Bruno Chiandotto

SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento. Bruno Chiandotto SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento Bruno Chiandotto Pisa 24 maggio 2011 Il MONDO del LAVORO Il dottorato in Italia 1998-2008 Numero di dottori di ricerca per anno di conseguimento del titolo

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE IL RETTORE DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELL AQUILA

PROTOCOLLO D'INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE IL RETTORE DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELL AQUILA Università degli Studi dell Aquila PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL RETTORE DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELL AQUILA Per la realizzazione del Progetto

Dettagli

CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO

CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO Premesse L'Università degli Studi di Bergamo e il Comune di Bergamo intendono instaurare un rapporto non episodico di collaborazione,

Dettagli

TRA. con deliberazione del Consiglio di Amministrazione in data.;

TRA. con deliberazione del Consiglio di Amministrazione in data.; CONVENZIONE QUADRO TRA L ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA, IL COMUNE DI FAENZA, LA SOCIETÀ TERRE NALDI E LA FONDAZIONE FLAMINIA RELATIVA AL SOSTEGNO DEGLI ONERI PER IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 Sezione I Disposizioni generali Articolo 1 Istituzione 1. Al fine di razionalizzare

Dettagli

PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE PIANO D AZIONE 2008

PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE PIANO D AZIONE 2008 PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE PIANO D AZIONE 2008 AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI BUONI PREMIO PER I MIGLIORI STUDENTI UNIVERSITARI CALABRESI DOMANDE FREQUENTI (aggiornamento 4 luglio 2008)

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione

Diamogli Credito. Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Diamogli Credito Protocollo d Intesa tra ABI e Governo per giovani studenti che decidono di investire sulla propria formazione Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS) e l

Dettagli

Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei

Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei Scheda tecnica sul nuovo decreto per il reclutamento negli atenei Analisi tecnica dello schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 3 dicembre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Scuola24 Dalle imprese alla PA fino alla scuola: i dottori di ricerca vanno valorizzati

Dettagli

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore?

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Agenda L Università oggi Cosa fare, come muoversi? Cosa si studia in Cattolica I perché di una scelta L orientamento in Cattolica L università oggi E dopo la scuola

Dettagli

Borsa studio. UNIverso http://universo.miur.it/ Ricerca corsi universitari. Orientamento universitario UNIVERSITALY

Borsa studio. UNIverso http://universo.miur.it/ Ricerca corsi universitari. Orientamento universitario UNIVERSITALY UNIVERSITALY Borsa studio Orientamento universitario SUMMER SCHOOL Corr.Fiorentino LUISS ROMA UNIverso http://universo.miur.it/ Ricerca corsi universitari Open Days di Ateneo Giornate di orientamento per

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * di Sabino Cassese (Professore ordinario, Facoltà di Giurisprudenza, Università La Sapienza, Roma) 1 luglio 2002 Sommario 1. Premessa 2. Il nuovo

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO.

IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO. Tel. Fax 06/6783559 IL DIRITTO ALLO STUDIO CI RIGUARDA TUTTI. COSTRUIAMO L ALTROBANDO. L esigenza di porre il tema del diritto allo studio al centro del dibattito non è più rimandabile: la condizione catastrofica

Dettagli