I TRE FRATELLI ABBAGNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I TRE FRATELLI ABBAGNALE"

Transcript

1 I TRE FRATELLI ABBAGNALE di Claudio Loreto Seul Da sinistra: Carmine, Agostino e Giuseppe Abbagnale. Giuseppe e Carmine Abbagnale (guidati dal timoniere Giuseppe Di Capua) e il loro fratello minore Agostino sono unanimemente annoverati fra i più grandi canottieri di tutti i tempi. La leggenda degli Abbagnale è però legata non solo agli straordinari successi sportivi da essi conseguiti, ma anche al loro stile di vita: semplicità, umiltà e riservatezza li hanno sempre contraddistinti, rendendoli campioni nel senso più autentico del termine. Gli anni giovanili di Giuseppe e Carmine divisi tra scuola, sport e lavoro nel podere di famiglia hanno anche ispirato un film televisivo, intitolato significativamente Una Storia Italiana. La saga di questa inconsueta famiglia di contadini di Pompei ebbe inizio nel 1981 ai Campionati del Mondo di Monaco di Baviera, dove Giuseppe (22 anni), Carmine (19) ed il timoniere Peppiniello (23) posero termine invero un po a sorpresa al lungo predominio della Repubblica Democratica Tedesca nella specialità del 2con e, nel contempo, all oblio in cui era scivolato il canottaggio italiano dopo i Giochi Olimpici del 1968: 1 la loro vittoria ne preannunciò infatti la generale rinascita, che - favorita dalla modernità delle iniziative dell allora Presidente della F.I.C., Paolo D Aloja - avrebbe ricollocato l Italia tra le principali potenze remiere del mondo Monaco (Germania), bacino di Feldmoching: Giuseppe Di Capua, inimitabile barreur degli Abbagnale, alza le mani in segno di vittoria. 1 Cfr., al riguardo, gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /120 anni di F.I.C. /Campionati Mondiali 1981: rinasce il canottaggio azzurro. 1

2 L anno seguente, a Lucerna, il bis. I mass-media cominciarono ad interessarsi ai fratelloni, come vennero affettuosamente battezzati i due: loro allenatore era il medico generico Giuseppe La Mura, uno zio materno votato ad arruolare nelle fila del Circolo Nautico di Castellammare di Stabia ogni parente potenzialmente adatto al canottaggio; Giuseppe e Carmine, però, non lo chiamavano zio, bensì dottore e gli davano arcaicamente del Voi. Si seppe che essi si allenavano con mezzi quasi di fortuna ed in orari improponibili, perché oltrechè studiare dovevano spesso anche curvare la schiena sul campo di fiori fonte di sostentamento della famiglia: papà Vincenzo sembrava alquanto perplesso riguardo a quella distrazione dei figli, per mamma Virginia doveva restare un mero hobby subordinato agli studi. Non era dunque facile mantenersi al massimo livello: ai Mondiali del 1983 (Duisburg) la barca si dimostrò contratta e la Germania Orientale si riappropriò del titolo. Il terzo posto (secondi si erano classificati i sovietici) punse i fratelloni nell orgoglio: preparatisi a dovere, l anno seguente affrontarono e batterono due volte i campioni in carica; pertanto la successiva assenza di questi ultimi ai Giochi Olimpici di Los Angeles a causa del boicottaggio politico attuato dalle nazioni sotto l influenza dell U.R.S.S. (con l eccezione della Romania) non potè sminuire il valore della medaglia d oro conquistata il 5 agosto dagli azzurri: perfetti nello stile e nella tattica di gara, impressionanti in quanto a potenza, sul lago Casitas precedettero di oltre 5 secondi proprio l equipaggio rumeno (in futuro una costante spina nel fianco degli italiani). Pompei e Castellammare salutarono la vittoria olimpica con caroselli di automobili imbandierate e strombazzanti come avveniva per i successi nel calcio. 2 Giuseppe tornò dall America felice, certo, ma anche preoccupato: aveva già 25 anni e, nonostante il diploma conseguito all I.S.E.F., nessun lavoro era all orizzonte. L anno dopo, ad ogni modo, gli Abbagnale presenti ai Mondiali di Hazewinkel divennero addirittura tre: Giuseppe e Carmine, con Peppiniello, ancora sul gradino più alto del podio del 2con; Agostino (atleta ancora junior e dunque per tutti anche in futuro il fratellino ) a bordo di un sorprendente 8con superato in un finale palpitante soltanto dai sovietici per 87 centesimi di secondo. La mancanza di un lavoro riprese però ad assillare il capovoga del 2con Giuseppe, privandolo della serenità necessaria per la prosecuzione di un attività che imponeva sacrifici davvero enormi. Lo zio-allenatore riuscì infine a persuaderlo a tornare sulla barca, ma era ormai tardi per potere affrontare in modo adeguato la sfida lanciata da Andrew Holmes e Steve Redgrave: i due colossi britannici, medaglie d oro a Los Angeles nel 4con, si erano infatti prefissi di demolire il crescente mito dei fratelli campani. E, seppure di misura, ai Mondiali di Nottingham (1986) essi riuscirono nell intento. Ma Giuseppe aveva il cuore di un leone e il taciturno Carmine una forza di volontà ferrea; dal canto loro, il dottore a terra e il simpatico diavoletto Peppiniello in barca sapevano esaltare al massimo tali doti. Come nel 1983 la perdita del titolo, anzichè ingenerare dubbi, rafforzò la determinazione dell affiatatissimo quartetto: nel successivo campionato di Copenaghen il 2 con azzurro quasi umiliò gli inglesi che, sicuri di sé, avevano voluto competere anche nella specialità del 2 senza (questa, sì, vincendola il giorno precedente). A Pompei riesplose la gioia. Dopo Giuseppe (già da qualche tempo impiegato di banca), anche Carmine (nel frattempo diplomatosi all I.S.E.F.) trovò di lì a poco lavoro presso un ente pubblico; il timoniere, come centralinista, era anch egli già sistemato. La preparazione per le Olimpiadi di Seul potè pertanto svolgersi in un contesto psicologico più favorevole. Domenica 25 settembre 1988, bacino di Misari. In Italia era notte fonda, ma in tanti misero la sveglia: nell attesissima finale del 2 con gli italiani fulminarono gli avversari in partenza, ed accompagnati dalle grida d entusiasmo del telecronista-tifoso Giampiero 2 In merito al trionfo in terra americana, cfr. gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /Gli allori olimpici/los Angeles

3 Galezzi (il quale, raccontando a proprio modo le gare dei fratelloni, era riuscito a rendere più popolare il canottaggio in Italia) tagliarono il traguardo davanti alla Germania Orientale e al duo Holmes-Redgrave, di nuovo non paghi del titolo nel 2 senza conquistato il dì antecedente (Redgrave, peraltro, si sarebbe in seguito affermato con 5 ori e 1 bronzo olimpici il più grande canottiere maschile di tutti i tempi). La fotografia di Giuseppe mentre sollevava al cielo i pugni chiusi lanciando un urlo liberatorio finì sulle prime pagine dei giornali insieme a quella del superlativo 4 di coppia capitanato da un ritrovato Agostino, il quale mezz ora dopo aveva regalato alla storia dello sport una pagina davvero straordinaria: tre fratelli avevano conquistato l alloro olimpico nel medesimo giorno! Inoltre, per la prima volta, il canottaggio italiano vinceva due medaglie d oro in una stessa edizione dei Giochi. 3 Seul Giuseppe, Carmine e Peppiniello hanno appena conquistato il secondo alloro olimpico sull Empacher giallo protagonista delle loro imprese sportive da Los Angeles in avanti. Nella stagione successiva Giuseppe e Carmine sembrarono avere perduto stimoli: fu infatti un susseguirsi di sconfitte. Nella finale dei Mondiali di Bled ritrovarono però sé stessi e vinsero scavalcando negli annali altri due incredibili fratelli, i gemelli tedesco-orientali Bernd e Joerg Landvoigt, i quali con il 2senza negli anni 70 avevano fissato un record (2 ori olimpici e 4 titoli mondiali) da tutti reputato insuperabile; sul podio, stretto tra avversari fisicamente ben più imponenti di lui e del fratello, Giuseppe cedette alla commozione. Il 1990 fu per il nostro 2con un anno di prestazioni deludenti, determinate da malanni fisici ma soprattutto da una demotivazione di fondo tale da indurre La Mura a minacciare l abbandono. In novembre ai Mondiali di Barrington l equipaggio azzurro giunse addirittura ultimo nella propria batteria eliminatoria; nel recupero esso tirò però finalmente fuori la grinta necessaria e nella finale, superata la boa dei metri, diede spettacolo attuando una progressione incontrastabile: fu l ennesima impresa. Nel 1991 venne conquistato a Vienna il settimo titolo mondiale; e l anno dopo, a Barcellona, il terzo alloro olimpico sembrava anch esso a portata di mano: nella finale del 2 agosto Giuseppe e Carmine oltrepassarono i metri saldamente al comando, apprestandosi ad avviare un poderoso serrate finale; il successo era, agli occhi di tutti, oramai scontato. Eppure sul bacino di Banyoles quella domenica accadde qualcosa di 3 Riguardo a tale eccezionale avvenimento, cfr. gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /Gli allori olimpici/seoul

4 incredibile: i campioni in carica, tra lo stupore generale, lentamente si spensero mentre altri due fratelli i britannici Jonny e Greg Searle - viceversa accelerarono in modo inatteso ed impressionante, a poche decine di metri dal traguardo affiancarono gli azzurri e quindi li superarono per 115 centesimi di secondo. I tre italiani presero posto sul podio silenziosi, con la mente lontana, intenti a cercare una spiegazione a quel clamoroso finale; probabilmente, e semplicemente, l età aveva alla fine imposto la sua legge: i vogatori inglesi erano in media di ben dieci anni più giovani! Una sconfitta simile, tuttavia, sublimò ulteriormente la leggenda del 2con stabiese: Un dramma ancora più bello dell oro, titolò in prima pagina la Gazzetta dello Sport. Olimpiadi di Barcellona 1992, fotofinish della finale del 2con: dopo essere stati saldamente al comando per l intero corso della regata, Giuseppe e Carmine Abbagnale cedono inaspettatamente negli ultimi metri ai fratelli britannici Greg e Jonny Searle. E anche l ultima edizione olimpica in cui è presente la specialità del 2con. L anno dopo, ai Mondiali di Roudnice, i fratelloni tentarono contro i nuovi campioni olimpionici una improba rivincita; conclusero nuovamente secondi, ma si trattò, comunque, del tredicesimo podio intercontinentale consecutivo. Il trio, a questo punto, si sciolse; insieme a due nuovi compagni Gioacchino Cascone ed il timoniere Antonio Cirillo Carmine conquistò ancora una medaglia d argento ai Mondiali di Indianapolis (1994), svilita però dall intervenuto declassamento del 2con (così come del 4con) a specialità non più olimpica. Lo sport remiero, tuttavia, sembrava proprio non potere fare a meno della famiglia Abbagnale. Vinta sorprendentemente la tromboflebite ad una gamba che lo aveva costretto all inattività dal 1989 al 1995 e con le Olimpiadi di Atlanta dunque ormai alle porte, Agostino - graduato della Guardia di Finanza - provò un 2 di coppia con Davide Tizzano, il quale dopo l oro conquistato insieme a Seul aveva pure lui a lungo abbandonato i remi per dedicarsi alla vela. Non pochi sorrisero divertiti: talmente arrugginiti, dove si illudevano di arrivare quei due? 4

5 Agostino e Davide sfoderarono però una determinazione tale da produrre, in pochi mesi, un autentico miracolo sportivo: il 27 luglio 1996, sul lago Lanier, vinsero perentoriamente la medaglia d oro olimpica, sbalordendo i tecnici. 4 Atlanta 1996 Agostino Abbagnale (a sinistra) e Davide Tizzano Nei due anni seguenti, ad Aiguebelette e a Colonia, Agostino fece suo il titolo mondiale nel 4 di coppia. Agli inizi del 2000, in procinto di diventare padre, comunicò di volere smettere nonostante l imminenza delle Olimpiadi di Sydney; La Mura divenuto nel frattempo direttore tecnico della squadra nazionale italiana dovette rispolverare tutte le sue capacità di persuasione già usate tante volte in passato con gli altri due nipoti: così il 24 settembre, al terzo carrello di un 4 di coppia da tutti riconosciuto come uno degli armi tecnicamente più spettacolari nella storia del canottaggio, Agostino diventò sul bacino di Penrith, a 34 anni, l unico canottiere italiano ad avere collezionato tre allori olimpici. 5 Sydney 2000, gli Azzurri sulla prima pagina de La Gazzetta dello Sport. 4 Cfr., in proposito, gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /Gli allori olimpici/atlanta Cfr., in proposito, gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /Gli allori olimpici/sydney

6 Il fratellino tornò poi al 2 di coppia e nel 2002 insieme a Franco Berra fu argento ai Mondiali di Siviglia; i Giochi di Atene erano vicini allorché si ripropose, inatteso e vendicativo, l antico male all arto: Agostino, questa volta, dovette purtroppo arrendersi. Si concludeva dunque un capitolo davvero epico, e forse irripetibile, della storia della disciplina remiera. La grandezza sportiva di Giuseppe, Carmine e Agostino Abbagnale venne in seguito definitivamente consacrata dal riconoscimento ai medesimi del prestigioso premio Thomas Keller da parte della F.I.S.A., la Federazione remiera internazionale. Di seguito vengono riportati i risultati collezionati dai tre fratelli Abbagnale nelle edizioni dei Giochi Olimpici e dei Campionati del Mondo Assoluti alle quali essi hanno preso parte. Anno Evento Specialità Posizione Atleta 1980 Olimpiadi 2con 7 Giuseppe 1981 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1982 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1983 Mondiali 2con 3 Giuseppe e Carmine 1984 Olimpiadi 2con 1 Giuseppe e Carmine 1985 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 8con 2 Agostino 1986 Mondiali 2con 2 Giuseppe e Carmine 1987 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 4 di coppia 11 Agostino 1988 Olimpiadi 2con 1 Giuseppe e Carmine 4 di coppia 1 Agostino 1989 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1990 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1991 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1992 Olimpiadi 2con 2 Giuseppe e Carmine 1993 Mondiali 2con 2 Giuseppe e Carmine 1994 Mondiali 2con 2 Carmine 1995 Mondiali 8con 7 Giuseppe e Carmine 2 di coppia 13 Agostino 1996 Olimpiadi 2 di coppia 1 Agostino 8con 9 Carmine 1997 Mondiali 4 di coppia 1 Agostino 1998 Mondiali 4 di coppia 1 Agostino 1999 Mondiali 4 di coppia 7 Agostino 2000 Olimpiadi 4 di coppia 1 Agostino 2002 Mondiali 2 di coppia 2 Agostino Nota: presso l Organizzazione del Raid remiero Genova-Roma 2008 è disponibile un ampia raccolta di articoli di stampa relativi ai risultati in elenco. Copia degli stessi può essere richiesta dagli interessati utilizzando la voce contatti del sito web Qui si ripropone invece l intervista a Giuseppe e Carmine Abbagnale realizzata dal promotore del Raid, Claudio Loreto, dopo la loro riconquista del titolo mondiale nel

7 Corriere Mercantile, 31 ottobre 1987 I successi e le ambizioni dei due fratelli napoletani campioni di canottaggio Abbagnale: remando verso la leggenda Leader olimpici a Los Angeles, «mondiali» a Monaco e Hazewinkel, puntano al «bis» a cinque stelle a Seul. Una carriera costellata di sacrifici. La fragile imbarcazione approda dolcemente al pontile e al comando secco del timoniere «Peppiniello» Di Capua, un simpatico «monello» di 29 anni per 50 chili di peso, l'equipaggio più celebre dell'ultimo decennio abbandona i carrelli. Giuseppe e Carmine Abbagnale, rispettivamente 28 e 25 anni, un diploma di educazione fisica, ringraziano quanti, sfidando il violento acquazzone, accorrono per complimentarsi con loro; quindi, «disarmata» la barca, la strappano alle grigie acque dell Idroscalo di Milano, sulle quali hanno appena conquistato il loro ennesimo titolo nazionale, e con essa sulle spalle si dirigono stancamente verso il carrello del Circolo Nautico di Castellammare di Stabia, la società alla quale da sempre appartengono. Le medaglie ballano allegramente sulle canottiere a strisce gialle e azzurre impregnate di sudore e pioggia. I «campionissimi» le guardano con tenerezza, su quei pezzi di metallo tinti di scadente vernice gialla vi è incisa, invisibile, una storia di pesanti sacrifici, di anni ed anni di fatica forse senza eguali in altri sport; quella medaglietta è la sola ricompensa concessa dai regolamenti della F.I.S.A., la Federazione Internazionale di Canottaggio, la quale, cocciutamente arroccata nella salvaguardia di un dilettantismo «puro» ma anacronistico, vieta addirittura alle Società remiere di accettare «sponsorizzazioni», ormai ampiamente diffuse in qualsiasi altra disciplina sportiva. «Seppure lentamente, qualcosa comincia però a cambiare», dice Giuseppe. «La Federazione Italiana, ad esempio, dopo l'oro di Copenaghen ci ha promesso un premio di 18 milioni di lire: un autentica fortuna, per un canottiere!». Giacchè siamo in tema danese parliamo di Redgrave e Holmes, i due giganti britannici che lo scorso mondiale strapparono di prepotenza il titolo ai «fratelloni», facendo temere nell ambiente remiero azzurro l'inizio di un loro irreversibile declino. «L'anno scorso siamo giunti all'appuntamento iridato di Nottingham con alle spalle una preparazione invernale portata avanti con poca convinzione», spiega Giuseppe. «Non ultima, la sempre maggiore preoccupazione di trovarci avanti negli anni senza avere ancora un occupazione ci aveva privati della necessaria serenità e concentrazione. Quest anno il contesto psicologico è stato differente: il problema del posto di lavoro, ad esempio, seppure limitatamente a me (Carmine resta infatti tuttora disoccupato), è stato risolto con la mia assunzione presso la Banca Nazionale del Lavoro». - Giuseppe La Mura, vostro zio ed allenatore, dichiara che gli inglesi sono stati gli avversari più forti mai incontrati dagli Abbagnale. «Redgrave e Holmes - precisa Carmine, il meno loquace dei due - restano tuttora avversari temibilissimi». Un curriculum strepitoso, quello dei due atleti di Pompei. Dopo alcuni anni trascorsi «in sordina», 7

8 in categorie ed imbarcazioni differenti, nel su «intuizione» dell'appassionato La Mura - i due fratelli uniscono le forze e quello stesso anno, ai mondiali di Monaco, irrompono a sorpresa sulla scena di una specialità dominata da oltre un decennio da sovietici e tedeschi orientali. Giuseppe e Carmine si ripetono l'anno successivo a Lucerna; nel 1983 una «distrazione» a Duisburg, dove si devono accontentare del bronzo, prontamente riscattato con l'alloro olimpico di Los Angeles. Nel 1985, ai mondiali di Hazewinkel, è ancora oro. Nel 1986 la nota, cocente umiliazione inglese e nell agosto di quest'anno la pronta rivincita a Copenaghen: nella storia del «due con», la più dura fra le otto specialità del canottaggio, quella che «brucia» un canottiere nell'arco di poche stagioni, nessuno mai prima è rimasto tanto a lungo ai vertici; per dirla con le parole di Giampiero Galeazzi, ex-nazionale del remo azzurro ed appassionato telecronista delle loro imprese, gli Abbagnale sono un'autentica «leggenda» dello sport. «Leggenda è una parola roboante - obietta Carmine - Certo, è vero che una serie simile di risultati non è cosa da tutti i giorni. L'abbiamo comunque pagata con rinunce non indifferenti, tutti e tre, compreso l'elemento generalmente meno noto degli equipaggi di canottaggio, il timoniere: Peppiniello lavora part-time alla Sip dalle 10 di sera all'una di notte; alle 5 e mezzo del mattino è già in acqua con noi, gelato di freddo dentro l'angusta prua del due con». - Insomma, dove vuole arrivare questo fantastico trio di «matti»? «Fino a Seul senz altro - risponde Giuseppe - In banca mi hanno infatti garantito i permessi orari necessari per la prosecuzione degli allenamenti almeno fino al prossimo appuntamento olimpico. Dopo si vedrà, ora è prematuro parlarne». Chiediamo infine di Agostino, terzo (meno noto) dei fratelli Abbagnale (due anni fa, ad Hazewinkel, conquistò l'argento a bordo di uno strepitoso «otto» che per soli 87 centesimi di secondo non detronizzò i «mostri sacri» dell Urss (qui a Milano ha vinto il titolo italiano nel singolo). Tempo addietro si era parlato di riunire i tre fratelli sul «quattro con» per dare l'assalto ad un alloro che manca all'italia dalle lontane Olimpiadi di Melbourne. «Il progetto - spiega Giuseppe - per ora è accantonato». Forse perchè al momento non esiste sulla piazza una quarta voga in grado di «star dietro» a questi autentici fenomeni della natura: mamma Virginia e papà Vincenzo, tutti presi dal loro bel campo di gladioli, non potevano certo immaginare che un giorno lo sport italiano avrebbe avuto bisogno di un loro erede in più. Claudio Loreto Cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici 1992: portando il Tricolore, Giuseppe Abbagnale guida la squadra olimpica italiana. E la prima volta che tale onore spetta ad un canottiere. 8

Prua su Rio 2016 la nostra sfida. Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri

Prua su Rio 2016 la nostra sfida. Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri Prua su Rio 2016 la nostra sfida Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri Silvia e Vittorio sono velisti giovani e con molte vittorie alle spalle. Un equipaggio affiatato e determinato che ha lanciato una sfida:

Dettagli

2^ Etruscan Coastal Rowing

2^ Etruscan Coastal Rowing Comitato Provinciale Roma Circolo Canottieri Azzurra & Federazione Italiana Canottaggio con il patrocinio del Comune di Civitavecchia, organizzano la 2^ Etruscan Coastal Rowing Regata Nazionale Civitavecchia

Dettagli

ANTONIO LA TORRE Atletica Giovanile in Italia

ANTONIO LA TORRE Atletica Giovanile in Italia ANTONIO LA TORRE Atletica Giovanile in Italia Atletica giovanile in Italia Abstract L obiettivo principale di questo intervento è quello di andare ad analizzare lo stato di salute dell atletica giovanile

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

125 Jahre Münchener Eislauf-Verein v. 1883 e. V. Monaco di Baviera (Germania) 8-9.3.2008

125 Jahre Münchener Eislauf-Verein v. 1883 e. V. Monaco di Baviera (Germania) 8-9.3.2008 125 Jahre Münchener Eislauf-Verein v. 1883 e. V. Monaco di Baviera (Germania) 8-9.3.2008 Non è colpa mia, ma se voi continuate a trovare ogni scusa per fare gare master, poi mi costringete, contro la mia

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

PROGETTO AZZURRO Roma, 18 Aprile 2013 - Hotel Parco dei Principi

PROGETTO AZZURRO Roma, 18 Aprile 2013 - Hotel Parco dei Principi CONFERENZA STAMPA PROGETTO AZZURRO Roma, 18 Aprile 2013 - Hotel Parco dei Principi GIUSEPPE ABBAGNALE Presidente Federazione Italiana Canottaggio E nato a Pompei il 24 luglio 1959. Ha conseguito il diploma

Dettagli

La mia avventura nei Campionati inizia il 23 perché sono stato messo nella squadra del controllo imbarcazioni, e quindi ho comincio prima degli altri.

La mia avventura nei Campionati inizia il 23 perché sono stato messo nella squadra del controllo imbarcazioni, e quindi ho comincio prima degli altri. Brandeburg an der Havel, semplicemente detta Brandenburgo è una città tedesca di circa 75.000 abitanti. Nel medioevo diede il nome alla regione circostante, detta Marca di Brandeburgo, e successivamente

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

PRESENTAZIONE. Federazione Italiana Canottaggio

PRESENTAZIONE. Federazione Italiana Canottaggio Federazione Italiana Canottaggio LA MISSIONE Promuovere, organizzare e diffondere lo sport del canottaggio a tutti i livelli, insegnando i principi di lealtà, correttezza ed etica sportiva, di salubrità

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

PRESENTAZIONE. Federazione Italiana Canottaggio

PRESENTAZIONE. Federazione Italiana Canottaggio PRESENTAZIONE Federazione Italiana Canottaggio PRESENTAZIONE La Federazione Italiana Canottaggio (FIC) vanta una consolidata tradizione di successi agonistici confermata nel tempo da numerose medaglie

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

STEVEN REDGRAVE: «IL CAMPIONISSIMO»

STEVEN REDGRAVE: «IL CAMPIONISSIMO» STEVEN REDGRAVE: «IL CAMPIONISSIMO» di Claudio Loreto Un unico aggettivo può qualificare appropriatamente l inglese Stephen (detto Steven) Geoffrey Redgrave: epico. E non soltanto in quanto, fino ad oggi,

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO I CAVALLUCCI MARINI Un giorno, ad una gara di corsa, un cavalluccio marino sfidò un altro cavalluccio marino. Si chiamavano Pippo e Lucio. Pippo era coraggioso, umile e

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Rassegna Stampa. Martedì 19 maggio 2015

Rassegna Stampa. Martedì 19 maggio 2015 Rassegna Stampa Martedì 19 maggio 2015 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 02/43990431 Fax 02/45409587 help@sifasrl.com Rassegna

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo)

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) Siamo così giunti all ultima partita di campionato e, i nostri ragazzi

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI

UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI UN ANNO DI MUSICA CON IL MAESTRO GIUSEPPE VERDI PERCORSO INTERDISCIPLINARE DI MUSICA TECNOLOGIA IMMAGINE ITALIANO STORIA Classi 4 C e 5 B a.s. 2013 /2014 Il 10 ottobre 2013 noi alunni di tutta la Scuola

Dettagli

La ginnastica ritmica. La favola di Manola.

La ginnastica ritmica. La favola di Manola. La ginnastica ritmica. La favola di Manola. La sezione di ginnastica ritmica merita un capitolo tutto suo. Alla Petrarca questa disciplina ha trovato un terreno straordinariamente fertile, che ha consentito,

Dettagli

PIERO CHIARA. IL RACCONTO DI UNA VITA L infanzia

PIERO CHIARA. IL RACCONTO DI UNA VITA L infanzia L infanzia Intervista della Televisione Svizzera Italiana a Piero Chiara Mi è sempre piaciuto raccontare agli amici i casi della mia vita: ed è proprio su questi casi che io ritorno per ritrovare la materia

Dettagli

benedizione papale di papa Francesco a Belen

benedizione papale di papa Francesco a Belen benedizione papale di papa Francesco a Belen Grazie per la sua benedizione. #sonotroppoemozionata #troppo #troppoperme. Siamo agli scoccioli, agli ultimi particolari sul matrimonio Belen Rodríguez La showgirl,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Copertina OPPORTUNITA DI PARTNERSHIP

Copertina OPPORTUNITA DI PARTNERSHIP Copertina OPPORTUNITA DI PARTNERSHIP LIVELLO INTERNAZIONALE PARTNER MAGLIA AZZURRA acquisizione della qualifica per le Aziende che desiderino apporre il proprio marchio sul body delle Squadre Nazionali

Dettagli

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011 Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE IL PRONOSTICO DI... Per il doppio ex mister di Napoli e Cagliari, il

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Capitolo 3: Cenni di strategia

Capitolo 3: Cenni di strategia Capitolo 3: Cenni di strategia Le "Mobilità" L obiettivo fondamentale del gioco è, naturalmente, catturare semi, ma l obiettivo strategico più ampio è di guadagnare il controllo dei semi in modo da poter

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

Sveva Schiazzano nasce a Vico Equense l 8.10.1999. A soli 6 anni, nel 2005, insieme a Gaia Gargiulo (1 L/A), Fabrizia Frenda (1 L/B), Giovanni

Sveva Schiazzano nasce a Vico Equense l 8.10.1999. A soli 6 anni, nel 2005, insieme a Gaia Gargiulo (1 L/A), Fabrizia Frenda (1 L/B), Giovanni Sveva Schiazzano nasce a Vico Equense l 8.10.1999. A soli 6 anni, nel 2005, insieme a Gaia Gargiulo (1 L/A), Fabrizia Frenda (1 L/B), Giovanni Gargiulo (2 A) e Leopoldo Cianciullo (2 C), comincia a frequentare

Dettagli

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_

E poi aggiunse - Non voglio giocare a pallamuso, è solo per la fontanella, giuro! Gli avversari_ Gli avversari_ (leggi la prima parte) Dopo un po che si allenavano, Zio Champion disse loro di fermarsi e di bere qualcosa, sgridandoli, quando scoprì che non avevano portato nulla da bere! - È importante

Dettagli

A pesca di lucci in Svezia

A pesca di lucci in Svezia A pesca di lucci in Svezia Eccomi a raccontare una nuova esperienza di pesca..per chi non lo sapesse io sono nato in Svezia e quindi dopo diverse esperienze di pesca in giro per il mondo quest anno ho

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LE COSE CHE NON VI HO DETTO...

LE COSE CHE NON VI HO DETTO... archivio giugno 2012 LE COSE CHE NON VI HO DETTO... 25-06-2012 07:45 - Palla in Corner... MERCOLEDI', 27 GIUGNO 2012, si terrà presso il centro sportivo, l'ennesima e ultima, per quest'annata, riunione

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

TRAVERSATA A NUOTO. 230 km senza interruzioni

TRAVERSATA A NUOTO. 230 km senza interruzioni TRAVERSATA A NUOTO 230 km senza interruzioni Il Progetto Olbia Ostia a nuoto per un mondo senza barriere è un progetto senza fine di lucro che si propone di effettuare la traversata del Mar Tirreno a nuoto,

Dettagli

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36

Cardito di Vallerotonda. Reparto sagittario RM 36 Cardito di Vallerotonda Reparto sagittario RM 36 Lo scenario delle nostre avventure delle emozioni, delle esperienze che abbiamo vissuto e dei ricordi che ci rimarranno sempre impressi. Quest anno il campo

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Traduzione di. Claudia Manzolelli

Traduzione di. Claudia Manzolelli Traduzione di Claudia Manzolelli Ai miei genitori, George e Elizabeth Introduzione...1 1. L inizio della fine...9 2. Ritorno all ovile...21 3. Il consulente geriatrico...37 4. Galapagos...43 5. La caduta...51

Dettagli

DINO MENEGHIN. Udine. 22 settembre 08 ore 19.30. il monumento del basket nazionale BOTTA E RISPOSTA

DINO MENEGHIN. Udine. 22 settembre 08 ore 19.30. il monumento del basket nazionale BOTTA E RISPOSTA DINO MENEGHIN il monumento del basket nazionale BOTTA E RISPOSTA con la partecipazione di FRANCO MONTORRO Udine 22 settembre 08 ore 19.30 INGRESSO GRATUITO PROVINCIA DI UDINE - Sala del Consiglio - Piazza

Dettagli

CAVALLO DI BASTONI FERRARA

CAVALLO DI BASTONI FERRARA CUS FERRARA RUGBY OLD CAVALLO DI BASTONI FERRARA 2 TORNEO RUGBY OLD MEMORIAL ISIDORO QUAGLIO 1 GIUGNO 2014 FERRARA IMPIANTI CUS FERRARA RUGBY VIA GRAMICIA, 41 FERRARA Ritrovo ore 12 Calcio d inizio ore

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

STORIA e IMMAGINI del CINEMA del KUNG FU

STORIA e IMMAGINI del CINEMA del KUNG FU STORIA e IMMAGINI del CINEMA del KUNG FU Manifesto U.S.A. Capitolo 1 - Tutto cominciò con CINQUE DITA DI VIOLENZA Contrariamente a quello che molti pensano non fu la meteora Bruce Lee a far scoppiare in

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Beppe Severgnini. L inglese. Lezioni semiserie

Beppe Severgnini. L inglese. Lezioni semiserie Beppe Severgnini L inglese Lezioni semiserie Proprietà letteraria riservata 1992, 1994 R.C.S. Libri & Grandi Opere S.p.A., Milano 1997, 2010 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-04484-4 Prima edizione

Dettagli

Bollettino di informazione a cura del Volvera Rugby A.S.D. N. 8-25 gennaio 2016

Bollettino di informazione a cura del Volvera Rugby A.S.D. N. 8-25 gennaio 2016 FAMIGLIA GIALLONERA NEWS STAGIONE 2015/2016 Bollettino di informazione a cura del Volvera Rugby A.S.D. N. 8-25 gennaio 2016 SPAZIO CLUB Anche se in ritardo, desideriamo augurarvi un 2016 ovale e giallonero,

Dettagli

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!.

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. Dopo avere dedicato ampio spazio nei precedenti interventi al modello culturale del nostro Minibasket raccontando l esperienza finlandese, ora vorrei rivolgere

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE CENTENARIO DELLE TREGUE DI NATALE Venerdì 25 dicembre 1914, Belgio, settore settentrionale del fronte occidentale, trincee delle Fiandre, sud di Ypres: è il primo Natale

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

CIRCOLO CANOTTIERI SATURNIA S T A G I O N E 2014 2 POSTO IN CLASSIFICA NAZIONALE ASSOLUTA

CIRCOLO CANOTTIERI SATURNIA S T A G I O N E 2014 2 POSTO IN CLASSIFICA NAZIONALE ASSOLUTA CIRCOLO CANOTTIERI SATURNIA Al Circolo Canottieri Saturnia la pratica del canottaggio è divisa in diversi settori: SQUADRA AGONISTICA OVER 14 SQUADRA UNDER 14 GRUPPO PREAGONISMO GRUPPO AMATORIALE PROGETTO

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta FINALITA -EDUCARE ALLA CITTADINANZA PER SCOPRIRE GLI ALTRI, GESTIRE CONTRASTI, RICONOSCENDO DIRITTI E DOVERI ATTRAVERSO

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO NOI, VOI. STESSA STRADA, STESSO SUCCESSO Pubblicità o sponsorizzazioni? Ti stai chiedendo cosa dovresti guadagnarci

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 - Fax 051/26.74.55

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Successo di pubblico per il Raduno Auto Storiche Città di San Lorenzo Nuovo In: Motori, San Lorenzo Nuovo, Sport 8 settembre 2012-11:25

Successo di pubblico per il Raduno Auto Storiche Città di San Lorenzo Nuovo In: Motori, San Lorenzo Nuovo, Sport 8 settembre 2012-11:25 Successo di pubblico per il Raduno Auto Storiche Città di San Lorenzo Nuovo In: Motori, San Lorenzo Nuovo, Sport 8 settembre 2012-11:25 SAN LORENZO NUOVO Grande successo di iscritti e di pubblico alla

Dettagli

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele Un giorno, finita la scuola siamo passati dal bar per comprare le cicche. Eravamo a piedi, desiderosi di fare due passi all'aria aperta e di goderci la bella giornata. Quando siamo usciti dal bar è arrivato

Dettagli

STORIE PER HALLOWEEN

STORIE PER HALLOWEEN STORIE PER HALLOWEEN RITA SABATINI LA STREGA MATTACCHIONA Nella notte di Halloween la strega Mattacchiona si diverte a fare degli scherzi davvero incredibili. Prima di tutto mette sul fuoco un grande pentolone

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Creazzo 12 Dicembre 2009 PROFILI ATLETI PREMIAZIONE ANNO AGONISTICO 2008/2009

Creazzo 12 Dicembre 2009 PROFILI ATLETI PREMIAZIONE ANNO AGONISTICO 2008/2009 Creazzo 12 Dicembre 2009 PROFILI ATLETI PREMIAZIONE ANNO AGONISTICO 2008/2009 SERATA DI PREMIAZIONE ATLETI LEOSPORT STAGIONE AGONISTICA 2008/2009 LUNEDI 12 DICEMBRE 2009 ore 19.00 Presso AUDITORIUM SCUOLE

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie Presupposti In ogni disciplina sportiva sono vari gli aspetti da curare per la formazione

Dettagli

Griglia di correzione FASCICOLO 1 Scuola secondaria di II grado Classe seconda Anno scolastico 2012 2013

Griglia di correzione FASCICOLO 1 Scuola secondaria di II grado Classe seconda Anno scolastico 2012 2013 Griglia di correzione FASCICOLO 1 Scuola secondaria di II grado Classe seconda Anno scolastico 2012 2013 Dromedari Parte prima Testo A. A1. B A2. A A3. C A4. D A5. D A6. B A7. D A8. C Giocare con la vita

Dettagli

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE

CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE CLASSI 1 A 1 B SCUOLA PRIMARIA di CAMPOMAGGIORE Lucia è una piccola giraffa che viene rapita e portata via dal suo ambiente naturale e dalla sua famiglia. Nel periodo di convivenza forzata con la famiglia

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Davide Uzzo LA COSTANZA PREMIA

Davide Uzzo LA COSTANZA PREMIA La costanza premia Davide Uzzo LA COSTANZA PREMIA INDICE La costanza premia PAG. 07 PAG. 11 PAG. 17 PAG. 26 PAG. 39 PAG. 44 PAG. 47 INTRODUZIONE SIETE PRONTI? SI COMINCIA! VARIE TECNICHE DI SCOMMESSA

Dettagli

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE 1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE La manifestazione si svolgerà presso il PALASPORT FONTESCODELLA DI MACERATA DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010 Il ritrovo è fissato alle ore 13:15 Lo

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli