Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prog. 17029/2013 - CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative"

Transcript

1 1 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - ALLEGATO B - Schede fasi lavorative

2 2 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini FASI LAVORATIVE scheda 1 ALLESTIMENTO CANTIERE Realizzazione della recinzione e degli accessi del cantiere S 1.1 Realizzazione di impianto elettrico e di terra di cantiere S 1.2 Allestimento opere provvisionali S 1.3 Installazione macchine S SCAVI E DEMOLIZIONI Scavo a sezione ristretta S 2.1 Demolizione di pavimenti esterni S FONDAZIONI Sottofondo e riempimento in stabilizzato S 3.1 Fondazioni in cls armato S PAVIMENTI E RIVESTIMENTI Pavimento in pietra naturale S 4.1 Rivestimenti in marmo e pietra naturale S PARTIZIONI INTERNE Pareti in cartongesso S TINTEGGIATURE Tinteggiature interne S STRUTTURE PREFABBRICATE Assemblaggio strutture in profilati di alluminio S IMPIANTI Completamento impianto elettrico e di illuminazione votiva S SMOBILIZZO DELL AREA DI CANTIERE Smobilizzo macchine S 9.1 Smontaggio recinzione S 9.2

3 3 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 1. ALLESTIMENTO CANTIERE S 1.1 Realizzazione recinzione, accessi e cartellonistica Individuazione dei Si prevede la realizzazione della recinzione del cantiere interno e delle aree di deposito con pannelli elettrozincati dotati di base di appoggio in cemento e rete di plastica colorata. Si prevede, infine, la collocazione dei cartelli di segnalazione, avvertimento, ecc., in tutti i punti necessari, come indicato nella planimetria di cantiere. Dislocazione dei pannelli e sistemazione rete plastificata; collocazione su appositi supporti dei cartelli segnalatori con l uso di chiodi, filo di ferro etc. Nello svolgimento dell attività lavorativa vengono utilizzate le seguenti Investimento Possibile Modesta MEDIO 3 Cadute accidentali Possibile Modesta MEDIO 3 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Verificare l efficienza degli utensili utilizzati Predisporre piani mobili di lavoro robusti e di idonee dimensioni Utilizzare i DPI previsti e verificare il costante utilizzo da partte Vietare l avvicinamento, la sosta e il transito delle persone mediante avvisi e sbarramenti o transenne; In presenza di automezzi in circolazione nell area di cantiere o nelle immediate vicinanze, occorrerà provvedere alla installazione di idonea cartellonistica di sicurezza, indossare indumenti ad alta visibilità e, se del caso, predisporre una persona per la regolazione del traffico e le segnalazioni necessarie Indumenti ad alta visibilità

4 4 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 1. ALLESTIMENTO CANTIERE S 1.2 Realizzazione di impianto elettrico e di terra di cantiere Il lavoro consiste nella realizzazione dell impianto elettrico di cantiere e dell impianto di terra (quest ultimo qualora necessario). L impianto sarà funzionante con l eventuale ausilio di idoneo gruppo elettrogeno laddove la fornitura dei cimiteri fosse insufficiente. L esecuzione dell impianto elettrico e di terra (quest ultimo qualora necessario) dovrà essere affidata a personale qualificato che seguirà il progetto firmato da tecnico iscritto all albo professionale. L installatore dovrà rilasciare dichiarazioni scritte che l impianto elettrico e di terra sono stati realizzati conformemente alle norme UNI, alle norme CEI 186/68 e nel rispetto della legislazione tecnica vigente in materia. Prima della messa in esercizio dell impianto accertarsi dell osservanza di tutte le prescrizioni e del grado d isolamento. Dopo la messa in esercizio controllare le correnti assorbite, le cadute di tensione e la taratura dei dispositivi di protezione. Predisporre periodicamente controlli sul buon funzionamento dell impianto. utensili elettrici portatili Elettrocuzione Possibile Grave ALTO 4 Rumore (gruppo elettrogeno) Possibile Modesta MEDIO 3 Cadute accidentali Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Verificare l efficienza degli utensili utilizzati Predisporre piani mobili di lavoro robusti e di idonee dimensioni Utilizzare i DPI previsti e verificare il costante utilizzo da partte Vietare l avvicinamento, la sosta e il transito delle persone mediante avvisi e sbarramenti o transenne; Installare l interruttore generale e le necessarie protezioni Lavorare sempre su elementi non in tensione e fare comunque uso di mezzi personali di protezione isolanti. Sorreggere i dispersori con pinza a manico lungo Verificare il livello di rumore del gruppo elettrogeno, la sua collocazione e la sua stabilità Elmetto

5 5 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 1. ALLESTIMENTO CANTIERE S 1.3 Allestimento opere provvisionali Si tratta delle procedure di sicurezza per il montaggio di trabattelli di altezza fino a 6 mt. L esecuzione del trabattello dovrà essere fatta secondo lo schema di montaggio contenuto nel libretto di istruzione. utensili elettrici portatili Funi, ganci, imbracature Caduta dall alto Probabile Grave ALTO 4 Caduta di materiale dall alto Probabile Grave ALTO 4 Sospensione inerte Possibile Grave MEDIO 3 Urti, colpi, impatti e compressioni Possibile Modesta BASSO 2 Movimentazione manuale dei carichi Probabile Modesta BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Verificare l efficienza degli utensili utilizzati Utilizzare i DPI previsti e verificare il costante utilizzo da patte Vietare l avvicinamento, la sosta e il transito delle persone mediante avvisi e sbarramenti o transenne; Individuare le misure atte a minimizzare i rischi per i lavoratori prevedendo, ove necessario, l installazione di dispositivi di protezione contro le cadute dall alto; Presenza di un piano di lavoro completo di tutti gli elementi di impalcato, a tutti i piani, sia in fase di montaggio che di smontaggio ed uso; Presenza di idonei sistemi di accesso a tutti i piani, realizzati mediante scale portatili e impalcati metallici prefabbricati dotati di botola sia in fase di montaggio che di smontaggio ed uso; Il tra battello dovrà presentarsi stabile in qualsiasi condizione; In caso di caduta di un operatore, gli altri provvederanno il più presto possibile al distacco del lavoratore dalla posizione sospesa,mediante uno specifico sistema di recupero che dovrà essere oggetto del corso di formazione. Durante lo svolgimento del lavoro in quota per il montaggio, lo smontaggio e la trasformazione del tra battello, un preposto sorveglierà sempre le operazioni da una posizione che gli permetta di intervenire per prestare aiuto ad uno dei lavoratori che si dovesse trovare in difficoltà. Elmetto Imbracatura Dispositivo retrattile

6 6 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 1. ALLESTIMENTO CANTIERE S 1.4 Installazione macchine Posizionamento di macchine e attrezzature di utilizzo nel cantiere (betoniera - sega circolare - ecc.). L operatore provvederà a pulire dalla vegetazione le aree di sedime. Provvederà alla sistemazione, mediante attrezzi manuali di uso comune, delle transenne di delimitazione dell area in cui saranno localizzate le macchine. Le zone saranno segnalate con cartelli indicanti l obbligo dell uso dei D.P.I. e messaggi relativi ad altri obblighi. Elettrocuzione Possibile Grave ALTO 4 Cadute accidentali Possibile Modesta MEDIO 3 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Lavorare sempre su elementi non in tensione e fare comunque uso di mezzi personali di protezione isolanti; Ogni volta che si maneggia materiale edile pesante scabroso in superficie (legname, laterizi, sacchi di cemento ) e quando si utilizzano attrezzi (martello, cutter, cazzuola.) dovrà essere evitato il contatto del corpo dell operatore con gli stessi; Le macchine e gli apparecchi devono portare le indicazioni delle tensioni, del tipo di corrente e delle altre caratteristiche costruttive, avere almeno il marchio CE e possedere il libretto di uso e manutenzione. Consentire solo l'uso di utensili e apparecchiature certificate. Se si effettuano modifiche a quanto già eseguito: sezionare sempre le linee di alimentazione dal punto di allacciamento dell'ente fornitore. Periodicamente controllare: la resistenza di isolamento dei cavi, interruttori ecc, l'efficienza dei dispositivi di protezione, di sicurezza e di controllo. è opportuno installare gli apparecchi con funzionamento elettrico su pedane di legno per il loro perfetto isolamento. Elmetto

7 7 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 2. SCAVI E DEMOLIZIONI S 2.1 Scavo a sezione ristretta Scavo a poca profondità (max 40 cm) per getto di fondazioni continue. L operatore provvederà a picchettare l area interessata dallo scavo e ad eseguire lo scavo con mezzi manuali o l ausilio di un piccolo escavatore. miniescavatore Investimento Probabile Grave ALTO 4 Cadute accidentali Possibile Modesta MEDIO 3 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: È vietato costituire depositi di materiali presso i cigli degli scavi Se non si procede immediatamente al riempimento dello scavo occorre proteggerlo per evitare cadute accidentali Elmetto

8 8 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 2. SCAVI E DEMOLIZIONI S 2.2 Demolizione di pavimenti esterni Demolizione di un tratto di pavimentazione esterna in porfido. Demolizione del pavimento, del massetto sottostante e dell eventuale sottofondo. Pulizia e allontanamento dei materiali di risulta. martello demolitore Elettrocuzione Possibile Grave ALTO 4 Rumore Possibile Modesta MEDIO 3 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Irrorare la zona interessata dalla demolizione per evitare il sollevamento di polveri; Sgomberare via via la zona di lavoro dai detriti. Elmetto Occhiali Cuffie

9 9 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 3. FONDAZIONI S 3.1 Sottofondo e riempimento in stabilizzato Realizzazione del sottofondo della platea e del riempimento degli scavi con stabilizzato Stesura dello stabilizzato con granulometria maggiore; rullatura; stesura della ghiaia fine superficiale rullo compattatore manuale Investimento Probabile Grave ALTO 4 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione:

10 10 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S.3 FONDAZIONI S 3.2 Fondazioni in cls armato utilizzate e opere provvisionali: Realizzazione di platea in cls armata per formazione piano di appoggio dei prefabbricati. Casseratura della platea; posa dei ferri di armatura (rete elettrosaldata) confezionamento e getto del cls disarmo attrezzature e opere provvisionali: betoniera a bicchiere vibratore elettrico per cls Elettrocuzione Possibile Grave ALTO 4 Contatto con organi in movimento Probabile Grave ALTO 4 Punture e lacerazioni alle mani Probabile Modesta MEDIO 3 Schizzi agli occhi e al viso Possibile Modesta MEDIO 3 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Non eseguire opere di pulizia e manutenzione con la betoniera in attività, provvedendo al preventivo distacco dell energia elettrica; Non rimuovere le protezioni alle parti in movimento; Nella movimentazione delle reti metalliche va evitato il sollevamento utilizzando come punti di fissaggio le legature realizzate con fili di ferro. Nell applicazione di olii disarmanti sui pannelli di armatura utilizzare idonei DPI che garantiscano i lavoratori dal contatto; Se ne cls sono presenti additivi chimici si devono utilizzare idonei DPI che garantiscano i lavoratori dal contatto. Rimuovere le armature gradualmente secondo le istruzioni del capocantiere evitando azioni dinamiche; Indumenti di lavoro di sicurezza

11 11 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 4. PAVIMENTI E RIVESTIMENTI S 4.1 Posa in opera di pavimenti in pietra naturale Posa in opera di pavimenti in lastre di pietra serena, spessore cm 10. Preparazione del piano di posa Taglio delle lastre Applicazione di collante sulla superficie inferiore delle lastre; stuccatura dei giunti segatrice elettrica Elettrocuzione Possibile Grave ALTO 4 Contatto con organi in movimento Probabile Grave ALTO 4 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Ogni volta che si maneggia materiale edile pesante scabroso in superficie (legname, laterizi, sacchi di cemento ) e quando si utilizzano attrezzi (martello, cutter, cazzuola.) dovrà essere evitato il contatto del corpo dell operatore con gli stessi; Le macchine e gli apparecchi devono portare le indicazioni delle tensioni, del tipo di corrente e delle altre caratteristiche costruttive, avere almeno il marchio CE e possedere il libretto di uso e manutenzione. Consentire solo l'uso di utensili e apparecchiature certificate. Non eseguire opere di pulizia e manutenzione con le macchine in attività, provvedendo al preventivo distacco dell energia elettrica; Non rimuovere le protezioni alle parti in movimento; L uso delle attrezzature elettriche deve essere consentito solo a personale addestrato, a conoscenza dei possibili rischi durante l uso; Elmetto Occhiali

12 12 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 4. PAVIMENTI E RIVESTIMENTI S 4.2 Posa in opera di rivestimenti in marmo e pietra naturale Posa in opera di rivestimenti in lastre di pietra serena e marmo, spessore cm 2. Taglio delle lastre Fissaggio a scomparsa sulla struttura in alluminio tagliatrice elettrica trabattello Elettrocuzione Possibile Grave ALTO 4 Contatto con organi in movimento Probabile Grave ALTO 4 Caduta dall alto Possibile Modesta MEDIO 3 Caduta di materiali dall alto Possibile Modesta MEDIO 3 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Ogni volta che si maneggia materiale edile pesante scabroso in superficie (legname, laterizi, sacchi di cemento ) e quando si utilizzano attrezzi (martello, cutter, cazzuola.) dovrà essere evitato il contatto del corpo dell operatore con gli stessi; Le macchine e gli apparecchi devono portare le indicazioni delle tensioni, del tipo di corrente e delle altre caratteristiche costruttive, avere almeno il marchio CE e possedere il libretto di uso e manutenzione. Consentire solo l'uso di utensili e apparecchiature certificate. Non eseguire opere di pulizia e manutenzione con le macchine in attività, provvedendo al preventivo distacco dell energia elettrica; Non rimuovere le protezioni alle parti in movimento; L uso delle attrezzature elettriche deve essere consentito solo a personale addestrato, a conoscenza dei possibili rischi durante l uso; Per l esecuzione di lavori ad altezza superiore a 2 metri devono essere utilizzati idonei trabattelli Elmetto Occhiali

13 13 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 5. PARTIZIONI INTERNE S 5.1 Realizzazione di controparete in cartongesso Posa in opera di rivestimenti in lastre di pietra serena e marmo, spessore cm 2. Realizzazione del telaio in alluminio Fissaggio delle lastre in cartongesso Stuccature utensili elettrici trabattello Movimentazione manuale dei carichi Possibile Modesta MEDIO 3 Caduta dall alto Possibile Modesta MEDIO 3 Caduta di materiali dall alto Possibile Modesta MEDIO 3 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Le lastre di cartongesso devono essere trasportate sul luogo dei lavori da almeno due persone e posizionate a terra in maniera ben visibile da non costituire ostacolo Per l esecuzione di lavori ad altezza superiore a 2 metri devono essere utilizzati idonei trabattelli Elmetto Occhiali

14 14 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 6. TINTEGGIATURE S 6.1 Tinteggiature interne utilizzate e opere provvisionali: Tinteggiatura di superfici interne con pittura acrilsilossanica. Approvvigionamento del materiale; predisposizione delle opere provvisionali; stuccatura e levigatura del sottofondo; applicazione di una mano di fissativo applicazione di tinta a pennello o a rullo; Pulizia e movimentazione dei residui attrezzature e opere provvisionali: rulli e/o pennelli ponti su cavalletti e/o trabattello Caduta dall alto Probabile Grave ALTO 4 Caduta di materiale dall alto Probabile Modesta MEDIO 3 Inalazione sostanze tossiche Probabile Modesta MEDIO 3 Scivolamenti, cadute a livello Probabile Modesta MEDIO 3 Irritazioni cutanee Possibile Modesta MEDIO 3 Irritazione vie respiratorie Possibile Modesta MEDIO 3 Movimentazione manuale carichi Probabile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Lavorando al di sopra della testa è indispensabile l uso degli occhiali o paraocchi trasparenti Osservare una scruplosa pulizia della persona e din particolare delle mani prima dei pasti Eseguire il lavoro ad altezza non superiore a quella del petto; per altezze superiori si provveda a rialzare il ponte di servizio appena giunti a tale altezza Elmetto Occhiali

15 15 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 7. MONTAGGIO STRUTTURE PREFABBRICATE S 7.1 Montaggio di strutture in profilati di alluminio utilizzate e opere provvisionali: Assemblaggio di profilati ed elementi in alluminio per realizzazione blocchi contenenti cellette ossario Assemblaggio dei profilati costituenti la struttura; Assemblaggio degli elementi costituenti le cellette ossario avvitatore elettrico trabattello Caduta dall alto Possibile Modesta MEDIO 3 Caduta di materiali dall alto Possibile Modesta MEDIO 3 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Ogni volta che si maneggia materiale edile pesante e quando si utilizzano attrezzi (martello, cutter, cazzuola.) dovrà essere evitato il contatto del corpo dell operatore con gli stessi; Le macchine e gli apparecchi devono portare le indicazioni delle tensioni, del tipo di corrente e delle altre caratteristiche costruttive, avere almeno il marchio CE e possedere il libretto di uso e manutenzione. Consentire solo l'uso di utensili e apparecchiature certificate. L uso delle attrezzature elettriche deve essere consentito solo a personale addestrato, a conoscenza dei possibili rischi durante l uso; Per l esecuzione di lavori ad altezza superiore a 2 metri devono essere utilizzati idonei trabattelli Abbigliamento da lavoro in sicurezza (tuta o completo due pezzi)

16 16 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S.8 IMPIANTI ELETTRICI S 8.1 Impianti elettrici e di illuminazione votiva utilizzate e opere provvisionali: Adeguamento degli impianti elettrici esistenti e realizzazione impianto di illuminazione votiva dei nuovi ossari Installazione nuovi quadri elettrici e trasformatori; realizzazione linee di alimentazione dai quadri ai nuovi ossari; completamento impianto elettrico della cappella di Gello attrezzature e opere provvisionali: utensili elettrici ponti su cavalletti e/o trabattello scale Caduta dall alto Probabile Grave ALTO 4 Elettrocuzione Probabile Grave ALTO 4 Caduta di materiale dall alto Probabile Modesta MEDIO 3 Scivolamenti, cadute a livello Probabile Modesta MEDIO 3 Schizzi agli occhi e al viso Probabile Modesta MEDIO 3 Incendio Possibile Grave MEDIO 3 Inalazione polveri Possibile Lieve BASSO 2 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: ; Adottare utensili a doppio isolamento di classe II, alimentati a tensione non superiore a 220 volt verso terra nei lavori all aperto; Dare precise disposizioni rispetto al percorso delle linee di alimentazione identificando quelle aeree e quelle interrate. Nell esecuzione di linee interrate occorre eseguirle a profondità adeguata per impedirne danneggiamenti; Le linee aeree non devono essere realizzate sottoponendo a sforzi di trazione i cavi che devono essere sorretti utilizzando idonei tiranti fissandoli ad essi senza l utilizzo di legature di fil di ferro ma fascette plastiche con fissaggio a strozzo; Nel caso di riutilizzo di cavi verificare prima dell uso la loro perfetta integrità; Nel caso di lavori ad altezza superiore a 2 metri, in considerazione del tempo di lavorazione, devono essere utilizzati tra battelli, ponteggi o scale a tra battello con postazione di lavoro dotata di parapetto perimetrale; Durante l installazione dei quadri gli addetti non devono poter accedere alle parti in tensione: prima di mettere in tensione i quadri occorre applicare tutti gli schermi protettivi e collaudare il loro funzionamento Sui quadri devono essere apposte targhette identificative del quadro che riporti il nome del costruttore e i dati tecnici. Indumenti di lavoro di sicurezza

17 17 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 9 SMOBILIZZO CANTIERE S 9.1 Smontaggio macchine Individuazione dei Si prevede lo smobilizzo delle macchine e delle aree ad esse riservate Distacco macchine Ripristino dell area Nello svolgimento dell attività lavorativa vengono utilizzate le seguenti Investimento Possibile Modesta MEDIO 3 Cadute accidentali Possibile Modesta MEDIO 3 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Verificare l efficienza degli utensili utilizzati Vietare l avvicinamento, la sosta e il transito delle persone mediante avvisi e sbarramenti o transenne; Durante le operazioni di carico mantenere in equilibrio le macchine curando la corretta tensione delle funi di imbracatura utilizzate Lo smontaggio delle macchine dovrà avvenire previo distacco delle linee di alimentazione Indumenti ad alta visibilità

18 18 Prog / CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini S 9 SMOBILIZZO CANTIERE S 9.2 Smontaggio recinzioni Individuazione dei Smontaggio delle recinzioni di cantiere Rimozione dei pannelli di recinzione Ripristino delle aree precedentemente occupate dal cantiere mediante pulizia. Nello svolgimento dell attività lavorativa vengono utilizzate le seguenti Inalazione polveri Possibile Modesta MEDIO 3 Cadute accidentali Possibile Modesta MEDIO 3 Oltre alle misure generali di protezione nei confronti osservare le sotto riportate misure di protezione: Verificare l efficienza degli utensili utilizzati Curare la corretta movimentazione dei carichi Indumenti ad alta visibilità

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO)

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO) AREA EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni III, 25 - Rivoli (TO) INTERVENTI DI COMPLETAMENTO DI ADEGUAMENTO NORMATIVO

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli

Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ALLEGATO B Comuni di Volla e Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ed entità del danno, valutazione dell'esposizione al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008

Dettagli

Progettare la demolizione

Progettare la demolizione Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI La pianificazione della sicurezza

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Recinzione con tubi, pannelli o rete...3 Recinzione con cavalletti mobili o bande colorate...4 Attrezzature e macchine, carico e scarico dal mezzo

Dettagli

Schede delle fasi lavorative ALLESTIMENTO DELL AREA DI CANTIERE. Realizzazione della recinzione e degli accessi del cantiere F1.1

Schede delle fasi lavorative ALLESTIMENTO DELL AREA DI CANTIERE. Realizzazione della recinzione e degli accessi del cantiere F1.1 Schede delle fasi lavorative ALLESTIMENTO DELL AREA DI CANTIERE Realizzazione della recinzione e degli accessi del cantiere F1.1 Si allestirà l area di cantiere utilizzando parte della zona a verde attestante

Dettagli

Schede di sicurezza delle lavorazioni

Schede di sicurezza delle lavorazioni Pagina 108 PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA Viale Carlo Emanuele II Venaria Reale Attuazione Decreto Legislativo 81/2008 D.Lgs. 106/2009

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI. (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106)

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI. (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) ALLEGATO B Comune di Marineo Provincia di PA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: PROGETTO DEI LAVORI

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI Valutazione del rischio R = 2 x 2 = 4 S. 01 CATEGORIA: INSTALLAZIONE DEL CANTIERE OPERAZIONE: Installazione di impianto di terra e contro le scariche atmosferiche per il ponteggio ATTREZZATURE: Compressore,

Dettagli

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 Schede di supporto A Sicurezza generale B Sicurezza di fase A4 Installazione e smantellamento cantiere A7 Moti del terreno A8 Cadute di masse di terreno A10 Vento A11 Reti

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio.

Compreso trasporto, montaggio e smontaggio e preparazione della base in cls armata di appoggio. ORG: ORGANIZZAZIONE DI CANTIERE ORG.002 DELIMITAZIONI VARIE 1 ORG.001010 Recinzione di cantiere alta cm 200, eseguita ferri tondi infissi in basi cemento, rete metallica elettrosaldata e rete di plastica

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di ROCCABRUNA Provincia di CN ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

IL PREPOSTO DI CANTIERE

IL PREPOSTO DI CANTIERE kiker IL PREPOSTO DI CANTIERE Ruolo e responsabilità Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LA CORTE DI CASSAZIONE GLI ORIENTAMENTI DELLA SUPREMA CORTE Con sentenza Cass. Pen.

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO In conformità all art. 100 del Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i. ALLEGATO I PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE UFFICI SEDE DELL INVALSI Indirizzo cantiere:

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala

PROGETTO PRELIMINARE - VARIANTE - Il R.U.P.: ing. Francesco Cicala. Il Progettista: ing. Francesco Cicala Comune di Villaricca Provincia di Napoli Progetto per la realizzazione di un'area parcheggio pubblico e completamento impianto sportivo al Corso Italia con struttura polifunzionale PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO)

Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) PROGETTO ESECUTIVO Oggetto: FASCICOLO DELL OPERA Rifacimento totale degli impianti elettrici dell edificio scolastico Ungaretti sito in Via Volvera 14 nel Comune di Piossasco (TO) Committente: COMUNE DI

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l)

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) 13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) La valutazione delle spese di seguito esposta è finalizzata esclusivamente alla

Dettagli

COMPLESSO INCUBATORE INDUSTRIALE

COMPLESSO INCUBATORE INDUSTRIALE NR. DESCRIZIONE Oneri di sicurezza aggiuntivi alle forniture previste per il ", CENTRO DI ECCELLENZA, LABORATORIO PESANTE" a compenso della specifica disposizione del cantiere, dell'attuazione di tutte

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015. CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. FABRIZIO FLOREANI A.S. 2014/2015 CLASSE: 4ACAT MATERIA: Gestione del cantiere e sicurezza dell'ambiente di lavoro Modulo n. 1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Collocazione

Dettagli

- Procedura Operativa

- Procedura Operativa INTERVENTI DI MANUTENZIONE E DI RIMOZIONE DI TUBATURE IDRICHE IN CEMENTO-AMIANTO - Procedura Operativa 1 Predisposizione dell area cantiere 2 Esecuzione dello scavo e messa allo scoperto della tubazione

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di LENOLA Provincia di LT ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: PROGETTO PER L'INNALZAMENTO

Dettagli

Cronoprogramma Interventi

Cronoprogramma Interventi Cronoprogramma Interventi 1 mese 2 mese 3 mese 4 mese 5 mese 6 mese 7 mese 8 mese 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 4 1 2 3 Via Germagnano 11 pratiche asl Via Valdellatorre 138 pratiche

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di Firenze Provincia di FI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Lavori di restauro

Dettagli

PIANO DI DEMOLIZIONE. Impresa. Sede Legale. Oggetto dei lavori. Indirizzo del cantiere. Rev. Motivazione Data. 00 Emissione. Il Direttore dei Lavori

PIANO DI DEMOLIZIONE. Impresa. Sede Legale. Oggetto dei lavori. Indirizzo del cantiere. Rev. Motivazione Data. 00 Emissione. Il Direttore dei Lavori PIANO DI DEMOLIZIONE (DOCUMENTO EX ART. 151 DEL D.LGS. 81/2008) Impresa Sede Legale Oggetto dei lavori Indirizzo del cantiere Rev. Motivazione Data 00 Emissione 01 02 03 04 05 Azienda Il Direttore dei

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (Allegato XVI e art. 91 del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i - D.Lgs. 3 agosto

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASLAL CASALE MONFERRATO VIALE GIOLITTI 2

REGIONE PIEMONTE ASLAL CASALE MONFERRATO VIALE GIOLITTI 2 REGIONE PIEMONTE ASLAL CASALE MONFERRATO VIALE GIOLITTI 2 PROGETTO: LAVORI DI ADEGUAMENTO STRUTTURALE- IMPIANTISTICO NECESSARI PER LA RICOLLOCAZIONE LABORATORIO PREPARAZIONE FARMACI CHEMIOTERAPICI E GALENICI

Dettagli

STIMA COSTI PER LA SICUREZZA (D.Lgs 81-08 / Cap.28 Prezziario Regione Piemonte 2015)

STIMA COSTI PER LA SICUREZZA (D.Lgs 81-08 / Cap.28 Prezziario Regione Piemonte 2015) ALLEGATO III STIMA COSTI PER LA SICUREZZA (D.Lgs 81-08 / Cap.28 Prezziario Regione Piemonte 2015) Pag. 1 Numero d'ordine Nr.1 D E S C R I Z I O N E Quantità Unitario Totale Operaio Specializzato per formazione

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: Fornitura e posa in opera di ossarini prefabbricati

Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: Fornitura e posa in opera di ossarini prefabbricati 1 Capitolo 1 PIANO DI MANUTENZIONE DEFINIZIONE E SCOPI Il presente dell Opera, redatto in conformità all Art.38 del DPR 207/2010, contiene i seguenti documenti operativi: 1. il manuale d uso 2. il manuale

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico "U. Foscolo"

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico U. Foscolo ALLESTIMENTO E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Realizzazione della recinzione di cantiere e relativi accessi; utilizzo di reti e/o pannelli in metallo e/o tavole in legno Uso della mazza Uso di rete, pannelli

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (L.123/07 - art. 26 del D.Lgs. 81/08) STAZIONE APPALTANTE:

Dettagli

!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

!!!!!!! # #$ % # $$%!!!!!! ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!! $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT. cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Chioggia Provincia di VE DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 00 del D.Lgs. 9 aprile 008, n. 8 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 009, n. 06) OGGETTO: Ampliamento

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Decreti Legislativi 494/96 e 528/99 D.P.R. 222/2003 OGGETTO: COMMITTENTE: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA BONIFICA E LO SMALTIMENTO

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI DI SICUREZZA

OPERE PROVVISIONALI DI SICUREZZA COMUNE DI MASCALUCIA PROVINCIA DI CATANIA AREA LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE Servizio per la gestione e manutenzione impianti di depurazione acque reflue del Comune di Mascalucia OPERE PROVVISIONALI DI

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

I ponteggi metallici fissi

I ponteggi metallici fissi I ponteggi metallici fissi 10 errori da evitare 10 regole da seguire Ing. Luca Mangiapane Ing. Emiliano Davolio ASE Fuga da Alcatraz Divieto di arrampicarsi sui ponteggi Montare in sicurezza Sfortunato

Dettagli

ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO B PROGRAMMA DEI LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE PROGRAMMA LAVORI E DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE Lavorazione e disposizioni organizzative ALLESTIMENTO DEL CANTIERE Formazione recinzioni di delimitazione

Dettagli

ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI

ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA NEI CANTIERI ACCESSO in IN SICUREZZA AI CANTIERI SITUAZIONI di IN SICUREZZA

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI ALLEGATO A Comune di CRISPANO Provincia di NAPOLI DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: PROGETTO DI COMPLETAMENTO DELL'EDIFICIO LOCULI

Dettagli

REDAZIONE TABELLE DI CRITICITÀ GRUPPO 1 : OPERE DA IMPRENDITORE EDILE - RISTRUTTURAZIONI Sottocommissione sicurezza CROIL

REDAZIONE TABELLE DI CRITICITÀ GRUPPO 1 : OPERE DA IMPRENDITORE EDILE - RISTRUTTURAZIONI Sottocommissione sicurezza CROIL 1 MACROFASE OPERE DA IMPRENDITORE EDILE - RISTRUTTURAZIONI 1 LAVORAZIONE DEMOLIZIONE COMPLETA DI FABBRICATI 1.1.1 1.1.2 Allestimento e organizzazione area demolizione Demolizione con l utilizzo di mezzo

Dettagli

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni CERTIFICATO N.07089 ORGANISMO DI PROGETTAZIONE Committente COMUNE DI CIVATE Tipo di elaborato: Fascicolo Tecnico Progetto: Palestra comunale Commessa: E15047 Località: via A. Longoni CIVATE (LC) N Documento:

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi è stata effettuata in conformità alla normativa italiana vigente: - D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, "Attuazione dell'art. 1 della legge 3 agosto

Dettagli

ALLESTIMENTO DEL CANTIERE, PREDISPOSIZIONE IMPIANTI E POIZIONAMENTO CARTELLI SEGNALETICI IN CANTIERE

ALLESTIMENTO DEL CANTIERE, PREDISPOSIZIONE IMPIANTI E POIZIONAMENTO CARTELLI SEGNALETICI IN CANTIERE ALLESTIMENTO DEL CANTIERE, PREDISPOSIZIONE IMPIANTI E POIZIONAMENTO CARTELLI SEGNALETICI IN CANTIERE Realizzazione della recinzione di cantiere e relativi accessi. Montaggio baraccamenti e/o box prefabbricati

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com Sinergo Spa - via Ca Bembo 152-30030 - Maerne di Martellago - Venezia - Italy tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com oggetto PROGETTO ESECUTIVO AMMODERNAMENTO IMPIANTO

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Allegato A: SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI D.Lgs. 81/08 aggiornato al D.Lgs. 106/09.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Allegato A: SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI D.Lgs. 81/08 aggiornato al D.Lgs. 106/09. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI, AMBIENTE, EDIL. RES. PUBBL, SPORT DIVISIONE SERVIZI TECNICI ED EDILIZIA PER I SERVIZI CULTURALI SOCIALI COMMERCIALI SETTORE MANUTENZIONE STRAORDINARIA GENERICA

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ALLEGATO "B" Comune di Costermano Provincia di VR ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Costruzione

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 2 R I P O R T O LAVORI A CORPO SICUREZZA (SpCat 1) 1 / 1 NUCLEO ABITATIVO per servizi di cantiere. 28.A05.D05.005 Prefabbricato monoblocco ad uso ufficio, spogliatoio e servizi di cantiere. Caratteristiche:

Dettagli

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione

EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione EDISU PIEMONTE Servizio di Prevenzione e Protezione Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze redatto in relazione alle attività comprese nell appalto Servizio Ristorazione (art. 26, comma

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

CANTIERE: Strada Provinciale n. 130, Trani-Andria (Bari)

CANTIERE: Strada Provinciale n. 130, Trani-Andria (Bari) ALLEGATO B ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ed entità del danno, valutazione dell' al rumore e alle vibrazioni (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) OGGETTO: Lavori di ammodernamento ed allargamento

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106)

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) ALLEGATO "B" Comune di Ortona Provincia di Chieti ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106) OGGETTO: Completamento

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. 100 LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI DI E.R.P. IN S.PANCRAZIO SAL. (BR)

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COSTI PER LA SICUREZZA ORDINARIA La stima dei costi della sicurezza, come specificatamente richiesto al punto 4.1 dell allegato XV del D.Lgs. 81/2008, è stata redatta utilizzando

Dettagli

Computo Metrico Estimativo

Computo Metrico Estimativo SICUREZZA 10.1 RECINZIONE di cantiere realizzata con elementi 28.A05.E10.005 prefabbricati di rete metallica e montanti tubolari zincati con altezza minima di 2,00 m, posati su idonei supporti in calcestruzzo,

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

OPERAZIONI DI NECROFORIA

OPERAZIONI DI NECROFORIA OPERAZIONI DI NECROFORIA http://www.626ferrari.com/index_file/page1207.htm INUMAZIONE 1) predisporre un cordone di sicurezza intorno al perimetro della zona di lavoro del braccio della pala meccanica (tramite

Dettagli

OPERAZIONE INFRASTRUTTURALE 31

OPERAZIONE INFRASTRUTTURALE 31 COMUNITA' ECONOMICA EUROPEA REGIONE BASILICATA COMUNITA' MONTANA ALTO AGRI SOGGETTO RESPONSABILE Allegato n 22 Redatto da ATP Ing. A. Lauletta Arch. F. Torzillo Geol. P.M. Saponara Geom. D. Ielpo Collaborazione

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Area Edilizia ed Infrastrutture SETTORE TECNICO Parco Area delle Scienze 31/a 43124 PARMA - Tel 0521-905500 Fax 0521-347020 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ALLEGATO A

Dettagli

SCAVI e MOVIMENTO TERRA

SCAVI e MOVIMENTO TERRA SCAVI e MOVIMENTO TERRA Il quadro normativo D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 -art. 118 Splateamento e sbancamento -art. 119 Pozzi, scavi e cunicoli -art. 120 Deposito di materiali in prossimità degli scavi

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI. 6 aprile 2013. VADEMECUM_sicurezza_volontari.doc Rev. del 26/03/2013

VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI. 6 aprile 2013. VADEMECUM_sicurezza_volontari.doc Rev. del 26/03/2013 6 aprile 2013 VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI a cura di: Provincia di Torino - Servizio Pianificazione Risorse Idriche e Legambiente Piemonte e Valle d Aosta Ogni sito di intervento presenta differenti

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA

FASCICOLO DELL OPERA LP 162 REALIZZAZIONE NUOVO CENTRO POLIFUNZIONALE PRESSO GLI IMPIANTI SPORTIVI DI VIA DON BOSCO FASCICOLO DELL OPERA ai sensi del D.Lgs. 81/2008 COMMITTENTE: COMUNE DI BRUGINE (PD) IL RESPONSABILE DEI LAVORI:

Dettagli