CONTRIBUTO PROFESSIONALE DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRIBUTO PROFESSIONALE DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2012"

Transcript

1 CONTRIBUTO PROFESSIONALE DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2012 Si avvicinano le scadenze per la dichiarazione dei redditi 2012 relative ai redditi da lavoro dipendente percepiti nel Per presentarle bisogna compilare i modelli 730 o Unico Al riguardo si comunica che in relazione agli inconvenienti riscontrati circa l emissione errata dei Cud 2012, causata dalla doppia registrazione dei dati relativi ai compensi accessori fuori sistema o dalla mancata comunicazione di tali dati in fase di conguaglio di fine anno, si è potuto verificare che le indicazioni fornite nell apposito contributo professionale si sono rivelate esatte e la procedura è andata a buon fine con relativa rettifica e riemissione degli stessi. I nuovi CUD sono facilmente identificabili in quanto portano la dicitura Sostituisce il CUD precedente. Inoltre, circa i nuovi conguagli, da fonti ufficiose, pare che saranno riscontrabili già sul cedolino del mese di Aprile. Pertanto, il personale che era stato interessato da tale inconveniente può procedere tranquillamente alla compilare la dichiarazione dei redditi 2012, se dovuta, anche alla luce della ripubblicazione delle istruzioni del modello 730/2012 per la correzione di alcuni errori. Sulla procedura di identificazione dei dipendenti e relativa assegnazione dei PIN (SIDI/Cedolino Unico/identificazione), indispensabile soprattutto per poter accedere al servizio di assistenza fiscale in modalità self-service 730 WEB, si rimanda alle segnalazioni ed al contributo dei colleghi Pala e Duccamelia, presenti sul sito FNADA, segnalando solo che i servizi self-service che dovranno andare a regime sono: Gestione delle variazioni di residenza (attivo) Variazione modalità di riscossione dello stipendio Richiesta di Piccolo Prestito INPDAP Richiesta adesione Previdenza Complementare Gestione delle detrazioni per familiari a carico (attivo-si comunica solo se variano i dati) Ottenuto il suddetto PIN, i dipendenti potranno procedere alla compilazione e trasmissione della dichiarazione dei redditi, al riguardo della quale con il presente contributo si vogliono fornire specifiche e, si spera, utili informazioni sia normative che procedurali. Il contributo prende in esame esclusivamente il modello 730/2012, alla luce delle scadenze di Aprile e/o Maggio. 1

2 La prima scadenza riguarda il modello 730/2012 ed è fissata al 30 aprile 2012: i lavoratori dipendenti dovranno presentarlo al proprio datore di lavoro o al proprio ente pensionistico (se è stato comunicato entro il 15 gennaio di prestare assistenza fiscale per quell anno). Entro il 31 maggio 2012 il datore di lavoro o ente pensionistico deve consegnare al contribuente cui ha prestato assistenza una copia della dichiarazione elaborata e il prospetto di liquidazione modello 730-3, con l indicazione delle trattenute o dei rimborsi che saranno effettuati. La seconda scadenza è fissata, invece, per il 31 maggio 2012 se i lavoratori dipendenti decidono di avvalersi di un CAF (centro di assistenza fiscale) o di professionisti quali, ad esempio, consulenti del lavoro, commercialisti, esperti contabili, ecc. Il Caf o il professionista abilitato deve consegnare entro il 15 giugno al contribuente cui ha prestato assistenza una copia della dichiarazione e il prospetto di liquidazione modello 730-3, elaborati sulla base dei dati e dei documenti dallo stesso presentati. Infine, entro il 30 giugno, il Caf o il professionista abilitato trasmettono il modello 730 all Agenzia delle Entrate. Il modello Unico 2012, invece, deve essere presentato entro il primo ottobre 2012 esclusivamente in via telematica, direttamente dal contribuente, o tramite un intermediario abilitato. Per adesso, come già detto, ci occupiamo del modello 730/2012, rammentando solo che l UNICO persone fisiche (versione semplificata se non ci sono particolari esigenze-mini) lo useranno,ad esempio, i supplenti brevi, esclusi anche dall obbligo telematico, in quanto: pur possedendo redditi che possono essere dichiarati con il mod. 730, non possono presentare il mod. 730 perché privi di datore di lavoro o non titolari di pensione; 2

3 sono privi di un sostituto d imposta al momento della presentazione della dichiarazione perché il rapporto di lavoro è cessato. Cos è il modello 730? Il 730 è il modello per la dichiarazione dei redditi dedicato ai lavoratori dipendenti e pensionati e presenta alcuni notevoli vantaggi tra cui la semplicità della compilazione in quanto, tra l altro, non richiede l esecuzione di calcoli. Inoltre: 1) il lavoratore dipendente non lo trasmette all Agenzia delle Entrate in quanto dovrà assolvere l adempimento il datore di lavoro, l ente pensionistico o l intermediario abilitato a cui si è rivolto; 2) il rimborso dell imposta arriva direttamente in busta paga di LUGLIO o con la rata della pensione di agosto o settembre. Se, invece, dall elaborazione del 730 dovesse emergere un saldo a debito questo viene trattenuto direttamente in busta paga di LUGLIO o dalla pensione di agosto o settembre. Se, poi, lo stipendio o la pensione sono insufficienti per il pagamento di quanto dovuto, la parte residua, maggiorata degli interessi mensili, 0,40%, viene trattenuta dalle competenze dei mesi successivi. Il contribuente può anche chiedere di rateizzare in più mesi le trattenute, indicandolo nella dichiarazione; per la rateizzazione sono dovuti gli interessi nella misura dello 0,33% mensile. Quando si usa il 730 Il modello 730 può essere utilizzato per dichiarare le seguenti tipologie di reddito: 1) redditi di lavoro dipendente; 2) redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (per esempio, i redditi percepiti dai Co. co. co e dai lavoratori a progetto); 3) redditi dei terreni e dei fabbricati; 4) redditi di capitale; 5) redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita Iva (per esempio, i redditi derivanti dallo sfruttamento economico di opere dell ingegno); 6) alcuni dei redditi diversi (per esempio, i redditi di terreni e fabbricati situati all estero); 7) alcuni dei redditi assoggettabili a tassazione separata (ad esempio, i redditi percepiti dagli eredi e dai legatari). 3

4 Chi può utilizzare il 730? Possono utilizzare il modello 730 i contribuenti che nel periodo d imposta di presentazione sono: A) pensionati o lavoratori dipendenti (compresi coloro per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale: per esempio, i dipendenti italiani inviati all estero per lavoro); B) contribuenti che percepiscono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente (quali il trattamento di integrazione salariale, l indennità di mobilità, ecc.); C) soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca; D) sacerdoti della Chiesa cattolica; E) giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc.); F) soggetti impegnati in lavori socialmente utili; G) produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d imposta (modello 770 semplificato e ordinario), Irap e Iva. Documentazione da presentare al CAF o professionista abilitato Sia che si richieda l assistenza per la compilazione, sia che si consegni il modello già compilato, vanno esibiti i seguenti documenti: 1) il Cud (Certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati) rilasciato dal datore di lavoro o dall ente pensionistico e le altre certificazioni dalle quali risultino le ritenute subite sui redditi di lavoro dipendente, sui redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, sui redditi di lavoro autonomo occasionale, ecc.; 2) fatture, ricevute, scontrini, quietanze che attestino le spese sostenute nel corso dell anno per le quali è prevista la deducibilità dal reddito complessivo o il riconoscimento di detrazioni dall imposta lorda; 4

5 3) altra documentazione necessaria per il riconoscimento delle spese deducibili o detraibili, come, ad esempio, per gli interessi passivi, la copia del contratto di mutuo per l acquisto dell immobile adibito ad abitazione principale; per l assicurazione sulla vita, la copia della polizza o altra certificazione rilasciata dalla compagnia assicuratrice, ecc.; 4) ricevuta dei bonifici attraverso i quali sono state pagate le opere di ristrutturazione, quietanze di pagamento degli oneri di urbanizzazione, attestati di versamento delle ritenute operate sui compensi dei professionisti, quietanza rilasciata dal condominio (in caso di lavori di manutenzione ordinaria su parti comuni); 5) attestati di versamento degli acconti d imposta effettuati autonomamente dal contribuente; 6) ultima dichiarazione presentata, se in questa era stata evidenziata a credito un eccedenza d imposta che si intende far valere nel modello 730. Vi sono, infine, alcuni dati per i quali non è necessario esibire la relativa documentazione quali, ad esempio, i certificati catastali relativi ai terreni e ai fabbricati posseduti, i contratti di locazione stipulati e altri documenti relativi alle detrazioni spettanti. Chi si rivolge a un Caf o a un professionista abilitato può consegnare il modello già debitamente e correttamente compilato senza pagare alcun compenso al Caf o al professionista, oppure può chiedere assistenza per la compilazione. Il Caf può richiedere al momento della presentazione della dichiarazione i dati relativi alla residenza anagrafica del dichiarante. Il contribuente deve presentare al Caf o al professionista, in busta chiusa, la scheda per la scelta della destinazione dell 8 per mille e del 5 per mille dell IRPEF (Mod ), anche se non ha espresso alcuna scelta. Novità ) nuova casella per la cedolare secca per i contribuenti che già nell anno 2011 hanno scelto la tassa piatta per gli affitti abitativi del 21% o del 19% sulle locazioni degli immobili a uso abitativo. L opzione per la cedolare deve essere riportata nella dichiarazione dei redditi per i contratti in corso nel 2011, scaduti o oggetto di risoluzione volontaria al 7 aprile 2011 e per i contratti in corso alla stessa data, per i quali era già stata eseguita la registrazione e per i contratti prorogati per i quali era già stato effettuato il relativo pagamento- Per i contratti già registrati o prorogati 5

6 alla data del 7 aprile 2011, la scelta dell imposta sostitutiva si effettua in sede di dichiarazione annuale, fermo restando l obbligo di versamento degli acconti dovuti per l anno ) proroga degli incrementi della produttività, con l imposta sostitutiva del 10%, nel limite di 6mila euro lordi; 3) contributo di solidarietà per i contribuenti con reddito complessivo superiore a 300mila euro; 4) differimento di 17 punti percentuali dell acconto Irpef per il 2011, che poteva essere effettuato nella misura dell 82% in luogo del 99%; 5) eliminazione dell obbligo di presentare la comunicazione preventiva di inizio dei lavori al Centro operativo di Pescara per fruire della detrazione del 36%; 6) proroga della detrazione del 55% per le spese relative agli interventi finalizzati al risparmio energetico. Spese detraibili o deducibili sostenute nell anno 2011 (Oneri deducibili e oneri detraibili - Art. 11 Tuir) Cerchiamo di individuare con una semplice panoramica generale quali spese si possono scaricare e quali no. In premessa è utile chiarire che le spese non si recuperano integralmente, ma solo nella misura dell'imposta corrispondente: ad esempio su 1.291,14 di assicurazione sulla vita si recuperano solo 245,32 (19%), in quanto gli oneri deducibili (vale a dire le spese sostenute nel corso dell anno e che si possono scaricare dalla dichiarazione) sono di DUE tipi: 1) spese deducibili, che si tolgono dal reddito imponibile e influenzano direttamente il calcolo dell imposta; 2) spese detraibili, che danno diritto ad una detrazione in percentuale da togliere dall imposta già calcolata. E evidente la differenza in quanto facendo un esempio su una spese di 2000 euro nel caso che questa sia deducibile, su un aliquota del 27% risparmio la somma di 540,00, mentre nel caso sia detraibile risparmio solo 380,00, in quanto indipendentemente dall aliquota che il dichiarante sconta si applica sempre l aliquota del 19%. 6

7 Da tener ben presente, inoltre, che per gli ONERI DEDUCIBILI vale sempre il principio di CASSA e mai quello di COMPETENZA. Pertanto, se una rata di mutuo del 2011 la pago nel 2012 si dovrà detrarre nel 2012 e non nel Perciò conviene pagare entro il 31 dicembre, ad esempio, eventuali pagamenti che scadono tra dicembre e gennaio. Principali spese da portare in detrazione 1)spese mediche generiche e specialistiche (fatture, ricevute, ticket, scontrini con codice fiscale per i farmaci)- Rigo E1 in colonna 2 del modello 730/2012. Le spese mediche danno diritto ad una detrazione nella misura del 19% dell ammontare totale della spesa sostenuta nell anno d imposta per la parte che eccede Euro 129,11 (se non si supera tale cifra non si ha diritto alla detrazione). La fattura e lo scontrino fiscale parlante devono contenere la natura, la qualità e la quantità dei prodotti acquistati nonché il codice alfanumerico posto sulla confezione del medicinale ed il codice fiscale del destinatario. Si ricorda, in riferimento alla natura dei farmaci, che l Agenzia delle Entrate ha chiarito che la detrazione compete nel caso di farmaci contrassegnati dai seguenti codici, diciture o sigle: 1) OTC per farmaci da banco 2) OP per farmaco senza ricetta 3) Farmaci di fascia C 4) Farmaci contrassegnati dalle diciture omeopatico, galenico, officinale, magistrale, preparazione, automedicazione, etico, ticket o analoghe 5) Farmaci contrassegnati dalle seguenti abbreviazioni: F.co, Med.le, Omeo, Galen. o analoghe. Il cosiddetto scontrino parlante della farmacia ai fini della detraibilità delle spese mediche, deve indicare il codice alfanumerico AIC e non più la denominazione commerciale dei medicinali acquistati. Non è più necessario conservare copia della prescrizione medica o della ricetta; 2)spese per occhiali, protesi e per l acquisto o l affitto di apparecchi o attrezzature sanitarie e relative prescrizioni; 3)spese per cure termali e terapie con richiesta del medico; 7

8 4)spese per ausilio ed assistenza ai portatori di handicap (es. spese per sevizi di interpretariato di soggetti riconosciuti sordomuti, ecc.). Per le spese sostenute per i disabili (sedie, sussidi tecnici informatici e di locomozione, adattamenti strutturali o per ascensori) non ci sono limiti, il limite di ,99 sussiste solo per l'acquisto di autovetture adattate; 5)spese per acquisto di cani guida per non vedenti (ricevuta di pagamento) RIGO E5; 6)spese mediche di assistenza specifica (es. quelle relative a ricoveri in istituti riguardanti invalidi o portatori di handicap riconosciuti legalmente); 7)spese per l assistenza personale di soggetti non autosufficienti nel compimento degli atti di normale vita quotidiana. Le spese sostenute per le badanti possono essere scaricate a condizione che il reddito non supera i ,00 e che si dimostri con certificato medico di non essere autosufficienti; la detrazione spetta per un limite di 2.100,00 ; come documento di spesa basta la dichiarazione della badante come quietanza con annotazione delle generalità di entrambi le parti, badante e ammalato, meglio allegare altresì copia dell'assegno; 8)spese veterinarie; deducibili fino all'importo di euro 387,34, limitatamente alla parte che eccede euro 129,11 competono in relazione alle spese veterinarie sostenute per la cura di animali legalmente detenuti a scopo di compagnia o per la pratica sportiva(rigo E17/18/19); 9)spese funebri sostenute per familiari: importo non superiore ad euro 1.549,37,per ciascuno di essi. L'art.433 del codice civile stabilisce l'elenco dei familiari obbligati agli alimenti e sono questi a poter usufruire della deducibilità delle spese funebri: 1) il coniuge; 2) i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi, e, in loro mancanza, i discendenti prossimi, anche naturali; 3) i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali; gli adottanti; 4) i generi e le nuore; 5) il suocero e la suocera; 6) i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali (RIGO E 14); 10)spese di istruzione (tasse scolastiche, iscrizione e frequenza): si possono detrarre le spese di istruzione per la frequenza di corsi di istruzione secondaria o anche universitaria, perfezionamento e/o specializzazione presso qualsiasi istituto, privato o pubblico a condizione che tali erogazioni non vengano effettuate in contanti (RIGO E 13); 11)spese per frequenza palestre, piscine dei minori di età tra 5 e 18 anni: (ricevute bollettino bancario o postale, fattura, ricevuta o quietanza di pagamento 8

9 riportanti la denominazione della società, i dati anagrafici del praticante l attività, il codice fiscale di chi ha effettuato il pagamento e la causale). Le spese sostenute per lo sport dei figli, se di età tra i 15 e i 18 anni, possono essere scaricate per un importo non superiore a 210,00 a figlio, come documento di spesa basta la ricevuta di associazioni sportive non dilettantistiche (RIGO E16); 12)spese per frequenza di asili nido pubblici o privati (quietanze di pagamento, fatture, bollettini bancari o postali). Per gli asili nido si possono scaricare le spese sostenute nel limite di 652,00 a figlio, come documento bastano le quietanze, da cui si evince che si tratta di asilo nido(e 17/18/19); 13)quietanze assicurazioni vita/infortuni stipulate o rinnovate entro il 31 dicembre 2000 da cui risultino le caratteristiche che la polizza deve avere ai fini della detrazione o in alternativa attestazione di detraibilità dei premi da parte dell assicurazione. Tutte le polizze vita sono interamente portabili in detrazione (al 19% sul limite di un importo di 1.291,14 all anno) (E12); 14)quietanze di polizze assicurative aventi per oggetto il rischio di morte, di invalidità permanente superiore al 5% o di non autosufficienza stipulate o rinnovate a partire dal 1 gennaio 2001(Rigo E12). Dalle quietanze devono risultare le suddette specificità della polizza, in alternativa attestazione di detraibilità dei premi da parte dell assicurazione. mentre da quelle iniziate da quella data in poi saranno detraibili solamente per quanto riguarda il caso morte, sempre in ragione del 19% su un importo fino a 1.291,14 annui. Le polizze PIP (Piani Individuali Pensionistici) sono interamente deducibili dal reddito fino ad un importo massimo di 5.164,57, in base alla riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 25/ )quietanze RC Auto e/o Moto pagate nel 2011; 16)erogazioni liberali a favore di Ong, Onlus, Enti Universitari, Partiti Politici, ecc..: pari al 19% delle liberalità in denaro agli enti individuati per un importo non superiore a 2.065,83 euro (RIGO E17/18/19); 17)documentazione inerente gli assegni erogati per il mantenimento del coniuge (sentenza di divorzio, quietanze liberatorie, codice fiscale ex-coniuge); 18)ricevute versamenti per contributi volontari, riscatti previdenziali, ricongiunzioni, restituzione di quote pensionistiche indebite ed altri contributi previdenziali obbligatori, assicurazione INAIL casalinghe; 9

10 19)Contributi ed erogazioni per istituzioni religiose; 20)Contributi versati per gli addetti ai servizi domestici e familiari; 21)Contributi e premi versati per forme pensionistiche complementari e individuali (previdenza integrativa) copia del contratto e dei versamenti effettuati; 22)Contributi versati per il riscatto del corso di laurea dei familiari fiscalmente a carico (E17/18/19); 23)Spese per acquisto della prima casa (quietanze pagamenti interessi passivi, copie dei contratti di mutuo e compravendita, fattura del notaio) Spese di intermediazione immobiliare per l acquisto della prima casa (fattura agenzia e contratto di compravendita) per un importo non superiore a euro. Interessi passivi (19% su costo sostenuto) su mutui acquisto prima casa (abitazione principale - per un massimo di euro - Righi da E7 a E11). Il tetto massimo scende a 2.582,28 euro se, invece, si tratta di un mutuo di ristrutturazione o costruzione della prima casa. NON POSSONO ESSERE PIU SCARICATI gli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico (vecchio limite 250,00) e le spese per l autoaggiornamento e la formazione sostenute dai docenti. ALTRE DETRAZIONI: Detrazioni 36% per ristrutturazioni edilizie A)Copie dei bonifici effettuati per il pagamento dei lavori, fatture e copia ricevuta della raccomandata della comunicazione di inizio lavori al Centro Operativo di Pescara per i lavori effettuati nel 2011 prima del 14 maggio Per i lavori effettuati a partire da tale data sono necessari i dati catastali identificativi dell immobile su cui è intervenuta la ristrutturazione; B)Per lavori condominiali, apposita dichiarazione dell amministratore del condominio. 10

11 Detrazioni 36% acquisto immobili ristrutturati 1)Copia del rogito da cui risulti che l immobile acquistato dall impresa ha subito un intervento di restauro o di risanamento conservativo; 2)Attestazione da parte dell impresa circa la sussistenza dei requisiti previsti per poter fruire dell agevolazione. Detrazione 55% per risparmio energetico A)Certificato di asseverazione redatto dal tecnico abilitato; B)Ricevuta di invio documentazione all Enea tramite Internet/raccomandata; C)Fatture comprovanti le spese con costo di manodopera evidenziato; D)Ricevuta bonifico bancario o postale; E)Per lavori condominiali, apposita dichiarazione dell amministratore di condominio, copia delibera assembleare, tabella millesimale. Benefici per proprietari di alloggi e inquilini: contratti convenzionali 1) PROPRIETARI: contratto di locazione completo degli estremi di registrazione; 2) INQUILINI: contratto di locazione completo degli estremi di registrazione. Vediamo nel dettaglio alcune tipologie di spese I contributi previdenziali I contributi previdenziali e assistenziali costituiscono una delle principali possibilità di deduzione, per i lavoratori. Sono deducibili: 11

12 1)senza limiti di importo: i contributi previdenziali e assistenziali obbligatori per legge; i contributi facoltativi versati alla gestione pensionistica obbligatoria di appartenenza (anche per i familiari fiscalmente a carico); quelli versati per il riscatto degli anni di laurea; quelli versati per la ricongiunzione di periodi assicurativi, quelli versati al fondo dalle casalinghe; 2)per un importo fino a 5.164,57 euro: i contributi versati alle forme di previdenza complementare collettive (fondi pensione) e individuali (assicurazioni sulla vita); i contributi a favore delle persone fiscalmente a carico aventi reddito insufficiente a consentire la deduzione dei contributi; 3)per un importo fino a 1.549,37 euro: i contributi versati a favore di colf e badanti, per la parte a carico del datore di lavoro. Le erogazioni liberali Si definiscono erogazioni liberali i versamenti effettuati a favore di organizzazioni non-profit e di istituzioni religiose, commerciali e non commerciali. Sono deducibili: 1)nel limite del 10% del reddito e comunque fino a 70 mila euro, quelli effettuati a favore di: A) Onlus; B)associazioni di promozione sociale; C)fondazioni e associazioni per la tutela dei beni storico-artistici e paesaggistici e per la ricerca scientifica; D)per le organizzazioni non governative (Ong) operanti nei Paesi in via di sviluppo è ammessa una deduzione aggiuntiva fino al 2% del reddito o, a scelta, una detrazione d'imposta del 19%; 2)fino a 1.032,91 euro, quelle a favore delle istituzioni religiose, Altre erogazioni liberali (partiti politici, ass. musicali, associazioni sportive ecc) sono invece detraibili dall'imposta dovuta, nella misura del 19%; Altri oneri deducibili Sono interamente deducibili dal reddito complessivo: 1)gli assegni periodici corrisposti al coniuge a seguito di separazione o divorzio ("alimenti"), esclusi però gli importi destinati al mantenimento dei figli; 2)le spese sostenute dai disabili per: prestazioni del medico generico; acquisto di medicinali; assistenza specifica; operatori dedicati all'assistenza diretta della persona; 3)il 50% delle le spese sostenute dai genitori adottivi di minori stranieri. Spese sanitarie Se tali spese superano, nell'anno, il limite di ,71 euro, è possibile ripartire la detrazione spettante in quattro quote annuali di pari importo. 12

13 Ogni spesa che si intende detrarre va documentata (con fattura, parcella, ricevuta quietanzata o scontrino). Sono detraibili al 19% anche le spese sanitarie sostenute per l'assistenza specifica da parte di terapisti, ad esempio, in conseguenza di traumi da incidente automobilistico. Mutui per l'acquisto della casa Sono detraibili al 19% gli interessi passivi ed oneri accessori derivanti da contratti di mutuo ipotecario per l'acquisto della casa. Per i mutui stipulati dal 1993 in poi, le detrazioni sono concesse solo per l'acquisto dell'abitazione principale. Canoni di affitto/contratti di locazione 1)Spese di affitto per la casa adibita a propria abitazione principale: detrazione complessiva di 300 euro, per redditi fino a ,71 euro, o di 150 euro, per redditi superiori a tale cifra, ma inferiori a ,41 euro. Per i giovani di età tra i 20 ed i 30 anni, la detrazione è di 991,60 euro; 2)Canoni di affitto con contratti di locazione a canone convenzionato: 495,80 euro, per redditi fino a ,71 euro, o 247,90 euro, per redditi tra ,71 e ,41 euro; 3)Canoni di affitto stipulati da lavoratori dipendenti che abbiano trasferito la propria residenza, per motivi di lavoro, in un comune ad almeno 100 chilometri di distanza dal precedente: 991,60 euro, per redditi fino a ,71 euro, o 495,80 euro, per redditi tra ,71 e ,41 euro; 4)Canoni di affitto stipulati dagli studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università ubicata in un comune diverso da quello di residenza: detrazione del 19 per cento, per un importo fino a euro. Altre detrazioni 1)Acquisti di frigoriferi e congelatori di classe energetica almeno At, effettuati fino al 31 dicembre 2010: detrazione d'imposta del 20 per cento, fino ad un valore massimo della detrazione di 200 euro per ciascun apparecchi. 2)Acquisto e installazione di motori ad elevata efficienza di potenza elettrica e di variatori di velocità (inverter): detrazione d'imposta del 20 per cento, fino ad un valore massimo di euro per apparecchio. Per quanto concerne le spese per l acquisto di mobili, elettrodomestici, TV e computer è prevista una detrazione in 5 rate (20%). La detrazione spetta solo per le spese sostenute nell anno 2009(dal 7 febbraio al 31 dicembre 2009) che vanno ripartite in cinque rate annuali. 13

14 L indicazione delle spese consente quindi di fruire della terza rata della detrazione. In questa colonna (RIGO E82) va riportato lo stesso importo che è stato indicato nella dichiarazione dei redditi presentata per l anno 2010 (colonna 4 del rigo E37 del mod. 730/2011 o colonna 4 del rigo RP45 del mod. UNICO PF/2011). Modalità di ripartizione delle spese per i figli Quando l'onere è sostenuto per i figli, la detrazione spetta al genitore al quale è intestata la ricevuta della spesa. Se il documento è intestato al figlio, le spese vanno suddivise di norma al 50 per cento tra i due genitori. Se si desidera una ripartizione diversa, la relativa percentuale va annotata sul documento comprovante la spesa. Se uno dei due coniugi è fiscalmente a carico dell'altro, quest'ultimo può sempre considerare l'intera spesa sostenuta. Riepilogo delle principali spese deducibili: CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI: è ammessa la deducibilità senza limiti di importo, anche in caso di contributi facoltativi. Per esempio sono deducibili anche i contributi versati per il riscatto della laurea, per il fondo casalinghe o per la ricongiunzione di periodi assicurativi. Anche per i familiari a carico. CONTRIBUTI PREVIDENZA COMPLEMENTARE: i contributi versati ad un fondo di previdenza integrativa o nell'ambito di un contratto di assicurazione sulla vita, sono deducibili fino all'importo massimo di 5.164,57 euro. Chi, per esempio, versa il proprio TFR o altri eventuali contributi ad un fondo pensione, nel momento in cui va a stipulare un'assicurazione sulla vita, dovrà valutare che probabilmente sta già utilizzando in gran parte questa agevolazione. EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DEL NO PROFIT: si possono dedurre spese pari al 10% del reddito e comunque non superiori a in caso di erogazioni a favore di ONLUS e associazioni di promozione sociale iscritte al registro nazionale o fondazioni aventi come scopo la ricerca scientifica o la promozione di beni storici, artistici e culturali. EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE ISTITUZIONI RELIGIOSE: oltre alla Chiesa cattolica italiana, sono comprese la Chiesa Valdese, l'unione Chiese avventiste, Chiesa Evangelica Battista, Chiesa Evangelica Luterana e Unione Comunità Ebraiche Italiane. E' deducibile la somma massima di 1.032,91 per ciascuna erogazione. EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI UNIVERSITA' ED ENTI DI RICERCA: sono compresi anche gli enti parco nazionali e regionali. ASSEGNI CORRISPOSTI AL CONIUGE SEPARATO: Gli assegni periodici corrisposti al coniuge, ad esclusione di quelli destinati al mantenimento dei figli, in conseguenza di separazione legale ed effettiva, di scioglimento o annullamento del matrimonio o di cessazione dei suoi effetti civili, nella misura in cui risultano da provvedimenti dell'autorità giudiziaria. Dpr 917/86, articolo 10, comma 1, lettera c). 14

15 Per poter scaricare tale spesa è necessaria la copia del bonifico, dell'assegno bancario o circolare o, in caso di pagamento in contanti, la dichiarazione del coniuge di avvenuto pagamento (NON BASTA QUINDI LA SOLA SENTENZA). Dalla data della sentenza l'assegno di mantenimento costituisce reddito per la "mogliebeneficiaria" e, quindi, va dichiarato. SPESE SANITARIE E MEZZI D'AUSILIO PER DIVERSAMENTE ABILI: sono comprese le spese modiche generiche e anche le prestazioni di personale paramedico in possesso di qualifica specialisti, ad es. gli infermieri specializzati. Come si documentano le spese La documentazione delle spese deducibili (e detraibili) è generalmente costituita dalle fatture, ricevute o quietanze rilasciate al contribuente da chi ha percepito le somme, con indicazione del suo codice fiscale o numero di partita Iva. Il contribuente non deve allegare alla dichiarazione alcuna documentazione, che va però conservata in originale per tutto il periodo durante il quale l'agenzia delle Entrate ha la possibilità di richiederla. I documenti relativi alla dichiarazione 2012, per i redditi 2011, vanno conservati fino al 31 dicembre 2016 termine entro il quale l amministrazione fiscale può richiederli. Guida sintetica alla compilazione del 730/2012 Accedendo al portale https://stipendipa.tesoro.it/cedolino/portal > servizi disponibili > 730 web si può procedere alla compilazione della dichiarazione. Con tale procedura il primo notevole vantaggio è che sono già impostati tutti i dati anagrafici, i dati stipendiali presenti nel CUD inviato da SPT. Il programma consente di lavorare alla compilazione, di non inviarla finché non si è certi di averla ultimata correttamente e tramite le funzioni in alto sul cruscotto di Modificare > Eliminare > Stampare > Inviare. Si opera in compila 730 e successivamente in compila 730/1 ed invia 730/1. Inserire il flag accanto alla tipologia della dichiarazione : Singola, Congiunta, Tutore. Gli altri dati riguardanti contribuente e sostituto d imposta sono già impostati. Si seleziona sul lato sinistro dello schermo la voce Frontespizio- quadro A-modello1 e si inseriscono i dati relativi allo stato civile residenza anagrafica domicilio fiscale (seguendo le chiamate); Si indica, poi, il codice fiscale del coniuge, anche se non a carico(rigo 1) ed eventualmente dei figli con gli altri dati richiesti (mesi a carico/percentuale/minori di 3 anni); Si compila, se posseduti, il quadro relativo al reddito dei terreni. 15

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2014) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/2014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO Dal 2015 l Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il modello 730 parzialmente precompilato; conterrà infatti i dati del reddito da lavoro

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE ENTRATE DIR.CENTRALE: AFFARI GIURIDICI E CONTENZ. TRIBUTARIO Circolare del 12/05/2000 n. 95 Oggetto: Videoconferenza modello 730/2000. Risposte a quesiti vari.

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli