I TRE FRATELLI ABBAGNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I TRE FRATELLI ABBAGNALE"

Transcript

1 I TRE FRATELLI ABBAGNALE di Claudio Loreto Seul Da sinistra: Carmine, Agostino e Giuseppe Abbagnale. Giuseppe e Carmine Abbagnale (guidati dal timoniere Giuseppe Di Capua) e il loro fratello minore Agostino sono unanimemente annoverati fra i più grandi canottieri di tutti i tempi. La leggenda degli Abbagnale è però legata non solo agli straordinari successi sportivi da essi conseguiti, ma anche al loro stile di vita: semplicità, umiltà e riservatezza li hanno sempre contraddistinti, rendendoli campioni nel senso più autentico del termine. Gli anni giovanili di Giuseppe e Carmine divisi tra scuola, sport e lavoro nel podere di famiglia hanno anche ispirato un film televisivo, intitolato significativamente Una Storia Italiana. La saga di questa inconsueta famiglia di contadini di Pompei ebbe inizio nel 1981 ai Campionati del Mondo di Monaco di Baviera, dove Giuseppe (22 anni), Carmine (19) ed il timoniere Peppiniello (23) posero termine invero un po a sorpresa al lungo predominio della Repubblica Democratica Tedesca nella specialità del 2con e, nel contempo, all oblio in cui era scivolato il canottaggio italiano dopo i Giochi Olimpici del 1968: 1 la loro vittoria ne preannunciò infatti la generale rinascita, che - favorita dalla modernità delle iniziative dell allora Presidente della F.I.C., Paolo D Aloja - avrebbe ricollocato l Italia tra le principali potenze remiere del mondo Monaco (Germania), bacino di Feldmoching: Giuseppe Di Capua, inimitabile barreur degli Abbagnale, alza le mani in segno di vittoria. 1 Cfr., al riguardo, gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /120 anni di F.I.C. /Campionati Mondiali 1981: rinasce il canottaggio azzurro. 1

2 L anno seguente, a Lucerna, il bis. I mass-media cominciarono ad interessarsi ai fratelloni, come vennero affettuosamente battezzati i due: loro allenatore era il medico generico Giuseppe La Mura, uno zio materno votato ad arruolare nelle fila del Circolo Nautico di Castellammare di Stabia ogni parente potenzialmente adatto al canottaggio; Giuseppe e Carmine, però, non lo chiamavano zio, bensì dottore e gli davano arcaicamente del Voi. Si seppe che essi si allenavano con mezzi quasi di fortuna ed in orari improponibili, perché oltrechè studiare dovevano spesso anche curvare la schiena sul campo di fiori fonte di sostentamento della famiglia: papà Vincenzo sembrava alquanto perplesso riguardo a quella distrazione dei figli, per mamma Virginia doveva restare un mero hobby subordinato agli studi. Non era dunque facile mantenersi al massimo livello: ai Mondiali del 1983 (Duisburg) la barca si dimostrò contratta e la Germania Orientale si riappropriò del titolo. Il terzo posto (secondi si erano classificati i sovietici) punse i fratelloni nell orgoglio: preparatisi a dovere, l anno seguente affrontarono e batterono due volte i campioni in carica; pertanto la successiva assenza di questi ultimi ai Giochi Olimpici di Los Angeles a causa del boicottaggio politico attuato dalle nazioni sotto l influenza dell U.R.S.S. (con l eccezione della Romania) non potè sminuire il valore della medaglia d oro conquistata il 5 agosto dagli azzurri: perfetti nello stile e nella tattica di gara, impressionanti in quanto a potenza, sul lago Casitas precedettero di oltre 5 secondi proprio l equipaggio rumeno (in futuro una costante spina nel fianco degli italiani). Pompei e Castellammare salutarono la vittoria olimpica con caroselli di automobili imbandierate e strombazzanti come avveniva per i successi nel calcio. 2 Giuseppe tornò dall America felice, certo, ma anche preoccupato: aveva già 25 anni e, nonostante il diploma conseguito all I.S.E.F., nessun lavoro era all orizzonte. L anno dopo, ad ogni modo, gli Abbagnale presenti ai Mondiali di Hazewinkel divennero addirittura tre: Giuseppe e Carmine, con Peppiniello, ancora sul gradino più alto del podio del 2con; Agostino (atleta ancora junior e dunque per tutti anche in futuro il fratellino ) a bordo di un sorprendente 8con superato in un finale palpitante soltanto dai sovietici per 87 centesimi di secondo. La mancanza di un lavoro riprese però ad assillare il capovoga del 2con Giuseppe, privandolo della serenità necessaria per la prosecuzione di un attività che imponeva sacrifici davvero enormi. Lo zio-allenatore riuscì infine a persuaderlo a tornare sulla barca, ma era ormai tardi per potere affrontare in modo adeguato la sfida lanciata da Andrew Holmes e Steve Redgrave: i due colossi britannici, medaglie d oro a Los Angeles nel 4con, si erano infatti prefissi di demolire il crescente mito dei fratelli campani. E, seppure di misura, ai Mondiali di Nottingham (1986) essi riuscirono nell intento. Ma Giuseppe aveva il cuore di un leone e il taciturno Carmine una forza di volontà ferrea; dal canto loro, il dottore a terra e il simpatico diavoletto Peppiniello in barca sapevano esaltare al massimo tali doti. Come nel 1983 la perdita del titolo, anzichè ingenerare dubbi, rafforzò la determinazione dell affiatatissimo quartetto: nel successivo campionato di Copenaghen il 2 con azzurro quasi umiliò gli inglesi che, sicuri di sé, avevano voluto competere anche nella specialità del 2 senza (questa, sì, vincendola il giorno precedente). A Pompei riesplose la gioia. Dopo Giuseppe (già da qualche tempo impiegato di banca), anche Carmine (nel frattempo diplomatosi all I.S.E.F.) trovò di lì a poco lavoro presso un ente pubblico; il timoniere, come centralinista, era anch egli già sistemato. La preparazione per le Olimpiadi di Seul potè pertanto svolgersi in un contesto psicologico più favorevole. Domenica 25 settembre 1988, bacino di Misari. In Italia era notte fonda, ma in tanti misero la sveglia: nell attesissima finale del 2 con gli italiani fulminarono gli avversari in partenza, ed accompagnati dalle grida d entusiasmo del telecronista-tifoso Giampiero 2 In merito al trionfo in terra americana, cfr. gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /Gli allori olimpici/los Angeles

3 Galezzi (il quale, raccontando a proprio modo le gare dei fratelloni, era riuscito a rendere più popolare il canottaggio in Italia) tagliarono il traguardo davanti alla Germania Orientale e al duo Holmes-Redgrave, di nuovo non paghi del titolo nel 2 senza conquistato il dì antecedente (Redgrave, peraltro, si sarebbe in seguito affermato con 5 ori e 1 bronzo olimpici il più grande canottiere maschile di tutti i tempi). La fotografia di Giuseppe mentre sollevava al cielo i pugni chiusi lanciando un urlo liberatorio finì sulle prime pagine dei giornali insieme a quella del superlativo 4 di coppia capitanato da un ritrovato Agostino, il quale mezz ora dopo aveva regalato alla storia dello sport una pagina davvero straordinaria: tre fratelli avevano conquistato l alloro olimpico nel medesimo giorno! Inoltre, per la prima volta, il canottaggio italiano vinceva due medaglie d oro in una stessa edizione dei Giochi. 3 Seul Giuseppe, Carmine e Peppiniello hanno appena conquistato il secondo alloro olimpico sull Empacher giallo protagonista delle loro imprese sportive da Los Angeles in avanti. Nella stagione successiva Giuseppe e Carmine sembrarono avere perduto stimoli: fu infatti un susseguirsi di sconfitte. Nella finale dei Mondiali di Bled ritrovarono però sé stessi e vinsero scavalcando negli annali altri due incredibili fratelli, i gemelli tedesco-orientali Bernd e Joerg Landvoigt, i quali con il 2senza negli anni 70 avevano fissato un record (2 ori olimpici e 4 titoli mondiali) da tutti reputato insuperabile; sul podio, stretto tra avversari fisicamente ben più imponenti di lui e del fratello, Giuseppe cedette alla commozione. Il 1990 fu per il nostro 2con un anno di prestazioni deludenti, determinate da malanni fisici ma soprattutto da una demotivazione di fondo tale da indurre La Mura a minacciare l abbandono. In novembre ai Mondiali di Barrington l equipaggio azzurro giunse addirittura ultimo nella propria batteria eliminatoria; nel recupero esso tirò però finalmente fuori la grinta necessaria e nella finale, superata la boa dei metri, diede spettacolo attuando una progressione incontrastabile: fu l ennesima impresa. Nel 1991 venne conquistato a Vienna il settimo titolo mondiale; e l anno dopo, a Barcellona, il terzo alloro olimpico sembrava anch esso a portata di mano: nella finale del 2 agosto Giuseppe e Carmine oltrepassarono i metri saldamente al comando, apprestandosi ad avviare un poderoso serrate finale; il successo era, agli occhi di tutti, oramai scontato. Eppure sul bacino di Banyoles quella domenica accadde qualcosa di 3 Riguardo a tale eccezionale avvenimento, cfr. gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /Gli allori olimpici/seoul

4 incredibile: i campioni in carica, tra lo stupore generale, lentamente si spensero mentre altri due fratelli i britannici Jonny e Greg Searle - viceversa accelerarono in modo inatteso ed impressionante, a poche decine di metri dal traguardo affiancarono gli azzurri e quindi li superarono per 115 centesimi di secondo. I tre italiani presero posto sul podio silenziosi, con la mente lontana, intenti a cercare una spiegazione a quel clamoroso finale; probabilmente, e semplicemente, l età aveva alla fine imposto la sua legge: i vogatori inglesi erano in media di ben dieci anni più giovani! Una sconfitta simile, tuttavia, sublimò ulteriormente la leggenda del 2con stabiese: Un dramma ancora più bello dell oro, titolò in prima pagina la Gazzetta dello Sport. Olimpiadi di Barcellona 1992, fotofinish della finale del 2con: dopo essere stati saldamente al comando per l intero corso della regata, Giuseppe e Carmine Abbagnale cedono inaspettatamente negli ultimi metri ai fratelli britannici Greg e Jonny Searle. E anche l ultima edizione olimpica in cui è presente la specialità del 2con. L anno dopo, ai Mondiali di Roudnice, i fratelloni tentarono contro i nuovi campioni olimpionici una improba rivincita; conclusero nuovamente secondi, ma si trattò, comunque, del tredicesimo podio intercontinentale consecutivo. Il trio, a questo punto, si sciolse; insieme a due nuovi compagni Gioacchino Cascone ed il timoniere Antonio Cirillo Carmine conquistò ancora una medaglia d argento ai Mondiali di Indianapolis (1994), svilita però dall intervenuto declassamento del 2con (così come del 4con) a specialità non più olimpica. Lo sport remiero, tuttavia, sembrava proprio non potere fare a meno della famiglia Abbagnale. Vinta sorprendentemente la tromboflebite ad una gamba che lo aveva costretto all inattività dal 1989 al 1995 e con le Olimpiadi di Atlanta dunque ormai alle porte, Agostino - graduato della Guardia di Finanza - provò un 2 di coppia con Davide Tizzano, il quale dopo l oro conquistato insieme a Seul aveva pure lui a lungo abbandonato i remi per dedicarsi alla vela. Non pochi sorrisero divertiti: talmente arrugginiti, dove si illudevano di arrivare quei due? 4

5 Agostino e Davide sfoderarono però una determinazione tale da produrre, in pochi mesi, un autentico miracolo sportivo: il 27 luglio 1996, sul lago Lanier, vinsero perentoriamente la medaglia d oro olimpica, sbalordendo i tecnici. 4 Atlanta 1996 Agostino Abbagnale (a sinistra) e Davide Tizzano Nei due anni seguenti, ad Aiguebelette e a Colonia, Agostino fece suo il titolo mondiale nel 4 di coppia. Agli inizi del 2000, in procinto di diventare padre, comunicò di volere smettere nonostante l imminenza delle Olimpiadi di Sydney; La Mura divenuto nel frattempo direttore tecnico della squadra nazionale italiana dovette rispolverare tutte le sue capacità di persuasione già usate tante volte in passato con gli altri due nipoti: così il 24 settembre, al terzo carrello di un 4 di coppia da tutti riconosciuto come uno degli armi tecnicamente più spettacolari nella storia del canottaggio, Agostino diventò sul bacino di Penrith, a 34 anni, l unico canottiere italiano ad avere collezionato tre allori olimpici. 5 Sydney 2000, gli Azzurri sulla prima pagina de La Gazzetta dello Sport. 4 Cfr., in proposito, gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /Gli allori olimpici/atlanta Cfr., in proposito, gli articoli di stampa dell epoca riproposti sul sito web sezione Storie di remi ed eroi /Gli allori olimpici/sydney

6 Il fratellino tornò poi al 2 di coppia e nel 2002 insieme a Franco Berra fu argento ai Mondiali di Siviglia; i Giochi di Atene erano vicini allorché si ripropose, inatteso e vendicativo, l antico male all arto: Agostino, questa volta, dovette purtroppo arrendersi. Si concludeva dunque un capitolo davvero epico, e forse irripetibile, della storia della disciplina remiera. La grandezza sportiva di Giuseppe, Carmine e Agostino Abbagnale venne in seguito definitivamente consacrata dal riconoscimento ai medesimi del prestigioso premio Thomas Keller da parte della F.I.S.A., la Federazione remiera internazionale. Di seguito vengono riportati i risultati collezionati dai tre fratelli Abbagnale nelle edizioni dei Giochi Olimpici e dei Campionati del Mondo Assoluti alle quali essi hanno preso parte. Anno Evento Specialità Posizione Atleta 1980 Olimpiadi 2con 7 Giuseppe 1981 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1982 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1983 Mondiali 2con 3 Giuseppe e Carmine 1984 Olimpiadi 2con 1 Giuseppe e Carmine 1985 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 8con 2 Agostino 1986 Mondiali 2con 2 Giuseppe e Carmine 1987 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 4 di coppia 11 Agostino 1988 Olimpiadi 2con 1 Giuseppe e Carmine 4 di coppia 1 Agostino 1989 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1990 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1991 Mondiali 2con 1 Giuseppe e Carmine 1992 Olimpiadi 2con 2 Giuseppe e Carmine 1993 Mondiali 2con 2 Giuseppe e Carmine 1994 Mondiali 2con 2 Carmine 1995 Mondiali 8con 7 Giuseppe e Carmine 2 di coppia 13 Agostino 1996 Olimpiadi 2 di coppia 1 Agostino 8con 9 Carmine 1997 Mondiali 4 di coppia 1 Agostino 1998 Mondiali 4 di coppia 1 Agostino 1999 Mondiali 4 di coppia 7 Agostino 2000 Olimpiadi 4 di coppia 1 Agostino 2002 Mondiali 2 di coppia 2 Agostino Nota: presso l Organizzazione del Raid remiero Genova-Roma 2008 è disponibile un ampia raccolta di articoli di stampa relativi ai risultati in elenco. Copia degli stessi può essere richiesta dagli interessati utilizzando la voce contatti del sito web Qui si ripropone invece l intervista a Giuseppe e Carmine Abbagnale realizzata dal promotore del Raid, Claudio Loreto, dopo la loro riconquista del titolo mondiale nel

7 Corriere Mercantile, 31 ottobre 1987 I successi e le ambizioni dei due fratelli napoletani campioni di canottaggio Abbagnale: remando verso la leggenda Leader olimpici a Los Angeles, «mondiali» a Monaco e Hazewinkel, puntano al «bis» a cinque stelle a Seul. Una carriera costellata di sacrifici. La fragile imbarcazione approda dolcemente al pontile e al comando secco del timoniere «Peppiniello» Di Capua, un simpatico «monello» di 29 anni per 50 chili di peso, l'equipaggio più celebre dell'ultimo decennio abbandona i carrelli. Giuseppe e Carmine Abbagnale, rispettivamente 28 e 25 anni, un diploma di educazione fisica, ringraziano quanti, sfidando il violento acquazzone, accorrono per complimentarsi con loro; quindi, «disarmata» la barca, la strappano alle grigie acque dell Idroscalo di Milano, sulle quali hanno appena conquistato il loro ennesimo titolo nazionale, e con essa sulle spalle si dirigono stancamente verso il carrello del Circolo Nautico di Castellammare di Stabia, la società alla quale da sempre appartengono. Le medaglie ballano allegramente sulle canottiere a strisce gialle e azzurre impregnate di sudore e pioggia. I «campionissimi» le guardano con tenerezza, su quei pezzi di metallo tinti di scadente vernice gialla vi è incisa, invisibile, una storia di pesanti sacrifici, di anni ed anni di fatica forse senza eguali in altri sport; quella medaglietta è la sola ricompensa concessa dai regolamenti della F.I.S.A., la Federazione Internazionale di Canottaggio, la quale, cocciutamente arroccata nella salvaguardia di un dilettantismo «puro» ma anacronistico, vieta addirittura alle Società remiere di accettare «sponsorizzazioni», ormai ampiamente diffuse in qualsiasi altra disciplina sportiva. «Seppure lentamente, qualcosa comincia però a cambiare», dice Giuseppe. «La Federazione Italiana, ad esempio, dopo l'oro di Copenaghen ci ha promesso un premio di 18 milioni di lire: un autentica fortuna, per un canottiere!». Giacchè siamo in tema danese parliamo di Redgrave e Holmes, i due giganti britannici che lo scorso mondiale strapparono di prepotenza il titolo ai «fratelloni», facendo temere nell ambiente remiero azzurro l'inizio di un loro irreversibile declino. «L'anno scorso siamo giunti all'appuntamento iridato di Nottingham con alle spalle una preparazione invernale portata avanti con poca convinzione», spiega Giuseppe. «Non ultima, la sempre maggiore preoccupazione di trovarci avanti negli anni senza avere ancora un occupazione ci aveva privati della necessaria serenità e concentrazione. Quest anno il contesto psicologico è stato differente: il problema del posto di lavoro, ad esempio, seppure limitatamente a me (Carmine resta infatti tuttora disoccupato), è stato risolto con la mia assunzione presso la Banca Nazionale del Lavoro». - Giuseppe La Mura, vostro zio ed allenatore, dichiara che gli inglesi sono stati gli avversari più forti mai incontrati dagli Abbagnale. «Redgrave e Holmes - precisa Carmine, il meno loquace dei due - restano tuttora avversari temibilissimi». Un curriculum strepitoso, quello dei due atleti di Pompei. Dopo alcuni anni trascorsi «in sordina», 7

8 in categorie ed imbarcazioni differenti, nel su «intuizione» dell'appassionato La Mura - i due fratelli uniscono le forze e quello stesso anno, ai mondiali di Monaco, irrompono a sorpresa sulla scena di una specialità dominata da oltre un decennio da sovietici e tedeschi orientali. Giuseppe e Carmine si ripetono l'anno successivo a Lucerna; nel 1983 una «distrazione» a Duisburg, dove si devono accontentare del bronzo, prontamente riscattato con l'alloro olimpico di Los Angeles. Nel 1985, ai mondiali di Hazewinkel, è ancora oro. Nel 1986 la nota, cocente umiliazione inglese e nell agosto di quest'anno la pronta rivincita a Copenaghen: nella storia del «due con», la più dura fra le otto specialità del canottaggio, quella che «brucia» un canottiere nell'arco di poche stagioni, nessuno mai prima è rimasto tanto a lungo ai vertici; per dirla con le parole di Giampiero Galeazzi, ex-nazionale del remo azzurro ed appassionato telecronista delle loro imprese, gli Abbagnale sono un'autentica «leggenda» dello sport. «Leggenda è una parola roboante - obietta Carmine - Certo, è vero che una serie simile di risultati non è cosa da tutti i giorni. L'abbiamo comunque pagata con rinunce non indifferenti, tutti e tre, compreso l'elemento generalmente meno noto degli equipaggi di canottaggio, il timoniere: Peppiniello lavora part-time alla Sip dalle 10 di sera all'una di notte; alle 5 e mezzo del mattino è già in acqua con noi, gelato di freddo dentro l'angusta prua del due con». - Insomma, dove vuole arrivare questo fantastico trio di «matti»? «Fino a Seul senz altro - risponde Giuseppe - In banca mi hanno infatti garantito i permessi orari necessari per la prosecuzione degli allenamenti almeno fino al prossimo appuntamento olimpico. Dopo si vedrà, ora è prematuro parlarne». Chiediamo infine di Agostino, terzo (meno noto) dei fratelli Abbagnale (due anni fa, ad Hazewinkel, conquistò l'argento a bordo di uno strepitoso «otto» che per soli 87 centesimi di secondo non detronizzò i «mostri sacri» dell Urss (qui a Milano ha vinto il titolo italiano nel singolo). Tempo addietro si era parlato di riunire i tre fratelli sul «quattro con» per dare l'assalto ad un alloro che manca all'italia dalle lontane Olimpiadi di Melbourne. «Il progetto - spiega Giuseppe - per ora è accantonato». Forse perchè al momento non esiste sulla piazza una quarta voga in grado di «star dietro» a questi autentici fenomeni della natura: mamma Virginia e papà Vincenzo, tutti presi dal loro bel campo di gladioli, non potevano certo immaginare che un giorno lo sport italiano avrebbe avuto bisogno di un loro erede in più. Claudio Loreto Cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici 1992: portando il Tricolore, Giuseppe Abbagnale guida la squadra olimpica italiana. E la prima volta che tale onore spetta ad un canottiere. 8

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il

Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il Al giorno d oggi per dare un significato alla nostra vita, occorre dedicare + spazio e + tempo per pensare a noi stessi perché come ci suggerisce il pensiero di Enzo Bianchi conosciamo più cose fuori di

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it INDICE PAGINA 9 PREFAZIONE di Rossella Grenci 13 PRESENTAZIONE Rossella Grenci, Daniele Zanoni 20 LISTA DI ALCUNI DISLESSICI

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli