NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA"

Transcript

1 Comune di Piacenza UNITÀ DI PROGETTO GRANDI PROGETTI NUOVA PISCINA OLIMPICA COPERTA RELAZIONE DESCRITTIVA Piacenza, luglio 2010 IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO (arch. Taziano Giannessi)

2 Unità di Progetto Grandi Progetti Premessa La soluzione progettuale elaborata, sviluppa e in parte modifica, i contenuti del progetto preliminare approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 16 del Il nuovo complesso natatorio nasce dalla volontà di colmare una lacuna in termini di disponibilità di spazi acqua della città di Piacenza e del suo territorio offrendo una struttura nella quale possano essere ospitate sia le attività corsuali - didattiche sia le quelle agonistiche. I principali requisiti richiesti alla progettazione della struttura sono: - l approfondimento degli aspetti impiantistici nella direzione della sostenibilità ambientale. L obiettivo principale è infatti il perseguimento del miglior risultato con il minor dispendio non solo di risorse economiche ma soprattutto di risorse ambientali. - Un elevato livello di flessibilità d uso. La struttura deve essere adeguata per l accoglimento di una vasta gamma di attività legate all utilizzo dell acqua e per diverse categorie di utenti: ovvero dall avviamento al nuoto dei più piccoli all intrattenimento ludico di tutta la famiglia fino alla pratica agonistica delle numerose società sportive presenti sul territorio piacentino. Inquadramento generale e conformità urbanistica L intervento prevede la realizzazione di nuovo impianto natatorio coperto su di un area di proprietà comunale di circa mq, posta nel comparto denominato dal PRG vigente AL31 PUA La Madonnina L area in oggetto non è soggetta a vincoli di natura paesaggistica storica, artistica o archeologica. Le verifiche di prima approssimazione dal punto di vista geologico, geotecnico, idrologico, idraulico e sismico, fanno ritenere l'area idonea alla costruzione (come del resto dimostrato dall'edificazione esistente). In fase di predisposizione del progetto esecutivo dovranno comunque essere predisposte le opportune Relazioni specialistiche di approfondimento. Nuova piscina comunale coperta 1

3 Figura 1 foto aerea dell area con individuazione dell area di intervento Figura 2 foto aerea dell area con inserimento Nuova piscina comunale coperta 2

4 Descrizione dell intervento da realizzare La struttura così come descritta in questo elaborato è la sintesi delle proposte e delle richieste avanzate dai delegati CONI e FIN nonché dai rappresentanti delle associazioni sportive locali quali principali portatori di interesse. L impianto natatorio risultante da questo percorso partecipato è un sistema di vasche nella quale possano essere ospitate: - manifestazioni sportive di livello locale; - competizioni nazionali ed internazionali; - attività corsuali e di intrattenimento sempre legate all utilizzo dell acqua. Ne deriva che una particolare attenzione deve essere rivolta allo studio degli elementi, delle predisposizioni nonché delle caratteristiche strutturali volte a garantire il necessario livello di flessibilità d uso. SIa per garantire la funzionalità e la flessibilità operativa che per ottimizzare la gestione futura, le funzioni inserite sono le seguenti: una vasca olimpica per nuoto e pallanuoto di dimensioni 50,00 x 25,00 a 10 corsie con profondità costante di m. 2,00 suddivisibile mediante pontile mobile in 2 vasche; una vasca corta di dimensioni 25,00 x 10,00 con profondità costante di m. 1,40 destinata alle attività corsuali, attività ricreative-fitness e preriscaldamento agonistico una vasca esterna ludico/ricreativa, anche a pianta libera, con una superficie di circa mq. 400,00; spogliatoio per atleti/bagnanti e personale tecnico/giudici di gara tribune per 500 posti a sedere atrio/ingresso con funzioni di accoglienza, smistamento, cassa, amministrazione, bar, servizi; locali tecnologici; Caratteristiche tipologiche Gli elementi orientativi del progetto sono stati - ottimizzazione della gestione futura; - funzionalità e flessibilità operativa. Le scelte progettuali di fondo che garantiscono flessibilità in termini di attività possibili sono : - la previsione del pontile mobile sulla vasca olimpica così da ricavare 2 vasche indipendenti; - la realizzazione della seconda vasca 25,00*10,00 omologabile per l attività di riscaldamento in occasione di gare ma utilizzabile durante tutto l anno per le attività ginniche-corsuali facilitate da un altezza costante di 1,40 m; Nuova piscina comunale coperta 3

5 - la dotazione di aperture continue lungo il fronte sud della struttura che mette in relazione il piano vasche con l area verde attrezzata esterna realizzando così una continuità spaziale efficace soprattutto in termini logistici di servizio della vasca esterna; - la creazione di uno spazio adiacente alla vasca piccola ove potranno trovare spazi per centro benessere, area destinata alla cura della persona palestre per attività di supporto all attività sportivo-agonistica della piscina olimpionica modificabili all occasione da parte del gestore in funzione di una migliore redditività dell intero complesso. L elemento ordinatore del progetto, sia per le dimensioni che per le finalità esplicite che esprime è la vasca principale olimpica : lungo i lati maggiori si sviluppano da una parte le gradinate destinate ad ospitare il pubblico dall altra gli spogliatoi. In testata trova invece collocazione la seconda vasca piccola destinata ad accogliere una serie di attività direttamente connesse a quella principale natatoria ma anche parzialmente autonoma e di intrattenimento. Caratteristiche dimensionali Di seguito vengono descritti i diversi ambienti funzionalmente omogenei rispetto alle diverse attività svolte dagli utenti, dal personale e dal pubblico. Sala vasche Questa sezione comprende oltre alle piscine, tutti gli spazi destinati alle attività prenatatorie connesse all uso della stessa da frequentare di norma a piedi non calzati e pertanto accessibile unicamente dai presidi costituiti dai sistemi doccia-lavapiedi in uscita dagli spogliatoi. Il piano vasche ha una superficie complessiva di circa 3150 mq di cui mq 1500 destinati all acqua nel pieno rispetto della normativa (D.M. 18 marzo 1996, Nomre CONI n. 1379/2008) che prevede - la superficie delle vasche pari alla superficie delle vasche e comunque non inferiore alla metà - la larghezza del bordo vasca maggiore di mt 3,50 sui lati lunghi e maggiore di mt 6,00 sui lati corti. Le caratteristiche tipologiche e dimensionali della vasca olimpica seguono le indicazioni fornite da FIN e CONI in materia di dotazioni e requisiti minimi per l omologazione e può accogliere sia gare di nuoto che di pallanuoto - vasca olimpica mq 1250 h = 2,00 mt h libera dal pelo dell acqua = 7,50 mt - vasca complementare mq 250 h = 1,40 mt - superficie piano vasca mq 1650 di cui parte può essere attrezzata per lo svolgimento di attività di riscaldamento prenatatorie. Il progetto riserva particolare attenzione alla zona denominata piano-vasca. Il piano vasca non è concepito semplicemente come uno spazio libero di percorso ma come spazio versatile da utilizzare: Nuova piscina comunale coperta 4

6 - durante le gare come zona per gli atleti in attesa; - durante le attività corsuali come zona per attività sportiva di riscaldamento e di preparazione. Per mantenere l area il più possibile libera sono stati ricavati numerosi locali direttamente prospicienti sul piano vasche che possono essere utilizzati come magazzini per le attrezzature o come uffici per giudici di gara/cronometristi nonché nicchie per sedute, appendiabiti degli utenti atleti. Spogliatoi Tutti i dimensionamenti sostanzialmente muovono dal dato relativo agli specchi d acqua, si è ritenuto di effettuare il calcolo del fabbisogno dei posti-spogliatoio in previsione di un uso contemporaneo delle tre piscine. Dimensionamento spogliatoi (rif. Regolamento FIN) Vasca olimpica 1250 Vasca didattica/riscaldamento 250 Vasca outdoor 400 Superficie vasche complessiva 1900 Posti spogliatoio=1/9 superficie vasche 1900/9 211 Il progetto prevede la realizzazione di 232 posti spogliatoio così articolati - n. 4 spogliatoi di tipo A per complessivi 160 posti spogliatoio (divisi per sesso e proporzionati per un uguale presenza femminile e maschile) - n. 2 spogliatoi di tipo B per complessivi 72 posti spogliatoio (riservati ai bambini e ai loro accompagnatori e comunque modificabili come destinazione all occasione in funzione di una migliore organizzazione della struttura). Spogliatoio tipo A N. posti spgliatoio 40 Cabine a rotazione 7 (di cui 1 D.A.) Servizi igienici 5 (di cui 1 D.A.) Lavabi 5 (di cui 1 D.A.) Docce 14 (di cui 1 D.A.) Superficie media per posto spogliatoio 2,10 mq Spogliatoi tipo B N. posti spgliatoio 36 Servizi igienici 5 (di cui 1 D.A.) Lavabi 5 (di cui 1 D.A.) Docce 12 (di cui 1 D.A.) Superficie media per posto spogliatoio 1,66 mq Gli ambienti di servizio sono stati dimensionati in base ai disposti : DM 18/3/1996 Norme di sicurezza per la costruzione e l esercizio degli impianti sportivi ; Nuova piscina comunale coperta 5

7 Regolamento Internazionale F.I.N.A e successive modifiche; Disposizioni e circolari CONI. Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n disposizioni in materia di abbattimento delle barriere architettoniche In particolare : - superficie minima per posto spogliatoio 1,60 mq - dimensione cabina a rotazione minima 0,90x1,20 - cabina a rotazione per D.A. 1,40x1,50-25% dei posti spogliatoio tramite cabina a rotazione (1 cabina= 2 posti spogliatoio) - 4 WC per i primi 25 posti spogliatoio e poi 1 ogni ulteriori 25 posti spogliatoi - un lavabo ogni WC - una doccia ogni 3 posti spogliatoi Fanno parte del blocco servizi anche gli spazi riservati a: - Locale di primo soccorso: avente superficie pari a 19 mq (superiore a quanto previsto dalla normativa) e con agevole accesso sia dal piano vasche che dall ingresso della struttura; - Spogliatoio per giudici /istruttori: divisi per sesso e ciascuno dimensionato per 10 utenti essendo dotato di n. 2 docce e n. WC; - Spogliatoi personale di servizio Tribune L impianto è dotato di tribune fisse realizzate in gradoni di cemento poste sul lato lungo della vasca olimpica in grado di ospitare circa 500 persone. La zona pubblico è divisa dal piano vasche da un elemento fisso ma trasparente così da non costituire intralcio visivo verso lo spazio-gara. I coni visuali dovranno essere verificati sulla base delle indicazioni contenute nelle normative specifiche Il pubblico accede alla zona tribune dall ingresso attrezzato con zona ristoro e accoglienza. Le tribune sono dotate di idonee uscita di sicurezza per garantire il corretto deflusso degli spettatori : la quota di sbarco dell uscita di sicurezza posta a +1,40 verrà raccordata con lo spazio esterno con percorsi sicuri aventi pendenza non superiore all 8%. Hall L ingresso dell impianto prevede diversi servizi accessori quali: - caffetteria; - reception; - uffici amministrativi e direzionali Nuova piscina comunale coperta 6

8 per offrire i servizi primari di accoglienza agli accompagnatori, agli utenti e agli spettatori diretti alle tribune laterali. In corrispondenza della seconda vasca indoor potranno trovare spazio le attività accessorie (cura del corpo, benessere, fitness, discipline sportive a corpo libero)modificabili all occasione da parte del gestore in funzione di una migliore redditività dell intero complesso. Per garantire un efficace collegamento con la piscina ludica outdoor viene realizzata sulla testata sud dell immobile una parete vetrata e apribile Piano interrato L impianto si sviluppa anche nel piano interrato dove trovano collocazione la maggior parte dei locali tecnici accessibili anche dall esterno senza interferenze con le attività in atto. Si prevede pertanto la collocazione di: - centrale termica - impianti di filtrazione - vasche di compenso; - sala pompe - locali per le macchine trattamento aria Parte dello spazio potrà essere utilizzabile anche come magazzino di stoccaggio dei materiali di manutenzione e di trattamento acqua. Nuova piscina comunale coperta 7

RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA GUARDIOLA PER IL CONTROLLO ACCESSI DEL CENTRO SPORTIVO XXV APRILE Via Cimabue, 24 Milano

RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA GUARDIOLA PER IL CONTROLLO ACCESSI DEL CENTRO SPORTIVO XXV APRILE Via Cimabue, 24 Milano RELAZIONE TECNICA PER LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA GUARDIOLA PER IL CONTROLLO ACCESSI DEL CENTRO SPORTIVO XXV APRILE Via Cimabue, 24 Milano MILANOSPORT SpA - DIVISIONE TECNICA ufficiotecnico@milanosport.it

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE DIREZIONE SERVIZI AMMINISTRATIVI AREA SPORT E TEMPO LIBERO CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA STADIO MONUMENTALE www.comune.torino.it/piscine Maggio 2014 www.comune.torino.it/cartaqualita FINALITÀ

Dettagli

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre

Art. 3 Determinazione della capienza delle palestre g) limite di compensabilità: limitazione posta alla compensabilità di superfici, calcolata sulla base del rapporto tra l ambiente più grande e l ambiente più piccolo; h) frazionabilità degli spogliatoi:

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE

Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE Esami di Stato Prima Sessione Giugno 2010 PROVA PRATICA SCRITTA (Caratterizzante la classe) 16 Settembre 2010 Sez. A - Ingegneria CIVILE e AMBIENTALE CLASSE 28/S Ing. CIVILE Tema n. 1 Redigere il progetto

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA LIDO

CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA LIDO CIRCOSCRIZIONE 8 CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI PISCINA LIDO www.comune.torino.it/circ8 Maggio 2014 www.comune.torino.it/cartaqualita DESCRIZIONE DELL IMPIANTO La vasca ha dimensioni di m. 25 x 13 con

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: BOWLING RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso di costruire è

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA STUDIO DI FATTIBILITA PER LA RISTRUTTURAZIONE E RIFUNZIONALIZZAZIONE DELLA SCUOLA MEDIA AZZARITA RELAZIONE TECNICO- ILLUSTRATIVA L immobile oggetto dello studio di fattibilità è ubicato in Via Barisano

Dettagli

INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012. Descrizione degli interventi

INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012. Descrizione degli interventi INTERVENTI REALIZZATI ANNUALITA 2012 Descrizione degli interventi Realizzazione campo di football americano e rugby nel Parco di san Bartolo a Cintoia. Il progetto prevede la realizzazione di un campo

Dettagli

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti:

Gli elementi principali che hanno guidato la progettazione sono i seguenti: L INTERVENTO Le prime analisi di fattibilità hanno consigliato un radicale rifacimento dell impianto sportivo, considerando che l eventuale modesta incidenza della demolizione (in quanto riguarda per la

Dettagli

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA

PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA PALESTRE E CENTRI SPORTIVI LINEA GUIDA TIPOLOGIE DI SPAZI DELLE PALESTRE All interno delle palestre si distinguono le seguenti tipologie minime di spazi: Locali principali (sempre presenti): 1.locale palestra

Dettagli

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO

DOTT. ING. ALESSANDRO ZITO PREMESSA La presente relazione è stata predisposta secondo quanto esplicitamente indicato, per la redazione del Progetto Esecutivo, dall art. 35. Relazioni specialistiche del D.P.R. 5 ottobre 2010, n.

Dettagli

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007

Centro-Video-Gioco-Sport. RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATI: MULTISALA FITNESS OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DI VARIANTE al P.d.C n.118 del 19/09/2007 INQUADRAMENTO GENERALE I fabbricati oggetto dell attuale presentazione di variante

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI SEZIONE I 22.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 Autonomie locali espresso nella seduta del 17 novembre 2006; 3 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 HCA_Testalin_DOC.rev00.doc AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza Interventi di adeguamento funzionale e messa a norma finalizzati allo sviluppo

Dettagli

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli:

2. VINCOLI L area oggetto di intervento è sottoposta ai seguenti vincoli: 1. PREMESSA Il presente progetto preliminare prevede la risoluzione sia delle problematiche evidenziate a seguito del verbale di sopralluogo effettuato dalla ASL 10 Firenze - Commissione di vigilanza sulle

Dettagli

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana

Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana Disciplinare per Alberghi Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria, riporta i

Dettagli

Le Scuole di Ciclismo

Le Scuole di Ciclismo Le Scuole di Ciclismo Settore Tecnico Giovanile Settore Studi Corso di Aggiornamento 2013-2014 per Tecnici Categorie Giovanili ed Agonistiche 1 Che cosa sono? Le Scuole di Ciclismo sono strutture tecnicoorganizzative

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana

Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana Disciplinare per strutture alberghiere Ospitalità Italiana La presente specifica, predisposta dall Istituto Nazionale per le Ricerche Turistiche ISNART in collaborazione con le Associazioni di categoria,

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003

A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 A 16/06/03 Prima emissione URT DRT PRS SSA Cod. Id. I/SIC046C/REL/B003 Sostituisce il: Sostituito da: SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 3 SPAZI APERTI ESTERNI... 4 3.1 SPAZI APERTI

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

La richiesta della Società della Canottieri

La richiesta della Società della Canottieri Progetti Igor Maglica Veduta del modello (foto Stefano Topuntoli). La richiesta della Società della Canottieri Mincio di Mantova di poter frequentare le strutture sportive esistenti in condizioni di maggiore

Dettagli

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.

Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di Alto Adige per tutti - www.altoadigepertutti. Criteri di valutazione completi utilizzati per la valutazione delle strutture presenti sul sito di "Alto Adige per tutti" - www.altoadigepertutti.it eccellente asfalto, cemento distanza dall'ingresso

Dettagli

Nuovo Regolamento DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DI ROMA CAPITALE. ROMA CITTà DELLO SPORT PER TUTTI

Nuovo Regolamento DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DI ROMA CAPITALE. ROMA CITTà DELLO SPORT PER TUTTI Nuovo Regolamento DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DI ROMA CAPITALE ROMA CITTà DELLO SPORT PER TUTTI STRATEGIA DI GOVERNO -1 GOVERNO DEL PATRIMONIO - PARTE INTEGRANTE DELLA «CITTÀ PUBBLICA»

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena SCUOLA PRIMARIA in via aldo moro a poggibonsi DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE RUP: Arch. Adriano Bartoli 1. DESCRIZIONE

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2

1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2 1. PREMESSA... 2 2. ORGANIZZAZIONE GENERALE... 2 2.1 DESCRIZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI AMBIENTI... 2 2.1.1 DISTRIBUZIONE FUNZIONALE AREA SERVIZI... 2 2.1.2 DISTRIBUZIONE FUNZIONALE AREA RIFORNIMENTO CARBURANTE...

Dettagli

REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI VILLAGGI TURISTICI

REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI VILLAGGI TURISTICI REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI ALLEGATO A VILLAGGI TURISTICI 1.00 DENSITA RICETTIVA 1.01 5 mq. per persona () 1.02 0 mq. per persona () 1.0 25 mq. per persona (2) 2 2.00 SISTEMAZIONE

Dettagli

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a NOME STRUTTURA Hotel Domina Cassia LOCALITA Roma TELEFONO 0039 063035931 E-MAIL romacassia@domina.it DATA 11/02/2006 RESPONSABILE STRUTTURA SITO WEB www.dominaromacassia.com RILEVATORE Passetto L. LA STRUTTURA

Dettagli

Le palestre: requisiti igienici. Porte con apertura verso l esterno, che si fissino automaticamente in posizione di massima apertura

Le palestre: requisiti igienici. Porte con apertura verso l esterno, che si fissino automaticamente in posizione di massima apertura Le palestre: requisiti igienici Porte con apertura verso l esterno, che si fissino automaticamente in posizione di massima apertura I campi sportivi all aperto aperto Tipo di impianto Verde libero e attrezzato

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

PISCINA COMUNALE DI ABBADIA SAN SALVATORE Via del Laghetto Abbadia S.S. (SI)

PISCINA COMUNALE DI ABBADIA SAN SALVATORE Via del Laghetto Abbadia S.S. (SI) PISCINA COMUNALE DI ABBADIA SAN SALVATORE Via del Laghetto Abbadia S.S. (SI) DOCUMENTO TECNICO per l Affidamento in Concessione del Servizio di Gestione Art. 30 D. Lgvo 163/2006 Allegato: 1 Il Responsabile

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

Situazione attuale degli accessi

Situazione attuale degli accessi Situazione attuale degli accessi Attualmente gli accessi al quartiere fieristico si rivolgono prevalentemente verso la città per il naturale effetto delle dinamiche di traffico fino ad ora esistite nel

Dettagli

Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. Relazione

Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. Relazione Oggetto: Relazione illustrativa Lavori di ristrutturazione centro sportivo di via Verdi. 1. PREMESSA: Relazione Il Centro sportivo di via Verdi occupa un'area compresa tra via Verdi, via Dante, via Pucci

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

Nuotare a Cinisello Balsamo

Nuotare a Cinisello Balsamo Nuotare a Cinisello Balsamo Piano sviluppo piscine comunali novembre 2012 Daniela Gasparini 1 Gli impianti esistenti PISCINA PAGANELLIvia F.Filzi-telefono 0266048166: n.1vasca a 5 corsie mt.25,5x10,5x1,40

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

Comune di Spoleto www.comunespoleto.gov.it Direzione Istruzione, Coesione Sociale, Salute e Sport Ufficio Sport e Verdi Attrezzati (SPO.V.A.

Comune di Spoleto www.comunespoleto.gov.it Direzione Istruzione, Coesione Sociale, Salute e Sport Ufficio Sport e Verdi Attrezzati (SPO.V.A. Allegato A) al Capitolato Prestazionale PROCEDURA APERTA, MEDIANTE IL CRITERIO DELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIU VANTAGGIOSA, PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL'IMPIANTO NATATORIO F. PALLUCCHI DI SPOLETO

Dettagli

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna

Ampliamento del centro sportivo Lakua a Vitoria, Spagna Progetti Carmen Murua Planimetria. Nella pagina a fianco: veduta della facciata principale. I Paesi Baschi, una delle regioni del nord della Spagna, costituiscono un territorio di grande bellezza naturale,

Dettagli

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA Poiché la nostra figura professionale in questa situazione è solo quella di tecnico-esecutivista e non di consulente progettuale, durante gli incontri che si terranno,

Dettagli

Sommario. Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01

Sommario. Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01 Sommario Informazioni aziendali Pag 01 Aeroporto di partenza Pag 01 Aeroporto di arrivo Pag 01 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 01 Ingresso principale Pag 02 Aree comuni ed altri servizi Pag

Dettagli

COMMISSIONE CONTRIBUTI PER L IMPIANTISTICA. Oggetto: Contributi Federali per la realizzazione di impiantistica sportiva destinata al Rugby

COMMISSIONE CONTRIBUTI PER L IMPIANTISTICA. Oggetto: Contributi Federali per la realizzazione di impiantistica sportiva destinata al Rugby Federazione Italiana Rugby COMMISSIONE CONTRIBUTI PER L IMPIANTISTICA Oggetto: Contributi Federali per la realizzazione di impiantistica sportiva destinata al Rugby Informativa alle Società La Federazione

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 NORME DI PREVENZIONE INCENDI MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile COMANDO PROVINCIALE LATINA comando.latina@vigilfuoco.it

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI COMUNE di ROE VOLCIANO provincia di Brescia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI Massimo Ronchi - Sindaco dott. Salvatore Labianca - Segretario comunale arch. Giovanni Cigognetti - Progettista

Dettagli

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI

UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI UNITA D OFFERTA SOCIALI PER DISABILI D.G.R. n. 20763 del 16 febbraio 2005 Definizione dei requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l autorizzazione al funzionamento dei servizi sociali per le

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

INDICE. 1.1 INTRODUZIONE ALLA TEMATICA COMPARATIVA pag.2. 1.2 ANALISI DEI COSTI DI NUOVA COSTRUZIONE pag.4

INDICE. 1.1 INTRODUZIONE ALLA TEMATICA COMPARATIVA pag.2. 1.2 ANALISI DEI COSTI DI NUOVA COSTRUZIONE pag.4 INDICE 1.1 INTRODUZIONE ALLA TEMATICA COMPARATIVA pag.2 1.2 ANALISI DEI COSTI DI NUOVA COSTRUZIONE pag.4 1.2.1 ANALISI ARCHITETTONICA pag.4 1.2.2 ANALISI URBANISTICA pag.4 1.2.3 ANALISI ECONOMICA pag.5

Dettagli

Newsletter n.83 Gennaio 2011

Newsletter n.83 Gennaio 2011 Newsletter n.83 Gennaio 2011 Approfondimento_41 STUDI DI FATTIBILITÀ: Dal DPR 207 del 5/10/2010 disposizioni per lo sviluppo, composizione e contenuti Schema dettagliato per project financing e dialogo

Dettagli

Relazione di aacessibilità. Sommario

Relazione di aacessibilità. Sommario Relazione di aacessibilità Sommario Informazioni aziendali Pag 02 Aeroporto di partenza Pag 02 Aeroporto di arrivo Pag 02 Trasferimento aeroporto/hotel/aeroporto Pag 03 Ingresso principale Pag 03 Aree

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ELVIRA E AMALIA PICCOLI DI CIVIDALE DEL FRIULI (UD) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO RILIEVO FOTOGRAFICO Oggetto Committente RUP Intervento di miglioramento e messa in sicurezza,

Dettagli

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS

Handy Superabile ASSOCIAZIONE ONLUS TOSCANA HOTEL REGINA Via Torino, 6 - Forte dei Marmi (Lu) Tel. +39 0584.787.451 - info@hotelreginaforte.it - www.hotelreginaforte.it TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte

Dettagli

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene ALBERGHI Tipologia di locali che devono essere presenti (condizione minima richiesta per alberghi ad una *): A Locale ricevimento portineria informazioni B camere C servizi igienici comuni/servizi igienici

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE La Qualità degli Impianti Sportivi NORME CONI PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVAApprovate con deliberazione del Consiglio Nazionale del CONI n. 1379 del 25 giugno

Dettagli

PALESTRE E ATTIVITÀ MOTORIE, RICREATIVE, SPORTIVE - AVVIO, VARIAZIONI, SUBINGRESSO

PALESTRE E ATTIVITÀ MOTORIE, RICREATIVE, SPORTIVE - AVVIO, VARIAZIONI, SUBINGRESSO PALESTRE E ATTIVITÀ MOTORIE, RICREATIVE, SPORTIVE - AVVIO, VARIAZIONI, SUBINGRESSO Al Suap del Comune di Seravezza (3 copie in carta semplice- ) DATI RELATIVI AL SOGGETTO Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

b) piscina scoperta : complesso con uno o più bacini artificiali non confinati entro strutture chiuse permanenti;

b) piscina scoperta : complesso con uno o più bacini artificiali non confinati entro strutture chiuse permanenti; Allegato parte integrante Allegato A ALLEGATO A NORME IGIENICO SANITARIE, STRUTTURALI E ORGANIZZATIVE RELATIVE ALLA PISCINA E AGLI ELEMENTI FUNZIONALI CHE LA COMPONGONO PARTE I TIPOLOGIA DELLE PISCINE

Dettagli

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva

FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Università di Padova a.a. 2009-2010 FASI DELLA PROGETTAZIONE Preliminare Definitiva - Esecutiva Lezione 4/11/2009 Corso di Progetto Ambiente Viviana Salieri NORMATIVA LAVORI PUBBLICI LEGGE QUADRO in materia

Dettagli

Livello 2 - Non sono previste modifiche al progetto precedentemente approvato.

Livello 2 - Non sono previste modifiche al progetto precedentemente approvato. RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Le modifiche cui si riferisce la presente richiesta di variante non sono sostanziali e sono conseguenti principalmente agli aggiustamenti progettuali per adeguarsi alle strutture

Dettagli

Questionario per rilevare l accessibilità degli Stabilimenti Balneari

Questionario per rilevare l accessibilità degli Stabilimenti Balneari R G I O N POLITICH SOCIALI, FLUSSI MIGRATORI ASSSSORATO AL TURISMO INDUSTRIA ALBRGHIRA Questionario per rilevare l accessibilità degli Stabilimenti Balneari Questa indagine ha lo scopo di conoscere e costruire

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

NORME CONI PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVA (approvate dalla G.E. del CONI con deliberazione n. 851 del 15 luglio 1999)

NORME CONI PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVA (approvate dalla G.E. del CONI con deliberazione n. 851 del 15 luglio 1999) NORME CONI PER L'IMPIANTISTICA SPORTIVA (approvate dalla G.E. del CONI con deliberazione n. 851 del 15 luglio 1999) 1 - Scopo e campo di validità Le presenti norme hanno lo scopo di individuare livelli

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

CORSO DI LAUREA Architettura per il Progetto Sostenibile

CORSO DI LAUREA Architettura per il Progetto Sostenibile CORSO DI LAUREA Architettura per il Progetto Sostenibile Abstract Palestre di edifici scolastici in Torino: analisi dell esistente e riprogettazione illuminotecnica di un caso studio. Relatore Valerio

Dettagli

Piano economico - finanziario di massima

Piano economico - finanziario di massima COMUNE DI POTENZA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL COMPLESSO SPORTIVO POLIVALENTE PER LA CITTA DI POTENZA Piano economico - finanziario di massima SOMMARIO

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI Allegato F Gara tipo B Monza, agosto 2014 Gare Nazionali di medio livello AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI ELENCO ZONE DI INTERVENTO gara tipo B 1. TRIBUNA D ONORE 2. CENTRO MEDICO 3. TENDA VERIFICHE

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE DEVE ESSERE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

Giacomo Corsi Architetto giacomocorsiarchitetto@gmail.com Cel.3471979180 Viale Montegrappa 177, 59100 Prato Tel. Fax. 0574 1826304

Giacomo Corsi Architetto giacomocorsiarchitetto@gmail.com Cel.3471979180 Viale Montegrappa 177, 59100 Prato Tel. Fax. 0574 1826304 RELAZIONE TECNICA PRELIMINARE Oggetto: Nuova Club House con locali Pizzeria annessi da realizzarsi all interno dell impianto sportivo di Maliseti, sito in Via Caduti Senza Croce in località Maliseti, a

Dettagli

REGOLAMENTO GYM BOXE SETTORE AMATORIALE

REGOLAMENTO GYM BOXE SETTORE AMATORIALE REGOLAMENTO GYM BOXE SETTORE AMATORIALE Approvato dal Consiglio Federale del 28 marzo 2014 Fatte salve eventuali integrazioni o modifiche richieste dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano INDICE Art.

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 IL PROGETTO STRUTTURALE...2 3.1 I criteri di progettazione...2 3.2 L organismo strutturale...3 3.3 Le strutture di fondazione...3

Dettagli

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI

MANUALE D ESECUZIONE DEI LAVORI RELATIVI AGLI ASCENSORI Per rendere più efficiente la collaborazione, per essere i più chiari e rapidi possibili abbiamo riassunto le principali regole di esecuzione dei lavori relativi agli ascensori. MANUALE DI COSTRUZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI GUAGNANO (LE) ADEGUAMENTO DI UN IMMOBILE DI VIA BIRAGO NELLA FRAZIONE DI VILLA BALDASSARRI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIO- EDUCATIVO E RIABILITATIVO PER DIVERSAMENTE ABILI RELAZIONE

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI COMUNE di ROE VOLCIANO provincia di Brescia PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DEI SERVIZI Massimo Ronchi - Sindaco dott. Salvatore Labianca - Segretario comunale arch. Giovanni Cigognetti - Progettista

Dettagli

art. 10 del DPR 303/56 art. 137 del Regolamento Comunale di Igiene art. 134 del Regolamento

art. 10 del DPR 303/56 art. 137 del Regolamento Comunale di Igiene art. 134 del Regolamento Versione condivisa, del 05/08/04. CENTRI COMMERCIALI (Tipologia dei locali e condizione minima obbligatoria) Per semplificare la lettura della presente scheda, sono stati presi in esame separatamente gli

Dettagli

Allegato A. 5. Servizi integrativi

Allegato A. 5. Servizi integrativi Allegato A 5. Servizi integrativi Il "Nomenclatore interregionale degli interventi e servizi sociali" del CISIS (Centro interregionale per i sistemi informatici, geografici e statistici) definisce le tipologie

Dettagli

Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana

Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana Comune di Rimini Direzione Lavori Pubblici e Qualità Urbana Via Rosaspina, 21-47900 Rimini tel. 0541/704878 - fax 0541/704932 www.comune.rimini.it daniele.fabbri@comune.rimini.it c.f.-p.iva 00304260409

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE E EMPLIAMENTO CENTRO SOCIALE/SPORTIVO DI VIA PER PADERNO

RISTRUTTURAZIONE E EMPLIAMENTO CENTRO SOCIALE/SPORTIVO DI VIA PER PADERNO RISTRUTTURAZIONE E EMPLIAMENTO CENTRO SOCIALE/SPORTIVO DI VIA PER PADERNO RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA (ALLEGATO 1) 1. PREMESSA Il presente progetto PRELIMINARE è finalizzato all ampliamento dell edificio

Dettagli

Deliberazione CONI del 15 luglio 1999 n. 851. Norme CONI per l'impiantistica sportiva

Deliberazione CONI del 15 luglio 1999 n. 851. Norme CONI per l'impiantistica sportiva Deliberazione CONI del 15 luglio 1999 n. 851. Norme CONI per l'impiantistica sportiva 1 - Scopo e campo di validità Le presenti norme hanno lo scopo di individuare livelli minimi qualitativi e quantitativi

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli