Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile."

Transcript

1 Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile. Piazza San Sebastiano, Affile Studente n V13241 Tesi Relatore: Dottor David Laven 1

2 Il Maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile Victoria Witkowski Studente numero Storia Relatore: Dottor David Laven V13241 Tesi Data di domanda: 02/05/2013 2

3 Ringraziamenti: Per la solerte collaborazione per la stesura di questa tesi ringrazio: mia madre, mio padre, i miei nonni, il Dottor David Laven, la Dottoressa Nicoletta Nefri, il Dottor Alessandro Cannavò, il Dottor Marino Vigano, il Sindaco Dottor Viri, il Dottor Angelo Del Boca, il Dottor Luigi Ganapini, il Dottor Emanuele Bettini, il Dottor James Walston, il Dottor Antonio Morone, il Dottor Richard Pankhurst, Fabio La Ferla. 3

4 SOMMARIO Questa tesi di parole analizza e descrive il modo in cui il Maresciallo Rodolfo Graziani è considerato sia a livello nazionale che internazionale durante tutto il suo processo riguardo le conseguenze della Seconda Guerra Mondiale e la caduta del Fascismo in Italia, e le ragioni di tali valutazioni. Il primo capitolo valuta le rilevanze storiche e come i precedenti studiosi hanno impattato sulle visioni popolari di Graziani. Per questi capitoli saranno usate le seguenti fonti primarie, le quali includono: autobiografia di Graziani, Una vita per l Italia, e articoli di giornali pubblicati nel 1948 dal Manchester Guardian, The Times, The New York Times, e Picture Post. Le fonti saranno utilizzate per sostenere che Graziani fu sempre e solo processato per la sua collaborazione con i Nazisti tra il 1943 e il 1945, come risulta a conferma dei suoi crimini di guerra. La seconda metà della tesi valuta il ritratto contemporaneo che si ha di Graziani sia in Italia che in scala globale, attraverso il dibattito scaturito dall erezione del monumento a lui dedicato nell agosto del 2012, il Sacrario del Soldato Maresciallo d Italia, nella regione Lazio. Per questa parte sarà appropriato analizzare i giornali italiani insieme a delle interviste condotte con vari studiosi italiani e con il Sindaco di Affile, nell aprile Tali ricerche porteranno alla conclusione che il ricordo di un criminale di guerra è superfluo e offensivo, ma che la sua colpevolezza non era piena. Le ragioni di queste male interpretate percezioni riguardo Graziani in Italia saranno, quindi, giustificate. 4

5 Contenuti Sommario p. 4. Elenco delle immagini p Introduzione p Storiografia 2.1 Le campagne italiane nell Africa settentrionale e orientale p Angelo Del Boca e le guerre coloniali italiane p Valutazione del carattere di Graziani p La memoria post-coloniale in Italia p Il ricordo del Fascismo p Graziani nella cultura popolare p Il processo a Graziani p Interviste orali p Un pomeriggio con il Sindaco di Affile p Conclusioni p. 40. Bibliografia 5

6 Elenco delle immagini In ordine di apparizione L. Golia, Africa, Colonialismo e Fotografia, Il Caso Italiano. (Messina, 1989): Un Graduato ed un sottufficiale con una prostituta Eritrea, p Un partigiano Etiopico catturato in uno scontro a fuoco con le camicie nere, p A. Del Boca & N. Lablanca, L Impero Africano del Fascismo nelle fotografie dell Istituto Luce (Roma, 2002): Addis Abeba, Bambini, Maggio 1940, p Quoram, Il Clero Copto rende omaggio al Maresciallo Graziani, 1936, p Dintorno di Addis Abeba, un soldato italiano posa vicino a un cadavere, 1936, p Fotografie scattate durante la mia visita ad Affile, 11 Aprile Monumento al Parco Radimonte, Affile. Piazza del Parco Radimonte, Affile. Articolo del giornale Il Secolo, Immagini di affilani che hanno combattuto la Seconda Guerra Mondiale. Cartello stradale di Affile, rimosso nel Graffiti neo-fascisti, Affile Il processo a Graziani: I manganelli iniziano a parlare di nuovo: i sostenitori fascisti cercano di entrare nell aula di tribunale. Poi fanno riferimento alla Campagna d Abissinia. Immagini del New York Times, (15 ottobre 1948), p. 5. 6

7 1. INTRODUZIONE La figura in questione ha da sempre riscosso ed ottenuto un indubbio fascino, dovuto all ardente tenacia che ha dimostrato durante la sua vita e il successivo posto occupato nella memoria nazionale nel periodo storico del fascismo italiano. Rodolfo Graziani ha deciso di dedicarsi alla carriera militare all età di 20 anni, prima della formazione del Partito Fascista e, dalla conclusione della Prima Guerra Mondiale, ha raggiunto il prestigioso titolo di più giovane ufficiale di grado superiore nell Esercito Regio. Con il grado di Colonnello partecipò personalmente alla pacificazione della Libia dal La ribellione costante dell opposizione locale fu causata dalla violenta repressione dell esercito italiano, istigata dal regime di Mussolini, fattore che ha fatto guadagnare a Graziani l infausto titolo di macellaio di Fezzan. Con il ruolo di Governatore coloniale fu direttamente responsabile della costruzione di campi di lavoro, impiccagioni di massa e di uso illegale di gas tossici. Tra i Libici è conosciuto come macellaio mentre per gli Italiani Graziani rappresenta il pacificatore della Libia, colui che ha restaurato la gloria e il prestigio internazionale dell Italia; proprio il Bel Paese, che per lungo tempo è stata indicata come la minore delle grandi potenze, e a livello nazionale era indicata come una semplice espressione geografica, voleva arrivare ad una vera unificazione nazionale con lo scopo di creare un moderno Impero Romano 1. Grazie al successo della sua prima campagna, gli fu lasciato il comando della seconda invasione italiana dell Abissinia nel 1935, accanto a Pietro Badoglio, con lo scopo di vendicare l umiliante sconfitta di Adowa nel 1896, per cui Graziani guadagnò il titolo di Viceré dell Africa orientale italiana. Il mio interesse per Graziani non è scaturito, comunque, dal suo ruolo in queste battaglie coloniali, ma dal dibattito internazionale che è sfociato successivamente all erezione di un monumento, presumibilmente dedicato a Graziani, nell agosto del Avevo già sentito parlare del Maresciallo ancor prima del completamento del monumento, e la mia conoscenza è da attribuirsi al suo ruolo importante all interno del regime fascista, ma non ero a conoscenza della cospicua eredità che aveva lasciato dopo la sua morte nel La mia curiosità riguardo questa figura controversa mi ha condotto ad un eclettico sentiero di informazioni disconnesse riguardo la vita di Graziani e alla scoperta di numerosi articoli giornalistici che sono stati pubblicati negli anni passati. Ho fatto di questo il mio compito, ossia di cercare di collegare i punti tra il passato ed il presente e di fare un resoconto sul silenzio che circonda la figura di quest uomo, tra il processo di Graziani del 1948, la recente commemorazione e il rinnovato interesse verso di lui, sia in Italia che all estero. Nonostante molti libri di testo storico menzionino la sua figura, molto poco è stato scritto 1 K. Von Metternich, Letters to Lord Palmerstone, Memoirs, vol. 7: 19 th November 1849, (Columbia, 1996). 7

8 riguardo Graziani, riguardo la sua carriera nelle colonie o come Ministro della Difesa nella Repubblica di Salò dal 1943 al 1945, portando così all impossibilità di ottenere un analisi dell uomo, senza una fluente conoscenza della lingua italiana. La sua figura appare brevemente citata in alcune tesi europee e americane, riguardo la Lega delle Nazioni o la Crisi Etiope, ma apparentemente merita non più di una menzione. Questo inconveniente non ha rappresentato un ostacolo ma ha aumentato la mia curiosità, obbligandomi ad iniziare il mio lavoro altrove, e sorprendentemente mi ha portato a Milano e Roma in modo da continuare le mie ricerche con una serie di interviste e visite negli archivi. L intenzione di questa tesi è di giudicare come Graziani è stato disegnato nella storia post-coloniale e se questo ha influito sulla sua memoria nell Italia moderna. Facendo questo, il mio scopo è di provare a rispondere alle seguenti domande: nel passato come è stato rappresentato Graziani dagli studiosi europei? È stato descritto come un convinto Fascista, un criminale di guerra o un eroe nazionale? Cosa era esattamente per Roma e come fu recepito dagli Alleati? Successivamente considererò come questo percorso ha portato ad una certa amnesia sociale riguardo il passato fascismo italiano che ha inghiottito la popolazione italiana. Intraprenderò un giudizio sul monumento stesso e indagherò sulle reazione italiane riportate della stampa e nelle interviste faccia a faccia. Per completare questo compito sarà programmata una visione d insieme storica su Graziani nel contesto di questo lavoro di tesi. Saranno intrapresi valutazioni dei reportage giornalistici intorno al processo in modo da comprendere il contesto internazionale e come questo avvenimento è stato registrato dalla stampa americana ed inglese. La parte finale di questa tesi tenterà di fornire le risposte sul perché Graziani fu celebrato in questo modo anche dopo mezzo secolo dalla sua morte e come questa celebrazione è stata considerata dalla stampa locale. Questo capitolo conterrà un quadro generale delle mie ricerche e la mia visita alla città di Affile, offrendomi anche un intuizione della politica italiana e nella manipolata memoria nazionale riguardo gli aspetti più oscuri del suo immediato passato. Questa tesi d attualità è dovuta alla polarizzazione causata dalle recenti elezioni presidenziali, prolungata dal fallimento dei parlamentari di trovare un accordo riguardo l elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Il precedente premier italiano Silvio Berlusconi, il più duraturo Primo Ministro al potere da Mussolini, è stato lungamente conosciuto per le sue affiliazioni con i partiti della destra, in particolare con i separatisti della Lega Nord e di Alleanza Nazionale. Anche se Berlusconi non è al governo, è comunque il principale azionista Mediaset, non solo la più grande rete televisiva del paese ma possiede, inoltre, 3 dei 6 canali TV nazionali e perciò ha il pieno controllo dei principali mezzi di comunicazione, manipolando le notizie, come aveva fatto Mussolini. 8

9 Il fascismo italiano è apparso recentemente nei titoli della stampa britannica a seguito della nomina di Di Canio come allenatore della squadra di calcio del Sunderland, per cui la sua visione politica di destra ha fatto nascere polemiche dato che, in passato, è stato multato per il suo saluto fascista ai suoi fan a Roma 2. A giudicare da questa discussione e da quello che circonda la memoria di Graziani sembra apparente che il neo-fascismo in Italia rimane dilagante. Questo fenomeno è intrinsecamente legato alla disillusione attuale che sta sperimentando la maggior parte della popolazione ed è, quindi, il risultato della continua politica del trasformismo e della corruzione. Credo che sebbene l Italia fascista fu innegabilmente uno sgradevole regime, molte fasce della popolazione italiana guardano al passato con nostalgia. Secondo l ISTAT i livelli di disoccupazione hanno raggiunto il record di 25,1%, e sono aumentati di un milione in soli 12 mesi 3. Affermerò che, anche se è innegabile che il monumento dedicato a Graziani ad Affile sia stato offensivo sia su scala nazionale che internazionale, e data la crisi economica, i euro dovevano essere concessi per una causa necessaria; secondo le mie ricerche potrebbe essere uno sbaglio dare la colpa al sindaco del paese. La mia tesi ha anche indicato che la stampa ha parzialmente male interpretato lo scopo della costruzione del monumento che è anche dedicato a tutti gli Affilani che hanno combattuto nella Seconda Guerra Mondiale, una pratica commemorativa comune durante tutto il dopo guerra. 2 Paolo Di Canio, Sunderland, & Italian Fascism, BBC Sport Online, (2 th April 2013), <accessed 24/04/2013> 3 ISTAT, Unemployment Rate in Italy, The Italian National Institute of Statistics (February 2013), <accessed 24/04/2013> 9

10 2. STORIOGRAFIA 2.1 LE CAMPAGNE ITALIANE NELL AFRICA SETTENTRIONALE E ORIENTALE I primi resoconti riguardo la politica estera fascista sono relativamente vaghi e spesso focalizzati sopra le ambizioni imperiali italiane in Europa e Africa. Ogni menzione dell Etiopia e della Libia si riferisce alla disapprovazione delle Nazioni Unite per l invasione dell Etiopia e include una non ammissione del coinvolgimento di Graziani. Il lavoro di Macartney e Cremona, pubblicato prima della Seconda Guerra Mondiale, sottolinea il fatto che la Gran Bretagna stava ancora tentando di placare l Italia, così riconoscendo che l Italia era un paese mancante di questi materiali che sono essenziali per lo sviluppo della grande industria, e ha una densa popolazione in continua crescita 4. Questo è un ovvio tentativo per giustificare il bisogno italiano di creare un impero, e più specificatamente descrive gli Abissini come aggressivi, suggerendo che l Italia ha il diritto di rispondere dichiarando guerra 5. Solo una decade dopo il processo di Graziani, la tesi di Schaefer appare meno comprensiva nei confronti dei colonizzatori italiani, ma continua a riferirsi agli Etiopi come arretrati e con il bisogno di una guida coloniale 6. A seguito di un silenzio durato più di 30 anni, un libro scritto dall esperto etiope Alberto Sbacchi argomenta il fatto che la colonizzazione italiana fu un periodo trascurato dagli storici a causa della scarsità di fonti materiali, mentre lui ha personalmente lottato per cercare dati per la sua ricerca 7. Quindi la ricerca di Sbacchi è basata sulla documentazione proveniente dal vecchio Ministero degli Italiani in Africa e da archivi privati. Sbacchi è stato il primo storico a fornire un intuizione sulla personalità di Graziani ottenendo l accesso agli archivi privati e ritenendolo nevrotico e isterico, caratteristica che risulta evidente nella corrispondenza tra Graziani e Mussolini, corrispondenza che lo ha fatto apparire come un uomo autoritario 8. Sbacchi attribuisce la responsabilità a Mussolini, il quale ha ordinato a Graziani di seguirlo ciecamente. Quando in Eritrea due attentatori cercarono di uccidere Graziani nel 1937 al palazzo del Viceré, l idea comune fu che Graziani avesse personalmente ordinato ai Carabinieri di aprire il fuoco sulla folla; tuttavia Sbacchi continua affermando che la relazione dei testimoni insinua che essendo gravemente ferito e incapace di 4 P. Cremona & M. Macartney, Italy s Foreign & Colonial Policy (London, 1938), p Cremona & Macartney, Italy s Foreign & Colonial Policy, p L. Shaefer, The Ethiopian Crisis: Touch of Appeasement? (N.Y., 1961), p. VIII. 7 A. Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini: Fascism & the Colonial Experience, (London, 1985), p. XIX. 8 Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p

11 parlare non era per lui possibile dare ordini 9. Del Boca afferma che Graziani si trovava sulla strada verso l ospedale quando fu dato l ordine di sparare all impazzata 10. Sbacchi, però, non lo assolve completamente dalla sua responsabilità, mentre è convinto che Graziani stava opprimendo l Etiopia con la sua campagna militare e la sua disposizione che lo faceva sembrare un dittatore 11. Spiega, nelle sue ricerche, pubblicate solo una decade dopo, l evidenza dell uso del gas mostarda sulla popolazione civile etiope, ignorando il Protocollo di Ginevra del Fu stabilita una filiale chimica dell amministrazione degli Italiani-Africani orientali e successivamente Badoglio e Graziani spruzzarono villaggi, pascoli, fiumi e laghi, con lo scopo di terrorizzare la popolazione civile 12. Anche se Mussolini aveva originariamente ordinato che il gas poteva essere usato solo per le emergenze, nel 1936 autorizzò ogni richiesta di Graziani per l uso dell iprite e delle bombe al fosgene. Sbacchi rimane uno dei pochi storici a sottolineare il fatto cruciale che gli italiani non erano i soli ad utilizzare i gas velenosi, come la Francia li aveva utilizzati per la conquista del Marocco, che, come spiega la Lega delle Nazioni è una politica per moderare piuttosto che opporre l occupazione italiana, facendola equamente responsabile per i crimini italiani in Africa 13. Rochat è d accordo a proposito del fatto che l uso dei gas fu molto diffuso e sul fatto che Mussolini diede a Graziani carta bianca sperando in un rapido e calmo consolidamento delle colonie italiane, fatto che credeva potesse essere manipolato in suo favore da editori e istituzioni 14. Rochart sottolinea il ruolo di Graziani nell espulsione di cirenaici nei campi di concentramento, e la colpevolezza del Generale di aver ordinato l uccisione di altri soldati italiani, disertori 15. Keller recentemente ha stimato che etiopi furono uccisi nella settimana che ha seguito l attentato a Graziani, ma le fonti italiane riferiscono solo di 200 morti 16. Goglia ha adottato un approccio metodologico differente, in modo da riempire l assenza delle fonti italiane su questo argomento, valutando le fotografie private delle colonie, dato che i contenuti pubblici erano stati manomessi. Lui è convinto che è necessario che gli storici prendano coscienza delle nuove possibilità di ricerca e si preparino ad appropriarsi della fotografia 17. La guerra in Libia fu la prima guerra accompagnata dai mass media dell epoca, e questo significa che 9 Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p A. Del Boca, Gli Italiani in Africa Orientale, Vol. III: La Caduta dell Impero (Roma, 1979), p Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p Sbacchi, Legacy of Bitterness, (Eritrea, 1997), p Sbacchi, Legacy of Bitterness, p G. Rochart, Le Guerre Italiane: Dall Impero d Etiopia alla Disfatta (Torino, 2005), p. XV. 15 Rochart, Le Guerre Italiane, p Del Boca, Gli Italiani in Africa Orientale, Vol. III, p L. Goglia, Africa, Colonialismo, Fotografia: Il Caso Italiano (Messina, 1989), p

12 dall invasione dell Etiopia c era un ampia testimonianza fotografica della natura del ruolo italiano di colonizzatore attentamente portato come ricordo in Italia. Entrambe le foto collocate da Giglio mostrano soldati italiani in posa con donne italiane con souvenir esotici, torture di ribelli, o vittime civili durante l assedio di Addis Abeba. 12

13 Fonti di Luigi Goglia Un Graduato ed un sottufficiale con una prostituta Eritrea, Africa, Colonialismo e Fotografia, p Un partigiano Etiopico catturato in uno scontro a fuoco con le camicie nere, Africa, Colonialismo e Fotografia, p

14 2.2 ANGELO DEL BOCA E LE GUERRE COLONIALI ITALIANE Nessuna ricerca, comunque, è paragonabile alla dedizione con cui Angelo Del Boca ha compiuto una completa visione d insieme ne Gli Italiani in Africa orientale. Ha adottato la fotografia come approccio metodologico e ha completato una collezione di fotografie ufficiali delle spedizioni coloniali del regime dell Istituto LUCE, iniziate nel Questa indagine lo ha portato alla conclusione che sotto il Fascismo la fotografia divenne un mezzo cruciale per la propaganda per la celebrazione degli istituti e dei personaggi del fascismo 18. Malgrado le chiare intenzioni di queste immagini, Del Boca afferma che il loro valore come fonti storiche è andato perduto e non è stato ridotto 19. Come mostrano gli esempi sottostanti, i giovani etiopi sono immortalati mentre salutano i soldati italiani, i capi etiopi fanno i loro omaggi a Graziani e alcuni soldati sembrano felici di farsi ritrarre accanto ai civili locali. Goglia, comunque, ammette che la fotografia ufficiale presenta ovviamente i suoi limiti, quindi la ricerca di Del Boca non lo ha portato da nessuna parte 20. Lo studio rigoroso di Del Boca riguardo la corrispondenza di Graziani ha mostrato la sua sfacciata richiesta dell uso delle armi chimiche nel 1936, e lo studioso ha ritrovato un telegramma, spedito da Graziani a Lessona, in cui si legge la richiesta di avere la massima libertà d azione per l impiego dei gas asfissianti, e il permesso di bombardare l area di Gogoru senza preoccuparsi del fatto che gli ospedali fossero colpiti o meno 21. Il Maresciallo d Italia ha sempre ammesso ad un gruppo di giornalisti che naturalmente, la mia non è una difesa passiva, e fece, inoltre, una richiesta di uomini, pistole e 784 mitragliatrici 22. Lessona accettò per il timore che il suo passato libico lo facesse considerare un sanguinario, resse il governo dapprima con indulgenza eccessiva 23. Nelle memorie private di Graziani, dichiarò non ho mai incontrato sulla terra, e credo non esiste al mondo gente più odiata di costoro, basterebbe che l Italia lasciasse fare, e tutti sarebbero scannati dall odio delle genti locali 24. Graziani stava così non solo riaffermando la credenza della superiorità degli italiani sopra i popoli di Amahara, di cui l imperatore Helie Salassie era un membro etnico, ma stava anche legittimando la loro invasione per salvare questi popoli barbarici da loro stessi. 18 Del Boca & N. Lablanca, L Impero Africano del Fascismo nelle fotografie dell Istituto LUCE, (Roma, 2002), p Del Boca & Lablanca, L Impero Africano, p Goglia, Africa, Colonialismo e Fotografia, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. II: La Conquista dell Impero (Roma, 1979), p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. II, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p

15 Il massacro di Debra Libanos ha avuto luogo nella zona montuosa di Amahara, e perciò Graziani divenne paranoico dopo l attentato che lo stava per uccidere tanto da ordinare il massacro di 297 monaci e 23 laici che lui credeva coinvolti. In modo prevedibile, le versioni italiane del massacro contrastano di molto le relazioni etiopi dato che gli italiani sostengono che erano stati preparati 20 bombardieri per realizzare l attacco e che gli etiopi avevano nascosto 80 bombe sotto i loro vestiti 25. Le fonti etiopi suggeriscono che non c era una cospirazione e che l attacco coinvolse i due imputati originali i quali attaccarono senza complici, una versione che convince Del Boca 26. Inoltre lo studioso non è miope da credere che queste misure di repressione coloniale fossero il mero risultato della dittatura di Mussolini, come viene spesso affermato dagli storici della sinistra, mentre la prima fase del colonialismo italiano era capeggiato da governi Liberali 27. Ha anche incluso esempi degli ultimi 5 telegrammi spediti da Mussolini a Graziani i quali mostrano l approvazione alla sua richiesta di usare i gas, un forte bombardamento e autorizzando una politica del terrore e dello sterminio contro i ribelli e le popolazioni complici 28. Un esempio della corrispondenza è il documento riportato di seguito: S.E. Graziani, 27 Ottobre 1935 Sta bene per azione giorno 29 stop autorizzato impiego gas come ultima ratio per sopraffare resistenza nemico e in caso di contrattacco. Mussolini. 29 Rochart ha riferito che le debolezze della sua ricerca e di quella di Del Boca sottolineano che molte fonti Africane furono inaccessibili e che la mancanza di interesse di altri studiosi limitò lo scopo dell analisi 30. Quello che rimane chiaro nelle ricerche di Del Boca è che Badoglio e Graziani avrebbero comunque vinto la guerra anche senza ricorrere ai gas, che fa dell uso del veleno chimico sui civili innocenti un offensiva imperdonabile Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca (ed.), Le Guerre Coloniali del Fascismo, (Bari, 1991), p I telegrammi operativi di Mussolini, in Del Boca (ed.), I Gas di Mussolini: Il Fascismo e la Guerra d Etiopia (Roma, 1996), p Del Boca, I telegrammi operativi di Mussolini, p Rochart in Del Boca, Le Guerre Coloniali, p Del Boca, Le Guerre Coloniali, p

16 Fonti di Angelo Del Boca Addis Abeba, Bambini, Maggio 1940, L Impero Africano del Fascismo, p Quoram, Il Clero Copto rende omaggio al Maresciallo Graziani, 1936, L Impero Africano, p

17 Dintorni di Addis Abeba, un soldato italiano posa vicino ad un cadavere, 1936, L Impero Africano, p

18 2.3 VALUTAZIONE DEL CARATTERE DI GRAZIANI Anche se Graziani scrisse numerosi libri riguardo le sue campagne coloniali, le biografie sopra di lui non sono state ritenute essenziali. Il giornalista fascista Sandro Volta ha dedicato una tesi sull esperienza di Graziani in Etiopia nel 1936 ma, sorprendentemente, al momento, i proprietari del copyright ne impediscono l accesso per una consultazione. La maggior parte di queste biografie sono fuori dall ipotesi psico-analitica di Mayda che mirava a rendergli giustizia al di là degli stereotipi e delle leggende 32. Come uno studioso di sinistra, Mayda utilizza gli archivi del Corriere della Sera e dell Unità, ma intervista anche conoscenti diretti, in modo da presentare un argomentazione ed un lavoro bilanciato. Nei suoi studi giudica Graziani come un uomo sicuro di sé nel suo ruolo di Generale, dovuto ad un ampia esperienza e ad una costante sfida dei suoi superiori, era evidentemente coraggioso in battaglia, ma non ha mai esitato ad attribuire la responsabilità per i suoi errori ai suoi inferiori 33. De Felice tenta di collegare la sua infallibile disciplina ai suoi crimini di guerra, dichiarando che era un ufficiale, sia pure di alto grado, che obbediva a degli ordini 34. Tuttavia, questo gioco di responsabilità è venuto fuori ed è diventato, così, una ricerca inutile, dato che, evidentemente la disciplina militare non può coprire tutti i crimini 35. Chiaramente intelligente, determinato e convinto del suo ruolo di ministro coloniale, Graziani fu all oscuro della credenza che l Africa lo conosceva, e questa cieca credenza nel diritto naturale degli europei di rivendicare l Africa, ha portato ad una sorta di miopia mentre le sue battaglie per le conquiste duravano di più di quanto ci si aspettasse 36. Mayda non ha mai dubitato della tranquillità con cui Graziani ha compiuto le aggressioni militari, ma le attribuisce anche alla sua educazione. C è stata una storia di violenza nella sua famiglia e suo padre era un uomo severissimo 37. Ci sono comunque, aspetti positivi del suo carattere che sono stati descritti da differenti intervistatori, i quali lo dipingono come generoso, comunicativo, passionale, comprensivo, sempre puntuale e gran lavoratore 38. Mayda ha notato un cambiamento del suo carattere dopo l attentato che lo stava per uccidere, portandolo alla paranoia e all aggressività 39. Le fonti Britanniche riguardo Graziani sono 32 G. Mayda, Graziani, L Africano: da Neghelli a Salò, (Firenze, 1992), Ringraziamenti. 33 Mayda, Graziani, p Del Boca, L Africa nella Coscienza degli Italiani: Miti, Memorie, Errori, Sconfitti, (Milano, 2002), p C. Augias, Intervista originata dal ritrovamento di un diario inedito di Graziani, (24 gennaio 1988). 36 Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p

19 sempre state molto negative, ritraendolo come vile, ignorante ed incompetente sul campo di battaglia. 19

20 2.4 LA MEMORIA POST-COLONIALE IN ITALIA Non è una sorpresa che questo tema ha avuto recentemente un importanza tale da essere paragonato al periodo del regime che si era instaurato soltanto mezzo secolo fa. Coincide anche con l ascesa nella storia sociale e la conseguente estasi scaturita nelle classi più umili piuttosto che in coloro che hanno il potere. Lo studioso inglese Walston chiama questo singolare fenomeno italiano repressione della memoria storica, mentre i negativi effetti del fascismo sono scoppiati anche fuori dall Italia in contrasto con l apologia politica del governo giapponese per il suo comportamento durante tutta la Seconda Guerra Mondiale, per esempio 40. La sua ricerca ha rivelato la natura dei campi di concentramento fatti costruire da Graziani in Libia nel 1930, dove molte persone morirono per fame e malattie, in pessime condizioni. L apparente motivo di questo scopo repressivo era di neutralizzare e rimuovere tutti gli importanti appoggi che avevano tra la popolazione, e hanno dimostrato successivamente che Graziani li aveva utilizzati in larga scala in Etiopia 41. Walston ha anche richiesto le memorie Libiche e ha scoperto che le esecuzioni avevano luogo sempre a mezzogiorno e gli italiani portavano tutti quanti ad assistere alla morte dei nostri fratelli 42. Inoltre Walston ha espresso il suo sdegno verso gli storici italiani, i quali ancora negano l uso dei gas velenosi nelle guerre in Africa 43. Comunque, Pankhurst afferma che recentemente il Ministero Italiano della Difesa ha ammesso l uso di armi chimiche illegali ma i dettagli rimangono comunque vaghi 44. Finalmente gli studiosi italiani hanno iniziato a commentare riguardo le questioni legate alla memoria, così come ha fatto Morone, il quale afferma che la lunga fine del colonialismo italiano produsse i suoi effetti rallentando la decolonizzazione della storia 45. Sostiene che dopo la caduta del Fascismo, la nuova Repubblica non ha avuto il desiderio di correggere le false credenze che erano emerse, e ha invece deliberatamente mantenuto il mito degli italiani brava gente i quali trattavano i loro coloni con maggiore rispetto in contrasto a come venivano trattati dalle altre potenze europee 46. Del Boca descrive le difficoltà a cui si è trovato di fronte contro i portavoce delle forze armate mentre stava cercando i documenti per le sue ricerche relative ai crimini di guerra di 40 J. Walston, History & Memory of the Italian Concenyration Camps, The Historical Journal, 40/1, (1997), p Walston, History & Memory, p Walston, History & Memory, p Walston, History & Memory, p R. Pankhurst, Italian Fascist War Crimes in Ethiopia, North-East African Studies, 1/2, (1999), p A, Morone, L Eredità del Colonialismo per la Nuova Italia in Gironda, Nani, Petrungaro, Imperi Coloniali, p Morone, L Eredità del Colonialismo, p

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58. Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione. di Giuseppe Ferraro

Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58. Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione. di Giuseppe Ferraro Rivista Calabrese di Storia del 900 1, 2011, pp. 49-58 STUDI E RICECHE Foto dall Impero: la guerra d Etiopia tra quotidianità e repressione di Giuseppe Ferraro Le fotografie di seguito pubblicate 1 riguardano

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L

SCUOLA SECONDARIA I GRADO Gen E. Baldassarre Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015 Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio Gli alunni della 2^L La docente di lettere prof.ssa Alessandra de Robertis PRESENTANO

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

STORIA DELLA VIOLENZA. Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe

STORIA DELLA VIOLENZA. Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe STORIA DELLA VIOLENZA Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe Storia della violenza Analisi e utilizzo delle immagini come fonti storiche Nella lezione

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

Giorno della Memoria. 27 gennaio 1945-2015. Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti.

Giorno della Memoria. 27 gennaio 1945-2015. Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti. Giorno della Memoria 27 gennaio 1945-2015 Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti. Il 27 gennaio 1945 il campo di concentramento di Auschwitz viene liberato dalle truppe russe. Il 27 gennaio

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL NAZISMO IL NAZISMO IL NAZISMO LO STALINISMO LO STALINISMO IL TOTALITARISMO: è un regime che non si limita

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 settembre 1939 invasione della Polonia LA SECONDA GUERRA MONDIALE VERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE CRISI DEGLI ANNI 30 ISOLAZIONISMO AMERICANO AFFERMAZIONE DEL NAZISMO IN GERMANIA POLITICA ESTERA AGGRESSIVA

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

00.48-1.23. La questione nordirlandese

00.48-1.23. La questione nordirlandese 00.48-1.23 La questione nordirlandese La questione nordirlandese: Secolo XVI Elisabetta I figlia di Enrico VIII, anglicana, decide di imporre la legge inglese agli irlandesi, quasi come una sorta di missione

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 A partire dal 1935 la Germania nazista di Hitler iniziò ad attuare la sua politica espansionistica, approfittando della debolezza e delle problematiche economiche di

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Storia, Educazione civica

Storia, Educazione civica Storia, Educazione civica del prof. Nappini Iacopo insegnante di Storia, Educazione Civica nella classe 5 sez. D Ore settimanali di lezione: 3 Totale annuale delle ore: 98 PROGRAMMA SVOLTO Programmazione

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A Renzo De Felice MUSSOLINI L ALLEATO 1. L Italia in guerra 1940-1943 Tomo secondo. Crisi e agonia del regime 1990 e 1996 Giulio Einaudi editore S.p.A.,

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO Il giorno 16 aprile, noi della classe III H abbiamo avuto la possibilità di poter incontrare la professoressa Nadia Olivieri, dell Istituto della storia della Resistenza

Dettagli

Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort

Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort Lavorare sulla nonviolenza con persone che hanno ucciso di Pat Patfoort Da sei anni lavoriamo regolarmente in 7 diverse prigioni del Belgio con gruppi di circa 10 prigionieri. Ci incontriamo con i gruppi

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Era un treno di carne umana matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Diego Fortunati ERA UN TRENO DI CARNE UMANA matricola 80581 diario di un soldato italiano durante

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO Oggi, dieci febbraio 2010, nella classe quinta B, sono venuti due adulti che ci hanno portato e parlato della giornata della memoria. All'inizio si sono presentati:

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia PAROLE VERBI amore armi assenza libertà crudeltà disperazione dolore egoismo fame fascisti guerra incoscienza innocenti

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

IDEOLOGY THE WAR OF IDEAS

IDEOLOGY THE WAR OF IDEAS IDEOLOGY THE WAR OF IDEAS INTRODUZIONE In Ideology: The War of Ideas, ogni giocatore interpreta una delle più potenti ideologie del 20 secolo: Capitalismo, Comunismo, Fascismo, Imperialismo e Fondamentalismo

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe V F Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

La pena di morte. Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è

La pena di morte. Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è La pena di morte Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è intesa come l uccisione di un criminale decisa da un tribunale, dopo una condanna. In

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 A DESTRA, PALAZZO VENEZIA; IN FONDO, PALAZZETTO VENEZIA CHE SARA INTERAMENTE SMONTATO E RIMONTATO ALCUNE DECINE DI METRI PIU INDIETRO PER DARE SPAZIO

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Giornalisti uccisi in guerra - Il prezzo per la verità di Rosa Schiano

Giornalisti uccisi in guerra - Il prezzo per la verità di Rosa Schiano Tra le vittime della recente guerra israeliana contro Gaza, denominata "Pillar of cloud" (14 novembre 2012-21 novembre 2012), vi sono anche tre giornalisti uccisi intenzionalmente e brutalmente in due

Dettagli

Al Comitato Olimpico Internazionale - International Olympic Committee (IOC)

Al Comitato Olimpico Internazionale - International Olympic Committee (IOC) Roland Lang Presidente Al Comitato Olimpico Internazionale - International Olympic Committee (IOC) Ai Comitati Olimpici nazionali National Olympic Committees (NOCs) Terlan, luglio 2013 Protesta contro

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO

IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO Era il Konzentrationslager (campo di concentramento in tedesco). Il campo di concentramento di Auschwitz fu uno dei tre campi principali che formavano il complesso concentrazionario

Dettagli

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA PIETRO AMENDOLA Pietro Amendola nasce a Roma il 26/10/1918, ultimo figlio di Giovanni Amendola, martire della Libertà, e di Eva Kuhn. Dopo la morte del padre avvenuta a causa dei postumi di un ennesimo

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

Saggi. Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores

Saggi. Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores Saggi Perché il 2 giugno non è diventata la festa nazionale dell Italia? di Marcello Flores Ogni anno leggiamo con un senso di curiosità e anche d invidia il modo in cui due grandi democrazie, la Francia

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Ricostruiamo la Escola Nova

Ricostruiamo la Escola Nova 1914-2014 Ricostruiamo la Escola Nova Progetto condiviso italo-catalano per un educazione alla pace Organizzatori: Con il supporto di: altramemoria.org Ricostruiamo la Escola Nova (1914-2014) Progetto

Dettagli

Considerare i terroristi 1 come esseri umani di Pat Patfoort 2

Considerare i terroristi 1 come esseri umani di Pat Patfoort 2 1. Introduzione Considerare i terroristi 1 come esseri umani di Pat Patfoort 2 Lavoriamo da più di 25 anni in situazioni di violenza, cercando di operare una trasformazione verso la nonviolenza. A tal

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

AFGHANISTAN LA CONFERENZA DI KABUL: LA SVOLTA CHE NON C È STATA ARGO. Agosto 2010 Rapporto n. 13

AFGHANISTAN LA CONFERENZA DI KABUL: LA SVOLTA CHE NON C È STATA ARGO. Agosto 2010 Rapporto n. 13 Agosto 2010 Rapporto n. 13 AFGHANISTAN LA CONFERENZA DI KABUL: LA SVOLTA CHE NON C È STATA ARGO Analisi e Ricerche Geopolitiche sull Oriente Osservatorio sull Asia minore, centrale e meridionale Piazza

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli