Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile."

Transcript

1 Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile. Piazza San Sebastiano, Affile Studente n V13241 Tesi Relatore: Dottor David Laven 1

2 Il Maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile Victoria Witkowski Studente numero Storia Relatore: Dottor David Laven V13241 Tesi Data di domanda: 02/05/2013 2

3 Ringraziamenti: Per la solerte collaborazione per la stesura di questa tesi ringrazio: mia madre, mio padre, i miei nonni, il Dottor David Laven, la Dottoressa Nicoletta Nefri, il Dottor Alessandro Cannavò, il Dottor Marino Vigano, il Sindaco Dottor Viri, il Dottor Angelo Del Boca, il Dottor Luigi Ganapini, il Dottor Emanuele Bettini, il Dottor James Walston, il Dottor Antonio Morone, il Dottor Richard Pankhurst, Fabio La Ferla. 3

4 SOMMARIO Questa tesi di parole analizza e descrive il modo in cui il Maresciallo Rodolfo Graziani è considerato sia a livello nazionale che internazionale durante tutto il suo processo riguardo le conseguenze della Seconda Guerra Mondiale e la caduta del Fascismo in Italia, e le ragioni di tali valutazioni. Il primo capitolo valuta le rilevanze storiche e come i precedenti studiosi hanno impattato sulle visioni popolari di Graziani. Per questi capitoli saranno usate le seguenti fonti primarie, le quali includono: autobiografia di Graziani, Una vita per l Italia, e articoli di giornali pubblicati nel 1948 dal Manchester Guardian, The Times, The New York Times, e Picture Post. Le fonti saranno utilizzate per sostenere che Graziani fu sempre e solo processato per la sua collaborazione con i Nazisti tra il 1943 e il 1945, come risulta a conferma dei suoi crimini di guerra. La seconda metà della tesi valuta il ritratto contemporaneo che si ha di Graziani sia in Italia che in scala globale, attraverso il dibattito scaturito dall erezione del monumento a lui dedicato nell agosto del 2012, il Sacrario del Soldato Maresciallo d Italia, nella regione Lazio. Per questa parte sarà appropriato analizzare i giornali italiani insieme a delle interviste condotte con vari studiosi italiani e con il Sindaco di Affile, nell aprile Tali ricerche porteranno alla conclusione che il ricordo di un criminale di guerra è superfluo e offensivo, ma che la sua colpevolezza non era piena. Le ragioni di queste male interpretate percezioni riguardo Graziani in Italia saranno, quindi, giustificate. 4

5 Contenuti Sommario p. 4. Elenco delle immagini p Introduzione p Storiografia 2.1 Le campagne italiane nell Africa settentrionale e orientale p Angelo Del Boca e le guerre coloniali italiane p Valutazione del carattere di Graziani p La memoria post-coloniale in Italia p Il ricordo del Fascismo p Graziani nella cultura popolare p Il processo a Graziani p Interviste orali p Un pomeriggio con il Sindaco di Affile p Conclusioni p. 40. Bibliografia 5

6 Elenco delle immagini In ordine di apparizione L. Golia, Africa, Colonialismo e Fotografia, Il Caso Italiano. (Messina, 1989): Un Graduato ed un sottufficiale con una prostituta Eritrea, p Un partigiano Etiopico catturato in uno scontro a fuoco con le camicie nere, p A. Del Boca & N. Lablanca, L Impero Africano del Fascismo nelle fotografie dell Istituto Luce (Roma, 2002): Addis Abeba, Bambini, Maggio 1940, p Quoram, Il Clero Copto rende omaggio al Maresciallo Graziani, 1936, p Dintorno di Addis Abeba, un soldato italiano posa vicino a un cadavere, 1936, p Fotografie scattate durante la mia visita ad Affile, 11 Aprile Monumento al Parco Radimonte, Affile. Piazza del Parco Radimonte, Affile. Articolo del giornale Il Secolo, Immagini di affilani che hanno combattuto la Seconda Guerra Mondiale. Cartello stradale di Affile, rimosso nel Graffiti neo-fascisti, Affile Il processo a Graziani: I manganelli iniziano a parlare di nuovo: i sostenitori fascisti cercano di entrare nell aula di tribunale. Poi fanno riferimento alla Campagna d Abissinia. Immagini del New York Times, (15 ottobre 1948), p. 5. 6

7 1. INTRODUZIONE La figura in questione ha da sempre riscosso ed ottenuto un indubbio fascino, dovuto all ardente tenacia che ha dimostrato durante la sua vita e il successivo posto occupato nella memoria nazionale nel periodo storico del fascismo italiano. Rodolfo Graziani ha deciso di dedicarsi alla carriera militare all età di 20 anni, prima della formazione del Partito Fascista e, dalla conclusione della Prima Guerra Mondiale, ha raggiunto il prestigioso titolo di più giovane ufficiale di grado superiore nell Esercito Regio. Con il grado di Colonnello partecipò personalmente alla pacificazione della Libia dal La ribellione costante dell opposizione locale fu causata dalla violenta repressione dell esercito italiano, istigata dal regime di Mussolini, fattore che ha fatto guadagnare a Graziani l infausto titolo di macellaio di Fezzan. Con il ruolo di Governatore coloniale fu direttamente responsabile della costruzione di campi di lavoro, impiccagioni di massa e di uso illegale di gas tossici. Tra i Libici è conosciuto come macellaio mentre per gli Italiani Graziani rappresenta il pacificatore della Libia, colui che ha restaurato la gloria e il prestigio internazionale dell Italia; proprio il Bel Paese, che per lungo tempo è stata indicata come la minore delle grandi potenze, e a livello nazionale era indicata come una semplice espressione geografica, voleva arrivare ad una vera unificazione nazionale con lo scopo di creare un moderno Impero Romano 1. Grazie al successo della sua prima campagna, gli fu lasciato il comando della seconda invasione italiana dell Abissinia nel 1935, accanto a Pietro Badoglio, con lo scopo di vendicare l umiliante sconfitta di Adowa nel 1896, per cui Graziani guadagnò il titolo di Viceré dell Africa orientale italiana. Il mio interesse per Graziani non è scaturito, comunque, dal suo ruolo in queste battaglie coloniali, ma dal dibattito internazionale che è sfociato successivamente all erezione di un monumento, presumibilmente dedicato a Graziani, nell agosto del Avevo già sentito parlare del Maresciallo ancor prima del completamento del monumento, e la mia conoscenza è da attribuirsi al suo ruolo importante all interno del regime fascista, ma non ero a conoscenza della cospicua eredità che aveva lasciato dopo la sua morte nel La mia curiosità riguardo questa figura controversa mi ha condotto ad un eclettico sentiero di informazioni disconnesse riguardo la vita di Graziani e alla scoperta di numerosi articoli giornalistici che sono stati pubblicati negli anni passati. Ho fatto di questo il mio compito, ossia di cercare di collegare i punti tra il passato ed il presente e di fare un resoconto sul silenzio che circonda la figura di quest uomo, tra il processo di Graziani del 1948, la recente commemorazione e il rinnovato interesse verso di lui, sia in Italia che all estero. Nonostante molti libri di testo storico menzionino la sua figura, molto poco è stato scritto 1 K. Von Metternich, Letters to Lord Palmerstone, Memoirs, vol. 7: 19 th November 1849, (Columbia, 1996). 7

8 riguardo Graziani, riguardo la sua carriera nelle colonie o come Ministro della Difesa nella Repubblica di Salò dal 1943 al 1945, portando così all impossibilità di ottenere un analisi dell uomo, senza una fluente conoscenza della lingua italiana. La sua figura appare brevemente citata in alcune tesi europee e americane, riguardo la Lega delle Nazioni o la Crisi Etiope, ma apparentemente merita non più di una menzione. Questo inconveniente non ha rappresentato un ostacolo ma ha aumentato la mia curiosità, obbligandomi ad iniziare il mio lavoro altrove, e sorprendentemente mi ha portato a Milano e Roma in modo da continuare le mie ricerche con una serie di interviste e visite negli archivi. L intenzione di questa tesi è di giudicare come Graziani è stato disegnato nella storia post-coloniale e se questo ha influito sulla sua memoria nell Italia moderna. Facendo questo, il mio scopo è di provare a rispondere alle seguenti domande: nel passato come è stato rappresentato Graziani dagli studiosi europei? È stato descritto come un convinto Fascista, un criminale di guerra o un eroe nazionale? Cosa era esattamente per Roma e come fu recepito dagli Alleati? Successivamente considererò come questo percorso ha portato ad una certa amnesia sociale riguardo il passato fascismo italiano che ha inghiottito la popolazione italiana. Intraprenderò un giudizio sul monumento stesso e indagherò sulle reazione italiane riportate della stampa e nelle interviste faccia a faccia. Per completare questo compito sarà programmata una visione d insieme storica su Graziani nel contesto di questo lavoro di tesi. Saranno intrapresi valutazioni dei reportage giornalistici intorno al processo in modo da comprendere il contesto internazionale e come questo avvenimento è stato registrato dalla stampa americana ed inglese. La parte finale di questa tesi tenterà di fornire le risposte sul perché Graziani fu celebrato in questo modo anche dopo mezzo secolo dalla sua morte e come questa celebrazione è stata considerata dalla stampa locale. Questo capitolo conterrà un quadro generale delle mie ricerche e la mia visita alla città di Affile, offrendomi anche un intuizione della politica italiana e nella manipolata memoria nazionale riguardo gli aspetti più oscuri del suo immediato passato. Questa tesi d attualità è dovuta alla polarizzazione causata dalle recenti elezioni presidenziali, prolungata dal fallimento dei parlamentari di trovare un accordo riguardo l elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Il precedente premier italiano Silvio Berlusconi, il più duraturo Primo Ministro al potere da Mussolini, è stato lungamente conosciuto per le sue affiliazioni con i partiti della destra, in particolare con i separatisti della Lega Nord e di Alleanza Nazionale. Anche se Berlusconi non è al governo, è comunque il principale azionista Mediaset, non solo la più grande rete televisiva del paese ma possiede, inoltre, 3 dei 6 canali TV nazionali e perciò ha il pieno controllo dei principali mezzi di comunicazione, manipolando le notizie, come aveva fatto Mussolini. 8

9 Il fascismo italiano è apparso recentemente nei titoli della stampa britannica a seguito della nomina di Di Canio come allenatore della squadra di calcio del Sunderland, per cui la sua visione politica di destra ha fatto nascere polemiche dato che, in passato, è stato multato per il suo saluto fascista ai suoi fan a Roma 2. A giudicare da questa discussione e da quello che circonda la memoria di Graziani sembra apparente che il neo-fascismo in Italia rimane dilagante. Questo fenomeno è intrinsecamente legato alla disillusione attuale che sta sperimentando la maggior parte della popolazione ed è, quindi, il risultato della continua politica del trasformismo e della corruzione. Credo che sebbene l Italia fascista fu innegabilmente uno sgradevole regime, molte fasce della popolazione italiana guardano al passato con nostalgia. Secondo l ISTAT i livelli di disoccupazione hanno raggiunto il record di 25,1%, e sono aumentati di un milione in soli 12 mesi 3. Affermerò che, anche se è innegabile che il monumento dedicato a Graziani ad Affile sia stato offensivo sia su scala nazionale che internazionale, e data la crisi economica, i euro dovevano essere concessi per una causa necessaria; secondo le mie ricerche potrebbe essere uno sbaglio dare la colpa al sindaco del paese. La mia tesi ha anche indicato che la stampa ha parzialmente male interpretato lo scopo della costruzione del monumento che è anche dedicato a tutti gli Affilani che hanno combattuto nella Seconda Guerra Mondiale, una pratica commemorativa comune durante tutto il dopo guerra. 2 Paolo Di Canio, Sunderland, & Italian Fascism, BBC Sport Online, (2 th April 2013), <accessed 24/04/2013> 3 ISTAT, Unemployment Rate in Italy, The Italian National Institute of Statistics (February 2013), <accessed 24/04/2013> 9

10 2. STORIOGRAFIA 2.1 LE CAMPAGNE ITALIANE NELL AFRICA SETTENTRIONALE E ORIENTALE I primi resoconti riguardo la politica estera fascista sono relativamente vaghi e spesso focalizzati sopra le ambizioni imperiali italiane in Europa e Africa. Ogni menzione dell Etiopia e della Libia si riferisce alla disapprovazione delle Nazioni Unite per l invasione dell Etiopia e include una non ammissione del coinvolgimento di Graziani. Il lavoro di Macartney e Cremona, pubblicato prima della Seconda Guerra Mondiale, sottolinea il fatto che la Gran Bretagna stava ancora tentando di placare l Italia, così riconoscendo che l Italia era un paese mancante di questi materiali che sono essenziali per lo sviluppo della grande industria, e ha una densa popolazione in continua crescita 4. Questo è un ovvio tentativo per giustificare il bisogno italiano di creare un impero, e più specificatamente descrive gli Abissini come aggressivi, suggerendo che l Italia ha il diritto di rispondere dichiarando guerra 5. Solo una decade dopo il processo di Graziani, la tesi di Schaefer appare meno comprensiva nei confronti dei colonizzatori italiani, ma continua a riferirsi agli Etiopi come arretrati e con il bisogno di una guida coloniale 6. A seguito di un silenzio durato più di 30 anni, un libro scritto dall esperto etiope Alberto Sbacchi argomenta il fatto che la colonizzazione italiana fu un periodo trascurato dagli storici a causa della scarsità di fonti materiali, mentre lui ha personalmente lottato per cercare dati per la sua ricerca 7. Quindi la ricerca di Sbacchi è basata sulla documentazione proveniente dal vecchio Ministero degli Italiani in Africa e da archivi privati. Sbacchi è stato il primo storico a fornire un intuizione sulla personalità di Graziani ottenendo l accesso agli archivi privati e ritenendolo nevrotico e isterico, caratteristica che risulta evidente nella corrispondenza tra Graziani e Mussolini, corrispondenza che lo ha fatto apparire come un uomo autoritario 8. Sbacchi attribuisce la responsabilità a Mussolini, il quale ha ordinato a Graziani di seguirlo ciecamente. Quando in Eritrea due attentatori cercarono di uccidere Graziani nel 1937 al palazzo del Viceré, l idea comune fu che Graziani avesse personalmente ordinato ai Carabinieri di aprire il fuoco sulla folla; tuttavia Sbacchi continua affermando che la relazione dei testimoni insinua che essendo gravemente ferito e incapace di 4 P. Cremona & M. Macartney, Italy s Foreign & Colonial Policy (London, 1938), p Cremona & Macartney, Italy s Foreign & Colonial Policy, p L. Shaefer, The Ethiopian Crisis: Touch of Appeasement? (N.Y., 1961), p. VIII. 7 A. Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini: Fascism & the Colonial Experience, (London, 1985), p. XIX. 8 Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p

11 parlare non era per lui possibile dare ordini 9. Del Boca afferma che Graziani si trovava sulla strada verso l ospedale quando fu dato l ordine di sparare all impazzata 10. Sbacchi, però, non lo assolve completamente dalla sua responsabilità, mentre è convinto che Graziani stava opprimendo l Etiopia con la sua campagna militare e la sua disposizione che lo faceva sembrare un dittatore 11. Spiega, nelle sue ricerche, pubblicate solo una decade dopo, l evidenza dell uso del gas mostarda sulla popolazione civile etiope, ignorando il Protocollo di Ginevra del Fu stabilita una filiale chimica dell amministrazione degli Italiani-Africani orientali e successivamente Badoglio e Graziani spruzzarono villaggi, pascoli, fiumi e laghi, con lo scopo di terrorizzare la popolazione civile 12. Anche se Mussolini aveva originariamente ordinato che il gas poteva essere usato solo per le emergenze, nel 1936 autorizzò ogni richiesta di Graziani per l uso dell iprite e delle bombe al fosgene. Sbacchi rimane uno dei pochi storici a sottolineare il fatto cruciale che gli italiani non erano i soli ad utilizzare i gas velenosi, come la Francia li aveva utilizzati per la conquista del Marocco, che, come spiega la Lega delle Nazioni è una politica per moderare piuttosto che opporre l occupazione italiana, facendola equamente responsabile per i crimini italiani in Africa 13. Rochat è d accordo a proposito del fatto che l uso dei gas fu molto diffuso e sul fatto che Mussolini diede a Graziani carta bianca sperando in un rapido e calmo consolidamento delle colonie italiane, fatto che credeva potesse essere manipolato in suo favore da editori e istituzioni 14. Rochart sottolinea il ruolo di Graziani nell espulsione di cirenaici nei campi di concentramento, e la colpevolezza del Generale di aver ordinato l uccisione di altri soldati italiani, disertori 15. Keller recentemente ha stimato che etiopi furono uccisi nella settimana che ha seguito l attentato a Graziani, ma le fonti italiane riferiscono solo di 200 morti 16. Goglia ha adottato un approccio metodologico differente, in modo da riempire l assenza delle fonti italiane su questo argomento, valutando le fotografie private delle colonie, dato che i contenuti pubblici erano stati manomessi. Lui è convinto che è necessario che gli storici prendano coscienza delle nuove possibilità di ricerca e si preparino ad appropriarsi della fotografia 17. La guerra in Libia fu la prima guerra accompagnata dai mass media dell epoca, e questo significa che 9 Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p A. Del Boca, Gli Italiani in Africa Orientale, Vol. III: La Caduta dell Impero (Roma, 1979), p Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p Sbacchi, Legacy of Bitterness, (Eritrea, 1997), p Sbacchi, Legacy of Bitterness, p G. Rochart, Le Guerre Italiane: Dall Impero d Etiopia alla Disfatta (Torino, 2005), p. XV. 15 Rochart, Le Guerre Italiane, p Del Boca, Gli Italiani in Africa Orientale, Vol. III, p L. Goglia, Africa, Colonialismo, Fotografia: Il Caso Italiano (Messina, 1989), p

12 dall invasione dell Etiopia c era un ampia testimonianza fotografica della natura del ruolo italiano di colonizzatore attentamente portato come ricordo in Italia. Entrambe le foto collocate da Giglio mostrano soldati italiani in posa con donne italiane con souvenir esotici, torture di ribelli, o vittime civili durante l assedio di Addis Abeba. 12

13 Fonti di Luigi Goglia Un Graduato ed un sottufficiale con una prostituta Eritrea, Africa, Colonialismo e Fotografia, p Un partigiano Etiopico catturato in uno scontro a fuoco con le camicie nere, Africa, Colonialismo e Fotografia, p

14 2.2 ANGELO DEL BOCA E LE GUERRE COLONIALI ITALIANE Nessuna ricerca, comunque, è paragonabile alla dedizione con cui Angelo Del Boca ha compiuto una completa visione d insieme ne Gli Italiani in Africa orientale. Ha adottato la fotografia come approccio metodologico e ha completato una collezione di fotografie ufficiali delle spedizioni coloniali del regime dell Istituto LUCE, iniziate nel Questa indagine lo ha portato alla conclusione che sotto il Fascismo la fotografia divenne un mezzo cruciale per la propaganda per la celebrazione degli istituti e dei personaggi del fascismo 18. Malgrado le chiare intenzioni di queste immagini, Del Boca afferma che il loro valore come fonti storiche è andato perduto e non è stato ridotto 19. Come mostrano gli esempi sottostanti, i giovani etiopi sono immortalati mentre salutano i soldati italiani, i capi etiopi fanno i loro omaggi a Graziani e alcuni soldati sembrano felici di farsi ritrarre accanto ai civili locali. Goglia, comunque, ammette che la fotografia ufficiale presenta ovviamente i suoi limiti, quindi la ricerca di Del Boca non lo ha portato da nessuna parte 20. Lo studio rigoroso di Del Boca riguardo la corrispondenza di Graziani ha mostrato la sua sfacciata richiesta dell uso delle armi chimiche nel 1936, e lo studioso ha ritrovato un telegramma, spedito da Graziani a Lessona, in cui si legge la richiesta di avere la massima libertà d azione per l impiego dei gas asfissianti, e il permesso di bombardare l area di Gogoru senza preoccuparsi del fatto che gli ospedali fossero colpiti o meno 21. Il Maresciallo d Italia ha sempre ammesso ad un gruppo di giornalisti che naturalmente, la mia non è una difesa passiva, e fece, inoltre, una richiesta di uomini, pistole e 784 mitragliatrici 22. Lessona accettò per il timore che il suo passato libico lo facesse considerare un sanguinario, resse il governo dapprima con indulgenza eccessiva 23. Nelle memorie private di Graziani, dichiarò non ho mai incontrato sulla terra, e credo non esiste al mondo gente più odiata di costoro, basterebbe che l Italia lasciasse fare, e tutti sarebbero scannati dall odio delle genti locali 24. Graziani stava così non solo riaffermando la credenza della superiorità degli italiani sopra i popoli di Amahara, di cui l imperatore Helie Salassie era un membro etnico, ma stava anche legittimando la loro invasione per salvare questi popoli barbarici da loro stessi. 18 Del Boca & N. Lablanca, L Impero Africano del Fascismo nelle fotografie dell Istituto LUCE, (Roma, 2002), p Del Boca & Lablanca, L Impero Africano, p Goglia, Africa, Colonialismo e Fotografia, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. II: La Conquista dell Impero (Roma, 1979), p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. II, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p

15 Il massacro di Debra Libanos ha avuto luogo nella zona montuosa di Amahara, e perciò Graziani divenne paranoico dopo l attentato che lo stava per uccidere tanto da ordinare il massacro di 297 monaci e 23 laici che lui credeva coinvolti. In modo prevedibile, le versioni italiane del massacro contrastano di molto le relazioni etiopi dato che gli italiani sostengono che erano stati preparati 20 bombardieri per realizzare l attacco e che gli etiopi avevano nascosto 80 bombe sotto i loro vestiti 25. Le fonti etiopi suggeriscono che non c era una cospirazione e che l attacco coinvolse i due imputati originali i quali attaccarono senza complici, una versione che convince Del Boca 26. Inoltre lo studioso non è miope da credere che queste misure di repressione coloniale fossero il mero risultato della dittatura di Mussolini, come viene spesso affermato dagli storici della sinistra, mentre la prima fase del colonialismo italiano era capeggiato da governi Liberali 27. Ha anche incluso esempi degli ultimi 5 telegrammi spediti da Mussolini a Graziani i quali mostrano l approvazione alla sua richiesta di usare i gas, un forte bombardamento e autorizzando una politica del terrore e dello sterminio contro i ribelli e le popolazioni complici 28. Un esempio della corrispondenza è il documento riportato di seguito: S.E. Graziani, 27 Ottobre 1935 Sta bene per azione giorno 29 stop autorizzato impiego gas come ultima ratio per sopraffare resistenza nemico e in caso di contrattacco. Mussolini. 29 Rochart ha riferito che le debolezze della sua ricerca e di quella di Del Boca sottolineano che molte fonti Africane furono inaccessibili e che la mancanza di interesse di altri studiosi limitò lo scopo dell analisi 30. Quello che rimane chiaro nelle ricerche di Del Boca è che Badoglio e Graziani avrebbero comunque vinto la guerra anche senza ricorrere ai gas, che fa dell uso del veleno chimico sui civili innocenti un offensiva imperdonabile Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca (ed.), Le Guerre Coloniali del Fascismo, (Bari, 1991), p I telegrammi operativi di Mussolini, in Del Boca (ed.), I Gas di Mussolini: Il Fascismo e la Guerra d Etiopia (Roma, 1996), p Del Boca, I telegrammi operativi di Mussolini, p Rochart in Del Boca, Le Guerre Coloniali, p Del Boca, Le Guerre Coloniali, p

16 Fonti di Angelo Del Boca Addis Abeba, Bambini, Maggio 1940, L Impero Africano del Fascismo, p Quoram, Il Clero Copto rende omaggio al Maresciallo Graziani, 1936, L Impero Africano, p

17 Dintorni di Addis Abeba, un soldato italiano posa vicino ad un cadavere, 1936, L Impero Africano, p

18 2.3 VALUTAZIONE DEL CARATTERE DI GRAZIANI Anche se Graziani scrisse numerosi libri riguardo le sue campagne coloniali, le biografie sopra di lui non sono state ritenute essenziali. Il giornalista fascista Sandro Volta ha dedicato una tesi sull esperienza di Graziani in Etiopia nel 1936 ma, sorprendentemente, al momento, i proprietari del copyright ne impediscono l accesso per una consultazione. La maggior parte di queste biografie sono fuori dall ipotesi psico-analitica di Mayda che mirava a rendergli giustizia al di là degli stereotipi e delle leggende 32. Come uno studioso di sinistra, Mayda utilizza gli archivi del Corriere della Sera e dell Unità, ma intervista anche conoscenti diretti, in modo da presentare un argomentazione ed un lavoro bilanciato. Nei suoi studi giudica Graziani come un uomo sicuro di sé nel suo ruolo di Generale, dovuto ad un ampia esperienza e ad una costante sfida dei suoi superiori, era evidentemente coraggioso in battaglia, ma non ha mai esitato ad attribuire la responsabilità per i suoi errori ai suoi inferiori 33. De Felice tenta di collegare la sua infallibile disciplina ai suoi crimini di guerra, dichiarando che era un ufficiale, sia pure di alto grado, che obbediva a degli ordini 34. Tuttavia, questo gioco di responsabilità è venuto fuori ed è diventato, così, una ricerca inutile, dato che, evidentemente la disciplina militare non può coprire tutti i crimini 35. Chiaramente intelligente, determinato e convinto del suo ruolo di ministro coloniale, Graziani fu all oscuro della credenza che l Africa lo conosceva, e questa cieca credenza nel diritto naturale degli europei di rivendicare l Africa, ha portato ad una sorta di miopia mentre le sue battaglie per le conquiste duravano di più di quanto ci si aspettasse 36. Mayda non ha mai dubitato della tranquillità con cui Graziani ha compiuto le aggressioni militari, ma le attribuisce anche alla sua educazione. C è stata una storia di violenza nella sua famiglia e suo padre era un uomo severissimo 37. Ci sono comunque, aspetti positivi del suo carattere che sono stati descritti da differenti intervistatori, i quali lo dipingono come generoso, comunicativo, passionale, comprensivo, sempre puntuale e gran lavoratore 38. Mayda ha notato un cambiamento del suo carattere dopo l attentato che lo stava per uccidere, portandolo alla paranoia e all aggressività 39. Le fonti Britanniche riguardo Graziani sono 32 G. Mayda, Graziani, L Africano: da Neghelli a Salò, (Firenze, 1992), Ringraziamenti. 33 Mayda, Graziani, p Del Boca, L Africa nella Coscienza degli Italiani: Miti, Memorie, Errori, Sconfitti, (Milano, 2002), p C. Augias, Intervista originata dal ritrovamento di un diario inedito di Graziani, (24 gennaio 1988). 36 Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p

19 sempre state molto negative, ritraendolo come vile, ignorante ed incompetente sul campo di battaglia. 19

20 2.4 LA MEMORIA POST-COLONIALE IN ITALIA Non è una sorpresa che questo tema ha avuto recentemente un importanza tale da essere paragonato al periodo del regime che si era instaurato soltanto mezzo secolo fa. Coincide anche con l ascesa nella storia sociale e la conseguente estasi scaturita nelle classi più umili piuttosto che in coloro che hanno il potere. Lo studioso inglese Walston chiama questo singolare fenomeno italiano repressione della memoria storica, mentre i negativi effetti del fascismo sono scoppiati anche fuori dall Italia in contrasto con l apologia politica del governo giapponese per il suo comportamento durante tutta la Seconda Guerra Mondiale, per esempio 40. La sua ricerca ha rivelato la natura dei campi di concentramento fatti costruire da Graziani in Libia nel 1930, dove molte persone morirono per fame e malattie, in pessime condizioni. L apparente motivo di questo scopo repressivo era di neutralizzare e rimuovere tutti gli importanti appoggi che avevano tra la popolazione, e hanno dimostrato successivamente che Graziani li aveva utilizzati in larga scala in Etiopia 41. Walston ha anche richiesto le memorie Libiche e ha scoperto che le esecuzioni avevano luogo sempre a mezzogiorno e gli italiani portavano tutti quanti ad assistere alla morte dei nostri fratelli 42. Inoltre Walston ha espresso il suo sdegno verso gli storici italiani, i quali ancora negano l uso dei gas velenosi nelle guerre in Africa 43. Comunque, Pankhurst afferma che recentemente il Ministero Italiano della Difesa ha ammesso l uso di armi chimiche illegali ma i dettagli rimangono comunque vaghi 44. Finalmente gli studiosi italiani hanno iniziato a commentare riguardo le questioni legate alla memoria, così come ha fatto Morone, il quale afferma che la lunga fine del colonialismo italiano produsse i suoi effetti rallentando la decolonizzazione della storia 45. Sostiene che dopo la caduta del Fascismo, la nuova Repubblica non ha avuto il desiderio di correggere le false credenze che erano emerse, e ha invece deliberatamente mantenuto il mito degli italiani brava gente i quali trattavano i loro coloni con maggiore rispetto in contrasto a come venivano trattati dalle altre potenze europee 46. Del Boca descrive le difficoltà a cui si è trovato di fronte contro i portavoce delle forze armate mentre stava cercando i documenti per le sue ricerche relative ai crimini di guerra di 40 J. Walston, History & Memory of the Italian Concenyration Camps, The Historical Journal, 40/1, (1997), p Walston, History & Memory, p Walston, History & Memory, p Walston, History & Memory, p R. Pankhurst, Italian Fascist War Crimes in Ethiopia, North-East African Studies, 1/2, (1999), p A, Morone, L Eredità del Colonialismo per la Nuova Italia in Gironda, Nani, Petrungaro, Imperi Coloniali, p Morone, L Eredità del Colonialismo, p

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Foglio per gli studenti Domande

Foglio per gli studenti Domande Domande Rispondi Sì o No a ciascuna delle seguenti domande (Rispondi con sincerità. Questo questionario è visto solo da te!): Domande: 1. Hai mai sentito una barzelletta che prendeva in giro una persona

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Come è bella Milano, imbandierata a festa, che si unisce

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli