Avviso pubblico. Vice Direzione Generale Servizi Tecnici Divisione Edilizia Residenziale Pubblica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avviso pubblico. Vice Direzione Generale Servizi Tecnici Divisione Edilizia Residenziale Pubblica"

Transcript

1 Vice Direzione Generale Servizi Tecnici Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Avviso pubblico per la selezione di Operatori privati partecipanti alle manifestazioni d interesse riguardanti le aree/immobili compresi negli ambiti di cui allo Studio di Fattibilità Zona Barca e nel Programma Integrato Alenia PREMESSA Il Piano Nazionale di Edilizia Abitativa (Pnea) prevede un sistema integrato di fondi di recente istituzione e determina la nascita dell Edilizia Privata Sociale, la versione italiana del Social Housing. L Edilizia Privata Sociale (EPS), nelle intenzioni del Legislatore, è intesa come ambito innovativo che presuppone lo sviluppo di progetti di interesse generale diretti a categorie socialmente sensibili mediante una metodologia di attuazione propria del mercato immobiliare privato. Il Pnea (previsto dall art. 11 della legge 6 agosto 2008, n. 133; attuato con dpcm del 16 luglio 2009), meglio noto come Piano Casa, si rivolge all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di alloggi per i nuclei famigliari a basso reddito, le giovani coppie, gli anziani in condizioni svantaggiate, gli studenti fuori sede, i soggetti sottoposti a procedura esecutiva di sfratto, gli immigrati regolari a basso reddito residenti da almeno 10 anni sul territorio nazionale ovvero da almeno 5 anni nella medesima Regione. Il Pnea si articola in sei linee di intervento. La prima prevede la costituzione del Sistema Integrato dei Fondi (Sif), le altre quattro articolano forme di intervento più tradizionali, mentre la sesta riguarda gli interventi di competenza degli ex Iacp, comunque denominati, o dei Comune già ricompresi nel Programma Straordinario di edilizia residenziale pubblica, approvato con decreto del Ministro delle Infrastrutture in data 18 dicembre Si tratta della norma fortemente voluta dalla regioni e dall Anci volta a recuperare in parte i 550 milioni di euro stanziati dal precedente Governo. Nel novembre 2009 Il Ministero delle Infrastrutture, in attuazione della misura, ha ripartito alle regioni 198 milioni per interventi di edilizia residenziale pubblica. Altre misure riguardano l incremento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, la promozione finanziaria, anche a iniziativa di privati, le agevolazioni a cooperative edilizie. Per queste 3 misure l articolo 4 del Pnea prevede la predisposizione di accordi di programma tra Stato e Regioni e, nel maggio scorso, il Ministero delle Infrastrutture ha stanziato complessivamente alle Regioni 378 milioni. In totale il finanziamento del Pnea ammonta quindi a 576 milioni per la realizzazione di circa alloggi, in buona parte localizzati in interventi di recupero. La quinta misura infine prevede i programmi integrati di promozione di edilizia residenziale anche sociale. Il sistema integrato dei fondi in particolare si riferisce alla costituzione in sede nazionale e locale di fondi immobiliari per l acquisizione e la realizzazione di immobili per l edilizia residenziale ovvero la promozione di strumenti finanziari immobiliari innovativi, con la partecipazione di soggetti pubblici e/o privati, per la valorizzazione e l incremento dell offerta abitativa in locazione.

2 Motore finanziario del Piano è la Cassa Depositi e Prestiti in collaborazione con altri investitori istituzionali, soprattutto Fondazioni bancarie ed operatori di mercato. Nelle intenzioni si tratta di costruire un mercato della casa intermedio tra l intervento tutto pubblico e quello tutto di mercato: è il mercato della casa a costo accessibile, prevalentemente in affitto. Lo stato di attuazione del Pnea pone ora ai Comuni, agli investitori, alle associazioni ed alle rappresentanze del territorio l impegno di progettare interventi capaci di cogliere l opportunità dell edilizia privata sociale. Il Comune di Torino intende cogliere questa occasione per promuovere due programmi complessi localizzati sull area Barca, già oggetto dello studio di fattibilità finanziato dalla Regione, e all interno del Piano Integrato Alenia, in questa direzione l attuazione regionale del Pnea rappresenta la naturale collocazione delle iniziative rivolte anche al Fondo di investimento locale. Con Deliberazione della Giunta regionale n del 2 agosto 2010 è stato approvato l Avviso pubblico per la raccolta di manifestazioni d'interesse, da parte di operatori pubblici e privati,in relazione al Piano nazionale di edilizia abitativa, ex D.P.C.M. del 16 luglio 2009, che prevede ulteriori finanziamenti pubblici al fine di incrementare l offerta di abitazioni in locazione a canone sostenibile, la dotazione di servizi e infrastrutture di quartieri degradati, la trasformazione di aree produttive dismesse, la ricucitura di aree periferiche ed essere situate in comuni a forte disagio abitativo. Tali manifestazioni d interesse devono essere prioritariamente finalizzate ad incrementare l offerta di abitazioni in locazione a canone sociale o concordato (Edilizia Residenziale Sociale ed Edilizia residenziale Convenzionata), compresa la locazione non inferiore a 10 anni con patto di promessa di vendita, a migliorare la dotazione infrastrutturale e dei servizi al fine di raggiungere elevati livelli di vivibilità, sostenibilità ambientale e sicurezza. La suddetta deliberazione regionale ha approvato sia l Avviso Pubblico (allegato A) sia il Modello di manifestazione d interesse (allegato B), nei quali sono specificati i requisiti oggettivi dell intervento ed i requisiti soggettivi degli Operatori privati partecipanti. La relativa documentazione è disponibile sul sito Internet della Regione Piemonte all indirizzo: In linea con gli obbiettivi del Piano nazionale e della summenzionata deliberazione regionale l Amministrazione Comunale, con deliberazione della Giunta Comunale in data 28 settembre 2010 n. mecc /104, dichiarata immediatamente eseguibile, ha individuato due ambiti cittadini, nei quali sono localizzati immobili/aree di proprietà o nella disponibilità della Città, che possiedono le caratteristiche richieste dal Piano medesimo e per i quali è prioritario intervenire ai fini della loro riqualificazione. Tali ambiti sono quelli localizzati nell area Barca, di cui alla deliberazione della Giunta Comunale in data 27 gennaio 2009, n. mecc /070, e nel Programma Integrato Alenia, di cui alla deliberazione della Giunta Comunale in data 12 aprile 2010 (mecc /009), che si richiamano. Sono allegati al presente Avviso le planimetrie che illustrano gli ambiti summenzionati, copia delle manifestazioni d interesse e relazioni descrittive allegate alla deliberazione della Giunta Comunale del 28 settembre 2010 sopra menzionata. Secondo quanto stabilito nell Avviso Pubblico della Regione Piemonte, le manifestazioni di interesse devono pervenire al Comune, pena l irricevibilità, entro le ore del 30 settembre Il Comune sul quale ricade l area oggetto di intervento deve esprimere con idoneo atto amministrativo il proprio assenso sul contenuto della manifestazione d interesse presentata assumendo nel contempo la formale perimetrazione dell area medesima. Il provvedimento comunale, pena l irricevibilità della manifestazione d interesse, dovrà pervenire al Settore Programmazione e attuazione interventi di edilizia sociale della Regione Piemonte entro il giorno 22 ottobre 2010 La Regione Piemonte, con nota in data 13 settembre 2010 prot. N. 209, ha comunicato che possono essere presentate dal Comune manifestazioni riferite ad aree di proprietà comunale per le quali il soggetto privato non è ancora stato identificato a condizione che:

3 a) siano individuati catastalmente e planimetricamente i lotti sui quali andranno a ricadere gli interventi per i quali sono richiesti i contributi di edilizia agevolata e i lotti destinati all edilizia privata e quelli riferiti ad altre destinazioni d uso di supporto alla residenza; b) sia puntualmente definita la quota di edilizia agevolata in locazione per almeno 25 anni e quella in locazione per almeno 10 anni con patto di promessa di vendita attraverso la compilazione in tutte le sue parti dei pertinenti quadri riepilogativi dei costi complessivi di intervento (pagina 13 di 14 del modello di domanda); qualora per gli interventi di edilizia agevolata sia prevista la scelta di più attuatori privati dovranno essere compilati quadri separati oltre che per tipologia di finanziamento (al 50% per la locazione permanente ovvero al 30% per gli alloggi con patto di futura vendita) anche per singolo futuro operatore; c) sia stata indetta la procedura ad evidenza pubblica per la selezione del soggetto/soggetti privati inserendo a bando le medesime caratteristiche descritte nella manifestazione di interesse. Il rispetto delle condizioni di cui sopra consente alla Regione di procedere, nel rispetto dei criteri di imparzialità e trasparenza, alla selezione degli interventi ed alla definizione precisa del contributo eventualmente concedibile a ciascun operatore sia pubblico che privato. DOMANDE DI PARTECIPAZIONE Le domande devono essere redatte sul Modulo regionale, costituente l Allegato B alla delibera della Giunta Regionale n del 2 agosto 2010, e compilate per quanto di competenza del soggetto privato partecipante al fine del completamento della manifestazione d interesse, in osservanza di quanto stabilito dall Avviso pubblico, costituente l Allegato A alla medesima deliberazione, nonché dai punti a), b) e c) della nota regionale in data 13 settembre 2010 prot. N. 209, riportati nella Premessa del presente Avviso. Le domande devono rispettare tutti i requisiti e le condizioni indicati nell Avviso Pubblico allegato alla Deliberazione della Giunta regionale n del 2 agosto 2010, che si richiamano integralmente, con particolare riferimento all articolo 3. Alle domande devono essere allegate la dichiarazione, richiesta dall Avviso Pubblico regionale, con la quale i soggetti partecipanti devono esprimere il proprio assenso all iniziativa di cui trattasi nonché fotocopia del documento di identità del sottoscrittore; la partecipazione al presente Avviso comporta l accettazione da parte del soggetto privato di tutte le condizioni in esso contenute o richiamate. N.B. Nelle domande di partecipazione, redatte sul Modello regionale, nelle Note esplicative, alla voce altro devono essere specificati gli allegati alle domande medesime, atti a documentare il contenuto delle dichiarazioni in relazione ai criteri di cui ai successivi punti a), b), c), d) ed e); tali dichiarazioni dovranno essere formulate ai sensi degli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000. La presente procedura di evidenza pubblica è subordinata all accettazione da parte della Regione Piemonte delle manifestazioni d interesse relative alle aree summenzionate. SELEZIONE DELLE DOMANDE L Amministrazione Comunale, tra più domande di partecipazione riferite allo stesso ambito oggetto del presente Avviso, sceglierà il soggetto privato sulla base dei seguenti criteri: numero di alloggi di Edilizia Residenziale assistiti da contributi pubblici realizzati e gestiti in locazione alla data del Bando comunale (massimo 10 punti) : a) fino a 50 alloggi punti 5

4 da 51 a 100 alloggi punti 7 oltre 100 alloggi punti 10 b) qualificazione soggettiva del raggruppamento consortile (partecipazione al Bando da parte del soggetto richiedente in associazione con operatori del settore commerciale operanti (punteggi cumulabili) (massimo 10 punti): - a livello locale punti 6 - a livello sovralocale (urbano, regionale, nazionale) punti 4 c) risparmio energetico proposto dal soggetto partecipante (punteggi cumulabili) (massimo 10 punti): c1) produzione di energia da Fonti Rinnovabili (sistemi di cogenerazione: fotovoltaico, eolico, combustione di residui vegetali); punti 3 c2) uso di Tecnologie Solari passive ed edilizia bioclimatica (l energia prodotta da combustibili tradizionali deve essere solo di integrazione all energia prodotta dai sistemi passivi e/o attivi di sfruttamento dell energia solare); punti 3 c3) installazione di Sistemi di Illuminazione ad alto rendimento (il risparmio energetico cui riferirsi per il calcolo dell indice di convenienza è dato dalla differenza tra l energia che si ipotizza consumata in un impianto tradizionale, riferito alla proposta di intervento e l energia consumata dal nuovo impianto ad alta efficienza); punti 2 c4) riscaldamento mediante l uso di pavimenti radianti a basse temperature; punti 2 d) offerta per gli interventi oggetto del presente Avviso di canoni di locazione, relativamente agli alloggi in locazione per 10 o 25 anni, di canoni ai livelli minimi previsti dalla Legge 431/1998, art. 2, comma 3 (canoni convenzionali sulla base di quanto stabilito in appositi accordi definiti in sede locale fra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni dei conduttori maggiormente rappresentative) e) miglior capacità di gestione solidale degli alloggi in collaborazione con soggetti del III settore fino a punti 10 La Civica Amministrazione si riserva la facoltà di richiedere ai soggetti partecipanti integrazioni o chiarimenti in ordine al contenuto delle domande di partecipazione. Domande incomplete e/o prive in tutto in parte degli allegati prescritti saranno considerate irricevibili. La scelta del soggetto privato costituirà oggetto di successivo apposito provvedimento. Il Foro di Torino sarà competente per ogni eventuale controversia relativa agli effetti del presente avviso pubblico. Verrà costituita una commissione formata da dirigenti e funzionari del Comune di Torino, eventualmente integrata da esperti dei diversi Settori interessati: urbanistica ed edilizia privata, commercio, urbanizzazioni, patrimonio, verde pubblico,

5 Alla commissione è riservata la facoltà di escludere con giudizio motivato ed insindacabile le eventuali soluzioni progettuali proposte che non rispondano ai requisiti di qualità architettonica e di inserimento ambientale del complesso previsti dalle manifestazioni d interesse. In caso di parità di punteggio totale tra più proponenti, sarà data priorità a chi fornisce maggiori garanzie, rispetto agli utenti finali dell'intervento (in termini di mix sociale e funzioni commerciali), e rispetto all'attuazione. La commissione procederà all aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida e valutata positivamente. MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Le domande, contenenti i dati e gli allegati richiesti dall Avviso Pubblico regionale e dal presente Avviso, debitamente sottoscritte e corredate dalla fotocopia del documento di identità del sottoscrittore ( ai sensi dell'art.38, comma 3 del D.P.R , n.445), dovranno pervenire, anche consegnate a mano, presso la segreteria della Divisione Edilizia Residenziale Pubblica al seguente indirizzo: Città di Torino Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Via Corte d Appello, Torino tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle ore 12,00, e comunque entro e non oltre le ore 12,00 del 31 marzo Gli uffici competenti dell Amministrazione Comunale provvederanno all'istruttoria tecnica ed amministrativa delle domande pervenute nel termine sopra indicato; la selezione delle offerte ammesse avverrà ad insindacabile giudizio della Commissione e sarà adottata con apposito successivo provvedimento. Trattamento dei dati personali Ai sensi dell articolo 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) i dati personali, forniti o comunque acquisiti in occasione del presente avviso pubblico, saranno trattati esclusivamente in funzione e per i fini dell avviso medesimo e saranno conservati presso le sedi competenti del Comune di Torino e della Regione Piemonte. Il trattamento dei dati personali viene eseguito sia in modalità automatizzata sia cartacea. Il conferimento dei dati è obbligatorio per la valutazione dei requisiti di partecipazione alla selezione e la loro mancata indicazione comporta l esclusione dalla selezione stessa. In relazione ai suddetti dati, l interessato può esercitare i diritti di cui all articolo 7 del d.lgs. 196/2003. La richiesta va rivolta al Comune di Torino, Divisione Edilizia Residenziale Pubblica, Via Corte d Appello 10, a cui è stata trasmessa l offerta di vendita. Torino, 29 settembre 2010 Il Direttore della Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Arch. Giovanni MAGNANO

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIA AVVISO PUBBLICO PER ACQUISTO DI ALLOGGI IMMEDIATAMENTE DISPONIBILI. L AMMINISTRAZIONE COMUNALE di VITTORIA RENDE NOTO

CITTÀ DI VITTORIA AVVISO PUBBLICO PER ACQUISTO DI ALLOGGI IMMEDIATAMENTE DISPONIBILI. L AMMINISTRAZIONE COMUNALE di VITTORIA RENDE NOTO CITTÀ DI VITTORIA AVVISO PUBBLICO PER ACQUISTO DI ALLOGGI IMMEDIATAMENTE DISPONIBILI L AMMINISTRAZIONE COMUNALE di VITTORIA RENDE NOTO Che sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, parte I, n.

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Art. 1 Finanziamento degli interventi di ERS nell ambito di programmi di riqualificazione urbana

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 1 agosto 2014

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 1 agosto 2014 Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 03604/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti MP 1/C CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Servizio Edilizia Residenziale BANDO PUBBLICO

Servizio Edilizia Residenziale BANDO PUBBLICO ALLEGATO 1 alla determinazione DS. N. 41899 REP. N. 2478 DEL 02.12.2013 Servizio Edilizia Residenziale BANDO PUBBLICO PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DI AMBITI CARATTERIZZATI DALLA PRESENZA

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Brancaccio febbraio 2011 Il contesto di riferimento Con

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE VISTO il Decreto n. 4114 del 25 luglio 2005 con il quale il Dirigente della Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFIORITO

COMUNE DI CAMPOFIORITO COMUNE DI CAMPOFIORITO PROVINCIA DI PALERMO ****************** BANDO GENERALE DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI POPOLARI COSTRUITI NEL COMUNE DI CAMPOFIORITO In esecuzione della deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO per l individuazione dei soggetti aventi accesso e priorità per l acquisto o la locazione degli immobili di edilizia convenzionata. Artt. 17 e 18 del D.P.R.

Dettagli

Fondo Investimenti per l Abitare

Fondo Investimenti per l Abitare Fondo Investimenti per l Abitare Stato di avanzamento Incontro DSC Roma, 18 gennaio 2014 Fondo Investimenti per l Abitare (FIA) Il FIA è stato istituto per realizzare interventi di Edilizia Privata Sociale

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 INTERVENTO DI RECUPERO FINALIZZATO ALL ABITAZIONE DEL RICHIEDENTE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 INTERVENTO DI RECUPERO FINALIZZATO ALL ABITAZIONE DEL RICHIEDENTE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 9 Mod. C Lavori pubblici, edilizia residenziale, politica della casa, autorità di bacino U.O.A. Politica della Casa, Edilizia Residenziale Pubblica, Riqualificazione e Recupero

Dettagli

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI

INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL. 1 AL DECRETO N..DEL INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL'ATTIVAZIONE DEL PERCORSO VOLTO ALLA DEFINIZIONE DEGLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI Supplemento al Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 17 del 26.4.2006 CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI Vista la deliberazione n. 51 del 26.5.2004 con la quale il Consiglio regionale ha approvato il programma

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA AVVISO

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA AVVISO AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA AVVISO AL PUBBLICO PER LA LOCAZIONE DI UNITA IMMOBILIARI AD USO ABITATIVO L ATER, con il presente Avviso, intende assegnare in

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO AVVISO PUBBLICO COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO AVVISO PUBBLICO Il Sindaco rende noto che: A seguito della pubblicazione del Decreto n. 4363 del 15/08/2010 Del. C.R. 29/07/2009 n. 43 Misure straordinarie, urgenti e sperimentali,

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI SETTORE ENERGIA, TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA E DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO E ACUSTICO Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

I Comuni Associati di Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci

I Comuni Associati di Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

PREMESSA. www.housingsocialefvg.it 1

PREMESSA. www.housingsocialefvg.it 1 AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE Alloggi in locazione nel sito AbitaPordenone Non solo una casa Viale Grigoletti 92-94/A - Pordenone PREMESSA Il Fondo Immobiliare Finint Abitare Fvg

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Roma, 12 marzo 2014 1 miliardo e 741 milioni per Sostegno all affitto a canone concordato

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI

BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI BANDO DI SELEZIONE IDEE IMPREDITORIALI REALIZZATO NELL'AMBITO DEL PIANO LOCALE DELL IMMIGRAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI RIVOLTI AI SETTORI SOCIO-OCCUPAZIONALE, INFORMATIVO E INTERCULTURALE

Dettagli

WELHOME! MOLINI RIUNITI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO

WELHOME! MOLINI RIUNITI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO WELHOME! MOLINI RIUNITI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO A COLOGNOLA (BG) 0. PREMESSA Il

Dettagli

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO E CON PATTO DI

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA Comune di Cinisello Balsamo

REGIONE LOMBARDIA Comune di Cinisello Balsamo REGIONE LOMBARDIA Comune di Cinisello Balsamo BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI per la formazione della graduatoria valevole ai fini dell assegnazione in locazione a canone concordato di n. 7 alloggi. 1. Indizione

Dettagli

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, GESTIONE INTEGRATA DEI BACINI IDROGRAFICI, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA Allegato 1 Servizio Edilizia Residenziale Via Salaria Antica

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

Comune di San Lorenzo in Campo

Comune di San Lorenzo in Campo Comune di San Lorenzo in Campo BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO PER L ANNO 2015 LEGGE 431/1998 Art. 11 IL RESPONSABILE SERVIZI SOCIALI Rende noto VISTA la Legge 9 dicembre 1998 n. 431,

Dettagli

ALLEGATO B DGR nr. 1110 del 18 agosto 2015

ALLEGATO B DGR nr. 1110 del 18 agosto 2015 pag. 1 di 6 AVVISO PER L ALIENAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA DESTINATI ALLA LOCAZIONE PERMANENTE LA GIUNTA REGIONALE RENDE NOTO CHE Con deliberazione n. 118 del 19 settembre 2012,

Dettagli

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E.

Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. Allegato 2 Avviso per l individuazione degli alloggi sfitti di edilizia residenziale pubblica da recuperare gestiti dalle A.R.T.E. 1. Premesse In attuazione del Piano nazionale di edilizia abitativa di

Dettagli

Determina Governo del territorio - Urbanistica/0000003 del 09/01/2015

Determina Governo del territorio - Urbanistica/0000003 del 09/01/2015 Comune di Novara Determina Governo del territorio - Urbanistica/0000003 del 09/01/2015 Area / Servizio Urbanistica ed Edilizia Privata (09.UdO) Proposta Istruttoria Unità Urbanistica ed Edilizia Privata

Dettagli

AVVISO DI LOCAZIONE. FONDAZIONE CASA AMICA i n c o l l a b o r a z i o n e c o n COMUNE DI BERGAMO

AVVISO DI LOCAZIONE. FONDAZIONE CASA AMICA i n c o l l a b o r a z i o n e c o n COMUNE DI BERGAMO AVVISO DI LOCAZIONE FONDAZIONE CASA AMICA i n c o l l a b o r a z i o n e c o n COMUNE DI BERGAMO RACCOLTA DELLE DOMANDE PER LA LOCAZIONE DI N. 10 UNITA ABITATIVE (BILOCALI) DI NUOVA COSTRUZIONE O CHE

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione ALLEGATO 3 Ministero delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti S.p.A. SCHEMA Convenzione per la gestione delle risorse destinate al finanziamento del Programma Straordinario di Edilizia Residenziale

Dettagli

QUOTA STANZIATA 10.000,00

QUOTA STANZIATA 10.000,00 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LA RIMOZIONE E LO SMALTIMENTO DI LASTRE IN CEMENTO AMIANTO IN FABBRICATI ED EDIFICI AD USO RESIDENZIALE E PERTINENZE QUOTA STANZIATA

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al contributo per l'integrazione dei canoni di locazione per l'anno 2015

OGGETTO: Domanda di ammissione al contributo per l'integrazione dei canoni di locazione per l'anno 2015 Al Comune di Larciano Piazza Vittorio Veneto, 15 51036 Larciano Allegato B OGGETTO: Domanda di ammissione al contributo per l'integrazione dei canoni di locazione per l'anno 2015 Il/La sottoscritt, nat_

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore

REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO. Art. 1 Soggetto attuatore REGOLAMENTO ATTUATIVO AGENZIA PER L AFFITTO Art. 1 Soggetto attuatore Soggetto attuatore del progetto, è Casa e Provincia Spa, che metterà a disposizione le proprie competenze acquisite nello svolgimento

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO MODIFICA AL PROGRAMMA DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE AI SENSI ART. 51 L. 865/71 AREA EX-CASERMETTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 94 DEL 18/12/2009 RELAZIONE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA OGGETTO: Criteri per la ripartizione del Fondo per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione di cui all art. 11, L. 431/98. Anno 2006. Approvazione Bando. LA GIUNTA COMUNALE Su proposta dell

Dettagli

Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie.

Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie. Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie. 1. Premesse In attuazione del Piano Nazionale di edilizia abitativa di cui al D.P.C.M. 16

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

OGGETTO: LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche della Casa; VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

OGGETTO: LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche della Casa; VISTO lo Statuto della Regione Lazio; OGGETTO: Direttive per l attuazione dei programmi da realizzare da parte delle Associazioni e Cooperative ONLUS, Fondazioni, Congregazioni non assimilabili alle cooperative edilizie ai sensi dell art.

Dettagli

Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI

Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI Unità Organizzativa Casa Struttura Programmi per l edilizia residenziale pubblica Programma regionale AUTOCOSTRUZIONE ASSOCIATA IN AFFITTO: NUOVE SPERIMENTAZIONI Ancitel Lombardia- Risorse Comuni Milano,

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della provincia di Cremona Approvato con D.C.P. n. 165 del 17.12.2008

Dettagli

DOMANDA PER LA PRESENTAZIONE DI PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE O INTERAZIENDALE (PSA)

DOMANDA PER LA PRESENTAZIONE DI PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE O INTERAZIENDALE (PSA) COMUNE DI NONANTOLA Provincia di Modena Via Marconi n. 11-41015 NONANTOLA (MO) Tel. 059/896511 Fax 059/896590 C.F. 00237070362 - P.I. 00176690360 Protocollo PRATICA EDILIZIA N. Marca da bollo 16,00 Al

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

Comune di Ponte dell Olio

Comune di Ponte dell Olio Comune di Ponte dell Olio AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIARIA PUBBLICA. Prot. n. 10300 del 26/10/2010 (L.R. 24/01 Regolamento comunale

Dettagli

Aggiornamento dei limiti di reddito per l'anno 2014 degli assegnatari e degli acquirenti di alloggi di edilizia residenziale pubblica sociale.

Aggiornamento dei limiti di reddito per l'anno 2014 degli assegnatari e degli acquirenti di alloggi di edilizia residenziale pubblica sociale. REGIONE PIEMONTE BU4 23/01/2014 Codice DB0803 D.D. 20 dicembre 2013, n. 676 Aggiornamento dei limiti di reddito per l'anno 2014 degli assegnatari e degli acquirenti di alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

Avviso pubblico per il reperimento di alloggi pubblici e privati

Avviso pubblico per il reperimento di alloggi pubblici e privati Regione Puglia http://asia.provincia.brindisi.it Provincia di Brindisi Servizi Sociali Avviso pubblico per il reperimento di alloggi pubblici e privati in esecuzione del progetto denominato "Puglia aperta

Dettagli

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese

C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese C O M U N E D I T R A D A T E Provincia di Varese SERVIZI SOCIALI n. 119 del 29.07.2015 Oggetto: approvazione bando pubblico per l erogazione di contributi agli inquilini morosi incolpevoli, titolari di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10

Dettagli

COMUNE DI SORA SETTORE II - SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI SORA SETTORE II - SERVIZI SOCIALI COMUNE DI SORA SETTORE II - SERVIZI SOCIALI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI AI CONDUTTORI MENO ABBIENTI - ANNUALITA 2015. (CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2014) VISTA la Legge 9 dicembre

Dettagli

Da completare e trasmettere firmata digitalmente o elettronicamente alla casella PEC attivitaproduttive@pec.regione.lombardia.it

Da completare e trasmettere firmata digitalmente o elettronicamente alla casella PEC attivitaproduttive@pec.regione.lombardia.it Allegato 1A al Decreto n. del.. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE IDEE PROGETTUALI PRELIMINARI ALL'ATTIVAZIONE DEL PERCORSO VOLTO ALLA DEFINIZIONE DEGLI ACCORDI PER LA COMPETITIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971811 fax 0536/971002

COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971811 fax 0536/971002 COMUNE DI FRASSINORO - PROVINCIA DI MODENA Piazza Miani 16-41044 Frassinoro tel. 0536/971811 fax 0536/971002 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI AFFITTO PER LE GIOVANI

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

Fondo Housing Toscano

Fondo Housing Toscano Fondo Housing Toscano HOUSING SOCIALE_ Definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per

Dettagli

23 maggio 2016, alle ore 12

23 maggio 2016, alle ore 12 CITTA' DI TORINO AVVISO PUBBLICO E BANDO DI SELEZIONE PER PROGETTI RELATIVI A MANIFESTAZIONI CITTADINE SU SUOLO PUBBLICO NEL PERIODO ESTIVO 2016 (C.D. PUNTI VERDI ) NELLE CIRCOSCRIZIONI TORINESI Al fine

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1, LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO salvaguardie e garanzie a favore di 100 giovani che intendono acquistare un alloggio attraverso l accensione di un mutuo

AVVISO PUBBLICO salvaguardie e garanzie a favore di 100 giovani che intendono acquistare un alloggio attraverso l accensione di un mutuo Divisione Edilizia Residenziale Pubblica Settore Convenzioni e Contratti Via Corte d Appello 10 10122 TORINO Tel 011 4424213-4424338 AVVISO PUBBLICO salvaguardie e garanzie a favore di 100 giovani che

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE AREA GESTIONE DEL TERRITORIO

UFFICIO TECNICO COMUNALE AREA GESTIONE DEL TERRITORIO COMUNE DI URGNANO Via Cesare Battisti n. 74-24059 - Provincia di Bergamo C.F. n. 80025650161 Partita Iva 00655260164 UFFICIO TECNICO COMUNALE AREA GESTIONE DEL TERRITORIO Responsabile del Servizio: Geom.

Dettagli

COMUNE DI SORA SETTORE II - SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI SORA SETTORE II - SERVIZI SOCIALI COMUNE DI SORA SETTORE II - SERVIZI SOCIALI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI AI CONDUTTORI MENO ABBIENTI - ANNUALITA 2014. (CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2013) VISTA la Legge 9 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE

COMUNE DI CESANO BOSCONE CENTRO COSTRUZIONI CASE S.a.s. COMUNE DI CESANO BOSCONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN VENDITA A PREZZO CONVENZIONATO NUOVI INTERVENTI RESIDENZIALI PIANI ATTUATIVI VIA VESPUCCI/SALVO D ACQUISTO

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

DGR 5 febbraio 2010, n. 74

DGR 5 febbraio 2010, n. 74 DGR 5 febbraio 2010, n. 74 OGGETTO: Attuazione art. 14 Lr 11 agosto 2009, n. 21 - Misure a sostegno dei soggetti che hanno contratto o contrarranno mutui per l acquisto, costruzione e recupero o autorecupero

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

ALLEGATO A Atto di indirizzo

ALLEGATO A Atto di indirizzo ALLEGATO A Atto di indirizzo Programma di finanziamento degli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo degli immobili destinati ad asilo nido e/o micro-nido comunali

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO 89010 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Via Umberto I - Tel. 0966 81005 - Fax 0966 81729

COMUNE DI VARAPODIO 89010 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Via Umberto I - Tel. 0966 81005 - Fax 0966 81729 COMUNE DI VARAPODIO 89010 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Via Umberto I - Tel. 0966 81005 - Fax 0966 81729 SETTORE TECNICO Prot. N 2661 del 01/06/2010 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE IN PROPRIETA DI LOTTI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Legge 1982082 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Provvidenze regionali per l' edilizia abitativa: agevolazioni finanziarie a cooperative edilizie per la costruzione di

Dettagli

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE

DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE Avviso pubblico per la presentazione di proposte per la realizzazione di alloggi da concedere in locazione ai sensi della Deliberazione Consiglio Regionale Toscana n. 51/2004,

Dettagli

SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA

SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA CHIARIMENTI E RISPOSTE AI QUESITI Aggiornamento al 23.07.2013 Quesito N. 1 A pag. 19 del Disciplinare è scritto max.

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI MONOPARENTALI

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI MONOPARENTALI Allegato A) BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA A FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI MONOPARENTALI DIREZIONE PROGRAMMAZIONE INNOVAZIONE E COMPETITIVITA DELL UMBRIA SERVIZIO POLITICHE

Dettagli

Fondazione Megamark. Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2015

Fondazione Megamark. Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2015 Fondazione Megamark Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2015 IV EDIZIONE 1. Premessa Il Gruppo Megamark di Trani, azienda leader

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

- Fondazione Megamark - Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2012

- Fondazione Megamark - Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2012 - Fondazione Megamark - Orizzonti solidali - Bando di concorso finalizzato a sostenere iniziative di responsabilità sociale in Puglia nel 2012 1. Premessa Il Gruppo Megamark di Trani, azienda leader nel

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - =====================================================================

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04619/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04619/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 04619/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014

Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 Comune di Venzone Provincia di Udine Piazza Municipio, n 1 Prot. n 2196 Venzone, 20.03.2014 AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE, BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA

Dettagli

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013

L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 RISERVATO E CONFIDENZIALE L esperienza di Fondazione Housing Sociale MIlano, 29 novembre 2013 Fondazione Housing Sociale nasce per rispondere a un bisogno La Fondazione Housing Sociale ( FHS o la Fondazione

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli