Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile."

Transcript

1 Il maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile. Piazza San Sebastiano, Affile Studente n V13241 Tesi Relatore: Dottor David Laven 1

2 Il Maresciallo d Italia: una valutazione di Rodolfo Graziani attraverso il suo monumento ad Affile Victoria Witkowski Studente numero Storia Relatore: Dottor David Laven V13241 Tesi Data di domanda: 02/05/2013 2

3 Ringraziamenti: Per la solerte collaborazione per la stesura di questa tesi ringrazio: mia madre, mio padre, i miei nonni, il Dottor David Laven, la Dottoressa Nicoletta Nefri, il Dottor Alessandro Cannavò, il Dottor Marino Vigano, il Sindaco Dottor Viri, il Dottor Angelo Del Boca, il Dottor Luigi Ganapini, il Dottor Emanuele Bettini, il Dottor James Walston, il Dottor Antonio Morone, il Dottor Richard Pankhurst, Fabio La Ferla. 3

4 SOMMARIO Questa tesi di parole analizza e descrive il modo in cui il Maresciallo Rodolfo Graziani è considerato sia a livello nazionale che internazionale durante tutto il suo processo riguardo le conseguenze della Seconda Guerra Mondiale e la caduta del Fascismo in Italia, e le ragioni di tali valutazioni. Il primo capitolo valuta le rilevanze storiche e come i precedenti studiosi hanno impattato sulle visioni popolari di Graziani. Per questi capitoli saranno usate le seguenti fonti primarie, le quali includono: autobiografia di Graziani, Una vita per l Italia, e articoli di giornali pubblicati nel 1948 dal Manchester Guardian, The Times, The New York Times, e Picture Post. Le fonti saranno utilizzate per sostenere che Graziani fu sempre e solo processato per la sua collaborazione con i Nazisti tra il 1943 e il 1945, come risulta a conferma dei suoi crimini di guerra. La seconda metà della tesi valuta il ritratto contemporaneo che si ha di Graziani sia in Italia che in scala globale, attraverso il dibattito scaturito dall erezione del monumento a lui dedicato nell agosto del 2012, il Sacrario del Soldato Maresciallo d Italia, nella regione Lazio. Per questa parte sarà appropriato analizzare i giornali italiani insieme a delle interviste condotte con vari studiosi italiani e con il Sindaco di Affile, nell aprile Tali ricerche porteranno alla conclusione che il ricordo di un criminale di guerra è superfluo e offensivo, ma che la sua colpevolezza non era piena. Le ragioni di queste male interpretate percezioni riguardo Graziani in Italia saranno, quindi, giustificate. 4

5 Contenuti Sommario p. 4. Elenco delle immagini p Introduzione p Storiografia 2.1 Le campagne italiane nell Africa settentrionale e orientale p Angelo Del Boca e le guerre coloniali italiane p Valutazione del carattere di Graziani p La memoria post-coloniale in Italia p Il ricordo del Fascismo p Graziani nella cultura popolare p Il processo a Graziani p Interviste orali p Un pomeriggio con il Sindaco di Affile p Conclusioni p. 40. Bibliografia 5

6 Elenco delle immagini In ordine di apparizione L. Golia, Africa, Colonialismo e Fotografia, Il Caso Italiano. (Messina, 1989): Un Graduato ed un sottufficiale con una prostituta Eritrea, p Un partigiano Etiopico catturato in uno scontro a fuoco con le camicie nere, p A. Del Boca & N. Lablanca, L Impero Africano del Fascismo nelle fotografie dell Istituto Luce (Roma, 2002): Addis Abeba, Bambini, Maggio 1940, p Quoram, Il Clero Copto rende omaggio al Maresciallo Graziani, 1936, p Dintorno di Addis Abeba, un soldato italiano posa vicino a un cadavere, 1936, p Fotografie scattate durante la mia visita ad Affile, 11 Aprile Monumento al Parco Radimonte, Affile. Piazza del Parco Radimonte, Affile. Articolo del giornale Il Secolo, Immagini di affilani che hanno combattuto la Seconda Guerra Mondiale. Cartello stradale di Affile, rimosso nel Graffiti neo-fascisti, Affile Il processo a Graziani: I manganelli iniziano a parlare di nuovo: i sostenitori fascisti cercano di entrare nell aula di tribunale. Poi fanno riferimento alla Campagna d Abissinia. Immagini del New York Times, (15 ottobre 1948), p. 5. 6

7 1. INTRODUZIONE La figura in questione ha da sempre riscosso ed ottenuto un indubbio fascino, dovuto all ardente tenacia che ha dimostrato durante la sua vita e il successivo posto occupato nella memoria nazionale nel periodo storico del fascismo italiano. Rodolfo Graziani ha deciso di dedicarsi alla carriera militare all età di 20 anni, prima della formazione del Partito Fascista e, dalla conclusione della Prima Guerra Mondiale, ha raggiunto il prestigioso titolo di più giovane ufficiale di grado superiore nell Esercito Regio. Con il grado di Colonnello partecipò personalmente alla pacificazione della Libia dal La ribellione costante dell opposizione locale fu causata dalla violenta repressione dell esercito italiano, istigata dal regime di Mussolini, fattore che ha fatto guadagnare a Graziani l infausto titolo di macellaio di Fezzan. Con il ruolo di Governatore coloniale fu direttamente responsabile della costruzione di campi di lavoro, impiccagioni di massa e di uso illegale di gas tossici. Tra i Libici è conosciuto come macellaio mentre per gli Italiani Graziani rappresenta il pacificatore della Libia, colui che ha restaurato la gloria e il prestigio internazionale dell Italia; proprio il Bel Paese, che per lungo tempo è stata indicata come la minore delle grandi potenze, e a livello nazionale era indicata come una semplice espressione geografica, voleva arrivare ad una vera unificazione nazionale con lo scopo di creare un moderno Impero Romano 1. Grazie al successo della sua prima campagna, gli fu lasciato il comando della seconda invasione italiana dell Abissinia nel 1935, accanto a Pietro Badoglio, con lo scopo di vendicare l umiliante sconfitta di Adowa nel 1896, per cui Graziani guadagnò il titolo di Viceré dell Africa orientale italiana. Il mio interesse per Graziani non è scaturito, comunque, dal suo ruolo in queste battaglie coloniali, ma dal dibattito internazionale che è sfociato successivamente all erezione di un monumento, presumibilmente dedicato a Graziani, nell agosto del Avevo già sentito parlare del Maresciallo ancor prima del completamento del monumento, e la mia conoscenza è da attribuirsi al suo ruolo importante all interno del regime fascista, ma non ero a conoscenza della cospicua eredità che aveva lasciato dopo la sua morte nel La mia curiosità riguardo questa figura controversa mi ha condotto ad un eclettico sentiero di informazioni disconnesse riguardo la vita di Graziani e alla scoperta di numerosi articoli giornalistici che sono stati pubblicati negli anni passati. Ho fatto di questo il mio compito, ossia di cercare di collegare i punti tra il passato ed il presente e di fare un resoconto sul silenzio che circonda la figura di quest uomo, tra il processo di Graziani del 1948, la recente commemorazione e il rinnovato interesse verso di lui, sia in Italia che all estero. Nonostante molti libri di testo storico menzionino la sua figura, molto poco è stato scritto 1 K. Von Metternich, Letters to Lord Palmerstone, Memoirs, vol. 7: 19 th November 1849, (Columbia, 1996). 7

8 riguardo Graziani, riguardo la sua carriera nelle colonie o come Ministro della Difesa nella Repubblica di Salò dal 1943 al 1945, portando così all impossibilità di ottenere un analisi dell uomo, senza una fluente conoscenza della lingua italiana. La sua figura appare brevemente citata in alcune tesi europee e americane, riguardo la Lega delle Nazioni o la Crisi Etiope, ma apparentemente merita non più di una menzione. Questo inconveniente non ha rappresentato un ostacolo ma ha aumentato la mia curiosità, obbligandomi ad iniziare il mio lavoro altrove, e sorprendentemente mi ha portato a Milano e Roma in modo da continuare le mie ricerche con una serie di interviste e visite negli archivi. L intenzione di questa tesi è di giudicare come Graziani è stato disegnato nella storia post-coloniale e se questo ha influito sulla sua memoria nell Italia moderna. Facendo questo, il mio scopo è di provare a rispondere alle seguenti domande: nel passato come è stato rappresentato Graziani dagli studiosi europei? È stato descritto come un convinto Fascista, un criminale di guerra o un eroe nazionale? Cosa era esattamente per Roma e come fu recepito dagli Alleati? Successivamente considererò come questo percorso ha portato ad una certa amnesia sociale riguardo il passato fascismo italiano che ha inghiottito la popolazione italiana. Intraprenderò un giudizio sul monumento stesso e indagherò sulle reazione italiane riportate della stampa e nelle interviste faccia a faccia. Per completare questo compito sarà programmata una visione d insieme storica su Graziani nel contesto di questo lavoro di tesi. Saranno intrapresi valutazioni dei reportage giornalistici intorno al processo in modo da comprendere il contesto internazionale e come questo avvenimento è stato registrato dalla stampa americana ed inglese. La parte finale di questa tesi tenterà di fornire le risposte sul perché Graziani fu celebrato in questo modo anche dopo mezzo secolo dalla sua morte e come questa celebrazione è stata considerata dalla stampa locale. Questo capitolo conterrà un quadro generale delle mie ricerche e la mia visita alla città di Affile, offrendomi anche un intuizione della politica italiana e nella manipolata memoria nazionale riguardo gli aspetti più oscuri del suo immediato passato. Questa tesi d attualità è dovuta alla polarizzazione causata dalle recenti elezioni presidenziali, prolungata dal fallimento dei parlamentari di trovare un accordo riguardo l elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Il precedente premier italiano Silvio Berlusconi, il più duraturo Primo Ministro al potere da Mussolini, è stato lungamente conosciuto per le sue affiliazioni con i partiti della destra, in particolare con i separatisti della Lega Nord e di Alleanza Nazionale. Anche se Berlusconi non è al governo, è comunque il principale azionista Mediaset, non solo la più grande rete televisiva del paese ma possiede, inoltre, 3 dei 6 canali TV nazionali e perciò ha il pieno controllo dei principali mezzi di comunicazione, manipolando le notizie, come aveva fatto Mussolini. 8

9 Il fascismo italiano è apparso recentemente nei titoli della stampa britannica a seguito della nomina di Di Canio come allenatore della squadra di calcio del Sunderland, per cui la sua visione politica di destra ha fatto nascere polemiche dato che, in passato, è stato multato per il suo saluto fascista ai suoi fan a Roma 2. A giudicare da questa discussione e da quello che circonda la memoria di Graziani sembra apparente che il neo-fascismo in Italia rimane dilagante. Questo fenomeno è intrinsecamente legato alla disillusione attuale che sta sperimentando la maggior parte della popolazione ed è, quindi, il risultato della continua politica del trasformismo e della corruzione. Credo che sebbene l Italia fascista fu innegabilmente uno sgradevole regime, molte fasce della popolazione italiana guardano al passato con nostalgia. Secondo l ISTAT i livelli di disoccupazione hanno raggiunto il record di 25,1%, e sono aumentati di un milione in soli 12 mesi 3. Affermerò che, anche se è innegabile che il monumento dedicato a Graziani ad Affile sia stato offensivo sia su scala nazionale che internazionale, e data la crisi economica, i euro dovevano essere concessi per una causa necessaria; secondo le mie ricerche potrebbe essere uno sbaglio dare la colpa al sindaco del paese. La mia tesi ha anche indicato che la stampa ha parzialmente male interpretato lo scopo della costruzione del monumento che è anche dedicato a tutti gli Affilani che hanno combattuto nella Seconda Guerra Mondiale, una pratica commemorativa comune durante tutto il dopo guerra. 2 Paolo Di Canio, Sunderland, & Italian Fascism, BBC Sport Online, (2 th April 2013), <accessed 24/04/2013> 3 ISTAT, Unemployment Rate in Italy, The Italian National Institute of Statistics (February 2013), <accessed 24/04/2013> 9

10 2. STORIOGRAFIA 2.1 LE CAMPAGNE ITALIANE NELL AFRICA SETTENTRIONALE E ORIENTALE I primi resoconti riguardo la politica estera fascista sono relativamente vaghi e spesso focalizzati sopra le ambizioni imperiali italiane in Europa e Africa. Ogni menzione dell Etiopia e della Libia si riferisce alla disapprovazione delle Nazioni Unite per l invasione dell Etiopia e include una non ammissione del coinvolgimento di Graziani. Il lavoro di Macartney e Cremona, pubblicato prima della Seconda Guerra Mondiale, sottolinea il fatto che la Gran Bretagna stava ancora tentando di placare l Italia, così riconoscendo che l Italia era un paese mancante di questi materiali che sono essenziali per lo sviluppo della grande industria, e ha una densa popolazione in continua crescita 4. Questo è un ovvio tentativo per giustificare il bisogno italiano di creare un impero, e più specificatamente descrive gli Abissini come aggressivi, suggerendo che l Italia ha il diritto di rispondere dichiarando guerra 5. Solo una decade dopo il processo di Graziani, la tesi di Schaefer appare meno comprensiva nei confronti dei colonizzatori italiani, ma continua a riferirsi agli Etiopi come arretrati e con il bisogno di una guida coloniale 6. A seguito di un silenzio durato più di 30 anni, un libro scritto dall esperto etiope Alberto Sbacchi argomenta il fatto che la colonizzazione italiana fu un periodo trascurato dagli storici a causa della scarsità di fonti materiali, mentre lui ha personalmente lottato per cercare dati per la sua ricerca 7. Quindi la ricerca di Sbacchi è basata sulla documentazione proveniente dal vecchio Ministero degli Italiani in Africa e da archivi privati. Sbacchi è stato il primo storico a fornire un intuizione sulla personalità di Graziani ottenendo l accesso agli archivi privati e ritenendolo nevrotico e isterico, caratteristica che risulta evidente nella corrispondenza tra Graziani e Mussolini, corrispondenza che lo ha fatto apparire come un uomo autoritario 8. Sbacchi attribuisce la responsabilità a Mussolini, il quale ha ordinato a Graziani di seguirlo ciecamente. Quando in Eritrea due attentatori cercarono di uccidere Graziani nel 1937 al palazzo del Viceré, l idea comune fu che Graziani avesse personalmente ordinato ai Carabinieri di aprire il fuoco sulla folla; tuttavia Sbacchi continua affermando che la relazione dei testimoni insinua che essendo gravemente ferito e incapace di 4 P. Cremona & M. Macartney, Italy s Foreign & Colonial Policy (London, 1938), p Cremona & Macartney, Italy s Foreign & Colonial Policy, p L. Shaefer, The Ethiopian Crisis: Touch of Appeasement? (N.Y., 1961), p. VIII. 7 A. Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini: Fascism & the Colonial Experience, (London, 1985), p. XIX. 8 Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p

11 parlare non era per lui possibile dare ordini 9. Del Boca afferma che Graziani si trovava sulla strada verso l ospedale quando fu dato l ordine di sparare all impazzata 10. Sbacchi, però, non lo assolve completamente dalla sua responsabilità, mentre è convinto che Graziani stava opprimendo l Etiopia con la sua campagna militare e la sua disposizione che lo faceva sembrare un dittatore 11. Spiega, nelle sue ricerche, pubblicate solo una decade dopo, l evidenza dell uso del gas mostarda sulla popolazione civile etiope, ignorando il Protocollo di Ginevra del Fu stabilita una filiale chimica dell amministrazione degli Italiani-Africani orientali e successivamente Badoglio e Graziani spruzzarono villaggi, pascoli, fiumi e laghi, con lo scopo di terrorizzare la popolazione civile 12. Anche se Mussolini aveva originariamente ordinato che il gas poteva essere usato solo per le emergenze, nel 1936 autorizzò ogni richiesta di Graziani per l uso dell iprite e delle bombe al fosgene. Sbacchi rimane uno dei pochi storici a sottolineare il fatto cruciale che gli italiani non erano i soli ad utilizzare i gas velenosi, come la Francia li aveva utilizzati per la conquista del Marocco, che, come spiega la Lega delle Nazioni è una politica per moderare piuttosto che opporre l occupazione italiana, facendola equamente responsabile per i crimini italiani in Africa 13. Rochat è d accordo a proposito del fatto che l uso dei gas fu molto diffuso e sul fatto che Mussolini diede a Graziani carta bianca sperando in un rapido e calmo consolidamento delle colonie italiane, fatto che credeva potesse essere manipolato in suo favore da editori e istituzioni 14. Rochart sottolinea il ruolo di Graziani nell espulsione di cirenaici nei campi di concentramento, e la colpevolezza del Generale di aver ordinato l uccisione di altri soldati italiani, disertori 15. Keller recentemente ha stimato che etiopi furono uccisi nella settimana che ha seguito l attentato a Graziani, ma le fonti italiane riferiscono solo di 200 morti 16. Goglia ha adottato un approccio metodologico differente, in modo da riempire l assenza delle fonti italiane su questo argomento, valutando le fotografie private delle colonie, dato che i contenuti pubblici erano stati manomessi. Lui è convinto che è necessario che gli storici prendano coscienza delle nuove possibilità di ricerca e si preparino ad appropriarsi della fotografia 17. La guerra in Libia fu la prima guerra accompagnata dai mass media dell epoca, e questo significa che 9 Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p A. Del Boca, Gli Italiani in Africa Orientale, Vol. III: La Caduta dell Impero (Roma, 1979), p Sbacchi, Ethiopia Under Mussolini, p Sbacchi, Legacy of Bitterness, (Eritrea, 1997), p Sbacchi, Legacy of Bitterness, p G. Rochart, Le Guerre Italiane: Dall Impero d Etiopia alla Disfatta (Torino, 2005), p. XV. 15 Rochart, Le Guerre Italiane, p Del Boca, Gli Italiani in Africa Orientale, Vol. III, p L. Goglia, Africa, Colonialismo, Fotografia: Il Caso Italiano (Messina, 1989), p

12 dall invasione dell Etiopia c era un ampia testimonianza fotografica della natura del ruolo italiano di colonizzatore attentamente portato come ricordo in Italia. Entrambe le foto collocate da Giglio mostrano soldati italiani in posa con donne italiane con souvenir esotici, torture di ribelli, o vittime civili durante l assedio di Addis Abeba. 12

13 Fonti di Luigi Goglia Un Graduato ed un sottufficiale con una prostituta Eritrea, Africa, Colonialismo e Fotografia, p Un partigiano Etiopico catturato in uno scontro a fuoco con le camicie nere, Africa, Colonialismo e Fotografia, p

14 2.2 ANGELO DEL BOCA E LE GUERRE COLONIALI ITALIANE Nessuna ricerca, comunque, è paragonabile alla dedizione con cui Angelo Del Boca ha compiuto una completa visione d insieme ne Gli Italiani in Africa orientale. Ha adottato la fotografia come approccio metodologico e ha completato una collezione di fotografie ufficiali delle spedizioni coloniali del regime dell Istituto LUCE, iniziate nel Questa indagine lo ha portato alla conclusione che sotto il Fascismo la fotografia divenne un mezzo cruciale per la propaganda per la celebrazione degli istituti e dei personaggi del fascismo 18. Malgrado le chiare intenzioni di queste immagini, Del Boca afferma che il loro valore come fonti storiche è andato perduto e non è stato ridotto 19. Come mostrano gli esempi sottostanti, i giovani etiopi sono immortalati mentre salutano i soldati italiani, i capi etiopi fanno i loro omaggi a Graziani e alcuni soldati sembrano felici di farsi ritrarre accanto ai civili locali. Goglia, comunque, ammette che la fotografia ufficiale presenta ovviamente i suoi limiti, quindi la ricerca di Del Boca non lo ha portato da nessuna parte 20. Lo studio rigoroso di Del Boca riguardo la corrispondenza di Graziani ha mostrato la sua sfacciata richiesta dell uso delle armi chimiche nel 1936, e lo studioso ha ritrovato un telegramma, spedito da Graziani a Lessona, in cui si legge la richiesta di avere la massima libertà d azione per l impiego dei gas asfissianti, e il permesso di bombardare l area di Gogoru senza preoccuparsi del fatto che gli ospedali fossero colpiti o meno 21. Il Maresciallo d Italia ha sempre ammesso ad un gruppo di giornalisti che naturalmente, la mia non è una difesa passiva, e fece, inoltre, una richiesta di uomini, pistole e 784 mitragliatrici 22. Lessona accettò per il timore che il suo passato libico lo facesse considerare un sanguinario, resse il governo dapprima con indulgenza eccessiva 23. Nelle memorie private di Graziani, dichiarò non ho mai incontrato sulla terra, e credo non esiste al mondo gente più odiata di costoro, basterebbe che l Italia lasciasse fare, e tutti sarebbero scannati dall odio delle genti locali 24. Graziani stava così non solo riaffermando la credenza della superiorità degli italiani sopra i popoli di Amahara, di cui l imperatore Helie Salassie era un membro etnico, ma stava anche legittimando la loro invasione per salvare questi popoli barbarici da loro stessi. 18 Del Boca & N. Lablanca, L Impero Africano del Fascismo nelle fotografie dell Istituto LUCE, (Roma, 2002), p Del Boca & Lablanca, L Impero Africano, p Goglia, Africa, Colonialismo e Fotografia, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. II: La Conquista dell Impero (Roma, 1979), p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. II, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p

15 Il massacro di Debra Libanos ha avuto luogo nella zona montuosa di Amahara, e perciò Graziani divenne paranoico dopo l attentato che lo stava per uccidere tanto da ordinare il massacro di 297 monaci e 23 laici che lui credeva coinvolti. In modo prevedibile, le versioni italiane del massacro contrastano di molto le relazioni etiopi dato che gli italiani sostengono che erano stati preparati 20 bombardieri per realizzare l attacco e che gli etiopi avevano nascosto 80 bombe sotto i loro vestiti 25. Le fonti etiopi suggeriscono che non c era una cospirazione e che l attacco coinvolse i due imputati originali i quali attaccarono senza complici, una versione che convince Del Boca 26. Inoltre lo studioso non è miope da credere che queste misure di repressione coloniale fossero il mero risultato della dittatura di Mussolini, come viene spesso affermato dagli storici della sinistra, mentre la prima fase del colonialismo italiano era capeggiato da governi Liberali 27. Ha anche incluso esempi degli ultimi 5 telegrammi spediti da Mussolini a Graziani i quali mostrano l approvazione alla sua richiesta di usare i gas, un forte bombardamento e autorizzando una politica del terrore e dello sterminio contro i ribelli e le popolazioni complici 28. Un esempio della corrispondenza è il documento riportato di seguito: S.E. Graziani, 27 Ottobre 1935 Sta bene per azione giorno 29 stop autorizzato impiego gas come ultima ratio per sopraffare resistenza nemico e in caso di contrattacco. Mussolini. 29 Rochart ha riferito che le debolezze della sua ricerca e di quella di Del Boca sottolineano che molte fonti Africane furono inaccessibili e che la mancanza di interesse di altri studiosi limitò lo scopo dell analisi 30. Quello che rimane chiaro nelle ricerche di Del Boca è che Badoglio e Graziani avrebbero comunque vinto la guerra anche senza ricorrere ai gas, che fa dell uso del veleno chimico sui civili innocenti un offensiva imperdonabile Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca, Gli Italiani in Africa, Vol. III, p Del Boca (ed.), Le Guerre Coloniali del Fascismo, (Bari, 1991), p I telegrammi operativi di Mussolini, in Del Boca (ed.), I Gas di Mussolini: Il Fascismo e la Guerra d Etiopia (Roma, 1996), p Del Boca, I telegrammi operativi di Mussolini, p Rochart in Del Boca, Le Guerre Coloniali, p Del Boca, Le Guerre Coloniali, p

16 Fonti di Angelo Del Boca Addis Abeba, Bambini, Maggio 1940, L Impero Africano del Fascismo, p Quoram, Il Clero Copto rende omaggio al Maresciallo Graziani, 1936, L Impero Africano, p

17 Dintorni di Addis Abeba, un soldato italiano posa vicino ad un cadavere, 1936, L Impero Africano, p

18 2.3 VALUTAZIONE DEL CARATTERE DI GRAZIANI Anche se Graziani scrisse numerosi libri riguardo le sue campagne coloniali, le biografie sopra di lui non sono state ritenute essenziali. Il giornalista fascista Sandro Volta ha dedicato una tesi sull esperienza di Graziani in Etiopia nel 1936 ma, sorprendentemente, al momento, i proprietari del copyright ne impediscono l accesso per una consultazione. La maggior parte di queste biografie sono fuori dall ipotesi psico-analitica di Mayda che mirava a rendergli giustizia al di là degli stereotipi e delle leggende 32. Come uno studioso di sinistra, Mayda utilizza gli archivi del Corriere della Sera e dell Unità, ma intervista anche conoscenti diretti, in modo da presentare un argomentazione ed un lavoro bilanciato. Nei suoi studi giudica Graziani come un uomo sicuro di sé nel suo ruolo di Generale, dovuto ad un ampia esperienza e ad una costante sfida dei suoi superiori, era evidentemente coraggioso in battaglia, ma non ha mai esitato ad attribuire la responsabilità per i suoi errori ai suoi inferiori 33. De Felice tenta di collegare la sua infallibile disciplina ai suoi crimini di guerra, dichiarando che era un ufficiale, sia pure di alto grado, che obbediva a degli ordini 34. Tuttavia, questo gioco di responsabilità è venuto fuori ed è diventato, così, una ricerca inutile, dato che, evidentemente la disciplina militare non può coprire tutti i crimini 35. Chiaramente intelligente, determinato e convinto del suo ruolo di ministro coloniale, Graziani fu all oscuro della credenza che l Africa lo conosceva, e questa cieca credenza nel diritto naturale degli europei di rivendicare l Africa, ha portato ad una sorta di miopia mentre le sue battaglie per le conquiste duravano di più di quanto ci si aspettasse 36. Mayda non ha mai dubitato della tranquillità con cui Graziani ha compiuto le aggressioni militari, ma le attribuisce anche alla sua educazione. C è stata una storia di violenza nella sua famiglia e suo padre era un uomo severissimo 37. Ci sono comunque, aspetti positivi del suo carattere che sono stati descritti da differenti intervistatori, i quali lo dipingono come generoso, comunicativo, passionale, comprensivo, sempre puntuale e gran lavoratore 38. Mayda ha notato un cambiamento del suo carattere dopo l attentato che lo stava per uccidere, portandolo alla paranoia e all aggressività 39. Le fonti Britanniche riguardo Graziani sono 32 G. Mayda, Graziani, L Africano: da Neghelli a Salò, (Firenze, 1992), Ringraziamenti. 33 Mayda, Graziani, p Del Boca, L Africa nella Coscienza degli Italiani: Miti, Memorie, Errori, Sconfitti, (Milano, 2002), p C. Augias, Intervista originata dal ritrovamento di un diario inedito di Graziani, (24 gennaio 1988). 36 Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p Mayda, Graziani, p

19 sempre state molto negative, ritraendolo come vile, ignorante ed incompetente sul campo di battaglia. 19

20 2.4 LA MEMORIA POST-COLONIALE IN ITALIA Non è una sorpresa che questo tema ha avuto recentemente un importanza tale da essere paragonato al periodo del regime che si era instaurato soltanto mezzo secolo fa. Coincide anche con l ascesa nella storia sociale e la conseguente estasi scaturita nelle classi più umili piuttosto che in coloro che hanno il potere. Lo studioso inglese Walston chiama questo singolare fenomeno italiano repressione della memoria storica, mentre i negativi effetti del fascismo sono scoppiati anche fuori dall Italia in contrasto con l apologia politica del governo giapponese per il suo comportamento durante tutta la Seconda Guerra Mondiale, per esempio 40. La sua ricerca ha rivelato la natura dei campi di concentramento fatti costruire da Graziani in Libia nel 1930, dove molte persone morirono per fame e malattie, in pessime condizioni. L apparente motivo di questo scopo repressivo era di neutralizzare e rimuovere tutti gli importanti appoggi che avevano tra la popolazione, e hanno dimostrato successivamente che Graziani li aveva utilizzati in larga scala in Etiopia 41. Walston ha anche richiesto le memorie Libiche e ha scoperto che le esecuzioni avevano luogo sempre a mezzogiorno e gli italiani portavano tutti quanti ad assistere alla morte dei nostri fratelli 42. Inoltre Walston ha espresso il suo sdegno verso gli storici italiani, i quali ancora negano l uso dei gas velenosi nelle guerre in Africa 43. Comunque, Pankhurst afferma che recentemente il Ministero Italiano della Difesa ha ammesso l uso di armi chimiche illegali ma i dettagli rimangono comunque vaghi 44. Finalmente gli studiosi italiani hanno iniziato a commentare riguardo le questioni legate alla memoria, così come ha fatto Morone, il quale afferma che la lunga fine del colonialismo italiano produsse i suoi effetti rallentando la decolonizzazione della storia 45. Sostiene che dopo la caduta del Fascismo, la nuova Repubblica non ha avuto il desiderio di correggere le false credenze che erano emerse, e ha invece deliberatamente mantenuto il mito degli italiani brava gente i quali trattavano i loro coloni con maggiore rispetto in contrasto a come venivano trattati dalle altre potenze europee 46. Del Boca descrive le difficoltà a cui si è trovato di fronte contro i portavoce delle forze armate mentre stava cercando i documenti per le sue ricerche relative ai crimini di guerra di 40 J. Walston, History & Memory of the Italian Concenyration Camps, The Historical Journal, 40/1, (1997), p Walston, History & Memory, p Walston, History & Memory, p Walston, History & Memory, p R. Pankhurst, Italian Fascist War Crimes in Ethiopia, North-East African Studies, 1/2, (1999), p A, Morone, L Eredità del Colonialismo per la Nuova Italia in Gironda, Nani, Petrungaro, Imperi Coloniali, p Morone, L Eredità del Colonialismo, p

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene

Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene Donne e omicidio: una ricerca in Grecia. Dtinos Vassilis Associazione Euronem Atene L indagine Donne e l omicidio, condotta dal Centro di Ricerca per Pari Opportunità (KETHI), ha cercato di investigare

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 A DESTRA, PALAZZO VENEZIA; IN FONDO, PALAZZETTO VENEZIA CHE SARA INTERAMENTE SMONTATO E RIMONTATO ALCUNE DECINE DI METRI PIU INDIETRO PER DARE SPAZIO

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

219 a Seduta Pubblica

219 a Seduta Pubblica SENATO DELLA REPUBBLICA X I I I L E G I S L A T U R A Venerdì 11 Luglio 1997 alle ore 10 219 a Seduta Pubblica ORDINE DEL GIORNO Interpellanze e interrogazioni (testi allegati). TIPOGRAFIA DEL SENATO (1700)

Dettagli

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA PIETRO AMENDOLA Pietro Amendola nasce a Roma il 26/10/1918, ultimo figlio di Giovanni Amendola, martire della Libertà, e di Eva Kuhn. Dopo la morte del padre avvenuta a causa dei postumi di un ennesimo

Dettagli

IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO

IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO IL CAMPO DI CONCENTRAMENTO Era il Konzentrationslager (campo di concentramento in tedesco). Il campo di concentramento di Auschwitz fu uno dei tre campi principali che formavano il complesso concentrazionario

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

Ricostruiamo la Escola Nova

Ricostruiamo la Escola Nova 1914-2014 Ricostruiamo la Escola Nova Progetto condiviso italo-catalano per un educazione alla pace Organizzatori: Con il supporto di: altramemoria.org Ricostruiamo la Escola Nova (1914-2014) Progetto

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Preliminari di guerra

Preliminari di guerra Preliminari di guerra Le vittorie diplomatiche di Hitler Marzo 1938. L Austria viene annessa al Reich (ANSCHLUSS) Questione dei Sudeti. Accordi di Monaco (29-30 settembre 1938) Entro il marzo 1939 tutta

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO CARNIA 1944. UN ESTATE DI LIBERTÀ INCONTRO SULL ESPERIENZA DELLA REPUBBLICA LIBERA DELLA CARNIA ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA martedì 29 maggio 2012, ore 11 Aula Magna di Piazzale Kolbe

Dettagli

Sul Diritto Internazionale Umanitario

Sul Diritto Internazionale Umanitario Sul Diritto Internazionale Umanitario Istruttore di Diritto Internazionale Umanitario: Emanuele Biolcati Gruppo Pionieri di Torino 1 Emanuele Biolcati Diritto Internazionale Umanitario Sommario 1 4 CG

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

IDEOLOGY THE WAR OF IDEAS

IDEOLOGY THE WAR OF IDEAS IDEOLOGY THE WAR OF IDEAS INTRODUZIONE In Ideology: The War of Ideas, ogni giocatore interpreta una delle più potenti ideologie del 20 secolo: Capitalismo, Comunismo, Fascismo, Imperialismo e Fondamentalismo

Dettagli

VIA GIOVANNI AMENDOLA

VIA GIOVANNI AMENDOLA VIA GIOVANNI AMENDOLA Via Giovanni Amendola unisce Via Indipendenza a Via F.lli Cervi. Si tratta di una via situata nel centro del paese.costeggia Piazza dei Quartieri e dopo una curva a destra si immette

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

Sfidare o non sfidare: uno studio sperimentale sulle dinamiche della disobbedienza e della denuncia

Sfidare o non sfidare: uno studio sperimentale sulle dinamiche della disobbedienza e della denuncia Sfidare o non sfidare: uno studio sperimentale sulle dinamiche della disobbedienza e della denuncia di Piero Bocchiaro, Philip G. Zimbardo & Paul A. M. Van Lange, 2012 La ricerca scientifica in ambito

Dettagli

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare?

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? di Alessandra Repetto Se la Camera di Commercio di Genova continua a svolgere il ruolo di osservatore sui mercati esteri è anche e soprattutto per

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

I Social Media e I Nostri Principi Guida

I Social Media e I Nostri Principi Guida I Social Media e I Nostri Principi Guida Materiale di servizio lettura non indicata per le riunioni di recupero I Social Media e I Nostri Principi Guida Negli ultimi anni la diffusione di social media

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi Sono nigeriana, sono stata migrante, clandestina, vittima della tratta e vedo la violenza in modo diverso dalle donne italiane, europee, occidentali.

Dettagli

Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni)

Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni) Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni) Ti invio queste mie ultime rose rosse che si muteranno in tante gocce di

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline.

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline. 032 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA 23 giugno 2015 a cura di Renato Brunetta JÜRGEN

Dettagli

storia contemporanea Collana diretta da Valentina sommella A11 635

storia contemporanea Collana diretta da Valentina sommella A11 635 storia contemporanea 2 Collana diretta da Valentina sommella A11 635 Emanuele Bettini Gli UsA, internet e la guerra memorie per la strategia di un conflitto copyright mmxi ArAcne editrice s.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia William Shakespeare Una guerra al male è una guerra senza fine Paul Kennedy Sequenza A La crisi della presidenza Obama Parte

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO *** Su concessione dell Archivio storico del Comune di Cortina d Ampezzo 1915 2015 CENTENARIO GRANDE

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

Il Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore DIU Martina Negri

Il Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore DIU Martina Negri Il Diritto Internazionale Umanitario Istruttore DIU Martina Negri Blulandia e Rossolandia sono due stati in guerra. Le truppe di Rossolandia hanno occupato parte del territorio di Blulandia. Quali delle

Dettagli

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Siamo nel 1938 e la mia famiglia, composta da 5 persone (i miei genitori e noi tre figli), viveva come

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

Medio Oriente e mondo islamico

Medio Oriente e mondo islamico Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico L UNITà IN BREVE Unità 13 Medio Oriente e mondo islamico 1. Guerre mondiali, sionismo e risveglio musulmano Nel 1914, l impero ottomano aveva perso tutti i suoi

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare)

Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare) Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare) Multimedialità, relazione, cura, notizie in anteprima: gli ingredienti giusti per non finire nel rumore indistinto

Dettagli

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India Gr uppo ASS EFA Torino & ASS EFA INDIA Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali fra ASSEFA Torino & ASSEFA India a cura di Maria Ferrando insegnante di scuola primaria

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Un meraviglioso esempio di Teatro Civile. Più potente di un film. Indimenticabile. Capace di lasciarti inchiodato alla poltrona

Un meraviglioso esempio di Teatro Civile. Più potente di un film. Indimenticabile. Capace di lasciarti inchiodato alla poltrona Un meraviglioso esempio di Teatro Civile La Repubblica VIDEO TRAILER SU Più potente di un film Il Corriere Indimenticabile Il Resto del Carlino GUARDALO ONLINE Capace di lasciarti inchiodato alla poltrona

Dettagli

IL NAZISMO LE PREMESSE:

IL NAZISMO LE PREMESSE: IL NAZISMO LE PREMESSE: Dopo la Guerra la Germania si trovò in una condizione peggiore dell'italia. Le condizioni di Pace avevano cercato di umiliare la Nazione che era ritenuta responsabile della guerra,

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Insegnare la storia contemporanea in Europa

Insegnare la storia contemporanea in Europa R D 30 FONDAZONE PER LA SCUOLA nsegnare la storia contemporanea in Europa Tema di una ricerca promossa dalla Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo, l insegnamento della storia contemporanea

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Traduzione 1 Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Adottati a Kampala il 11 giugno 2010 2 Approvati dall'assemblea federale il... 3 Strumenti

Dettagli

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI PROF. GIUSEPPE CATALDI Indice 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli